Perché l’India deve ripensare l’accordo sul Rafale

Rakesh Krishnan Simha RIR 26 ottobre 2014

L’ambasciatore russo a Nuova Delhi Aleksandr Kadakin sostiene che i Sukhoj Flanker cinesi spazzerebbero via i Rafale come zanzare, ma ciò che più preoccupa è l’India disposta a spendere 30 miliardi di dollari per un aereo tappabuchi.

Sukhoi_SU-30MKIGli aerei da combattimento si dividono in due categorie, cacciatori e prede. I francesi spacciano i loro Rafale come il re del dogfight, crème de la crème della caccia. Ma i russi non sono d’accordo. Aleksandr Kadakin, ambasciatore russo in India, dice che i Sukhoj Su-27 di fabbricazione cinese potranno schiacciare i Rafale come “zanzare in una notte d’agosto“. A questo punto è inutile dare un giudizio su quale aeromobile sia superiore. Il Rafale è in gran parte sconosciuto ai circoli dell’aeronautica. Come la maggior parte dei caccia francesi, è molto probabile che sia un aereo senza pretese, non spettacolare ma onesto. Ma ciò che non ha detto Kadakin è inquietante. Primo, ha detto che le centinaia di Su-27 Flanker fornite da Mosca a Pechino sono molto meno avanzati rispetto ai Flanker dell’India. Ora dimenticate il Su-27 per un po’ e parliamo dei due squadroni di recenti Su-35 Super Flanker che la Russia ha deciso di vendere alla Cina. Questa nuova versione è un enorme progresso rispetto al già potente Su-27. Se le prestazioni stupende del velivolo al Paris Air Show 2014 ne sono un’indicazione, allora il Rafale è probabile messo ancora peggio rispetto al Su-35.

Dogfight costoso
A dire il vero, l’aspetto più significativo della transazione sui Rafale è il costo. Originariamente ancorato a 10 miliardi di dollari, la dimensione della transazione è passata agli stratosferici 30 miliardi. Così, invece di rafforzare la potenza aerea del Paese, il Rafale minaccia un buco al bilancio della Difesa dell’India ridotto al minimo. L’India è la terza economia del pianeta, ma nel contesto dei numerosi progetti che richiedono parecchio denaro, Nuova Delhi non può permettersi di fare sfoggio sulle armi, soprattutto quando sono disponibili alternative assai meno costose. L’esigenza dell’IAF di 126 aeromobili può essere rapidamente soddisfatta ad una frazione del costo dei Rafale, introducendo ulteriori tecnologicamente superiori Su-30, che l’IAF descrive come “caccia da dominio aereo”, prodotto dall’Hindustan Aeronautics Ltd (HAL). Ogni Su-30 indiano costa circa 75 milioni di dollari. Quindi, se l’IAF ne prende 126 il costo totale sarebbe meno di 10 miliardi di dollari che, per coincidenza, è l’importo originariamente previsto. Inoltre, i Sukhoj fornirebbero ulteriore forza. “Questi aerei saranno la fascia alta della potenza aerea dell’India, e ci si può aspettare che restino sul mercato oltre il 2030, essendo competitivi o superiori ai migliori caccia europei e agli F-15 statunitensi“, dice Defense Industry Daily. Un’altra opzione è acquistare l’ancora più conveniente MiG-29, pilastro della forza intercettori dell’India che aveva frantumato il morale della Pakistan Air Force (PAF) durante la guerra di Kargil del 1999. Con 20 miliardi di dollari o quasi, risparmiati, l’India può importare avanzata tecnologia aeronautica da Francia, Russia, Germania e persino Stati Uniti, rinforzando la propria aeronautica militare. Con la produzione in calo negli Stati Uniti e in Europa e migliaia di posti di lavoro nell’industria della difesa che affrontano tagli, i tecnici occidentali sarebbero più che felici di lavorare in India. Esiste un precedente in questo settore. Dopo il 1991, i massimi tecnici e scienziati esperti in armamenti sovietici, che persero i loro posti di lavoro, li ritrovarono presso le aziende cinesi e della Corea del Sud. Scienziati e ingegneri , militari e civili russi trasformarono l’industria della Difesa di entrambi i Paesi asiatici. Anche l’India deve percorrere la stessa strada. L’assunzione di lavoratori europei dell’industria della Difesa disoccupati o sottoccupati ridurrebbe i tempi di sviluppo dei progetti della Difesa indiana. In effetti, anche il Pakistan ha una tenue connessione russa. Un amministratore della Commissione di Ricerca Spaziale e Alta Atmosfera del Pakistan, nel 1967-1970, era l’ingegnere aeronautico polacco commodoro Wladyslaw Turowicz. Nato in Siberia, diede un contributo significativo al programma missilistico del Pakistan. Ciò porta alla terza opzione. Il velivolo da combattimento leggero (LCA) indiano Tejas è operativo in numero limitato, e l’ulteriore sviluppo può facilmente farne un caccia di classe mondiale. L’India può produrre decine di LCA che costano circa 40 milioni di dollari per l’IAF. Per decenni la Cina ha adottato questa politica avendo centinaia di aerei obsoleti, perché “la quantità ha una qualità tutta sua“. Inviando gli LCA a sciamare nello spazio aereo pakistano si eliminerebbero completamente le difese di quel Paese. In effetti, la flotta di Tejas aprirebbe la via ai Sukhoj polverizzando gli obiettivi con i missili da crociera supersonici BrahMos. Lo LCA può anche diventare l’equivalente militare dell’utilitaria da 2000 dollari della Tata Nano, per la quale c’è in lista d’attesa lo Sri Lanka. Allo stesso modo, lo LCA potrebbe essere l’aereo ideale da esportare in piccoli Paesi dai budget limitati. Aerei come Su-30, MiG-29 e F-18 sono troppo costosi e troppo grandi per tali nazioni. L’India potrebbe essere la prima a commercializzare un caccia senza fronzoli.

1452243Perché il Rafale?
Quando la gara MMRCA fu lanciata più di dieci anni fa, sembrava una buona idea. Si proponeva quindi di ridurre la dipendenza schiacciante dell’India dalla Russia sulle armi avanzate. In secondo luogo, l’India voleva acquistare un aereo medio che colmare il divario tra lo LCA leggero e i Sukhoj. Il terzo motivo era puntellare la flotta di caccia in esaurimento della IAF. La forza dell’IAF sono 39,5 squadroni (uno squadrone di caccia dell’IAF si compone di 18 aeromobili in servizio e altri 3-4 in manutenzione), ma la sua flotta attuale comprende 34 squadroni. L’aeronautica richiede 44 squadroni per una guerra ampia con il Pakistan, pur mantenendo “una postura dissuasiva” contro la Cina. All’inizio di quest’anno, l’IAF ha detto alla commissione permanente parlamentare per la Difesa che una “minaccia collusiva” tra Cina e Pakistan sarebbe difficile da gestire. Ciò fu sfruttato dai media, non comparendo sulla stampa: l’IAF ha ammesso (nella stessa dichiarazione) che la Cina non può costituire “una minaccia collusiva” se ostilità dovessero scoppiare tra India e Pakistan. In effetti, perché mai i cinesi farebbero squadra con un Pakistan in rapida balcanizzazione e attaccare un alleato dei BRICS? Non è solo ineffettuale, ma anche ridicolo. Sulla minaccia dal Pakistan, è davvero uno scherzo. L’arrivo di MiG-29 e Sukhoj Su-30 negli anni ’90 diede all’IAF un temibile vantaggio qualitativo sulla PAF. Questo vantaggio s’è illustrato nella guerra del Kargil del 1999. Mentre un certo numero di velivoli IAF partecipò a questa campagna, la copertura fornita dai MiG-29 spaventò e demoralizzò i piloti della PAF. Dice Strategy Page in una relazione del 20 maggio 2005: “Mentre i caccia della PAF formavano pattuglie di combattimento aereo (CAP) durante il conflitto, rimasero entro lo spazio aereo pakistano. In più occasioni, i MiG-29 dell’IAF, armati dei micidiali missili R-77BVR aria-aria, potevano agganciare gli F-16 della PAF, costringendo questi ultimi a disimpegnarsi“. Tanta paura facevano ai piloti pakistani i MiG indiani che la “PAF semplicemente rifiutò di svolgere un qualsiasi ruolo” nella guerra. Nel rapporto “Potere aereo a 18000 piedi: l’IAF nella guerra di Kargil“, pubblicato dalla Carnegie Endowment for International Peace nel 2012, Benjamin Lambeth dice che gli F-16 pakistani “in genere mantennero una distanza di sicurezza di 10 a 20 miglia sul lato pakistano della Linea”.
Qualitativamente, la IAF si trova al culmine. Infatti, in un’intervista dl 2012, l’ex-capo dell’aeronautica NAK Browne smentì l’affermazione che la IAF stava divenendo più debole. Secondo Browne, la IAF sostituiva gli anziani MiG-21 con i Su-30, e disse che una volta che gli aeromobili più vecchi fossero stati sostituiti con Sukhoj nuovi di zecca, l’IAF avrà “di gran lunga maggiore potenza persino di quella attuale“. Se India e Francia risolvono i numerosi problemi dell’affare MMRCA e un contratto viene firmato quest’anno, i primi 18 Rafale arriveranno dalla Francia nel 2016. Se tutto va liscio, gli altri 102 velivoli potrebbero uscire della linee d’assemblaggio della HAL dal 2018. Ma qui sta il punto: intorno al 2020 un caccia stealth della Sukhoj, il PAK-FA, in cui l’India è partner minore, sarà pronto ad entrare nella IAF. Perché l’India si impegna per un aereo di ripiego, è un mistero.

181089423Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il CEO “anti-petrodollaro” della Total muore in un incidente aereo

Tyler Durden Zerohedge 20/10/2014
iyQhaE0NczMcTre mesi fa l’amministratore delegato della Total, Christophe de Margerie, aveva osato pronunciare una frase mai sentita nel mondo dei petrodollari, “Non vi è alcun motivo di pagare il petrolio in dollari“, come abbiamo visto qui. Oggi, RT riporta la terribile notizia che è stato ucciso nell’incidente del proprio aviogetto a Vnukovo, Mosca, dopo che l’aereo in fase di decollo aveva colpito un spazzaneve. L’aeroporto ha rilasciato una dichiarazione confermando che “una indagine è stata aperta sulla violazione delle norme di sicurezza”, aggiungendo che insieme a 3 membri dell’equipaggio dell’aereo, anche l’autista dello spazzaneve è stato ucciso. De Margerie, 63 anni, entrò alla Total nel 1974, dopo la laurea presso l’École Supérieure de Commerce di Parigi. Occupò diverse posizioni nelle divisioni Finanza ed Esplorazione & Produzione. Nel 1995, divenne presidente di Total Medio Oriente, prima di entrare nel Comitato esecutivo della Total come presidente della divisione Esplorazione & Produzione nel maggio 1999. Nel maggio 2006 fu nominato membro del Consiglio di Amministrazione, e poi Presidente e Amministratore Delegato della Total, il 21 maggio 2010.
Come riporta RT, “Secondo i dati preliminari, l’aereo ha urtato uno spazzaneve in fase di decollo, ha detto alla RIA una fonte all’aeroporto della capitale. Il velivolo aveva inviato un allarme mentre decollava, segnalando un incendio a bordo e danni a un motore, secondo LIFEnews. Schiantatosi sulla pista, il velivolo è stato avvolto dalle fiamme uccidendo tutti a bordo. Mentre i rapporti iniziali suggerivano che quattro persone erano morte nella tragedia, i funzionari riferiscono che cinque corpi sono stati trovati sul luogo dello schianto, indicando l’autista del veicolo spazzaneve. L’aeroporto di Vnukovo ha temporaneamente sospeso tutti i voli dopo l’incidente. Un’indagine è stata aperta sulla violazione delle norme di sicurezza nell’incidente a Vnukovo“, ha detto la funzionaria dei trasporti Tatjana Morozova. Un gruppo investigativo lavora sul luogo dello schianto, ha aggiunto Morozova. Oltre alle persone a bordo dell’aereo, ha detto, anche l’autista dello spazzaneve è stato ucciso. I resti del velivolo erano sparsi fino a 200 metri dal luogo dell’incidente, secondo i soccorsi. Il motore è stato trovato a circa 50 metri dal luogo dell’incidente, mentre uno dei carrelli staccato è stato trovato a 200 metri dalla principale massa di relitti.
L’aereo…

falcon-50__2Naturalmente questo potrebbe semplicemente essere un triste incidente… a parte tale recente coincidenza… Christophe de Margerie, amministratore delegato della Total (13° produttore petrolifero al mondo e 2° d’Europa), riteneva che “Non vi sia alcun motivo di pagare il petrolio in dollari“, Chiaramente, con tale commento, superiamo il picco del petrodollaro.
Come riporta Reuters, “l’amministratore delegato della Total aveva detto che l’euro dovrebbe avere un ruolo più importante nel commercio internazionale, anche se non è possibile fare a meno del dollaro statunitense. Christophe de Margerie rispondeva a domande sugli appelli dei politici francesi per trovare modi, a livello UE, per sostenere l’uso dell’euro nel commercio internazionale dopo la multa record degli USA alla BNP. … “Non vi è alcun motivo per pagare il petrolio in dollari”, ha detto. Ha detto che il fatto che i prezzi del petrolio siano quotati in dollari non significava che i pagamenti debbano effettivamente essere fatti in tale valuta”. Quindi, anche uno dei principali beneficiari dello status quo sembrava intravedere la fine del petrodollaro. Inoltre, nonostante le sanzioni occidentali alla Russia che vietano finanziamento e trasferimento di tecnologia occidentali per alcuni progetti energetici russi, la Total continua a perseguire il progetto sul gas naturale Jamal, una joint venture con la Novatek russa e la CNPC cinese. “Possiamo vivere senza gas russo in Europa? La risposta è no. Ci sono ragioni per vivere senza di esso? Penso, e non difendo gli interessi della Total in Russia, di no“, aveva detto il boss della Total a Reuters, la scorsa estate.
Naturalmente, doveva accadere in Russia!

0Putin: la Russia ha perso un amico, con la morte del presidente della Total
RBTH 21/10/2014

392483_le-pdg-de-total-christophe-de-margerie-g-au-cote-de-l-ancien-chancelier-allemand-gerhard-schroeder-le-31-aout-2012-lors-des-universites-d-ete-du-medef-a-jouy-en-josas-pres-de-parisIl presidente russo Vladimir Putin ha detto che il suo Paese ha perso un “vero amico”, con la morte del presidente della compagnia petrolifera francese Total Christophe de Margerie in un incidente aereo a mezzanotte, nell’aeroporto di Mosca Vnukovo. Lo ha detto il capo del Cremlino in un telegramma di cordoglio inviato al suo omologo francese, Francois Hollande. “Sono scioccato dalla notizia dell’incidente che ha ucciso il presidente del consorzio Total, Christophe de Margerie, e i membri dell’equipaggio di volo”, ha detto Putin. Il presidente russo ha invitato Hollande a trasmettere le sue sincere condoglianze alla famiglia e agli amici di De Margerie. Putin ha sottolineato che il presidente di Total è stato un “uomo d’affari francese di primo piano, fautore di molti grandi progetti comuni che hanno gettato le basi per la lunga e fruttuosa cooperazione tra Russia e Francia nel settore dell’energia. Nella persona di Christophe de Margerie abbiamo perso un vero amico del nostro Paese. Il suo ricordo rimarrà con noi”. Il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov ha detto che Putin “conosceva da tempo De Margerie e aveva stretti contatti di lavoro“.
L’aereo del presidente del consorzio, un Dassault Falcon 50, s’era schiantato mentre si preparava a decollare, dopo la collisione con uno spazzaneve il cui conducente era ubriaco. È stato stabilito che il conducente dello spazzaneve fosse ubriaco, ha detto il portavoce del comitato investigativo russo Vladimir Markin. Nell’incidente, i tre membri dell’equipaggio del Falcon, i due piloti e un assistente di volo sono stati uccisi. La portavoce di Vnukovo, Elena Krilova, ha detto alla stampa locale che l’aereo del presidente della Total non è riuscito a decollare e ha preso fuoco dopo la collisione con lo spazzaneve, che era sulla pista. Inizialmente è stato riferito che il conducente dello spazzaneve era morto, ma in seguito l’ufficio stampa dell’aeroporto ha riferito che era uscito illeso dall’incidente. “Preferisco astenermi dal commentare“, ha detto il ministro dei Trasporti della Russia Maksim Sokolov, alle domande se aveva informazioni sulle cause dell’incidente.

Areva: Luc Oursel si dimette per motivi di salute
Il governo dovrebbe annunciare presto decisioni sulla governance del gruppo nucleare
Les Echos 20/10/2014

Deplacement du ministre de l'industrie sur le site d'AREVA a Chalon Saint MarcelMentre discussioni aperte si svolgono sul governo di Areva, l’annuncio ha colto tutti di sorpresa. Luc Oursel, attuale amministratore delegato del gruppo nucleare, ha detto di dimettersi per motivi di salute. “In molto difficili circostanze personali, nonostante il mio forte attaccamento ad Areva, ho dovuto rassegnare le dimissioni non potendo continuare i miei doveri a capo della società, cessando il lavoro per motivi di salute“, ha detto in una dichiarazione. Una decisione a sorpresa, annunciata questo fine settimana dal governo che sembra pronunciarsi presto sul futuro di Areva. A margine di una visita alla mostra sul cibo, il primo ministro Manuel Valls garantiva che decisioni saranno prese “nelle prossime ore“. “Ci sarà continuità nella successione alla leadership di questa grande impresa che è Areva“, ha detto non senza aver salutato il coraggio di Luc Oursel “funzionario molto professionale”. Il presidente del Consiglio di Sorveglianza Pierre Blayau, entrato a far parte del Consiglio di Sorveglianza e del Comitato esecutivo, ha anche pubblicato un comunicato “pregando che Luc Oursel si riprenda il più rapidamente possibile“, e annunciando che il Consiglio di Sorveglianza il 22 ottobre “adotterà i procedimenti necessari“.

Difficoltà finanziarie
La dipartita a sorpresa di Luc Oursel potrebbe quindi accelerare le decisioni attese sul governo del gruppo nucleare. Lo Stato, che detiene direttamente o tramite soggetti pubblici l’87% di Areva, ha deciso di trasformare la società, che ora ha un consiglio di gestione e uno di sorveglianza, in società con consiglio di amministrazione. Obiettivo, rafforzare il controllo statale dopo le delusioni per la costruzione dell’EPR in Finlandia e l’acquisizione del gruppo minerario Uramin. Tale cambio deve essere approvato da una riunione generale prevista per il 9 dicembre. La questione della nomina di al psoto di Luc Oursel a Direttore Generale è chiaramente posta, mentre il nome di Philippe Knoche, viceamministratore delegato del gruppo, viene regolarmente citato come possibile sostituto. Luc Oursel è stato nominato Presidente del CdA il 30 maggio 2011, in sostituzione di Anne Lauvergeon, per un periodo di cinque anni. Dopo diversi mesi s’è indebolito per le difficoltà del gruppo nucleare, che aveva declassato ai primi di agosto tutti gli obiettivi per il 2014. Non solo il mercato nucleare mondiale rimane chiuso per l’effetto combinato del disastro di Fukushima, della crisi e del gas di scisto degli USA, limitando i nuovi ordini di reattori. Ma Areva fatica anche a controllare costi e tempi di realizzazione dei progetti. Il gruppo ha annunciato, un paio di settimane fa, la riduzione degli investimenti, nuove vendite di asset ed emissione di titoli ibridi per rafforzare il proprio capitale. Vi sono varie questioni strategiche, dalla rilevanza del modello integrato al riavvicinamento ad EDF, cui il nuovo capo del gruppo nucleare dovrà rispondere.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Mistral e Rafale sotto lo sguardo dell’India

Dedefensa 17 settembre 2014akerfrance520Il 24 luglio 2014, Jean-Paul Baquiast aveva correttamente paragonato la consegna della portaelicotteri francese Mistral alla Russia ai 126 Rafale francesi ordinati dall’India, osservando che l’eventuale fallimento del primo minacciava il conseguimento del secondo. Tale legame s’è ulteriormente rafforzato quando s’è potuta distinguere una somiglianza, dato l’ultimo episodio (4 settembre 2014) del pero-presidente francese che annuncia la “sospensione” dell’attuazione della prima parte del contratto (consegna del primo esemplare) fino a novembre, dipendendo (la consegna della Mistral) dalla situazione in Ucraina. È ragionevole vedere nella nostra sfera di cristallo che qualcosa, un grave incidente, un attacco ai gentili, la distruzione di una aereo con pensionati occidentali o immigrati nordafricani nello spazio aereo violato dell’Ucraina, l'”invasione” di “omini verdi” su camion umanitari “tutti bianchi”, “qualcosa” che si dice accada in Ucraina orientale, verso la fine di ottobre, con cui accusare indignati i russi e da confermare alla corte della comunità internazionale, con la testimonianza-pera della mancata consegna della Mistral. A cosa acquisita (la mancata consegna), il presidente Obama s’è congratulato con il presidente Hollande. Infine, prendendola per ciò che vale, la nostra sfera di cristallo s’è dimostra inaffidabile, incapace di sviluppare una narrazione che abbia un senso. Tuttavia, possiamo concludere a favore della sfera di cristallo, se non è vero… L’ipotesi… della cosa (la relazione incestuosa tra due contratti) è in gran parte confermata da un articolo di Aleksandr Korablinov su RIR (Russia and India Report), rivista interessata a relazioni e iniziative tra Russia e India, riflettendo le opinioni dei commentatori indiani e russi sugli eventi internazionali.
Il 5 settembre 2014, Korablinov presentava una notiziola tratta da varie fonti, alimentando l’idea della triste e netta possibilità di un ripensamento dell’India sulla prospettiva di completare l’ordine dei Rafale. Un esperto francese dell’IRIS, parlando al sito russo Delovoj Peterburg, sarebbe stato citato, così come fonti indiane, su una dichiarazione del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare indiana all’Hindustan Times del 3 settembre 2014. Parlando del rifiuto di consegnare la Mistral francese, Korablinov osservava: “…La maggiore ripercussione sarebbe la perdita di reputazione della Francia come fornitrice affidabile, ha detto Arnaud Dubien, ricercatore presso l’Institut de Relations Internationales et Strategiques. “I funzionari del ministero della Difesa francese, in conversazioni private riconoscono che se non consegnano la Mistral alla Russia, la Francia perderà i contratti per la fornitura di 126 aerei da combattimento all’India”, ha detto Dubien. Dubien ritiene che la decisione del presidente francese Francois Hollande di sospendere la consegna della Mistral non è definitiva, ed è stata presa sotto la tremenda pressione di Stati Uniti e Germania. Ha aggiunto che una decisione definitiva sarà presa entro novembre, e molto dipenderà da come la situazione in Ucraina evolverà. Una fonte del ministero della Difesa indiano ha detto che l’India “guarda da vicino gli sviluppi”. La fonte ha aggiunto che è troppo presto per dire se ciò influenzerà il governo nella firma del contratto. “Quando dopo notevoli somme di denaro, un fornitore fa geopolitica ritardando o sospendendo le consegne, disturba” ha detto la fonte, che non era autorizzata a parlare ai media. Non è stato possibile raggiungere Ministero della Difesa indiano per un commento ufficiale. [...] il maresciallo dell’Aria indiano Arup Raha ha detto ad Hindustan Times che un accordo sul Rafale “sarà stipulato presto”. Gli osservatori del settore a Delhi però, dicono che ci sarà una crescente pressione a riconsiderare la Francia, dato il voltafaccia di questa settimana, riguardo la fornitura delle Mistral alla Russia”.
Questi piccoli e interessanti dettagli sul sentimento degli indiani verso Francia, Mistral e Rafale ci è data, attraverso un debito collegamento, da un altro autore di RIR, l’esperto indiano Rakesh Krishnan Simha, con un articolo del 13 settembre 2014. Simha analizza la logica delle sanzioni antirusse e soprattutto i loro effetti negativi sui “sanzionatori”; assai negativi. Il testo è anche interessante per riecheggiare i possibili sentimenti indiani in tal senso. Una sezione è dedicata agli affari militari con una constatazione sull’incomprensibilità del comportamento francese (e tedesco), come se la Francia cessi di essere un fornitore di armi indipendente, principale se non unica alternativa agli USA (anglosassoni) nel blocco BAO, per coloro che vogliono acquisire armi avanzate… Ma comunque, la Francia ha almeno il “matrimonio per tutti”!
Indica lo scarso pensiero strategico di Francia e Germania, così facilmente influenzati da USA-UK nel sabotare contratti militari già firmati con la Russia. Sanzioni a parte, la violazione del contratto mette in allarme altri acquirenti. Se Germania e Francia hanno in programma di cacciare i loro clienti, fanno un buon lavoro. Ma vediamola così: forse è proprio ciò che Stati Uniti e Regno Unito pianificano attirando gli acquirenti delusi. Nella sua modernizzazione militare, la Russia aveva chiesto alla Rheinmetall tedesca di costruire una moderna struttura di addestramento militare. Ma sotto la pressione degli Stati Uniti, la Germania ha annullato il contratto da 134 milioni di dollari. Strategy Page dice che la Russia può volgersi alla Cina per costruire il centro di addestramento, avendo la Cina ottenuto, o meglio trafugato, la tecnologia e costruito il proprio. “La crescente lista delle sanzioni contro la Russia ha colpito l’industria delle armi russe in modo particolarmente duro, perché le nuove armi russe dipendono dai fornitori occidentali per alcuni componenti di alta tecnologia”, dice Strategy Page. “La Cina ne approfitta facendo notare di essere un importante produttore di componenti elettronici e meccanici di fascia alta, e probabilmente sostituirà i fornitori occidentali per via delle sanzioni. Mentre la Russia non compra armi straniere compra componenti high-tech (soprattutto elettronici) dall’occidente. Molti di tali elementi sono prodotti a duplice uso che Cina e altri Paesi dell’Asia orientale fabbricano. La Cina sostiene i russi (sull’Ucraina) ed è ostile alle sanzioni (cui è stata sottoposta per decenni). Pechino ritiene di poter sostituire numerosi fornitori occidentali in Russia, creando circa 1 miliardo di dollari all’anno di attività aggiuntive per le imprese cinesi”. Inoltre, l’India guarda, tra divertimento e sgomento, la Francia piegarsi agli Stati Uniti abbandonando l’accordo da 1,6 miliardi di dollari sulle Mistral alla Russia. La Francia era un fornitore affidabile di sistemi di combattimento di qualità e non aveva mai stracciato un accordo con l’India. Tuttavia, ciò in passato, quando la Francia aveva scelto di non aderire alla NATO. Con Parigi che sincronizza la propria politica estera con i signori della guerra di Washington, i militari indiani saranno cauti verso la tecnologia ‘Made in France’…
rafale_omnirole Ciò che è notevole in questo articolo, è che l’esperto indiano ripete, nella rivista rivolta ad un pubblico internazionale, sopratutto in Russia e India naturalmente, nell'”internazionalizzazione” del pubblico, il grande timore espresso da alcuni esperti francesi sulle conseguenze per le esportazioni di armi francesi del comportamento della Francia sul caso delle Mistral. In qualche modo, si può dedurre, inciso sul piano cronologico, che il danno è già fatto con la “reputazione” della Francia appannata se non decisamente minata dal comportamento del presidente francese. La decisione di sospendere la decisione sulla consegna (delle Mistral), proprio per il vertice della NATO, è stata ampiamente apprezzata dagli ambienti interessati nei Paesi interessati, cioè dai clienti tradizionali e potenziali della Francia dalla politica nazionale indipendente, segno che la politica francese non ha nulla d’indipendente, e di come è ridotta, sul caso delle Mistral, a manovre vergognose da garzone beccato con le mani nel sacco. Anche se le Mistral saranno consegnate, la reputazione francese è già offuscata completamente, e ci vorrà un ampio cambio politico (qualcosa come l’uscita della NATO) per invertire tale devastante giudizio. La posizione indiana è alquanto delicata. È in procinto di completare il contratto sui Rafale, e tecnicamente e operativamente la scelta dell’aereo francese è parte essenziale della riconversione in termini tecnici, militari e industriali. Sul versante politico, la posizione è assai imprecisa, in quanto il Rafale ha due avversari su entrambi i lati: da una parte, non è una novità, i concorrenti anglosassoni principalmente, se non esclusivamente, vogliono sabotare il contratto, ben inteso facendo pressioni; se la pressione fallisce sul piano diretto, sarà un pessimo elemento perpetuo, soprattutto se la Francia avrà difficoltà politiche per la perduta reputazione d’indipendenza, come in tale caso… Dall’altro lato, vi sono circoli politici indiani che riflettono la nuova politica del Primo ministro Modi, che vuole una linea più indipendente per l’India, cioè in uscita dalle norme del Sistema (a preponderanza statunitense). Il paradosso inestinguibile è che tale linea favorisce chiaramente la Francia tradizionale nota gli indiani, cioè la Francia gollista; non questa straordinaria caricatura di Hollande illustratasi agli occhi di tutti facendo pensare che la Francia sia percepita totalmente sottomessa agli Stati Uniti. Se ciò è coerente con la vera situazione o meno, non importa dato che l’essenziale è la percezione degli osservatori. L’articolo di Simha in questo senso ne è un segno tangibile.
Concretamente, dove porre la verità reale della situazione, dal lato indiano e dell’ordine dei Rafale? E’ difficile dire se tra l’abbandono dell’ordine o la sua firma. Forse qualcosa in mezzo, secondo fonti indipendenti indiane. Questa l’ipotesi: l’India richiederebbe straordinarie clausole politiche di garanzia, mettendo a grave repentaglio (se non offensiva, per coloro che ricordano ciò che fu il Paese) certa politica francese, reale o virtuale; anche alludendo al precedente delle Mistral, e con l’incognita degli indiani che aspettano di vedere se i francesi le consegneranno; alludendo anche alla questione dei vecchi legami con la Russia. Qualcuno potrebbe pensare che alcune di tali condizioni potrebbero imbarazzare gravemente la Francia verso gli Stati Uniti da un punto di vista strettamente politico; Stati Uniti non più politicamente imbarazzati dall’intervenire senza resistenze negli affari francesi e, quindi, ritenendo di non poter vendere armi senza i requisiti politici pretesi dell’acquirente, immaginandosi quali e con quali condizioni. Tali condizioni potrebbero imbarazzare la Francia, pur ponendo il Paese davanti la necessità di una possibile scelta politica visibile e pubblica verso l’alleanza con gli Stati Uniti, che sarebbe portata a negare e denunciare se desiderosa di stipulare il contratto sui Rafale… Ma sembra che tali azioni possano essere, al momento, un pio desiderio; scritto ciò pensando che, oggi, le cose vanno molto, molto veloci.

mmrca-finalTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Bisogna distruggere Qatar e Arabia Saudita per evitare la terza guerra mondiale

John Wayne Tunisie Secret 14 agosto 2014

Non è un mistero che John Wayne, pseudonimo di un ex-alto funzionario degli Interni e degli  Esteri della Tunisia, ostacoli mercenari e traditori in sonno. Seguendo il nostro articolo “Con prove, un oppositore del Qatar accusa il suo Paese di finanziare il terrorismo“, ci ha inviato le cinque osservazioni seguenti.

623930-11-03-31-bashar-al-assadFui il primo al mondo ad aver predetto il ritorno della Guerra Fredda, sulla rivista elettronica tunisina Business News, meno di un anno dopo il 14 gennaio 2011, quando la Siria era immersa in  violenze inaudite e il cui regime laico e nazionalista di Bashar a-Assad, ancora una volta, mostrava al mondo il suo rapporto storico, stretto e leale con la Russia. Sì, la guerra fredda è tornata e i nazionalisti arabi sono felici, perché dopo tutto, l’ex-Guerra Fredda vide il sostegno incrollabile dell’URSS al mondo arabo abbandonato e sabotato dall’occidente a favore di Israele. Chi non ricorda il momento di gloria del Canale di Suez, quando Mosca minacciò di colpire con i missili Parigi e Londra, e quando Israele, Francia e Gran Bretagna si ritirarono davanti a un Nasser determinato e un Canale di Suez chiuso alla navigazione con le navi affondate dal Rais? Quel giorno fu l’indipendenza della Tunisia, uno dei momenti di maggiore orgoglio della mia vita.

La III guerra mondiale è iniziata
Ma questa non è una nuova guerra fredda. È l’inizio della terza guerra mondiale in cui le potenze nucleari NATO e Russia combattono tramite Paesi terzi… Per ora! Ciò che è peggio, è che la fine della guerra nel prossimo futuro è assai improbabile ed è molto probabile che si traduca anche nella morte di milioni di civili inermi, come nella Prima e Seconda Guerra Mondiale. Ma peggio ancora, questa guerra è arrivata alle porte della Russia, in Ucraina, dove l’incoscienza della NATO esegue esercitazioni militari sotto il naso di una Mosca infuriata e la cui costituzione prevede che il Paese, storicamente vicino agli arabi, si riserva il diritto di usare le armi nucleari per proteggere la propria sovranità e integrità territoriale. La III guerra mondiale è cominciata. E se si contano pogrom, abusi, atrocità e uccisioni in Siria, Libia e Iraq, tale guerra avrà presto il suo milione di morti e il genocidio di una minoranza religiosa, come nella seconda guerra mondiale. Mancano i campi di concentramento, ma esistono le prigioni in cui carcerieri libici salafiti, vicini a Bernard Henry Levi, ammucchiano neri africani accusati di lavorare per il regime di Gheddafi. E nel caso dei salafiti in avanzata nell’Iraq, hanno le camere a gas nelle tombe del deserto in cui seppelliscono vivi donne e bambini accusati del reato di essere cristiani.

Il 14 gennaio 2011 ci fu un colpo di Stato della CIA
Tale guerra non è iniziata con un incidente come l’assassinio di un arciduca o l’invasione della Polonia, ma con l’uccisione di un ex-detenuto trasformato in martire del regime per presunti abusi e le cui malefatte furono esagerate presso milioni di tunisini, uno più ignorante dell’altro. Un incidente istigato dalla CIA dopo aver incaricato un ufficiale dell’esercito tunisino, con il complesso dell’uomo bianco, compiendo uno dei colpi più intelligenti della sua storia. Anche più intelligente di quelli a Teheran, Saigon, Santiago, Cile e Guatemala. Il golpe della CIA dal 14 gennaio 2011 fu attuato così abilmente da lasciare ancora dubbi e confusione nella popolazione tunisina, che ancora crede fermamente che la piazza abbia cacciato Ben Ali dal palazzo di Cartagine, una vittoria del popolo che ha galvanizzato le rivoluzioni per la libertà e la dignità in altri Paesi arabi contro i tiranni. Le rivoluzioni di barbuti Gavroche in qamis che brandiscono teste mozze esangui e occhi vitrei. I colpi di Stato della CIA hanno generalmente la firma di tali servizi segreti distruttivi.  Questa volta non è così, in generale non ha alcuna maschera. Saigon e i suoi generali addirittura aspettarono ufficialmente il via libera dall’ambasciata degli Stati Uniti, sotto forma di una telefonata. A Santiago, in Cile, la CIA mobilitò cacciatorpediniere e sottomarini e migliaia di marines che effettuarono anche uno sbarco preventivo. A Teheran, il colpo di Stato contro Mossadeq vide Kermit Roosevelt, nipote del presidente Roosevelt supportato dai mullah di Qom, distribuire biglietti da 100 dollari negli inferi e nelle strade ai bazari iraniani, mentre l’esercito del generale Fazlollah Zahidi arrestava il presidente democraticamente eletto Mossadeq. Il golpe di Teheran fu un colpo di Stato in valuta, costando la modica somma di diecimila dollari. Diecimila dollari per rimuovere dalla carica il presidente di un Paese dal passato millenario così che la Anglo Persian Oil Company, poi chiamata British Petroleum, potesse restare inglese e rifornire le navi dell’impero di Londra che viaggiavano per l’India o il Corno d’Africa attraversando il Canale di Suez. A Tunisi, nel febbraio 2011, le banconote furono distribuite in Avenue Habib Bourguiba da ignoti alla guida di Mercedes, poco prima delle dimissioni di Muhammad Ghannuchi. Non c’è dubbio che l’uso dei dollari sia stato fin troppo evidente. A volte la CIA si rinnova nei suoi colpi, Come quando incaricò il suo servo Qatar di far crollare completamente il regime di Ben Ali e di non  lasciare al potere nessuno dei suoi geniali dirigenti. Gli spazi politici erano favorevoli ai parassiti dell’umanità, i cosiddetti islamisti alimentati nelle loro gabbie del fanatismo spirituale da CIA, MI6 e Mossad. C’è il diritto di porsi la domanda, oggi: quanto è costato il colpo di Stato del 14 gennaio 2011, a Cartagine? Spero sia costato più di diecimila dollari, una somma che sarebbe umiliante e ridicola per la Tunisia, il suo passato e cultura con tremila anni di storia.

Gli ultimi grandi politici francesi sono de Gaulle, Chirac e Le Pen
E questa guerra in cui i cristiani vengono sepolti vivi nel deserto iracheno, ha alla testa CIA, MI6 e Mossad, ma il corpo, e in particolare le banche, sono Qatar e Arabia Saudita, Paesi più ricchi da quando il prezzo del barile è rimasto elevato e stabile dopo che George W. Bush ha cancellato dalla mappa l’Iraq e immerso l’intera regione nella guerriglia permanente tra sciiti e sunniti. I regimi feudali di Golfo e Arabia Saudita hanno il massimo desiderio di perpetuare per secoli la loro sopravvivenza, che dipende dalla creazione di una zona che raccolga gli islamisti del mondo arabo. Tali Paesi non attaccheranno mai Israele, anche se compie un genocidio, in quanto servono lo Stato ebraico indirettamente, ed essendo essi stessi e Israele grandi basi militari statunitensi. Arabia Saudita, Turchia, Qatar e Tunisia come altrove, sono sotto il comando statunitense. Condannano le atrocità di Israele, ma aiutano lo Stato ebraico obbedendo a Washington e promuovendo islamismo e barbarie nel mondo. Hamas è un’astuta creazione del Mossad affinché i palestinesi non abbiano mai uno Stato. Non ci saranno mai più altri accordi di Camp David con l’ostinazione degli islamisti palestinesi, caduti nella trappola della estrema destra israeliana che sogna sempre di radere la moschea di al-Aqsa di Gerusalemme.
Nei miei anni alla Sorbona, mi appassionai della cultura russa soprattutto perché ebbi la possibilità, come a Sadiqi e altrove, di frequentare gli insegnanti di storia più intelligenti e più colti. Per me c’è la civiltà russa e il resto del mondo. I russi, anche se a volte politicamente in pubblico appaiono maldestri nelle convenzioni internazionali in cui il sionismo è dilagante e domina, sono dei notevoli esseri umani. L’URSS ha combattuto il nazismo senza mendicare aiuti agli statunitensi e senza resistere pacificamente con dei governi di Vichy. I russi preferirono perdere dieci milioni di uomini affrontando la sesta armata del Führer, piuttosto che capitolare. La Francia cedette alla Blitzkrieg, ma peggio collaborò con i nazisti per mantenere lo stile di vita aristocratico, raffinato e sofisticato dei suoi politici. Infine, alcuni francesi erano buoni solo a uccidere civili algerini inermi, uccidendoli come si uccide un cane sospettato di avere la rabbia. Certo, la Francia mi ha istruito, ma ciò che rimprovero a questo Paese è il suo colonialismo il cui mascheramento ha attraversato i decenni. La Francia promuove i diritti umani nel mondo pur essendo uno dei Paesi più colonialisti. Falsifica il suo passato genocida in Algeria condannando i genocidi, tranne quelli d’Israele. Gli ultimi grandi politici francesi sono de Gaulle, Chirac e Le Pen. Alcuni nuovi politici francesi sono dei Menachem Begin e Golda Meir in incognito, quando non degli Al Capone, come colui che ha distrutto la Libia e ora gioca al salvatore provvidenziale di una Francia economicamente malconcia. Sì, a volte ho un certo risentimento verso la Francia, anche se la sua cultura mi affascina e alcuni dei suoi grandi capi meritano rispetto. Ma non posso perdonare questo Paese per aver colonizzato il mio popolo e io celebro la sconfitta di Dien Bien Phu più spesso del mio compleanno. E nemmeno intendo soffermarmi sulla campagna militare in Libia con cui la Francia, come tutta le campagne coloniali, ha distrutto questo Paese e il suo povero popolo, aggrappato all’Islam come soluzione al sottosviluppo voluto. E neanche oso affrontare la questione del supporto logistico e delle armi fornite ai salafiti siriani da Francois Hollande, che ora decapitano i cristiani dell’Iraq e giocano a bocce con le loro teste. Sì, molti francesi e alcuni dei loro  politici, come del resto tunisini, sono dei pezzenti. Anche dopo secoli di colonizzazione e abusi impuniti, continuano ad oltraggiare il diritto del popolo arabo e glorificano Israele.

Assad è il Georges Clemenceau degli arabi
Per vincere le guerre, si devono affrontare le infrastrutture e i finanziamenti dei nemici. Alla fine della seconda guerra mondiale, gli Alleati bombardarono ogni notte gli stabilimenti della Ruhr e le raffinerie tedesche. Un Paese senza denaro o petrolio difficilmente può continuare la guerra.  Durante la prima guerra del Golfo, l’esercito statunitense avanzò con i carri armati Abrams in Quwayt seguiti da centinaia di autocisterne. In guerra, è il petrolio la linfa vitale. Questa terza guerra mondiale potrebbe durare anni, soprattutto se si tiene conto del fatto triste che Paesi come Iran e Libano potrebbero essere attaccati dai jihadisti trascinandoli in un conflitto sanguinoso. L’uomo che emerge da questo conflitto come un eroe leggendario non è il Maresciallo al-Sisi, ma il Dottor Bashar al-Assad. Il Maresciallo al-Sisi ha certamente salvato il suo Paese dalle grinfie dell’islam, ma deve spezzare gli accordi di Camp David. Se difficilmente si può battere militarmente Israele, dev’essere isolato e gli arabi vinceranno con una continua guerra fredda che riduca lo Stato ebraico a una repubblica delle banane nel deserto, affollata e avendo, come il Terzo Reich e la Gestapo, dei generali inquisiti dalle Nazioni Unite per aver commesso genocidi in serie. L’aiuto statunitense all’Egitto è una forma di colonizzazione e di pressione per mantenere delle relazioni diplomatiche con Israele prive di significato. Non deve conciliarsi con un Paese che un tempo aveva progettato di sganciare la bomba atomica su Cairo.
Come ho già detto, questo sanguinoso conflitto farà della Siria il Paese arabo militarmente più potente. La Russia ha bisogno della Siria, perché è una zona cuscinetto all’islamismo che ne minaccia la popolazione musulmana. Perché se la Siria cade, le popolazioni musulmane del Caucaso settentrionale, tra Mar Caspio e Mar Nero, cederanno alla Jihad e attaccheranno il Cremlino. Dopo tutto, un sesto della popolazione russa è musulmana. Questa guerra potrebbe essere breve se la Siria e la sua alleata Russia attaccassero le infrastrutture degli sponsor della Jihad globale, cioè Arabia Saudita e Qatar. Senza le loro infrastrutture del gas e petrolio, verrebbero neutralizzati per decenni e travolti dalla bancarotta. La Russia ha fornito alla Siria missili balistici di nuove generazioni, ma questi, anche se molto precisi, possono raggiungere solo città come Ankara e Istanbul. La Turchia di Erdogan è un Paese di pezzenti e colonia israeliana. Non vale un missile russo. Ma se la Russia dovesse inviare in Siria dei missili balistici a lungo raggio che possano colpire il complesso gasifero del Qatar e gli impianti petroliferi in Arabia Saudita, la distruzione di essi sarebbe la svolta nella guerra globale, che potrebbe costare la vita di decine di milioni di innocenti. In ogni guerra serve una strategia di reciprocità. Qatar e Arabia Saudita preparano la loro versione crudele e falso di Islam, per distruggere il mondo arabo a vantaggio dell’espansione israeliana. Questi sono i nemici del mondo arabo e dell’umanità. La distruzione di questi due Paesi farebbe giustizia delle vittime del conflitto, ma anche del profeta Muhammad stesso, la cui parola è usurpata da regimi feudali assetati di sangue e privi di alcun rispetto per lui stesso o la specie umana.
Bashar al-Assad ha iniziato la guerra di logoramento contro i jihadisti della NATO da cui non può che emergere vittorioso. Una vittoria che farà della Siria un Paese distrutto, ma rafforzato, come la Russia, dopo l’Operazione Barbarossa di Hitler. L’Armata Rossa vittoriosa avanzò con i suoi carri armati fino a Berlino. I missili di Bashar devono colpire Doha e Riyadh. Bashar al-Assad è il Georges Clemenceau degli arabi, che devono sostenerne la linea dura.

Syria's President Bashar al-Assad and Russia's President Dmitry Medvedev review the honor guards at al-Shaaeb presidential palace in DamascusF. M. alias John Wayne. Ex-studente al Sadiqi College, laureato in Storia e Scienze Politiche presso l’Università di Parigi – Sorbona. Ex funzionari dei ministeri degli Esteri e degli Interni dei governi tunisini di Habib Burguiba e Zin al-Abidin Ben Ali. Diplomatico di carriera ed esperto di sicurezza e intelligence.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Costa d’Avorio: perché Sarkozy ha abbattuto Gbagbo?

Capitano Martin Tunisie Secret 8 agosto 2014

Abbandonato dai suoi amici del PS nel 2011, abbandonato dall’Internazionale socialista poiché il legittimo presidente della Costa d’Avorio, Laurent Gbagbo, viene giudicato dal Tribunale penale internazionale, istituito per punire i “dittatori” africani, arabi, asiatici e latino-americani e mai i capi occidentali che hanno commesso crimini contro l’umanità, specialmente in Iraq, come George W. Bush e Tony Blair, o in Palestina, come Golda Meir, Yitzhak Shamir, Ariel Sharon e Benjamin Netanyahu. Il nostro amico “Capitano Martin”, ci ha inviato questo articolo che solleva il velo sulle vere ragioni per cui Nicolas Sarkozy “cacciò” Laurent Gbagbo, che ha poca più fortuna di Gheddafi, e sostituirlo con il burattino Alassane Ouattara. Si potrebbe pensare che qui le ragioni di Sarkozy siano ragione di Stato ed interessi della Francia, ma in realtà sono mercanteggiamenti vergognosi e grossolani, come nel caso della Libia e delle vecchie spedizioni coloniali.   Gbagbo_2486173bLaurent Gbagbo, ex-presidente della Costa d’Avorio, è attualmente incarcerato presso la Corte penale internazionale dell’Aia per crimini contro l’umanità. Quattro le accuse contro colui che viene  presentato come il perdente delle elezioni del 2010: omicidio, stupro e violenza sessuale, persecuzione e altri atti inumani. No, naturalmente, che la persona accusata abbia commesso tali atrocità, ma in quanto responsabile burocratico, e perfino ispiratore. Questa storia sembra essere l’ennesimo caso dei tanti dittatori che hanno insanguinato l’Africa. Laurent Gbagbo è stato chiamato a rispondere delle sue azioni dopo che le forze speciali Licorne lo catturarono nel palazzo presidenziale, dove si era barricato. L’ex presidente ivoriano è nato nel 1945 e subito s’immerse nella politica e le sue opinioni socialiste e panafricane lo portarono rapidamente ad opporsi al regime autoritario di Houphouët-Boigny, che governò la Costa d’Avorio per quasi trent’anni. Imprigionato più volte, infine fu costretto all’esilio a Parigi. Nelle elezioni presidenziali del 2000 Laurent Gbagbo ebbe l’effettiva possibilità di vincere. Il 23 ottobre, i primi risultati indicavano che era davanti a Robert Guei. La sera del primo turno, tale concorrente gli contestò la vittoria e sciolse il 23 ottobre la commissione elettorale, prima che il dipartimento degli Interni ne annunciasse la vittoria il giorno successivo. Ma il 25 ottobre, decine di migliaia di manifestanti scesero in piazza e, nonostante i soldati gli sparassero, costrinsero il capo della giunta a mollare. Laurent Gbagbo fu finalmente nominato presidente il 26 ottobre ed iniziò il mandato in un’atmosfera velenosa. Presidente in carica, nel 2010 si presenta contro Alassane Ouattara, ex-ministro di Houphouët-Boigny. La votazione fu segnata da violenze. Dopo il secondo turno, Ouattara fu proclamato il 2 dicembre quarto presidente della Costa d’Avorio, con il 54,1% dei voti. Ma il Consiglio costituzionale invalidò i risultati del Nord e annunciò la riconferma di Laurent Gbagbo con il 51,45% dei voti. Alassane Ouattara aveva il sostegno della “comunità internazionale”. L’11 aprile 2011, Laurent Gbagbo fu arrestato dalle forze del suo rivale appoggiate dall’esercito francese. Quest’ultimo si proclamò presidente il 6 maggio 2011 e la sua nomina avvenne a Yamoussoukro il 21 maggio 2011, alla presenza di molti capi di Stato, tra cui Nicolas Sarkozy. Pochi giorni prima di togliere il potere al governo democraticamente eletto, l’Eliseo era in trattative con lui. Secondo fonti attendibili, le discussioni s’incentrarono sulla ricchezza del sottosuolo ivoriano. L’ex-presidente francese chiese al suo omologo ivoriano L. Gbagbo di conservare per la Francia l’80% dei proventi del petrolio del bacino del Golfo di Guinea. Del restante 20%, il 10% doveva essere trasfuso al Burkina Faso e il resto alla Costa d’Avorio. Sulla questione, fonti vicine alle discussioni telefoniche tripartite (Eliseo, ambasciata di Francia in Costa d’Avorio, ministero degli Esteri francese) indicano che il capo di Stato ivoriano avrebbe opposto un rifiuto categorico. La Francia non ebbe altra alternativa che bombardare la residenza di L. Gbagbo e posizionare dei ribelli. Dalla cacciata dell’ex-presidente ivoriano, Total ha ottenuto una buona quota degli idrocarburi, dopo aver completato l’acquisizione del secondo blocco petrolifero offshore nel Golfo di Guinea. Gli investitori francesi generalmente si fregano le mani. Parigi ha un controllo sempre più stretto sull’economia della Costa d’Avorio: la Banca di Francia emette moneta attraverso l’unione monetaria dell’Africa occidentale (Franco CFA) e i molti investimenti rendono l’economia ivoriana dipendente dalla metropoli. Gruppi come Bouygues, Orange, BNP Paribas, Société Generale, Bolloré e Total oggi ne traggono succosi benefici. Nonostante gli sforzi di Fadi al-Abdallah, portavoce della Corte penale internazionale, e dell’assistente procuratore Fatu Benuda, la procedura è costellata da molte ombre e dimostra che la manovra era volta solo a sbarazzarsi di un personaggio fastidioso. Con un sottile giro di prestidigitazione democratica, venne eseguita l’operazione. Via Gbagbo e viva Ouattara! L’ex potenza coloniale è ancora presente in Africa…
La Francia non ha mai abbandonato, dai presidenti Chirac e Sarkozy, la ribalta del continente nero. I numerosi contributi di questi ultimi anni (Mali, Costa d’Avorio, Repubblica Centrafricana, ecc.) sono lì a dimostrarlo. Per Parigi, la vecchia dottrina della Françafrique è più attuale che mai, con il suo colonialismo basato su sfruttamento e violenze. Ma questa volta con il sostegno della “comunità internazionale”.

cotedivTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Comunitaristi e neoconservatori: il sostegno francese all’aggressione israeliana

Bourgoin
sergents1François Hollande ha assicurato sostegno al suo amico Benjamin Netanyahu affermando che “il governo israeliano adotta tutte le misure necessarie per proteggere la sua popolazione“. Inutile dire che il messaggio è stato ricevuto dalla persona che va in overdose nel distruggere Gaza, la sua gente e le sue infrastrutture. I morti (e i feriti) non finiscono di affollarsi senza una prospettiva di un cessate il fuoco all’orizzonte. In Francia, il governo non resta inattivo, lungi da ciò, non risparmia sforzi per mettere a tacere le tante voci contro tale aggressione. I raduni a sostegno del popolo palestinese non sono più consentiti e quando ci sono, i manifestanti sono minacciati e picchiati dagli estremisti ebrei del JDL, milizia del governo socialista (uno dei suoi membri è guardia del corpo di Hollande). Più sottile, ma non meno efficace, molte altre strutture non risparmiano tempo nel spezzare la resistenza: associazioni istituzionali contro il razzismo, circoli neconservatori, siti comunitaristi, gruppi identitari e antifa. A volte contrapposti, ma uniti da un obiettivo comune: difendere la politica d’Israele, combattere la Resistenza, equiparare il sionismo con l’antisemitismo, e con lo stesso metodo: disinformare, e se necessario, intimidire e terrorizzare. Nel sostenere incondizionatamente Israele e le sue politiche, in Palestina e nel resto del mondo, tali “neocon con passaporto francese” si comportano come agenti al servizio di una potenza straniera.

I neoconservatori: Dreuz.info e il Circolo dell’Oratorio
bhlL’ideologia ufficiale dell’Impero, la teoria dello scontro di civiltà che contrappone il barbaro Islam conquistatore e la civiltà giudaico-cristiana sotto assedio, trova eco mobilitante ed efficace in Francia. Una la linea: la difesa incondizionata d’Israele, testa di ponte dell’imperialismo occidentale in Medio Oriente. L’aggressione contro Gaza, assimilata da Dreuz.info a una “guerra contro il terrore”, viene pienamente giustificata e trova proporzionata la risposta israeliana. E anche lieve, 583 palestinesi morti in 15 giorni “non sono molti”. Soprattutto se si tiene conto della cosiddetta pratica degli scudi umani usati da Hamas, menzogna deliberata d’Israele, che s’è già illustrato nella disinformazione. Ma se Israele “difende solo i propri civili contro razzi e missili di terroristi, criminali e mafiosi“, qual è la ragione della campagna dai media occidentali contro di esso? La risposta ha il pregio della semplicità: perché “odiano questo Paese e vogliono vedere i musulmani europei scendere in piazza e imporre i bazar“, chi dimostra sostegno a Gaza sono gruppi di islamisti radicali. La strategia del vittimismo paga sempre…
Un’altra risorsa neoconservatrice, il Circolo dell’Oratorio, ospita l’avanguardia sionista degli André Glucksmann, Romain Goupil, Cécilia Gabizon, Elisabeth Schemla, Pierre-André Taguieff, Frédéric Encel, Basbous Fadela Amara.. per lo più ex-sinistri divenuti atlantisti furiosi. Tali sostenitori incondizionati d’Israele furono noti per l’intenso lobbying a favore della guerra in Iraq nel 2003, quando dissero: “Da parte nostra, abbiamo scelto il campo del popolo iracheno, la sua libertà ora dipende dalla vittoria degli eserciti anglosassoni…” Senza dubbio mosso dallo stesso altruismo, Frédéric Encel ritiene Hamas così violentemente antisemita che dev’essere neutralizzato, essendo sempre stato “per la politica del peggio e del confronto con Israele” di cui “non riconosce l’esistenza”, con l’obiettivo di prendere il controllo dei palestinesi “nei territori e anche fuori” con la violenza. E infine 95000 morti in 65 anni di occupazione, sono infatti assai ragionevoli, soprattutto se confrontiamo questa cifra alle vittime di altri conflitti, come in Africa. Un cavillo?
Fadela Amara, che considera il velo islamico come una “bara vivente” e si sente “a casa” in Israele, dove ha vissuto la vera diversità senza alcuna pressione razzista, non riesce a trovare parole abbastanza forti nel denunciare l’oscurantismo islamico e il suo corollario, l’antisemitismo: “Purtroppo il problema dell’antisemitismo non è stato completamente risolto nel mio Paese, dove ritorna in forma diversa nelle periferie, dove gli islamisti marciscono i cervelli dei nostri figli. Se avessimo giocato il nostro ruolo in modo corretto ed eliminato l’antisemitismo in Francia, anche nell’amministrazione, non avremmo visto la sua rinascita nei quartieri nella forma islamista, insieme al suo discorso dalle connotazioni fasciste. Tutto per la nostra vigliaccheria, perché non volevamo ammetterlo e non volevamo sapere“. Non sorprendentemente, la sua associazione Né puttane né sottomesse, affiliata al Circolo dell’Oratorio, mira a stigmatizzare la “cultura della città” associata a oscurantismo, sessismo e antisemitismo, anche denunciando il “fascismo verde” musulmano. Ma tali preoccupazioni vanno ben oltre i confini francesi. Insieme a SOS Racisme e Unione degli studenti ebrei di Francia, altre risorse sioniste, ha lanciato un appello comune per la liberazione dei tre membri delle Femen detenute in Tunisia. E al momento dell’operazione Piombo Fuso contro Gaza, non dissero una parola sulle tante vittime palestinesi, unica preoccupazione era “arginare l’ondata di antisemitismo improvviso“, rispondendo alle preoccupazioni dell’Unione degli studenti ebrei di Francia. Preoccupazione che Pierre-André Taguieff condivide per le attuali manifestazioni pro-Gaza, in cui vede l’espressione della Francia “anti-ebraica”. Per non parlare di Rudy Reichstadt membro del Circolo dell’Oratorio e amico di Pierre-André Taguieff, BHL e Caroline Fourest. Sul sito che gestisce, “Conspiracy Watch“, si dedica a denunciare le “teorie del complotto” (in sostanza, le analisi che denunciano l’influenza del sionismo). A geometria variabile, ancora aspettiamo la sua risposta alla tesi di Alexandre Arcady secondo cui molti rapporti o relazioni internazionali sui bambini palestinesi uccisi da bombe e proiettili israeliani, sarebbero una gigantesca cospirazione fomentata dai sostenitori del popolo palestinese.

Islamofobia: Riposte Laïque, Résistance Républicaine e Génération Identitaire
380px-Mossad_seal.svg_Presso l’avamposto del sostegno all’aggressione israeliana, l’associazione di estrema destra Riposta Laica (il cui direttore è anche membro di NPNS), organizza regolarmente azioni contro “l’islamizzazione della Francia” insieme al Blocco Identitario, bersagliando solo i musulmani e le loro pratiche culturali e religiose. Pierre Cassen, uno dei suoi fondatori, ex-trotzkista, promuove regolarmente le tesi di Riposta Laica negli incontri organizzati dal B’nai B’rith. Islamofobo e sionista, considera Dieudonné “islamo-collaborazionista”. Tale associazione promuove la teoria razzista d’Eurabia secondo cui il mondo arabo sarebbe una minaccia demografica e terroristica all’Europa, in particolare, e al “mondo civilizzato” in generale. Abbastanza per giustificare la guerra contro Hamas, “movimento islamico”, d’Israele “che difende solo se stesso” salvando “il più possibile i civili“, secondo Pierre-William Goldnadel, presidente dell’associazione Francia-Israele. E’ vero che dal suo punto di vista, Israele è uno Stato democratico alle prese con un”organizzazione terroristica islamista omofoba ed antisemita“. Inoltre tortura cristiani, minaccia i giornalisti e spara a vista agli abitanti di Gaza, secondo Francia-Israele, che non ha paura di mostrare la corda nel demonizzare l’Islam, e per cui i manifestanti pro-Gaza sono tutti antisemiti e jihadisti. Per tali lobbisti, non c’è nessuno che difenda Israele, neanche France 2, membro della disinformazione pro-palestinese, né i politici francesi, indulgenti nei confronti di Hamas… e verso il criminale, antisemita e cristianofobo islamismo.
Il Blocco identitario è ferocemente islamofobo, nasconde a malapena il suo sostegno a Israele dietro il principio dell’astensione (né kefiah né kippah): “le ultime manifestazioni pro-palestinesi, sostenute da un gran numero di gruppi politicamente orientati a sinistra, ci ricordano tutti i benefici del multiculturalismo e comunitarismo alla francese“, si può leggere sul loro sito di Lione. Per il Blocco Identitario, chi sostiene la Palestina è fondamentalista o di sinistra o antisemita, o anche tutte e tre le cose, mentre “l’antisemitismo in Francia riguarda principalmente musulmani e simpatizzanti di estrema sinistra“. Il sito Français de souche, sempre anti-Islam, ha una visione simile. Stessa storia con Resistenza repubblicana (la cui presidente, Christine Tasin, islamofoba ed antipalestinese patentata, è anche co-presidente di Risposta Laica), che giustifica i tiri dell’artiglieria israeliana contro le ambulanze delle Nazioni Unite con il diritto d’Israele di difendersi contro il terrorismo (come è noto, le ambulanze coprono i terroristi). L’unico responsabile del massacro è comunque Hamasche vuole il massimo di morti a Gaza”, mentre “per Israele la salvaguardia della vita umana è una priorità”. Affermazioni alquanto sorprendenti per un’organizzazione che suona l’allarme sull'”eccessiva presenza di musulmani in Francia” e ritiene Dieudonné (non scherzo) un “agente iraniano sciita“.

Comunitaristi: CRIF e LICRA
ldj10Tale tema xenofobo e razzista identitario si riflette anche sul CRIF che ha recentemente lanciato sul suo sito un documentario israeliano sulla “minaccia islamica” in Europa e che sostiene il giornalista apertamente islamofobo Robert Redeker. La LICRA, nel frattempo, vuole combattere l’antisionismo allo stesso titolo dell’antisemitismo e ritiene che “l’islamofobia sia un diritto“. CRIF e LICRA sono gli avamposti del supporto ad Israele nella guerra contro Hamas. Il CRIF va oltre chiedendo alle autorità francesi di vietare le manifestazioni pro-palestinesi, dicendo che i recenti scontri  preoccupano sulla sorte della comunità ebraica che vive in Francia. Il suo presidente Roger Cuckierman è stato ricevuto da François Hollande per discutere tali questioni e il messaggio passa quando le manifestazioni “antisemite” (secondo la LICRA) vengono vietate in diverse città, con grande sollievo dell’ufficio nazionale di vigilanza sull’antisemitismo, secondo cui ogni sostegno alla Palestina è antisemitismo. Al contrario, il principio di non-importare in territorio francese i conflitti, difeso dal governo e dai sionisti, non sembra applicarsi quando il CRIF fa una dichiarazione alla “riunione unitaria degli amici di Israele” davanti l’ambasciata israeliana, promuovendo “il diritto d’Israele di difendersi dagli attacchi indiscriminati contro la sua popolazione”. Con l’approvazione del governo e, naturalmente, il supporto logistico della JDL, milizia della lobby pro-Israele.

Teppisti fascisti: LDJ e Betar
I mercenari del sionismo, LDJ e Betar commettono regolarmente violenze contro i sostenitori della causa palestinese. Attaccano violentemente i dimostranti pro-palestinesi lanciando insulti (“fottiti Palestina”), come si può vedere sul video e dalle numerose testimonianze dei manifestanti present, tra cui quelle dell’Unione ebraica francese per la pace, e sempre sotto la protezione del CRS. Vengono anche utilizzati in combinazione con le forze ausiliarie di polizia, come si vede qui dove caricano i manifestanti di concerto con la polizia. Ma ciò non sorprende dato che la Polizia Nazionale presta i suoi uffici alle truppe della JDL per allenarsi al Krav Maga, l’arte marziale dell’esercito israeliano gestita da consiglieri israeliani… e i cui abusi sono coperti da tutti i politici.

I delatori della disinformazione: JSS News
Nella stessa ottica, la rivista franco-israeliana JSS News ha varato lo scorso inverno una vera e propria caccia all’uomo, vantandosi di “dare in pasto ogni giorno i nomi e qualche volta i dettagli di decine di persone condannate a rovinarsi la vita con la quenelle (sic)”. Con qualche piccolo inconveniente, ma non preoccupante, senza alcuna conseguenza per la rivista che può tranquillamente continuare il suo sporco lavoro. Veri soldati dell’IDF, senza uniformi, (JSS News invita i lettori a fare donazioni online ai militari), i suoi giornalisti vanno oltre la disinformazione, attribuendo ad Hamas i bombardamenti degli ospedali delle Nazioni Unite! In ogni caso, niente disturba abbastanza nel perseguire la “deterrenza”, neanche “radere Gaza” o “sradicare i palestinesi”, leitmotiv della posta dei lettori, in ogni caso; terrorizzare i palestinesi “fino a pisciarsi addosso alla sola menzione del nome d’Israele”. Come ricorda uno dei lettori, “La deterrenza è quando Gaza sarà Groznij e i gazawi liquidati come i ceceni“. L’inenararrabile Frédéric Haziza è andato oltre la sua solita disinformazione, facendo passare un’immagine (del 2009) di un manifestante iraniano che minaccia un poliziotto per un pro-palestinese. Beccato, il giornalista ha ammesso l’errore, ma senza correggersi, a dispetto di ogni etica. E senza attirare le ire dei suoi colleghi.

Falsi amici: antifa e antirazzismo istituzionale
d6fd00909e0f5936f25c8084eGli antifa teorizzano la propria confusione ideologica, mentre hanno la pretesa di sostenere i palestinesi, combattono quasi esclusivamente l’antisionismo, i nemici e i gruppi di attivisti che criticano Israele e la sua politica degli insediamenti: dissidenti, nazionalisti progressisti, sovranisti o veri comunisti, specialmente del Comitato Valmy e il PCRF, vengono qualificati nazional- comunisti. Veri neoconservatori di sinistra, gli antifa concentrano i loro attacchi contro i leader stranieri che resistono all’imperialismo di Stati Uniti o Israele: Assad, Hugo Chavez e Vladimir Putin in particolare, salvando però i sanguinari Stati del Golfo, Israele e l’Ucraina fascista. Un semplice copia/incolla dell’asse del male degli Stati Uniti…
SOS Racisme è sulla stessa lunghezza d’onda, cancellando il colonialismo israeliano. Rivendicando la lotta alla discriminazione razziale in tutte le sue forme, l’organizzazione è completamente mobilitata sul fronte dell’antisemitismo, da 10 anni, risparmiando curiosamente l’islamofobia sulla base del fatto che si tratta di discriminazione religiosa, non di razzismo. In tal modo, SOS Racisme aiuta a banalizzare l’islamofobia che continua a crescere in Francia. Non sorprende se si considera il legame quasi organico con l’UEJF sin dalla sua fondazione, nel 1984. Così, l’avvocato di SOS Racisme è ora Patrick Klugman, ex-presidente dell’UEJF e membro del comitato direttivo del CRIF. L’antirazzismo autentico, a differenza dell’antirazzismo istituzionale, riconosce giustamente l’apartheid israeliano sionista quale forma particolarmente virulenta di discriminazione razziale. L’ONU le aveva all’epoca equiparate. Ancora una volta, la politica dei due pesi e due misure. Così, nel febbraio 2006 SOS-Racisme prese posizione a favore della pubblicazione delle vignette su Muhammad del giornale Jylland-Postens su Charlie Hebdo, firmando una petizione a sostegno. Dominique Sopo, presidente di SOS Racisme, testimoniò anche per Charlie Hebdo nel processo sulle caricature. In tale occasione, SOS Racisme espresse forte impegno alla laicità, ritenuta pilastro fondamentale del vivere insieme e condizione essenziale per l’esistenza di un regime democratico, co-firmando un manifesto contro il fondamentalismo religioso (leggasi musulmano), pubblicato su Libération nel novembre 2011. Al contrario, da brava risorsa sionista, SOS Racisme ha perseguitato inesorabilmente i quenelliers.
Tale indignazione invariabilmente selettiva appare nel trattare i manifestanti di entrambi i lati: tolleranza minima per i rari slogan antisemiti dei filo-palestinesi, utilizzati per vietare le manifestazioni a sostegno di Gaza, e nulla contro gli insulti razzisti della LDJ. Ma le associazioni dell’antirazzismo istituzionale, infine, riprendono la linea pro-Israele dell’UMPS: la ministra degli Interni, come del resto il Partito socialista, Anne Hidalgo e il comunitarista Claude Goasguen, secondo cui i palestinesi sono “un popolo di terroristi selvaggi e terribili“, sono sulla stessa lunghezza d’onda ritenendo che la tranquillità dei coloni israeliani valga il sacrificio di qualche migliaio di bambini palestinesi. Tale unanimità, tale potere schiacciante a favore delle guerra dello Stato ebraico, dimostrano l’efficacia dei sayanim, gli agenti del sionismo in Francia che supportano ad ogni costo l’onnipotenza d’Israele e la sua assoluta impunità.

932883bassebouseextremedroitesioniste

L’esrrema destra sionista non è mai esistita! “Non sono antisionista, signor agente, sono solo sionista” “Ops! Perdonatemi”

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Per un’alleanza franco-russa

Questo testo, ancora in discussione, è stato scritto a nome del Comitato Editoriale per un’Europa solidale, firmato da Jean-Paul Baquiast e Jean-Claude Emperor
Dedefensa 30/07/2014

russie-mistral_97Introduzione
20111004klphisuni_3_Ies_SCOAbbiamo precedentemente dimostrato (vedi “Europa, epicentro di un conflitto distruttivo“) che, se l’Europa non si libera degli oltre sessant’anni di dominio imposto dagli Stati Uniti, rimarrà per sempre un semplice strumento attraverso cui perseguiranno il loro piano principale in questa parte del mondo: distruggere la Russia. Ma per sfuggire a tale dominio, l’Europa dovrebbe muoversi verso una entità geopolitica ancora in costituzione, i BRICS. Europa e BRICS rappresenterebbero una forza capace di controbilanciare la potenza statunitense, che rimarrà a lungo superiori nei mezzi a disposizione, se Europa e BRICS agiranno separatamente. Ciò ammesso, vanno fatte due constatazioni:
*L’Europa è troppo dispersa e imbevuta d’influenza statunitense perché sia ragionevole pensare che  possa muoversi velocemente e con l’intensità necessaria verso un’alleanza, o anche una semplice cooperazione strategica, con i BRICS. Sarebbe necessario che gli Stati europei agiscano individualmente, sbarazzandosi dei vincoli imposti dalla diplomazia dell’Unione europea, prendendo l’iniziativa di negoziare un riavvicinamento possibile.
*I BRICS sono troppo diversi e anche troppo lontani dall’Europa affinché negoziati globali con essi siano possibili a breve termine, salvo casi particolari. Ancora una volta, gli europei dovrebbero avere partner privilegiati con cui condividere il maggior numero di obiettivi. Per rispondere a queste due esigenze, ci proponiamo di considerare un’alleanza strategica tra Francia e Russia come primo passo essenziale per l’eventuale creazione di un’alleanza tra Europa e BRICS. Francia e Russia, anche se non hanno frontiere terrestri comuni, condividono dai tempi di Caterina la Grande alla Seconda Guerra Mondiale, visioni e interessi molto simili. Al tempo della dittatura stalinista stessa, le due nazioni non furono realmente contrapposte. De Gaulle fu tra i primi capi di Stato europei a promuovere il riavvicinamento con la Russia. Va notato subito che tale progetto di alleanza con la Russia, oggi potrebbe essere esteso ad altri Paesi europei, tra cui principalmente Germania, Spagna e Italia. Ma in ognuno di questi casi vanno sviluppate le ragioni d’interesse nel rafforzare i legami con la Russia oggi, e che potranno essere ancora più d’interesse domani. Ciò va oltre la portata di questo articolo.
Tornando alla Francia, ricordiamo che quando le truppe dello zar Alessandro occuparono momentaneamente Parigi dopo la caduta di Napoleone, furono quasi perfettamente educate. Ricordiamo anche che l’alleanza franco-russa negoziata nel contesto della prima guerra mondiale, era molto popolare in entrambi i Paesi. Il continuo successo in Francia del dolce dallo stesso nome, non è solo aneddotico. Ciò dimostra la profonda connessione tra le due società, sorta successivamente tale data negli aspetti più spettacolari: letteratura e arti, tecnologia e scienza… Ma su quali basi oggi progettare un’alleanza franco-russa che possa essere prototipo dell’alleanza euroBRICS?

Un progetto geopolitico
Si deve trattare anzitutto di un progetto geopolitico. Questo termine fa riferimento alla proposta di alleanza o riavvicinamento politico tra gli Stati che condividono una stessa area geografica e stessi obiettivi strategici. Questa condivisione, anche nell’età del commercio globalizzato, implica necessariamente interessi comuni. Per Francia e Russia, la condivisione dello spazio geografico non è ovvia osservando una mappa. Ma approfondendolo, questo concetto s’impone: i collegamenti ferroviari, marittimi e aerei sono già numerosi e potrebbero aumentare a costi inferiori. Le similitudini prevalgono in ciò che de Gaulle chiamò l’Europa dall’Atlantico agli Urali e oltre, certo. Oggi degli Stati s’interpongono geograficamente tra la Francia e la Russia, ma non vi è alcuna ragione di pensare che questi stati, o almeno i loro popoli, s’oppongano alla riconciliazione tra le due ali di questo insieme, da cui tutti possono trarre beneficio. Inoltre non sarebbe che la riattivazione di ciò fu l’Europa dell’Illuminismo, prima della Rivoluzione francese.

Un progetto basato sulla comunanza delle complementarità
La complementarità è soprattutto quella delle risorse ed opportunità da sviluppare congiuntamente.  Geograficamente la Russia potrebbe accedere attraverso la Francia alle zone marittime che ancora assai difficilmente raggiunge: arco atlantico, Mediterraneo occidentale, mari d’estensione considerevole (fatto unico) circostanti ciò che compone i cosiddetti territori d’oltremare francesi. Viceversa la Francia potrebbe accedere alle regioni polari e siberiane che, opportunamente gestite, saranno sempre più importanti nel contesto del cambiamento climatico. In termini economici, la Francia relativamente ben industrializzata potrebbe aiutare la Russia a sviluppare i settori interessati, pur beneficiando in cambio di competenze e risorse russe, tra cui tecnologia, energia e miniere (terre rare). Nel settore chiave della ricerca e sviluppo citiamo la possibilità di avviare importanti programmi comuni, quali l’energia verde, le tecnologie NBIC (nano, bio, info e cognitive), ma anche spaziali e della Difesa. Infine, a livello politico e diplomatico, la complementarità sarà più evidente. Come già, in gran parte, nel caso della lotta contro pericolosi  movimenti islamisti in Russia come in Europa e Medio Oriente. La loro estensione attualmente arriva nell’Africa sub-sahariana. Anche se la Francia affronta tale problema in modo diverso dalla Russia, la cooperazione sarà necessaria. In modo più costruttivo, se la Francia smetterà di continuare a seguire docilmente le complessità politiche statunitensi, Francia e Russia unite potrebbero pesare decisamente sui grandi negoziati o conflitti che si svolgono alle loro frontiere: Iran, Iraq, Siria, questione israelo-palestinese, questione curda, ecc. La questione delle differenze di approccio a democrazia politica, libertà civili e morale non dovrebbe essere un ostacolo alla cooperazione proposta. Con il tempo queste differenze diminuiranno e d’altra parte, ogni partner deve dimostrare la propria volontà di dare all’altro la responsabilità delle proprie scelte sociali, senza cercare di cambiarle.

Un processo graduale
Non si dovrebbe nascondere il fatto che differenze e motivazioni sono ancora vive, soprattutto in Francia, in relazione a ciò che potrebbe essere l’alleanza franco-russa. Anche movimenti e politici convinti del suo interesse proporrebbero un approccio graduale, optando per tempi lunghi. Ma chi ha detto che la progressività significhi non decidere su immediati punti emblematici. Si è quindi affermato che se la Francia, cedendo agli ordini degli Stati Uniti, decidesse di non consegnare alla Russia ciò che le appartiene, in questo caso le navi da proiezione e combattimento del tipo Mistral, ideate a Saint Nazaire, è grazie alle sottese speranze di una cooperazione tra i due Paesi. Al contrario, se Francia e Russia approfondissero la cooperazione, già molto fertile, nell’industria spaziale, potrebbero sviluppare più rapidamente vettori, moduli per equipaggi e stazioni terrestri comuni necessari a una maggiore cooperazione negli studi cosmologici, ma anche per l’esplorazione di Luna, Marte e satelliti. Nelle aree d’applicazione immediata, esigenze e opportunità della cooperazione sono numerose, come medicina, robotica, traduzione automatica, scienze sociali e politiche…

Conclusione
Come associazione crediamo nella necessità di un’alleanza franco-russa, e svilupperemo le nostre attività in questo campo sforzandoci di creare, con altre organizzazioni della medesima natura, sia in Francia che nei Paesi europei e in Russia, una rete virtuale utilizzando gli strumenti digitali per suscitare profondi cambiamenti nell’opinione pubblica.

rafale-decore-pour-les-70-ans-du-normandie-niemenTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 386 follower