Un nuovo ruolo per l’arsenale nucleare della Cina?

J. Michael Cole, The Diplomat, 11 dicembre 2012

xi-jinpingIn un sistema in cui l’ordine e le sequenze hanno un valore altamente simbolico, la prima promozione a Generale di un ufficiale, da parte di Xi Jinping, aggiunge un alto profilo alla visita della settimana scorsa, dicendoci alcune cose sulle priorità dei militari e che cosa vogliono in futuro. Più di ogni altra arma dell’Esercito di Liberazione Popolare, il Corpo della Seconda Artiglieria, che controlla l’arsenale missilistico convenzionale e nucleare del paese, sembra interessare Xi. Il primo atto di Xi da neopresidente della potente Commissione Centrale Militare (CMC) è stata la promozione del Tenente-Generale Wei Fenghe, 58enne comandante in capo della Seconda Artiglieria e membro del CMC, a Primo Generale, il 23 novembre.
A parte l’aumento della spesa per la difesa, la promozione di alti ufficiali è considerata il modo migliore per i leader cinesi di consolidare il loro potere sulle forze armate. Mentre tenta di rafforzare il suo controllo sulle forze armate, un esame immediato della promozione di Wei da parte di Xi indicherebbe che abbia avuto a che fare con la caduta in disgrazia dell’ex-segretario del partito di Chongqing, Bo Xilai, il cui legame con il Corpo della Seconda Artiglieria, e più specificamente con il Commissario politico del Corpo della Seconda Artiglieria, Generale Zhang Haiyang, era considerata da Pechino una minaccia. Anche se Zhang è riuscito a mantenere il suo posto nel Comitato Centrale, non è stato così nella CMC, al contrario invece di Wei.
Al di là delle manovre politiche, Xi ha indicato che la Seconda Artiglieria giocherà un ruolo sempre più importante in futuro. Nel corso di un incontro con gli ufficiali della Seconda Artiglieria il 5 dicembre, il nuovo capo della CMC ha detto che la forza è “un pilastro dello status strategico di grande potenza della Cina“, aggiungendo che il Corpo è la “forza centrale” del “deterrente strategico” della nazione e una “base importante” per la protezione della sicurezza nazionale. Oltre a sottolineare la necessità che il Corpo della Seconda Artiglieria resti pienamente sotto il controllo del partito, Xi ha chiesto di svilupparlo in una “potente e avanzata forza missilistica.”
A parte l’arsenale di missili intercontinentali nucleari, la Seconda Artiglieria controlla anche i missili a breve e medio raggio che possono essere utilizzati nei confronti di Taiwan, Vietnam,  Filippine, così come delle basi statunitensi di Okinawa. Come parte dell’evoluzione della strategia  d’interdizione di area (A2/AD) della Cina, il Corpo impiega anche il DF-21D comunemente indicato come il “killer di portaerei”, un missile che una volta a regime potrebbe complicare notevolmente lo schieramento delle forze navali degli Stati Uniti e alleati all’interno della prima catena di isole e oltre. Gran parte dei futuri investimenti nella Seconda Artiglieria deriverà dalla comprensione di Pechino della rapida modernizzazione delle sue altri forze militari, nonostante non speri (né desideri) combattere e sconfiggere le forze USA in battaglie convenzionali. Ma questo riguarda i missili convenzionali. E l’arsenale strategico nucleare della Cina?
In una “lettura esplicativa” fatta subito dopo il discorso di Xi, Wang Haiyun, ex Maggiore-Generale dell’EPL, ha detto che questa era la prima volta che la “missione e lo status delle forze strategiche nucleari della Cina venivano articolate pubblicamente“, aggiungendo che il discorso rappresentava la possibile presa di distanza dalle precedenti dichiarazioni degli alti dirigenti cinesi sul ruolo dell’arsenale nucleare della Cina. Secondo l’interpretazione di Wang delle osservazioni Xi, che in nessun modo devono essere accettate come la politica ufficiale di Pechino, questi potrebbe essere in procinto di allontanare la Cina dall’attuale politica nucleare del ‘no-first-use’ (NFU), che tra le altre cose afferma che la Cina userà le armi nucleari solo nel caso in cui sia sottoposta ad un attacco nucleare, volgendosi invece  verso una politica nucleare più ambigua, in cui le armi nucleari potrebbero essere utilizzate nell’ambito di più ampie contingenze.
Casualmente, i recenti commenti di alcuni analisti della difesa degli Stati Uniti, potrebbero rafforzare l’idea che un più forte arsenale nucleare di Pechino dovrebbe svolgere un ruolo più importante nella sua difesa. Si potrebbe immaginare che ciò faccia parte della risposta della Cina al cosiddetto concetto di Battaglia Aero-navale di Washington, che prevede che gli Stati Uniti impieghino una enorme potenza di fuoco convenzionale contro la patria cinese. In parziale risposta alle preoccupazioni sul concetto di Battaglia Aeronavale, sfocerebbe inevitabilmente in uno scambio nucleare tra Cina e Stati Uniti, il colonnello in pensione T. X. Hammes ha richiamato il caso che definisce strategia del “controllo off-shore” (OC) che, invece di tentare di sconfiggere la Cina attraverso attacchi convenzionali sul suo territorio o all’interno della prima catena di isole, cerca invece di neutralizzare gran parte delle risorse della Cina nell’A2/AD operando al di fuori della sua area d’intervento.
Come Hammes spiega, con la strategia del controllo oceanico degli Stati Uniti, “le nazioni partner dell’Asia-Pacifico garantiranno la capacità degli Stati Uniti di interdire l’importazione di energia e materie prime e le esportazioni industriali della Cina, proteggendo quelle nazioni.” In altre parole, piuttosto che combattere, gli Stati Uniti cercherebbero di soffocare economicamente la Cina. Hammes sostiene che la strategia OC permetterebbe di evitare attacchi in profondità alla Cina, e ridurrebbe la possibilità di una escalation nucleare. Questo è uno scenario plausibile, ma solo se la dottrina nucleare della Cina del no-first-use rimane invariata. Se, come sostiene Wang, Pechino è in procinto di adottare una politica nucleare più aggressiva, la strategia OC di scatenare un conflitto di lunga durata, potrebbe spingere Pechino a minacciare l’uso del nucleare.
Se le forze statunitensi ribaltano il tavolo e adottano un approccio asimmetrico verso la Cina, cercando di evitare i punti di forza della Cina, una possibile risposta di Pechino sarebbe riconsiderare le contingenze su cui si basano le proprie forze nucleari. Le prime mosse di Xi già indicano il suo interesse nel fare del Corpo della Seconda Artiglieria un  futuro elemento cardine delle forze armate della Cina. Poiché nessun sistema è statico, la strategia militare degli Stati Uniti, nei confronti della Cina, potrebbe benissimo precipitare ulteriori iniziative in questa direzione.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

About these ads

One Response to Un nuovo ruolo per l’arsenale nucleare della Cina?

  1. Pingback: Un nuovo ruolo per l’arsenale nucleare della Cina? « L'internauta

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 381 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: