Riavviato il Movimento dei Non Allineati

Dmitrij Sedov Strategic Culture Foundation 06.09.2012

E’ un dato di fatto, che fin dall’inizio la conferenza del Movimento dei Non Allineati (NAM), convocata alla fine di agosto a Teheran, attirasse i titoli dei giornali internazionali. In un’epoca indimenticabile, l’organizzazione, fondata nel 1961 come alleanza di 120 paesi dal trio carismatico Josip Broz Tito, Jamal Abdel Nasser e Jawaharlal Nehru, era emersa quale forza influente, in grado di essere autonoma dalla NATO e dal blocco orientale. Anche se l’adesione al NAM non implica obblighi formali, i componenti hanno raggiunto un impressionante livello di coordinamento, resistendo al neocolonialismo e tutelando il loro diritto a un modello di sviluppo originale; e al NAM si deve il merito di aver svolto un ruolo apprezzabile facendo moderare agli Stati Uniti le loro avventure militari nel Sud-Est Asiatico, nonché fornendo un supporto fondamentale ai movimenti di liberazione in Africa e America Latina.
Restando separati dall’arena del mondo bipolare, i pilastri del NAM in varia misura hanno aderito all’idea di costruire la società sulle fondamenta della giustizia e del progresso sociale, condannando il dettato occidentale e, se necessario, affrontando anche il blocco orientale. I meccanismi interni del NAM cambiarono in seguito al crollo di quest’ultimo e con l’avvento della globalizzazione, che ha sostituito l’ordine del giorno neocoloniale con nuovi imperativi. In questi giorni, il NAM sembrava diviso, con molti dei suoi membri: India, Indonesia, Egitto, Arabia Saudita, Afghanistan, Iraq, ecc ora saldamente nell’orbita degli Stati Uniti, e altri: Jugoslavia e Libia, minate e infine distrutte dai leader del mondo globalizzato. Altri ancora, Romania e Finlandia, ad esempio, decisero la loro uscita dal NAM, le loro priorità le allontanarono dal programma dell’alleanza. Da una prospettiva più ampia, il rifiuto del modello di sviluppo socialista ha innescato la crisi di identità del NAM, spingendo la maggior parte dei suoi membri alla ricerca di strategie alternative e a passare a forme diluite di partecipazione all’alleanza. Il NAM continua a operare, tuttavia, ed indice dei congressi ogni tre anni, ma ha solo l’ombra dell’influenza internazionale di una volta. La diplomazia statunitense ha frettolosamente dichiarato estinto il NAM in quanto tale, e l’idea che nel mondo di oggi non ci sia posto per esso viene sostenuta da molti osservatori del mondo, ma ciò potrebbe rivelarsi un’esagerazione. La conferenza del NAM a Teheran, ha visto gli alti rappresentanti di 116 paesi, tra i quali 36 presidenti, vicepresidenti e primi ministri, e più di 80 ministri degli esteri ed inviati speciali; indicativo dell’importanza attuale dell’alleanza. Dimostrandosi in grado di ospitare un evento di tali proporzioni, Teheran ha in gran parte dissipato il mito statunitense che l’Iran sia percepito, mondialmente, come un paese canaglia. In realtà, per il momento Washington deve rendersi conto che i suoi sforzi per avere il sostegno per un giro di vite contro l’Iran, non ha prodotto alcun risultato, se si considera che solo una manciata di paesi, oltre la NATO, sosterrebbe la condanna del controverso programma nucleare iraniano. Al contrario, l’ampio congresso del NAM ha rimproverato gli Stati Uniti per la loro politica intransigente e ribadito il diritto dell’Iran a un programma nucleare pacifico, compreso anche al ciclo di arricchimento completo. E’ giusto dire che il NAM prende una posizione decisa sulla questione chiave, che da sola ha fatto della conferenza un evento internazionale culminante. L’Iran, si deve ricordare, è firmatario del Trattato di non proliferazione e ribadisce l’impegno ad esso in ogni circostanza opportuna, mentre Israele, che minaccia di bombardare gli impianti nucleari iraniani, non ha firmato il Trattato, ed è noto che possiede un arsenale nucleare. Tel Aviv ha recentemente espresso nuove minacce contro l’Iran, e la cancelliera tedesca Angela Merkel ha esortato gli israeliani a dar prova di moderazione, ma lo spettacolo non deve far dimenticare che il mondo in via di sviluppo non gradisce la politica estera degli Stati Uniti, o il loro desiderio di far valere la propria visione riguardo il programma nucleare iraniano e altro. Emerge sempre più che, con il dipanarsi del conflitto sul programma nucleare iraniano, ancora una volta viene dimostrato che gli Stati Uniti dovrebbero adottare un approccio più sobrio negli affari internazionali, e almeno prendere coscienza delle allergie pervasive alla loro tendenza all’unilateralismo e ai ricatti.
Un serio dibattito sulla Siria è esploso alla conferenza del NAM. Diviso sulla questione, il forum, nonostante gli sforzi di Teheran, ha deciso di non discutere dell’attuale crisi siriana nel suo documento finale. Il discorso pronunciato dal presidente egiziano Mohammad Morsi, non ha lasciato alcun dubbio sul fatto che certi leader hanno adottato il quadro dipinto dalla propaganda occidentale, e non riescono ad afferrare l’essenza di ciò che sta accadendo in Siria. In un discorso emotivo, Morsi ha biasimato B. Assad, affermando che il sostegno all’opposizione siriana era un “dovere morale” per il NAM, sottolineando la continuità tra i cambi di regime in Tunisia, Libia e Yemen e l’incombente transizione siriana. Di conseguenza, la dinamica del forum ha preso una piega sfavorevole alla Siria. La dichiarazione di Morsi ha suscitato la critica indiretta dell’Ayatollah Khamenei, e il consigliere per il Medio Oriente del parlamento iraniano, Hossein Sheikholeslam, ha detto all’agenzia stampa Mehr che Morsi “ha commesso un grosso errore avvalendosi della sua posizione (come presidente del NAM) per esprimere i punti di vista dell’Egitto, ignorando tutti i principi del NAM“. Infatti, il governo di Assad è del tutto legittimo e riconosciuto in tutto il mondo, mettendo Morsi in contrasto con il protocollo, ma dovrebbe essere ulteriormente preso in considerazione che il leader egiziano proviene dai Fratelli musulmani, un gruppo con un concetto curioso di ciò che significa libertà nella regione. I guerriglieri dei Fratelli musulmani combattono notamente dalla parte dell’opposizione in Siria.
La partecipazione alla conferenza del Segretario Generale dell’ONU Ban Ki-moon, è servita a sottolineare l’importanza dell’evento. Il Dipartimento di Stato ha espresso riserve sul piano di Ban Ki-moon di visitare l’Iran, ma il tour in realtà ha aperto nuove opportunità per significative e, in parte, impreviste discussioni. Mentre a Teheran, il Segretario Generale ha espresso preoccupazione per le presunte ambizioni nucleari dell’Iran e sui diritti dell’uomo. Parlando alla Scuola di Relazioni Internazionali iraniana, ha detto di aver chiesto il rilascio dei detenuti politici in Iran, nel corso di un incontro con l’ayatollah Khamenei, e ha anche detto che secondo il leader iraniano, riguardo la ricerca di armi nucleari è profondamente contrario e che non ha mai avuto niente del genere in mente, il che significa che le sanzioni contro l’Iran sono assolutamente infondate. L’osservazione dell’Ayatollah Khamenei sottolineava che tale trattamento spietato può solo rafforzare gli iraniani nella fede nella loro causa. Ha anche criticato la struttura del Consiglio di sicurezza dell’ONU come antidemocratica, irrazionale, equivalente a una dittatura mascherata che permette di attuare delle politiche da “prepotenze”. Vedere la situazione attraverso il prisma iraniano, ha certamente fornito a Ban Ki-moon un nuovo punto di vista realistico della situazione. Per Teheran, ospitare il Segretario Generale rafforza la richiesta iraniana per la leadership del NAM, una posizione che merita sicuramente il paese che guida l’opposizione al globalismo aggressivo.
Teheran ha chiaramente raggiunto i suoi obiettivi, ospitando la conferenza del NAM ha dimostrato che l’alleanza informale è in procinto di superare la sua crisi di identità. Il senso di coesione nel NAM è in crescita, in gran parte sulla base dell’anti-americanismo e l’Iran, quale paese costantemente tenuto sotto tiro da Washington, naturalmente deve esserne al timone. Nel complesso, l’attuale antiamericanismo del NAM, letto come più ampia tendenza anti-occidentale che si sta facendo strada mentre infuria la crisi economica mondiale, e mentre si moltiplicano i tentativi, in stile USA, di imporre la “democrazia” a nazioni sovrane. Il forum ha difeso il diritto dell’Iran al suo programma nucleare, riflettendo la posizione con la massima chiarezza. Non è un caso che con la conferenza del NAM riunitasi a Teheran, i paesi membri riconoscono la potenziale leadership iraniana, e con la sua presidenza dell’alleanza nei prossimi tre anni, Teheran farà del suo meglio anche per superare le aspettative.
L’ambasciatore itinerante della Russia, Konstantin Shuvalov, ha rappresentato Mosca alla conferenza del NAM. Il livello di rappresentazione sembrava un po’ basso per poter consentire una piena interazione con i leader nazionali in quel quadro, e vi è la probabilità che, a seguito della conferenza, la Russia invierà un alto diplomatico al prossimo forum.

È gradita la ripubblicazione con riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

About these ads

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 381 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: