Cosa succede nella misteriosa Area 51?

RussiaToday 10 agosto 2014

Le immagini satellitari della base statunitense Area 51 mostrano ciò che sembra la costruzione di un enorme hangar. Dimensioni, posizione e tempistica della costruzione di questa struttura porta molti a chiedersi: che cosa nasconde?

sat_image_2011_03Nell’agosto 2013, la CIA riconobbe l’esistenza della base militare Area 51 nel deserto del Nevada, utilizzata per programmi di test di volo segreti. Durante la guerra fredda il sito fu utilizzato per testare gli aerei spia in grado di coprire lunghe distanze e volare ad alta quota. Fu costruita nel 1954 presumibilmente come base segreta in cui l’azienda aerospaziale Lockheed Aircraft Corporation potesse sviluppare gli aerei per la CIA. Da allora la base ha continuato a crescere. Nel 2007 una struttura che, secondo alcuni esperti potrebbe contenere il drone-spia segreto RQ-180, fu costruita dalla Northrop-Grumman. Tuttavia, recenti foto satellitari mostrano quello che sembra essere la costruzione di un nuovo grande hangar suscitando grande interesse. Le immagini possono essere visualizzate sul sito Terraserver. Si trova alla fine della pista, a sud della base, come il giornalista Tyler Rogoway, specialista nella difesa, ha pubblicato in un articolo su Jalopnik. Questa posizione potrebbe consentire l’accesso rapido alla pista degli aeromobili all’interno dell’hangar, aggiunge. Secondo l’esperto, i velivoli potrebbero nascondersi ed evitare di essere spiati dai satelliti.

RQ-180-in-flightVolo ipersonico? Nuovo bombardiere?
Alcuni esperti ritengono che si tratti di una base per le operazioni di Lockheed e Boeing per il nuovo prototipo del potente bombardiere strategico LRS-B, cosa logica dato che l’hangar costruito nel 2007 presumibilmente appartiene alla Northrop-Grumman. In alternativa, aggiunge Rogoway, la struttura ospiterebbe i nuovi prototipi delle aziende dell’industria degli armamenti. Il fatto che tale struttura sia così lontana dal resto delle infrastrutture dell’Area 51, potrebbe indicare che vi sia un sistema d’ama che può eseguire attacchi complessi. Rogoway suggerisce che potrebbe anche essere un velivolo in grado di volare a velocità ipersonica, cioè un aeromobile che in pochi minuti potrebbe trasferirsi in un Paese lontano e attaccarlo. Ciò si adatterebbe all’idea dell’amministrazione Obama di impegnarsi in guerre a bassa intensità in cui droni e non forze militari sul terreno, eseguano gli attacchi. Nell’hangar dei misteriosi droni-spia potrebbero esservi gli SR-72 Blackbird, che possono attraversare il territorio degli Stati Uniti in meno di un’ora e, come previsto, entreranno in servizio nelle forze armate statunitensi nel 2030. Secondo l’articolo su Jalopnik, per decenni s’è cercato di sviluppare un velivolo da trasporto furtivo a decollo e atterraggio corto, e qui potrebbe essere ospitato. Oppure, forse si tratterebbe di un velivolo da trasporto tattico furtivo. La struttura sarebbe perfetta per scaricare carichi segreti di dimensioni sproporzionate per tale tipo di trasporto. Tuttavia, secondo l’esperto, sulla base delle immagini satellitari appare più probabile che l’hangar ospiti il nuovo bombardiere strategico a lungo raggio. In realtà, il mese scorso l’USAF annunciava una concorso per sviluppare questo velivolo.
Non sono ancora noti i velivoli che in futuro saranno ospitati nell’enorme hangar, ma “una cosa è certa: l’Area 51 testa grandi e piccoli aeromobili segreti e sembra che gli affari vadano a gonfie vele“, dice Rogoway.

U.S.-Air-Force_Lockheed-Martin-long-range-strike-(LRS)-Aircraft_180113Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il volo MH-17 abbattuto da un jet da combattimento ucraino?

Valentin Vasilescu Reseau International 10 agosto 2014

Il punto di vista che segue è di Valentin Vasilescu, ex-pilota dell’aeronautica rumena. Sa di cosa parla e il suo testo contiene alcune sorprese…

138-600x337Ho spiegato in dettaglio e in diversi articoli che il presunto missile superficie-aria Buk-1M invocato da USA e Ucraina non poteva essere lanciato e quindi abbattere il Volo MH-17. Non è stata rilevata alcuna emissione di un fascio di onde elettromagnetiche di puntamento dalle caratteristiche del complesso Buk-1M, e nessuna grande scia di condensa bianca da terra, di solito della lunghezza di 10-35 km, e persistente per qualche minuto dal lancio.
Gordon Duff, veterano dei marines del Vietnam e redattore di Veterans Today, non considera neanche credibile l’abbattimento del MH-17 con un missile superficie-aria, pensando che l’aereo malese sia stato oggetto di una bomba a bordo, o del tiro dei cannoni di un aereo ucraino.  Arrivando per primo sulla scena, il canadese Michael Bociurkiw, un membro della delegazione OSCE, ha esaminato i resti della cabina di pilotaggio del B-777 concludendo che era stato colpito da proiettili d’artiglieria di piccolo calibro sparati a raffica. Chi ha pianificato tale crimine è lo stesso che deliberatamente ha avviato la falsa pista del missile superficie-aria. Il piano di tale attacco è opera di un malvagio, attaccando il volo MH-17 con dei cannoni si creano le condizioni per dare l’impressione che una piccola bomba sia esplosa nella cabina di volo. Il 23 luglio 2014, una relazione della corrispondente della BBC Olga Ivshina fu censurata dalla direzione della BBC. In questa relazione, testimoni di Donetsk confermano la presenza di un altro aereo da guerra ucraino presso il MH-17, al momento dell’incidente. Improvvisamente, la storia di Olga Ivshina smentisce anche la versione dello SBU ucraino, che parla di missile superficie-aria. La censura imposta dai media occidentali non può nascondere la fusoliera del lato destro della cabina di pilotaggio dell’aereo, trafitta da fori di schegge dai bordi ripiegati verso l’esterno, indicando che piccole esplosioni si erano verificate all’interno della cabina di pilotaggio. Ma i fori dei proiettili perfettamente rotondi, entrati dalla parte opposta, attraversarono la cabina senza esplodere. Mentre la testata di un missile Buk-1M sarebbe esplosa in una grande palla di fuoco.

BtL-VxSCIAIpt6oI fori nel pannello della fusoliera del lato destro della cabina del volo MH-17 sono stati prodotti da un tipo di proiettile esplosivo-incendiario incendiando la cabina di pilotaggio. Piccoli frammenti in lega di alluminio del parabrezza si sciolsero a causa del tiro. P5_038Nelle cartucce a nastro per i cannoni a bordo degli aerei da combattimento, l’otturatore inserisce alcuni colpi in lega di tungsteno (avendo una maggiore capacità di penetrazione) simile al sistema statunitense basato sull’uranio impoverito. Non al punto di esplodere, perfora la fusoliera del velivolo attraversando la cabina di pilotaggio.

MH17I colpi sono stati sparati da un pilota di caccia esperto che ha mirato solo alla cabina di volo. Ciò è dimostrato dal fatto che la sezione posteriore della fusoliera della cabina è rimasta intatta e senza fori che possano essere causati da schegge.
7bef0c9d3f13802befaf2e56d00a689e_articleQuando il Boeing 777 delle Malaysia Airlines, matricola 9M-MRD, è scomparso dal centro di controllo del traffico aereo ACC di Dnepropetrovsk, era a una quota di 10300 m. La scomparsa fu determinata dallo spegnimento del transponder del volo MH-17 e dall’interruzione del funzionamento della radio ricetrasmittente, alimentata elettricamente e montata nella cabina. In quel momento, l’aereo cadde in picchiata a quasi 90 gradi. Molto probabilmente per inabilità fisica dell’equipaggio nel controllare l’aeroplano, e per la distruzione dei comandi di trasmissione, cloche e cruscotto. Nessun media ha parlato di una cosa fondamentale del Boeing 777: i comandi di volo del pilota vengono trasmessi dalla cabina dai circuiti elettrici, il fly-by-wire. Un corto circuito dell’impianto elettrico nella cabina avrebbe spento transponder e radio ricetrasmittente. Alla conferenza stampa del Ministero della Difesa della Federazione Russa del 21 luglio 2014, il Capo di stato maggiore generale e il comandante dell’aeronautica, Tenenti-Generale Andrej Kartopolov e Igor Makushev, smantellarono le bugie architettate dai vertici USA e della NATO e amplificate dai media occidentali. I russi, che sanno con certezza chi ha abbattuto il volo MH-17, hanno dato una testimonianza vitale che, se presa in considerazione, permetterebbe immediatamente agli investigatori dell’aviazione internazionale di trovare la causa probabile dell’incidente al velivolo delle Malaysia Airlines. Così, i funzionari russi hanno dimostrato l’esistenza di un aereo da combattimento ucraino che avrebbe intercettato il Malaysia Airlines, tre minuti prima dell’incidente, stimando la distanza che lo separava dal Malaysia Airlines a 3-5 km.
radar_voeVa notato che i controllori del centro del traffico civile ACC di Dnepropetrovsk furono continuamente monitorati da un gruppo di soldati. Nel doc. 4444 (Procedure e regole per i servizi di navigazione aerea) emesso dall’Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile, l’articolo 7.4.4 stabilisce che la distanza minima consentita tra due aerei si basa sulle loro turbolenze. Il Boeing 777 (MMD da 299370 kg) appartiene alla categoria degli aeromobili pesanti (H – Heavy). Tra i velivoli di tale categoria e quello da 10-20 t, come nel caso dei caccia, il doc. 4444 richiede ai controllori del traffico aereo uno spazio di almeno 9,3 km. Cosa cercava il caccia ucraino, deliberatamente guidato dai controllori del traffico aereo ucraino, a tre chilometri dal volo MH-17 e perché l’ICAO ed Eurocontrol hanno nascosto tale flagrante violazione delle regole della navigazione? Quando il Boeing 777 è stato abbattuto, a 30 miglia da Tamak, era nel processo di trasferimento dal controllo dalla regione di Dnepropetrovsk (che si occupa dello spazio aereo in Ucraina orientale) a quello della regione di Rostov sul Don (nello spazio aereo russo). Lo stesso documento 4444, capitolo 7.5 (controllo del trasferimento radar) obbliga gli organi del traffico civile e militare ucraino ad una distanza minima che consenta la separazione radar tra l’aereo MH-17 e il caccia ucraino, sufficiente a garantire il trasferimento del velivolo malese ai russi. La separazione normale per un aeromobile di categoria H, seguito da un caccia, è di almeno 11,1 km (fig. VI-1A e VI-1B). Così gli ucraini abbatterono l’aereo malese quando lo consegnavano ai russi. Prima conclusione, grazie alle prove presentate alla conferenza stampa, i generali russi hanno dimostrato chiaramente la complicità delle autorità civili e militari nell’abbattere il Volo MH-17 con aerei da combattimento ucraini. I generali russi hanno deliberatamente tralasciato le discussioni riguardanti le stime sulla distanza esatta tra l’aereo da caccia ucraino e l’aeromobile civile malese (3-5 km) prima dello spegnimento del transponder del volo MH-17. Ma non il fatto che il caccia fosse guidato dai controllori ucraini per intercettare il volo MH17 ed abbatterlo. Come ho già notato, il documento 4444, capitolo 7.5 (trasferimento del controllo radar) indica che a causa di limitazioni tecniche, la distanza minima per una separazione radar tra aeromobili categoria H, come un Boeing 777, e un caccia vicino è di 11,1 km. Se la separazione radar minima dell’aviazione civile tra aerei è di 11 km, si può supporre che i radar militari russi siano più efficienti dei simili statunitensi, con un minimo di 4 km. Quando la distanza tra i due velivoli è meno di 4 km, i due segnali si fondono sullo schermo radar. Ma i russi dicono che secondo la sua velocità, il caccia ucraino aveva superato la soglia dei 4 km, proseguendo l’approccio verso il volo MH-17 entrando nella ZAP (possibile area di attacco) per le armi di bordo. Fino a che punto il caccia ucraino s’è avvicinato al volo MH-17? Prima di puntare e sparare sulla cabina di pilotaggio del velivolo, una sezione della lunghezza di 6 m del B-777, che ha una lunghezza di 64,8 m, doveva entrare interamente nel puntatore del pilota del caccia. Il dispositivo di puntamento e calcolo balistico automatico diede al pilota i parametri necessari per i proiettili che colpirono la fusoliera del volo MH-17. Il modo migliore per colpire la cabina di guida era avvicinarsi quasi perpendicolarmente alla rotta del MH-17, il pilota del jet da combattimento era nelle condizioni giuste per sovrapporre la linea di tiro delle sue armi sul punto di tiro alla distanza di 900 m dal B-777. Se la velocità di avvicinamento era di circa 280-300 m/s, ripetere l’attacco era impossibile, e il pilota del caccia aveva 3-4 secondi per tutte queste manovre, dovendo smettere l’attacco ad una distanza di 150m. Ciò implica decine di ore di addestramento su simulatori di volo in condizioni simili a quelle in cui il volo MH-17 è stato abbattuto.
73167_html_m2148ff93Il Ministero della Difesa russo sapeva che l’aereo malese non è stato abbattuto da un missile Buk-1M, ma alla conferenza stampa del 21 luglio 2014, il Capo di Stato Maggiore Generale e il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica russa mostrarono le immagini satellitari, al momento della distruzione del volo MH-17, del trasferimento in zona di 4 batterie di Buk-1M ucraine. Cosa volevano comunicare i generali russi? La guerra civile al confine con la Russia, dove l’esercito ucraino utilizza aerei da combattimento, può creare una situazione che può involontariamente o consapevolmente portare alla violazione dello spazio aereo russo. Si possono, per esempio, attaccare città russe al confine con il pretesto di cercare le forze di autodifesa. Tale possibilità ha costretto l’esercito russo ad intraprendere azioni che qualsiasi altro Stato avrebbe preso. Nei casi in cui i radar di sorveglianza dell’esercito russo segnalassero formazioni di velivoli ucraini decollare e avvicinarsi al confine con la Russia, l’esercito russo creerebbe alcune aree di pattugliamento aereo. Queste aree si trovano a 50-75 km dal confine con l’Ucraina e vi pattugliano velivoli da combattimento come 2 Su-27M o Su-30 armati per il combattimento aereo. Teoricamente parlando, se i russi avessero avuto informazioni precise sulla strage del volo MH-17, nonostante i rischi sottostanti, gli aerei russi sarebbero rapidamente giunti sulla scena e impegnato in combattimento il caccia ucraino per proteggere l’aereo della Malaysia. Ma l’esercito ucraino, che aveva preparato l’operazione, aveva subito preso provvedimenti per garantirsi di contrastare qualsiasi azione a protezione dell’aereo civile, ponendo quattro batterie di Buk-1M. Tali batterie potevano abbattere gli aerei russi inviati a difendere il volo MH-17, prima di poter entrare in combattimento con l’aereo da caccia ucraino. L’enigma è che non si sa su quali dati i generali russi hanno suggerito che l’aereo che ha intercettato il volo MH-17 sia probabilmente un Su-25 (14,4 m di apertura alare, lunghezza di 15,5 m). Al radar appare come solo un punto luminoso la cui dimensione è determinata dalla riflessione della zona radar equivalente (SER) corrispondente agli aeromobili militari. L’aereo da combattimento MiG-29 (11,4 m di apertura alare, lunghezza di 17,3 m) ha una superficie di riflessione simile a quella del cacciabombardiere Su-25. Nell’aviazione ucraina ci sono solo due tipi di velivoli in grado di intercettare un Boeing 777: il Su-27 e il MiG-29. Di un reggimento su 42 Su-27 nel 2000, ne rimane attivo uno squadrone di 12 aeromobili della 831.ma Aerobrigata di Mirgorod (300 km a nord-est di Donetsk). In questo squadrone ci sono solo 3-4 Su-27 che possono volare, i piloti non sono più addestrati al combattimento. Per le ragioni sopra esposte, nessun Su-27 ucraino poteva abbattere il Volo MH-17. Ma l’Ucraina ha anche 30-40 MiG-29 nella base aerea di Vasilkov, nei pressi di Kiev e ad Ivano-Frankovsk, in Ucraina occidentale.
GSh-30-2Il jet da combattimento MiG-29 è propulso da due motori RD-93, ciascuno con una spinta di 8700 kg/s. Nella versione caccia intercettore, il MiG-29 pesa meno di 15300 kg, il che significa che il rapporto spinta/peso è maggiore di uno (1,1), permettendo al velivolo di salire in verticale. La quota massima del MiG-29 è 18013 m. La quota di volo di 10300 m del MH-17 poteva facilmente essere raggiunta. Nella stratosfera la velocità massima del MiG-29 è Mach 2,25 (2400 km/h), il che implica che a un’altitudine di poco più 10000 metri, ha una notevole differenza di velocità rispetto al B-777. E la velocità ascensionale da 0-6000 m è di 109 m/s permettendo di raggiungere i 6000 m in 2-3 minuti dopo il decollo. L’intera operazione, vale a dire l’approccio in forte cabrata verso l’alto, puntamento e tiro con il cannone di bordo al volo MH-17 e infine rientro, non poteva durare più di 7 minuti. Il MiG-29, che ha i cannoni ucraini GS-301 da 30 mm dal ritmo di tiro pari a 1500 colpi/min, alimentati da una caricatore di 150 colpi in lega ad alto esplosivo, incendiario ed esplosivo-tungsteno. La breve raffica di un secondo del cannone GS-301 del MiG-29 invia circa 40-50 diversi tipi di proiettili sul bersaglio. L‘arma è inserita sulla fiancata sinistra della fusoliera.
I piloti militari ucraini, come rumeni, volano in media meno di 40 ore all’anno e non hanno le competenze necessarie per il combattimento aereo ravvicinato (duello) che gli consenta di abbattere il Volo MH-17 come descritto sopra. I piloti militari statunitensi e canadesi presenti nell’Air Base Campia Turzii in Romania hanno tale abilità, ma non hanno familiarità con lo spazio aereo ucraino o con il MiG-29. I piloti militari polacchi sono i meglio addestrati dell’Europa orientale per tali missioni, volando 4-5 volte (180-200 ore/anno) di un ucraino o romeno, e rivaleggiando per istruzione a statunitensi e canadesi. Hanno familiarità con lo spazio aereo ucraino, partecipando a tutte le esercitazione proposte negli ultimi 4-5 anni dall’aeronautica ucraina. L’aeronautica polacca  è dotata di 31 MiG-29, di cui 16 modernizzati dalla IAI (Israel Aerospace Industries). I MiG-29 sono modernizzati con nuova avionica (display multifunzione MFCD; radio UHF/VHF RT-8200 Rockwell Collins, piattaforma laser di navigazione INS e GPS, computer per navigazione e tiro  MPD con mappa digitale integrata, sistemi di registrazione e controllo digitali video e audio con videocanera CTV, ecc). I piloti di prova dei MiG-29 polacchi modernizzati, prima di passare ai piloti e agli istruttori di volo polacchi, provengono dalle fila delle IDF israeliane.

polish2909_1Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Per un’alleanza franco-russa

Questo testo, ancora in discussione, è stato scritto a nome del Comitato Editoriale per un’Europa solidale, firmato da Jean-Paul Baquiast e Jean-Claude Emperor
Dedefensa 30/07/2014

russie-mistral_97Introduzione
20111004klphisuni_3_Ies_SCOAbbiamo precedentemente dimostrato (vedi “Europa, epicentro di un conflitto distruttivo“) che, se l’Europa non si libera degli oltre sessant’anni di dominio imposto dagli Stati Uniti, rimarrà per sempre un semplice strumento attraverso cui perseguiranno il loro piano principale in questa parte del mondo: distruggere la Russia. Ma per sfuggire a tale dominio, l’Europa dovrebbe muoversi verso una entità geopolitica ancora in costituzione, i BRICS. Europa e BRICS rappresenterebbero una forza capace di controbilanciare la potenza statunitense, che rimarrà a lungo superiori nei mezzi a disposizione, se Europa e BRICS agiranno separatamente. Ciò ammesso, vanno fatte due constatazioni:
*L’Europa è troppo dispersa e imbevuta d’influenza statunitense perché sia ragionevole pensare che  possa muoversi velocemente e con l’intensità necessaria verso un’alleanza, o anche una semplice cooperazione strategica, con i BRICS. Sarebbe necessario che gli Stati europei agiscano individualmente, sbarazzandosi dei vincoli imposti dalla diplomazia dell’Unione europea, prendendo l’iniziativa di negoziare un riavvicinamento possibile.
*I BRICS sono troppo diversi e anche troppo lontani dall’Europa affinché negoziati globali con essi siano possibili a breve termine, salvo casi particolari. Ancora una volta, gli europei dovrebbero avere partner privilegiati con cui condividere il maggior numero di obiettivi. Per rispondere a queste due esigenze, ci proponiamo di considerare un’alleanza strategica tra Francia e Russia come primo passo essenziale per l’eventuale creazione di un’alleanza tra Europa e BRICS. Francia e Russia, anche se non hanno frontiere terrestri comuni, condividono dai tempi di Caterina la Grande alla Seconda Guerra Mondiale, visioni e interessi molto simili. Al tempo della dittatura stalinista stessa, le due nazioni non furono realmente contrapposte. De Gaulle fu tra i primi capi di Stato europei a promuovere il riavvicinamento con la Russia. Va notato subito che tale progetto di alleanza con la Russia, oggi potrebbe essere esteso ad altri Paesi europei, tra cui principalmente Germania, Spagna e Italia. Ma in ognuno di questi casi vanno sviluppate le ragioni d’interesse nel rafforzare i legami con la Russia oggi, e che potranno essere ancora più d’interesse domani. Ciò va oltre la portata di questo articolo.
Tornando alla Francia, ricordiamo che quando le truppe dello zar Alessandro occuparono momentaneamente Parigi dopo la caduta di Napoleone, furono quasi perfettamente educate. Ricordiamo anche che l’alleanza franco-russa negoziata nel contesto della prima guerra mondiale, era molto popolare in entrambi i Paesi. Il continuo successo in Francia del dolce dallo stesso nome, non è solo aneddotico. Ciò dimostra la profonda connessione tra le due società, sorta successivamente tale data negli aspetti più spettacolari: letteratura e arti, tecnologia e scienza… Ma su quali basi oggi progettare un’alleanza franco-russa che possa essere prototipo dell’alleanza euroBRICS?

Un progetto geopolitico
Si deve trattare anzitutto di un progetto geopolitico. Questo termine fa riferimento alla proposta di alleanza o riavvicinamento politico tra gli Stati che condividono una stessa area geografica e stessi obiettivi strategici. Questa condivisione, anche nell’età del commercio globalizzato, implica necessariamente interessi comuni. Per Francia e Russia, la condivisione dello spazio geografico non è ovvia osservando una mappa. Ma approfondendolo, questo concetto s’impone: i collegamenti ferroviari, marittimi e aerei sono già numerosi e potrebbero aumentare a costi inferiori. Le similitudini prevalgono in ciò che de Gaulle chiamò l’Europa dall’Atlantico agli Urali e oltre, certo. Oggi degli Stati s’interpongono geograficamente tra la Francia e la Russia, ma non vi è alcuna ragione di pensare che questi stati, o almeno i loro popoli, s’oppongano alla riconciliazione tra le due ali di questo insieme, da cui tutti possono trarre beneficio. Inoltre non sarebbe che la riattivazione di ciò fu l’Europa dell’Illuminismo, prima della Rivoluzione francese.

Un progetto basato sulla comunanza delle complementarità
La complementarità è soprattutto quella delle risorse ed opportunità da sviluppare congiuntamente.  Geograficamente la Russia potrebbe accedere attraverso la Francia alle zone marittime che ancora assai difficilmente raggiunge: arco atlantico, Mediterraneo occidentale, mari d’estensione considerevole (fatto unico) circostanti ciò che compone i cosiddetti territori d’oltremare francesi. Viceversa la Francia potrebbe accedere alle regioni polari e siberiane che, opportunamente gestite, saranno sempre più importanti nel contesto del cambiamento climatico. In termini economici, la Francia relativamente ben industrializzata potrebbe aiutare la Russia a sviluppare i settori interessati, pur beneficiando in cambio di competenze e risorse russe, tra cui tecnologia, energia e miniere (terre rare). Nel settore chiave della ricerca e sviluppo citiamo la possibilità di avviare importanti programmi comuni, quali l’energia verde, le tecnologie NBIC (nano, bio, info e cognitive), ma anche spaziali e della Difesa. Infine, a livello politico e diplomatico, la complementarità sarà più evidente. Come già, in gran parte, nel caso della lotta contro pericolosi  movimenti islamisti in Russia come in Europa e Medio Oriente. La loro estensione attualmente arriva nell’Africa sub-sahariana. Anche se la Francia affronta tale problema in modo diverso dalla Russia, la cooperazione sarà necessaria. In modo più costruttivo, se la Francia smetterà di continuare a seguire docilmente le complessità politiche statunitensi, Francia e Russia unite potrebbero pesare decisamente sui grandi negoziati o conflitti che si svolgono alle loro frontiere: Iran, Iraq, Siria, questione israelo-palestinese, questione curda, ecc. La questione delle differenze di approccio a democrazia politica, libertà civili e morale non dovrebbe essere un ostacolo alla cooperazione proposta. Con il tempo queste differenze diminuiranno e d’altra parte, ogni partner deve dimostrare la propria volontà di dare all’altro la responsabilità delle proprie scelte sociali, senza cercare di cambiarle.

Un processo graduale
Non si dovrebbe nascondere il fatto che differenze e motivazioni sono ancora vive, soprattutto in Francia, in relazione a ciò che potrebbe essere l’alleanza franco-russa. Anche movimenti e politici convinti del suo interesse proporrebbero un approccio graduale, optando per tempi lunghi. Ma chi ha detto che la progressività significhi non decidere su immediati punti emblematici. Si è quindi affermato che se la Francia, cedendo agli ordini degli Stati Uniti, decidesse di non consegnare alla Russia ciò che le appartiene, in questo caso le navi da proiezione e combattimento del tipo Mistral, ideate a Saint Nazaire, è grazie alle sottese speranze di una cooperazione tra i due Paesi. Al contrario, se Francia e Russia approfondissero la cooperazione, già molto fertile, nell’industria spaziale, potrebbero sviluppare più rapidamente vettori, moduli per equipaggi e stazioni terrestri comuni necessari a una maggiore cooperazione negli studi cosmologici, ma anche per l’esplorazione di Luna, Marte e satelliti. Nelle aree d’applicazione immediata, esigenze e opportunità della cooperazione sono numerose, come medicina, robotica, traduzione automatica, scienze sociali e politiche…

Conclusione
Come associazione crediamo nella necessità di un’alleanza franco-russa, e svilupperemo le nostre attività in questo campo sforzandoci di creare, con altre organizzazioni della medesima natura, sia in Francia che nei Paesi europei e in Russia, una rete virtuale utilizzando gli strumenti digitali per suscitare profondi cambiamenti nell’opinione pubblica.

rafale-decore-pour-les-70-ans-du-normandie-niemenTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’industria della difesa USA sfrutta tecnologia e competenze russe e cinesi

John Stanton Global Research, 6 giugno 2014

sea-based-radarBoeing guida il programma di cooperazione dell’aviazione USA-Cina, un’iniziativa di governo e compagnie aeree degli Stati Uniti per collaborare con CAAC e compagnie aeree della Cina per svilupparne l’aviazione commerciale. La buona cittadinanza aziendale è sempre stata parte essenziale della Boeing Company. In Cina, la visione della compagnia sul programma di responsabilità sociale della Boeing, allargando competenze e impegno nell’istruzione su scienza, tecnologia, ingegneria e matematica (STEM) dei giovani cinesi, dalla scuola elementare all’università“. (Boeing in Cina, Backgrounder, 14 aprile 2014)
E’ una bella cosa che Boeing sostenga l’istruzione STEM in Cina. Ma nell’ambito dell’infrastruttura sensibile delle industrie della Difesa statunitensi, Boeing si lamenta regolarmente delle carenze nell’ingegneria aerospaziale/STEM degli USA. Ad esempio, in una pubblicazione del 2007 v’è l’articolo Engineering Brain Drain? di Louise Wilkerson, in cui si apprende che “Secondo un recente studio della rivista Aviation Week & Space Technology, negli Stati Uniti si laureano solo circa 110000 ingegneri all’anno rispetto ai 600000 in Cina e ai 350000 in India, ogni anno“. Anche se non vi è alcuna prova conclusiva per parlare di carenza di ingegneri aerospaziali negli USA (immigrati o no), il Pentagono e i suoi appaltatori continuano a lamentare e gemere una mitica  penuria che in realtà non esiste. Forse Boeing scommette nel finanziare lo STEM e la ricerca informatica e sui materiali avanzati in Cina. “Boeing ha anche creato la Boeing-China Research&Technology, una sua organizzazione centrale di ricerca e sviluppo avanzata. Il centro si occupa di ricerca in collaborazione con l’Accademia Cinese delle Scienze e le università cinesi. Tre laboratori di ricerca congiunti e un centro comune di ricerca sono stati creati con i partner di ricerca. Le attività sono focalizzate su ambiente, materiali avanzati e tecnologie informatiche avanzate per l’aviazione e il design industriale“. Una delle piattaforme di allerta precoce della difesa missilistica più sofisticate è stata costruita dalla Boeing. Il sistema radar navale in Banda X della società, che attualmente galleggia nel Pacifico, è stato costruito in Russia dalla Vyborg Shipyard. Secondo navaltechnology.com, “Il sistema radar navale in Banda X SBX-1 è un radar di controllo del tiro a metà rotta installato su un impianto semisommergibile. La piattaforma è stata sviluppata da Boeing, nell’ambito della Difesa terreste di metà rotta (GMD), componente del sistema di Difesa antimissile balistico degli Stati Uniti (BMDS). Il GMD intercetta le testate in arrivo. L’SBX è stato trasferito al Comando Militare del trasporto navale (MSC) nel dicembre 2011“. Il sistema radar in banda X a bordo è stato costruito da un altro dei pesi massimi dell’industria della Difesa, la Raytheon Corporation.

Jak, Jak
Lockheed Martin, la maggiore industria della Difesa del mondo, fa notizia come vittima dei militari cinesi dell’ELP, che a quanto pare saerbbero entrati nelle reti informatiche di Lockheed per spionaggio industriale. Eppure Lockheed ha fatto accordi con la Cina nella sicurezza e la costruzione di reattori nucleari. Il suo F-35B ha una sua genesi in Russia. Secondo un comunicato stampa aziendale sul sito della Lockheed Martin, “Lockheed Martin e State Nuclear Power System Automation Engineering Company della Cina (SNPA) hanno firmato un accordo per realizzare prototipi, produrre e qualificare i sistemi di protezione dei reattori di terza generazione delle centrali nucleari in Cina. SNPA è una filiale della China State Nuclear Power Technology Corporation (SNPTC). Lockheed Martin e SNPA svilupperanno strumentazione per la sicurezza nucleare e la piattaforma di controllo, basata sulla tecnologia Field Programmable Gate Array (FPGA) per i sistemi di protezione della nuova generazione di reattori cinesi. I termini dell’accordo non sono stati divulgati“. Si scopre anche che il vantato F-35 ha origini nell’industria aeronautica russa. Secondo Aviation Intel:La gente guarda l’F-35B e vede una specie di trasformer ultra-moderno, con massicci portelli che si aprono e un tubo di scarico articolato che a comando si piega in basso in modo innaturale. La prossima cosa è vedere il caccia stealth di 5.ta generazione in bilico a mezz’aria. Con un’autonomia decente (per un caccia V/STOL), velocità superiore al Mach, radar e  pacchetto avionico più all’avanguardia che mai, e dispone di un design davvero innovativo… Ma il design unico del F-35B è davvero così innovativo? La turboventola di risalita dell’F-35B e il design dell’ugello vettoriale non furono ideati a Fort Worth, Texas, ma a Mosca in Russia, circa 35 anni fa! Lo Jak-41 utilizzava questo stesso concetto, ora conosciuto come Jak-141 nome in codice NATO “Freestyle”, progettato per sostituire il molto carente Jak-38.” E forse una coincidenza, ma Lockheed ha stipulato contratti di sicurezza informatica miliardari con il governo degli Stati Uniti. C’è qualcosa di losco nel spendere miliardi per il cyberattacco e la cyberdifesa quando nessuno sembra poter formulare o quantificare i dati della sicurezza nazionale e aziendali davvero  segretamente compromessi da cinesi, russi o studenti liceali di Houston, Texas. I funzionari del governo degli Stati Uniti e della Lockheed non sarebbero attendibili. Forniscono informazioni dubbie su prove specifiche o formule legittimamente quantificabili in dollari nel definire le fughe  dei dati. E’ una farsa, non diversamente dall’inventato gap degli ingegneri aerospaziali.

Le minacce informatiche sono reali?
Secondo Tereza Pultarova, scrivendo sul Engineering and Technology Magazine (maggio 2014), “Parlando al vertice Reuters sulla cyber-sicurezza di Washington, il vicepresidente della società Chandra McMahon ha detto che solo nel gennaio 2014 l’impresa ha dovuto respingere gli attacchi di 43 gruppi di hacker diversi. Il numero di cyber-attacchi ai sistemi della Lockheed è in costante crescita, nel 2007 dieci attacchi furono individuati mentre tre anni più tardi erano già 28. Oltre ad essere il primo fornitore del Pentagono, Lockheed Martin è anche il maggiore fornitore di  tecnologia informatica del governo degli Stati Uniti. I sistemi della società sono ampiamente utilizzati da militari degli Stati Uniti, imprese energetiche, utilities e altre aziende infrastrutturali sensibli. Queste ultime hanno visto, secondo la Lockheed Martin, un aumento sostanziale del numero di attacchi informatici negli ultimi anni. Anche se non abbiamo visto azioni contro obiettivi specifiche, in termini di danni ciò che abbiamo visto negli ultimi anni sono i malware creati e diffusi per danneggiare infrastrutture critiche”, ha detto McMahon… Lockheed si aspetta la crescita a due cifre nel suo cyber-business, che oggi rappresenta il 10 per cento degli 8 miliardi di dollari di ricavi nei sistemi informatici. Lockheed e altri produttori di armi statunitensi sono spesso bersaglio di gruppi criminali, Stati e altri hacker che cercano di estrarre informazioni preziose sugli avanzati sistemi d’arma. Rapporti dell’intelligence statunitensi citano attacchi lanciati da gruppi in Iran, Cina, Russia e Corea democratica. Lockheed non ha voluto commentare su eventuali dati specifici sulle azioni identificate“.

Jak-141

Jak-141

John Stanton scrive su 4.th Media dalla Virginia.
Copyright © 2014 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il nuovo cacciatorpediniere cinese potrebbe abbattere gli F-35

Want China Times 09/05/2014
images1231193_12_trung_quoc_nga_tap_tran_lon_nhat_lich_su_phunutodayI caccia stealth di quinta generazione statunitensi F-35 sarebbero rilevabili dal sistema radar installato a bordo del nuovo cacciatorpediniere Type 052D della Marina dell’Esercito di Liberazione del Popolo, secondo Voce della Russia che cita esperti militari. Vladimir Evseev, direttore del Centro per gli Studi Sociali e Politici di Mosca, ha detto all’emittente russa che i dettagli del radar cinese, compreso l’importo speso per il suo sviluppo, rimangono sconosciuti, tuttavia è un grande balzo in avanti del programma di modernizzazione militare della nazione. La Cina ha incontrato molti ostacoli nel sviluppare un proprio sistema radar, ma è riuscita a superare tali problemi con l’aiuto russo, ha detto Voce della Russia citando Konstantin Sivkov, direttore dell’Accademia russa per le questioni geopolitiche. Sivkov ha detto che la parte più importante del successo della Cina è che la marina dell’ELP, infine, sappia gestire i sistemi radar ad antenna a scansione elettronica attiva. Con questa tecnologia, i cacciatorpediniere cinesi possono rilevare ed abbattere i caccia F-35 da una distanza di 350 km. Nel frattempo, Pavel Zolotarjov, Vicedirettore dell’Istituto di Studi su USA e Canada dell’Accademia delle Scienze russa, ha detto che la nave da guerra cinese non solo può individuare il caccia stealth degli Stati Uniti, ma può anche implementare contromisure contro le interferenze elettroniche generate dal caccia. Il nuovo sistema aumenterà gradualmente la capacità operative della Marina dell’ELP nella regione del Pacifico occidentale, afferma Voce della Russia.

069-071lI nuovi cacciatorpediniere cinesi possono abbattere gli F-35?
Ankit Panda USNI 15 maggio 2014

Il nuovo cacciatorpediniere cinese Type 052D Luyang III può rilevare il Joint Strike Fighter Lockheed Martin F-35 Lightning II? Forse. Media inglesi, cinesi e russi riportano che il radar del nuovo cacciatorpediniere cinese potrebbe rilevare e inseguire l’F-35; tuttavia non è chiaro se tali affermazioni siano valide. Konstantin Sivkov, direttore dell’Accademia russa per le questioni geopolitiche, ha affermato che il sistema radar ad Antenna a scansione elettronica attiva (AESA) del cacciatorpediniere può rilevare, monitorare e attaccare l’F-35 ad una distanza di 350 km, secondo un articolo di Voce della Russia. Il Type 052D ha un radar AESA Type 346 e un radar Type 518 in banda L accoppiato al sistema di difesa missilistico antiaereo CPMIEC HQ-9B. L’HQ-9B avrebbe una gittata di circa 200 chilometri, secondo la stampa locale. Subito dei dubbi vengono suscitati dalle affermazioni di Sivkov riguardo la gittata dell’HQ-9B, ma le valutazioni non possono essere del tutto errate, soprattutto se il radar Type 346 è un radar in banda S come il radar Lockheed SPY-1 montato sulle navi da guerra Aegis dell’US Navy.
Il caccia tattico stealth deve essere ottimizzato per affrontare le bande ad alta frequenza come le bande C, X e Ku; una semplice questione di fisica. C’è un “gradino” nella firma osservabile (LO) dell’aeromobile una volta che la lunghezza d’onda della frequenza supera una certa soglia e suscita l’effetto di risonanza. Tipicamente, la risonanza si verifica quando un elemento dell’aeromobile, ad esempio il timone di coda, è inferiore di otto volte alla dimensione di una particolare lunghezza d’onda della frequenza. Effettivamente, i piccoli aerei stealth non hanno dimensioni o peso necessari per mezzo metro o più di rivestimenti in materiale radar assorbente su ogni superficie, e sono costretti ad operare sulle bande di frequenza cui sono ottimizzati. Tuttavia, mentre vi è un cambio nella sezione trasversale radar di un caccia stealth quando opera contro radar a bassa frequenza, come le bande S o L, vi sono molti fattori interessati da rilevazione e inseguimento di un aereo a bassa osservabilità. Molto dipende dalla gamma del trasmettitore radar del velivolo e dalla forza del ritorno omnidirezionale dell’aeromobile bersaglio avviato dall’effetto di risonanza. Anche con l’effetto di risonanza, non ci può essere un ritorno abbastanza forte per inseguire un aereo stealth, come l’F-35, da una distanza tatticamente significativa. L’altro problema che la difesa deve affrontare è il fatto che la banda L e molte parti della banda S hanno cellule di risoluzione radar troppo grandi per fornire un efficace inseguimento. In effetti, anche se la difesa può rilevare e tracciare un caccia furtivo all’attacco, la difesa potrebbe non essere in grado di puntare un missile sul bersaglio. Detto ciò, sia l’SPY-1 che il prossimo Raytheon Air and Missile Defense Radar (AMDR) operano su porzioni di frequenze più alte della banda S e possono effettuare inseguimenti operativi. Se il sistema cinese è simile, e ci sono indicazioni che lo sia, può effettuare un inseguimento per il puntamento dei missili HQ-9B.
Secondo ulteriori fonti industriali, vi sarebbe un modo per ridurre la dimensione delle cellule di risoluzione radar generate dai radar a bassa frequenza, anche per i sistemi a banda UHF e VHF. La chiave è la rete, indicano fonti industriali. Se più radar a bassa frequenza sono collegati tramite reti per trasmissioni dati ad alta velocità, è possibile che la cellula di risoluzione possa essere raffinata fino al punto in cui un missile può essere guidato sul bersaglio. Al momento, non è noto se un potenziale avversario degli Stati Uniti possieda capacità simili, ma c’è una possibilità remota. Tuttavia, non è escluso che Russia o Cina sviluppino tali sistemi di rete. In realtà, secondo fonti del settore, entrambe le nazioni starebbero lavorano per sviluppare tali capacità.

Type 052D Luyang IIITraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 343 follower