Il balzo dell’ADM: Il governo siriano non userà le armi chimiche contro i suoi stessi cittadini

Mahdi Darius Nazemroaya, Global Research, 5 dicembre 2012

318767La Siria non userà armi chimiche o biologiche contro il proprio popolo. L’amministrazione Obama e compagnia stanno solo riciclando gli stessi pretesti utilizzati mesi prima contro Damasco. Queste dichiarazioni sono false e vacue. Possono facilmente essere smontate quale retorica. Tutto quello che dobbiamo fare è guardare ai fatti recenti. Nel 2011 non furono formulate accuse simili contro un altro paese arabo? Non sostenevano che Muammar Gheddafi avesse usato armi chimiche contro la sua stessa popolazione? Non affermavano prima anche che Gheddafi e l’esercito libico arruolavano mercenari africani neri per uccidere i cittadini libici? O che i jet libici uccidevano manifestanti libici? Cosa è successo del genocidio a Bengasi? Ora non c’è altro che silenzio e ricordi perduti. Furono fatte dichiarazioni, moralità e responsabilità furono invocate, e poi un paese arabo in ascesa è stato bombardato. Un motore del progresso economico dell’Africa è stato spento e in una notte un’intera società è stata saccheggiata.
C’è stato anche il caso da manuale dell’Iraq, prima ancora delle bugie sulla Jamahiriya libica. Non furono l’amministrazione Bush, Tony Blair e la loro cerchia di criminali di guerra al comando, a mentire a tutta la comunità internazionale dicendo che l’Iraq aveva un programma di armi nucleari e armi di distruzione di massa nel 2003? Che cosa è successo di quelle ADM? Non si tratta di qualcosa che possa essere facilmente derisa. Più di un milione di iracheni è morto a causa delle menzogne spacciate dalla coppia anglo-statunitense. Per non parlare del danno ecologico e del genocidio intellettuale perpetrato contro l’intellighenzia e le classi professionali dell’Iraq.
Cerchiamo di essere chiari, la Siria ha minacciato di usare armi chimiche contro qualsiasi forza d’invasione il 23 luglio 2012. In primo luogo, la dichiarazione è stata fatta in un contesto difensivo. In secondo luogo, era diretta contro minacce militari. È molto diverso dal pensare di usare armi chimiche contro i propri cittadini, in particolare i civili.

Obama e la NATO condividono la stessa sceneggiatura
Non è un caso che sia l’amministrazione Obama che la NATO cantino la stessa melodia minacciosa contro la Repubblica araba siriana. Sia il governo degli Stati Uniti che la NATO minacciano sugli stessi punti. Naturalmente c’è una ragione per ciò, e non è a causa di una qualche preoccupazione umanitaria per il popolo siriano. Le minacce arrivano in un momento in cui la NATO schiera missili Patriot al confine della Turchia con la Siria, con il pretesto orwelliano di proteggere i cieli della Turchia da un attacco siriano.
L’ultima cosa che il governo in Siria farà è attaccare la Turchia. Anche se Israele è l’eccezione, Damasco è troppo impegnata a cercare di ripulire casa per rappresentare una minaccia contro qualcuno dei suoi vicini. Inoltre, non è la Turchia che apertamente ospita le milizie antigovernative e le arma nel suo territorio? Allora, chi veramente minaccia chi? Retoricamente, le linee rosse vengono attualmente tracciate nelle sabbie mobili del Levante. Obama e la NATO hanno avvertito che non tollereranno o permetteranno al governo siriano di usare armi chimiche contro il proprio popolo. Hanno minacciato di ritenerne responsabile il governo di Damasco. Oh, davvero? Ebbene Signor Presidente, lei e la NATO dovreste iniziare arrestando i funzionari statunitensi, britannici ed israeliani che approvarono e usarono ADM contro i civili in Iraq, Libano e Gaza.
Ricordate il fosforo bianco a Falluja? Le forze militari degli Stati Uniti e britanniche attaccarono un’intera popolazione civile con il loro arsenale di armi chimiche, nel 2004. A differenza degli Stati Uniti e del Regno Unito, la Siria fa parte dei pochi paesi che non hanno firmato la Convenzione sulle armi chimiche. Che cosa è successo degli obblighi del trattato per gli Stati Uniti e il Regno Unito? E’ divertente sapere come la resistenza a Falluja sia stata chiamata anche rivolta, allora. Quindi gli Stati Uniti e il Regno Unito ritenevano che gli iracheni che combattevano due eserciti invasori fossero un'”insurrezione”, mentre ritengono le milizie straniere in Siria “ribelli” e “combattenti per la libertà.” Un Mondo orwelliano davvero.
Quanto a Israele è anche colpevole di crimini di guerra simili. Jacob Edery, un ministro del governo israeliano, ha anche ammesso nel 2006 che Tel Aviv aveva usato fosforo bianco dopo che Croce Rossa ed organizzazioni dei diritti umani accusarono Israele dell’uso di armi chimiche sui civili. Non è Damasco, ma Tel Aviv che ospita esperti e funzionari che spesso parlano di “armi dell’apocalisse” e dell'”Opzione Sansone” quando si parla delle loro armi nucleari. Sì signor Presidente, riteniamo responsabili coloro che usano armi chimiche contro i civili! Sono assolutamente d’accordo con voi. Qualcuno dei leader statunitensi, o britannici o israeliani coinvolti in questi crimini e nel disprezzo dei trattati giuridicamente vincolanti sottoscritti dagli Stati Uniti, “dovrà risponderne”? O “responsabilità” è una parola usata come una clava o un bastone di ferro per battere e punire gli eventuali governi che osino avere un parere o una politica estera diverse dalle vostre? Oppure lei, signor Presidente, applica il solito doppio standard, segno distintivo della politica estera degli Stati Uniti?

Una questione controversa su cui riflettere
I siriani stanno cercando di evitare che le armi chimiche cadano nelle mani delle milizie antigovernative sponsorizzate da GCC/NATO che minacciano la campagna siriana. Questo è ciò che l’esercito siriano sta attualmente facendo. Obama e la NATO lo sanno molto bene, proprio come  sapevano che la Libia non stava usando i suoi jet militari per uccidere i manifestanti libici. Il diritto internazionale è una questione di pura convenienza. Gli stessi paesi che si atteggiarono negativamente verso la Siria dal piedistallo della moralità, hanno perso le loro bussole morali. Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e NATO non solo hanno rifiutato di impegnarsi in una politica del “non primo uso” delle proprie ADM, in particolare le bombe nucleari, ma si sono riservati il diritto di usare armi nucleari in qualsiasi guerra o conflitto come mezzo per assicurarsi delle vittorie. Ciò include anche un conflitto con un Stato non nucleare.
Gli Stati Uniti e i loro alleati ritengono anche il Trattato di non proliferazione (TNP) non conti nulla nello scenario di una grande guerra. Ciò significa che il TNP e il diritto internazionale si limitano ad essere una questione di convenienza per gli USA e i loro alleati della NATO. Non esiteranno ad usare armi nucleari nel momento in cui penseranno di averne bisogno. Eppure, si sentono in dovere  di imporre norme completamente diverse alla Siria. D’accordo o in disaccordo, la Siria si riserva il diritto di utilizzare armi chimiche nel caso di un’invasione. Si può incolpare Damasco per aver minacciato di usare armi chimiche per proteggersi da un intervento straniero? Soprattutto alla luce della posizione degli Stati Uniti, di usare armi nucleari per garantirsi vittorie favorevoli ad essi e ai loro alleati. Perché il doppio standard?

Le armi chimiche sono delle nuove scuse per l’aggressione contro la Siria
Chiunque pensa che il governo degli Stati Uniti abbia le migliori intenzioni verso il popolo siriano, ha bisogno di una lezione di storia. Meglio ancora, ha bisogno di vedere come i partner di Obama in Bahrain, Arabia Saudita e nei feudali petro-sceiccati arabi si prendono cura del proprio popolo. Queste dittature feudali desertiche rispondono ai loro manifestanti, che chiedono democrazia e  diritti civili fondamentali, con proiettili e il tiro dei carri armati. Barak Obama, il CEO della Democrazia Inc., vuole esportare la sua pessima favola democratica dalla Libia alla Siria. La sua amministrazione ci ha provato per più di un anno, senza riuscirci. Dimenticate i combattenti stranieri esportati in Siria dalla Libia. Dimenticate le forniture di armi che la CIA ha raccolto e inviato in Siria e Libano dalla sua base segreta di Bengasi, che funzionava sotto la copertura del Dipartimento di Stato degli USA.
Ora la Democrazia Inc. di Obama vuole far cadere la democrazia su tutta la Siria come una bomba, letteralmente. Vediamo una nuova scusa. Prima si trattava di un mix di democrazia e diritti umani. Poi è diventato impedire un genocidio. Ora si continua col tema del genocidio, ma aggiungendovi la dimensione delle ADM. Il cappio si stringe attorno alla Siria. Tutti i discorsi sulle armi chimiche sono utilizzati per giustificare il dispiegamento di missili della NATO ai confini della Siria. Il dispiegamento dei missili Patriot arriva nel momento in cui vi si parla di una nuova spinta aggressiva per riarmare le forze antigovernative in Siria. Una “no-fly zone” o, come viene chiamato ambiguamente negli Stati Uniti/NATO, “corridoio umanitario” intorno Aleppo e nei territori al confine settentrionale della Siria, è nella lista dei desideri dell’amministrazione Obama. Quindi, la trama si infittisce e la Democrazia Inc. si reinventa la propria merce con un nuovo marketing.

Copyright © 2012 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

About these ads

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 382 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: