Ucraina: pazzi, mafiosi e nazisti

Alessandro Lattanzio, 29/3/2014

555FastStoneEditorIl Presidente Vladimir Putin ha elogiato la professionalità dei militari russi dicendo che le loro azioni hanno contribuito ad impedire spargimenti di sangue in Crimea, garantendo le condizioni pacifiche per lo svolgimento del referendum  che osservatori internazionali hanno certificato libero ed equo. “I recenti avvenimenti in Crimea sono un test serio che dimostra la qualità delle nuove capacità dei nostri militari, così come l’alto spirito morale del personale“, ha detto Putin ai vertici militari, ringraziando gli ufficiali e i marinai della Flotta del Mar Nero, nonché le unità di stanza in Crimea per la loro resistenza e coraggio. Tutte le 193 unità militari di stanza in Crimea hanno aderito alle forze armate russe mentre 1500 su 18000 militari ucraini presenti nella penisola hanno scelto di rientrare nelle forze armate ucraine, ha dichiarato Valerij Gerasimov, Capo di Stato Maggiore Generale delle Forze Armate russe, mentre numeroso materiale militare ucraino rimane in Crimea, tra cui oltre 30 navi militari, 150 APC e 50 carri armati, 40 caccia MiG-29 e 20 aerei da addestramento L-39, 20 elicotteri, 60 sistemi sistemi missilistici a lungo raggio terra-aria S-300 e 40 sistemi missilistici a medio e corto raggio terra-aria Buk-M1 e Tor, nonché i sistemi della difesa costiera. Infine, la Russia ha iniziato i preparativi per la chiusura degli accordi bilaterali con l’Ucraina relativi allo status della Flotta del Mar Nero. La decisione è stata presa durante una riunione del Consiglio di Sicurezza presieduto dal Presidente Vladimir Putin. Le 30 navi da guerra e ausiliarie della marina ucraina potrebbero entrare nella Flotta del Mar Nero della Russia. “Le navi che navigavano in precedenza sotto la bandiera ucraina non saranno incluse automaticamente nella Flotta del Mar Nero fin quando non saranno valutate tecnicamente decidendo quali entreranno nella flotta, e quali saranno demolite“. Le navi sono dislocate nella baia di Sebastopoli e presso la base navale Juzhnaja, sul lago Donuzlav, presso Evpatorija, dove sono di base la grande nave d’assalto anfibia Konstantin Olshanskij, la nave d’assalto anfibio Kirovograd, la corvetta Vinnitza, la nave da trasporto Gorlovka, i dragamine Chernigov e Cherkassij, il dragamine costiero Genichensk e una dozzina di altri natanti. La Crimea dispone di diverse strutture per la riparazione navale tra cui il cantiere No. 13 di Sebastopoli, il cantiere Zaliv di Kerch e quello di Fjodosija. Una fonte del quartier generale della Flotta russa del Mar Nero ha detto che le navi da guerra ex-ucraine come le corvette Ternopol, Lutsk e Khmelnitskij e la nave scorta Slavutich e le navi da sbarco Olshanskij e Kirovograd sono pienamente operative. “La Ternopol sarà inviata nel Mare di Aden ad aprile, per la lotta contro la pirateria“. A seguito di questo processo, il “ministro ad interim della Difesa” golpista dell’Ucraina, Igor Tenjukh, presentava le dimissioni.
1332102950_shtanski-v-mundireIl 23 marzo, in Transnistria, un velivolo senza pilota è stato abbattuto mentre compiva riprese video e foto. I servizi di sicurezza della Transnistria avrebbero recuperato il materiale d’intelligence raccolto dal drone. La repubblica di Transnistria resistendo alla pressione di Moldavia e Ucraina, chiede aiuto dalla Russia, “Siamo costantemente sotto la pressione di Moldova e Ucraina“, ha detto la ministra degli Esteri della Repubblica Nina Shtanskij. “La Russia gioca un ruolo chiave nel superare le conseguenze di tale pressione“. Shtanskij ha detto che la repubblica è sotto un blocco economico dal 2006, quando l’Ucraina su richiesta della Moldova sospese il transito di merci in Transnistria. “Mosca fornisce alla Transnistria pace e stabilità ed assistenza finanziaria ai gruppi sociali vulnerabili. La costruzione di nuove scuole e ospedali è pagata dal denaro fornito dalla Russia“. Tale sostegno fa sentire i residenti di Transnistria parte del “mondo russo”. “Centinaia di migliaia di cittadini russi vivono qui e anche uno stesso numero di persone di varie nazionalità che s’identificano quali compatrioti russi“. La Duma di Stato della Federazione Russa riteneva legittimo e approvava anche il referendum del 2 febbraio con cui la regione autonoma della Gagauzia in Moldova, opta per l’Unione Doganale con Russia, Bielorussia e Kazakhstan, contrariamente a quanto deciso dal governo di Chisinau. D. Slutskij, capo della commissione della Duma per gli affari della CSI e l’integrazione eurasiatica, ha affermato che “la Russia, secondo le norme del diritto internazionale, è pronta ad espandere la partnership con la Gagauzia e a fornirle il supporto necessario“.
Intanto, il ‘presidente’ golpista ucraino Turchinov ha proposto un progetto di legge “Per concedere l’accesso alle unità militari di forze armate straniere nel territorio dell’Ucraina nel 2014 per la partecipazione alle esercitazioni” della NATO Rapid Trident 2014, Sea Breeze 2014, Bright Avalanche 2014, Carpazi 2014 e South 2014. Nel frattempo l’Ucraina aumenterà del 50% il prezzo di vendita del gas dal 1° maggio, secondo quanto imposto dall’accordo con il FMI per i 15 miliardi di dollari di prestito. 1500 nazisti ucraini si erano riuniti davanti il parlamento minacciando di assaltarlo se il ‘ministro degli Interni’ golpista Avakov non si dimetteva per la liquidazione del loro duce Muzichko per mano della polizia a Rovno, Ucraina occidentale. “Il ministero degli Interni fornirà documenti, materiale, prove video e audio“, ha detto Avakov, “Ciò darà al pubblico ulteriori informazioni sul caso. Tutti potranno decidere chi è l’eroe e chi un volgare bandito“. Dmitrij Jarosh, capo di Fazione Destra chiede le dimissioni di Avakov e l’arresto degli agenti di polizia coinvolti nell’eliminazione del famigerato terrorista Aleksandr Muzichko. La Russia ha inserito Jarosh tra i ricercati internazionali per terrorismo. Dopo l’assedio al parlamento di Kiev da parte dei neonazisti, si è svolta una riunione con il ministro degli Interni golpista Arsen Avakov, il capo del Consiglio di Difesa e Sicurezza 1979730Nazionale Andrej Parubij e Oleg Tjagnibok, capo del partito nazista Svoboda. Durante l’incontro, Avakov ha suggerito la messa al bando di Fazione Destra, con il sostegno di Parubij, che vede tale mossa come modo di occultare i loro legami con gli estremisti. Tjagnibok rimase in silenzio. Infine, il servizio di sicurezza nazionale ucraino ha messo il Procuratore capo di Crimea, Natalija Pokhlonskaja, sulla lista dei ricercati, accusandola di aver violato l’articolo 109 del codice penale per aver rovesciato con la violenza l’ordine costituzionale e il governo e aver occupato il potere! Pokhlonskaja, dopo  l’adesione della Crimea alla Federazione russa, è stata nominata capo sostituto procuratore di Crimea dal Procuratore generale russo Jurij Chajka. I golpisti a Kiev sono irritati dalla popolarità su internet e sui media di Pokhlonskaja; inoltre, i nazisti al governo a Kiev hanno anche dichiarato di aver sequestrato sette presunti “separatisti” per violazione dell’articolo 109. Tra loro diversi leader delle proteste popolari nell’Ucraina orientale contro i golpisti.
Il governo ucraino è un agglomerato di pazzi pragmatici, oligarchi dubbi e ultra-nazionalisti brutali che non riescono a stabilizzare il Paese“, questa è l’analisi del think tank tedesco SWP legato al ministero degli Esteri tedesco. Il rapporto indica che le grandi aree orientale e meridionale dell’Ucraina non si fidano dei golpisti, che provocano tensioni nominando il neonazista Aleksandr Sitsh ‘ministro’ per la tutela delle minoranze. Tale nuova provocazione è un messaggio minaccioso alle province orientali, dove il governo non ha nessuna influenza. Infatti, in Ucraina è attiva anche l’organizzazione C14, nota come Sich, affiliata al partito nazista Svoboda e capeggiata di Evgen Karas; la sua attività principale è di carattere russofobo. Quando le manifestazioni di Euromajdan iniziarono, C14 si scontrò con la polizia antisommossa. “La maggior parte dei membri del C14 furono molto attivi nei disordini di Majdan. Combattono per l’Ucraina basata sull’unità etnica“. Oggi insieme a Fazione Destra, C14 pattuglia le strade di Kiev e occupa edifici pubblici. A C14 aderiscono numerosi mercenari neonazisti stranieri. Quando il parlamento ucraino fu convocato il 17 marzo per discutere della Crimea, C14 e Fazione Destra fungevano da servizio di sicurezza, composto da individui mascherati e in uniforme armati di fucili automatici. “Alcuni dei tizi di Fazione Destra sono scimmie con le pistole. Rischi la vita solo rimanendoci vicino quando sono armati. C14 è meglio addestrata, quasi a livelli militari“, dice un mercenario nazista svedese. La settimana precedente 20 attivisti di C14 irruppero nella sede delle autorità penitenziarie di Kiev per strappare il rilascio di uno dei membri dell’organizzazione, incarcerato per aver partecipato ai combattimenti contro la polizia, “C’erano quattro guardie, che si nascosero appena arrivammo. Abbiamo detto al capo che se non fosse uscito a parlarci, saremmo entrati, venne fuori e dopo una breve discussione, promise che avrebbe fatto ciò che era necessario per liberare il camerata“.
Il primo ministro slovacco Robert Fico ha dichiarato che “la priorità della Slovacchia è garantirsi le forniture di gas russo dall’Ucraina“. La Slovacchia è preoccupata per i negoziati in Ucraina sulle forniture di gas. “Uno dei compiti principali del governo slovacco è la diplomazia economica e il sostegno alle nostre aziende“. La società energetica della Slovacchia Eurostream dovrebbe investire non meno di 20 milioni di euro nel progetto, “che nessuno ci restituirà in caso di fallimento“, per le forniture di gas dall’Ucraina. Anche la camera dei deputati del Parlamento ceco non segue l’UE, “La camera dei deputati non sostiene la proposta in cui il governo viene incaricato di promuovere, nel quadro dell’UE, sanzioni economiche contro la Russia“. Non è stata sostenuta neanche la proposta di aumentare il finanziamento all’esercito ceco. Infine i BRICS appoggiano la partecipazione della Russia al vertice del G20 in Australia, “I ministri hanno preso atto con preoccupazione della dichiarazione sul prossimo vertice del G20 che si terrà a Brisbane a novembre. L’adesione al G20 è garantita a tutti gli Stati membri e nessuno Stato membro può deciderne unilateralmente natura e carattere“, hanno dichiarato i BRICS dopo l’incontro tra il ministro degli Esteri sudafricano Maite Nkoana-Mashabane, il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov, il ministro degli Esteri indiano Salaman Khurshid, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi e l’ambasciatore Carlos Antonio Paranhos, sottosegretario generale per gli Affari Politici del Brasile, incontratisi a L’Aja. “Decideremo ulteriori passi in relazione al G20. I Paesi BRICS convengono a che le sfide nelle regioni dei Paesi BRICS siano affrontate nel quadro delle Nazioni Unite in modo calmo ed equilibrato. L’escalation di linguaggio ostile, sanzioni e contro-sanzioni e forza non contribuisce a una soluzione durevole e pacifica secondo il diritto internazionale, i principi e gli scopi della Carta delle Nazioni Unite. Riguardo alla riunione dei ministri degli Esteri dei BRICS, la posizione comune afferma che non è solo l’Australia a formare il G20 e che lavoreremo in tale meccanismo come già deciso”.

2013-10-24T153639Z_879833070_GM1E9AO1TGK01_RTRMADP_3_BELARUSFonti:
Allain Jules
Express
Global Research
HispanTV
ITAR-TASS
ITAR-TASS
ITAR-TASS
RBTH
RBTH
Reseau International
RIAN
RIAN
RIAN
RIAN
RIAN
Russia Today
Russia Today
Voce della Russia
Voce della Russia

L’Iran costruisce la riproduzione di una portaerei a propulsione nucleare statunitense

Eric Schmitt New York Times 21 marzo 2014 – Iranfocus

21ship2-blog427L’Iran sta costruendo un modello di portaerei a propulsione nucleare statunitense che i funzionari degli Stati Uniti dicono che potrebbe essere distrutto per propaganda.
Gli analisti dell’intelligence studiano le foto satellitari delle installazioni militari iraniane in cui è stata notata per la prima volta la nave, nel cantiere Gachin, nei pressi di Bandar Abbas sul Golfo Persico, la scorsa estate. La nave ha la stessa forma caratteristica delle portaerei classe Nimitz dell’US Navy, nonché il numero 68 della Nimitz ordinatamente dipinto di bianco vicino alla prua.  Modelli di aeromobili appaiono sul ponte di volo.
Il modello iraniano, che i funzionari statunitensi descrivono simile più a una chiatta che a una nave da guerra, non ha un sistema di propulsione nucleare ed è lunga solo circa due terzi di una tipica porterei da 300 metri di lunghezza dell’US Navy. Funzionari dell’intelligence non credono che l’Iran possa costruire una vera portaerei. “Sulla base delle nostre osservazioni, questa non è una portaerei operativa, è una grande chiatta costruita in somiglianza ad una portaerei“, ha detto il comandante.  Jason Salata, portavoce della Quinta Flotta della Marina in Bahrain, nel Golfo Persico. “Non siamo sicuri cosa l’Iran speri di ottenere con tale costruzione. Se si tratta di propaganda, a che scopo?” Qualunque sia lo scopo, i funzionari statunitensi hanno riconosciuto di aver voluto rivelare l’esistenza della nave per anticipare gli iraniani.
Gli analisti dell’intelligence dell’US Navy e di altri servizi statunitensi, suppongono che la nave, che dei mattacchioni della Quinta Flotta hanno soprannominato la chiatta-bersaglio, sia qualcosa che l’Iran potrebbe trainare in mare, ancorare e far saltare in aria, filmando il tutto per motivi di propaganda se, per esempio, i colloqui con le potenze occidentali sul programma nucleare iraniano andassero a fondo. L’Iran ha precedentemente utilizzato chiatte come bersagli per i lanci di missili durante le esercitazioni, riprendendoli e trasmettendoli poi sui notiziari TV, hanno detto gli ufficiali della Marina. “Non è sorprendente che le forze militari iraniane possano usare una varietà di tattiche, tra cui l’inganno militare, per comunicare strategicamente ed eventualmente dimostrare la loro determinazione nella regione“, ha detto un funzionario statunitense che ha seguito da vicino la realizzazione del modello. Ma mentre l’Iran ha cercato di nascondere i suoi siti nucleari sotterranei la Marina iraniana non ha preso alcun provvedimento per nascondere agli indiscreti satelliti occidentali ciò che costruisce nel cantiere in questione. “Il sistema è troppo opaco per capire chi abbia avuto questa idea, e se sia stato approvato ai massimi livelli“, ha detto Karim Sadjadpour, esperto dell’Iran presso il Carnegie Endowment for International Peace.
L’Iran ha cercato di sfruttare la tecnologia militare statunitense catturata o piratata, in passato. Lo scorso anno, l’élite politica e militare dell’Iran s’è vantata che le loro forze avevano abbattuto un drone dell’intelligence statunitense, un velivolo teleguidato dell’US Navy denominato ScanEagle subito mostrato dai media iraniani. Gli ufficiali dell’US Navy risposero che il droni non fu abbattuto dal fuoco nemico, anche se il Pentagono ha riconosciuto di aver perso un piccolo numero di ScanEagles, probabilmente per malfunzionamento del motore.
Non è stato possibile raggiungere gli ufficiali della Marina iraniana per un commento, dato che il Paese si prepara a festeggiare il Capodanno. I funzionari dell’intelligence statunitense citano una fotografia scattata il 22 febbraio a Bandar Abbas e una breve descrizione in persiano della nave su un sito web del Ministero dell’Industria, Miniere e Commercio iraniano. Per ora, gli analisti dell’US Navy e funzionari dei servizi segreti statunitensi dicono di non essere eccessivamente preoccupati dalla finta nave. Ma il fatto che gli iraniani la stiano costruendo, presumibilmente per misteriosi scopi bellicosi, contrasta con il fatto che gli iraniani hanno fatto un passo indietro rispetto alla loro tipica pesante postura anti-statunitense, durante le recenti esercitazione navali nel Golfo Persico. Fino a poco tempo fa, i motoscafi d’attacco veloce iraniani hanno molestato navi da guerra statunitensi, e il governo di Teheran ha schierato droni con gondole di sorveglianza e che potrebbero un giorno portare missili.
Date le diverse basi del potere politico dell’Iran, sarebbe difficile decifrare gli scopi del governo. Dopo che a novembre è stato raggiunto l’accordo nucleare temporaneo tra le potenze mondiali e il governo moderato del presidente iraniano Hassan Ruhani, non era chiaro ai funzionari statunitensi se le Guardie Rivoluzionarie islamiche dell’Iran dalla linea dura potessero tentare di provocare un conflitto con la Marina degli Stati Uniti per minare l’accordo. La marina delle Guardie Rivoluzionarie si compone di motoscafi veloci di attacco con armi automatiche ad alta potenza e siluri, e gli equipaggi in passato impiegarono tattiche di guerriglia, tra cui avvicinarsi pericolosamente alle navi da guerra statunitensi.
Quando il modello sarà varato e navigherà, se mai lo farà, nessuno può indovinarlo, dicono gli analisti. La nave è in fase di completamento, hanno detto, e verrà presumibilmente inviata tramite i binari del cantiere, a destinazione sul Golfo Persico, a poche centinaia di metri di distanza.

nimitziranianTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Navi russe arrivano in Crimea, Ucraina

Alexander Doyle WikistrikeReseau International 26 febbraio 2014

1171_174 navi da sbarco russe sono partite da Anapa in Russia, dirette per Sebastopoli, Ucraina. Lo scenario del ritorno della Crimea alla Russia si afferma. Si avvia l’aiuto ai separatisti. In Crimea le bandiere russe sventolano sugli edifici pubblici, questo polmone economico dell’Ucraina è sempre stata una regione filo-russa e russofona.

Fonte russa

La Russia invia truppe in Crimea
La marina russa ha confermato l’invio della fanteria da sbarco a Sebastopoli, in Crimea. Il dispiegamento di truppe in Ucraina è iniziato il 23 febbraio. La Russia ha anche confermato che su una grande nave da assalto anfibio, la Nikolaj Filchenkov, la flotta del Mar Nero della Federazione russa, dalla base di Temrjuk (Russia) ha inviato diverse centinaia di uomini. La Filchenkov ha anche sbarcato dieci BTR-80 e 80 veicoli corazzati, secondo il sito web della Marina russa.
Quattro Iljushin Il-76 hanno assicurato i collegamenti aerei, questo fine settimana, da una base aerea presso Mosca, trasportando forze speciali aviotrasportate nella città di Anapa, sul Mar Nero. Anche sei elicotteri da trasporto Mil Mi-8 vi sono stati inviati. Secondo il giornale russo Izvestija, quattro velivoli sono decollati dalla città russa di Kubinka, con a bordo un reggimento di truppe speciali, diretti verso Sebastopoli.
Il video qui sotto mostra il movimento delle truppe russe, nella regione di Novorossijsk, verso l’Ucraina, domenica 23 febbraio 2014.

bhvafxciyaaxyunDurante la rivolta a Kiev della scorsa settimana, la Russia ha discretamente inviato il consigliere principale di Putin, Vladislav Surkov, ad incontrare il leader della Crimea Anatolij Mogiljov, il Presidente legislativo della Crimea Vladimir Konstantinov e il Governatore di Sebastopoli, Vladimir Jatsuboj. Incontri si sono svolti anche a Mosca con Sergej Naryshkin, presidente della Duma di Stato della Russia.
Il 20 febbraio, un funzionario del governo russo ha detto al Financial Times che la Russia è pronta alla guerra per la Crimea. “Se l’Ucraina si frantuma, s’innescherà una guerra“, avrebbe detto. “Perderà per prima la Crimea, perché ci andremo e la proteggeremo, come abbiamo fatto in Georgia.”

Fonti: Flot.com, Financial Times, Izvestia, JDS

Rimosso l’ambasciatore degli Stati Uniti in Russia
RIA Novosti 26/02/2014

578846L’ambasciatore statunitense in Russia Michael McFaul ha dovuto lasciare Mosca dopo due anni segnati da incidenti diplomatici e senza appianare i rapporti spesso tesi tra le due nazioni. Il sostituto di McFaul non è ancora noto, anche se il quotidiano russo Kommersant ha indicato un certo numero di diplomatici con esperienza del mondo post-sovietico. L’ambasciatore uscente ha detto che ha intenzione di tornare a lavorare presso la Stanford University, dove ha insegnato prima di entrare nel servizio. Il presidente Barack Obama ha proposto McFaul quale ambasciatore degli Stati Uniti nel settembre 2011, prima fu assistente speciale del Presidente e direttore per la Russia e gli affari eurasiatici al Consiglio di Sicurezza Nazionale. McFaul ha citato la semplificazione del regime dei visti tra i due Paesi e l’aumento del fatturato commerciale quali grandi successi del suo mandato. Descrive anche lo sviluppo di posizioni più strette sulla proliferazione nucleare in Corea democratica e Iran quali culmine del suo mandato.
I detrattori di McFaul in Russia hanno notato che dedicava ciò che ritengono un’eccessiva attenzione ai gruppi di opposizione. L’ambasciatore ha confutato queste accuse, sostenendo che era suo compito contattare la società civile in Russia, pur sottolineando che il suo lavoro quotidiano era mantenere i contatti con i funzionari del governo russo. Annunciando l’intenzione di lasciare il suo posto, McFaul ha scritto all’inizio di questo mese che considera il suo incarico un successo. “Da quando abbiamo deciso di ripristinare le relazioni con la Russia cinque anni fa (sì, io non ho paura di usare la parola “reset”!), abbiamo fatto molto“, ha scritto sul suo blog il 4 febbraio.
Kommersant ha citato proprie fonti sui possibili sostituti di McFaul: John Tefft, ex-ambasciatore in Ucraina, Georgia e Lituania; Steven Pifer, specialista sul controllo degli armamenti ed  ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina alla fine degli anni ’90 e Carlos Pascual, ambasciatore in Ucraina nel 2000-2003, dopo esser stato assistente speciale del presidente e direttore del Consiglio nazionale superiore per la Russia, l’Ucraina e l’Eurasia. Un altro potenziale candidato nominato dal quotidiano è la sottosegretaria per il controllo degli armamenti e la sicurezza internazionale Rose Gottemoeller, capo negoziatore statunitense del nuovo trattato START con la Russia.
Il Vicecapo missione Sheila Gwaltney assumerà le funzioni di ambasciatore dopo la partenza di McFaul.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Russia e Cina inviano un segnale all’occidente

La Voce della Russia 27 gennaio 2014

1219707Cina e Russia rafforzano la partnership strategica e dal Mediterraneo inviano un segnale all’occidente. Così gli esperti russi hanno commentato la portata geopolitica delle prime manovre russo-cinesi nel Mediterraneo. La Cina, situatasi nella regione permanentemente, aumenterà insieme alla Russia la presenza militare modificando l’equilibrio con le flotte della NATO. L’incrociatore lanciamissili a propulsione nucleare Pjotr Velikij e la fregata cinese Yancheng condurranno insieme delle manovra d’addestramento facendo decollare gli elicotteri a bordo. Le esercitazioni si svolgeranno poco dopo aver scortato il primo carico di armi chimiche siriane dal porto di Lataqia alle coste italiane, dice il direttore del Centro di Studi Politici e Sociali Vladimir Evseev: “Assistiamo al riavvicinamento tra Russia e Cina. L’imminente visita del vicepresidente cinese Xi Jinping alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici di Sochi, n’è la conferma. La partecipazione di una nave cinese al trasporto delle armi chimiche è un passo verso il riavvicinamento con la Russia. Le esercitazioni nel Mediterraneo evidenziano la volontà della Cina di essere più attiva politicamente, non avendo che prima mai testimoniato interesse per il Mediterraneo“.
Nel 2013, navi cinesi hanno visitato Port Said in Egitto, Pireo in Grecia e Napoli. La Cina ha una quota azionaria in questi porti. A Napoli, il terminale appartenente alla Cina è vicino la principale base navale della NATO nel Mediterraneo. Non è un caso che le manovre congiunte di Cina e Russia nella regione abbiano provocato nervosismo in occidente. È abbastanza comprensibile, dice il vicepresidente dell’Accademia sui Problemi Geopolitici Konstantin Sivkov “La Cina intende esservi presente stabilmente. Ha bisogno della garanzia che le risorse del Medio Oriente, in particolare energetiche, non siano sotto lo stretto controllo occidentale. Inutile dire che la Cina cerca di stabilirvisi e dispiega la flotta per sostenere delle proprie azioni con una forza politico-militare. La Cina ha potenti navi moderne che possono dare una dimostrazione impressionante della presenza cinese.” Konstantin Sivkov è convinto che la Cina intenda raggiungere i suoi obiettivi geopolitici sul Mediterraneo in partenariato con la Russia: “La lotta per la regione, in particolare la sua parte orientale, sarà difficile. Anche Russia e Cina si preparano a rafforzare il loro gruppo. Solo Russia e Cina possono creare un gruppo sufficientemente potente da affrontare la flotta NATO. Ma possono farlo insieme. Ecco perché le operazioni congiunte di Russia e Cina sono una cooperazione reciprocamente vantaggiosa nel bilanciare il potenziale della NATO e nel creare una flotta all’altezza di quella della NATO.”
Le esercitazioni di Russia e Cina nel Mediterraneo mirano a rafforzare la cooperazione delle loro flotte, ha detto Vladimir Evseev: “Nel complesso, questa politica dei partenariati strategici si rafforza. Il numero di navi nei prossimi anni verrà chiaramente aumentato. Non c’è dubbio che con ciò venga inviato un segnale all’occidente. Pressioni sono esercitate sulla Russia, una guerra mediatica le è stata avviata contro alla vigilia delle Olimpiadi. Un grave equivoco si delinea tra Mosca e Bruxelles sull’Ucraina. Tutto ciò spinge la Russia verso la Cina. Purtroppo, l’occidente non se ne rende conto per nulla.” Nel 2014, le esercitazioni navali tra Russia e Cina si terranno nell’Oceano Pacifico. Le manovre terrestri sono previste nel quadro della Shanghai Cooperation Organization. Le navi da guerra dei due Paesi partecipano all’evacuazione delle armi chimiche dalla Siria. Questa operazione militare deve essere completata entro il 5 febbraio.

F201301300836552606432300Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

“La potenza navale USA è in calo” ironizzano

Andrej Akulov Strategic Culture Foundation 18/01/2014

x-47b-drone-launch-from-carrierIl 3 gennaio l’Ammiraglio Viktor Bursuk, il Vicecomandante della marina russa che supervisiona l’approvvigionamento degli armamenti, ha detto che la Marina Militare della Russia si aspetta di ricevere 40 nuove navi da guerra e navi ausiliarie nel 2014. In aggiunta alle navi di superficie di varie classi, la Marina riceverà anche il terzo sottomarino lanciamissili balistici a propulsione nucleare classe Borej, il Vladimir Monomakh, e un sottomarino diesel-elettrico classe Varshavjanka. La Russia continuerà la riparazione e la revisione dell’incrociatore lanciamissili a propulsione nucleare Admiral Nakhimov e di tre sottomarini d’attacco a propulsione nucleare, per quest’anno. L’Admiral Nakhimov dovrebbe rientrare nella marina russa nel 2018 con a bordo sistemi d’arma più avanzati, hanno detto a giugno dello scorso anno i cantieri Sevmash. Secondo la dichiarazione, le navi ausiliarie commissionate entro la fine del 2014 comprendono l’Igor Belusov, un’avanzata nave da ricerca e salvataggio destinata a potenziare la capacità della marina nel soccorrere sottomarini e navi in difficoltà, ha detto l’ammiraglio. I think tank navali statunitensi riportano che la marina russa avanza, e i suoi componenti d’attacco rinascono. La Cina ha costituito  il suo primo gruppo d’attacco con portaerei, e i suoi nuovi missili costituiscono la prima minaccia per le portaerei statunitensi, mentre la potenza navale del Paese cresce a passi da gigante. Il tutto si svolge sullo sfondo di una US Navy soggetta a tagli che ne minano la capacità di difendere la nazione sul mare. Ad esempio, il congressista Randy Forbes (R-VA), presidente della sottocommissione sul potere marittimo e le forze di proiezione della commissione sulle Forze armate della Camera, ha avvertito di ciò in un’intervista a Real Clear Defense alla fine dello scorso anno. “Siamo tecnicamente ‘inseguiti’ dai missili da crociera antinave cinesi (ASMC) in questo momento”, Forbes ha risposto alla domanda sull’operatività del redattore capo Dustin Walker. “l’ASMC della Marina USA è l’Harpoon, un sistema missilistico antinave ognitempo e oltre l’orizzonte. Sembra avanzato, ma in realtà è stato progettato negli anni ’70 ed ora non può sopravvivere operando contro le più sofisticate minacce antisuperficie che appaiono nella Marina dell’EPL cinese di oggi… Il mio sottocomitato svolge un ruolo di primo piano nel rivedere le opzioni per una nuova arma offensiva anti-superficie (OASuW)”.

Armi ad energia e letalità offensiva
La flotta di superficie dell’US Navy deve diventare più letalmente offensiva. Come Aviation Week ha riferito il 12 gennaio, il viceammiraglio Thomas Copeman, comandante della Forza Navale di Superficie del Pacifico degli Stati Uniti, ha sottolineato “La forza di superficie deve migliorare notevolmente la sua letalità offensiva”. “Dobbiamo passare oltre il missile come sistema difensivo”, dice nel suo “Rapporto per una Flotta di Superficie del 2026”, pubblicato all’inizio di questo mese, in anticipo rispetto alla Conferenza e Simposio dell’associazione della marina di superficie che si tiene il 14-16 gennaio ad Arlington, Virginia. Copeman ha detto, “Lo sviluppo e la traiettoria delle nostre armi devono riequilibrarsi a favore delle armi energetiche per la difesa, che forniranno adeguate capacità e potenzialità necessarie a condurre rapide e sostenute operazioni di combattimento per i prossimi decenni”… ha anche sottolineato che “la Marina deve concentrarsi di più sull’attacco”. L’arma deve essere dotata di “armamenti che possano migliorare notevolmente la letalità della forza di superficie, venendo resi disponibili nel breve termine”.

LRASM
Il Long Range Surface Attack Missile (LRASM) è destinato ad abbattere bersagli di superficie ben oltre gittata delle armi offensive o difensive del nemico. Il LRASM è un programma del DARPA finanziato dall’US Navy per dotare essa e l’US Air Force di un’arma anti-superficie offensiva e di un nuovo missile aerolanciato a lunga gittata anti-superficie. Dopo tre prove riuscite lo scorso anno, si prevede di condurre nel 2014 altri due test navali del missile. Lockheed Martin ha descritto le capacità dell’arma come: “La capacità a lungo raggio del LRASM consentirà d’ingaggiare il bersaglio da ben oltre la gittata del controtiro diretto delle armi. Inoltre, il LRASM utilizza dispositivi di sopravvivenza attivi e passivi per penetrare i sistemi di difesa aerea integrati avanzati.  La combinazione di gittata, sopravvivenza ed efficacia assicura il successo della missione”. Potrà essere lanciato dall’aria o dalla superficie, viaggiare a velocità subsoniche e trasportare un penetratore da 500 chili e una testata a frammentazione. Il missile è sviluppato anche per contrastare la crescente potenza navale cinese nel Pacifico. Un altro sviluppo più ambizioso, attualmente in fase concettuale presso la DARPA, è l’Arc Light, un sistema missilistico progettato per colpire navi di superficie o altri bersagli a distanze di 3000 miglia. La fase terminale del missile sarà accelerata da un razzo ai limiti dell’atmosfera, dove raggiungerà l’ipervelocità planando per migliaia di chilometri, rientrare nell’atmosfera e colpire l’obiettivo in meno di mezz’ora. Un concetto simile sarà dimostrato all’inizio di quest’anno con la seconda prova dell’HTV-2 Falcon di DARPA/US Air Force. Una missione diversa è perseguita dal programma di armi avanzate della DARPA Triple Target Terminator (T3), un’arma per il dominio aereo. Con tale programma l’agenzia sviluppa un missile a velocità elevata e a lunga gittata che può colpire aerei, missili da crociera e obiettivi della difesa aerea nemici. Sarà progettato per essere trasportato internamente da aerei stealth come F-35, F-22 e F-15SE, o esternamente da caccia, bombardieri e UAV. Il T3 permetterebbe al caccia d’attacco di passare rapidamente tra le varie funzioni aria-aria e aria-superficie. Sia Raytheon che Boeing hanno avuto ciascuno un contratto di 21,3 milioni di dollari per lo sviluppo del nuovo missile, che dovrebbe essere testato nel 2014. La Marina sviluppa un modulo da adattare all’attuale classe di sottomarini d’attacco a propulsione nucleare Virginia aumentandone notevolmente la capacità di colpire bersagli di superficie da santuari oceanici, usando missili da crociera, rendendoli l’arma prescelta nei molti scenari sul Pacifico contro la Cina.

uss-zIl cannone laser sarà testato in mare nei primi mesi del 2014
L’US Navy spende attualmente circa 40 milioni di dollari all’anno nella ricerca per le armi laser. Ora schiera prototipi di armi elettromagnetiche, armi laser a stato solido e velivoli senza pilota subacquei presso unità operative. La tecnologia si distingue offrendo un’ulteriore gamma di attacchi a terra così come funzionalità aggiuntive nella difesa contro missili balistici e da crociera. Il Rail-Gun che ha una gittata di 100 miglia e più, utilizza energia elettrica immagazzinata a boro della nave per generare l’impulso elettromagnetico ad alta velocità sufficiente a spingere una testata ad energia cinetica. Ovviamente, l’attrazione principale del laser è la sua capacità di distruggere bersagli a lunga distanza e alla velocità della luce, e il LaWS ha molti vantaggi sia come arma difensiva che offensiva. L‘US Navy prevede che sia usata per operazioni mirate e segrete, attacchi a sorpresa e di cosiddetta “letalità graduata”. È vista anche come contromisura contro UAV, missili e piccole imbarcazioni. Il capo dell’US Navy ha annunciato i piani per schierare un laser a stato solido a bordo dell’USS Ponce nell’aprile 2014, due anni prima del previsto. La Ponce è assegnata ad una base avanzata dell’US Navy nel Golfo Persico, in un ambiente particolarmente stressante per l’utilizzo di laser difensivi, poiché le condizioni atmosferiche locali degradano la potenza del fascio e le forze iraniane hanno molte opzioni nell’attaccare navi da guerra dai motoscafi ai velivoli senza pilota e ai missili. La dimostrazione in mare per il 2014 rientra in un più ampio calendario a breve termine dell’US Navy per i programmi ad energia. L’Office of Naval Research (ONR) e il Naval Sea Systems Command recentemente hanno compiuto dimostrazioni con laser ad alta energia a bordo di una nave da combattimento, nonché contro aerei telecomandati. L’arma è anche vista come  importante sviluppo da impiegare contro la Cina.
Come Loren Thompson scrisse su Forbes del 6 gennaio, “La domanda è che cosa sta combinando l’US Navy per sostenere il suo ruolo nel Pacifico occidentale mentre la Cina sfrutta i suoi vantaggi geografici nel perseguimento del dominio militare regionale. Le recenti tendenze non sono incoraggianti, e l’attuale approccio alla protezione della flotta probabilmente non avrebbe successo in un serio conflitto se l’Esercito di Liberazione del Popolo risolvesse il suo problema con la ricognizione. L’US Navy ha bisogno di un’arma di svolta, e la ricerca sul laser è una delle poche opzioni disponibili credibili”.

Droni navali
La scorsa estate il drone X-47B dell’US Navy ha completato il suo ultimo turno di prove al largo delle coste della Virginia, diventando così il primo jet senza pilota nella storia ad essere imbarcato su una portaerei operativa. Quest’anno, quattro società competeranno per un contratto di progettazione della prossima versione del X-47B, puntando a farlo decollare nel 2020, secondo l’US Navy. Con un’autonomia di oltre 2100 miglia nautiche, l’X-47 può trasportare armi e può anche essere il precursore di un programma di droni per intelligence, sorveglianza e ricognizione, il tutto attraverso un’avanzato sistema di navigazione GPS, una connessione a una rete ad alta integrità e un software di controllo di volo avanzato per tracciare il territorio. I nuovi droni subacquei oceanici chiamati “Slocum Alianti”, non avranno bisogno di carburante per operare, al contrario delle loro controparti aeree. Saranno alimentati dall’oceano stesso, sorvegliando furtivamente la zona circostante e fornendo informazioni alle altre navi militari. Utilizzando un processo soprannominato “galleggiabilità idraulica”, il drone potrà regolare il proprio dislocamento basandosi sull’acqua che ha intorno. Ciò permette al drone di immergersi, abbassarsi o alzarsi tra le correnti oceaniche,  muovendosi alla velocità di un miglio (1,6 km) all’ora. L’obiettivo dell’US Navy è inviare un drone sottomarino, chiamato “Vela”, lungo rotte costiere per cinque anni. Una flotta di essi potrebbe sciamare sulle coste nemiche, permettendo all’US Navy di eliminare campi minati e rilevare sottomarini nemici. A differenza dei loro cugini aerei, i droni dell’US Navy non sono alimentati da carburante. Invece, traggono energia dal termocline oceanico, una coppia di strati di acqua calda, in prossimità della superficie, e di acqua fredda sotto. I droni furono commissionati dall’US Navy nel 2009, quando investì poco più di 56 milioni dollari per 150 droni “Littoral Battleship-Sensing”. Questi dovrebbero arrivare nel 2014. L’US Navy ha sparato un drone da un sottomarino sommerso, una prodezza che potrebbe rivelarsi preziosa per l’intelligence e la ricognizione nelle operazioni speciali militari future. Il piccolo drone fu lanciato dal tubo lanciasiluri del sottomarino Providence, quindi aprendo le ali è decollato volando per “diverse ore”, dimostrando la capacità di collegamento in video live streaming con il sottomarino, ha detto l’US Navy. Il progetto, che ha ricevuto 15 milioni di dollari in sei anni, è seguito dal Naval Research Laboratory. Il test si svolse presso l’Atlantic Undersea and Evaluation Center dell’US Navy alle Bahamas.

navy_s-ocean-powered-droneLa riubblicazione è gradita in riferimento al giornale on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 281 follower