IlManifesto e il fascinoso nazismo ucraino

Alessandro Lattanzio, 20/10/2014800_externalIl fecciume di sinistra italiano continua a tessere elogi alle strappone naziste di George Soros e Federica Mogherini, come dimostra l’accoglienza entusiastica che i pornofilm propagandistici delle Femen, presentati all’ennesimo festival ‘cinofilo’ di Bologna, ricevono da parte del pornoquotidiano virtuale ilmanifesto, ultimo sopravvissuto della serie di testate della sinistra integralista anticomunista, come Liberazione e l’Unità, sempre in prima linea, assieme ai camerati de ilfattoquotidiano, nell’aggredire e infangare chiunque si trovi sulla strada dell’impero statunitense, come Jugoslavia, Libia, Siria, Iran e ultimamente Novorossija. Oggetto del pezzaccio di propaganda pecoreccio-hollywoodiana del fantasma virtuale manifestarolo (scritto dall’ennesima esimia nullità lgbt e ripreso acriticamente dai vari lerci siti post-sessantottini fluttuanti sul nulla virutale che esprimono), è la propaganda autoelogiativa delle attività delle ‘kompagne’ Femen, che si descrivono così, “Noi siamo un piccolissimo gruppo che catalizza la forza di una piazza intera piena di gente che protesta per gettare in faccia al potere la sua violenza, mettendo al centro la questione gender. Quanto sta accadendo in Ucraina, a loro avviso, è un po’ la grande eco della resistenza che le Femen avevano iniziato nell’aprile 2008, con migliaia di azioni anche fuori dal loro paese, subendo una repressione di violenza inaudita. Per esempio in Bielorussia, dove ad azione nemmeno iniziata sono state caricate su un furgone dalla polizia, scortate al confine e lasciate in mezzo al nulla dopo essere state picchiate duramente. A piedi e al buio hanno dovuto orientarsi per arrivare nel paese oltreconfine, mentre Kitty è stata trattenuta per ore in un ufficio del Kgb di Minsk”. Quindi, ecco cosa scriveva l’11 giugno 2014 lo squallido e nauseante porno-giornalaccio sorosiano ilmanifesto, sempre prodigo e attivo nel supportare qualsiasi crimine atlantista nel mondo, e che ora si aggrappa alle tette delle troie della NATO per istigare ulteriormente la propaganda naziatlantista contro la Novorossija e la rinascita della Russia. Rivoltante e stomachevole fogliaccio, cui il ‘sommo solone’ Manlio Dinucci presta la penna per legittimare da ‘sinistra’, dal fianco ‘antimperialista’, tale cloaca, de ilmanifesto, che continua a traboccare di propaganda atlantista e marketing ideologico sorosiano. Ripeto, l’articoletto è stato scritto l’11 giugno 2014 quando era chiaramente noto a chiunque cosa siano le Femen e la loro partecipazione attiva e diretta al massacro di Odessa; crimine che non ha smosso il fard e il liner del vladimirluxurismo vigente nella redazione de ilmanifesto e nelle menti bacate della vecchia oltraggiosa ciabatta Rossanda e dei due vecchi ipocriti Dinucci e Parlato.

Evgenija Krajzman, una duecetta delle Femen mentre sollazza la stragressivistà del pornogiornale il Manifesto.

Evgenija Krajzman, una ducetta delle Femen, a Odessa il 2 maggio 2014, davanti alla Casa dei sindacati incendiata dai nazisti di Gladio. Krajzman qui sollazza la ‘stragressività’ cercata ed esaltata dal pornogiornale di punta della sinistra ilmanifesto. Sulla pagina fb è scritto: Avanti Odessa, avanti Ucraina! Per l’unità del Paese, sottolineando un totale entusiastico appoggio alla strage di Odessa. Manlio Dinucci, solone ‘antimperialista’, presta la sua firma alla cloaca imperialista de ilmanifesto, che per mezzo dei testi di una scribacchina nazi-lesbica, supporta una campagna mediatica russofoba, atlantista e filo-nazista in Italia.

Riferimenti:
Les Crises
Indybay

eugenia-krayzman-09

Tra gli amici di Krajzman, nome ebraico, compare ovviamente Pravij Sektor. Krajzman rappresentava le Femen al massacro di Odessa. Ilmanifesto non ha mai condannato tale crimine, essendo partecipe al circuito della propaganda naziatlantista ucraina, alimentata anche dall’oligarca sionista mafioso Kolomojskij. Dinucci e Parlato svolgono la funzione di proteggere a ‘sinistra’ l’infiltrazione e la diffusione di tale propaganda naziatlantista.

Il fascino discreto dei nazisti ucraini
Vladimir Novkov, Nevskoe VremjaNovorossia

10659277Uno dei miei colleghi giornalisti si lamentava con amara ironia dei tanti presi dalla febbre della guerra dell’informazione che paragonano i radicali ucraini ai nazisti. Presumibilmente è propaganda, ma non si dovrebbe perdere completamente il buon senso! Molti di noi hanno, se non genitori, amici o parenti in Ucraina. Rimangono come sempre gente semplice che lavora, visita gli amici, si innamora, hanno figli. Quindi di quali nazisti preoccuparsi? In risposta ho chiesto al mio collega, come lui immagini i nazisti veri? Si suppone abbiano corna e zanne, artigli? Oppure vadano in giro con un’uniforme nazista ornata di svastiche ogni giorno a sparare a qualunque cosa che si muova con le loro “Schmeissers”? I tedeschi divennero nazisti dal 1933, ma allo stesso tempo non cambiarono esternamente e neanche internamente. Continuavano ad amare come prima i loro figli e le loro mogli, ascoltavano buona musica e poesia. Probabilmente aiutavano le vecchiette ad attraversare la strada. È difficile dire cosa li rese diversi da ciò che erano prima di divenire nazisti. In un primo momento rimasero persone abbastanza normali e anche rispettabili. E’ solo ora, con il senno del poi vediamo che non erano normali. La caratteristica dei nazisti tedeschi era la loro fede nella loro eccezione, la convinzione di essere il popolo eletto. Eletti non per ricchezza o per talento, ma solo perché appartenevano alla grande razza tedesca, la schiatta degli “ariani”. La seconda caratteristica distintiva è la totale assenza di rimorso e compassione per coloro che non avevano il loro stesso sangue. Al contrario, l”inferiore’ umiliava il vero ariano testimoniandone origini dubbie. Penso che non valga la pena di continuare ad elencare altri tratti, tutti sanno la Storia. Ma torniamo ai nostri affari ucraini. Sono d’accordo con il mio collega che sull’Ucraina spesso si parli dei nazisti in modo spiritoso, o in assenza di argomenti. Dove è più facile attaccare un’etichetta per arrivare al fondo delle cose. Gli ucraini che ho incontrato puntano l’indice alla testa e si chiedono se siamo diventati matti in Russia, prendendoli per nazisti. No, non siamo pazzi. Io onestamente cerco di vedere chiaramente e sapere se ci sono nazisti nell’Ucraina contemporanea. Penso che ci siano, non perché qualche moccioso di “Pravij Sektor” o dei cosiddetti ultras del calcio usino simboli nazisti leggermente camuffati, riprendano l’uniforme della Wehrmacht con berretto, giacca, cintura. Non perché sia stato tradotto in ucraino il saluto nazista “Sieg Heil!”, come “Gloria all’Ucraina-Gloria agli eroi”. E’ solo il mimetismo di un senso di debolezza e infantilismo: presumibilmente, se vi piacciono i grandi e terribili soldati nazisti, ereditereste parte della loro gloria e forza.
Uomini e donne seri e rispettabili, che lavorano onestamente in ufficio e in fabbrica, pagano le tasse, crescono i figli, non indossano svastiche ma camicie ricamate, al massimo. E almeno non si ritengono dei nazisti. Sono solo convinti della loro superiorità sui “vatniks” (“piumini” indumenti indossati in Russia d’inverno dai lavoratori che lavorano all’esterno, e soprannome dato al popolo della regione mineraria del Donbas, in riferimento alle sue origini proletarie) e “dorifora” (alludendo ai colori del nastro di San Giorgio, emblema patriottico russo) in altri termini ai russi tout court, pur essendo ucraini. Oggi, per un vero ucraino i russi non sono abbastanza umani, proprio come gli schiavi per gli ariani. E come gli ariani, oramai estinti, compassione o semplice comprensione per i “vatniks” sono una vergogna, quasi un tradimento. Le donne ucraine sono sinceramente preoccupate per i loro mariti e figli inviati a combattere, e piangono ad ogni notifica di morte dall’area in cui si svolge l’operazione antiterrorismo (eufemismo di Kiev per evitare di parlare di guerra civile), una semplice reazione umana e normale. Ma quando bruciano vivi coloro che manifestavano contro Majdan nella Casa de sindacati di Odessa, quando strangolato donne in gravidanza, quando uccidono i feriti con mazze da baseball, queste madri e mogli, con i loro mariti e figli fanno gli spiritosi scambiandosi sui social network battute su “grigliate come Odessa” o “bistecche ben cotte”. Mentre i quotidiani assassini di “terroristi” nel sud-est, compresi bambini, sono motivo d’orgoglio per la classe media ucraina. Andava bene quando s’invocava lo sterminio di milioni di persone del proprio Paese pur di non avere più impedimenti ad essere orgogliosamente degli europei, che agli occhi degli ucraini “di coscienza”, sono sinonimo di razza suprema. E non solo per gli ucraini “di coscienza”. Molto prima di Majdan a Kiev, la fede nella superiorità intrinseca dei valori europei divenne un’ossessione per i popoli baltici. “Il vaccino contro il nazismo”, come ha osservato Vladimir Putin, perde la sua efficacia in certi Paesi d’Europa. E ciò non si vede sempre. Apparentemente, gli ucraini che ci sono così vicini e cari, sono rimasti gli stessi di prima: non indossano una divisa nera, si possono sempre visitare, possiamo parlare russo in pace per le strade di Kiev e Lvov. Forse non tutti diventano nazisti, o meglio non tutti hanno partecipato alla Marzabotto di Odessa. Ma qual è la differenza tra i nazisti convinti e coloro che li supportano? Per coloro che vengono uccisi, nessuna. Così non s’inquietano.

kill-kirill-1 pravy-sektor-vk-02

Il ripugnante pornogiornale ilmanifesto ha sempre svolto operazioni di disnformazione diosorientamento, dipingendo a tinte fosche tutti gli avversari dell'imperialismo atlantista, e giustificando sempre le guerre d'aggressione e gli interventi 'umanitari' della NATO. Tale cloaca deve seguire il destino di altri fogli della propaganda atlantista, come l'Unità e Liberazione.

Il ripugnante pornogiornale ilmanifesto ha sempre svolto operazioni di disinformazione dipingendo a tinte fosche tutti gli avversari dell’imperialismo atlantista, e giustificando sempre le guerre d’aggressione e gli interventi ‘umanitari’ della NATO. Tale cloaca deve seguire il destino di altri fogli della propaganda atlantista, come l’Unità e Liberazione.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Perché la teoria della cospirazione Putin-oligarchi è uno strumento per destabilizzare la Russia

Rostislav Ishenko, Presidente del Centro per l’analisi e la previsione sistemica – Actual Comment10696311Nelle ultime settimane, internet è inondata da contenuti che sviluppano e giustificano la teoria del complotto secondo cui, su pressione degli oligarchi, Putin (vorrei sottolineare Putin piuttosto che il governo russo), ha accettato di eliminare la Novorossija e ora, nel quadro del processo di Minsk, presumibilmente completerà la distruzione delle Repubbliche di Donetsk e Lugansk. Mentre la situazione peggiora a Kiev dove i media locali e radicali accusano Poroshenko dell’accordo di Minsk, un “tradimento dell’Ucraina”, numerose pubblicazioni russe su internet sono dedite al tema del “tradimento” della Novorossija di Putin.
Lo formula di tale accusa si compone di tre parti:
1. Si segnala che le sanzioni occidentali hanno causato perdite enormi agli oligarchi russi che fanno pressione su Putin per por termine alla politica estera attiva e fare della Russia un dominio statunitense.
2. L’arresto dell’offensiva d’agosto e l’inizio del processo di Minsk, in contrasto con i fatti, sono dettati dalla volontà malvagia di Mosca che trama alle spalle della milizia con l’occidente. Ignorando l’incapacità della milizia di sviluppare una vera offensiva di grande profondità, gli ‘addetti ai lavori’ la pretendono che alcuni miliziani “avrebbero preso Marjupol in due giorni”, sebza spiegare perché non presero l’aeroporto di Donetsk (davvero ben fortificato da Stalin) e le città di Shastje e Stanitsa Luganskaja, e non poterono chiudere definitivamente la sacca di Debaltsevo. Inoltre, in questa parte si accentua il ruolo di Strelkov che a mani quasi nude per molti mesi avrebbe combattuto orde blindati di Kiev. Inoltre, contrariamente ai fatti, si sostiene che una volta rimosso dal Donbas, gli altri comandanti iniziarono a subire sconfitte.
3 Infine, l’ultima parte della tesi è che il governo russo e Putin personalmente hanno tradito e ingannato non solo la Novorossija, ma anche la Russia e i patrioti, e di conseguenza sia naturale un necessario cambio di potere al Cremlino, da Putin a un patriota russo. Il patriota nuovo come viene spesso definito, è Strelkov.
Tale campagna anti-Putin si diffonde sulla rete come un incendio boschivo e inghiotte molti blogger rispettati. E’ evidente che gran parte delle persone interessate (tra cui molto probabilmente Strelkov con i suoi posse e fan) ne sono ignare e sbagliano onestamente, trasmettendo le loro idee sbagliate ad altri. Tuttavia, la campagna per screditare Putin non è iniziata per caso e ha come obiettivo ben definito l’indebolimento (e idealmente il rovesciamento) delle autorità russe. Entro la fine dell’estate è apparso chiaro che gli Stati Uniti hanno subito una pesante sconfitta in Ucraina. Il crollo del regime sotto il peso dei propri crimini e della catastrofe economica è questione di tempo (sempre più vicino). Il riconoscimento della natura nazista delle autorità ucraine, almeno in l’Europa, fermenta. Kiev non può più contare sui mezzi militari per risolvere il problema della Novorossija: i poteri di Kiev si dividono in fazioni in guerra e gli insorti nazisti sono meno inclini ad obbedire ai politici di Majdan. Reclamano il potere e sono pronti ad uccidere i loro alleati liberali. In generale, non ci resta che aspettare e l’Ucraina cadrà dritto nelle mani di Putin come un frutto maturo. L’occidente deve quindi non solo accettare, ma anche benedire un tale risultato. Le sanzioni non hanno avuto alcun impatto serio sull’economia russa. Il calo dei prezzi del petrolio potrebbe non essere troppo profondo e prolungato per devastare le finanze russe, perché con un prezzo inferiore agli 80 dollari al barile, i sauditi e le compagnie petrolifere statunitensi verrebbero espulsi assai più velocemente rispetto al settore petrolifero e gasifero russo.
I liberali non possono con i loro slogan anti-corruzione e “universali” nelle piazze raccogliere granché persone. Sono una folla di bohémien con i loro “Rain” e “Echo” ancora più utile al governo russo, dimostrando ilo volto sgradevole dell’opposizione. Non sono ipnotizzatori, ma dilettanti avidi che pensano che il popolo russo sia bestiame e che odiano perché non li adora. Con il loro ordine del giorno non possono scuotere la situazione politica interna in Russia. Ma in Russia ci sono sempre i patrioti. Il campo patriottico riunisce persone da tutto lo spettro politico e ideologico. Ci sono i comunisti (dai moderni comunisti liberali agli irriducibili stalinisti e leninisti, i fautori del ritorno agli insegnamenti di Marx nella forma originaria, non offuscata dalle opere dei leader della rivoluzione russa). Vi sono gli anarchici di tutte le sfumature possibili, i monarchici (dai costituzionalisti ai sostenitori della restaurazione ai fan della vita politica russa pre-Pietro il Grande). Ci sono gli ortodossi (vocerkovlene e nevocerkovlene, clericali e rinnovatori, centurie nere e vecchi credenti). Ci sono anche i nazisti russi, alcuni dei quali combattono con Kiev, mentre altri sostengono la milizia. Tutto sommato è una società molto colorata, i cui membri in altri momenti erano disposti a combattersi fino all’ultima goccia di sangue, ma che ora sono uniti nella lotta per gli interessi nazionali della Russia. Hanno un problema: vogliono una vittoria immediata. Sono avversari delle manovre politiche e credono che Putin debba semplicemente “calpestarsi i piedi” e respingere gli statunitensi nelle Montagne Rocciose e nelle foreste del Vermont, e la milizia dovrebbe essere rafforzata dall’esercito russo in modo che, entro una settimana o due, prenda Kiev.
Tutto sommato, si tratta delle stesse persone che nell’agosto 1914, in stato di torpore patriottico, saccheggiarono l’ambasciata tedesca esprimendo sostegno all’amato monarca che iniziava la guerra, e che due anni e mezzo dopo, nel febbraio 1917, con non meno furia rovesciarono lo stesso monarca incapaci di accettare relativamente piccole difficoltà e perdite militari. Queste persone sono il bersaglio di una propaganda contro la cauta e misurata politica Estera di Putin, che già da quindici anni ha permesso alla Russia, pur essendo in una posizione debole sulla scena internazionale, di conquistare vittoria dopo vittoria rafforzandone l’autorità a costi minimi. Sono convinti che possiamo vincere presto e subito, che la Russia non ha ancora eliminato la rivolta nazista in Ucraina solo perché la leadership è intimidita ed è incantata da certi oligarchi. Nella sua versione ‘light’ tale campagna dovrebbe indebolire il sostegno pubblico a Putin, e opporlo ai quei patrioti suoi alleati naturali. La variante più greve presume che patrioti armati, combattenti in Novorossija, si gettino contro Putin rafforzati dalle masse patriottiche di Mosca scontente del “debole governo”. Con l’aiuto di esperti combattenti di strada delle organizzazioni patriottiche, e idealmente aiutati dai volontari armati della Novorossija, Putin dovrebbe affrontare tali problemi politici interni, dimenticando l’Ucraina.
La Russia di nuovo deve essere distrutta per mano dei patrioti russi impazienti, precipitando il Paese nel conflitto civile. E il fatto che “i patrioti impazienti vogliono il meglio e più giustizia” non è giustificato. Una volta lessi le memorie di un artigliere che criticò aspramente Stalin per la dura pianificazione e le improprie operazioni strategiche nella seconda guerra mondiale. L’artigliere spiegò che era in prima linea e sapeva meglio del Comandante-in-capo “come combattere correttamente”. I patrioti impazienti appaiono ridicoli come l’artigliere, ma possono fare assai più danni nella loro ingenuità. Mentre spezzano l’unione tra Putin e il pubblico patriottico (e alcuni ripetono lo slogan “Strelkov for President!” senza rendersi conto che spacciano solo fumo, l’immagine mediatica di un eroe e non di una persona reale), i patrioti impazienti aiutano l’ambasciatore Tefft a risolvere l’irrisolvibile paradigma liberale, compito universale per organizzare una rivoluzione colorata a Mosca. I 15 anni di successi di Putin non sono abbastanza convincenti. Preferiscono vivere tra le proprie fobie e i propri complessi infantili, ma è il momento di crescere.

Altra figura dell'estremismo anti-Putin (un rasputiniano), è Edvard Limonov, ovvero Edvard Savenko. Fino al 2013 partegiava per il rovesciamento del governo Putin affiancandosi con elementi neocon come Garry Kasparov, (l'altro personaggio nella foto)

Altra figura dell’estremismo anti-Putin (un rasputiniano) è Edvard Limonov, ovvero Edvard Savenko. Fino al 2013 partegiava per il rovesciamento del governo Putin affiancandosi ad elementi come il neocon Garry Kasparov, (l’altro personaggio nella foto) e diversi figuri comprati dalle ONG statunitensi e dalla CIA per organizzare una rivoluzione colorata a Mosca, nel dicembre 2011-marzo 2012, volta ad impedire l’elezione di Putin.

Strelkov e il blogger el-Murid, ovvero

Strelkov e il noto blogger russo el-Murid, ovvero Anatolij Nesmejanov. El-Murid durante l’aggressione alla Libia, svolse un’efficace informazione sugli eventi a supporto della Resistenza della Jamahiriya, finchè alla vigilia dell’invasione di Tripoli, nell’agosto 20’11, capovolse totalmente posizione indondando disinformazione e vera e propria merda mediatica dal suo blog, arrivando ad irridere e disprezzare ciò che difendeva solo 24 ore prima.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

ANPI, la Gladio dei neocon dall’Iran all’Ucraina

Nazipiddini in rotta confessano: “tutta colpa di Aurora
Alessandro Lattanzio, 15/10/2014

La verità sarà rivelata un giorno. La verità non muore mai. Non m’interessa quello che succede. Ho avuto tre infarti e non ho figli, quindi se vogliono mandarmi in tribunale o in prigione, ne vale la pena per la verità“.

Campagna promozionale dell'ANPI a Kharkov a sostegno dei camerat...  compagni diversamente antifascisti in Ucraina.

Campagna promozionale dell’ANPI a Kharkov a sostegno dei camerat… compagni diversamente antifascisti in Ucraina.

voerzio3L’ANPI di Vittorio Veneto infine ripiega dal proposito di indire un’inziativa in sostegno ai golpisti naziatlantisti a Kiev, probabilmente un rigurgito di nostalgismo per le operazioni combinate anti-jugoslave tra X MAS, brigata partigiana anticomunista Osoppo, cosacchi del generale ex-sovietico traditore Vlassov, unità di CIC, SOE, Abwehr e Brandenburg, indicendo per il 18 ottobre tale “iniziativa”, in linea con la kermesse naziatlantisa tenutasi il 14 settembre a Buscate (Milano), sotto il patrocinio del PD-PdL-Lega, dove si raccoglievano sia fondi per finanziare le bande neonaziste ucraine, sia le appassionate testimonianze del mercenario neo-fascista Fontana, preso dall’entusiasmo che provava nel bruciare vive persone ad Odessa e ad uccidere donne e anziani a Donetsk. Fontana viaggia tranquillamente tra “fronte interno” italiano e “prima linea” ucraina con il beneplacito dei servizi segreti italiani (legatissimi al PD, che ne ha nominato i vertici), tramite la rete Gladio, cui aderiscono non solo i nazisti Voerzio, Prevedello e Di Pasquale ma anche “giornalisti freelance” come Attanasio e soprattutto l’agente d’influenza statunitense Cazzulani, giovane promessa del PD, “esperto” di Europa orientale, Ucraina, Polonia, ecc. oltre che “pasionario” portavoce in Italia della “pasionaria” Julija Timoshenko, oligarca mafiosa, mandante di omicidi e una delle principali responsabili del disastro socio-economico ucraino; ma non per questo lo “spirito di solidarietà democratico” del PD viene meno, e il legalismo può anche andare all’inferno se si tratta di seguire gli ordini della CIA e della sua agente nel governo italiano Federica Mogherini.
Matteo Cazzulani, in partenza per gli Stati Uniti, destinazione Filadelfia, dove svolgerà attività di collaborazione con istituzioni democratiche italo-americane, è stato negli anni scorsi un giovane giornalista attento osservatore dei fatti di Polonia e Ucraina. Ha scritto sulla rivoluzione arancione, ha seguito come corrispondente da Kyiv il processo contro la Tymoshenko. In questo libro offre una chiave interpretativa fondamentale per capire la crisi dell’Ucraina di oggi, cerniera energetica tra Europa e Russia”. Le perle si saggezza dell’agente della sovversione statunitense Matteo Cazzulani, come questa, “La mentalità sovietica e l’anti americanismo culturale sono i più solidi alleati della propaganda di Putin”, ricordano abbastanza caninamente le perle di saggezza dell’agente della CIA Mogherini: “E sì, certamente la Russia di Putin ha rivitalizzato un atteggiamento di egemonia regionale che accentua la competizione con “l’Occidente”, senza dubbio alcuno”.

Matteo Cazzulani, 'esperto' di Ucraina e braccio destro di Gainni Pittalla

Matteo Cazzulani, ‘esperto’ di Ucraina e braccio molto destro dell’eurodeputato PD Gianni Pittella

A proposito di giornalisti e free-lance, ecco cosa ne dice il giornalista tedesco, con 25 anni di carriera, Udo Ulfkotte sulle menzogne diffuse dai mass media. Afferma che lui stesso fu convinto a mentire, ed oggi denuncia la propaganda di guerra dei media contro la Russia. “Stanco delle menzogne ​e di vivere in una repubblica delle banane senza una vera stampa indipendente. Alcuni suoi colleghi fanno parte di organizzazioni atlantiche che sostengono la propaganda degli Stati Uniti. Molti giornalisti sono “agente sotto copertura non ufficiali“. Udo Ulfkotte infatti ha lavorato sia per la Frankfurter Allgemeine Zeitung che per la CIA. Il suo compito era diffondere la propaganda filo-USA e filo-UE. (Ricorda un certo Cazzulani e un certo Attanasio?) “Organizzazioni atlantiste invitano i giornalisti, corteggiandoli pagandogli i viaggi e quindi corrompendoli, divenendo progressivamente “agenti sotto copertura non ufficiali” di cui la CIA può negare qualsiasi legame, se necessario. Ciò é particolarmente vero per i giornalisti tedeschi, inglesi, israeliani, australiani, neozelandesi e naturalmente francesi” (e italiani). Peggio, il giornalista dice che gli venne recapitato un articolo già scritto su Gheddafi e gli chiesero di firmarlo per pubblicarlo sulla Frankfurter Allgemeine Zeitung. (Cazzulani ha un ‘negro’ alla casa Bianca?) L’articolo era stato scritto dall’intelligence tedesca BND. “La verità sarà rivelata un giorno. La verità non muore mai. Non m’interessa quello che succede. Ho avuto tre infarti e non ho figli, quindi se vogliono mandarmi in tribunale o in prigione, ne vale la pena per la verità“. Tanto di cappello Signor Ulfkotte. Fawkes

Ma ovviamente il “partigiano” Antonini, che dovrebbe quindi avere circa novant’anni, ci tiene ad indicare che il nemico sono i ‘rosso-bruni’, come insegna il famoso bardo dell’“antifascismo” targato Mondadori, (della nota famiglia rossa dei Berlusconi), Valerio Evangelisti.

Il counicato del compagno 'diversamente' antifascista Di Pasquale.

Il comunicato del compagno ‘diversamente’ antifascista Di Pasquale.

Annullato il Convegno di Vittorio Veneto sulla crisi ucraina
Il Convegno intitolato Ucraina: terra di confine? previsto per sabato prossimo e organizzato dalla sez. Anpi di Vittorio Veneto, con la partecipazione di giornalisti e opinionisti vicini alla causa del nazionalismo ucraino, senza contrappesi e contraddittori, è stato annullato. Le motivazioni sono state addotte nel comunicato stampa diramato l’11 u. s. dal Direttivo della sezione stessa. La notizia aveva comprensibilmente suscitato clamore e proteste: per una volta ancora, a seguito del Convegno di Cadoneghe del 17 febbraio su Foibe e Confine orientale, invece tenutosi, articolazioni locali della nostra Associazione esprimevano il proposito di legittimare personaggi e sodalizi da sempre ostili all’Antifascismo, danneggiando seriamente l’immagine dell’Anpi. All’esterno non è contemplabile che si tratti di iniziative locali, ragion per cui, specialmente oggi con i social, ove tutto diviene fonte autorevole, si è immediatamente passati a trarre delle conclusioni generali sull’Associazione. Ne sono sortiti lettere e interventi, non tutti, va da sé, disinteressati. Se in molti sostengono giustamente che l’Anpi non debba in alcun modo supportare un nazionalismo come quello ucraino, coi suoi diretti, e fattivi, riferimenti al collaborazionismo filonazista nella Seconda guerra mondiale (si pensi alle famigerate SS ucraine che hanno seminato terrore e morte in tutta Europa, Italia compresa); altri, cui l’Antifascismo non può interessare di meno, hanno colto l’occasione per intorbidire le acque e infangare. È il caso del provocatore e calunniatore Alessandro Lattanzio, il cui post sul suo blog rossobruno “Aurora”, intitolato Anche l’Anpi al fianco dei nazisti ucraini, è stato il più condiviso e divulgato nella rete. (Bingo!)
Non bisogna dar pretesti a questi diffamatori. L’annullamento di questo Convegno è un passo avanti. È bene che l’Anpi promuova una seria riflessione sull’argomento in oggetto e, in linea con le sue prerogative e il suo Statuto, sostenga la causa delle organizzazioni antifasciste che si stanno battendo contro la giunta golpista di Kiev, nel ricordo dell’immenso tributo di sangue dato dalle popolazioni sovietiche per la sconfitta del nazifascismo.

Silvio Antonini
Presidente Cp Anpi Viterbo

Antifa supporter degli ucrofascisti

Antifa supporter degli ucrofascisti

Sì, perché se non fosse stato per il sito Aurora del “calunniatore e provocatore” Alessandro Lattanzio, il convegno di supporto ai nazisti attivi in Ucraina si sarebbe tenuto tranquillamente, con Antonini (e quelli come lui) che sempre tranquillamente avrebbe applaudito all’espressione di democrazia dell’ANPI in supporto della propaganda di coloro che in Ucraina uccidono e perseguitano antifascisti e comunisti, abbattono statue di Lenin, distruggono monumenti all’Amata Rossa e ai Partigiani che, al contrario del “partigiano” Antonini e dei suoi camerati della miniburocrazia nazipiddina, combatterono (e combattono) realmente il fascismo invasore in Ucraina. Ma non è la prima volta che l’ANPI, che Antonini dipinge come baluardo della democrazia e della resistenza, agisce da cinghia di trasmissione della sovversione atlantista, fiancheggiandone le reti terroristiche come Gladio. Tralasciando lo squallidissimo spettacolo dell’ANPI che supporta esplicitamente sionismo e azioni belliche d’Israele, qui e qui. E tralasciando le infinite kermesse dell’ANPI a supporto della sovversione atlantista-sionista in Medio Oriente e delle guerre civili scatenate dagli islamisti eterodiretti dalle intelligence della NATO, qui.
Maryam20Rajavi203 L’ANPI s’é scagliata anche contro l’Iran. Difatti va ricordato che l’ANPI, che blatera in continuazione di resistenza e lotta per la democrazia, seguendo sempre gli ordini del Mossad e della CIA trasmessi via PD, presenziò e sostenne la campagna propagandistica in Italia dell’organizzazione terroristica dei Mujahidin e-Kalq. I Mujahidin e-Kalq è un’organizzazione dedita al terrorismo stragista in Iran dove, su ordine del Mossad e delle intelligence statunitensi, compie agguati contro le forze dell’ordine locali, assassina ricercatori e scienziati iraniani ed iracheni, piazza bombe ed autobombe in località pubbliche, per terrorizzare la popolazione iraniana che supporta la propria Patria. La provincia di Cuneo, con il supporto dell’ANPI, infatti, organizzò un evento ospitando degli esponenti del MeK, “Rahimi ha risposto alle numerose domande dei presenti, tratteggiando il volto della Resistenza, che vede in prima linea proprio le donne, non a caso alla guida del Consiglio nazionale della Resistenza con Maryam Rajavi, di stanza a Parigi. Un’istanza immediatamente accolta dall’assessora provinciale alle Pari opportunità, Anna Mantini, moderatrice dell’incontro, che ha promesso la presentazione a breve di un apposito ordine del giorno provinciale per invocare il rispetto dei diritti universali in Iran (qui)”. Maryam Rajavi, così elogiata dai miserabili burocratelli nazipiddini dell’ANPI/PD, è il capo di tale l’organizzazione terroristico-stragista, una setta di estremisti armati e appoggiati dai vari nemici dell’Iran, da Sadam Husayn ai neocon statunitensi e al Mossad (qui).
All’inizio del 2013 il MeK aveva aperto un ufficio a Washington, registrandosi sotto lo pseudonimo di Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI), come lobby. È interessante notare che la registrazione include la dichiarazione che non riceve soldi da governi stranieri, sollevando la domanda se il MeK prenda denaro negli Stati Uniti”. (qui)

La compagna 'partigiana' iraniana dell'ANPI  Maryam Rajavi con Ileana Ros-Lehtinen, deputata neocon statunitense, è a capo della fazione anti-iraniana estremista del Congresso USA.

La compagna ‘partigiana’ iraniana dell’ANPI Maryam Rajavi con Ileana Ros-Lehtinen, deputata neocon statunitense, a capo della fazione anti-iraniana estremista del Congresso USA.

Maryam Rajavi e il rabbino Daniel Zucker, a capo del gruppo Americans for Democracy in the Middle East, accanito supporter sionista del the MEK

Maryam Rajavi e il rabbino Daniel Zucker, a capo del gruppo Americans for Democracy in the Middle East, accanito supporter sionista del MeK

Quindi è comprensibile l’irritazione di Antonini e degli altri mercenari burocratici nazipiddini per le “calunnie” del sottoscritto “rosso-bruno” contro l’ANPI, ente che pretende di onorare la Resistenza organizzando convegni per legittimare e supportare i vari arnesi della sovversione atlantista: gladiatori italiani, islamisti mediorientali, nazisti ucraini e terroristi sionisti. Insomma la feccia della Storia con cui Antonini, Cazzulani e camerati del PD si accompagnano, supportandone e legittimandone di fatto i crimini, in coerenza con la linea geopolitica dettata da CIA e Mossad.

L'ANPI nella realtà.

L’ANPI nella realtà.

logogladio

PS: Venghino siori, Venghino, iscrivetevi laddove nazipididni e nazisti senza complessi si danno la mano: Boicottiamo Aurora e Alessandro Lattanzio. Più gente entra, più bestie si vedono.

Katjusha, proteggimi tu (attenzione ai deboli di cuore e di animo, questo è un anime rosso-bruno):

La debacle militare della junta in Ucraina orientale

Alexander Mercouris (UK),  Oriental Review 9 ottobre 2014c9d5381e6d05d6ca4d58591cc7058e36Seguendo le stime pubbliche secondo cui il vero tasso di mortalità nell’esercito della junta nell'”operazione antiterrorismo” (ATO) potrebbe essere stato di 8000-12000 caduti, numerose osservazioni possono essere avanzate:
1. Tali cifre non sono certo verificate. Tuttavia non sembrano irragionevoli vista l’ammissione di Poroshenko che l’Ucraina ha perso nell’ATO qualcosa come il 65% dei blindati. Sembra anche che l’aviazione ucraina sia stata sostanzialmente annientata. Certamente ha cessato di essere presente nelle ultime settimane.
2. Supponendo che le cifre siano vere, allora l’Ucraina è stata testimone di un massacro inaudito in Europa dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Vale la pena dire che i combattimenti hanno raggiunto la massima intensità dopo la caduta di Slavjansk, il 5 luglio 2014, I combattimenti intorno Slavjansk a maggio e giugno furono d’intensità minore. Sicuramente quindi la maggior parte delle perdite ucraine sia dovuta ai combattimenti dopo la caduta di Slavjansk il 5 luglio 2014. In altre parole, è probabile che 8000-12000 soldati ucraini siano stati uccisi nei 2 mesi dal 5 luglio 2014 al cessate il fuoco del 5 settembre 2014. Se è così ciò significherebbe che l’Ucraina ha perso in tale periodo uomini a un tasso di 129-190 al giorno. Niente di paragonabile è accaduto in Europa dalla resa tedesca del 9 maggio del 1945.
3. Un altro modo di osservare la dimensione di tali perdite sarebbe considerare la proporzione che avevano nelle forze ucraine coinvolte nell’ATO. La maggior parte dei dati ricevuti indicano che la dimensione della forza nella regione fosse di 60-80000 uomini. Se la stima dei morti è 8000-12000, è quantomeno vero che tra un decimo (10%) e un quinto (20% ) di tale forza può ora essere morto. La realtà sarebbe sicuramente peggiore essendovi la certezza che una quota sproporzionata dei morti sarebbe composta dai soldati di prima linea, che rappresentano solo una parte della forza coinvolta nell’ATO. Una buona parte dei 60-80000 uomini nella forza ATO erano truppe di supporto e logistiche, che ci si aspetterebbe uscirsene con meno perdite. Una volta ho letto che il tasso di perdita di oltre il 5% in un’azione di combattimento è più di quanto un’unità possa ragionevolmente sopportare, e che qualsiasi dato oltre tale cifra renderebbe l’unità inutilizzabile. Se i dati di 8000- 12000 sono vicini alla verità, allora tale cifra del 5% è stata superata, nel qual caso l’esercito ucraino ha cessato di esistere come forza efficace.
4. Vorrei solo anche dire che è chiaro che il grosso delle perdite ucraine sono soldati dell’esercito regolare. E’ ovvio che nei combattimenti, le varie unità paramilitari di destra raramente fossero in prima linea, ma che siano state usate per terrorizzare la popolazione nelle retrovie.
5. La domanda è come sia successo una tale debacle? Anche se i dati di 8000-12000 perdite sono un’esagerazione, ci si deve ancora spiegare la perdita del 65% dei blindati ucraini. Le dichiarazioni secondo cui gli ucraini hanno combattuto contro l’esercito regolare russo chiaramente non sono vere, quindi non spiegano la debacle.
6. In primo luogo va detto che non vediamo assenza di coraggio o determinazione nelle truppe ucraine. Non c’è il crollo subito dall’esercito iracheno nei combattimenti con il SIIL, in cui i soldati guidati dai loro ufficiali semplicemente fuggirono. Piuttosto si tratta di un esercito dissanguato in settimane di logoramento terribile nei mesi estivi. Il fatto che le vittime possano essere così tante, non suggerisce mancanza di disciplina o coraggio delle truppe. Al contrario, suggerisce straordinaria disciplina e coraggio nelle truppe inviate nel tritacarne dai loro comandanti, con modalità che a un inglese come me suscitano i brutti ricordi della Somme. Le rivendicazioni di febbraio e marzo secondo cui l’esercito ucraino era così malridotto da Janukovich che praticamente aveva cessato di esistere, si dimostrano alla luce di ciò che è accaduto a luglio e agosto semplicemente false. Dubito fortemente della possibilità dei soldati occidentali, oggi, di poter combattere per così tanto tempo subendo perdite su tale scala.
7. Penso che la spiegazione della debacle sia semplicemente la disastrosa leadership della junta.
8. E’ chiaro che da quando la junta ha preso il potere a febbraio, la leadership militare professionale ucraina non sia affidabile. Il comando operativo dell’ATO sembra sia stato dato a psicopatici dilettanti come Parubij, Jarosh, Avakov e Ljashko. Dopo la riunione del Consiglio di Sicurezza del 30 giugno 2014, che decise di riprendere l’offensiva, il generale Kovalov (“Koval”), poi ministro della Difesa della junta, che era almeno un soldato professionista, si dimise o più probabilmente fu dimesso (presumibilmente trasferito, dopo di che sembra scomparso). Probabilmente ha contestato la ripresa dell’offensiva. Andato via, il comando dell’esercito passò a persone come Parubij, Avakov ecc. che non hanno alcuna idea della guerra. Furono raggiunti da Geletej, nuovo ministro della Difesa, un agente della sicurezza piuttosto che soldato. Non avendo alcuna comprensione della guerra o conoscenza del comando militare, costoro poi hanno trascorso il resto dell’estate a scagliare l’esercito ucraino fino a distruggerlo attaccando ripetutamente le posizioni delle FAN, mentre bombardavano indiscriminatamente zone residenziali e scagliavano i loro criminali nazisti a uccidere e terrorizzare i civili. A peggiorare le cose, e a ulteriore dimostrazione della loro ignoranza e arroganza, scelsero di combattere la guerra seguendo il calendario, fissando la scadenza arbitraria del giorno dell’indipendenza ucraina del 24 agosto 2014, per la vittoria.
9. Per contro, le FAN ad un certo punto hanno chiaramente acquisito una corretta leadership militare professionale con personale adeguato e un comando generale composto da ufficiali di Stato maggiore in pensione di Mosca che hanno istituito il comando nella città orientale di Krasnodon, al confine russo. Sappiamo molto poco di queste persone, ma Strelkov ha indirettamente ammesso che uno dei motivi del suo licenziamento era far posto a una leadership militare più professionale, cosa che non possiede non essendo un soldato professionista. Potrebbe riferirsi al personale di Krasnodon, che da parte sua sembra aver combattuto una battaglia difensiva nel classico stile sovietico, incentrato su città come Donetsk e Lugansk per avere uno sbarramento dietro cui costituire una riserva corazzata per la controffensiva. Un fiero parallelo (anche se ovviamente combattuta su scala incommensurabilmente più grande) potrebbe essere la battaglia di Kursk.
Questo almeno è la mia interpretazione del disastro dell’ATO. Naturalmente non avrebbe mai dovuto essere lanciata. E chi l’ha fatto è un criminale. Però la mia lettura riguarda il comportamento verso i civili, massacrati indiscriminatamente, e verso gli sventurati soldati ucraini inviati al macello. Chi si pretende vero patriota ucraino dovrebbe oggi condannare non Putin e i russi, ma coloro che tra grida inane “Gloria all’Ucraina”, sono responsabili di aver mandato a morte tanti figli dell’Ucraina.

10569075Alexander Mercouris è un ex-avvocato inglese, esperto di diritto internazionale.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

104174899102014_original

Majdan sul Danubio

Laurent Caillette, Dedefensa99255933L’articolo “Ungheria (e Europa) nel mirino di Nuland” (vedi Dedefensa, 4 ottobre 2014) getta le basi per uno scenario in stile Majdan in Ungheria, che per quanto brutto sembra vero. Detto ciò dobbiamo tener conto di alcuni fattori che differenziano l’Ungheria dall’Ucraina, il principale è l’incapacità di un conflitto di rimanere entro i confini. A differenza dell’Ucraina, l’Ungheria è un Paese reale con un vero governo e una potente omogeneità linguistica. Da quel lato, le linee di faglia si trovano all’esterno (minoranze di lingua ungherese in Romania, Slovacchia, Serbia e Ucraina…). Orbán ne è consapevole dato che ha avviato un programma per far acquisire la doppia cittadinanza agli ungheresi all’estero, anche se ciò significa far irritare i governi confinanti. Forse si tratta di una manovra elettorale, almeno immaginando che il brav’uomo non esiti un secondo ad esportare un po’ di disturbi nei Paesi vicini, se necessario.
Poi l’estrema destra impersonata da Jobbik ha poco a che fare con i nazisti ucraini. Jobbik è una creazione recente, probabilmente per raccogliere il malcontento popolare tagliando l’erba sotto la possibile rinascita comunista. Nei primi anni 2000 Jobbik era anche un think tank del Fidesz (il partito di Orbán), tra i primi a parlare di maggiore cooperazione con Russia e Cina. A parte che Jobbik tira fuori le uniformi con le croci frecciate e 2-3 svastiche per le parate, bruciando bandiere stellate (blu e gialle) e illustrando un’avversione elettorale per i rom. Sebbene i rom siano il 10% della popolazione ungherese, sono poveri, politicamente inesistenti e possiamo anche dire che la loro cacciata non cambierebbe l’equilibrio strategico, come invece per l’Ucraina russofona. In situazioni di conflitto armato, piuttosto Jobbik è dalla parte di Orbán. Molto prima di fornirci queste pepite d'”illiberalismo”, Orbán aveva parlato più volte di un futuro da costruire ad est. È già vero con l’approvvigionamento energetico del gas e l’importazione di centrali nucleari russe. Allo stesso tempo, le sovvenzioni dell’UE vanno bene, anche quando si tratta di riempirsi le tasche tra amici. Per ora è tutto tranquillo perché il fiorino può giocare sul tasso di cambio e c’è ancora inflazione zero (bassi salari e potenziale deregolamentazione). L’ideale sarebbe persistere abbastanza da rafforzare l’abitudine delle élite locali alla pozione magica dell’UE, per poi fargli acquistare qualsiasi cosa. Ma ecco che l’ortodossia europeista non si ferma; come sempre deve avanzare in modalità turbo. Il nervosismo di Victoria Nuland dimostra anche che Orbán ha ben capito i limiti dell’UE, giocandoseli bene e persistendo ancora. Uno scenario tragicomico sarebbe un’Unione europea incapace di far godere della propria generosità l’Ungheria, con la secessione della Catalogna assieme al collasso bancario, per esempio, e Orbán potrebbe dire addio a Bruxelles prima di cercare logicamente miglior fortuna in Oriente. Sventolando la bandiera della NATO con meno orgoglio sulla facciata del Ministero della Difesa, i gendarmi mondiali ci potrebbero riservare una “Majdan 2” di riflesso e al passo con la realtà. L’hanno fatto in Siria e Ucraina, nessun motivo per fermarsi quindi. L’aspetto ottimista sarebbe l’Ungheria che abbandona la propria russofobia contratta all’epoca dell’Unione Sovietica.
A Budapest l’ambasciata statunitense si trova nella Szabadság tér (Piazza della Libertà!) di fronte alla sede di MTV Televízió, che non ha nulla a che fare con MTV. In tre anni l’ambasciata è divenuta una specie di fortino con massicce palizzate d’acciaio a protezione dell’ingresso. Costose da costruire, e ancor più costose da togliere.

20063Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Perché Obama ha perso la guerra in Ucraina

Eric Zuesse, Global Research, 3 ottobre 2014

00-vitaly-podvitsky-do-you-wanna-warm-up-dear-2014

Vuoi riscaldarti, cara? (scritta ‘carbone’ sul sacco)

Quando il presidente Obama ha preso il controllo di Ucraina nel febbraio 2014 con un colpo di Stato contro il presidente democraticamente eletto, piuttosto che con una vera e propria invasione statunitense, il nuovo governo imposto a Kiev è democraticamente assai vulnerabile. L’uomo che Obama ha rovesciato era stato eletto in modo schiacciante nelle regioni di Crimea, Donetsk e Lugansk nel sud-est dell’Ucraina e ampiamente altrove nel sud-est; gli elettori del sud-est dovevano essere eliminati (sterminati e/o espulsi dall’Ucraina), al fine di consolidare il nuovo regime ucraino pro-USA (sostenuto solo dagli elettori nel nord-est dell’Ucraina), se l’Ucraina avrà mai restaurata la democrazia, avrà i nuovi governanti antirussi piazzati da Obama. Ma la Crimea subito si staccava dal nuovo governo, e le truppe russe entravano in Crimea per proteggerla dall’azione militare pianificata dagli Stati Uniti per impedirne la fuga, e la Crimea poi subito tenne il plebiscito a marzo sostenendo in modo schiacciante il ricongiungimento con la Russia, la Crimea non ha mai lasciato volontariamente la Russia: il leader dell’URSS Krusciov aveva donato la regione russa della Crimea all’Ucraina nel 1954, e la Crimea ne fu sempre nettamente contraria. Poi, altrove nel sud-est dell’Ucraina, la popolazione ha occupato gli edifici governativi e rifiutato di accettare il nuovo governo golpista antirusso ucraino. Obama e i suoi nuovi dirigenti dell’Ucraina non lo gradivano ed erano determinati a fermare la ribellione, avviando una campagna di pulizia etnica per eliminare gli elettori nel sud-est (tranne in Crimea, ora difesa dalle truppe russe, per cui Obama non avrebbe sostenuto l’intento del suo regime golpista di estendere la pulizia etnica immediatamente in Crimea e anche di distruggere la Russia; Obama considerava l’intento prematuro, il suo programma di pulizia etnica sarebbe stato applicato in altre parti del sud-est).
Nessuno può capire la sconfitta di Obama in Ucraina se non sa che ha imposto in Ucraina un governo che ha avvito la pulizia etnica per sbarazzarsi delle popolazioni delle regioni che avevano votato per l’uomo che Obama ha rovesciato. È fondamentale saperlo, in modo da avere la possibilità di capire il motivo per cui Obama ha perso tale guerra che ha iniziato con il suo golpe di febbraio. In realtà, l’uomo che la squadra di Obama ha scelto per programmare la pulizia etnica ha annunciato, a giugno, che ci sarebbero stati campi di concentramento per tutti coloro che nel sud-est sostenevano il separatismo. La linea ufficiale degli Stati Uniti è che la popolazione nel sud-est sono “terroristi” che bombardano la propria gente procurandogli problemi; o come ha detto Christia Freeland su The New York Times, “Questa non è una guerra civile“. Il regime statunitense ha sempre strenuamente sostenuto ciò che il nuovo governo ucraino fa nel sud-est, in particolare la pulizia etnica. Uno dei motivi di tale linea, secondo cui i separatisti bombarderebbero la propria gente, è falso (oltre che essere semplicemente ridicolo), dato che la guerra civile non iniziò prima del 2 maggio, quando ci fu il massacro di pacifici oppositori al governo imposto da Obama, compiuto dai suoi sostenitori inviati a Odessa da Kiev per l’occasione, compiendo il massacro nella casa dei Sindacati. Questo massacro è stato co-ideato e finanziato da Igor Kolomojskij, miliardario ucraino che ha assunto il figlio di Joe Biden e occupato il governatorato locale grazie alla squadra di Obama. Il dipartimento di Stato degli Stati Uniti aveva indetto una conferenza stampa il 29 luglio affermando che Stati Uniti ed UE sono “uniti nella determinazione a rispondere all’intensificata l’aggressione russa”. Il pubblico di giornalisti (il solito gruppo di stenografi della burocrazia USA) pose alla portavoce del governo statunitense domande volte a infangare ulteriormente le vittime ucraine degli USA (in particolare la popolazione bombardata), e lei disse, “Naturalmente, sosteniamo la de-escalation. Ma la maggior parte, stragrande parte, dell’escalation è dovuta ai russi… e ai separatisti russi” (termine ufficiale occidentale per le popolazione che bombarda), affermando che sono loro, e non il governo ucraino (che bombarda i villaggi ‘separatisti’), responsabili dell'”escalation” nella guerra civile ucraina che gli Stati Uniti hanno iniziato, e di cui ora finanzia il regime nazista che tormenta quei cittadini ucraini; cioè, coloro che gli USA accusano essere causa del problema. Devono liberare la terra nel sud-est dell’Ucraina, in modo da consentire alle compagnie petrolifere di estrarre il gas shale ucraino. Solo che di ‘tali’ compagnie del fracking, la più grande è di proprietà dell’oligarca Igor Kolomojskij, i cui agenti negli Stati Uniti sono il figlio di Joe Biden, Hunter Biden, e qualcun altro assunto dalla cricca di John Kerry. Ci sarebbero stati anche molti altri vantaggi per l’aristocrazia statunitense se Obama avesse vinto in Ucraina, ma la maggior parte di tali benefici saranno persi se i giacimenti di gas nel sud-est dell’Ucraina non potranno essere venduti (“privatizzati”) alle compagnie petrolifere occidentali, e a buon prezzo, dal governo ucraino che deve rimborsare quasi 30 miliardi di dollari che Stati Uniti, UE e FMI gli hanno prestato per finanziare il programma di pulizia etnica, fondamentale per la privatizzazione. Se tali prestiti non funzionano, i contribuenti occidentali saranno costretti a rimborsare i creditori in Ucraina, in quanto i cittadini occidentali pagano le tasse. Tuttavia, il nostro governo ucraino non è riuscito a sbarazzarsi di un numero sufficiente di ucraini. Come Christine Lagarde del FMI ha avvertito il 1° maggio (poco prima del massacro di Odessa che avviava la pulizia etnica per eliminare gli elettori indesiderati del sud-est dell’Ucraina), la “perdita del controllo economico sull’est (perdita dei redditi dal fracking) riduce le entrate del bilancio (ucraino) richiedendo una ricalibrazione significativa del programma (prestiti); (mettendo fine) a ulteriori finanziamenti, anche dai partner bilaterali dell’Ucraina”, Stati Uniti e UE.
A cosa fatte, quei “partner bilaterali” hanno ormai prestato all’Ucraina tutto ciò che possono o vogliono, e il lavoro è lungi dall’essere finito. Al meglio, in prospettiva, una qualsiasi continuazione porta a una lunga estenuante guerriglia per cui l’occidente non ha né denaro, né volontà. Quindi: “la perdita di controllo economico sull’est” da parte occidentale significa che Obama ha, in effetti, perso la sua guerra ucraina, e che i contribuenti e gli utenti occidentali saranno costretti a rimborsare il FMI (tramite aumento di tasse e riduzione dei servizi) per perdite superiori ai previsti 30 miliardi di prestiti all’Ucraina. Il FMI ha agito da intermediario degli aristocratici occidentali (come fa sempre), proteggendoli dalle perdite nei loro investimenti internazionali, in modo che i governi del FMI (contribuenti e utenti) assorbano le perdite di un qualsiasi aristocratico. Naturalmente, nelle puntate vincenti, i patrizi si trattengono tutti i guadagni. Nel frattempo, il pubblico (contribuenti ed utenti) di qualsiasi Paese che accetti prestiti dal FMI viene voracemente spogliato, come i cittadini ucraini vedranno. Ma l’affare ucraino di Obama è una delusione totale tranne che per i fabbricanti di armi. Povero Barack Obama, dovrà aspettare finché sarà licenziato prima che i miliardi inizino a piovergli (come già accade al suo amico ed ex-subalterno Timothy Geithner). Il motivo è che Obama ha perso i residenti del sud-est dell’Ucraina che preferiscono combattere fino alla morte che cedere ai suoi nazisti. A differenza degli ebrei nella Germania nazista, i russi che vivono in Ucraina hanno le loro armi, quelle che strappano alle truppe ucraine che eliminano e anche quelle provenienti dalla vicina Russia. Ma, soprattutto, sono disposti a combattere fino alla morte, cosa che solo pochi nazisti farebbero per l’occidente. Semplicemente non ci sono abbastanza nazisti dediti (cioè, abbastanza fascisti razzisti fanatici), in tutti i Paesi dalla ‘nostra parte’, per vincere. Non ci sono sufficienti fascisti razzisti antirussi per strappare una tale vittoria. E da fine giugno Obama l’ha finalmente riconosciuto, gettando la spugna. Naturalmente, non impedirà ai suoi diretti tirapiedi di massacrare persone, ma già da luglio non aveva più voglia di aumentare il debito del governo sostenendo tale massacro. Il Kyiv Post filo-Obama titolava il 26 maggio (il giorno dopo le elezioni, ma solo nel nord-ovest dell’Ucraina, di Petro Poroshenko, a presidente dell’Ucraina), “Poroshenko promette di accelerare l’operazione anti-terrorismo, ottenendo il successo in ore e non mesi“. Ma ora è già passato oltre un mese e Poroshenko-Kolomojskij-Obama-Jatsenjuk non solo non hanno racimolato “successi” in “giorni”, ma sono oltre il limite promesso di Poroshenko “non di mesi”; in realtà stanno perdendo la guerra. Così, Obama ha perso questa guerra. L’ha mollata ed è per questo che Obama ha perso.
In parole povere, non può sterminare abbastanza ‘nemici’. Il suo programma di sterminio ha finito i soldi molto prima che la popolazione cedesse la volontà di combatterlo. Naturalmente, chi ne paga il costo sono soprattutto coloro a cui la squadra di Obama spegne la vita, colpisce e distrugge le case. Contribuenti ed utenti occidentali non subiranno più di tanto. Gli aristocratici occidentali fanno tutto il possibile per indebolire l’economia della Russia, al fine di vincere la nuova grande guerra fredda, che il colpo di Stato di Obama in Ucraina ha riavviato. I proprietari delle aziende belliche statunitensi sono in piena espansione in conseguenza della mossa ucraina di Obama. La Russia, dal canto suo, fa tutto il possibile per rispondere alle sfide di Obama della rinnovata guerra fredda, cercando di trasformare in limonata la pila di limoni che Obama gli ha lasciato. In un certo senso, quindi (e molto semplificato): la seconda guerra mondiale ha creato il dominio statunitense; la guerra del Vietnam ha devastato tale dominio e le guerre di GW Bush-Obama potrebbe porvi fine. E’ particolarmente degno di nota, in tale contesto, che mentre la seconda guerra mondiale fu combattuta contro i nazisti, la guerra ucraina di Obama sostiene i nazisti. Gli USA così chiuderanno il cerchio con l’Ucraina, divenendo ciò che nella seconda guerra mondiale fu la nostra nemesi. In sostituzione dell’ex-nazione unica ucraina ci saranno due o più Stati falliti. Sarà un inferno. L’unica speranza per la Novorossija sarà Putin creare la versione russa del nostro Piano Marshall ripristinando la Novorossija. La metà nord-occidentale dell’Ucraina, che Obama controllava anche prima del suo golpe del 22 febbraio 2014, sarà travolta da una guerra sanguinosa assai intensa tra i nazisti e tutti gli altri. Obama non vorrà più neanche tale metà, avendo perso la metà del sud-est, suo vero obiettivo.
Il predominio di Stati Uniti, Unione europea e Giappone finisce. L’alleanza occidentale si dissolve e gli aristocratici europei hanno dato il comando agli aristocratici statunitensi, arrogante e sconsiderati che hanno affossato l’alleanza e da cui non potranno mai più riprendersi. Il mondo post-seconda guerra mondiale, in cui tutti noi abbiamo vissuto, è finito. Obama, con le sue azioni continua la tradizione di George W. Bush di orrende politiche, portando universalmente a piuttosto pessime conclusioni.

106

Obama, lo sai cosa separa l’uomo dalla scimmia? Milioni di anni di evoluzione… No, l’Oceano Atlantico!

Copyright © 2014 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Bezler: “Non faccio prigionieri nazisti”

Intervista al comandante della difesa di Gorlovka, Generale Bezler, nome in codice “Bes” (“Demone”)
Colonel CassadVoice of Sevastopol, 28 settembre 2014

BezlerPerché Bes?
É il mio soprannome dall’infanzia. Forse perché ero cattivo.

Strelkov è giunto a Slavjansk, il cui nome è simbolico, chiamata così da Caterina la Grande. Lei è giunto a Gorlovka. Perché?
Mi piace la città, è bella.

Lei è ricercato in Ucraina in quanto sabotatore del Primo Direttorato dell’intelligence russa. Il servizio di sicurezza dell’Ucraina la ritiene il criminale più pericoloso accusato non solo di aver disarmato unità militari e del servizio di sicurezza e polizia in Crimea, ma anche della creazione di una rete di agenti. E’ vero?
La Crimea mi ha conferito una medaglia e una croce: crimeane, non russe. Non ho disarmato unità militari, aprirono i cancelli perché ne avevano abbastanza dell’indipendenza giallo-blu, o meglio, dell’illegalità degli oligarchi-gangster. Inoltre fummo molto gentili, un risultato della buona educazione. Lascio il resto senza commentare.

Vi arrivano aiuti umanitari?
Non sempre, ma è meglio ora.

Come avete intenzione di affrontare l’inverno? Non resisterete solo con gli aiuti umanitari.
Non voglio indovinare, sono un realista. L’Ucraina attende aiuti occidentali, nulla è stato seminato, quindi non c’è nulla da raccogliere. Con proiettili e bombe Kiev ha distrutto il Donbas che alimenta il Paese, bruciato i suoi campi, ucciso od espulso i suoi abitanti dalla natia terra russa solo perché russi che non vogliono praticare i dogmi uniati e non vogliono essere schiavi di polacchi o tedeschi, hanno una mentalità diversa. A livello spirituale non siamo obbedienti come gli ucraini occidentali. Gli impianti di produzione di Kharkov e Zaporozhe sono stati trasportati nelle regioni occidentali fermando la produzione. La macchina deve lavorare, altrimenti è solo un rottame, idioti! Nessuno ha fermato la guerra e le puttane degli USA, senza sangue ucraino, che hanno preso il potere, combatteranno fino all’ultimo ucraino. Tutto funziona nelle nostre città: miniere, fabbriche, infrastrutture, assistenza diurna per bambini, scuole, farmacie, ad eccezione di quelle che producono anfetamine! Combattiamo droga, criminalità e corruzione. Ma Gorlovka non è il Donbas. Sarà difficile, ma siamo russi, resistiamo mentre il resto dell’Ucraina soffrirà, questo è già un dato di fatto.

Lei è un militare, quindi con tale sistema di pensiero. Ma una persona da sola non può gestire una città enorme, soprattutto mentre prende decisioni militari, sono necessari esperti del settore.
Ci sono. Abbiamo mantenuto il personale, solo gli abbiamo insegnato a non prendere tangenti e a non rubare, cosa che hanno imparato velocemente. Klep è sempre il sindaco con tutti i crismi. Mi occupo di lui (nota dell’autore: è sotto scorta), si rade, si veste come si conviene, canta l’inno dell’Unione Sovietica la mattina, si alza alle 6 e va a letto alle 22:30. E’ sempre più moralmente purificato, non ruba, non prende tangenti, restituisce alla gente ciò che ha rubato e costruisce strade. Continuerà a farlo fino quando non sarà rieducato. Deve imparare da sé cosa significa vivere con i propri mezzi. E’ diventato un patriota, ha ordinato di appendere le bandiere russe per la città, di lasciare le entrare interne, di mantenere gli stipendi della milizia nelle compagnie in cui lavora. Il nostro sindaco se ne occupa.

Come valutate le attuali autorità di Kiev?
Come si possono valutare i traditori? Avranno il loro processo di Norimberga. Mi dispiace aver dato a Pjotr Poroshenko due schiaffi, soltanto, mentre lo trascinavo via dall’edificio del Consiglio supremo alla stazione ferroviaria di Simferopoli. Possono solo rubare e spartire, è la loro morale da gangster. L’hanno appresa fin dall’infanzia, guardate la loro biografia. Scarsi e inetti, dalla mentalità di piccoli speculatori, non possono essere statisti, oggi.

Le autorità di Kiev martellano nelle teste delle persone che questa è una guerra patriottica degli ucraini contro l’aggressione russa. Chi combatte?
Combattiamo contro i fascisti. Combattiamo l’oligarchia finanziaria e industriale globale, per cui l’Ucraina è solo un mezzo per raggiungere l’obiettivo principale: distruggere la Russia, i russi e gli slavi. Il piano è dividere gli slavi e far sì che si distruggano. Se cadiamo, tutte le nazioni saranno in ginocchio, perché nessuna nazione, nessun popolo, potrà resistergli tranne i russi. Durante il colpo di Stato, con l’inno della Germania fascista sullo sfondo, la folla ha ucciso e mutilato i membri della forza speciale della polizia Berkut, ucraini fedeli al giuramento. Chi è salito al potere? I complici di Janukovich nel saccheggio del Paese, i complici di Kravchuk, Kuchma e Jushenko, che si differenziano solo per l’entità dei furti. Le persone che dopo il lavaggio del cervello ripetono ciò che dicono i loro padroni: “la Russia ci invade“. Se la Russia avesse inviato una sola divisione, il giorno dopo le sue truppe sarebbero arrivate a Lvov. Più precisamente, nell’antica città di Lemberg. I banderisti di oggi devono capirlo. Inoltre non devono dimenticare che ci ricordiamo del massacro dei polacchi in Volinja, delle fucilazioni degli ebrei e delle camere a gas, di Khatin e molto altro con cui i loro padri e nonni s’insanguinarono le mani. Tutte queste generazioni sono avvelenate dall’odio banderista. I mercenari che ci combattono, statunitensi, anglosassoni, arabi, svedesi, sono feccia. Vogliono la nostra terra? Beh, l’avranno per seppellirvisi, non c’è altra scelta

Avete ucraini nelle vostre unità?
Quasi tutta la mia gente è del posto, non la divido in ucraini, russi, ceceni, armeni, ebrei e così via. Tutti sono ugualmente importanti per me, combattendo contro gli eredi dei nazisti. Non siamo noi ad esser giunti da Rovno e Zhitomir per uccidere, rubare, stuprare, distruggere case, bruciare campi, far saltare fabbriche. La loro crudeltà ha persino oscurato i nazisti durante l’occupazione del Donbas. Anche allora non erano i tedeschi a commettere atrocità, ma i nazionalisti ucraini che prestavano servizio nella polizia e nei sonderkommando.

Ci sono stranieri nella milizia?
Naturalmente, lottano con noi spalla a spalla: serbi, spagnoli, francesi e tedeschi che sul serio odiano il fascismo e l’egemonia degli Stati Uniti. Queste sono persone di coscienza ancora esistenti in Europa. Una volta fu arrestato un tedesco a un posto di blocco, che mi fu portato. “Tu chi sei? Dove vai? Perché?” Lui rispose che era venuto per sua moglie, di Lugansk, e per il suo amato gatto. Chiaramente il gatto era importante, così era arrivato. Guarda il mio fucile d’assalto, prende 40000 euro dalle tasche e mi chiede di venderglielo. Dice: “Questo è tutto quello che ho e darò tutto per il fucile, voglio combattere i fascisti“. Allo stesso tempo, arriva una chiamata dall’ufficio di Merkel. Uno dei suoi consiglieri urla istericamente che abbiamo catturato un cittadino tedesco e ne richiede l’immediata liberazione. Dico: “Non mi dispiace, ma è lui che non vuole“. “Cosa vuole?” chiede. “Vuole unirsi alla milizia“, rispondo. Un lungo silenzio segue e poi con voce calma: “Posso sentirglielo dire?” “Nessun problema” e do il telefono al tedesco, che dice: “Sono un sergente delle forze della difesa, comandante di Leopard 2, datemi 3 carri armati e in due giorni sarò a Kiev“. La risposta fu un bip e non ci furono più chiamate. Diedi in regalo il fucile al tedesco per il suo discorso, ed ora è nella milizia, un combattente eccellente, solo che frau Merkel non gli ha inviato i carri armati.

Ha sofferto gravi perdite?
Per me ogni “200” è la perdita di una persona cara, anche se non la conoscevo personalmente. Ma questa è una guerra e tutto può succedere. Per i dati, le nostre perdite sono un decimo di quelle ucraine. Abbiamo disintegrato quasi tutti gli aeromobili e i blindati dell’esercito ucraino, hanno avuto migliaia di morti e feriti, che le autorità dichiarano disertori evitando di risarcire i parenti. Solo il nostro battaglione speciale non subisce perdite ed è costantemente rifornito.

Quale battaglione?
Dei prigionieri.

Quanti sono? Che ne è successo?
Abbastanza. In generale ci teniamo solo gli ufficiali per lo scambio dei prigionieri. Coscritti e soldati vengono restituiti ai parenti o trasferiti al centro regionale. Non prendo prigionieri tra i nazisti, in linea di principio, non c’è tempo per rieducare tali bestie ideologiche. Non sono timidi quando si occupano di noi, perché dovremmo essere nobili con loro, allora? Sono venuti da noi con la spada, e con la spada periranno, secondo il volere di Aleksandr Nevskij.

Come vede le autorità di Kiev lo scambio dei prigionieri?
Kiev non ne ha bisogno. Ogni volta stringe i denti, perciò. Abbiamo deciso lo scambio di Olga Kuligina, biologa catturata dalle forze ucraine come sabotatrice, con agenti del servizio di sicurezza ucraino, ma all’ultimo momento Kiev cambiò idea. Possono creare tanti colonnelli quanti ne vogliono, ma Olga vale di più. E’ bello che scambino molti di loro per uno dei nostri. Abbiamo scambiato Olga, in ogni caso, con 17 (!) agenti e un cittadino georgiano. Scambiano sempre un nostro con tre o quattro o più dei loro, ci apprezzano assai di più e ne siamo orgogliosi. L’impressione generale è che Kiev vuole solo soldati morti, perché avranno altri problemi con quelli che saranno ancora vivi quando arriverà il primo gelo.

francaisTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 380 follower