L’America Latina sceglie armi russe

Nil Nikandrov Strategic Culture Foundation 03/04/2014

6046Gli esperti latinoamericani lo sanno bene, le armi prodotte dalla Russia sono note per la qualità. Rosoboronexport (l’agenzia intermediaria di Stato per le esportazioni/importazioni di prodotti, tecnologie e servizi per la Difesa della Russia) ha una vasta esperienza di proposte nell’emisfero occidentale, dal Messico al Cile. I suoi sforzi non sono falliti. I tempi in cui i militari latino-americani erano sotto stretto controllo del Pentagono sono ormai lontani. Le offerte di aeromobili ad ala rotante e fissa, e di carri armati ai vecchi clienti del complesso militare-industriale degli Stati Uniti, sono diventate argomenti quotidiani… sempre più spesso i latino-americani scelgono produttori russi perché, a differenza delle compagnie statunitensi, non impongono mai condizioni politiche. FIDAE-2014, la Fiera Internazionale della Difesa ed Aerospaziale, s’è svolta il 25-28 marzo 2014 a Santiago del Cile. E’ un altro passo sull’espansione della presenza della Russia sul mercato delle armi latino-americane… L’esposizione russa presentava i prodotti di dieci aziende della Rostekh, come Russian Helicopters, SPA Bazalt, High-Accuracy Complexes e United Shipbuilding Corporation. Negli ultimi dodici anni, la Russia ha venduto più di 14 miliardi di dollari di equipaggiamenti ed aerei militari all’America Latina. Le armi offerte da Rosoboronexport sono vantaggiose sul piano “costo-efficacia”. Piani di cooperazione tecnologica sono allo studio. La produzione congiunta di sistemi di nuova generazione è l’opzione più redditizia. Inoltre, i latino-americani hanno la triste esperienza della cooperazione con gli Stati Uniti, che limita l’accesso alla tecnologia militare d’avanguardia e utilizza la corruzione per vendere armi obsolete.
Durante la fiera gli esperti della Rosoboronexport hanno avuto una serie di colloqui con alti ufficiali di numerosi Paesi latino-americani. Il Cile ha espresso maggiore interesse per l’aereo d’addestramento Jak-130, gli elicotteri d’assalto Mi-17, i sistemi portatili di difesa aerea Igla-S ed armi come il fucile automatico Kalashnikov serie-100. Il radar di sorveglianza navale e terrestre Podsolnukh-E ha attirato particolare attenzione. Il Cile studia l’acquisizione di autocarri pesanti Kamaz e Ural da utilizzare in zone montagnose e nel deserto. I team Kamaz hanno preso i primi tre posti nel recente rally Dakar-2014. Il percorso che attraversa Argentina, Bolivia e Cile passa su un terreno estremamente accidentato. Russia e Perù hanno una lunga cooperazione. Nel dicembre 2013 il Perù ha firmato un accordo da 500 milioni di dollari per acquistare 24 elicotteri da trasporto Mil Mi-171 per il suo esercito. I carri armati T-90S sono i prossimi sulla lista. Un vero e proprio ampio contratto per l’acquisto di 110 veicoli è previsto, così nel 2013 Rosoboronexport ha lasciato che i peruviani testassero il carro armato nelle condizioni locali. É andata proprio bene. Una delegazione peruviana visiterà la Russia e valuterà le capacità di combattimento del carro in prove sul campo. Il Perù prevede un accordo per l’acquisto di mezzi blindati (APC) BTR-80A, che si distingue come il veicolo più affidabile tra gli APC contemporanei.
La cooperazione militare tra Russia e Brasile è un successo. Gli elicotteri sono centrali. Elicotteri  d’attacco Mi-35 e la versione civile del Mi-17 sono già stati consegnati. Il Brasile ha espresso il desiderio di acquistare il Ka-62, in fase di sviluppo. Ha anche acquisito il sistema d’arma combinato d’artiglieria antiaerea e missili superficie-aria a breve-medio raggio russo Pantsir-S1 (SA-22 Greyhound) e il sistema di difesa antiaerea portatile a corto raggio Igla (SA-18 Grouse). A giugno-agosto le parti hanno intenzione di firmare un contratto. I brasiliani hanno ricevuto informazioni dettagliate su Pantsir-S1 grazie agli stretti legami con l’Impresa Federale Statale Unita – Instrument Design Bureau Tula. La russa Rostekh e la brasiliana Odebrecht Defesa e Tecnologia hanno firmato un accordo di cooperazione esteso al 2015. Un altro elemento della cooperazione strategica bilaterale, comprendente sistemi ad alta tecnologia militari. La Russia ha invitato il Brasile a partecipare al programma del caccia di quinta generazione T-50, e s’è offerta anche di avviare la produzione su licenza con un nuovo marchio del Pantsir-S1. I colloqui con il partner brasiliano continuano.
Il Venezuela è un grande importatore latinoamericano di armi russe. Rosoboronexport ha firmato il suo primo contratto il 10 marzo 2005 a Caracas, non badando all’opposizione veemente degli Stati Uniti. Grazie alla Russia l’esercito ha potenziato rapidamente le sue capacità di combattimento. Il Paese è stato il primo a ricevere gli elicotteri da combattimento Mi-35M e l’avanzato sistema russo di difesa aerea antimissile balistico Antej-2500 S-300VM (SA-23 Gladiator/Giant). L’Antej-2500 è stato progettato per abbatter missili balistici a breve e medio raggio, missili da crociera, velivoli ad ala fissa, così come piattaforme ECM e per munizioni a guida di precisione. Il Venezuela ha il sistema di difesa aerea Pechora-2M nell’arsenale, il migliore del suo genere. Si tratta di un sistema missilistico superficie-aria antiaereo a corto raggio progettato per la distruzione di aerei, missili da crociera, elicotteri d’assalto e altri bersagli aerei a quota bassa e media. La capacità della difesa aerea venezuelana è inoltre integrata dai sistemi Buk-M2 (SA-17 Grizzly), un sistema missilistico semovente superficie-aria a medio raggio per una solida difesa dei suoi cieli. L’arsenale dell’esercito vanta gli MLRS (sistema lanciarazzi multipli) Smerch, pezzi di artiglieria-obici da 155mm MSTA-S. L’aeronautica ha gli aerei da combattimento SU-30MK2 che hanno dimostrato le loro capacità neutralizzando in breve tempo circa due dozzine di aerei dei narcotrafficanti in volo tra Messico, America Centrale, Colombia e Caraibi. La costruzione di una fabbrica di fucili d’assalto K-103 a Maracay, capitale dello stato centrale di Aragua, volge al termine, così come quella della fabbrica per la produzione di munizioni. Tutto sommato, il Venezuela ha speso 12 miliardi dollari per acquistare armi russe.
Altri Stati seguono. Gli esperti militari di ALBA (Alleanza Bolivariana per le Americhe) notano sempre più spesso che il Pentagono non è onnipotente. Il desiderio degli Stati latino-americani nel rafforzare la cooperazione militare con la Russia diventa sempre più forte con gli avvertimenti da Washington. Gli elicotteri russi hanno avuto una notevole spinta sul mercato latino-americano. Vi sono oltre 500 velivoli ad ala rotante negli arsenali dei Paesi dell’America latina, dal Messico all’Argentina! L’industria militare russa avrà bisogno di un paio di anni di intensi sforzi per adempiere ai propri obblighi sui sistemi di difesa aerea da consegnare all’America Latina. Veicoli corazzati, sistemi lanciarazzi multipli e armi russi sono sempre al centro dell’attenzione delle fiere per attrezzature militari latinoamericane. Il Pentagono fa del suo meglio per evitare che le armi russe arrivino nella regione, ma i giorni dei regimi fantoccio e dei ministri della Difesa corrotti  diventano storia. Sempre più spesso l’America Latina parla con la propria voce, senza badare a Washington. La Cina, non gli Stati Uniti, sembra essere il principale rivale della Russia sul mercato delle armi latinoamericane.

10001293La ripubblicazione è gradita in riferimento al giornale on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Mosca e Cairo di nuovo insieme

Stanislav Ivanov New Oriental Outlook 20/02/2014

0771D142-755D-4E49-999F-2C155C1E56D8_mw1024_n_sIl 12-13 febbraio 2014, il ministro della Difesa e dell’industria militare Abdel Fatah al-Sisi e il ministro degli Esteri Nabil Fahmy dell’Egitto erano in visita ufficiale a Mosca. Oltre a negoziati nel formato 2 +2 con il ministro della Difesa russo Sergej Shojgu e il ministro degli Esteri Sergej Lavrov, gli alti funzionari sono stati ricevuti dal Presidente della Federazione Russa V. V. Putin, che ha notato che Russia ed Egitto hanno lunghe e tradizionalmente amichevoli relazioni, numerosi  lungimiranti grandi progetti economico-commerciali e di altro tipo, ed ha espresso la speranza che, con l’emergere del nuovo potere in Egitto, tutti i meccanismi della cooperazione bilaterale siano pienamente utilizzati. La Russia è il primo Stato visitato dal ministro della Difesa e attuale capo della Repubblica araba d’Egitto, A. F. al-Sisi. Come è noto, dalla fine dell’estate dello scorso anno, il Paese in realtà è diviso in due fazioni: coloro che sostengono i Fratelli musulmani, saliti al potere a seguito di elezioni democratiche, e l’opposizione che lotta per un Egitto laico e democratico. L’usurpazione del potere nel paese dei Fratelli musulmani s’è scontrata con anche altri gruppi islamici (salafiti). Nel contesto della situazione economica e finanziaria aggravata e del crescente rischio che la rivolta potesse trasformarsi in una guerra civile, la leadership dell’esercito egiziano dovette intervenire nel conflitto interno rovesciando il presidente Muhammad Mursi e, quindi di fatto, inscenando un colpo di Stato militare. Ora l’Egitto si prepara a nuove elezioni presidenziali e parlamentari, e le azioni dell’ex-presidente M. Mursi sono attualmente sotto processo. In vista della visita dei ministri egiziani a Mosca, il presidente della Costituente egiziana ed ex-capo della Lega Araba Amr Mussa aveva detto che il feldmaresciallo A. F. al-Sisi era destinato, al ritorno dalla Russia, ad annunciare ufficialmente la candidatura alle prossime elezioni presidenziali.
Il primo incontro del formato 2+2 tra i ministri russi ed egiziani si è tenuto a Cairo nel novembre 2013. Nel contesto di tale riunione, l’incrociatore Varjag, ammiraglia della flotta del Pacifico della Marina russa e vetrina delle capacità militari e tecniche della Russia, è arrivato nel porto egiziano di Alessandria. Tali negoziati si sono concentrati sulle prospettive della cooperazione bilaterale tra F. R. e RAE in campo militare e tecnico-militare. Come sappiamo, fino al 1972, il principale partner dell’Egitto in questo campo fu l’URSS, ma dopo che la leadership egiziana concluse la pace con Israele, con Washington mediatrice, i leader dell’Egitto passarono alla cooperazione militare con gli Stati Uniti. Negli ultimi anni, l’Egitto ha ricevuto annualmente, su base non-rimborsabile, armi statunitensi del valore di 1,4 miliardi dollari. Il Pentagono ha anche addestrato ufficiali e specialisti delle Forze Armate egiziane. Tuttavia, le autorità degli Stati Uniti, proprio come la maggior parte dei leader dell’Unione Europea, non hanno formalmente approvato la destituzione del presidente egiziano Muhammad Mursi da parte dei militari egiziani, evitando temporaneamente di riconoscere la legittimità del nuovo regime e, nell’ottobre 2013, il programma di assistenza finanziaria e militare degli Stati Uniti per l’Egitto è stato ridotto. Data la complessa persistente situazione politica interna del Paese e la crescente minaccia terroristica nella regione, A. F. al-Sisi ha dovuto iniziare a cercare  fonti alternative di approvvigionamento per le forze armate nazionali. È stato spinto dall’obsolescenza e dall’usura fisica di numerose armi ed attrezzature militari delle Forze Armate egiziane. Washington avrebbe tacitamente fatto capire a Cairo che non ha intenzione di opporsi alla diversificazione parziale degli armamenti dell’esercito egiziano, compresi quelli russi, soprattutto considerando che le forze armate egiziane ancora utilizzano numerose armi ed attrezzature militari obsolete di fabbricazione sovietica (fino al 40% dell’arsenale, secondo le stime degli esperti). Al fine di mantenere l’efficienza al combattimento, negli ultimi dieci anni l’Egitto ha acquistato parti di ricambio e munizioni dalla Russia, per complessivamente circa 350-400 milioni di dollari. Gli egiziani considerano sponsor finanziari dei possibili nuovi grandi contratti nella cooperazione tecnico-militare tra l’ARE e RF, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita, che già forniscono una notevole assistenza finanziaria e materiale alle nuove autorità dell’Egitto. Allo stesso tempo, Riyadh non cerca di nascondere il fatto che sia interessata a rafforzare le posizioni dei salafiti egiziani, vicini ai sauditi, in contrapposizione ai rappresentanti islamisti della Fratellanza musulmana. Secondo il quotidiano egiziano Egypt Independent, il primo lotto di armi russe potrebbe arrivare in Egitto fin dalla metà del 2014. Si prevede che la quantità totale di materiale militare (sistemi di difesa aerea, elicotteri da combattimento, caccia MiG-29, complessi anticarro, ecc) acquistati dall’Egitto in Russia sarà di 2-4 miliardi di dollari.
Durante il loro ultimo incontro a Mosca, le parti hanno convenuto l’accelerazione della preparazione della documentazione sulla cooperazione tecnico-militare ampliando la portata dei legami militari (lotta al terrorismo, manovre ed esercitazioni congiunte, ospitalità per le navi, addestramento dei militari, ecc). Durante l’incontro, i capi dei ministeri degli esteri e della difesa dei due Paesi hanno sottolineato l’unità delle loro posizioni sul problema numero uno dell’agenda mediorientale: il conflitto siriano. “I ministri hanno ribadito il pieno rispetto della sovranità della Siria e profondo ripudio di qualsiasi interferenza estera nei suoi affari“, dice la dichiarazione congiunta. Tale posizione delle nuove autorità egiziane contrasta con le dichiarazioni dei loro predecessori. Ad esempio, Muhammad Mursi chiese apertamente l’intervento straniero contro il regime di Bashar al-Assad a “sostegno della rivolta siriana” e proprio prima della sua caduta, ruppe le relazioni diplomatiche con Damasco. Così, la collaborazione emergente tra Russia ed Egitto nella cooperazione tecnico-militare e in altri campi indica la tendenza al recupero della posizione della Russia nel mondo arabo e nel Medio Oriente nel complesso. Senza dubbio, sarebbe prematuro parlare di successo finale della diplomazia russa verso l’Egitto, in quanto il grande accordo sulla cooperazione tecnico-militare e le prospettive delle relazioni russo-egiziane in altri campi possono essere considerati un’equazione dalle molte incognite. In questo contesto, non si dovrebbe ignorare sia la continua e abbastanza complessa situazione politica interna dell’Egitto che le posizioni di Washington, Riyadh e altri giocatori esteri che possono avere un impatto sui prossimi eventi, ma ci sono ancora motivi per essere ottimisti. La grande minaccia della diffusione del radicalismo islamico e del terrorismo internazionale nella regione e nel mondo, spingono oggettivamente le leadership di Stati Uniti e Arabia Saudita verso la collaborazione con la Russia nella sicurezza internazionale. Ad esempio, Washington non si è opposta alla diversificazione del suo partner regionale Iraq nella cooperazione tecnico-militare con Russia, Ucraina e Repubblica ceca. Gli Stati Uniti hanno acquistato elicotteri militari russi per le forze armate afghane. Stati Uniti, UE e altri Paesi cooperano strettamente con la Russia nell’eliminazione delle armi chimiche siriane.

209751-01-08Stanislav Ivanov, ricercatore presso l’Istituto di Studi Orientali dell’Accademia Russa delle Scienze, in esclusiva per la rivista online New Oriental Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Tre nuove acquisizioni delle forze armate russe nel 2013

Dmitrij Litovkin, RIR, 17 febbraio 2014

Le forze armate del Paese hanno ricevuto un notevole impulso lo scorso anno con l’acquisizione di bombardieri Su-34, missili Iskander-M e del sottomarino Severodvinsk

942856E’ necessario accelerare l’adozione nelle forze armate russe di armamenti ed equipaggiamenti  militari moderni, ha commentato il Capo di Stato Maggiore Generale Valerij Gerasimov in riferimento al piano di riarmo delle forze armate per il 2020. L’aspetto positivo principale è che le truppe hanno iniziato a ricevere non solo singoli equipaggiamenti, come in passato, ma abbastanza per intere divisioni e reggimenti. Perciò, nel solo 2013, la quota di armi moderne nelle forze nucleari strategiche ha raggiunto il 45 per cento, nel settore della difesa aerospaziale, il 62 per cento, nella forza aerea il 42 per cento, in marina il 52 per cento e nelle forze di terra, il 21 per cento. Allora, quali sono le acquisizioni militari russe?

179795Due in uno: Su-34
Il simbolo più importante della modernizzazione della forza aerea russa nel 2013 è stata la prima consegna di 32 nuovi bombardieri Sukhoj Su-34. Questo velivolo è considerato uno degli aggiornamenti più singolari dell’arsenale effettuato dall’aeronautica militare russa negli ultimi tempi. Il Su-34 è un cacciabombardiere con peso al decollo di quasi 50 tonnellate, può eseguire acrobazie, operare come caccia-intercettore ed effettuare bombardamenti di precisione contro bersagli di piccole dimensioni, sempre con facilità. I primi due bombardieri costarono all’aviazione 1,8 miliardi di rubli (51,7 milioni dollari). In confronto, nello stesso tempo, le Forze Strategiche Missilistiche spesero 5 miliardi di rubli (143.600.000 di dollari) per sei moderni missili balistici intercontinentali Topol-M. Il bombardiere può trasportare 8 tonnellate di bombe e missili di precisione. Può operare in tutte le condizioni meteo indipendentemente dal momento della giornata.  La protezione rinforzata della cabina e delle componenti vitali del velivolo permette al Su-34 di resistere ai danni più gravi che altri velivoli della sua categoria non possono sopportare. Il fatto che il velivolo sia stato costruito per essere facilmente aggiornato, garantisce una vita operativa di 30-35 anni. In totale, i militari prevedono di acquisire almeno 120 di questi aerei nel prossimo futuro.

12386Il conquistatore del mondo: Iskander-M
Nel 2013, l’esercito russo ha ricevuto le prime due brigate del sistema missilistico tattico Iskander-M. Prima di ciò, solo divisioni separate del sistema tattico furono introdotte in servizio operativo. Inoltre, il ministero della Difesa russo ha riferito con malcelato orgoglio di aver adottato le misure necessarie per contrastare le minacce del sistema di difesa missilistica degli Stati Uniti dispiegato in Europa orientale, schierando infatti l’Iskander nella regione di Kaliningrad. I missili sono occultati in un autocarro a quattro assi, e hanno una gittata di oltre 500 km e una velocità di 2000 metri al secondo. Ognuno dei missili può contenere una testata nucleare, convenzionale o cluster. Dal profondo vano posteriore, gli Iskander possono distruggere missili, artiglieria a lungo raggio, sistemi missilistici di difesa aerea, aeromobili negli aeroporti, posti di comando e comunicazione, anche sotterranei, e altri importanti obiettivi di punto e di area, tutti con eguale efficacia. Per aumentarne la potenza contro obiettivi pesantemente corazzati, il sistema ha soluzioni tecniche complesse che permettono ai missili di superare facilmente i sistemi di difesa aerea e missilistica  del nemico, quasi uguali a quelle del Topol-M. I sistemi di puntamento dei missili russi sono così sensibili che possono colpire con successo tutti gli obiettivi (sotterranei, di piccole dimensioni, di area o mobili) anche nelle notti senza luna, quando non c’è luce naturale, con una precisione di circa 4 metri.

Nuclear-Powered-Cruise-Missile-Submarine-SSGN-Severodvinsk-Starts-State-Acceptance-TrialsProfondità strategica: il sottomarino Severodvinsk
L’anno scorso, la Marina russa ha acquisito tre sottomarini nucleari di nuova generazione in una volta. Due sono sottomarini lanciamissili balistici Projekt 955 classe Borej equipaggiati con missili strategici Bulava (Jurij Dolgorukij e Aleksandr Nevskij). Il terzo è il Severodvinsk, un sottomarino Projekt 885 classe Yasen. Questo sottomarino sostituirà le diverse attuali classi di sottomarini della flotta. Gli esperti considerano i sottomarini classe Yasen una vera innovazione nella costruzione navale sottomarina. La loro traccia acustica è inferiore non solo ai sottomarini classe Akula, ma anche rispetto agli ultimi sottomarini nucleari statunitensi della classe Seawolf. I sottomarini nucleari di terza generazione Projekt 971 Akula sono praticamente impercettibili nelle profondità oceaniche. Statunitensi e inglesi sono ben consapevoli di quanto siano pericolosi questi sottomarini. Furono avvistati più volte nelle acque costiere di Regno Unito, Stati Uniti e Canada, ma non poterono essere rintracciati o seguiti. Il Severodvinsk è dotato diversi tipi di missili da crociera e siluri. Uno di questi è il missile cruise supersonico Jakhont, base del missile ipersonico Zircon in corso di produzione. La sua gittata consente al sottomarino sia di attaccare le portaerei nemiche che condurre massicci attacchi missilistici contro obiettivi costieri con la stessa facilità.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

IL PRIMO RAGGIO – L’arsenale strategico di Mosca 1943-2013

Georgia: scomparso il laboratorio di bio-armi a Tbilisi

Henry Kamens New Oriental Outlook 15/02/2014

800px-Biolab_Tbilisi_02Una cosa curiosa è accaduta in Georgia l’anno scorso. Dopo le diffuse speculazioni sui media nell’aprile 2013, secondo cui la Georgia ospitava un laboratorio di armi biologiche, il Richard G. Lugar Center for Public and Animal Health Research di Tbilisi, che gli Stati Uniti avevano a lungo negato esistesse, la struttura, recentemente riconosciuta, fu visitata dal premier della Georgia, dal ministro della Salute georgiano e dell’ambasciatore degli Stati Uniti. Poche ore dopo il governo georgiano annunciava formalmente la liquidazione di tale centro, senza spiegazioni. La maggior parte dei Paesi è orgogliosa del proprio sviluppo scientifico e avrebbe esposto un centro di ricerca sulla salute pubblica e degli animali con orgoglio, in particolare se creato e finanziato dai più prestigiosi degli alleati, gli Stati Uniti. Pertanto, l’improvvisa chiusura di tale impianto nel maggio 2013, solleva molte domande su quale fosse il suo vero scopo, e quali negoziati hanno avuto luogo per installarlo in Georgia e quindi chiuderlo. Sarebbe facile rispondere a queste domande se il laboratorio fosse stato effettivamente chiuso. Ma questo non è successo. Secondo il decreto del governo georgiano 422 del 7 maggio 2013, le attività del Centro dovevano essere trasferite al Centro Nazionale per il controllo delle malattie della Georgia e una commissione per la liquidazione sarebbe stata istituita e presieduta dai rappresentanti di vari enti governativi. Tuttavia, come già riportato, quando i giornalisti interrogarono il personale del Center for Disease Control di Atlanta (CDC) fu detto che “il laboratorio è gestito dal dipartimento della Difesa degli Stati Uniti” suggerendo di contattare l’USAMIRID (US Army Medical Research Institute di Infectious Diseases). Nulla s’è saputo di ciò da allora. Si potrebbe pensare che il neo-eletto governo georgiano si sia preoccupato del mancato adempimento di un suo ordine o, se ciò fosse stato fatto con il suo consenso, spiegare perché il laboratorio rimaneva sotto il controllo delle forze armate statunitensi, almeno secondo il CDC, quando la sua esistenza era oggetto di tanta speculazione sui media.
Quando il laboratorio è stato chiuso è stato affermato che non era attivo e che mai lo era stato. Allora qual è il problema? Perché improvvisamente liquidarlo e consegnarne il patrimonio implicitamente inesistente a un’altra agenzia, se in realtà non aveva mai iniziato ad operare? Fu a lungo ipotizzato che la Georgia conducesse esperimenti pericolosi con agenti biologici. Voce della Russia, funzionari della sanità pubblica russi e media di diversi Paesi l’avevano segnalato. Secondo l’Organizzazione Mondiale per la Salute Animale (OIE, Organisation Mondiale de la Santé Animale), in Georgia microbiologi e virologi georgiani e statunitensi conducono una ricerca congiunta sul virus del colera. Gli enti che partecipano a tale progetto sono USAMRIID, Fort Detrick e l’Istituto di Batteriologia, Microbiologia e Virologia georgiano. Dato l’equilibrio delle risorse tra questi due organi, il progetto può quindi essere meglio descritto come militare, piuttosto che di natura civile. Molti articoli indicano che gli Stati Uniti sono impegnati nella ricerca su armi biologiche illegali, indicandola come violazione della Convenzione sulle armi biologiche (BWC).
Ci sono anche molti statunitensi ed altri che trafficano con Tbilisi, che si possono incontrare nei soliti luoghi di ritrovo per stranieri, e che chiaramente lavorano in questo laboratorio, presumibilmente non attivo. Uno dei suoi dipendenti ha recentemente detto, per difendersi: “Ho già detto che non ci sono agenti biologici in tutto l’edificio? Questo è ciò che rende così divertente queste storie. Ho letto di tutti questi pericoli e che possa accadere qualcosa in Georgia, coincidenza? E’ ridicolo. Non voglio lavorare in un edificio carico di germi pericolosi“. Infatti, giornalisti e fonti esteri suggeriscono che sia stato usato come centro di comando e controllo, non come laboratorio, per numerosi anni, rientrando in un progetto da 40 milioni di dollari, che poi è finito per costarne quasi 300, come al solito in Georgia.

Lo sfondo di questa storia
BioIl Richard G. Lugar Center for Public and Animal Health Research fu aperto con l’assistenza del governo statunitense nel quadro del programma di riduzione della Difesa. Il presunto scopo di tali programmi è mettere sotto controllo nazionale le scorte di armi e agenti biologici rimasti dopo il crollo dell’Unione Sovietica. Ufficialmente, gli specialisti vi studiano la genetica dei batteri e dei virus, nonostante non fosse attivo secondo queste stesse fonti ufficiali. I contribuenti statunitensi potrebbero avere qualcosa da dire su come i loro fondi vengono spesi impiegando squadre di scienziati, che non costano poco, che vivono in un Paese straniero e presumibilmente s’impegnano in certi lavori per conto proprio. L’ex-consulente mediatico del presidente, Jeffrey Silverman, ritiene che il laboratorio fosse probabilmente impegnato nello sviluppo di un virus, piuttosto che studiarli. Ha anche affermato che il centro esisteva quando veniva negato, e da allora s’è dimostrato come una grande quantità di armi, comprese quelle biologiche, furono spedite dalla Georgia in zone calde del mondo, a sostegno delle posizioni degli Stati Uniti. Vi sono anche i piani di un impianto del Centro che sembrava essere progettato per lo smaltimento di corpi. Del personale che lavorava presso il centro rispose a queste affermazioni, quando fu ricoverato nel novembre scorso per una mattonata sulla fronte. Silverman ritiene che una delle attività del centro sia iniettare nuovi ceppi di agenti biologici in animali utilizzati per la nutrizione, per vedere come il sistema immunitario dei georgiani funziona e come reagisce quando esposto a tali agenti. Cose simili sono state anche sostenute da Ragnar Skre, un giornalista norvegese che fu aggredito da cinque uomini mascherati, poche ore dopo una visita sul posto. Queste affermazioni oltraggiose su atrocità nazistoidi sarebbero incredibili se non fosse per due fattori. Uno, si tratta della Georgia, dove la storia recente ha dimostrato che le affermazioni più estreme sono anche le più probabili a dimostrarsi vere. Due, Silverman finora ha avuto ragione.
Molti media russi e statunitensi hanno affermato che la diffusione di tali malattie pericolose, come l’influenza suina e la febbre del coniglio in Georgia, sia collegata agli esperimenti con agenti biologici. Un improvviso scoppio inspiegabile di morbillo, non limitato ai bambini come avviene di solito, fu collegato a tale programma. Si è anche affermato che in Georgia gli statunitensi abbiano una scorta segreta del mortale virus del vaiolo, anche se puramente a scopo di ricerca. Paata Imnadze, Vicedirettore del Centro Nazionale per il controllo delle malattie della Georgia, che doveva rilevare le attività del laboratorio, ha cercato di smentire l’aumento di influenza e morbillo affermando specificatamente che non aveva “nulla a che fare con il laboratorio“. “Allo stato attuale, gli anziani sono sempre malati perché la loro immunità è bassa. Nel 2008 abbiamo lanciato una vasta campagna per vaccinare un milione di persone, ma ne abbiamo vaccinati solo 500000, e ora ne vediamo le conseguenze“, ha detto. Tuttavia, Imnadze non ha potuto spiegare perché il vaccino per la malattia dei bambini fosse stato donato dal dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, piuttosto che da un ente della sanità pubblica come il Centro per il Controllo delle Malattie di Atlanta, in Georgia. Inoltre, non ha spiegato perché il “consenso informato” non era stato ottenuto dai vaccinati, compresi gli adulti, come la legge richiede. Silverman sostiene che alcuni componenti di questo vaccino non fossero così innocui, e la sua donazione fosse probabilmente parte di un esperimento oscuro.
Nell’ambito della stessa esercitazione sul controllo dei danni, il 13 settembre dello scorso anno, l’ufficio di Voice of America di Mosca parlò del laboratorio finanziato dagli Stati Uniti in Georgia e respinse la tesi che fosse parte di un programma per armi biologiche. Inoltre affermò che queste accuse erano di carattere politico, dato che il Cremlino presumibilmente li fabbricava per avere “un motivo per bloccare l’importazione di frutta e verdura georgiane“. Tali importazioni sono state effettivamente riprese. Il governo georgiano ha descritto come “assurda” la dichiarazione secondo cui un laboratorio alla periferia di Tbilisi sviluppasse virus pericolosi per la salute, testati sugli abitanti della zona. La deputata Irina Imerlishvili ha detto che “il laboratorio fu aperto dal governo del presidente Saakashvili. Lui stesso partecipò alla cerimonia. E’ ben noto che Saakashvili non ama il proprio popolo e ama condurre esperimenti su di esso, naturalmente. Tuttavia, credo che ciò non abbia nulla a che fare con questo caso.” La chiusura del Centro è stato minimizzato dalle fonti ufficiali. Secondo il Georgian Times, un settimanale in lingua inglese, Amiran Gamkrelidze, responsabile del Centro Nazionale per il controllo delle malattie (NCDC) della Georgia , sostiene che il decreto di liquidazione riguardi soltanto lo status giuridico del centro. “Il centro di ricerca è una persona giuridica di diritto privato, e il NCDC è una persona giuridica di diritto pubblico.  Abbiamo dovuto cambiare il suo status giuridico per renderlo proprietà del NCDC“, ha detto al Georgian Times. “Questo non significa che il laboratorio sarà venduto o che il suo profilo sarà cambiato. Manterrà il vecchio nome, ma sarà fuso con il NCDC e avrà un consiglio di sorveglianza multi-settoriale, presieduto dal ministero della Salute“, ha aggiunto. Non ha spiegato però il motivo per cui un centro non funzionante sarebbe descritto in “liquidazione”, piuttosto che messo sotto nuova gestione.
E non finisce qui. Ci sono prove che il Richard Lugar Lab sia una delle tante strutture il cui riconoscimento dell’esistenza sia fondamentalmente un inganno. Tutti i laboratori finora identificati sono collegati al programma Biological Weapon Proliferation Prevention (BWPP) e a vari progetti nel suo ambito. Un altro laboratorio che si occupa di malattie delle piante opera a Kobuleti, sulla costa del Mar Nero, sotto gli auspici del ministero della Difesa del Regno Unito. C’è anche un laboratorio biologico minore a Kutaisi, nella Georgia centrale.

Inventare il futuro
Ci sono anche collegamenti non-così-segreti tra i bio-laboratori in Georgia, il dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e i Lincoln Labs del MIT, in particolare il Research Group 48, (biometria forense) impegnato in operazioni in Iraq e in Afghanistan e in stretta collaborazione con il Team di vigilanza persistente (Gruppo 99). Un altro vaso di Pandora in attesa di aprirsi e la tempistica per farlo può essere quella giusta, con tutto ciò che succede nella regione. Fonti dell’intelligence georgiano affermano che non sia un caso che ci siano molti collegamenti ai vertici dell’intelligence fra Boston (non solo MIT e Lincoln Labs, ma altre strutture) e il programma del laboratorio di Tbilisi. La struttura di Boston lavora a stretto contatto con l’Army DA G2 (intelligence) sulla biometria e le applicazioni dell’intelligence. Sviluppando congiuntamente specificamente tecnologia biometrica (DNA, voce, viso), politica forense e concetti operativi. Il laboratorio di Boston è impegnato in molti programmi del dipartimento dell’Homeland Security e del dipartimento della Difesa, in queste aree. Sulla base delle relazioni della Fondazione per la Cultura Strategica russa alla fine dell’anno scorso, gli agenti dell’intelligence georgiani “più favorevoli” al primo ministro Bidzina Ivanashvili hanno collegato i punti tra la fine del presunto attentatore della maratona di Boston, Tamerlan Tsarnaev, la Jamestown Foundation della CIA e l’addestramento di operatori daghestani e ceceni, come Tsarnaev, nei seminari del 2012 co-sponsorizzati dall’Ilia State University di Tbilisi. Anche qui vi è un chiaro collegamento Tbilisi-Boston.
L’intelligence georgiana infatti è ormai diventata una continua fonte di informazioni sulle attività nel Caucaso e zone circostanti di CIA e Mossad, e dei collegamenti con programmi a Boston riguardanti Tbilisi. C’è una ragione, è ovvio che l’accordo con DTRA e Defense Intelligence Agency relativo al Lugar Center, fatto dal presidente pro-USA e filo-israeliano Mikheil Saakashvili, non sia accettabile per il nuovo governo georgiano. Non vi è dubbio che la TV e la stampa filo-governativi siano strumentali nel cambiare la direzione del laboratorio, fornendo una copertura concertata alle accuse su “qualcosa di sinistro che vi  accade” e che “il bene pubblico” o “la salute pubblico” non ne siano mai state le vere mansioni. La Russia a lungo ha sostenuto che, anche quando tale struttura non esisteva ufficialmente, la Georgia diffondeva virus dannosi tra i cittadini della Russia, e questo è il vero motivo tacito per cui la Russia impose l’embargo sui prodotti agricoli georgiani nel 2006. Ora, con il ritorno della democrazia in Georgia, le barriere sono state abbattute e si è avuto rapidamente un miglioramento delle relazioni. Per mostrarsi seria, anche a lungo, come la Russia e altri hanno sempre sostenuto, la Georgia ha deciso tranquillamente di mettere il laboratorio in naftalina, chiedendo che tale struttura sia ricostruita per il suo scopo originale operando come centro di ricerca per la salute pubblica e veterinaria.

Bechtel Nazionale
Il laboratorio di Tbilisi era effettivamente gestito dalla Bechtel Nazionale, un appaltatore della difesa statunitense implicato in una vasta serie di traffici di armi e riciclaggio di denaro. Stipulò un accordo con la Technology Company Management (TMC) georgiana sulla non proliferazione biologica, sotto l’apparente veste di un programma civile. Un generale fu inizialmente incaricato di dirigere tale programma dagli Stati Uniti, nonostante la sua totale mancanza di formazione scientifica o specializzazione nella salute umana o animale. L’ambasciata statunitense in Georgia rispose agli articoli della ricista Georgian Times sul laboratorio, rilasciando una dichiarazione nell’aprile dello scorso anno, che diceva: “Gli Stati Uniti sostengono con forza la libertà di parola e di stampa e da tempo sostengono un ambiente libero e pluralistico nei media, in Georgia e altrove. Tuttavia, la libertà giornalistica comporta responsabilità, ivi compresa la responsabilità di confermare le informazioni prima di segnalarle. I brani dell’intervista a Kviris Palitra, pubblicata oggi sul suo sito web e pagina facebook, contengono una serie di dichiarazioni sulla politica degli Stati Uniti assolutamente prive di fondamento e che, purtroppo, si riflettono sulla veridicità della loro fonte apparente“. Mai l’ambasciata degli Stati Uniti, in realtà, ha presentato una sola prova per confutare le affermazioni fatte sul laboratorio. Le interviste sulla potenziale minaccia rappresentata da tale laboratorio furono trasmesse su quasi tutte le principali reti televisive georgiane, con la notevole eccezione di Rustavi2, portavoce dell’ex-regime di Saakashvili strettamente legato all’intelligence degli Stati Uniti e all’US National Security New Reporting Service.
Se accettiamo che il Richard Lugar Center sia effettivamente funzionante e faccia un buon lavoro, identificando agenti infettivi nocivi per gli animali e la salute, lavorando per combatterli, non c’è nulla di cui preoccuparsi. Ma il centro è stato attivo per circa 10 anni, e in tutto questo tempo non abbiamo mai sentito parlare delle sue ricerche, o che abbiano mai prodotto un qualche risultato positivo. Le uniche cose che sappiamo è che si trattava di un presunto laboratorio di bio-armi che il nuovo governo georgiano ha ritenuto di liquidare dopo che la sua esistenza non poteva più essere apertamente negata.

Cosa succederà dopo?
Ora, per molti non è un brutto momento per finirla con questa bio-infezione. Così tante persone cercano in tante altre direzioni, guidate dai media di qui. Una bella epidemia potrebbe agire da  spinta politica e aiutando lo sforzo bellico della NATO e degli Stati Uniti nel mondo arabo. La loro macchina di PR non funziona molto bene in questo momento, corrosa dalla Flack delle conseguenze non intenzionali delle operazioni militari degli Stati Uniti e dei diversi attacchi sotto falsa bandiera, e quando la persuasione non funziona, l’unica opzione rimasta è usare le brutte maniere. Tutto è possibile per gli statunitensi e i loro partner strategici, anche scatenare attacchi con l’antrace. Se si verificassero, naturalmente si supporrà che uno di quei leader arabi pazzi che hanno intrapreso un programma biologico, abbiano trovato un paio di capsule di Petri dimenticate. Anche se ciò fosse vero, c’è solo un posto da cui potrebbero averle ottenute. Basta guardare chi finanzia i laboratori in cui sappiamo si fanno tali ricerche.

mag-article-largeHenry Kamens, giornalista, esperto di Asia centrale e Caucaso, in esclusiva per la rivista online “New Oriental Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’Arabia Saudita si compra l’occidente

Vladimir Odintsov, New Oriental Outlook 1/02/2014
4341142_3_1e15_francois-hollande-et-le-roi-abdallah-d-arabie_5daa5a51f16ba9bc8aadc0459ca595f9Il rapporto tra l’Arabia Saudita e l’occidente, soprattutto gli Stati Uniti, è sempre stato parte fondamentale della politica saudita. Tuttavia, le recenti modifiche della strategia di Washington e dei suoi vari alleati europei nel risolvere la crisi siriana e il programma nucleare iraniano, hanno costretto Riyadh a modificare le proprie priorità in politica estera e la cooperazione con i Paesi occidentali. Tali cambiamenti politici che Washington e il suo principale alleato, Londra, hanno intrapreso in Medio Oriente vengono definiti niente meno che “tradimento e atteggiamento ingannevole verso Riyadh” dai rappresentanti della famiglia reale saudita. Tali affermazioni furono espresse particolarmente su The Telegraph dall’ambasciatore saudita a Londra, principe Muhammad bin Nawaf bin Abdulaziz al-Saud, dove dichiarava che d’ora in poi Riyadh “non starà pigramente con le mani in mano“. Il suo consigliere Nawaf Ubayd nel frattempo accusava gli USA e l’occidente di “essere disonesti con l’Arabia Saudita” annunciando che i sauditi adotteranno una nuova “dottrina della difesa” per raggiungere i loro obiettivi in politica estera, e che “la nostra posizione strategica passa da reattiva a proattiva“, cioè assumeranno una posizione attiva in politica estera. Il rifiuto dell’Arabia Saudita di collaborare strategicamente con gli Stati Uniti, fu inoltre espresso su vari media esteri, alla fine del 2013, dal capo del servizi segreti sauditi, principe Bandar bin Sultan, che sosteneva che un “cambiamento decisivo” si verifica nella politica estera saudita. Affermava che la monarchia saudita cesserà di concentrarsi su Washington, che “ignora gli interessi di Riyadh”.
La politica estera dell’Arabia Saudita certamente non è mai stata pubblica. Ciò perché i leader di tale regno non hanno mai dovuto rendere conto al popolo dei loro piani e politiche. Questo è il motivo per cui i piani esteri di Riyadh vengono sempre nascosti da un velo di segretezza e solo in determinate circostanze sono resi noti agli altri attori, che ne vengono a conoscenza attraverso “colloqui riservati” con i diplomatici sauditi. Ma anche allora, tali informazioni non sono una “rivelazione” ma ben piazzate informazioni diffuse specificatamente attraverso i “colloqui riservati” per rafforzare certe manovre saudite o attuare determinati piani segreti della monarchia. Questo è il motivo per cui le informazioni relative al mutamento della politica di Riyadh “accidentalmente” finirono nelle mani di varie agenzie occidentali, in primis il Wall Street Journal, The Telegraph, Reuters, The New York Times e altri, alla fine dello scorso anno, rientrando in una campagna informativa sapientemente eseguita volta ad avvertire Washington e Londra del rischio di perdere il loro principale alleato arabo, l’Arabia Saudita. Non è difficile intuire che il principe Bandar bin Sultan sia dietro tale campagna, essendo responsabile non solo dell’intelligence nazionale, ma praticamente di tutta la politica estera del regno. Tale “fuga di notizie” fu subito seguita da una “dimostrazione di forza” di Riyadh sotto forma di flirt finanziario con vari Paesi arabi e del Medio Oriente (in particolare Libano, Egitto e altri) e dalla disponibilità a sostituire integralmente gli Stati Uniti nel finanziarne i programmi di modernizzazione militare e tecnica, nonché come fonte degli armamenti esteri, compito che potrebbe invece essere relegato ad un “fidato alleato dei sauditi”.
Tale gioco politico di Riyadh ha cominciato ad attrarre attivamente gli altri leader regionali che si sentono “offesi da Washington”. O semplicemente coloro che, come l’Arabia Saudita, vengono emarginati dalla nuova politica statunitense. In tale contesto, la prima scelta saudita è stata il presidente francese François Hollande, impaziente di riscuotere la somma di Riyadh in un momento in cui i suoi voti sono catastroficamente in ribasso tra la popolazione francese. Ciò ha portato François Hollande a visitare Riyadh, alla fine del 2013, dove il re dell’Arabia Saudita gli ha dato un assegno da 3 miliardi di dollari per finanziare l’esercito libanese, a condizione che le armi siano acquistate in Francia. Inoltre, l’Arabia Saudita ha anche dichiarato di essere pronta a spendere oltre 50 miliardi di dollari per l’ulteriore avvicinamento della Francia in politica estera, sulla base dei comuni punti di vista sulla situazione in Siria e Iran. Ciò ha portato ad una reazione fortemente negativa degli Stati Uniti, dove l’approvazione di tale piano viene visto come un insulto pubblico alla posizione statunitense su Iran e Siria, una posizione in contrasto con la politica saudita verso questi Paesi. Gli Stati Uniti ritengono che Riyadh intenda creare un nuovo asse con Parigi dopo aver trovato piuttosto morbida, dal punto di vista saudita, la piattaforma che Washington ha adottata nella politica mediorientale. La creazione di tale nuovo asse coinvolgerà Parigi nelle miliardarie operazioni sugli armamenti della regione, cosa che la Francia non può rifiutare. In prima linea nell’alleanza politico franco-saudita ci sono i petrodollari sauditi che catturano l’interesse dell’economia francese, profondamente turbata. I francesi hanno già firmato un contratto da 1,5 miliardi dollari per modernizzare la marina saudita, portando François Hollande a intraprendere tre ulteriori visite in Arabia Saudita. Anche se le politiche estere francese e saudita sono abbastanza vicine su Siria, Libano e Iran, vi sono seri disaccordi sull’Egitto riguardo al ruolo che la Fratellanza musulmana dovrebbe avere nel Paese e nella regione. Tali divergenze potrebbero compromettere il futuro dell'”asse del bene”, tuttavia Riyadh può attualmente contare sul “prezioso alleato, senza compromessi verso al-Assad e la questione siriana”.
Washington non è solo preoccupata di perdere l’Arabia Saudita quale unico cliente degli armamenti statunitensi, ma è anche preoccupata per il colpo alla reputazione degli Stati Uniti quale fornitore di aiuti al Libano nel contribuire a rafforzarne il potere militare. Dopo tutto, il sostegno finanziario saudita previsto per il Libano sembra essere molto più generoso di quello degli Stati Uniti. L’immagine della politica estera degli Stati Uniti verso la Siria ne soffre, anche per via della crescente attività francese nel stabilire contatti con l’opposizione siriana con l’aiuto dei sauditi.  Mentre François Hollande aveva colloqui con il pupillo di Riyadh e capo della coalizione nazionale dell’opposizione siriana Ahmad Jarba, i vertici politici di Washington non hanno mai tentano tale  contatto. I crescenti sforzi della Francia per ancorarsi nel Golfo Persico, e i tentativi sauditi per trovare i partner che l’aiuterebbero a risolvere le pressanti questioni regionali (Siria, Iran e altri) senza coinvolgere gli Stati Uniti, suscitano gravi preoccupazioni a Washington. Il piano statunitense per controllare il processo di trasformazione delle monarchie del Golfo (Consiglio di cooperazione degli Stati arabi del Golfo) in un blocco economico, militare e politico, è ora seriamente minacciato.  Ciò potrebbe anche significare che i vari piani statunitensi saranno sospesi, come la creazione del sistema unificato dell’ABM integrato nel Golfo Persico, il lancio del nuovo meccanismo di coordinamento, un Consiglio dei ministri della Difesa di Stati Uniti e Consiglio di cooperazione degli Stati arabi del Golfo, e anche la creazione del blocco militar-politico unitario delle monarchie del Golfo. Ciò ha costretto il Segretario di Stato degli Stati Uniti John Kerry a recarsi in Arabia Saudita per una breve visita all’inizio di questo gennaio. Anche se il principale argomento delle conversazioni era la questione della conciliazione in Medio Oriente, a porte chiuse si è anche parlato dei problemi che gettano un’ombra sulle relazioni saudite-statunitensi (cooperazione tecnico-militare e divergenze sulle politiche iraniane e siriane). I sauditi, ancora una volta hanno legato la soluzione del conflitto israelo-palestinese all’evoluzione della situazione riguardo ai problemi regionali centrali per gli interessi sauditi.
In tali circostanze, la posizione degli Stati Uniti su questi temi determinerà le ulteriori indicazioni sulla cooperazione saudita con gli statunitensi. Gli esperti inoltre notano che l’Arabia Saudita non potrà accettare che i Paesi arabi riconoscano il carattere ebraico dello Stato di Israele, un punto  avanzato dagli statunitensi e dallo stesso John Kerry. In una parola, il “ribollente Medio Oriente” è un nome adatto alla regione, mentre gli intrighi sembrano essere perennemente crescere, seguiti da  nuove provocazioni che a loro volta preparano il punto d’appoggio per un possibile imminente deterioramento della situazione politico-militare regionale. Un esempio è la recente affermazione  del direttore della National Intelligence degli Stati Uniti, James Clapper, sulla possibilità che la Siria abbia le capacità di produrre non solo armi chimica, ma anche biologiche che, ancora una volta, daranno agli Stati Uniti motivo per avviare un’operazione militare contro Damasco, cosa di particolare interesse per Riyadh pronta a versare qualsiasi somma in petrodollari per raggiungere i suoi scopi. Tuttavia, non dimentichiamo che i tempi cambiano e che il mondo cambia con essi. Nuovi appelli a un’azione militare, anche se generosamente finanziati dalla monarchia wahabita, non solo non saranno fruttuosi per i burattinai di Washington e Riyadh, ma ne accelereranno anche la rovina politica.

e7430e2200cb563881a2778f044b753798714602Vladimir Odintsov è un commentatore politico, in esclusiva per la rivista online New Oriental Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

India-USA: la “partnership strategica” ha un futuro?

Lagan Charu New Oriental Outlook 17/01/2014

stock-footage-flag-of-usa-and-india-waving-in-the-wind-against-blue-sky-three-dimensional-rendering-animationL’incidente dell’arresto della diplomatica indiana da parte delle autorità statunitensi di New York, avvenuto il 12 dicembre 2013, e il suo trattamento apertamente discriminatorio ha costretto l’India non solo a prendere una serie di misure di risposta verso i membri del corpo diplomatico degli Stati Uniti nel Paese, ma anche a riconsiderare la natura dei rapporti con Washington in vari settori, come energia (in particolare nucleare), commercio, militari e cooperazione tecnico-scientifica. Vari analisti statunitensi valutano il notevole sviluppo delle relazioni degli Stati Uniti con l’India raggiunto degli ultimi dieci anni come un indubbio successo della politica della Casa Bianca dalla fine della “guerra fredda”. I primi notevoli progressi nelle relazioni USA-India si verificarono durante la visita del presidente degli Stati Uniti Bill Clinton in India, nel marzo 2000. La crescita dell’economia indiana e la liberalizzazione in questo Paese non passarono inosservate negli USA. Durante la presidenza di GW Bush Jr., Washington intraprese una “politica di cooperazione rafforzata” vigorosa. Dal 2004, il fatturato del commercio tra i due Paesi è cresciuto da 30 miliardi a quasi 100 miliardi di dollari, alla fine del 2013. Anche i mutui investimenti sono aumentati.
La particolare attenzione degli Stati Uniti per l’India è dovuta non solo al fatto che sia un Paese dalla forte economia e dalle enormi risorse umane, ma anche per il fatto che è una potenza nucleare. L’India sviluppa attivamente la propria industria elettronucleare, e le forze armate della repubblica sono dotate di armi nucleari. Considerando questi fattori, la Casa Bianca ha osservato che l’India può diventare un vero e proprio alleato geopolitico regionale degli Stati Uniti, che può essere usato per proteggerne gli interessi contro Pakistan e Cina. In particolare, nel caso di un uso sapiente dei timori di New Delhi sulle minacce terroristiche dal Pakistan e sui ricorrenti problemi nelle relazioni cino-indiane.
Nel luglio 2005, il Primo Ministro Manmohan Singh e il presidente degli Stati Uniti George W. Bush Jr. firmarono un accordo di cooperazione nucleare. Nel 2008, l’India e gli Stati Uniti conclusero il loro primo accordo strategico a lungo termine in politica estera e un partenariato globale sulla cooperazione nell’energia nucleare civile. Secondo questi accordi, nel corso dei prossimi decenni, all’India sarà garantito la fornitura di combustibile nucleare per i reattori civili, molti dei quali, ovviamente, dovrebbero essere costruiti da aziende statunitensi. Il valore di tali contratti è stimato in circa 150 miliardi di dollari. Tuttavia, negli anni successivi tali accordi non furono conclusi per mancanza di volontà degli Stati Uniti nell’assumersi la responsabilità di eventuali incidenti nucleari futuri, come imposto dalla legge sul tema adottata dall’India nel 2010.  Tale posizione “riservata” di Washington non sorprende, soprattutto perché, come l’esperienza ha dimostrato, non tutti gli impianti nucleari costruiti dagli USA possono essere considerati completamente sicuri, anche a fronte di eventi climatici o geologici. Ciò fu reso evidente, in particolare, dai recenti eventi nella centrale nucleare di Fukushima in Giappone, costruita con la partecipazione degli Stati Uniti. È interessante notare che nel 2009, un noto diplomatico indiano, Rajiv Sikri, che aveva lavorato nel Ministero degli Esteri indiano dal 1970, ha osservato nel suo libro “Sfida e strategia: ripensare la politica estera dell’India” che “scopo principale degli Stati Uniti dell’accordo nucleare con l’India è diametralmente opposto a ciò che il governo degli Stati Uniti dice. Il vero scopo è portare l’India in un contesto in cui non possa rafforzarsi come potenza nucleare ma, proprio al contrario, ne siano vincolate le opportunità strategiche.”
Durante lo sviluppo delle relazioni con l’India, il particolare interesse di Washington nell’ultimo decennio era anche dovuto alle politiche di Nuova Delhi per l’ammodernamento degli armamenti dell’esercito nazionale. Dopo tutto, la struttura delle armi convenzionali di questo Paese è rimasta praticamente invariata da oltre un quarto di secolo, ed è divenuta sempre più inadeguata nell’ambito della rivoluzione tecnologica militare. Pertanto, essendo una nazione nucleare de facto, l’India avrebbe dovuto sviluppare una forza militare meno ingombrante e più efficace, creando un’industria militare che avrebbe posto le sue forze missilistiche nucleari al centro della difesa nazionale. Per tale motivo la cooperazione militare e tecnica e la vendita di armi all’India, che negli ultimi anni sono diventati un importante vettore seguito dalla Casa Bianca non solo nella cooperazione bilaterale con Nuova Delhi, ma anche nel rendere dipendente dagli USA questa nazione asiatica. Ciò in particolare, fu detto nel giugno 2012 da Leon Panetta, all’epoca a capo del Pentagono e che rivelò anche che Nuova Delhi era un “importante legamento” della nuova strategia militare degli Stati Uniti focalizzata sull’Asia. “La cooperazione militare con l’India è alla base di questa strategia“, disse. Di conseguenza gli Stati Uniti vendettero all’India armi per un valore di oltre 12 miliardi di dollari negli ultimi cinque anni, concludendo accordi per la fornitura di aeromobili militari del valore di molti miliardi di dollari, nei prossimi anni, tra cui in particolare 22 elicotteri da combattimento Apache made in USA (l’importo totale del contratto sarebbe di circa 1,5 miliardi di dollari), 15 elicotteri da trasporto pesanti Chinook (per quasi un miliardo di dollari), 12 aerei antisom P-8 (per circa tre miliardi di dollari), 12 aerei da trasporto C-130J Super Hercules (pari a più di 2,1 miliardi di dollari), 10 aerei da trasporto militare C-17 (valore complessivo di 4,1 miliardi di dollari), 3 Gulfstream-3 da ricognizione dotati di uno speciale radar di sorveglianza marittima e di un sistema di navigazione inerziale, 245 MANPAD Stinger, e una notevole quantità di munizioni, ecc. Inoltre, è stato previsto di dotare il nuovo caccia indiano, il Tejas, la cui produzione è ora nella fase iniziale, dei motori della società statunitense General Electric (almeno 220 unità per questa versione dell’aereo saranno forniti all’aviazione indiana). Naturalmente, non tutti questi contratti militari sono stati eseguiti in modo normale o hanno la prospettiva di essere attuati nelle circostanze attuali. Gli indiani hanno ripetutamente avuto dubbi sulla sincerità dei “venditori” statunitensi. Inoltre, ciò non sorprende se si ricorda solo il noto episodio dell’arresto dell’agente della CIA F. D. Larkins da parte delle forze di sicurezza dell’India nel 1984. Tale agente cercava duramente da diversi mesi di convincere i rappresentanti del Ministero della Difesa indiano, in vari modi, di decidersi per l’acquisto di armi prodotte in occidente (soprattutto negli USA).
Gli incidenti verificatisi rapidamente tra i due Paesi nell’ultimo periodo, che l’India ha subito più volte, hanno portato gli indiani a un ripensamento critico della “cooperazione strategica” del Paese con gli Stati Uniti, non solo per i noti fatti sullo spionaggio di politici, accademici e semplici cittadini indiani organizzato dall’intelligence informatica degli Stati Uniti, e dall’attività di numerosi centri d’intercettazione radio e computer che controllano la regione e l’India. Ma anche il virus informatico tipo Stuxnet, creato dall’Agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, di cui le reti informatiche indiane hanno sofferto. Gli indiani riconsiderano anche la cooperazione scientifica con gli Stati Uniti. A tale proposito, possiamo citare gli ampiamente noti incidenti passati con gli scienziati della G. Hopkins University statunitense, espulsi dal Paese dalle autorità indiane per il loro operato presso Delhi e nel porto di Pondicherry. Tali esperti erano impegnati a modificare il codice genetico delle zanzare per “insegnare” a tal insetti non a portare il virus della malaria tradizionale, ma l’agente della febbre gialla, dagli effetti “dannosi” più potenti.
Così, nonostante il rapido sviluppo delle relazioni USA-India negli ultimi anni, molte questioni controverse tra i due Paesi necessitano ancora di una risoluzione. Non c’è dubbio che il pubblico, i media e i politici indiani seguiranno con attenzione lo sviluppo della vicenda di dicembre del membro della missione diplomatica indiana a New York, e il suo impatto sulle future relazioni USA-India. Naturalmente, questo incidente contribuirà ad un ulteriore aggravarsi della lotta per le prossime elezioni parlamentari in India, tra il Congresso Nazionale Indiano al governo e il nazionalista Bharatiya Janata Party, che ha posizioni anti-americane ed una crescente popolarità.

C-130J SUPER HERCULES 14Lagan Charu, giornalista e osservatore politico degli affari mediorientali e subasiatici, in esclusiva per la rivista online New Oriental Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Questioni nucleari: parole e fatti

Andrej Akulov Strategic Culture Foundation 16/01/2014

4.2.3Il presidente degli Stati Uniti Obama ha dichiarato l’obiettivo di un mondo libero dal nucleare. La Nuclear Posture Review 2010 afferma che gli Stati Uniti si preparano a ridurre l’arsenale nucleare a 1000 testate o meno. Nell’estate del 2013 si offrirono di avviare colloqui su ulteriori riduzioni delle armi strategiche che la Russia ha rifiutato. La direzione di Obama del Pentagono punta alla riduzione del ruolo delle armi nucleari nella strategia della sicurezza globale degli Stati Uniti e a restringere la strategia della deterrenza nucleare, come infatti ha affermato la Casa Bianca nel 2013.  Molti iniziano a dire che gli Stati Uniti hanno perso interesse per le armi nucleari, mentre cercavano di intralciare la Russia con la scusa che si rifiuta di seguirne l’esempio. La Deterrence and Defence Posture Review 2012 della NATO collega i cambiamenti della postura nucleare dell’alleanza alla politica nucleare della Russia, affermando che “la NATO è disposta a considerare l’ulteriore riduzione delle armi nucleari non strategiche assegnate all’Alleanza nel contesto di iniziative reciproche con la Russia”. Nell’indirizzo del 19 giugno 2013 presso la Porta di Brandeburgo di Berlino, Obama disse: “Non possiamo più vivere nella paura dell’annientamento globale, ma fin quando esisteranno armi nucleari, non saremo veramente al sicuro”. Sembrava emozionante. L’idea si evolse nella proposta di Obama per un nuovo round per la riduzione delle armi nucleari con la Russia, a giugno, a Berlino. Mosca subito respinse tale proposta e continua a respingerla (e a crescere e modernizzare il proprio arsenale nucleare). Alla fine dello scorso anno il presidente russo Vladimir Putin ha fatto una serie di dichiarazioni annunciando l’intenzione di mantenere un forte deterrente nucleare strategico del Paese, adottando nuovi sistemi nell”arsenale. Tutti questi temi sono in cima all’agenda propagandistica per il Vertice sulla Sicurezza Nucleare che si terrà all’Aia il 24 e 25 marzo 2014. Obama ha annunciato che gli Stati Uniti avrebbero anche ospitato un vertice sulla sicurezza nucleare nel 2016.
Gli Stati Uniti hanno davvero “perso interesse per armi nucleari”? La Russia incrementa il suo potenziale senza ragione o provocazione? Tale ragionamento regge? O è una ritorsione di Mosca per mantenere l’equilibrio esistente? Un rapido sguardo ai fatti contribuirà a darne un giudizio…

USA: nessun arretramento sulle armi nucleari anche in tempi di budget ristretti
Il Congresso affronta tagli lineari da 1200 miliardi dollari al bilancio federale, nei prossimi dieci anni, con il Budget Control Act del 2011. Non importa se un’ampia revisione dell’arsenale nucleare del Paese è in corso. La modernizzazione dell’arsenale nucleare degli Stati Uniti riguarda 5113 testate, piattaforme e impianti di produzione. Fu prudenzialmente stimata in 355 miliardi dollari per il prossimo decennio secondo il think tank Stimson Center. Tale cifra coincide con le stime del Congressional Budget Office, come si può vedere qui. Tuttavia, la relazione del Centro dice che la spesa potrebbe salire, soprattutto se il compito estremamente importante ma pubblicamente sottovalutato viene ancora ignorato. Obama ha patteggiato con i repubblicani del Senato nel 2010, promettendo l’ammodernamento dell’arsenale nucleare per garantirsi l’approvazione dell’accordo sulla nuova iniziativa per la riduzione degli armamenti con la Russia. Secondo i dati appena pubblicati della Federazione degli Scienziati Atomici (FAS), gli Stati Uniti hanno attualmente 4650 testate nucleari, 2130 operative. Oltre alle 4650 testate, Washington ne ha 2700 in deposito per essere smantellate. Secondo le stime della FAS, attualmente “1620 testate strategiche sono schierate sui missili balistici: 1150 sui missili balistici lanciati da sottomarini (SLBM) e 470 sui missili balistici intercontinentali (ICBM); circa 300 testate strategiche si trovano nelle basi dei bombardieri degli Stati Uniti e quasi 200 testate non strategiche sono dispiegate in Europa”. Gli Stati Uniti spenderanno 1000 miliardi di dollari per mantenere e modernizzare l’arsenale nucleare nei prossimi 30 anni, secondo il rapporto Trillion Dollar Nuclear Triad: US Strategic Modernization over the Next 30 Years, diffuso il 7 gennaio 2014 da James Martin del Center for Nonproliferation Studies (CNS), un think tank indipendente. Si afferma “i contratti per sostituire piattaforme e testate associate raggiungerà il picco nell’arco di quattro-sei anni, poco dopo il 2020. Durante tale periodo di picco, gli Stati Uniti dovranno spendere il tre per cento del bilancio annuale per la difesa per il proprio arsenale nucleare. Ciò è simile alla percentuale del bilancio della difesa dedicata alla modernizzazione dell’arsenale nucleare degli Stati Uniti di Ronald Reagan, negli anni ’80”, come notano gli autori Jon B. Wolfsthal, Jeffrey Lewis e Marc Quint.
I piani dell’amministrazione Obama costeranno circa 355 miliardi dollari nei prossimi dieci anni, ha detto il Congressional Budget Office il 20 dicembre 2013. Cioè quasi 150 miliardi dollari in più ai 208.500 milioni di dollari stimati dall’amministrazione in un rapporto al Congresso dello scorso anno, ha detto un analista di un gruppo di controllo degli armamenti, poiché la modernizzazione è solo all’inizio i costi dovrebbero aumentare notevolmente dal 2023. L’ufficio del bilancio ha detto che il presidente Barack Obama ha chiesto 23,1 miliardi dollari per le forze nucleari statunitensi per l’anno fiscale 2014, tra cui 18 miliardi dollari per mantenere armi e laboratori di supporto, così come sottomarini, bombardieri e missili vettori. Nel decennio finito con il 2013, i piani dell’amministrazione per modernizzare e mantenere sottomarini, bombardieri e missili prevedevano un costo di circa 136 miliardi dollari, affermava il CBO in un rapporto di 25 pagine. Gli Stati Uniti modernizzano tutti i vettori strategici esistenti e ristrutturano le testate che trasportano in vista dei prossimi 20-30 anni o più. I sistemi di lancio nucleari statunitensi sono in via di ammodernamento continuo, comprese la ricostruzione completa degli ICBM Minuteman III e degli SLBM Trident II.  L’US Navy attualmente prevede l’acquisto di 12 nuovi SSBN per sostituire i 14 SSBN classe Ohio, che saranno gradualmente radiati. Ogni nuovo SSBN costerà circa 4-6 miliardi di dollari. La vita operativa dei sottomarini lanciamissili balistici Trident della classe Ohio è stata estesa. Inoltre, il nuovo sottomarino, l’SSBNX, che sostituirà la classe Ohio è in via di sviluppo e dovrebbe costare circa 100 miliardi, secondo il Congressional Budget Office. L’US Navy ha ora intenzione di acquistare il primo SSBNX nel 2021, il secondo nel 2024 e uno all’anno tra il 2026 e il 2035. Il primo battello dovrebbe diventare operativo nel 2031. Di conseguenza, l’US Navy schiererà 10 sottomarini lanciamissili balistici tra il 2030 e il 2040. L’US Air Force sviluppa una nuova serie di bombardieri d’interdizione a lunga autonomia (LRPB) nucleari. Modernizza continuamente il B-2 (anche il bombardiere B-52H è stato aggiornato) della flotta, divenuto operativo nel 1997 e che dovrebbe restare fino al 2058. L’arma attualmente si occupa della sostituzione dell’ALCM, il missile da crociera standoff a lungo raggio (LRSO). L’US Air Force pianifica l’inizio della produzione del nuovo missile da crociera intorno al 2025, se si decide di portare avanti il LRSO. L’arsenale degli Stati Uniti di testate e bombe nucleari è continuamente rinnovato attraverso il Programma di estensione della vita operativa della NNSA (LEP). L’United States Air Force attualmente dispone di 450 ICBM Minuteman III situati presso la F. E. Warren Air Force Base, Wyoming, Malmstrom Air Force Base, Montana, e Minot Air Force Base, Dakota del Nord. Un programma di estensione della vita operativa da 7 miliardi di dollari è in corso per mantenere gli ICBM sicuri e affidabili fino al 2020; e il generale Robert Kehler, Comandante in Capo di STRATCOM, ha detto che i programmi di modernizzazione manterranno operativi i Minuteman III fino al 2030. Il programma di modernizzazione comporta essenzialmente un “nuovo” missile, ampliandone le opzioni di puntamento e migliorandone l’accuratezza e la capacità di sopravvivenza. L’Air Force attualmente esplora la possibilità di estendere l’operatività del missile Minuteman III fino al 2050 o all’arrivo di un nuovo sistema. L’US Air Force aggiorna anche le testate nucleari del Minuteman sostituendo parzialmente le vecchie testate W78 con nuove e più potenti testate W87, già schierate sui defunti ICBM MX Peacekeeper. L’US Air Force e US Navy inoltre hanno un LEP congiunto per ristrutturate le testate sostituendo le W78 e W88. Un programma per modernizzare la bomba nucleare B61 è in corso. La testata B61 è l’arma nucleare principale utilizzata sia dall’aviazione della triade strategica degli Stati Uniti (bombardieri, missili balistici intercontinentali e sottomarini) che dagli aerei d’interdizione di teatro di Stati Uniti e NATO. Ha un solo seppur importante obiettivo: la deterrenza nucleare. I governi europei hanno detto in numerose occasioni che vorrebbero far rimuovere tali armi. Invece, le armi dovrebbero essere aggiornate con capacità avanzate. La prima B61-12 dovrebbe essere completata entro il 2020. Entro il 2024, tutte le vecchie bombe dovrebbero essere sostituite. Poi, secondo il piano, nuove armi saranno schierate sui jet da combattimento come l’F-16, il nuovo F-35 e  bombardieri strategici come il B-2 Spirit o il nuovo bombardiere LRSB. Gli esperti vedono la B61-12 come molto più di un puro programma di prolungamento operativo o versione leggermente aggiornata delle vecchie bombe. Al contrario,  ritengono che sia de facto un nuova arma, uno sviluppo che violerebbe lo spirito dell’impegno preso dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama di non produrre eventuali nuove armi nucleari o dalle nuove specifiche. “La B61 è l’unica arma in riserva che soddisfa missioni tattiche e strategiche“, ha detto nell’audizione al Congresso del 6 novembre 2013 il Generale Robert Kehler, capo del Comando Strategico. La testata termonucleare B61 potrebbe costare 10 miliardi dollari in cinque anni.
Götz Neuneck dell’Istituto per le ricerche sulla pace e la politica di sicurezza di Amburgo vede un futuro onere per il governo tedesco. “Dovrebbero far capire a Washington che l’Europa non ha bisogno di nuove bombe e non ne renderà disponibile alcun vettore.” Inoltre, la NATO deve urgentemente fare proposte concrete alla Russia sul controverso sistema di difesa missilistico degli Stati Uniti, visto da Mosca come una minaccia. “Se tutto ciò fallisce”, ha detto Neuneck, “nuove armi nucleari tattiche saranno di stanza in Europa, e il disarmo nucleare sarà impossibile per decenni.” Alcuni della comunità di controllo degli armamenti affermano che la modernizzazione della triade nucleare è inutile strategicamente. Joseph Cirincione, Presidente del Fondo Ploughshares, scrive nel suo recente libro “Incubi nucleari: assicurare il mondo prima che sia troppo tardi”, “L’arsenale nucleare degli Stati Uniti è ancora configurato per contrastare la minaccia da guerra fredda di un massiccio attacco nucleare russo… la riconfigurazione della forza nucleare per affrontare l’ambiente delle reali minacce del XXI.mo secolo potrebbe ridurne drasticamente le dimensioni nel prossimo decennio, senza sacrificare le vitali missioni militari”.

y8uuQLa Russia incrementa il potenziale nucleare
Il 3 gennaio il portavoce del ministero della Difesa ha detto che l’esercito russo prevede di testare circa 70 tipi di razzi e missili presso un importante poligono, per quest’anno. Secondo il colonnello Igor Egorov, portavoce del ministero, il programma dei test al poligono di Kapustin Jar, nella Russia meridionale, riguarderà circa 300 lanci di razzi, missili e droni di oltre 180 programmi di ricerca e sviluppo. Lo sforzo non si limita al “prolungamento della vita operativa” o all’aggiornamento tecnico dei vecchi sistemi presenti nell’arsenale come: i missili balistici intercontinentali (ICBM) SS-18, SS-19 e SS-25 e i missili balistici lanciati da sottomarini (SLBM)  SS-N-18 e SS-N-23. L’obiettivo è sostituire una forza obsolescente con nuovi missili, testate e piattaforme. Il Tenente-Generale Sergej Karakaev, il comandante in capo delle Forze missilistiche strategiche, ha annunciato che l’intera forza nucleare strategica russa sarà aggiornata entro il 2021.  La maggior parte dei missili balistici intercontinentali russi è alla fine della vita utile, ciò rende l’implementazione e l’ammodernamento dei missili attuali e nuovi fondamentale per mantenere le capacità nucleari del Paese. Attualmente, la maggioranza degli ICBM della Russia è costituita dai vecchi missili balistici intercontinentali SS-18, SS-19 e SS-25 entrati in servizio nell’era sovietica. La Russia vuole sostituire entro il 2016 108 di questi vecchi missili con i nuovi e più avanzati RS-24 Jars-M (SS-29) e Topol-M (SS-27)  mobili, così come 30 SS-19 di nove divisioni basate sui silo.
Nel corso della riunione allargata del Ministero della Difesa del 10 dicembre, Putin ha dettagliato gli sforzi per la modernizzazione delle forze nucleari, ricordando che la Russia deve ricevere 40 ICBM avanzati e aggiornati. Faceva seguito a un vertice con i leader delle forze missilistiche strategiche russe, alla fine del novembre scorso, dove furono discussi in dettaglio i piani per il dispiegamento di 40 ICBM RS-24 Jars-M, 22 sui silo e 18 mobili. Mosca ha annunciato che implementerà un nuovo missile balistico intercontinentale pesante a propellente liquido nel 2018, che vanta caratteristiche superiori a tutti i precedenti missili russi, compresa l’immunità dai sistemi di difesa missilistica. La Russia ha sviluppato un nuovo ICBM a propellente solido, l’RS-26, da testare per la fine di quest’anno. Poche caratteristiche sono note, mentre il missile sarebbe dotato di una nuova testata. La Russia sta attuando il programma degli otto nuovi sottomarini nucleari della classe Borej per l’arsenale della marina, divenendo il nucleo della forza nucleare strategica navale, mentre vengono sostituiti i vecchi sottomarini Typhoon, Delta III e IV. Ogni Borej è dotato di 16 (le versioni successive ne avranno 20) nuovi SLBM Bulava. Il PAK-DA, nuovo bombardiere a lungo raggio, è in via di sviluppo per sostituire la sempre più obsoleta flotta di bombardieri strategici Tu-95MS Bear e Tu-160 Blackjack. L’aeromobile sarà equipaggiato con i nuovi missili da crociera nucleari Kh-101 e Kh-102 che vantano una gittata di 10000 km. Armi nucleari tattiche potranno essere configurate anche per i nuovi cacciabombardieri Su-34 recentemente introdotti in servizio.

Cause e ragioni di tale posizione
La Russia vede una minaccia nello sviluppo dell’iniziativa Prompt Global Strike che consente agli Stati Uniti di colpire obiettivi in tutto il mondo con armi convenzionali in meno di un’ora, così come lo sviluppo della difesa missilistica statunitense, che modifica la bilancia globale del potere. In  risposta s’è concentrata sul rafforzamento del deterrente nucleare. Poco prima di del suo terzo mandato a presidente della Russia, Vladimir Putin ha scritto un articolo per la rivista Foreign Policy, in cui ha sottolineato la particolare importanza per Mosca del suo potenziale strategico. Il Presidente ha osservato che, “In un mondo in sconvolgimento c’è sempre la tentazione di risolvere i propri problemi a spese di qualcun altro, attraverso la pressione e la forza. In altre parole, non dobbiamo tentare nessuno permettendoci di essere deboli. Noi, in nessun caso, cederemo la nostra  deterrenza strategica. Infatti, la rafforzeremo”. Parlando al suo annuale indirizzo alla nazione del dicembre 2013, il Presidente Putin ha sottolineato, “L’incremento in Paesi stranieri dei propri sistemi strategici ad alta precisione non nucleari e l’ampliamento delle possibilità della difesa antimissile, potrebbero rovinare gli accordi precedentemente raggiunti sul controllo e la riduzione degli armamenti nucleari, rompendo il cosiddetto equilibrio strategico… Nessuno dovrebbe farsi illusioni sulla possibilità di superare militarmente la Russia”, ha detto. “Non lo permetteremo mai”. Il 23 giugno, il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov suggeriva che riduzioni oltre i livelli del nuovo START renderanno gli arsenali nucleari di Stati Uniti e Russia paragonabili a quelli di altri Paesi con armi nucleari. “Ciò significa che ulteriori eventuali proposte per la riduzione effettiva delle armi strategiche offensive, dovranno essere riviste multilateralmente. Parlo non solo delle potenze nucleari ufficiali, ma di tutti i Paesi che possiedono armi nucleari”, ha detto Lavrov alla TV Rossija 1. La Russia insiste sul fatto che ulteriori riduzioni nucleari dipendono anche dalla risoluzione delle sue preoccupazioni sui piani della difesa missilistica strategica degli Stati Uniti. La difesa missilistica, i programmi di modernizzazione in corso delle forze nucleari, il concetto Prompt Global Strike, l’evidente superiorità degli Stati Uniti nelle armi non nucleari di alta precisione a lungo raggio, la crescente proliferazione delle armi nucleari nel mondo (aspetto che gli Stati Uniti evitano di prendere in considerazione, pur presentando proposte sui tagli delle forze strategiche), tutti questi fattori definiscono la posizione della Russia sulla questione… Speriamo che questi temi scottanti siano nell’agenda del prossimo evento dell’Aia, venendo affrontati costruttivamente da tutti i partecipanti che realmente si sforzano di rendere il mondo un posto più sicuro rispettando ogni altra preoccupazione e agendo concretamente, invece di insistere con dure parole dal senso torbido, come ogni tanto accade nei migliori eventi mondiali.

TBXjbTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

IL PRIMO RAGGIO – L’arsenale strategico di Mosca 1943-2013

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 351 follower