La NATO intensifica le attività contro la Russia

Andrej Akulov Strategic Culture Foundation 27/03/2014

maxresdefaultLa NATO calcola le mosse per intensificare la pressione diplomatica e armare le sue minacce verbali mentre si prepara a provocare un’ulteriore escalation delle relazioni con la Russia. Alcuni aspetti ricevono poca attenzione o sono oscurati al pubblico nel vortice degli eventi legati a Crimea e Ucraina. Nel suo intervento alla Brookings Institution di Washington, il segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen ha detto che la posizione della Russia sull’Ucraina può influenzare le prospettive sul controllo delle armi nucleari in Europa, che hanno già affrontato sfide politiche. Come ha sottolineato, “Certo che non si può escludere che gli eventi cui abbiamo assistito in Crimea avranno anche un impatto sul modo di pensare il controllo degli armamenti, comprese le politiche nucleari”. Il capo dell’alleanza non specificava se si riferisse a potenziali variazioni nelle posizioni della NATO o della Russia sul possibile ritiro delle armi nucleari tattiche in Europa, o a entrambe. Un’inversione su tagli alla difesa è probabile sia l’argomento principale del vertice NATO, come ha detto il ministro degli Esteri inglese William Hague a Sky News all’inizio del mese. Secondo notizie, un funzionario occidentale anonimo ma ben piazzato ha detto, “la NATO avrà un serio ripensamento su ciò che l’articolo 5 significhi veramente”, aggiungendo, “le nazioni occidentali hanno minimizzato la prospettiva di dover rafforzare i nostri alleati orientali. In un sol colpo, tutto è cambiato”.

Gli USA chiedono maggiore durezza
Il 3 marzo, il Pentagono ha annunciato che esercitazioni, incontri bilaterali, visite e conferenze di pianificazione con la Russia sono sospesi. Un crescente gruppo bipartisan di parlamentari, tra cui i senatori Dick Durbin (D-Ill.) e Kelly Ayotte (R-N.H.), ha ripetutamente chiesto agli Stati Uniti d’inviare aiuti militari all’Ucraina. I due hanno quasi chiesto l’invio di truppe USA a “Face the Nation” della CBS. “E’ importante prendere azioni per scoraggiare ulteriormente l’aggressione russa contro il popolo ucraino”, ha osservato Ayotte. “Potremmo inviare altre apparecchiature di comunicazione e assistenza tecnologica. Ci sono cose che potremmo fare senza coinvolgere i nostri soldati sul terreno”. Durbin ha incoraggiato il Congresso a prendere in considerazione l’invio di armi. “Si possono inviare armi leggere”, ha detto. La Casa Bianca intanto non esclude l’invio di aiuti militari all’Ucraina. Il viceconsigliere per la Sicurezza Nazionale Tony Blinken ha detto che l’amministrazione Obama avrebbe preso in considerazione “ogni richiesta che riceviamo dagli ucraini”. “Quello che vediamo ogni giorno è una Russia sempre più isolata e la sua economia colpita gravemente”, ha detto Blinken alla CNN il 23 marzo. “Questo richiede una rivalutazione completa di come avvicinare la Russia”, ha detto Fiona Hill della Brookings, un’ex-agente dell’intelligence nazionale statunitense dedita alla Russia. “Putin ha chiarito che intende riaffermare la sfera d’influenza della Russia… Non abbiamo una strategia per affrontarlo”.

Attività militari intensificate
La NATO dovrebbe rispondere con l’invio di altre forze militari statunitensi nell’Europa centrale e orientale, stimolando la spesa per la difesa dai Paesi europei. Anche se gli Stati Uniti hanno annullato Atlas Vision 2014, che avrebbe dovuto svolgersi a luglio nella città russa nord-orientale di Cheljabinsk, il Pentagono dice che andrà avanti con i piani per un’esercitazione militare multinazionale questa estate in Ucraina. Come Stars and Stripes riporta, “Il fatto che gli Stati Uniti e i loro alleati hanno scelto di portare avanti l’esercitazione in Ucraina, mentre annulla quella in Russia, dimostra il sostegno occidentale a Kiev nel suo confronto con Mosca”. A luglio l’esercito statunitense prenderà parte a Rapid Trident 2014, esercitazione per coordinare le operazioni congiunte tra le forze armate partner in Ucraina occidentale, vicino al confine polacco. Il post di Adam Rippon è conciso ma riflette la sostanza della questione, “Ci hai messo tanto, Ucraina, a chiedermelo, e mi batterò per l’Ucraina contro la Russia! Con amore dall’Irlanda!” Questo è solo uno dei tanti commenti postati sulla pagina facebook dell’esercitazione che riflette il pensiero degli aspiranti all’evento. Rapid Trident si terrà a Leopoli, vicino al confine polacco. “Promuoverà la stabilità e la sicurezza regionale, rafforzando la capacità del partenariato, stimolando la fiducia, migliorando l’interoperabilità tra USAREUR, le forze di terra di Ucraina e di altre nazioni (NATO e alleati)”, dice il sito USAEUR. La pagina facebook informa che, “le esercitazioni lo scorso anno videro più di 800 pezzi di artiglieria e circa 170 veicoli da combattimento… Inoltre, 4 elicotteri Mi-8, un aereo da trasporto militare An-26 delle Forze Armate dell’Ucraina e un aereo da trasporto C-160 tedesco furono coinvolti nelle operazioni per l’evacuazione dei feriti dal campo di battaglia”. Sullo sfondo degli eventi ucraini, ci potranno essere nuovi elementi nello scenario previsto. Ad esempio, il Pentagono ha rifiutato di fornire informazioni sul numero di forze USA che dovrebbero partecipare alle manovre. Oltre alle truppe statunitensi e inglesi, Rapid Trident 2014 comprenderà unità di Armenia, Azerbaijan, Bulgaria, Canada, Georgia, Germania, Moldavia, Polonia, Romania e Ucraina. Nel commentare l’evento Stars and Stripes ha scritto, “Il governo statunitense non ha promesso armi o intelligence al governo ucraino, ma potrebbe ripensarci se la situazione s’aggrava”. I quattro F-15C Eagles statunitensi schierati nella base lituana saranno affiancati da altri sei F-15 di Lakenheath in Inghilterra. Il 17 marzo, il Regno Unito ha annunciato che aerei Typhoon si uniranno alla missione di polizia. Il contingente statunitense nei Paesi baltici ha più che raddoppiato il numero di aerei da guerra statunitensi che attualmente pattugliano i cieli delle repubbliche ex-sovietiche di Lituania, Estonia e Lettonia. La NATO ritiene che con tale maggiore presenza s’intende istituire una forza di risposta rapida per contrastare eventuali minacce del Cremlino, come l’invio di bombardieri presso basi vicine allo spazio aereo del Baltico.
Il 5 marzo il segretario alla Difesa statunitense Chuck Hagel ha detto al Congresso che gli Stati Uniti, separatamente, aumenteranno i voli di addestramento negli Stati Uniti con l’esercito polacco. Tre C-130 e circa 100 effettivi di Ramstein dovrebbero arrivare ai primi di aprile, ma date le osservazioni di Hagel, ciò potrebbe cambiare. Saranno schierati nella base aerea di Powidz in Polonia. “Penso che sia chiaro… che gli eventi della scorsa settimana sottolineano la necessità per gli USA del costante impegno globale e della leadership”, ha detto Hagel al Comitato dei Servizi Armati del Senato. E pochi giorni fa, la NATO ha annunciato che gli E-3 AWACS da sorveglianza decolleranno dalle basi in Inghilterra e Germania per pattugliare Polonia e Romania, tenendo d’occhio l’attività nella vicina Ucraina. Il 14 marzo quattro membri della NATO dell’Europa centrale hanno firmato un patto militare a Visegrad, per coordinare la pianificazione della Difesa e creare un’unità di combattimento congiunta che operi sotto l’egida della NATO e dell’Unione europea, in risposta alla crisi in Ucraina. L’organo comune sarebbe composto da 3000 soldati forniti dai quattro Paesi. L’accordo firmato dai ministri della Difesa dei quattro Paesi include esercitazioni militari congiunte e coordinamento delle spese per la Difesa. Secondo il ministro della Difesa polacco Tomasz Siemoniak, l’unità da combattimento “V4-UE” sarà pronta a partecipare alle operazioni della NATO o dell’Unione europea entro il 2016, tuttavia ha aggiunto che la cooperazione militare V4 è “unica” nell’alleanza militare NATO”. Il ministro degli Esteri ungherese Janos Martonyi ha detto il 13 marzo che i membri V4 sono particolarmente “vulnerabili” alla situazione ucraina, e che venendo colpiti dalle sanzioni dell’UE contro la Russia, s’attendono “solidarietà” dagli altri Stati membri dell’UE. Varsavia, da parte sua, si concentra sulla promozione delle sue capacità antimissile nazionali. I vertici polacchi hanno avuto colloqui con il consorzio degli armamenti a guida USA responsabile del Medium Extended Air Defense System, ha riferito il Syracuse Post-Standard. La Polonia valuta il sistema di difesa missilistica a medio raggio MEADS e altre tre tecnologie rivali, per un possibile contratto da 5 miliardi di dollari per migliorare le capacità della difesa missilistica dell’ex-Stato satellite sovietico. Non c’era molto di nuovo nella descrizione del lieve incremento del dispiegamento di forze militari. I recenti spostamenti di velivoli F-16 e F-15 in Polonia per partecipare ad una missione di pattugliamento aereo della NATO sono solo temporanei, e saranno sostituiti da forze di altre nazioni quando Washington ritirerà i suoi equipaggiamenti, ha riferito il New York Times.

Una forza militare russa pronta al combattimento con cui fare i conti
La Russia adotta le risposte. La Bielorussia riceve altri aerei da guerra russi. Il ministero della Difesa questo fine settimana ha annunciato che aerei di primo allarme A-50 sono stati riassegnati alla base aerea di Baranovichi in Bielorussia. Questi aerei-radar sono fondamentali per la gestione dello spazio aereo durante i combattimenti, coordinando le missioni aria-aria e aria-terra di 10 aerei  alla volta. La scorsa settimana, l’aeronautica russa ha inviato in Bielorussia sei caccia Su-27 costruiti per contrastare gli F-15 degli Stati Uniti. Sono altamente manovrabili, ma possono anche svolgere missioni di supporto aereo contro obiettivi a terra. Unità russe in Bielorussia hanno appena condotto “esercitazioni tattiche” con i nuovi aerei da guerra. Entro la fine dell’anno ci sarà un intero reggimento di 24 Su-27 in Bielorussia. I nuovi sistemi a lungo raggio di Difesa aerea con capacità di difesa missilistica S-400 (Trjumf) sono stati recentemente installati nelle aree suburbane di Mosca di Zvenigorod, Elektrostal e Dmitrov. La nuova arma può colpire aerei, velivoli senza pilota e missili balistici a una distanza di 400 km. I sistemi sono protetti dal sistema di difesa aerea a breve-medio raggio Pantsir-S1 su ruote gommate, cingolati o stazionarie con 2-3 operatori. Si compone di cannoni antiaerei a tiro rapido e missili superficie-aria con un sistema di puntamento radar ed ottico e guida via radio-comando che può monitorare 36 obiettivi alla volta. Gli S-500 (55R6M “Trjumfator-M”) entreranno nell’arsenale delle forze armate a breve. L’S-500 è un sistema missilistico superficie-aria di nuova generazione (non un aggiornamento), progettato per intercettare i missili balistici intercontinentali e per la difesa contro gli Airborne Early Warning e i sistemi di controllo e disturbo. Con una gittata di 600 km l’S-500 potrà rilevare e inseguire contemporaneamente fino a 10 bersagli balistici supersonici che volano a 5 km/s alla quota di 400 km. Questo sistema di difesa missilistico può colpire testate strategiche in volo. Il Ministero della Difesa della Russia ha stanziato 55 miliardi di dollari per la Difesa migliorando notevolmente la capacità delle difesa aerea, e introducendo nelle forze armate nuovi caccia Su-35 ed SSBN.
Gli eventi mondiali recenti, tra cui la situazione interna della Russia, testimoniano il fatto che nessuno si preoccupa dei deboli. Di regola le norme del diritto internazionale e morali sono dimenticati dai forti. Ad esempio, la Jugoslavia era un Paese con un’economia di mercato che non rappresentava alcuna minaccia per l’occidente. Fu bombardata e divisa, mentre il mondo intero guardava. L’atteggiamento nei confronti della Russia è evidente. Non appena ha posto il veto alla risoluzione che vietava il diritto all’autodeterminazione della Crimea, indicato nella Carta delle Nazioni Unite, l’ambasciatore russo Vitalij Churkin Nazioni Unite è stato letteralmente aggredito dalla collega statunitense Samantha Power che, essendo eccessivamente emotiva, gli si avvicinò per dire che la Russia aveva perso e non vinto la guerra fredda. Nessuno considera un perdente da pari. In realtà la Russia non ha mai perso la Guerra Fredda, ma piuttosto vi ha posto fine. Continua ad essere una grande potenza con proprie politiche interna ed estera, attuate senza badare ai cosiddetti “vincitori”. Per evitare qualsiasi tentazione nel testare la forza di volontà della Russia nel difendere la propria indipendenza, rafforza il suo potenziale militare, soprattutto la difesa aerea. Rafforzare le capacità difensive è il modo migliore per dare agli altri una visione realistica del mondo e della sua realtà.

75070La ripubblicazione è gradita in riferimento al giornale on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia studia il nuovo caccia MiG-41

mig_41s_by_abiator-d33ho27L’industria aerospaziale russa lavora sul MiG-41, un nuovo caccia supersonico basato sul MiG-31 Foxhound. La velocità del nuovo caccia-intercettore dovrebbe superare Mach 4, secondo il pilota collaudatore Anatolij Kvochur. “Questo aggiornamento doveva aver luogo 20 anni fa. Tuttavia, ciò non è accaduto e così ora le richieste sono aumentate, compresa la velocità dell’intercettore accresciuta a Mach 4,3“, aveva detto Kvochur a RIA Novosti, il 28 febbraio. Ciò renderebbe l’aereo più veloce dell’ex-ricognitore strategico supersonico dell’USAF Lockheed SR-71, che raggiungeva una velocità di Mach 3,2. Il nuovo MiG-41 sarà sviluppato sulla base del caccia-intercettore MiG-31, aveva detto ai giornalisti, presso il Centro Culturale delle Forze armate russe, il vicepresidente del Comitato della Difesa della Duma di Stato Aleksandr Tarnaev, secondo ITAR-TASS. “La decisione è stata presa dal Capo di Stato Maggiore Generale che ha già firmato il documento per la realizzazione dei lavori di ricerca del programma MiG-41″. Secondo il deputato il MiG-41 “incarnerà tutti i vantaggi dell’aviogetto“.
Tuttavia, mentre sviluppano il sostituto da Mach 4 del Foxhound, i russi continueranno il programma di modernizzazione dei Foxhound, revisionando oltre un centinaio di MiG-31, rimettendoli in servizio presso le forze aeree russe. Tarnaev aveva detto alla riunione di esperti della Difesa aerospaziale che il Capo di Stato Maggiore ha firmato anche un ordine per la profonda modernizzazione dei caccia-intercettori MiG-31. “Il governo ha deciso di aggiornare e rendere operativi i caccia-intercettori MiG-31. Un centinaio di aviogetti sarà assegnato alle forze aeree russe dopo essere stato revisionato“.
Il MiG-31 Foxhound è un caccia-intercettore biposto supersonico a lungo raggio, basato sulla cellula del MiG-25 Foxbat. Vola a Mach 2,8 ed ha un raggio di combattimento di 720 km. Un gruppo di quattro Foxhound può controllare una zona di 1200 km di ampiezza. Inizialmente destinato ad intercettare missili da crociera e satelliti a bassa quota, il MiG-31 venne sviluppato nella prima metà degli anni ’70 dall’OKB-155 (attualmente RAC MiG). Il MiG-31 è destinato all’intercettazione e distruzione di bersagli aerei a basse, medie e alte quote in qualsiasi condizione di luce e atmosferica. L’aviogetto ha efficaci contromisure radar elettroniche attive e passive e infrarossi, ed è armato con un cannone a sei canne da 23 millimetri con 260 colpi, ed infine è dotato di sei punti d’attacco per missili aria-aria di vario tipo. La versione aggiornata MiG-31BM può rilevare bersagli fino a 320 km di distanza e colpirli a 280 km. Il numero totale di MiG-31 delle diverse versioni nelle Forze Aeree della Russia è di circa 190 unità. La produzione degli intercettori venne interrotta nel 1994, ma solo recentemente è iniziato l’aggiornamento di questi velivoli nella versione MiG-31BM.

v_dmitrenko_savasleyka_08Fonti:
ITAR-TASS
RuAviation
The Aviationist

Alessandro Lattanzio, 14/3/2014

Ucraina: la NATO soccorre i golpisti, Beijing sostiene Mosca e minaccia Washington

1965011La Russia ha il completo controllo della Crimea, così come di tutte le strutture militari nel suo territorio, tra cui il terminal per traghetti nella città di Kerch. Oltre alla fregata Hetman Sagajdachnij, anche la corvetta Ternopol e la nave comando Slavutich passano alla Flotta russa del Mar Nero. Tre reggimenti della difesa aerea ucraini si sono schierati con le autorità locali della Crimea: i 50.mo, 55.mo e 147.mo Reggimenti della difesa aerea missilistica schierati nelle città di Evpatorija, Fjodosija e Fjolenta. Oltre 700 tra soldati e ufficiali che gestiscono 20 sistemi missilistici Buk-1M e 30 sistemi missilistici S-300PS. Nelle ultime 24 ore 3200 militari ucraini hanno giurato fedeltà alla Crimea, “oltre 1500 militari delle truppe interne e circa 1700 guardie di frontiera dell’Ucraina presenti sul territorio della penisola hanno giurato fedeltà” al governo di Sebastopoli. Quattro navi militari, 13 elicotteri e otto aerei da trasporto russi sono arrivati in Crimea a protezione della Penisola, assieme a centinaia di autoveicoli e blindati giunti via terra. Il primo ministro golpista ucraino Arsenij Jatsenjuk ha ammesso di non aver “nessuna opzione militare” per contrastare le mosse militari russe, segno del totale abbandono da parte dei militari ucraini delle autorità illegali insediatesi a Kiev.
I ministri degli Esteri europei hanno indetto una riunione di emergenza per rispondere all’azione preventiva dei russi: “Ogni tentativo della Russia di prendere la Crimea non avrà successo. Dateci tempo“, aveva detto il ministro degli esteri inglese William Hague, “il mondo non può semplicemente permettere che ciò accada“. Ma lui e gli altri diplomatici occidentali hanno escluso qualsiasi azione militare. “Il Regno Unito non discute di opzioni militari. Ci concentriamo sulla pressione diplomatica ed economica“. Il governo golpista ucraino, per accreditarsi all’interno cerca di nominare nuovi governatori nelle regioni russofone scegliendoli tra i locali oligarchi. La Russia è “sul lato sbagliato della storia” in Ucraina, ha detto da parte sua il presidente statunitense Barack Obama, aggiungendo che l’azione militare sarà “costosa per la Russia” poiché, continua Obama, gli Stati Uniti valutano sanzioni economiche e diplomatiche contro la Russia, invitando anche il Congresso ad approvate aiuti per l’Ucraina. L’arma a disposizione di UE e USA sono le sanzioni come il congelamento di asset russi e il ritiro di investimenti in Russia. L’Unione europea ha minacciato di congelare i visti e la cooperazione economica, e di boicottare il vertice del G8 a Sochi. Nel frattempo gli Stati Uniti sospendono la cooperazione militare con la Russia, come ha detto il portavoce del dipartimento della Difesa: “abbiamo, alla luce dei recenti avvenimenti in Ucraina, interrotto tutti gli impegni militari tra Stati Uniti e Russia“.
Alle minacce delle sanzioni degli Stati Uniti contro la Russia, il consigliere del Presidente della Russia Sergej Glazev risponde che Mosca non rimborserà i prestiti dalle banche statunitensi e che venderà tutti i titoli del debito degli Stati Uniti in suo possesso. Inoltre, la Russia adotterà un proprio sistema di pagamento optando per altre divise. Quindi, la Federazione russa opera misure precauzionali in Ucraina. Gli xenofobi ucraini e i loro mandanti occidentali hanno creato un vuoto politico presentando un diktat alla popolazione russofona, perciò il leader della Crimea Sergej Aksjonov ha sottolineato quanto sia essenziale che i russi salvaguardino una regione come la Crimea: “Abbiamo stabilito una cooperazione con la Flotta del Mar Nero per proteggere i siti di importanza vitale. Mi rivolgo al presidente russo Vladimir Putin per assistenza nel preservare la pace e la tranquillità.” Lee Jay Walker di Tokyo Modern Times afferma: “Molti russi si sentono minacciati in Ucraina dalle intimidazioni emesse dalla nuova élite a Kiev. Pertanto, la Federazione russa non può permettersi di sedersi mentre i cittadini russi sono allarmati dagli eventi a Kiev. Una volta che tale preoccupazione è stata sollevata in Crimea, il Presidente Vladimir Putin ha dovuto prenderne atto. Era essenziale per Putin rispondere rapidamente agli eventi pur mostrando moderazione, ma da una posizione di forza. Dopo tutto, se i nazionalisti ucraini si rivoltano contro i cittadini russi, o decidono di prendere il potere in luoghi come la Crimea, le élite politiche nella Federazione Russa sarebbero sottoposte ad una pressione enorme”. Anche il ministro degli Esteri russo Lavrov ha avvertito “coloro che cercano d’interpretare la situazione come una sorta di aggressione e minaccia di sanzioni e boicottaggio, sono gli stessi che hanno incoraggiato le forze politiche, a loro vicine, ad imporre un ultimatum e a rinunciare al dialogo. Gli chiediamo di dimostrare responsabilità, di riporre i loro calcoli geopolitici e mettere gli interessi del popolo ucraino prima di tutto. Il dispiegamento di truppe russe in Ucraina avviene in difesa dei nostri cittadini e connazionali, garantendone i diritti umani, in particolare il diritto alla vita“.
gIMOTyiiQfcSecondo Aleksej Pushkov, presidente del comitato per gli affari internazionali della Duma di Stato, il problema principale in Ucraina sono i rapporti di Kiev con le regioni del sud-est del Paese. Il governo golpista ucraino ha operato per dividere il Paese con l’illegittimo licenziamento di Viktor Janukovich, l’annullamento dello status ufficiale della lingua russa e la messa al bando del corpo speciale dei Berkut. Infine, i golpisti minacciano persecuzioni contro gli oppositori politici e mostrano disponibilità a firmare l’accordo di associazione con l’Unione europea, a cui il Sud-Est si oppone. Inoltre, il governo golpista ha istigato le violenze dei neofascisti arruolandone le bande per imporre il dominio sulle città dell’ovest e del centro del Paese, e per minacciare le regioni orientali. Mosca non poteva restare a guardare. Secondo il portavoce del Consiglio della Federazione, Valentina Matvenko, la Russia ha dovuto “garantire la sicurezza della Flotta del Mar Nero e dei cittadini russi”. “Sul crollo del sistema statale e politico in Ucraina, la Russia dichiara che il nuovo dispositivo statale ucraino dovrebbe essere formato tenendo conto degli interessi e delle opinioni della Russia. In pratica, questo potrebbe tradursi in una federazione o confederazione con maggiori autonomie per i soggetti federati“, afferma a sua volta il direttore del Consiglio per la politica estera e di Difesa della Russia Fjodor Lukjanov. Con il golpe a Kiev, la popolazione delle regioni russofone è stata colta alla sprovvista, ma combatterà per i propri diritti poiché ne teme la repressione. Ora, sostenendo la resistenza della Crimea, Mosca fa comprendere agli abitanti della parte orientale dell’Ucraina di potersi esprimere senza essere minacciata dagli atlantisti ucraini. Di conseguenza a Donetsk, Lugansk e Kharkov sventola la bandiera russa e gli enti locali hanno deciso d’indire un referendum nei Consigli regionali per ottenere una maggiore autonomia. Mosca è disposta ad andare lontano, perché “negare aiuto a questa popolazione, dopo averle promesso di poter decidere realmente in Ucraina, sarebbe un crimine“, secondo il politologo russo Dmitrij Evstafev; inoltre Mosca è consapevole che “se Mosca cedesse allo status quo a Kiev, sarebbe una sconfitta geopolitica colossale per la Russia e Putin. La partecipazione dell’Ucraina ai processi di cooperazione con la Russia sarà chiusa per sempre“, conclude Dmitrij Suslov. Infine, secondo Fjodor Lukjanov, il governo russo potrebbe scegliere di “risolvere definitivamente il problema ucraino. Il Cremlino può decidere che le perdite causate dall’attuazione di questa strategia saranno inferiori a quelle dovute al ripetersi della crisi.”
Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha tenuto una terza sessione di emergenza sull’Ucraina il 3 marzo. L’inviato russo all’ONU Vitalij Churkin ha presentato la lettera del presidente ucraino Janukovich in cui chiede alla Russia d’intervenire militarmente in Ucraina per ristabilire l’ordine e proteggere i diritti umani. Gli esperti di diritto internazionale sono d’accordo, Victor Janukovich è ancora il legittimo presidente dell’Ucraina. “Sotto l’influenza dell’occidente si hanno terrorismo e violenze. La gente viene perseguitata per ragioni linguistiche e politiche. Quindi, in questo senso, vorrei rivolgermi al Presidente della Russia, Vladimir Putin, chiedendo di utilizzare le Forze Armate della Russia per ripristinare legalità, pace, legge e ordine, stabilità e per proteggere la popolazione dell’Ucraina“. La lettera di Janukovich era indirizzata al Presidente Vladimir Putin e al Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Churkin ha detto che era essenziale che gli obblighi dell’accordo del 21 febbraio venissero adempiuti con la piena partecipazione e il contributo di tutte le regioni dell’Ucraina, seguite dalla successiva approvazione con un referendum nazionale e con la formazione di un reale governo di unità nazionale. L’ambasciatore cinese all’ONU, Liu Jieyi, dichiarava che la Cina condanna le violenze degli estremisti in Ucraina, “Esortiamo tutte le parti a risolvere le divergenze attraverso il quadro giuridico” e a proteggere i diritti di tutti. In effetti, la Cina minaccia gli Stati Uniti pretendendo il pagamento in oro delle obbligazioni del debito USA che detiene, se Washington continua a mantenere il suo atteggiamento bellicoso contro la Russia. Inoltre, diversi capi del governo cinese hanno avuto colloqui con la Turchia, giungendo a un accordo per non permettere il passaggio delle navi della NATO attraverso il Bosforo. Beijing ha dichiarato che se gli Stati Uniti non cambiano posizione sull’Ucraina, pretenderà il pagamento in oro del debito degli Stati Uniti, danneggiandone gravemente l’economia, dato che le riserve auree degli Stati Uniti non possono assolverne il debito. In questo modo la Cina agisce da formidabile alleato della Russia, schierandosi apertamente con Vladimir Putin sulla crisi ucraina. Inoltre, i cinesi utilizzeranno il diritto di “veto” contro ogni decisione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite contro la Russia. La Cina raffredda le “ambizioni geopolitiche” statunitensi con queste minacce.

1798884Alessandro Lattanzio, 4/3/2014

Fonti:
LaRepublica
RusiaHoy
Voce della Russia
RussiaToday
Electronic Resistance
Modern Tokyo Times
Voce della Russia
ITAR-TASS
Voice of Russia
Nsnbc
The Republic

Ucraina: la Federazione Russa soccorre la Crimea

Ucraina, Crimea e la reazione della Federazione Russa
Alessandro Lattanzio, 1/3/2014

crimea_map_3Il Primo ministro della Repubblica autonoma di Crimea, Sergej Aksenov, ha preso il comando temporaneo di tutte le forze militari e unità di sicurezza locali ed ha invitato la Russia a garantire la pace nella Repubblica autonoma di Crimea, informano le agenzie della Crimea. “Assumo il comando temporaneo delle unità del ministero dell’Interno, del Consiglio di sicurezza, del ministero dell’Emergenza, delle Forze Armate e della Marina Militare, della Guardia di finanza e delle guardie di frontiera dell’Ucraina, in quanto Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica autonoma di Crimea ed ottenere i poteri conferitimi dal Consiglio Supremo della Repubblica di Crimea. Chiedo ai comandanti di eseguire i miei ordini o di lasciare le loro posizioni” ha detto Aksenov, nominato dal parlamento di Crimea. “Mi appello al presidente russo Vladimir Putin per aiutarci a mantenere la sicurezza per i civili“, ha detto il Primo ministro. Aksenov aveva detto che la Crimea cercava assistenza finanziaria dalla Russia. Inoltre la flotta russa nel Mar Nero annunciava di aver “concordato con le autorità della Crimea la protezione congiunta dei siti della flotta russa nel Mar Nero“. Il Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica autonoma di Crimea Sergej Aksenov aveva già annunciato che le autorità della Crimea e la flotta russa del Mar Nero si erano accordati per proteggere congiuntamente i siti strategici. Mentre i deputati russi presentavano in parlamento un disegno di legge per semplificare l’assorbimento di nuovi territori nel Paese,  truppe russe occupavano l’aeroporto di Sebastopoli. Secondo la legge presentata dal partito di opposizione Russia Giusta, la decisione sull’adesione di una regione di uno Stato straniero alla Russia dovrebbe essere presa tramite un referendum. “Ci sono stati casi, nella prassi internazionale, quando una parte di uno Stato s’è unita a un altro Stato, senza la firma di un trattato internazionale. Inoltre, il diritto internazionale non richiede la conclusione di un trattato con uno Stato estero“. Gli autori avevano dichiarato che la normativa è un obbligo della Russia nell’ambito dell’accordo di amicizia firmato nel 1997. Secondo l’accordo, la Russia e l’Ucraina adottano misure volte a impedire violenze nazionale, etnica o religiosa contro gruppi di cittadini. Il partito Russia Giusta ha presentato anche un altro disegno di legge per facilitare la procedura della concessione della cittadinanza russa agli ucraini. Nel frattempo, il presidente russo Vladimir Putin ha chiesto l’approvazione dalla Camera alta del parlamento per inviare le forze armate russe in Ucraina. Putin, che deve ancora parlare pubblicamente della crisi in Ucraina, ha chiesto il permesso di usare la forza militare in risposta alle minacce contro i cittadini russi e il pericolo posto alle basi navali russe in Crimea. Le truppe russe rimarranno fin quando la “situazione politico-sociale nel Paese sarà normalizzata“, ha detto il Cremlino. L’approvazione del Consiglio della Federazione è necessaria per impiegare le forze russe al di fuori del Paese. Il Consiglio della Federazione della Russia, quindi, ha approvato all’unanimità la richiesta del presidente Vladimir Putin di usare le forze militari russe in Ucraina, per risolvere le turbolenze nel Paese diviso. La Camera alta del parlamento russo ha votato a favore dell’invio di truppe nella Repubblica Autonoma di Crimea per garantire pace e ordine nella regione “fin quando la situazione socio-politica del Paese sarà stabilizzata“. Il dibattito al Consiglio della Federazione ha rivelato l’unanimità de parlamentari russi, che condividono le preoccupazioni sugli eventi in Ucraina, ovvero che il potere è stato usurpato e che la situazione veniva deteriorata dai fascisti che minacciano la vita degli oppositori, in particolare dei cittadini russi che vivono in Ucraina.
All’estero, un commento pubblicato sul Quotidiano del Popolo, giornale del Partito Comunista, accusava la forte reazione di Pechino al crescente scontro tra occidente e Russia dopo la caduta di Viktor Janukovich. “Le teorie politiche, economiche e di sicurezza della guerra fredda ancora influenzano molte persone sulla loro concezione del mondo, e alcuni occidentali hanno ancora del risentimento verso la Russia“. Invitando i Paesi occidentali ad “abbandonare il loro pensiero obsoleto“, ampliare la cooperazione e a “Liberarsi dalle catene della mentalità della Guerra Fredda, impedendo uno scontro inutile e consentendo fluidità nelle relazioni internazionali“. Il commento era stato pubblicato con lo pseudonimo di “Zhong Sheng”, (Voce della Cina), spesso utilizzato per esprimere un punto di vista ufficiale sulla politica estera. Janukovich aveva visitato la Cina nel dicembre 2013, firmando degli accordi con la Cina che avrebbero portato in Ucraina circa 8 miliardi di dollari di investimenti. L’agenzia Xinhua aveva dichiarato, a dicembre, che le potenze occidentali dovrebbero smetterla d’immischiarsi negli affari dell’Ucraina e di manipolare le “opinioni del popolo” sull’accordo commerciale con l’Unione europea. Infine, Sergej Shojgu, ministro della Difesa della Russia, dichiarava di negoziare accordi per l’installazione di basi militari a Cuba, Venezuela, Nicaragua, Seychelles, Singapore ed altri Stati. Mosca ha basi militari nei seguenti Paesi:
In Kirghizistan, la base aerea di Kant.
In Ucraina, la base navale di Sebastopoli e la base aerea di Gvardejskoe Kacha, in Crimea.
In Transnistria un gruppo formato da una brigata di fanteria motorizzata, un reggimento di difesa aerea, un reggimento di collegamento presso una base aerea.
In Armenia, una base dell’esercito con circa 2500 soldati.
In Tagikistan, tre basi militari con più battaglioni.
Inoltre, il rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite, Vitalij Churkin, dichiarava che la Russia è contraria a una mediazione sulla situazione in Crimea, proposta dalla rappresentante permanente degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, la guerrafondaia ‘umanitaria’ Samantha Power. Secondo Churkin, “alle autorità della Crimea dovrebbe essere chiesto cosa pensano di tale missione. In ogni caso, siamo contro l’imposizione di una mediazione”. L’inviato alle Nazioni Unite della Russia ha anche sottolineato che l’accordo del 21 febbraio è la chiave per risolvere la crisi in Ucraina. “Il modo migliore per risolvere la crisi è la serietà” verso l’accordo siglato la settimana precedente. Alla domanda sulla volontà della Russia d’intervenire militarmente, Churkin ha riso, “Davvero, la questione si aggrava!
Infine, l’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO) è profondamente preoccupata per la situazione ucraina, dichiarava il segretario generale della CSTO Nikolaj Bordjuzha. “Ci sono destabilizzazione e caos, gli estremisti non hanno deposto le armi, ma dichiarano l’intenzione di “mettere ordine” in ogni regione ucraina, minacciando ritorsioni e distruggendo i monumenti commemorativi degli eroi della Grande Guerra Patriottica che liberarono l’Ucraina dai nazisti. Vi sono crescenti manifestazioni di ultranazionalismo, russofobia e antisemitismo. Tutto questo avviene con un cambio di regime imposto e in violazione dell’accordo di transazione concluso tra il presidente ucraino e l’opposizione il 21 febbraio. I ministri degli esteri di Francia, Germania e Polonia che hanno garantito il patto sostenuto dagli Stati Uniti, l’hanno sconfessato violandolo e negando il riconoscimento della legittimità del presidente ucraino cui avevano dato assicurazioni. Esortiamo tutte le parti a fermare lo scontro e le azioni anticostituzionali, ad adottare il dialogo e a lavorare per ripristinare stabilità e sicurezza. L’assenza di un atteggiamento costruttivo e del rispetto degli interessi dei Paesi terzi, nel processo di risoluzione della crisi ucraina, porterà ad  ulteriore deterioramento della situazione, anche in Europa“, ha osservato Bordjuzha.

Fonti:
RussiaToday
Voice of Russia
RussiaToday
Reuters
The Moscow News
RIAN
RIAN
RIAN

La Federazione Russa osserva gli eventi in Ucraina con attenzione mentre Janukovich reagisce
Galina Zobova e Helmut Joachim Schmidt Modern Tokyo Times 1 marzo 2014

159756000La Federazione Russa è giustamente concentrata sugli eventi in Ucraina a causa del “golpe” che ha alterato rapidamente il panorama politico a Kiev. Il deposto presidente Victor Janukovich ha saggiamente lasciato l’Ucraina una volta apparso che i radicali stavano avendo il sopravvento. Dopo tutto, dati i nazionalisti ucraini e le loro violenze, Janukovich non aveva altra scelta. Dal rovesciamento di Janukovich è chiaro che l’Ucraina è in bilico, economicamente e politicamente. Soprattutto vi sono potenti realtà etniche, religiose e geopolitiche legate all’Ucraina. Pertanto, è stato assai imprudente per i governi occidentali invadere la politica interna di questa nazione. Dopo che Janukovich è fuggito da Kiev, appare chiaro che l’agenda nazionalista filo-occidentale s’è accelerata. Questo vale per la demonizzazione di Janukovch, in particolare per il suo presunto stile di vita sontuoso. Se questa realtà è vera nella misura indicata, e non è solo discredito programmato, allora è chiaro che Janukovich non poteva non subire tale enorme caduta. Tuttavia, dati gli obiettivi dei nazionalisti ucraini e di certi governi occidentali, bisognosi di screditare al massimo Janukovich, nulla è certo nel mondo della manipolazione e propaganda, e questo vale per tutti.
Lee Jay Walker dice a Modern Tokyo Times: “Indipendentemente da ragioni e torti di Janukovich, è chiaro che se fosse stato così impopolare alle prossime elezioni lo avrebbero fatto decadere, assieme a tutte le persone a lui legate. Eppure, nazionalisti e manifestanti hanno deciso di alzare la posta una volta che Janukovich ha accettato il pacchetto economico offerto dalla Federazione Russa. Dato il misero pacchetto economico dell’Unione Europea (UE), a prescindere da chi lo supporto, qualcosa non va. Questo vale sia per il grave errore di calcolo dell’Unione europea che per qualsiasi altro motivo che infiamma le passioni in Ucraina. Dopo tutto, è noto che i sentimenti antirussi sono potenti tra i nazionalisti ucraini. Pertanto, UE e USA hanno usato le forze pro-europee che chiederebbero un cambio radicale in Ucraina, modificando occultamente il panorama politico rimanendo nell’ombra?
Quanto sopra è aperto al dibattito, ma chiaramente potenti nazioni occidentali e del Golfo (anche la Turchia è coinvolta) sembrano destabilizzare molte parti di Medio Oriente, Nord Africa e sud-est asiatico, in particolare in Afghanistan, Pakistan (autoindotto e ispirato in passato dalle potenze del Golfo e occidentali), Iraq, Libia e ora Siria. Infatti, l’ex-Jugoslavia fu divisa rapidamente per via degli intrighi delle potenze occidentali, e Bosnia e Kosovo rimangono “casi disperati.” Inoltre, il Kosovo è un luogo dove i cristiani ortodossi sono perseguitati dai nazionalisti albanesi e la criminalità è assai diffusa. Soprattutto la Federazione Russa sa benissimo che Georgia e Turchia, due nazioni pro-Washington, ospitano terroristi islamici ceceni. Ciò significa che molte parti del mondo sono vittime degli intrighi dei soliti giocatori.
Jnukovych dice: “Il potere in Ucraina è stato sequestrato da nazionalisti, neo-fascisti che rappresentano una minoranza assoluta del popolo… non sono stato rovesciato, sono stato costretto a lasciare l’Ucraina sotto la minaccia immediata alla vita mia e dei miei cari.” Accusa i nazionalisti e l’ingerenza estera per la situazione attuale, perché, Janukovich dice: “Indico la responsabilità di ciò in coloro che ora sono al potere… e nei rappresentanti dell’occidente, anche degli Stati Uniti, che hanno dato il loro sostegno a Maidan.” Janukovich ha anche dichiarato, dal sud della Russia, che “ho intenzione di continuare a lottare per il futuro dell’Ucraina, contro terrore e paura. Oggi ci sono illegalità, mancanza di autorità e terrore. Le decisioni in parlamento sono state prese sotto costrizione.” Nonostante ciò, è chiaro che le nuove élite in Ucraina desiderano la testa di Janukovich. Arsen Avakov, ministro degli Interni dell’Ucraina, è fermamente convinto che Janukovich debba affrontare l’accusa di strage di civili durante le manifestazioni a Kiev. Eppure, perché Avakov non ha anche accusato coloro che hanno ucciso agenti della sicurezza? Molte immagini mostrano i manifestanti nazionalisti con armi da fuoco e altre armi, contro le forze di sicurezza. Sicuramente, se la nuova Ucraina vuole essere trasparente e democratica dovrebbe processare coloro che controllavano tali persone. Dopo tutto, da dove hanno preso le armi da fuoco e come mai sparivano così in fretta se non erano controllati? Lee Jay Walker dice: “Gli eventi in Ucraina seguono i soliti intrighi dell’occidente, perché l’economia ucraina soffre ancora di più del caos conseguente. Le tensioni in Crimea e in altre parti del Paese sono estremamente alte. Soprattutto le nuove élite a Kiev hanno ricevuto nella loro ciotola le elemosine occidentali e del Fondo Monetario Internazionale. Ciò significherà notevole sofferenza economica, con l’Ucraina che affronterà il cocktail assai pericoloso di incertezza economica, divisioni nazionalistiche, tensioni religiose, giochi di potere di forze estere e colpo di Stato. Pertanto, con tale caos generato dagli intrighi delle potenze occidentali e dal nazionalismo ucraino, le élite politiche di Mosca fanno bene ad osservare con molta attenzione tali eventi ed anche ad essere pronte ad ogni scenario“.
Va da sé che la Federazione russa spera che la stabilità torni in Ucraina. Eppure, le élite di Mosca sanno che consegnare all’occidente “un centimetro” può essere molto pericoloso, quindi la Federazione russa non deve farsi imporre dettati in una zona di grande importanza strategica. Allo stesso modo, la Federazione russa teme per i cittadini russi minacciati dai nazionalisti ucraini. Speriamo che tutte le parti facciano passi indietro per evitare che la crisi degeneri. Tuttavia, la Federazione Russa non può mostrarsi debole, perché l’allargamento di NATO e UE continua.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

MiG-31: Un caccia in anticipo sui tempi

Ekaterina Turysheva, RIR, 21 febbraio 2014 VPK - Rossijskaja Gazeta

1174718Lo spazio aereo russo è custodito da un aereo unico, in grado di intercettare qualsiasi bersaglio, dai missili da crociera furtivi ai satelliti, con giorno e notte, pioggia o sole, e a qualsiasi velocità. Gli  analisti della difesa ritengono che nessun altro aeromobile potrà competere con ciò che la NATO chiama Foxhound nei prossimi 10 o 15 anni.

Barriera Artica
Il caccia-intercettore biposto supersonico denominato Foxhound dalla NATO, è il primo aereo da combattimento sovietico di quarta generazione. Alla fine degli anni ’60, c’erano due ragioni per costruire questo aereo, interna ed estera. Da un lato, gli Stati Uniti misero in servizio i missili da crociera strategici e il bombardiere FB-111. Questi potevano sorvolare il Polo Nord e raggiungere i confini dell’URSS a bassa quota, seguendo l’orografia ed evitando la sorveglianza dei nostri satelliti. D’altra parte, c’era un vuoto nella barriera radar nel nord della Russia. Al fine di colmare questa lacuna ed intercettare eventuali “ospiti indesiderati”, Mosca decise di costruire un aereo in grado di monitorare lo spazio aereo su un ampio fronte e ad alta quota. Questi aerei furono i nuovi MiG costruiti dall’Artjom Mikojan Experimental Design Bureau (oggi Russian Aircraft Corporation MiG). Dopo la loro assegnazione a compiti operativi, i ricognitori statunitensi volarono meno frequentemente oltre i confini dell’URSS. Ora, quando la questione della tutela degli interessi russi nella regione artica è diventata sempre più importante, l’esperienza “Artica” del MiG-31 può essere di grande aiuto per le formazioni settentrionali dell’esercito russo.
Il MiG-31 può intercettare e distruggere qualsiasi bersaglio dai satelliti a bassa quota ai missili da crociera. Un gruppo di intercettori può controllare una grande porzione di spazio aereo, indirizzando i caccia su qualsiasi bersaglio, così come i missili antiaerei a terra. Questo aereo viene chiamato “radar volante” dai piloti, per le sue capacità avioniche uniche. Questo complesso si basa sul sistema di controllo ‘Barriera’, dotato della prima al mondo antenna phased array. Questa PAA differisce dal classico radar potendo spostare il fascio con un antenna fissa, così da creare il necessario numero di raggi d’inseguimento simultaneo di bersagli multipli. Barriera è in grado di rilevare 24 oggetti ad una distanza di 200 chilometri. Il computer di bordo sceglie i quattro obiettivi più pericolosi e vi punta contro i missili aria-aria a lungo raggio. Altri quattro obiettivi (il numero massimo di obiettivi simultanei che possono essere attaccati è otto) vengono distrutti dai missili a medio raggio e a corto raggio, o le loro coordinate vengono trasmesse ai caccia e ai missili antiaerei a terra.
Gli esperti dicono che nei prossimi 10 o 15 anni non ci sarà nessun sistema aeronautico integrato che possa affrontare il MiG-31. Tutti i caccia moderni (ad eccezione dei caccia di quinta generazione) non sono completamente supersonici, in quanto il loro periodo di volo supersonico è limitato a 5-15 minuti, per via di varie restrizioni nella progettazione della cellula. La durata del volo supersonico del MiG-31 è limitata solo dalla quantità di combustibile. Inoltre, il MiG-31 può superare la barriera del suono in volo livellato e in cabrata, mentre la maggior parte degli aerei supersonici supera la velocità di Mach 1 in leggera picchiata.

1570741Storia a decollo corto
La produzione del MiG-31 è iniziata nel 1981 presso lo stabilimento Sokol di Gorkij (oggi Nizhnij Novgorod). Entro la fine del 1994, più di 500 velivoli furono costruiti, quindi la loro produzione fu ridotta. Oggi circa un centinaio è operativo. La modernizzazione dei MiG-31, avviato nel 1984, portò alla creazione del MiG-31M, considerato la migliore invenzione e creazione nella storia dell’aviazione militare sovietica, con alcune informazioni ancora confidenziali oggi. E’ noto che il MiG-31M, alla velocità massima, è più veloce di qualsiasi aeromobile nel mondo di almeno 500 chilometri all’ora. Nell’agosto 1995, il velivolo fu mostrato al MAKS-95 Air Show di Zhukovskij e fece scalpore. Tuttavia, il MiG-31M non è andato in produzione di serie. Tuttavia, presso l’impianto Sokol e gli impianti di riparazione esiste ancora la capacità di produzione, il personale e la documentazione necessaria per la ripresa del lavoro. I professionisti dell’aviazione ritengono che tutti questi fattori ridurranno di un terzo i costi di produzione e recupero di un così promettente aeromobile.

v_dmitrenko_savasleyka_07Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 281 follower