Morte dell’industria della difesa ucraina

Il giornalista televisivo ucraino Maksim Ravreba descrive storia e prospettive dell’industria della difesa ucraina.
Colonel Cassad - VoicesevasKharkov-armor-repair-facility-in-UkraineQuando vedo su facebook le foto del ministro degli interni ucraino Avakov abbracciare un modello di aereo radiocomandato, che questo ignorante definisce “drone”, sono amareggiato e divertito. Quando vedo la confusione sulle industrie nella rubrica “I costruttori navali di Nikolaev consegnano ai militari dell’operazione ATO il blindato “Buganka“, mando giù valeriana. Ma quando sento che l’esercito ucraino non ha nulla per combattere, dal presidente dell’Ucraina… come i politici di Majdan chiedano alla NATO armi, capisco quali usurpatori e parassiti pericolosi siano al potere in Ucraina, pronti a qualsiasi umiliazione del Paese, che vendeva e continua a vendere i mezzi più sofisticati e le armi migliori del mondo, per salvarsi la pelle. L’Ucraina ha una potente e moderna industria militare. Solo poco prima, sei mesi prima. Ora l'”industria militare” è stata uccisa e seppellita. Non lo sapevate? Ve lo dico io. La gente della mia età ricorda come l’industria ucraina sia morta una prima volta. Un quarto di secolo fa lavoravo come installatore di radio nella fabbrica Artjom di Kiev. Lo stesso luogo dove mio padre ha lavorato per quasi 50 anni. La maggior parte degli inquilini del mio palazzo vi lavorava, e del mio quartiere. Per tutta la vita ho vissuto nella casa costruita dalla fabbrica Artjom per i suoi lavoratori, come l’intero quartiere. Il profilo principale della fabbrica, per tutto il “periodo sovietico”, fu militare. L’ufficio progettazione in cui mio padre lavorava ideò complessi sistemi di guida elettronica per missili “terra-aria” e “aria-aria”. La Perestrojka prima distrusse il profilo della fabbrica, e quindici anni furono necessari ai vecchi partner sovietici per ritrovarla e ristabilire i legami precedenti. Non vi era alcuna politica, solo aspiratori e utensili da cucina che la fabbrica iniziò a fabbricare attraverso un inutile programma di conversione (c’era una cosa del genere molto tempo fa). Negli anni ’90 la fabbrica dava uno spettacolo molto triste, e gli ex-ingegneri del design bureau “Luch“, che progettavano i cervelli dei missili, frequentavano i mercatini delle pulci, negoziando la vendita di effetti personali vecchi e usati. Fuggendo dalla povertà, mio padre andò all’estero, e lo Stato ucraino gli inviò l’ultimo saluto sotto forma di notifica che gli toglieva la pensione, e questo dopo aver lavorato per lo Stato per tutta la vita! All’inizio del XXI secolo la situazione della fabbrica iniziò a migliorare. I dirigenti di fabbrica, dipartimenti, laboratori, uffici di progettazione, in realtà quasi tutti chiusi, trovarono un aggancio: ristabilire i collegamenti con vecchi partner e industrie connesse, tutte in Russia, e fino ai nostri giorni “maledetti” chi rimase da operaio, era un occupato grazie agli ordini del Ministero della Difesa della Russia. Non c’è nessun altro per cui lavorare: il ministero della Difesa dell’Ucraina non ordina alcunché, e non può ordinare, non ha soldi. E tutte le unità e i dispositivi che le fabbrica produce sono utili solo per il materiale militare dell’URSS.
A quanto ho capito, ora la fabbrica Artjom è minacciata di una seconda morte. Non ne conosco ancora i dettagli, ma ultimamente ho letto un titolo secondo cui la fabbrica ZAZ ha annunciato chiusura e tagli; è un evento atteso. A causa di crisi politica, agitazioni, colpo di Stato e guerra civile, la vendita di nuove automobili in Ucraina (in generale, non solo della ZAZ) è dimezzata. Le prime vittime della catastrofe sono le linee di montaggio, laddove oggi anche Daewoo e Chevrolet vengono assemblate. Ma la ZAZ è la prima vittima, il motivo è semplice, nessuno compra più le sue auto. La chiusura della ZAZ crea 21000 disoccupati, assieme a 120000 funzionari statali che Jatsenjuk licenzia. Più altri 20000 assistenti sociali di cui lo Stato fascista si sbarazza. Anche i giganti “Turboatom”, “Motor Sich” sono orientati verso la Russia, come “Juzhmash” e molte aziende che hanno la Russia come loro cliente? Mi urtano i media majdastardi, che oggi sostengono questo schifoso regime fascista con la sua discarica di teste di legno. Nel 1991 c’erano 3594 imprese ucraine, dove circa 3 milioni di persone lavoravano. 700 erano impegnate nella produzione strettamente militare, tra cui 205 associazioni di produttori e 139 associazioni scientifiche e produttive, per un totale di 1,45 milioni di lavoratori. L’Ucraina ha ereditato quasi un terzo dell’industria spaziale dell’ex-Unione Sovietica, comprese 140 imprese e istituti che davano lavoro a 200000 persone. Le industrie ucraine producevano 350 aerei all’anno. Nei primi cinque anni d’indipendenza, nel 1997, il numero di imprese della Difesa scese di cinque volte. E la quota della produzione militare ucraina scese dal 35 al 6%. Circa 550 imprese e uffici di progettazione relativi all’industria della difesa chiusero o cambiarono profilo. In particolare, l’ufficio di progettazione “Luch” fu preservato soltanto perché la fabbrica Artjom fu dichiarata impresa strategica e non fu oggetto di privatizzazione. I lavoratori del design bureau, che lavorava a causa della vecchia abitudine solo per un paio d’ore, a poco a poco scoprirono i vecchi subappaltatori, e vissero grazie ai loro ordini finora. Tuttavia, non tutti sono sopravvissuti (letteralmente). La stessa cosa è successa per tutta l’industria della difesa. Il numero di posti di lavoro nel ramo si ridusse di sette volte. Nel 2010, secondo i dati del ministero della politica industriale dell’Ucraina, 143 imprese del Paese operavano nell’interesse della difesa. E nel 2011 l’Ucraina uscì dai primi dieci venditori di armi del mondo, con il 12.mo posto. Perché e come è potuto accadere? Fin dalla proclamazione dell’indipendenza l’industria fu sacrificata alla politica. La necessità di spogliare l’industria della difesa dai clienti russi dominava. Il colpo più dannoso, se non mortale, fu la decisione di Kuchma e Jushenko dell’integrazione con la NATO, con l’obiettivo di una successiva adesione a tale unione militare. Pertanto, con inaudita generosità e leggerezza, i capi ucraini rigettarono i progetti ucraino-russi. Nel 2008, durante la guerra russo-georgiana, il presidente Jushenko vietò alla Russia l’uso del poligono “Nitka” in Crimea. E nel 2009 Mosca decise di costruire un poligono analogo a Ejsk, che sarà pronto quest’anno. Tuttavia, ora la Crimea è territorio della Russia, e in precedenza al Cremlino fu rifiutato l’uso delle stazioni radar di Sebastopoli e Mukachevo. Invece della cooperazione militare e tecnica con i partner tradizionali, l’Ucraina si precipitò a costruire castelli in aria sui progetti congiunti con la NATO e i Paesi occidentali. Uno degli esempi spiacevoli di tale cooperazione: la corvetta ucraina sviluppata da un centro di progettazione navale pilota di Nikolaev. La costruzione della corvetta doveva iniziare nel 2010 e doveva entrare in servizio quest’anno. Ma la prima nave fu varata solo il 17 maggio 2011, ma effettivamente non è mai stata realizzata. Per salvare il progetto, il governo Azarov previde di rivederlo e sbarazzarsi della collaborazione con le imprese occidentali, perché armi ed equipaggiamenti russi erano più adatti. Ma gli “ideologi”, in particolare il direttore del Centro di ricerca dell’esercito per la conversione e il disarmo, Badrak, annunciarono: “La corvetta la dobbiamo costruire con i partner occidentali, l’elicottero con i partner francesi… la Russia non può partecipare alla nostra modernizzazione“. Simile situazione nel tentativo di collaborazione tra l’ufficio “Antonov” e la società europea “Airbus” per fabbricare l’aereo da trasporto A400M. Il tutto s’è concluso con gli europei che ricevettero la documentazione tecnica dell’aereo per poi produrlo in proprio, sospettosamente simile al prototipo ucraino. Naturalmente, senza la partecipazione ucraina. I motivi furono rivelati dal Primo ministro Nikolaj Azarov. “Nonno” era ridicolizzato presso gli ucraini, tutti ne risero, pochi ascoltarono quello che aveva da dire. Ed ecco cosa disse, rivelando che Airbus aveva apertamente annunciato i piani per ostacolare l’entrata del velivolo ucraino An-70 sul mercato. “Ho avuto un incontro con la dirigenza francese e la leadership della società aeronautica Airbus, e mi hanno detto che “il vostro aereo è migliore del nostro, ma faremo di tutto affinché il vostro aereo non trovi un mercato”.” Non è forse questa una notizia per voi? Non è forse vero che siete sotto l’effetto di droghe spacciate dai media ucraini? Va tutto bene, giusto? Secondo loro, la NATO è pronta ad accettare l’Ucraina nei suoi ranghi, più o meno in questo momento. E ieri dissero che le merci ucraine già arrivavano sui mercati europei! Non so però da quali appunti (l’articolo parlava solo di atti normativi), ma penso che sia una bufala. La crisi non è finita da nessuna parte, colpisce l’economia mondiale, i cavalli da battaglia UE e USA. Nessun Paese ha i soldi per sovvenzionare l’economia ucraina, l’economia di un Paese devastato dalla guerra.
Nel frattempo, la Russia ha iniziato a produrre il nuovo missile balistico “Topol-M” e il suo analogo navale “Bulava” senza l’ufficio di progettazione “Juzhnoe”. Nella realizzazione del nuovo elicottero Ka-60, la Russia ha rifiutato i motori realizzati da “Motor Sich” (tuttavia, i suoi prodotti sono ancora in vendita in Russia, fino ad oggi)! L’holding statale “Industrie Dnepr”, che ha partecipato alla produzione dell’S-300, a un certo punto è stato escluso dalla produzione del complesso della difesa aerea S-400. Il missile balistico intercontinentale su ferrovia SS-24 Scalpel, creato dai costruttori della “Juzhmash” di Dnepropetrovsk, non è più necessario alla Russia. Lo sviluppo del nuovo complesso missilistico ferroviario viene effettuato dall’Istituto di Mosca per la Tecnologia Termica, che già aveva partecipato alla realizzazione dei missili “Bulava”, “Topol” e “Jars”. La Russia ha inoltre acquistato i diritti per la produzione della versione militare dell’aereo da trasporto An-70, assemblato a Samara dalla fabbrica “Aviakor”. Nell’ambito del programma di sviluppo della Federazione Russa per il periodo 2007-2015, s’è deciso di impostare la produzione di massa dei motori per elicotteri sul territorio russo, inclusi i motori TVZ-117 e VK-2500 prodotti da “Motor Sich“. La produzione dovrebbe essere messa a punto dalla OAO “Klimov” di San Pietroburgo, raggiungendo una capacità prevista di 450 motori entro il 2015. La partecipazione di imprese ucraine alla dotazione tecnica di aerei militari e mezzi della difesa aerea russi è stata ridotta. La “Sistemi Informativi Satellitari” (Zheleznogorsk, regione di Krasnodar), la PO “Volo” (Omsk) e la DB “Progress” (Samara) effettivamente si sono rifiutate di cooperare ulteriormente con la “Kievpribor” ed hanno iniziato ad ordinare esclusivamente a società nazionali. La fabbrica in cui ho lavorato, “Artjom”, affronta una situazione analoga. Fino a tempi recenti, nonostante la situazione estera ed interna deludente, la mia fabbrica aveva un posto significativo sul mercato russo dei missili “aria-aria”, ma ora le società russe hanno iniziato a modernizzare i missili tipo R-77 con un ciclo di produzione completamente chiuso. Anche prima del colpo di Stato, analisti economici scrissero che se Kiev non avrà significativi progressi nella cooperazione militare e tecnica con la Russia, le imprese russe potranno produrre la maggior parte dei pezzi ucraini in due-tre anni, e i complessi in otto-dieci anni, ma ora è assai peggio. Con il colpo di Stato, politici assolutamente ostili sono al potere a Kiev. Dichiarano una guerra contro “l’aggressione russa”, anche se non l’annunciano ufficialmente, e ciò significa morte dell’industria nazionale, disoccupazione e povertà per i lavoratori delle imprese della difesa.

1406461768813_wps_7_KIEV_UKRAINE_JULY_26_UkraPS. In linea di principio le tendenze nell’industria ucraina erano piuttosto evidenti anche prima del colpo di stato, che le ha solo accelerate decisamente. E’ assolutamente chiaro che i resti dell’industria ex-sovietica ucraina non sono utili a nessuno nella NATO (tutta la documentazione più o meno preziosa ha da tempo lasciato l’Ucraina), magari solo per la produzione di materiale per i Paesi del Terzo Mondo, dove gli Stati Uniti e i loro satelliti intraprenderanno le loro prossime guerre. Il conflitto con la Russia chiude il mercato principale della produzione industriale locale, anche se non direi che in questo momento il taglio dei legami sia totale, e coma “la figlia dell’ufficiale”, mi piace dire non tutto qui è irrevocabile. Recentemente ho parlato con un alto funzionario di una grande impresa della difesa, quindi ero sorpreso dall’apprendere che, nonostante la guerra, la sua azienda lavora ancora efficacemente con una joint venture stipulata con la Russia, senza cui l’azienda assai probabilmente chiuderebbe. Naturalmente, la Russia ha ridotto la dipendenza dalle forniture ucraine negli ultimi 10 anni, ma alcuni aspetti per la Federazione russa fisicamente rimangono scoperti; non nei specialisti (proprio come fu per la progettazione delle portaerei, stilando un progetto su cui iniziarono a porre domande: dimenticate il denaro, ma dove sono gli specialisti per questo, questo e questo). Ma ancora una volta è questione di tempo, quando tale produzione sarà avviata nella Federazione russa o si riorienterà all’acquisto di parti di ricambio e sistemi esteri. Non importa per quanto, ma l’Ucraina sarà superflua data l’inevitabile morte dei resti della sua industria, completando la deindustrializzazione finale dei resti dell’Ucraina.

030412_An-70_01Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Ucraina, tra disastro economico e confusione al vertice

Dedefensa 20 agosto 2014
_74298143__74243059_donetsk_clashes_624Un interessante articolo pubblicato il 18 agosto 2014 su OilPrice.com e ripreso il 19 agosto 2014 da RussiaList.com, è stato scritto dall’industriale statunitense Robert Bensh della Pelicourt LLC, specializzata nell’energia ed attualmente attiva in Ucraina. Sappiamo che uno degli argomenti preferiti dell’attivismo statunitense nell’innescare la crisi ucraina è appropriarsi della maggior parte delle risorse energetiche del Paese. Bensh riferisce notizie particolarmente preoccupanti da tale punto di vista, tanto per la situazione ucraina quanto per le prospettive dell’utilizzo del gas nel  Paese.
• Dal punto di vista della situazione economica, Bensh predice l’imminente disastro economico, perché le ostilità nel Donbas comprometteranno seriamente l’economia del Paese. Si nota una prospettiva ciclica, oltre al punto di vista strutturale, assai pessimista, dovuta alle varie misure di austerità da parte di FMI e UE. “La prova di forza militare ucraina con i separatisti nella parte orientale industriale, ha costretto le miniere di carbone a seri tagli della produzione o a chiudere, causando la crisi elettrica che potrebbe solo ridurre la produzione interna e quindi aumentare le esportazioni da Europa, Crimea e Bielorussia, o peggio dalla Russia. Nei centri carboniferi di Lugansk e Donetsk, i combattimenti nella zona industriale dell’Ucraina hanno costretto a chiudere circa il 50 per cento delle miniere di carbone, mentre la produzione complessiva di carbone è scesa del 22 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Le principali fonti del settore dicono che potenzialmente il carbone scarseggerà tra meno di tre settimane. Per l’Ucraina, il secondo maggiore produttore di carbone dell’Europa, ciò avrà un impatto devastante sul settore energetico, già in stato d’emergenza, non potendo fornire carbone alle centrali termiche che producono circa il 40 per cento dell’energia elettrica del Paese. Nella quadro energetico complessivo, il blocco della produzione di carbone impone all’Ucraina il regresso di un decennio. Il piano era di affidarsi maggiormente al carbone, per ridurne la dipendenza dal gas russo. … Ora l’Ucraina dovrà aumentare le importazioni di combustibile per compensare tale perdita. Ma anche così, la distruzione delle vie di approvvigionamento rende ciò difficile. Non solo le via di approvvigionamento del carbone sono state distrutte dal conflitto, ma altre infrastrutture critiche sono state danneggiate, minacciando altre industrie. In tutto, il cuore industriale dell’Ucraina è scosso dal taglio delle linee di approvvigionamento minacciando di distruggere oltre il 5 per cento del prodotto interno lordo dell’Ucraina, nella seconda metà di quest’anno”.
• Un’altra particolare preoccupazione per gli “investitori” stranieri, e in particolare statunitensi, è il comportamento della dirigenza ucraina, in particolare sulle leggi dell’esecutivo votate alla Rada. Le nuove imposte approvate sono viste come estremamente problematiche (Bensh osserva nel suo testo: “Insomma: la mia azienda, Pelicourt LLC, è l’azionista di maggioranza del terzo maggiore produttore di gas dell’Ucraina, Cub Energia, ed ho avvisato i governi di Stati Uniti e Canada sul danno potenziale che la nuova imposta provocherà”). Ciò che è davvero notevole nella descrizione di Bensh è l’atteggiamento incoerente dei legislatori ucraini che approvano leggi in contraddizione, annullandosi a vicenda. La parola d’ordine in Ucraina, e in questo caso a Kiev, sembra essere: disordine, disordine, disordine… “Ma la nuova realtà interna chiede che l’Ucraina produca più gas naturale, dopo l’attuazione all’inizio del mese del codice fiscale modificato che colpisce i produttori di gas privati con una tassa così alta che ne ridurrà significativamente la produzione entro l’anno, e il resto è solo congettura per chiunque. … gli osservatori possono essere perdonati per la confusione sulle diverse misure che Kiev ha preso dall’intensificarsi del conflitto. Infatti, i segnali provenienti da Kiev sono confusi, nella migliore delle ipotesi. Mentre il parlamento ha approvato una legge che consente le sanzioni contro la Russia, la Naftogaz statale non ha tardato a sottolineare che probabilmente non dovremmo aspettarci sanzioni contro il gigante del gas russo Gazprom, e il nuovo disegno di legge non applicherà sanzioni di alcun tipo, legalizzando semplicemente le sanzioni a singoli russi su cui Kiev dovrebbe decidere. Un’altra tigre di carta. Il parlamento ha inoltre adottato un disegno di legge che approva le joint-venture su impianti di trasporto del gas tra l’Ucraina e imprese occidentali. Allo stesso tempo, però, Kiev ha approvato una nuova modifica al codice fiscale che raddoppia le tasse ai produttori di gas privati e promette di allontanare gli investitori occidentali dall’Ucraina per quanto possibile. Ogni mossa è volta a negare l’altra. L’economia è distrutta, ma Kiev distrugge ogni possibilità di sostenere gli investimenti occidentali. Le aziende occidentali sono invitate a investire in Ucraina, mentre allo stesso tempo l’Ucraina si fa beffe della trasparenza e assicura che il clima sugli investimenti sia improvvisamente ancor meno attraente rispetto a due settimane prima. Nuovi servizi vengono pagati per sviluppare maggiori risorse volte a costruire l’indipendenza energetica, ma la nuova tassa raddoppia i costi per i produttori privati che smetteranno di produrre e se ne andranno.”
Lo spettacolo è edificane, visto da una cosiddetta fonte sul “campo” interessata alla realtà ucraina più che alla narrazione della guerra e al trionfalismo ideologico. L’Ucraina di Kiev, ovviamente, appare discendere nel disordine della già visibilmente sconvolta e accelerata radicale liquidazione aziendale e dell’assalto alle regioni russofone, secondo un tattica evidentemente ispirata dall’americanismo qualificato nel bombardamento a tappeto, versione terrestre del bombardamento a tappeto aereo, come ci si potrebbe aspettare. Non è chiaro se la “guerra del Donbas” dia i risultati politici ed etnici attesi, ma nel frattempo causa la distruzione di infrastrutture ed attività economiche, con conseguenze per tutto il Paese. La ciliegina sulla torta è la “direzione” della politica dei capi cooptati dalla CIA, dagli iperliberali ai neonazisti interessati ai loro vantaggi, gli oligarchi dalle ambizioni politiche che inviano battaglioni nel Donbass e infine la Rada, così glorificata dopo il trionfo di Majdan, luogo in cui le scazzottate portano ad adottare leggi a cascata che si annullano e contraddicono. Se si vuole, si tratta di una nuova versione dell’avventura libica, più strutturata da innumerevoli intrighi e varie manipolazioni di gruppi da parte di agenzie americaniste e della NATO, e tale struttura produrrà ancora più disordine. L’incompetenza mostrata dalla leadership politica ucraina, la cui corruzione viene dopata dal virtualismo americanista-occidentalista, dovrebbe essere un nuovo punto di riferimento sul campo, confermando perfettamente l’analisi di Dmitrij Orlov.
Ed ecco una grande teoria confrontarsi con la realtà del disordine. La tesi prevalente che spiega l’intervento americanista in Ucraina era e rimane probabilmente il saccheggio energetico, anche attraverso le prospettive bizzarre sul gas di scisto ed altro, il tutto in un quadro iperliberale. La realtà che Bensh ci presenta, si può riassumere nel termine tigre di carta… La tigre ruggente del liberalismo, come prometteva essere l’Ucraina secondo il racconto del sistema, non sarebbe che una “tigre di carta”. Mao sorriderà dalla tomba, aveva indovinato… Per quasi un quarto di secolo, lo slogan del “disordine creativo” continua a risuonare nelle analisi e negli editoriali dei guerrieri dell’iper-liberalismo. Forse potremmo considerare la semplice variante che ha il merito della semplicità, se non dell’evidenza: il disordine distruttivo. Dimostrata da Kiev, chiudendo la questione.

10421602Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Ucraina: il panico fa crollare la valuta

Histoire et Societé 15 agosto 2014

Ecco un articolo che spiega molto bene le violenze continue contro il popolo del Donbas… seguite dal delirio di oggi, da bugie isteriche… e dall’interdizione del Partito Comunista di Ucraina, nel processo inverosimile apertogli contro… Ovviamente il panico domina tra i benefattori europei…

10352761RTBF Economia, 12 agosto 2014

La valuta ucraina è al minimo senza che la banca centrale faccia alcunché per fermarne la caduta, citando il “panico” nell’ambiente economico dopo quattro mesi di conflitto con gli insorti filo-Moscoviti. Il direttore della Banca nazionale è stato convocato con urgenza dal Parlamento per spiegare il tasso di cambio più basso nella storia dell’Ucraina nelle operazioni interbancarie: 17,58 grivne per un euro e 13,13 grivne per un dollaro. L’istituto ha venduto sui mercati quasi 150 milioni di dollari, ma non è bastato a fermare la caduta della moneta ucraina. “Non vi è alcun fattore economico che possa giustificare” i tassi attuali, ha detto la prima vicedirettrice della banca centrale Valerija Gontareva, denunciando le “dichiarazioni provocatorie dei vari partiti politici in relazione all’alta probabilità di guerra con la Russia“. Gontareva ha anche denunciato “il panico nella popolazione e tra gli imprenditori“. Per ora la Banca nazionale “non intende discostarsi dalla politica dei tassi di cambio flessibili“, in cui però i meccanismi di mercato non funzionano, “piuttosto prenderemo rigorose misure amministrative per tutta la durata dell’operazione antiterrorismo” condotta da Kiev contro i separatisti filo-russi dell’est, ha avvertito Gontareva.
La valuta ucraina, in caduta ininterrotta dall’avvio dell’operazione quattro mesi fa, ha perso molto valore la scorsa settimana, mentre i timori di un’invasione russa erano nella mente di tutti gli ucraini. Gontareva ha detto che si sarebbero potute adottare misure più severe per sostenere la valuta ucraina, la scorsa settimana, ma che la banca centrale deve prima avere il via libera dal Fondo monetario internazionale (FMI), da cui l’Ucraina si aspetta altri 1,5 miliardi dollari il 29 agosto. Tale cambio senza precedenti nella valuta ucraina è dovuto alla nervosa risposta del mercato dei cambi alle tensioni internazionali e agli scadenti indicatori economici. “La situazione attuale è stata innescata dal flusso di cattive notizie, a cui la popolazione ha risposto acquistando valuta estera“, ha detto Alena Bilan, capo economista della società di investimento Dragon Capital.

I prezzi aumentano
L’economia ucraina ancora affronta la grave crisi economica, aggravata dal conflitto letale nel cuore industriale del Paese, il bacino del Donbas. A luglio, il FMI stimava che le “prospettive economiche si erano deteriorate considerevolmente” in Ucraina e il prodotto interno lordo (PIL) dovrebbe contrarsi del 6,5% quest’anno, per via del conflitto, e non del 5% come previsto in precedenza. Il presidente ucraino Poroshenko rivelava a fine luglio che la spesa quotidiana di Kiev era di 70 milioni di grivne (4 milioni di euro) per finanziare le operazioni militari nell’est. Dopo oltre due anni di recessione quasi continua, il Paese non s’è ripreso nel secondo trimestre, con un prodotto interno lordo in calo del 2,3% rispetto al trimestre precedente, dopo una contrazione del 2% nel primo trimestre. Tutte le speranze poggiano sul successo dell’operazione militare.
L’economia è stata salvata dall’asfissia ad aprile, quando il FMI concesse un credito da 17 miliardi di dollari nell’ambito del piano internazionale da 27 miliardi di dollari, a condizione che vengano applicate misure di ristrutturazione economica impopolari. La banca centrale ucraina aveva già deciso a luglio di aumentare i tassi d’interesse di riferimento al 12,5% per lottare contro l’inflazione, un record che può avere avuto un impatto negativo aggiuntivo sull’economia. Conseguenza del crollo della valuta ucraina, i prezzi al consumo sono volati. “Per l’Ucraina, le speranze di stabilizzare la situazione, politica o economica, o anche del mercato dei cambi, si basano sul successo dell’operazione militare“, ha detto Aleksandr Parashzhij economista della Concorde Capital.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Lo scenario statunitense dell’abbattimento con un missile del volo MH-17 s’ispira a un caso reale della NATO

Valentin Vasilescu Reseau International 12 agosto 2014190806_800Un aereo Antonov An-24 della compagnia aerea rumena TAROM, immatricolato YR-BMJ, si schiantò a 55 miglia a sud-ovest di Bucarest, spargendo detriti per un chilometro quadrato sulla foresta di Malinoasa, presso la città di Visina, contea di Dambovita. Il volo charter operava sulla tratta Otopeni-Belgrado per trasportare sangue per i feriti della rivoluzione. Il volo era direttamente controllato dal nuovo capo della Romania, Ion Iliescu. Tutte sette le persone a bordo, sei membri dell’equipaggio e un passeggero, morirono. L’unico passeggero che ebbe il permesso di salire dalla nuova direzione della Romania, installatasi una settimana prima, era Henry Ian Perry reporter del quotidiano inglese The Sunday Times. Dopo 16 anni di indagini, nel 2006, una relazione finale del procuratore archiviò la procedura come incidente causato dal gelo, cioè formazione di ghiaccio su  ali, impennaggi e fusoliera, anche se quel giorno non c’erano condizioni di gelo. Tra le prove e le dichiarazioni dei membri della commissione d’inchiesta sull’incidente, apparve una causa completamente diversa da quella avanzata dai pubblici ministeri, stabilendo con certezza che l’aereo della TAROM fu abbattuto da “impatto con un oggetto del stabilizzatore orizzontale, probabilmente un missile superficie-aria S-75″. Il missile fu lanciato dalla 182.ma batteria missili antiaerei schierata a 4 km a sud della base aerea di Boteni, a 15 km a nord-ovest dal punto d’impatto dell’An-24. La gittata del S-75 è di 34 km. I membri della commissione d’indagine sugli incidenti aerei dell’aeronautica dimostrarono che, il 28 dicembre 1989, il volo fu autorizzato dal ministero della Difesa e l’aereo aveva lasciato la TMA (area terminal dell’aeroporto) sulla verticale TUSET, entrando nel traffico della rotta aerea UL-5. Ciò era conforme al modulo di decollo per la rotta RNAV, imposta dalle autorità aeronautiche rumene per decollare dall’aeroporto di Bucarest-Otopeni, e che figurava nel piano di volo.

B5Gli investigatori scoprirono anche che l’aereo An-24 fu avvistato sul radar della 182.ma batteria missili antiaerei dopo il decollo, raggiungendo la quota di volo di 800 m, ad una distanza di 8-10 km dalla pista dell’aeroporto Bucarest-Otopeni. Il comandante della batteria chiese al suo superiore, il comandante Ioan Suciu della guarnigione di Boteni, il permesso di lanciare il missile, perché l’aereo non compariva nel programma giornaliero militare trasmesso dal Primo Centro di comando dell’aeronautica militare.

B4Il comandante Suciu era un pilota di caccia con 20 anni di esperienza e sapeva che, volando a 250-300km/h, l’obiettivo poteva essere solo un turboelica civile che aveva raggiunto l’aerovia partendo dall’aeroporto di Bucarest-Otopeni o Bucarest-Baneasa. Il comandante Ioan Suciu quindi vietò il lancio del missile. Tuttavia, la Romania era in massima allerta e il comando della squadra operativa della difesa aerea del territorio poteva annullare l’ordine emesso dal comandante della batteria Suciu. E fu così. Il 28 dicembre del 1989, presso il Primo centro comando della difesa antiaerea territoriale, la squadra operativa di turno era la stessa del 22 dicembre 1989. Questo gruppo era responsabile della guerra radioelettronica, utilizzando il sistema automatizzato Almaz-2 che produce falsi bersagli. La squadra era responsabile della pianificazione e del coordinamento di tutti i voli militari e civili, ma anche della loro eliminazione nello spazio aereo rumeno. Il tenente colonnello Ion Magdalena, era direttore delle operazioni antiaeree della squadra. Fu l’unico di questa squadra che dal 1990 ha avuto una carriera folgorante. Ion Magdalena si diplomò nella Scuola ufficiali della difesa AA e radiolocalizzazione nella stessa classe (1968) del pilota Ioan Suciu. Nel dicembre 1989 Magdalena fu a capo dell’ufficio operazioni antiaeree. Dopo la caduta di Ceausescu, fu promosso tenente-colonnello (un anno prima del normale) il 27 dicembre 1989, e colonnello otto mesi dopo, il 15 agosto 1990, mentre il periodo minimo legale del grado di tenente-colonnello è sette anni. Nel 1990-1993 Magdalena fu a capo della Divisione difesa aerea dello Stato maggiore e nel 1993-1997 consigliere del presidente della Romania, Capo della segreteria del Consiglio Supremo della Difesa Nazionale con il grado di Generale di Brigata (una stella) dal 21 ottobre 1994, quindi con il grado di Maggiore-Generale (due stelle) dal 21 novembre 1996. Quindi dal 1989 al 1998, quando fu arrestato e degradato a soldato semplice, dopo un processo farsa, Ioan Suciu rimase comandante di una base aerea. Il comandante Ioan Suciu fu molto vicino a far fallire il piano per abbattere il volo TAROM stilato dai neoleader installatisi il 22 dicembre 1989, perciò divenne indesiderato e gli fu impedito di parlare con i metodi più abietti. Sulla base di una relazione del tutto falsa su furto e distruzione di prove prodotte da Magdalena, il presidente della Romania ordinò l’arresto e la condanna del comandante Ioan Suciu a 15 anni di carcere. E’ ancora in carcere.
L’unica spiegazione dell’attacco pianificato contro aerei civili dai militari è che fosse parte della “guerra” contro gli inesistenti terroristi, autori di omicidi efferati per terrorizzare la popolazione. Tale guerra, iniziata poche ore dopo l’arresto della coppia Ceausescu, legittimava il potere di “derivazione occidentale” che doveva garantire l’adesione della Romania alla NATO e all’UE. Nel mondo del giornalismo, i colleghi del Sunday Times di Ian Henry Perry, che ora conducono una campagna contro la Russia con la scusa dell’attacco al volo MH17, non cercarono di chiarire presso le autorità rumene le circostanze violente in cui perse la vita.

c8ZZmTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Novorossija, la resistenza s’intensifica

Alessandro Lattanzio, 12/8/20141526920Il comandante di battaglione della 51.ma brigata meccanizzata Pavel Protsjuk veniva dimesso per non aver saputo catturare Savrovka. Protsjuk affermava che Kiev annunciò la cattura di Savrovka prima ancora che la 51.ma vi arrivasse. Protsjuk disse “Nessuno ci ha assegnato un compito preciso. Ci hanno detto solo di una missione di due giorni. Prendemmo razioni per due giorni, ma ci impiegammo due giorni per arrivarci. I rapporti della ricognizione indicavano che a Savrovka (Saur-Mogila) vi erano degli “sconosciuti” e un posto di blocco con la bandiera rossa. Al comandante dissero via radio che erano dei nostri. Subito ci dirigemmo a piedi, “gli sconosciuti” ci spararono immediatamente con mortai, mitragliatrici e fucili da cecchino. Subimmo un paio di feriti e il capo delle comunicazioni, maggiore Khmelnitskij, venne ucciso. Per riassumere, ci siamo ritirati. Chiedemmo l’intervento dell’artiglieria, invano. Questo il 28 luglio. E al comandante dissero che se nella prossima ora catturava la collina, sarebbe stato processato. Comunque, ci siamo separati e avvicinati alla difesa perimetrale. Alle 05:00… abbiamo chiesto aiuto per evacuare i nostri 18 feriti, e due ‘separatisti’ catturati. E alle 20:00 il comandante inviò un gruppo di assalto verso Savrovka, 3 BMP, 3 T-64 e fanteria. Riferiamo allo stato maggiore che Saur-Mogila era nostra. Il comandante ordinava di porsi in cima e stabilire il perimetro difensivo, ma subito dal “checkpoint con la bandiera rossa” (che avevamo già distrutto) una mitragliatrice ci sparò con proiettili “traccianti” e perforanti, e mentre il convoglio stava risalendo la collina venne bombardato da cannoni semoventi. Ma riuscimmo ad impostare il perimetro difensivo. 3 BMP erano al vertice e 1 carro armato T-64 si trovava nelle vicinanze. Subito dopo i mortai e gli obici nemici ci bombardarono con proiettili a frammentazione dalle 21:30 alle 04:00. I BMP furono incendiati e il personale si nascose dove possibile. Molti erano nel panico, abbandonando veicoli e munizioni. Il comandante disse: “Dobbiamo ritirarci, perché ci uccideranno tutti qui”. Il comandante radunò tutti e li riportò agli autoveicoli. I cannoni avevano distrutto 2 BMP, solo uno era ancora in funzione, e i 3 carri armati furono danneggiati. Abbiamo trasferito il carburante dai mezzi danneggiati a quelli funzionanti. Ci ritirammo, e il comandante ricevette ancora l’ordine di catturare la cima. Che l’intero battaglione muoia, ma la cima deve essere catturata… Così, alla fine ci siamo ritirati ancora di più, e bombardammo Savrovka per l’intera giornata con i “Grad” e gli obici. Il 27 luglio Kiev annunciò che la nostra brigata aveva catturato Savrovka. Nessuno può catturarla, anzi da lì bombardarono la 30.ma brigata, la 95.ma brigata (di cui sono rimasti, forse, 150 soldati), la 72.ma, la nostra 51.ma e il 3.zo reggimento. … Io non sono un tattico, sono solo un soldato, ma capisco perché dobbiamo prendere Savr-Mogila (Savrovka), non transiterebbe l’artiglieria pesante destinata a Snezhnoe, la cui strada passa nelle vicinanze. Ma non capisco una cosa: da dove i separatisti prendono così tante munizioni, ci hanno “bombardato” per tre giorni. E solo noi”.
_-Fh8_7eZT4 Riguardo alla dissoluzione del gruppo ucraino nella sacca meridionale, a sud di Donetsk e Lugansk, la decisione di ritirarsi nel territorio della Russia fu presa dagli ufficiali del 72.ma brigata meccanizzata e del Servizio delle guardie di frontiera nazionale per mancanza di munizioni, rifornimenti e carburante. “In due settimane abbiamo combattuto in modo efficace, senza munizioni e carburante. Ho avuto la capacità di nutrire la mia unità per più di due settimane. Eravamo anche a corto di razioni. Il personale era esausto non tanto dai bombardamenti, ma dalla disperazione. Inoltre il centro non ci aiutava in alcun modo e nell’ultima settimana aveva addirittura smesso di parlarci, ci aveva già sepolto“, così spiegava la decisione il comandante di battaglione Vitalij Dubinjak, fuggito in Russia con centinaia di suoi soldati. “Onestamente parlando, non ci aspettavamo che saremmo stati trattati in questo modo, potrei dire in modo fraterno. Chi ci invia ordini dall’alto, in realtà mente dicendo che combattiamo contro la Russia. Nessuno russo ci ha nemmeno guardato di traverso, capiscono che siamo ostaggi della situazione. Qui ci hanno curato, i feriti sono stati soccorsi, siamo stati nutriti. Ci siamo lavati per la prima volta in un mese e ci hanno dato vestiti e condizioni per riposarci, posso darvi per certo che dopo aver attraversato questo tritacarne, non torneremo in tale macello una seconda volta. Ho salvato la vita dei miei ragazzi e gli ho detto, lasciateli combattere da soli che inviino i loro figli a morire, ne abbiamo avuto abbastanza. Nei loro calcoli non esistiamo e non ci dovrebbero tener più in considerazione“, ha riassunto Dubinjak. Il comandante del battaglione ucraino riconosceva che l’azione militare nel Sud-Est era già divenuta una guerra civile. “Certo, io non saprò guardare negli occhi le madri dei miei ragazzi morti. Ma so per certo che tale mattatoio civile deve essere fermato. Ho già visto abbastanza lacrime dei residenti e tormenti dei miei ragazzi. La cosa più importante è che siamo vivi e che poi ci preoccuperemo di come tornare a casa“. In definitiva, con la resa dei militari ucraini, 70 mezzi militari venivano consegnati alla Milizia, tra cui 18 sistemi lanciarazzi multipli Grad, sistemi missilistici Osa e 15 carri armati, segnando la fine della 72.ma brigata meccanizzata dell’esercito ucraino. Nella sacca meridionale rimanevano i resti della 79.ma aeroportata e della 24.ma corazzata, e un battaglione della 72.ma.
Secondo Kiev, dal 30 luglio al 3 agosto 2014 le forze armate ucraine subirono la perdita di 357 militari, 38 guardie di frontiera e 59 paramilitari, oltre alla distruzione di 30 carri armati T-64, 63 blindati BRDM/BTR/BMP, 5 cannoni semoventi 2S9 Nona e almeno 20 autoveicoli. Infine le Milizie catturarono altri 2 carri armati, 2 BMD, 2 cannoni antiaerei da 23 mm e 1 autocarro Kamaz.
Il 5 agosto, a Zaporozhja, 40 km ad ovest di Donetsk, il battaglione di mercenari neonazisti Dnepr subiva un’imboscata da un commando federalista, sostenendo gravi perdite. Ad Avdjovka, le milizie respingevano le forze ucraine. A Dokuchaevsk, il battaglione neonazista Shahktjorsk assassinava 18 civili. A Marjupol, il deputato del partito radicale, e pedofilo neonazista, Oleg Ljashko, rapiva il locale capo della polizia Oleg Morgun, più tardi rilasciato dal ministero degli Interni ucraino.
Il 6 agosto, a Slavjansk si ebbero combattimenti sul colle Karachun tra truppe majdaniste e commando dei miliziani della Repubblica di Donetsk. A Marinka, la milizia respingeva l’attacco del battaglione Azov che subiva gravi perdite, oltre a 3 carri armati e diversi blindati distrutti. Da parte sua la milizia aveva 2 miliziani caduti e altri 5 feriti. La sera del 6 agosto, la giunta di Kiev continuava l’offensiva verso la periferia di Donetsk e le linee da Savrovka a Latishevo. La milizia si ritirava da Marinka, ma a sud, dopo aver fallito nell’aprire un corridoio per la sacca meridionale, i reparti meccanizzati majdanisti puntavano a nord, cercando di colpire Latishevo e Snezhnoe. Ma nei pressi di Latishevo e Rassipnoe, la manovra veniva sventata respingendo i majdanisti. L’offensiva di Kiev dei primi di agosto 2014 puntava ad accerchiare Donetsk e a spezzare i collegamenti tra le due repubbliche popolari di Novorossija. Durante la serata del 6 agosto i majdanisti bombardavano la periferia di Donetsk, uccidendo tre civili, mentre i majdanisti intrappolati nella sacca meridionale ingaggiavano combattimenti tra Snezhnoe e Dmitrovka, dove due convogli golpisti furono respinti dal fuoco dell’artiglieria della milizia, presso Djakovo, mentre i resti della 79.ma brigata e la 24.ma brigata meccanizzata tentavano uno sfondamento su Mjusinsk. Scontri anche a Pervomajskoe e Limanchuk, a sud di Snezhnoe. La milizia cercava di respingere il nemico a nord-est di Mjusinsk, per impedirne il congiungimento con il gruppo majdanista che avanzava verso Enakievo da Orlovka. La milizia e i cosacchi del Don respinsero la 24.ma brigata meccanizzata, eliminando 250 majdanisti, distruggendo 17 BMP, 27 BTR, 7 carri armati, 7 MLRS, catturando un centinaio di altri mezzi pesanti e facendo diversi prigionieri, tra cui ufficiali e sottufficiali, mentre circa 1000 effettivi della 79.ma brigata meccanizzata ucraina riuscivano a ritirarsi abbandonando gran parte del loro equipaggiamento. Infine, 150 soldati ucraini avrebbero chiesto di aderire alla milizia e 4 ufficiali ucraini della 72.ma brigata, sospettati di avere bombardato un posto di confine russo a Gukovo, regione di Rostov sul Don, venivano arrestati dalle autorità di Donetsk.
In questa fase le forze erano impegnate in combattimenti intorno a tre aree strategiche:
Gorlovka, a nord di Donetsk, a Debaltsevo, ad ovest di Donetsk e lungo l’asse che collega le due repubbliche.
Shahktjorsk, sull’asse meridionale che collega le due repubbliche, teatro di una potente offensiva della 25.ma brigata aeromobile ucraina, la manovra falliva dopo che la 25.ma brigata aveva subito gravi perdite.
Savrovka – Marinovka dove si chiudeva la sacca lungo il confine con la Russia in cui era intrappolato ciò che rimaneva del corpo di spedizione della junta di Kiev.
Il 7 agosto la difesa aerea di Novorossija, presso Enikevo, abbatteva 1 caccia multiruolo MiG-29 ucraino, oltre a 1 aereo da ricognizione e a 1 aereo da trasporto ucraini. Dopo un’ora e mezza di bombardamento preliminare sulla linea difensiva Snezhnoe-Torez-Ivanovka, 3 battaglioni corazzati della 81.ma brigata meccanizzata, con il sostegno del 74.mo reggimento delle Forze Speciali ucraine, attaccavano finendo però su un campo minato steso la notte precedente dai miliziani. 19 blindati vi rimasero distrutti e decine di majdanisti furono catturati, assieme ad altri 8 BMP e 4 carri armati. Alle 22:30, la bandiera della Guardia Nazionale cosacca veniva issata sul checkpoint Dolzhanskij, al confine tra Ucraina e Russia, da parte dell’unità Prapor che compiva una missione assegnata dal Generale federalista N. I. Kositsin. Nello scontro i majdanisti perdevano 2 blindati. Presso Savrovka, a Quota 277 (Savr-Mogila), il Battaglione Vostok respingeva l’ennesimo assalto majdanista, subendo 8 caduti e 11 feriti. I majdanisti vi avevano perso 2 BMP e 4 BTR. Il Gruppo Sabotaggio-Ricognizione (“SSR”) del battaglione aveva anche abbattuto 1 elicottero ucraino.
L’8 agosto, Gorlovka veniva bombardata dai majdanisti uccidendo cinque civili. Nelle ultime due settimane nella città, i bombardamenti dei golpisti avevano ucciso 40 civili e ferito altri 130. Guerriglieri di Zaporozhe distruggevano un convoglio della Guardia nazionale ucraina, la notte del 7 agosto presso Malinovka. 1 autocarro Ural venne distrutto mentre 1 autocarro KrAZ, 1 autocarro KamAZ e 2 blindati “Hummer” furono catturati. Inoltre veniva preso un prigioniero, un uomo in mimetica senza insegne, probabilmente un mercenario straniero.
xQTlrPBnuJA Il 9 agosto mattina, un gruppo corazzato della 24.ma brigata meccanizzata, respinto da Mjusinsk, irrompeva a Krasnij Luch; contemporaneamente a Fashevka e Vakhrushevo, presso Debaltsevo, avveniva l’attacco di un alto gruppo corazzato ucraino. In totale, gli assalti coinvolsero 60 blindati e 700 soldati ucraini. La situazione fu assai critica e l’assalto ucraino minacciava l’accerchiamento di Donetsk. Ma la guarnigione federalista di Krasnij Luch bloccava l’avanzata majdanista nella cittadina, respingendola dopo diverse ore di combattimenti. La milizia continuava il contrattacco sloggiando i majdanisti dai villaggi Khrustalnij e Vakhrushevo. Una batteria di artiglieria della RPD distruggeva un convoglio madjanista a nord di Pantelejmonovka e un’altra unità golpista presso Illovajsk veniva distrutta completamente. In tali ultimi assalti, i majdanisti avevano perso almeno 250 effettivi e subito la cattura di 30 tra blindati e pezzi d’artiglieria. Un funzionario del ministero della Difesa ucraino, affermava: “3427 soldati sono ancora dispersi e si presume morti. Non c’è speranza che qualcuno delle 72.ma, 24.ma e 51.ma brigate, della 79.ma aeroportata e del 3.zo reggimento delle forze speciali sia rimasto vivo. Nelle ultime due settimane, solo quattro gruppi tra 7 e 18 persone hanno rotto l’accerchiamento”. Al 9 agosto, la 72.ma brigata meccanizzata contava solo 467 soldati, sottufficiali e ufficiali, la 24.ma brigata meccanizzata 473, la 51.ma brigata meccanizzata non più di 136, la 79.ma aeroportata indipendente 369 e il 3.zo reggimento Spetsnaz era ridotto a livello del suo battaglione da ricognizione. Intorno alle 5:00, nella città di Konotop, Oblast di Sumi, vi furono quattro forti esplosioni nell’impianto di riparazione aeronautico Aviakon, responsabile della manutenzione e riparazione degli elicotteri militari Mi-8 e Mi-24 ucraini. A Novoja Kondrashevka (Lugansk), i bombardamenti ucraini uccidevano due donne.
Il 10 agosto, ad Ilovajsk (35 km ad est di Donetsk), i majdanisti si ritiravano dopo che per tre giorni avevano cercato di catturarla, perdendo almeno 20 blindati e circa 500 mercenari. Secondo  Tatjana Dvorjadkina, co-presidente della Repubblica Popolare di Donetsk (RPD), “500 mercenari del battaglione Azov della Guardia nazionale ucraina sono stati uccisi nei pressi di Ilovajsk. Abbiamo avuto conferma che vi erano lettoni tra i mercenari“. Inoltre, i volontari serbi del Battaglione Jovan Sevic della milizia di Donetsk, distruggevano “2 carri armati, 1 cannone semovente con i loro equipaggi, nonché 1 mortaio dei neo-banderisti“. A Gorlovka, una colonna ucraina subiva un’imboscata dalla milizia del Comandante Igor Bezler. Oltre 20 mezzi, tra cui 3 carri armati, furono distrutti. A Krasnij Luch, a 50 km a sudovest da Lugansk, la milizia resisteva a un nuovo grande assalto ucraino, che veniva infine respinto.
La sacca meridionale (detta anche Calderone) era ridotta a sacche frammentate di truppe disperse. Degli oltre 700 soldati ucraini fuggiti in Russia il 60% ha chiesto asilo, mentre un accordo veniva raggiunto: i majdanisti abbandonavano i loro mezzi intatti ricevendo il permesso di abbandonare la sacca a bordo di autobus. Il gruppo che invece aveva tentato la sortita per uscire dalla sacca era costituito soprattutto da mercenari. Nel tentativo di spezzare l’assedio, perse gli equipaggiamenti e dei circa 700 mercenari che tentarono di rompere l’accerchiamento, 225 soltanto riuscirono a fuggire. Tutte le unità ucrainiste superstiti si concentravano tra l’aeroporto di Lugansk e la città di Antratsit, nel sud-est di Novorossija. All’inizio dell’operazione, il 13 luglio, il raggruppamento armato ucraino che poi venne circondato, era composto, da 1 battaglione carri armati della 72.ma brigata meccanizzata, 3 battaglioni meccanizzati (2 della 72.ma brigata meccanizzata e 1 della 24.ma brigata meccanizzata), 2 battaglioni della 79.ma aeroportata, 1 battaglione del 3.zo reggimento forze speciali, distaccamenti carri armati, ricognizione e cecchini delle 51.ma e 72.ma brigate meccanizzate, 1.ma brigata corazzata, 79.ma aeroportata, 6 batterie di artiglieria delle 72.ma, 51.ma e 24.ma brigate meccanizzate e della 79.ma aeroportata. L’organico complessivo del gruppo, comprendeva 5500 effettivi, 70 carri armati, 200 blindati, 130 cannoni e MLRS.  Di tale organico, il 10 agosto non restavano che 500 effettivi in grado di combattere, essendo almeno 3500 i morti o dispersi subiti dal corpo di spedizione della junta di Kiev. Le truppe federaliste avevano recuperato almeno 22 carri armati, 43 blindati, 12 lanciarazzi Grad, 8 semoventi d’artiglieria. Inoltre, 2 brigate ucraine, la 95.ma e la 30.ma meccanizzate, cercarono di spezzare l’accerchiamento dall’esterno, passando per Shakhtjorsk, Stepanovka, Latishevo, Peredergievo, Mjusinsk e Debaltsevo. L’11 agosto, l’unità della milizia che difendeva Savr-Mogila, 100 km a est di Donetsk, si ritirava dopo aver subito un pesante bombardamento dai majdanisti, perdendo il comandante dell’unità, 4 caduti e 18 feriti. Per due mesi la collina di Savr-Moghila aveva resistito all’assalto dei 5500 uomini del Corpo di spedizione meridionale della junta di Kiev, in seguito liquidato dalle milizie di Lugansk e Donetsk.
Il 7 agosto, il premier della RPD Aleksandr Borodaj si dimetteva. Borodaj era collegato al gruppo di Surkov, “il nostro uomo al Cremlino”. Con la nomina di Antjufeev a luglio, veniva avviato un radicale rimaneggiamento della leadership politico-militare della RPD; oltre a Borodaj furono dimessi Pushilin, Lukjanchenko, Khodakovskij e Pozhidaev. Zakharchenko, comandante di “Oplot“, prendeva il posto di Borodaj. In questo modo si subordinavano tutte le risorse della RPD all’obiettivo della difesa militare.
va7fxpP2kgQ Il comitato investigativo della Federazione Russa affermava che armi proibite venivano utilizzate contro i civili in Ucraina orientale, “Il comitato investigativo della Federazione russa ha prove incontestabili per un procedimento penale contro l’Ucraina per impiego di mezzi e metodi di guerra vietati nelle regioni di Donetsk e Lugansk“, affermava il portavoce del comitato Vladimir Markin. “Il materiale su tali crimini sarà consegnato agli appositi tribunali internazionali, come abbiamo già fatto per i crimini delle truppe georgiane contro i civili in Ossezia del Sud“. Il Ministero della Difesa russo dichiarava di sapere che bombe al fosforo o a grappolo furono utilizzate dai majdanisti nel bombardamento di Slavjansk del 12 giugno, di Slavjansk e Kramatorsk il 21 giugno, di Semjonovka il 24 giugno e il 29 giugno, di Lisichansk il 7 luglio e di Donetsk il 23 luglio. Il 6 agosto, a Kiev arrivava una squadra del Comando Europeo degli Stati Uniti “Su richiesta del dipartimento di Stato, una piccola squadra di valutazione dell’US European Command arriva oggi presso l’ambasciata a Kiev per valutare, consigliare e fornire raccomandazioni all’ambasciata degli Stati Uniti e al suo staff sull’eventuale sostegno degli Stati Uniti a Paesi Bassi, Australia, Malaysia e altri partner che conducono le operazioni di recupero dell’aereo della Malaysia” abbattuto dai golpisti ucraini il 17 luglio nei cieli di Donetsk. Nel frattempo, il Canada iniziava a fornire all’Ucraina materiale militare, elmetti, binocoli balistici, giubbotti antiproiettile, kit di pronto soccorso, tende e sacchi a pelo. “L’equipaggiamento logistico fornito consentirà alle autorità di sicurezza e di frontiera ucraine di monitorare la circolazione di beni e persone. E’ ciò che l’Ucraina ci ha chiesto e offriamo“, aveva detto il premier canadese Harper in relazione all’arrivo a Kharkov di un velivolo-cargo C-17 Globemaster III canadese che trasportava 4,5 milioni di dollari di materiale militare “che l’Ucraina utilizzerà per assicurare e proteggere il suo confine orientale”.
La Federazione Russa, nel frattempo, vietava l’importazione di frutta, verdura, carne, pesce e prodotti caseari da Unione europea, Stati Uniti, Canada, Norvegia e Australia. Mentre si svolgevano le esercitazioni presso il poligono di tiro di Ashuluk nella regione russa di Astrakhan, il 6 agosto, dove l’esercito russo si addestrava in manovre che prevedevano un conflitto tra due Stati immaginari, coinvolgendo dal 4 all’8 agosto circa 6500 militari, 800 mezzi e oltre 100 aerei ed elicotteri, così come sistemi missilistici superficie-aria S-300, Sergej Shojgu, ministro della Difesa della Russia, dichiarava che “le unità di mantenimento della pace dovranno essere in stato di prontezza operativa. Il mondo è cambiato, ed è cambiato drammaticamente come si vede dagli ultimi esempi, quindi le unità di peacekeeping possono essere attivate senza preavviso“. Dall’11 al 16 agosto, nella regione di Pskov si svolgevano le manovre della 76.ma Divisione paracadutisti della Guardia, coinvolgendo 3000 paracadutisti e  blindati aerolanciati dai velivoli da trasporto Il-76, come i sistemi di artiglieria 2S25 Sprut, 2S9 Nona e D-30, e sistemi missilistici Strela-10 e Igla. “Per eseguire gli attacchi aerei contro obiettivi a terra di un nemico ipotetico, e il sostegno al trasporto aereo e aviosbarco dei paracadutisti (…) più di 30 aerei ed elicotteri saranno utilizzati“, tra cui cacciabombardieri Su-24, elicotteri da combattimento Mi-28 e Mi-24 e da trasporto Mi-8. Infine, truppe russe e cinesi avviavano le esercitazioni militari congiunte antiterrorismo Missione di Pace 2014, della Shanghai Cooperation Organization (SCO), presso la base di Zhurihe, nella Mongolia Interna della Cina. Più di 7000 soldati provenienti da 5 Paesi prenderanno parte alle esercitazioni del 24-29 agosto. “L’esercitazione sarà la quinta manovra multinazionale nel quadro della SCO e avrà lo scopo di scoraggiare le “tre forze del male” del terrorismo, separatismo ed estremismo, salvaguardando la pace e la stabilità regionale e migliorando la capacità di coordinamento delle forze armate nella lotta al terrorismo“, dichiarava il Ministero della Difesa cinese. La Russia vi inviava anche 4 jet Su-25 e 8 elicotteri Mi-8MT.

10502456

BtTHLiuIgAAqWo9Fonti:
Alawata
Alawata
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
Eurasian Union
Eurasian Union
Interfax
Nations Presse
Novorossia
RBTH
RIAN
RIAN
RIAN
RIAN
RIAN
RIAN
RussiaToday
RussiaToday
Russie Politics
The BRICS Post
Vineyard Saker
Vineyard Saker
Vineyard Saker
Zerohedge

1057697310553499

Il volo MH-17 abbattuto da un jet da combattimento ucraino?

Valentin Vasilescu Reseau International 10 agosto 2014

Il punto di vista che segue è di Valentin Vasilescu, ex-pilota dell’aeronautica rumena. Sa di cosa parla e il suo testo contiene alcune sorprese…

138-600x337Ho spiegato in dettaglio e in diversi articoli che il presunto missile superficie-aria Buk-1M invocato da USA e Ucraina non poteva essere lanciato e quindi abbattere il Volo MH-17. Non è stata rilevata alcuna emissione di un fascio di onde elettromagnetiche di puntamento dalle caratteristiche del complesso Buk-1M, e nessuna grande scia di condensa bianca da terra, di solito della lunghezza di 10-35 km, e persistente per qualche minuto dal lancio.
Gordon Duff, veterano dei marines del Vietnam e redattore di Veterans Today, non considera neanche credibile l’abbattimento del MH-17 con un missile superficie-aria, pensando che l’aereo malese sia stato oggetto di una bomba a bordo, o del tiro dei cannoni di un aereo ucraino.  Arrivando per primo sulla scena, il canadese Michael Bociurkiw, un membro della delegazione OSCE, ha esaminato i resti della cabina di pilotaggio del B-777 concludendo che era stato colpito da proiettili d’artiglieria di piccolo calibro sparati a raffica. Chi ha pianificato tale crimine è lo stesso che deliberatamente ha avviato la falsa pista del missile superficie-aria. Il piano di tale attacco è opera di un malvagio, attaccando il volo MH-17 con dei cannoni si creano le condizioni per dare l’impressione che una piccola bomba sia esplosa nella cabina di volo. Il 23 luglio 2014, una relazione della corrispondente della BBC Olga Ivshina fu censurata dalla direzione della BBC. In questa relazione, testimoni di Donetsk confermano la presenza di un altro aereo da guerra ucraino presso il MH-17, al momento dell’incidente. Improvvisamente, la storia di Olga Ivshina smentisce anche la versione dello SBU ucraino, che parla di missile superficie-aria. La censura imposta dai media occidentali non può nascondere la fusoliera del lato destro della cabina di pilotaggio dell’aereo, trafitta da fori di schegge dai bordi ripiegati verso l’esterno, indicando che piccole esplosioni si erano verificate all’interno della cabina di pilotaggio. Ma i fori dei proiettili perfettamente rotondi, entrati dalla parte opposta, attraversarono la cabina senza esplodere. Mentre la testata di un missile Buk-1M sarebbe esplosa in una grande palla di fuoco.

BtL-VxSCIAIpt6oI fori nel pannello della fusoliera del lato destro della cabina del volo MH-17 sono stati prodotti da un tipo di proiettile esplosivo-incendiario incendiando la cabina di pilotaggio. Piccoli frammenti in lega di alluminio del parabrezza si sciolsero a causa del tiro. P5_038Nelle cartucce a nastro per i cannoni a bordo degli aerei da combattimento, l’otturatore inserisce alcuni colpi in lega di tungsteno (avendo una maggiore capacità di penetrazione) simile al sistema statunitense basato sull’uranio impoverito. Non al punto di esplodere, perfora la fusoliera del velivolo attraversando la cabina di pilotaggio.

MH17I colpi sono stati sparati da un pilota di caccia esperto che ha mirato solo alla cabina di volo. Ciò è dimostrato dal fatto che la sezione posteriore della fusoliera della cabina è rimasta intatta e senza fori che possano essere causati da schegge.
7bef0c9d3f13802befaf2e56d00a689e_articleQuando il Boeing 777 delle Malaysia Airlines, matricola 9M-MRD, è scomparso dal centro di controllo del traffico aereo ACC di Dnepropetrovsk, era a una quota di 10300 m. La scomparsa fu determinata dallo spegnimento del transponder del volo MH-17 e dall’interruzione del funzionamento della radio ricetrasmittente, alimentata elettricamente e montata nella cabina. In quel momento, l’aereo cadde in picchiata a quasi 90 gradi. Molto probabilmente per inabilità fisica dell’equipaggio nel controllare l’aeroplano, e per la distruzione dei comandi di trasmissione, cloche e cruscotto. Nessun media ha parlato di una cosa fondamentale del Boeing 777: i comandi di volo del pilota vengono trasmessi dalla cabina dai circuiti elettrici, il fly-by-wire. Un corto circuito dell’impianto elettrico nella cabina avrebbe spento transponder e radio ricetrasmittente. Alla conferenza stampa del Ministero della Difesa della Federazione Russa del 21 luglio 2014, il Capo di stato maggiore generale e il comandante dell’aeronautica, Tenenti-Generale Andrej Kartopolov e Igor Makushev, smantellarono le bugie architettate dai vertici USA e della NATO e amplificate dai media occidentali. I russi, che sanno con certezza chi ha abbattuto il volo MH-17, hanno dato una testimonianza vitale che, se presa in considerazione, permetterebbe immediatamente agli investigatori dell’aviazione internazionale di trovare la causa probabile dell’incidente al velivolo delle Malaysia Airlines. Così, i funzionari russi hanno dimostrato l’esistenza di un aereo da combattimento ucraino che avrebbe intercettato il Malaysia Airlines, tre minuti prima dell’incidente, stimando la distanza che lo separava dal Malaysia Airlines a 3-5 km.
radar_voeVa notato che i controllori del centro del traffico civile ACC di Dnepropetrovsk furono continuamente monitorati da un gruppo di soldati. Nel doc. 4444 (Procedure e regole per i servizi di navigazione aerea) emesso dall’Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile, l’articolo 7.4.4 stabilisce che la distanza minima consentita tra due aerei si basa sulle loro turbolenze. Il Boeing 777 (MMD da 299370 kg) appartiene alla categoria degli aeromobili pesanti (H – Heavy). Tra i velivoli di tale categoria e quello da 10-20 t, come nel caso dei caccia, il doc. 4444 richiede ai controllori del traffico aereo uno spazio di almeno 9,3 km. Cosa cercava il caccia ucraino, deliberatamente guidato dai controllori del traffico aereo ucraino, a tre chilometri dal volo MH-17 e perché l’ICAO ed Eurocontrol hanno nascosto tale flagrante violazione delle regole della navigazione? Quando il Boeing 777 è stato abbattuto, a 30 miglia da Tamak, era nel processo di trasferimento dal controllo dalla regione di Dnepropetrovsk (che si occupa dello spazio aereo in Ucraina orientale) a quello della regione di Rostov sul Don (nello spazio aereo russo). Lo stesso documento 4444, capitolo 7.5 (controllo del trasferimento radar) obbliga gli organi del traffico civile e militare ucraino ad una distanza minima che consenta la separazione radar tra l’aereo MH-17 e il caccia ucraino, sufficiente a garantire il trasferimento del velivolo malese ai russi. La separazione normale per un aeromobile di categoria H, seguito da un caccia, è di almeno 11,1 km (fig. VI-1A e VI-1B). Così gli ucraini abbatterono l’aereo malese quando lo consegnavano ai russi. Prima conclusione, grazie alle prove presentate alla conferenza stampa, i generali russi hanno dimostrato chiaramente la complicità delle autorità civili e militari nell’abbattere il Volo MH-17 con aerei da combattimento ucraini. I generali russi hanno deliberatamente tralasciato le discussioni riguardanti le stime sulla distanza esatta tra l’aereo da caccia ucraino e l’aeromobile civile malese (3-5 km) prima dello spegnimento del transponder del volo MH-17. Ma non il fatto che il caccia fosse guidato dai controllori ucraini per intercettare il volo MH17 ed abbatterlo. Come ho già notato, il documento 4444, capitolo 7.5 (trasferimento del controllo radar) indica che a causa di limitazioni tecniche, la distanza minima per una separazione radar tra aeromobili categoria H, come un Boeing 777, e un caccia vicino è di 11,1 km. Se la separazione radar minima dell’aviazione civile tra aerei è di 11 km, si può supporre che i radar militari russi siano più efficienti dei simili statunitensi, con un minimo di 4 km. Quando la distanza tra i due velivoli è meno di 4 km, i due segnali si fondono sullo schermo radar. Ma i russi dicono che secondo la sua velocità, il caccia ucraino aveva superato la soglia dei 4 km, proseguendo l’approccio verso il volo MH-17 entrando nella ZAP (possibile area di attacco) per le armi di bordo. Fino a che punto il caccia ucraino s’è avvicinato al volo MH-17? Prima di puntare e sparare sulla cabina di pilotaggio del velivolo, una sezione della lunghezza di 6 m del B-777, che ha una lunghezza di 64,8 m, doveva entrare interamente nel puntatore del pilota del caccia. Il dispositivo di puntamento e calcolo balistico automatico diede al pilota i parametri necessari per i proiettili che colpirono la fusoliera del volo MH-17. Il modo migliore per colpire la cabina di guida era avvicinarsi quasi perpendicolarmente alla rotta del MH-17, il pilota del jet da combattimento era nelle condizioni giuste per sovrapporre la linea di tiro delle sue armi sul punto di tiro alla distanza di 900 m dal B-777. Se la velocità di avvicinamento era di circa 280-300 m/s, ripetere l’attacco era impossibile, e il pilota del caccia aveva 3-4 secondi per tutte queste manovre, dovendo smettere l’attacco ad una distanza di 150m. Ciò implica decine di ore di addestramento su simulatori di volo in condizioni simili a quelle in cui il volo MH-17 è stato abbattuto.
73167_html_m2148ff93Il Ministero della Difesa russo sapeva che l’aereo malese non è stato abbattuto da un missile Buk-1M, ma alla conferenza stampa del 21 luglio 2014, il Capo di Stato Maggiore Generale e il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica russa mostrarono le immagini satellitari, al momento della distruzione del volo MH-17, del trasferimento in zona di 4 batterie di Buk-1M ucraine. Cosa volevano comunicare i generali russi? La guerra civile al confine con la Russia, dove l’esercito ucraino utilizza aerei da combattimento, può creare una situazione che può involontariamente o consapevolmente portare alla violazione dello spazio aereo russo. Si possono, per esempio, attaccare città russe al confine con il pretesto di cercare le forze di autodifesa. Tale possibilità ha costretto l’esercito russo ad intraprendere azioni che qualsiasi altro Stato avrebbe preso. Nei casi in cui i radar di sorveglianza dell’esercito russo segnalassero formazioni di velivoli ucraini decollare e avvicinarsi al confine con la Russia, l’esercito russo creerebbe alcune aree di pattugliamento aereo. Queste aree si trovano a 50-75 km dal confine con l’Ucraina e vi pattugliano velivoli da combattimento come 2 Su-27M o Su-30 armati per il combattimento aereo. Teoricamente parlando, se i russi avessero avuto informazioni precise sulla strage del volo MH-17, nonostante i rischi sottostanti, gli aerei russi sarebbero rapidamente giunti sulla scena e impegnato in combattimento il caccia ucraino per proteggere l’aereo della Malaysia. Ma l’esercito ucraino, che aveva preparato l’operazione, aveva subito preso provvedimenti per garantirsi di contrastare qualsiasi azione a protezione dell’aereo civile, ponendo quattro batterie di Buk-1M. Tali batterie potevano abbattere gli aerei russi inviati a difendere il volo MH-17, prima di poter entrare in combattimento con l’aereo da caccia ucraino. L’enigma è che non si sa su quali dati i generali russi hanno suggerito che l’aereo che ha intercettato il volo MH-17 sia probabilmente un Su-25 (14,4 m di apertura alare, lunghezza di 15,5 m). Al radar appare come solo un punto luminoso la cui dimensione è determinata dalla riflessione della zona radar equivalente (SER) corrispondente agli aeromobili militari. L’aereo da combattimento MiG-29 (11,4 m di apertura alare, lunghezza di 17,3 m) ha una superficie di riflessione simile a quella del cacciabombardiere Su-25. Nell’aviazione ucraina ci sono solo due tipi di velivoli in grado di intercettare un Boeing 777: il Su-27 e il MiG-29. Di un reggimento su 42 Su-27 nel 2000, ne rimane attivo uno squadrone di 12 aeromobili della 831.ma Aerobrigata di Mirgorod (300 km a nord-est di Donetsk). In questo squadrone ci sono solo 3-4 Su-27 che possono volare, i piloti non sono più addestrati al combattimento. Per le ragioni sopra esposte, nessun Su-27 ucraino poteva abbattere il Volo MH-17. Ma l’Ucraina ha anche 30-40 MiG-29 nella base aerea di Vasilkov, nei pressi di Kiev e ad Ivano-Frankovsk, in Ucraina occidentale.
GSh-30-2Il jet da combattimento MiG-29 è propulso da due motori RD-93, ciascuno con una spinta di 8700 kg/s. Nella versione caccia intercettore, il MiG-29 pesa meno di 15300 kg, il che significa che il rapporto spinta/peso è maggiore di uno (1,1), permettendo al velivolo di salire in verticale. La quota massima del MiG-29 è 18013 m. La quota di volo di 10300 m del MH-17 poteva facilmente essere raggiunta. Nella stratosfera la velocità massima del MiG-29 è Mach 2,25 (2400 km/h), il che implica che a un’altitudine di poco più 10000 metri, ha una notevole differenza di velocità rispetto al B-777. E la velocità ascensionale da 0-6000 m è di 109 m/s permettendo di raggiungere i 6000 m in 2-3 minuti dopo il decollo. L’intera operazione, vale a dire l’approccio in forte cabrata verso l’alto, puntamento e tiro con il cannone di bordo al volo MH-17 e infine rientro, non poteva durare più di 7 minuti. Il MiG-29, che ha i cannoni ucraini GS-301 da 30 mm dal ritmo di tiro pari a 1500 colpi/min, alimentati da una caricatore di 150 colpi in lega ad alto esplosivo, incendiario ed esplosivo-tungsteno. La breve raffica di un secondo del cannone GS-301 del MiG-29 invia circa 40-50 diversi tipi di proiettili sul bersaglio. L‘arma è inserita sulla fiancata sinistra della fusoliera.
I piloti militari ucraini, come rumeni, volano in media meno di 40 ore all’anno e non hanno le competenze necessarie per il combattimento aereo ravvicinato (duello) che gli consenta di abbattere il Volo MH-17 come descritto sopra. I piloti militari statunitensi e canadesi presenti nell’Air Base Campia Turzii in Romania hanno tale abilità, ma non hanno familiarità con lo spazio aereo ucraino o con il MiG-29. I piloti militari polacchi sono i meglio addestrati dell’Europa orientale per tali missioni, volando 4-5 volte (180-200 ore/anno) di un ucraino o romeno, e rivaleggiando per istruzione a statunitensi e canadesi. Hanno familiarità con lo spazio aereo ucraino, partecipando a tutte le esercitazione proposte negli ultimi 4-5 anni dall’aeronautica ucraina. L’aeronautica polacca  è dotata di 31 MiG-29, di cui 16 modernizzati dalla IAI (Israel Aerospace Industries). I MiG-29 sono modernizzati con nuova avionica (display multifunzione MFCD; radio UHF/VHF RT-8200 Rockwell Collins, piattaforma laser di navigazione INS e GPS, computer per navigazione e tiro  MPD con mappa digitale integrata, sistemi di registrazione e controllo digitali video e audio con videocanera CTV, ecc). I piloti di prova dei MiG-29 polacchi modernizzati, prima di passare ai piloti e agli istruttori di volo polacchi, provengono dalle fila delle IDF israeliane.

polish2909_1Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La discesa distopica nella dittatura militare dell’Ucraina

Andrew Korybko (USA) Oriental Review 5 agosto 2014

1393842Continua il lento collasso dello Stato ucraino, questa volta con Poroshenko che cerca di assestare un colpo mortale ai resti della Rada, accusando “metà della Verkhovna Rada” di essere “una ‘quinta colonna’ eterodiretta, fazioni intere” dopo che non ha approvato una legge che definisce i governi di Donetsk e Lugansk organismi terroristici. Una tale azione avrebbe concesso una pseudo-legittimità agli Stati Uniti nel fare lo stesso, con l’intento ultimo di collegare il presunto supporto russo a questi soggetti con lo status di “Stato sponsor del terrorismo”. Con tali minacce, Poroshenko cerca volutamente di legarsi agli elettori nazionalisti ed intimidire gli ultimi politici pragmatici, nel tentativo di avere il controllo totale sullo Stato, proprio come il potere assoluto che detiene da oligarca sulla sua compagnia. In concomitanza, l’occidente appoggia appieno militarmente l’Ucraina, anche se è sull’orlo dell’implosione. Il risultato instabile di queste due tendenze è la discesa distopica dell’Ucraina verso la dittatura militare, il tutto con l’appoggio entusiastico dell’occidente nella sua ultima crociata antirussa.

Quinta colonna e politica sporca
Poroshenko gioca una sporca politica accusando metà della Rada di essere la “quinta colonna”  dell’influenza russa. In realtà, la maggior parte del governo ucraino è una quinta colonna, dell’occidente, ma non è questo l’argomento qui. L’obiettivo di Poroshenko è intimidire i politici che hanno votato contro il disegno di legge “anti-terrorista” e che potrebbero subire lo stesso destino del recentemente bandito Partito Comunista, perseguitato a causa di presunte posizioni “pro-russe”. Non solo, ma l’Ucraina post-golpe è oggetto di ampi abusi dei diritti umani ed oppressione politica, quindi c’è già una netta indicazione di ciò che può accadere a coloro in disaccordo con il regime. Un’altra delle attività di Poroshenko è dividere la società dalla Rada e attizzare il nazionalismo in vista delle elezioni anticipate, con la speranza che gli elettori usino i processi democratici per la rimozione politica degli avversari con la scusa del ‘patriottismo’. Anche se ciò aggrava i tumulti politici nel Paese, allontana comodamente l’attenzione dalla crisi imminente della FMI (per cui la Rada è soprattutto collassata) con fuorvianti accuse ai nemici interni per i problemi del Paese. Poroshenko s’impegna in una mossa rischiosa per centralizzare il controllo sullo Stato, proprio come un oligarca con la sua azienda, ma pericolosamente dovrà affrontare un Comma-22. Vuole aumentare il potere ai danni dei nazionalisti, ma i loro potere ed ambizioni avanzeranno insieme ai suoi solo se potranno, in un probabile futuro, farne un loro burattino (e se anche gli consentiranno di rimanere al potere). L’occidente lo sa e quindi scommette sul suo sostegno militare come misura di sicurezza per mantenere la propria influenza in Ucraina, nel caso ciò succeda.

Piano B: teppa militare
Al fine di pianificare la contingenza nel caso Poroshenko perda il potere, contrariamente alla volontà occidentale, darà pieno appoggio ai militari dell’Ucraina. Naturalmente, ciò allo scopo di schiacciare i federalisti dell’est, ma lo scopo recondito di tale duplice supporto deve essere ulteriormente esaminato. Gli Stati Uniti hanno già speso 53 milioni di dollari (5 e 48 rispettivamente) per i militari ucraini, e se l’American Aggression Enabling Act passasse, il Paese diverrebbe il maggiore alleato non-NATO. Anche se non accadesse, gli Stati Uniti ancora avvierebbero i piani della Guardia Nazionale della California per addestrare la Guardia Nazionale ucraina il prossimo anno, e consiglieri militari saranno inviati nel Paese a fine mese. L’UE ha compiuto un voltafaccia avendo inaspettatamente tolto il divieto di vendere armi all’Ucraina, aprendo la porta all’inondazione di armi nel Paese preda del conflitto. L’ironia suprema è che l’UE originariamente impose il divieto al governo Janukovich, a febbraio, per impedire la “repressione interna”, mentre l’attuale governo golpista ha ucciso oltre 1000 persone nella recente operazione “anti-terrorismo”. Il golpista Kyiv Post ammette che 90 persone morirono nel rovesciamento di Janukovich, il che significa che l’attuale autorità viene premiata per aver ucciso 10 volte tanto, accedendo alle moderne armi che l’Europa ha da offrire. La logica di tale sostegno è la necessità di salvaguardare l’integrazione economica e politica dell’Ucraina con l’occidente tramite l’accordo di associazione UE. Se Poroshenko viene eliminato, i militari concettualmente potrebbero continuare l’integrazione dell’Ucraina all’occidente, o almeno così si pensa. L’errore strategico è che l’esercito collassa quasi quanto lo Stato, il che significa che non è un ascaro affidabile, comunque. Diserzioni, pessime condizioni, rifornimenti e razioni inadeguate e proteste contro le mobilitazioni, tutto indica che l’esercito è assai instabile, al momento. Inviando armi a tale entità, si corre il rischio che finiscano nelle mani degli estremisti, se le forze armate improvvisamente crollassero, come in Libia, e peggio ancora tali agenti verrebbero addestrati dai militari degli Stati Uniti in modo da utilizzarle con la massima letalità. La prospettiva di terroristi neo-nazisti che utilizzano armi statunitensi ed europee per massacrare immigrati e musulmani a Parigi o Berlino, per esempio, improvvisamente diverrebbe una truce realtà.

Dalla ‘democrazia’ alla dittatura
piter_poroshenko_2266015La nominale ‘democrazia’ dell’Ucraina post-golpe (come riconosciuto dall’occidente) si sta rapidamente trasformando in uno Stato militarizzato incentrato su un volenteroso GI Joe. Ciò che resta della Rada è lacerato dal proposito di Poroshenko nella sua pericolosa ricerca del potere. La strada da una fantomatica democrazia a una dittatura innegabile, ha quattro aspetti evidenziabili:
Politico: Poroshenko vuole paralizzare la già handicappata Rada e trasformarla in un istituto fantoccio nazionalista. É un obiettivo rischioso, ma la ricerca del potere assoluto è ridicolo vederlo come azzardo.
Militare: i militari saranno rafforzati da un ‘Saakashvili capovolto’. Il rinnegato georgiano aumentò  la spesa militare del suo Paese di 24,5 volte in quattro anni, prima di lanciare la guerra, ma Poroshenko vuole emulare tale obiettivo durante e dopo la guerra, utilizzando la ‘minaccia russa’ per avere un copioso sostegno occidentale per tale piano. Tuttavia, l’occidente non potrà sostenerlo tutto, per cui il finanziamento scientifico deve essere tagliato ed imposta una nuova tassa militare dell’1,5%. La militarizzazione si verificherebbe ai vertici delle forze armate ufficiale e alla base civile con minacce, terrorismo, intimidazioni e nazionalismo radicale di Pravij Sektor. La popolazione deve mantenere una mentalità d’assedio, con il governo che usa la minaccia dei nemici interni (“quinta colonna”), dei “terroristi”, la ‘minaccia russa’ e l”occupazione della Crimea.
Informazioni: la guerra al giornalismo non accenna a diminuire, mentre il Paese è il più pericoloso del mondo per tale professione, quest’anno. I giornalisti che non adottano la linea ufficiale del governo saranno perseguitati e cacciati dal Paese, come illustrano i casi di Graham Phillips, Alina Eprimian, la troupe di LIFEnews e altri. Il divieto di scegliere i media russi è anche un segno distintivo per un Paese che cerca di aderire all’UE ‘pro-diritto d’informazione’.
Normativo: riassumendo, Poroshenko vuole mantenere la protezione estera (l’ombra della NATO) e il sigillo di approvazione (‘legittimità’ europea e accordo di associazione UE) per istituzionalizzare la sua presa sul potere. Finora l’occidente sostiene con entusiasmo ogni suo passo.
Vincere la guerra in oriente non è così importante per Poroshenko come consolidare la posizione politica interna sua e della sua cricca. Bisogna sempre ricordare che prima di tutto è un oligarca e le vecchie abitudini sono dure a morire, come dice il proverbio. La peggiore minaccia per Poroshenko sarebbe esser rovesciato dalle stesse forze nazionaliste che vede come sostegno al suo potere, e i militari possono fermare ciò (se non saranno cooptati dai nazionalisti). Ciò che rende il quadro del passaggio a una dittatura militare e a una destabilizzazione nazionalista tanto più distopico, tuttavia, sono i “valori occidentali” auto-promossisi quali valori assoluti, saldamente alla base di un tale incubo nel cuore del continente europeo.

10334469Andrew Korybko è corrispondente de La Voce della Russia, vive e studia a Mosca, per Oriental Review.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 346 follower