La guerra informativa sull’Ucraina

Per i sottotitoli in Italiano, cliccare sul secondo rettangolino, in basso a destra.

Senza Titolo

10696178Un grazie ad Alessia

Senza titolo

Tradizionalmente censurati (da Comdonchisciotte, Luogocomune, Stampalibera, Megachip, ecc. )

Verso una resa dei conti

Alessandro Lattanzio, 8/5/2014

10277047Il pogrom di Odessa, dove 116 persone sono state bruciate vive, sgozzate, decapitate, squartate, violentate, crivellate di proiettili è uno spartiacque. Non in Ucraina, dove le cose erano e sono chiare, molto chiare. Ma qui nel flaccido occidente. Ma qui in Italia, da una parte la destra neonazista, dopo le ferule chiacchiere della lotta antimericanista, si bagna le mutandine davanti agli zombie banderisti e alle divise delle SS galiziane, e dall’altra la sinistra radicale (che ci tiene tanto a definirsi ‘sinistra’) sprofondata in un significativo mutismo davanti ai nazifascisti autentici a Kiev: e questo dopo aver speso anni a denunciare, su istigazione dei veri poteri forti, il ‘fascismo’ di Mosca, Beijing, Tripoli, Damasco e perfino Caracas.
Se alle porte di Tripoli e di Damasco è stata disintegrata la varia chincaglieria della sinistra radicale, antifa, anti-razzista, gayofila, altermondialista, social-forumista, anarchica e anarcoide, animalista e bestialista; in sostanza la sala giochi attivista dei pargoli della ricca borghesia cosmopolita, annoiati dal salottino di sinistra e in cerca di svago prima di occupare poltrone e scrivanie socio-economiche riservategli per diritto ereditario, si può affermare recisamente che a Odessa e a Kiev, i loro gemelli neonazisti e neofascisti, da sempre rigorosamente atlantisti, gettano via la mascherata di cartapesta, le affabulazioni ‘ingraiane’ sul percorso ‘alternativo’ e ‘rinnovativo’ del volemose bene e dell”abbattiamo i muri che ci dividono’ perché sennò vincono i demogiudeobolscevicusurai-annunaki, svelandosi per ciò che sono: frottole insegnate nei corsi Gladio di ‘Stay Behind‘. Come i loro camerati galiziani, adoratori dei kollabos delle SS, si sono presentati protendendo una finta mano amica, di plastica ‘made in Langley’, invocando il superamento degli ‘steccati’. S’indovini che significa ciò: “i comunisti devono rinnegare se stessi, in quanto ‘agenti’ del gran complotto giudeo-bolscevico-usurocratico contro quei sant’uomini immacolati, buoni e pacifici, di Mussolini e Hitler” (non era forse animalista e vegetariano il bravo e buono Adolfino? E quel Benitino, mica si meritava quella orrenda fine, avendo fatto tanto del bene in Italia, … Libia, Etiopia, Somalia, Spagna, Jugoslavia, Grecia, Russia….), invitando gli illusi ad abbracciare la soave maestà e superiorità morale di un Pavolini, Borghese, Ricci, Graziani, Himmler, Goebbels, Heydrich, Bormann e altre divinità pagane.
Ma dobbiamo ringraziare i nazisti ucraini allevati dalla NATO, i loro sodali e le loro puttane da campo: dai mercenari agli ‘intellettuali’ non-conformi, dai black bloc di Soros ai cecchini danesi della NATO, dai mercenari della Blackwater giù, fino in fondo, ai fantocci dei carabinieri di CasaPound (pardon CasaGladio). Hanno rigettato definitivamente la mascherata con cui c’intrattenevano da un po’ di anni, anche grazie all’aiuto di velenosi ‘fascistologhi’ della domenica, mostrandosi in tutto il loro reale splendore: Babij Jar, Eisentzgruppen, Quisling e Bandera, Anschluess, cavalieri teutonici, Otto Rahn e le crociate a oriente e/o antibolsceviche. Si sono saputi ben presentare spacciandosi persino da amici della Siria baathista. Ma era un espediente buono solo per colpire (alle spalle) al momento giusto. Non a caso i loro istruttori, nei covi della NATO, hanno saputo trasmettergli la notevole esperienza acquisita insegnando la ‘libertà’ e la ‘democrazia’ ai salafiti primaverili mediorientali, anche loro fratelli gemelli dei nazisti ucraini, che tanto hanno eccitato e fatto sognare, fino a fargli bagnare le mutandine, la bella sinistra radicalista occidentale, così antifa, antiraz, antitutto, soprattutto così anticomunista da disintegrarsi, per fortuna. Ma non prima di aver scatenato la caccia al fascista in ogni ambito anti-imperialista, in ogni supporto alla Resistenza Libica e Siriana, con tanto di campagne di disinformazione e di terrorismo mediatico supportate dai mass media di regime, la sinistra radicale oramai filo-sionista e filo-islamista, la sinistra che insultava Gheddafi con la scusa di immaginarie masse di negri ai ceppi nel pieno Sahara, o che insultava Putin perché spedisce in galera mafiosi e prostitute che infangano la propria nazione, o ancora accusava di stragismo l’ex-presidente Janukovich, perché fautore di immaginarie persecuzioni contro bastardi randagi, (evidentemente perché il sinistro radicale medio italidiota s’identifica con il cane rognoso e idrofobo). Ebbene, tale sinistra così piena di indignazione da rotocalco alla Barbara Durso, è rimasta in silenzio tombale davanti alla strage di 116 cittadini antifascisti, autenticamente antifascisti al contrario della feccia dei centri sociali, così come era rimasta muta davanti ai pogrom della popolazione nera in Libia, vittima dei virgulti primaverili islamisti; e ciò quando non ha deciso di parteggiare dichiaratamente per gli stragisti islamisti in Siria e Libia, e per i veri e autentici nazi-fascisti ucraini, tanto da arrivare a negarne la natura, per non sputtanarsi davanti a se stessa, e in ciò aggrappandosi alle oscenità di giornali pornografici come Internazionale e costeggiando le analisi di ‘esperti’ in disinformazione, gli scribacchini della Rivista Italiana Difesa e di AnalisiDifesa. La feccia si riconosce e si apprezza in quanto tale, aldilà di ogni steccato ideologico o pseudotale.
Tornando ai neonazisti, vengono smascherati e sputtanati dalla loro entusiastica partecipazione al linciaggio di decine di persone inermi, nonostante la loro personale allucinatoria vulgata sull’eroismo del ‘sangue contro l’oro’, una volgarità appunto che si manifesta, sempre, in tali casi: nazisti-fascisti inquadrati e armati da Stay Behind che scatenano il loro ‘eroismo’ su cittadini inermi e indifesi, dopo esser stati puntualmente armati da ogni tipo arma e di addestramento, gentilmente forniti da agenti e mercenari statunitensi (e questo a proposito dell’anti-‘americanismo’ da operetta delle facciate dei servizi segreti occidentali quali casapound e forza nuova). Ora qualcuno, non pochi, senza sapere se sia in buona fede o in malissima, perversa malafede, continua a sbracciarsi come filo-Russo, filo-Putin o quant’altro. Bazzecole, semmai viene da dire: fesso chi ci crede.
I regolamenti di conti contro tali radicalismi italiani ed occidentali, che siano di sinistra o di destra non conta, si svolgono sul campo in Siria e Ucraina. Qui si possono svolgere nell’ambito teorico, ideologico, umanista; dirimente ne è la Geopolitica, fatta oggetto di un sabotaggio ‘scientifico’ da parte di guru e santoni di ogni colore, che sia il mercenario Gino Strada o il mercenario Gabriele Adinolfi, costoro hanno svolto il loro bravo compitino assegnatogli dai centri di disinformazione atlantisti: l’ignoranza è quella forza che, senza sapere realmente per chi o per cosa, permette di assaltare l’ambasciata libica di Roma, di partecipare ai torbidi criminosi di piazza Majdan, o d’invitare e celebrare qualche mafio-fascista italo-venezuelano che vuole rovesciare il governo bolivariano di Caracas.
Si ringrazi la feccia autenticamente rosso-bruna (anzi rosso-bruna-blu atlantico) qui descritta, per tutto ciò.

Nashya-chan: come distruggere con un tratto di matita la propaganda BAO (Blocco Americanista-Occidentalista)

Alessandro Lattanzio, 26 marzo 2014

Natalia_Poklonskaya_by_phanc002Con la nomina del nuovo procuratore generale della Repubblica Autonoma di Crimea, Natalija Pokhlonskaja, Mosca infligge un notevole colpo alla propaganda mediatica occidentalista-hollywoodiana rappresentata dall’orridume delle Femen, le cubiste dell’imperialismo del XXI secolo, che i loro referenti e mandanti (e mezzani), Radio Free Europe/Liberty (ovvero la CIA) e George Soros, finanziatore di ogni golpe colorato mascherato da carnevalata giovanil-democratica, nonché loro agente presso i mass media occidentali, soprattutto presso organi come MTV (finanziata da Soros stesso) e RAI3/TG3, utilizzano per spacciare in modo mirato e sistematico presso il pubblico o segmenti specifici del pubblico occidentale, la paccottiglia vomitata dai ‘pensatoi’ massmediatici anglosassoni. La pornografia integralista rappresentata dalle Femen, affiancata da un invertitismo sessuale/di genere elevato a modello totalitario di vita, sono le ultime armi mediatiche impiegate dall’industria della disinformazione occidentale/occidentalista. Armi, però, spuntate, poiché ideate per un pubblico esclusivamente occidentalista dal pensiero ottusamente occidento-centrico di cui sono preda le dirigenze atlantiste, della NATO e dell’UE,  impedendogli antropologicamente di comprendere che presso la vasta maggioranza del resto del mondo, al di fuori dei confini dei salotti più o meno alternativi della NATO/UE, le Femen vengono percepite semplicemente per quel che sono, delle prostitute, mentre il discorso integralista sull’omosessualità militante e interventista non può scalfire di certo gli ambiti socio-culturali esterni al Non-mondo occidentale. Si pensi ai viados e ai transgender presenti e accettati in realtà come il Brasile o la Thailandia. Figurarsi quale sconvolgimento potrebbero mai procurare in queste regioni le chiacchiere sul ‘matrimonio per tutti’ e altra consimile réclame televisiva. E in certe regioni, in Africa od Oceania, per esempio, merito anche dell’ideologia religiosa americanista spacciatavi, essere di gusti sessuali alternativi è realmente un gravissimo rischio.
Tornando su Nashya-chan, infatti, il fenomeno che in questi giorni la vede oggetto dell’interesse degli ‘otaku’ di tutto il mondo è merito, non a caso, dei giapponesi, che nonostante la presenza materiale degli USA nel loro Paese, sono riusciti a produrre un sistema massmediatico e culturale nazional-popolare autenticamente indipendente e distinto dalla macchina disinfo-mediatica di Hollywood.
Se l’imperialismo culturale americanista ha deciso d’incentrare il proprio apparato sull’immagine ‘realistica’ degli esseri umani (o meglio, sulle figure degli attori che interpretano film, telefilm, soap opera), in realtà riflettendo solo una stilizzazione oltraggiosamente appiattita e schematica dal gretto scopo utilitaristico, nemico/amico, american/unamerican sul piano politico, o per segmenti di mercato sul piano economico; in Giappone, invece, si è deciso di puntare sull’animazione. Sebbene la potente industria degli Anime del Giappone sia nata negli anni ’60, essa si basa su un retaggio ultrasecolare. In Giappone è assai diffusa la produzione dei Manga, la formula locale dei fumetti occidentali, ma dal carattere assai più libero e democratico poiché non si tratta soltanto si usufruire della produzione, ma di parteciparvi direttamente. Gli autori di Manga in Giappone sono migliaia; e a migliaia si cimentano nella realizzazione di tali serie non solo nel disegno dei personaggi, ma anche nella sceneggiatura e nella elaborazione caratteriale dei personaggi, spesso, quasi sempre, molto più profondi e umani delle macchiette hollywoodiane spacciate dai media occidentalisti. Umani a una dimensione contro personaggi disegnati che assumono quadridimensionalità grazie ai loro creatori ed autori, che come detto, sono gli eredi di una pratica ultrasecolare. Il Giappone dal 1608 al 1868 visse in pace, senza partecipare a guerre o subire particolari tumulti. I samurai, disoccupati, quindi iniziarono a posare la katana per dedicarsi ai libri, a studiarli e a scriverli. La lettura divenne un’occupazione nazionale e popolare. Ed oggi, come già indicato, questa tradizione si riflette sugli autori di Manga (i mangaka); e i Manga a loro volta sono alla base del 90% degli Anime (le animazioni) prodotti in Giappone. Come detto, l’imponente industria dell’animazione giapponese nacque negli anni ’60, anche con un indiretto imput sovietico, ma è esplosa nel 1995, quando l’industria subì un notevole processo di ristrutturazione, infatti da allora sono stati prodotti oltre 3000 serie di Anime, su un totale di circa 6000 serie prodotte in 50 anni.
E Nashya-chan, Natalija Pokhlonskaja, che c’entra?
Natalia-Poklonskaya6x Quasi sempre, le protagoniste oggettive e soggettive dei Manga/Anime sono le ragazze, le donne. Ovviamente la donna concepita nel pur moderno Giappone contemporaneo, difficilmente riflette l’idealtipo occidentalista, men che meno oggi, anche nei casi più estremi, quando si tratta perfino di guerriere terrestri o aliene, soldatesse di eserciti immaginari, o meno, raffigurate nella panoplia quasi infinita di caratteri e generi presenti nella produzione dei Manga/Anime: in sostanza il personaggio, donna, ma anche uomo, perfino nelle controfigure malvagie, viene sempre tenuta nell’ambito della dimensione umana, al contrario dei personaggi-monstre hollywoodiani. Quindi, una figura come il Procuratore Generale di Crimea Natalija Pokhlonskaja, non poteva non attrarre l’interesse dei mangaka del lontano Giappone dal tradizionalismo futuristico. L’aspetto di donna in divisa, con poteri, ma che apparendo con netta immagine di donna, resta nella sua dimensione umana. E’ questo che ha intrigato la produzione nazional-popolare giapponese, riflessa poi sul sempre più ampio pubblico mondiale dei Manga/Anime. Una fortuna che riguarda l’estranea Pokhlonskaja e che invece ignora le laide professioniste dell’immagine quali Femen, Madonna, Lady Gaga o Mily Cyrus, il cui squallore mai concederà loro l’onore di divenire acclamati personaggi dell’universo Manga/Anime. Quindi non a caso proviene dall’oriente questo notevole colpo mediatico del mondo multipolare, oramai sempre più esausto dell’invasione mediatico-disinformativa hollywoodiano-atlantista.

Il viso fresco di Poklonskaja, che parla alla stampa circondata da microfoni ha ispirato i fan-art giapponesi e russi. La maggior parte delle immagini sono disegnate nello stile manga enfatizzandone grottescamente l’aspetto “simpatico” o “kawaii” di Pokhlonskaja. Dopo la prima apparizione sul repository mangaka giapponese Pixiv, le immagini si sono diffuse viralmente sui forum RuNet e imageboards, come Pikabu.ru, ispirandone varianti memetiche.
_natalia_poklonskaya__by_mikhailn-d7babnu L’11 marzo 2014, Pokhlonskaja è stata nominata Procuratore Generale della Repubblica Autonoma di Crimea e alla prima apparizione a una conferenza stampa definì i golpisti ucraini “diavoli di cenere“; il video venne caricato su YouTube. Non sapeva che avrebbe fatto sensazione su Internet, durante quella notte e nel lontano Giappone, dove non capendo una parola di ciò che diceva, sarebbe stata ammirata non per quello che era diventata, ma per come appariva. Infatti, il 13 marzo, il video venne ricaricato sul canale giapponese YouTubi News, ricevendo così 228000 visualizzazioni e 120 commenti nei primi quattro giorni. Il 15 marzo, il notiziario giapponese RocketNews24 postò diverse foto di Pokhlonskaja e riferì del fandom sul pubblico ministero formatosi tra i netizen giapponesi. Il 16 marzo, su Lowyat Forum venne creato un thread su Pokhlonskaja, indicandola come “nuovo procuratore sexy di Putin“, e il giorno seguente sulla pagina Facebook della comunità venne lanciata la pagina dal titolo “Natalia Poklonskaya“, con numerose foto ed illustrazioni del procuratore di Crimea. Nelle prime 20 ore, la pagina raccolse 1400 mi piace. Il 18 marzo, un thread su Pokhlonskaja fu creato nella pagina internazionale di 4chan la più importante comunità anglofona online del Giappone, con oltre 700000 messaggi al giorno emessi da circa sette milioni di visitatori quotidiani. “È assai più probabile vedere vecchi stoici con impressionanti uniformi sedersi dietro dei microfoni durante le conferenze stampa del mondo reale, piuttosto che attraenti giovani donne ai vertici militari/governativi, molto più abbondanti nel mondo degli anime. Nelle ultime stagioni ne abbiamo viste molte:
Premier New JOIR Sashinami Shouko (Valvrave)
Ammiraglio Ridgett (Suisei no Gargantia)
Tenente/Capitano Vicecomandante in capo Amane (Majestic Prince)
Direttrice Chouno Ami (Girls und Panzer)
Tenente Takamura Yui (Muv-Luv Alternative)”
Ma anche l’ex-premier ucraina Julija Timoshenko ebbe l’onore di esser oggetto di un anime, nel ruolo di boss mafioso:tymosh-animeFonti:
Rabujoi
Know Your Meme
IBTimes
Global Voices online

Senza commento

Nel mondo di oggi tutta la cultura, la letteratura e l’arte appartengono alle classi definite e sono orientate su linee politiche definite. Non c’è infatti una cosa come l’arte per l’arte, l’arte che si erge sopra le classi, l’arte distaccata o indipendente dalla politica. La letteratura e l’arte proletarie sono parte della causa rivoluzionaria del proletariato, sono, come diceva Lenin, ingranaggi e ruote della macchina rivoluzionaria“.

Mao Zedong

In Italia la stampa di sinistra è merda

José Sant Roz Aporrea 25.07.2013

altan_scalfari_espressoChe guerra bestiale oramai conduce la stampa prostituta italiana contro il Venezuela. Attacchi isterici ripresi dai fogliacci spagnoli “El Pais” e del suo Grupo Prisa. Il gruppo editoriale più grande d’Italia, “La Repubblica” e “L’Espresso” (in teoria di sinistra), non lesinano argomenti di ogni genere per cercare di infangare il Venezuela. Basta prendere due esempi: dopo la vittoria elettorale in Venezuela di Maduro, “La Repubblica” ha parlato apertamente di frode (senza prove) e di “volontà popolare violentata e manipolata“. Inoltre, quando vi è stata la violenza provocata dall’opposizione del Majunche (lo squallido, cioè Capriles Radonski. NdT), ha intitolato semplicemente: “scoppia un’ondata di violenza scatenata dal furto elettorale e dalla forte repressione della polizia“… Evitando di parlare dei morti causati dalle bande impazzite dell’opposizione, istigate dall’appello del dannato Majunche. Questi media, come quelli spagnoli, difendono i propri interessi in America Latina, legati alle transnazionali, insieme a molti gringos. Sono potenti mafie. Tutta l’Europa vive di mafie (che naturalmente fanno le guerre). In quella merda la democrazia è solo uno scherzo  buono a nulla. Ma di solito si tratta della versione delle notizie sul Venezuela di media come The Miami Herald, confezionate dalla SIP.
In 14 anni di governo bolivariano non hanno mai detto niente di buono sul Venezuela. Questa è la strategia. Per loro Chavez era un mostro, un dittatore, un ladro e stupratore di diritti umani. Invece l’Italia, la Grecia, la Francia, la Germania e gli Stati Uniti sono le meraviglie che dovrebbero dettare i modelli del progresso e del benessere sociale a tutto il mondo, ma ogni giorno che passa affondano ulteriormente nella merda. Ogni italiano dovrebbe sottoporsi a un esame copro-rettale per vedere se riesce a cantare come Caruso o a giocare come Mesi, è il meglio che riescono a fare e l’unica cosa che conta per loro in questo mondo: poi li elevano a celebrità, finché non si schiantano contro la verità. Babbioni. Poiché non hanno le palle di vedere la fogna in cui si trovano, nel frattempo vivono ingoiando tutto il miasma che creano i loro media verso il nostro Paese.
Ecco un esempio: ‘L’America contro l’Nsa: da che pulpito viene la predica’

Commento:
8869 L’articolo linkato è un ennesimo articolo-spazzatura, anti-latinoamericano e anti-bolivariano, scribacchiato da tale Maurizio Stefanini, ‘esperto di processi di transizione alla democrazia’ (una qualifica che è un marchio distintivo), per conto della nota rivista di disinformazione Limes (oggi imitata nel suo piattume analitico e nel suo squallore ideologico, anche da certi ex-eurasiatisti scopertisi cheerleader del Pentagono). Inoltre, come ben nota il professor José Sant Roz, questo è il compito degli scribacchini e dei relativi mandanti, cui bisogna includere anche il Fattoquotidiano, parzialmente di proprietà di un ex-dirigente della Lazard Banque, banca specializzata in ‘consulenze internazionali'; ovvero privatizzazione dell’economia e svendita delle risorse dei Paesi del Terzo Mondo per conto del FMI e delle grandi istituzioni finanziarie internazionali. Repubblica, il Foglio, Fattoquotidiano mimano una farsa di dibattito sul teatrino della politichetta italidiota, ma come si sarà ben notato, quando si tratta di Medio Oriente, Eurasia e America Latina, cioè degli interessi dei loro veri finanziatori, allora adottano stranamente tutti la stessa posizione: filo-atlantismo sfegatato e pieno supporto agli interessi delle multinazionali e delle grandi banche internazionali anglosassoni e francesi. Ovviamente tutto ciò non è un caso, poiché a dettare la linea degli ‘organi di informazione’ italiana sono le veline dei Consigli di Amministrazione di queste grandi imprese, naturalmente dopo quelle delle ambasciate di USA e Israele.

José Sant Roz, direttore di Ensartaos.com.ve e Professore di matematica presso l’Università de Los Andes (ULA). Autore di oltre venti libri sulla politica e la storia.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 366 follower