VI vertice dei BRICS: la base della nuova architettura finanziaria

Ariel Rodriguez Noyola, Global Research, 1 luglio 2014
dollar-vs-china-609x250Il giorno dopo la finale della Coppa del Mondo, in Brasile inizierà il VI vertice dei BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa). Fortaleza e Brasilia sono le città in cui si terrà la riunione del 14-16 luglio, per decidere finalmente la nuova architettura finanziaria con lo slogan: “crescita per tutti e soluzioni sostenibili”. A differenza delle iniziative in Asia e Sud America per la regionalizzazione finanziaria, i Paesi BRICS, che non hanno uno spazio geografico comune, hanno meno probabilità di soffrire delle turbolenze sui mercati finanziari aumentando allo stesso tempo l’efficienza dei loro strumenti di difesa.
Il Fondo di riserva monetaria, l’Accordo delle riserve di valuta (CRA) e la banca di sviluppo, conosciuta come Banca BRICS, svolgeranno la funzione di meccanismo di sostegno multilaterale della bilancia dei pagamenti e del fondo di finanziamento degli investimenti. De facto, i BRICS si allontanano da Fondo monetario internazionale (FMI) e Banca Mondiale (BM), da 70 anni nell’orbita del dipartimento di Stato del Tesoro degli Stati Uniti d’America. Nella crisi, le due iniziative aprono spazi alla cooperazione finanziaria contro la volatilità del dollaro, e al finanziamento alternativo di Paesi in situazioni critiche, senza sottoporli a condizioni con  programmi di adeguamento strutturale e ristrutturazione economica. In conseguenza dell’aumentato  rallentamento economico globale, è sempre più complicato per i Paesi BRICS conseguire un tasso di crescita del 5%. Il calo dei prezzi delle materie prime industriali, dovuto alla minore domanda del continente asiatico e al rientro dei capitali a breve termine a Wall Street, hanno avuto un impatto negativo su commercio estero e tassi di cambio. Con l’eccezione del lieve apprezzamento dello yuan, le valute dei Paesi BRICS hanno perso da 8,80 (rupia indiana) a 16 punti (Rand sudafricano) percentuali nei confronti del dollaro, tra maggio 2013 e giugno 2014. Il CRA dei BRICS, con 100 miliardi di dollari, di cui 41 miliardi forniti dalla Cina, 18 miliardi ciascuno da Brasile, India e Russia, e 5 miliardi dal Sud Africa, una volta attuato ridurrà sostanzialmente la volatilità dei tassi di cambio su flussi commerciali ed investimenti nel blocco. Gli scettici sostengono che il CRA avrà un’importanza secondaria ed eserciterà funzioni aggiuntive a quelle del FMI. Lasciando da parte il fatto che, contrariamente alla “Chiang Mai Initiative” (che include Cina, Giappone, Corea del Sud e le 10 economie della Associazione delle Nazioni del Sudest asiatico), il CRA dei BRICS può fare a meno del supporto del FMI per i crediti, ci si assicura maggiore autonomia da Washington. La guerra valutaria delle economie centrali contro le economie della periferia capitalista richiede un’attuazione in tempi brevi. Inoltre, la Banca BRICS suscita molte aspettative. La Banca inizierà ad operare con un capitale di 50 miliardi di dollari (con ingressi da 10 a 40 miliardi in garanzia da ogni utente), e potrà raggiungere in due anni 100 miliardi dollari e in 5 anni 200 miliardi di dollari, contando su una capacità di finanziamento pari a 350 miliardi di dollari dei progetti per infrastrutture, istruzione, salute, scienza e tecnologia, e ambiente. Tuttavia, riguardo al Sud America, gli effetti a medio termine saranno duplici. Non tutto va liscio sui mercati del credito. Da un lato la banca BRICS potrebbe contribuire a ridurre i costi dei finanziamenti e rafforzare la funzione contro-ciclica della Coporacion Andina de Fomento (CAF), aumentando il credito in tempi di crisi ed eliminando i prestiti di Banca Mondiale e Banca Interamericana di Sviluppo (IDB). Dall’altra parte, da fornitore di crediti, la Banca BRICS compete con altre entità di notevole influenza regionale come BNDES (Banca Nazionale per lo Sviluppo Economico e Sociale del Brasile), CAF e le banche cinesi dalla maggiore potenza creditizia (China Development Bank ed Exim Bank of China). E’ improbabile che le istituzioni finanziarie citate facciano convergere la loro offerta di credito in modo complementare senza intaccare i portafogli debitori.
Nei BRICS vi sono attriti. L’élite cinese pretende la maggioranza (a differenza della proposta russa di decidere le frazioni) e Shanghai è la sede dell’ente (invece che New Delhi, Mosca o Johannesburg). Nel caso in cui i prestiti bancari BRICS siano denominati in yuan, la valuta cinese s’internazionalizzerebbe affermandosi gradualmente come mezzo di pagamento e riserva valutaria a scapito delle altre valute. Oltre al consolidamento di un mondo multipolare, CRA e Banca BRICS rappresentano le basi dell’architettura finanziaria che emerge da una crisi carica di contraddizioni, in quanto caratterizzata da cooperazione e rivalità finanziarie.

testflags8286393751_f615346299-1Ariel Rodríguez Noyola, Contralínea, 30 giugno 2014
*Ariel Rodríguez Noyola è un membro della “Observatorio  Economico de América Latina” (OBELA) della IIEC-UNAM.
Copyright © 2014 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia reagisce alle sanzioni e avvia la battaglia contro il dollaro

Stefan Hedlund Global Research, 1 luglio 2014

L’Unione europea prevede nuove sanzioni economiche contro la Russia per la crisi in Ucraina, i cui termini scadono il 30 giugno. Ma il presidente russo Vladimir Putin capovolge il piano degli Stati Uniti stimolando una ‘de-dollarizzazione’ globale, scrive il professor Stefan Hedlund.
185076156La Russia compie un attacco concertato allo status del dollaro statunitense quale valuta di riserva globale ed è in procinto di abbandonare il ‘petrodollaro’ quale unità di trading per petrolio e gas. Le compagnie energetiche russe hanno l’ordine di abbandonare il dollaro e firmare contratti in rubli e monete dei Paesi partner. Il desiderio di ridurre l’uso dei dollari è in linea con l’obiettivo della Cina di promuovere l’uso internazionale dello yuan cinese. Altre nazioni emergenti vorrebbero vedere ridotta l’egemonia statunitense. Un attacco della Russia al dollaro sarebbe devastante e potrebbe, in teoria, innescare il crollo del mercato azionario negli Stati Uniti. Tuttavia, lo status del verdone quale valuta di riserva globale non è ancora gravemente minacciato per la semplice ragione che le alternative sono peggiori. Ma l’attacco russo può spingere l’economia globale a un ulteriore passo sulla via di un sistema senza valute di riserva. Se le banche centrali del mondo vendessero i loro  titoli di Stato degli USA, l’economia statunitense sarebbe inondata di dollari, causando un picco dell’inflazione e tassi d’interesse stellari. Il conseguente aumento del costo del finanziamento del debito pubblico sarebbe mostruoso, e per tornare a un equilibrio fiscale si dovrebbero chiudere così tanti programmi sociali da causare disordini per le piazze. E’ improbabile che accada ma è un quadro che fa riflettere sulla partita che la Russia gioca, e cosa potrebbe accadere se Washington persiste nel rifiutare di darsi un ordine interno.
Negli ultimi decenni, il mondo è così abituato al biglietto verde come valuta di riserva ‘naturale’ globale, che gli avvertimenti sulla possibile fine di tale finanziamento a basso costo del deficit degli Stati Uniti vengono regolarmente ignorati. Non vengono attuate misure per prepararsi al declino del biglietto verde. All’indomani della crisi dei mutui subprime che innescò la recessione del 2008, e l’umiliante degradazione del rating sovrano degli Stati Uniti nel 2011, gli avvertimenti cominciarono a chiedere per quanto tempo si potesse andare avanti così. I maggiori detentori di debito degli Stati Uniti sono Paesi BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica), che hanno iniziato a cercare di mollare il dollaro. Dal crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, la Russia  dipendeva dai dollari. Nei turbolenti anni ’90, il verdone dominava sostituendo il rublo collassato, offrendo un mezzo di scambio e una riserva valutaria. Con l’impennata dei prezzi del petrolio iniziata nel 2001, la Banca Centrale russa ha potuto stabilizzare la valuta e il ruolo del dollaro s’è ridotto. Ma l’economia russa rimane fortemente intrecciata alla circolazione del dollaro, dalle grandi aziende con riserve in valuta estera (forex) di dollari, a banche e imprese indebitate in dollari, alle aziende off-shore basate sui dollari, soprattutto per l’esportazione di energia, scambiata in dollari.  Con le minacce di sanzioni economiche avanzate dall’occidente, il Cremlino si sentiva veramente vulnerabile, decidendo quindi di ridurre tale vulnerabilità. Gli esperti bancari ed energetici russi hanno discusso con i funzionari governativi il modo per eliminare il dollaro dalle operazioni d’esportazione. Il ministro dell’Economia Aleksej Uljukaev ha invitato le aziende energetiche russe ad essere coraggiose firmando contratti in rubli e valute dei Paesi partner. Si è parlato di introdurre una ‘valuta di scambio esecutiva’ per cui le aziende potrebbero essere costrette a trattare una percentuale delle operazioni in rubli russi o yuan cinesi. Rosneft ha concluso uno swap ‘prodotti-per-petrolio’ con l’Iran per 500000 barili di petrolio iraniano al giorno da vendere sui mercati globali. E il recente accordo da 400 miliardi di dollari sul gas di Gazprom con la Cina è visto come modo per allontanarsi dal dominio dei dollari.
Ciò che salva il biglietto verde, per qualche tempo ancora, sono le alternative scadenti. Una moneta di riserva globale funzionante deve essere sia liquida che ‘profonda’, cioè deve essere venduta rapidamente e in grandi quantità senza un impatto significativo sul prezzo. Nonostante la cattiva gestione dell’economia degli Stati Uniti, il dollaro USA rientra ancora in tale regola. L’euro è sceso ben al di sotto delle grandi visioni iniziali, ma rimane un second best. Né sterlina né yen vi si avvicinano.

Russia’s-central-bankStefan Hedlund è professore e direttore presso il Centro di studi russi ed eurasiatici dell’Università di Uppsala, Svezia. É un economista specializzato nella Russia.
Copyright © 2014 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’economia statunitense non sta morendo, è già morta

Reseau International 2 giugno 2014

article-2463136-18C85CC200000578-266_634x359Sembra che siamo fuori dalla crisi (o si stia per esserlo, non si sa). Sono passati alcuni anni da quando gli esperti parlano di crisi, sue origini e conseguenze, ecc. Armati di numeri, curve e diagrammi, spiegano i pro e i contro e ci forniscono le loro conclusioni accorgendoci subito che figure, curve e diagrammi non hanno importanza, dato che le loro conclusioni ne riflettono solo l’ideologia. Ma ci sono alcuni semplici dati che ci permettono di vedere cosa succede, senza essere  degli esperti. Gli Stati Uniti, Alfa e Omega del mondo capitalista, Paese da cui la crisi proviene e dove ci viene detto scomparirà, furono edificati il secolo scorso sul consumo divenendone il simbolo. La società statunitense (e in parte europea) ha creato il consumatore fine a se stesso, in modo che tutto il sistema vi si basi. Quando il consumo va, tutto va. E viceversa. La settimana scorsa abbiamo preso un articolo di Charles Sannat che annunciava un calo del PIL dell’1%. Non si sa nulla del modo con cui calcolano tali dati, ma quando si arriva a formalizzare tale declino, come l’aumento della disoccupazione o altre notizie spiacevoli, allora sono state utilizzate tutte le variabili d’aggiustamento e sono state effettuate tutte le manipolazioni possibili. Gli Stati Uniti quindi rientrano ufficialmente in recessione. Data l’esistenza delle variabili e manipolazioni di cui abbiamo parlato, significa solo che sono già state usurate e non funzionano più, e che il Paese o è in recessione da tempo, o non è mai uscito dalla crisi. Sembra che sia il secondo caso. Il consumatore statunitense può essere giudicato dal consumo di carburante in un Paese dove l’auto è più che un simbolo, è una necessità. In 15 anni, il consumo di carburante è sceso del 75%, soprattutto dal giugno 2003, con una accelerazione dall’agosto 2007.

Conso-Essence

20140530_gas_0
Mentre i cittadini statunitensi riducono drasticamente il loro stile di vita, l’industria petrolifera persiste. Come? Esportando l’invenduto. Mentre lottava per soddisfare la domanda fino al 2007 (ancora il 2007), eccola tutto ad un tratto, senza aumentare la produzione, avviare l’esportazione massiccia moltiplicando i dati per 3, secondo l’US Energy Information Administration (EIA).

Export-PP

WTTEXUS2wPerché l’allarme, dato che la produzione non è interessata? Certamente è ferma ma funziona perfettamente. Solo che i salari continuano a ridursi. Dopo una salita costante fino alla fine degli anni ’90, la curva iniziava bruscamente ad inabissarsi, accelerando intorno al 2007 (ancora).

civpart_feb13I dati sulla velocità della circolazione del denaro della FED di St. Louis, vero indicatore della salute dell’economia statunitense, confermano tale realtà tanto che le curve si sovrappongono.

velocityfeb2014m2v_max_630_378Se gli Stati Uniti gradualmente cambiano il loro stile di vita [1] adattandosi alle realtà che la propaganda ufficiale non può cancellare, i produttori cercano anche di adattarsi per continuare come prima, come se nulla sia accaduto. E adattarsi, per loro significa adattare tutti. Guerre di rapina qua e là, embarghi, accelerazione della colonizzazione dell’Europa e del dominio del mondo possono essere così spiegati, in parte. Tali cifre sono note a tutti i produttori statunitensi che semplicemente non possono aspettare, pigramente, che il disastro che gli piova sulla testa. Il loro gioco è quello che vediamo oggi. Non si tratta più solo del desiderio egemonico, ma di un programma di salvataggio su vasta scala, guidato dall’angoscia esistenziale di far uscire gli USA dall’emergenza. Due soluzioni si presentano al mondo: aiutare gli USA ad uscire, che allo stato attuale delle cose sembra impossibile, o aiutarli a morire dolcemente tramite cure palliative. Per non morire con essi, l’Europa farebbe bene ora ad amputarsi dai poveri USA, e un team chirurgico è pronto al caso.

Appunto
[1] Link che illustra abbastanza bene l’argomento con dati della crisi subita dagli USA: Occupy Corporatism

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il Vertice Russia-Cina di Shanghai: innegabile successo

Aleksandr Salitzki Strategic Culture Foundation 24/05/2014
xijinping-putin-0520-netLa visita del Presidente Putin in Cina è finita. Senza dubbio è stato un evento d’importanza storica.  I leader russi e cinesi dovrebbero conoscersi meglio, hanno una lunga strada da percorrere nel rafforzare la cooperazione bilaterale. Il livello di comprensione reciproca è senza precedenti. Le prospettive per l’Eurasia sono potenziate in modo incredibile dalla cooperazione globale tra la Russia e la Cina…
I progressi nello sviluppo delle relazioni bilaterali sono parte dell’estremamente complicato processo internazionale che prevede il passaggio dal mondo occidentocentrico a uno mondo policentrico. Sono passati 20 anni dal crollo dell’Unione Sovietica. Ora la Russia apre una nuova pagina della sua storia. Chiunque abbia giudizio si rende conto che questo passo è obbligato. Il rapporto Russia-Cina è un altro passo per fare vedere all’occidente la realtà e tornare al dialogo costruttivo. Uno degli obiettivi perseguiti dalla politica estera russa è facilitare la creazione di relazioni internazionali tra Russia, Stati Uniti e Cina sulla base di obblighi reciproci, tra cui il controllo degli armamenti e la gestione delle crisi in cooperazione con altri Stati. Ad esempio, la comparsa dell’alleanza dei “tre grandi” Russia, Stati Uniti e Cina servirebbe allo scopo. Il “triangolo dell’amicizia USA-Russia-Cina” a vantaggio di tutto il mondo era il sogno ambito di Franklin Delano Roosevelt. La Russia persegue una politica estera equilibrata, che presuppone relazioni normali con Stati Uniti, Unione europea e Giappone. India, Corea del Sud e ASEAN sono interessati. Il rapporto speciale con la Cina facilita l’attuazione di questo concetto. Il corso in linea di massima corrisponde alla politica di Pechino. L’apparizione degli Stati falliti sottolinea l’importanza della completa cooperazione internazionale nel superare gli aspetti negativi della globalizzazione. La profonda crisi della statualità dell’Ucraina è probabilmente una delle sfide internazionali più pericolose. E’ importante per Russia e Cina allineare le posizioni sulla questione.
La visita ha portato alla tanto attesa svolta nella cooperazione energetica bilaterale. Gazprom aiuta il drago cinese afflitto dallo smog del carbone. La Cina avvia un grande sforzo per ripulire la propria aria. Prevede di cambiare drasticamente la situazione in 20 anni. Aleksej Miller, a capo di Gazprom, ha detto che è solo l’inizio, “Grande impulso sarà dato ad interi settori economici, in particolare metallurgia, gasdotti e metalmeccanica. Oggi abbiamo iniziato la prima pagina di un grande libro, la storia affascinante della cooperazione russo-cinese nell’industria del gas, e molti capitoli essenziali devono ancora essere scritti”. Riempire le pagina significa creare circa 12 mila nuovi posti di lavoro nel territorio russo, a est degli Urali, 55 miliardi di dollari di investimenti nello sviluppo dei nuovi giacimenti di gas e nuovi contratti nella metallurgia, ingegneria e costruzione di gasdotti russi.
Pepe Escobar ha coniato il termine Pipelineistan nella sua relazione dedicata al corridoio energetico (gasdotto chiave) dal Mar Caspio all’Europa attraverso Georgia e Turchia, e il Grande Gioco di accordi, diplomazia e guerra per procura tra Russia e Stati Uniti che l’accompagna. Oggi la Pipelineistan dell’Eurasia lega saldamente i membri della Shanghai Cooperation Organization e un processo di ulteriore integrazione è in pieno svolgimento. I flussi degli investimenti cinesi nell’economia russa sono intensificati. La casa automobilistica di Tula avrà oltre mezzo miliardo di dollari di investimenti da Chancheng. Il maggiore accordo energetico della storia prevede investimenti nelle infrastrutture economiche della parte orientale della Russia. Le case automobilistiche russe trarranno grandi vantaggi dalla cooperazione con la Cina. La società petrolchimica russa Sibur ha firmato l’accordo sul secondo progetto di ampia cooperazione per stabilire una joint venture nella produzione di nitrile e gomma isoprene nella zona di Shanghai, in Cina. La joint venture utilizzerà brevetti e tecnologie della Sibur. Non ci sono dubbi, la cooperazione Russia-Cina ha un grande futuro. La Russia deve proteggersi dall’espansione commerciale dei produttori asiatici. L’amicizia presuppone lo scambio di osservazioni critiche e  rimostranze giustificate. L’industria russa è troppo debole in alcuni aspetti e deve essere protetta. Un problema più acuto va notato quando aspetti sfavorevoli influiscono sul rapporto. Le agenzie cinesi incontrano difficoltà nel trovare controparti in Russia. Ad esempio, la Commissione Nazionale per lo sviluppo e la riforma della Cina non riesce a trovare un interlocutore. Vi sono altri organi dello Stato che si occupano di scienza e industria che possono indicare con chi stabilire contatti. La Banca della Cina popolare ha una controparte russa, formalmente un ente indipendente anche se è difficile dire cosa significhi questa indipendenza e da chi esattamente sia indipendente. La lista può andare avanti. La Russia ha bisogno di modifiche per cogliere le opportunità offerte dalla rapida crescita della collaborazione con il suo partner numero uno.
La pianificazione e la capacità di fare valutazioni e previsioni, ciò di cui il mondo contemporaneo ha bisogno e di cui è privo, laddove la Russia ha ancora molta strada da fare. L’esperienza della Cina in questo campo ne fa un leader e un’alternativa al caos che imperversa in altri Paesi. Da tempo la Cina ha abbandonato la politica di distinzione tra aziende pubbliche e private o tra economie amministrativamente pianificata e di mercato. E’ tutto passato e dimenticato. Uno Stato forte, pianificazione ed economia di mercato sviluppata possono ben coesistere, ma è opportuno agevolare il progresso delle grandi imprese nazionali, mentre la supervisione delle loro attività deve renderle funzionali agli interessi dell’economia nazionale.
Il mondo avanza rapidamente a grandi passi nel XXI secolo. Il modello costruito sulla base “centro-periferia” è spezzato lasciando larghe crepe che possono influenzare negativamente l’occidente. Ciò incrementerà il ruolo degli Stati nazionali e dello loro relazioni, rendendo l’umanità più responsabile. Può essere opportuno guardare ciò che furono i venti anni del secondo dopo-guerra. Giorni di forte crescita economica, aiuti ai Paesi con economie deboli e concorrenza tra progetti sociali di diverso tipo. Con tutte le irregolarità, era un modello equilibrato di progresso comune.

La ripubblicazione è gradita in riferimento al giornale on-line della Strategic Culture Foundation.

gas5
Gazprom firma con la Cina un contratto 30ennale da 400 miliardi di dollari
Aleksej Lossan, RIR, 22 maggio 2014

GETTY_52114_RussiaChinaLa visita in Cina di questa settimana della delegazione russa, s’è rivelata un enorme successo, portando alla firma di decine di accordi economici. I titoli sono dominati dall’enorme contratto stipulato da Pechino e il gigante del gas russo Gazprom, ma i colloqui hanno prodotto anche piani per creare un concorrente di Boeing e Airbus, la costruzione di un primo grande ponte e forniture energetiche record. Ma è stato l’enorme accordo con Gazprom che ha avuto i maggiori titoli. Durante la visita della delegazione russa a Shanghai, il 21 maggio, Gazprom e CNPC hanno firmato un accordo 30ennale del valore di 400 miliardi di dollari per l’acquisto e la vendita di gas naturale. Le esportazioni dovrebbero iniziare nel 2018, e vedranno 38 miliardi di metri cubi all’anno inviati  in Cina a 350 dollari per 1000 metri cubi. “Questo è il più grande contratto della Gazprom. Un contratto del genere non è mai stato firmato da alcuna società“, ha detto il capo esecutivo del gigante gasifero russo Aleksej Miller, secondo Interfax.

Co-produzione nel settore del trasporto aereo
L’accordo più importante dopo l’affare della Gazprom è il progetto congiunto russo-cinese per la realizzazione congiunta di un aeromobile a lungo raggio, futuro concorrente di Boeing e Airbus. Secondo i partecipanti ai negoziati, il progetto richiederà un investimento di 10 miliardi di dollari, ma è ancora nelle prime fasi di sviluppo. I dati di base preliminari del progetto saranno presentati ai ministeri dell’economia dei due Paesi nell’estate del 2014. Il progetto dovrebbe svilupparsi in joint venture, in cui le quote dei diritti verranno distribuite equamente tra Russia e Cina. La Russia ha già maturato esperienza nella collaborazione internazionale per la realizzazione di nuovi aerei passeggeri: il Sukhoj SuperJet 100 prodotto da una joint-venture russo-italiana con la Finmeccanica, gruppo aziendale italiano. Un altro progetto congiunto prevede il lancio di un impianto in Russia. Nel 2017, un produttore cinese di autoveicoli fuoristrada, Great Wall Motors, lancerà un impianto nella parte europea della Russia, nella regione di Tula. Gli investimenti nel progetto ammonteranno a 18 miliardi di rubli (522 milioni dollari) all’anno, e la società potrà produrre fino a 150000 veicoli con il marchio Haval. Inoltre, il nuovo impianto creerà 2500 posti di lavoro. Un’altra iniziativa in cantiere riguarda la costruzione di una fabbrica di gomma in Cina. La società petrolchimica russa Sibur e la compagnia petrolifera cinese Sinopec apriranno un impianto di produzione di gomma a Shanghai, con una capacità produttiva di 50000 tonnellate all’anno. La quota maggiore del progetto sarà di proprietà della Sinopec (74,9 per cento), mentre Sibur avrà una quota del 25,1 per cento.
Nella joint venture, la società russa fornirà principalmente tecnologia. Nel 2013, i partner hanno aperto una joint venture a Krasnojarsk per la produzione di gomma in Siberia: la partecipazione di Sinopec nel progetto è del 25 per cento più una azione del patrimonio netto. Al momento, la gomma prodotta dall’impianto viene fornita al mercato cinese.

Forniture per la Cina
Nonostante l’ampliarsi della cooperazione bilaterale in vari settori, l’esportazione principale della Russia in Cina continuerà ad essere l’energia, principalmente petrolio e gas. Pechino è già il maggiore acquirente di petrolio russo: nel 2009-2038, Rosneft, la prima compagnia petrolifera pubblica del mondo, consegnerà circa 665 milioni di tonnellate di petrolio alla Cina. Inoltre con l’accordo blockbuster della Gazprom, la Russia fornirà alla Cina anche gas liquefatto. Jamal LNG ha siglato un accordo con CNPC per la fornitura di 3 milioni di tonnellate di GNL all’anno. Il progetto prevede la costruzione dell’impianto GNL nel nord russo, con una capacità produttiva di 16,5 milioni di tonnellate, e lo sviluppo del giacimento di Sud Tambejskoe. Come base, Gazprom prevede di concentrarsi sui prezzi del GNL fornito al Giappone attraverso lo sviluppo di Sakhalin-2, nell’Estremo Oriente russo. Lo scorso anno il prezzo del GNL in Giappone era circa 512 dollari per 1000 metri cubi. Inoltre, Gazprom ha offerto alle imprese cinesi la partecipazione a un altro simile progetto russo, Vladivostok GNL, e contratti per acquistare gas naturale liquefatto. Il Primo ministro russo Dmitrij Medvedev ha dichiarato in un’intervista a Bloomberg TV che gli investitori cinesi possono anche partecipare alla privatizzazione della statale Rosneft. Tuttavia, la dimensione del pacchetto che può essere acquistato deve ancora essere divulgata. Gli investitori cinesi sono già inclusi nel capitale di Rosneft dal 2006, quando CNPC acquistò una quota dello 0,6 per cento nella società russa durante l’offerta pubblica iniziale.

Ponti e strade
Uno dei principali settori della cooperazione con la Cina attrarrà le imprese cinesi nei progetti infrastrutturali. Nel 2013, il volume annuale del traffico attraverso i valichi di frontiera tra Russia e Cina è aumentato dell’8 per cento, per un totale di 30,5 milioni di tonnellate. Nei prossimi mesi inizierà la costruzione del primo ponte sul fiume Amur, in Siberia, tra la Russia e la Cina. Sarà il primo collegamento di questo tipo tra Russia e Cina: non ci sono ponti tra i due Paesi, né su strada né per ferrovia. Secondo la parte russa, il nuovo ponte consentirà il trasporto di 21 milioni di tonnellate di merci ogni anno e accorcerà le distanze di 700 chilometri. A sua volta, il monopolio russo sul mercato ferroviario, le Ferrovie Russe, e l’operatore ferroviario dello Stato cinese, la China Railway Corporation, hanno concordato la costruzione di centri logistici, lo sviluppo del traffico passeggeri e la riduzione delle tariffe.
La Cina aiuterà la Russia a ridurre la dipendenza dal dollaro nei pagamenti: i Paesi prevedono di aumentare i pagamenti in valuta nazionale secondo l’accordo firmato dalla VTB Bank russa e dalla corporation bancaria cinese Bank of China. Attualmente, i banchieri cinesi hanno emesso prestiti per la Rosneft in rubli, riducendo la dipendenza dell’economia russa dai tassi di cambio. Secondo il presidente russo Vladimir Putin, il volume totale dei progetti congiunti russo-cinesi nei settori prioritari è di circa 40 miliardi di dollari. Tuttavia, il Paese prevede di aumentare questa cifra a 200 miliardi entro il 2020.

china russia flagsTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Da BRICS a BRICSA (o BARICS, ecc…)

Dedefensa 16 maggio 201410369222L’ormai famosa associazione BRICS esamina la domanda di adesione dell’Argentina. Sembra che una decisione sarà presa alla riunione dei cinque Paesi del 15 luglio nella città brasiliana di Fortaleza. Brasile, India e Sud Africa supportano tale proposta, Cina e Russia hanno una posizione di attesa pur essendo molto aperte alla prospettiva. Altri quattro Paesi sono vicini a essere candidati: Iran, Kazakhstan, Indonesia e Messico. La Voce della Russia spiega il 15 maggio 2014, alcuni elementi della situazione riguardo questa proposta oltre al contesto della situazione complessiva… A questo proposito, un argomento chiaro e che rende la situazione propizia ai BRICS per la loro organizzazione, sviluppo, ambizioni, ecc. è lo stato di tensione tra la Russia e il blocco BAO, che favorisce ovviamente il riallineamento dei Paesi non aderenti al blocco, tentati dalla formula  dei BRICS. Le avventure del blocco BAO logicamente facilitano sempre più lo scavo della tomba del mondo pseudo-unipolare e suprematista cui è affezionato… E’ quindi possibile che tra poche settimane l’acronimo BRICS diventi magari BRICSA o BARICS o ecc., cedendo al peso di nuove lettere e richiedendo un nuovo nome che non sia costituito dalle iniziali dei suoi membri.
Gli esperti concordano sul fatto che dal punto di vista politico, il già notevole potenziale dei BRICS possa solo rafforzarsi con l’adesione dell’Argentina. Penso che l’espansione del BRICS sia un passo nella giusta direzione. Se questo problema viene discusso nella riunione dei BRICS e i Paesi aderenti si pronunciato a favore, ciò andrà a beneficio di tutti. L’ingresso dell’Argentina nei BRICS contribuirà al rafforzamento delle relazioni tra la Russia e l’Argentina, un grande Paese del Sud America dall’enorme potenziale economico”, dice il direttore della rivista ‘America Latina’ Vladimir Travkin. “Rimane ancora da trovare le soluzioni ai molti problemi connessi alle molteplici concertazioni con i Paesi membri, data la vastità del territorio di tale Paese, la forza della sua economia e della sua popolazione. Ecco perché, forse, Pechino e Mosca mostrano moderazione in  materia. Tuttavia, Buenos Aires mira ad accelerare il processo. Per l’Argentina unirsi ai BRICS può significare la concessione di finanziamenti a condizioni più favorevoli rispetto a quelli offerti da altre istituzioni internazionali. (…) Il periodo di tensione tra  Russia e occidente può essere utile allo sviluppo della cooperazione nell’ambito delle relazioni BRICS. Molti Paesi in via di sviluppo seguono la situazione e traggono conclusioni prendendo decisioni strategiche nel proteggere i loro asset. E in questo senso, l’attuale crisi può avviare l’ampliamento dei BRICS e lo sviluppo di una zona di libero scambio“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 333 follower