“Abbiamo perso in Siria!”

L’autoattentato turco è il grido disperato dei Davitoglu-Erdogan-Gulen: “Abbiamo perso in Siria; abbiamo perso la faccia; abbiamo perso davanti ai militari” (il 10% dei comandanti militari turchi si trova oggi in galera, ma nessuno lo sa in Italia).
L’operazione è di sicuro una messa in scena ordita dai tagliagole salafiti e dagli ambiti spionistici turchi inquinati dal movimento settario gulenista Erdogan e affiliati spingono per inasprire la situazione, perchè altrimenti devono rendere conto dei loro misfatti internazionali e interni, che sono alquanto gravi. Difficile che i vertici militari turchi accettino avventure.
I Siriani hanno schiacciato i mercenari terroristi salafito-atlantisti impiegando le forze di sicurezza interna e una frazione delle forze armate (la potente offensiva dell’ESL si è rivelato essere solo una serie di autobombe: lo stadio bellico di chi ha esaurito mezzi e uomini), ed è improbabile che i comandi turchi, che finora hanno sopportato le follie settarie dei Davitoglu-Erdogan, vadano a sprofondare in una guerra senza prospettive (invadere la Siria per esportarvi la democrazia di Erdogan e di al-Thani?).
Checchè ne sognino tanti compiaciuti profeti di catastrofi o cosiddetti ‘esperti’ acquistati nei bazaar da emiri o da banche islamiche, non ci sarà nessun intervento armato. Intanto, perchè c’è già stato, ed è fallito miseramente. Salafiti, neo-ottomanisti e atlantisi sanno di aver perso, la NATO è uscita esaurita dalla guerra alla Libia, così come le forze armate statunitensi, che non solo stanno riducendo il numero di brigate dell’US Army da 56 a 43, ma hanno adottato ufficilamente la dottrina del ‘Mai più Iraq o Afghanistan‘.
La vecchia segretaria di Stato Hillary Clinton è nella stessa barca, strepita a più non posso perchè è politicamente finita, e la sua ambizione insoddisfatta la spingerà a cercherà di sfruttare questo mese pre-elettorale negli USA.
Certo ci sarà qualche scimmiotto esaltato, un qualche sprovveduto come Hollande o Terzi, che crede di vedere in Siria il fantasma libico, ma i vertici militari occidentali e turchi sanno che la Siria è realmente forte, e un’aggressione contro Damasco potrà avere soltanto conseguenze imprevedibili, a livello politico-militare, regionale e oltre.
Alessandro Lattanzio
About these ads

2 Responses to “Abbiamo perso in Siria!”

  1. Pingback: “Abbiamo perso in Siria!” » Il blog dell'Iguano | Il blog dell'Iguano

  2. niente “corridoi umanitari” o “zone cuscinetto” ?

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 363 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: