Ucraina: sanzioni stellari e terroristi di regime

Alessandro Lattanzio, 5/4/2014

Il Presidente israeliano Peres chiede al Presidente russo: Vladimir, ma tu hai qualche antenato ebreo?
Putin: Che cosa te lo fa pensare, Shimon?
Peres: Sei riuscito a far spendere 5 miliardi di dollari agli americani per farti consegnare la Crimea. Nemmeno un ebreo, avrebbe trovato tanto coraggio!

1897814Il procuratore capo di Crimea Natalija Poklonskaja, di fronte al mandato d’arresto dei golpisti a Kiev, ha dichiarato “Nei 12 anni che ho lavorato nell’ufficio del Procuratore Generale, ho avuto a che fare con la criminalità organizzata ed imprigionato molti criminali. Il mio aspetto non è mai stato un ostacolo. Spero che inganni i nemici. La costituzione dice che l’unico potere in Ucraina e ripeto l’unico potere in Ucraina, è il popolo“. La popolarità sulla rete di Poklonskaja ha disturbato i golpisti a Kiev, che l’hanno accusata di aver organizzato un colpo di Stato. “Non ho paura di dire la verità. Non sono un criminale. Non promuovo il nazismo, come le nuove autorità a Kiev. Se vogliono avviare un procedimento penale contro di me, non ne ho paura. La cosa principale è che una nuova fase della vita inizia da zero in uno Stato dignitoso e grande come la Russia“. Nel frattempo “il disegno di legge presentato in parlamento dal Presidente Vladimir Putin, abroga gli accordi che regolano lo status e le attività della Flotta del Mar Nero in Ucraina“, dichiarava il Viceministro degli Esteri Grigorij Karasin. “Voglio sottolineare che poniamo fine all’accordo“. Il Presidente Vladimir Putin ha firmato la legge che abroga gli accordi bilaterali con l’Ucraina sullo stazionamento della flotta del Mar Nero e l’accordo tra Mosca e Kiev sullo sconto di 100 dollari sul gas russo per l’Ucraina. Il prezzo così aumentava a 485,50 dollari per 1000 metri cubi di gas il 1° aprile, essendo Kiev incapace di pagare le forniture dell’anno precedente. Il debito complessivo dell’Ucraina verso la Russia, dopo la cessazione degli accordi sulla Flotta del Mar Nero del 2010, ammonta a 11 miliardi di dollari. L’esercito russo elabora il programma per la sicurezza della Crimea al 2020, assicurando l’operatività dei militari russi nella regione. Il Ministero della Difesa ha discusso le questioni relative al dispiegamento e sviluppo delle forze russe in Crimea.
L’ex vicedirettore della CIA Michael Morell ha detto che le decine di migliaia di truppe russe al confine ucraino potevano prendersi “un terzo” dell’Ucraina se il Presidente Vladimir Putin “lo volesse”. “Lo scopo di queste truppe sarebbe occupare un terzo dell’Ucraina se Putin vuole, ma sarebbe difficile tenerselo. Quello che cerca è massimizzare il risultato diplomatico. Crede di essere in una posizione di forza e ci vuole al tavolo dei negoziati“. Intanto in Ucraina, dove il bilinguismo russo-ucraino è la normalità nella maggior parte del Paese, l’articolo 10 della Costituzione dichiara assurdamente che il russo è la lingua di una “minoranza nazionale” e inoltre, le prestazioni di Kiev rispetto alla Carta europea delle lingue regionali o minoritarie sono inadempienti verso le lingue minoritarie come rumeno, bulgaro, gagauz e rusyn che Kiev rifiuta di riconoscere. La risposta fuori luogo dei golpisti a Kiev che respingono il federalismo e i diritti delle lingue indebolisce ulteriormente la coesione dell’Ucraina. L’”amministrazione” di Kiev punta solo all’agenda militare-politica con la commissione NATO-Ucraina che ha dichiarato “Accogliamo con favore la firma dell’Ucraina dei capitoli politici dell’accordo di associazione con l’Unione europea, il 21 marzo” che naturalmente riguardano di più la NATO. Infatti l’accordo firmato il 21 marzo obbliga Kiev ad armonizzare la sua politica estera e di sicurezza con quella di Bruxelles, a sua volta subordinata alla NATO con il “Berlin plus agreement” del 2002. Tutto ciò “può solo minacciare la già fragile unità dell’Ucraina”. Difatti, i rappresentanti di Ucraina e NATO hanno discusso la possibilità d’inviare istruttori militari atlantisti in Ucraina per addestrare le forze ucraine. Secondo il ‘ministro’ della Difesa ucraino Andrej Deshitsa, “Abbiamo discusso la possibilità d’inviare gruppi mobili di istruttori militari in Ucraina per addestrarne le forze di difesa civile“. Il segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen non ha escluso l’invio di tali gruppi in Ucraina, ma ha escluso la possibilità di inviarvi unità armate della NATO. Comunque, oltre alla creazione della ‘guardia nazionale’ i golpisti ucraini hanno approvato 600 milioni di dollari di spese militari, un notevole balzo rispetto al bilancio del 2012 pari a 2 miliardi di dollari, ovvero l’1,1 per cento del PIL ucraino.
Il 31 marzo, a Kiev, tre persone, tra cui il vicecapo dell’amministrazione statale di Kiev, Bogdan Dubas, rimanevano ferite in una sparatoria nel ristorante Mafia. Un attivista neonazista di Fazione Destra aveva sparato contro Dubas, ferendolo assieme a due elementi dell”Autodifesa di Majdan’. Una banda armata di Fazione Destra recuperava l’attentatore dal ristorante riportandolo nella base dell’Hotel Dnepr. Il ‘ministro’ golpista degli Interni Avakov ha chiesto il bando di Fazione Destra con l’accordo del collega della Difesa Andrej Parubij. Oleg Tjagnibok, il capo di Svoboda, vi vede l’occasione di allontanare la sua figura da quella del nazista Dmitrij Jarosh. Il parlamento Ucraino, quindi, passava la risoluzione per disarmare immediatamente tutti i gruppi armati illegali, “Considerando la situazione politica straordinaria del Paese, l’aggravarsi della criminalità e delle provocazioni sistematiche da parte di cittadini stranieri nel sud-est dell’Ucraina e a Kiev, il parlamento obbliga il ministero degli Interni e il servizio di sicurezza dell’Ucraina a disarmare immediatamente le formazioni armate illegali“. A Mosca, il Servizio di Sicurezza Federale della Russia arrestava 25 ucraini che organizzavano attentati in Russia “Venticinque persone sono state identificate e detenute a seguito delle indagini relative all’intenzione dei membri della cosiddetta Fazione Destra di Majdan di compiere sabotaggi e terrorismo in sette regioni della Russia (Rostov, Volgograd, Tver, Orjol, Belgorod, repubbliche di Kalmukija e Tatarstan)“. Almeno  tre degli arrestati sono elementi del servizio di sicurezza ucraino (SBU), tra cui S. Sereda, nominato ufficiale dell’SBU dopo il colpo di Stato di febbraio. La loro missione era fotografare le postazioni e i movimenti dei militari russi nelle regioni confinanti con l’Ucraina. Avevano anche il compito di studiare la situazione politico-sociale e organizzare contatti con i rappresentanti di organizzazioni neonaziste russe, operando sotto la copertura di dipendenti di una ditta ucraina specializzata in foto per bambini.
Nel frattempo la NATO ha smesso qualsiasi cooperazione militare e civile con la Russia, tuttavia il Consiglio Russia-NATO continuerà a riunirsi per tenere aperto il dialogo con la Russia. Il Pentagono inoltre sospendeva i colloqui con la Russia sullo scudo della difesa antimissile in Europa. La viceassistente del segretario alla Difesa per la difesa nucleare e missilistica, Elaine Bunn, ha detto “L’intervento della Russia in Ucraina in violazione del diritto internazionale ha portato alla sospensione dei nostri dialoghi militari e civili, e non continueremo a coinvolgere la Russia sul tema della difesa missilistica“. Washington rifiuta d’introdurre restrizioni sulla difesa antimissile, come proposto dalla Russia. Il Viceministro degli Esteri russo Sergej Rjabkov ha risposto “Devo dire che la cooperazione non esiste in questo campo. La parte statunitense è ben consapevole del fatto che le opportunità di tale cooperazione potrebbero emergere se Washington accettasse di ascoltare la nostra richiesta di fornire garanzie affidabili e giuridicamente vincolanti a che il sistema di difesa missilistico globale costruito dagli Stati Uniti insieme ai suoi alleati della NATO e alcuni Paesi della regione asiatica e del Medio Oriente, non sia diretto contro la Russia. Ovviamente, questo modo di porre la questione non è più pertinente oggi per via della politica degli USA volta a inasprire le relazioni bilaterali con la Russia. Forse, col passare del tempo, la parte statunitense realizzerà l’assenza di qualsiasi alternativa a tale approccio, se certamente la politica di Washington non è totalmente dominata dall’aspirazione a garantire il potenziale della difesa missilistica iniziando a svalutare la nostra deterrenza nucleare strategica“. Gli Stati Uniti hanno sospeso la cooperazione con la Russia anche sui programmi nucleari civili. L’azienda di Stato nucleare russa Rosatom ha detto “Consideriamo questo passo sbagliato e in contraddizione con lo spirito costruttivo che avevamo con il dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti negli ultimi anni. L’energia nucleare è una questione molto seria. È necessario un approccio responsabile e professionale di tutti i partecipanti alla cooperazione internazionale. La politicizzazione è inutile. Qualsiasi tentativo di aggiungere restrizioni unilaterali in questo settore influenzeranno soprattutto i promotori di tali misure”. Washington congela anche la cooperazione tra l’agenzia spaziale NASA e la sua controparte russa sul partenariato spazio globale. Il direttore dell’Istituto di politica spaziale Ivan Moiseev ha avvertito la NASA che la sua mossa avrà un impatto “piuttosto rilevante” sui progetti di esplorazione spaziale. “La moderna scienza dello spazio è un fenomeno globale che avvantaggia tutti i Paesi. Significa che molti grandi progetti richiedono uno sforzo internazionale. Il blocco della cooperazione stimolerà una grave reazione contro il programma spaziale internazionale“, aggiungendo che tale blocco non avrà ripercussioni per l’industria della Russia che semplicemente adeguerà i suoi progetti alla nuova realtà. Secondo Jurij Karash, membro dell’Accademia Russa di Cosmonautica Tzjolkovskij, “Gli Stati Uniti saranno costretti a cooperare, perché al momento non possono inviare astronauti sulla stazione spaziale internazionale se non con le Sojuz russe”. Mosca ha anche denunciato la presenza delle navi da guerra statunitensi nel Mar Nero, che ha superato i termini previsti dalla convenzione internazionale, “Esiste la Convenzione di Montreux, che pone criteri estremamente chiari che limitano il dispiegamento di navi da guerra che non appartengono ai governi del Mar Nero, in materia di stazza e durata del soggiorno“, ha detto il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov. “Abbiamo notato che le navi da guerra statunitensi hanno esteso la loro presenza oltre i termini stabiliti, e per un paio di volte ultimamente e non sempre in conformità alle normative imposte dalla Convenzione di Montreux. Abbiamo anche richiamato l’attenzione di USA e Turchia su ciò. La nostra posizione è che tutti i principi della Convenzione devono essere rigorosamente rispettati. Vigileremo“. La Russia quindi ha richiamato per consultazioni il suo rappresentante permanente presso la NATO, Valerij Evnevich, “L’escalation artificiale della tensione politica non è una nostra scelta. Ma non vediamo l’opportunità di continuare la cooperazione militare con la NATO come se nulla fosse accaduto. Abbiamo deciso di consultare il rappresentante militare della Russia presso la NATO Valerij Evnevich“, ha dichiarato il viceministro della Difesa russo Anatolij Antonov.
Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha detto che il suo Paese si oppone alle sanzioni contro la Russia, alla luce del riavvicinamento economico e politico tra Ungheria e Russia. Dopo il rifiuto delle condizioni imposte dal FMI per rifinanziare il Paese, Viktor Orban s’è rivolto a Mosca per rilanciare il partenariato economico tra l’Ungheria e la Federazione russa. Nel caso dell’Ucraina, Budapest ha anche interesse a mantenere lo status quo linguistico che consente alla minoranza ungherese in Transcarpazia di vedere i suoi diritti rispettati. Motivo per cui questa comunità ha votato per il Partito delle Regioni Viktor Janukovich. Il governo ungherese è attento alle mosse degli oltranzisti golpisti a Kiev.

10154367Fonti:
Business Insider
ITAR-TASS
Global Research
Modern Tokyo Times
NEO
RBTH
Reseau International
Reseau International
Stop NATO
RIAN
RIAN
RIAN
RussiaToday
RussiaToday
Space Daily

Il futuro della Transnistria nel contesto della crisi ucraina

Ari Rusila (Finlandia) Balkan BlogOriental Review 2 aprile 2014

La domanda per l’indipendenza della Transnistria incontra un certo grado di simpatia e comprensione da alcuni esperti occidentali. A titolo di esempio può essere indicato l’analista politico e blogger finlandese Ari Rusila, che di solito presenta la statualità della Transnistria sotto una luce positiva, ammettendo che “la Transnistria ha attratto la mia attenzione per via dei suoi elementi do statualità abbastanza pronta al riconoscimento estero, essendo le circostanze mutate nel diritto internazionale, dopo la dichiarazione unilaterale d’indipendenza del Kosovo e, in terzo luogo, perché avevo previsto che la Trandnistria potrebbe essere la prossima polveriera del separatismo dopo il conflitto georgiano e i problemi in Ucraina”. Ritiene che la Transnistria, in confronto al Kosovo, ha in realtà molte più ragioni per essere riconosciuta internazionalmente. La citazione di sopra è tratto dal documento sul conflitto in Transnistria: Stato degli affari e prospettive di accordo, preparato per la conferenza internazionale “Conflitti congelati in Europa” (1° settembre 2012, Bled, Slovenia) di Natalia Belitser e le citazioni si basano sui miei articoli pubblicati nel 2008.

moldova_map_v2La Transnistria prossima Crimea?
Mentre la crisi in Ucraina continua a cuocere a fuoco lento, tensioni nella vicina Moldova iniziano a  salire. Cercando di capitalizzare il desiderio del Presidente Putin di utilizzare la protezione delle popolazioni russofone nella regione come pretesto per espandere le rivendicazioni territoriali, i membri delle due enclavi separate della Moldova cercano la protezione di Mosca. Ora, dopo la rivolta e il colpo di Stato in Ucraina e la riunificazione della Crimea con la Russia, le tensioni sono cresciute fino a coinvolgere la confinante Moldova, che come l’Ucraina si sforza d’integrarsi ulteriormente con l’occidente. La Moldova ha firmato accordi di associazione e libero scambio con l’UE al vertice di novembre 2013 a Vilnius, nel corso del quale l’ex-presidente ucraino Viktor Janukovich respinse l’offerta. Il governo moldavo ha inoltre sostenuto la rivolta filo-occidentale in Ucraina. Esperti occidentali temono che la prossima “Crimea” sia la regione separatista della Transnistria. Molti abitanti non condividono tale paura, e l’ultimo referendum ha visto una larga maggioranza auspicare l’annessione russa. La Transnistria (Pridnestrovie) è un nuovo ed emergente Paese del Sud-Est Europa, posto tra la Moldova e l’Ucraina. La lingua ufficiale della Transnistria è il russo, non il moldavo, mentre la stragrande maggioranza delle scuole insegnano l’alfabeto cirillico invece dell’alfabeto latino usato nel resto del Paese. Recentemente la Transnistria ha adottato la legislazione russa, un chiaro segnale della preferenza della regione per l’adesione all’Unione doganale di Mosca. Più di recente, le esercitazioni militari russe svoltesi il 25 marzo sul territorio secessionista della Moldova di Transnistria hanno alimentato le tensioni. Da parte sua il parlamento della Transnistria ha inviato una proposta alla Duma di Stato russa per chiedere una legislazione russa per l’adesione della repubblica separatista alla Russia. Il documento è una risposta al nuovo progetto di legge della Russia per facilitare l’adesione di nuovi soggetti alla Federazione Russa. I colloqui nell’ambito 5+2 (Russia, Moldavia, Transnistria, Ucraina, OSCE e osservatori di UE e USA) sono in programma per il 10-11 aprile 2014. Transnistria e Gagauzia aderiscono al club di Abkhazia e Ossezia del Sud degli Stati di fatto, ovvero entità politiche che hanno raggiunto una duratura ‘sovranità interna’, ma prive di ‘sovranità esterna’ nel sistema internazionale. Con la Crimea che aderisce alla Russia questi altri “Stati” potranno unirsi alla Russia o continuare come Stati di fatto, e questo sviluppo crea un corridoio, zona cuscinetto o frontiera sul Mar Nero settentrionale.

La cooperazione Moldavia-Transnistria dal 2009 e le elezioni del 2011
Nuove prospettive per la risoluzione del conflitto sono apparse dopo le elezioni parlamentari del 2009 nella Repubblica di Moldova. La nuova squadra filo-occidentale, l’Alleanza per l’Integrazione Europea (AEI), che ha sostituito il Partito comunista al potere nel Paese dal 2001, s’è dimostrata molto più pragmatica e pronta ad affrontare la regione separatista rispetto ai predecessori, che perseguivano invece una politica isolazionista. Nelle elezioni presidenziali del 2011, il Presidente Igor Smirnov, al potere in Transnistria dall’indipendenza nel 1990, non è riuscito ad essere rieletto, ed è stato sostituito dal deputato dell’opposizione, il più giovane leader del movimento ‘Revival’ ed ex-presidente del Consiglio supremo Evgenij Shevchuk. Questi cambiamenti politici hanno suscitato la speranzea che il processo di risoluzione avesse un momento positivo. I mutamenti di potere in Transnistria hanno dato impulso al processo di pace: il negoziato ufficiale è ripreso dopo sei anni d’interruzione, nel novembre 2011 a Vilnius, in Lituania, seguito da un incontro nel febbraio 2012 a Dublino, Irlanda e nell’aprile 2012. Infine, il documento su principi e procedure e l’agenda dei negoziati furono concordati a Vienna, mentre nel luglio 2012 fu firmato questo documento. I temi sono libertà di movimento di passeggeri e merci, traffico ferroviario, l’istruzione, ecc. Un nuovo approccio (iniziativa congiunta di Russia e Germania, a Meseburg, nel 2010) di UE e Russia per risolvere il conflitto, fu la creazione di un Comitato congiunto politico e di sicurezza (EU-R-PSC) a livello di ministri. In relazione alla sicurezza è stato affermato che l’UE e la Russia collaboreranno alla risoluzione del conflitto in Transnistria, al fine di ottenere progressi tangibili nell’ambito del 5+2 (Russia, Ucraina, Moldova, Transnistria, OSCE, UE, USA). La cooperazione potrebbe comprendere un impegno congiunto UE-Russia che garantirebbe una transizione graduale della situazione attuale ad una fase finale.
L’approccio principale nella ripresa dei negoziati e al processo di risoluzione, in generale, si concentra su misure di fiducia (CBM). Ciò significa che gli aspetti politici della risoluzione, ad esempio uno status reciprocamente accettato della Transnistria, non sono ancora toccati. Invece non vi sono stati tentativi di compiere passi concreti sui problemi cui le parti in conflitto sono interessate. Queste iniziative sono:
- Coinvolgere le parti nel dialogo diretto;
- Costituzione di gruppi congiunti di lavoro/esperti sulle misure volte a rafforzare la fiducia;
- Riunioni a livello superiore (ad esempio, tra il primo ministro della RM Vlad Filat e il leader della Transnistria Evgenij Shevchuk, anche tra i ministri degli Esteri Eugen Carpov e Nina Shtanskij);
- Elaborazione ed attuazione di piani nazionali ed internazionali di sviluppo sociale ed economico, ecc;
Il dialogo diretto ai vertici è in chiaro contrasto con la precedente annosa assenza di dialogo. C’era  una dozzina di gruppi di lavoro, ad esempio, su economia, agricoltura e ambiente, trasporti, ferrovie, stato civile, assistenza sociale e umanitaria, salute, istruzione, lotta contro la criminalità organizzata ed emergenze, telecomunicazioni e costumi, mentre il gruppo di lavoro sulla smilitarizzazione e la sicurezza è non ancora operativo. La crescente controversia tra le parti è iniziata con azioni unilaterali da entrambe le parti, durante la primavera 2013. Per primo la Moldova ha istituito il controllo della migrazione dei cittadini in sei posti di blocco, poi la Transnistria ha cominciato a segnare il confine nella zona di sicurezza, o linea di demarcazione della guerra del 1992.

Gli strumenti contro la Transnistria di Chisinau e Kiev
L’arsenale di strumenti, con il supporto “ideologico-politico” occidentale, su cui possono contare  Chisinau e Kiev potrebbe essere il seguente:
- ulteriori inasprimenti sul traffico di frontiera per i residenti della Transnistria, l’introduzione di un divieto totale di passaggio delle frontiere di gruppi sociali e cittadini (da notare a tale proposito che l’ammissione di cittadini stranieri sul territorio della Moldova è liberalizzato; funzionari ucraini dovrebbero esaminare le statistiche su vantaggi e perdite finanziari sul lato moldavo per le società ucraine, ad esempio le compagnie aeree);
- il blocco delle operazioni di import-export della Transnistria, transito di merci della Transnistria,  nell’ambito dei soggetti comuni “europei” nell’integrazione europea, con la domanda del pieno regime delle regole economiche tra Moldova e Transnistria;
- divieto di attraversamento delle frontiere dei veicoli con targa della Transnistria;
- rifiuto di rilasciare permessi per il trasporto di passeggeri della Transnistria;
- legge moldava sui punti di controllo ucraini con pieno accesso a tutti i dati e d’azione legislativa amministrativa, ecc.

La Russia è pronta se necessario
La NATO avverte che l’enclave russofona della Moldova potrebbe essere il prossimo obiettivo di Mosca dopo la Crimea. Ilcomandante supremo della NATO in Europa, Philip Breedlove, ha detto il 23 marzo 2014 che la Russia ha una grande forza sul confine orientale dell’Ucraina ed è preoccupato che possa minacciare la regione separatista della Moldova di Transnistria. La Russia ha avviato una nuova esercitazione militare con 8500 artiglieri presso il confine con l’Ucraina, 10 giorni fa. Breedlove ha detto che la tattica russa dovrebbe portare l’alleanza militare occidentale a ripensare posizionamento e prontezza delle sue forze in Europa orientale, in modo che siano pronte a neutralizzare le azioni di Mosca. Se le forze russe arrivassero, essendo la Transnistria senza sbocco sul mare, dovrebbero attraversare sopratutto la parte occidentale dell’Ucraina. Tuttavia, le forze russe basate nella parte orientale del Mar Nero e in Crimea, concettualmente potrebbero organizzare un ponte aereo. Dalla breve guerra separatista esplosa in Moldavia nel 1991, la Transnistria ospita un presidio di “peacekeeping” di circa 1000 truppe russe. Una possibilità è che la Russia comprenda Odessa nella “cintura di sicurezza” che presumibilmente si estenderà dalla Crimea alla Transnistria. In Moldova l’appetito per l’integrazione europea tra i 3,5 milioni di abitanti s’è indebolito anche prima della crisi in Ucraina, e le elezioni parlamentari di fine anno potrebbero riportare al potere il partito comunista filo-russo, costretto a cederlo nel 2009. La Moldova rientra nella politica di vicinato dell’UE, priva dell’esplicita promessa di adesione, simile a quelle fatte ai Paesi dei Balcani occidentali.

Anche la Gagauzia ha avuto un referendum
A seguito della dichiarazione d’indipendenza del 1991, Comrat (capitale della Gagauzia) ha accettato di far parte della Moldavia, dopo che Chisinau aveva accettato di concedere alla regione lo status giuridico di “zona autonoma speciale”. Il controllo di Chisinau è contestato dal febbraio 2014, quando la Gagauzia ha avuto un referendum per l’adesione all’Unione doganale euroasiatica della Russia. Il referendum seguiva la decisione di Chisinau di entrare nell’accordo di libero scambio con l’Unione europea, nel novembre 2013, lo stesso accordo che l’ex-presidente ucraino Victor Janukovich ha snobbato optando per l’unione doganale con Mosca. La Gagauzia ha una popolazione di circa 155000 persone, per lo più di etnica gagauza, cristiani ortodossi di lingua turca. Molti abitanti temono che l’UE e la sua integrazione mascherino l’intenzione di Chisinau d’unire la Moldavia alla vicina Romania. La stragrande maggioranza dei votanti al referendum, con un’affluenza di oltre il 70% nella regione moldava autonoma della Gagauzia, votò per l’integrazione con l’Unione doganale della Russia: il 98,4 per cento dei votanti scelse relazioni più strette con essa.  Su una domanda separata, il 97,2 per cento era contro una maggiore integrazione europea. Inoltre, il 98,9 per cento degli elettori ha sostenuto il diritto della Gagauzia di dichiarare l’indipendenza se la Moldova perdesse o cedesse la propria indipendenza. Il governo moldavo sostiene che il referendum in Gagauzia è incostituzionale e non ha legittimazione giuridica. Anche se la situazione della sicurezza in Gagauzia rimane calma, il 26 marzo il comitato esecutivo di Comrat ha annunciato la decisione di istituire stazioni di polizia indipendenti a Comrat e nelle città settentrionale e meridionale di Briceni e Cahul. Mosca supporta la Gagauzia sul referendum. Il governatore della regione, Mihail Formuzal, ha visitato Mosca nel marzo 2014 e ha avuto l’impressione che la Russia sia pronta ad espandere la partnership con la Gagauzia e a “fornire il supporto necessario”. Nonostante l’embargo contro il vino prodotto in Moldova, la Russia l’importa dalla Gagauzia, probabilmente per incoraggiare la buona volontà del suo benefattore.

Linea di fondo
E’ facile dire che l’integrazione della Transnistria, come di Gagauzia, Abkhazia, Ossezia del Sud e Crimea alla Russia (e del Nagorno-Karabakh all’Armenia) sia contro il diritto internazionale (qualunque esso sia) o certi accordi internazionali. Anche se la Russia avvicinasse l’Ucraina orientale sarebbe per l’occidente un’invasione-occupazione-annessione. Tuttavia a mio parere queste azioni sono più che legittime e giustificate di espansionismo, guerre segrete e interventi mondiali degli USA.
Gli altri possibili scenari dell’unificazione con la Russia per la Transnistria sono ad esempio:
- Status quo mantenuto o persistenza del “conflitto congelato“;
- Re-integrazione nella Repubblica di Moldavia a condizione di creare una confederazione tra Moldova, Transnistria e Gaugazia, potrebbe essere un’opzione pragmatica anche per l’Ucraina;
- La Transnistria ottiene indipendenza e sovranità riconosciute internazionalmente;
- La partecipazione dell’Ucraina, quale opzione dopo il colpo di Stato a Kiev, sembra l’opzione più improbabile per me.
A mio parere, anche senza riconoscimento internazionale, la Transnistria soddisfa i requisiti di statualità sovrana del diritto internazionale, in quanto ha un territorio definito, una popolazione e un’autorità eletta, e la capacità di avere relazioni internazionali. Attualmente si chiede il riconoscimento internazionale della sua indipendenza e statualità fattive. Finché lo status della Transnistria è irrisolto, sarà un serio ostacolo politico per l’adesione della Moldavia all’UE, che non vuole tra le mani un altro “stato diviso” come Cipro.

723819c6b55d2574a7bd264f49c0728fTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Mosca è pronta per un riavvicinamento strategico con Teheran

Nikolaj Bobkin, Strategic Culture Foundation 26/03/2014
amiri20130917114154510L’espansione militare degli Stati Uniti di solito è accompagnata da un appuntamento fisso nella politica estera statunitense: la pressione delle sanzioni contro la Russia. Gli USA ora agiscono senza riguardo per il diritto internazionale, costruendo la propria coalizione contro la Russia e l’Iran. Ma adesso Mosca e Teheran agiscono in comune per costringere gli statunitensi a prendere in considerazione e rispettare gli interessi nazionali dei nostri Stati. Esemplificativo a tal proposito, è il serio aggiustamento della posizione della Russia sull’Iran, in particolare nei negoziati sul programma nucleare iraniano e la situazione della Siria. Recentemente, il segretario di Stato John Kerry ha detto che sulla questione della crisi in Ucraina contro la Russia, Stati Uniti considerano “tutte le opzioni”. Dopo il ritorno della Crimea alla Federazione russa, alcuni funzionari degli Stati Uniti hanno esortato l’adesione nella NATO di Ucraina, Georgia e Moldova, nonché a schierare truppe e aerei statunitensi in Polonia e nei Paesi baltici. Una rappresaglia degli Stati Uniti contro la Russia e l’occidente presumibilmente dovrebbe giusto adottare altre misure dannose per gli interessi russi. Sull’Iran gli USA rimangono fedeli alle stesse “opzioni”. Nonostante gli sforzi di Teheran, il presidente Obama afferma che l’opzione militare è ancora in vigore, e l’Iran non ha fornito agli statunitensi assicurazioni convincenti sul non impegno nella creazione di armi nucleari. Come la Russia, l’Iran è circondato basi militari. Gli Stati Uniti hanno lasciato l’Iraq per il potente gruppo del Golfo, hanno un grande contingente in Afghanistan e minacciano l’espansione della NATO nei Paesi del Caucaso meridionale, in realtà minacciando di trasformare l’Azerbaigian in un trampolino di lancio per la guerra contro la Repubblica islamica.

Il programma nucleare dell’Iran, oggetto di particolare attenzione
Il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif sottolinea che “il suo Paese e la Russia hanno interessi comuni e Teheran conta sull’aiuto di Mosca nel raggiungere un accordo definitivo“. Il Viceministro degli Esteri Sergej Rjabkov, che dirige la delegazione russa ai colloqui dei “Sei”, dice che “la Russia risponderà “alzando la posta” dei negoziati sul programma nucleare iraniano, tenendo conto degli sviluppi in Ucraina“. Teheran ha il diritto di aspettarsi che Mosca risponda ponendo severi requisiti nel far rispettare all’occidente le disposizioni per il ritiro graduale delle sanzioni all’Iran. Attualmente vi sono quattro risoluzioni per le sanzioni contro l’Iran, oltre a quelle che violano il diritto internazionale: le sanzioni unilaterali di Stati Uniti ed Unione europea, che la Russia vede come una riduzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, e ritiene che illegittimamente danneggino i negoziati. Ciò è dovuto agli Stati Uniti che seguono una politica non dettata dal diritto internazionale ma dalla legge della forza. Perché l’ONU ancora non risponde? Ad esempio, nelle ultime tre settimane, il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha tenuto otto riunioni sulla crisi in Ucraina, il cui elemento chiave è il desiderio d’isolare diplomaticamente la Russia. Gli Stati Uniti non comprendono l’inutilità di tali sforzi, perché Mosca da membro permanente del Consiglio può porre il veto su qualsiasi decisione di tale organismo. Come per tutte le ultime risoluzioni anti-Iran che la Russia non ha supportato. Ora il Cremlino ha una reale ragione nel considerare le azioni statunitensi mettere a repentaglio la positiva conclusione dei negoziati a “sei” con l’Iran sul suo programma nucleare. Infatti, fino a poco tempo fa, anche il disaccordo sulla questione siriana non ha impedito alla Russia e ai membri occidentali dei “sei” di avere una posizione consolidata sull’Iran. La situazione in Ucraina ha portato alla peggiore crisi da “guerra fredda” nelle relazioni tra Russia e occidente. Washington teme che la Russia non sarà più incline al compromesso, e Teheran potrebbe avere la possibilità di “stare con noi”, cioè di uscirsene da tale situazione senza concessioni importanti. Parliamo delle sanzioni che l’occidente usa quale principale strumento di pressione su Teheran. Recentemente, durante un viaggio negli Stati Uniti, Netanyahu ha rilasciato una dichiarazione congiunta al Comitato dell’American Israel Public Affairs (AIPAC) e alla Federazione ebraica del Nord America (JFNA) sulla disponibilità ad appoggiare nuove sanzioni contro l’Iran. Sostituendo l’Agenzia internazionale dell’energia atomica (AIEA), Tel Aviv si è nominato ispettore capo dell’accordo con Teheran dei “sei”, e gli statunitensi l’aiutano su ciò.
Negli Stati Uniti le sanzioni antiraniane sono diventate una follia nazionale. Il professore di psicologia statunitense Joy Gordon, nel suo recente articolo “Il costo umano delle sanzioni contro l’Iran“, ha citato un caso negli Stati Uniti di studenti iraniani cui fu negato in un negozio Apple, nello Stato della Georgia, di comprare iPad. Questa è pura discriminazione etnica, perché negli USA non esiste una legge che vieta alle aziende statunitensi di vendere ai cittadini di origine iraniana beni elettronici di consumo. I cittadini di origine iraniana non riescono a trovare una banca per inviare denaro ai genitori. Le aziende farmaceutiche con contratti legali con partner iraniani, non possono effettuare i pagamenti ed inviare medicine in Iran. Ha ragione il Presidente Ruhani quando valuta le sanzioni degli Stati Uniti come violazione inaudita dei diritti degli iraniani. Le decisioni delle Nazioni Unite non hanno alcun regione per tale cinismo statunitense, la posizione dell’Iran deve essere sostenuta dalla Russia nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, dove è logico discutere le decisioni della comunità internazionale e degli obblighi previsti dagli accordi di Ginevra sul programma nucleare iraniano. A quanto pare, è necessario porre la questione degli accordi USA-UE sulla revoca delle sanzioni. E gli statunitensi hanno sempre bisogno di chiedere il più spesso possibile all’arbitro a capo della comunità internazionale, relazioni sul “lavoro svolto”. Ciò che definiscono bianco oggi, agli occhi della comunità mondiale ha un aspetto molto nero. Non c’è alcun dubbio sul fatto che per il Consiglio di Sicurezza, tale pratica è svantaggiosa, perché molte decisioni recenti degradano le azioni del Consiglio nel mondo con la scusa delle pressioni statunitensi. Così è stato, ad esempio, rivedendo l’invito all’Iran per la conferenza internazionale sulla Siria di “Ginevra-2″.

Nella questione siriana, spalla a spalla con l’Iran
Ricordiamo che non c’è alcun disgelo nelle relazioni tra Washington e Teheran, alcuna concessione diplomatica iraniana nei negoziati sul programma nucleare iraniano cambierà la posizione degli Stati Uniti nel respingere la presenza dell’Iran nella riconciliazione siriana. Supportando l’invito all’Iran del segretario generale Ban Ki-moon, la Russia non ha convinto l”amministrazione statunitense sulla fattibilità della partecipazione iraniana. Il Cremlino procedeva dal fatto che il successo di “Ginevra-2″ fosse possibile solo se la rappresentanza di tutti, compreso l’Iran, avrebbe soprattutto influenzato la crisi in Siria. Tuttavia, rimanendo agli eventi principali in Siria, Teheran fu spinta dagli sforzi internazionali per risolvere il conflitto. Washington voleva provocare l’Iran e infastidire Mosca, che ha dimostrato correttezza politica, o meglio non ha mostrato sufficiente durezza. L’Iran non poteva non notarlo, molti esperti hanno ritenuto che l’indecisione del Ministero degli Esteri russo, nel contesto delle aspirazioni condivise dalla Russia, era dovuta al fatto che non volesse aggravare i rapporti con gli Stati Uniti. Secondo gli iraniani, la ricerca di una partnership paritaria con l’occidente non ha senso. Stati Uniti e NATO non hanno abbandonato l’introduzione violenta di norme contrarie a politica estera, interessi nazionali o tradizioni, religione e cultura di altre nazioni. Le azioni di Stati Uniti e occidentali in Siria, Libia, Iraq, Afghanistan sono la conferma visiva di tale posizione. Sorprendentemente, anche il capo della diplomazia dell’Unione europea Catherine Ashton che, senza il consenso di Londra non berrebbe nemmeno un sorso d’acqua, sempre sullo sfondo della crisi ucraina, ritiene assai importante il ruolo della Russia nella risoluzione del conflitto siriano. Parlando ad un forum internazionale a Bruxelles, ha notato che quando si parla di politica estera, “la Russia ha un ruolo”. L’UE ha bisogno di Mosca per risolvere il problema con la Siria e l’Iran, ma la solidarietà della Russia con l’occidente è ora necessaria su questi temi? La situazione attuale dell’Ucraina è dovuta a Stati Uniti, Germania e Francia. Contavano sul denaro di Arabia Saudita, Qatar e monarchie del Golfo, sul coinvolgimento attivo dei servizi speciali d’Israele, dal 2004, quando iniziarono ad interferire grossolanamente negli affari interni dell’Ucraina, organizzando, lanciando e sostenendo il piano “Majdan”, inasprendo il conflitto tra Janukovich e l’opposizione mentre la Russia chiedeva un atteggiamento sobrio e il consolidamento del popolo ucraino. Il “ruolo” russo qui non gli era necessario, Ashton non cercava di cambiare in qualche modo la posizione dell’Unione europea, attivamente coinvolta nelle vicende ucraine. Sembra che un esempio di risposta diplomatica russa possa essere un azione del ministro degli Esteri iraniano. Una settimana fa, prima dell’inizio del successivo round di colloqui a Vienna, era prevista una cena tra Ashton e Zarif durante la visita a Teheran, tuttavia gli iraniani l’hanno pubblicamente annullata in segno di protesta contro il programmato incontro della baronessa con l’opposizione iraniana. L’incontro con l’opposizione iraniana fu preparata con speciale segretezza da esperti dell’Unione Europea e si tenne presso l’ambasciata austriaca. L’ambasciatore austriaco fu convocato urgentemente al Ministero degli Esteri e la leadership iraniana protestò ufficialmente con l’Austria, avendo ragione di ritenere le azioni di Ashton una provocazione. Infatti, perché per la prima visita di uno dei capi dell’Unione europea in Iran in sei anni, e dopo le riunioni ufficiali con esponenti politici iraniani, tra cui il Presidente Hassan Rouhani, Ashton aveva bisogno di tale incontro? Soprattutto il tema chiave della sua visita era discutere il programma nucleare iraniano con una superficiale e discutibile irrilevante opposizione iraniana. Gli iraniani hanno ragione a reagire bruscamente agli occidentali che trascurano la loro sovranità nazionale, quando non rispettano le loro tradizioni e abusano della loro ospitalità. La diffidenza iraniana verso l’occidente può essere assunta dalla Russia non solo sulla Siria, ma anche sul problema afghano.

L’Afghanistan senza gli statunitensi, il nostro obiettivo comune
Le speranze degli Stati Uniti di concludere un accordo con l’Afghanistan sul rischio per la sicurezza non sono reali. Nonostante le intimidazioni alla leadership afgane per le implicazioni sul ritiro completo delle truppe statunitensi, il presidente Hamid Karzai sembra aver finalmente deciso di non firmare l’accordo presentatogli. L’amministrazione Obama, su tale questione, appare esplicitamente nel panico e, come sempre, ne accusa numerosi rivali geopolitici. Il sostegno dell’accordo è favorito da India, Pakistan, Turchia, in Asia Centrale l’unico Paese che si oppone è l’Iran. Teheran crede che la presenza militare di Stati Uniti e NATO avrebbe conseguenze negative per l’Afghanistan e  l’intera regione. Le preoccupazioni degli iraniani sull’Afghanistan che potrebbe diventare una leva con cui gli Stati Uniti sfrutterebbero le minacce al confine con l’Afghanistan, sembrano pienamente giustificate. Riguardo la Russia, il ministero degli Esteri russo ha negato la notizia secondo cui il Presidente Vladimir Putin ha esortato l’Afghanistan a firmare l’accordo (tali messaggi provenivano dagli statunitensi). Contro l’accordo Mosca ha agito pubblicamente, anche se in questo caso la nostra diffidenza non era chiara agli iraniani. Gli statunitensi, nel calore anti-russo per il loro fallimento in Afghanistan, vi vedono la “mano del Cremlino” che cerca di ripristinare l’”occupazione sovietica”. La Casa Bianca ha detto che ora che la guerra in Afghanistan giunge al termine, la Russia “rafforza la sua posizione” in Ucraina e Medio Oriente. La posizione inaspettata del presidente afghano Hamid Karzai, con cui il suo Paese rispetta la decisione della Repubblica autonoma di Crimea di aderire alla Russia come espressione della propria libera volontà, non è accettata dagli USA. Ignorano la leadership dell’Afghanistan e il suo tentativo di abbandonare la  “democrazia” statunitense. In oltre 12 anni di occupazione NATO dell’Afghanistan, sono morti più di duemila soldati statunitensi e circa un migliaio di altri Paesi della NATO. Il numero esatto di vittime tra la popolazione civile dell’Afghanistan non può essere contato. Secondo varie fonti, vanno da 18 a 23mila civili. Molte le vittime di azioni errate o inette delle truppe NATO. Gli Stati Uniti hanno speso più di 100 miliardi dollari in assistenza non militare, ma gli afghani credono che il denaro stanziato da Washington sia finito ai loro burattini. E’ triste, ma la vera crescita è evidente solo nell’economia della droga, una conquista davvero sconcertante per gli Stati Uniti. L’Afghanistan è diventato il maggiore produttore mondiale di droga, il cui transito è combattuto  con maggior successo proprio dall’Iran, sulla via della morte bianca per l’Europa. Si noti che la droga, importante, ma non principale fonte di finanziamento dei taliban, passa principalmente dagli alleati degli Stati Uniti nel Golfo Persico. Non c’è nulla di sorprendente nel fatto che Teheran si opponga all’intervento dell’Arabia Saudita e delle monarchie del Golfo in Afghanistan, e ciò non contrasta gli interessi della Russia. E in questo senso il potenziale non usato dei nostri Paesi è elevato, abbiamo bisogno di soluzioni innovative in Medio Oriente e di passi coraggiosi senza riguardo per gli statunitensi, e soprattutto dei loro amici implacabili che seminano guerra e sangue.

E’ tempo di agire senza gli statunitensi
Il presidente russo Vladimir Putin ha detto che “la situazione in Ucraina, come uno specchio, riflette ora ciò che è accaduto negli ultimi decenni nel mondo. Dopo la scomparsa del sistema bipolare, il pianeta non ha più stabilità. La fede degli statunitensi nella loro esclusività, li ha autorizzati a decidere il destino del mondo“, gli Stati Uniti elemosinano una risposta adeguata. Parliamo di un errore grossolano degli Stati Uniti e dei suoi alleati europei. In tale situazione, l’Ucraina ne soffre  più di altri, però, con l’introduzione di sanzioni di ritorsione verso Mosca prive di motivi umanitari. Chiaramente gli Stati Uniti non aiuteranno il popolo ucraino, l’Ucraina non avrà la sponsorizzazione statunitense che ha lo Stato d’Israele. La strategia vaga e pericolosa del presidente Obama, dell’imprevedibile generazione dei “baby boomers“, potrà divenire assai sensibile alla “risposta iraniana” di Mosca. In primo luogo, dobbiamo ripristinare urgentemente la piena cooperazione tecnico-militare con l’Iran, senza badare agli Stati Uniti e alle sue limitazioni. La recente risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che vieta il PTS con Teheran può essere ignorata. La leadership iraniana s’è impegnata a stipulare a luglio di quest’anno l’accordo finale sul suo programma nucleare, che dovrebbe abolire le sanzioni internazionali con la formalità del protocollo delle Nazioni Unite. Qualsiasi speculazione a tale proposito del segretario generale Ban Ki-moon, i suoi tentativi di guadagnare tempo con falsi pretesti, l’isteria di Stati Uniti, Francia, Israele e altri Stati riluttanti a far uscire dalle sanzioni all’Iran, vanno semplicemente ignorati. La riluttanza dell’UNSC nel risolvere tale problema, inoltre, non deve fermare la Russia, l’elevata dipendenza dell’ente e del suo segretario generale dagli Stati Uniti, lo si nota quando si concentrano senza alcuna ragione sull’approvazione degli Stati Uniti.
Sulla via del ritorno alla cooperazione militare con l’Iran v’è una pietra posta sul sentiero, che non è un segreto per nessuno. La causa dell’Iran con la Russia in connessione con il fallimento del contratto per la fornitura dei sistemi missilistici di difesa aerea S-300 sarà revocata nel caso Teheran abbia serie garanzie russe. La causa sarà ritirata dagli iraniani e la perdita finanziaria compensata con nuovi contratti. Nel frattempo, l’avvio di negoziati non può essere impedito. Le grandi aziende occidentali, anche degli Stati Uniti, hanno già piazzato i loro manager nei migliori alberghi di Teheran in attesa dell’avvio del mercato energetico iraniano, senza attendere la revoca delle sanzioni delle Nazioni Unite. In secondo luogo, se l’Iran ha interesse nella mediazione della Russia nell’esportazione del petrolio, è possibile procedere senza esitazioni. Inoltre, anche se Teheran non adotta ora tale richiesta, ha senso dichiarare al mondo intero che l’embargo unilaterale sulle importazioni di petrolio iraniano di Stati Uniti e Unione europea, in elusione delle Nazioni Unite, non viene attuato dalla Russia. Commercia con chi vuole e l’Iran è pronto a farlo di nuovo, ricevendo un trattamento speciale. Dopo tutto, gli statunitensi sono sempre stati amici con qualcuno e nemici di qualcun altro. In terzo luogo, non si può ignorare il blocco finanziario dell’Iran. I problemi causati da ciò nell’ultimo anno, hanno ridotto il nostro fatturato a 1,5 miliardi di dollari. A causa delle sanzioni degli Stati Uniti e occidentali la Russia sul mercato iraniano ha perso oltre 10 miliardi, e la perdita di profitti nel corso degli anni ammonta a decine di miliardi di dollari. Per ciò per quale regione dobbiamo sopportare tali costi? I recenti tentativi da parte della Russia di attuare meccanismi di compensazione con l’Iran sono lenti per via della possibile reazione di Washington a un business bancario russo inattivo. Iran e India, per esempio, in questo caso hanno agito in un altro modo: hanno deciso di comprare petrolio con l’oro, rivelandosi molto più efficiente. Tuttavia, in definitiva sarebbe più affidabile allontanarsi del tutto dal dollaro USA. Russia e Cina ne parlano da tempo, hanno così accumulato enormi quantità di oro. Se Vladimir Putin dice che gli Stati Uniti mettono in pericolo l’economia mondiale con l’abuso del monopolio del dollaro, non solo afferma un fatto, ma senza dubbio rende ammissibile l’adozione di misure preparatorie. In questa ricerca, l’Iran sarà al 100 per cento un nostro aperto alleato contro il dollaro in declino, come pochi anni fa. Il petrolio iraniano venduto in euro, mentre il dollaro domina sul reale meccanismo direttamente dipendente da Washington, dagli iraniani viene visto come un simbolo del colonialismo. Infine, si segnala l’opportunità di tornare ai grandi progetti pubblici nelle relazioni economiche con l’Iran. L’imprenditoria privata russa ha bisogno di garanzie governative per avviare la ripresa economica dell’Iran, dove, non senza ragione, con l’abolizione delle sanzioni è prevista una rapida crescita economica. Iran e Russia hanno deciso di costruire nuovi reattori nucleari, negoziano sulla partecipazione della Russia allo sviluppo dell’industria del petrolio e del gas del Paese, e vi è una serie di altre proposte iraniane. Ad esempio, per lo sviluppo delle ferrovie, il governo iraniano prevede di raccogliere 35 miliardi di investimenti. In breve, ci sono prospettive di buon vicinato capaci di colpire l’immaginazione militante statunitense, volta a nuove guerre e caos per rafforzare i propri monopoli.
Si prepara la visita di Vladimir Putin in Iran, quest’anno. Tra l’altro, a causa dell’assenza degli altri membri del G-8 al vertice di giugno a Sochi, è apparsa una via e il presidente russo potrà pianificare con sicurezza la visita a Teheran nei giorni i cui il vertice si terrà a Bruxelles, senza la Russia. Entrambe le parti, oltre a un’ulteriore espansione ed approfondimento del partenariato regionale possono giungere alla firma del “Grande Trattato” sulla cooperazione nel quadro della nuova agenda bilaterale. L’Iran è interessato a una maggiore cooperazione con la Russia nell’energia nucleare, e alla svolta al massimo livello richiesta dalla preparazione della Convenzione sullo status giuridico del Mar Caspio, e vi è l’interesse reciproco ai progetti comuni su petrolio e gas, spazio, tecnologie innovative per lo sviluppo delle infrastrutture dei trasporti del’Iran. La Russia può ora abbandonare il principio della costruzione delle relazioni con gli altri Paesi badando alla reazione degli Stati Uniti. Il nostro motto deve essere altro. E qui ricordiamo il saggio proverbio persiano: “Il cane abbaia, ma la carovana passa“.

iran-and-russia-geostrategic-oil-and-gas12La ripubblicazione è gradita in riferimento al giornale on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La politica estera della Russia in Medio Oriente: Siria e Iran come trampolini regionali

Andrew Korybko (USA) Oriental Review 31 marzo 2014
n00025105-b(1)Dall’inizio degli eventi della primavera araba nel 2011, la Russia è stata estremamente attiva in Medio Oriente. La regione ora comprende un importante vettore della strategia eurasiatica della Russia e l’adozione di una politica riuscita può impostare la fase per il futuro ritorno della Russia da attore globale. E’ quindi necessario esplorare la politica mediorientale della Russia in profondità, con particolare enfasi sulle questioni iraniana e siriana.

I limiti del Medio Oriente:
Per cominciare, il concetto di Medio Oriente deve essere definito prima di continuare nella ricerca.  Quando si evoca la regione, l’autore si propone di descrivere l’area compresa tra Turchia, Iran, penisola arabica ed Egitto (il ‘tradizionale’ Medio Oriente). Alcuni commentatori di politica estera, soprattutto statunitensi, sostengono la tesi di un “Grande Medio Oriente” che a volte espandono i confini indicati dall’autore includendo Africa araba, Caucaso, Asia centrale, Afghanistan e Pakistan.

Lo sviluppo storico delle relazioni regionali della Russia
L’era sovietica:
L’attuale politica della Russia ha parte delle sue radici nell’epoca sovietica. Pertanto, è necessario iniziare con una breve analisi storica degli sviluppi politici della Russia prima di affrontare lo stato attuale delle cose. Durante la Guerra Fredda, l’Unione Sovietica aveva rapporti cordiali con Iraq, Siria e Yemen del sud. Per un certo periodo i rapporti con l’Egitto furono molto fruttuosi con Nasser, ma questo percorso fu invertito da Sadat e l’Egitto si ‘capovolse’ dalla parte di statunitensi e israeliani.

L’era post-sovietica:
Il successivo periodo delle relazioni storiche si estende nel 1991-2003. All’inizio di questo periodo, l’Unione Sovietica acconsentì all’operazione Desert Storm degli USA. Tradendo il suo alleato mediorientale più vicino al momento, l’Iraq, indicando un esempio negativo ai suoi altri alleati nel mondo. Ciò indica il marciume politico interno dell’Unione Sovietica dell’epoca, mentre diveniva così instabile che non poté proiettare la sua precedente influenza sui suoi alleati del Patto di Varsavia, abbandonando i vecchi amici in Medio Oriente. Dopo la Guerra Fredda, la Russia  mantenne rapporti cordiali con l’Iraq e la Siria, anche se il suo rapporto con lo Yemen del Sud evaporò dopo la riunificazione con il Nord nel 1990 (e il tentativo di secessione del sud, fallito nel 1994). Per la maggior parte, i rapporti con il Medio Oriente erano a un punto morto. La Russia  dovette stabilizzarsi entro i propri confini, prima di proiettare influenza all’estero. Ciò non avvenne che nel periodo successivo delle relazioni.

Tra la guerra in Iraq e la primavera araba:
Il 2003-2011 segna il terzo periodo dell’impegno russo in Medio Oriente. La Russia espresse la sua forte opposizione alla guerra statunitense in Iraq, non avvallandola. La caduta del governo di Saddam Hussein rimosse ufficialmente l’ancoraggio politico della Russia per poi farne il trampolino di lancio per la futura interazione con la regione. La posizione geostrategica dell’Iraq è fondamentale nella pianificazione politica sovietica e futura russa, quindi l’occupazione militare statunitense del Paese ha danneggiato gli interessi a lungo termine russi. Poco dopo gli Stati Uniti iniziarono a brandire la retorica militante contro l’Iran, apparentemente con il pretesto che il programma nucleare iraniano fosse davvero una copertura del programma per armi nucleari. La Russia aiutò decisamente l’Iran, un Paese con il quale ebbe pochissimi contatti diplomatici fin dal periodo imperiale russo. Era assolutamente contraria ad ogni tipo di attacco militare contro l’Iran e dichiarò il suo sostegno ai programmi civili nucleari che vi sviluppa congiuntamente.

I benefici della cooperazione strategica iraniana:
L’impegno diplomatico con l’Iran fu una mossa strategica per compensare la “perdita” dell’Iraq e per  preparare il terreno alla futura spinta estera russa nella regione. L’Iran, storicamente egemone nella regione, apparve da quel momento in ripresa. Anche se pressato dalle forze militari statunitensi a oriente ed occidente, la nazione aveva ancora un forte soft power e una presenza discreta in Medio Oriente. Nel caso in questione, organizzazioni simpatizzati e affiliate iraniane in Iraq andarono al potere a Baghdad, comportando la situazione attuale in cui l’Iraq viene criticato da certi osservatori occidentali quale Stato fantoccio dell’Iran. L’influenza dell’Iran su Hezbollah, arcinemico d’Israele, si estende anche al vasto ambito regionale del Medio Oriente. Pertanto, difendendo il programma nucleare civile dell’Iran e facendo diplomaticamente tutto ciò che è in suo potere per evitare un attacco militare occidentale contro il Paese, la Russia ha stabilito una forte relazione strategica con la potenza emergente. Questo poi comportò un nuovo sviluppo della cooperazione durante la crisi siriana, con Mosca e Teheran che sostengono unitamente Damasco.
Schierandosi con l’Iran, già descritto in crescita regionale, la Russia ottiene forti implicazioni strategiche in Medio Oriente. Poiché l’Iran è diplomaticamente isolato dall’occidente, la Russia vi  vede l’occasione per un’interazione positiva. Oltre alla Cina (con cui la Russia ha una partnership strategica), non c’è concorrenza con altre grandi potenze a favore dell’Iran. Da allora Iran e Russia hanno notevolmente rafforzato i loro rapporti, negli ultimi dieci anni, e forgiato legami ancora più stretti sulla questione siriana, venendo descritti come stretti alleati strategici in Medio Oriente. Ciò comporta importanti benefici per la Russia, soprattutto in attesa del successo (vittoria pro-governativa) nella conclusione della crisi siriana. L’Iran sarà una potenza egemone regionale a quel punto, e la Russia continuerà a sostenerlo in contrasto alle monarchie del Golfo filo-statunitensi.  Un Iran regionalmente radicato vicino alla Russia potrebbe anche aprire le porte ad ulteriori attività diplomatiche ed economiche russe in Medio Oriente, in particolare nelle regioni dove l’influenza di Teheran è forte. Così, Russia e Iran coopererebbero nel ridisegnare la geopolitica del Medio Oriente, facendone delle potenze pseudo-revisioniste. La caratterizzazione ‘revisionista’ non è intesa in senso negativo ma soltanto in relazione al fatto che entrambe le potenze vogliono rivedere l’equilibrio di potere regionale costruito dagli USA attualmente in vigore (e indebolito).

Il rapporto storico con la Siria:
La Siria ha sempre avuto un rapporto speciale con la Russia, fin dai tempi dell’Unione Sovietica. Il partito Ba’ath ha radici socialiste, e di conseguenza, ha stabilito un rapporto di amicizia con l’URSS durante la guerra fredda. Relazioni così profonde da permettere la costruzione della struttura navale di Tartus, finora sola base navale estera della Russia. Ma le considerazioni militari non sono le sole alla base dell’amicizia tra i due Stati. Hafiz Assad coltivò i contatti con Mosca durante il periodo sovietico, e anche se l’URSS si disintegrò e la vecchia guardia del partito comunista venne rimossa, Assad continuava a vincere le elezioni e a rimanere il presidente della Siria. Ciò permise la continuità dei rapporti tessuti tra Mosca e Damasco, visto che lo stesso decisore governava la Siria dalla metà della Guerra Fredda fino al 2000, mentre allo stesso tempo la Russia era in preda della destabilizzazione economica e sociale nazionale. L’ancoraggio diplomatico della famiglia Assad fu fondamentale nel portare le relazioni sovietico-siriane verso le nuove relazioni russo-siriane. La Siria è stata anche l’unico alleato coerente della Russia in Medio Oriente. Mentre Saddam venne rimosso dal potere dagli Stati Uniti e poi giustiziato, e la cooperazione con l’Iran è solo relativamente nuova nelle relazioni della Russia. La Siria è sempre stato un amico della Russia e viceversa, rendendo l’attuale cooperazione e supporto di Mosca a Damasco uno sviluppo organico. Così, la Siria ha sempre mantenuto una posizione di rilievo nella pianificazione politica in Medio Oriente, anche se Mosca fu purtroppo ostacolata dall’instabilità nazionale nell’interagire correttamente a lungo termine con il suo partner.

I principi guida della politica mediorientale moderna della Russia:
Nel loro insieme, l’Iran e la Siria sono i punti focali della politica in Medio Oriente della Russia dall’inizio degli eventi della primavera araba. Il periodo dal 2011 ad oggi segna la nuova era della politica estera mediorientale della Russia, che potrebbe essere ancor più importante per la Russia riguardo la regione. E’ quindi utile affrontare tre temi di fondo che ne determinano il comportamento:
1) La Russia capisce che il sentimento popolare (o la sua percezione) può esplodere contro qualsiasi governo, a prescindere dalla legittimità. Questo sentimento è accettato, ma l’estremismo politico (l’Islam fondamentalista), il cambiamento radicale (cambio improvviso e radicale dei governi, con le “rivoluzioni” eterodirette), e l’insurrezione armata contro le autorità, non lo sono.
2) Come in tutti i Paesi, la Russia lotta per dare un senso e adattarsi ai processi di trasformazione (che siano endemici o eterodiretti è un punto controverso di tale tema), che sferzano la regione. Doveva ‘seguire il flusso’ e regolarsi nuovamente seguendo le dinamiche del cambiamento, così come prevedere il futuro corso degli eventi e le azioni di attori esteri (cioè NATO, Stati Uniti).
3) La Russia si oppone costantemente a qualsiasi coinvolgimento militare regionale (non richiesto). E’ categoricamente contraria a che Stati Uniti e altre potenze occidentali (NATO) intervengano militarmente nella regione. Dopo aver appreso la lezione della manipolazione occidentale della UNSC 1973, la Russia s’è impegnata ad impedire che tale scenario si ripeta in Siria. Questo punto è particolarmente importante in quanto spiega l’approccio della Russia verso il coinvolgimento dell’Iran in Siria e l’assenza di critiche sull’intervento saudita in Bahrain (attori regionali il cui sostegno è stato richiesto).

Considerazioni umanitarie:
Oltre a calcoli geopolitici e amicizie governative stabiliti, la politica della Russia nei confronti della Siria si basa anche su considerazioni umanitarie. Anche se Putin parla dei russi vittime dell’estremismo politico in Ucraina, in una recente dichiarazione, si comprende che la Russia è contro ogni tipo di estremismo politico nel mondo, vedendolo come violazione dei diritti umani di chi non vi si assoggetta. In questo contesto, l’opposizione della Russia ai gruppi terroristici che operano in Siria e il rafforzamento del sostegno al governo legittimo, non solo evitano che il terrorismo attecchisca nei pressi del Caucaso settentrionale, ma anche tutelano la dignità e la vita sociale dei siriani.

Russia come attore conservatore:
La Russia dimostra anche si essere un attore conservatore nelle relazioni internazionali, con la sua politica in Siria. Mosca è contro l’avanzata di violenti attori non statali (ANS) che potrebbero costituire una minaccia per la struttura esistente delle relazioni internazionali. Per dirla in modo teorico, la Russia è un attore realista che non vuole che il modello liberale prevalga. Non è che si rifiuta di riconoscere l’importanza degli ANS (Gazprom è un forte attore degli interessi russi, e ANS pacifiche hanno sostenuto le mire strategiche della Russia in Crimea), ma comprende che la diffusione illimitata di queste entità può portare a crescenti esplosioni di violenza e terrorismo, come in Siria e precedentemente in Cecenia.

Il significato di Derzhavnost:
Infine, si può intuire che la Russia preferisce implicitamente trattare con Stati dai forti governi centrali. ‘Derzhavnost‘ (Stato forte) è la chiave di volta dell’ideologia politica interna de-facto statualista prevalente in Russia dall’ascesa di Putin nel 2000. Con ciò in mente, il forte governo della Siria sembra quasi il precursore del modello di derzhavnost attualmente in vigore in Russia.  Così, i due Stati, a livello governativo, hanno un modello simile d’impegno verso i loro cittadini.  Nessuno di loro potrebbe essere definito Stato liberal-democratico occidentale e, come è noto, non è  detto che tale tipo di Stato funzioni correttamente quando viene militarmente (o occultamente  tramite le rivoluzioni colorate) esportato in Paesi che non mai storicamente furono guidati in tale modo. Chiudendo su questo tema, gli Stati forti valutano seriamente la sovranità statale, principio guida ufficiale della politica Estera russa. Ciò porta Siria e Russia ad avvicinarsi ancora di più a livello ideologico di quanto sarebbe evidente a prima vista.

L’importanza di una vittoria del governo per trasformare il Medio Oriente:
La crisi siriana e la sua risoluzione (in qualunque modo) potrebbe forse essere uno degli eventi più decisivi nella storia del Medio Oriente nell’ultimo secolo. La Russia ha puntato la sua intera reputazione regionale (e forse globale) sul sostegno al governo siriano. E’ già stato spiegato il motivo per cui la Russia ha preso questa decisione, ma “in un modo o l’altro” la scelta della Russia può essere considerata una scommessa. Può finire molto bene o molto male per la visione regionale della Russia. Russia, Iran e Siria sono ovviamente a favore della vittoria del governo, e questo scenario sarà quindi esplorato in questa sezione. In questa ‘futura memoria’, ordine e stabilità vengono ripristinati in Siria e Medio Oriente. Gli omicidi settari commessi dagli insorti filo-occidentali e i loro innumerevoli attacchi terroristici sarebbero fermati. Ciò migliorerebbe la situazione umanitaria nel Paese e permetterebbe alla Siria di lavorare alla ricostruzione con l’aiuto degli alleati, che soprattutto e sicuramente includerebbe la Russia. La vittoria filo-governativa sarebbe anche una grande sconfitta di Stati Uniti, Turchia, Israele, alcuni Stati membri dell’UE (Francia, Regno Unito) e monarchie del Golfo che sostenevano i combattenti antigovernativi. Segnerebbe ufficialmente la morte del neo-ottomanesimo della Turchia, e il ‘regalo d’addio’ (della crisi siriana) che gli Stati Uniti lascerebbero in eredità alla regione prima del Pivot in Asia, verrebbe decisamente respinto. La politica estera della Russia sarà vista come un successo, e la fedeltà all’alleata Siria sarà evidente a tutti. Ciò promuoverebbe soft power e diplomazia della Russia non solo nella regione, ma nel mondo. Dopo tutto, l’intervento diplomatico della Russia ha già scongiurato un attacco statunitense alla Siria, che in conclusione comporterà la sconfitta dei ribelli filo-occidentali; quindi la sua positiva reputazione diplomatica sarà consolidata. La Russia indicherà  ufficialmente di essere ritornata in Medio Oriente come attore importante e di essere più forte di quanto non lo sia mai stata in questa regione durante il periodo sovietico. Siria, Iran e Iraq saranno  uniti nell’asse strategico influenzato dalla guida di Teheran. Dato che Russia e Iran sono stretti partner, questo blocco sarà filo-russo e aiuterà Mosca a stabilire un punto d’appoggio in un Medio Oriente già dominato dagli USA. Questi tre Stati potranno perseguire i loro piani per un gasdotto Iran-Iraq-Siria la cui idea avrebbe spinto attori esteri a destabilizzare la Siria, in primo luogo. Tale piano può cambiare radicalmente la geopolitica del mercato mondiale del gas e far uscire l’Iran e i suoi partner dall’isolamento internazionale imposto dagli occidentali. Inoltre, offre anche la prospettiva di un futuro ‘OPEC del gas’ tra Russia e Iran (due dei maggiori fornitori della risorsa) e va da sé quanto sarebbe fondamentale tale misura.
Dovrebbe ormai essere evidente a tutti gli osservatori esterni che la Russia ha fortemente investito sul risultato della crisi siriana. Gli interessi della Russia sono guidati da storia, considerazioni umanitarie e pragmatismo. Mosca, sostenendo lealmente e costantemente Damasco, ha fatto notare la propria politica estera regionale. Il sostegno del programma energetico nucleare iraniano è stato significativo, ma non ha lo stesso peso in Medio Oriente del coinvolgimento politico russo nel caso siriano. La Russia ha sempre avuto contatti di un certo livello con i suoi partner in Medio Oriente, ma solo con gli avvenimenti della primavera araba e il loro sconfinamento nella storica alleata Siria che la Russia ha rimediato con il suo impegno. Ha raggiunto il suo rapporto recente con l’Iran al fine di moltiplicare l’efficacia delle proprie attività in sostegno dei siriani. Dopo la vittoria filo-governativa in Siria, su cui punta, la Russia potrà usare i successi diplomatici siriani e iraniani come  trampolino di lancio per le future proiezioni del proprio soft power nella regione. Ciò può portare alla ritirata dell’ex-sovranità statunitense in Medio Oriente e al chiaro cambio dell’architettura della sicurezza regionale.

640x392_46533_210418Andrew Korybko è master statunitense presso l’Università Statale di Mosca per le Relazioni Internazionali (MGIMO).

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Crimea: crescente sofisticazione della rinascita militare della Russia

Tim Ripley, Defence Weekly IHS Jane 26 marzo 2014

1800373Il 25 marzo sera, l’ultima nave da guerra ucraina bloccata nel porto sulla costa occidentale della Crimea si arrese alle forze russe, completando in poco più di tre settimane le operazioni per strappare la penisola strategica al controllo di Kiev. Questa campagna-lampo sembra preannunciare la nuova sofisticazione nelle modalità dei comandi russi di condurre le operazioni militari. La caratteristica distintiva dell’operazione russa era l’enfasi sul risparmio degli sforzi. A differenza dei precedenti interventi in Afghanistan, Cecenia e Georgia, dove i comandanti russi invocarono l’impiego massiccio di carri armati e artiglieria, l’intervento in Crimea presenta meno di 10000 truppe d’assalto schierate contro 16000 militari ucraini. Il veicolo di combattimento più pesante impiegato dai russi contro gli ucraini è stato il veicolo corazzato a ruote (APC) BTR-80. Una volta che le truppe russe si sono mosse per bloccare i militari ucraini nelle loro basi, guerra psicologica, propaganda mediatica, intimidazione e corruzione furono le armi principali nel minare la volontà degli avversari di resistere, piuttosto che una schiacciante potenza di fuoco. Le truppe russe hanno mostrato anche notevoli disciplina e pazienza durante questa fase. Inoltre, sono apparsi ben equipaggiati con nuove attrezzature personali, giubbotti antiproiettile e veicoli blindati leggeri ruotati. Questo nuovo approccio è stato reso necessario dalla necessità del presidente russo Vladimir Putin di avviare l’operazione in tempi stretti, dopo la caduta del regime filo-moscovita di Kiev il 27 febbraio.
Sebbene l’operazione sia stata programmata da molti mesi, non c’è stato tempo sufficiente per mobilitare una forza maggiore. I comandanti russi hanno dovuto accontentarsi della fanteria navale della Flotta del Mar Nero già di stanza in Crimea, sostenuta da un paio di battaglioni di truppe aviotrasportate e da commando di Spetsnaz inviati sulla penisola. L’economia della forza fu anche dotata della narrazione politica della campagna: questa era una missione per proteggere la popolazione russofona della Crimea, piuttosto che un’invasione. In poco più di tre settimane, la volontà delle forze ucraine in Crimea s’è rotta in tutte le loro 190 basi e senza colpo ferire i loro difensori si arresero. Tuttavia, anche se unità blindate pesanti ucraine erano presenti in Crimea, la maggior parte delle forze ucraine era formato da personale navale e amministrative piuttosto che da truppe da combattimento. Una resistenza militare organizzata non è mai stata una seria prospettiva. Invece di realizzare un semplice trionfo militare sul campo di battaglia, le forze armate russe hanno permesso una vittoria politica e psicologica.

E adesso?
Sulla scia del suo successo, c’è un’intensa speculazione sulle intenzioni future del Presidente Putin.  Nel suo discorso della vittoria del 18 marzo, dopo la caduta della Crimea, espose la sua visione del mondo. La perdita di potere e status della Russia alla fine della guerra fredda, nel 1989, fu una deliberata umiliazione generazionale per mano dell’occidente, un motivo di odio e apprensione. Per il presidente russo, l’importanza strategica dell’Ucraina per la Russia è la questione chiave. Secondo Putin, l’Ucraina è la cerniera tra oriente e occidente. Il controllo dell’Ucraina significa controllo del Mar Nero e accesso senza ostacoli alle popolazioni potenzialmente vicine dell’Europa centrale e dei Balcani, in nazioni come Bulgaria, Slovacchia e Serbia, e l’esercizio da tempo onorato del ‘panslavismo’ ai fini di una maggiore integrazione. Queste prospettive strategiche sembrano essere state in gran parte ignorate dai capi occidentali. L’Ucraina era sufficientemente importante nel 2004, l’ultima volta che un’uscita dal controllo russo sembrò probabile, Viktor Jushenko, capo dell’opposizione filo-occidentale, della rivoluzione arancione e poi presidente, fu quasi mortalmente avvelenato e sfigurato in modo permanente dalla diossina. In ogni caso, il Cremlino vede nella ‘rivoluzione colorata’, foriera della democrazia liberale tra gli slavi, minacciosa e assolutamente inaccettabile.
Un effetto significativo della campagna di Crimea è stato testare ulteriormente la determinazione di  NATO e UE. I leader russi tendono a pensare in grande rispetto ai loro omologhi occidentali. Gli ‘atlantisti’ sono inclini a considerare le singole nazioni o piccoli gruppi di Paesi minacciandoli, e alla loro specifica singola importanza. Gli analisti russi valutano, ed hanno interi rami di studio dedicati, la regione del Mar Nero e del Baltico come territorio strategico soggetto in sé. La Russia ha in genere controllato queste regioni tra la Russia e i Paesi stranieri nel contesto più ampio dell”estero vicino’. Le speculazioni si volgono su Moldavia e adiacente e non riconosciuta enclave russofona della Transnistria o Repubblica Moldava di Pridnestrovia (PMR), come prossima prova della determinazione occidentale a fronte del possibile intervento di Putin. Una possibile giustificazione  o pretesto per l’invasione russa è il desiderio della piccola repubblica auto-dichiarata di far parte della Russia e la presenza contestata di un battaglione di 400 soldati di pace russi. Il 25 marzo, la Russia ha annunciato l’avvio di esercitazioni per la difesa territoriale in Transnistria, che fonti moldave hanno descritto ad IHS Jane come preoccupanti anche se previste.
Pur facendo parte della NATO e dell’UE, gli Stati baltici sono all’estremità settentrionale dello spazio del Mar Nero e del Baltico, e sono vulnerabili. Il tono di disapprovazione di una certa retorica russa suggerisce che c’è disagio. Dalla base della Divisione di Assalto Aereo russo di Pskov, vicino al confine lettone-estone, le forze potrebbero da subito escludere l’Estonia dal resto dell’UE in meno di 40 minuti, secondo un ex-comandante di una Divisione d’assalto aereo russa. Lo stesso potrebbe essere fatto lungo gli 80 km di confine polacco-lituano tra la Bielorussia e l’enclave baltica russa di Kaliningrad. In entrambi i casi, uno o tutti gli Stati baltici potrebbero essere chiusi, controllati e separati dal resto d’Europa. Nel Baltico, Ucraina orientale e Moldavia-Transnistria unità militari russe sono attive, a disposizione di un ulteriore avanzata se il Presidente Putin lo desiderasse.

9286807_originalTraduzione di Alessandro Lattanzio -SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 281 follower