Damasco: una trappola per i ribelli?

Dedefensa - 17/12/2012

Bashar_Al_Assad_Military_Defensive_Exercise_17-10_2009Il ribollio siriano si nutre di innumerevoli voci, caratterizzate da violenza, sensazionalismo e da un continuo rumorio, ma raramente dalla precisione. La scorsa settimana o le ultime due settimane, sono state tipiche in questo senso, come una gatta, saggia e scaltra, ma che non riesce mai a ritrovare i suoi piccoli… voci sempre più esagerate sui ribelli lanciati verso la vittoria contro un Assad che vacillava. Certo, non era la prima volta, ma si poteva pensare che fosse vero. Il blocco BAO era euforico, ovviamente … beh, tutto si è taciuto e si è sgonfiato come un soufflé. Che cosa é successo? Ecco un articolo da una delle fonti che ci capita di apprezzare, il quotidiano indipendente di sinistra libanese as-Safir, tradotto dall’arabo all’inglese. (Cfr. 14 dicembre 2012 per l’edizione originale.)
Torniamo alla penna di Ezeddin Nader, per un resoconto molto dettagliato e accurato di ciò che sarebbe successo, che è naturalmente il contrario di ciò che ci era stato pubblicizzato con così tanto entusiasmo. In una parola: l’assalto dei ribelli su Damasco sarebbe stato l’effetto di una trappola in cui i ribelli si sono infilati a testa bassa. Questo è uno dei primi esempi di dove una grande mossa militare tattica viene descritta in dettaglio e in modo coerente, nel conflitto siriano finora caratterizzato da confusione, interferenze e distorsioni mediatiche che l’accompagnano. Si noti che questa versione dei fatti è ampiamente supportata da Patrick Cockburn, sul The Independent del 16 dicembre 2012. (L’articolo di as-Safir è citato in un altro articolo  di Cockburn sul The Independent, anche il 9 dicembre 2012, sempre in questo senso.)
(Si evidenziano, sganciandolo dal resto dell’articolo e senza commenti, inconsapevoli dell’esistenza di un accordo sulla questione, le poche righe alla fine dell’articolo che suggeriscono un accordo tra gli Stati Uniti e la Russia sulla soluzione della crisi siriana, alla fine di gennaio 2013, ai sensi della conferenza di Ginevra del 30 giugno [vedasi 3 luglio 2012]. “Per quanto riguarda i giorni a venire, fonti affermano che gli USA hanno concesso ai ribelli dell’opposizione un mese per lanciare una terza serie di attacchi a Damasco, nel tentativo di ottenere un serio vantaggio sul campo di battaglia, che contribuirebbe a rafforzare le condizioni dell’accordo russo-statunitense. L’accordo sarebbe pronto entro la fine di gennaio, sulla base dell’accordo raggiunto a Ginevra. Va notato che queste osservazioni sono correlate con quanto è stato detto in un precedente articolo di as-Safir sull’incontro “tra Clinton e Lavrov a Dublino” [vedasi 11 dicembre 2012].)

Dedefensa.org

L’esercito siriano potrebbe aver teso una trappola ai ribelli, presso Damasco
Fin dall’inizio del seconda fase dell'”operazione per l’invasione di Damasco”, le informazioni erano contrastanti. A volte, le notizie affermavano che i ribelli armati avevano occupato posizioni chiave nella capitale siriana, e in altri rapporti si affermava che l’esercito siriano aveva teso un agguato ai ribelli, infliggendo gravi danni alle fila dell’opposizione. Dopo più di due settimane di scontri nel governatorato di Rif Dimashq, la nebbia cominciava a dissolversi sull’invasione dei ribelli. A quanto pare, durante l'”invasione”, l’opposizione armata  – Jabhat al-Nusra in particolare – ha subito gravi perdite. Secondo le informazioni ottenute da as-Safir da fonti ben informate, il regime siriano sapeva da settimane del piano dei ribelli di prendere d’assalto la capitale, coinvolgendo migliaia di combattenti di tutte le nazionalità.
Il piano era volto a prendere il controllo delle città di Harasta e Duma, che sarebbero servite da trampolino di lancio per attaccare Damasco. I ribelli hanno cercato di prendere il controllo della città di Jaramana, dopo una serie di attentati mirati nei dintorni, per scacciare via i residenti della zona. Tuttavia, su consiglio di un servizio di intelligence – di un Paese alleato del regime siriano – e in coordinamento con l’esercito siriano, un piano proattivo è stato impostato per contrastare l’attacco che avrebbe dovuto aver luogo la mattina del primo sabato di dicembre. Il punto chiave del piano era attirare subito i militanti in una battaglia, disperdendone le fila e poi  infliggendogli il colpo fatale.
Il settimanale russo Argumentij Nedelij ha recentemente rivelato che “l’esercito siriano è riuscito a lanciare il primo attacco contro gli insorti, disperdendo le loro fila con l’aiuto dei servizi segreti russi, che ha fornito al regime alcuni consigli su come effettuare un attacco  proattivo“. Pochi giorni prima, il regime siriano aveva effettuato una manovra tattica su consiglio dei servizi segreti alleati, secondo il seguente scenario: le armi strategiche furono rimosse dai loro depositi, dando la falsa impressione di essere state portate in un luogo più sicuro. Nel frattempo, i satelliti stranieri, in particolare degli Stati Uniti, registravano le attività dell’esercito siriano. Questo ha scatenato i timori della comunità internazionale che le forze siriane stessero per utilizzare un particolare tipo di armi, mentre fughe mediatiche suggerivano l’eventuale uso di armi chimiche. I nemici del regime siriano hanno contribuito alla promozione di questo scenario, pensando che ciò avrebbe portato ad un intervento straniero o a una pressione sul regime affinché si accontentasse di minimi vantaggi politici. Tuttavia, la propaganda sulle armi chimiche è andata a svantaggio dei militanti, influenzando negativamente le loro prestazioni in combattimento.
Altre fonti hanno anche indicato che il piano era volto a diffondere false informazioni su diffuse defezioni nei ranghi delle forze del regime siriano che proteggevano Damasco. Inoltre, venne segnalato che le truppe siriane fossero completamente in rotta. Perciò, vennero diffuse notizie sulla caduta dei centri e delle principali basi nella capitale, e di grandi diserzioni nelle file dell’esercito. Tutto ciò spinse a mobilitare i militanti alla periferia della capitale e a lanciare un attacco precoce. Le voci diffuse dal regime siriano diedero agli insorti l’incentivo ad attaccare immediatamente Damasco.
Promuovendo la storia del crollo dell’esercito siriano nella capitale, con i rapidi progressi  dei ribelli, in pochi giorni e senza incontrare alcuna resistenza significativa, in quanto l’esercito siriano aveva liberato un certo numero di sue posizioni militari. La manovra era volta a provocare una vuoto tra i gruppi militanti e le loro linee di rifornimento. Secondo il quotidiano britannico The Independent, “Il governo siriano ha adottato una nuova strategia, nelle ultime settimane, in cui  ritira le sue truppe dalle basi indifendibili, per concentrarle a Damasco e in altre città ritenute  strategicamente cruciali.” Questa ritirata ha consentito all’esercito di lanciare una riuscita controffensiva la scorsa settimana, per alleviare la pressione militare sulla capitale e migliorando la propria posizione negoziale. Il giornale ha anche citato una fonte di Damasco, che affermava che “Il governo dice che ha compiuto una scelta strategica non difendendo gli avamposti più piccoli.” Inoltre, fonti hanno indicato che gli insorti e i loro sostenitori fossero sotto l’impressione che la caduta del regime fosse in vista. Così, hanno lanciato il loro attacco due giorni prima del previsto, giovedì 29 novembre, come il regime aveva previsto.
All’inizio dell’attacco, le comunicazioni di ogni tipo nel paese furono sospese, infliggendo un primo shock ai gruppi armati, che non erano più in grado di aggiornarsi sulla situazione delle battaglie. Fonti hanno descritto l’assalto a Damasco come il più grande e più grave dall’inizio della crisi siriana. I gruppi armati sono caduti nella trappola tesa dalle truppe siriane, che hanno ricevuto  un addestramento completo, in Russia e Iran, su come lanciare controffensive contro bande armate. Si deve notare che la Russia e l’Iran hanno accordi regionali di cooperazione strategica e lo scambio di competenze tecniche e di sicurezza con la Siria.
La battaglia ha comportato dei bombardamenti pesanti sulle posizioni ribelli, disperdendone le file su più aree. Le truppe siriane hanno lanciato una controffensiva da est e da ovest, allo stesso tempo, dopo aver attirato i ribelli verso zone situate a più di 40 km dalla capitale e a 20 km dalle loro linee di rifornimento. Questi gruppi di ribelli furono costretti a dirigersi verso le città di Harasta e Duma, proprio sotto il fuoco delle truppe governative, era ciò che il regime aveva previsto. Gli scontri sono anche infuriati lungo il fronte di Ghouta, nella parte orientale di Damasco. La forza dei ribelli si è esaurita prima che giungessero nella periferia dell’aeroporto, in particolare nelle città di Haran al-Awamid, al-Delba, Sakka, Deir al-Asafir, al-Maliha, Babila, Damir, al-Hujaira e Khan al-Sheik.
La battaglia si è conclusa nella città di Daraya, dove sono stati uccisi centinaia di militanti, diversi dei quali non erano siriani. Secondo le fonti, il numero di morti tra le fila dei gruppi armati è molto più alto di quello riportato dai media. [...]

Ezeddin Nader (as-Safir)

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

About these ads

One Response to Damasco: una trappola per i ribelli?

  1. Pingback: Damasco: una trappola per i ribelli? | Informare per Resistere

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 380 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: