Lo spostamento strategico di Obama: de-globalizzazione e contenimento militare della Cina

Alfredo Jalife-Rahme Réseau Voltaire Città del Messico (Messico) 14 Gennaio 2012 – La Jornada

Il politologo politico messicano Alfredo Jalife-Rahme analizza le opzioni strategiche e di bilancio recenti del Pentagono e della Casa Bianca. Mentre una frangia estremista continua a sostenere che gli Stati Uniti l’impossibile mantenimento del loro dominio su tutta la superficie del globo, il presidente Obama e il Segretario alla Difesa Leon Panetta, in linea con la politica avviata da Robert Gates, prendono atto del declino strutturale della potenza statunitense. Approfondiscono la rottura con l’era Bush-Cheney, reindirizzando le proprie risorse su obiettivi più realistici e ri-allocando gradualmente il loro mezzi verso l’Asia e la Cina.

Il 5 gennaio il presidente Obama presentava all’improvviso il nuovo spostamento della strategia del Pentagono, un progetto che è delineato in un documento di otto pagine dal titolo: “Sostenere la preminenza globale degli Stati Uniti nella difesa del XXI secolo“.
Obama ha sostenuto che si potrebbe considerare finito il tempo delle guerre lunghe dell’ultimo decennio, chiaro riferimento al fallimento del bushismo belligerante che ha firmato, a mio parere, il suicidio degli Stati Uniti come potenza unipolare. In linea di massima, dicono che la sconfitta militare strategica in Iraq degli Stati Uniti (dove l’Iran è emerso vittorioso senza dover sparare un solo colpo) e l’impantanamento in Afghanistan sono i fattori che hanno costretto Obama a concentrarsi sulla regione Asia-Pacifico, con tre obiettivi: contenere la Cina, spezzare l’alleanza dei paesi BRIC (Cina, India, Russia, Brasile, Sud Africa), e infine sedurre l’India.
Il costo dell’avventurismo militare del bushismo, per dieci anni, in Medio Oriente, che Joseph Stiglitz (premio Nobel ed ex funzionario di Clinton) stima essere più di 3000 miliardi di dollari [1], ha seriamente svuotato le casse degli Stati Uniti, approfondendo tanto l’insolvenza del debito quanto un deficit colossale.
Le limitazioni sul budget militare annunciate da Leon Panetta, Segretario della Difesa, e dal generale Martin Dempsey, capo di stato maggiore delle forze armate, che sono pari a 500 miliardi di dollari in 10 anni (senza contare l’importo equivalente che il Congresso dovrà sostenere all’inizio del 2013), si applicano sia alle forze di terra che alla marina; si tratta di concentrarsi sullo schieramento di droni, con un accento sulla superiorità tecnologica degli Stati Uniti, grazie alla sicurezza informatica di cui godono (dato che gli Stati Uniti ha un proprio centro di comando, oltre a quelli che hanno in tutto il mondo, e mille basi militari in tutto il mondo).
A mio parere, lo spostamento strategico di Obama prevede di lasciare l’Europa al suo destino, di ritirarsi dal Levante, e una presenza ultra-concentrata nel Golfo Persico per dispiegarvi le sue portaerei (che godono della supremazia mondiale) e il rischieramento (con il ritiro delle truppe da Iraq e Afghanistan) nell’area Asia-Pacifico, per circondare e contenere la Cina. Si tratta di una sottile fuga nella de-globalizzazione, una tappa evidente del declino degli Stati Uniti.
Donna Miles, del servizio stampa dell’esercito, riassume dal documento in questione: “La crescente importanza dell’Asia e del Pacifico, dal punto di vista strategico”, “Gli interessi economici e di sicurezza degli Stati Uniti sono legati allo sviluppo di una regione che comprende 39 paesi”, “tra i quali la Cina e l’India emergono come giganti”, “Si tratta quindi di investire nella prospettiva di una lunga partnership strategica con l’India, per di stabilire un ancoraggio economico regionale che rafforzi la sicurezza nella regione confinante con l’Oceano Indiano. Nel quadro dell’ascesa della Cina come potenza regionale, e la preoccupazione circa le sue intenzioni strategiche”, “I 330.000 membri del Comando del Pacifico (United States Pacific Command) per garantire il libero flusso del commercio”, “Si deve anche garantire la pace nella penisola coreana, sotto il nuovo mandato della Corea del Nord“.
David Ignatius, sul Washington Post (7/1/12), ha detto che Obama ha voltato la pagina dell’11 settembre e che prende molto sul serio i tagli sul budget del Pentagono, sia a livello di politica estera che interna. “Potrebbe essere il passaggio più decisivo dal 1945“, poiché “anche le forze di terra si vedono tagliare pesantemente il rubinetto“.
Gli Stati Uniti allora saranno in grado di invadere due paesi alla volta, e dovranno semplicemente contentarsi di distruggerli in modo automatico dal cielo? Attraverso il controllo mondiale di Internet, gli Stati Uniti scateneranno la guerra informatica e prenderanno il controllo dei loro avversari, che ingenuamente hanno acquistato i dispositivi offertigli dalle transnazionali degli Stati Uniti, per spiarli meglio?
Secondo David Ignatius, si tratta “della fine dell’era dell’11 settembre,” l’annuncio della morte di Usama bin Ladin  ora permette agli Stati Uniti di impegnarsi con i Fratelli musulmani e i salafiti (dei fondamentalisti islamici), permettendo alle truppe di rientrare negli Stati Uniti e di evacuare l’Europa, probabilmente in un numero maggiore del previsto. L’Europa può quindi sentirsi abbandonata a se stessa e prendere in considerazione un riavvicinamento tra la Germania e la Russia, cosa altamente probabile.
David Ignatius ha detto che la Cina è naturalmente tesa, dopo la “svolta di Obama“, e sostiene che “i cinesi non sono stupidi e molti si aspettano che gli Stati Uniti gli saltino alla gola.”
Prevede che ci si avvicina a un periodo di rivalità e tensioni nel Pacifico, con tre punti fissi:
L’espansione recente degli Stati Uniti in Birmania, dove gli statunitensi hanno ipocritamente ignorato i diritti dell’uomo.
Il delicato passaggio dinastico nella Corea del nord, dove già si  decide sulla cooperazione o lo scontro tra Stati Uniti e Cina.
L’Associazione Trans-Pacifica (TPP), per strappare la supremazia commerciale alla Cina, integrando il Messico neoliberista del partito PAN attualmente al potere, in un modo altamente sterile per il Messico. Si tratterebbe dunque di opporre al BRICS la TPP.
La partnership strategica a lungo termine proposta dagli Stati Uniti all’India è stata evidenziata dal The Times of India (05/01/12), che riassume: “Gli Stati Uniti indicano la Cina come una minaccia contro la loro superiorità e cercano una partnership con l’India.”
Obama, Panetta e il generale Dempsey insistono: “Gli Stati Uniti manterranno la superiorità militare globale” (Robert Burns, AP, 05/01/12).
Ma la critica feroce del Partito Repubblicano non si è fatta aspettare: il rappresentante Howard Buck McKeon, presidente della Commissione sulle forze armate della Camera dei Rappresentanti, in un comunicato ufficiale, ha concluso che “si tratta di una ritirata mascherata da una nuova strategia, un grave declassamento militare degli Stati Uniti a potenza di secondo piano.”
McKeon ha probabilmente ragione, a giudicare dal tempo impiegato da Panetta e dal generale Dempsey per cercare di convincere la scettica opinione pubblica televisiva che “gli Stati Uniti hanno ancora l’esercito più potente del mondo, nonostante le restrizioni” (China Daily, 09/01/12).
Il generale Dempsey ha ammesso il suo disagio all’idea che alcuni paesi possano interpretare male il dibattito tra gli statunitensi sulla svolta e il ridimensionamento delle spese militari. “Qualcuno potrebbe vederci come un paese decadente, o anche come militarmente in rovina, e nulla è più lontano dalla verità.”
Mentre il segretario del Pentagono, Panetta, ha sottolineato che una cattiva stima della potenza del suo paese può essere dannosa nei rapporti con nazioni come l’Iran e la Corea del Nord, “Gli Stati Uniti sono la più grande potenza militare e ci sforziamo di rimanerlo, e in effetti il nostro bilancio della difesa è di gran lunga il più alto del mondo“, l’equivalente della somma dei 10 più grandi budget della difesa di tutto il mondo.

Nota
[1] Three Trillion Dollar War, Joseph Stiglitz e Linda Bilmes

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

About these ads

2 Responses to Lo spostamento strategico di Obama: de-globalizzazione e contenimento militare della Cina

  1. icittadiniprimaditutto scrive:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. Pingback: Lo spostamento strategico di Obama: de-globalizzazione e contenimento militare della Cina | Informare per Resistere

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 329 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: