I tredici anni del piano imperialista per la Siria

Slobodan Eric Rete Voltaire 15 febbraio 2014

Solo gradualmente tutti i pezzi del puzzle si combinano. In questa intervista con la rivista serba Geopolitika, Thierry Meyssan spiega cosa ora preveda il piano imperialista di Washington per il Medio Oriente, elaborato nel 2001. Ne osserva l’incapacità di affrontare la resistenza popolare e nota che pagheremo tutti le conseguenze, sia i popoli oppressi che coloro che pensavano di dominarle.

tumblr_m7fa7tntbz1qap9gno1_1280Geopolitika: Caro signor Meyssan, potrebbe brevemente spiegare ai lettori di Geopolitika ciò che  accade oggi in Siria, dato che secondo le informazioni delle principali reti televisive e le affermazioni dell’Osservatorio siriano dei diritti umani di Londra, non si capisce la situazione reale nel Paese in guerra. Ci sembra che un vento positivo soffi per il Presidente Assad, l’Esercito siriano e le forze patriottiche che difendono la Siria, dopo l’iniziativa russa per l’eliminazione delle armi chimiche che ha sventato il piano d’intervento di Stati Uniti e NATO.
Thierry Meyssan: Secondo gli Stati membri della NATO e del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC), i siriani si ribellarono al loro governo, tre anni fa, imitando i nordafricani. Questo è ciò che viene chiamata “primavera araba”. Il governo, o “il regime” più sprezzantemente, ha risposto con forza e brutalità. Dal 2011, la repressione avrebbe causato più di 130000 morti. Questa versione è supportata dall’Osservatorio siriano dei diritti dell’uomo che pubblica il numero delle vittime. La realtà è molto diversa. Al momento degli attentati dell’11 settembre, gli Stati Uniti decisero di distruggere un certo numero di Paesi, tra cui la Libia e la Siria. Questa decisione fu rivelata dall’ex Comandante Supremo della NATO, generale Wesley Clark, che si oppose. Si trattava di creare un’unità politica, dal Marocco alla Turchia, intorno a Fratellanza musulmana, Israele e  globalizzazione economica. Nel 2003, dopo la caduta dell’Iraq, il Congresso approvò il Syria Accountability Act, che autorizza il presidente degli Stati Uniti ad entrare in guerra contro la Siria senza l’autorizzazione del Parlamento. Nel 2005, gli Stati Uniti utilizzarono l’assassinio di Rafiq Hariri per accusare il Presidente Bashar al-Assad, promuovendo e creando il Tribunale speciale per il Libano, al fine di condannarlo e di dichiarare guerra al suo Paese. Tale accusa crollò per lo scandalo dei falsi testimoni. Nel 2006, Washington subappaltò una guerra contro Hezbollah ad Israele, sperando di coinvolgervi la Siria. Nel 2007, gli Stati Uniti organizzarono e finanziarono gruppi di opposizione esiliati intorno alla Fratellanza musulmana. Nel 2010, decisero di esternalizzare la guerra contro la Libia a Francia e Regno Unito che, perciò, conclusero il Trattato di Lancaster House. Nel 2011, un commando della NATO fu inviato segretamente in Siria per creare panico e desolazione. Dopo la caduta della Libia, spostarono il centro di comando dei loro eserciti a Izmir, in Turchia, e i combattenti libici di al-Qaida nel nord della Siria. Tale guerra di aggressione ha ucciso 130000 siriani e numerosi combattenti stranieri. Dopo la crisi delle armi chimiche dell’agosto-settembre 2013, gli Stati Uniti ammisero di non poter rovesciare il governo siriano. Interruppero le forniture di armi e i jihadisti stranieri non possono più contare su Israele, Francia e Arabia Saudita. Ovunque, l’esercito lealista avanza e le bande armate sbandano ovunque tranne che nel nord. Tuttavia, Washington impedisce la pace in Siria fin quando non riuscirà ad imporre la sua soluzione alla questione palestinese.

Geopolitika: Quali sono le conseguenze della sconfitta dell’Esercito libero siriano, sostenuto dall’occidente? Qual è la situazione ad Aleppo e sugli altri fronti? Quali fondi e sostegni hanno al-Nusra, al-Qaida e gli altri gruppi estremisti islamici? Gli islamisti radicali, anche se non sono così popolari, sono guerrieri scadenti che attaccano la Siria per conto dell’occidente?
Thierry Meyssan: In principio la NATO ha scelto di combattere una guerra di quarta generazione. Il popolo siriano venne inondato da una marea di informazioni false per fargli credere che il Paese fosse in rivolta e che la rivoluzione avesse trionfato, in modo che tutti inevitabilmente accettassero il cambio di regime. Il ruolo dei gruppi armati era condurre azioni simboliche contro lo Stato, per esempio contro le statue di Hafiz al-Assad, il fondatore della moderna Siria e atti di terrorismo per intimidire le persone e costringerle a non intervenire. Ognuno di tali gruppi armati era diretto da ufficiali della NATO, ma non c’era un comando centrale, per dare l’impressione di un’insurrezione diffusa e non di una guerra vera e propria. Tutti questi gruppi, disgiunti gli uni dagli altri, avevano la singola etichetta dell’Esercito Siriano Libero (FSA). Riconobbero la stessa bandiera verde, bianca, nera, storicamente del mandato francese, nel periodo tra le due guerre, cioè dell’occupazione coloniale. Quando gli occidentali decisero di cambiare strategia, nel luglio 2012, cercarono di mettere questi gruppi armati sotto un unico comando. Non ci riuscirono mai per via della competizione tra i loro mandanti, Turchia, Qatar e Arabia Saudita. Fin dall’inizio, le uniche forze militari efficaci sul terreno erano i jihadisti che affermarono fedeltà ad al-Qaida. Erano la punta di diamante dell’ELS nella prima parte della guerra, poi si separarono quando gli Stati Uniti li definirono “terroristi”. Oggi, sono divisi principalmente tra il Fronte Islamico, finanziato dall’Arabia Saudita, Fronte al-Nusra finanziato dal Qatar ed Emirato islamico dell’Iraq e Levante (EIIL, “Daish” in arabo ), finanziato dalla NATO attraverso la Turchia, anche se controllato dall’Arabia Saudita. La  concorrenza è tale che questi tre gruppi si massacrano più di quanto combattano il governo siriano.

Geopolitika: Sulle due informazioni dannose e parziali dei media globali, potrebbe dirci chi ha attaccato civili e bambini con il gas sarin? Qui in Serbia, dove abbiamo avuto l’esperienza della strage di Racak e degli abitanti di Markale a Sarajevo, dove i serbi furono accusati senza alcuna prova, il tutto sembra un copione già visto della “manipolazione del massacro”. Tali sceneggiate sanguinarie utilizzate per manipolare l’opinione pubblica e avviare interventi militari nell’ex- Jugoslavia e in altre aree critiche del mondo, perdono efficacia, o in altre parole: ora è più difficile ingannare la gente?
Thierry Meyssan: L’attacco con il gas sarin a Ghuta, Damasco, (cioè nella cintura agricola della capitale) non fu il primo attacco con il gas. Ve ne furono molti altri in precedenza, per i quali la Siria fece invano appello al Consiglio di Sicurezza. Secondo l’opposizione in esilio, il governo avrebbe bombardato la zona di Ghuta per diversi giorni uccidendone infine la popolazione con il gas. Il presidente Obama, che ritenne che questo attacco superasse la “linea rossa”, minacciò di distruggere Damasco. Fu seguito, in un crescendo, dal presidente Hollande. Ma infine, la Siria, su proposta russa, aderì alla Convenzione contro le armi chimiche e tutte le scorte furono consegnate all’OPAC. Così non si verificò l’attacco a Damasco. Oggi il Massachusetts Institute of Technology (MIT) ha pubblicato un rapporto che dimostra che i razzi osservati a Ghuta avevano una gittata inferiore ai 2 km. Tuttavia, secondo le cartine diffuse dalla Casa Bianca, le forze lealiste erano a 9 km dalla “zona ribelle.” In altre parole, è impossibile che questi tiri provenissero dalle forze governative. Questo studio conferma i rapporti dei satelliti russi secondo cui i due razzi furono  sparati dai Contras dalla loro area, convalidando la confessione trasmessa tre giorni dopo dalla TV siriana, dove un individuo ammise di avere trasportato questi razzi chimici da un deposito  dell’esercito turco a Damasco. Sono convalidate le accuse delle famiglie alawiti di Lataqia che sostengono di aver riconosciuto il loro figli rapiti dai Contras, il mese precedente, nelle immagini delle vittime. Infine, convalida l’inchiesta di Seymour Hersh che sostiene, contrariamente a Barack Obama, che la sorveglianza del Pentagono non mostrava alcuna attività del servizio chimico nei giorni precedenti. Questo caso non può sorprendervi, avendo sperimentato lo stesso tipo di aggressione dalle stesse potenze. Funziona bene tanto oggi quanto ieri. Tuttavia, l’intossicazione ha ancora una durata limitata. Si scopre che ha funzionato, ma non ha avuto successo. Il pubblico occidentale ci crede, ma Damasco non è stata bombardata perché la Russia l’ha impedito inviando la sua flotta presso le coste siriane. Improvvisamente, il Pentagono non poté distruggere la città sparano dal Mar Rosso, attraverso la Giordania e Arabia Saudita, poiché avrebbe scatenato una grande guerra regionale. La verità la sappiamo con certezza ora, cioè sei mesi dopo.

Geopolitika: Dobbiamo anche domandarci della situazione dei cristiani in Siria. Vi sono informazioni sull’occupazione e il saccheggio a Malula, da parte degli islamisti di al-Nusra, di una ex-chiesa cristiana, delle suore sarebbero state rapite?
Thierry Meyssan: Per esaurire la Siria, la NATO ha fatto ricorso a collaborazionisti siriani e combattenti stranieri. Durante la seconda parte della guerra, cioè dalla prima conferenza di Ginevra nel giugno 2012, c’è stato un afflusso di Contras senza precedenti. Si tratta di una guerra di tipo nicaraguense, ma con un inaudito ricorso ai mercenari. Ora sono almeno 120000 i combattenti stranieri provenienti da 83 Paesi per combattere in Siria contro il governo. Tutti si richiamano al wahhabismo, setta fondamentalista al potere in Arabia Saudita, Qatar e Emirato di Sharjah. La maggior parte si dice taqfirista, cioè “pura”. Condannano a morte “apostati” e “infedeli”. Quindi, urlano nelle loro manifestazioni: “Gli alawiti sottoterra! I cristiani in Libano!“. Per tre anni hanno massacrato decine di migliaia di alawiti (una corrente sciita per cui la fede è interiore e non può essere espressa con dei riti) e di cristiani. Soprattutto, hanno costretto centinaia di migliaia di cristiani a fuggire, abbandonando le loro proprietà. Oggi li costringono a pagare una tassa speciale, in quanto infedeli. Mentre sopraggiunge la fine della guerra, i gruppi armati cercano di vendicare la loro sconfitta con operazioni spettacolari. Hanno attaccato Malula, città cristiana in cui si parla ancora la lingua di Cristo, l’aramaico. Si sono dedicati ad atrocità sconvolgenti. I cristiani sono stati torturati in pubblico e martirizzati perché rifiutavano di rinunciare alla loro fede.

Geopolitika: Seguendo con molta attenzione e precisione la situazione in Medio Oriente. Come descriverebbe la situazione in Egitto? Pensa che la situazione si sia consolidata dopo le azioni decise dal comando militare? È la prima grave sconfitta di coloro che pianificarono le rivoluzioni arabe? Come si spiega che gli Stati Uniti supportino un gruppo islamico radicale come i Fratelli musulmani?
Thierry Meyssan: Il termine “primavera araba” è un cavillo da giornalista per parlare di eventi che non comprende che accadono nello stesso momento in Paesi assai diversi che parlano la stessa lingua, l’arabo. E’ anche un mezzo della propaganda per spacciare guerre aggressive per rivoluzioni. Preoccupato dalla successione di Mubaraq, il dipartimento di Stato aveva deciso di rovesciarlo per scegliere il governo successivo. Così organizzò la carestia del 2008 speculando sul cibo. Creò una squadra che si occupò della Fratellanza musulmana. E aspettò che la pentola bollisse. Quando la rivolta iniziò, il dipartimento di Stato inviò l’ambasciatore Frank Wisner, che aveva organizzato il riconoscimento internazionale dell’indipendenza del Kosovo, per ordinare ad Hosni Mubaraq di dimettersi. Cosa che fece. Poi, il dipartimento di Stato contribuì ad organizzare le elezioni che permisero alla Fratellanza musulmana di mettere il cittadino egiziano-statunitense Muhammad Mursi alla presidenza con meno del 20% dei voti. Una volta al potere, Mursi aprì l’economia alle transnazionali statunitensi e annunciò l’imminente privatizzazione del Canale di Suez. Impose una costituzione islamica, ecc. Il popolo si ribellò di nuovo. Ma non solo in alcuni quartieri di Cairo, come la prima volta. Tutto il popolo in tutto il Paese, tranne il quinto della popolazione che l’aveva eletto. In definitiva, i militari presero il potere e incarcerarono i capi della Fratellanza musulmana.  Ora sembra che stessero negoziando il trasferimento della popolazione palestinese di Gaza in Egitto. Lì, come in tutto il mondo arabo, Hillary Clinton si appoggiò alla Fratellanza musulmana. Tale organizzazione segreta, costituita in Egitto per combattere contro il colonialismo inglese, fu effettivamente manipolata dall’MI6 e ora ha la sua sede internazionale a Londra. Nel 2001, Washington previde l’ascesa in Turchia, facilitandone le elezioni, di un politico imprigionato in quanto appartenente alla fratellanza musulmana, pur pretendendo di averla abbandonata, Recep Tayyip Erdogan. Dopo aver tentato numerosi colpi di Stato in diversi Paesi per 80 anni, la Fratellanza andò al potere grazie alla NATO in Libia, e alle urne in Tunisia e in Egitto. Partecipa ai governi di Marocco e Palestina. Dona un aspetto politico ai Contras in Siria. S’è illustrata in Turchia. Ovunque dispone della consulenza in pubbliche relazioni della Turchia e del finanziamento del Qatar, cioè dell’Exxon-Mobil di Rockefeller. Ha la sua televisione e il predicatore principale al-Qaradawi è il “consigliere spirituale” (sic) della rete del Qatar al-Jazeera. La Fratellanza impone un Islam settario, che perseguita le donne e assassina gli omosessuali. In cambio, sostiene che il nemico degli arabi non sia Israele, ma l’Iran, e apre i mercati alle multinazionali statunitensi. Se per due anni e mezzo abbiamo creduto che i Fratelli dovessero governare l’intero mondo arabo, oggi sono stati abbandonati dall’occidente. Infatti, da nessuna parte sono riusciti a ottenere un massiccio sostegno popolare. Non hanno mai avuto più del 20% della popolazione dalla loro parte.

Geopolitika: Dalla vostra “torre di guardia” in Medio Oriente, potrebbe spiegare la sorprendente amicizia tra il governo serbo e gli Emirati Arabi Uniti? Il principe Muhammad bin Zayad al-Nahyan è venuto più volte in Serbia dove ha annunciato diversi investimenti nel settore agricolo e nel turismo serbo. Etihad ha acquistato, quasi assorbito, la compagnia serba JAT Airways. Tali contatti politici ed economici tra Abu Dhabi e Belgrado possono non avere il consenso di Washington? Quale sarebbe la ragione della Casa Bianca per incoraggiare la collaborazione tra gli Emirati Arabi Uniti e la Serbia?
Thierry Meyssan: Gli Emirati Arabi Uniti sono in una situazione molto difficile. In primo luogo, è una federazione di sette Stati molto diversi, tra cui l’emirato wahhabita di Sharjah. Poi sono troppo piccoli per resistere al loro potente vicino, l’Arabia Saudita, e al loro cliente, gli Stati Uniti. In primo luogo hanno cercato di diversificare i propri clienti, offrendo una base militare alla Francia, ma questa rientrò nel comando integrato della NATO. Nel 2010 hanno abbandonato l’idea di avere un ruolo diplomatico sulla scena internazionale, dopo che la CIA assassinò in Marocco il principe Ahmad, perché segretamente finanziava la resistenza palestinese. La revoca delle sanzioni statunitensi contro l’Iran indeboliranno i loro porti, diventati il fulcro del traffico che aggira l’embargo. Ora cercano nuovi partner commerciali della loro taglia. Negoziano con la Serbia, equilibrando l’influenza wahhabita del Qatar, che ha creato al-Jazeera in Bosnia.

Geopolitika: Cosa pensate dello stato attuale delle relazioni internazionali? La presenza militare russa nel Mediterraneo e le sue azioni diplomatiche rendono impossibile l’intervento in Siria, incoraggiano l’Ucraina a non firmare l’accordo con l’UE e la forte posizione della Cina sulle isole contese nel Pacifico, ciò dimostra la costruzione di un mondo multipolare? Che risposta possiamo aspettarci dal governo degli Stati Uniti e dall’élite globale per le sconfitte subite dalle rivoluzioni arabe ed arancioni, e riguardo la tendenza evidente all’indebolimento del potere occidentale?
Thierry Meyssan: La debolezza degli Stati Uniti è certa. Avevano programmato una dimostrazione di forza attaccando sia la Libia che la Siria. In definitiva, non poterono farlo. Oggi, i loro eserciti sono inefficaci e non riescono a riorganizzarli. Tuttavia, sono ancora di gran lunga la prima potenza militare al mondo, e quindi riescono a imporre il dollaro, nonostante il debito estero senza precedenti. Negli ultimi anni Cina e Russia hanno fatto notevoli progressi, evitando lo scontro diretto. Pechino è diventata la prima potenza economica del mondo, mentre Mosca è ancora la seconda potenza militare. Questo processo continuerà mentre i leader cinesi e russi dimostrano le loro capacità mentre i leader statunitensi hanno dimostrato la loro incapacità ad adattarsi. Sono scettico verso lo sviluppo di Sud Africa, Brasile e India. Crescono economicamente in questo momento, ma non vedo le loro ambizioni politiche. Le élite globali sono divise. Ci sono coloro che credono che il denaro non abbia patria e che Washington sarà sostituita, e coloro che credono nella  forza minacciosa della potenza militare del Pentagono.

Geopolitika: Date le informazioni che avete e la credibilità della vostra analisi, saremmo interessati a conoscere la vostra opinione sulla politica del governo della Serbia, che insiste a portare il Paese nell’Unione europea, senza alcun entusiasmo dal popolo, e che ha accettato di raggiungere questo obiettivo partecipando con Bruxelles e Washington alla distruzione della resistenza serba alla secessione albanese in Kosovo e Metohija.
Thierry Meyssan: Il governo serbo attuale non capisce il nostro tempo. Agisce sempre come se la Russia sia ancora governata da Boris Eltsin e non possa aiutarla. Avendo chiuso da sé la porta del Cremlino, non ha altra scelta se non volgersi verso l’Unione europea e pagarla. Ora porta il peso della vergogna di aver abbandonato la resistenza serba. Infatti, non è l’unico Stato balcanico in tale posizione. Grecia e Montenegro dovrebbero anch’essi volgersi alla Russia ma non lo fanno. Senza dubbio, possiamo dire che la maggiore vittoria dell’imperialismo è aver saputo dividere e isolare  popoli che non credono di aver più una scelta politica.

Geopolitika: Nella sua ultima intervista a Geopolitika, ha detto che l’UCK in Kosovo aveva addestrato al terrorismo un gruppo di combattenti in Siria. L’UCK e il Kosovo sono ancora attivi nella lotta contro il Presidente Assad e il legittimo governo della Siria? Avete qualche informazione sulla partecipazione di islamisti di Bosnia, Kosovo e Metohija e della regione della Serbia dalla maggioranza musulmana (Novi Pazar)?
Thierry Meyssan: I jihadisti che combattono in Siria sostengono sui loro siti web di esser stati addestrati dall’UCK e ne hanno postato le foto. Tutto ciò è stato evidentemente organizzato dai servizi segreti turchi, MIT, il cui attuale capo Hakan Fidan fu il collegamento tra l’esercito turco e il quartier generale della NATO durante la guerra del Kosovo. Inoltre, sappiamo che molti jihadisti in Siria provengono dai Balcani. Ma non sembrano più riforniti dalla Turchia. Attualmente la polizia e la giustizia turche conducono un’operazione contro il governo Erdogan. Sono riusciti a evidenziare i rapporti personali del premier con il banchiere di al-Qaida, ricevuto segretamente a Istanbul mentre era sulla lista dei ricercati dalle Nazioni Unite. Così, la Turchia ha finanziato le attività di al-Qaida in Siria. Erdogan sostiene di essere vittima di un complotto del suo ex-compare, il predicatore musulmano Fethullah Gulen. E’ probabile che, in realtà, collabori con l’esercito kemalista contro Erdogan, che s’è rivelato, nonostante ciò che afferma, di essere sempre un membro dei Fratelli musulmani. Inizialmente, gli Stati membri o vicini alla NATO hanno inviato i musulmani per la jihad in Siria. Oggi, si preoccupano che queste persone rientrino. Persone che hanno violentato, torturato, smembrato ed appeso altre persone non possono ritornare a una normale vita civile. Quando la CIA ha creato il movimento della jihad contro l’Unione Sovietica in Afghanistan, il mondo non era globalizzato. Su viaggiava assai di meno e più controllati. Non c’era Internet. La CIA poteva manipolare i musulmani in Afghanistan senza timore che si diffondessero altrove. Ora ciò che la NATO ha iniziato in Siria, cresce da solo. Non c’è bisogno di organizzare filiere affinché i giovani si uniscano ai Contras in Siria. Si è ripetuto così spesso che la Siria era una dittatura che tutti ci credono. Ed è romantico combattere una dittatura. Molti governi europei ora chiedono alla Siria di aiutarli ad identificare i propri cittadini tra i jihadisti. Ma come la Siria potrebbe farlo e perché rendere tale servizio a coloro che hanno cercato di distruggerla? La guerra finirà progressivamente in Siria, e i jihadisti torneranno a casa, anche in Europa, per continuare la guerra per la quale gli europei li hanno addestrati. Inoltre, tale situazione non avrà una soluzione pacifica, perché se la NATO avesse vinto in Siria rovesciando l’amministrazione di al-Assad, sarebbe stato peggio. Sarebbe stato un segnale per tutti i jihadisti apprendisti in occidente, a tentare a casa ciò che era riuscito in Medio Oriente. L’occidente e il GCC hanno allevato dei mostri con crimini che sconteremo.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Una nuova guerra nella guerra in Siria

Dmitrij Minin Strategic Culture Foundation 29.07.2013

998002L’occidente, forse senza nemmeno provare, attraverso i suoi più recenti invii di armi all’opposizione siriana, compresi quelli cui ha partecipato l’Arabia Saudita, ha portato la guerra civile in Siria ad un nuovo livello; alla guerra di “tutti contro tutti”. Come molti esperti hanno avvertito, l’idea che nelle condizioni formatesi in questo Paese, si possano fornire armi e altre risorse solo alle unità con l’“orientamento politico giusto” si è rivelata non solo irrealistica, ma anche estremamente pericolosa. Gli oppositori di al-Assad, che appartengono a vari movimenti ideologici, si sono scontrati immediatamente in una sanguinosa battaglia per queste forniture. E non sempre i sostenitori della “linea filo-occidentale” hanno successo. E soprattutto, come sempre, sono il popolo e i veri principi democratici che i leader occidentali presumibilmente giurano di proteggere in Siria, che ne soffrono. Anche Z. Brzezinski ha avvertito: “ciò di cui si parla è aumentare il nostro aiuto alle meno efficaci delle forze contrapposte ad Assad. Quindi, nella migliore delle ipotesi, è solo dannosa per la nostra credibilità. Nel peggiore dei casi, si accelera la vittoria dei gruppi molto più ostili a noi di quanto Assad non sia mai stato. Ancora non capisco… perché abbiamo concluso da qualche parte, nel 2011 o 2012, l’anno delle elezioni per inciso, che Assad dovrebbe andarsene”.
La pubblicazione inglese The Independent pone la questione di come sia possibile, nelle condizioni di una guerra civile, fornire armi ai ‘buoni’ e non ai ‘cattivi’. La storia ci insegna che si può cambiare facilmente posto, e che questi ultimi possono benissimo vincere… Cosa accadrà se gli islamisti spazzeranno via il filo-occidentale esercito libero siriano (ELS)? “Allora le nostre armi cadranno veramente nelle ‘mani sbagliate’, e piuttosto più velocemente di quanto avrebbero fatto in ogni caso, dato che le armi sono il denaro delle guerre civili e al-Nusra e il resto, hanno il denaro per comprare qualsiasi cosa diamo all’ELS”. Poi l”evidente alleato’ dell’ELS, per poter sopravvivere, sarà “il tizio nel palazzo presidenziale di Damasco”, in altre parole, al-Assad. Il quotidiano arabo al-Hayat cita un leader della Jihad giordana, Mohammed Shalabi, che crede che se il regime di al-Assad cade, lo scontro tra l’opposizione laica e gli islamisti in Siria si acutizzerà ancora di più.
A dispetto delle loro richieste di pace durante il mese sacro del Ramadan, emessi al fine di fermare l’avanzata delle forze governative, in molte regioni del Paese le forze d’opposizione conducono aspre battaglie intestine. Come il quotidiano libanese al-Safir scrive, il conflitto è stato acceso dalla consegna di nuove armi ai ribelli. Gli sponsor sauditi dell’opposizione intransigente, secondo al-Safir, hanno inviato tonnellate di armi dalla Libia che ora vengono trasportate attraverso il confine turco. Quindi la lotta è in primo luogo per il controllo delle città di confine. Il capo del Consiglio Supremo Militare dell’ELS, Salim Idris, ha giurato all’occidente che le armi non cadranno nelle mani di al-Qaida. In risposta, gli islamisti hanno annunciato che non riconoscono più gli ordini dell’ELS e si rifiutano di collaborare con gli insorti ‘secolari’. A ciò è seguita l’uccisione del membro del consiglio militare dell’ELS Muhammad Kamal al-Hammami e di suo fratello nella regione di confine del Jebel-Turkman, a nord di Latakia. Al-Hammami era incaricato di distribuire le nuove armi ai ribelli. E gli estremisti hanno accusato l’ELS e dichiarato che “dopo gli Hammami, uccideranno tutti i membri del suo Consiglio Supremo”. A questo incidente ha fatto seguito la dichiarazione dell’ELS secondo cui l’omicidio di un membro di spicco del suo comando militare equivale alla dichiarazione di guerra. Gli analisti dicono anche che le differenze tra l’ELS e gli islamisti siriani derivano dalla catena di sconfitte che hanno sofferto nella guerra contro l’esercito arabo siriano (ASA) del governo, e dal fatto che le forze di al-Assad hanno la reale possibilità di stabilire un’ulteriore iniziativa strategica nel conflitto e d’invertire la tendenza in loro favore.
Secondo al-Jazeera, solo la scorsa settimana ci sono stati cinque di questi scontri armati tra i vari gruppi di opposizione. Il risultato è sempre lo stesso. L’ELS ha perso uomini e territorio a vantaggio dei jihadisti. Molti depositi di armi sono stati sequestrati. Ad esempio, la città di Dana, proprio sul confine con la Turchia, dove vi sono stati i più intensi scontri a fuoco, è finita completamente sotto il loro controllo ed è stata dichiarata “emirato islamico”. Nella più grande città del Paese, Aleppo, oltre alle battaglie con le forze governative, gli oppositori ‘laici’ e ‘religiosi’ si combattono per il quartiere chiave di Bustan al-Qasr, che separa i lealisti dai ribelli. Nel quartiere di al-Firdus ci sono stati scontri armati tra l’ELS e Jabhat al-Nusra, durante cui gli islamisti hanno chiesto aiuto ai loro ‘compagni d’armi’. È stato riferito che entrambe le parti hanno utilizzato armi antiaeree, lanciagranate e razzi fatti in casa. Molti sono stati uccisi o feriti. Nella parte centrale del Paese, nella capitale provinciale di al-Raqqa, occupata dall’opposizione, 1500 persone sono finite dietro le sbarre per ‘aver violato la sharia’. Tra di loro vi è il locale comandante dell’ELS Jasim Awwad, dopo il suo arresto l’11° Brigata, dell’Esercito libero siriano sostenuto dall’Arabia Saudita, ha assediato la base del movimento islamista Ahrar al-Sham filo-Qatar, che prevede di stabilire un emirato islamico nella città sotto il suo controllo. Un atto del genere da parte dell’ELS è stato possibile dopo che il nuovo emiro del Qatar ha preso le distanze dall’opposizione siriana, e la supervisione sui ribelli è andata interamente all’Arabia Saudita. Tuttavia, il giorno dopo gli islamisti hanno occupato tutti i posti chiave della città. Secondo testimoni oculari, è la popolazione della città che soffre di più per queste sanguinose rese dei conti, avendo anche il coraggio di inscenare proteste pubbliche, anche se disperse dai ribelli.
Esperti tedeschi ritengono che il processo di divisione nell’opposizione continui. Gli islamisti radicali, di cui forse la maggioranza è straniera, continueranno a diventare più forti. I loro legami con i Paesi di origine facilitano il flusso ininterrotto di reclute che “vogliono realizzare il sogno di morire da martire e andare in paradiso”. Il nuovo sviluppo della situazione in Siria ha portato ad una buona dose d’imbarazzo per l’occidente, che in misura significativa ha predeterminato tale stato di cose attraverso le sue azioni. Dopo che il Congresso, allarmato per le nuove informazioni, ha bloccato l’invio di armi, la stampa statunitense, per esempio, scrive che “gli alleati degli Stati Uniti sono ‘sconcertati e allarmati’ dall”irresponsabilità del presidente sulla Siria,’ e ora dal suo fallimento ‘nel prendere anche una modesta decisione al riguardo.‘” Un rapporto del comitato parlamentare sull’intelligence e la sicurezza afferma che al-Qaida in Siria è già una minaccia terroristica per la stessa Gran Bretagna. La commissione ha avvertito che questa organizzazione terroristica ha armi chimiche. Secondo il quotidiano britannico The Guardian, c’è il pericolo che gli estremisti in Siria  sfruttino l’ambiente favorevole per effettuare attacchi contro i Paesi occidentali. Questo pericolo è diventato particolarmente grande da quando un gran numero di estremisti è arrivato in Siria dalla Gran Bretagna e da altri Paesi europei. Qui i terroristi acquisiscono l’esperienza in battaglia che  aumenta la minaccia che rappresentano.
Ora il capo del governo britannico Cameron si rimangia le promesse, affermando: “Tutto ciò è troppo complicato per esserne coinvolti. E anche, non parlando del tipo di armi che non possiamo dargli per paura che cadano nelle mani sbagliate, i nostri invii non daranno all’opposizione il vantaggio decisivo. Il conflitto potrà solo inasprirsi”. Il Vicedirettore della Defense Intelligence Agency statunitense (DIA) David Shedd ha dichiarato, in una conferenza sui problemi della sicurezza ad Aspen, che il conflitto siriano interno durerà per mesi, se non per anni. A suo parere, “(i membri dei gruppi dell’opposizione militante in Siria) non andranno a casa quando sarà finita”, cioè con le dimissioni del presidente siriano Bashar al-Assad. “Combatteranno per quello spazio. Sono lì per un lungo salto”, ha detto Shedd. Inoltre ha espresso l’opinione che i gruppi islamici radicali potrebbero dominare gli altri. Secondo lui attualmente in Siria ci sono circa 1200 gruppi d’opposizione, il che rende molto difficile mantenere il controllo sulle armi loro consegnate. I più attivi nella guerra contro al-Assad sono i rami terroristici di al-Qaida: “è molto chiaro che nel corso degli ultimi due anni sono cresciuti in dimensioni, capacità e spietata efficacia”. Inoltre non esclude la vittoria di al-Assad. La posizione “della DIA è che (la caduta di Assad) fosse per l’inizio di quest’anno. Ovviamente non è successo“, ha detto Shedd.
Il direttore del Centro Nazionale Antiterrorismo Matthew Olsen ha avvertito che dopo il conflitto, i terroristi giunti in Siria da Europa e Stati Uniti torneranno, e allora saranno una minaccia per gli europei e gli statunitensi. Il direttore del Washington Post David Ignatius ha fatto una sorta di diagnosi degli avvenimenti, notando che una delle peggiori caratteristiche della politica estera statunitense è l’abitudine di ‘sedurre ed abbandonare’. Questo è ciò che sta accadendo ora in Siria. La seduzione è iniziata con la proclamazione retorica del presidente Obama, il 18 agosto 2011: “È giunto il momento per il presidente Assad di farsi da parte!” A questa è seguita il corteggiamento prolungato dell’opposizione siriana, sempre più impegnativa. La CIA s’è attivamente coinvolta nella collaborazione, nell’addestramento e in altre forme di assistenza con l’opposizione. Il 13 giugno 2013 la Casa Bianca ha formalmente promesso di fornire aiuti militari all’opposizione siriana. I ribelli hanno anche cominciato a preparare i depositi per questi aiuti. “E allora? Beh, questa è un’infelice storia d’amore, e saprete cosa avverrà dopo. E’ quello che i romanzieri inglesi ottocenteschi chiamavano ‘jilt’. Per citare un articolo del New York Times pubblicato lo scorso fine settimana, si scopre ‘che i piani dell’amministrazione sono molto più limitati di quanto indicato in pubblico e privato.” In connessione a ciò, Ignatius si chiede: “Immaginate per un momento di essere un combattente ribelle siriano che rischia la vita da due anni nella speranza che Obama dia un sincero aiuto… Ora sapete che Washington ci sta ripensando. Cosa pensereste del comportamento dell’America?… Le vicende attuali in Siria sono così familiari, quasi come il leitmotiv della politica estera degli Stati Uniti… Alla fine dei romanzi ottocenteschi, il seduttore che abbandona il suo flirt di solito ottiene ciò che merita… Ma non succede così in politica estera”.

La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’imperialismo degli Stati Uniti e il colpo di Stato in Egitto

Necessità di una leadership rivoluzionaria
Mazda Majidi LiberationNews 20 luglio 2013

7629556208_93c6e37b02_zLe rivoluzione incompiuta in Egitto subisce un rapido sviluppo. Una vertiginosa serie di forze di classe è impegnata in una lotta il cui esito determinerà il destino del Paese. La rimozione ad opera dei militari di Muhammad Mursi, dopo giorni di proteste in massa per chiedergli di dimettersi dalla presidenza. Le enormi proteste, con milioni di manifestanti, erano secondo alcuni resoconti, anche più grandi di quelle che portarono al rovesciamento del cliente degli USA Hosni Mubaraq nel 2011. Il 3 luglio, il comandante in capo dell’esercito, Generale Abdul Fatah Said al-Sisi, ha rimosso dal potere Mursi e nominato Hazim al-Bablawi Primo ministro ad interim. Bablawi da allora ha formato un gabinetto che rimarrà in carica fino alle prossime elezioni. Ha promosso anche al-Sisi a primo Viceprimo ministro oltre a tenerlo al suo posto di ministro della Difesa. Tra gli altri membri degni di nota del gabinetto di Bablawi vi è Muhammad al-Baradej, ex capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, che servirà con il Presidente ad interim Adly Mansur. Data la lunga storia di invasioni, occupazioni e altre forme di intervento statunitensi nella regione, ci si deve chiedere se questo sia stato un colpo di Stato ingegnerizzato. Per rispondere a questa domanda, è utile dare un ampio sguardo alle variazioni, nel corso del tempo, della forza d’influenza degli Stati Uniti in Medio Oriente e Nord Africa.

Il ruolo degli Stati Uniti in Medio Oriente e Nord Africa
Nel periodo immediatamente successivo alla caduta dell’Unione Sovietica nel 1991, l’imperialismo degli Stati Uniti ha visto la sua strada al dominio globale senza ostacoli. Dalla fine della seconda guerra mondiale agli anni ’70, molti Paesi ex colonizzati in tutto il mondo avevano ottenuto l’indipendenza attraverso i movimenti di liberazione nazionale, spesso con il sostegno significativo del blocco socialista. Ora, gli strateghi imperialisti statunitensi pensavano che non c’era nulla che fermasse gli Stati Uniti nel trascinare quei Paesi di nuovo nella loro sfera d’influenza. Ma la guerra in Iraq ha mostrato i limiti della potenza degli Stati Uniti, anche dopo che l’Unione Sovietica aveva cessato di esistere. Ciò che per Washington doveva essere un “gioco da ragazzi”, nell’occupazione dell’Iraq nel 2003, si trasformò in una guerra di otto anni, avendo come risultato tutto tranne che  una clamorosa vittoria degli Stati Uniti che ne evitasse la catastrofica sconfitta; gli Stati Uniti furono costretti a stringere accordi e alleanze con le forze che avevano combattuto contro la loro occupazione. E il risultato finale è stato assai diverso da ciò che l’imperialismo aveva sperato: un regime cliente simile alle monarchie del Golfo. Oggi, il governo iracheno svolge un ruolo significativo nel sostenere il governo di Assad in Siria, in opposizione ai ribelli appoggiati dagli USA. Baghdad inoltre firma grandi contratti petroliferi con la Cina, non accettando le mega-offerte di Exxon-Mobil e altri giganti del petrolio. Questo non è ciò che il governo degli Stati Uniti aveva immaginato per l’Iraq post-occupazione.
Dopo 12 anni di occupazione, la posizione degli Stati Uniti in Afghanistan non è certo quella di un vincitore sicuro che ha schiacciato la resistenza di un Paese povero e dalle risorse limitate. In Afghanistan, come in Iraq, gli Stati Uniti non sono alla ricerca di una vittoria assoluta, fuori portata, ma evitano di apparire sconfitti. Le ripetute aperture a ciò che gli Stati Uniti sperano siano gli elementi più concilianti dei taliban, sono la prova della sfida agli Stati Uniti. Le guerre in Iraq e in Afghanistan hanno ancora una volta infranto il mito che l’impero statunitense sia invincibile. E questo ha avuto ripercussioni ben oltre la regione. Anche gli Stati clienti sulla cui lealtà Washington poteva contare una volta, ora sono più disposti a percorrere una propria strada autonoma. Pur non recidendo i legami di asservimento agli Stati Uniti, alcuni di questi Stati clienti manovrano per avere influenza regionale, in competizione con altri Stati. A volte sono fuori sincrono con gli Stati Uniti, non vedendo alcuna ragione per allineare perfettamente le proprie politiche a quelle dell’imperialismo statunitense. Se gli Stati Uniti seguano la propria, oggi, è in questione, ma senza una conclusione scontata. Quindi, vediamo la Turchia, membro della NATO, disposta a scontrarsi  con Israele nel tentativo di recuperare un po’ dell’influenza perduta dai giorni dell’impero ottomano. Allo stesso modo, vediamo le monarchie reazionarie del Golfo, Arabia Saudita e Qatar, in competizione per l’influenza sull’Egitto e sull’opposizione di destra in Siria. La recente elezione di Ahmad Assi Jarba a leader del Consiglio nazionale siriano dell’opposizione, per esempio, è vista come una vittoria dell’Arabia Saudita e una sconfitta del Qatar, mentre l’Arabia Saudita e il Qatar sono entrambi clienti degli Stati Uniti. E’ in questo contesto che dobbiamo analizzare il ruolo degli Stati Uniti in Egitto. Contrariamente a quanto si è detto, non vi è alcuna indicazione che il colpo di Stato militare del 3 luglio in Egitto sia stata un’iniziativa degli Stati Uniti. Contatti telefonici segnalati tra l’alto comandante militare egiziano, Generale al-Sisi, e il segretario della Difesa Chuck Hagel, nella settimana precedente il colpo di Stato, probabilmente vedevano Sisi rassicurare Hagel di aver sotto controllo i militari, piuttosto che uno scambio di piani operativi.

Mursi e gli Stati Uniti
Non vi è alcun dubbio che, nel suo unico anno al potere da presidente, Muhammad Mursi abbia collaborato con gli Stati Uniti, giocando un ruolo chiave nel mediare una tregua tra Israele e Hamas, alla fine del 2012, quando Israele e gli Stati Uniti avevano un disperato bisogno di uscire in modo aggraziato dal conflitto, dopo la loro ultima strage di palestinesi a Gaza. Nel conflitto in Siria, Mursi e i Fratelli musulmani appoggiavano solidamente il tentativo degli Stati Uniti di rovesciare lo Stato siriano. Oltre a fare dichiarazioni come: “Il popolo e l’esercito egiziani sostengono la rivolta siriana“, il 15 giugno, Mursi ruppe le relazioni diplomatiche con la Siria e chiuse l’ambasciata siriana a Cairo. Mursi aveva anche incoraggiato gli egiziani ad andare in Siria a farsi martirizzare nella lotta contro le truppe siriane.
Per quanto riguarda la politica interna, l’unico atto decisivo della Fratellanza è stato passare una costituzione fortemente osteggiata da tutte le forze laiche. La costituzione calpestava i diritti delle donne e poneva le basi per l’oppressione delle minoranze religiose, il 10 per cento della popolazione egiziana di 85 milioni, è cristiana. Lungi dal creare un consenso nell’ampia gamma di forze che ha rovesciato la dittatura di Hosni Mubaraq, i Fratelli hanno codificato le proprie politiche sociali reazionarie nella costituzione. E Mursi non ha fatto nulla per contestare o destabilizzare l’economia capitalista dell’Egitto e la morsa delle istituzioni finanziarie internazionali su di essa. Così Washington non avrebbe avuto alcun incentivo per orchestrare un colpo di Stato militare per rovesciare i Fratelli musulmani. Tutto indica che la rimozione di Mursi sia stata un’iniziativa dei militari egiziani, che hanno visto la possibilità di sfruttare la rivolta di massa contro Mursi per promuovere la propria agenda. Washington potrebbe convivere con Mursi, ma ha ovviamente problemi con i militari dell’Egitto, che ha puntellato con almeno 1,3 miliardi dollari l’anno.
Secondo tutti gli osservatori della rivoluzione egiziana, da sinistra e destra, gli Stati Uniti non possono prevedere il futuro, dato il processo dinamico della lotta di classe in atto in Egitto. Ma gli sviluppi successivi al 3 luglio sono stati promettenti per gli Stati Uniti, sebbene preoccupati dai rivoluzionari. Le speranze degli Stati Uniti, come per i generali egiziani, è che la rimozione di Mursi introduca un periodo di ristabilimento del controllo, puntando alla repressione del movimento di massa. Dato che l’esercito ha rimosso dal potere l’aderente alla Fratellanza musulmana Mursi, il 3 luglio, i suoi sostenitori hanno inscenato proteste e sit-in in molte città in tutto l’Egitto. Il 16 luglio, sette sostenitori del deposto presidente Mursi sono stati uccisi dalla polizia. Una settimana prima, il 9 luglio, 1.000 persone hanno protestato davanti alla sede della Guardia Repubblicana, e più di 50 manifestanti furono uccisi dalle forze di sicurezza. Si stima che circa 99 sostenitori della Fratellanza siano stati uccisi fino ad oggi. La Fratellanza ha invocato la rivolta contro i militari. La sanguinosa repressione militare dei sostenitori della Fratellanza deve essere fortemente condannata da tutte le forze progressiste. La repressione oggi viene rivolta direttamente contro la Fratellanza, ma la violenta repressione potrebbe espandersi a molte altre forze nei mesi a venire. Non c’è dubbio che l’esercito non vorrebbe altro che schiacciare il movimento di massa in tutte le sue manifestazioni, mandare la gente a casa e tornare ai giorni del regime di Mubaraq, anche se senza Mubaraq e con alcune riforme superficiali.

La reazione internazionale
La reazione dei vari Stati alla rimozione militare di Morsi è stata varia e confusa. Gli Stati Uniti e l’Unione europea hanno espresso preoccupazione chiedendo e favorendo formalmente il rapido ritorno alla democrazia, mentre si rifiutano di parlare di colpo di Stato o di condannare la repressione. Linguaggio diplomatico a parte, sono essenzialmente favorevoli ai militari egiziani. L’Arabia Saudita e la maggior parte delle monarchie del Golfo sono altrettanto favorevoli. Il presidente siriano, Bashar Assad, è entusiasticamente favorevole al rovesciamento della Confraternita, dato l’aperto sostegno di Mursi ai ribelli siriani e al fatto che la Fratellanza della Siria è una delle principali forze che riceve sostegno occidentale (e dal Golfo arabo). Su questo tema, la Siria indipendente e uno dei finanziatori chiave dei suoi ribelli dell’opposizione, l’Arabia Saudita, hanno la stessa posizione. Diversamente dall’Arabia Saudita e altri, il Qatar, altra monarchia reazionaria del Golfo, che ha stretti legami con i Fratelli musulmani in Egitto e in Siria, ha condannato il colpo di Stato. La Turchia ha preso la posizione più forte condannando il “golpe inaccettabile”. Nelle sue dichiarazioni del 19 luglio, il Primo ministro turco Tayyip Erdogan ha rimproverato l’occidente: “Da coloro che esaltano la democrazia quando si incontrano con noi, dicendo: ‘non si deve rinunciare alla democrazia’, vogliamo vedere la spina dorsale.” Il partito Giustizia e Sviluppo (AKP) di Erdogan ha una storia ben distinta da quella dei Fratelli musulmani ed è priva di un’ideologia dalle aspirazioni islamiche regionali. Tuttavia, come la Fratellanza, l’AKP svolge il ruolo di classe fornendo una facciata pseudo-indipendente e religiosa ad uno Stato cliente capitalista, ma qui senza l’appoggio dei militari.

Se non è stato ideato dagli USA, cosa ha motivato il colpo di Stato?
Non è che l’esercito vuole governare direttamente. Ciò che al-Sisi e altri comandanti militari vogliono fare è incanalare le proteste di massa in una direzione sicura per il sistema. La leadership di persone come al-Baradej, l’ex capo dell’AIEA e personaggio di rilievo internazionale, è un’alternativa accettabile per i militari, come nel caso dei vari altri politici e tecnocrati “democratici”. Ma il fatto è che un politico capitalista non sarà in grado di risolvere i problemi fondamentali della società. Il debito dell’Egitto è a uno sbalorditivo 88 per cento del PIL, cioè l’88 per cento il valore di tutti i beni e servizi prodotti nel Paese in un anno. Il problema non è che Mursi ha gestito male l’economia. Il regime di Mubaraq era già profondamente in debito e l’economia già in difficoltà. Con il crollo dei ricavi del turismo e la significativa fuga di capitali nel corso degli ultimi due anni, non è una buona gestione che può risolvere i problemi della società e della classe operaia. Ci vorrà un percorso rivoluzionario, guidato dai socialisti, per risolvere le contraddizioni che la società deve affrontare. Si potrebbe iniziare ad affrontare i problemi economici rifiutandosi di pagare le istituzioni finanziarie internazionali ed espropriando il capitale a beneficio della classe operaia egiziana. E non è qualcosa che la persona “giusta” eletta alle cariche possa fare. I grandi prestiti da Arabia Saudita e altre monarchie del Golfo, non cambieranno radicalmente lo stato delle cose.
Ci sono diverse possibilità per gli sviluppi futuri. E’ possibile che la crisi della classe dominante continui. Le elezioni potranno tenersi e qualsiasi candidato capitalista venga eletto non sarà in grado di soddisfare le richieste del popolo, non importa quanto democratiche siano le elezioni e quanti diritti politici goda la popolazione. E le masse potrebbero essere di nuovo nelle piazze. Ciò, da una prospettiva rivoluzionaria, è la migliore possibilità, perché lascia aperta l’opportunità che una rivoluzione avanzi ulteriormente. Vi è anche la possibilità che l’esercito e la vecchia classe dirigente possano ristabilire il vecchio ordine e reprimere il movimento. Per esempio, se i Fratelli musulmani s’impegnano in una lunga, intensa lotta contro i militari, la guerra civile prolungata potrebbe essere possibile. Un lungo confronto con i militari da un lato e i sostenitori dei Fratelli dall’altro, potrebbe produrre una situazione in cui le persone in piazza in questo momento, saranno messe da parte. E, naturalmente, ci sono molti altri possibili sviluppi futuri, essendo la lotta di classe un processo dinamico.

Le lezioni della lotta in Egitto
I socialisti rivoluzionari, che lottano per fare della classe operaia la classe dirigente, devono sempre imparare le lezioni da ogni movimento rivoluzionario, nella vittoria e nella sconfitta. Possiamo apprendere molte lezioni dalla rivoluzione egiziana. Ma la lezione chiave è che dobbiamo sforzarci di fare in modo che il partito dell’avanguardia già esista al momento della situazione rivoluzionaria. Il partito dell’avanguardia, un partito abile e cosciente può esercitare la sua leadership, deve essersi già formato attraverso la lotta perché al momento in cui si verifica una situazione rivoluzionaria, non vi è di solito abbastanza tempo. Costruire un partito operaio rivoluzionario è il compito dei socialisti rivoluzionari non solo durante i periodi rivoluzionari, ma durante i più critici periodi non-rivoluzionari.
In Egitto, l’estrema repressione durante la dittatura di Mubaraq ha reso la formazione di un partito dell’avanguardia rivoluzionaria estremamente difficile, se non impossibile. Tuttavia, l’Egitto ora ha attraversato più di due anni di sconvolgimenti rivoluzionari, con la possibilità che questo periodo si estenda in futuro. La continuazione del periodo rivoluzionario potrebbe rendere possibile la forgiatura di un partito rivoluzionario che riunirà la lotta delle masse con il programma della classe operaia. E’ possibile che alternative rivoluzionarie possano formarsi nei ranghi inferiori dell’esercito, nei ranghi inferiori del corpo ufficiali o della truppa, o entrambi. Vi sono stati molti esempi nella storia, nessuno più rilevante del Movimento dei liberi ufficiali nell’Egitto stesso. I Liberi Ufficiali presero il potere nel 1952, avviando la rivoluzione nazionalista che divenne un faro di speranza per i popoli oppressi di tutto il mondo e che, sotto la guida di Gamal Abdel Nasser, nazionalizzò il canale di Suez. Finché le masse egiziane rimangono attive nelle piazze, le possibilità del successo rivoluzionario sono infinite.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Rottura senza precedenti tra sauditi e Washington sull’Egitto

F. William Engdahl, Global Research, 18 luglio 2013

969337Uno dei meno commentati aspetti del spodestamento dell’egiziano Mursi, è la sfida della casa reale saudita nel sostenere l’estromissione della Confraternita e la restaurazione militare. La mossa saudita non ha precedenti per la sua aperta sfida alla Casa Bianca, che ha dichiarato appoggio ai Fratelli musulmani. Le implicazioni della rottura sono enormi.

Crepuscolo nel deserto?
Nel 1945, al suo ritorno dalla fatidica Conferenza di Jalta, il presidente degli USA Roosevelt incontrò il re saudita Ibn Saud e ottenne i diritti esclusivi per le società petrolifere del gruppo statunitense Rockefeller sulle grandi ricchezze petrolifere dell’Arabia Saudita, il rapporto tra l’Arabia e la politica estera degli USA è stato quasi una satrapia dei sauditi. [1] In seguito allo “shock petrolifero” del 1973, orchestrata da Kissinger, in cui l’OPEC alzò il prezzo di circa il 400%, Washington strappò l’impegno dai sauditi che avrebbero assicurato che l’OPEC vendesse il petrolio solo in dollari, garantendo in tal modo il continuo dominio del dollaro come valuta di riserva mondiale. In cambio, Washington accettava di vendere armi statunitensi e anche di addestrare l’Aeronautica militare saudita. [2] E nel 2010, proprio mentre Washington avviava la sua offensiva di primavera della “democrazia” araba in Tunisia, Egitto e in tutto l’arco di crisi islamico, l’amministrazione Obama annunciava il più grande accordo sulle armi della storia. Gli USA accettarono di vendere ai sauditi 84 F-15 nuovi e di aggiornarne altri 70, nell’ambito di un accordo da 46 miliardi di dollari, il più grande affare sulle armi nella storia degli Stati Uniti, preparandosi ad isolare l’Iran. [3]
Come abbiamo riportato in un precedente articolo, prima del colpo di Stato militare egiziano, i sauditi stipularono un accordo segreto con il ministro della Difesa e capo dell’esercito, generale Abdul Fatah al-Sisi, che i sauditi, assieme ad altri petro-Stati conservatori del Golfo, Kuwait ed Emirati Arabi Uniti, avrebbero garantito il sostegno finanziario se l’amministrazione Obama avesse tagliato il miliardo di dollari in aiuti annuali ai militari egiziani, per rappresaglia per la cacciata del loro uomo, Mursi. [4] Il 17 luglio, il neo-governo di transizione egiziano ha confermato di aver ricevuto 6 miliardi di sovvenzioni, prestiti e carburante da Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. L’Arabia Saudita ha approvato 4 miliardi di dollari in aiuti all’Egitto, e gli Emirati Arabi Uniti hanno offerto 2 miliardi di dollari per sostenere le disperate necessità dell’economia. I fondi sauditi comprendono 1,5 miliardi di deposito alla banca centrale, 1,5 miliardi di prodotti energetici e 750 milioni in contanti, ha detto il ministro delle Finanze saudita Ibrahim al-Assaf. Gli Emirati Arabi Uniti doneranno 750 milioni all’Egitto e 1,5 miliardi di prestiti sotto forma di deposito non fruttifero presso la banca centrale d’Egitto. [5]
La notizia è un doppio schiaffo a Washington che aveva insistito sul fatto che il governo Mursi dovesse accettare le dure richieste del FMI come condizione preliminare per l’aiuto finanziario.

Il Qatar reagisce in modo drammatico
Vistosamente, uno dei più ricchi petro-Stati del Golfo latita da questi aiuti; il Qatar, il cui emiro Hamad bin Khalifa al-Thani aveva versato oltre 6 miliardi all’Egitto dopo la rivoluzione di due anni e mezzo fa, e forse altri 7 miliardi per finanziare gli islamisti in Libia, Siria e Gaza, l’enclave palestinese gestita da Hamas, un ramo della Fratellanza musulmana. Il Qatar ospita la sede centrale del Comando Centrale e il Combined Air Operations Center degli Stati Uniti. E, in particolare, fino al colpo di Stato militare sostenuto dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti contro il domino della Fratellanza in Egitto, il 3 luglio, il Qatar era sede di importanti membri della Fratellanza musulmana ed uno dei suoi principali finanziatori in Siria, Egitto, Libia e in tutto il mondo islamico.[6] Pochi minuti dopo il golpe sostenuto da Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti in Egitto, l’emiro del Qatar prendeva atto delle conseguenze e annunciava l’abdicazione in favore del figlio Tamim.  Hamad bin Jassim al-Thani, che aveva plasmato la politica estera filo-Fratellanza musulmana del Qatar, è stato messo a tacere, sostituito da un militare che agiva da viceministro degli Interni. La nuova leadership del Qatar ora utilizza parole come “rivalutazione”, “ritaratura” e “correzioni” per discutere della propria politica estera. In breve, non osa rischiare il totale isolamento tra gli Stati del Golfo a dominio saudita. [7]
La coraggiosa decisione saudita di agire per fermare ciò che percepisce come la disastrosa strategia islamica statunitense nel sostenere le rivoluzioni della Fratellanza in tutto il mondo islamico, ha inferto un duro colpo alla folle strategia statunitense di credere di poter utilizzare la Fratellanza come forza politica per controllare più strettamente il mondo islamico e usarlo per destabilizzare la Cina, la Russia e le regioni islamiche dell’Asia centrale. La monarchia saudita cominciava a temere che la Fratellanza segreta sarebbe balzata un giorno anche contro il suo governo. Non ha mai perdonato a George W. Bush e Washington di aver rovesciato la dittatura laica del partito Baath di Saddam Hussein in Iraq, che ha portato la maggioranza sciita al potere, né la decisione degli USA di rovesciare lo stretto alleato dell’Arabia saudita, Mubaraq in Egitto. Da esemplare “Stato vassallo” degli USA in Medio Oriente, l’Arabia Saudita si è ribellata il 3 luglio sostenendo e supportando il colpo di Stato militare in Egitto. Oltre a far protestare rumorosamente contro il colpo di Stato dei generali egiziani, i suoi alleati della Fratellanza, Washington finora ha potuto fare ben poco, indicazione del crollo del potere globale degli Stati Uniti. Il Pentagono ha inviato due navi da assalto anfibio che trasportano 2.600 marine presso le coste meridionali egiziane del Mar Rosso. L’enorme USS Kearsarge con 1.800 marines e l’USS San Antonio con 800 marines, “hanno risalito il Mar Rosso e si sono posizionate al largo dell’Egitto, perché non sappiamo cosa succederà”, ha dichiarato il generale James Amos, comandante del Corpo dei marines.
Washington è improvvisamente preda di un grande caos in politica estera, mentre il nuovo governo ad interim egiziano ha giurato…

Note
[1] F. William Engdahl, Gods of Money, 2009, edition.engdahl,Wiesbaden, pp. 190-193.
[2] F. William Engdahl, A Century of War, edition.engdahl, 2011, Wiesbaden, pp. 152-156.
[3] Ian Black, Barack Obama to authorise record $60bn Saudi arms sale, The Guardian, UK, 13 settembre 2010.
[4] F. William Engdahl, Washington Islamist Strategy in Crisis as Morsi Toppled, Veterans Today, 4 luglio 2013.
[5] Reuters/AP, Egypt wins $ 8 billion Saudi and UAE aid names PM, 17 luglio 2013.
[6] N.P., Qatar’s foreign policy: Change of tack, The Economist, UK, 15 luglio 2013.
[7] Ibid.

Copyright © 2013 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il Consiglio di cooperazione del Golfo smascherato

Dean Henderson – 29 giugno 2013

L’immagine del bramino bostoniano, il segretario di Stato John Kerry che, rannicchiato tra monarchi e despoti, annuncia che gli Stati Uniti avrebbero apertamente armato la creazione dell’MI6, al-Qaida siriana, ricorda una frase del “ricco sfondato”, coniato per descrivere i primi eccessi dell’ala templare dei bankster della City of London dei Rothschild. Con alleati come questi tirapiedi non eletti dei Fratelli musulmani, Kerry non ha bisogno di nemici.
Saudi ArabiaNel 1776 la British East India Company fondò una sede in quello che oggi è il Kuwait. Quando i membri kuwaitiani del clan hashemita al-Sabah, che condividono il loro cognome con il fondatore degli assassini Hasan bin Sabah, aiutarono i turchi ottomani a sedare le rivolte nel sud dell’Iraq, lo sheik della tribù Muntafiq regalò agli al-Sabah dei boschetti vicino Fao e Sufiyah, nel sud dell’Iraq. Kuwait era visto come altamente strategico dagli inglesi, per il suo ruolo a protezione delle rotte marittime nell’Oceano Indiano. Nel 1900 gli inglesi siglarono un accordo con Mubaraq al-Sabah, che staccò il Kuwait dall’Iraq e ne fece un protettorato britannico. La stragrande maggioranza delle persone che vivevano in quello che fu dichiarato Kuwait si oppose al piano britannico e voleva rimanere nell’Iraq. Nel 1914, nel bel mezzo della prima guerra mondiale, il residente inglese del Golfo promise allo sceicco Mubaraq al-Sabah il riconoscimento della Corona del suo nuovo Paese, in cambio del voltafaccia degli al-Sabah e dell’aggressione alle truppe dell’impero ottomano a Safwan, in Mesopotamia, in quello che oggi è l’Iraq. Il clan al-Sabah si guadagnò le sue strisce dell’Union Jack. La monarchia hashemita governa il Kuwait da quel giorno.
Nel 1917 gli inglesi fecero loro cliente Ibn Saud, cui dissero anche di incoraggiare le tribù arabe a respingere i turchi ottomani dalla regione del Golfo, all’inizio della prima guerra mondiale. Nello stesso anno, la Camera dei Rothschild attraverso la Dichiarazione Balfour, spinse per aver il sostegno della Corona a una patria ebraica in Palestina. Rothschild era meno preoccupato del popolo ebraico che di voler stabilire un avamposto in Medio Oriente, da dove lui e i suoi lacchè potessero vegliare sul centro del loro monopolio mondiale del petrolio. Un anno dopo gli ottomani furono sconfitti. Iraq, Giordania e Arabia Saudita furono ricavate dall’impero ottomano e caddero sotto il dominio britannico, con Ibn Saud che prese il controllo dell’omonima Arabia Saudita. La sua progenie forma la moderna Casa dei Saud. La Palestina divenne parte della Transgiordania e fu gestita da un emiro scelto dagli inglesi. Gli Stati della Tregua dell’Oman (oggi Emirati Arabi Uniti) e la costa dell’Oman (oggi Oman) divennero anch’essi dei protettorati inglesi. Come Winston Churchill commentò tre decenni più tardi, “L’emiro è in Transgiordania, dove lo misi una domenica pomeriggio a Gerusalemme”. Nel 1922 il trattato di Jeddah in Arabia Saudita le diede l’indipendenza dalla Gran Bretagna, anche se la Corona ancora esercitava una notevole influenza.  Nel corso degli anni ’20, con l’aiuto delle truppe britanniche, Ibn Saud conquistò altro territorio dagli ottomani, quando si annetté Riyadh. Inoltre occupò le città sante di Mecca e Medina degli hashemiti.
Gran Bretagna e Francia firmarono l’accordo di San Remo, che contemplava concessioni petrolifere in Medio Oriente tra i due Paesi. Entro due settimane gli Stati Uniti risposero con la politica della porta aperta, che incluse i Cavalieri degli Stati Uniti dal gioco petrolio in Medio Oriente. Piccoli produttori indipendenti statunitensi come Sinclair, si opposero a tale politica, lamentando che favorisse gli interessi petroliferi dei Rockefeller. Le major petrolifere statunitensi Exxon, Mobil, Chevron, Texaco e Gulf, le prime tre progenie della Standard Oil Trust di John D. Rockefeller, si unirono alla British Petroleum e alla Royal Dutch/Shell, in gran parte di proprietà della Casa Reale olandese degli Orange e della famiglia Rothschild, e ai francesi della Compaignie de Petroles, nel spartirsi il quadro petrolifero del Medio Oriente. L’Iraqi Petroleum Company (IPC) e il Consorzio iraniano sarebbero stati dominati dalle aziende europee, mentre la saudita Aramco sarebbe stata posseduta dai cavalieri statunitensi. I protettorati britannici sarebbero stati sfruttati attraverso varie combinazioni dei quattro cavalieri. Una filiale dell’IPC, la Petroleum Development of Truce Coast, iniziò i sondaggi in ciò che oggi sono gli Emirati Arabi Uniti (EAU), nel 1935. Oggi negli Emirati Arabi Uniti, l’industria petrolifera ADCO è per il 24% di proprietà della BP Amoco, per il 9,5% della Royal Dutch/Shell e per il 9,5% di Exxon-Mobil. L’ADMA è di proprietà per il 14,67% della BP Amoco e per il 13,33% della francese ex-Compaignie de Petroles, che ormai si è affermata come Total. La Esso Trading Company/Abu Dhabi è al 100% di proprietà di Exxon-Mobil. La Dubai Petroleum è per il 55% di proprietà della Conoco, che possiede anche il 35% del Dubai Marine Areas, di cui la BP Amoco detiene una quota del 33,33%. La maggior parte del petrolio degli Emirati Arabi Uniti va in Giappone. BP e Total ne detengono i contratti per il trasporto a lungo termine con gli Emirati Arabi Uniti. Chevron e Texaco, che avevano già aderito all’Aramco, e il loro ramo del marketing Caltex, formarono la Bahrain Petroleum Company (BPC) in quel protettorato. La nuova Chevron-Texaco oggi gestisce la BPC. In Qatar, Exxon-Mobil domina il ricco settore del gas naturale. Possiede buona parte della Qatargas, che attualmente fornisce al Giappone 6 milioni di tonnellate di gas naturale all’anno. E’ anche partner al 30% del gigantesco giacimento di gas di Ras Luffan, che produce 10 milioni di tonnellate di gas naturale all’anno. La BP si unì alla Gulf per avviare la Kuwait Oil Company, che vende oggi greggio scontato agli ex-proprietari dell’Amoco, BP e Chevron-Texaco (Chevron acquistò la Gulf nel 1981). Nel 1949 i Cavalieri degli Stati Uniti controllavano il 42% delle riserve di petrolio del Medio Oriente, mentre i Cavalieri anglo-olandesi il 52%. Il restante 8% era di proprietà di Elf-Total-Fina e di altre società minori.
Gli inglesi cominciarono a concedere l’indipendenza ai loro protettorati del Golfo a partire dal 1961 con il Kuwait e terminarono nel 1971, quando gli Emirati Arabi Uniti furono formati da sette emirati, i più importanti dei quali sono Dubai, Abu Dhabi e Sharjah. L’influenza inglese non scemò. L’Oman rimane particolarmente vicino alla Corona. Mercenari inglesi costituiscono le guardie reali che proteggono le famiglie dominanti in tutti i sei Paesi del GCC. Questi emirati sono governati da monarchie unifamiliari selezionate dai colonialisti britannici per realizzare il loro piano di dominare il petrolio del Medio Oriente e le rotte marittime fin dal tardo 18° secolo. Le sei famiglie regnanti del GCC sono legate tra esse, proprio come lo sono le famiglie reali d’Europa.

Una monarchia comoda
Il Kuwait fu creato ufficialmente a metà degli anni ’20 in virtù dell’accordo Sykes-Picot. La famiglia al-Sabah vi domina da allora. Su consiglio del re saudita Fahd, la cricca al-Sabah del Kuwait sciolse il parlamento nel 1975 e nel 1986, quando l’opposizione all’emiro divenne troppo forte. Il parlamento del Kuwait è una facciata, in quanto i leader dell’opposizione non possono andare al governo del Kuwait. Attualmente il 25% dei ministri sono membri della famiglia al-Sabah. Le donne non possono votare. Le decisioni politiche possono essere modificate con decreto dell’emiro. La ricca elite ereditaria che domina il Kuwait si affida a manodopera asservita immigrata per svolgere compiti sconvenienti come preparare la colazione o andare al negozio. L’80% della manodopera del Kuwait è composta da operai immigrati dai Paesi poveri dell’Asia come il Bangladesh, le Filippine e l’India. Questi lavoratori, che costituiscono il 63% della popolazione del Paese, spesso non vengono pagati. Lo stupro pubblico delle domestiche è un fatto comune.
L’economia del Kuwait è strettamente controllata da meno di venti famiglie. Lo sheik Ahmed Jaber al-Sabah, che morì nel 2006, aveva 4,8 miliardi di dollari. Come i Sudeiri sauditi, gli al-Sabah si tuffano nelle casse governative del Kuwait ogni volta che ne sentono il bisogno. Il clan al-Sabah è tristemente noto per il suo stile di vita opulento. La maggior parte del reddito annuo petrolifero del Kuwait, 60-100 miliardi di dollari, viene speso in beni di lusso. Molti dei giovani al-Sabah sono stati coinvolti in incidenti imbarazzanti con prostitute, gioco d’azzardo, alcol e droghe. In un’occasione, un nipote dell’emiro è stato arrestato mentre contrabbandava eroina in Francia. Il New York Times una volta definì il Kuwait, “meno che un Paese, una compagnia petrolifera di proprietà familiare con un seggio alle Nazioni Unite“. Un’altra potente famiglia kuwaitiana sono gli al-Ghanim, che ottenne grandi ricchezze aiutando BP e Gulf a costituire la Kuwait Oil Company. Nel 1945 gli al-Ghanim davano lavoro a metà dei kuwaitiani e spesso prestavano denaro alla famiglia al-Sabah. Possiedono la Yusuf Ahmed Alghanim & Sons, che alla fine degli anni ’70 divenne il più grande concessionario estero della General Motors. Gli al-Ghanim sono agenti di Isuzu, Holden, Phillips, Frigidaire, Link Belt Cranes, BP Lubricants, Learjet, Kirby, Hitachi, Qantas, British Airways, Gulf Air e Air India. Negli anni ’90 la famiglia al-Ghanim investiva 400 milioni di dollari l’anno. Nel 1975 Qutayba al-Ghanim comprò la Kirby Industries di Houston. Altre potenti famiglie kuwaitiane sono i bin Bihani e gli al-Qarafi.
In Qatar la famiglia dominante al-Thani s’è intrecciata con tutta la popolazione per consolidare il proprio potere. Nel giugno 1995 il re, lo sceicco Khalifa bin Hamad al-Thani era in vacanza in Svizzera, quando suo figlio Hamad, laureto a Cambridge, prese le redini del potere. Nonostante le mosse del giovane verso la democrazia, come ad esempio il lancio di al-Jazeera e un decreto che permetteva alle donne di votare, molti nel Golfo videro l’occupazione del palazzo come un colpo di Stato della CIA, in quanto l’anziano al-Thani era un alcolizzato e corrotto imbarazzante per Washington. Il Qatar ha la seconda riserva più grande di gas naturale (900 miliardi di piedi cubi) del mondo dopo la Russia. Ben presto gli Stati Uniti crearono Camp Snoopy alla periferia di Doha e posizionarono i loro caccia in due basi aeree del Qatar, al-Sayliyah e al-Udeid. Nel novembre 2001 il Qatar ha ospitato la riunione annuale dell’Organizzazione mondiale del commercio, in un edificio pacchiano di Doha comprendente uno Starbucks, un McDonalds e un Kentucky Fried Chicken. I monarchi al-Thani governano per decreto e sono piazzisti di molte multinazionali, tra cui BMW e International Harvester. Gestiscono diverse operazioni di franchising occidentali in Qatar, tra cui il Ramada Hotel. Un’altra famiglia vicina agli al-Thani, che esercita un notevole potere in Qatar, è la famiglia Darwish. Rappresenta Austin, Pirelli, Union Carbide, Phillips, Dunlop, GE, Hobart, Volkswagen, Audi e Fiat. La famiglia al-Mana è anch’essa influente, e rappresenta Peugeot e altre multinazionali.
Gli Emirati Arabi Uniti (EAU) sono un agglomerato di sette emirati diversi che ebbero concessa dagli inglesi l’indipendenza nel 1971. Il Primo ministro degli EAU sheik Rasid bin Said al-Maqtum è membro della monarchia governante degli al-Maqtum. Il suo patrimonio netto è stimato 4 miliardi di dollari. I suoi quattro figli occupano la carica di Viceprimo ministro, ministro delle Finanze e dell’Industria, ministro della Difesa e comandante delle Forze di difesa di Dubai. Due di loro sono anche miliardari. La famiglia al-Nahiyan governa l’emirato di Abu Dhabi degli Emirati Arabi Uniti.  Lo sceicco Zayed bin Sultan al-Nahiyan è diventato il più grande azionista della BCCI, che agiva  da ufficiale pagatore per le operazioni della CIA in tutto il mondo, negli anni ’80. In seguito gli al-Nahiyan avviarono Flying Dolphin Airlines, indicato dalle Nazioni Unite come vettore del “contrabbando” in Afghanistan, e del contrabbando di armi in spregio agli embargo delle Nazioni Unite nei punti caldi africani, come la Sierra Leone.
In Bahrain, a lungo importante avamposto britannico e sede della Bahrain Petroleum Company di proprietà della Chevron-Texaco, sheik Isa bin Salman al-Khalifa e il suo clan presiedono lo staterello petrolifero. Al-Khalifa è stato un investitore della Harken Energy di George W. Bush, che si aggiudicò una concessione petrolifera off shore senza precedenti nelle acque del Bahrain, poco prima della guerra del Golfo. Le famiglie mercantili saudite dominano su gran parte del resto dell’economia del Bahrain. La famiglia Qanoo di Dhahran è particolarmente prominente. I Qanoo rappresentano Exxon-Mobil, BP Amoco, Norwich Union Insurance, Holland Persian Gulf Lines e Royal Nedlloyd Lines. Il loro punto di forza è il trasporto di greggio per tutti i Quattro Cavalieri, soprattutto dal Porto del Bahrain e dalla gigantesca raffineria saudita di Ras Tanura, che fu costruita dalla Bechtel a metà degli anni ’40. I Qanoo recentemente hanno aggiunto la Kuwait Shipping Company al loro impero. Un’altra famiglia importante in Bahrain sono gli al-Moayad. Il Bahrein ospita la Quinta Flotta degli Stati Uniti ed è un importante centro bancario off-shore per JP Morgan Chase, Citigroup e altre mega-banche globali specializzate in riciclaggio di petrodollari. Non a caso, una grande percentuale del greggio saudita viene raffinata in Bahrain, sotto l’occhio vigile della Quinta Flotta degli Stati Uniti e dei banchieri internazionali.
L’Oman è governato dalla famiglia al-Qaboo. Il paese gode di relazioni particolarmente strette con la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, ospitando importanti basi militari statunitensi e frequenti esercitazioni congiunte militari USA/Regno Unito. La National Bank of Oman era di proprietà della BCCI e, a sua volta, possedeva una grossa fetta dei depositi della BCCI. La banca veniva usata dagli sceicchi del GCC per finanziare le operazioni segrete della CIA. Lo sceicco al-Qaboo, monarca di Oman, ottenne una preziosa proprietà nei pressi del porto di Karachi in Pakistan, come premio per il suo sostegno alla guerra decennale della CIA in Afghanistan, per poi cederla all’US Navy. Exxon-Mobil ha una grande presenza in Oman. Negli anni ’90, il 28% del greggio estero della società proveniva dall’Oman.
Ma l’Arabia Saudita rimane la più grande polveriera nella regione grazie ai suoi 255 miliardi di barili di riserve petrolifere. Aramco, Bechtel e altre multinazionali occidentali avevano appreso presto la necessità di elevare alcuni cittadini sauditi, come Sulaiman Olayan, a posizioni di potere al fine di avere accesso al trono saudita. Questo processo, che segue un modello praticato dalle multinazionali di tutto il mondo, ha creato l’enorme disparità di ricchezze nel Regno. Da una parte si ha la Casa dei Saud e meno di venti famiglie dell’élite legate al trono, diventate ricche in quanto partner di joint venture e agenti di vendita delle multinazionali occidentali. Questo jet set di miliardari passa il tempo volando a Montecarlo per gettare soldi nel gioco d’azzardo e in feste sontuose per diplomatici occidentali, consumando abbondanti quantità di alcool e vivendo in palazzi opulenti. Re Fahd, il patriarca attuale della Casa dei Saud, da solo vale circa 18 miliardi di dollari. Dall’altra parte c’è il 99% dei cittadini sauditi, per lo più devoti musulmani sciiti, che lottano ogni giorno per guadagnarsi un’esistenza misera e che non hanno assolutamente alcuna voce nella monarchia ereditaria che governa senza democrazia il loro Paese. Questa disparità di ricchezza si è spesso dimostrata esplosiva, più di recente negli attacchi dell’11 settembre 2001 contro gli Stati Uniti, dove 15 dei 19 dirottatori-fantocci degli aerei che colpirono le torri del World Trade Center e il Pentagono, erano di nazionalità saudita. Un grave motivo per cui gli Stati Uniti ora importano terrorismo saudita insieme al petrolio dell’Aramco. è che sono le aziende statunitensi che hanno contribuito a creare l’enorme disparità di ricchezza in Arabia Saudita, elevando alcune famiglie a dinastie finanziarie e attraverso di esse, avere l’appoggio incondizionato dei loro compari della  Casa dei Saud.
Negli anni ’50, la famiglia Alireza vendeva i suoi monili per conto di Cartier, Van Cleef e Arples. Oggi possiede l’Haji Abdullah Alireza & Company (HAACO). La HAACO ha collaborato con Mobil per fondare l’Arabian Petroleum Supply Company, che all’inizio forniva marketing per il carburante degli aerei presso l’aeroporto di Jeddah, e da allora le operazioni si sono espanse. Un’altra joint venture HAACO/Mobil è l’Arabian Maritime Company. HAACO è agente di vendita per l’Arabia Saudita di Goodyear, Ford, KLM Airlines, Air Algerie, Pepsi, Dunlop e Westinghouse. La società di Alireza si è unita alla ITT come subappaltatori della Lockheed per un progetto per il controllo del traffico aereo nel Regno. Un’altra società controllata da Alireza, il Gruppo Rezayat, ha due joint venture con l’azienda per l’energia di Tulsa Williams International, una chiamata Saudi Arabian Fabricated Metals Industry e un’altra conosciuta come Rezayat & Williams Construction Company. Una terza impresa degli Alireza è la Saudi Arabian Engineering Company, una joint venture con la multinazionale olandese Amindha NV. Ancora un altro passo degli Alireza è la Crescent Transportation, una joint venture con la Sea-Land Corporation, che gestisce il terminal dei container del porto di Damman. La ditta di Jeddah Haji Hussein Alireza è il primo importatore al mondo di veicoli Mazda. L’Alireza è collegata con Brown & Root, filiale di Houston della Halliburton che si è fusa con la MW Kellogg per divenire la KBR. Alireza e Brown & Root gestiscono una società off-shore per la costruzione di oleodotti in Arabia Saudita chiamata Root-Alireza. La famiglia Alireza possiede enormi quantità di immobili nel Regno e notevoli quantità di  azioni di molte delle più grandi aziende saudite tra cui National Pipe, in maggioranza di proprietà della giapponese Sumitomo.
La famiglia Juffali è anch’essa di Jeddah. Ha un valore di oltre un miliardo di dollari. La loro società principale, EA Juffali & Brothers, possiede la più grande concessionaria Mercedes Benz del mondo ed è agente di vendita di oltre 60 multinazionali straniere, tra cui IBM, Siemens, Massey Ferguson, FMC, Borg-Warner, Kelvinator e Michelin. Ha formato una joint venture con Siemens chiamata Arabia Electric, una con Dow Chemical chiamata Arabian Chemical Company, una con Borg-Warner, conosciuta come Saudi Air Conditioning Manufacturing Company e un altro con Massey Ferguson chiamato Arabian Tractor Manufacturing Company. Sheik Ahmed Juffali è membro del prestigioso Advisory Board della Chase Manhattan Bank. Gli investimenti all’estero della famiglia sono gestite dalla Enpro International di New York. La relazione più importante della famiglia Juffali è con Fluor Daniel, seconda società di costruzioni più grande del mondo dopo la Bechtel. I due hanno fatto squadra in una joint venture denominata Fluor Arabia, che fornisce servizi di ingegneria per numerosi progetti petroliferi, gasiferi e petrolchimici dei Quattro Cavalieri. Fluor Arabia ha costruito due interi complessi petrolchimici per la tentacolare Jubail Industrial City ed è attualmente impegnata in un progetto da 20 miliardi dollari per sfruttare il gas naturale dell’Arabia Saudita.
La famiglia al-Gosaibi di Dhahran è la famiglia più ricca della provincia orientale. Ha programmi di costruzione congiunti con le imprese giapponesi Mitsubishi Electric, Mitsui Harbor, Sanki Engineering e Nippon Benkan attraverso l’azienda di famiglia Khalif Abdel-Rahman Algosaibi Contracting. La famiglia ha anche una joint venture con Fiat, è proprietaria del franchising cambiavalute dell’American Express per l’Arabia Saudita e gestisce i fast food e gli hotel di Grand Metropolitan, che fino a poco prima possedeva Burger King, Olive Garden, Red Lobster e Godfather’s Pizza. La Saudi United Insurance Company è una joint venture di al-Gosaibi con tre aziende svizzere: Swiss Reinsurance, Commercial Union e Baloise Insurance. Oil Field Chemical Company è una partnership di al-Gosaibi con Essochem Belgium controllata da Exxon. Attraverso la National Bottling Company, la famiglia è proprietaria del franchising della Pepsi-Cola nella provincia orientale.
La famiglia Qanoo è anch’essa di Dhahran, sede del quartier generale dell’Aramco. I Qanoo hanno interessi in tutta l’Arabia Saudita, Bahrain, Oman e Emirati Arabi Uniti. I Qanoo sono gli agenti spedizionieri dei Quattro Cavalieri, così come agenti di vendita di numerose grandi compagnie aeree. Hanno una joint venture con Otis Elevators chiamata Saudi Otis e di una linea di bus con Greyhound, chiamata Saudi Arabian Greyhound Services. La famiglia è un importante azionista della più grande ditta di riciclaggio di petrodollari, l’Investcorp-Bahrain. I Qanoo hanno interessi nell’Ocean Inchcape Ltd., una società di servizi di manutenzione per le perforazioni off-shore controllata dalla famosa PONC/HSBC della famiglia inglese Inchcape. I Qanoo detengono una joint venture con un altro colosso delle costruzioni statunitense, Foster Wheeler.
Altre importanti famiglie saudite sono i Bugshan, i Suliman, gli Abdul-Latif Jamil, i Zahid, i Rajhji, i Qaaqis, i bin Mahfuz e i bin Ladin. Abdul Latif Jamil vale oltre 2 miliardi di dollari ed è l’agente della Toyota nel Regno dal 1955. I suoi investimenti all’estero vengono gestiti dalle Jaymont Properties di New York. La famiglia al-Rajhi possiede l’Al-Rajhi Banking & Investment Corporation e ha un valore di oltre 4 miliardi di dollari. Lo sceicco Khalid bin Mahfuz ha un valore di oltre 2 miliardi di dollari. Possiede la National Commercial Bank, la più grande del mondo arabo, ed è stato uno dei maggiori azionisti della BCCI. L’ormai famigerata famiglia bin Ladin ha guadagnato le proprie fortune nel settore delle costruzioni costruendo il palazzo reale saudita e rinnovando le città sante di Mecca e Medina. Salim bin Ladin era uno stretto socio d’affari di George W. Bush e amico di James Bath. I bin Ladin ha finanziato una cattedra di studi islamici alla Harvard. George Bush padre lavora al Carlyle Group, che ha gestito il patrimonio della famiglia bin Laden fino al novembre 2001. Sia Mohammed (padre di Usama) che Salim bin Ladin sono morti in incidenti aerei.
La più importante delle famiglie saudite sono gli Olayan, il cui patriarca Sulaiman era lo spedizioniere dell’Aramco divenuto insider miliardario della Morgan Guaranty. Il suo gruppo Olayan fu istituito con l’aiuto di Bechtel, vicino al quartier generale dell’Aramco a Dhahran. Presto la Saudi Arabian Bechtel Corporation venne avviata, con Olayan come partner. La Saudi Arabian Bechtel costruì le enormi centrali elettriche Ghazlan I e II nella provincia orientale, che forniscono la maggior parte dell’energia elettrica del Regno. Costruì anche la maggior parte dei gasdotti e degli oleodotti del Paese e un impianto d’iniezione di acqua di mare per il più grande giacimento di petrolio offshore del mondo, a Ghawar. L’Arabian Bechtel Company è la più recente venture Olayan/Bechtel in cui il principe ereditario Mohammed Fahd ha degli interessi. Ha costruito e gestisce l’enorme Jubail Industrial City e costruito il nuovo aeroporto internazionale di Riyadh.  Un’altra joint venture, Saudi Arabian Bechtel Equipment Company, affitta le attrezzature pesanti nel Regno. Ma i rapporti della famiglia Olayan con Bechtel sono solo la punta di un iceberg. Il clan Olayan possiede la General Contracting Company che spesso subappalta i progetti dell’Aramco e funge da agente di vendita per International Harvester, FMC, United Technologies, Chrysler, Crane, Freuhauf, ITT, Grinnell, Cummins, British Leyland e Kenworth tra gli altri. Nel campo dei prodotti di consumo, l’Olayan General Trading Company è agente di vendita per American Tobacco, Armour, Nescafe, Quadrante, Bristol Meyers Squibb, Zuppa Campbell, Hunt-Wesson, 3M, Swisher, Sterling Drug e Kimberly-Clark. Attraverso altre società, l’Olayan rappresenta Kawasaki Steel, Hughes Tool, Mitsubishi e Owens-Corning. La sua Industrial Converting Company produce i prodotti di carta della Kimberly-Clark. Arabian Commercial Enterprises (ACE) è il braccio assicurativo della famiglia. I suoi clienti includono Aramco, Bechtel, BP Amoco, Mobil e Getty Oil. ACE possiede l’Al-Nisr Insurance Company in Libano e la Saudi Arabian Insurance of Bermuda. Gli Olayan hanno due joint venture chimiche con l’azienda svedese Nitro Nobel ed una con la Chemicals Champion di Houston. Il Gruppo Olayan possiede la metà della Saudi Arabian United Technologies, attraverso cui vende i motori Pratt & Whitney e gli ascensori Otis. Una joint venture con Texaco è la Sappco-Texaco Insulation Products. I Saudi Security Services dell’Olayan lavorano con la Burns International Security e la Freeport Security nella protezione delle operazioni delle multinazionali nel Regno. Alcune relazioni d’affari degli Olayan sono meno banali. Il suo partner nella joint venture Saudi Arabian Evergreen Aviation è l’Evergreen Aviation, la compagnia aerea del pilota trafficante di armi Richard Brenneke, che operò trasportando armi ai contras in Nicaragua. La ditta dell’Oregon ha una lunga storia quale compagnia aerea a contratto della CIA. L’Olayan Finance Company è legata alla Barclays Bank, un elemento chiave nel processo di riciclaggio dei narcodollari del Triangolo d’Argento dei Caraibi, e con Jardine Matheson, conglomerato di Hong Kong proprietario dell’Hong Kong Jockey Club e di gran parte della HSBC. Questa “triade” di joint venture è conosciuta come Barclays-Jardine-Olayan ed è insediata nelle Isole Cayman. L’Olayan è anche vicina ad American Express (AMEX), dove il rampollo di famiglia Sulaiman una volta era membro del consiglio assieme ad Henry Kissinger. AMEX ha legami con il narcotraffico globale, attraverso i suoi conttati con l’Edmund Safra Republic Bank, acquistata nel 1999 dalla HSBC.
Mentre gli Olayan accumulavano ricchezze e investivano in molte banche e società occidentali, incarnando il riciclaggio dei petrodollari, divennero la norma dell’élite saudita. Nel 1981 gli Olayan comprarono molte azioni di Chevron, Texaco, Amoco e Conoco. Sulaiman Olayan e il principe ereditario Khalid bin Abdullah bin Abdel Rahman al-Saud gestiscono Competrol, che detiene una quota dell’1% di JP Morgan Chase. Competrol possiede partecipazioni simili in Mellon Bank, Sud-Est Bancorp, Valley National First Bank Systems di Phoenix, First Interstate Bank e Hawaii Bancorp Competrol, e detiene il 19% delle società di private equity Donaldson, Lufkin & Jenrette e l’8% della First Chicago Corporation, da tempo centro di riciclaggio della CIA. Gli Olayan possiedono azioni di Occidental Petroleum, Westinghouse, Thermo Electron, Whittaker e United Technologies. Sulaiman Olayan è stato nei CdA di Morgan Guaranty, Exxon-Mobil e American Express. E’ presidente della Banca saudita-spagnola di Madrid e membro del Consiglio Internazionale della Morgan Guaranty Trust.
Il miliardario Sulaiman Olayan è una bella metafora delle relazioni Stati Uniti – Arabia Saudita. La sua immensa ricchezza e influenza sono il risultato diretto della volontà di sostenere la neo-colonizzazione delle riserve di petrolio del proprio Paese. Inoltre, la sua decisione d’investire questa ricchezza in illeciti occidentali, piuttosto che nello sviluppo del mondo arabo, ha contribuito alla povertà e ai disordini nella regione. Se Assad dovesse mantenere il controllo della Siria, Olayan e i suoi fratelli leccapiedi cominceranno a dormire male. La vendetta è amara.

12QTR-Map-of-Gulf-1979-mTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 281 follower