Rivolta araba contro Obama

M K Bhadrakumar, 9 luglio 2014

bahrein_1L’espulsione dal Bahrayn di un alto funzionario del dipartimento di Stato USA, assistente del Segretario Tom Malinowski, durante le previste consultazioni a Manama, è un enorme affronto diplomatico che insulta e imbarazza l’amministrazione Obama senza spiegazioni. Che un tale piccolo Paese del Golfo, il più piccolo, potesse insultare così audacemente la superpotenza, era impensabile. Il Bahrayn vive sotto la copertura politica, economica e difensiva di Riyadh, ed è inconcepibile che il suo bellicoso snobbare l’amministrazione Obama non abbia avuto un qualche assenso saudita. Il punto è che a Manama sapevano che il lavoro di Malinowski presso Foggy Bottom è illuminare inesorabilmente i regimi autoritari che nel mondo calpestano i diritti umani e non adottano valori democratici, oggi è il Bahrayn, domani potrebbe essere l’Arabia Saudita. È vero, il Bahrain non poteva impedire che Malinowski arrivasse a Manama per un ‘giro d’ispezione’, quando Washington ha accettato la ‘pre-condizione’ che un mentore locale fosse presente in tutti i suoi incontri con attivisti dei diritti umani. Non sappiamo esattamente cosa sia successo, se Malinowski ha schivato il suo mentore, se ha articolato idee incendiarie mentre a Manama l’emiro è preda del panico, se ha incontrato persone che non doveva, e così via. In ogni caso, ad un certo punto il Bahrayn ha deciso che non poteva continuare. I governanti del Bahrayn sono assai sensibili sulla repressione sostenuta dai sauditi contro la popolazione a maggioranza sciita del Paese, che chiede a gran voce giustizia e responsabilità. Ciò è particolarmente vero oggi, quando le fratture settarie compaiono in tutta la regione. Infatti, il Bahrayn traccia una ‘linea rossa’ per l’amministrazione Obama. Washington s’interroga su “una serie di opzioni” in risposta all’affronto del Bahrayn, ma Riyadh e Manama non avrebbero sbagliato se hanno pesato i pro e i contro e concluso che gli Stati Uniti semplicemente non possono permettersi di reagire in modo eccessivo; la Quinta Flotta degli Stati Uniti è ancorata in Bahrayn, dopo tutto.
L’episodio sottolinea i sovrapposti modelli strategici degli Stati Uniti in Medio Oriente. Il Bahrayn ha sfidato l”eccezionalismo’ USA. La regione osserverà come Washington risponde alla sfida. Almeno in parte, i governanti del Golfo arabo mostrano assertività per via della polarizzazione nella politica statunitense. Obama è nel mirino per le sue politiche in Medio Oriente e i repubblicani lo criticano per aver abbandonato gli alleati tradizionali degli Stati Uniti nel mondo arabo, come l’egiziano Hosni Mubaraq e il saudita re Abdullah. L’affronto del Bahrayn non è isolato. In poche parole, gli alleati arabi degli Stati Uniti sono sempre più rudi e fuori controllo. I nervi sono tesi per la ‘primavera araba’. In Siria ed Egitto c’è una sfida strategica. Anche in questo caso, Washington ha dichiarato che avrebbe incrementato la potenza aerea di Baghdad per combattere lo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante solo con un cambio di governo, e il primo ministro Nuri al-Maliqi ha semplicemente ignorato la richiesta e ricevuto gli aviogetti d’attacco da Russia e Iran, invece. Israele, naturalmente, è sempre un fatto a sé, caso particolare di coda che guida il cane, ma gli arabi del Golfo non possono sperare di arrivare ai livelli d’Israele. Gli oligarchi del Golfo sono irrimediabilmente compromessi, delegittimati e, quando in difficoltà, si aspettano la protezione statunitense. Inoltre, i petrodollari sono anche il cordone ombelicale che li lega al sistema bancario occidentale. Intreccio bidirezionale e reciproco dovuto dal riciclaggio dei petrodollari. Negli ultimi anni, anche la Turchia ha mostrato segni di autonomia ignorando i consigli degli Stati Uniti, anche questa è una sfida calibrata volta più ad impressionare il pubblico turco su ciò che un partito islamico potrebbe fare difendendo l’onore nazionale. Ma la linea di fondo è che la Turchia è un membro della NATO ed è acutamente consapevole della propria identità ‘europea’.
Ora, l’Afghanistan è l’ultima istanza del Grande Medio Oriente, dove l’influenza regionale degli Stati Uniti sarà testata. I candidati alle presidenziali Abdullah Abdullah e Ashraf Ghani ascolteranno i consigli sensati di Washington di dar prova di moderazione o preferiranno fare le cose secondo l’immemore bazar afgano? Bisogna spiegarglielo.

16264812062541467327410Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il popolo siriano ha parlato

Thierry Meyssan Voltairenet 5 giugno 2014

L’elezione presidenziale siriana ha sorpreso i siriani e i loro alleati e nemici. Il voto, su cui tutti sono d’accordo essere genuino, ha mobilitato il 73,42% degli elettori, nonostante l’incapacità di alcune persone di recarsi alle urne per l’occupazione di parte del Paese dai mercenari stranieri. Bashar al-Assad ha raccolto l’88,7% dei voti ed è stato confermato per sette anni.

0603-Syria-Election-bashar-asma-assadPer diversi mesi, i restanti 11 membri del Gruppo di Londra (già noto come “Amici della Siria” quando erano 114) hanno denunciato le elezioni presidenziali siriane, il 3 giugno, come una “farsa”.  Secondo loro, da un lato sarebbe stato ridicolo tenere elezioni in un Paese afflitto dalla “guerra civile”, dall’altra parte, il presidente uscente Bashar al-Assad è un tiranno che utilizza massicciamente torture e bombarda il suo popolo, ed è quindi illegittimo. Secondo questi 11 Stati, l’unica via d’uscita dalla guerra, che ha già fatto “almeno 160000 morti tra i siriani”, sarebbe cedere il passo ad un “ente di transizione” designato non dai siriani, ma da loro. I grandi media dei membri di NATO e GCC erano quindi tenuti ad ignorare questa “non-elezione”, seguendo il segretario di Stato John Kerry. Tuttavia, quando il voto anticipato dei siriani all’estero ha suscitato manifestazioni di massa in Libano e Giordania, era ovvio che quasi tutti i siriani avrebbero votato. Pertanto, i media mainstream in extremis inviarono le troupe a seguire l’evento. Fino a quel momento veniva generalmente accettato, tranne che da Rete Voltaire, che i siriani in esilio fossero oppositori della Repubblica e che avevano lasciato il Paese per sfuggire alla “repressione politica”. Il voto a Beirut e Amman ha dimostrato che in realtà la stragrande maggioranza di loro è fuggita dalle esazioni dei mercenari stranieri che attaccano il loro Paese. Altrettanto sorpreso dell’ambasciatore siriano in Libano, il ministro degli Interni libanese ha denunciato la presenza sul suo territorio di presunti rifugiati siriani sostenitori del governo, rifiutandosi di considerare l’aggressione al loro Paese e la distruzione delle loro case per mano di oltre 250000 mercenari in 3 anni.
La repubblica siriana s’è sforzata di seguire scrupolosamente gli standard democratici occidentali. Il Parlamento ha adottato una nuova legge elettorale che riconosce ai candidati il diritto di apparire in televisione e sui giornali, e la scorta per garantirne la sicurezza in periodo di guerra. Il Paese, che ha abbandonato il sistema a partito unico adottando il multipartitismo con la costituzione del 26 febbraio 2012, ha avuto due anni per creare diversi partiti e conoscere il dibattito pubblico. La repubblica siriana, che accetta la presenza di giornalisti occidentali dal novembre 2011, ha avuto due anni e mezzo per poter incontrare le loro esigenze professionali. Ha gradualmente stabilito buoni contatti con molti di essi, soprattutto dopo la Conferenza di Ginevra 2. Sono stati accreditati oltre 360 media stranieri, con piena libertà di movimento in tutto il Paese, nonostante la guerra.

Argomenti politici
Secondo il Gruppo di Londra, sarebbe stato impossibile tenere le elezioni in un situazione di guerra. Dimenticano che recentemente gli stessi Stati hanno salutato le elezioni presidenziali in Afghanistan e Ucraina. In Afghanistan, il 5 aprile si svolse il primo turno delle elezioni presidenziali sotto il controllo delle truppe NATO. Un elettore su tre ha lasciato il Paese, ma poteva votare all’estero. Secondo gli Stati membri del gruppo di Londra, necessitava il 50% dei voti per essere eletti al primo turno (ce ne sarà un secondo il 14 giugno). In tale caso, dato il tasso di astensione del 67%, il presidente sarebbe eletto dal 16,5% dell’elettorato. In Ucraina, i golpisti di Kiev annunciavano una affluenza alle urne, il 25 maggio, del 60%, non contando gli elettori della Crimea, anche se dicono che questa regione sia ancora parte del loro Paese. Il presidente  Poroshenko ha raccolto il 54% dei voti espressi. Tuttavia, se tale voto si confronta a tutti gli elettori su tutto il territorio rivendicato, ha avuto il sostegno del 27% di loro. Non bisogna sorprendersi della debole pretesa del Gruppo di Londra: nelle ultime elezioni del Parlamento europeo (25 maggio), il tasso di partecipazione è stato eccezionalmente basso (solo il 13% nella Repubblica Ceca). Tale elezione senza popolo viene comunque considerata “democratica” (sic).

Il ruolo bellicoso della stampa atlantista nel 2011-2012
La guerra contro la Siria è iniziata nel 2011 come guerra di quarta generazione. Cioè la NATO era intenta a rovesciare il governo, scoraggiando il popolo a difendersi piuttosto che provocare una guerra convenzionale. I principali media internazionali (al-Arabiya, al-Jazeera, BBC, CNN, France24, Sky), coordinati dall’alleanza dovevano illudere i siriani e il mondo affermando che il loro Paese fosse scosso da una “rivoluzione”, e che il loro governo sarebbe stato inevitabilmente rovesciato. La guerra doveva culminare nei primi mesi del 2012 sostituendo con false reti TV le vere reti TV siriane, e annunciando la scomparsa del Presidente al-Assad e l’istituzione di un “governo di transizione”. Tuttavia l’operazione fu sventata e fallì. Russia e Stati Uniti conclusero nel giugno 2012 un accordo che prevedeva la pace in Siria e la suddivisione della regione. Tuttavia, Francia, Israele e opposizione democratica nell’amministrazione Obama (Hillary Clinton, David Petraeus, James Stavridis) rilanciarono la guerra sotto altra forma. Fu questo il momento di attaccare il Paese con forze non statali, sull’esempio dei capitani di ventura del Rinascimento e più recentemente dei Contras in Nicaragua. Durante questo secondo periodo, la stampa atlantista e del Golfo continuò a descrivere una rivoluzione immaginaria contro una dittatura crudele, mentre l’opinione pubblica in Siria si raccoglieva intorno al governo. Così quando la campagna presidenziale siriana è cominciata, i media diedero narrazioni completamente diverse della situazione, a seconda fossero dei Paesi NATO e GCC o meno. Quindi come i media atlantisti hanno gestito questa elezione?

La strategia denigratoria dei media atlantisti nel 2014
Nei giorni precedenti hanno usato diversi argomenti per screditare il processo elettorale.
• “Il risultato è noto in anticipo”, martellavano. Infatti, non vi era alcun dubbio che il presidente uscente, Bashar al-Assad, sarebbe stato eletto al terzo mandato di 7 anni. Questa affermazione lascia supporre che le elezioni non sarebbero genuine. Tuttavia, se gli europei sono disposti a confrontare ciò che è comparabile, la situazione in Siria ricorda l’Europa alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Il 26 agosto 1944 il presidente del governo provvisorio della Repubblica francese (GPRF), istituito ad Algeri pochi giorni prima dell’invasione della Normandia, Generale Charles De Gaulle, salì sugli Champs-Elysees scortato da una folla immensa. Non ci fu nessuna elezione allora. La legittimità di De Gaulle era indiscutibile perché fu il primo politico a negare la collaborazione nel 1940 e ad entrare immediatamente nella Resistenza. I francesi lo salutarono come l’uomo che seppe opporsi al destino e guidarli alla vittoria. Allo stesso modo, i siriani vedono Assad l’uomo che s’è opposto alla colonizzazione del Paese guidandoli alla vittoria.
• “Gli altri due candidati sono semplici tirapiedi” continuano i media atlantisti, il che implica che il Paese è rimasto ai tempi del partito unico e che questa elezione sia una messinscena. Tuttavia, caratteristica propria del multipartitismo è poter votare il candidato che si sceglie. In molte elezioni, gli elettori non s’identificano con alcun candidato, possono quindi astenersi se ritengono che il sistema sia imperfetto o votare scheda bianca, se vogliono sostenere le istituzioni ma nessun candidato, o votare per un candidato marginale per relativizzare il voto del candidato principale (il cosiddetto “voto di protesta”). Pertanto, anche prima di considerare il voto dei candidati, la cosa più importante è la partecipazione. Nella Siria in guerra una parte del territorio è attualmente occupata da almeno 90000 mercenari stranieri, e nonostante il richiamo della Coalizione nazionale siriana al boicottaggio, il 73,42% degli elettori s’è recato al voto. Per confronto, è superiore alla Francia in tutte le elezioni per il Parlamento europeo (dal 1979), in tutte le elezioni legislative (dal 1986), ma inferiore alle elezioni presidenziali (80,34%). La differenza, naturalmente, è che la Francia non è in guerra.
• “Il Paese è in gran parte distrutto e i bombardamenti continuano”, riferisce la stampa atlantista.  L’elezione sarebbe quindi un epifenomeno, la realtà quotidiana è pervasa dalla guerra. Inoltre AFP assicurava che il governo controllasse il 40% del Paese che ospita il 60% della popolazione. La partecipazione è stata superiore al 60%, così in primo luogo si nota che tali cifre dell’AFP sono immaginarie. Le regioni controllate dall’Esercito arabo siriano sono molto più ampie da quando ha liberato le coste. I mercenari sono ancora presenti al confine turco e in alcune sacche sparse. Così, la provincia di Damasco è di 18000 kmq, di cui solo 75 kmq occupata dai Contras, ma AFP sostiene che l’intera provincia sia nelle mani dei “rivoluzionari”. Inoltre, in alcune aree, l’Esercito arabo siriana è assente, ma i funzionari statali sono sempre presenti. È il caso delle aree curde che garantiscono da sé la sicurezza pur riconoscendo la Repubblica. Infine, la maggior parte del territorio è un deserto inabitabile che ognuno pretende di controllare. Tuttavia, quando i Contras l’attraversano, vengono liquidati dall’Aeronautica siriana. Mostrare le immagini di Homs devastata non significa che il governo “bombarda il suo popolo”. Anche in questo caso, se prendiamo l’esempio della seconda guerra mondiale, queste immagini sono paragonabili a Stalingrado mentre i metodi dei Contras sono gli stessi dei nazisti: quello delle “linee dei ratti”. Per non essere eliminati uscendo per strada, i cecchini stranieri scavano passaggi da una casa all’altra attraverso le pareti laterali. Infine, bombardando le postazioni nemiche, può essere che l’Esercito arabo siriano bombardi i civili come fecero gli Alleati quando bombardarono Lisieux, Vire, Le Havre, Tilly, Villers-Bocage, Saint-Lô, Caen, ecc., durante lo sbarco in Normandia. Tuttavia, se si discute il modo seguito dagli alleati, a nessuno viene l’idea di accusarli di aver deliberatamente ucciso 20000 francesi.

Le conseguenze del voto
Sorprendendo tutti, l’affluenza è stata massiccia ovunque fosse possibile votare, anche nelle zone curde, mentre la stampa atlantista chiede ai curdi di boicottarle. Dobbiamo dunque concludere:
• Le accuse di dittatura e torture sono immaginarie. In nessuno Stato al mondo abbiamo visto la gente votare per il dittatore che li opprime. Il partito nazista tedesco non ha mai avuto più del 43,9% dei voti (marzo 1933) ed immediatamente eliminò le elezioni multipartitiche. I Siriani certamente sanno meglio ciò che accade a casa che non i siriani della Coalizione Nazionale, molti dei quali vivono all’estero da almeno 20 anni. Non credono più alle favole statunitensi dull’avvio degli eventi (i bambini torturati dalla polizia a Dara) e non ha mai creduto alle favole attuali (10000 persone torturate e morte di fame nelle prigioni del “regime”).
• La Coalizione Nazionale siriana non rappresenta il popolo siriano. La coalizione, un organismo creato dai servizi francesi e ora controllata da Arabia Saudita, dopo esserla stata dal Qatar, fu riconosciuta “unico rappresentante del popolo siriano” dal Gruppo di Londra. Nonostante il boicottaggio, l’astensione è stata solo il 26,58% degli elettori registrati, corrispondenti agli elettori impediti dal votare dall’occupazione di una parte del territorio da parte dei Contras. Non è inoltre chiaro come un’istanza che utilizza la bandiera verde-bianco-nera a tre stelle, la bandiera della colonizzazione francese tra le due guerre, possa essere sostenuta dal popolo siriano.
• I collaborazionisti delle potenze coloniali sono screditati. Durante i dibattiti televisivi, membri della Coalizione hanno spiegato l’assenza di un leader capace di competere con Bashar al-Assad, la cui lunga dittatura soffoca il Paese. Ora, come abbiamo visto, non c’è dittatura in Siria oggi. Se paragoniamo alla Seconda Guerra Mondiale, l’assenza di un rivale di Charles De Gaulle nel 1944, non significa che avesse imposto una dittatura, ma che i politici francesi erano screditati per aver collaborato con i nazisti. Ecco perché nessuno di coloro che ha partecipato alla Coalizione Nazionale può sperare di svolgere un ruolo politico nel futuro del Paese.

image
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La repressione politica in Ucraina: Giro di vite sulla rivolte contro il regime neo-nazista

Oriental Review, 11 aprile 2014 – Global Research

1237910Il volano delle repressioni politiche in Ucraina gira in questi giorni. In netto contrasto con l’approccio liberale del Presidente Janukovich verso “Euromajdan”, l’amministrazione provvisoria di Kiev non ha esitato il giro di vite sulla rivolta popolare contro il “regime neo-nazista”, crescente nell’oriente e nel sud dell’Ucraina. Oggi, solo a Kharkov almeno 70 attivisti sono stati arrestati durante la cosiddetta “operazione antiterrorismo”. Secondo fonti, mercenari stranieri presumibilmente del contraente privato militare degli Stati Uniti, Greystone Ltd, parteciparono all’operazione insieme con la Guardia Nazionale (composta soprattutto da combattenti  ultranazionalisti di Fazione Destra), e alcune unità del ministero degli Interni. George Orwell al riguardo coniò la frase “la guerra è pace”, per descrivere il pensiero di gruppo della sua futura società totalitaria immaginaria. Non avrebbe problemi a riconoscere la propaganda mostrata nel recente rovesciamento del governo ucraino, durante cui “manifestanti pacifici” erano impegnati a uccidere, bruciare e saccheggiare… continuando a farlo tutt’ora. Ma il colpo non è ancora finito, prendere il potere è una cosa, ma altro è tenerselo. E ora vediamo affiorare le inevitabili difficoltà: poco più di un mese fa il governo ad interim a Kiev ha perso la Crimea e affronta la tenace resistenza nel sud e est dell’Ucraina. Il nuovo governo è giunto sulla scena brandendo slogan come: “proteste pacifiche”, “lotta per la democrazia” e “libertà di parola”, ma subito attuò le purghe contro l’opposizione, imponendo il controllo totale su televisione, radio e stampa, usando la repressione politica per imbavagliare le proteste civili in Ucraina meridionale e orientale.
Le manifeste repressioni fisiche su ogni segno di dissenso iniziarono alle prime ore del colpo di Stato: il 20 febbraio la maggioranza pro-Majdan nella Suprema (Verkhovnaja) Rada (parlamento ucraino) aggredirono i deputati comunisti e del Partito delle Regioni. Molti furono privati delle loro tessere elettorali, poi usate da altri per avere le “dovute” tessere elettorali. Poi l’aggressione al canale televisivo Inter, visto in tutto il Paese e secondo più seguito. Uomini armati irrompono in studio nel bel mezzo di una trasmissione in diretta. Il giornalista Mustafa Nayyem (uno degli organizzatori del Euromaidan) aveva già annunciato l’intenzione del nuovo governo… di nazionalizzare il canale. Come ricorderete, la stazione televisiva attualmente appartiene all’oligarca Dmitrij Firtash arrestato a Vienna su richiesta dell’FBI. Non a caso, naturalmente, poche settimane prima Mustafa Nayyem e i suoi complici di Hromadske (Publica) TV (TV via Internet lanciata con denaro statunitense quasi in contemporanea con l’avvio delle proteste Euromajdan) seguiva l’approccio opposto, “privatizzare” le frequenze della Prima rete TV nazionale (di proprietà dello Stato). Il Consiglio Nazionale per la Radio e la Televisione (dopo diverse mezze misure fallite) finalmente decise di vietare completamente tutti i principali telegiornali russi in Ucraina. E tutte le trasmissioni televisive delle aziende di proprietà di Igor Kolomojskij, Victor Pinchuk, Rinat Akhmetov e Dmitrij Firtash improvvisamente iniziarono a lavorare all’unisono come una ben oliata macchina propagandistica centralizzata.
Nell’ultimo mese ci sono state decine di attacchi (fisici e informatici) alle redazioni dei media dell’opposizione. Il 27 febbraio, la cosiddetta Autodifesa popolare ha sequestrato l’ufficio dell’agenzia di stampa  Golos.ua, e forti pressioni viene furono fatte sul canale TV nazionale ucraino Gamma, che lavora a stretto contatto con l’agenzia. Ben presto vi fu un raid nel giornale Kommunist, pubblicazione ufficiale del Partito Comunista dell’Ucraina. Il sito del CPU è anche spesso aggredito. A Vinnitsa, la forza venne usata sfacciatamente per occupare la stazione televisiva locale, che lavora con i comunisti ucraini. I giornalisti pro-Majdan riferiscono tali informazioni con malcelata gioia. Un assalto avvenne anche contro la pubblicazione on-line ucraina Krivda, che  parodia i media filo-Majdan, inchiodando la strumentalità delle loro pubblicazioni. Anche il loro sito è attualmente bloccato. Un gruppo di giornalisti del sito web ucraino Pravda, guidato dal noto analista politico Vladimir Kornilov, è stato costretto a scegliere tra lasciare il Paese o cessare la pubblicazione dei loro articoli. Furono minacciati di rappresaglie feroci e morte. L’ultimo numero pubblicato dall’ultimo rappresentante dei media dell’opposizione accessibile nel Paese, il rispettato e molto leggibile settimanale 2000, è apparso il 14 marzo. La pubblicazione è stata interrotta facendo pressione sul tipografo, Stampa d’Ucraina, dove la carta viene formattata nel consueto formato. La tipografia, finanziata dallo Stato, ha unilateralmente cambiato le condizioni per la stampa del giornale, mettendo la pubblicazione in una situazione impossibile. Naturalmente c’è il noto esempio della visita di diversi membri del partito nazionalista Svoboda negli uffici della Prima TV nazionale. Il pestaggio di Aleksandr Panteleimonov, ripreso in video, e costretto a scrivere una lettera di dimissioni dopo essere stato sottoposto a minacce e violenze. Mentre i media occidentali si torcono le mani sulle presunte “violazioni dei diritti umani in Crimea“, gli osservatori internazionali sono apparentemente troppo occupati per interessarsi a ciò che accade in Ucraina. Per i curiosi, vi sono alcuni fatti che rappresentano solo la “punta dell’iceberg” della repressione politica in Ucraina.
Il 22 febbraio il primo segretario del Comitato di Lvov del Partito Comunista di Ucraina, Rostislav Vasilko, è stato falsamente accusato di “aver sparato a Majdan” venendo sottoposto a brutali torture. Secondo testimoni oculari, gli inserirono aghi sotto le unghie, il suo polmone destro perforato, tre costole, il naso e altre ossa facciali rotte, e minacciato di sterminio della famiglia. È attualmente in  cura in Russia. Il 23 febbraio, Aleksandr Pataman, capo della Milizia popolare antifascista di Zaporozhe, è stato rapito. Il 24 febbraio, sei membri della Corte Costituzionale dell’Ucraina si sono volontariamente licenziati dalla Rada Suprema “per aver violato il giuramento“. Alcuni di loro sono stati oggetto di minacce e coercizione fisica. Tre giorni dopo, i giudici espulsi hanno fatto appello alle istituzioni internazionali per i diritti umani. Il 28 febbraio, il vicegovernatore della regione di Dnepropetrovsk, Boris Filatov, ha pubblicato sulla sua pagina Facebook come gestire correttamente i membri del movimento pro-russo che non sono soddisfatti del governo centrale di Kiev: “dargli tutte le sporche promesse, garanzie, o concessioni che vogliono. E… impiccarli tutti dopo“. Il 5 marzo, Andrej Purgin, uno dei leader dell’organizzazione filo-russa della Repubblica di Donetsk, è stato catturato e trascinato in una destinazione sconosciuta. Gli amici dell’uomo rapito sostengono che avesse ricevuto una visita il giorno precedente, durante cui fu avvertito, “se resta a casa oggi, sua moglie sarà vedova“, ma poiché gli altri lo stavano aspettando, si recò in piazza comunque. Il destino di Andrej è oggi ignoto. Il 6 marzo, Vladimir Rogov, leader dell’organizzazione civica ucraina, la Guardia slava, è stato rapito. Ora è al sicuro, ma è stato costretto a lasciare la regione di Zaporozhe e l’Ucraina. Il 6 marzo, Pavel Gubarev, “governatore popolare” e leader degli attivisti filo-russi, è stato arrestato a Donetsk. Dopo essere stato rapito venne duramente picchiato, sia da Donetsk a Kiev, che nel centro di detenzione del servizio di sicurezza ucraino (SBU). Pavel cadde in un coma a metà marzo ed attualmente rimane nell’ospedale della prigione. A causa dei timori che la sua condizione possa essere resa pubblica, non è stato consentito l’accesso all’avvocato. Sua moglie Ekaterina e tre bambini sono stati costretti a lasciare l’Ucraina dopo l’arresto del marito. Il “governatore del popolo” della regione di Lugansk e leader della Guardia di Lugansk, Aleksandr Kharitonov, è stato arrestato ed è detenuto in una struttura della SBU dal 14 marzo. Il 17 marzo, il leader di Alternativa Popolare, Anton Davidchenko, è stato arrestato dalla SBU a Odessa, ed è attualmente detenuto in una prigione della SBU a Kiev. Il 17 marzo, un gruppo di membri di estrema destra del cosiddetto “Tribunale del Popolo” di Vinnitsa ha sfacciatamente chiesto che Tatjana Antonets, il medico capo dell’ospedale pediatrico regionale, si dimetta volontariamente perché non aveva abbandonato il Partito delle Regioni né condannato “i crimini del precedente governo“. I radicali hanno affermato che se non avesse obbedito, il medico ne sarà ritenuto responsabile “in conformità con le leggi draconiane dei tempi rivoluzionari“. Dopo diverse minacce, il 17 marzo, la vettura appartenente al leader del Fronte sud-est, Artjom Timchenko, è stata incendiata. Il pubblico ministero della regione di Zaporozhe, Aleksandr Shatskij, appena nominato da Kiev, ha definito l’accaduto esempio di “auto-immolazione”. Il 19 marzo, circa 300 uomini armati di Vinnitsa, guidati da attivisti di Fazione Destra, sequestravano una distilleria appartenente alla società Nemiroff. Il 20 marzo un gruppo di attivisti di Fazione Destra ha aggredito alcuni studenti ungheresi di Miskolc in gita in Transcarpazia. Estremisti armati irruppero nella riunione del consiglio civico ungherese, nella città di Berehove in Transcarpazia e picchiato i partecipanti. Due anni fa, i nazionalisti ucraini profanarono il monumento sul Verecke pass eretto per commemorare il passaggio delle truppe ungheresi attraverso i Carpazi. Vi scrissero “Morte agli ungheresi” e “Questa è Ucraina”. Il 20 marzo quattro giornalisti russi di Russia-1 TV furono arrestati a Donetsk. I documenti dei russi furono sequestrati e poi portati al checkpoint Vasilevka, dove furono trattenuti per diverse ore senza alcuna spiegazione, prima di essere espulsi dall’Ucraina. Il 20 marzo, il servizio di sicurezza ucraino tentò di sciogliere l’organizzazione civica Guardia di Lugansk che sostiene di porre l’Ucraina sotto l’autorità di un governo federale e di fare del russo una lingua di Stato. Tre attivisti furono arrestati e gli uffici dell’organizzazione e gli appartamenti dei suoi membri perquisiti. Uno dei leader dell’ala giovanile, Anastasija Pjaterikova, pubblicò un appello pubblico sui social network sostenendo che l’SBU, insieme a un deputato della Verkhovna Rada (un capo del Partito Radicale di estrema destra di Oleg Ljashko), organizzò la caccia ai membri della Guardia di Lugansk, perseguitandone gli attivisti e i famigliari. Il 20 marzo i rappresentanti del cosiddetto movimento AutoMajdan tentarono di estorcere carburante, denaro e altro al direttore di uno dei rami della società russa Lukoil-Ucraina, per “alimentare le esigenze della rivoluzione.” Il 20 marzo una folla di Kiev, indossando maschere e armata di armi da fuoco e coltelli, fece irruzione nell’edificio statale della Commissione Architettura e per l’ispezione edile. Occupando gli uffici al settimo e undicesimo piano, finsero di essere membri di una “commissione anti-corruzione” per cercare di confiscare cartelle contenenti documenti d’archivio. Il 21 marzo una casa nella regione di Kiev è stata bruciata perché apparteneva a Viktor Medvedchuck, leader del movimento Scelta ucraina. Il 23 marzo gli attivisti di Euromajdan a Kiev tentarono di occupare l’edificio di Rossotrudnichestvo, agenzia russa che promuove i legami con i russi all’estero, e l’auto di uno dei suoi dipendenti venne rubata. Tale prodezza era volta a confiscare l’ufficio e ad usarlo come sede dell’auto-difesa del popolo di Majdan. Il 23 marzo, un gruppo di membri armati di mitra di Fazione Destra assaltò il concerto a Rovno nell’ambito del festival rock locale, brandendo armi e disperdendo i partecipanti. Il 23 marzo a Zaporozhe, alcune decine di militanti, noti come Autodifesa di Maidan, attaccarono i partecipanti al Melitopol-Zaporozhe Friendship Road Rally con bastoni, pietre e sbarre di ferro. Persone furono picchiate e auto danneggiate. Il 24 marzo, membri del servizio di confine dell’Ucraina, ancora una volta proibivano agli equipaggi dell’Aeroflot di lasciare gli aerei negli aeroporti ucraini. Nessuna spiegazione fu data. Tale discriminazione da parte delle guardie di frontiera ucraine, verificatosi più volte nel mese scorso negli aeroporti di Kiev, Donetsk e Kharkov in violazione delle norme internazionali, costituisce un pericolo per il traffico aereo civile. Nei giorni scorsi, le guardie di frontiera ucraine hanno forzatamente respinto numerosi passeggeri di aerei russi. 43 casi sono stati segnalati dalla sola Aeroflot. In 32 casi, Aeroflot fu costretta a rimpatriare i passeggeri a proprie spese, avendo i biglietti di sola andata. Dalla metà di marzo, presso la sezione Kharkov del confine russo-ucraino, le guardie di frontiera ucraine impedirono ai cittadini russi di entrare in Ucraina, respingendone ogni giorno 120-130. Il 26 marzo i sostenitori di Fazione Destra di Dnepropetrovsk, Donetsk e Kharkov aggredirono chiunque si trovasse per strade indossando l’onorato nastro di St. Giorgio (simbolo della vittoria sovietica sul nazismo). Il 26 marzo nella regione di Kirovograd, rappresentanti del “Consiglio del popolo” locale e membri del partito Svoboda attaccarono il medico capo dell’Uljanovsk Central District Hospital, Aleksandr Tkalenko, cercando di picchiarlo nel suo ufficio. Il solo “peccato” del dottore è la sua appartenenza politica (fu membro del Partito delle Regioni e venne nominato alla sua attuale posizione dall’amministrazione Janukovich). Il 26 marzo, l’ex sindaco di Mirgorod (nella regione di Poltava) e presidente del consiglio comunale, Vasilok Tretetskij, moriva in ospedale dopo essere stato picchiato da aggressori il 16 marzo. Il 26 marzo, attivisti del movimento sociale Avtodozor, insieme a un centinaio di militanti di Autodifesa di Majdan, picchettarono gli uffici delle banche russe sulla via Kreshatik di Kiev (VTB, Alfa, Sberbank e Prominvest), chiedendo che venissero chiusi e tutte le loro divisioni ucraine nazionalizzate. L’edificio di Sberbank fu sequestrato e saccheggiato. Il 1° aprile, il servizio di sicurezza ucraino perquisì gli appartamenti degli attivisti filo-russi a Odessa. In particolare, perlustrarono l’appartamento di Aleksej Albu, deputato del consiglio regionale di Odessa. “Il gruppo del SBU arrivò a casa mia alle 08:00, irruppe e perquisì, aveva un’ingiunzione del tribunale. Gli stessi agenti di sicurezza dichiararono di cercare le liste di attivisti dalla nostra organizzazione e anche armi. Tuttavia, alla fine furono costretti a firmare una dichiarazione attestante che nulla d’illegale era stato trovato nell’appartamento“. Aleksej afferma di essere stato convocato dai servizi speciali ucraini per una “conversazione”.
10003543Le minacce ai sacerdoti ortodossi russi è anche un fatto ben noto nell’Ucraina di oggi. Il caso del Rev. Aleksandr Shirokov, perseguitato dall’illegale partito nazista di Ucraina, è divenuto pubblico grazie alla speciale dichiarazione del Ministero degli Esteri russo. Un gran numero di altri casi, meno pubblicizzati, di pressione sui sacerdoti filo-russi per mano dei radicali e delle amministrazioni locali leali alle autorità provvisorie di Kiev, continua. Dato il clima, l’intellighenzia filo-russa in Ucraina continua a emigrare in Russia (anche in Crimea). Secondo gli ultimi dati, più di 30000 persone sono state costrette a fuggire dal Paese, occupato dai nazionalisti. Possiamo solo immaginare l’origine dei rapporti delle organizzazioni internazionali per i diritti umani, dato che documentano soltanto le “violazioni” inesistenti commesse da un lato, i russi, ignorando completamente l’anarchia eclatante così diffusa oggi in Ucraina.
In ogni caso, è chiaro che se tali circostanze permangono, le elezioni presidenziali ucraine non potranno tenersi, se non ci sarà qualcosa di simile alla normalità il 25 maggio, e nessun risultato delle urne, con tale crisi, sarà riconosciuto dalla Russia, il Paese su cui la maggioranza dei cittadini dell’Ucraina conta.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Dal Bahrain all’Ucraina, arrivano gli spacciatori della sovversione e dell’inganno occidentali

Finian Cunningham, Strategic Culture Foundation, 09/12/2013

Chuck Hagel, Sheik Rashid bin Abdullah Al KhalifaIl Dialogo di Manama in Bahrain, tenutosi questo fine settimana in presenza del segretario alla Difesa statunitense Chuck Hagel e del ministro degli Esteri inglese William Hague, oltre ad altri alti funzionari occidentali, si è auto-presentato con gravità e importanza quale forum per discutere  “caldamente” dei “problemi della sicurezza” in Medio Oriente e altrove. In realtà, l’evento tenutosi nella capitale del Bahrein, Manama, non è altro che un ritrovo per chiacchierate false, atteggiamenti vuoti e concetti verbosi. Una vetrina vacua completa di manichini sgargianti, per nascondere il carattere macabro dei veri accordi politici occidentali che operano nel seminterrato della regione petrolifera. Come la posizione generale di Washington e Londra verso i regimi arabi del Golfo Persico, il Dialogo di Manama è volto a spacciare propaganda e inganni per coprire i fatti più brutali della vita, venduti da geniali e virtuosi commessi.
Uno di questi fatti brutali è che i governi occidentali sono pienamente complici della repressione da parte del loro cliente arabo del proprio popolo. Un altro fatto brutale è che i governi occidentali e i loro clienti del Golfo Persico alimentano insicurezza e violenza in tutto il Medio Oriente: in Siria, Iraq e Libano, sostenendo segretamente i mercenari estremisti nei cambi di regime; come al-Nusra e lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante, collegati ad al-Qaida. Un altro fatto brutale è che il Golfo Persico è uno dei luoghi più militarizzati e insicuri nel mondo, anche a causa del supporto occidentale ad Israele quale Stato nucleare illegale, e anche a causa delle sconsiderate vendite di armi statunitensi ed inglesi nella polveriera regionale. Tuttavia, gli alti rappresentanti degli Stati  guerrafondai occidentali hanno il coraggio di presenziare ad una conferenza regionale su “pace e sicurezza”. Come in un universo parallelo, portavoce e delegati vengono sistemati in un lussuoso hotel del Bahrain, per sproloquiare di democrazia, Stato di diritto e terrorismo. Nel frattempo, a pochi chilometri, il regime filo-occidentale del Bahrain impiega la polizia antisommossa sparando gas contro i pacifici sostenitori dei club pro-democrazia. I manifestanti cercavano di esercitare il diritto universale alla libertà di riunione pacifica e di espressione, gli stessi diritti umani di cui Washington e Londra ripetutamente affermano esserne i campioni della rivendita. Questi diritti civili sono sistematicamente negati in Bahrein negli ultimi tre anni (e anche prima), dalla monarchia assoluta del Bahrain, sostenuta da statunitensi e inglesi. Dal febbraio 2011, quando il movimento pro-democrazia si riaccese nel regno del Golfo Persico, le forze del regime hanno ucciso quasi 100 civili, alcuni sono morti sotto tortura in prigione; centinaia hanno subito mutilazioni grottesche, come la perdita di arti ed occhi per i proiettili antisommossa; neonati e anziani sono stati avvelenati nelle loro case dal deliberato uso eccessivo di gas lacrimogeni, e migliaia di famiglie sono in miseria perché padri e figli sono rinchiusi nelle carceri senza una parvenza di processo legale. Tutta questa barbarie avviene con l’appoggio tacito di Washington e Londra, e nell’indifferenza vergognosa dei media occidentali.
Per la popolazione di soli 600000 nativi del Bahrein (la popolazione di lavoratori immigrati è della stessa dimensione) le brutalità e le sofferenze inflitte dal regime dei Qalifa sono state immense. E in questa feroce aggressione alla popolazione sciita, i governanti bahraini hanno avuto completa assistenza dall’Arabia Saudita, che aveva inviato truppe nell’isola confinante nel marzo 2011, per schiacciare le manifestazioni pro-democrazia. Le truppe saudite rimasero in Bahrein da allora, seppur discretamente, indossando uniformi del Bahrain. Washington e Londra erano completamente informate della situazione. In realtà, Stati Uniti e Gran Bretagna diedero via libera alla Casa dei Saud nella repressione delle proteste in Bahrain, proprio come i governanti sauditi fanno nella propria provincia orientale e in altre regioni del regno petrolifero. E’ istruttivo confrontare e contrapporre ciò che accade in Ucraina occidentale e la reazione ufficiale. Le proteste a Kiev, evidentemente guidate da una minoranza determinata ad attuare la sovversione violenta e organizzata volta al rovesciamento delle autorità elette. Questo non è l’esercizio dei diritti umani internazionali, come in Bahrain; nel caso dell’Ucraina si tratta di una sedizione. Inoltre, i gruppi d’agitazione in Ucraina, come il Partito Patria e il neo-fascista Partito liberale, sono noti per i loro solidi legami con agenzie straniere impegnate a fomentare i cambiamenti di regime nei Paesi presi di mira. Queste agenzie sono la CIA e l’apparentemente innocua National Endowment for Democracy. Certo, le meticolose tattiche d’assalto recentemente usate contro gli edifici governativi di Kiev, indicano fortemente un’azione militare segreta… Rimproverare lo Stato ucraino per reagire con mano pesante alla sfrenata sovversione contro l’autorità sovrana, come i governi occidentali accusano, è nel migliore dei casi ingenuo e nel peggiore palese propaganda che falsa la situazione reale. A quanto pare, passanti inermi sono stati coinvolti nelle zuffe subendo lesioni. Tuttavia, non vi sono stati morti ed il primo ministro ucraino Mykola Azarov si è pubblicamente scusato per il comportamento della polizia. Dopo il culmine emotivo della settimana prima, le manifestazioni nella capitale ucraina si erano placate. Questa modalità indica che proteste e opinione pubblica vengono manipolati su un’altra agenda, non si tratta semplicemente di esprimere il dissenso verso il rifiuto del governo all’Unione europea, ma di uno scopo più sinistro: destabilizzare lo Stato.
Il contrasto con il Bahrain non potrebbe essere più lampante. Qui l'”autorità” è un regime non eletto in gran parte composto da una famiglia, gli al-Qalifa, guidata da un auto-nominatosi re, Hamad bin Isa al-Qalifa. Il suo successore sarà il primogenito, il principe ereditario Salman. Il regime del Bahrein domina con decreti assoluti e un “parlamento” consultivo “eletto” attraverso un processo fortemente manipolato. Il regime del Bahrain e i suoi sostenitori stranieri, Washington, Londra ed Arabia Saudita, sostengono che gran parte delle pacifiche proteste pro-democrazia sono manipolate da agenti stranieri. Sostengono che tali agenti provengono dall’Iran e dal movimento di resistenza libanese Hezbollah. I governi statunitensi e inglesi non lo ribadiscono troppo forte o spesso, perché sanno benissimo che l’accusa è una fantasia assoluta. Non c’è un briciolo di prova del coinvolgimento di Iran, Hezbollah o qualsiasi altra agenzia straniera nelle manifestazioni del Bahrain. Queste proteste si svolgono da tre anni semplicemente per via del desiderio della popolazione di avere il diritto di eleggere democraticamente un governo, piuttosto che essere dominata da una cricca familiare venale e corrotta. A differenza dell’Ucraina, il Bahrain è un caso semplice e diretto di democrazia brutalmente negata alla popolazione che resta tranquilla nonostante la provocazione implacabile di un regime non eletto.
Il doppio standard e l’ipocrisia dei governi occidentali e dei media mainstream, come dimostrato dalla risposta divergente sugli eventi in Ucraina e in Bahrain, è lampante. Una manifestazione di breve durata per seminare il caos in Ucraina e una dimostrata sovversione estera contro un governo eletto, ottengono la massima attenzione dai governi e dai media occidentali, quale “nobile tentativo democratico contro un regime autocratico“. Considerando che in Bahrain, il continuo movimento pro-democrazia sostenuto da civili disarmati e pacifici contro un brutale autocrate viene, beh, semplicemente ignorato dall’occidente. Infatti, il Bahrain non è semplicemente ignorato dall’occidente. Viene accettato e tacitamente appoggiato, fino in fondo, da Washington e Londra. La presenza di figure di spicco come Chuck Hagel e William Hague al Dialogo di Manama, in Bahrain, durante questo fine settimana, dove disquisivano di luoghi comuni su sicurezza, democrazia e Stato di diritto, serve ai governi statunitense e inglese a rassicurare i regimi del Bahrein e dell’Arabia Saudita sul loro continuo supporto nella repressione della democrazia. Nel frattempo, Chuck Hagel annunciava in tale forum che gli Stati Uniti non hanno alcuna intenzione di ridurre la propria presenza militare (leggi: vendita di armi) nel Golfo Persico, nonostante la recente distensione diplomatica con l’Iran. “La diplomazia deve essere sostenuta con la forza militare“, ha detto Hagel  ai delegati. Il capo del Pentagono ha anche rivelato che gli Stati Uniti concluderanno la vendita di 15000 missili anticarro all’Arabia Saudita per un miliardo di dollari. Questi missili probabilmente andranno ai militanti di al-Qaida ingaggiati nella guerra terroristica contro la Siria per imporvi un cambiamento di regime filo-occidentale. Ironia della sorte, e ridicolmente, il ministro degli Esteri inglese William Hague ha avvertito che gli “estremisti” che operano in Siria (con il sostegno segreto di Stati Uniti, Gran Bretagna e Arabia Saudita, tra gli altri) rappresentano una grave minaccia alla sicurezza del Medio Oriente e dell’Europa.
Davanti alla conferenza di Manama, dove i manifestanti pacifici hanno avuto le teste spaccate dalla polizia antisommossa del Bahrein, uno striscione della folla diceva: “Perché i governi occidentali non chiedono la democrazia in Bahrain?” Che scherzo crudele. I governi occidentali non sostengono la democrazia in Bahrain, o in qualsiasi altro luogo, perché fanno soldi con la vendita di armi e petrolio sostenendo dittature, e frantumando e sovvertendo la democrazia. Bahrain e Ucraina sono solo due esempi del concetto generale. Nonostante la retorica con cui si pavoneggiano, Washington e Londra non sono altro che spacciatori di sovversione e inganni.

Hagel630La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Mosca contro Washington: Obama “perde la battaglia per distruggere la Siria”

Margaret Kimberley, Global Research, 13 settembre 2013

La Russia sostiene la pace nella crisi siriana. “E’ la sua insistenza nel difendere la Siria, che ha allontanato il mondo dal baratro e costretto il presidente a rinviare il voto del Congresso che così  testardamente voleva.” I contrasti sono impressionanti. “Vladimir Putin cerca di fermare una grande guerra, ma il Nobel per la Pace Barack Obama cerca di avviarne una.” “Anche se un processo diplomatico avrà inizio, gli Stati Uniti e le altre nazioni della NATO proveranno qualcos’altro per realizzare il cambio di regime.”

1235511Gli Stati Uniti sono chiaramente i perdenti nella battaglia per distruggere il governo siriano. Nelle ultime due settimane il presidente e il segretario di Stato hanno pubblicamente dichiarato che l’attacco militare contro la Siria era imminente. Hanno continuamente rullato i tamburi dichiarando  che il governo siriano ha commesso atrocità contro i civili e cercato di strappare il supporto all’azione militare sia al Congresso statunitense che in tutto il mondo. Ora il presidente ha annunciato che differirà il voto del Congresso e l’invio di John Kerry in Russia per parlare con i russi, che così astutamente li hanno fermati nella loro azione. La parte del supporto della loro equazione, non ha funzionato nel modo previsto. In primo luogo il parlamento inglese s’è rifiutato di prendere parte al piano. I fantasmi di Tony Blair e George W. Bush dovevano ancora essere esorcizzati e i rappresentanti dell’opinione pubblica inglese non erano disposti a dare, a un altro presidente statunitense, carta bianca per arruolarli in un’azione criminale. I sentimenti del popolo statunitense vanno dallo scetticismo all’ostilità verso l’idea di un’altra azione militare. Le sue ragioni non possono avere la purezza dell’opposizione all’aggressione e alle nozioni di supremazia statunitense, ma come il presidente e il segretario di Stato hanno ripetuto fino alla nausea, la gente è stanca della guerra e non si vergogna di dire ai suoi rappresentanti cosa ne pensa.
Fortunatamente per tutti, sul pianeta terra ci sono nazioni disposte e in grado di resistere all’impero statunitense. L’esercito del Presidente Assad è stato in grado di resistere all’assalto delle monarchie del Golfo e degli statunitensi, motivo per cui il presidente siriano viene ora accusato di effettuare attacchi con armi chimiche. L’umanità ha anche la fortuna che Assad sia un alleato affidabile della Federazione russa, che ha usato la sua abilità diplomatica e la stupidità statunitense, per spingere l’amministrazione USA a fare marcia indietro rispetto al suo piano di uccidere altri siriani.

“La Casa Bianca e il dipartimento di Stato smentiscono furiosamente il commento di Kerry”
La prova delle rozze dichiarazioni e di mancanza di supporto è arrivata subito, nel processo propagandistico. Il presidente e il segretario di Stato nel loro primo appello, sostennero che non ci sarebbero stati “stivali sul terreno”. La frase terribilmente orwelliana è stata pensata per coprirsi dalle critiche e per imbarcare i congressisti esitanti. Ma quando è stato interrogato ad una audizione al Senato, Kerry s’è scoperto. “Io non voglio adottare un’opzione che potrebbe, o non potrebbe, essere a disposizione del presidente degli Stati Uniti nel proteggere il nostro Paese.” Le cosiddette gaffes erano continue. Quando un giornalista gli ha chiesto se gli Stati Uniti avrebbero abbandonato l’attacco se Assad avesse consegnato le armi, Kerry inizialmente aveva detto che sarebbe stato accettabile. “Certo, se potesse consegnare ogni singola sua arma chimica alla comunità internazionale, la prossima settimana, il piano sarebbe rientrato. Tutto questo, senza indugio e permettendo una piena e totale contabilità di esso, ma non è in procinto di farlo, e non può essere fatto, ovviamente.
La Casa Bianca e il dipartimento di Stato smentirono furiosamente il commento di Kerry. La sua portavoce disse che il segretario “non stava facendo una proposta.” I malfattori si erano dimostrati gli aggressori che sono. Hanno ammesso davanti la comunità mondiale che il motivo ultimo per scatenare la guerra è una farsa e che non c’è nulla che Assad possa fare per far chiamare i mastini della guerra. Anche se un processo diplomatico ha inizio, gli Stati Uniti e le altre nazioni della NATO proveranno qualcos’altro per realizzare il cambiamento di regime che affermano di non volere in Siria. Assad lo sa meglio di chiunque altro. Ha visto che Saddam Hussein e Muammar Gheddafi abbandonarono gli sforzi per essere una potenza nucleare, solo per essere eliminati quando gli Stati Uniti decisero che era tempo di sbarazzarsene. I russi non sono stupidi ed è grazie alla loro insistenza nel difendere la Siria, che hanno allontanato il mondo dal baratro e costretto il presidente a rinviare il voto del Congresso che con tanta insistenza voleva.

“Vi sono gravi crepe nel sostegno necessario al presidente per liberarsi di Assad”
Le teste parlanti dei network statunitensi hanno cercato di fare buon viso alle osservazioni del presidente, facendo affermazioni prive di senso secondo cui il presidente ha ottenuto quello che voleva da sempre, quando in realtà voleva che gli consegnassero la testa di Assad. Privo del sostegno del parlamento britannico, un’opinione pubblica statunitense scettica e una Russia intransigente hanno costretto il presidente a indietreggiare dalle sue dichiarazioni e a continuare a discutere. La Casa Bianca non inganna nessuno che conta. Nonostante l’affermazione di sapere ciò che Assad ha fatto, ha respinto la richiesta dell’Associated Press di vedere le prove dell’intelligence, dicendo che erano così lampanti. La continua dimostrazione di quello che sarebbe uno spettacolo accettabile, sottolineava le gravi crepe nel supporto necessario al presidente per perseguire lo scopo di liberarsi di Assad.
Assad vive un altro giorno, ma il nostro governo cerca disperatamente di perseguire la guerra. Le nozioni di bene e male devono essere dimenticate, se il mondo vuole essere libero dall’aggressione statunitense. L’ex alto ufficiale del KGB Vladimir Putin, cerca di fermare una grande guerra, ma il Premio Nobel per la Pace Barack Obama cerca di avviarne una. I presumibilmente cattivi russi si sono offerti di far dismettere le armi chimiche siriane, ma i virtuosi statunitensi hanno inizialmente risposto di no all’offerta. Le ironie abbondano. Un luogo comune tra i politici statunitensi è che la Russia “infila il suo dito nell’occhio dell’America.” Questo è vero e dovrebbero esserne grati. Dobbiamo essere grati alla nostra opposizione interna, ma anche ai popoli che vivono fuori dal nostro Paese e che si oppongono al bullo qual è lo zio Sam. La vista di un presidente statunitense che va in televisione e annuncia che non ci sarà una guerra, è un evento singolare. Non è ciò che il nostro sistema chiede, ma noi tutti viviamo per vedere un altro giorno.

Margaret Kimberley interviene settimanalmente su BAR, ed è ampiamente ripresa altrove. Gestisce un blog frequentemente aggiornato.
Copyright © 2013 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La guerra imperialista contro la Siria: Erdogan Pasha, l’ultimo sultano ottomano

Fida Dakroub, Global Research, 12 giugno 2013

181269

Generalità
Ad un ricevimento presso il palazzo presidenziale di Damasco, il 9 agosto 2011, il capo della diplomazia turca, Ahmet Davutoglu comunicò al presidente siriano Bashar al-Assad un messaggio duro e fermo, chiedendogli di porre fine alla “sanguinosa repressione delle manifestazioni pacifiche in Siria [1]” prima che fosse troppo tardi. In quella giornata indimenticabile, Davutoglu arrivò a Damasco, dopo giorni e notti a cavallo dell’altopiano anatolico. Al suo arrivo davanti le mura della città, evitò il suq e i caravanserragli del vecchio quartiere e rapidamente si precipitò a Qasr al-Muhajerin, il palazzo presidenziale, circondato da fiori di acacia e gardenia. Senza far seccare il sudore sulla fronte o togliendosi la polvere che gli copriva il becco [2] si appoggiò sul bastone e il guanto di Carlo Magno [3], e si pose davanti Assad come Gano [4] davanti Marsiglia [5], e pieno di arroganza, iniziò il suo discorso da messaggero della Santa Alleanza arabo-atlantica. Infatti, Ahmet Davutoglu era arrivato nella capitale degli omayyadi con un messaggio “deciso”, secondo le parole del primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan; Davutoglu fu inviato dalla Santa Alleanza a consegnare al presidente siriano Assad un messaggio occidentale, dentro una busta araba e con timbro di spedizione della turca PTT (posta ve telgraf teskilati) [6].

Inizio della guerra imperialista contro la Siria
Basta fare un parallelo con le dichiarazioni dei leader arabo-atlantici nello stesso periodo, per sapere fino a che punto la Turchia sia coinvolta, fin dall’inizio, nella guerra contro la Siria. La prova è che durante il suo incontro con il presidente Assad, Davutoglu disse che la Turchia non poteva rimanere spettatrice degli eventi che si verificavano in un Paese con il quale condivide un confine di circa 900 km, e legami storici, culturali e familiari. [7] Aggiunse anche che il messaggio di Ankara sarebbe stato più rigoroso, forte e chiaro, avendo la Turchia quasi perso la pazienza, aggiunse. [8] La sera stessa, la segretaria di Stato degli Stati Uniti, Hillary Clinton, chiese a Davutoglu di dire al presidente Assad che doveva “rimandare i suoi soldati nelle caserme” [9]. Da parte sua, l’Unione europea previde nuove sanzioni. Il servizio diplomatico europeo fu incaricato di preparare una lista di opzioni per andare oltre ciò che era in vigore [10] e la Francia, che nascondeva un rancore  colonialista verso la Siria, si dichiarò per l’attuazione della transizione di potere, “il tempo dell’impunità è finito per le autorità siriane”, dichiarò Christine Fages, allora vice-portavoce del ministero degli Esteri. [11]
Va notato qui che gli emiri e sultani arabi, temendo di perdere il bavaglio [12], esortarono la Siria a porre fine al “bagno di sangue”. Re Abdullah dell’Arabia Saudita disse che la Siria aveva solo due scelte per il futuro: “optare volontariamente nella saggezza o impantanarsi nel caos e nella violenza“, riassunse in una dichiarazione dal tono insolitamente duro verso lo Stato siriano. Da parte sua, il capo della diplomazia del Kuwait, lo sceicco Mohammed al-Sabah, rese omaggio alla decisione dell’Arabia Saudita. Più tardi, lo Stato del Bahrein si unì alla festa, e prese parte al Rot [13]: “Il Bahrein ha deciso di richiamare il suo ambasciatore a Damasco per consultazioni e chiede saggezza alla Siria“, disse il ministro degli Esteri del Bahrein, sheikh Khalid bin Ahmad al-Khalifa [14]. In effetti, gli emiri e sultani arabi, questi despoti e tiranni delle monarchie assolute del mondo arabo, si precipitarono al festino del Fagiano [15] dell’Unione europea, non solo per celebrare l’inizio della guerra imperialista contro la Siria, ma anche per versare olio sul fuoco dell’odio per le minoranze musulmane eterodosse religiose di tutto il mondo musulmano. Nonostante le minacce dirette e sottintese, la Siria respinse l’ultimatum della Santa Alleanza e la consulente politica del presidente siriano, Dr. Bouthaina Shaaban, avvertì il diplomatico [turco] che avrebbe dovuto aspettarsi una gelida accoglienza e che la Siria avrebbe presentato ad Ankara un messaggio ancor più fermo di quello di Davutoglu, rifiutando l’ultimatum: “Se [...] Davutoglu viene per consegnare un messaggio duro alla Siria, allora sentirà propositi ancor più duri sulla posizione della Turchia. La Turchia non ha ancora condannato i brutali omicidi di civili e soldati da parte dei gruppi armati terroristici”, riferiva l’agenzia SANA. [16] Dopo il rifiuto dell’ultimatum da parte dello Stato siriano, la guerra imperialista contro la Siria fu innescata, e l’ingerenza straniera prese una linea ascendente. Davutoglu tornò ad Ankara deluso senza riuscire a “spaventare” il presidente siriano Assad e le sue minacce furono portate via dal vento, la Siria aveva già preso una ferma e determinata decisione: resistere, confrontarsi e portare il Paese alla vittoria decisiva, nonostante i notevoli sacrifici.
In risposta alla decisione dello Stato siriano, la Santa Alleanza decise di togliersi la maschera e mostrare il suo volto spaventoso: o le dimissioni di Assad o la Siria sarà distrutta completamente.  Così, i presunti oppositori si riunirono ad Istanbul per creare un fronte unito contro lo Stato siriano e il giorno dopo, il miserabile Consiglio nazionale siriano (CNS) nacque, allora presieduto da un docente universitario di Parigi, Burhan Ghalyun [17]. Due giorni dopo, il 4 ottobre 2011, la creazione del CNS fu seguita dal progetto di risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che condannava la Siria, ma subì l’opposizione del doppio veto russo e cinese. Mosca si oppose “all’approccio del confronto” che andava “contro una soluzione pacifica della crisi“, mentre Pechino respinse “l’interferenza negli affari interni” di un Paese [18]. Eravamo ancora agli inizi della guerra imperialista contro la Siria.

Erdogan Pasha: il sigillo del califfato ottomano
Tutto quello che abbiamo detto prima appartiene già alla storia, lo Stato siriano ha resistito non solo alla peggiore guerra imperialista del secolo, ma il suo esercito ottiene vittorie decisive sul terreno contro le ondate di “nuovi mongoli” che hanno invaso il territorio siriano con la grazia e la benedizione del califfo di Istanbul, Erdogan Pasha. Tuttavia, Erdogan oggi non è più un Sadrazam [19] o Davutoglu un Reis Effendi [20]. Nella seconda settimana di proteste senza precedenti, le forze democratiche turche apprendono i loro preparativi. Continuano a occupare luoghi pubblici e a gridare i loro slogan contro il governo Erdogan. I manifestanti sono attivisti della società civile, studenti, disoccupati, sostenitori della sinistra e dell’estrema sinistra all’opposizione e ambientalisti. Le loro richieste: in primo luogo, l’abbandono da parte del governo del progetto immobiliare a Piazza Taksim, l’epicentro della rivolta in corso a Istanbul e simbolo storico della repubblica e della laicità turche. Un progetto che prevede la costruzione di una moschea e di un enorme centro commerciale. Tuttavia, l’opposizione a questo progetto è solo un pretesto per molti turchi nella loro frustrazione nei confronti di ciò che avvertono come le limitazioni delle libertà civili e politiche antidemocratiche dell’AKP, il partito di governo.
Su un altro livello, vale la pena ricordare qui l’articolo pubblicato questa settimana sulla rivista britannica The Economist, che segue gli ultimi sviluppi in piazza Taksim a Istanbul. L’interesse di un tale articolo non è certo nei contenuti, dei contenuti che non rompono ovviamente con il “classico” discorso occidentale sull’Oriente e gli orientali, o l’approccio che l’autore segue, ma piuttosto nel titolo che presenta: “I moti della Turchia: democratico o sultano” [21], nonché il fotomontaggio del ritratto del sultano ottomano Selim III con la faccia del primo ministro turco Erdogan. Tutto ruota intorno al seguente: per la rivista The Economist, una rivista monopolio certamente legata ai centri di potere imperialisti, pubblicare un tale articolo con un titolo e una foto del genere, criticando l’alleato più fedele della Santa alleanza nella guerra contro la Siria, dovrebbe avere una buona ragione. Tuttavia, questa “buona” ragione non risiede necessariamente nei paragrafi dell’articolo, né nel suo discorso sulla diffusione della democrazia. In altre parole, l’impressione creata leggendo l’articolo è la seguente: Erdogan Pacha abusa della democrazia e la rivista The Economist l’ha avvertito, semplicemente! Purtroppo, una tale lettura è parte del cosiddetto “grado zero di pensiero critico” o “massimo stadio d’ingenuità politica.” Certo, il motivo per cui questo articolo appare su The Economist, oggi, risiede altrove, soprattutto quando si sa che questa non è la prima volta in 10 anni di governo, che Erdogan “abusa” della democrazia nel suo Paese, né la prima volta che getta benzina sul fuoco dello sciovinismo e dell’odio religioso contro i gruppi etnici e religiosi della Turchia, come curdi, armeni e alawiti, senza che sia protetto e coperto dal silenzio dei monopoli mediatici che hanno giocato finora il ruolo delle tre scimmiette davanti le pratiche ostili di Erdogan.
Ritornando ad Erdogan e il ministro degli Esteri Davutoglu, si presentano come la punta di diamante della guerra imperialista contro la Siria, e per oltre due anni hanno pronunciato “sorprendenti” discorsi sui diritti, la democrazia, la libertà, la giustizia, la tolleranza, promettendo al popolo delle “vecchie province arabe” dell’impero ottomano una nuova era di luce, giustizia e prosperità al punto in cui avremmo immaginato Voltaire e Montesquieu, la pace sia su di loro, rivolgersi alle masse arabe nelle persone di Erdogan e del Reis Effendi Davutoglu.
A maggior ragione, la pubblicazione di un tale articolo nella rivista The Economist deve essere letta nel contesto delle vittorie decisive riportate sul campo dall’esercito arabo siriano contro i gruppi takfiri, che hanno nelle regioni di confine turche con la Siria le proprie retrovie. In altre parole, va detto che i centri del potere imperialista non conoscono amici o nemici permanenti, ma piuttosto  interessi permanenti, e dopo due anni e rotti di guerra imperialista contro la Siria, dove i principali “attori” erano fino a ieri il Sadrazam Erdogan e il Reis Effendi Davutoglu, la Santa Alleanza non è riuscita a rovesciare il regime del presidente Assad, nonostante le cifre catastrofiche in perdite umane e materiali, malgrado l’uso di tutti i centauri [22] e i minotauri [23] dell’Ade. Ciò significa che le potenze imperialiste ora cercano di sostituire Erdogan, che ha appena ricevuto il “cartellino rosso”, con un altro “giocatore” turco che sarebbe pronto a correre come Maradona nella fase del  compromesso internazionale sulla Siria pianificato tra Mosca e Washington.

Il popolo turco chiede la dipartita di Erdogan
Un anno e mezzo fa, precisamente il 22 novembre 2011, Erdogan ha esortato il presidente siriano Bashar al-Assad a dimettersi al fine di “evitare ulteriori spargimenti di sangue” nel Paese: “Per la salvezza del tuo popolo, del tuo Paese e della regione, ora lascia il potere“, disse in Parlamento davanti al gruppo parlamentare del suo partito Giustizia e Sviluppo AKP [24]. Ora, diciotto mesi dopo, a Piazza Taksim e al Gezi Park di Istanbul, migliaia di attivisti della società civile e delle forze democratiche turche, che sono scesi ogni giorno per le strade di tutto il Paese, chiedono le dimissioni del primo ministro Recep Tayyip Erdogan, che accusano di guidare un governo conservatore che cerca di islamizzare il Paese e di ridurne la democrazia e la laicità.

Nella pianura con i Dodici
Quindi Gesù discese dalla montagna con i dodici Apostoli e si fermò nella pianura. Vi era un gran numero di discepoli, e una folla di persone da tutta la Giudea, Gerusalemme e dal litorale di Tiro e  Sidone (…) Guardando poi i suoi discepoli, Gesù disse: “Perché vedi la pagliuzza nell’occhio di tuo fratello, mentre non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio? Come potrai dire a tuo fratello, ‘ Fratello, lascia che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio’, mentre tu stesso non vedi la trave che è nel tuo occhio? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e poi vedrai bene per poter togliere la pagliuzza che è nell’occhio di tuo fratello“. [25]

Fida Dakroub, Ph.D Sito ufficiale dell’autrice

Note
[1] Today’s Zaman (8 agosto 2011) Davutoglu to deliver harsh message to Damascus.
[2] Il becco è una scarpa del Medioevo (XIV secolo), con un estremità a punta allungata fino a 50 cm, di solito sollevata. Più si apparteneva a una classe sociale elevata, più la punta era lunga. Per i re, la dimensione della punta poteva essere grande quanto desiderato. L’estremità era imbottita con schiuma o canapa per irrigidirne la punta.
[3] Ne “La Chanson de Roland“, il bastone e il guanto di Carlo Magno sono la potenza conferita al messaggero.
[4] Personaggio letterario de “La Chanson de Roland“, Gano è il figlio di Grifone, Conte di Hautefeuille. È il patrigno di Orlando. È il messaggero di Carlo Magno presso il re di Saragozza.  Eppure fu lui che ha tradito Orlando mettendolo nella retroguardia che doveva essere attaccata dai saraceni. Per questo motivo è in qualche modo diventato, nella tradizione francese, l’archetipo del criminale o del traditore.
[5] Marsilio è il nome di un leggendario personaggio che appare ne “La Chanson de Roland” o “La canzone di Roncisvalle.” E’ il re saraceno di Saragozza nemico di Carlo Magno.
[6] Acronimo turco per “Posta ve Telgraf Teskilati Genel Müdürlügü” o Direzione Generale delle Poste e Telecomunicazioni della Turchia.
[7] Le Point (9 agosto 2011) Syrie: le chef de la diplomatie turque arrivé à Damas avec un message ferme pour Assad.
[8] Today’s Zaman, op. cit.
[9] Le Monde (8 agosto 2012) Le président syrien de plus en plus isolé après le rappel d’ambassadeurs de pays arabes.
[11] ibidem
[12] Nel Medioevo, il banchetto iniziava con insalata o frutta fresca di stagione per preparare lo stomaco a ricevere i piatti più ricchi.
[13] Nel Medioevo, il banchetto comprendeva anche il “Rot”, un piatto principale che consisteva di carni arrostite accompagnate da varie salse.
[14] Le Monde (8 agosto 2012) op.  cit.
[15] La corte di Borgogna sviluppò un’etichetta a tavola senza precedenti per la sua raffinatezza e ritualità. Fece di ogni banchetto uno spettacolo permanente. Il più famoso, dove centinaia di ospiti e spettatori parteciparono, fu il banchetto del Fagiano tenutosi a Lilla nel 1454.
[16] Le Devoir (8 agosto 2011)  Damas passe de nouveau à l’attaque.
[17] Le Devoir (4 ottobre 2011) Mabrouk! – Syrie : euphorie et émotion accueillent la création du Conseil national
[18] Radio Canada (5 ottobre 2011) Résolution de l’ONU sur la Syrie: le veto sino-russe critiqué par l’opposition, applaudi par Damas.
[19] Sadrazam o gran visir era il Primo ministro dell’Impero Ottomano.
[20] Il Reis Effendi era il ministro degli Esteri dell’Impero Ottomano.
[21] The Economist (8 giugno 2013) “Turkey’s troubles. Democrat or sultan?
[22] Nella mitologia greca, i centauri sono creature metà uomo metà cavallo. Discendono da Ixion, il primo uomo ad aver ucciso un membro della propria famiglia, che ideò il primo Centauro unendosi a una nuvola cui Zeus, il dio supremo, aveva dato la forma di sua moglie Hera. I centauri vivevano in Tessaglia, intorno a Monte Pelio, ed erano considerati esseri selvatici incivili.
[23] Nella mitologia greca, il Minotauro o “toro di Minosse” è un mostro abbastanza orrendo con  testa di toro e corpo umano. Il Minotauro è figlio dell’amore della regina Pasifae di Creta e di un toro bianco che Minosse non aveva sacrificato a Poseidone.
[24] Le Monde (22 novembre 2011) Le premier ministre turc demande le départ de Bachar Al-Assad.
[25] Vangelo di Gesù secondo Luca (6, 41-42).


Ricercatrice in Studi francesi (The University of Western Ontario, 2010), Fida Dakroub è scrittrice e ricercatrice in teoria di Bachtin. È attivista per la pace e i diritti civili.

Copyright © 2013 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Turchia: un altro Egitto?

Andrej Areshev Strategic Culture Foundation 10.06.2013

turkey2013In molte occasioni il sistema politico di “tipo turco” è stato visto come un esempio da seguire per l’Egitto, dopo la “rivoluzione dei gelsomini”. La visita al Cairo nel 2011 del primo ministro Recep Tayyip Erdo?an, che è anche presidente del partito Giustizia e Sviluppo (AKP), cercò di apparire come qualcuno che avesse vinto senza combattere e un leader che era riuscito a riprendersi le terre perdute dall’impero ottomano, nel tentativo di farlo rivivere nelle nuove condizioni storiche. Aveva  elogiato fortemente le prestazioni del suo Paese, che ha davvero raggiunto le realizzazioni in politica estera ed economica negli anni 2000 di cui parlava. Ma le cose cambiano e il Medio Oriente è una regione instabile. Ora gli eventi in Turchia acquisiscono una maggiore somiglianza con ciò che è accaduto in Egitto, dove i manifestanti pacifici riempirono la piazza Tahrir di Cairo. Il presidente del Consiglio sembra avere alquanto sovrastimato le risorse e le capacità del Paese. La protesta locale suscitata dagli ambiziosi piani di costruzione nella zona di piazza Taksim, è divenuta  una serie di disordini di massa a livello nazionale con decine o persino centinaia (di migliaia) di manifestanti che occupano le strade. Le richieste di protezione ecologica si sono trasformate in slogan politici. La domanda chiave sono le dimissioni di Erdogan e del suo governo. La protesta continua a diffondersi coprendo nuove aree e interessi.
Scontri feroci tra manifestanti e polizia (non senza ragione alcune unità sono viste come le “guardie private” di Erdogan) hanno avuto luogo a Istanbul, Ankara e altri grandi centri provinciali (come Smirne e Konya), uffici del partito al governo sono stati distrutti. Anche i tifosi di squadre rivali si sono uniti contro la violenza della polizia. La Confederazione dei sindacati dei lavoratori pubblici della Turchia (KESK), si è unita alle proteste. Alcuni dicono che in caso di scioperi in tutto il Paese, la posizione del Padishah diventerebbe davvero traballante. Certo, la Turchia non era immune dalle crisi, in precedenza, ma le forze armate intervennero ogni volta che succedeva. Oggi sono state private di tali funzioni, il partito di governo ha effettivamente schiantato i militari, sradicando ogni tentativo di cospirazione, portando confusione e incertezza nei loro ranghi. (2) Come già in Egitto, il movimento di agitazione non ha prodotto nessun leader (o gruppo di dirigenti) e le reti sociali hanno un ruolo importante nel riunire oltre 8 milioni di persone. Più di due milioni di messaggi sugli eventi in Turchia sono stati inviati da utenti di Twitter in appena 24 ore.  Circa il 90% dei messaggi proveniva dal Paese, la metà dei quali da Istanbul. Circa l’88% dei massaggi erano in lingua turca, portando alla conclusione che i messaggi fossero indirizzati al pubblico interno. Vi sono altri segni che indicano che gli attivisti degli inaspettati disordini fossero perfettamente pronti per la guerra delle informazioni, mentre i poteri forti sembrano essere sulla difensiva e perdenti nei mass media e su internet (a differenza della polizia con i manifestanti, nelle strade e e nelle piazze). Secondo il Guardian, Erdogan ha accusato gli stranieri e ha attaccato Twitter dicendo: “Ora c’è una minaccia che si chiama Twitter. Il miglior esempio di menzogna può essere trovato qui. Per me, i social media sono la peggiore minaccia per la società”. Il ruolo dei media nel mondo moderno è ben noto, e quindi fare affermazioni simili è la via più breve per acquisire l’immagine di “oppressore” e di “dittatore”. Non c’è da stupirsi, non vi è di fatto supporto occidentale al Primo ministro: i media e i politici si scagliano contro la polizia turca, accusandola di essere troppo dura nel sedare i disordini. Per esempio, il segretario di Stato degli USA John Kerry ha espresso preoccupazione per le manifestazioni antigovernative in Turchia chiedendo moderazione. Questa affermazione è in linea con quella di Bruxelles, fatta nella stessa occasione.
Ovviamente non tutti i gruppi politici od organizzazioni informali, i cui attivisti occupano le strade di Istanbul, Ankara e di altre città, sono liberali e filo-occidentali. Tra i radicali partecipanti al movimento Occupy Taksim vi sono gli oppositori di Erdogan di tutto lo spettro politico, dagli ultra-nazionalisti, che lo disprezzano per l’avvio di un dialogo con i curdi, ai gruppi di sinistra che si oppongono alle sue politiche sociali ed economiche eccessivamente “pro-capitaliste”, così come al suo sostegno ai militanti antigovernativi siriani. (3) Nel caso in cui l’agitazione prosegua, le forze più incrollabili, che seguano piani d’azione coerenti e siano pronte ad adottare qualsiasi misura per raggiungere degli obiettivi rigorosamente definiti, saranno coloro che si avvantaggeranno. Evidentemente, la comprensione degli eventi di tale gravità e portata richiede di dare uno sguardo su tutte le cause interne ed esterne. La situazione potrebbe essere causata da tensioni emerse tra l’islamismo “morbido” (gradualmente diventando duro) di Erdogan e i sentimenti presenti nelle file della parte secolarizzata della società. Queste sono le stesse tensioni che, in un modo o nell’altro, furono una caratteristica specifica del califfato ottomano e della Repubblica Kemalista dal 1923. Non importa che il partito Giustizia e Sviluppo abbia vinto una serie di elezioni, l’occidentalizzazione è andata troppo in profondità nel tessuto della società turca. Anche in città tradizionalmente conservatrici come Konya, l’influenza occidentale ha messo radici abbastanza profonde. Erdogan difficilmente potrebbe sostituire il sistema giuridico laico con la legge islamica, ma insiste sulla priorità dei valori e dei simboli religiosi. Per esempio, la legge recentemente approvata che limita il consumo di alcol. Difendendo l’opportunità del provvedimento, Erdogan ha detto che ama il suo popolo e vuole proteggerlo dalle cattive abitudini. Ma molte persone non vogliono vivere sotto lo sguardo vigile di un padre premuroso. (4) Quindi, vi è una divisione civile, o anche, una spaccatura culturale e di civiltà che riflette i processi sociali, economici e politici vivaci e contraddittori in corso nel Paese. L’adesione alla NATO della Turchia e la sua presenza in Medio e Vicino Oriente non sono meno importanti nel mettere il Paese al centro dei recenti esperimenti geopolitici occidentali. Il ruolo distruttivo del Paese nella crisi siriana è evidente. Coloro che seguono da vicino le vicende hanno prestato attenzione sulle pressioni senza precedenti che gli Stati Uniti hanno esercitato sulla Turchia. Vorrei ricordare che Hosni Mubaraq, l’ex leader dell’Egitto, era anch’egli visto come un affidabile partner dagli statunitensi. Non molto tempo prima del rovesciamento aveva iniziato a mostrare un certo grado di indipendenza…
Parlando delle prossime previsioni, è del tutto possibile che Abdullah Gül, presidente della Turchia, adotti misure conciliative. Formalmente compagno di viaggio politico di Erdogan, mantiene una certa distanza dal corso incrollabile del premier e ha la reputazione di politico moderato. Uno dei possibili risultati potrebbe essere il sostegno da alcuni gruppi dell’élite politiche. L’esempio lampante è Fethullah Gülen, auto-esiliatosi nel 1998 in Pennsylvania, dove risiede. Gode di un forte sostegno in Turchia. Leader spirituale del movimento globale Hizmet, che comprende media, scuole e organizzazioni caritative (in gran parte finanziato da imprenditori dell’Anatolia), lo studioso musulmano ha una notevole influenza politica in Turchia, come riferisce l’Economist. (5) Molti (se non la maggior parte) di coloro che votano per il partito Giustizia e Sviluppo, sono sostenitori di Fethullah Gülen e della sua rete Hizmet, e non stupisce che il suo parere su una vasta serie di questioni (il dialogo emergente con i curdi, per esempio) abbia un’importanza fondamentale. (6) Il 31 maggio ha incontrato Ahmet Turk, leader del Partito della società democratica (DTP) pro-curdo, che era in visita negli Stati Uniti. (7) Prima che avesse luogo l’incontro tra lui e il viceprimo ministro Bulent Arinc. (8) Forse non si trattava soltanto della questione curda. Leggendo un sermone a metà maggio, Gülen fece una velata critica della vanità di Erdogan (9). Senza dubbio, rifletteva sullo stile di Erdogan. Anche alcuni giornalisti di Zaman, il quotidiano strettamente legato al suo movimento, hanno criticato l’atteggiamento arrogante del Primo ministro. (10) I seguaci di Gülen, che agivano da alleati del partito al governo (ma più amichevoli verso l’occidente), potrebbero prendere una posizione più precisa se le agitazioni continuano. D’altra parte, gli altri partiti e gruppi, compresi quelli più radicali, possono intensificare le loro attività.
Tutto ciò non sorprende. Vorrei ricordare il “duro lavoro per passare da una tirannia a una democrazia”, l’ondeggiante lungo sostegno alle dittature per rafforzare le democrazie, quale principio fondamentale della politica estera delineata solo pochi anni fa dal presidente Bush Jr., quando il suo mandato stava finendo. (11) Altri attori, che mantengono una sorta di rapporti di “competizione/cooperazione” con Washington, potrebbero perseguire i propri interessi. Già si sono alzate voci che definiscono la situazione in Turchia una “una svolta epocale” nella promozione di una più matura “democrazia turca”. E’ abbastanza evidente. La questione è che in termini concreti l’emergere di questo tipo di democrazia comporterà un’ulteriore frammentazione della società turca (prendendo in considerazione la sua storicamente complessa composizione etnica e il carattere piuttosto complicato dei rapporti con i confinanti), influenzandone i rapporti futuri con tutti gli Stati vicini.

Note:
(1) Main trade union backs Turkey’s anti-govt protests
(2) Inoltre, si sono diffuse voci a Istanbul, secondo cui i militari laici si sono rifiutati di rispondere alle richieste della polizia per avere una mano nel reprimere i disordini, mentre dei manifestanti sarebbero anche stati visti prendere maschere antigas negli ospedali militari. Dorsey J. Tahrir’s Lesson For Taksim: Police Brutality Unites Battle-Hardened Fans? – Analysis
(3) Dopo i tumulti dell’11 maggio di qualche migliaio di manifestanti per le strade di Reyhanli, esprimendo malcontento per l’azione del governo, il gabinetto di Erdogan ha cercato di darne la colpa alla Siria. In precedenza, nel 2012, Faruk Logoglu vicepresidente del Partito Repubblicano del Popolo all’opposizione, ha detto che gli eventi erano una diretta conseguenza della politica del governo in Siria. Difficilmente si può mettere in discussione la competenza dell’ex viceministro degli Esteri, un esperto diplomatico, coinvolto nella preparazione di molti eventi importanti (compresi quelli relativi alla Siria e al Medio Oriente in generale).
(4) Mustafa Akyol. How Not to Win Friends and Influence the Turkish People.
(5) The Gulenists fight back. A Muslim cleric in America wields surprising political power in Turkey
(6) Is Gulen Movement Against Peace With PKK?
(7) Ahmet Türk Fethullah Gülen’le gorustu iddiasi
(8) Bulent Arinç: Fethullah Gülen’le 3 saat gorustuk
(9) Tahrir’s lesson for Taksim: Police brutality unites battle-hardened fans
(10) As Turks Challenge Their Leader’s Power, He Tries to Expand It
(11) Vladimir Avtakov, esperto della Turchia, offre uno sguardo sulla storia della serie di ondate di disordini che negli Stati arabi hanno portando al potere le figure di leader “popolari” o “islamisti”, che in realtà erano strettamente dipendenti dagli Stati Uniti d’America. Turkey: Managed Chaos and Police Instead of Military.

La ripubblicazione è accolto in riferimento alla rivista on-line Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 351 follower