Gli Stati Uniti perseguono il caos generale: ora tocca all’Asia

Dedefensa, 9 aprile 2014

8860548Dato lo stato generale della situazione mondiale, rafforzata splendidamente dalla crisi ucraina, gli Stati Uniti cercano di capitalizzare l’estensione della svolta in Asia. Perché portare il caos anche in Asia? E’ vero che questa zona è un po’ indietro rispetto alla situazione europea, del Medio Oriente ed anche negli Stati Uniti, soprattutto in relazione alla situazione di Washington, dell’amministrazione Obama, del Congresso e della politica degli Stati Uniti, ecc. Si tratta di correttezza ed equilibrio. Questa è l’ipotesi che siamo portati a fare osservando la tensione ottenuta dagli Stati Uniti con le loro ultime dichiarazioni che promuovono solo il peggioramento delle cattive relazioni, in particolare tra Giappone e Filippine, da un lato, e Cina dall’altra. Il risultato è il progressivo indurimento della posizione della Cina contro gli Stati Uniti, con parole e giudizi di durezza mai vista, espresse in occasione della visita di Chuck Hagel in Cina e prima del viaggio  asiatico di Obama. Tyler Durden sviluppa un’osservazione della situazione su Zerohedge del 9 aprile 2014.
A quanto pare mettendo via i convenevoli diplomatici, i cinesi sono stati diretti con Chuck Hagel, mentre pone le basi per il viaggio in Asia del presidente Obama a fine mese (che dovrà visitare Giappone, Malesia e Filippine, tutti con conflitti territoriali diretti con la Cina). Come riporta Reuters, “Obama deve prestare seria considerazione a tale problema quando si tratta di Asia… La Cina ha già inviato questo messaggio durante gli incontri con Hagel”, ha detto Ruan Zongze, ex- diplomatico cinese presso l’Istituto di Studi Internazionali di Pechino, un think tank legato al ministero degli Esteri della Cina. “Gli Stati Uniti prendono una direzione che non vogliamo vedere, schierandosi con Giappone e Filippine, e la Cina è molto scontenta di ciò.” (…) Questi commenti dalla Cina sono senza precedenti… “il ministro della Difesa cinese Chang Wanquan ha detto ad Hagel che Washington dovrebbe frenare il Giappone e rimproverare le Filippine. Chang ha detto apertamente ad Hagel che “i cinesi non sono contenti” del sostegno degli Stati Uniti al Giappone e al Sud-Est asiatico, secondo una dichiarazione apparsa sul sito del ministero della Difesa cinese. L’influente tabloid Global Times, pubblicato dall’ufficiale Quotidiano del Popolo del Partito Comunista, ha scritto in un editoriale che tali parole forti “non sono state sentite molto in passato”.” Tyler cita ancora Ruan Zongze: “(I funzionari cinesi) sperano che la visita di Obama non sia usata per radunare altri Paesi contro la Cina. Se si ascolta la dura retorica dei vertici dell’amministrazione degli Stati Uniti, questa è una vera e propria preoccupazione.” “Loro (i funzionari cinesi) cercano di capire se è la bassa popolarità statunitense a spingere a fare commenti che non può fare il capo, o se ci si muove in un crescendo…” “Penso che ci sia la preoccupazione che tale dibattito possa essere influenzato in modo sostanziale se Obama facesse commenti molto espliciti in questo viaggio, che potrebbero capovolgere l’equilibrio interno e rendere più difficile per Xi sottolineare come fondamentale il rapporto sino-statunitense“.”
Naturalmente, tale atteggiamento degli Stati Uniti in Asia verso la Cina contrasta curiosamente con i loro sforzi per dividere Cina e Russia sulla crisi ucraina, come se non ci fosse un coordinamento tra queste due politiche; ovviamente l’ipotesi più accettabile è che il caos sia particolarmente florido nel governo degli Stati Uniti, come abbiamo visto. Pertanto, si prevede il rafforzamento dei legami tra la Cina e la Russia nelle rispettive crisi, dei BRICS, della Shanghai Cooperation Organization, ecc.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Casa Bianca mente all’UE sulle forniture di gas dagli USA

William Engdahl New Oriental Outlook 04/07/2014

shale-gas-rigs-in-british-columbia-source-flickr-nexen-400pxLa Casa Bianca e il dipartimento di Stato con faccia di bronzo hanno fatto promesse ai governi dell’UE sulla capacità degli Stati Uniti di fornire abbastanza gas da sostituire quello fornito dai russi. Le recenti dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti Obama e del segretario di Stato John Kerry sono così palesemente false da tradire una disperazione incredibile a Washington sulla situazione in Ucraina contro Mosca. O suggerisce che Washington è così al di fuori da qualsiasi realtà fattuale, che semplicemente ignora ciò che dice. In entrambi i casi, si dimostra un partner diplomatico inaffidabile per l’UE. Dopo il suo recente incontro con i capi dell’UE, Obama ha fatto una dichiarazione incredibile sul Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP)  segretamente negoziato, a porte chiuse, dalle grandi multinazionali per facilitare agli Stati Uniti l’esportazione di gas in Europa contribuendo a ridurne la dipendenza dall’energia russa: “Una volta attuato l’accordo commerciale, i titoli dei progetti d’esportazione del gas naturale liquefatto per l’Europa saranno molto più semplici, qualcosa di ovviamente rilevante nel contesto geopolitico attuale“, ha dichiarato Obama. Quel po’ di opportunismo politico per cercare di sostenere i colloqui in stallo sul TTIP, giocando sui timori europei di perdere il gas russo dopo il colpo di Stato orchestrato in Ucraina il 22 febbraio, ignora il fatto che il problema d’inviare il gas di scisto dagli Stati Uniti all’UE non riguarda l’alleggerimento delle procedure di autorizzazione del GNL negli USA e nell’UE. In altre recenti dichiarazioni, riferendosi al recente boom del gas di scisto non convenzionale negli Stati Uniti, Obama e Kerry hanno affermato che gli Stati Uniti potrebbero sostituire tutto il gas russo per l’UE, una bugia irrealistica. Alla riunione di Bruxelles, Obama ha detto ai capi europei che dovrebbero importare gas di scisto dagli Stati Uniti sostituendo quello russo. Ma qui c’è un problema enorme.

La fallimentare rivoluzione del gas di scisto
Numero uno, la “rivoluzione dello shale gas” negli Stati Uniti è fallito. Il drammatico aumento della produzione di gas naturale degli Stati Uniti con il “fracking” o l’estrazione del gas dalle formazioni di roccia di scisto è stato abbandonato dalle maggiori compagnie energetiche come Shell e BP, essendo antieconomico. Shell ha appena annunciato una forte riduzione della sua esposizione nello sviluppo del gas di scisto negli Stati Uniti. Shell vende i suoi contratti di locazione su circa 700000 ettari di terre di gas di scisto, nelle principali aree di gas di scisto di Texas, Pennsylvania, Colorado e Kansas, e dice che può sbarazzarsene di altri per fermare le perdite dovute al gas di scisto. Il CEO di Shell, Ben van Beurden, ha dichiarato: “La gestione finanziaria non è francamente accettabile… alcune delle nostre puntate esplorative non hanno semplicemente prodotto nulla“. Una sintesi utile dell’illusione sul gas di scisto viene da una recente analisi dei risultati di diversi anni di estrazione di gas di scisto negli Stati Uniti da parte dell’analista David Hughes, che osserva, “la produzione di gas di scisto è cresciuta in modo esplosivo arrivando a quasi il 40 per cento della produzione di gas naturale degli Stati Uniti. Tuttavia, la produzione è stagnante dal dicembre 2011; l’ottanta per cento della produzione di gas di scisto proviene da cinque campi, molti dei quali in declino. I tassi molto elevati del declino dei pozzi di gas di scisto richiedono input continui di capitale stimati in 42 miliardi dollari all’anno per perforare più di 7000 pozzi, solo per mantenere la produzione. In confronto, il valore del gas di scisto prodotto nel 2012 è stato di appena 32,5 miliardi di dollari“. Quindi Obama è stato ingannato dai suoi consiglieri sul vero stato delle forniture di gas di scisto negli Stati Uniti, o mente volontariamente. Il primo è più probabile.
Il secondo problema con l’”offerta” degli Stati Uniti di gas all’UE per sostituire il gas russo, è il fatto che richiede una enorme e costosa infrastruttura costruendo nuovi terminali per il gas naturale liquefatto, in grado di gestire le enormi supercisterne di GNL per portarlo negli altrettanto enormi terminali GNL nei porti dell’UE. Il problema è che a causa di varie leggi statunitensi sull’esportazione di beni energetici e l’approvvigionamento nazionale, non esistono terminali di liquefazione di GNL operativi negli Stati Uniti. L’unico attualmente in costruzione è il terminale ricevente Sabine Pass GNL, a Cameron Parish in Louisiana, di proprietà della Cheniere Energy, dove John Deutch, ex-capo della CIA, siede nel CdA. Il problema con il terminale Sabine Pass GNL è che la maggior parte del gas è stato pre-contrattato da coreani, indiani ed altri clienti asiatici, non dall’UE. Il secondo problema è che anche vi fosse un’enorme capacità nei porti da poter sostituire le forniture russe di gas all’UE, ciò aumenterebbe i prezzi sul mercato interno del gas naturale superiore, riducendo il mini-boom produttivo alimentato dall’abbondante gas di scisto a buon mercato. Il costo finale per i consumatori europei del GNL degli Stati Uniti sarà molto più elevato del gas russo inviato tramite la pipeline Nord Stream o l’Ucraina. Il problema successivo è che non ci sono le supercisterne specializzate in GNL per rifornire il mercato comunitario. Tutto ciò richiederà, compresi autorizzazioni ambientali e tempi di costruzione, circa sette anni in media e nelle migliori condizioni.
L’UE oggi riceve circa il 30% del suo gas, la fonte energetica in più rapida crescita, dalla Russia. Nel 2007 la russa Gazprom ne ha fornito il 14 per cento alla Francia, il 27 per cento all’Italia, il 36 per cento alla Germania. Finlandia e Stati baltici ricevono il 100 per cento di gas importato dalla Russia. L’Unione europea non ha alcuna alternativa realistica al gas russo. La Germania, la maggiore economia, ha stupidamente deciso di eliminare gradualmente l’energia nucleare e la sua “energia alternativa” eolica e solare è un disastro economico e politico dai costi dell’elettricità per i consumatori che esplodono, anche se quelle alternative sono una parte minuscola del mercato totale. In breve, l’idea chimerica di chiudere il gas russo e aprire invece il gas degli Stati Uniti, è priva di senso economico, energetico e politico.

F. William Engdahl è consulente sul rischio strategico e docente, laureato in politica alla Princeton University, è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “New Oriental Outlook“.

Gas1a
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La guerra delle sanzioni: Washington minaccia la Russia sull’”accordo anti-petrodollari”

Mosca si vendica, accordi commerciali bilaterali con “il Gold Standard dei Petro-Rubli”
Tyler Durden Global Research, 5 aprile 2014

Russia100rubles04frontSulla scia del possibile “Santo Graal” dell’accordo gasifero tra Russia e Cina (2) e dell’accordo Russia-Iran sul “baratto” petrolifero (3), sembra che gli Stati Uniti siano molto preoccupati per l’onnipotenza del loro petrodollaro.
- Gli USA avvertono Russia e Iran contro il possibile accordo petrolifero
- Gli USA dicono che tale accordo innescherebbe delle sanzioni
- Gli USA hanno espresso preoccupazioni al governo iraniano tramite ogni canale
Abbiamo il sospetto che le sanzioni avranno più denti di pochi divieti di visto, ma come abbiamo notato in precedenza, è altrettanto probabile che sarà un’altra epica debacle geopolitica dovuta a ciò che originariamente doveva essere una dimostrazione di forza, che invece si trasforma rapidamente nella definitiva conferma della debolezza. Come abbiamo spiegato all’inizio della settimana, la Russia sembra perfettamente felice di far capire di essere disposta ad utilizzare il baratto (e “il cielo non voglia” l’oro) e prossimamente altre valute “regionali”, al posto del dollaro statunitense, a scorno invece di quanto previsto dal blocco occidentale, che sembra essere fallito danneggiando perciò l’intoccabilità del Petrodollaro…
Se Washington non fermerà questo accordo, sarà il segnale per gli altri Paesi che gli Stati Uniti non rischieranno ulteriori dispute diplomatiche a spese delle sanzioni“. Ed ecco Voce della Russia, “la Russia si prepara ad attaccare il petrodollaro”: “ La posizione del dollaro come valuta di base del commercio globale dell’energia fornisce agli Stati Uniti una serie di vantaggi sleali. Sembra che Mosca sia pronta ad evitare tali vantaggi”. (4) I “petrodollari” sono uno dei pilastri della potenza economica degli USA perché creano la forte domanda estera di banconote statunitensi, permettendo agli Stati Uniti di accumulare impunemente enormi debiti. Se un acquirente giapponese compra un barile di petrolio saudita, deve pagarlo in dollari anche se nessuna compagnia petrolifera statunitense tocca quel barile. Il dollaro da tempo ha una posizione dominante nel commercio globale, tanto che anche i contratti sul gas della Gazprom con l’Europa hanno prezzi e sono pagati in dollari statunitensi. Fino a poco prima, una parte significativa degli scambi UE-Cina avveniva in dollari. Ultimamente, la Cina ha tentato, presso i BRICS, di sloggiare il dollaro dalla posizione di prima valuta globale, ma la “guerra delle sanzioni” tra Washington e Mosca ha dato impulso al tanto atteso lancio del petrorublo sottraendo le esportazioni energetiche russe alla valuta statunitense. I principali sostenitori di questo piano sono Sergej Glazev, consigliere economico del presidente russo, e Igor Sechin, amministratore delegato di Rosneft, la maggiore compagnia petrolifera russa e stretto alleato di Vladimir Putin. Entrambi assai decisi nel tentativo di sostituire il dollaro con il rublo russo. Ora, alcuni alti funzionari russi portano avanti il piano.
In primo luogo, è stato il ministro dell’Economia Aleksej Uljukaev a dire al notiziario Russia 24 che le compagnie energetiche russe dovrebbero abbandonare il dollaro. “Devono essere più coraggiose firmando contratti in rubli e valute dei Paesi partner“, ha detto. Poi il 2 marzo, Andrej Kostin, amministratore delegato della statale VTB Bank, ha dichiarato alla stampa che Gazprom, Rosneft e Rosoboronexport, azienda statale specializzata nelle esportazioni di armi, inizieranno ad operare in rubli. “Ho parlato con le direzioni di Gazprom, Rosneft e Rosoboronexport e non sono preoccupate di passare al rublo per l’esportazione. Hanno solo bisogno di un meccanismo per farlo“, ha detto Kostin ai partecipanti della riunione annuale dell’Associazione delle banche russe. A giudicare dalla dichiarazione fatta nella stessa riunione da Valentina Matvenko, speaker della Camera alta del Parlamento russo, è lecito ritenere che nessuna risorsa verrà risparmiata per creare tale meccanismo. “Alcuni decisori ‘teste calde’ hanno già dimenticato che la crisi economica globale del 2008, che colpisce ancora il mondo, ha avviato il crollo di alcuni istituti di credito di Stati Uniti, Gran Bretagna e altri Paesi. Questo è il motivo per cui riteniamo che eventuali azioni finanziarie ostili siano una lama a doppio taglio e anche il minimo errore gli tornerà contro come il boomerang degli aborigeni“, ha detto. Sembra che Mosca abbia deciso il responsabile del “boomerang”. Igor Sechin, l’amministratore delegato di Rosneft, nominato a presiedere il consiglio di amministrazione della Borsa di San Pietroburgo, una borsa specializzata. Nell’ottobre 2013, intervenendo al World Energy Congress in Corea, Sechin ha chiesto un “meccanismo globale per il commercio del gas naturale” e suggerito che “era opportuno creare una borsa internazionale tra i Paesi partecipanti, in cui le operazioni possano essere registrate in valute regionali“. Ora, uno dei leader più influenti della comunità di commercio energetico globale ha lo strumento perfetto per realizzare questo piano. Una borsa in cui i prezzi di riferimento del petrolio e del gas naturale russi saranno fissati in rubli anziché in dollari, infliggendo un forte colpo ai petrodollari. Rosneft ha recentemente firmato una serie di grandi contratti per le esportazioni di petrolio in Cina ed è prossima a firmare un “accordo jumbo” con le aziende indiane. In entrambe le occasioni non si parla in dollari. Reuters riferisce che la Russia è prossima a una transazione beni-per-petrolio con l’Iran che darà a Rosneft circa 500000 barili di petrolio iraniano al giorno da vendere sul mercato globale. Casa Bianca e russofobi del Senato sono lividi e cercano di bloccare la transazione perché apre certi serissimi scenari sgradevoli per i petrodollari. Se Sechin decide di vendere il petrolio iraniano in rubli attraverso la borsa russa, tale mossa aumenterà le possibilità del “petrorublo” di danneggiare i petrodollari.
Si può dire che le sanzioni statunitensi hanno aperto il vaso di Pandora dei problemi per la banconota statunitense. La rappresaglia russa sarà sicuramente spiacevole per Washington, ma cosa succederà se altri produttori e consumatori del petrolio decidessero di seguire l’esempio della Russia? Il mese scorso la Cina ha aperto due centri per elaborare i flussi commerciali in yuan, a Londra e a Francoforte. I cinesi preparano una mossa simile contro il biglietto verde? Lo scopriremo presto. Infine, chi è curioso di ciò che può succedere, non solo in Iran, ma in Russia, è invitato a leggere “Dal petrodollaro al petro-oro: Gli Stati Uniti cercano di tagliare l’accesso dell’Iran all’oro“. (5)

gasmap2_960Copyright © 2014 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Ucraina: sanzioni stellari e terroristi di regime

Alessandro Lattanzio, 5/4/2014

Il Presidente israeliano Peres chiede al Presidente russo: Vladimir, ma tu hai qualche antenato ebreo?
Putin: Che cosa te lo fa pensare, Shimon?
Peres: Sei riuscito a far spendere 5 miliardi di dollari agli americani per farti consegnare la Crimea. Nemmeno un ebreo, avrebbe trovato tanto coraggio!

1897814Il procuratore capo di Crimea Natalija Poklonskaja, di fronte al mandato d’arresto dei golpisti a Kiev, ha dichiarato “Nei 12 anni che ho lavorato nell’ufficio del Procuratore Generale, ho avuto a che fare con la criminalità organizzata ed imprigionato molti criminali. Il mio aspetto non è mai stato un ostacolo. Spero che inganni i nemici. La costituzione dice che l’unico potere in Ucraina e ripeto l’unico potere in Ucraina, è il popolo“. La popolarità sulla rete di Poklonskaja ha disturbato i golpisti a Kiev, che l’hanno accusata di aver organizzato un colpo di Stato. “Non ho paura di dire la verità. Non sono un criminale. Non promuovo il nazismo, come le nuove autorità a Kiev. Se vogliono avviare un procedimento penale contro di me, non ne ho paura. La cosa principale è che una nuova fase della vita inizia da zero in uno Stato dignitoso e grande come la Russia“. Nel frattempo “il disegno di legge presentato in parlamento dal Presidente Vladimir Putin, abroga gli accordi che regolano lo status e le attività della Flotta del Mar Nero in Ucraina“, dichiarava il Viceministro degli Esteri Grigorij Karasin. “Voglio sottolineare che poniamo fine all’accordo“. Il Presidente Vladimir Putin ha firmato la legge che abroga gli accordi bilaterali con l’Ucraina sullo stazionamento della flotta del Mar Nero e l’accordo tra Mosca e Kiev sullo sconto di 100 dollari sul gas russo per l’Ucraina. Il prezzo così aumentava a 485,50 dollari per 1000 metri cubi di gas il 1° aprile, essendo Kiev incapace di pagare le forniture dell’anno precedente. Il debito complessivo dell’Ucraina verso la Russia, dopo la cessazione degli accordi sulla Flotta del Mar Nero del 2010, ammonta a 11 miliardi di dollari. L’esercito russo elabora il programma per la sicurezza della Crimea al 2020, assicurando l’operatività dei militari russi nella regione. Il Ministero della Difesa ha discusso le questioni relative al dispiegamento e sviluppo delle forze russe in Crimea.
L’ex vicedirettore della CIA Michael Morell ha detto che le decine di migliaia di truppe russe al confine ucraino potevano prendersi “un terzo” dell’Ucraina se il Presidente Vladimir Putin “lo volesse”. “Lo scopo di queste truppe sarebbe occupare un terzo dell’Ucraina se Putin vuole, ma sarebbe difficile tenerselo. Quello che cerca è massimizzare il risultato diplomatico. Crede di essere in una posizione di forza e ci vuole al tavolo dei negoziati“. Intanto in Ucraina, dove il bilinguismo russo-ucraino è la normalità nella maggior parte del Paese, l’articolo 10 della Costituzione dichiara assurdamente che il russo è la lingua di una “minoranza nazionale” e inoltre, le prestazioni di Kiev rispetto alla Carta europea delle lingue regionali o minoritarie sono inadempienti verso le lingue minoritarie come rumeno, bulgaro, gagauz e rusyn che Kiev rifiuta di riconoscere. La risposta fuori luogo dei golpisti a Kiev che respingono il federalismo e i diritti delle lingue indebolisce ulteriormente la coesione dell’Ucraina. L’”amministrazione” di Kiev punta solo all’agenda militare-politica con la commissione NATO-Ucraina che ha dichiarato “Accogliamo con favore la firma dell’Ucraina dei capitoli politici dell’accordo di associazione con l’Unione europea, il 21 marzo” che naturalmente riguardano di più la NATO. Infatti l’accordo firmato il 21 marzo obbliga Kiev ad armonizzare la sua politica estera e di sicurezza con quella di Bruxelles, a sua volta subordinata alla NATO con il “Berlin plus agreement” del 2002. Tutto ciò “può solo minacciare la già fragile unità dell’Ucraina”. Difatti, i rappresentanti di Ucraina e NATO hanno discusso la possibilità d’inviare istruttori militari atlantisti in Ucraina per addestrare le forze ucraine. Secondo il ‘ministro’ della Difesa ucraino Andrej Deshitsa, “Abbiamo discusso la possibilità d’inviare gruppi mobili di istruttori militari in Ucraina per addestrarne le forze di difesa civile“. Il segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen non ha escluso l’invio di tali gruppi in Ucraina, ma ha escluso la possibilità di inviarvi unità armate della NATO. Comunque, oltre alla creazione della ‘guardia nazionale’ i golpisti ucraini hanno approvato 600 milioni di dollari di spese militari, un notevole balzo rispetto al bilancio del 2012 pari a 2 miliardi di dollari, ovvero l’1,1 per cento del PIL ucraino.
Il 31 marzo, a Kiev, tre persone, tra cui il vicecapo dell’amministrazione statale di Kiev, Bogdan Dubas, rimanevano ferite in una sparatoria nel ristorante Mafia. Un attivista neonazista di Fazione Destra aveva sparato contro Dubas, ferendolo assieme a due elementi dell”Autodifesa di Majdan’. Una banda armata di Fazione Destra recuperava l’attentatore dal ristorante riportandolo nella base dell’Hotel Dnepr. Il ‘ministro’ golpista degli Interni Avakov ha chiesto il bando di Fazione Destra con l’accordo del collega della Difesa Andrej Parubij. Oleg Tjagnibok, il capo di Svoboda, vi vede l’occasione di allontanare la sua figura da quella del nazista Dmitrij Jarosh. Il parlamento Ucraino, quindi, passava la risoluzione per disarmare immediatamente tutti i gruppi armati illegali, “Considerando la situazione politica straordinaria del Paese, l’aggravarsi della criminalità e delle provocazioni sistematiche da parte di cittadini stranieri nel sud-est dell’Ucraina e a Kiev, il parlamento obbliga il ministero degli Interni e il servizio di sicurezza dell’Ucraina a disarmare immediatamente le formazioni armate illegali“. A Mosca, il Servizio di Sicurezza Federale della Russia arrestava 25 ucraini che organizzavano attentati in Russia “Venticinque persone sono state identificate e detenute a seguito delle indagini relative all’intenzione dei membri della cosiddetta Fazione Destra di Majdan di compiere sabotaggi e terrorismo in sette regioni della Russia (Rostov, Volgograd, Tver, Orjol, Belgorod, repubbliche di Kalmukija e Tatarstan)“. Almeno  tre degli arrestati sono elementi del servizio di sicurezza ucraino (SBU), tra cui S. Sereda, nominato ufficiale dell’SBU dopo il colpo di Stato di febbraio. La loro missione era fotografare le postazioni e i movimenti dei militari russi nelle regioni confinanti con l’Ucraina. Avevano anche il compito di studiare la situazione politico-sociale e organizzare contatti con i rappresentanti di organizzazioni neonaziste russe, operando sotto la copertura di dipendenti di una ditta ucraina specializzata in foto per bambini.
Nel frattempo la NATO ha smesso qualsiasi cooperazione militare e civile con la Russia, tuttavia il Consiglio Russia-NATO continuerà a riunirsi per tenere aperto il dialogo con la Russia. Il Pentagono inoltre sospendeva i colloqui con la Russia sullo scudo della difesa antimissile in Europa. La viceassistente del segretario alla Difesa per la difesa nucleare e missilistica, Elaine Bunn, ha detto “L’intervento della Russia in Ucraina in violazione del diritto internazionale ha portato alla sospensione dei nostri dialoghi militari e civili, e non continueremo a coinvolgere la Russia sul tema della difesa missilistica“. Washington rifiuta d’introdurre restrizioni sulla difesa antimissile, come proposto dalla Russia. Il Viceministro degli Esteri russo Sergej Rjabkov ha risposto “Devo dire che la cooperazione non esiste in questo campo. La parte statunitense è ben consapevole del fatto che le opportunità di tale cooperazione potrebbero emergere se Washington accettasse di ascoltare la nostra richiesta di fornire garanzie affidabili e giuridicamente vincolanti a che il sistema di difesa missilistico globale costruito dagli Stati Uniti insieme ai suoi alleati della NATO e alcuni Paesi della regione asiatica e del Medio Oriente, non sia diretto contro la Russia. Ovviamente, questo modo di porre la questione non è più pertinente oggi per via della politica degli USA volta a inasprire le relazioni bilaterali con la Russia. Forse, col passare del tempo, la parte statunitense realizzerà l’assenza di qualsiasi alternativa a tale approccio, se certamente la politica di Washington non è totalmente dominata dall’aspirazione a garantire il potenziale della difesa missilistica iniziando a svalutare la nostra deterrenza nucleare strategica“. Gli Stati Uniti hanno sospeso la cooperazione con la Russia anche sui programmi nucleari civili. L’azienda di Stato nucleare russa Rosatom ha detto “Consideriamo questo passo sbagliato e in contraddizione con lo spirito costruttivo che avevamo con il dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti negli ultimi anni. L’energia nucleare è una questione molto seria. È necessario un approccio responsabile e professionale di tutti i partecipanti alla cooperazione internazionale. La politicizzazione è inutile. Qualsiasi tentativo di aggiungere restrizioni unilaterali in questo settore influenzeranno soprattutto i promotori di tali misure”. Washington congela anche la cooperazione tra l’agenzia spaziale NASA e la sua controparte russa sul partenariato spazio globale. Il direttore dell’Istituto di politica spaziale Ivan Moiseev ha avvertito la NASA che la sua mossa avrà un impatto “piuttosto rilevante” sui progetti di esplorazione spaziale. “La moderna scienza dello spazio è un fenomeno globale che avvantaggia tutti i Paesi. Significa che molti grandi progetti richiedono uno sforzo internazionale. Il blocco della cooperazione stimolerà una grave reazione contro il programma spaziale internazionale“, aggiungendo che tale blocco non avrà ripercussioni per l’industria della Russia che semplicemente adeguerà i suoi progetti alla nuova realtà. Secondo Jurij Karash, membro dell’Accademia Russa di Cosmonautica Tzjolkovskij, “Gli Stati Uniti saranno costretti a cooperare, perché al momento non possono inviare astronauti sulla stazione spaziale internazionale se non con le Sojuz russe”. Mosca ha anche denunciato la presenza delle navi da guerra statunitensi nel Mar Nero, che ha superato i termini previsti dalla convenzione internazionale, “Esiste la Convenzione di Montreux, che pone criteri estremamente chiari che limitano il dispiegamento di navi da guerra che non appartengono ai governi del Mar Nero, in materia di stazza e durata del soggiorno“, ha detto il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov. “Abbiamo notato che le navi da guerra statunitensi hanno esteso la loro presenza oltre i termini stabiliti, e per un paio di volte ultimamente e non sempre in conformità alle normative imposte dalla Convenzione di Montreux. Abbiamo anche richiamato l’attenzione di USA e Turchia su ciò. La nostra posizione è che tutti i principi della Convenzione devono essere rigorosamente rispettati. Vigileremo“. La Russia quindi ha richiamato per consultazioni il suo rappresentante permanente presso la NATO, Valerij Evnevich, “L’escalation artificiale della tensione politica non è una nostra scelta. Ma non vediamo l’opportunità di continuare la cooperazione militare con la NATO come se nulla fosse accaduto. Abbiamo deciso di consultare il rappresentante militare della Russia presso la NATO Valerij Evnevich“, ha dichiarato il viceministro della Difesa russo Anatolij Antonov.
Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha detto che il suo Paese si oppone alle sanzioni contro la Russia, alla luce del riavvicinamento economico e politico tra Ungheria e Russia. Dopo il rifiuto delle condizioni imposte dal FMI per rifinanziare il Paese, Viktor Orban s’è rivolto a Mosca per rilanciare il partenariato economico tra l’Ungheria e la Federazione russa. Nel caso dell’Ucraina, Budapest ha anche interesse a mantenere lo status quo linguistico che consente alla minoranza ungherese in Transcarpazia di vedere i suoi diritti rispettati. Motivo per cui questa comunità ha votato per il Partito delle Regioni Viktor Janukovich. Il governo ungherese è attento alle mosse degli oltranzisti golpisti a Kiev.

10154367Fonti:
Business Insider
ITAR-TASS
Global Research
Modern Tokyo Times
NEO
RBTH
Reseau International
Reseau International
Stop NATO
RIAN
RIAN
RIAN
RussiaToday
RussiaToday
Space Daily

Erdogan, il sultano della CIA!

Bahar Kimyongür al-Manar 03/04/2014/

Milioni di turchi, arabi e musulmani hanno visto Erdogan come l’eroe e liberatore dopo il suo spettacolo con Shimon Peres a Davos nel 2009. In effetti, era cinema. Come dimostra la sua nuova spedizione militare contro la Siria e il desiderio d’inscenare un finto attacco, il tutto al servizio dei suoi padroni di Washington. Bahar Kimyongür analizza la menzogna di tale “operazione bottino”…

1532150Una forza di spedizione jihadista addestrata nel sud della Turchia si muove verso la città costiera di Lataqia nel nord-ovest della Siria. Principalmente composta da europei, asiatici, nordafricani, turchi, arabi del Golfo e alcuni siriani sparsi, tra cui dei turkmeni, la Legione Straniera è l’ultimo cavallo di battaglia del primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan nella sua guerra per procura contro la Siria. Dopo la rivolta di milioni di turchi contro la sua politica repressiva e bellicosa, dopo le rivelazioni sul suo coinvolgimento in una vasta rete mafiosa e, soprattutto, dopo tre anni di fallimenti sul fronte siriano, Erdogan sembra scommettere tutto. Non aveva promesso ai suoi seguaci di pregare nella moschea degli Omayadi dopo aver rovesciato il governo siriano? Non riuscendo a realizzare il suo piano megalomane, Erdogan sente molto il bisogno di conquistare animo e terra dei popoli ribelli. Per questo, volentieri s’ispira al patrimonio imperiale del Paese, sognandosi novello Selim I, il sultano ottomano soprannominato “il terribile” o “il crudele”, che sottomise la Siria e l’Egitto nei primi anni del Cinquecento. Erdogan non battezzò a caso il terzo ponte sul Bosforo, attualmente in costruzione, con il nome del suo mentore imperiale. Come il sultano Selim, Erdogan vuole governare la Siria e l’Egitto. E come il sultano Selim, Erdogan ha inviato le sue truppe a massacrare aleviti, alawiti e altre comunità sospettate di infedeltà, eresia e vicinanza all’Iran. Tuttavia, a differenza del tremendo sultano-califfo, Erdogan è il tirapiedi di un potere più forte di lui, l’impero USA. La sua carriera politica a capo dello Stato è segnata dal desiderio di conciliare le ambizioni personali con gli interessi dei suoi padroni. Lo stesso per il suo sostegno imperturbabile a terrorismo e guerra in Siria, incoraggiato e sostenuto sin dall’inizio della crisi siriana dal partner strategico degli Stati Uniti.

False Flags anti-turche, CIA, Menderes e Erdogan
Le conversazioni top-secret tra funzionari turchi sui piani di Erdogan, diffuse la scorsa settimana sui social network, hanno rivelato che il capo dell’intelligence Hakan Fidan era pronto a bombardare il mausoleo del nonno del fondatore dell’Impero Ottomano, Sulayman Shah, che si trova in un’enclave turca in Siria, per giustificare l’entrata in guerra di Ankara contro Damasco. Il sultano neo-ottomano Erdogan era pronto a distruggere un tesoro nazionale per la propria gloria e indirettamente, per il bene degli USA. Non è la prima volta che un governo turco organizza, in coordinamento con Washington, un attacco fasullo contro un edificio turco di alto valore simbolico, per prevalere sui  più deboli. Nel 1955, i servizi segreti turchi perpetrarono un attacco sotto falsa bandiera(false flag) contro la casa di Mustafa Kemal Ataturk a Salonicco in Grecia. La Turchia accusò i comunisti di esserne gli autori. All’epoca, la Turchia era guidata da Adnan Menderes, primo ministro “islamo-conservatore” pro-USA. Con questa “strategia della tensione”, gli spettri turchi e statunitensi  cercarono di giustificare la guerra interna contro i comunisti turchi. In conseguenza di questo falso attacco del 6-7 settembre 1955, chiese greche e armene, sinagoghe, scuole, case e negozi furono saccheggiati, bruciati, uomini linciati nel cuore di Istanbul, per la loro identità religiosa. L’operazione fu orchestrata dall’esercito segreto della Gladio turca della NATO, in guerra contro la “minaccia comunista”. Precisamente, Adnan Menderes, negli anni ’50 l’uomo della CIA che coprì il pogrom di Istanbul, è anche il modello di Recep Tayyip Erdogan.

La guerra del regime di Ankara agli armeni siriani
Se il piano di attacco al mausoleo ottomano in Siria non ha avuto successo, armeni e altre minoranze in Siria, denunciate come “infedeli”, sono ora il nuovo obiettivo del regime di Ankara.  Infatti, dal primo giorno di primavera, orde di jihadisti provenienti dalla Turchia hanno invaso Qasab, villaggio armeno e alawita sulle pendici del Monte Casius nel nord-ovest della provincia costiera di Lataqia. Soprannominata “operazione bottino” (Anfal) dai capi jihadisti, questa nuova incursione barbara non potrebbe avere nome più azzeccato. Per facilitare l’avanzata degli invasori jihadisti, l’aviazione turca ha abbattuto un MiG-23 siriano che proteggeva Qasab. Erdogan ha rivendicato la violazione dello spazio territoriale turco da parte dell’aereo siriano abbattuto. Tuttavia, l’aereo è precipitato nella zona di Qasab, in Siria. Il pilota Ismayl Thabat non è superman né era dotato di una tuta alata. Paracadutandosi, logicamente è atterrato diversi chilometri all’interno della Siria. Il regime di Ankara ha attaccato non solo la Siria, ma anche fornito copertura aerea ai mercenari. Ad esempio, Quota 45 domina la zona montuosa Qastal Maf, presso Qasab, brevemente occupata dalla Legione straniera di Erdogan grazie al fuoco dell’artiglieria dell’esercito turco. E i jihadisti feriti in battaglia venivano trasferiti dai militari turchi negli ospedali nella provincia turca di Hatay. Davanti l’avanzata dei jihadisti, gli abitanti di Qasab e dei villaggi circostanti si rassegnarono a fuggire verso Lataqia. Solo pochi anziani armeni, probabilmente stanchi di essere ossessionati dallo spettro della migrazione, preferirono rimanere. Furono il bersaglio di violenze e umiliazioni: le loro case saccheggiate, crocifissi, bottiglie di vino e maiali distrutti davanti ai loro occhi, come riconosciuto dal signore della guerra saudita Abdullah Mhasna (France 24, 26 marzo 2014). Mentre i patrioti che resistevano all’assalto jihadista, furono assassinati. Come nel caso di Nazim Shihadah. Ad agosto, sua madre, sua moglie e due figli furono rapiti dai terroristi solo perché alawiti. Centinaia di civili e soldati siriani furono uccisi durante l’assalto jihadista turco nel nord della provincia di Lataqia.

Siria, un altro Vietnam degli Stati Uniti
Sarebbe ingenuo credere che gli Stati Uniti siano neutrali, disinteressati ed estranei a tale nuovo assalto contro il territorio siriano. Dall’inizio della guerra in Siria, le forze speciali degli Stati Uniti e la CIA sono discretamente presenti su entrambi i lati del confine turco-siriano. Il generale Paul E. Vallely, il senatore John McCain, l’intera vecchia guardia statunitense che ha combattuto in Vietnam hanno visitato i jihadisti nel nord della Siria, provenendo dalla Turchia di Erdogan. Decine di foto mostrano Vallely e McCain insieme ai capi jihadisti in Turchia e in Siria. La presenza statunitense  prova sufficientemente la cooperazione tra il governo di Erdogan e la dirigenza degli Stati Uniti nella guerra contro la Siria. Si noti incidentalmente che dall’invasione dell’Iraq, Erdogan s’era dichiarato vicepresidente del Programma del Grande Medio Oriente (“Büyük Ortadogu Projesinin Esbaskaniyim” in turco), il piano di conquista con il “soft power” dei Paesi arabi, sviluppato durante l’era George Bush. La rivoluzione colorata del marzo 2011 sponsorizzata da Washington (si ricordi la partecipazione dell’ambasciatore statunitense in Siria Robert Ford alle proteste antigovernative) fu repressa dallo Stato siriano, che ora affronta una rivolta terroristica sempre sponsorizzata da Washington. Nonostante i suoi battibecchi mediatici per via del suo temperamento, il primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan sembra essere il proconsole fedele e zelante pronto a reclutare tutti gli psicopatici del mondo nella sua campagna militare contro la Siria. Milioni di turchi, arabi e musulmani hanno visto in Erdogan un eroe e liberatore con il suo spettacolo “One Minute” con Shimon Peres, al vertice di Davos nel 2009. In realtà, Erdogan ha ereditato dai conquistatori sultani la loro arroganza e crudeltà. Tutto il resto è Hollywood.

560522
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 281 follower