Putin: il ‘vaccino’ al virus nazista perde efficacia in Europa

Vladimir Putin Global Research, 16 ottobre 2014

Il colpo di Stato in Ucraina è un esempio preoccupante delle crescenti tendenze neo-naziste in Europa orientale, ha detto a un giornale serbo il presidente russo Vladimir Putin, sottolineando che “manifestazioni aperte” di neo-nazismo sono comuni anche nei Paesi baltici. “Purtroppo, in alcuni Paesi europei il ‘vaccino’ al virus nazista creato dal Tribunale di Norimberga perde efficacia. Ciò è chiaramente dimostrato dalle aperte manifestazioni di neo-nazismo già comuni in Lettonia e altri Paesi baltici”, ha detto Putin al giornale Politika prima della visita in Serbia. “La situazione in Ucraina, dove nazionalisti e altri gruppi radicali hanno provocato un colpo di Stato anticostituzionale a febbraio, causa particolare preoccupazione in tale senso”. Di seguito è riportato il testo integrale dell’intervista.

putin-i-srbijaPolitika: venite a Belgrado per prendere parte alle celebrazioni per commemorare il 70.mo anniversario della liberazione della città dall’occupazione della Germania nazista. Perché, a suo avviso, è importante commemorare oggi tali eventi?
Vladimir Putin: Prima di tutto, vorrei ringraziare la leadership serba per l’invito a visitare la Serbia e a partecipare alle celebrazioni per commemorare il 70° anniversario della liberazione di Belgrado dall’occupazione della Germania nazista. Siamo veramente grati ai nostri amici serbi per il loro modo di far tesoro della memoria dei soldati sovietici che combatterono insieme con l’Esercito di Liberazione Nazionale della Jugoslavia contro le truppe di occupazione di Hitler. Durante la seconda guerra mondiale, oltre 31000 ufficiali e soldati dell’Armata Rossa furono uccisi, feriti o scomparvero nel territorio della ex-Jugoslavia. Circa 6000 cittadini sovietici combatterono contro gli invasori nelle file dell’Esercito di Liberazione Nazionale. Il loro coraggio ha avvicinato la nostra comune vittoria sul nazismo e sarà sempre ricordata dai nostri popoli come esempio di coraggio, determinazione inflessibile e servizio disinteressato alla Patria. E’ difficile sopravvalutare l’importanza dei prossimi eventi. Settanta anni fa le nostre nazioni unirono le forze per sconfiggere l’ideologia criminale in odio all’umanità che minacciava l’esistenza stessa della nostra civiltà. E oggi è anche importante che i popoli di diversi Paesi e continenti ricordino le terribili conseguenze che possono derivare dalla convinzione nella propria eccezionalità, cercando di raggiungere obiettivi geopolitici dubbi con qualsiasi mezzo e in disprezzo delle norme fondamentali del diritto e della morale. Dobbiamo fare tutto quanto in nostro potere per evitare simili tragedie in futuro. Purtroppo, in alcuni Paesi europei il “vaccino” al virus nazista creato dal Tribunale di Norimberga perde efficacia. Ciò è chiaramente dimostrato dalle manifestazioni aperte di neo-nazismo già comuni in Lettonia e altri Paesi baltici. La situazione in Ucraina, dove nazionalisti e altri gruppi radicali hanno provocato un anticostituzionale colpo di Stato a febbraio, causa particolare preoccupazione a tale riguardo. Oggi, è nostro dovere comune combattere la glorificazione del nazismo. Dobbiamo opporci con fermezza ai tentativi di rivedere i risultati della seconda guerra mondiale e costantemente combattere eventuali forme e manifestazioni di razzismo, xenofobia, nazionalismo aggressivo e sciovinismo. Sono sicuro che le celebrazioni di Belgrado, che devono diventare un’altra manifestazione di sincera amicizia tra i nostri popoli sulla base di affinità, rispetto reciproco, parentela spirituale, fratellanza d’armi negli anni della seconda guerra mondiale, contribuirà anche ad affrontare tali sfide. Ci auguriamo che la conservazione della memoria storica continui ad aiutarci a rafforzare pace, stabilità e benessere dello spazio comune europeo.

Politika: Come vede le relazioni russo-serbe oggi? Cosa è stato raggiunto negli ultimi 20 anni e quale futuro prevede per la tendenza all’interazione tra i due Paesi?
Vladimir Putin: la Serbia è sempre stata ed è tuttora uno dei principali partner della Russia in Europa sud-orientale. I nostri popoli sono uniti dalla secolari tradizionali amicizia e cooperazione fruttuosa. Il loro sviluppo è favorito da interessi comuni in politica, economia, cultura e molti altri campi. Oggi, le relazioni russo-serbe avanzano. Nel 2013, il presidente della Serbia Tomislav Nikolic e io firmammo la Dichiarazione inter-statale sul partenariato strategico, riaffermando la nostra condivisa volontà di promuovere la collaborazione su ampia scala in tutti i settori chiave. Abbiamo mantenuto contatti politici attivi per discutere di importanti questioni bilaterali e internazionali con spirito di fiducia e per concordare misure pratiche comuni. I nostri governi collaborano strettamente in seno a Nazioni Unite, OSCE, Consiglio d’Europa e molte altre organizzazioni. Siamo soddisfatti del progresso costante nei nostri rapporti economici sostenuti dal regime di libero scambio esistente tra i nostri Paesi. Nel 2013, il nostro mutuo commercio è cresciuto del 15 per cento, pari a 1,97 miliardi di dollari e nei primi sei mesi del 2014 è aumentato di un altro 16,5 per cento, per 1,2 miliardi. Ci aspettiamo di raggiungere i 2 miliardi di dollari entro la fine dell’anno. Un trend positivo continua anche nel campo degli investimenti. Il totale degli investimenti russi in Serbia ha superato i 3 miliardi. La maggior parte dei fondi sono stati investiti nel settore energetico, strategicamente importante. Un esempio di collaborazione riuscita è il gigante energetico Industria Petrolifera della Serbia, trasformando un’impresa in perdita in un importante contribuente del bilancio dello Stato serbo. Il progetto South Stream fornirà alla Serbia oltre 2 miliardi di euro in nuovi investimenti e ne rafforzerà significativamente la sicurezza energetica. Le infrastrutture ferroviarie della Serbia sono state ricostruite ed aggiornate con la partecipazione delle Ferrovie Russe e il nostro sostegno sotto forma di prestiti. Sono lieto di vedere che le aziende serbe svolgono un ruolo attivo nel promettente mercato russo. Ad esempio, forniscono prodotti agricoli e industriali di alta qualità. Vorrei sottolineare un altro importante settore della nostra cooperazione bilaterale. Negli ultimi anni, il Centro umanitario russo-serbo di Nis ha preso parte ad operazioni di risposta alle catastrofi nei Balcani in diverse occasioni. Lo scorso maggio, i soccorritori russi hanno aiutato ad evacuare persone nel corso di una grave alluvione. Gli aerei del ministero delle Emergenze russo hanno compiuto diversi voli per fornire oltre 140 tonnellate di aiuti umanitari alla Serbia. Il crescente interesse reciproco dei popoli russo e serbo a storia e cultura dei nostri Paesi è anche la prova delle approfondite relazioni umanitarie. Questo autunno, la Serbia ospita con grande successo i Giorni della cultura spirituale russa. L’evento centrale è la mostra intitolata Russia e Serbia: Storia delle connessioni spirituali, 14.mo-19.mo secolo. Programmiamo l’ampliamento degli scambi culturali, educativi, scientifici e giovanili, e la promozione di eventi turistici e sportivi. Sono fiducioso che la mia prossima visita a Belgrado darà nuovo impulso alle relazioni russo-serbe, tradizionalmente amichevoli, che continuano a crescere e a rafforzarsi di anno in anno.

Mentre Putin commemora la Resistenza dei popoli sovietic e jugoslavia nella comune lotta al nazismo, la sinistra social-colonialista italiana, tra cui l'agenzai della burorazia piddina ANPI, organizza manifestazioni ed interventi a sostegno dei golpisti ucraini e dei terroristi islamisti in Siria, Libia ed Egitto.

Mentre Putin commemora la Resistenza dei popoli sovietici e jugoslavi nella comune lotta al nazismo, la sinistra social-colonialista italiana, tra cui l’agenzia della burocrazia piddina ANPI, organizza manifestazioni ed interventi a sostegno dei golpisti atlantisti russofobi in Ucraina e dei terroristi islamisti in Siria, Libia, Egitto ed Iran.

Politika: Attualmente vi sono molte speculazioni sulla possibile riduzione delle forniture di gas russo all’Europa a causa del debito dell’Ucraina. I consumatori europei si preparano per un inverno freddo? E il futuro del progetto South Stream è di grande interesse per la Serbia?
Vladimir Putin: Prima di tutto vorrei sottolineare che la Russia assolve appieno ai propri obblighi riguardo le forniture di gas ai consumatori europei. Vogliamo approfondire ulteriormente la nostra cooperazione con l’UE nel settore dell’energia, dove siamo partner naturali, in modo trasparente e prevedibile. Dall’inizio del 21° secolo, abbiamo implementato con successo una serie di grandi progetti insieme ai nostri partner europei. Tra cui il gasdotto Nord Stream, fattore importante per ridurre al minimo i rischi di transito e assicurare le forniture di gas all’Europa senza interruzioni. Negli ultimi mesi, Gazprom ha attivamente aumentato le riserve di gas nei depositi degli impianti europei. Tali misure hanno lo scopo di evitare interruzioni e soddisfare la domanda nel picco invernale. Naturalmente, siamo consapevoli dei rischi generati dalla crisi ucraina. Siamo stati costretti ad interrompere le forniture di gas all’Ucraina lo scorso giugno perché le autorità di Kiev rifiutano di pagare il gas già ricevuto. Alla fine dell’estate e all’inizio dell’autunno, abbiamo tenuto una serie di consultazioni tripartite con la partecipazione di Russia, UE e Ucraina, dove abbiamo discusso di possibili soluzioni reciprocamente accettabili al problema della liquidazione del debito del gas ucraino, ripresa della forniture all’Ucraina sospese da parte ucraina, e transito degli idrocarburi in Europa. Siamo pronti a continuare colloqui costruttivi su tali temi. Sul futuro dell’esportazione del gas russo in Europa, il problema del transito sul territorio ucraino rimane. Una delle soluzioni più ovvie potrebbe essere diversificare le rotte. A questo proposito, ci auguriamo che la Commissione europea possa finalmente decidere nel prossimo futuro sull’uso a piena capacità del gasdotto OPAL. Inoltre, dobbiamo risolvere la situazione di stallo sul South Stream. Siamo convinti che questo progetto contribuirà in modo significativo alla sicurezza energetica integrata dell’Europa. Ne trarranno beneficio tutti, la Russia così come i consumatori europei, tra cui la Serbia.

Politika: Secondo Lei, qual è l’obiettivo finale delle sanzioni contro la Russia, imposte da UE e Stati Uniti? Fin quando dureranno, a Suo parere, e quanti danni possono causare alla Russia?
Vladimir Putin: Questa domanda deve essere indirizzata a Unione europea e Stati Uniti, il cui ragionamento è difficile da capire. Qualsiasi persona imparziale sa che non è la Russia che ha organizzato il colpo di Stato in Ucraina, causando la grave crisi politica interna e la spaccatura nella società. La presa del potere incostituzionale ha avviato gli eventi successivi, come in Crimea. Il popolo di Crimea, vedendo la complessità e l’imprevedibilità della situazione, per tutelare i propri diritti a madrelingua, cultura e storia, decise d’indire un referendum nel pieno rispetto della Carta delle Nazioni Unite, a seguito del quale la penisola si è riunita alla Russia. I nostri partner devono essere ben consapevoli che tentando di fare pressione sulla Russia con misure restrittive unilaterali e illegittime, non otterranno una soluzione ma piuttosto impediranno il dialogo. Come si può parlare di de-escalation in Ucraina, mentre si decidono nuove sanzioni, introdotte contemporaneamente agli accordi sul processo di pace? Se l’obiettivo principale è isolare il nostro Paese, si tratta di un obiettivo assurdo e illusorio, ovviamente impossibile da raggiungere, ma la salute economica dell’Europa e del mondo può esserne seriamente compromessa. Riguarda la durata delle misure di restrizione, dipende anche da Stati Uniti e Unione europea. Da parte nostra, adotteremo un approccio equilibrato nella valutazione dei rischi e dell’impatto delle sanzioni, rispondendo ad esse procedendo secondo i nostri interessi nazionali. E’ evidente che il calo della fiducia reciproca è destinato ad avere impatto negativo sul clima imprenditoriale internazionale in generale e sulle azioni delle società europee e statunitensi in Russia, tenendo presente che tali società avranno difficoltà a riprendersi dai danni alla reputazione. Inoltre, altri Paesi rifletteranno attentamente se sia saggio investire i loro fondi nel sistema bancario statunitense, aumentando la loro dipendenza dalla cooperazione economica con gli Stati Uniti.

Politika: Cosa pensa del futuro delle relazioni russo-ucraine? Stati Uniti e Russia ristabiliranno una partnership strategica dopo tutto ciò che è successo, o costruiranno le loro relazioni in modo diverso?
Vladimir Putin: riguardo la Russia, le sue relazioni con l’Ucraina hanno sempre svolto e continueranno a svolgere un ruolo molto importante. Le nostre nazioni sono indissolubilmente legate da radici spirituali, culturali e di civiltà comuni. Abbiamo fatto parte di un unico Stato per secoli, e la grande esperienza storica e milioni di destini intrecciati non possono essere negati o dimenticati. Nonostante la difficile fase attuale delle relazioni russo-ucraine, siamo interessati a una progressiva, equa e reciprocamente vantaggiosa collaborazione con i nostri partner ucraini. In pratica, ciò sarà possibile dopo che solide pace e stabilità saranno raggiunte in Ucraina. Pertanto, ci auguriamo di vedervi la fine della profonda e prolungata crisi politica ed economica. Oggi vi è la reale opportunità di por termine al confronto armato, che equivale in realtà ad una guerra civile. Sono già stati fatti i primi passi in tale direzione. E’ fondamentale avviare un vero dialogo intra-ucraino al più presto, coinvolgendo i rappresentanti di tutte le regioni e forze politiche. Questo approccio è stato documentato nella Dichiarazione di Ginevra del 17 aprile. Il dialogo nazionale deve concentrarsi sulla struttura costituzionale dell’Ucraina e il futuro del Paese, dove tutti i cittadini, senza eccezione, vivranno comodamente e in tutta sicurezza. Sui rapporti russo-statunitensi, il nostro obiettivo è sempre stato costruire relazioni di partenariato aperto con gli Stati Uniti. In cambio, però, abbiamo visto diversi tentativi d’interferire nei nostri affari interni. Tutto ciò che è accaduto dall’inizio di quest’anno è ancora più inquietante. Washington ha sostenuto attivamente le proteste a Majdan, e quando i suoi scagnozzi a Kiev hanno aggredito la maggioranza ucraina con un nazionalismo rabbioso e gettato il Paese nella guerra civile, ha accusato la Russia di aver provocato la crisi. Ora il presidente Barack Obama, nel suo discorso all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, parla di “aggressione russa all’Europa” come una delle tre principali minacce dell’umanità assieme al mortale virus Ebola e allo Stato islamico. Insieme alle sanzioni contro interi settori della nostra economia, tale approccio può essere definito solo come ostile. Gli Stati Uniti si sono spinti a dichiarare la sospensione della nostra cooperazione nell’esplorazione dello spazio e nell’energia nucleare. Hanno inoltre sospeso l’attività della Commissione bilaterale presidenziale Russia-USA istituita nel 2009, che comprendeva 21 gruppi di lavoro dedicati, tra l’altro, alla lotta al terrorismo e al traffico di droga. Allo stesso tempo, non è la prima crisi nelle relazioni tra i nostri Paesi. Speriamo che i nostri partner si rendano conto della futilità dei tentativi di ricattare la Russia e ricordino quali conseguenze la discordia tra le maggiori potenze nucleari possano avere per la stabilità strategica. Da parte nostra, siamo pronti a sviluppare una cooperazione costruttiva basata sui principi di uguaglianza e genuino rispetto degli interessi altrui.

4126E3B9-4D7D-45A5-928E-D5C26BF9F996_cx0_cy7_cw0_mw1024_s_n_r1Copyright © 2014 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La debacle militare della junta in Ucraina orientale

Alexander Mercouris (UK),  Oriental Review 9 ottobre 2014c9d5381e6d05d6ca4d58591cc7058e36Seguendo le stime pubbliche secondo cui il vero tasso di mortalità nell’esercito della junta nell'”operazione antiterrorismo” (ATO) potrebbe essere stato di 8000-12000 caduti, numerose osservazioni possono essere avanzate:
1. Tali cifre non sono certo verificate. Tuttavia non sembrano irragionevoli vista l’ammissione di Poroshenko che l’Ucraina ha perso nell’ATO qualcosa come il 65% dei blindati. Sembra anche che l’aviazione ucraina sia stata sostanzialmente annientata. Certamente ha cessato di essere presente nelle ultime settimane.
2. Supponendo che le cifre siano vere, allora l’Ucraina è stata testimone di un massacro inaudito in Europa dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Vale la pena dire che i combattimenti hanno raggiunto la massima intensità dopo la caduta di Slavjansk, il 5 luglio 2014, I combattimenti intorno Slavjansk a maggio e giugno furono d’intensità minore. Sicuramente quindi la maggior parte delle perdite ucraine sia dovuta ai combattimenti dopo la caduta di Slavjansk il 5 luglio 2014. In altre parole, è probabile che 8000-12000 soldati ucraini siano stati uccisi nei 2 mesi dal 5 luglio 2014 al cessate il fuoco del 5 settembre 2014. Se è così ciò significherebbe che l’Ucraina ha perso in tale periodo uomini a un tasso di 129-190 al giorno. Niente di paragonabile è accaduto in Europa dalla resa tedesca del 9 maggio del 1945.
3. Un altro modo di osservare la dimensione di tali perdite sarebbe considerare la proporzione che avevano nelle forze ucraine coinvolte nell’ATO. La maggior parte dei dati ricevuti indicano che la dimensione della forza nella regione fosse di 60-80000 uomini. Se la stima dei morti è 8000-12000, è quantomeno vero che tra un decimo (10%) e un quinto (20% ) di tale forza può ora essere morto. La realtà sarebbe sicuramente peggiore essendovi la certezza che una quota sproporzionata dei morti sarebbe composta dai soldati di prima linea, che rappresentano solo una parte della forza coinvolta nell’ATO. Una buona parte dei 60-80000 uomini nella forza ATO erano truppe di supporto e logistiche, che ci si aspetterebbe uscirsene con meno perdite. Una volta ho letto che il tasso di perdita di oltre il 5% in un’azione di combattimento è più di quanto un’unità possa ragionevolmente sopportare, e che qualsiasi dato oltre tale cifra renderebbe l’unità inutilizzabile. Se i dati di 8000- 12000 sono vicini alla verità, allora tale cifra del 5% è stata superata, nel qual caso l’esercito ucraino ha cessato di esistere come forza efficace.
4. Vorrei solo anche dire che è chiaro che il grosso delle perdite ucraine sono soldati dell’esercito regolare. E’ ovvio che nei combattimenti, le varie unità paramilitari di destra raramente fossero in prima linea, ma che siano state usate per terrorizzare la popolazione nelle retrovie.
5. La domanda è come sia successo una tale debacle? Anche se i dati di 8000-12000 perdite sono un’esagerazione, ci si deve ancora spiegare la perdita del 65% dei blindati ucraini. Le dichiarazioni secondo cui gli ucraini hanno combattuto contro l’esercito regolare russo chiaramente non sono vere, quindi non spiegano la debacle.
6. In primo luogo va detto che non vediamo assenza di coraggio o determinazione nelle truppe ucraine. Non c’è il crollo subito dall’esercito iracheno nei combattimenti con il SIIL, in cui i soldati guidati dai loro ufficiali semplicemente fuggirono. Piuttosto si tratta di un esercito dissanguato in settimane di logoramento terribile nei mesi estivi. Il fatto che le vittime possano essere così tante, non suggerisce mancanza di disciplina o coraggio delle truppe. Al contrario, suggerisce straordinaria disciplina e coraggio nelle truppe inviate nel tritacarne dai loro comandanti, con modalità che a un inglese come me suscitano i brutti ricordi della Somme. Le rivendicazioni di febbraio e marzo secondo cui l’esercito ucraino era così malridotto da Janukovich che praticamente aveva cessato di esistere, si dimostrano alla luce di ciò che è accaduto a luglio e agosto semplicemente false. Dubito fortemente della possibilità dei soldati occidentali, oggi, di poter combattere per così tanto tempo subendo perdite su tale scala.
7. Penso che la spiegazione della debacle sia semplicemente la disastrosa leadership della junta.
8. E’ chiaro che da quando la junta ha preso il potere a febbraio, la leadership militare professionale ucraina non sia affidabile. Il comando operativo dell’ATO sembra sia stato dato a psicopatici dilettanti come Parubij, Jarosh, Avakov e Ljashko. Dopo la riunione del Consiglio di Sicurezza del 30 giugno 2014, che decise di riprendere l’offensiva, il generale Kovalov (“Koval”), poi ministro della Difesa della junta, che era almeno un soldato professionista, si dimise o più probabilmente fu dimesso (presumibilmente trasferito, dopo di che sembra scomparso). Probabilmente ha contestato la ripresa dell’offensiva. Andato via, il comando dell’esercito passò a persone come Parubij, Avakov ecc. che non hanno alcuna idea della guerra. Furono raggiunti da Geletej, nuovo ministro della Difesa, un agente della sicurezza piuttosto che soldato. Non avendo alcuna comprensione della guerra o conoscenza del comando militare, costoro poi hanno trascorso il resto dell’estate a scagliare l’esercito ucraino fino a distruggerlo attaccando ripetutamente le posizioni delle FAN, mentre bombardavano indiscriminatamente zone residenziali e scagliavano i loro criminali nazisti a uccidere e terrorizzare i civili. A peggiorare le cose, e a ulteriore dimostrazione della loro ignoranza e arroganza, scelsero di combattere la guerra seguendo il calendario, fissando la scadenza arbitraria del giorno dell’indipendenza ucraina del 24 agosto 2014, per la vittoria.
9. Per contro, le FAN ad un certo punto hanno chiaramente acquisito una corretta leadership militare professionale con personale adeguato e un comando generale composto da ufficiali di Stato maggiore in pensione di Mosca che hanno istituito il comando nella città orientale di Krasnodon, al confine russo. Sappiamo molto poco di queste persone, ma Strelkov ha indirettamente ammesso che uno dei motivi del suo licenziamento era far posto a una leadership militare più professionale, cosa che non possiede non essendo un soldato professionista. Potrebbe riferirsi al personale di Krasnodon, che da parte sua sembra aver combattuto una battaglia difensiva nel classico stile sovietico, incentrato su città come Donetsk e Lugansk per avere uno sbarramento dietro cui costituire una riserva corazzata per la controffensiva. Un fiero parallelo (anche se ovviamente combattuta su scala incommensurabilmente più grande) potrebbe essere la battaglia di Kursk.
Questo almeno è la mia interpretazione del disastro dell’ATO. Naturalmente non avrebbe mai dovuto essere lanciata. E chi l’ha fatto è un criminale. Però la mia lettura riguarda il comportamento verso i civili, massacrati indiscriminatamente, e verso gli sventurati soldati ucraini inviati al macello. Chi si pretende vero patriota ucraino dovrebbe oggi condannare non Putin e i russi, ma coloro che tra grida inane “Gloria all’Ucraina”, sono responsabili di aver mandato a morte tanti figli dell’Ucraina.

10569075Alexander Mercouris è un ex-avvocato inglese, esperto di diritto internazionale.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

104174899102014_original

“Combattere al loro fianco è stato un onore”

Testimonianza di un volontario francese e uomo d’onore
Sergio il Francese, Alawata, 5 ottobre 2014

Sergio è un francese andato al fronte a giugno per combattere con i ribelli del Donbas fino a metà agosto. Presenta un’autentica testimonianza che irradia la nobiltà e l’umiltà di un uomo che risponde all’appello del suo cuore. Un grande grazie!auteur 2“Non sono uno specialista militare di alto livello, sono solo uno studente francese di 22 anni e ho avuto una piccola esperienza militare nell’esercito francese. Provengo dal Donbas dove ho ancora la famiglia. Ciò che accade in Ucraina è una grave ingiustizia. Europa e Stati Uniti si scagliano contro il popolo russofono dell’Ucraina che ha la sfortuna di non essere d’accordo con Majdan. Non solo le persone vengono massacrate, ma vengono passate per dei terroristi. Quando sappiamo la verità, non possiamo restare a guardare, sarebbe viltà. Chiunque sappia la verità ha il dovere morale di agire. Appena ho potuto sono andato a Donetsk sperando che le mie esperienze militari potessero essere utili alla difesa locale contro l’aggressione di cui l’esercito ucraino è lo strumento principale. Siamo arrivati a fine giugno a Donetsk, mi sono presentato all’ex-edificio della SBU, il servizio segreto ucraino. Vi aveva la base l’unità dell’esercito ortodosso. C’erano armi per trenta persone, mentre l’unità ne contava circa 200! Nuovi volontari arrivavano ogni giorno, e non avevamo nulla da dargli. La maggior parte erano giovani locali senza esperienza militare, ma dalla forte volontà di vincere. Gli ex-militari avevano il comando (potevamo contarli sulle dita di una mano), un ex-paracadutista di 1.ma classe ucraino era il comandante di compagnia!
Avevo intenzione di partire per Slavjansk con altri volontari, ma mi chiesero di restare a Donetsk e aiutare i leader a formare ed organizzare la loro unità. Due giorni dopo mi convinsero e divenni loro istruttore. Ho dovuto addestrare civili con quattro AK-74. Tutti i giorni, dalla mattina alla sera, diverse sezioni venivano e gli mostravo come usare il fucile, e gli ho insegnato le regole di sicurezza per evitare incidenti. Come molti dei leader del gruppo, io stesso cumulavo le funzioni e dormivo solo tre ore per notte. Ero responsabile di una sezione di 20 effettivi che istruivo come anche altri. Di notte, integravo 4 guardie armate agli ingressi dell’edificio. Più tardi, i combattenti di Slavjansk si ritirarono a Donetsk. La nostra unità si trasferì nei pressi dell’aeroporto, in una base militare vicina alla città di Peski, accanto all’aeroporto di Donetsk. La nostra nuova missione era controllare il posto di blocco di Peski. Eravamo al fronte. Continuavo ad addestrare i ragazzi, il campo mi permise di spiegare le basi del combattimento, imparando a muoversi con tattiche di sostegno reciproco. I “Grad” iniziarono a colpire il posto di blocco, causando vittime. Rimasi con un piccolo gruppo di cacciatori di osservatori dell’artiglieria che dirigevano il tiro nascosti in cima a una collina artificiale (tipica nella regione mineraria del Donbas).
A metà luglio dovemmo ripiegare quando i carri armati ucraini superarono il posto di blocco e cominciarono a spararci. Poi arrivarono i rinforzi e andammo a caccia dei carri armati. Ci furono combattimenti intorno alla base, con casi di fratricidio. Mi sono ritrovato con un’unità del battaglione Vostok. Un carro armati spuntò a circa 25 metri da noi correndo a tutta velocità. Ebbe il tempo di spararci e ferirci prima di essere distrutto. Riprendemmo il posto di blocco con l’aiuto dei nostri carri armati. Il giorno successivo i Grad ripresero a bombardarci mentre eravamo completamente allo scoperto. Dovetti ripararmi in una grondaia perché non c’erano ripari nelle vicinanze. La notte fummo circondati in un garage per i autocarri Volvo. La stazione di servizio era in fiamme propagando l’incendio nel bosco, i cecchini ci impedivano di uscire dall’edificio. Poi arrivarono i rinforzi e subimmo un massiccio attacco del battaglione Donbass. Le cose si calmarono, ma gli ucraini sparavano sulla nostra base, così come sulla zona circostante. Potemmo evacuare i civili. La zona era deserta, con branchi di cani randagi. Gli demmo da mangiare e furono le nostre guardie. Quando c’era il fuoco dell’artiglieria, scappavano con noi. Pochi giorni dopo, la base era stata completamente distrutta, come la fabbrica accanto e le abitazioni civili. Pensavo di essere in un film apocalittico. Più tardi, la nostra unità si unì ai cosacchi del Don. Istituimmo un posto di blocco a sud-est di Donetsk, a Novij Svet. Gli abitanti del villaggio ci davano cibo ogni giorno, come il pesce che pescavano, e ci davano informazioni sugli ucraini che sparavano bombe al fosforo su un villaggio, che vedemmo bruciare per tutta la notte. Attaccarono il villaggio, ma furono respinti, quindi lo bombardarono per coprire la ritirata. Tale scenario si ripeteva ogni giorno, ma quando scoprimmo la loro base e sparammo dei colpi di mortai, ebbero paura e se ne andarono! Che soldati coraggiosi!
Poi tornai in Francia lasciando uomini organizzati ed in grado di svolgere missioni di combattimento contro un avversario più forte. Ho fatto il mio dovere, ed ora il mio dovere è informare. La forza degli ucraini risiede nella politica internazionale che gli permette di fare ciò che vogliono usando armamenti pesanti contro i civili, così come armi vietate. Ma la forza del russo è la sua mente! Il russo dimostra grande capacità di adattamento ed è disposto a sopportare il peggio per la causa giusta. Tale nobiltà di spirito è rara in questo mondo dominato dai valori della pigrizia e del consumo.
Combattere al loro fianco è stato un onore”.

10365839Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Novorossija, liberato l’aeroporto di Donetsk

Alessandro Lattanzio 5/10/201400-novorossiya-soldiers-tanks-01-10-14Il 22 settembre, a Starshina, la milizia catturava 2 BTR-60 ucraini. Bombardamenti su Trudovskoe, Dzerzhinsk, Pervomajsk e Petrovka; scontri a Donetsk, Marjupol, Avdeevka, Debaltsevo e Shastie. Il 23 settembre scontri a Avdeevka, Donetsk e Marjupol. A Belokamenka veniva attaccato un convoglio majdanista. A Lomovatka l’artiglieria federalista reagiva al bombardamento delle proprie postazioni eliminando 9 mezzi e 40 naziguardie ucraini. Il 24 settembre, le truppe majdaniste bombardavano Fashevka, Makeevka e Donetsk. Aspri combattimenti presso Avdeevka e l’aeroporto di Donetsk, dove gli ucrofascisti avevano tentato di sfondare verso Peski e Vodjanoe, venendo respinti con pesanti perdite. Il 25 settembre, scontri a Zeljonoe, Enakievo, Debaltsevo e Olkhovatka. I majdanisti bombardavano Donetsk uccidendo due civili. Nel frattempo, i majdanisti radunavano due gruppi d’assalto presso Avdeevka a nord, con 8000 effettivi e 100 carri armati, e a sud presso Kurakhovo, con 6000 effettivi e 80 carri armati. Complessivamente 14000 effettivi con artiglieria, blindati, MLRS e 180 carri armati. A Debaltsevo, le FAN liberavano Uglegorsk chiudendo la strada M03 da ovest verso la sacca di Debaltsevo. Quindi il concentramento di truppe majdaniste a Debaltsevo era definitivamente accerchiato dalla Brigata Prizrak dei federalisti. Nel frattempo un gruppo d’assalto corazzato delle FAN operava per liberare Avdeevka ed isolare gli aggressori ucraini operanti tra Donestk e Gorlovka. Il 26 settembre, intensi combattimenti presso l’aeroporto di Donetsk e Peski. La junta bombardava le posizioni dell’esercito di Novorossija e i quartieri della città. Le Forze Armate di Novorossija (FAN) contrastavano l’assalto della 25.ma brigata aeroportata e 600 neonazisti comandati da Ljashko verso l’aeroporto, impiegando artiglieria ed MLRS, costringendo gli aggressori a ripiegare. Il corpo volontari di Pravij Sektor e il 3° reggimento SBU ucraino avevano perso tutti i blindati e il loro comando era stato isolato. Ad Odessa, i miliziani federalisti attaccavano un checkpoint majdanista distruggendo un BTR ed eliminando delle naziguardie. Nel frattempo gli ucrofascisti avanzavano a nord di Jasinovataja, interrompendo la rotabile M03 tra Donetsk e Gorlovka. I majdanisti bombardavano Avdeevka, Enakievo, Kirovskoe, Brjanka, Fashevka, Pervomajsk e Shirokoe. Scontri a Shastie, Marjupol e Debaltsevo. A Marjupol veniva distrutto un deposito del battaglione Feniks della 79.ma brigata aeroportata ucraina. Il 27 settembre, i majdanisti bombardavano ancora Donetsk, uccidendo un civile. Combattimenti nell’aeroporto di Donetsk, Nikishino, Schastie e Avdeevka, mentre le FAN avanzavano su Volnovakha. Il 28 settembre, nei combattimenti nell’aeroporto di Donetsk le FAN distruggevano la compagnia comando della 93.ma brigata meccanizzata ucraina. I majdanisti si ritiravano da Krimskoe, Nizhnee e Toshkovka, mentre venivano accerchiati a Gorskoe e Zolotoe, verso Lisichansk. Bombardamenti su Donetsk e Telmanovo, scontri a Shastie e Avdeevka. Sei civili furono uccisi e 18 feriti a Donetsk, dai bombardamenti dei majdanisti. L’esercito della RPL distruggeva le posizioni dei majdanisti presso Shastie. L’artiglieria delle forze armate di Novorossija (FAN) bombardava le posizioni delle unità majdaniste appena giunte presso la località, distruggendo un’ex-scuola di polizia convertita in comando delle unità majdaniste, un deposito di munizioni e un concentramento di unità corazzate ucraine. Il 29 settembre, nei combattimenti presso l’aeroporto di Donetsk, la milizia eliminava il comandante della 93.ma brigata meccanizzata ucraina e distruggeva un BTR della 79.ma brigata meccanizzata, eliminando 7 majdanisti e ferendone altri 9. Il cerchio intorno alle truppe mercenarie ucrofasciste, trinceratesi in un bunker antiatomico della difesa aerea nell’aeroporto, si stringeva. Combattimenti a Trudovskoe, Opitnoe, Avdeevka, Peski, Jasinovataja, Makeevka, Telmanovo, Novogrigorievka, Popasnaja e Debaltsevo. Bombardamenti a Chernukhino, Nikishino, Maloorlovka, Timofeevka, Petropavlovka, Rassipnoe, Kirovskoe, Sakhanka e Stozhkovskoe. I majdanisti si ritiravano dai villaggi Toshkovka e Krimskoe, nella Repubblica di Lugansk. Il 30 settembre, nei combattimenti per l’aeroporto di Donetsk, le milizie della RPD eliminavano oltre 50 naziguardie e mercenari majdanisti e 13 loro blindati. Le milizie subivano 11 caduti. I majdanisti si ritiravano da Komunar, Avdeevka, Marinka e Krasnogorovka.
milice 5 Il 1° ottobre, i majdanisti bombardavano Popasnaja, Donetsk, Lugansk, Stakhanov e Pervomajsk. Combattimenti a Shastie. La milizia distruggeva una base dei majdanisti a Trojtskoe. Il 1 ottobre, a Kievskij, Donetsk, i nazisti ucraini uccidevano 11 persone e ne ferivano 40, bombardando una scuola. Il 2 ottobre, a Debaltsevo la milizia arrestava l’offensiva majdanista; a Brjanka l’esercito ucraino aveva cercato di sfondare da Debaltsevo, ma diversi blindati della Guardia nazionale furono distrutti dalle milizie dei cosacchi e dal battaglione ‘Prizrak‘. L’aeroporto di Donetsk veniva liberato dalle milizie, mentre gli ultimi ucrofascisti erano rintanati nel bunker antiatomico. Si trattava dei resti della 79.ma brigata, responsabile dei massacri di prigionieri e civili a Nizhnjaja Krinka. Da qui l’ostinazione nei combattimenti. Le altre unità majdaniste venivano respinte per almeno 15 chilometri a nord dall’aeroporto. Bombardamenti su Donetsk da parte majdanista: sette case distrutte, danneggiato l’impianto industriale Tochmash e nove civili uccisi. Scontri presso Krasnogorovka, Avdeevka, Gorlovka, Trudovskoe, Nikishino, Redkodub, Maloorlovka e Tonenkoe. La milizia avanzava verso Severodonetsk e Lisichansk. Il 3 ottobre, le Forze di autodifesa della Repubblica popolare di Donetsk avevano il pieno controllo dell’aeroporto di Donetsk, sebbene vi fossero ancora nuclei di majdanisti nel bunker antiatomico dell’aeroporto. Combattimenti a Shastie, Tonenkoe, Krasnogorovka, Avdeevka, Nevelskoe e soprattutto a Debaltsevo. La milizia distruggeva avamposti majdanisti a Mirnaja Dolina (Zolotoe) e nei pressi di Chernukhino (ad est di Debaltsevo). I majdanisti bombardavano Donetsk con 3 missili Tochka lanciati dalla base aerea di Kramatorsk. Un gruppo da ricognizione e sabotaggio della Repubblica Popolare di Lugansk distruggeva un grande deposito di carburante a Kharkov. La Guardia Nazionale cosacca catturava un gruppo di sabotatori del battaglione della difesa territoriale di Kiev, Rus’ di Kiev, a Chernukhino. Il 4 ottobre, bombardamenti a Donetsk, combattimenti a Debaltsevo, Lisichansk e Volnovakha. La milizia attaccava le posizioni majdaniste tra Bobrovo e Borovskoe, e presso Popasnaja. L’artiglieria dell’esercito di Novorossija bombardava le posizioni majdaniste tra Avdeevka e l’aeroporto di Donetsk, e tra Krasnogorovka e Marinka. La Guardia Costiera della RPD affondava le 2 imbarcazioni ucraine Grif e Kalkan tra Shirokino e Bezimenoe, mentre cercavano di sparare sulle posizioni dell’esercito di Novorossija. I 12 majdanisti a bordo furono eliminati quando la milizia ha affondato i due natanti utilizzando dei missili anticarro e i cannoni dei carri armati.
La Guardia nazionale ucraina riceveva 10 carri armati T-64B che dovevano andare in Congo dopo esser stati modernizzati presso la fabbrica Malyshev. Il ministro della Difesa della RPD Vladimir Kononov dichiarava che su 174 persone rilasciate dagli ucraini, solo 30 avevano a che fare con la milizia, gli altri erano civili sequestrati dai neonazisti ucraini appositamente per lo scambio di prigionieri. Inoltre i miliziani prigionieri veniva torturati dai neonazisti galiziani. Secondo dei prigionieri della Guardia Nazionale ucraina, un gruppo di 50 uomini, addestrati per compiere attacchi terroristici, sarebbe stato costituito a Cherkassij. Si tratta di criminali amnistiati in cambio del servizio militare. Il loro compito sarebbe effettuare sabotaggi contro le infrastrutture della Novorossija. Altre informazioni indicano la presenza della guerriglia anti-Majdan a Marjupol e nelle regioni di Kherson e Zaporozhe. Perciò Kiev formava la cosiddetta unità di autodifesa Kherson con 400 volontari per la difesa contro gli attacchi della guerriglia. Infine, il governo golpista ucraino secretava il numero dei soldati morti nelle operazioni contro Novorossija. La consigliera del ministro della Difesa ucraina Anna Kovalenko annunciava “Che tutte le informazioni concernenti le vittime delle operazioni contro Novorossija sono state accuratamente classificate. Come nel caso di Illovajsk, i cui aspetti strategici e tattici devono essere segreti”.
Il 28 settembre, il Pentagono inviava otto ‘esperti’ in contro-insurrezione a Kiev per pianificare tattiche e tecniche con le forze majdaniste. “Il personale militare condividerà con gli ucraini la pianificazione di tattiche, tecniche e procedure, mentre raccoglieranno i dati sulle necessità delle forze di sicurezza, secondo la portavoce del Pentagono Eileen Lainez. Il personale valuta le operazioni del ministero della Difesa dell’Ucraina“. Gli ‘operatori’ statunitensi avrebbero “cercato i modi con cui gli Stati Uniti possono fornire equipaggiamento militare” all’Ucraina ed analizzarne le esigenze, come fornire assistenza medica alle forze di sicurezza ucraine. “Con il sostegno del dipartimento di Stato, la squadra di valutazione della sicurezza in Ucraina esaminerà anche la possibilità di espandere il nostro Ufficio di Cooperazione alla Difesa a Kiev, per migliorarne le capacità militari e l’interoperabilità“. Anche se la Casa Bianca ha rifiutato di fornire armi ed equipaggiamenti militari all’Ucraina, continua ad inviarvi esperti militari per “migliorarne la capacità della difesa e ad impostare le basi per una cooperazione nella difesa a lungo termine“. Secondo il colonnello dell’US Army Steve Warren, portavoce del Pentagono, l’obiettivo principale degli esperti militari statunitensi è “formare e stabilire un programma duraturo per i futuri sforzi degli Stati Uniti nel sostenere l’esercito ucraino tramite team di esperti e consulenti”.

10390017Fonti:
BNB
BNB
Infobeez
Infobeez
ITAR-TASS
Novorossia
Novorossia
Novorossia
Novorossia
Novorossia
RIAN
Slavyangrad
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol

15851_original

Cosa rivela la battaglia per l’aeroporto di Donetsk

Saker, Vineyard Saker, 3 ototbre 20141043058Ho sentito notizie contraddittorie sulla situazione dell’aeroporto di Donetsk, che vanno dall'”aeroporto al 90% nelle mani della Novorossija” ad “aeroporto preso”. Comunque, credo che ci sia la buona probabilità che i novorussi abbiano ragione quando dicono che l’aeroporto sarà preso questo fine settimana. Ho dato una rapida occhiata al sito militarymaps.info per scaricare l’ultima relazione e questo è ciò che ho visto:

Donetsk Airport 2014-10-03 09_02_49Vi sono combattimenti in questo momento (17:00 ora di Mosca), ma la maggior parte dell’aeroporto è in mani novorusse. Inoltre, gli ucraini sono stati respinti quanto basta per rendere assai difficile, se non impossibile, rifornire i loro camerati nell’aeroporto. In realtà, i soldati novorussi sui social media dicono che ogni volta che gli ucraini tentavano d’inviare in un convoglio dei rifornimenti, veniva distrutto. Gli anglosionisti apparentemente si preparano alla perdita dell’aeroporto: attualmente si discute l’imposizione di ulteriori sanzioni contro la Russia se l’aeroporto cade in mano ai novorussi. Molto stupido, ma così tipico in tali burocrati arroganti e incompetenti. Ma la cosa veramente interessante è il comportamento ucraino. Provo a darne un senso.

Cosa indica l’aeroporto di Donetsk delle forze ucraine
imagesPO28S6NC Per ‘mesi’ le forze ucraine resistevano nell’aeroporto in condizioni molto difficili, spesso completamente circondate e assai raramente rifornite. I novorussi gli avevano offerto innumerevoli volte ciò che avevano offerto alla maggior parte delle altre forze della junta: andarsene attraverso un corridoio. Ma rifiutarono. Certo, l'(ex) ultra-moderno aeroporto Sergej Prokofev di Donetsk offriva molti edifici robusti e diversi tunnel sotterranei e strutture per nascondersi, ma le condizioni non ne furono alleviate di molto: sono stati bombardati, sottoposti al tiro dei cecchini, attaccati da commando speciali e fondamentalmente affamati, si può solo immaginare il loro morale considerando che le possibilità di vittoria o addirittura d’evacuazione erano vicine allo zero. Eppure hanno resistito con una determinazione feroce. Secondo una fonte novorussa, oltre 1000 ucraini sono morti per questo aeroporto. Perché? Perché resistono in quel modo? L’aeroporto in realtà ha un valore così strategico? La risposta è no, per nulla. Un concetto sciocco era che gli ucraini tenevano l’aeroporto per impedire ai russi di utilizzarlo per sbarcarvi le loro forze. Ridicolo per diversi motivi. In primo luogo i russi possono far atterrare una divisione aeroportata meccanizzata ovunque, non hanno bisogno di un aeroporto. In secondo luogo, se l’esercito russo voleva prendere l’aeroporto, l’avrebbe fatto in poche ore (prima che dopo). Ma soprattutto perché mai i russi si sarebbero presi la briga di atterrare in un aeroporto contestato quando potevano sbarcare a Lugansk o semplicemente attraversare il confine ?! Quindi no, il controllo dell’aeroporto non impediva una mitica invasione russa. L’aeroporto ha un qualche altro valore strategico? Permette di controllare Donetsk, forse? La risposta è di nuovo no, per niente. In realtà, se guardiamo a ciò che gli ucraini facevano effettivamente dall’aeroporto arriviamo al “mistero” più sconcertante di tutti: da mesi gli ucraini nell’aeroporto bombardavano la città di Donetsk in modo completamente casuale ed indiscriminato. Tizi dal grilletto facile che uccidono civili e distruggono gli edifici, ma senza avere alcun impatto sulle Forze Armate della Novorossija (FAN). E quando dico nulla intendo proprio nulla. Mi spiego.
Gli ucraini non hanno capacità di ricognizione/intelligence per monitorare i movimenti delle unità delle FAN a Donetsk. Né hanno puntatori che potrebbero correggere il tiro d’artiglieria. Inoltre, mentre le forze della spedizione punitiva della junta (JRF) a nord-ovest dell’aeroporto, forse, fornivano tiro di supporto agli ucraini nell’aeroporto, l’artiglieria nell’aeroporto di per sé è inutile, poiché le FAN sono troppo vicine perché quel tipo di artiglieria sia di grande utilità. Inoltre, le JRF hanno pochi (2?) carri armati e mortai per farlo. Quindi l’unico scopo possibile delle forze ucraine nell’aeroporto era terrorizzare la popolazione di Donetsk. È semplicemente strabiliante, ma sembra che circa 1000 ucraini siano stati eliminati in mesi di pesanti combattimenti al solo scopo di uccidere civili. Sì, suona assolutamente folle, ma perché è assolutamente pazzesco. Ora, è vero che il “ministro della Difesa” ucraino Valerij Geletej è un pagliaccio incompetente. Un ex-poliziotto divenuto ufficiale della sicurezza dello Stato e poi militare (letteralmente in una notte), che sostiene che la Russia ha utilizzato armi nucleari a Lugansk, “firmato” il suo giuramento con una penna chiusa ed esibito munizioni della seconda guerra mondiale come prova dell’invasione russa. È odiato e disprezzato anche dagli ucraini. Ci vedo uno che ordina di “uccidere civili fino a che sarete tutti morti”, ma perché mai gli ucraini nell’aeroporto hanno eseguito un tale ordine idiota? Infine, ritengo che uno dei pochi aspetti positivi di un cessate il fuoco altrimenti molto controverso, sia proprio aver congelato il conflitto più o meno lungo l’attuale linea di contatto dove nessuna unità circondata versa più sangue. Diverse unità ucraine hanno sfruttato tale occasione per uscire da certe piuttosto disperate situazioni. Il JRF s’è anche unilateralmente ritirato da alcuni villaggi. Fatta eccezione per i pazzi nell’aeroporto che, invece di uscirsene dall’inferno, hanno deciso di sprofondarvi, rimanendo per continuare a terrorizzare i civili. Potrei sbagliarmi, e vorrei apprezzare eventuali delucidazioni, ma l’unica spiegazione che ho del comportamento apparentemente folle è che tali ucraini avessero subito il lavaggio del cervello. Come le SS che nel 1945 urlavano “Heil Hitler” davanti a un plotone di esecuzione sovietico. Proprio come le SS, questi tizi apparentemente credono che il loro “onore si chiama fedeltà” e sono disposti a combattere fino all’ultimo respiro per terrorizzare i civili. Gli ucraini che hanno combattuto a Saur Mogila almeno possono dirsi di essere morti in una battaglia per il controllo del saliente meridionale di fondamentale importanza della Novorossija; ma morire per l’aeroporto di Donetsk è morire per niente, o morire per poter uccidere dei civili. Roba pazzesca e spaventosa.

Cosa l’aeroporto di Donetsk rivela delle forze novorusse
df1c308c051aafcd161ec721133381d3 C’è un’altra cosa su questo aeroporto che mi sembra importante. Per mesi i novorussi non hanno potuto prenderlo. Certo, era un obiettivo difficile e si potrebbe anche sostenere che le FAN siano state distratte da combattimenti più importanti altrove; vero, ma ciò non spiega perché non potevano prendere tale aeroporto. C’è un fatto che i civili non sanno e che anche i militari spesso non riescono a capire: tutte le forze militari sono buone quando vincono. Permettetemi di spiegare: quando inizia una battaglia e, diciamo, il lato A prende il sopravvento e comincia a battere o inseguire il lato B, le prestazioni effettive del lato A sono quasi sempre buone. E’ estremamente raro che una forza militare dimostri incompetenza, scarso addestramento o compia errori mentre insegue il nemico in ritirata. Ciò significa anche che non si può giudicare l’efficienza di una forza vedendo come ha vinto una battaglia. Il criterio chiave per misurare l’efficienza di una forza militare (dal soldato al comandante) è se può invertire la tendenza, se può combattere bene mentre si ritira, se può subire una sonora sconfitta e poi avviare con successo la controffensiva. Qualcosa che solo una forza veramente efficace può fare. Penso agli insorti afghani che hanno dimostrato capacità superba contro l’esercito sovietico (in particolare i tagichi nel nord). Ognuno aveva capito che, non appena l’ultimo soldato sovietico sarebbe andato via, agli insorti sarebbero bastate poche ore per occupare Kabul. Gli si sono voluti tre anni!
Le operazioni offensive urbane sono uno dei compiti più difficili per qualsiasi forza militare ed anche una forza che esegua superbamente una campagna può assolutamente fallire in ambiente urbano, in particolare contro un difensore determinato. Le FAN hanno mutato l’andazzo e da una situazione in cui la JRF aveva quasi circondato Donetsk e separato Donetsk da Lugansk. Le FAN hanno molto abilmente utilizzato il fatto che la JRF “seguiva le strade” per circondarla, isolarla e distruggerla. Ma questa era un’operazione difensiva ed inoltre aveva ricevuto ‘molti’ aiuti dalla Russia, non solo “Voentorg” ma anche supporto di fuoco diretto dalla Russia. Poi gli ucraini si ritirarono. La loro ritirata fu un disastro totale, una rotta in cui il JRF mostrò veramente quanto scarsa fosse tale forza militare. Ma non confondiamo l’incompetenza militare degli ucraini con la prova che le FAN siano una forza offensiva. Il fatto è che non sappiamo quanto siano efficienti le FAN in un’operazione offensiva, soprattutto contro un difensore determinato. Il caso dell’aeroporto di Donetsk è piuttosto singolare e non dimostra che le FAN non siano efficienti, ma dovrebbe concedere pausa e motivi di riflessione a coloro che credono che, se non fosse per il cessate il fuoco, le FAN avrebbero liberato Marjupol o il resto della Novorossija. Inoltre, se accettiamo la tesi avanzata spesso dai novorussi che non potevano inviare le forze necessarie nell’aeroporto perché erano sovraestesi e che queste forze erano necessarie altrove, allora ciò ci dice cosa sarebbe successo alle FAN se fossero avanzate su più fronti, come ventilato poco prima della firma del cessate il fuoco. Coloro che oggi deplorano che Marjupol non sia stata presa, si rendono conto che le migliori unità delle FAN erano già state assegnate a questo compito e che erano lontane dal resto della Novorussia? Per coloro arrabbiati per il cessate il fuoco, ho una domanda: se tutte le migliori forze delle FAN venivano assegnate alla battaglia per Marjupol, quali forze sarebbero state disponibili in caso di attacco ucraino da nord? Se fosse successo quando vi erano solo deboli forze delle FAN presso Donetsk e Lugansk? So che non avrò risposta da coloro che accettano come indiscutibile la tesi che le FAN avrebbero preso Marjupol e liberato il resto della Novorussia (non badiamo a coloro che credono che le FAN avrebbero preso Kiev). Per loro, la rotta ucraina dalla Novorossija è la chiara prova che i militari ucraini sono finiti e che la vittoria totale era a portata di mano. Ma non all’aeroporto di Donetsk.
La storia non può essere riscritta e non lo sapremo mai con certezza. Ma fin quando si può fare un ragionamento plausibile, il cessate il fuoco è stato firmato nel momento perfetto per le FAN, al culmine del successo, allora non c’era bisogno di presumere che coloro che non si opponessero categoricamente al cessate il fuoco fossero dei traditori, agenti di Surkov o qualsiasi altro tipo di sciocchezze che i patriottardi vomitano su chi non condivide la loro opinione. A mio parere la battaglia per l’aeroporto di Donetsk dimostra chiaramente che le FAN erano già sovraestese e che siano molto più abili nelle operazioni difensive rurali che in quelle offensive urbane.

d19eb7fed540f022c7f8b608ffb27866

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

“In Putin vi è più Lenin che in tutta la sinistra occidentale degli ultimi 50 anni”

Risposta di un marxista-leninista russo alla sinistra occidentale
Valentin Zorin Left.ru agosto 2008

Nota: Di seguito pubblichiamo un commento di Valentin Zorin, caporedattore di Left.ru e Burtsev.ru, all’articolo “Lenin’s Epitaph: Lessons from the Russia – Georgia War”, pubblicato nel blog The ruthless critic of all that exists. Ci scusiamo per qualche irregolarità stilistica dell’originale.

283995Ogni “spietata critica di tutto ciò che esiste” non può essere presa sul serio, a meno che non inizi con una spietata autocritica della critica spietata. È doppiamente vero se il critico spietato appartiene alla sinistra imperialista fin dalla nascita e per istruzione, e per tutta la sua vita (per storia politica, mentalità, pregiudizi culturali, ecc.) Il dogma che “tutto è per il petrolio” dimostra la sua totale ignoranza sulle cause di questa guerra (la guerra dei 5 giorni in Georgia). Ma tale ignoranza non è ingenua. La sinistra imperialista l’usa ancora e ancora per mascherare i piani aggressivi dell’ultra-imperialismo occidentale contro la Russia e tutti gli altri Paesi che si oppongono al loro cammino verso il dominio mondiale. Lo stivale sinistro marcia lealmente assieme allo stivale destro, non un passo indietro! La sinistra occidentale è altrettanto spietatamente ipocrita quanto le sue classi dirigenti.
Proprio come il fascista statunitense Robert Kagan, il nostro “critico spietato” ritiene irrilevante chi ha attaccato chi l’8 agosto (2008). Proprio come il nazistofilo McCain, il nostro critico spietato non sembra curarsi del fatto che questo era il terzo tentativo, da parte degli sciovinisti georgiani, di sterminare gli osseti del sud, dal primo sotto il presidente menscevico Zhordanija nel 1920. Proprio come la stampa corporativa occidentale, il nostro spietato critico di tutto, tranne della sua complicità nel lavaggio del cervello ideologico dell’ultra-imperialismo occidentale, beneficiando delle proverbiali “briciole” dal loro tavolo, in qualche modo si dimentica che l’US Navy entrava nel Mar Nero per riarmare i fascisti georgiani, e non la Marina russa entrava nel Golfo del Messico. E’ la NATO che circonda la Russia, non la Russia che circonda la Gran Bretagna e il suo impero coloniale. Sono i servizi segreti statunitensi e inglesi che fomentano l’odio etnico nell’ex-URSS, non i russi dell’FSB che addestrano separatisti scozzesi e texani. Questi fatti non sembrano importanti per il nostro spietato critico di tutto, tranne che dei suoi pregiudizi. Anche gli onesti osservatori borghesi iniziano a parlare come i critici dell’imperialismo occidentale, di fronte a fatti simili, mentre il nostro critico spietato di tutto, con il labbro superiore irrigidito, non scorge la differenza tra l’aggressore e la sua vittima, tra la banda di ultra-imperialisti occidentali e il nazionalismo dei popoli che vogliono distruggere.
Lenin è e rimarrà nei nostri cuori. Anche in Putin vi è più Lenin che in tutta la sinistra occidentale degli ultimi 50 anni. E’ Putin che ha detto, dopo che poco più di 2000 cittadini russi sono stati uccisi dai fascisti georgiani, che il popolo georgiano è nostro fratello, che la cultura russa è impensabile senza la cultura georgiana. E tu che cosa ne sai o capisci di cultura della Georgia? Tu non sai nemmeno il russo, la lingua di Tolstoj e Lenin, per leggere notizie diverse da quelle dei media aziendali che avvelenano il tuo cervello! Vergognatevi tutti voi, svergognati fottuti occidentali, a destra come a sinistra! Per voi, diventare di nuovo umani è l’unica medicina amara che vi può aiutare. Abbiamo subito perdite a decine di milioni per spezzare la schiena al nazismo tedesco; no, al nazismo occidentale, perché senza tutta la storia genocida dell’occidente, non ci sarebbe stato alcun Hitler. La Russia guiderà i popoli del mondo che voi avete fottuto e sottoposto a genocidio per secoli, e vi distruggeremo. Lo faremo, prima o poi!

j_49MOBfcUgValentin Zorin, Marxista-Leninista Russo

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Bezler: “Non faccio prigionieri nazisti”

Intervista al comandante della difesa di Gorlovka, Generale Bezler, nome in codice “Bes” (“Demone”)
Colonel CassadVoice of Sevastopol, 28 settembre 2014

BezlerPerché Bes?
É il mio soprannome dall’infanzia. Forse perché ero cattivo.

Strelkov è giunto a Slavjansk, il cui nome è simbolico, chiamata così da Caterina la Grande. Lei è giunto a Gorlovka. Perché?
Mi piace la città, è bella.

Lei è ricercato in Ucraina in quanto sabotatore del Primo Direttorato dell’intelligence russa. Il servizio di sicurezza dell’Ucraina la ritiene il criminale più pericoloso accusato non solo di aver disarmato unità militari e del servizio di sicurezza e polizia in Crimea, ma anche della creazione di una rete di agenti. E’ vero?
La Crimea mi ha conferito una medaglia e una croce: crimeane, non russe. Non ho disarmato unità militari, aprirono i cancelli perché ne avevano abbastanza dell’indipendenza giallo-blu, o meglio, dell’illegalità degli oligarchi-gangster. Inoltre fummo molto gentili, un risultato della buona educazione. Lascio il resto senza commentare.

Vi arrivano aiuti umanitari?
Non sempre, ma è meglio ora.

Come avete intenzione di affrontare l’inverno? Non resisterete solo con gli aiuti umanitari.
Non voglio indovinare, sono un realista. L’Ucraina attende aiuti occidentali, nulla è stato seminato, quindi non c’è nulla da raccogliere. Con proiettili e bombe Kiev ha distrutto il Donbas che alimenta il Paese, bruciato i suoi campi, ucciso od espulso i suoi abitanti dalla natia terra russa solo perché russi che non vogliono praticare i dogmi uniati e non vogliono essere schiavi di polacchi o tedeschi, hanno una mentalità diversa. A livello spirituale non siamo obbedienti come gli ucraini occidentali. Gli impianti di produzione di Kharkov e Zaporozhe sono stati trasportati nelle regioni occidentali fermando la produzione. La macchina deve lavorare, altrimenti è solo un rottame, idioti! Nessuno ha fermato la guerra e le puttane degli USA, senza sangue ucraino, che hanno preso il potere, combatteranno fino all’ultimo ucraino. Tutto funziona nelle nostre città: miniere, fabbriche, infrastrutture, assistenza diurna per bambini, scuole, farmacie, ad eccezione di quelle che producono anfetamine! Combattiamo droga, criminalità e corruzione. Ma Gorlovka non è il Donbas. Sarà difficile, ma siamo russi, resistiamo mentre il resto dell’Ucraina soffrirà, questo è già un dato di fatto.

Lei è un militare, quindi con tale sistema di pensiero. Ma una persona da sola non può gestire una città enorme, soprattutto mentre prende decisioni militari, sono necessari esperti del settore.
Ci sono. Abbiamo mantenuto il personale, solo gli abbiamo insegnato a non prendere tangenti e a non rubare, cosa che hanno imparato velocemente. Klep è sempre il sindaco con tutti i crismi. Mi occupo di lui (nota dell’autore: è sotto scorta), si rade, si veste come si conviene, canta l’inno dell’Unione Sovietica la mattina, si alza alle 6 e va a letto alle 22:30. E’ sempre più moralmente purificato, non ruba, non prende tangenti, restituisce alla gente ciò che ha rubato e costruisce strade. Continuerà a farlo fino quando non sarà rieducato. Deve imparare da sé cosa significa vivere con i propri mezzi. E’ diventato un patriota, ha ordinato di appendere le bandiere russe per la città, di lasciare le entrare interne, di mantenere gli stipendi della milizia nelle compagnie in cui lavora. Il nostro sindaco se ne occupa.

Come valutate le attuali autorità di Kiev?
Come si possono valutare i traditori? Avranno il loro processo di Norimberga. Mi dispiace aver dato a Pjotr Poroshenko due schiaffi, soltanto, mentre lo trascinavo via dall’edificio del Consiglio supremo alla stazione ferroviaria di Simferopoli. Possono solo rubare e spartire, è la loro morale da gangster. L’hanno appresa fin dall’infanzia, guardate la loro biografia. Scarsi e inetti, dalla mentalità di piccoli speculatori, non possono essere statisti, oggi.

Le autorità di Kiev martellano nelle teste delle persone che questa è una guerra patriottica degli ucraini contro l’aggressione russa. Chi combatte?
Combattiamo contro i fascisti. Combattiamo l’oligarchia finanziaria e industriale globale, per cui l’Ucraina è solo un mezzo per raggiungere l’obiettivo principale: distruggere la Russia, i russi e gli slavi. Il piano è dividere gli slavi e far sì che si distruggano. Se cadiamo, tutte le nazioni saranno in ginocchio, perché nessuna nazione, nessun popolo, potrà resistergli tranne i russi. Durante il colpo di Stato, con l’inno della Germania fascista sullo sfondo, la folla ha ucciso e mutilato i membri della forza speciale della polizia Berkut, ucraini fedeli al giuramento. Chi è salito al potere? I complici di Janukovich nel saccheggio del Paese, i complici di Kravchuk, Kuchma e Jushenko, che si differenziano solo per l’entità dei furti. Le persone che dopo il lavaggio del cervello ripetono ciò che dicono i loro padroni: “la Russia ci invade“. Se la Russia avesse inviato una sola divisione, il giorno dopo le sue truppe sarebbero arrivate a Lvov. Più precisamente, nell’antica città di Lemberg. I banderisti di oggi devono capirlo. Inoltre non devono dimenticare che ci ricordiamo del massacro dei polacchi in Volinja, delle fucilazioni degli ebrei e delle camere a gas, di Khatin e molto altro con cui i loro padri e nonni s’insanguinarono le mani. Tutte queste generazioni sono avvelenate dall’odio banderista. I mercenari che ci combattono, statunitensi, anglosassoni, arabi, svedesi, sono feccia. Vogliono la nostra terra? Beh, l’avranno per seppellirvisi, non c’è altra scelta

Avete ucraini nelle vostre unità?
Quasi tutta la mia gente è del posto, non la divido in ucraini, russi, ceceni, armeni, ebrei e così via. Tutti sono ugualmente importanti per me, combattendo contro gli eredi dei nazisti. Non siamo noi ad esser giunti da Rovno e Zhitomir per uccidere, rubare, stuprare, distruggere case, bruciare campi, far saltare fabbriche. La loro crudeltà ha persino oscurato i nazisti durante l’occupazione del Donbas. Anche allora non erano i tedeschi a commettere atrocità, ma i nazionalisti ucraini che prestavano servizio nella polizia e nei sonderkommando.

Ci sono stranieri nella milizia?
Naturalmente, lottano con noi spalla a spalla: serbi, spagnoli, francesi e tedeschi che sul serio odiano il fascismo e l’egemonia degli Stati Uniti. Queste sono persone di coscienza ancora esistenti in Europa. Una volta fu arrestato un tedesco a un posto di blocco, che mi fu portato. “Tu chi sei? Dove vai? Perché?” Lui rispose che era venuto per sua moglie, di Lugansk, e per il suo amato gatto. Chiaramente il gatto era importante, così era arrivato. Guarda il mio fucile d’assalto, prende 40000 euro dalle tasche e mi chiede di venderglielo. Dice: “Questo è tutto quello che ho e darò tutto per il fucile, voglio combattere i fascisti“. Allo stesso tempo, arriva una chiamata dall’ufficio di Merkel. Uno dei suoi consiglieri urla istericamente che abbiamo catturato un cittadino tedesco e ne richiede l’immediata liberazione. Dico: “Non mi dispiace, ma è lui che non vuole“. “Cosa vuole?” chiede. “Vuole unirsi alla milizia“, rispondo. Un lungo silenzio segue e poi con voce calma: “Posso sentirglielo dire?” “Nessun problema” e do il telefono al tedesco, che dice: “Sono un sergente delle forze della difesa, comandante di Leopard 2, datemi 3 carri armati e in due giorni sarò a Kiev“. La risposta fu un bip e non ci furono più chiamate. Diedi in regalo il fucile al tedesco per il suo discorso, ed ora è nella milizia, un combattente eccellente, solo che frau Merkel non gli ha inviato i carri armati.

Ha sofferto gravi perdite?
Per me ogni “200” è la perdita di una persona cara, anche se non la conoscevo personalmente. Ma questa è una guerra e tutto può succedere. Per i dati, le nostre perdite sono un decimo di quelle ucraine. Abbiamo disintegrato quasi tutti gli aeromobili e i blindati dell’esercito ucraino, hanno avuto migliaia di morti e feriti, che le autorità dichiarano disertori evitando di risarcire i parenti. Solo il nostro battaglione speciale non subisce perdite ed è costantemente rifornito.

Quale battaglione?
Dei prigionieri.

Quanti sono? Che ne è successo?
Abbastanza. In generale ci teniamo solo gli ufficiali per lo scambio dei prigionieri. Coscritti e soldati vengono restituiti ai parenti o trasferiti al centro regionale. Non prendo prigionieri tra i nazisti, in linea di principio, non c’è tempo per rieducare tali bestie ideologiche. Non sono timidi quando si occupano di noi, perché dovremmo essere nobili con loro, allora? Sono venuti da noi con la spada, e con la spada periranno, secondo il volere di Aleksandr Nevskij.

Come vede le autorità di Kiev lo scambio dei prigionieri?
Kiev non ne ha bisogno. Ogni volta stringe i denti, perciò. Abbiamo deciso lo scambio di Olga Kuligina, biologa catturata dalle forze ucraine come sabotatrice, con agenti del servizio di sicurezza ucraino, ma all’ultimo momento Kiev cambiò idea. Possono creare tanti colonnelli quanti ne vogliono, ma Olga vale di più. E’ bello che scambino molti di loro per uno dei nostri. Abbiamo scambiato Olga, in ogni caso, con 17 (!) agenti e un cittadino georgiano. Scambiano sempre un nostro con tre o quattro o più dei loro, ci apprezzano assai di più e ne siamo orgogliosi. L’impressione generale è che Kiev vuole solo soldati morti, perché avranno altri problemi con quelli che saranno ancora vivi quando arriverà il primo gelo.

francaisTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 382 follower