I fantocci “Pussy Riot” supportati dal Dipartimento di Stato USA

Tony Cartalucci, Global Research, 18 agosto 2012 – Land Destroyer

La troupe di “attivisti” statunitensi continua con i tentativi di dividere e indebolire la società russa.
Quando gli Stati Uniti sostengono apertamente l’invasione terroristica della Siria, vede morte, profughi e rovina di milioni di vite all’estero, mentre ospita un dittatore genocida latitante, allora a cosa mira sostenendo un atto di teppismo in una chiesa russa, mirato contro un rivale geopolitico?
Il cosiddetto “gruppo punk” sostenuto dal Dipartimento di Stato USA, noto con il nome di “Pussy Riot”, ha fatto irruzione in una chiesa di Mosca per diffamare il governo russo, mentre prendeva in giro le credenze dei fedeli con volgarità e comportamento violento. Commercializzato come atto di “libertà di espressione” dai media occidentali e dalla manica di ministri degli esteri occidentale, in realtà si tratta di ciò che verrebbe chiamato crimine dell’odio e condotta violenta, in occidente. Inoltre, sempre in occidente, un tale atto sarebbe colpito da multe salate e da lunghe condanne.
In realtà, casi simili si sono avuti in occidente, con una scarsa finta indignazione su una presunta  violazione della libertà di parola di presunti bigotti, razzisti e teppisti che hanno preceduto le “Pussy Riot.” In molti casi, l’occidente ha perseguito attivamente non solo delle persone, ma ne ha vessato altre, provocando disordini pubblici, e anche coloro che diffondono materiale di persone che pensavano cose che venivano semplicemente percepite come “socialmente pericolose”.
L’occidente ha imprigionato molte persone per reati simili o minori:
– 3 anni di carcere per Revisionismo Storico: nel 2006, la BBC riferiva che lo “storico britannico David Irving era stato condannato a Vienna per negazione dell’Olocausto degli ebrei europei e condannato a tre anni di carcere”. La BBC aveva anche riferito che “il giudice nel processo per le  2000 denunce di diffamazione, lo aveva dichiarato un negatore attivo dell’Olocausto… antisemita e razzista.” Le credenze di Irving, per quanto impopolari possano essere, sono state espresse nei suoi scritti e discorsi, non irrompendo in una sinagoga.
– 4 anni e 2 anni di carcere per la gestione di un sito web “razzista”: Per il reato di gestione di un sito web “razzista” statunitense con l’intento di distribuire “materiale razzista,” due inglesi, Simon Sheppard e Stephen Whittle sono stati condannati a 4 anni e 2 anni rispettivamente nel Regno Unito, nel 2009. Il giudice, secondo la BBC, “disse agli uomini che il loro materiale era “sconveniente e ingiurioso” e poteva causare “gravi danni sociali.””A differenza delle Pussy Riot, tuttavia, questi 2 uomini avevano solo messo i loro volantini sulla porta di una sinagoga, invece di irrompervi, ed hanno avuto 2-4 anni in prigione.
– 5 anni di carcere per disaccordo con la storia ufficiale: anche nel 2009, un uomo è stato condannato a 5 anni per “propagare idee naziste o per negazione dell’Olocausto” in Austria, afferma la Reuters. Gerd Honsik avrebbe scritto libri e riviste che aveva tentato di distribuire nelle scuole, anche se era il contenuto del materiale, e non il modo in cui ha cercato di distribuirlo, che gli è valsa la sua lunga detenzione. Per quanto impopolari possano essere le sue idee, secondo l’ultima tirata dall’occidente, non solo avrebbe dovuto avere il permesso di pubblicizzarle, ma anche di farlo in un luogo di culto di coloro che disprezzava.
– 3 anni di carcere per molestie a un ebreo e incitamento all’odio pubblico: Nel 2011, un australiano ha pubblicato un video “antisemita” su YouTube, prendendosi 3 anni di carcere. Il video a quanto pare, mostrava l’uomo condannato insultare un ebreo prima di darsi a una filippica “di fronte alla Perth Bell Tower“, riferiva ABC of Australia. Chiaramente insultare qualcuno e provocare disturbo pubblico  in Australia è un reato punibile, ma in qualche modo il governo australiano vede le ingiurie ai fedeli in Russia una “libertà di espressione”. Altrettanto chiaro è che questa ipocrisia e selettività dei principi sono liberamente esercitati.
– Detenzione per disturbo di quiete pubblica per “odio”: Quest’anno, il britannico Daily Mail, nel suo articolo, “Elmo in manette: Uomo vestito come il personaggio di Sesame Street viene portato via da Central Park dopo uno sfogo antisemita di fronte a bambini“, e che “l’aspetto di un uomo che diffonde odio travestito da Elmo era una cosa stridente per molti abitanti di New York che hanno visitato Central Park, nel pomeriggio di domenica.” L’articolo diceva che se l’uomo era stato ammanettato e portato via, non era stato arrestato. Mentre nessun arresto o condanna è stato emesso, la storia indica chiaramente che vi è una linea tra ciò che è “libertà di parola” e ciò che è “disturbo della quiete pubblica” negli Stati Uniti.
– Arresti per gravi commenti “religiosi e razziali” su Facebook: Per il reato di pubblicazione di osservazioni “antisemite” su Facebook; la BBC ha riferito che “cinque uomini e un 15enne” sono stati arrestati nel maggio 2012. La BBC avrebbe proseguito, “le sei persone arrestate sono state accusate di violazione della pace con aggravanti religiose e razziali.”

Ipocrisia politicamente orientata e posa dei fantocci
Indipendentemente dalle proprie convinzioni su cosa possa essere la “libertà di espressione”, e quali linee esistono tra l’uso responsabile e irresponsabile di questa libertà, non si può ignorare la stupefacente ipocrisia esibita dall’occidente, che ora si torce le mani in segno di finta disapprovazione per l’incarcerazione delle “Pussy Riot”, mentre le loro carceri sono piene di “incitatori all’odio”, molti dei quali non hanno nemmeno specificamente preso di mira o disturbato i soggetti del loro presunto disprezzo.


Foto: la campagna di sostegno alle “Pussy Riot” è guidata da Oksana Chelysheva della “Società per l’amicizia russo-cecena” finanziata dal Dipartimento di Stato USA, una stanza di compensazione della propaganda dei terroristi ceceni. Insieme ad Alexey Navalny, sovvenzionato Dipartimento di Stato USA e dai media dell’Occidente dalla loro parte, le “punk rockers” hooligan anti-establishment ora sotto processo a Mosca, hanno un supporto decisamente di “regime”.

La vera ragione per cui i media occidentali si sono così appassionati nel seguire il processo delle “Pussy Riot” non ha nulla a che fare con la “libertà di parola”.
L’occidente, e più specificamente, gli interessi finanziario-corporativi di Wall Street e Londra, vedono l’attuale governo della Russia come una barriera non solo al ritorno dell’implacabile saccheggio del popolo russo, cosa di cui avevano goduto negli anni ’90, ma un controllo ed equilibrio che inibisce le loro ambizioni egemoniche globali. L’Occidente ha appoggiato con denaro e sostegno politico il movimento di opposizione da cui le “Pussy Riot” promanano.
L’ultima prodezza è volta specificamente a dare nuovo respiro alla fatiscente “opposizione” sostenuta apertamente dall’estero; un tentativo di dividere e indebolire la Russia e il governo del presidente Vladimir Putin, prima, durante e dopo il suo ritorno alla presidenza. Invece, quest’ultima prodezza non fa altro che esporre ulteriormente l’ipocrisia sempre più visibile e l’ingiustizia pervasiva di tutte le componenti della società occidentale.
Infine, le “Pussy Riot” non sono punk rockers. Sono strumenti sostenuti dal Dipartimento di Stato USA dell’egemonia corporativo-finanzieria, utilizzati come leva contro il governo russo che si oppone all’ordine mondiale della corporatocrazia internazionale di Wall Street e Londra. La cultura punk, rappresenta l’antitesi di un tale ordine internazionale, ironicamente, infatti, molti hanno superficialmente difeso le “Pussy Riot” presentate più “punk” di quanto esse lo siano sostanzialmente.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Chi o cosa sono le “Pussy Riot?”

La copertura mediatica occidentale delle “Pussy Riot” peggio della propaganda “sovietica”.
Tony Cartalucci Land Destroyer 6 agosto 2012

Accuratamente descritte come bigotte e teppiste, i tre membri della band musicale conosciuta come “Pussy Riot” sono ora sotto processo per “atti di teppismo motivato da odio religioso”. Ciò dopo aver fatto irruzione in una chiesa a Mosca, disturbando la quiete pubblica, mentre deridevano le credenze dei presenti nel tentativo di protestare contro il presidente russo Vladimir Putin. Se degli skinhead avessero fatto qualcosa di simile in una sinagoga in occidente, sicuramente avrebbero già da tempo pagato multe salate e cominciato un lungo periodo di carcerazione per “insulti in pubblico sulla base dell’origine, appartenenza religiosa, razza o origine etnica” (e qui).
L’articolo del Guardian intitolato “Pussy Riot trial ‘worse than Soviet era’“, si svela subito una palese propaganda, descrivendo il tribunale e la bandiera russa come “squallidi” e un cane poliziotto come “in cerca di sangue.” Il giornale britannico tenta di ritrarre la Russia stessa come “fortemente divisa” tra conservatori e liberali, con questi ultimi che combattono contro lo Stato “con ogni mezzo possibile“.
Già il Guardian si mette nei guai – ritraendo la Russia come “divisa”, cosa respinta dalle recenti elezioni che hanno concesso a Vladimir Putin e al suo partito Russia Unita il mandato per la guida del Paese. E se è vero che in realtà, tra l’affluenza alle urne e Putin che raccoglie il sostegno del 63% di quelli che hanno votato (in una elezione con 5 partecipanti), solo il 40% degli elettori totali della Russia registrati ha effettivamente votato per Putin, il suo mandato è ancora più solido di quello del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, con il suo 32% in una corsa a due, o la vittoria dello scorso anno, qui in Thailandia, di Yingluck Shinawatra con un tenue 35%, una vittoria salutata dai media occidentali come “travolgente” .


Foto
: Screenshot tratto dal sito del National Endowment for Democracy sui finanziamenti statunitensi per la ONG Golos. Golos” presumibilmente era alla ricerca di “irregolarità elettorali” nelle recenti elezioni russe. Golos e altre ONG e partiti di opposizione appoggiati dagli USA, stanno ora cercando di attivare una “primavera araba” in Russia.

Va inoltre sottolineato che le recenti elezioni in Russia sono state funestate dal monitoraggio dell’ONG “Golos“, nel tentativo di screditare i risultati come fraudolenti. Si sarebbe in seguito rivelato che questa ONG, definita “indipendente” dalla stampa occidentale, era in realtà finanziata e diretta dal Dipartimento di Stato USA tramite il National Endowment for Democracy (NED).  Tentativi da parte di Wall Street e di Londra d’inquadrare le elezioni fraudolente, sono volte a porre le basi per una più ampia campagna di destabilizzazione politica, e la campagna per le “Pussy Riot” ne è ormai un elemento chiave.

Un’insipida campagna pubblicitaria per conto del Dipartimento di Stato USA
The Guardian è comunque assolutamente corretto quando chiama il processo alle “Pussy Riot” un “processo show”. Tuttavia, sostiene a torto che la spettacolarità sia opera della Federazione russa. Invece, è una messinscena dei media occidentali e della vasta rete di false ONG del Dipartimento di Stato USA. L’Intero articolo del Guardian è propaganda scritta con tono letterario, piuttosto che giornalismo. Lo stesso articolo cita l’avvocato delle convenute, i cui commenti costituiscono il fondamento stesso del titolo dell’articolo. E mentre il Guardian può depredare con successo le emozioni dei lettori male informati, ignari, ma ben intenzionati, non si lascia sfuggire alcuni indizi che ci dicono chi ci sia realmente dietro lo spettacolo. Secondo il Guardian, la difesa “ha cercato di chiamare 13 testimoni, tra cui il leader dell’opposizione Alexey Navalny.” Navalny, naturalmente, è un vecchio agente che riceve sostegno politico e finanziario dall’occidente, nel tentativo di minare il governo della Russia e riportarla ai tempi in cui Wall Street e Londra la saccheggiavano senza ostacoli, come è successo negli anni ’90.
Alexey Navalny è stato Yale World Fellow, e nel suo profilo si legge: “Navalny è la punta di diamante delle sfide legali per conto dei soci di minoranza nelle grandi società russe, tra cui Gazprom, VTB Bank, Sberbank, Rosneft, Transneft e Surgutneftegaz, attraverso l’Unione degli azionisti di minoranza. Ha costretto con successo le imprese a fornire informazioni ai propri azionisti e ha citato in giudizio singoli manager di diverse grandi aziende, per presunte pratiche di corruzione. Navalny è anche co-fondatore del movimento democratico alternativo ed è stato vice-presidente della sezione moscovita del partito politico Jabloko. Nel 2010, ha lanciato RosPil, un progetto sovvenzionato con una raccolta di fondi pubblici senza precedenti, in Russia. Nel 2011, ha avviato RosYama, che combatte le frodi nel settore delle costruzioni stradali.”
Alternativa democratica, anche scritta DA!, è invece destinataria dei fondi del National Endowment for Democracy, il che significa che Alexey Navalny è un agente della sedizione finanziata dagli USA. E nonostante posi da campione della “trasparenza”, Navalny nasconde volontariamente tutto questo ai suoi seguaci. Lo stesso Dipartimento di Stato USA lo indica come operativo dei “movimenti giovanili” in Russia: “DA!: Marija Gajdar, figlia dell’ex primo ministro Egor Gajdar, guida DA! (Alternativa Democratica) Lei è un’ardente promotrice della democrazia, ma realista, per gli ostacoli che incontra. Gajdar ha detto che DA! è focalizzata sull’attività non-partigiana volta a sensibilizzare il mondo politico. Ha ricevuto finanziamenti dal National Endowment for Democracy, un fatto che non pubblicizza per timore di apparire compromessa con una connessione statunitense”.
Navalny è coinvolto direttamente nella fondazione del movimento finanziato dal governo degli Stati Uniti, e ad oggi sono le stesse persone che finanziano DA! che lo difendono su tutti i media occidentali. La menzione della co-fondatrice Marija Gajdar rivela anche come lei abbia collaborato a lungo e, occasionalmente, sia stata arrestata con Ilija Jashin, un altro leader di un gruppo “attivista” d’opposizione russo finanziato dal NED.
Se la difesa delle “Pussy Riot” chiama un noto agente degli interessi occidentali come “testimone”, ci si chiede in quale contesto e in che misura Navalny, e di conseguenza, la National Endowment for Democracy, sia impegnato con le imputate. Navalny ammette che “conosce” una dei membri della band, ma non è in realtà un “testimone”, ma piuttosto avrebbe testimoniato al fine di “difendere la legge e la giustizia.” Appare quindi chiaro che i tentativi della difesa di includerlo nel processo siano politicamente motivati, non avendo nulla a che fare con la legge o la giustizia, e servendo semplicemente come mezzo per collegare le “Pussy Riot” all’opposizione sovversiva del Dipartimento di Stato USA, molti dei cui leader sono stati colti entrare nell’ambasciata statunitense a Mosca, all’inizio di quest’anno.
Inoltre, Oksana Chelysheva, membro del consiglio del Forum Civico russo-finlandese e membro del comitato direttivo del NED, il FIDH finanziato dall’Open Society del criminale riconosciuto George Soros, l’Open Society, la Ford Foundation, la Defenders Front Line finanziata dal Sigrid Rausing Trust e il Forum della società civile UE-Russia affiliato ad Amnesty International, a sua volta diretta dal Dipartimento di Stato USA, dirigono la campagna di sostegno alle “Pussy Riot“.

Foto: la campagna di supporto alle “Pussy Riot” è guidata da Oksana Chelysheva della “Russian-Chechen Friendship Society“, una stanza di compensazione per la propaganda terroristica cecena, finanziata dal Dipartimento di Stato USA. Insieme ad Alexey Navalny, sovvenzionato dal Dipartimento di Stato USA, e appoggiate dai media occidentali, le teppiste anti-establishment “punk rockers” ora sotto processo a Mosca, dispongono di un supporto decisamente “di regime“. (Cliccare sulle immagini per ingrandire).

Chelysheva era anche “Vicedirettore esecutivo” della Società per l’amicizia russo-cecena, interamente finanziata dal Dipartimento di Stato USA tramite il National Endowment for Democracy. La “Società per l’amicizia” era essenzialmente una facciata per le pubbliche relazioni dei terroristi ceceni filo al-Qaida che devastano la regione caucasica della Russia, offrendo un nuovo esempio rilevante di come gli Stati Uniti, la NATO e gli Stati del Golfo sostengono apertamente gruppi di terroristi simili a quelli che ora devastano la Siria. La “Società per l’amicizia” svolge una funzione simile a quella dell’ormai screditato “Osservatorio siriano per i diritti umani“.
Mentre non si sa, finora, se i membri delle “Pussy Riot” siano stati contattati da uno di questi gruppi, o dal Dipartimento di Stato o da sue controllate, per svolgere il loro vandalismo, è chiaro che questi gruppi e lo stesso Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, hanno trasformato un’altrimenti stupida violazione della quiete pubblica e dei diritti dei praticanti una fede ad andare in Chiesa senza subire le molestie, in un punto di leva politica contro la Russia.
Aiutando ad abbassare la leva politica, arnesi della propaganda come il Guardian raffigurano il processo come il caso di un gruppo di opposizione liberale russo che lotta contro il ritorno al sistema giudiziario dell’Unione Sovietica. In realtà, è un altra produzione Wall Street-Londra, in linea con il movimento Otpor finanziato dagli USA, alla frode Kony 2012 e alla “primavera araba” ideata dagli USA.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 343 follower