Il telegramma Zimmermann: la vera ragione che spinse gli USA ad entrare in guerra nel 1917

zimmtransViene spesso, fin troppo spesso, affermato che la causa dell’entrata in guerra di Washington, nella Prima Guerra mondiale, sia stato l’affondamento da parte di un sommergibile tedesco del transatlantico inglese Lusitania, che trascinò con se 123 cittadini statunitensi. (1) In realtà la nave fu affondata nel 1915, mentre gli USA entrarono in guerra nel 1917. Infatti, entrarono in guerra in reazione alla faccenda del “telegramma Zimmermann”.
Il 16 gennaio 1917, Arthur Zimmermann, segretario agli Esteri della Germania imperiale, inviò un telegramma cifrato all’ambasciatore tedesco a Washington, utilizzando il nuovo codice 7500 che gli inglesi non avevano potuto decifrare, ma l’ambasciatore a Washington ritrasmise il telegramma nel vecchio codice 103040, noto agli inglesi, all’ambasciatore tedesco in Messico.
Il testo del telegramma affermava: “Abbiamo intenzione di cominciare la guerra sottomarina senza restrizioni il primo di febbraio. Ci adopereremo, nonostante ciò, a mantenere gli Stati Uniti neutrali. Nel caso non succeda, faremo al Messico una proposta di alleanza sulla seguente base: combattere insieme, fare la pace insieme, un generoso sostegno finanziario e la comprensione da parte nostra del diritto del Messico a riprendersi i territori perduti di Texas, New Mexico e Arizona. I dettagli sono lasciati a voi. Potrete informare il presidente (del Messico) di quanto sopra secretato non appena lo scoppio della guerra contro gli Stati Uniti è certo, e aggiungerei il suggerimento che avrebbe dovuto, di propria iniziativa, invitare il Giappone ad aderirvi immediatamente e anche a mediare tra il Giappone e noi. Si prega di richiamare l’attenzione del presidente sul fatto che l’impiego illimitato dei nostri sottomarini offre ora la prospettiva di convincere l’Inghilterra a fare la pace entro pochi mesi. Accusate ricevuta. Zimmermann
In realtà, il telegramma venne concepito da un funzionario del ministero degli esteri tedesco, Hans Arthur von Kemnitz, che ne scrisse una prima bozza che Zimmermann firmò quasi senza leggere, probabilmente perché impegnato a redigere il testo diplomatico che giustificava l’annuncio della “guerra sottomarina senza restrizioni” contro il traffico navale diretto nel Regno Unito. Quando un altro funzionario seppe del telegramma, esclamò: “Kemnitz, quel fantastico idiota, ha fatto questo!?
Berlino dovette criptare il telegramma perché la Germania era consapevole che gli alleati intercettavano tutte le comunicazioni transatlantiche, una conseguenza della prima azione offensiva della Gran Bretagna nella guerra. All’alba del primo giorno della Prima guerra mondiale, la nave inglese Telconia si avvicinò alle coste tedesche e tranciò i cavi sottomarini transatlantici che collegavano la Germania con il resto del mondo. Questo atto di sabotaggio costrinse i tedeschi ad inviare i messaggi tramite collegamenti radio poco sicuri o cavi sottomarini di proprietà estera. Zimmermann fu costretto a trasmettere il suo telegramma cifrato attraverso la Danimarca e la Svezia con un cavo sottomarino statunitense che passava anche per il Regno Unito. Va ricordato, inoltre, che uno stretto collaboratore del presidente statunitense Woodrow Wilson, il colonnello Edward House, fece si che il dipartimento di Stato degli USA consentisse ai tedeschi la trasmissione di messaggi cifrati diplomatici tra Washington, Londra, Copenhagen e Berlino.
Il telegramma di Zimmermann ben presto venne intercettato ed analizzato dalla Sala 40 dell’Ammiragliato inglese, l’ufficio dell’intelligence elettronica inglese. Winston Churchill, Primo lord dell’Ammiragliato inlgese, ordinò la creazione della sezione intercettazione e decodificazione dei messaggi criptati tedeschi, appunto la Sala 40, divenuta di vitale importanza per gli Alleati. La Sala 40 era formata da linguisti e criptoanalisti. Il telegramma Zimmermann, decifrato parzialmente da Nigel de Grey e dal reverendo William Montgomery, affermava che la Germania voleva istigare il Messico ad attaccare gli USA, un’informazione che avrebbe spinto il presidente degli USA Woodrow Wilson ad abbandonare la neutralità degli Stati Uniti, perciò Montgomery e de Grey lo passarono subito all’ammiraglio Reginald Hall, direttore della Naval Intelligence, aspettandosi che lo trasmettesse agli statunitensi. Ma l’ammiraglio lo ripose nella sua cassaforte, incoraggiando i criptoanalisti a completare il lavoro. Infatti, il 5 febbraio 1917, Hall non ebbe il nulla osta dal Foreign Office affinché consegnasse agli statunitensi tali informazioni. Ma Hall convocò un ufficiale dell’intelligence statunitense a Londra e gli diede lo stesso il telegramma. “In altre parole, il direttore dell’intelligence navale aveva unilateralmente preso la decisione di condividere un’informazione altamente sensibile con una potenza straniera, senza l’autorizzazione del proprio governo“.
Hall pensava che se gli statunitensi venivano a conoscenza del telegramma Zimmermann, i tedeschi avrebbero potuto concludere che il loro nuovo sistema di cifratura 7500 era stato spezzato, spingendoli a sviluppare un nuovo sistema di cifratura, bloccando così l’intelligence inglese. Inoltre “Hall era consapevole che la guerra totale degli U-boat sarebbe iniziata entro due settimane, e che essa avrebbe indotto il presidente Wilson a dichiarare guerra alla Germania imperiale, senza bisogno di compromettere la preziosa fonte dell’intelligence inglese”. Ma il 3 febbraio 1917, sebbene la Germania avesse avviato la guerra sottomarina senza restrizioni, il Congresso statunitense e il presidente Wilson annunciarono la prosecuzione della neutralità. D’altra parte, negli USA era diffuso un notevole sentimento anti-inglese, in particolare tra i cittadini di origini tedesche ed irlandesi, questi ultimi infuriati per la brutale repressione della Rivolta di Pasqua del 1916 a Dublino e, inoltre, presso la stampa statunitense Gran Bretagna e Francia non godevano di maggiore simpatia della Germania. Tutto ciò spinse gli inglesi a sfruttare il telegramma Zimmermann. All’improvviso, e in sole due settimane, Montgomery e de Grey completarono la decifrazione del telegramma. Inoltre, gli inglesi si resero conto che von Bernstorff, l’ambasciatore tedesco a Washington, trasmise il messaggio a von Eckhardt, l’ambasciatore tedesco in Messico, utilizzando il vecchio sistema di cifratura 103040 e “dopo aver fatto alcune piccole modifiche al testo” che poi von Eckhardt avrebbe presentato al presidente messicano Carranza. Se Hall avesse potuto avere la versione “messicana” del telegramma Zimmermann, i tedeschi avrebbero supposto che fosse stato reso pubblico dal governo messicano, e che non era stato intercettato dagli inglesi. Hall contattò un agente inglese in Messico, il signor H., che a sua volta s’infiltrò nell’ufficio telegrafico messicano. Il signor H. poté ottenere così la versione messicana del telegramma di Zimmermann. Hall consegnò tale versione del telegramma ad Arthur Balfour, il segretario agli Esteri inglese, che il 23 febbraio convocò l’ambasciatore statunitense a Londra Walter Page per consegnargli il telegramma di Zimmermann. Il 25 febbraio, il presidente Wilson ebbe la ‘prova eloquente’, come disse, che la Germania incoraggiava un’aggressione agli USA. Il telegramma, in realtà, affermava che il Messico avrebbe dichiarato guerra agli USA solo se questi avessero dichiarato guerra alla Germania. Ciò avrebbe giustificato l’intervento degli USA nella Prima guerra mondiale? Infatti il telegramma di Zimmermann viene citato come il casus belli della guerra tra USA e Germania imperiale. Ma, infine, il Messico sarebbe mai stato un serio nemico per gli Stati Uniti? Il Messico era preda da anni di una feroce guerra civile, non poteva costituire una qualsiasi seria minaccia per gli USA, e Berlino avrebbe dovuto saperlo. Il presidente messicano Venustiano Carranza assegnò a un generale il compito di valutare la fattibilità di un’aggressione agli USA, ma il generale concluse che non sarebbe stato possibile per i seguenti motivi:
– gli Stati Uniti erano militarmente molto più forti del Messico.
– le promesse della Germania erano ritenute appunto soltanto tali. Il Messico non poteva utilizzare alcun “generoso sostegno finanziario” per acquistare armi e munizioni, per la semplice ragione che poteva comprarli solo negli Stati Uniti, mentre la Germania non poteva inviare alcunché in Messico dato che la Royal Navy, ed eventualmente l’US Navy, controllava le rotte atlantiche.
– infine, il Messico aveva adottato una politica di cooperazione con Argentina, Brasile e Cile per evitare un qualsiasi contrasto con gli Stati Uniti e migliorare le relazioni regionali.
Comunque il telegramma fu reso pubblico, ma stampa e parte del governo degli Stati Uniti lo ritennero una bufala ideata dagli inglesi per coinvolgere gli USA nella guerra. Tuttavia, Zimmermann, in modo sbalorditivo, ne ammise pubblicamente la paternità, dicendo a una conferenza stampa a Berlino che semplicemente “non posso negarlo. E’ vero”. La Germania poteva benissimo dire che il “telegramma Zimmermann” era un falso, approfondendo così i gravi dubbi sulla faccenda espressi negli USA, dove l’opinione pubblica era poco restia a partecipare alla Grande Guerra. Perché allora Zimmerman confessò di averlo inviato?
Nell’ottobre 2005, venne scoperto il presunto dattiloscritto originale della decifratura del telegramma Zimmermann, “scoperto da uno storico rimasto ignoto” che lavorava su un testo ufficiale della storia del Government Communications Headquarters (GCHQ), il servizio segreto elettronico inglese. Si riteneva che tale documento sia il telegramma mostrato all’ambasciatore Page nel 1917. Molti documenti segreti relativi a tale incidente furono distrutti su ordine dell’ammiraglio Reginald Hall. Certo, tutto ciò suscita un sospetto: in realtà si sa cosa ha scritto Zimmermann (Kemnitz), ma non è noto cosa avessero di certo mostrato gli inglesi ai diplomatici e al presidente degli USA.
In Germania, le indagini su come gli statunitensi avessero ottenuto il telegramma Zimmermann portarono a credere che fosse stato violato in Messico, proprio come previsto dall’intelligence inglese. Quindi il presidente Wilson, che nel gennaio 1917 aveva detto che sarebbe stato un “crimine contro la civiltà” trascinare il suo popolo in guerra, il 2 aprile dello stesso 1917 affermò: “Consiglio che il Congresso dichiari che il recente corso del governo imperiale non sia in realtà nient’altro che una guerra contro il governo e il popolo degli Stati Uniti, e di accettare formalmente lo status di belligerante cui siamo stati così spinti”.
La diplomazia inglese (così come la sua propaganda nera) cercarono ostinatamente di convincere il presidente Wilson ad abbandonare la promessa di neutralità fatta nella sua campagna elettorale per le presidenziali del 1916, e di entrare in guerra a fianco degli Alleati, ma come affermò la storica statunitense Barbara Tuchman, “Una sola mossa della Sala 40 era riuscita laddove tre anni d’intensa diplomazia avevano fallito”.Unit7_map_Zimmerman_300g80Alessandro Lattanzio, 3/1/2014

Note:
1) “Gli inglesi contarono 1198 vittime, tra cui 123 statunitensi, mentre in realtà i morti furono 1201; vennero infatti omessi i corpi dei tre tedeschi inviati sul Lusitania dall’attaché militare tedesco a Washington di allora, von Papen, per fotografare eventuali materiali sospetti. I tre furono scoperti e tenuti a bordo come prigionieri. In seguito, il segretario personale del presidente Wilson, Joseph Tumulty, fece credere a Washington che le spie fossero in possesso di un ordigno esplosivo, mentre invece si trattava della macchina fotografica”.

Fonti:
The Telegram that brought US into Great War is found, Ben Fenton
The Zimmermann Telegram, Joseph C. Goulden
The Zimmermann Telegram, Barbara Tuchman

Cina: l’importanza immutata di Mao e della sua eredità per il PCC

D. S. Rajan,  South Asia Analysis Paper No. 5623, 26/12/2013
1310845-Mao_Zedong1. Le manifestazioni, in Cina per il 120.mo anniversario della nascita di Mao, saranno “solenni, austeri e pratici” secondo le istruzioni del Segretario Generale del Partito Comunista Cinese e Presidente della Repubblica Popolare Cinese (RPC), Xi Jinping. I programmi prevedono l’emissione di francobolli commemorativi, pubblicazione di libri, mostre fotografiche e concerti soprattutto nella Grande Sala del Popolo di Pechino, così come manifestazioni nella base rivoluzionaria di Yanan e nel luogo di nascita di Mao, Shao Shan.
2. Una questione chiave che assume importanza nell’occasione, sarà come l’attuale valutazione delle autorità cinesi sul ruolo di Mao si confronta su come sia stato visto in passato. A questo proposito, meritano attenzione le tre citazioni seguenti, che rivelano come la PRC abbia sempre assunto una posizione nel complesso coerente: ‘I contributi di Mao hanno superano i suoi errori‘.
Il compagno Mao Zedong fu un grande marxista e un grande rivoluzionario, stratega e teorico del proletariato. E’ del tutto sbagliato assumere un atteggiamento dogmatico nei confronti delle parole del compagno Mao Zedong, e considerare tutto ciò che ha detto come verità immutabile, da applicare meccanicamente in tutto il mondo, ed essere disposti ad ammettere onestamente che ha commesso degli errori nei suoi ultimi anni, e anche cercare di accanirvisi nelle nostre nuove attività. Tali atteggiamenti non distinguono tra pensiero di Mao Zedong, teoria scientifica formata e testata da molto tempo, e gli errori che il compagno Mao Zedong ha fatto nei suoi ultimi anni. Ed è assolutamente necessario che questa distinzione sia fatta. Vero che ha compiuto errori grossolani durante la “rivoluzione culturale”, ma se giudichiamo la sua attività nel suo complesso, i suoi contributi alla rivoluzione cinese superano di gran lunga i suoi errori. I suoi meriti sono primari e dei suoi errori secondari“. Risoluzione su alcune questioni della storia del nostro partito, dalla fondazione della Repubblica popolare cinese, adottata dalla sesta sessione plenaria dell’11.mo Comitato Centrale del Partito comunista cinese 27 giugno 1981.
I contributi del presidente Mao sono per il 70% positivi e per il 30% negativi“, Deng Xiaoping, 1981.
Le conquiste di Mao Zedong superano i suoi errori“: ‘concorda’ il 78,3% degli intervistati, ‘fortemente concorda’ il 6,8%, ‘è d’accordo’ l’11,7%, e ‘non sa’ circa il 3%. Indagine condotta dal Global Times affiliato al partito, edizione in lingua cinese del 25 dicembre 2013
3. Le dichiarazioni dei leader di partito, i contenuti di importanti documenti e i dettagli degli articoli di testa apparsi sui media ufficiali autorevoli della RPC, sopra menzionati, confermano la consistente prevalenza in Cina nel valutare i contributi di Mao. Ciò che sembra nuovo, tuttavia, è l’idea introdotta di recente dal regime di Xi Jinping: non ripudiare completamente le politiche dell’era di Mao. Questo tema trova una forte eco in Cina da quando Xi si pose la domanda (5 gennaio 2013) che “ciò che è stato raggiunto prima delle riforme non può essere negato sulla base di quello che è successo dopo, e viceversa“, insieme all’avvertimento che un ripudio totale delle politiche di Mao potrebbe portare al “grande caos sotto il cielo”. Il significato politico del passaggio sembra indubbiamente che alcuni elementi nella società, che alimentano un’opposizione cieca a Mao, subiscano l’attacco del partito.
4. Riflettendo sul trend impostato da Xi Jinping, un articolo a piena pagina sul Quotidiano del Popolo (8 novembre 2013) stilato dall’istituto di ricerca storica del partito, afferma che la Cina potrebbe prosperare solo sotto la leadership del partito, sfidando coloro che “predicano l’indiscriminata adozione del sistema occidentale“. Ha indicato come passi volti a minare la legittimità del partito, negare tragedie come la Rivoluzione Culturale del 1966-1976, che precedette le riforme nel 1978; ‘ciò seminerebbe solo i semi dell’autodistruzione del partito’. Chiedendo ai quadri ‘di sostenere e sviluppare il socialismo con caratteristiche cinesi, senza procedere per una strada chiusa e rigida, né prendendo la strada errata di cambiare i nostri bandiere e slogan’,  accusando ‘forze nemiche, in patria e all’estero, che ‘negano’ il periodo precedente la riforma e l’apertura per ‘demonizzare e negare la posizione dominante del PCC’.
5. Ad ampliare l’attacco contro chi nega le ‘grandi conquiste storiche’ del PCC, è un articolo autorevole intitolato “La denigrazione di Mao è guidata da motivazioni politiche” (Global Times, 22 dicembre 2013). Ammettendo l’esistenza dell’attuale dibattito ‘feroce’ nel Paese tra i fedeli a Mao e chi l’attacca, l’articolo osserva che anche a 37 anni dalla morte di Mao, è difficile ignorare la storia dell’era di Mao ed esprimervi un giudizio, perché siamo ancora più o meno influenzati dalla sua epoca, e una valutazione della sua eredità sarà influenzata dall’ideologia. Rilevando che l’osservazione di Deng Xiaoping su Mao sul “70 per cento giusto e 30 per cento sbagliato“, rappresenta l’idea tradizionale su Mao, l’articolo del Global Times afferma che una volta sbiadita la  Rivoluzione Culturale, la maggior parte del popolo cinese riconosce i suoi errori e le sue conquiste. E’ riconosciuto che lo stile personale della leadership di Mao aveva i suoi limiti, suscitando critiche verso di lui dopo la morte. La rivoluzione ha sempre un aspetto crudo, come la rivoluzione cinese guidata da Mao. Sottolineando che non esiste alcuna prova storica abbastanza convincente per denigrare Mao. Le voci che lo denigrano o lo sostengono completamente sono altamente polarizzate. Attualmente, le voci demonizzanti provengono principalmente dall’occidente, che critica il sistema socialista cinese. L’articolo conclude dicendo che coloro che criticano Mao lo fanno per motivazioni politiche piuttosto che per desiderio di un vero dibattito storico, invitando la società tradizionale cinese a resistere a coloro che cercano di minare la politica della Cina in nome del dibattito storico. Un altro articolo (Global Times, 22 dicembre 2013) afferma che ‘poche persone ripudiano Mao, intrattenendo fantasie infantili’.
6. Inoltre, colpisce il successivo articolo sul Quotidiano del Popolo, organo del PCC (23 dicembre 2013) dal titolo “Mao Zedong e le quattro pietre miliari sulla strada del ringiovanimento della nazione cinese“, che elogia il rapporto di Mao con la Rivoluzione di Xinhai del 1911, la fondazione del PCC nel 1921, la fondazione della Repubblica Popolare nel 1949 e la riforma e l’apertura iniziate nel 1978. Citando Deng Xiaoping, “compiamo il lavoro già avviato da Mao, ma che non aveva completato. Stiamo anche correggendo ciò che Mao fece in modo non corretto e miglioreremo il lavoro che Mao non ha adempiuto abbastanza correttamente.” L’articolo ammette le colpe e gli errori di Mao che suscitarono gli sconvolgimenti della Nuova Cina. Tuttavia, non denigrava per nulla la grandezza di Mao e i suoi contributi.
8. Da quanto precede, si può avere un ampio quadro dei fronti ideologici percepibili; il PCC definisce chi tenta di negare completamente il ruolo di Mao nel Paese, come politicamente motivato nel cercare di destabilizzare il dominio del partito. Sicuramente sembra esserci mancanza di chiarezza sull’identità di chi compia tali tentativi e quanto seri siano. Ciò premesso, è un fatto che ci sia un dibattito in corso in Cina sul ruolo di Mao; alcuni (Du Guang, un ex-docente della Scuola centrale del Partito) attribuiscono tale dibattito in Cina al fallimento nel chiarire pienamente gli errori di Mao. In ogni caso, può essere utile guardare la situazione dal punto di vista degli emergenti imperativi politici di Xi. La sfumata posizione a favore di Mao presa da Xi Jinping potrebbe segnalare l’aggravarsi delle spinte ad agire in modo equilibrato, in questa fase nei rapporti, in vista della competizione nel partito, in modo da consolidare ulteriormente la sua leadership. In generale, un compito difficile per Xi sarà raggiungere il tanto necessario equilibrio tra i suoi approcci ‘economicamente liberale’ e ‘politicamente conservatore’. Un indizio di tale situazione è il mancato annuncio, durante il Plenum del partito nel novembre 2013, di decise iniziative di riforma politica.

DENG XIAOPINGD. S. Rajan è direttore del Chennai Centre for China Studies, Chennai, India

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il Re del Dogfight: il MiG che costrinse alla resa un esercito

Rakesh Krishnan Simha RIR 19 dicembre 2013

mig-21fl-indianIl MiG-21 può essere l’unico aereo nella storia dell’aviazione ad aver costretto una nazione ad arrendersi. L’attacco devastante alla sede del governatore di Dhaka, nel Pakistan orientale, da parte dei MiG-21 fu il punto di svolta della guerra India-Pakistan del 1971. La strategia della guerra lampo dell’India contro l’esercito pakistano portò l’esercito indiano alla periferia di Dhaka in soli nove giorni. Rintanato nel grande edificio, il governo fantoccio del Pakistan orientale aveva dichiarato che non si sarebbe arreso. Alle 11:00 del 14 dicembre 1971, un distaccamento di quattro caccia MiG-21FL individuò la sede del governatore. Dopo averla sorvolata la mitragliarono, puntando razzi e bombe verso l’enorme cupola centrale. Il governatore ebbe così paura di essere colpito che subito si dimise nascondendosi in rifugio antiaereo delle Nazioni Unite. Fu il MiG-21, nome in codice NATO Fishbed, che inflisse i maggiori danni alla Pakistan Air Force. Spazzata via la loro protezione aerea, più di 93000 soldati dell’esercito del Pakistan e 7000 collaboratori civili si arresero senza condizioni.

La furia del Fishbed
I russi avevano progettato il velivolo come “intercettore di punto” ad alta quota, ma l’India l’utilizzò in una moltitudine di ruoli. Oltre alla difesa aerea, il MiG-21 fu utilizzato per l’attacco al suolo, nel fornire protezione agli aerei d’attacco dell’IAF, attirando gli aerei nemici lontano dagli obiettivi strategici, e nel combattimento aereo. Quando la guerra iniziò il 3 dicembre, sei squadroni di MiG-21FL facevano parte dell’organigramma dell’IAF, e parteciparono a operazioni sia nel fronte orientale che occidentale. Verso la fine delle ostilità, il 16 dicembre, i MiG avevano abbattuto quattro F-104 Starfighter, due F-6, un F-86 Sabre e un C-130 Hercules della Pakistan Air Force (PAF). Fu nel teatro occidentale che il MiG-21 venne impiegato nel suo compito primario, la difesa aerea e l’intercettazione. Schierati in tutte le principali basi aeree, da Pathankot nel nord a Jamnagar nella zona sud-occidentale, i MiG-21FL eseguirono centinaia di missioni e decollarono continuamente per intercettare intrusi ostili. Infine il MiG-21 incontrò il suo avversario originale, l’F-104 Starfighter, nei combattimenti aerei durante la guerra del 1971. “In tutti e quattro i duelli aerei classici, il MiG-21 surclassò e sconfisse l’F-104“, dice la storia ufficiale dell’IAF. “La prima vittoria aerea si ebbe il 12 dicembre, quando i MiG-21FL del 47.mo Squadrone abbatterono un F-104 della PAF sul Golfo di Kutch, venendo seguito da altre tre vittorie, in rapida successione, il 17 dicembre, quando i MiG-21FL del 29.mo Squadrone che scortavano degli HF-24 Marut, abbatterono due F-104 presso Uttarlai nel deserto del Rajasthanm, in scontri cannone-missile, mentre un terzo F-104, in missione intrusiva, fu abbattuto da un altro MiG-21FL del 29.mo Squadrone“.

Aeromobile versatile
Un altro ruolo unico su svolto dal MiG-21FL, nel 1971. Il Maresciallo dell’Aria Subhash Bhojwani, allora giovane ufficiale, dice che l’IAF ha utilizzato il MiG come aereo relè ad alta quota. I bombardieri dell’IAF di ritorno dopo aver colpito in profondità nel territorio pakistano, spesso avevano difficoltà ad atterrare perché volavano fuori dalla portata radio e radar. “Così il ruolo del nostro MiG-21FL fu di volare ad un’altitudine di 9 km e trasmettere i segnali ai piloti di ritorno“, dice Bhojwani. “Usavamo un codice ed io ero un ‘passero’. I pakistani che intercettavano le nostri conversazioni mai immaginarono che si trattasse di un MiG-21FL in volo ad alta quota, ed invece pensarono che i russi avevano segretamente dato agli indiani i loro velivoli AWACS, i Moss.”

20091119163814Mig 21Raid su Badin
Badin fu uno dei più importanti obiettivi dell’IAF nella guerra. Situata nel sud Sindh, era sede di una potente unità radar, che forniva supporto alle operazioni aeree della PAF nel settore sud-occidentale. Fu regalata dagli statunitensi al Pakistan, quando aderirono al Patto di Baghdad, e si dimostrò una grande “spina nel fianco” dell’IAF. Anche se era fortemente difesa da cannoni antiaerei, l’IAF decise di distruggerla. La mattina del 12 dicembre, due MiG-21furono inviati da Jamnagar per fotografare il complesso radar. Poche ore dopo, quattro MiG attaccarono il complesso, ma le bombe non colpirono direttamente le antenne. Il giorno seguente, l’IAF inviò altri tre MiG-21 a Badin. Questa volta i MiG colpirono le antenne e l’unità di potenza del complesso radar. Tuttavia, un aereo fu abbattuto dal tiro da terra. L’operazione mise fuori uso il centro e rese la vita un po’ più facile ai piloti indiani.

La paura del Fishbed
Con la protezione offerta dai MiG-21, i Sukhoi Su-7 e gli Hunter dell’IAF attaccarono implacabilmente le basi aeree avanzate del Pakistan, costringendo la PAF ad operare da basi più arretrate. Ciò ne ridusse il raggio d’azione e i velivoli della PAF non poterono più attaccare liberamente. Dall’8 dicembre, dice l’IAF, il Comando aereo occidentale cambiò tattica nelle operazioni antiaeree e di supporto aereo ravvicinato. “Tentativi deliberati furono fatti per attirare l’attenzione della PAF ed ingaggiarla. Missioni di attacco furono condotte da caccia che volavano abbastanza alto per essere avvistati sugli schermi radar pakistani, ma la PAF rifiutò d’intervenire. Invece vi fu un marcato calo degli attacchi contro le truppe indiane“. Uno dei motivi per cui la PAF si rifiutò d’ingaggiare duelli aerei era la paura d’incontrare il MiG-21. I pakistani erano spaventati  dall’effetto moltiplicatore dei MiG-21. L’aereo russo, usando un termine del football americano, interferiva per conto dei bombardieri e degli aerei d’attacco della IAF e la PAF non poteva farci nulla. Inoltre, poiché la guerra logorava costantemente, entrambe le parti perdevano aerei quasi ogni giorno, ma la PAF perdeva aerei e piloti ad un ritmo più veloce, così decise di abbandonare la guerra aerea e di salvare gli aeromobili rimasti piuttosto che affrontare i MiG-21.
“Il MiG-21 ha dimostrato di essere un sistema d’arma da difesa aerea molto efficace“, dice l’IAF. Raggruppare i MiG ad alta quota mentre gli Hunter e i Sukhoj volavano a bassa quota fu una brillante tattica. L’ombrello della superiorità aerea creato dai Fishbed permise agli altri velivoli dell’IAF di attaccare in condizioni favorevoli. Il MiG-21 infatti fu il re del dogfight nella guerra del 1971.

3dTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Mandela e il Mossad: come Israele ha corteggiato l’Africa nera

La storia sconosciuta di come Israele ha segretamente addestrato gli attivisti anti-apartheid in judo, sabotaggio e armi, tra cui Nelson Mandela
David Fachler Haaretz 20 dicembre 2013

D591-036-e1372106600842Nella copertura esaustiva della morte di Nelson Mandela e del suo atteggiamento ambiguo nei confronti dello Stato ebraico, un episodio che getta nuova luce su tale relazione deve essere raccontato dall’Archivio di Stato d’Israele. Tornando ai primi anni ’60, Israele era pronto a corteggiare gli Stati africani di recente decolonizzati, dimostrandogli quindi solidarietà votando sempre le risoluzioni delle Nazioni Unite che condannavano l’apartheid e il regime che lo sosteneva. Ciò ebbe conseguenze per la comunità ebraica sudafricana, colpita dall’ira del primo ministro Verwoerd e dal suo ministro degli Esteri Eric Louw, ma resero simpatico Israele ai movimenti anti-apartheid. L’ANC, allora guidato da Oliver Tambo, scrisse una lettera da Londra al presidente d’Israele Yitzhak Ben Zvi, ringraziandolo per le azioni d’Israele presso le Nazioni Unite. Circa tre mesi prima che Tambo inviasse la lettera, l’11 ottobre 1962, una lettera fu inviata da ciò che probabilmente era un agente del Mossad, Y. Ben Ari, presso l’ambasciata d’Israele in Etiopia, all’ufficio Africa del ministero degli Esteri israeliano, e contenente le seguenti informazioni:
Come ricorderete, tre mesi fa abbiamo discusso il caso di un tirocinante giunto presso l’ambasciata (israeliana) in Etiopia dal nome David Mobsari, proveniente dalla Rhodesia. Il suddetto fu addestrato dagli Etiopi (nome in codice per gli agenti del Mossad, secondo Haaretz) in judo, sabotaggio e armi. Salutò i nostri uomini con ‘Shalom’, aveva familiarità con i problemi degli ebrei e d’Israele, e dava l’impressione di essere un intellettuale. Il personale ha cercato di farne un sionista. Nelle conversazioni con lui, esprimeva una visione del mondo socialista e, a volte dava l’impressione che tendesse al comunismo. Ed ora appare dalle fotografie pubblicate sulla stampa sull’arresto in Sud Africa della ‘Primula Nera’, che il tirocinante dalla Rhodesia utilizzava uno pseudonimo, i due uomini sono la stessa persona.”
In risposta, 13 giorni dopo, il ministero degli Esteri confermava che la ‘Primula Nera’ era infatti Nelson Rolihlahla Mandela, che l’anno prima aveva organizzato uno sciopero nazionale e successivamente era entrato in clandestinità. ‘Primula Nera’ era il nome in codice per Nelson Mandela utilizzato dalle autorità sudafricane che gli davano la caccia. Curiosamente accennavano anche che fosse considerato dai sostenitori dell’ANC e da molti altri, la persona più importante nel movimento, nonostante Albert Luthuli fosse ancora il presidente dell’ANC. Quindi, Nelson Mandela, sotto pseudonimo, apprese l’uso di armi e le tecniche di sabotaggio dal personale dell’ambasciata, probabili agenti del Mossad, venendo lentamente spinto a diventare sostenitore dello Stato ebraico.
Questo episodio è notevole per una serie di motivi. Prima di tutto, Mandela non fu l’unico a partecipare a un programma di addestramento segreto israeliano: Israele aveva stabilito legami con  vari movimenti considerati sovversivi dal governo sudafricano. Un certo numero di ambasciate israeliane in Africa fornivano addestramento, consulenza e trasporti ai membri del Pan Africanist Congress, tra cui Potlkako Leballo, il capo della sua ala militante Poqo. Dato che il PAC era considerato anti-comunista e non allineato con l’Unione Sovietica, era più attraente per Israele  trattare con questo piuttosto che con l’ANC. Eppure, ciò che rende così affascinante tale contatto provvisorio con un Mandela pre-carcere, era la sua volontà di impegnarsi con gli israeliani, in primo luogo. L’epoca d’oro della cooperazione fra Israele e i movimenti di liberazione africani durò per tutti gli anni ’60. Golda Meir, ministro degli Esteri ed ardente ammiratrice dell’Africa nera, chiese clemenza nel processo Rivonia e la commutazione della condanna a morte. L’ufficio relazioni pubbliche dagli archivi nazionali israeliani, e la stampa israeliana, furono attenti a sottolineare le azioni di Golda Meir e l’aspetto pubblico del sostegno d’Israele agli attivisti anti-apartheid. Mentre ciò era un caso mirabile di attivismo umanitario, tuttavia, è difficile che sia tutta la storia. La storia  d’Israele con il Sudafrica è segnato non solo dai rapporti con coloro che si opponevano all’apartheid, ma anche dalle tensioni con questi stessi gruppi e individui verso Israele: la luna di miele con i movimenti di liberazione finì.
Uno storico non deve ipotizzare su ciò che sarebbe accaduto se Mandela non fosse stato catturato e processato dalle autorità sudafricane. Né quali sarebbero state le conseguenze per Israele, dopo il suo abbandono dell’Africa Nera negli anni ’70, e se non avesse favorito stretti legami con il regime dell’apartheid. Eppure questo episodio in qualche modo dimostra che le tensioni attuali non erano inevitabili. La liberazione di Mandela dalla prigione nel 1990, pose un dilemma ad Israele. Dopo quasi vent’anni di sostegno attivo al regime dell’apartheid, dovette venire a patti con il fatto che il Sud Africa cambiava rotta e attraversava una fase di transizione che avrebbe inevitabilmente posto  fine al dominio bianco nella Repubblica. Eppure, l’ambasciatore d’Israele in Sud Africa di allora, Zvi Gov-Ari, sembrava incapace di adeguarsi alla nuova situazione. Così, invece di cercare di coltivare i legami con l’ANC appena riconosciuto, il rappresentante d’Israele a Pretoria fece il  doppio passo falso di criticare Mandela, leader de facto del movimento, mentre esprimeva simpatia per Mangosuthu Buthelezi, visto quale burattino nero del governo nazionalista. Forse non  meraviglia che Israel Maisels, importante leader ebraico e sionista, solido avvocato della difesa nel processo Rivonia, non stimasse l’ambasciatore definendolo “stupidamente stronzo” (da Cutting through the Mountain: Interviews with South African Jewish Activists (1997), a cura di Immanuel Sutner).
Tornando in Israele, il venerabile Jerusalem Post, che in quel momento faceva del suo meglio per mostrarsi fedele al Likud, probabilmente rifletteva l’opinione del governo quando previde il 25 giugno 1991 che “se il leader dell’ANC Nelson Mandela assume il potere in Sud Africa, certamente non ci sarà una democrazia… Se lui o i suoi governeranno il Sud Africa, il Paese subirà un disastro totalitario assoluto e sarà un caso economico disperato“, e per sottolineare le sue fosche previsioni, il giornale dichiarò: “Se una piena e non segregata uguaglianza politica si avrà in Sud Africa, non sarà il violento ANC, che conta 300000 membri, a dominare. Gli Zulu e i loro seguaci, che sono sei milioni, i tre milioni di colorati (persone di sangue misto) alieni alle idee comuniste dell’ANC, il milione di indiani e i cinque milioni di bianchi, probabilmente formeranno una coalizione di governo un giorno. Solo allora ci sarà la possibilità che il Sud Africa sia libero e prospero“. Nessuno sa se il primo ministro israeliano Yitzhak Shamir e il suo gabinetto onestamente pensassero che Mandela non avesse un futuro politico in Sud Africa, ma il loro appoggio persistente al vecchio regime finì solo con l’ascesa al potere di Yitzhak Rabin e del suo Partito laburista. Con la nomina del dottor Alon Liel, diplomatico esperto e stretto alleato di Yossi Beilin, uno dei critici israeliani più rumorosi del regime bianco, Israele riuscì ad evitare qualche danno coltivando legami con l’ANC. Infatti il processo di pace israelo-palestinese del 1993 fornì ad Israele maggiori opportunità di riconciliarsi con l’ANC al governo, solidale e grato verso le prospettive di una soluzione pacifica tra lo Stato ebraico e la sua controparte palestinese. Purtroppo, fallito il processo di Oslo, le relazioni tra Israele e la Repubblica continuarono ad essere tese, come oggi.
Con la morte di Mandela, Israele aveva ancora una volta la possibilità di sanare almeno una parte dei danni che aveva causato in passato, inviando una delegazione di alto livello comprendente almeno il capo del governo e il capo dello Stato. Non è stato così, optando invece per l’invio dello speaker della Knesset. Purtroppo Israele ha dimostrato più follia che malizia, fraintendendo ancora il nuovo Sud Africa, e le ripercussioni si faranno sentire non solo in ambito diplomatico, ma anche nella comunità ebraica del Sudafrica.

David Fachler ha conseguito un master in Diritto nel Sud Africa (LLM) e un master in Ebraismo contemporaneo alla Hebrew University, Gerusalemme (MA).

Mandela fu addestrato da agenti del Mossad in Etiopia
Documento d’archivio top-secret rivela anche che Mandela aveva ‘familiarità con i problemi degli ebrei e d’Israele’ e che agenti israeliani cercarono di ‘farne un sionista’
Ofer Aderet e David Fachler Haaretz 20 dicembre 2013

131207-peresmandela-vlg-6p.photoblog600Nelson Mandela, l’ex leader sudafricano morto all’inizio di questo mese, fu addestrato in armi e sabotaggio da agenti del Mossad, nel 1962, pochi mesi prima di essere arrestato in Sud Africa. Durante l’addestramento, Mandela espresse interesse per i metodi dell’Haganah clandestina e veniva  considerato dal Mossad tendente al comunismo. Queste rivelazioni provengono da un documento dell’Archivio di Stato di Israele etichettato “Top Secret.” L’esistenza del documento viene rivela qui per la prima volta. Emerge, inoltre, che agenti del Mossad cercarono di incoraggiarne le simpatie sioniste.
Mandela, il padre del nuovo Sudafrica e premio Nobel per la Pace, guidò la lotta contro l’apartheid nel suo Paese dagli anni ’50. Fu arrestato, processato e liberato un certo numero di volte prima di finire seppellito nei primi anni ’60. Nel gennaio 1962, segretamente e illegalmente fuggì dal Sud Africa e visitò diversi Paesi africani, tra cui Etiopia, Algeria, Egitto e Ghana. Il suo obiettivo era incontrare i leader dei Paesi africani e raccogliere il sostegno finanziario e militare per l’ala armata del clandestino African National Congress. Una lettera inviata dal Mossad al Ministero degli Esteri a Gerusalemme, rivela che Mandela seguì un addestramento militare del Mossad in Etiopia, durante tale periodo. Gli agenti non conoscevano la vera identità di Mandela. La lettera, classificata top secret, è datata 11 ottobre 1962, circa due mesi dopo che Mandela venisse arrestato in Sud Africa, poco dopo il suo rientro nel Paese. Il Mossad inviò la lettera a tre destinatari: il capo dell’ufficio Africa del ministero degli Esteri, Netanel Lorch, che divenne il terzo segretario della Knesset; il Maggior-Generale Aharon Remez, capo del dipartimento del ministero della cooperazione internazionale e primo comandante dell’Israeli Air Force, e Shmuel Dibon, ambasciatore d’Israele in Etiopia tra il 1962 e il 1966 ed ex-capo dell’ufficio Medio Oriente presso il ministero.
L’oggetto della lettera era “la Primula Nera”, il termine che media sudafricani già utilizzavano per indicare Mandela. Basandosi sulla primula rossa, il nome di battaglia dell’eroe del romanzo della baronessa Emma Orczy, che salvava i nobili francesi dalla ghigliottina durante la Rivoluzione francese.
Come ricorderete, tre mesi fa abbiamo discusso il caso di un tirocinante giunto presso l’ambasciata (israeliana) in Etiopia dal nome David Mobsari, proveniente dalla Rhodesia. Il suddetto fu addestrato dagli Etiopi (nome in codice per gli agenti del Mossad, secondo Haaretz) in judo, sabotaggio e armi.” La lettera ha anche osservato che il soggetto in questione “ha mostrato interesse per i metodi dell’Haganah ed altri movimenti clandestini israeliani”, aggiungendo “Salutò i nostri uomini con ‘Shalom’, aveva familiarità con i problemi degli ebrei e d’Israele, e dava l’impressione di essere un intellettuale. Il personale ha cercato di farne un sionista”, scrisse l’agente del Mossad  “Nelle conversazioni con lui, esprimeva una visione del mondo socialista e, a volte, dava l’impressione che tendesse al comunismo”. La lettera prosegue, notando che l’uomo che si faceva chiamare David Mobsari era lo stesso che era stato recentemente arrestato in Sud Africa. “Ed ora appare dalle fotografie pubblicate sulla stampa sull’arresto in Sud Africa della ‘Primula Nera’, che il tirocinante dalla Rhodesia utilizzava uno pseudonimo, i due uomini sono la stessa persona.”
Una nota scritta a mano sulla lettera fa riferimento a un’altra lettera inviata circa due settimane  dopo, il 24 ottobre 1962. L’annotazione osservava che la “Primula Nera” era Nelson Mandela, seguita da una breve recensione che citava un articolo di Haaretz su Mandela.
Tale lettera è rimasta per decenni negli Archivi di Stato d’Israele e non è mai stato resa pubblica. Fu scoperta pochi anni fa da David Fachler, residente ad Alon Shvut, mentre si occupava di documenti sul Sud Africa per una tesi sulle relazioni tra il Sudafrica e Israele presso l’Istituto per l’ebraismo contemporaneo dell’Hebrew University.

Nelson Mandela fu addestrato dal Mossad nel 1962
Un lettera depositata negli archivi di Stato israeliani rivela che l’icona sudafricana fu addestrata sotto falsa identità
Harriet Sherwood The Guardian, 20 dicembre 2013

untitledNelson Mandela a quanto pare ricevette l’addestramento militare dal Mossad, in Etiopia nel 1962, senza che il servizio segreto israeliano ne conoscesse la vera identità, secondo una lettera depositata negli archivi di Stato israeliani. La missiva, rivelata dal giornale israeliano Haaretz due settimane dopo la morte del leader sudafricano, afferma che Mandela fu istruito nell’uso delle armi e delle tecniche di sabotaggio, e fu incoraggiato a sviluppare simpatie sioniste. Mandela ha visitato altri Paesi africani nel 1962, al fine di raccogliere sostegno per la lotta del Congresso nazionale africano contro il regime dell’apartheid in Sud Africa. Mentre era in Etiopia, cercò aiuto presso l’ambasciata israeliana, utilizzando uno pseudonimo, secondo la lettera classificata top secret inviata ai funzionari israeliani nell’ottobre 1962. Il suo oggetto era la “Primula Nera”, termine usato dalla stampa sudafricana per riferirsi a Mandela. Haaretz afferma che la lettera riporta: “Come ricorderete, tre mesi fa abbiamo discusso il caso di un tirocinante giunto presso l’ambasciata (israeliana) in Etiopia dal nome David Mobsari, proveniente dalla Rhodesia. Il suddetto fu addestrato dagli Etiopi (nome in codice per gli agenti del Mossad, secondo Haaretz) in judo, sabotaggio e armi.
Aggiungeva che l’uomo aveva mostrato interesse per i metodi dell’Haganah, organizzazione paramilitare ebraica che combatté contro i dominatori inglesi e la popolazione araba della Palestina negli anni ’30 e ’40, e di altri movimenti clandestini israeliani. E continua: “Salutò i nostri uomini con ‘Shalom’, aveva familiarità con i problemi degli ebrei e d’Israele, e dava l’impressione di essere un intellettuale. Il personale ha cercato di farne un sionista. Nelle conversazioni con lui, esprimeva una visione del mondo socialista e, a volte dava l’impressione che tendesse al comunismo. Ed ora appare dalle fotografie pubblicate sulla stampa sull’arresto in Sud Africa della ‘Primula Nera’, che il tirocinante dalla Rhodesia utilizzava uno pseudonimo, i due uomini sono la stessa persona.”
Secondo Haaretz, una successiva annotazione manoscritta alla lettera confermava che la Primula Nera fosse Mandela. Il giornale ha detto che la lettera era conservata negli archivi di Stato, e che fu scoperta alcuni anni fa da uno studente nella ricerca per una tesi sui rapporti tra Israele e Sud Africa. Il sito del ministero degli Esteri d’Israele si riferisce ad un documento che conferma l’incontro tra Mandela e un funzionario israeliano in Etiopia nel 1962, ma non fa alcun riferimento esplicito al Mossad o a un qualsiasi tipo di addestramento.
Una nota del 9 dicembre 2013 dice: “L’Archivio di Stato d’Israele detiene un documento (non rilasciato per la pubblicazione) che dimostra che Mandela (sotto falsa identità) s’incontrò con un rappresentante ufficiale d’Israele in Etiopia già nel 1962… Il rappresentante israeliano non era a conoscenza della vera identità di Mandela. Invece i due discussero dei problemi d’Israele in Medio Oriente, con Mandela che dimostrava un ampio interesse sulla materia. Solo dopo il suo arresto nel 1962, al suo ritorno in Sud Africa, Israele ha saputo la verità.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La rivoluzione rumena: dove erano i 30000 agenti del KGB nel 1989?

Valentin Vasilescu, Reseau International, 16 dicembre 2013

Recentemente, è apparso evidente che Ceausescu probabilmente fu ucciso dai generali dell’esercito rumeno in collaborazione con i servizi segreti ungheresi, statunitensi e della NATO. Per nascondere la verità, diffusero la falsa tesi della presenza di “turisti” russi, il cui numero aveva raggiunto i 100000, ma ora sappiamo che in realtà non esistettero mai. Chi ha letto il mio articolo, Il Tesoro di Ceausescu, pensando che non si poteva fare di peggio al popolo rumeno, avrà un terribile shock alla lettura dei seguenti episodi dedicati agli eventi del dicembre 1989, origine dei mali della Romania.

7romanian_revolution_1989_demonstrators-1In una chiara e concisa lettera, Mihai Caraman, direttore dell’intelligence estera, chiese ai sovietici di ritirare i loro commando, circa 25000-30000 elementi.” La dichiarazione fu rilasciata da Petre Roman, primo ministro della Romania nel dicembre 1989 – settembre 1991. Roman sostenne che nel dicembre 1989 37000 turisti sovietici entrarono Romania e che appartenessero al KGB. E che 25000 di loro rimasero in Romania fino all’ottobre 1990. Come gli agenti del KGB poterono entrare e restare in Romania nel 1989-1990, Roman non lo disse. Se entriamo nella logica di Petre Roman,  numero due di Ion Iliescu al FSN (Fronte nazionale di salvezza, creato in segreto sei mesi prima), lui e il suo regime sarebbero stati installati dai sovietici. Pertanto i sovietici, e non qualcun altro, furono responsabili dei morti del 22 dicembre 1989 a Timisoara e Bucarest. Tutti i sovietici erano colpevoli, cosa che suscitò la lotta antiterrorismo che lui e Ion Iliescu attivarono nel pomeriggio del 22 dicembre. Secondo la logica di Petre Roman, i russi rovesciarono Ceausescu per mettere al potere Ion Iliescu e lui, per garantirsi che il Paese rimanesse per sempre nella loro sfera d’influenza. Cioè non aderire alla NATO (come fece lo stesso Ion Iliescu nel 2004) o all’Unione europea. Questi tizi ci prendono per idioti? Non sarebbero i soli, con Sergiu Nicolaescu che porta i turisti sovietici nel 1989 a 54000, o 30000 più di quanto non lo furono nel 1988, assicurando che tra loro almeno 20000 fossero soldati del GRU (il servizio d’intelligence militare sovietico). Nicolaescu mise tutto sul conto di un accordo tra Gorbaciov, Kohl, Mitterrand e Bush. Spiegò che nel 1988-89 decisero di prendere alcune misure contro Ceausescu e la Romania. Quali fossero, non lo dice. Ma durante il periodo indicato da Sergiu Nicolaescu e Petre Roman, che non vuole morire nelle tenebre dell’ignoranza, Ceausescu impose restrizioni ai turisti sovietici in Romania, con la decisione n° 20/016750 del 17 dicembre 1989. Sempre il 18 dicembre furono respinte centinaia di vetture immatricolate in URSS che giunsero ai valichi di frontiera della Romania, ma non fu concesso alcun visto o passaporto a cittadini sovietici o a rumeni residenti in URSS che volevano visitare le famiglie in Romania per le festività natalizie. Mentre negli hotel di Timisoara e Bucarest non vi erano che un paio di centinaia di turisti sovietici, quindi gli agenti del KGB avrebbero dovuto dormire nelle loro “Lada“. Pertanto, i romeni non avrebbero potuto protestare contro Ceausescu, a piedi, a Timisoara, Bucarest e Cluj occupate da 10000 auto “Lada“, ciascuna con a bordo 3-4 agenti sovietici…(*)
La sera del 21 dicembre 1989, il contrammiraglio Stefan Dinu, a capo dell’Agenzia d’Intelligence Militare (DIA) avviò un diversivo per interrompere le attività spionistiche contro il servizio di sicurezza. La DIA affermò di aver catturato “turisti” che in realtà erano agenti di KGB e GRU che avrebbero avuto una missione simile all’invasione sovietica della Cecoslovacchia nel 1968. Dinu disse che aveva trovato tra i turisti arrestati un elenco completo con le foto allegate degli agenti del controspionaggio romeno da eliminare. Sostenendo che nel 1968 KGB e GRU avevano rastrellato e bloccato negli uffici dei servizi d’intelligence tutti gli agenti del controspionaggio della Cecoslovacchia, che furono poi messi al muro e giustiziati uno per uno con un colpo nella nuca. Siccome nessuno ebbe l’idea di controllare ciò, la voce della DIA diede i suoi frutti. Perché, negli  eventi dell’agosto 1968, 72 cittadini cecoslovacchi furono uccisi con armi da fuoco, la maggior parte manifestanti, e nessun agente dei servizi segreti. Alla luce di tali informazioni, la mattina del 22 dicembre 1989, alcuni comandanti delle guarnigioni nelle città in cui vi erano uffici e centri d’ispezione della sicurezza ebbero l’ordine di costituire gruppi di miliari comandati da ufficiali, per arrestare presso le loro unità tutti gli agenti di sicurezza, in particolare quelli della struttura UM 0110 (che si occupava delle spie dai Paesi socialisti). Dopo che gli agenti di sicurezza furono arrestati dalle unità militari, naturalmente per proteggerli da KGB e GRU, furono isolati e messi sotto scorta armata per una settimana, durante cui si ebbe la cosiddetta lotta antiterrorismo. Ma tale pratica è impiegata solamente dagli agenti degli Stati Uniti, che l’utilizzarono nell’invasione dell’Iraq del 2003, con il famoso mazzo di carte che indicava le persone a uccidere.
La sera del 22 dicembre 1989, un gruppo di civili con bracciali tricolori entrò nella sede dell’UM 0110 di via Roma. L’esercito fu quindi lasciato senza sicurezza e agenti del controspionaggio operativi. I civili che ne erano a conoscenza, ma senza conoscere tutti i dettagli su KGB e GRU, poterono liberamente sequestrare gli archivi, che non furono mai ritrovati. L’unità fu sciolta a fine  dicembre 1989 dall’autorità appena installata, in cui vi erano Petre Roman e Mircea Dinescu. Qual era la realtà sul terreno che Petre Roman voleva coprire con un petardo bagnato? Affronteremo la questione nei futuri articoli.

Note:
(*): Non esistevano targhe di Russia, Moldavia, Ucraina e altre nell’epoca sovietica. Le targhe erano formate da gruppi di 3 lettere e 4 numeri. Le targhe valide nel 1982-1993 sono quelle di sinistra… senza segni distintivi per Paese… delle repubbliche dell’Unione Sovietica.

Rivoluzione rumena: vittoria della rivolta di Timisoara o separazione della Transilvania dalla Romania?
Valentin Vasilescu, Reseau International, 18 dicembre 2013

harta5In un altro articolo su Timisoara abbiamo detto che per simulare una massiccia repressione, Tokes ebbe bisogno di veterani delle operazioni speciali per indurre una manifestazione di piazza, creando la percezione che l’esercito non avrebbe sparato. Tale percezione suggerisce che i generali dell’esercito fossero convinti che, una volta presa Timisoara, Ceausescu sarebbe caduto. Ancora una volta, tutto ciò fu forse solo un’impressione che non poté resistere a un’esame. In realtà, probabilmente, i generali ebbero fin dall’inizio un ruolo attivo nello scenario immaginato dai servizi segreti stranieri e già avviato. Una volta soddisfatte tali condizioni, il movimento della folla e la falsa percezione che essa potesse fraternizzare con l’esercito, la fase successiva fu il lancio dello slogan dei veterani della guerriglia urbana: “L’esercito è con noi!” Nessuno lavorava a Timisoara, le manifestazioni di piazza spontanee furono organizzate e strutturate dalle imprese (6 Marzo, Azur, UMT, Electromures, Spumatim, Detergentul, Banatul, ELBA, Electromotor e Solventul), ogni colonna era inquadrata da uomini che, finora, non erano mai stati identificati. La disciplina venne imposta ai manifestanti dalla vigilanza di questi uomini, che vietava ad estranei l’adesione alle colonne dei manifestanti e che controllava le entrate alle aziende.
Il 17 dicembre 1989, durante la notte, s’innescarono le provocazioni simulanti le operazioni di una massiccia repressione dell’esercito. In questa fase non c’era bisogno di creare gravi danni, ma solo d’indurre brevemente il panico e il caos per dare l’impressione della disorganizzazione delle guardie delle unità militari. Cioè, quando gli individui, finora sconosciuti ma certamente veterani della guerriglia urbana, aprirono il fuoco da edifici vicini e da auto in movimento sulle unità militari e le guardie in uniforme sulle strada, provocando le prime vittime della rivoluzione. Nel frattempo, su alcune unità militari furono lanciate bottiglie molotov, bruciandone i depositi, dimostrando che coloro che l’avevano fatto furono scelti tra coloro che conoscevano perfettamente le caserme. Nel frattempo furono lanciati slogan radicali: “Abbasso Ceausescu”, “Libertà, libertà”, “Oggi, a Timisoara, domani in tutto il Paese“. Alle 18:45 i generali Gusa e Stanculescu ebbero un vertice con Ceausescu, dove lo costrinsero a consegnargli ciò che realmente volevano: il codice “Radu cel Frumos“, vale a dire l’allerta parziale. Così, la notte del 17/18 dicembre, durante tale simulazione della repressione di massa, vi furono 66 morti e 196 feriti e il 18/19 dicembre altri 7 morti e 98 feriti. L’effetto cercato dai generali Stanculescu e Gusa fu raggiunto. Per le strade di Timisoara si raccolsero più di 200000 persone, nel corso della giornata. Nella notte, le strade si svuotarono dei manifestanti per riempirle il secondo giorno, gridando: “Vogliamo un governo democratico,” “Vogliamo elezioni libere”, “Iliescu“. C’era già un cambiamento significativo nell’atteggiamento della popolazione che si diffuse per contagio in tutto il Paese. L’odio della popolazione contro Ceausescu crebbe preparando il piano del colpo di Stato.
In questo contesto, la stampa occidentale, incaricata di esagerare all’infinito, iniziò una campagna mediatica per demonizzare Ceausescu. I giornalisti occidentali a Timisoara avevano “trovato” e trasmesso immagini e filmati di una fossa che nascondeva da 4000 ad oltre 10000 vittime delle sicurezza. Successivamente, si constatò che non vi erano più di 19 corpi di persone morte per cause naturali e non reclamati dai parenti all’obitorio della contea, sepolti pochi mesi prima del dicembre 1989. Questo è il motivo per cui la maggior parte dei corpi erano senza vestiti, alcuni dei quali  legati con filo spinato. Attraverso questa operazione, al di fuori dei confini della Romania, si creò l’immagine di Ceausescu quale assassino, avendo massacrato il suo popolo, così nessun Paese al mondo avrebbe avuto il coraggio di sostenerlo in qualsiasi modo. La domanda rimasta volontariamente senza risposta finora era: perché Timisoara è stata scelta come centro per attuare le due operazioni: l’avvio e la simulazione di una massiccia rappresaglia nel piano per rovesciare il regime di Ceausescu. A questo punto, dovrò ricorrere a nozioni di geografia militare. A causa delle caratteristiche della catena montuosa dei Carpazi occidentali, l’attacco da ovest alla Romania, dall’Ungheria, è possibile solo da due direzioni operative. La prima è la “Porta sul fiume Somes” che attraversa il massiccio Apuseni, per il valico di Ciucea, tra le montagne Plopis e Vladeasa, seguendo la strada Carei Zalau-Cluj-Tg.Mures-Sfiatu Gheorghe. Agendo in questo modo, l’Ungheria non può togliere alla Romania che meno della metà della Transilvania, come nel caso del Trattato di Vienna del 30 agosto 1940. La seconda direzione è dalla porte di Mures per due direzioni operative, una da Arad a Lipova seguendo il fiume Mures, e l’altra per Timisoara, Timis e Bega.
Agendo seguendo tale seconda direzione operativa, dalla “Porta di Mures”. l’esercito ungherese poteva bloccare i passi dei Carpazi, in un primo momento, per poi passare gradualmente verso l’altopiano della Transilvania. Dato che la maggioranza etnica ungherese vive nelle depressioni di Giurgeu, Ciuc e Brasov, il blocco è molto più facile sui colli Paltinis, Tulghes, Bicaz, Ghimes e Oituz, nei Carpazi orientali, tagliando i collegamenti tra la Transilvania e la Moldavia, consentendo all’esercito ungherese di occupare l’intera Transilvania.
Nelle prime ore del 20 dicembre 1989, l’esercito ebbe l’ordine dal generale Gusa di non sparare più e di fornire munizioni ai leader dei manifestanti. La folla in quel momento, non riconosceva lo stato di diritto e i leader legittimamente eletti della Romania, e la sua azione fu inquadrata secondo i modelli separatisti, sebbene la maggior parte dei suoi dirigenti non se ne rendesse conto. E il 21 dicembre 1989 fu creata un’enclave separatista nel Banato e nelle due contee orientali vicine, potendo controllare le strade accennate nello scenario operativo della Porta di Mures. Questo era anche il luogo dove erano presenti forti presidi militari. Quindi, se per qualsiasi motivo il colpo di Stato non si fosse verificato o fosse fallito, e Ceausescu fosse rimasto al potere, il piano B “Marcel” poteva essere applicato in conformità alla Dichiarazione di Budapest del 16 giugno 1989. L’esercito ungherese avrebbe attraversato a tutta velocità dei corridoi specifici lasciati liberi dal dispositivo militare rumeno, ora sotto il comando dei leader secessionisti in tutti i settori chiave del dispositivo di azionamento delle porte di Mures. La Romania sarebbe stata ridotta al territorio antecedente la prima guerra mondiale.

Valentin Vasilescu, pilota ed ex-vicecomandante della base militare presso l’aeroporto Otopeni, laureato in Scienze Militari presso l’Accademia di Studi Militari di Bucarest, nel 1992.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 344 follower