MiG-31: Un caccia in anticipo sui tempi

Ekaterina Turysheva, RIR, 21 febbraio 2014 VPK - Rossijskaja Gazeta

1174718Lo spazio aereo russo è custodito da un aereo unico, in grado di intercettare qualsiasi bersaglio, dai missili da crociera furtivi ai satelliti, con giorno e notte, pioggia o sole, e a qualsiasi velocità. Gli  analisti della difesa ritengono che nessun altro aeromobile potrà competere con ciò che la NATO chiama Foxhound nei prossimi 10 o 15 anni.

Barriera Artica
Il caccia-intercettore biposto supersonico denominato Foxhound dalla NATO, è il primo aereo da combattimento sovietico di quarta generazione. Alla fine degli anni ’60, c’erano due ragioni per costruire questo aereo, interna ed estera. Da un lato, gli Stati Uniti misero in servizio i missili da crociera strategici e il bombardiere FB-111. Questi potevano sorvolare il Polo Nord e raggiungere i confini dell’URSS a bassa quota, seguendo l’orografia ed evitando la sorveglianza dei nostri satelliti. D’altra parte, c’era un vuoto nella barriera radar nel nord della Russia. Al fine di colmare questa lacuna ed intercettare eventuali “ospiti indesiderati”, Mosca decise di costruire un aereo in grado di monitorare lo spazio aereo su un ampio fronte e ad alta quota. Questi aerei furono i nuovi MiG costruiti dall’Artjom Mikojan Experimental Design Bureau (oggi Russian Aircraft Corporation MiG). Dopo la loro assegnazione a compiti operativi, i ricognitori statunitensi volarono meno frequentemente oltre i confini dell’URSS. Ora, quando la questione della tutela degli interessi russi nella regione artica è diventata sempre più importante, l’esperienza “Artica” del MiG-31 può essere di grande aiuto per le formazioni settentrionali dell’esercito russo.
Il MiG-31 può intercettare e distruggere qualsiasi bersaglio dai satelliti a bassa quota ai missili da crociera. Un gruppo di intercettori può controllare una grande porzione di spazio aereo, indirizzando i caccia su qualsiasi bersaglio, così come i missili antiaerei a terra. Questo aereo viene chiamato “radar volante” dai piloti, per le sue capacità avioniche uniche. Questo complesso si basa sul sistema di controllo ‘Barriera’, dotato della prima al mondo antenna phased array. Questa PAA differisce dal classico radar potendo spostare il fascio con un antenna fissa, così da creare il necessario numero di raggi d’inseguimento simultaneo di bersagli multipli. Barriera è in grado di rilevare 24 oggetti ad una distanza di 200 chilometri. Il computer di bordo sceglie i quattro obiettivi più pericolosi e vi punta contro i missili aria-aria a lungo raggio. Altri quattro obiettivi (il numero massimo di obiettivi simultanei che possono essere attaccati è otto) vengono distrutti dai missili a medio raggio e a corto raggio, o le loro coordinate vengono trasmesse ai caccia e ai missili antiaerei a terra.
Gli esperti dicono che nei prossimi 10 o 15 anni non ci sarà nessun sistema aeronautico integrato che possa affrontare il MiG-31. Tutti i caccia moderni (ad eccezione dei caccia di quinta generazione) non sono completamente supersonici, in quanto il loro periodo di volo supersonico è limitato a 5-15 minuti, per via di varie restrizioni nella progettazione della cellula. La durata del volo supersonico del MiG-31 è limitata solo dalla quantità di combustibile. Inoltre, il MiG-31 può superare la barriera del suono in volo livellato e in cabrata, mentre la maggior parte degli aerei supersonici supera la velocità di Mach 1 in leggera picchiata.

1570741Storia a decollo corto
La produzione del MiG-31 è iniziata nel 1981 presso lo stabilimento Sokol di Gorkij (oggi Nizhnij Novgorod). Entro la fine del 1994, più di 500 velivoli furono costruiti, quindi la loro produzione fu ridotta. Oggi circa un centinaio è operativo. La modernizzazione dei MiG-31, avviato nel 1984, portò alla creazione del MiG-31M, considerato la migliore invenzione e creazione nella storia dell’aviazione militare sovietica, con alcune informazioni ancora confidenziali oggi. E’ noto che il MiG-31M, alla velocità massima, è più veloce di qualsiasi aeromobile nel mondo di almeno 500 chilometri all’ora. Nell’agosto 1995, il velivolo fu mostrato al MAKS-95 Air Show di Zhukovskij e fece scalpore. Tuttavia, il MiG-31M non è andato in produzione di serie. Tuttavia, presso l’impianto Sokol e gli impianti di riparazione esiste ancora la capacità di produzione, il personale e la documentazione necessaria per la ripresa del lavoro. I professionisti dell’aviazione ritengono che tutti questi fattori ridurranno di un terzo i costi di produzione e recupero di un così promettente aeromobile.

v_dmitrenko_savasleyka_07Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia rafforza la difesa antimissile

Russia e Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) si preparano a blindare il proprio spazio aereo dai missili balistici
Andrej Kisljakov, Rossijskaja Gazeta, 30/01/2014

full-17362-18351-5p85te2_baz_6402_tel_1sCon l’obiettivo di migliorare il sistema di difesa aerospaziale, la Russia da qualche anno lavora per creare un unico sistema di difesa antiaerea e antimissile per proteggere efficacemente sia il proprio territorio che i Paesi che compongono la Comunità degli Stati indipendenti (CSI). Il sistema avrà diversi elementi, con sistemi di difesa a corto raggio (Tunguska, Tor-M2, Pantsir-S1, Buk e Morfej), a medio raggio (S-300 e Vitjaz) e a lungo raggio S-400, S-500 e A-235 Samoljot-M. I sistemi S-500 e A-235, utilizzati dalla difesa antimissile di Mosca, saranno gli elementi chiave della difesa militare spaziale con la capacità di neutralizzare i missili balistici intercontinentali e i missili balistici a medio raggio. Le batterie antiaeree S-500 avranno per missione primaria contrastare l’attacco con missili balistici a raggio medio e lungo, potendoli distruggere nella fase terminale della loro traiettoria. Il complesso sarà dotato di radar in grado di rilevare bersagli da una distanza di 900 km. Il Consorzio per la Difesa Aerea Almaz-Antej, responsabile dello sviluppo del sistema, avvierà i test di alcune batterie di S-500. Il piano prevede di mettere a punto il sistema al più presto: la prima batteria antiaerea di serie dovrebbe diventare operativa in pochi anni, ha riferito il Generale Aleksandr Golovko, comandante della Difesa Aerospaziale russa. Il generale ha aggiunto che il programma degli armamenti prevede l’acquisto di cinque batterie dei sistemi missilistici antiaerei S-500.

La velocità spaziale non aiuterà i bersagli
Secondo il Generale Viktor Bondarev, Comandante supremo delle Forze aeree russe, il sistema S-500 può raggiungere simultaneamente dieci bersagli balistici. La velocità dei bersagli attaccati può raggiungere i 7 km/s. In confronto, la velocità richiesta per posizionare un oggetto in orbita è 7,9 km/s. Bondarev ha anche osservato che le caratteristiche tecniche dell’S-500 saranno superiori a quelle dell’S-400 russo e del MIM-104F Patriot PAC-3 statunitense. Il complesso verrà utilizzato per la difesa antiaerea e antimissile di grandi aree del Paese, come impianti industriali e postazioni strategiche. Questo complesso è unificato al sistema Amur-135, parte della difesa missilistica di Mosca e al sistema A-235 Samoljot-M. Inizialmente, il sistema missilistico S-500 utilizzerà il missile dell’S-400 Trjumf, presente nell’arsenale della Russia, come affermato dal viceministro della Difesa Viktor Popovkin, nel febbraio 2011.

Mosca sarà protetta da un supercomputer
I test del nuovo sistema di difesa antimissile di Mosca, l’A-235, sono iniziati nel 2013. Tutto indica che il sistema Samoljot-M sarà dotato di moderni missili intercettori 53T6, oggi utilizzati dal sistema Amur. Il nuovo sistema di difesa antimissile balistico potrebbe esser dotato di testate cinetiche e nucleari. Il contratto di elaborazione del sistema A-235 fu firmato nel 1991. Il progetto principale è prodotto dal consorzio Almaz-Antej, che ha creato gli S-300 ed S-400 e sviluppa l’S-500. Probabilmente il sistema A-235 sarà equipaggiato con il supercomputer Elbrus-3M, oltre alla stazione radar Don-2N e da due anelli ABM di media e lunga gittata. I dati essenziali del sistema S-500 rimangono segreti, ma si ritiene che possa scambiare informazioni con il sistema Samoljot-M,  aumentandone la precisione nella distruzione dei bersagli manovranti.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

I sovietici costruirono uno Space Shuttle migliore?

Follie supersoniche: perché i nuovi bombardieri strategici sono dinosauri volanti
Rakesh Krishnan Simha RIR, 21 novembre 2013

Sia la Russia che gli Stati Uniti spingono lo sviluppo di nuovi bombardieri a lungo raggio, ma i droni sono una scelta più economica e più futuristica.

post-48173-1274374577,72_thumbChe cosa hanno in comune i terroristi e i generali dell’aeronautica? La risposta è che hanno lo stesso incubo ricorrente sui droni. Ciò perché tali velivoli senza equipaggio minacciano di metterli entrambi fuori gioco. L’ironia è che, nonostante la crescente sofisticazione e resistenza dei droni, che eseguono missioni di attacco che poco prima erano appannaggio esclusivo dell’aviazione, la Russia e gli Stati Uniti hanno dato il via libero allo sviluppo dei bombardieri a lungo raggio. I nuovi progetti non miglioreranno sensibilmente la sicurezza russa o statunitense, ma sicuramente lasceranno dei buchi nei bilanci della difesa.

Arriva il via libera al bombardiere con la stella rossa
L’aviazione russa ha approvato lo sviluppo del nuovo bombardiere strategico PAK-DA che sostituirà la vecchia flotta di bombardieri strategici della Russia dei 63 Tupolev Tu-95M Bear e 13 Tu-160 Blackjack, nel prossimo decennio. Sorprendentemente, in un’epoca in cui i missili aria-aria sono ipersonici (cinque-dieci volte la velocità del suono), il nuovo bombardiere russo viene indicato  subsonico. Così, quando il PAK-DA entrerà in servizio negli anni 2020 sostituirà velivoli che furono progettati 50-70 anni prima, e ancora il nuovo bombardiere sarà più lento di alcuni aeromobili ritirati. In secondo luogo, la dottrina dell’attacco aereo strategico resta invariata. Il subsonico Tu-95 e il Tu-160 da Mach 2 sono progettati per decollare da basi nella Russia profonda e lanciare centinaia di missili da crociera nucleari Kh-102 da distanze sicure, fino a 3000 km dalle coste americane. Il nuovo bombardiere, che dovrebbe costare miliardi di rubli nella R&S (ricerca e sviluppo), avrà lo stesso ruolo, sarà un’altra piattaforma per il lancio di missili da crociera. L’unico miglioramento importante è che avrà un rivestimento furtivo, la cui efficacia non è stata definitivamente dimostrata contro un vero nemico.

E in un angolo blu
I giganti aerospaziali statunitensi Boeing e Lockheed Martin hanno dichiarato, nell’ottobre 2013, che collaboreranno su un nuovo bombardiere a lungo raggio (LRSB) progetto per l’US Air Force, mentre i militari cercano di sostituire la flotta dei vecchi 160 bombardieri pesanti: 76 B-52 Stratofortress, 63 B-1 Lancer e 20 stealth B-2 Spirit. L’US Air Force ha detto che il costo di ogni velivolo è stimato 550 milioni dollari e il valore totale di 100 aerei sarebbe di 55 miliardi dollari. Ma nel frattempo, il prime contractor è Lockheed-Martin il re dei costi gonfiati. Nel 1996, quando  intascò il contratto, il costo previsto del velivolo era di circa 65 milioni, che ora è arrivato a circa  200 milioni di dollari. Il programma LRSB, che ha già macinato 300 milioni di dollari, difficilmente invertirà il trend. Si potrebbe pensare che con la fine della minaccia sovietica, l’US Air Force non abbia motivi per un nuovo bombardiere. Ma il nuovo mantra è che se non si dispone di un nemico, lo s’inventa. Nonostante il fatto che l’esercito cinese sia insignificante per gli standard statunitensi, l’esercito statunitense lo raffigura come un drago più grande della realtà. Il punto di vista del Pentagono è che nessuna nave militare cinese potrà pattugliare senza finire sotto la potenza aerea basata a terra. Secondo il vicecapo di Stato Maggiore dell’US Air Force, Generale Philip Breedlove, gli Stati Uniti devono continuare ad avere la capacità di colpire dall’aria qualsiasi bersaglio sul globo. Il tiro da distanza è la capacità centrale nella nuova dottrina militare statunitense dell’Airsea Battle, che chiede una stretta integrazione tra l’US Air Force e l’US Marines nel campo di battaglia.

Bombardieri nel mirino
Ma, supersonico o lento, gli attaccanti sono sempre vulnerabili. L’analista della difesa Loren Thompson dice che l’area più importante in cui i bombardieri diventano obsoleti è la loro decrescente capacità di eludere l’intercettazione da parte delle difese avversarie. “Molti Paesi come l’Iran e la Siria hanno implementato difese aeree integrate che combinano radar altamente sensibili con agili missili terra-aria. Queste difese sono state progettate per eliminare le interferenze generate dai dispositivi jamming degli Stati Uniti, e per inseguire gli aeromobili su diverse frequenze in modo che non possano essere facilmente ingannate dalle contromisure. Ciò renderà più difficile ai bombardieri statunitensi penetrare lo spazio aereo ostile in futuro, soprattutto se non hanno le caratteristiche che li rendono invisibili. Il B-2 è l’unico vero bombardiere stealth nella flotta di oggi, e anche se è carente su alcune lunghezze d’onda.” Goffo e costoso, il bombardiere è già nel mirino delle forze antiaeree. L’abbattimento del cacciabombardiere stealth F-117 da parte delle forze di terra serbe che utilizzavano un antiquato sistema missilistico sovietico, indica di cosa dei combattenti motivati ed istruiti, a differenza delle forze mal addestrate di Saddam Hussein, siano capaci sul campo di battaglia. Con i nuovi missili terra-aria S-300 e S-400, la minaccia si è moltiplicata di diverse volte. Inoltre, i nuovi radar in fase di sviluppo, in particolare in Russia, sono progettati per rilevare facilmente aerei stealth quanto quelli non stealth.

Il momento del drone
Indicativo di quanto i droni ridisegnano la guerra moderna sono i top gun statunitensi riassegnati ai  droni, creando un enorme deficit di piloti nell’US Air Force. Il problema è così acuto che l’arma offre 225mila dollari di bonus ai nuovi piloti, a condizione che rimangono nell’aviazione per nove anni. L’aviazione del 21° secolo affronta una crisi esistenziale, con la crescente sofisticazione e resistenza dei droni, limitate solo dai rifornimenti di carburante, cambiando l’equazione aerea a favore dei velivoli senza pilota. Con il rifornimento in volo, l’autonomia sarà limitata solo dal fallimento dei sottosistemi. Inoltre, il loro basso costo e il fatto che i droni riducano a zero i rischi per il pilota, dovrebbero idealmente farne i sostituti perfetti dei costosi bombardieri intercontinentali. L’assenza di un pilota si traduce in notevoli risparmi sui costi, non solo di carburante, ma anche perché non sono necessari costosi sistemi di supporto vitale.

Ritorno al futuro
Secondo l’Air Force Magazine, lo scontro tra droni e velivoli pilotati “ha poco a che fare con la tecnologia e tutto con la politica“. Questo perché il mondo è ancora a disagio all’idea di una macchina armata che vola senza un pilota umano a bordo. Tuttavia, la tecnologia senza pilota non è veramente nuova. Lo space shuttle russo Buran, che volò nel novembre 1988, era completamente automatizzato. Secondo un rapporto elaborato dall’Istituto di ricerca panrusso sui materiali aerei, la differenza più importante dalla navetta statunitense era che la navetta spaziale russa poteva volare ed atterrare in modalità totalmente automatica. Più di recente, il Boeing 777 è un esempio di aereo  automatico di cui si potrà dire che ha “piloti opzionali”. Il piloti dell’aviazione possono essere glamour e virili, ma nell’era dei droni i bombardieri a lungo raggio, e in effetti gli altri aerei pilotati, hanno i giorni contati. Se le aviazioni, e i loro capi civili, l’ammettono con umiltà, potrebbero risparmiare ad entrambe le ex superpotenze molto denaro.

Tupolev_Tu-95_in_flight

I sovietici costruirono uno Space Shuttle migliore?

Venticinque anni fa, questo mese, la navetta spaziale sovietica Buran compì il suo unico volo
Anatolij Zak Popular Mechanics 19 novembre 2013

1465135Un quarto di secolo fa, sembrava che la navetta spaziale avesse improvvisamente un nuovo fratello.  Il 15 novembre 1988, l’orbiter riutilizzabile Buran, fiore all’occhiello del programma spaziale sovietico, compì il suo primo volo. Si sarebbe dimostrato l’ultimo del Buran. Ma guardando 25 anni dopo, alcuni esperti dicono che l’URSS avrebbe costruito una migliore navetta spaziale, che avrebbe posto le basi per una nuova generazione di veicoli di lancio, se avesse resistito alle tempeste economiche degli anni ’90 e alla dissoluzione dell’Unione Sovietica.

Copia?
Una volta che la navetta alata sovietica finalmente fece il suo debutto pubblico, dopo anni di sviluppo segreto, una leggenda metropolitana diffuse la notizia che si trattasse di una replica esatta della navetta spaziale statunitense. Fu facile credervi. Un lungo elenco di equivalenti sovietici della tecnologia occidentale, dagli aspirapolvere alle auto, dagli aerei ai razzi, erano vere copie. Ma mentre la somiglianza tra i veicoli spaziali è sorprendente, era però ingannevole. All’inizio del programma Buran, nel 1976, la leadership sovietica infatti assegnò all’industria il compito di sviluppare un sistema con capacità tecniche simili a quelle della navetta spaziale. Tuttavia, i politici lasciarono agli ingegneri la scelta della percorso esatto a un tale veicolo, un’apertura che il capo-progettista del Buran Valentin Glushko sfruttò. Come ora sappiamo da numerosi documenti non classificati e testimonianze, gli ingegneri di Glushko non copiarono ciecamente la navetta, ma invece attraversarono un lungo e doloroso processo nel determinare l’architettura dell’equivalente sovietico. Alla fine si convenne che la forma aerodinamica e le ali a doppia freccia della navetta statunitense fornissero la soluzione migliore. Allo stesso tempo, respinsero la filosofia economica della NASA sulla navetta, che prometteva un facile accesso allo spazio grazie alla sostituzione totale dei razzi tradizionali con una navicella riutilizzabile a basso costo, nonché l’approccio statunitense verso la sua architettura di lancio. Molti storici e ingegneri oggi dicono che così facendo i sovietici in realtà costruirono un sistema migliore di quello degli Stati Uniti. Si potrebbe obiettare che crearono il più avanzato e versatile velivolo spaziale che l’umanità avesse mai conosciuto.

Interni
All’interno, il Buran aveva molti componenti che svolgevano le stesse funzioni dei suoi equivalenti statunitensi. Entrambe le navette impiegavano celle a combustibile ad idrogeno per produrre energia elettrica e bruciavano idrazina per alimentare i sistemi idraulici di bordo. Eppure, gli ingegneri sovietici progettarono la maggior parte di questi meccanismi da zero, con solo un’idea generale di come gli equivalenti statunitensi funzionassero. Soprattutto, gli ingegneri sovietici costruirono un nuovo sistema di lancio per il Buran. Invece di due relativamente semplici (ma, come si è scoperto dopo il disastro del Challenger, mortalmente inaffidabili) booster a propellente solido per il primo stadio, i sovietici impiegato quattro razzi a propellente liquido. La loro eredità vive oggi nel vettore russo-ucraino Zenit. Il Buran utilizzava anche quattro motori principali (al posto dei tre della navetta) volti a fornire la maggior parte della spinta durante l’orbita. Misero questi motori in un stadio separato, piuttosto che sull’orbiter alato, come avvenne con la navetta. Questo approccio fece  sì che il sistema sovietico perdesse i suoi motori principali dopo ogni volo, invece di tornare a Terra con l’orbiter, rendendolo meno riutilizzabile. D’altra parte, significava che quasi ogni carico concepibile fino a 95 tonnellate, fosse una stazione spaziale da combattimento, un modulo lunare o un veicolo per una spedizione marziana, potesse essere disposto sul sistema di lancio del Buran. Al contrario, il carico utile massimo della navetta spaziale fu limitato a 29 tonnellate nella stiva del modulo orbitante. Con la costruzione del Buran in questo modo, i sovietici costruirono essenzialmente dei razzi multiuso superpesanti poi conosciuti come Energija. Si potrebbe potenzialmente sostenere che fosse la risposta sovietica al programma di guerre stellari di Ronald Reagan, così come la base lunare con equipaggio e anche le spedizioni su Marte. Tuttavia, con la fine della guerra fredda e il crollo dell’Unione Sovietica, nessuno di questi progetti superò il tavolo da disegno. Ironia della sorte, poi toccò alla NASA cercare di decodificare un progetto sovietico, in quanto gli ingegneri statunitensi cercavano un’architettura simile a quella dell’Energija, ma utilizzando i componenti della navetta. Purtroppo, il concetto noto come Shuttle-C non andò mai oltre al modello in scala reale.

Quello che avrebbe potuto essere
Gli strateghi spaziali sovietici apparentemente sopravvalutarono enormemente l’importanza militare della navetta e ritenevano che dovessero rispondere con un sistema simile, come avrebbero fatto normalmente per qualsiasi sviluppo di un’arma importante degli Stati Uniti. Il Cremlino vide la navetta spaziale soprattutto come vettore per armi spaziali e le scontate applicazioni scientifiche e commerciali furono pubblicizzate come elaborata cortina fumogena. Allo stesso tempo, però, i sovietici non accettarono mai l’idea della NASA che il sistema riutilizzabile potesse sostituire i tradizionali razzi usa e getta. Di conseguenza, il Buran sovietico fu realizzato solo per compiti specifici (soprattutto militari), che necessitavano delle sue capacità uniche di manutenzione nello spazio e di far rientrare carichi dall’orbita. Il Buran poteva essere utilizzato nell’assemblaggio di grandi stazioni spaziali, come il complesso modulare Mir-2 sviluppato negli anni ’80, nonché per lo schieramento e il rifornimento di satelliti spia e grandi piattaforme antisatellite e antimissile, se il riarmo raggiungeva lo spazio, come i leader del Cremlino temevano. Tuttavia, sia Energija che Buran apparvero quando l’ultimo atto della guerra fredda terminava. Il nuovo volto del Cremlino, Mikhail Gorbaciov, era molto più interessato a risanare l’economia sovietica fatiscente che non a superare gli Stati Uniti nella corsa agli armamenti. Di conseguenza, nessuno dei grandi e costosi programmi spaziali, che avevano bisogno delle capacità impressionanti del Buran, si materializzò, lasciando il veicolo spaziale senza compiti. Nel 1991, il crollo dell’URSS e la crisi economica in Russia lasciarono decadere il Buran e le sue infrastrutture.
In retrospettiva, alcuni dicono che se solo il Buran, o almeno il suo lanciatore Energija, avessero resistito alle tempeste economiche degli anni ’90, la Russia e la comunità internazionale avrebbero ora un avanzato e potente mezzo spaziale in grado di porre una base internazionale sulla luna e anche d’inviare esseri umani su Marte. Invece, in questi giorni sia la NASA che l’agenzia spaziale russa sono all’inizio di una strada decennale per sviluppare una nuova generazione di veicoli di lancio che, un giorno, potrebbero avvicinarsi alle capacità del potente lanciatore del Buran.

547874
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il Primo Raggio. L’arsenale strategico di Mosca 1943-2013


Gli USA offrono l’ingerenza militare all’Argentina

Horacio Verbitsky, Página 12, Buenos Aires, 10 ottobre 2013 – Global Research

Mentre il Comando Sud nuovamente promuove il coinvolgimento dei militari latino-americani sulle questioni di sicurezza nazionale, alcuni candidati dell’opposizione (peronisti di destra, conservatori  di destra ed estrema destra) argentina, come Alfonsin, Massa, de Narváez e Michetti, propongono di reintrodurre la pena di morte senza processo per i sospetti narcotrafficanti. In una riunione del Vertice Inter-Americano della Difesa, Washington ha proposto che le Forze Armate siano coinvolte nella sicurezza ambientale (?) ed energetica, cosa cui l’Argentina s’è opposta.

map_2Il Comando Sud degli Stati Uniti raccomandava al consiglio della Giunta Interamericana della Difesa (JID nell’acronimo spagnolo) che le Forze Armate del continente partecipino al piano di sicurezza ambientale ed energetico, cui l’Argentina s’è opposta. Il contrasto verificatosi nel corso di una riunione informale della JID tenutasi a Washington, era un passo nell’escalation degli Stati Uniti per confondere i limiti tra le funzioni della difesa e della sicurezza, continuando poi alla sessione ordinaria della Commissione per la sicurezza emisferica dell’Organizzazione degli Stati Americani (OSA). I diversi candidati dei partiti di opposizione in Argentina, come Ricardo Alfonsin, Sergio  Massas e Gabriela Michetti, raccomandano l’approvazione di una legge per la pena di morte senza processo preliminare ai presunti trafficanti di droga (o altro), la cui applicazione sarebbe attuata dalle Forze Armate. Nel loro territorio, gli Stati Uniti ne mantengono in vigore la separazione, dal 1878 con la legge “Posse Comitatus“, ma ultimamente hanno la tendenza a fornire alle polizie attrezzature belliche pesanti, finora considerate strettamente militari. Per contro, l’America Latina  propone che le Forze Armate siano dedicate ai compiti di polizia, sulla base della dottrina sulle nuove minacce, già in vigore da un decennio. L’articolo 2 dello statuto della JID afferma che scopo dell’organizzazione è prestare all’OAS e ai suoi Paesi membri, “consulenza tecnica e informazione su temi legati alle questioni militari e alla difesa dell’emisfero”, ma senza menzionare i problemi della sicurezza. Lo stesso per il “Piano Strategico della JID.” Ecco perché, nella riunione del 16 ottobre, gli Stati Uniti tentarono di ridefinire la portata del termine “questioni militari e di difesa” e i concetti di difesa e sicurezza. E’ probabile che la questione sia discussa tra il 21 e il 25 ottobre, durante la “Conferenza Inter-Americana sulla Logistica”, finanziata da aziende private e tenuta a Washington.

Un programma di governo
Il programma dei lavori 2013-2014 della JID, firmato dal suo direttore, viceammiraglio Bento Costa Lima Leite de Albuquerque Junior, è un capitolo del programma di governo. Lontano da questioni militari e di difesa, aggiunge che la commissione si prenderà cura anche delle “discipline correlate all’emisfero“, mirando a promuovere la presenza della JID in diverse attività della Commissione della sicurezza emisferica e della Segreteria di Sicurezza Multidimensionale, due modi per evitare la separazione delle funzioni. Un altro obiettivo del piano di lavoro è costruire la JID come “organo consultivo tecnico permanente della Conferenza dei ministri della Difesa e stabilire relazioni per la cooperazione con le organizzazioni regionali e subregionali di difesa e sicurezza emisferiche.” Intendendo anche partecipare al coordinamento tra le Forze Armate e di sicurezza “nella lotta contro il narcotraffico” in America Centrale, e partecipare alla “4.ta Conferenza dei ministri della Sicurezza nelle Americhe.” La JID propone d’istruire il Comitato Inter-Americano dell’Antiterrorismo sui “diritti umani e le libertà fondamentali nella lotta contro il terrorismo” per armonizzare il suo piano di lavoro con quello della Commissione di Sicurezza emisferica e di convertire il Collegio Inter-Americano della Difesa in un istituto di eccellenza che offra corsi post-laurea, non solo nella difesa ma anche nella sicurezza. Al piano di lavoro della JID, la delegazione statunitense aggiunge una raccomandazione personale: che il Consiglio accetti la proposta presentata dal Comando Sud e collabori con le autorità per “lo sviluppo di un Piano per la cooperazione regionale in materia di sicurezza ambientale ed energetica.” La delegazione argentina ha presentato una serie di obiezioni a tale piano:
• per quanto riguarda l’obiettivo dell’aiuto umanitario e di ausilio in caso di calamità naturali, la Dichiarazione di San Salvador sulla sicurezza della cittadinanza fu invocata, prevedendo il monitoraggio di fenomeni incoerenti con l’enunciato generale su migrazione, traffico di esseri umani e criminalità transnazionale. Ma la Dichiarazione di San Salvador si riferisce a questioni di sicurezza pubblica e non riguarda le questioni militari o della difesa, l’unico intervento cui la JID è  autorizzata. Questo tema è di competenza esclusiva della JID, il cui statuto non prevedeva.
• Le nuove minacce considerate negli approcci multidimensionali non richiedono la neutralizzazione degli strumenti militari. In Argentina, la risposta concerne il ministero della Sicurezza e della Giustizia.
• Il proposto coordinamento della JID con la Segreteria di Sicurezza Multidimensionale esclude l’impiego delle forze armate nella pubblica sicurezza degli Stati, lotta alla droga, immigrazione, tratta di esseri umani e terrorismo, la cui competenza è di altri organi dell’OAS, la Commissione inter-americana contro l’abuso della droga (CICAD) e il Comitato inter-americano contro il terrorismo (CICTE). E’ altrettanto inaccettabile che il Consiglio partecipi a forum, conferenze e organizzazioni che si occupano di questi temi, che non rientrano nel mandato del Vertice Inter-Americano della Difesa.
• La missione della JID è sostenere la Segreteria pro tempore della Conferenza dei ministri della Difesa (sempre a carico del Paese ospite) e conservarne la memoria storica, ma non ha il diritto di convertirsi nel suo Segretariato tecnico permanente, dato che la Conferenza è un forum per il dialogo politico tra i ministri e la JID un organo di assistenza tecnico-militare dell’OSA.
• Occorre inoltre chiarire che queste funzioni di supporto devono essere esercitate solo su richiesta della Segreteria pro tempore.
•L’Argentina non accetta più la proposta di “strategie d’allineamento della difesa e della sicurezza“, che dovrebbe sostenere la JID.
• In riferimento agli strumenti che compongono il sistema di difesa inter-americano, il piano della JID assegna la funzione di cooperazione con altre organizzazioni inter-americane, mentre è autorizzata a farlo solo nel processo di revisione del sistema, sostenuta dall’Argentina e di cui la JID dovrebbe prendere atto.
La JID assume come “compiti impliciti” ruoli che superano i suoi compiti e missioni, menzionando tra essi la richiesta di certe informazioni che non sono di competenza della JID, come ad esempio  dati su tecnologia e industria. Le conclusioni della JID non menzionano il mandato aggiuntivo della Conferenza dei ministri della Difesa e dell’Assemblea generale dell’OSA, che costringono alla revisione di tutti gli strumenti e i componenti del sistema di difesa inter-americano, includendo soprattutto la stessa JID. Il conflitto viene definito in termini chiari. Mentre l’Argentina sostiene che il sistema politico rappresentato dai ministri della Difesa e dall’Assemblea Generale guiderà la revisione della Giunta Inter-Americana, la JID, che ha sede a Washington e il cui finanziamento è statunitense, si oppone alla revisione del suo ruolo e avanza nuove richieste agli organismi rappresentativi della volontà popolare. Durante l’ultimo incontro informale, non solo l’Argentina ha contestato la pretesa degli Stati Uniti che vorrebbe che il Comando Sud raccomandasse alla JID di partecipare alla sicurezza energetica e ambientale, creando nuovi rapporti topici tra le forze armate della regione sulla base dei modelli applicati da Nazioni Unite e NATO. Il Canada ha sostenuto che la creazione di un comando operativo richiede maggiori discussioni e dubitava del fatto che la commissione fosse competente in materia. Gli Stati Uniti hanno negato di aver proposto un ruolo operativo al Consiglio. Oltre a queste concordanze con il Canada, il Messico ha ricordato che ogni Paese ha servizi specializzati nella sicurezza energetica e ambientale, materie per le quali i militari, nel migliore dei casi, hanno una competenza sussidiaria, suggerendo che i Paesi d’accordo con la proposta possano partecipare in modo bilaterale al Comando Sud.
Questa è la logica che presiede da anni le proposte degli Stati Uniti avanzate nella regione: una proposizione generale che l’OSA non accetta e che poi s’impone nelle relazioni bilaterali con vari Paesi, a partire dai più deboli, sia con le minacce descritto, o di fronte al Pentagono e al Comando Sud, vero fautore e direttore delle politiche del suo Paese in Sud America. L’Argentina ribadisce alcune proposte fatte in occasione della riunione ordinaria della JID ad ottobre. In questa occasione, ha detto che, come gli altri Paesi sudamericani, dà priorità alla cooperazione in questi settori nel quadro sub-regionale dell’UNASUR, e che non sia opportuno mescolare la JID con soggetti lontani dalla difesa.

La deriva delle frontiere
La netta separazione tra la difesa nazionale e la sicurezza interna, è uno degli accordi fondamentali della democrazia argentina, cristallizzata da tre atti e un decreto sanzionati da quattro diversi governi. La legge sulla Difesa Nazionale emanata nel 1988 dal presidente Raul Alfonsin; quella sulla sicurezza interna del 1992 del presidente Carlos Menem; quella sull’intelligence nazionale nel 2001 del presidente Fernando de la Rua, e il decreto che disciplina la legge sulla difesa del presidente Kirchner, del 2006. L’articolo 4 della legge sulla Difesa afferma che “si terrà conto costantemente della fondamentale differenza tra sicurezza nazionale e difesa della Patria“. Ma 18 anni passarono prima della sua regolamentazione. Jaunarena Horacio, che fu ministra dei presidenti Raul Alfonsin, Fernando de la Rua e dell’ex senatore in carica Eduardo Duhalde, disse in un seminario organizzato da Menem e Eduardo Roberto Dromi, che non l’aveva mai regolamentato perché non era d’accordo con la lettera e lo spirito della legge. Le considerazioni sul decreto che la ministra Nilda Garré firmò insieme a Kirchner, scarta in modo esplicito l’utilizzo dello strumento militare per operazioni lontane dalla difesa, comunemente note sotto il nome di “nuove minacce”. In caso contrario, vi sarebbe una “crisi grave e inesorabile della dottrina, organizzazione e funzionamento di uno strumento progettato per assumere responsabilità funzionalmente distinte da quelle tipiche della polizia.”
Con la presidenza di CFK (Cristina Fernandez de Kirchner), tre progetti sono stati presentati al Congresso, di cui ripercorriamo il cammino:
• Il prima nel 2010, porta la firma di Francisco de Narvez e gli altri membri del peronismo d’opposizione (Dossier della Camera dei Deputati 6657-D-2010. Procedura parlamentare 130 09/09/2010, difesa nazionale contro le minacce aeree.)
• Il secondo del 2011 fu presentato dalla deputata del PRO Gabriela Michetti, con lo stesso de Narvaez e diversi membri dei due partiti (Dossier della Camera dei Rappresentanti, 1791-D-2011. Procedura parlamentare 0028, 13/04/2011. Creazione del Piano Nazionale per la Protezione aerea della frontiera settentrionale).
• La terza volta quest’anno, dal deputato radicale Ricardo Alfonsin e altri legislatori del suo partito (Dossier  4817-D-2013. Processo parlamentare 073, 18/06/2013, Legge per la piena lotta contro il traffico di stupefacenti).
Tutti coincidono nell’ordinare alle Forze Armate la distruzione di aeromobili che non rispondono ad appelli inviati via radio, segnali di emergenza visivi o tiro con munizioni traccianti (de Narvaez); la distruzione deve essere autorizzata dal Presidente della Nazione o dal delegato del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare o dall’autorità delegata dal Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare (Alfonsin) e “in nessun caso le autorità consentiranno agli aeromobili indagati, irregolari od ostili di fuggire in territorio straniero” (Michetti). Il progetto di Michetti è il più esplicito, “le ipotesi di un conflitto “nel sub-continente” (sic) sono scomparse e ora i nemici dello Stato sono terrorismo, narcoguerriglia, movimenti separatisti, pirateria, ecc”. Queste minacce “sono di tale portata che dovrebbero essere considerati compiti specifici della difesa nazionale.” A tale gruppo si aggiunse il candidato parlamentare del Fronte Rinnovatore Sergio Massa, che ha sostenuto fosse urgente emanare una legislazione per “dirottare gli aerei dei narcos che entrano nel Paese“. La maggioranza governativa si oppone esplicitamente a tale riforma. Infatti, nell’”Operazione Fortin Norte“, l’esercito non ha ricevuto dal ministero della Difesa regole d’ingaggio, ma solo norme di comportamento che escludono l’ingaggio al combattimento, e a Rio Gallegos, il ministro della Difesa Augustin Rossi ordinò di limitarsi ad occupare parte dei terreni di proprietà dell’esercito, in modo che non vi fosse alcuna intrusione, e senza nemmeno portare armi da fuoco.
I progetti di Massa, Michetti, Alfonsin e de Narvaez autorizzano le Forze Armate ad applicare la pena di morte senza processo, sulla base unicamente del sospetto, anche verso chi si starebbe allontanando dal Paese. Fortunatamente, non è certo che queste proposte arrivino al Congresso data la maggioranza governativa.

Horacio Verbitsky. Scrittore, ricercatore e giornalista argentino. Attualmente presiede il Centro per gli Studi Legali e Sociali (CELS).
Copyright © 2013 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il Venezuela cede all’Iran i suoi caccia F-16

F-16036Alla fine degli anni ’70, l’Iran imperiale di Riza Palivi aveva ordinato 160 cacciabombardieri General Dynamics (oggi Lockheed) F-16A Fighting Falcon. Tuttavia, con la caduta dello Shah, nel 1979, l’ordine venne annullato e gli aeromobili non furono mai consegnati, anche se alcune attrezzature per la loro manutenzione erano già giunte in Iran.
Nell’agosto 2012, almeno due F-16 sarebbero stati avvistati nella base aerea di Mehrabad, presso Teheran. Infatti, secondo alcuni fonti, un Fighting Falcon sarebbe operativo dalla base iraniana, mentre un altro sarebbe stato sottoposto a un processo di reverse engineering e poi forse inviato in Pakistan. Il quotidiano spagnolo ABC aveva anche riportato che almeno un F-16A Block 15 dei 24 acquistati dal Venezuela, nel 1983, era stato inviato in Iran nell’agosto 2006, nell’ambito della cooperazione militare tra Iran e Venezuela, che vede anche l’impiego di due droni iraniani Mohajir (ribattezzati Sant’Arpia) da parte delle forze armate venezuelane. Infatti, nell’agosto 2006 il Maggior-Generale Roger Lara Lamb e il Tenente-Colonnello Luis Reyes Reyes avviarono e gestirono l’operazione per la consegna all’Iran di quel primo cacciabombardiere F-16A.
In seguito, nell’agosto 2009, il Presidente della Compañia Anomina Venezolana de Industrias Militares (CAVIM), Generale Eduardo Richani Aref si recò a Teheran, dove affermò che “i venezuelani si sono impegnati ad accelerare la fattibilità degli studi presentati dall’AIO [Aviation Industries Organization] iraniana riguardo al caccia F-16“, Il viceministro per la logistica del ministero della Difesa iraniana, Generale Mohammad Mohammad Lou Beig, siglò il documento che comprendeva anche altri accordi di cooperazione, come la vendita dei droni Mohajir.
Sempre secondo il quotidiano spagnolo ABC, un F-16B biposto, di stanza nella base aerea di Maracay, sarebbe stato smontato, imballato in grandi contenitori di legno sigillati e privi di contrassegni, e quindi caricati nella base aerea el Libertador, su un Boeing KC-707 dell’Aeronautica Militare venezuelana. Il volo avrebbe fatto scalo in Brasile (Recife) e in Algeria prima di giungere a Teheran. Dei piloti e tecnici venezuelani sarebbero stati inviati per rimontare il velivolo e addestrare gli iraniani presso la base di Mehrabad, in Iran.
La notizia era stata divulgata da ABC in concomitanza con la visita del presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad in Venezuela. Ahmadinejad aveva detto che l’Iran sosterrà sempre il Venezuela di Chavez: “Apprezziamo la vostra opposizione all’imperialismo”, e Chavez avrebbe risposto che “siamo consapevoli delle minacce alla sovranità e all’indipendenza iraniane. Potete contare sul nostro sostegno. Sosterrò Ahmadinejad in tutte le circostanze, dato che i nostri legami con l’Iran sono una questione sacra per noi.”
Già nel maggio 2006, il Generale Alberto Muller, consigliere di Chavez, aveva dichiarato all’Associated Press che valeva la pena prendere in considerazione “la possibilità di una trattativa con l’Iran per la vendita di quegli aerei“, e di aver raccomandato al ministro della Difesa che il Venezuela considerasse la possibilità di vendere gli F-16 a un altro paese, come Russia, Cina, Cuba o Iran, in risposta al bando degli Stati Uniti sulle vendite di armamenti all’amministrazione del Presidente Hugo Chavez. Il dipartimento di Stato degli Stati Uniti, reagiva avvertendo che Washington avrebbe dovuto firmare ogni vendita di F-16, cosa che il portavoce Sean McCormack suggeriva essere assai improbabile. “Senza il consenso scritto degli Stati Uniti, non è possibile trasferire articoli per la difesa, e in questo caso gli F-16, a un paese terzo“. Ma il Generale Muller ribadiva: “La raccomandazione che faccio al ministro, e che farò al Presidente al momento opportuno, è che gli F-16 siano venduti a Paesi terzi, poiché gli USA, non conformandosi alla loro parte dell’accordo (ovvero inviare i pezzi di ricambio e permettere così la manutenzione degli F-16A), ci liberano da qualsiasi obbligo a rispettare la nostra parte.”
Dei 24 F-16 acquistati nel 1983, solo dodici-sedici restano operativi, mentre gli altri vengono conservati per mancanza di pezzi di ricambio. Il governo di Caracas comunque aveva annunciato l’intenzione di vendere o cederli a Paesi terzi, anche senza il permesso degli Stati Uniti. L’F-16 verrebbe valutato dall’Iran per testare i propri sistemi difesa aerea, in previsione di un possibile attacco aereo israeliano o statunitense al programma nucleare iraniano, dove verrebbe impiegato il cacciabombardiere F-16I Sufa (Block 52).
Dopo la visita a Teheran nel 2009 dei vertici militari venezuelani, quando si sarebbe deciso l’invio di ulteriori cacciabombardieri F-16A, almeno altri tre velivoli si troverebbero oggi in Iran. Ely Harmon, ricercatore israeliano presso l’Istituto Internazionale per il Controterrorismo, ha affermato che “Questo aereo è molto utile per l’Aeronautica dell’Iran, perché può così addestrare i propri piloti alle tattiche degli avversari, dimostrando anche la profonda relazione tra l’Iran e il Venezuela. Una partnership che potrebbe anche manifestarsi in una rappresaglia contro coloro che attaccassero gli impianti nucleari iraniani.”

iranian_f_16_fantasy_art_by_Black___Hawk

Venezuela Threatens to Sell F-16 Fleet to Iran, Associated Press, 16 maggio 2006
Inter-american Security Watch 22 giugno 2012
The Aviationist 20 agosto 2012

A cura di Alessandro Lattanzio

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 281 follower