LA GUERRA IN IRAN: l’invio di migliaia di soldati degli Stati Uniti in Israele, l’integrazione delle strutture di comando israelo-statunitensi

Michel Chossudovsky Global Research, 4 gennaio, 2012 

La Repubblica islamica dell’Iran è stata minacciata di azioni militari dagli Stati Uniti e dai loro alleati, negli ultimi otto anni. L’Iran ha eseguito esercitazioni belliche nel Golfo Persico. La Marina degli Stati Uniti vi si  è schierata. Le esercitazioni navali dell’Iran, iniziate il 24 dicembre, sono stati condotti in una zona pattugliata dalla quinta flotta statunitense, con sede in Bahrain.
Nel frattempo, un nuovo round di sanzioni economiche contro la Repubblica Islamica dell’Iran viene scatenato, in gran parte rivolte contro la Banca centrale dell’Iran, portando ad un drammatico crollo della valuta iraniana. Reagendo alle minacce degli Stati Uniti, l’Iran ha dichiarato che avrebbe preso in considerazione il blocco del traffico di petrolio attraverso lo Stretto di Hormuz:
Circa il 40 per cento delle petroliere di tutto il mondo transitano quotidianamente per lo stretto, trasportando 15,5 milioni di barili di greggio da Arabia, Iraq, Iran, Kuwait, Bahrein, Qatar e Emirati Arabi Emirati, portando l’ Energy Information Administration degli Stati Uniti a etichettare lo Stretto di Hormuz “il passaggio del petrolio più importante del mondo.” (John CK Daly, War Imminent in Strait of Hormuz? $200 a Barrel Oil?, Global Research, 3 gennaio 2012)

La globalizzazione della guerra e la fine della Repubblica americana
C’è un rapporto simbiotico tra guerra e crisi economica. La pianificazione della guerra all’Iran è al crocevia della depressione economica mondiale, che contribuisce ad allargare le disuguaglianze sociali, la disoccupazione di massa e l’impoverimento di ampie fasce della popolazione mondiale. La frantumazione dei movimenti sociali sul fronte interno – comprese tutte le forme di resistenza al programma militare statunitense e alle sue politiche economiche neoliberiste – è parte integrante del ruolo egemonico mondiale degli Stati Uniti.
Il governo costituzionale, agli occhi dell’amministrazione Obama, rappresenta uno ostacolo alla “Globalizzazione della guerra“? La storia ci dice che un Impero non può essere costruito sulle fondamenta politiche di una Repubblica.
A questo proposito, non dovrebbe essere una sorpresa che il nuovo regime di sanzioni all’Iran, adottate dal Congresso degli Stati Uniti, è diventato legge la notte di Capodanno, 31 dicembre, lo stesso giorno in cui Obama ha firmato il National Defense Authorization Act (NDAA 2012), che sospende le libertà civili e consente la “detenzione a tempo indeterminato degli americani”. (Vedi Michel Chossudovsky, The Inauguration of Police State USA 2012. Obama Signs the “National Defense Authorization Act“, Global Research, 1 gennaio 2012)
L’amministrazione Obama è intenta a schiacciare sia il dissenso sociale che le proteste contro la guerra. La Repubblica americana è incompatibile con la “lunga guerra” dell’America. Ciò che serve è l’instaurazione di una “dittatura democratica“, una governo di fatto dei militare sotto panni civili.

Migliaia di soldati in Israele
Avanzati preparativi di guerra sono in corso. Appena menzionate dai media occidentali, anche se confermato da notizie di stampa israeliana, il Pentagono si prepara a inviare migliaia di soldati statunitensi in Israele. Nel contesto dei preparativi di guerra in corso, queste truppe dovrebbero partecipare a manovre militari congiunte USA-Israele nella primavera del 2012, descritte dal Jerusalem Post come “la più grande in assoluto esercitazione di difesa missilistica nella storia [di Israele]“. 
La scorsa settimana [11-18 dicembre], il tenente-Gen. Frank Gorenc, comandante della Terza Forza Aerea degli Stati Uniti con sede in Germania, ha visitato Israele per finalizzare i piani per le prossime esercitazioni, in cui ci si aspetta di vedere il dispiegamento di diverse migliaia di soldati statunitensi in Israele. (US commander visits Israel to finalize missile… Jerusalem Post 21 dicembre 2011)
Questi giochi di guerra coinvolgono il collaudo del sistema di difesa aerea di Israele, che ora è completamente integrato nel sistema di rilevamento missilistico globale degli Stati Uniti, dopo l’installazione (dicembre 2008) di un nuovo sofisticato sistema radar di allarme precoce, in banda X . (Vedi Defense.gov, 30 dicembre 2011. Vedi anche Sen. Joseph Azzolina, Protecting Israel from Iran’s missiles, Bayshore News, 26 Dicembre 2008).
Il sistema di rilevazione globale missilistico degli Stati Uniti include satelliti, navi Aegis nel Mediterraneo, Golfo Persico e Mar Rosso, così come radar e intercettori Patriot sulla terraferma. Nel contesto della pianificazione delle esercitazioni Stati Uniti-Israele di primavera:
“Gli Stati Uniti porteranno in Israele anche il loro THAAD (Terminal High Altitude Area Defense) e i sistemi di difesa missilistica balistici navali Aegis, per simulare l’intercettazione di salve di missili contro Israele. I sistemi statunitensi lavoreranno in collaborazione con i sistemi missilistici di difesa di Israele – Arrow, Patriot e Iron Dome.
Gorenc came to Israel for talks with Brig.-Gen. Gorenc era giunto in Israele per colloqui con il Brig.-Gen. Doron Gavish, comandante della Divisione Difesa Aerea dell’Aviazione. Ha visitato una delle batterie di Iron Dome nel sud e il laboratorio di prova d’Israele di Holon, dove la IAF conduce le sue esercitazioni per la simulazione delle intercettazioni. L’IAF ha in programma di implementare una quarta batteria del sistema anti-razzi Iron Dome nei prossimi mesi, e sta rimuginando sulla possibilità di stazionarla ad Haifa per proteggere le raffinerie di petrolio che vi si trovano. Il ministero della difesa ha stanziato un budget per la produzione di ulteriori tre batterie Iron Dome entro la fine del 2012. I requisiti operativi della IAF richiedono il dispiegamento di circa una dozzina di batterie lungo i confini nord e sud di Israele.
L’IAF porta avanti anche il progetto di dispiegare il sistema di difesa anti-missili David Sling della Rafael, che è progettato per difendersi dai missili a medio raggio e dai missili da crociera. La  Rafael ha recentemente completato con successo una serie di prove di navigazione e volo dell’intercettore David Sling, e si prevede di attuare il primo test di intercettazione da metà del 2012. (US commander visits Israel to finalize missile… Jerusalem Post, 21 dicembre 2011)

Integrati le strutture di comando USA-NATO-Israele
In virtù di queste esercitazioni congiunte USA-Israele, vi sono indicazioni che gli Stati Uniti hanno anche in programma di aumentare il numero delle truppe statunitensi di stanza in Israele. Inoltre, queste esercitazioni militari in programma per la prossima primavera, sono accompagnate da un cambiamento fondamentale delle strutture di comando USA-NATO-Israele. Ciò che sta accadendo ora su ordine di Washington è l’integrazione delle strutture di comando militare di Stati Uniti e Israele.
Washington non è un partner riluttante, come alcuni osservatori hanno suggerito, “con l’amministrazione Obama che cerca di prendere le distanze” da una guerra israeliana promosso contro l’Iran. Tutto il contrario! Data l’integrazione del sistema di difesa aerea di Israele con quella degli Stati Uniti, Israele non può, in nessun caso, iniziare una guerra contro l’Iran senza gli Stati Uniti. Inoltre, dalla metà del 2005, dopo la firma di un protocollo tra la NATO e Tel Aviv, Israele è divenuto membro di fatto della Alleanza Atlantica.
Il previsto insediamento di truppe statunitensi in Israele, è parte integrante di una guerra sponsorizzata dagli USA. Nel contesto delle esercitazioni della primavera 2012, i militari degli Stati Uniti creeranno centri di comando in Israele. A sua volta, le  IDF di Israele creeranno centri di comando presso la sede del Comando Europeo (EUCOM) degli Stati Uniti, a Stoccarda, in Germania. (Ibid). L’obiettivo finale di questi centri di comando è quello di stabilire “una joint task force [USA-Israele] in caso di un conflitto su larga scala in Medio Oriente” (Ibid). In altre parole, questi gruppi operativi saranno coinvolti nella pianificazione del dispiegamento di truppe e sistemi d’arma contro l’Iran, con Israele che gioca un ruolo importante come piattaforma di lancio per un’azione militare. Questi sviluppi suggeriscono che la guerra contro l’Iran – che è stato nei piani del Pentagono dal 2003 – vedrà la partecipazione diretta di Israele sotto un comando unificato militare statunitense.
Il popolo di Israele è vittime muta dell’agenda militare globale degli Stati Uniti e dei piani di guerra del proprio governo contro l’Iran. Sono portati a credere che l’Iran possieda armi nucleari, quando in realtà Israele possiede un arsenale nucleare avanzato, che è diretto contro l’Iran. Il popolo di Israele così come l’opinione pubblica occidentale, più in generale, sono anche portati a credere che il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad voglia “cancellare Israele dalla carta geografica“, quando in realtà questa dichiarazione è stata architettata dai media occidentali, come mezzo per demonizzare il capo di stato iraniano, oltre a presentare l’Iran come una minaccia per la sicurezza di Israele:
In tutto il mondo, una voce  pericolosa si è diffusa e che potrebbe avere conseguenze catastrofiche. Secondo la leggenda, il presidente iraniano ha minacciato di distruggere Israele o, per citare una citazione non appropriata: “Israele deve essere cancellato dalla carta geografica”. Contrariamente alla convinzione popolare , questa affermazione non è mai stata fatta.” (Vedi Arash Norouzi, Israel: “Wiped off The Map”. The Rumor of the Century, Fabricated by the US Media to Justify An All out War on Iran, Global Research, 20 gennaio 2007)
Chi vuole “cancellare Israele dalla carta geografica“? Tehran or Washington? Teheran o Washington? Ahmadinejad o Obama? In realtà, l’amministrazione Obama e il governo Netanyahu costituiscono indelebilmente una minaccia per il popolo d’Israele. Teheran ha avvertito che dal 2005 farà ritorsioni in caso di attacco, sotto forma di missili balistici diretti contro Israele e contro strutture militari statunitensi nel Golfo Persico, il che ci porterebbe immediatamente a uno scenario da escalation militare.
Questa guerra inghiottirebbe una regione che si estende dal Mediterraneo al cuore dell’Asia centrale. Avrebbe conseguenze devastanti, con conseguente massicce perdite di vite umane. Farebbe precipitare l’umanità in uno scenario da Terza Guerra Mondiale.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 347 follower