Hezbollah impone le linee rosse!

Réseau International, al-Manar 13 luglio 2013

HezbollahUn piccolo esercizio di calcolo: sommate il numero di missili Scud con i Katjusha di Hezbollah, quindi aggiungeteli ai missili Shehab e Zelzal, e divideteli per 7 milioni e mezzo di abitanti, avrete  quanti proiettili toccherebbero ad ogni israeliano. Quanto al problema di geometria, disegnate tre cerchi intorno a Tel Aviv: il primo per la capacità di distruzione dello Shehab, il secondo per lo Scud e il terzo per le Katjusha. Assumendo che l’assalto contro Israele sarà coordinato tra Hezbollah, Iran e Siria, raccomandereste ad Hezbollah di lanciare solamente i suoi Scud e tenersi le Katjusha, e all’Iran di utilizzare il suoi Shehab. Valutate le vostre risposte in base alla posizione e alla gittata dei missili”. Questo passaggio di un articolo pubblicato sul quotidiano israeliano Haaretz e firmato dall’editorialista Zevi Bareil, illustra il livello di preoccupazione tra gli israeliani, dovuto alla minaccia esistenziale derivante dalla forza di deterrenza balistica costruita dalla resistenza libanese dal luglio 2006 ad oggi. Ma “lo Stato spaventato” è ciò con cui il governo israeliano vuole preparare l’opinione pubblica e l’esercito al prossimo conflitto con la Resistenza in Libano, “che sarà deciso in un solo mese“, secondo le parole del Capo di stato maggiore israeliano Benny Gantz. Tuttavia, Hezbollah ed Israele si trovano nell’equilibrio del terrore, il cui obiettivo è scoraggiare qualsiasi confronto. L’ex segretario alla Difesa statunitense Robert Gates l’aveva indicato quando disse che “Hezbollah ha assai più missili di molti governi.” Così, Israele ha di fronte due opzioni: o coabita con questa forza e si rassegna allo status quo, letteralmente l’opposto della sua dottrina militare basata sull’offensiva, o corre il rischio di uno scontro, di cui il comando ignora essenza e conseguenze, nonostante le affermazioni di Gantz.

Nasrallah punta sui missili della Resistenza
Hezbollah ha appreso l’arte della manipolazione da Israele. Il suo Segretario generale Sayad Hassan Nasrallah invia messaggi cifrati che il nemico sa leggere molto bene. Infatti, Israele ha decifrato il messaggio di Sayad Nasrallah. Negli ultimi anni, ha mobilitato a tutta velocità i suoi apparati d’intelligence per avere informazioni o dati sufficienti su armamento, addestramento e preparazione dei piani per il prossimo scontro. Il comando militare israeliano ha sviluppato un piano per misurare il tasso d’incremento degli armamenti di Hezbollah. Gli indicatori sono stati misurati in due fasi: la prima ha avuto inizio con la fine dell’offensiva di luglio ed è continuata fino al 2010; Hezbollah ha realizzato un salto di qualità, secondo le confessioni dello Shin Bet israeliano. Riguardo la seconda fase, è la più importante perché collegata alla crisi siriana durante cui Hezbollah ha ridotto le distanze negli armamenti acquisendo sistemi di difesa antiaerea super sofisticati e missili “Scud”.

Il punto di forza di Hezbollah dopo la guerra di luglio
Come primo passo, la testimonianza dell’ex direttore del “Servizio di ricerca” presso il Dipartimento d’intelligence, Generale di brigata Yossi Bedetz, ha indicato alla commissione per gli affari esteri e la sicurezza della Knesset, nel 2010, una realtà dolorosa per il pubblico israeliano quando ha detto francamente che Hezbollah ha un arsenale composto da migliaia di missili balistici di tutti i tipi e per tutte le distanze, tra cui missili a combustibile solido più precisi e di maggior gittata, concludendo che l’Hezbollah del 2010 era molto diverso da quello del 2006. Le stime israeliane sulla quantità di missili in possesso della Resistenza, sono aumentate come illustrato di seguito: da 12.000 razzi, secondo lo “studio Aviad”, si è arrivati a più di 20.000 secondo il ministro della Difesa d’Israele, Yehuda Barak, nell’agosto 2007. Poi un numero è stato finalmente adottato, le fonti dell’intelligence parlano di 42.000 razzi tipo “Katjusha”, “Raad”, “Zelzal”, “Khayber” e “Fateh 110“, con una gittata di 250-300 km e testate esplosive. Tale mutamento delle dimensioni è stato dimostrato nel 2010, secondo i servizi segreti israeliani, con l’acquisizione dei missili M-600, considerati più precisi dei missili precedenti e in grado di raggiungere una gittata di 250 km e di trasportare una testata di circa mezza tonnellata. Per non parlare di altri missili Scud trasferiti dalla Siria, con una gittata massima di 500 km e dotati di testate di mezza tonnellata, e dei missili tipo “Zelzal” da 400 km di gittata e dotati di un testata del peso di circa 300 kg.
Il dibattito in Israele in questi giorni  non s’incentra più sui missili “Kornet” e “Metz” che Hezbollah aveva prima della guerra, ma su un tipo più pericoloso e mortale. Dal 2008, Hezbollah detiene il successore del missile Kornet, il missile anticarro russo chiamato “Krizantema” con una gittata di sei chilometri e che può penetrare la corazza di tutti i tipi di carri armati. Il punto di svolta della deterrenza a favore della Resistenza si è verificato con l’avvio degli eventi siriani. Ciò che la leadership israeliana più temeva è diventato realtà, dal momento che Israele non è in grado di fare nulla per fermare l’acquisizione di armi da parte di Hezbollah, che sta accrescendo di giorno in giorno le proprie capacità.

Autosufficienza
_41902528_leb_missile_map416_18Hezbollah è riuscito a raggiungere diversi obiettivi mortali per la deterrenza israeliana. L’ex presidente del “Dipartimento d’intelligence militare” delle IDF, Generale Amos Yadlin, in uno studio sulla Resistenza è giunto a una conclusione sconvolgente per gli israeliani. Afferma che “tutte le armi di Siria e Iran, convenzionali o meno, sono giunte ad Hezbollah.” Stesso discorso dal suo collega, il presidente della “Direzione sicurezza e politica” del ministero della Difesa israeliano, Amos Gilad, che in un’ammissione, la prima del genere, conferma una verità incrollabile: “Hezbollah ha missili “Scud-D” da 700 km di gittata, in grado di trasportare una testata da 150kg, o testate biologiche e chimiche, in grado di colpire qualsiasi luogo d’Israele da un qualsiasi punto in Libano.” Questo “concerto horror” si è concluso con l’adesione del commentatore militare del sito web “Walla” Amir Boukhbot, che crede che “l’acquisizione da parte della Resistenza” degli Scud, “cambierà l’equilibrio politico in Medio Oriente. Basta infliggere un solo colpo per creare un forte effetto deterrente“, avvertiva.
Il nemico era appena venuto a conoscenza della presenza dei missili Scud della Resistenza, che uno studio del direttore del “Progetto sull’equilibrio militare in riserva nel Medio Oriente”, Yiftakh S. Shapir allertava a febbraio contro “gli effetti dell’acquisizione da parte della Resistenza di armamenti che potrebbero influenzare l’equilibrio strategico regionale.” Shapir parlava del male assoluto, i nuovi sistemi che potrebbero essere trasmessi al Libano e che potrebbero togliere il sonno ai responsabili della sicurezza e ai politici di Tel Aviv. I sistemi sono lo Stirlitz e il Pantsir-S1 da difesa area. Shapir ha sviluppato nel suo studio una serie di linee rosse che Israele non dovrebbe permettere di superare, altrimenti verrebbe sconvolto l’equilibrio, in favore di Hezbollah.
La prima linea è impedire l’ingresso in Libano del sistema di difesa aerea SA-17, un sofisticato sistema lanciamissili contraereo… Il secondo è il sistema missilistico antinave “Bastion”. Installato sulle coste libanesi coprirebbe il litoraneo israeliano. Inoltre, il missile supersonico antinave russo “Jakhont” renderà molto difficile il compito d’interdizione della marina israeliana.
Con l’entrata in azione del drone “Ayub” lanciato da Hezbollah lo scorso ottobre nello spazio aereo della Palestina occupata, per una profondità di 55 km, la Resistenza in Libano ha introdotto la prima equazione della deterrenza aerea nella storia del conflitto con Israele. Questo gli ha permesso di minare il sistema di protezione dello spazio aereo israeliano, ora penetrabile, soprattutto se questo velivolo e il suo successore, “Mersad”, non sono gli unici due dispositivi che possiede Hezbollah, secondo le fonti del Dipartimento d’intelligence militare.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il dilemma di Washington: “terroristi buoni” contro “terroristi cattivi”

Dr. Ismail Salami Global Research, 26 dicembre 2012

cia-mossad-mko-alliance-for-iranian-scientists-assassinationIl terrorismo è terrorismo e non può essere definito altrimenti, a meno che una delle parti lo sbilanci contro l’altra; e la dicotomia dei terroristi in Siria in buoni e cattivi, da parte dell’Occidente, mette in dubbio le sue dichiarazioni sulla democrazia. Con cupo tono politico, il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha definito “assolutamente inaccettabile” il sostegno dell’occidente ai terroristi in Siria, nella sua intervista esclusiva con Russia Today. Lavrov ha detto che l’occidente ha diviso i terroristi in “cattivi” e “accettabili”, dando il suo appoggio a questi ultimi. “E’ assolutamente inaccettabile, seguendo questa logica potremmo trovarci in una situazione molto pericolosa, non solo in Medio Oriente, ma in altre parti del mondo, se i nostri partner occidentali dovessero cominciare a qualificare i terroristi in terroristi cattivi e terroristi accettabili“, ha detto il Ministro degli Esteri russo.
La dicotomia dell’occidente su tale grave problema, non è per nulla nuova. Il depennamento della MKO, a lungo ritenuto un gruppo di terroristi, da parte di Washington è in linea con questo processo dell’occidente di ridefinizione di concetti e termini affermati. Paradossalmente, l’MKO è stata sostenuta da Washington anche quando era sulla lista dei terroristi. Ha anche ricevuto addestramento dall’amministrazione Bush. In un articolo illuminante, Seymour Hersh ha dimostrato che il Joint Special Operations Command (JSOC) ha addestrato membri della Mujaheddin-e-Khalq iraniana (MKO) in un sito segreto in Nevada, dal 2005 ad almeno al 2007. Secondo Hersh, i membri della MKO “sono stati addestrati in intercettazione di comunicazioni, crittografia, armi e tattiche per piccole unità presso un sito del Nevada, fino a quando il presidente Obama è entrato in carica.” In un’altra intervista, un ex generale a quattro stelle ha detto che era stato informato, privatamente nel 2005, dell’addestramento dei membri della MKO in Nevada, da uno statunitense coinvolto nel programma. Ha detto che avevano ricevuto “addestramento in comunicazioni, crittografia, tattiche per piccole unità ed armi, per sei mesi. Venivano tenuti in piccole squadre.” Ha anche detto che gli è stato riferito che gli addestratori erano del JSOC e che dal 2005 erano diventati uno strumento importante dell’amministrazione Bush nella guerra globale contro il terrorismo. Per lo sgomento e la delusione di molti, il Dipartimento di Stato degli USA ha deciso, a settembre, di rimuovere la MKO dalle liste terroristiche.
Il Dipartimento di Stato USA ha detto che la sua decisione di depennare il gruppo era dovuta al fatto che il gruppo non avrebbe commesso atti terroristici per un decennio,  cancellando sfacciatamente l’evidenza che il gruppo è stato, a tutti gli effetti, uno strumento per l’omicidio di scienziati nucleari, negli ultimi anni, in Iran. Anche se il gruppo non si è mai ufficialmente assunto la responsabilità degli assassini (cosa abbastanza naturale), ci sono prove evidenti che suggeriscono che è stato complice di questi atti terroristici. Il gruppo terroristico ha compiuto sforzi incessanti, per anni, per essere rimosso dalla lista del terrore ed ha arruolato molti funzionari repubblicani e democratici per fare lobbying in suo favore. Invece di pagare il lobbying, “Gli ha offerto onorari tra i 10.000 e i 50.000 dollari per ogni discorso che criticasse aspramente il governo degli Stati Uniti per il trattamento presuntamente squallido del MEK. Tra coloro che hanno goduto della miniera d’oro del gruppo, vi sono l’ex governatore della Pennsylvania Ed Rendell, Rudy Giuliani, Alan Dershowitz e l’ex direttore dell’FBI Louis Freeh. Molti di costoro affermano di avere scarso interesse per il denaro che hanno raccolto.” (Richard Silverstein, The Guardian, 22 settembre 2012).
L’MKO è da tempo impegnata in una serie di sabotaggi e attività terroristiche contro la Repubblica islamica iraniana, in combutta con i servizi segreti israeliani. Nel gennaio 2012, Benny Gantz, capo di stato maggiore delle Forze di Difesa israeliane, ha detto a una commissione parlamentare: “Per l’Iran, il 2012 è un anno decisivo per la prosecuzione della sua nuclearizzazione, per i cambiamenti interni della leadership iraniana, per la continua e crescente pressione della comunità internazionale, e le cose si svolgeranno in modo innaturale.” Appena 24 ore dopo che il capo militare israeliano aveva parlato di eventi innaturali per l’Iran, lo scienziato nucleare iraniano Mostafa Ahmadi Roshan veniva assassinato in pieno giorno. Ben presto era emerso che era stata una operazione congiunta Mossad-MKO. L’MKO ha assassinato più di 12.000 cittadini iraniani, sette cittadini americani, e decine di migliaia di cittadini iracheni. In ogni caso, la dicotomia in terroristi “buoni” e “cattivi”, è peggiore di qualsiasi forma di apartheid.
Una storia relativamente simile si ripete in Siria. Washington ha definito il fronte al-Nusra, finanziato dal Qatar, un’organizzazione terroristica. Ma perché? Combatte contro il governo di Bashar al-Assad insieme ad altri militanti, in Siria, principalmente composti da mercenari stranieri. I primi sono considerati terroristi semplicemente perché sono una grossa mosca sulla facciata della retorica politica di Washington verso la Siria. Quindi, è Washington o l’occidente che decide chi è un terrorista e chi non lo è. Non dimentichiamo che la famigerata al-Qaida, che ha seminato estremismo ottuso e settarismo religioso nel mondo, è stata fondata e finanziata negli anni settanta da Washington e dalla CIA, nel tentativo di combattere i sovietici. Robin Cook lamentava la creazione di al-Qaida e disse: “Bin Ladin è stato, però, un prodotto di un monumentale errore di calcolo delle agenzie di sicurezza occidentali. Nel corso degli anni ’80 fu armato dalla CIA e finanziato dai sauditi per la jihad contro l’occupazione russa dell’Afghanistan. Al-Qaida, letteralmente “database”, era in origine i file per computer delle migliaia di mujahidin che furono reclutati e addestrati dalla CIA per sconfiggere i russi. Inspiegabilmente, e con conseguenze disastrose, non sembrano essersi accorti, a Washington, che una volta che la Russia veniva tolta di mezzo, l’organizzazione di bin Ladin avrebbe rivolto la propria attenzione verso ovest.” La creatura di Frankenstein della CIA non è cambiata, ma è cresciuta mostruosamente.
Noto per essere veramente una delle parole più fraintese e abusate, il terrorismo è definito e raffinato dall’occidente a seconda del contesto, in cui si rivela deleterio o vantaggioso per coloro che ne definiscono il termine.

Copyright © 2012 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 367 follower