Novorossija, il consolidamento delle Repubbliche popolari

Alessandro Lattanzio, 23/7/20141511916Il 16 luglio 2014, alle 5:00 la milizia avviava una massiccia offensiva contro la Guardia Nazionale presso Savr-Mogila, Stepanovka e Marinovka. Le colonne militari ucraine continuavano a ritirarsi attraverso Kozhevnja, Novopetrovskoe, Grigorovka e Amvrosevka, sotto il tiro dell’artiglieria della milizia composta da cannoni semoventi Gvozdika e MLRS Grad. Inoltre le truppe golpiste abbandonavano anche Slavjansk e Kramatorsk. L’area d’Izvarino veniva completamente abbandonata dalle forze ucraine. Qui il comandante della 24.ma brigata meccanizzata, colonnello Aleksandr Pavljuk, era fuggito lasciando la brigata in balia di se stessa, la 72.ma brigata meccanizzata era praticamente distrutta, avendo perso 200 soldati, e il 15.mo e il 95.mo battaglione della 79.ma brigata, assieme alla brigata d’artiglieria Zaporozhja, si ritiravano in disordine. Nell’assalto su Lugansk, l’esercito ucraino aveva perso oltre 40 carri armati. Presso Savr-Mogila, la milizia abbatteva 1 aereo d’attacco ucraino che aveva lanciato 4 missili. Pesanti combattimenti presso Marinovka, che veniva per due volte bombardata da aerei golpisti. I majdanisti in ritirata verso Provale Marinovka subivano gravi perdite presso Birjukovo, dove i miliziani tendevano un’imboscata. Con la liberazione di Marinovka, al confine con la Federazione russa, l’accerchiamento di gran parte delle forze d’assalto ucraine ad opera dalle Forze Armate della Novorossija veniva completato, intrappolando oltre 6000 effettivi majdanisti, 300 blindati e 150 pezzi di artiglieria e sistemi lanciarazzi delle 24.ma, 51.ma e 72.ma brigate meccanizzate, 79.ma brigata aeroportata, 1.ma brigata d’artiglieria, 3° e 9° reggimenti della Guardia nazionale e notevoli forze della guardia di frontiera, tra cui le unità di Lugansk e Donetsk, ed avamposti mobili di altre unità. Durante i combattimenti, le forze si sono ridotte a 2500-3000 effettivi, divisi in tre gruppi quasi privi di comunicazioni tra essi e le altre unità delle forze armate ucraine. In pratica le milizie dell’autodifesa hanno sconfitto 4 brigate meccanizzate e 2 aeromobili, 1 battaglione corazzato, 3 squadre delle forze speciali e 6 battaglioni d’artiglieria.
Il 17 luglio 1 Su-25 ucraino veniva abbattuto su Dmitrevka, mentre presso Kozhevnja, a sud di Dmitrievka, al confine con la Russia, un gruppo da ricognizione e sabotaggio della milizia distruggeva un carro armato e un BTR di un convoglio majdanista bloccato dopo la distruzione del ponte di barche sul fiume Mius. A Snezhnoe, un velivolo cargo Antonov An-26, delle forze aeree ucraine, veniva abbattuto dall’unità antiaerea del battaglione Oplot. Sarebbero andati perduti anche 4 elicotteri Mi-8 delle forze majdaniste. A sud di Mospino, a Svetloe, il gruppo da ricognizione del 2° battaglione attaccava un checkpoint majdanista distruggendo 1 BTR, 1 autocarro Kamaz, 1 autobus e 1 sistema ATGM Konkurs ed eliminando oltre 50 naziguardie, dopodiché gli ucrainisti abbandonavano la posizione. A Stara Krasnjanka (80 km a nordovest da Lugansk) la milizia distruggeva una postazione e 1 BMP dei mjadanisti. La milizia abbatteva un aereo ucraino entrato nello spazio aereo russo, a 6000 metri di quota, alle 19:00 del 16 luglio. Presso Metalist, le milizie del 2° battaglione attaccavano le unità majdaniste infliggendo perdite significative, mentre i miliziani del battaglione Kalmius, in un’imboscata a una colonna ucraina presso Karlovka, distruggeva 2 BMP-2 e catturava il veicolo comando, completo di sistema di trasmissione, documenti e mappe, della 93.ma brigata meccanizzata ucraina.
Il 18 luglio, il bombardamento della giunta fascista di Kiev su Lugansk uccideva  44 civili. Il gruppo da ricognizione e sabotaggio del 1.mo Battaglione della milizia attaccava un checkpoint majdanista presso Ostroe, distruggendo 1 BTR nemico, mentre 8 carri armati majdanisti venivano catturati nei villaggi di Tonenkoe e Severnij, poi bombardati dagli MLRS majdanisti.
Il 20 luglio, a Lugansk, durante la notte un gruppo majdanista tentava di lasciare l’aeroporto, ma la milizia lo respingeva eliminando 4 golpisti e ferendone 15.
L’esercito ucraino avrebbe perso almeno 1600 uomini nelle operazioni contro l’Ucraina del sud-est, tra il 9 e il 15 luglio, cui vanno aggiunti 4723 feriti, 35 carri armati, 96 blindati (BTR e BMP), 38 pezzi di artiglieria, 7 aerei, 2 elicotteri e 104 autoveicoli. Le milizie di autodifesa avevano subito la perdita di 48 combattenti, 64 feriti, 2 carri armati, 8 pezzi di artiglieria e 8 autoveicoli. 496 civili sono stati uccisi dai majdanisti e altri 762 feriti. Quindi, le forze di autodifesa del Donbas hanno compiuto progressi significativi nel corso delle ultime 12 settimane, eliminando 5780 effettivi majidanisti ed un generale della giunta di Kiev, e distruggendo 96 BMP, 2 cannoni d’assalto 2S9 Nona, 100 BTR, 35 T-64, 5 MLRS BM-27 Uragan, 5 MLRS BM-21 Grad, 10 autocarri Kamaz e 12 autocarri Ural-4320, 1 aereo cargo Iljushin Il-76, 1 velivolo da ricognizione Antonov An-30, 8/10 aerei d’attacco al suolo Su-25, 2 cacciabombardieri Su-24, 2 aerei cargo Antonov An-26, 1 aereo da collegamento An-2, 18 elicotteri Mi-24 e Mi-17. I mezzi nemici requisiti dalle milizie sono  2 carri armati T-34, 7 carri armati T-64, 2 cannoni d’assalto 2S9 Nona, 17 blindati BTR, 7 blindati BMP, 5 autobus, 1 autocarro Kamaz, 1 mortaio da 82 millimetri 2B9 Vasilek, 1 sistema anticarro 9K111 Fagot, 3 lanciagranate automatici AGS-17, 1 aereo d’attacco al suolo Su-25, 1 sistema di difesa aerea missilistica Strela-10M.
10410680I combattimenti continuavano presso Lugansk, dove la 24.ma e la 72.ma brigate erano accerchiate, e a nord-ovest di Aleksandrovka, che la giunta aveva preso il 13 luglio e perso il 15. A Lisichansk-Rubezhnoe-Severodonetsk, i golpisti  bombardavano sistematicamente le posizioni della milizia, nel tentativo di distruggere la raffineria di Lisichansk. Scontri anche a Popasnaja e Shaste. Ad ovest di Gorlovka e Donetsk, la milizia distruggeva una serie di punti di controllo majdanisti infliggendogli perdite significative. Il Primo ministro della RPD Aleksandr Borodaj annunciava che la difesa aerea della milizia aveva i complessi SAM Strela-10M,La difesa aerea della milizia da oggi possiede i complessi Strela-10M”. Borodaj osservava che la quota massima di questi complessi è 5000 metri, “Questi complessi, che abbiamo catturato, vengono attualmente aggiornati dal nostro arsenale per essere pienamente operativi“.
Sul piano politico, i successi della milizia dell’autodifesa sabotavano i colloqui segreti tra il politico ed affarista moscovita Vladislav Surkov e gli oligarchi ucrainia Akhmetov e Kolomojskij, per il tramite dell’agente del Mossad e gorbacioviano Sergej Kurginjan. In sostanza l’oligarchia moscovita (ad esempio Fridman), rappresentata da Surkov, cercava di negoziare con gli oligarchi ucraini la creazione di una “grande Transnistria” composta dalle Repubbliche di Lugansk e Donetsk al cui vertice porre Oleg Tsarjov. Altri esponenti coinvolti in tali trattative erano il sindaco di Donetsk Lukjanchenko (poi fuggito a Kiev), il presidente del parlamento di Novorossija Denis Pushilin (dimissionato), il ministro della sicurezza Khodakovskij (licenziato, mentre il battaglione Vostok che comandava è stato rinominato brigata ed assegnata allo stato maggiore di Strelkov) e il generale della polizia Pozhidaev (che era al ministero degli Interni, da cui è stato epurato subito dopo l’arrivo di Strelkov a Donetsk). Tutti costoro erano collegati all’oligarca di Kharkov Rinat Akhmetov, mentre Antjufeev è stato nominato per imporre la legge marziale a Donetsk ed imporre le dimissioni agli elementi inaffidabili nell’ambito dell’amministrazione di Donestk. Dopo il riavvio dell’azione militare nell’Ucraina orientale, gli oligarchi ucraini in contatto con Mosca, divennero oggetto di una campagna mediatica, una volta scoperti i contatti del deputato di Kolomojskij, Korban, con Kurginjan. Da allora la campagna contro Kolomojskij sui media ucraini ha assunto notevoli dimensioni, e il SBU ha reso pubbliche le registrazioni audio ai danni di Kolomojskij per mettergli contro i neofascisti che finanzia. Nel frattempo gli appelli di Kolomojskij, Filatov e Korban affinché le proprietà di Akhmetov venissero confiscate venivano ignorati dai media locali, che iniziavano a difendere Akhmetov, avendo già consegnato Marjupol alla giunta, e che stava per consegnare anche Donetsk. Dopo l’interruzione dei colloqui, la giunta golpista esitava a distruggere città e infrastrutture, perché il controllo del Donbas può avvenire solo militarmente. Intanto la milizia iniziava a ricevere carri armati, artiglieria, blindati, obici D-30, cannoni semoventi Gvozdika ed MLRS in quantità abbastanza significativa e in pochi giorni. In una settimana la milizia ricevette più armi che nei 3 mesi precedenti, permettendo il 13-14 luglio la controffensiva anti- majdanista iniziata il 13 luglio. Ciononostante la giunta dispone di quantità superiori in effettivi e mezzi, grazie all’aiuto materiale, tecnico ed organizzativo di Stati Uniti e NATO. Quindi la giunta ha continuato l’offensiva, anche dopo la sconfitta subita sul fianco meridionale del Donetsk, attaccando i punti più deboli del fronte del Donetsk. In relazione all”incidente’ del volo MH17, il provocatore Kurginjan arrivava ad affermare che “Strelkov voleva uccidere Putin, e quindi dobbiamo capire che è lui che ha colpito il Boeing“… La provocazione della giunta con il Boeing malese veniva così raccolta dal partito dei disfattisti russi, diffondendo la tesi che dietro l’abbattimento del Boeing ci potesse essere Strelkov e la milizia della RPD, che veniva attaccata sia dagli Stati Uniti e dalla loro giunta di Kiev, che dai compradores disfattisti russi e dai loro agenti mediatici come Kurginjan. L’accusa che Strelkov volesse uccidere Putin era necessaria per spaventare chi volesse sostenere Strelkov, sia tra l’opinione pubblica che ai vertici della dirigenza della Federazione Russa. Il senso complessivo di tale operazione era screditare Strelkov sui media, vera quinta colonna atlantista, al contrario dei buffoni liberal-pederasti, e gettare le basi della sua sostituzione. Non andrebbe escluso che una parte del territorio di Donetsk venisse svenduta per raggiungere tale obiettivo, permettendo così di attaccare Strelkov. La variante ideale era affidare la leadership militare della RPD a Surkov, al fine di evitare qualsiasi iniziativa ed avviare i negoziati con la giunta di Kiev. Se Strelkov e gli altri comandanti sul campo, come Mozgovoj, restano in circolazione, tali piani sono impossibili ed i disfattisti dovranno spendere tempo e capitale politico per distruggere Strelkov.
10526126 Il 21 luglio, le forze majdaniste cercarono di sfondare preso la stazione ferroviaria di Donetsk, che veniva bombardata da vari sistemi lanciarazzi Grad e da aerei da guerra ucraini. Dzerzhinsk, Rubezhnoe e Soledar venivano occupate e 7 miliziani uccisi. A Borovskoe (40 km a nordovest di Lugansk), l’assalto di decine di blindati majdanisti falliva. Anche gli attacchi da ovest e sud, su Juvilejne, Georgovka e Rozkishne, fallivano con la perdita di 3 carri armati e un aereo d’attacco ucraini. Il ministro della Difesa della Repubblica popolare del Donetsk Igor Strelkov osservava che “unità dell’esercito ucraino hanno fatto irruzione da Avdivka in direzione della stazione ferroviaria. Nello stesso tempo, le nostre posizioni sono attaccate a Peskij, Karlovka e Netajlova. Carri armati e veicoli d’assalto corazzati della fanteria sono utilizzati con il massiccio sostegno dell’artiglieria“. Il 22 luglio, pesanti combattimenti intorno gli aeroporti di Lugansk e Donetsk e nella sacca a sud, intorno alle forze golpiste intrappolate. Il leader della Repubblica Popolare di Lugansk Valerij Bolotov ordinava la controffensiva contro l’esercito ucraino, “Considerando la situazione attuale, la resa di Severodonetsk e Lisichansk, e la situazione umanitaria a Lugansk, ho ordinato la controffensiva per sbloccare Lugansk“, che non è stata circondata e “danni considerevoli sono stati inflitti al nemico e un gruppo (di truppe ucraine) rimane intrappolato presso l’aeroporto della città“. Il bombardamento di Lugansk ha ucciso 5 civili. Una piccola unità della nazigardia di 8 elementi veniva distrutta in un agguato alla frontiera tra Kherson e Novorossija. I loro corpi furono allineati lungo la strada, ed armi e attrezzature portate via.
Gli Stati Uniti prevedono d’espandere l’assistenza tecnico-militare all’Ucraina; un disegno di legge presentato al Congresso prevede la fornitura di servizi e addestramento per la difesa all’Ucraina, e l’invio di armi anticarro, antiaereo e leggere, blindati, veicoli polivalenti, gommoni e giubbotti antiproiettile. L’Ucraina deve adottare lo “stato d’emergenza sull’informazione” e la censura, dichiarava Vasilij Kostitskij, presidente della Commissione nazionale ucraina sulla tutela della morale pubblica. Un altro moralista, Dmitrij Jarosh, annunciava la creazione del “Corpo dei volontari ucraini” composto da squadristi di “Pravij Sektor“, per formare un’”unità da combattimento potente simile alle SS” per contrastare “i terroristi del sud-est”.

Separatist rebels remove a Soviet era T-54 tank from a historical museum in DonetskFonti:
Alawata
Alawata
Asie Centrale
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
Eugene DF
ITAR-TASS
ITAR-TASS
ITAR-TASS
StopNATO
Vineyard Saker
Vineyard Saker
Vineyard Saker
Vineyard Saker

karta_22_iyulya

Novorossija: disfatta di Kiev e della NATO

Alessandro Lattanzio, 17/7/2014

Igor Strelkov: La liberazione di Kiev dalla banda occupante di pedofili, cultisti e altra feccia è uno dei compiti più importanti della nostra campagna.

_75196909_022413684-1I cinque distaccamenti della giunta di Kiev attivi nella regione di Donestk- Lugansk erano la 79.ma brigata aeroportata, i battaglioni Shakhtjorsk e Azov, la 24.ma brigata d’artiglieria e la 72.ma brigata meccanizzata. Dal 15 luglio, enormi convogli ucraini di blindati, artiglieria e autocarri alla rinfusa si ritiravano verso Kozhevnja (a sud di Dmitrevka) per sottrarsi all’accerchiamento delle truppe di Lugansk. Durante la ritirata da Izvarino, le forze speciali ucraine (SBU) di Kirovograd subivano ingenti perdite: 8 morti e 30 feriti. La milizia dell’autodifesa riprendeva le posizioni occupate dagli ucraini il 13 luglio. Nella zona dell’aeroporto di Lugansk rimanevano bloccati 45 tra carri armati e blindati majdanisti. La milizia dell’autodifesa aveva catturato alle forze ucraine 4 carri armati T-64, 3 cannoni semoventi 2S1 Gvozdika, 1 BTR e 2 autoveicoli. La giunta a Kiev, dopo aver subito notevoli perdite e problemi logistici nell’offensiva su Lugansk-Donestk, nel fallimentare tentativo di sbloccare l’aeroporto di Lugansk, si ritirava mentre la milizia della RPL  sventava la maggiore operazione strategica dei majdanisti, infliggendo alla giunta naziatlantista la peggiore sconfitta dall’inizio della guerra, costringendola a un’urgente pausa operativa. Dal 1 luglio al 14 luglio, i miliziani della Repubblica Popolare di Lugansk avevano eliminato oltre 800 miliziani majdanisti e 50 loro blindati.

Il 15 luglio, colonne di blindati e obici semoventi con bandiere russe e della Novorossija si muovevano diversi punti tra Donetsk e Lugansk raggiungendo Enakevo, 100 km ad ovest di Lugansk.
UkraineIl 16 luglio, la milizia dell’autodifesa delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk lanciava un’offensiva contro la Guardia Nazionale ucraina. L’offensiva iniziava “alle 5 del mattino del 16 luglio per liquidare la sacca di Stepanovka (Donetsk), con i bombardamenti dei carri armati e dei mortai sulle postazioni della Guardia Nazionale ucraina presso Marinovka (regione di Donetsk), che continuarono per un’ora“. La milizia combatteva anche nella zona del villaggio Tarani e di Savr-Mogila, utilizzando mortai e carro armati contro le posizioni ucraine. Nei pressi di Amvrosevka, il 3.zo battaglione della 72.ma brigata ucraina veniva bombardato dagli MLRS Grad della milizia, infliggendo 4 morti e oltre 10 feriti, mentre i miliziani della RPD facevano saltare in aria la torre delle comunicazioni dell’aeroporto di Donetsk, con cui i golpisti guidavano le operazioni di aviosbarco di armi, mercenari e munizioni nell’aeroporto di Lugansk. A Izvarino, la milizia eliminava 8 spetsnaz ucraini di Kirovograd e ne feriva atri 10. Un’altra unità majdanista veniva circondata sempre presso Izvarino, perdendo 1 sistema d’artiglieria semovente e 40 autocarri. Nella zona di Sverdlovsk, regione di Lugansk, la milizia devastava la 72.ma brigata con artiglieria e mortai. La raffineria di Lisichansk, LINIK, veniva liberata dalle forze armate di Novorossija. La raffineria rappresenta circa il 40% della capacità totale di raffinazione dell’Ucraina. Un distaccamento dell’esercito della RPD catturava 4 blindati abbandonati dalle forze majdaniste presso Tonenkoe, mentre a Mospino la milizia eliminava 2 BMP-2 e 50 naziguardie. Due aviogetti Sukhoj Su-25 venivano abbattuti su Gorlovka. 2 paracadutisti russi furono uccisi da un gruppo di naziguardie ucraine infiltratesi nel territorio della Federazione Russa. Durante la ritirata i miliziani dell’autodifesa intercettavano gli aggressori majdanisti, eliminandone la maggior parte. Veniva anche liberata Marinovka, dove le forze golpiste, i paracadutisti della 79.ma brigata, venivano accerchiate perdendo 1 BTR e 2 BMP-2, di cui 1 catturato intatto. Il fronte meridionale di Novorossija veniva così assicurato. Nelle altre zone del fronte meridionale, la Milizia continuava l’offensiva impiegando l’artiglieria contro le colonne majdaniste. In totale venivano accerchiati 2500 dei 5000 mercenari majdanisti impiegati direttamente contro la Novorossija. Diverse unità si disperdevano, come ad esempio la 24.ma brigata meccanizzata, mentre un centinaio di miliziani ucraini si rifugiava in Russia. La 72.ma brigata meccanizzata, isolata nella zona di Birukova-Gukovo, subiva gravi perdite e carenze di munizioni, carburante, cibo e acqua. Le forze ucrainiste abbandonavano in fretta le posizioni presso Provale, Krasnodon, Aleksandrovka, Izvarino e Shaste. In pratica, tutte le unità majdaniste impiegate sul fronte meridionale di Novorossija si ritiravano disordinatamente, abbandonando materiale e mezzi. Si trattava delle 5 unità da combattimento di Kiev già indicate: la 79.ma e la 24.ma brigate aeroportate, il battaglione territoriale Shakhtjorsk, il battaglione naziatlantista Azov e la 72.ma brigata meccanizzata. Tutte intenzionate a rompere l’accerchiamento cui erano sottoposte dalla Milizia dell’autodifesa. L’esercito ucraino avrebbe perso 258 soldati e altri 922 sarebbero stati feriti nell’operazione contro il sud-est dell’Ucraina, secondo il portavoce del Consiglio di Difesa e Sicurezza Nazionale ucraino Andrej Lisenko.
Il ‘ministro’ degli Interni golpista Arsen Avakov licenziava 585 agenti di polizia di stanza a Donetsk per ‘tradimento’, mentre arrivava un battaglione di volontari israeliani in supporto della giunta golpista a Kiev, per combattere contro i federalisti. Il comandante dell’unità incita tutti gli ebrei ucraini ad aderire al battaglione “Matilan“. Si tratta di un’unità speciale della polizia di frontiera israeliana, creata nel 1996. Matilan significa “intelligence, osservazione, intercettazione, operazioni speciali”. Nel porto di Odessa venivano sbarcati in segreto 12 semoventi da 152 mm Vz.77 Dana di produzione ceca ma provenienti dalla 1.ma brigata d’artiglieria polacca Masuria, assieme ad autocarri, militari e altri mezzi. Inoltre, Kiev ha ricevuto dagli Stati Uniti 2000 giubbotti antiproiettile Interceptor, sebbene in compenso “l’esercitazione Rapid Trident 2014, inizialmente prevista per luglio in Ucraina, verrà rinviata“, come dichiarava il tenente-colonnello dell’USAF David Westover Jr. “Le date esatte e i partecipanti devono essere determinati“. L’esercitazione era prevista presso Lvov, in Ucraina, e doveva coinvolgere unità di Stati Uniti, Ucraina, Armenia, Azerbaijan, Bulgaria, Canada, Georgia, Germania, Moldavia, Polonia, Romania e Regno Unito.

06e0jyuc4zc

23a3b0c9108d1239b86ceabfef6722d9

Fonti:
Alawata
Army Times
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
ITAR-TASS
Global Research
Maidan Translations
Politikus
Sociologia Critica
Sputniki Pogrom
Vineyard Saker
Vineyard Saker
Voice of Russia

Novorossija, Kiev inizia la ritirata

Alessandro Lattanzio, 15/7/2014

10304708Il 12 luglio, la Milizia della Repubblica Popolare di Donetsk (RPD) abbatteva un aereo d’attacco Sukhoj Su-25 ucraino nei pressi di Gorlovka. Il 13 luglio,
una colonna majdanista veniva distrutta alla periferia del villaggio di Roskoshnoe, a sud di Lugansk. Almeno 2 miliziani ucraini furono eliminati. Inoltre, sempre il 13 luglio, le milizie di autodifesa di Novorossija abbattevano 2 velivoli ucraini e distruggevano 12 carri armati e 11 veicoli blindati dell’esercito ucraino. In totale, 3 velivoli majdanisti venivano abbattuti nella zona di Luqansk tra l’11 e il 13 luglio. “Un aereo è stato abbattuto nella zona di Lisichansk e un altro presso Izvarino”. Nella notte del 13-14 luglio, i combattenti federalisti avevano abbattuto un aereo da trasporto ucraino An-26 con 20 uomini a bordo. Nel frattempo, il primo velivolo da combattimento dell’aeronautica della Repubblica Popolare di Lugansk, un Sukhoj Su-25, compiva la prima sortita colpendo le posizioni nemiche vicino al villaggio di Aleksandrovsk, distruggendo 6 carri armati e 1 BTR ucraini, mentre ad Alekseevka un convoglio majdanista veniva circondato e distrutto dalle milizie della RPD. 27 autoveicoli e blindati ucraini, su un totale di 30, venivano distrutti. Dei 3 veicoli sfuggiti all’imboscata, uno si rovesciava durante la fuga. Almeno 100 i miliziani majdanisti eliminati. A Marinovka l’artiglieria faderalista bombardava un convoglio majdanista, distruggendo 10-20 automezzi ucraini. La milizia federalista respingeva un attacco di 70 carri armati majdanisti su Lugansk, presso Metalist. Alcuni carri armati furono incendiati. Presso Slavjansk venivano eliminati 12 miliziani majidanisti.
Gli attacchi combinati su Lugansk e Donetsk erano volti a distrarre le forze della resistenza federalista, allontanandole dal fianco sud, dove 5000 golpisti avevano tentato di tagliare i collegamenti tra Novorussia e Russia, circondando Donetsk e Lugansk. Ma la manovra falliva completamente mentre i majdanisti non riuscivano a prendere la collina Savr-Mogila, finendo coll’essere circondati a loro volta in un corridoio di 4-8 km di larghezza, spezzato dalla Resistenza in diversi punti, costringendo infine le truppe di Kiev a ritirarsi sotto il tiro dell’artiglieria federalista.
Nella zona di Lugansk era stato schierato il corpo di spedizione majdanista consistente in sei gruppi isolati:
1. Il gruppo di artiglieria nella zona di Marinovka – Dmitrovka – Chervonaja Zarja – Kozhevnja, tra Lugansk e il confine con la Russia, nella zona operativa della milizia del RPD.
2. Il gruppo avanzato nella zona di Djakovo, sull’autostrada per Rostov.
3. Il gruppo di artiglieria nella zona di Zelenopolja – Darino – Ermakovka – Dolzhanskij.
4. Il gruppo di artiglieria nella zona di Poreche – Nizhnedereveechka – Prokhladnaja – Kalinik – Cheremshino – Korolevka.
5. La guarnigione dell’aeroporto di Lugansk.
6. L’area Shaste – colle Veselaja – Metalist – Zheltoe.
Ognuno dei primi quattro gruppi consisteva in un battaglione meccanizzato/corazzato e in un gruppo tattico della fanteria. Il presidio dell’aeroporto di Lugansk consisteva in due gruppi tattici della fanteria. A nord di Lugansk, la principale forza d’urto era la 128.ma Brigata meccanizzata con due battaglioni e quattro gruppi tattici della fanteria. A Lisichansk era posto il comando del corpo di spedizione, assieme a un battaglione della 30.ma brigata meccanizzata.
milice slaviansk 2 La mattina del 13 luglio la milizia della RPD attaccava un convoglio di rifornimenti verso Djakovo, mentre artiglieria e lanciarazzi della milizia federalista bombardarono le postazioni dell’artiglieria majdanista presso Poreche e Izvarino. Una batteria di obici D-30 ucraini veniva messa fuori uso, e un plotone di fanteria meccanizzata ucraina perdeva 2 BMP-2. Concentrando a nord di Lugansk un ulteriore battaglione, il comando ucraino iniziava la manovra di avvolgimento da nord a est e poi a sud di Lugansk. Tuttavia, le forze disponibili erano insufficienti, distinguendo così l’avventurismo dei golpisti di Kiev convinti della scarsa organizzazione della milizia federalista. Un battaglione majdanista che doveva entrare nell’area urbana muovendosi verso l’aeroporto, dopo un breve attacco della batteria di MLRS, fu respinto dalla milizia. Le colonne ucraine cercarono di sfondare presso Aleksandrovsk – Beloe, Georgievka – Rodakovo e Sabovka – Jubilejnoe. Ma la mattina del 13 luglio il comando della milizia della RPL ritirava parte dei distaccamenti a sud di Lugansk per poi bombardare e attaccare la principale colonna nemica mentre si preparava a riprendere l’offensiva. Un breve contrattacco delle riserve della milizia, presso Metalist, faceva indietreggiare il primo raggruppamento majdanista fino alle posizioni di partenza, perché rischiava di essere circondato presso Shaste. Il gruppo principale del corpo di spedizione non riusciva ad avvicinarsi all’aeroporto, venendo isolato e disperso durante la notte, ritirando il grosso delle forze verso Molodogvardejsk e Sukhodolsk. La mattina del 14 luglio, gli MLRS della milizia colpivano l’aeroporto dove si era rifugiato una parte del gruppo tattico ucraino. Inoltre, l’aereo da ricognizione An-26 dell’aeronautica ucraina, che informava il comando ucraino, veniva abbattuto su Izvarino, accecando il corpo di spedizione majdanista. Le truppe majdaniste quindi avevano fallito l’offensiva da tre direzioni verso l’aeroporto. I gruppi avanzanti non solo non poterono togliere l’assedio all’aeroporto, ma si dissolsero fuggendo verso la periferia e perdendo 5 carri armati, 2 BMP, 3 BTR, una batteria di mortai e un velivolo Su-25, abbattuto su Loskutovka. L’artiglieria e i paracadutisti ucraini, provenienti da Lvov, avevano cercato di sostenere l’incursione delle forze majdaniste bloccate nell’aeroporto, subendo così oltre un centinaio di perdite, mentre nella zona di Zelenopolja e Ljubimoe, intorno alle 4:00 del 14 luglio, si svolse un’altra battaglia.
Il 14 luglio, presso Dmitrovka venivano distrutti atri 2 BTR-4 ucraini. Intensi combattimenti nei pressi di Lugansk, quando un centinaio di miliziani majdanisti, intrappolati nell’aeroporto, cercarono di sfondare l’anello delle forze federaliste che li circondava. Le forze della RPL respinsero l’offensiva distruggendo 1 carro armato, 2 BMP, 2 BTR e diversi autocarri Ural. Così, la milizia di Lugansk mantiene il blocco dell’aeroporto, da dove i miliziani banderisti bombardano la capitale utilizzando un mortaio pesante semovente da 240mm Tjulpan, dislocato nell’aeroporto. Presso Lisichansk, sul villaggio Beloskeljuvat, un altro velivolo ucraino veniva abbattuto. L’esercito ucraino subì anche il bombardamento da parte dei sistemi lanciarazzi multipli Uragan in possesso dell’esercito della Novorossija. Presso Metalist, i lanciarazzi Grad della milizia distruggevano 5 posti di blocco majdanisti.
Il 15 luglio, le unità ucraine iniziavano ad abbandonare le loro posizioni nei pressi di Lugansk, “Le forze armate ucraine lasciano le loro posizioni presso Krasnodon e si ritirano da Aleksandrovka (ad ovest di Lugansk) e da Shaste (a nord di Lugansk)”, affermava l’ufficio stampa dell’esercito ucraino. Inoltre, “L’aeronautica sospende i voli fino ad ordine speciale, per le indagini sull’incidente dell’aereo da trasporto militare An-26 nella regione di Lugansk, del 14 luglio”.
safe_imageK0WMDYNF Poroshenko incaricava il direttore della società statale degli armamenti ucraina Ukrobonprom, di aumentare urgentemente le forniture di armi all’esercito, ma intanto 300 militari delle forze di sicurezza ucraine dispiegate nell’aeroporto di Donetsk disertavano, lasciandovi 500/600 militari e membri della Guardia Nazionale ucraini a presidio dell’aeroporto. I golpisti majdanisti assassinavano 30 civili bombardando un orfanotrofio a Marinka, presso Donetsk. Il comandante dell’autodifesa, Igor Strelkov, affermava che “Nessuno degli edifici utilizzati dall’autodifesa è stato danneggiato. Nessuno di noi è stato ucciso o ferito. I civili sostengono il peso degli attacchi“. Il Viceprimo ministro Andrej Purgin, della Repubblica Popolare del Donetsk, affermava “la città è stata bombardata con armi pesanti provenienti da Marjupol, e con lanciarazzi Grad e Uragan e mortai dal vicino villaggio di Kurakhovo“. E quattro proiettili ucraini cadevano su Kujbishevskij, nella regione russa di Rostov, a 300 metri dal confine con l’Ucraina, uccidendo un cittadino russo e ferendone altri due. Il ministero degli Esteri russo prometteva conseguenze gravi. L’incaricato d’affari ucraino in Russia veniva convocato dal ministero degli Esteri ricevendo un’aspra nota di protesta. Il Presidente Vladimir Putin esprimeva estrema preoccupazione per l’offensiva golpista, aggiungendo che era inaccettabile che carri armati ucraini raggiungessero il territorio della Russia. Tali iniziative dovevano terminare. Putin, incontrando la cancelliera tedesca Angela Merkel a Rio de Janeiro, in Brasile, conveniva che la situazione in Ucraina peggiorava e che era necessario riavviare il gruppo di contatto internazionale sull’Ucraina. Il ministero degli Esteri russo definiva il bombardamento “un atto evidentemente aggressivo” dell’Ucraina e avvertiva che ciò avrebbe avuto “conseguenze irreversibili” per Kiev, pienamente responsabile della provocazione. Il Viceministro degli Esteri Grigorij Karasin prometteva una “rigorosa e concreta risposta. Attualmente valutiamo la situazione, sapendo del rischio di una pericolosa escalation delle tensioni al confine, che mette i nostri cittadini in grave pericolo”. Già vari incidenti avevano coinvolto truppe ucraine che deliberatamente avevano sparato sui posti di frontiera russi. Il 3 luglio, il checkpoint di Novoshakhtinsk era stato bombardato. Il 4 luglio, genieri ed investigatori giunti a disinnescare degli ordigni inesplosi, furono oggetto di colpi di mortaio dall’Ucraina, presso  il posto di controllo di frontiera di Donetsk. Il 5 luglio, una decina di colpi di mortaio esplosero vicino allo stesso valico di frontiera.
Il direttore del servizio federale per la migrazione russo Konstantin Romodanovskij indicava che sempre più civili ucraini si rifugiavano in Russia, “Di regola, erano soprattutto gli uomini ad entrare nel Paese per lavoro. Ora il numero delle donne è raddoppiato. L’indicatore più oggettivo è il numero di bambini entrati in Russia, pure raddoppiato. Oggi sono 220000, rispetto ai circa 100000 dello scorso anno“. Il 15 luglio iniziava l’esercitazione ‘Rubezh 2014′ nella regione di Cheljabinsk, sugli Urali, cui partecipavano forze di Kazakistan, Kirghizistan, Russia e Tagikistan, e personale dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO). Le manovre si svolgevano in collaborazione con la Forza di Reazione Rapida dell’Asia centrale. “Il nostro compito principale è formare uno Stato maggiore multinazionale che cooperi in modo sincronico sotto un comando comune“, dichiarava il capo del Dipartimento del coordinamento della pianificazione e dell’addestramento dello Stato Maggiore Riunito della CSTO, Tenente-Generale Anatolij Jakovlev.

10299016

10330240

fcd7b37c8493c0936f72b2830178a8fc

d0a4463cef9ecd7a4281616084aae3e5

10559728Fonte:
Cassad
Cassad
ITAR-TASS
ITAR-TASS
ITAR-TASS
ITAR-TASS
ITAR-TASS
ITAR-TASS
ITAR-TASS
LifeNews
Pravda
RIAN
RussiaToday
RussiaToday
Vineyard Saker
Voices Evas

10522478

Aktualno-stanje-na-ratištu-istočne-Ukrajine

L’Ucraina si prepara ad allargare la guerra civile in Crimea

Defense Armée, 12/07/2014
10364026Notizie inquietanti provengono dalla Crimea, congiuntasi con la Russia dopo la dichiarazione d’indipendenza e il referendum del 16 marzo 2014. Infatti, forze ucraine si sono ammassate nell’Istmo di Perekop, una striscia di terra di 8 km, quasi unico collegamento tra Crimea e Ucraina. Il concentramento di artiglieria è assai significativo e il governo di Kiev ha annunciato la mobilitazione generale degli uomini dai 18 ai 35 anni nella provincia confinante di Kherson. Allo stesso modo, il lato ucraino del banco di sabbia di Arbatskaja Strelka (nei pressi del villaggio Strelkovoe), che collega la Crimea alla terraferma, è stata rafforzata con truppe e lanciarazzi Grad. Sul piano politico, Kiev si prepara ad annettere la Crimea, di cui non ha il controllo ma che rivendica, alla regione di Kherson avanzando dichiarazioni bellicose. Detto ciò i media ucraini, dove regnano censura e propaganda, annunciano che tali concentrazioni di truppe rafforzano solo la protezione del Paese. Tuttavia, le forze russe in Crimea sono nettamente superiori in numero e qualità, ed è improbabile che una blitzkrieg ucraina abbia successo. Al contrario, l’artiglieria concentrata può permettersi di sparare fino a 20-30 km sperando nel panico della popolazione. L’Ucraina punta principalmente sulla quinta colonna. I capi della Mejlis tartara, scontenti per l’esclusione dal potere in Crimea ed impegnati a riavere le terre confiscate sotto Stalin, vecchia rivendicazione della minoranza. Alcuni tartari combattono a fianco della milizia nazionalista ucraina contro i ribelli russi, partecipando ad esecuzioni sommarie e saccheggi a Marjupol, finendo nel mirino della giustizia russa. La grande speranza di Kiev è provocare una guerra civile in Crimea, in modo che la Russia debba anche qui difendervi i russofoni.

Distrarre dal Donbas
Krym2Se il governo di Kiev vuole assolutamente il conflitto in Crimea, è perché cerca di distrarre dal Donbas, dove gli insorti resistono, ed ora hanno anche carri armati e lanciarazzi presi al nemico, con cui l’equilibrio di potenza tende ad invertirsi. Le forze pro-Kiev subiscono  anche moltiplicati attacchi alle spalle e  diversivi (come a Kramatorsk e Slavjansk recentemente occupate) sostenendo combattimenti con la resistenza esplosa dappertutto, tra cui Kharkov (sabotaggi), Odessa (contributi umanitari, intelligence, attacchi a postazioni isolate ucraine) o addirittura ad Uzhgorod, nella parte occidentale del Paese. Inoltre, se gli insorti hanno recentemente abbandonato Slavjansk e Kramatorsk, dove furono bloccati, ripiegando su Donetsk e organizzando il territorio controllato dalla guerriglia. Il comandante delle forze ribelli a Slavjansk, Igor Strelkov (ovvero Girkin), ha messo ordine nel bazar politico anonimo regnante a Donetsk ed in pochi giorni ha organizzato la difesa della città e del fronte, unificando i comandi e iniziando a sistemare vari problemi: scarsezza numerica degli insorti sotto-equipaggiati in artiglieria, armi e munizioni, litigi tra comandanti, tentati tradimenti politici…
Ora gli insorti controllano saldamente monte Savr Mogila, nel sud del territorio. Da questa collina di 277 metri si può osservare il Mar d’Azov distante 90 km. Da lassù, gli insorti hanno piazzato lanciarazzi con cui continuamente martellano le forze ucraine che cercano di aggirarli da sud, per occupare Sneznoe a 90 km dal confine con la Russia, controllata dalla guerriglia; hanno anche distrutto, l’altro ieri, una colonna corazzata di diverse decine di veicoli delle forze pro-Kiev, e ieri un’altra ancora. L’est è ancora controllato, nonostante i continui combattimenti intorno Izvarino e Rovenkij. A nord-est, l’esercito di Lugansk (8500 veterani) ha diverse basi militari nella città (tra cui un impianto chimico) ed ha respinto i pro-Kiev di 10 km. A Nord, tutti i ponti sul Donets sono stati minati dagli insorti ritiratisi sulla riva sud. Ad ovest, oltre ad aver respinto gli attaccanti ucraini a Kramatorsk e Slavjansk, gli insorti hanno catturato diversi importanti nodi di comunicazione  (compresa Popasnaja) e continuano a controllare Artemovsk. A sud-ovest finalmente c’è un fronte continuo presso l’agglomerato urbano di Donetsk-Gorlovka, quasi simile per configurazione a quello di Slavjansk-Kramatorsk, molto favorevole agli insorti che possono contare sulla densità del tessuto urbano e sulle infrastrutture esistenti. Donetsk è decisa a difendersi, diversi borghi e villaggi della zona sono stati fortificati dagli insorti che si preparano ad organizzare l’evacuazione del massimo numero di civili in Russia. In breve, il Donbas oggi è più inespugnabile che mai.
Distrarre dal Donbas consente a Kiev di far ignorare i crimini delle proprie truppe. Abitazioni, scuole e ospedali bombardati, esecuzioni sommarie, purghe, mobilitazione forzata uomini nella Slavjansk occupata… è lunga la lista di predazioni, saccheggi e atrocità commesse in nome del nazionalismo ucraino. Molti civili sono fuggiti in Russia, che oggi ospita 500-800 mila ucraini, tra cui centinaia di migliaia di persone arrivate nelle ultime settimane. Altri hanno aderito alla rivolta, nonostante la defezione di alcuni gruppi nella periferia occidentale di Slavjansk, passando da 2 a 4000 uomini nelle ultime due settimane; tuttavia, il problema degli equipaggiamenti e dell’addestramento non è finito, anche se combattono per la propria terra, famiglie e morti. Ora il Donbas è carico di odio, generazioni vivono nello spirito della vendetta e chiunque sia il vincitore, il divario tra Donbas e Ucraina non sarà colmato.

Chi vuole trascinare in guerra la Russia?
1978674Soprattutto, il suono degli stivali in Crimea è una nuova provocazione ucraina contro la Russia.  Dato che l’Ucraina è sostenuta da Unione europea e Stati Uniti, una guerra tra la Russia e Ucraina causerà la rapida fuga del gioco di alleanze, veloce come la guerra locale tra serbi e austriaci che provocò la conflagrazione della Prima Guerra Mondiale. Non è la prima volta che l’Ucraina provoca la Russia. A giugno, due blindati ucraini penetrarono per diverse centinaia di metri in territorio russo; un posto doganale fu demolito e l’equipaggio del secondo blindato non esitò a puntare le armi sui russi pur di recuperare il primo blindato fuori uso; anche degli aerei ucraini sono entrati nei cieli russi. Poi, villaggi russi sono stati colpiti da proiettili sparati dalle forze ucraine; diverse case nella grande città di Donetsk, a pochi chilometri dal posto di frontiera d’Izvarino detenuto dagli insorti, sono state distrutte. Mentre le provocazioni continuano ai primi di luglio, la Russia ha inviato un ultimo avvertimento a Kiev, annunciando che reagirà con forza alla prossima violazione delle frontiere. E’ vero che la situazione economica degli Stati Uniti è catastrofica. La crisi del debito sovrano degli Stati Uniti, del debito totale interno (individuale, di imprese, comunità e governo), supera i 60000 miliardi di dollari, appare imminente, mentre la fiducia internazionale nel dollaro è minata. Paesi asiatici e Russia hanno iniziato a interagire nelle rispettive valute nazionali piuttosto che con il dollaro, sullo strategico mercato petrolifero; inoltre vendono a poco a poco le obbligazioni del governo degli Stati Uniti e ritirano i loro fondi dalla Federal Reserve (che per inciso non è né una riserva né federale). Per non correre da soli, gli Stati Uniti cercano di trascinarsi l’UE, con il cosiddetto Grande mercato transatlantico o TAFTA, moltiplicando le guerre per garantirsi gli approvvigionamenti di petrolio, convenzionale o di scisto, di cui sono importatori netti. L’unica soluzione alla crisi appare ora una nuova guerra mondiale. Ma il gioco nucleare rischia di essere terribile.

carte-insurrection-12-7Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Aleksandr Dugin e la “Primavera Russa”

Philippe Grasset Dedefensa, 12 luglio 2014
644551Abbiamo già menzionato che una delle possibili evoluzioni a margine della crisi ucraina, pur causata da essa, sarebbe il radicale indebolimento di Putin sul fianco della destra nazionalista e patriottica, per via della sua prudente politica di non-intervento, quasi di conciliazione. Se questa politica sembra avere una direzione politica chiara e dare i primi risultati, come l’avvicinamento della Russia sulla questione ucraina a Germania e Francia e l’allontanamento di questi due Paesi dagli Stati Uniti, ha i suoi limiti proprio nella minaccia d’indebolimento interno di cui parliamo. Karine Bechet-Golovko ha scritto sul suo blog, il 7 luglio 2014 “…Così, il presidente russo è in una situazione delicata, senza dimenticare che le reazioni lente causano crescente malcontento interno, soprattutto tra gli intellettuali interessati come Dugin. Un’avanzata  estremamente pericolosa, che insiste sull’invio delle forze armate (in Ucraina), l’interposizione di forze russe, l’appello a Strelkov per mettere ordine a Mosca. O. Tsarjov, più calmo, da parte sua dice che se la Russia non interviene a risolvere la situazione in Ucraina, la guerra arriverà a casa sua perché la battaglia che si svolge è la lotta per la Russia, ed ogni colpo è permesso“.
Vediamo Aleksandr Dugin qui citato, è noto che il filosofo mistico e simbolico del nazionalismo patriottico russo è entrato in politica per promuovere l’Eurasiatismo e contrastare i valori occidentali che ritiene destrutturanti e satanici. Dugin è considerato un intellettuale di primo livello, sulla scia di artisti e pensatori profetici, vicino alla corrente della Tradizione, il cui esempio più famoso nel XX secolo è Aleksandr Solzhenitsin. Un articolo della BBC del 10 luglio 2014 parla del ruolo di Dugin, affermando che egli avrebbe scritto il discorso di Putin alla cerimonia per l’annessione della Crimea. (Dugin chiese l’annessione nel 2008). Una conversazione telefonica con la BBC di Dugin permette valutazioni sulla situazione politica nella Russia di oggi. Dugin è assai allarmista e descrive un Putin titubante diviso tra tendenze nazionaliste e liberali filo-occidentali; anche se queste affermazioni sono speculative, tuttavia mostrano la febbre politica a Mosca riguardo la situazione ucraina. “Parlando al telefono da Mosca, in inglese e con un chiaro accento di urgenza nella voce, Dugin teme che la ‘primavera russa’ stia perdendo slancio: “I liberali sono contro Putin. E’ un vero guaio”, e i patrioti lo sosterranno solo se intende continuare con le sue politiche patriottiche. Mentre esita perde l’appoggio di entrambi i lati. È un gioco pericoloso. Ma c’è forse una soluzione? (…) Ora, con le forze ucraine all’offensiva contro i ribelli nelle regioni di Donetsk e Lugansk, Dugin incolpa “i liberali” della riluttanza del Presidente Putin ad inviare truppe. I “liberali” a suo avviso, sono soprattutto affaristi che fecero fortuna negli anni ’90. Se ulteriori sanzioni economiche saranno applicate alla Russia, avranno da perdervi molto essendo “integrati nell’economia mondiale”. L’apparente esitazione del Presidente Putin, secondo Dugin, è dovuta alla lotta nel governo russo, e nella mente del Presidente Putin. “Questa è la lotta tra le forze conservatrice ortodossi patriottiche e le forze liberali, che sono molto forti, dice. In effetti, pensa, ci sono due parti in conflitto in Vladimir Putin. “Il lato patriottico di Putin è supportato dalla maggior parte dei russi, ma la sua ombra liberale è rappresentata dalla maggioranza della classe politica, degli oligarchi e dal suo primo ministro Medvedev. Tale nota anti-establishment è popolare presso la maggioranza dei russi, che non si fida della “élite liberale”, accusata del caos degli anni ’90. Non solo molti russi simpatizzano con il nuovo patriottismo militarista di Aleksandr Dugin, Alcuni arrivano ad acquistarne il kit e a recarsi in Ucraina orientale, per unirsi ai gruppi ribelli“.
L’intervento di Dugin aiuta ad illuminare la portata del dibattito, e quanto la crisi ucraina sia lontana, anche sul terreno stesso della sua esplosione ed estensione, a limitarsi solo al problema ucraino. Questo dibattito è lungi dall’essere geopolitico, verrebbe definito “geopolitico” secondo Dugin, cioè una geopolitica mistica o escatologia geopolitica, un concetto in cui la geopolitica è rappresentazione terrena del disegno spirituale, dove il termine (“mistico”, “escatologico”) è più importante del termine che lo qualifica e riduce alla funzione utensile. (Dugin ha sviluppato l’idea dell’Eurasiatismo, o meglio neo-Eurasiatismo, concretizzando le sue idee come dottrina). Va ricordato che l’idea di scontro di civiltà, del concetto di civiltà antagoniste, è alla base della crisi ucraina e, naturalmente, della situazione russa concernente i recenti (negli ultimi due anni) eventi con tale connotazione. (Si veda, ad esempio, 3 marzo 2012). Un recente articolo di Alexandre Latsa (La Voce della Russia, 1 luglio 2014 e su questo sito 2 luglio 2014) affronta la crisi ucraina, tra cui gli scontri nel Donbas, da questa angolazione. (Si noti che Bechet-Golovko, riportava l’11 luglio 2014 un ulteriore esempio della complessità della crisi ucraina, nel senso che sviluppiamo qui, presentando l’adozione da parte di diverse organizzazioni ucraine a Jalta, il 7 luglio, del “Manifesto del Fronte Popolare ucraino”, le cui rivendicazioni si riferiscono alla prima Maidan, che espresse una protesta popolare pura poi sequestrata congiuntamente da forze estremiste, oligarchi corrotti e criminalità organizzata, forze sovversive del blocco BAO e diktat delle burocrazie ultra-liberali). In tutto ciò, vi sono varie espressioni di una medesima dimensione specifica, comprensiva del confronto culturale e di civiltà tra il blocco BAO, quale espressione del Sistema, e la Russia, partecipe all’eccezionalità della crisi ucraina, rafforzandone il carattere di universalità rispetto alla crisi generale del Sistema.
Inoltre, illustrando la velocità degli eventi e delle modifiche apportate sul terreno dalla crisi stessa, va notato ciò che sembra essere un nuovo importante sviluppo della situazione operativa, dopo la caduta di Slavjansk (v. 9 luglio 2014). Si tratta della notizie dell’importante scontro che ha visto l’annientamento di una unità strutturata dell’esercito ucraino, delle indicazioni di ulteriori scontri e dell’evoluzione strutturale delle forze anti-Kiev, suggerendone un recupero tattico, se non strategico. Il sito The Vineyard of the Saker fornisce maggiori informazioni su questi eventi, il 11 luglio. (Vedi, ad esempio, un testo dell’11 luglio 2014 sull’evoluzione strutturale del movimento di resistenza, e il testo sulla situazione operativa in generale, sempre dell’11 luglio 2014). Si trae da queste varie informazioni e considerazioni l’impressione generale di un accordo tra la resistenza del Donbass e Mosca per un aiuto informale, descritto come generato “dal popolo russo”, più o meno con  iniziative private e il sostegno passivo e discreto del governo, ecc.
Un’osservazione generale infine interessa l’evoluzione della crisi ucraina, qui considerata negli eventi nonché nelle valutazioni intellettuali direttamente legate al teatro operativo. Si tratta di apprezzare la notevole estensione della crisi a questo livello, nonché gli sviluppi indiretti e internazionali (dollaro, posizioni nel blocco BAO, ecc.) ormai ben riconosciuta di grande  importanza. La posizione ucraina crea fattori fondamentali, le cui implicazioni estere e concettuali promettono essere importanti. Questo porta ad osservare, ancora una volta, e a confermare, se si vuole, l’eccezionalità di tale crisi inedita, espressa a tutti i livelli operativi. Anche sul solo punto ucraino, tale crisi non può essere ridotta a una “rivoluzione colorata” di nuovo tipo, a una versione est-europea della “primavera araba”, ecc. A questo proposito, l’idea di “Primavera Russa” di Dugin ha necessariamente una dimensione completamente nuova rispetto all’idea di “primavera araba”; osservando ciò, si pone meno contrasto tra i due eventi che a mostrare qaunto la situazione sia notevolmente cambiata dal 2010. Con la crisi ucraina, non si tratta più, per la molteplice universalità e la profusione d’interessi, di un evento che può essere ridotto a una regione o area geografica o culturale, a un sistema regionale e religioso, ecc. Si tratta infatti di un evento fondamentale per il Sistema, o ancor di più dell’archetipo della manifestazione fondamentale del Sistema, portando al confronto tra Sistema e anti-Sistema in tutta la sua diversità, con le necessariamente differenti valutazioni nell’identificare gli avversari. Vi è un grado in più, un ulteriore passo nello sviluppo della crisi del collasso del Sistema, e della crisi di civiltà che l’accompagna.

72962646cropTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 329 follower