L’accordo sul nucleare iraniano potrebbe cambiare l’equilibrio di potere in Medio Oriente

Andrej Iljashenko, RIR, 27 novembre 2013
reporters-visit-Bushehr-Nuclear-Plant1Nel vertice a Ginevra, i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più la Germania (noto come P5+1) hanno raggiunto un accordo con l’Iran, secondo cui la Repubblica islamica ferma l’arricchimento dell’uranio oltre il 5 per cento di purezza e cede le sue scorte di uranio arricchito al 20 percento, diluendolo a meno del 5 per cento. Inoltre, gli impianti nucleari del Paese di Fordo e Natanz saranno sotto il controllo dell’AIEA, mentre la costruzione di un reattore ad acqua pesante presso Arak, in grado di produrre plutonio, verrà interrotta. In cambio, il gruppo P5+1, o per essere più precisi, gli Stati Uniti e l’Unione europea, hanno deciso di eliminare parte delle sanzioni contro l’Iran. Questo permetterà all’Iran di riprendere limitate relazioni commerciali con gli Stati Uniti nei settori del petrolio e del gas, petrolchimico e automobilistico, nonché nel commercio di oro e metalli preziosi. Il beneficio risultante per l’Iran ammonterà a 5-7 miliardi di dollari di dollari. Tuttavia, questo accordo non è solo una questione di soldi. Il gruppo P5+1 ha presentato la richiesta che l’Iran spenga e smantelli le centrifughe già operative. Questa ed altre disposizioni dell’accordo permettono all’Iran di affermare che la sua richiesta principale, il riconoscimento del diritto di arricchire l’uranio, è stata accolta. Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha dato la seguente chiara sintesi dell’essenza del compromesso: “Questo patto significa che siamo d’accordo che sia necessario riconoscere il diritto dell’Iran all’atomo pacifico, compreso il diritto all’arricchimento, a condizione che le questioni che rimangono sul programma nucleare iraniano e il programma stesso vengano sottoposti allo stretto controllo dell’AIEA. Questo è l’obiettivo finale, ma è già stato impostato nel documento di oggi“.
Gli oppositori all’accordo insistono sul fatto che l’Iran così mantiene il potenziale per creare un’arma nucleare. Tutta la sua infrastruttura di arricchimento dell’uranio rimane intatta. Un deluso primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha detto: “Sottolineo: l’accordo non prevede l’eliminazione di una singola centrifuga“. Molti esperti hanno già osservato che una grande infrastruttura nucleare come quella dell’Iran, che consiste in circa 17000 centrifughe per l’arricchimento, è necessaria a un Paese con 12-15 centrali nucleari operative da rifornire con barre di combustibile. Tuttavia, finora l’Iran ha una sola centrale nucleare, a Bushehr, che riceve il combustibile dalla Russia. Gli iraniani attraversano un momento difficile cercando di spiegare perché abbiano bisogno di tante centrifughe, ma sono pronti a qualsiasi forma di controllo, tra cui videocamere, rivelatori e ispezioni improvvise. Anche la volontà degli Stati Uniti di accettare l’accordo richiede qualche spiegazione. Perché l’atteggiamento del Paese sul programma nucleare iraniano ha subito un cambiamento così repentino? Perché i diplomatici statunitensi erano impegnati in colloqui segreti con l’Iran da quasi un anno? Dopo più di 30 anni di ostilità, perché Washington ha deciso di cedere su alcune richieste? Certo, Mahmud Ahmadinejad è stato sostituito da Hassan Ruhani, ma il presidente iraniano in effetti non è altro che il capo del governo. Tutte le questioni di principio sono decise dall’Ayatollah Khamenei, leader spirituale e supremo dell’Iran, e là, nulla è cambiato. La risposta può avere più a che fare con la politica interna statunitense che con l’Iran.
Nei primi anni ’70, gli Stati Uniti subirono una sconfitta devastante in Vietnam. Poi lo scandalo Watergate costrinse il presidente Richard Nixon a dimettersi sotto la minaccia dell’impeachment. Fu  in quel momento, mettendo da parte tutti i sentimentalismi, che gli Stati Uniti compirono un avvicinamento senza precedenti nei rapporti con la Cina comunista. Oggi, gli Stati Uniti subiscono fallimenti in Iraq e Afghanistan e affrontano la sfida della primavera araba ed alleati che vorrebbero trascinarli nelle operazioni militari in Libia e Siria, obiettivi che sarebbero difficili da comunicare ai cittadini statunitensi. Il momento può essere giusto per un impegno degli Stati Uniti con l’Iran,  pronto a combattere per la leadership in Medio Oriente contro le monarchie petrolifere del Golfo. Tale mossa potrebbe riportare l’equilibrio di potere in Medio Oriente nella situazione precedente la rivoluzione del 1979, quando l’Iran faceva da contrappeso all’Arabia Saudita.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il Grande Gioco sul Gas della Siria

Gulshan Dietl IDSA 9 settembre 2013
pers2_13_gasAnche se molto è stato scritto sugli attori regionali e globali che perseguono i loro spietati obiettivi in Siria, un sotto-complotto nel dramma è rimasto relativamente inesplorato. Si tratta del gas e delle sue rotte, dalla produzione al mercato. Gli ultimi cinque anni hanno visto la scoperta di immensi giacimenti energetici nel Mediterraneo orientale; nel bacino del Levante lungo le rive di Siria, Libano, Israele, Gaza e Cipro e il bacino del Nilo, nel nord dell’Egitto. Secondo le indagini geologiche preliminari, il Levante contiene 3.500 miliardi di metri cubi (tcm) di gas e 1,7 miliardi di barili (bb) di petrolio. Il bacino del Nilo contiene 6 tcm di gas e 1,8 bb di petrolio. La miniera d’oro energetica ha prevedibilmente istigato l’assalto della competizione per le risorse e il loro trasporto verso i clienti favoriti. Dopo tutto, il controllo e l’accesso alle risorse naturali sono fattori fondamentali di gran parte della geopolitica. Strade, ferrovie, porti come anche oleodotti e gasdotti, sono gli ambiti oggetti dei potenti. Il petrolio e il gas hanno meriti di tre tipi: come bene interno, come possessori e come trasportatori di quel bene.
Solo la Siria avrebbe scoperto giacimenti di gas accertati per 284 miliardi di metri cubi, di petrolio per 2,5 bb e di scisto per 50 miliardi di tonnellate, con la possibilità di altre scoperte. I livelli di produzione sono, tuttavia, drasticamente in calo. Il livello pre-insurrezionale di estrazione del petrolio era di 380.000 barili al giorno (bd), scesi a solo 20.000 bd, con un calo di circa il 95%. Secondo alcune stime, la produzione di gas naturale s’è dimezzata, arrivando a 15 milioni di metri cubi (mcm). Molto gas viene utilizzato per la reiniezione nei campi petroliferi, per migliorarne il recupero. La rivolta ha sconvolto non solo la produzione, ma ha anche provocato il ritiro di produttori e finanziatori stranieri. Quasi tutto il petrolio siriano veniva esportato verso l’Unione europea (UE). Le vendite sono giunte a un punto morto dopo che l’Unione Europea (UE) ha imposto l’embargo sul petrolio siriano nel dicembre 2011. Infatti, nell’aprile di quest’anno, l’UE ha consentito le importazioni dalle zone controllate dai ribelli, purché fossero approvate dalla Coalizione nazionale siriana. Nel Paese non vi è stato alcun investimento in raffinerie, oleodotti o altre infrastrutture. Inoltre, vi è la costante paura dei sabotaggi da parte dei ribelli. Dato che il gasolio nel Paese è sovvenzionato a un prezzo inferiore a quello regionale, c’è sempre stato il contrabbando di petrolio, i cui livelli aumentano in modo allarmante.
Il 25 giugno 2011, un memorandum d’intesa è stato firmato nella città iraniana di Bushehr, per costruire un gasdotto dal giacimento di gas iraniano di Assaluyeh che, attraverso l’Iraq, arriva in Siria. Sarà costruito ad un costo di 10 miliardi di dollari, e la sua capacità prevista di 110 milioni di metri cubi al giorno è stata provvisoriamente allocata tra Iraq, Siria e Libano. E’ stato proposto di estenderlo alla Grecia attraverso una linea sottomarina e, da lì, ai mercati europei. Chiamata “Pipeline islamica”, doveva essere completata per l’esportazione di gas naturale liquefatto (GNL) dai porti siriani sul Mediterraneo. Latakia e Tartus sono due grandi porti siriani. La Russia ha affittato Tartus e vi ha costruito una base navale. In termini più realistici, il progetto non è ancora nato. Anche se il percorso siriano ha senso in una situazione normale, le circostanze politiche sono totalmente sfavorevoli al momento. Siria e Iran sono sotto sanzioni, che eliminano la possibilità di finanziamenti esterni. La guerra civile in Siria esclude la costruzione della pipeline per un lungo tratto e per molti anni.
Il Qatar ha il terzo più grande giacimento di gas dopo Russia e Iran. Ne avrebbe 25 tcm, la maggior parte delle sue esportazioni di gas avviene sotto forma di GNL. La produzione di gas di scisto negli Stati Uniti avrà un impatto sulla vendita di GNL del Qatar, pertanto il Qatar cerca di assicurarsi contratti a lungo termine sui gasdotti per i Paesi europei. L’UE si è assicurata le importazioni di energia fino al 2030, ed è alla ricerca di investimenti infrastrutturali sicuri per il futuro. Il progetto del gasdotto Nabucco, dalla Turchia orientale all’Austria, è in fase di stallo a causa della scarsità di gas disponibile. E’ in questo contesto che è stato proposto un nuovo gasdotto dal Qatar. Nel 2009, durante la visita dell’emiro del Qatar sheikh Hamad bin al-Thani in Turchia, si era deciso di costruire un oleodotto e collegarlo con il Nabucco in Turchia. Partirebbe dal Qatar e attraverso l’Arabia Saudita, la Giordania e la Siria, raggiungerebbe la Turchia. I mercati europei avrebbero condiviso la risorsa con una Turchia insaziabile.
La Siria è uno snodo fondamentale in entrambi i rivali progetti di gasdotto, quello dall’Iran e quello dal Qatar. Se il regime di Assad sopravvive o subisce un cambiamento di regime, determinerebbe ampiamente il sistema mondiale del gas. Il Qatar non sarà l’unico beneficiario del gasdotto. Ci sono tre distinti calcoli sul trasporto di gas del Qatar. Sarebbe la leva con cui la Turchia scioglierebbe la sua dipendenza dalle forniture iraniane, ridurrebbe grandemente  il quasi monopolio russo come fornitore di gas per l’Europa e faciliterebbe l’esportazione di gas da Israele all’Europa. Vi sono molte teorie del complotto interessanti su questo gasdotto. Vi si vede una chiara connessione nella tempistica tra la firma del memorandum sul gasdotto Iran-Iraq-Siria e l’inizio della violenta rivolta in Siria. Le altre coincidenze sono tra i luoghi in Siria dei più feroci combattimenti e l’itinerario sul suo territorio del proposto gasdotto del Qatar. Ancora, spiega anche il sostegno del Qatar ai Fratelli musulmani, tra i ribelli siriani e non solo nella regione, in questo contesto.  Dopo tutto, il Qatar ha gettato tre miliardi di dollari nella guerra civile siriana. Una piccola somma per la ricchezza del Qatar, ma grande in confronto alle spese occidentali per i ribelli. Un’ulteriore considerazione potrebbe essere che il Qatar condivide il suo giacimento di gas, che si chiama Cupola del Nord, con l’Iran, che lo chiama South Pars. È il più grande giacimento di gas al mondo. Le controversie del passato possono divampare in futuro sui confini e i diritti di estrazione nel giacimento di gas.
La Russia ha puntato molto sugli sviluppi siriani. La sua presenza nel porto di Tartus è uno delle più importanti. Il suo monito alle potenze occidentali contro qualsiasi intervento militare in Siria, e l’imminente arrivo della portaerei russa Admiral Kuznetsov a Tartus, testimonia l’impegno della Russia a garantirsi l’attuale presenza militare e il futuro punto di transito del gas. Anche l’occidente vi ha puntato un’alta posta e non solo per contenere la Russia.  L’Europa lotta per liberarsi dal quasi monopolio russo sulle sue forniture di gas. L’Azerbaigian è emerso come partner di riferimento nell’ambizioso “corridoio energetico meridionale”, che avrebbe dovuto trasportare dieci miliardi di metri cubi di gas dai giacimenti di gas azero, recentemente avviati, all’Europa attraverso la Turchia. I giacimenti di gas azero sono limitati. La redditività commerciale del corridoio dipenderà dell’alimentazione con gas aggiuntivo nella rete dei rifornimenti. Il gas del Qatar è una componente indispensabile per il successo dell’iniziativa, il gas che dovrebbe però attraversare Qatar-Arabia Saudita-Giordania-Siria e Turchia. Il principe Bandar dell’Arabia Saudita è stato l’ambasciatore del Paese negli Stati Uniti 1983-2005. Dal luglio 2012, è il direttore generale dell’agenzia d’intelligence saudita. Il 31 luglio di quest’anno, il principe Bandar ha fatto una veloce visita al Cremlino. Avrebbe perorato la sua iniziativa per il cambio di regime in Siria ed offerto alcuni incentivi a Putin, come 15 miliardi di dollari in contratti per armamenti, la garanzia contro attacchi terroristici ceceni, finanziati dai sauditi, durante i giochi olimpici invernali del prossimo anno, da svolgersi a Sochi, e altro ancora. Avrebbe anche offerto la garanzia che, qualsiasi sia il regime successivo ad Assad, i sauditi non avrebbero firmato alcun contratto che danneggiasse gli interessi russi, permettendo ai Paesi del Golfo di trasportare il loro gas attraverso la Siria in Europa. Un’altra teoria del complotto? Chi lo sa.

Le opinioni espresse sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni dell’IDSA o del Governo dell’India.
Copyright © 2005 – 2013 IDSA. Tutti i diritti riservati.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il Bay’ah del Qatar dal re saudita

Vijay Prashad Counterpunch 7 agosto 2013

947165Le cose non vanno bene per il Qatar del nuovo emiro, lo sceicco 33enne Tamim bin Hamad al-Thani. Questo fine settimana, un volo della Qatar Airways da Doha (Qatar) a Tripoli (Libia) ha dovuto deviare su Alessandria (Egitto) e ritornare a Doha. Uomini armati hanno sequestrato la torre di controllo dell’aeroporto di Mitiga, le cui piste sono state poi chiuse a questo volo da Doha. Il giorno prima, uomini armati erano entrati nell’ufficio della Qatar Airways presso l’aeroporto e minacciato di fare quello che hanno fatto il giorno successivo. Dissero anche che avevano in programma di scacciare la Qatar Airways dagli uffici delle Tripoli Towers. Questa non è la prima indicazione di una violenta reazione anti-Qatar in Libia. A metà giugno, la Qatar Airways sospese i voli per l’aeroporto di Bengasi-Benina, quando uomini armati di quella città turbolenta ne impedirono il transito. Si dice che gli uomini armati provenissero dalla brigata al-Zadin al-Waqwaq, che si risentirebbe per l’influenza del Qatar nella politica e nella società libiche. Tutto questo segue le manifestazioni anti-Qatar in Tunisia e in Libia, in cui i manifestanti hanno detto che vi è armonia tra Qatar e Israele nella loro politica verso la Siria. La dimostrazione davanti al Tibesti Hotel di Bengasi è stata particolarmente grintosa. La rabbia per la politica del Qatar in Siria era accompagnata dalla rabbia per il sostegno del Qatar ai jihadisti in Libia (così come dalle accuse di acquisto di terreni in Libia del Qatar).
Il Qatar aveva dato la sua benedizione e i suoi riyal ai Fratelli musulmani e satelliti in tutto il Nord Africa e l’Asia occidentale. Al-Nahda in Tunisia è stata finanziata da Doha, il cui denaro ha permesso al movimento islamico in esilio di spostare i propri uffici da un vicolo a un edificio del centro, una volta di proprietà di Tunisie Telecom. Le scadenti politiche sociali di al-Nahda assieme all’assassinio di due leader popolari (Shuqri Belaid e Muhammad Brahmi) hanno evocato lo spettro del Qatar ai tunisini. In Egitto, la cacciata di Muhammad Mursi dei Fratelli musulmani da parte dei militari e di una classe politica che includeva il partito filo-saudita al-Nur, ha preso in contropiede il Qatar. Il ministro degli Esteri del Qatar Khalid al-Attiyah è stato inviato ad incontrare il capo della Fratellanza Qairat al-Shatar nel carcere di Tora di Cairo, che ha però rifiutato di vederlo (e anche i rappresentanti degli Stati Uniti e degli Emirati Arabi Uniti nella delegazione). Nel regno dell’ex- emiro, al-Attiyah fu il Vice-ministro degli esteri agli ordini del vecchio cavallo di battaglia, sceicco Hamad bin Jassam al-Thani, uno degli architetti della politica estera assertiva del Qatar durante la primavera araba. Ma al-Attiyah non ha il peso del suo predecessore, né la sua astuzia. È la sua attesa a Cairo è il simbolo della paralisi della politica estera del Qatar.
Se i miliardi del Qatar non hanno seminato radici profonde in Tunisia e in Egitto, le cose vanno  peggio in Siria. I funzionari del Qatar dicono che non porranno fine alla loro politica di armare i ribelli siriani, né faranno marcia indietro nella loro diplomazia aggressiva presso la Lega Araba e l’Organizzazione della Conferenza islamica. Tra i gruppi di ribelli siriani che preoccupano gli USA per i potenziali legami con al-Qaida o almeno il jihadismo estremo, c’è la brigata Ahfad al-Rasul, sconvenientemente finanziata dal Qatar. E qualcuno accusa Doha per il suo sostegno a Jabhat al-Nusra. L’ambasciatore della Coalizione nazionale siriana a Doha, Nizar al-Haraqi, ha incontrato il nuovo emiro ed è rimasto soddisfatto del fatto che la politica del Qatar non cambierà, ma non ha voluto parlare dei finanziamenti del Qatar per le armi (che secondo alcuni non sono tanti quanto  richiesti e che altri dicono probabilmente diminuiranno). Ciò è un flash tra le politiche del vecchio e del nuovo emiro.
L’ultima volta che ho passeggiato tra i baraccamenti diplomatici di Doha, l’entusiasmo per la politica del Qatar verso il mondo musulmano era continuo. Il CNS aveva appena aperto la sua nuova sede presso Onaiza Street, nella zona della baia occidentale. I taliban erano pronti ad aprire il loro ufficio. Il Nord Africa era sul palmo dell’emiro e una delle strade principali di Doha è stata ribattezzata Omar al-Muqtar Street per onorare il grande anticolonialista libico e la battaglia del Qatar nel 2011 per rovesciare il regime di Gheddafi in Libia. Le cose sono meno certe adesso. Le discussioni tra Kabul e Islamabad sono al punto di spostare il processo da Doha a Istanbul o Dubai, lontano dallo sguardo di al-Thani. E a dimostrazione del declino precoce dell’indipendenza del Qatar, il nuovo emiro compie il suo primo viaggio all’estero in Arabia Saudita. L’emiro ha incontrato il re saudita Abdullah e il principe ereditario Salman alla Mecca. Non molto è stato rivelato in merito alla riunione. Ciò che è importante è il suo simbolismo, un gesto che il vecchio emiro non avrebbe mai permesso. La sua antipatia per i re di Riyadh è ben nota. Suo figlio è pragmatico non per temperamento (essendo molto simile al padre), ma per disperazione. Washington ritiene che un modo di emarginare la Fratellanza siriana e le sue propaggini jihadiste è sgonfiare le ambizioni del Qatar nella regione. Questo è anche un desiderio saudita. Non è dunque fortuito che il re saudita abbia nominato il principe Bandar bin Sultan, il capo dell’intelligence generale saudita, a sorvegliare gli interessi USA-sauditi in Siria. E’ certo che l’emiro del Qatar ha saputo dai sauditi di questo nuovo sviluppo. Un Qatar oberato dovrà fare i conti con ciò, per ora. Gli Stati Uniti si sono rivolti al loro alleato storico e fedele, per ripetere la loro avventura afghana in Siria, dalla cui strategia deriva un contraccolpo spaventoso.
Il marchio Qatar ne esce ammaccato, la compagnia aerea deve affrontare problemi in Libia, i ribelli affrontano problemi in Siria, e il suo braccio propagandistico al-Jazeera perde spettatori in tutto il mondo arabo. Il nuovo emiro sarà lieto di rivolgere le sue attenzioni al proprio Paese. E poi, la storia ci dimostra che, nonostante le loro divergenze, i sultani d’Arabia sempre compongono e serrano le fila. Non per niente hanno governato per secoli, che per la durata della vita umana sembra un’eternità: Bahrain (gli al-Khalifa dal 1783), Qatar (gli al-Thani dal 1825) e il parvenu dell’Arabia Saudita (gli al-Saud dal 1932).

L’ultimo libro di Vijay Prashad è The Poorer Nations: A Possible History of the Global South (Verso, 2013).

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Qatar1

Vedasi: Qatar – L’assolutismo del XXI.mo secolo

I perni della politica statunitense in Medio Oriente: Qatar, Arabia Saudita e salafismo wahhabita

Zayd Alisa, Global Research, 1 agosto 2013

saudi-iraq-shia-sunni-cartoon

Non badate a me… è solo un piccolo aiuto della carità sunnita

L’esercito egiziano ha emesso un ultimatum il 1° luglio 2013, apparentemente un duro avvertimento a Mursi, primo presidente democraticamente eletto in Egitto, rappresentante della Fratellanza musulmana (FM), e al movimento Tamarod e al Fronte di salvezza nazionale, una coalizione di partiti laici. Tuttavia, in realtà, era a dir poco una minaccia appena velata a Mursi, sottolineando che, a meno che cedesse una parte significativa dei suoi poteri entro 48 ore, l’esercito l’avrebbe cacciato. Anche se l’esercito ha rovesciato Mursi il 3 luglio, tuttavia la sua spietata repressione, che ha causato la morte di oltre 100 seguaci della fratellanza al 27 luglio, ha rafforzato la FM che ha  drammaticamente intensificato le sue proteste sempre più insolenti.
Mentre è incontestabile che il Qatar, guidato dal suo ex-emiro Hamad bin Khalifa al-Thani e dal suo primo ministro e ministro degli Esteri Hamad bin Jassim, è stato in prima linea nel suo inequivocabile sostegno alle rivolte popolari che hanno sferzato la regione, tuttavia la maggior parte del suo sostegno è andato a puntellare la FM. Il regime saudita, al contrario, ha dato il suo sostegno ai regimi tirannici di Tunisia, Egitto, Yemen e Bahrein. Il re saudita ha compiuto sforzi frenetici per impedire la diffusione della rivolta in Arabia Saudita, offrendo miliardi di dollari in aiuti e vietando rigorosamente le proteste, premiando la dirigenza religiosa wahabita salafita e, assai minacciosamente, istruendo l’esercito saudita a invadere e occupare il Bahrain. Ciò che è indiscutibile è il ruolo fondamentale svolto dalla dirigenza religiosa wahabita salafita, radicale e regressiva, nell’offrire legittimità religiosa al regime saudita, che a sua volta fornisce i finanziamenti fondamentali nel diffondere ed esportare la sua violenta ideologia. Secondo l’ideologia wahhabita, è severamente vietato opporsi al sovrano. Così, agli occhi del regime saudita l’esplicito avallo dell’Islam politico della FM, che sottolinea esplicitamente che la legittimità a governare deriva solo dalle elezioni democratiche, è senza dubbio una minaccia esistenziale alla legittimità del potere assoluto del re saudita. Peggiorando le cose ulteriormente, il Qatar ha abbracciato con entusiasmo e persino offerto cittadinanza all’influente e molto controverso leader spirituale della FM, Yusuf al-Qaradawi.
Mentre la protesta in Siria si è sempre più militarizzata, il Qatar ha ampliato il suo pieno sostegno  al dominio della FM. Tuttavia, il regime saudita, che ha sempre considerato il regime siriano, dall’epoca di Hafiz al-Assad, padre di Bashar, una grande spina nel suo fianco e un alleato strategico insostituibile del suo principale avversario, l’Iran, si è mosso rapidamente a puntellare gli insorti armati, utilizzando la sua intelligence, il cui ruolo determinante nel creare e finanziare Jabhat al-Nusra (JN) è stato evidenziato in una rassegna d’intelligence on-line, pubblicata a Parigi nel gennaio 2013, influenzando enormemente non solo i leader tribali sunniti nell’Iraq occidentale, ma anche i membri sauditi di al-Qaida in Iraq (AQI), che secondo un rapporto della NBC del giugno 2005, formavano la maggioranza (55%) degli attentatori suicidi e dei combattenti stranieri convenuti in Iraq, e convincendo AQI che il suo principale campo di battaglia doveva essere la Siria e il suo obiettivo finale deporre il regime alawita di Bashar al-Assad, dato che la sua caduta avrebbe spezzato la spina dorsale del governo sciita iracheno e, inevitabilmente, allentato la presa iraniana sull’Iraq. La creazione di un nuovo ramo di al-Qaida in Siria, sotto la nuova etichetta del JN, non ancora designato organizzazione terroristica, è stata non solo un’ancora di salvezza necessaria per l’AQI, che era in ritirata nel 2011, ma ha anche fornito ad Arabia Saudita e Qatar l’opportunità di sostenere AQI e JN con il pretesto perfetto di sostenere la democrazia in Siria, destabilizzando entrambi i Paesi. Così l’AQI s’è affrettata ad inviare Abu Muhammad al-Julani, nel luglio 2011, a formare il JN, mentre, Ayman al-Zawahri, il leader globale di al-Qaida, ha incaricato tutti i suoi combattenti nel febbraio 2012 a convergere in Siria. Il New York Times ha riferito il 14 ottobre  2012, che la maggior parte delle armi spedite da Arabia Saudita e Qatar andava agli estremisti jihadisti in Siria. Così spiegando come il JN sia rapidamente divenuto il miglior gruppo armato in Siria. È stato inoltre riferito, il 29 febbraio 2013, che l’Arabia Saudita ha drammaticamente intensificato il supporto ai ribelli, finanziando l’acquisto di una grande partita di armi dalla Croazia.  Tuttavia, il suo articolo del 27 aprile 2013 era, anche se indirettamente, molto più caustico verso l’armamento e i finanziamenti sauditi e qatarioti, affermando minacciosamente che in nessuna zona  controllata dai ribelli in Siria ci fosse una forza combattente laica.
The Guardian, nel frattempo, riferiva il 22 giugno 2012 che l’Arabia Saudita era in procinto di pagare gli stipendi ai ribelli siriani. Ma, in una rara ammissione da una fonte ben informata, in un articolo del 13 aprile 2013 di al-Arabia, una fonte del regime saudita confermava l’acquisto e l’invio di armi croate ai ribelli siriani, riconoscendo che la nomina di Bandar bin Sultan, nel luglio 2012, a capo dei servizi segreti fosse un balzo negli sforzi continui dell’Arabia Saudita in Siria. Ancora più rivelatrice, tuttavia, era l’affermazione che Bandar fosse saldamente alla guida, e che così al Qatar deve essere stato detto di restarsene sul sedile posteriore. In sostanza, tali finanziamento, armamento e stipendio dei militanti da parte di Arabia Saudita e Qatar non solo verso il JN, che secondo la dichiarazione di Abu Baqir al-Baghdadi, capo di AQI, nell’aprile 2013, non è che una semplice estensione del gruppo salafita wahhabita AQI, la forza più spietata e potente tra i gruppi dell’opposizione, ma che ha anche notevolmente rinvigorito l’AQI. Senza dubbio, la riconquista della città strategica di Qusayr, nel giugno 2013 da parte dell’esercito siriano sostenuto dai suoi alleati libanesi di Hezbollah, ha segnato il punto di svolta nel conflitto siriano, spingendo Obama alla decisione sorprendente del 13 giugno 2013 di armare i ribelli. A ciò è seguito minacciosamente l’improvviso ritorno del re dell’Arabia Saudita dalle sue vacanze. L’ultima volta tornò per invadere e occupare il Bahrain. Questa volta, è tornato per assumere il suo nuovo ruolo di leader indiscusso del mondo arabo dopo il verdetto degli Stati Uniti: l’Arabia Saudita e non il Qatar deve guidare il mondo arabo. Così, l’emiro del Qatar è stato spinto dagli Stati Uniti ad abdicare il 25 giugno 2013 in favore del figlio Tamim bin Hamad. E in netto contrasto con ciò che molti esperti hanno predetto, la nuova politica estera del Qatar sempre più volge a seguire la linea saudita o a mantenere un basso profilo. Ciò s’è manifestato in primo luogo quando il nuovo emiro del Qatar ha reso esplicitamente chiaro, nel suo primo discorso, che il Qatar avrebbe rispettato tutte le dirigenze politiche e fieramente respinto i settarismi. In secondo luogo, la notevole assenza di qualsiasi accenno alla crisi siriana. In terzo luogo, e di gran lunga più significativo, al posto di Hamad bin Jassim, ex-primo ministro e ministro degli Esteri viene nominato Abdallah bin Nasser bin Khalifa a Premier e ministro degli Interni, riflettendo una svolta politica verso l’interno. In quarto luogo, la nomina di Khalid al-Atiyah, che ha assai meno peso, dato che non è membro della famiglia reale. In quinto luogo, il nuovo emiro si è rapidamente congratulato con il presidente egiziano ad interim Adly Mansur, nominato dall’esercito egiziano. Ciò in netto contrasto con la fatwa emessa il 6 luglio 2013 da al-Qaradawi che invita apertamente il popolo egiziano a sfidare l’esercito e a sostenere Mursi. Anche se in Egitto la FM è stata la prima vittima dell’incontrastata leadership dell’Arabia Saudita sul mondo arabo, comunque subito dopo vi è stata la drammatica assunzione della dirigenza della Coalizione nazionale siriana, dove il Qatar aveva combattuto ferocemente per conservarla, da parte del candidato saudita Ahmad Jarba, il 6 luglio 2013, subito seguita dalle dimissioni del Primo ministro ad interim sostenuto dal Qatar, Gassan Hitto. Poco dopo arrivava la chiusura dell’ufficio politico dei taliban a Doha. E più di recente, proteste sono scoppiate in Tunisia contro il partito al-Nadha, cioè la FM della Tunisia MB, accusato di aver assassinato un importante politico laico.
Le ragioni principali dietro la decisione degli Stati Uniti sono le seguenti: In primo luogo, l’alto grado di confusione tra i suoi alleati in Medio Oriente, che ha dato respiro al regime siriano. In secondo luogo, l’arroganza e la sregolatezza della leadership del Qatar. In terzo luogo, la speranza che i sauditi imparassero dalla lezione data al Qatar. In quarto luogo, avendo posto il Qatar nel sedile posteriore, gli Stati Uniti avrebbero avuto una leva sui sauditi. Quinto, spingendo l’emiro del Qatar ad abdicare inviano un messaggio inequivocabile al re saudita. In sesto luogo, la crescente preoccupazione degli Stati Uniti per l’indebolimento del fronte interno dell’Arabia Saudita, in particolare dopo che il suo mito palesemente ingannevole di essere il custode dell’Islam sunnita è decaduto, in gran parte grazie al conclamato sostegno del regime saudita a regimi tirannici contrari ai sunniti in questi Paesi. Settimo, dando agli Stati Uniti l’occasione d’oro di accusare la precedente dirigenza del Qatar se un nuovo 11/9, come l’attacco terroristico al consolato statunitense a Bengasi, ha avuto luogo, senza biasimare l’Arabia Saudita o addirittura se stessi per aver permesso ai sauditi di inviare missili antiaerei ai ribelli siriani.
Nell’ambito degli strenui tentativi del regime saudita di evitare una rivolta interna, ha inesorabilmente cercato di innescare una guerra settaria regionale per dimostrare al proprio popolo, sempre più privo di diritti, di essere fortemente impegnato nella lotta contro la minaccia esistenziale sciita, cioè l’Iran. Ma, con i sauditi leader del mondo arabo, il rischio di una guerra del genere non è mai stato così alto. In effetti, se scoppia una guerra del genere, entrambi i lati della divisione settaria certamente ne incolperebbero gli Stati Uniti. E’ quindi giunto il momento per gli Stati Uniti di riconoscere prontamente che il loro sostegno incrollabile all’Arabia Saudita, da dove proveniva la stragrande maggioranza (15 su 19) degli attentatori suicidi dell’11 settembre, a dispetto del capo Usama bin Ladin, ha svolto un ruolo importante nel trasformare la guerra al terrorismo nell’impresa inconfutabilmente di maggior successo di promuovere e supervalutare al-Qaida in numerosi altri Paesi. Quindi è imperativo per gli Stati Uniti, se si sforzano realmente di fermare la minacciosa valanga della rapida diffusione dell’ideologia estremista wahabita salafita e di evitare il confronto con un mondo islamico sempre più radicalizzato, impedire l’esportazione implacabile dall’Arabia Saudita della sua ideologia estremista salafita wahhabita e dei suoi combattenti estremisti jihadisti, facendo enorme pressione sui sauditi, per spingerli a passare dalla protezione del petrolio a una riforma politica concreta e a un cambiamento democratico.

Copyright © 2013 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Siria e l’esaurimento psicologico washingtoniano

Dedefensa, 30 aprile 2013

603046L’articolo di Ben Hubbard, sul New York Times del 28 aprile 2013, ha causato scalpore. Tutti trattengono il fiato e continuano a rimbombargli  nella testa la frase centrale e simbolica del testo: “Da nessuna parte, nelle zone controllate dai ribelli, vi è una fazione combattente laica degna di questo nome”. Ciò significa che i ribelli che combattono Assad, in Siria, oggi non sono in generale che gruppi estremisti islamici, compresi quelli che i pianificatori washingtoniani riconoscono essere molto più pericolosi dello stesso Assad. Lo spettacolo descritto da Hubbard agghiaccia gli editorialisti del Sistema, e noi crediamo che sia stato scritto con questo intento…
Nella seconda città più grande della Siria, Aleppo, i ribelli allineatisi con al-Qaida controllano la centrale elettrica, i panifici e una corte che applica la legge islamica. Altrove, hanno occupato giacimenti di petrolio del governo, che potrebbero riattivare subito beneficiando del greggio che producono. In tutta la Siria, aree controllate dai ribelli sono punteggiate da tribunali islamici gestiti da avvocati e chierici, e da brigate combattenti guidate da estremisti. Anche il Consiglio supremo militare, l’organizzazione ombrello delle formazioni ribelli, con cui l’occidente sperava di emarginare i gruppi radicali, è pieno di comandanti che vogliono imporre la legge islamica con un futuro governo siriano. In nessuna parte controllata dai ribelli in Siria c’è una forza combattente secolare di cui parlare. Questo è il paesaggio che il Presidente Obama affronta mentre pensa a come rispondere alla crescente evidenza che ufficiali siriani hanno usato armi chimiche, attraversando la “linea rossa” che aveva tracciata. Più di due anni di violenze hanno radicalizzato l’opposizione armata che combatte il governo del Presidente Bashar al-Assad, lasciando pochi gruppi che condividono la visione politica degli Stati Uniti e che hanno la forza militare per andare avanti.”
Due giorni dopo, il 30 aprile 2013, il pomposo e maestoso quotidiano di riferimento giunge al culmine con un editoriale che simbolicamente afferma la posizione del giornale, dettagliando senza necessariamente voler essere appariscente, ma in modo particolare, le contraddizioni della posizione degli Stati Uniti (e del blocco BAO) in Siria, e quindi la paralisi che ne risulta. Considerando per lo meno contraddittorio e irresponsabile la posizione dei falchi al Congresso, tra cui i due amigos inevitabili Graham e McCain, l’editoriale nota che BHO ha agito con cautela, finora, ma che è intrappolato dalla visualizzazione della “linea rossa” per un intervento più deciso degli Stati Uniti, nel caso di uso di armi chimiche; e che se si scoprisse che vi è stato uso di queste armi, bisognerebbe agire per BHO; e questo sarebbe necessariamente a favore dei ribelli, ma ciò potrebbe essere catastrofico, perché è ormai chiaro, come abbiamo visto, che i “ribelli combattenti” islamisti sono più pericolosi di Assad…
A differenza di McCain e Graham, che hanno accusato il presidente Obama perfino del ritiro delle truppe dall’Iraq e che hanno cercato di indurlo ad un atteggiamento più militarista contro l’Iran, il presidente cerca di districare gli Stati Uniti dai conflitti d’oltremare e, di conseguenza, è stato molto cauto sul coinvolgimento militare in Siria. Ma potrebbe cambiare idea, ora che le forze di Assad vengono accusate di usare armi chimiche. Lo stesso Obama si è messo con le spalle al muro quando ha avvertito il leader siriano che l’uso di armi chimiche costituirebbero una “linea rossa” e un “punto di svolta”, suggerendo fortemente, forse incautamente, che attraversando quella riga scatterebbe qualche tipo di azione statunitense. L’incapacità di agire ora potrebbe essere fraintesa da Assad, come dai leader di Iran e Corea del Nord, i cui programmi nucleari sono sul radar degli Stati Uniti.  Obama deve agire solo se ha una documentazione convincente che il gas sarin sia stato utilizzato in un attacco da parte delle forze siriane, e che non sia il risultato di un incidente o di fertilizzanti. Il Financial Times ha riferito che la prova si basa su due distinti campioni prelevati dalle vittime degli attacchi. Con la guerra civile in Siria, che ora entra nel terzo anno e il bilancio delle vittime a oltre 70.000, la posizione è peggiorata. Assad resta al potere, le divisioni settarie si sono intensificate e i rifugiati nei Paesi limitrofi sono destabilizzanti. Ancor più preoccupante, i jihadisti legati ad al-Qaida sono diventati la forza di combattimento dominante e, come Ben Hubbard ha riportato su The Times, ci sono pochi gruppi di ribelli che condividono la visione politica degli Stati Uniti e che hanno la forza militare per andare avanti. Non ci sono mai stati facili opzioni per gli Stati Uniti in Siria, che non sono migliorate nel tempo. E la Russia e l’Iran che supportano Assad, meritano una particolare condanna. Senza il loro sostegno Assad non sarebbe durato così a lungo. Eppure, il Paese è importante per la stabilità regionale. Obama deve presto chiarire come ha intenzione di usare l’influenza americana nel trattare la minaccia jihadista e il finale di partita in Siria“.
In precedenza, un altro articolo sullo stesso giornale del 28 aprile 2013, attaccava le posizioni dei “consulenti [che] non sono pagatori“, di vari parlamentari e di altri che raccomandano “una forte azione” in Siria, sulla base di informazioni sull’uso di armi chimiche di cui è nota la poetica verità, ma che ognuno si sente in dovere di darvi un qualche credito. Si tratta, in questo caso, soprattutto per i falchi del Congresso come Graham-McCain e pochi altri, di avere come risultato un pasticcio enorme.
“...Domenica scorsa, molti repubblicani, tra cui i senatori Lindsey Graham del South Carolina e John McCain dell’Arizona, entrambi membri del Comitato per i Servizi Armati, che fanno le loro usuali apparizioni nei talk show televisivi avvertendo che l’assenza di un intervento in Siria favorirebbe nazioni come l’Iran e la Corea del Nord. “Se manteniamo questo approccio inattivo verso la Siria, con l’attuale indecisione verso la Siria, con questa sorta di azione senza scopo, inizieremmo una guerra con l’Iran perché l’Iran considererà la nostra inazione in Siria come una nostra mancanza di serietà sul loro programma di armi nucleari”, ha detto Graham al programma della CBS “Face the Nation”. Graham ha aggiunto: “Non c’è niente che si può fare in Siria senza rischi, il rischio maggiore è uno Stato fallito le cui armi chimiche cadano nelle mani degli islamisti radicali, che si stanno riversando in Siria.[...] Il senatore Saxby Chambliss, repubblicano della Georgia, anch’egli nel Comitato di servizi armati, ha detto a “Face the Nation” che aveva parlato la settimana prima con il re Abdullah II di Giordania di una no-fly zone, mentre il rappresentante Mike Rogers, repubblicano del Michigan e presidente del Comitato per l’Intelligence della Camera, ha detto che i deputati hanno ricevuto informazioni classificate che suggeriscono che il governo di Assad abbia usato armi chimiche negli ultimi due anni. “Il problema è, come si sa, che il presidente ha tracciato la linea,” ha detto Rogers al programma dell’ABC “This Week. “E non può essere una linea tratteggiata. Non può essere altro che una linea rossa. E più che la Siria, è l’Iran presta attenzione a ciò. La Corea del Nord presta attenzione a ciò”. I repubblicani convengono che gli Stati Uniti non dovrebbero mandare le truppe di terra. “La cosa peggiore che gli Stati Uniti potrebbero fare in questo momento è inviare truppe sul terreno in Siria”, ha detto  McCain al programma della NBC “Meet the Press”. “Cosa che metterebbe il popolo contro di noi”. I democratici, tra cui la senatrice Claire McCaskill del Missouri e il deputato Keith Ellison del Minnesota, sembrano meno propensi ad intensificare gli aiuti militari e ad aspettare che venga fornita assistenza umanitaria ai siriani che hanno abbandonato la lotta“.
Certamente non pretendiamo, con queste varie citazioni e i commenti che li accompagnano, di apportare nulla di nuovo a fatti ed eventi, come abbiamo visto altrove non sono che materiale sfuggente e improbabile per una guerra delle comunicazioni di cui nessuno controlla il senso e ne comprende davvero gli obiettivi. Piuttosto, si misura l’evoluzione del clima di Washington, che diffonde la sua schizofrenia indiscriminatamente, indubbiamente perché non è più possibile nascondere l’impotenza che ha portato questo stato. Il New York Times non esita più a descrivere la verità catastrofica della situazione sul terreno, e a scrivere editoriali dove ciò che viene scritto viene contraddetto, in successione, chiedendo di fare qualcosa in Siria ma che è impossibile fare qualcosa in Siria. Anche un’illuminata esaltata come Lindsay Graham, non si è nemmeno presa la briga di rimuovere o anche ridurre gli argomenti che contraddicono immediatamente la sua tesi guerrafondaia, citandoli subito dopo. Così dice che è necessario intervenire in modo netto in Siria (l'”utilizzazione” di armi chimiche) se no, Assad, Kim della Corea del Nord ed i mullah iraniani potranno facilmente schernire il potere americanista, aggiungendo subito che il peggior disastro (“il rischio peggiore“) è che i ribelli islamici catturino le armi chimiche (e non Assad che rimane al potere?), cosa che accadrebbe indubbiamente se gli USA saranno coinvolti “nettamente” in Siria, cioè aiutando i ribelli contro Assad, dal momento che gli unici ribelli combattenti, dice il New York Times, sono gli islamisti.
Ciò che è notevole non è il regno del sofismo, come abbiamo già descritto: si sapeva, naturalmente, e lo sapevamo. (Potremmo chiamarlo “sofisma siriano”, non avendo lo spirito di parlare di “sofismo libico” quando le stesse circostanze si manifestarono in Libia.) Ciò che è notevole è che Washington non prova nemmeno a rimuovere l’uno o l’altro dei suoi termini per argomentare meglio il suo caso, ma sembra abbandonare ogni speranza di contenere questa ondata di contraddizioni che alimenta proprio i sofismi in cui sono immersi gli USA (blocco BAO), dopo due anni di attività del tutto irresponsabili, o meglio infraresponsabili, intorno la Siria. Questo clima speciale che  miscela un’eruttazione belligeranza, ma usurata, e di paura alquanto esaurita dalle conseguenze di questo bellicismo, viene evidenziato con particolare forza dall’affermazione di McCain che gli Stati Uniti non invieranno nessuna truppa sul terreno in Siria (“La cosa peggiore che gli Stati Uniti potrebbero fare in questo momento, è inviare truppe sul terreno in Siria“). Questo è, però, un’opzione già ampiamente discussa dagli estremisti del Partito della Guerra di cui McCain è una delle fonti d’ispirazione più forte. (Per aggiungere la solita ciliegina sulla torta, necessaria e inevitabile quando si parla di Siria, riportiamo il giudizio di Shamus Cooke su Antiwar.com del 30 aprile 2013, secondo cui Obama, ancora molto misurato nelle sue opzioni interventiste, viene ampiamente superato “a sinistra” dai militari che sono più che mai contrari a qualsiasi intervento.) Questa specie di decomposizione delle trincee dialettiche e consolidate di Washington, che si è avuta finora, sembra indicare un interessante avanzamento del processo di dissoluzione, se non di entropizzazione dei giudizi sulla situazione in Siria e sulle opzioni politiche degli Stati Uniti. La psicologia dei leader americanisti comincia a sembrare seriamente infettata dai fattori dissolventi della “guerra siriana.” Ed alla luce dell’allarme “vero-falso” sull’uso, manipolato o meno, delle armi chimiche, in un momento in cui si misura l’intensa fatica psicologica di questi vari figuranti del Sistema, permettendo all’infezione di penetrare facilmente; questa intensa stanchezza, prossima all’esaurimento psicologico, grazie a una crisi che non giunge a determinare un parossismo che interessa il sistema, ma che s’impantana e l’impantana (“pantano critico”), in una sorta di amorfismo per loro incomprensibile.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Qatar, campione di bugie e di occultamenti

Majed Nehme Le Grand Soir 29 aprile 2013

xin_0620306302006968138266AFRICA-ASIA: Senza sponsor e in piena indipendenza, controcorrente rispetto ai libri attualmente ordinati e recentemente pubblicati in Francia sul Qatar, Nicolas Beau e Jacques-Marie Bourget* hanno indagato su questo piccolo Stato tribale, oscurantista e ricco, che a colpi di milioni di dollari e di false promesse sulla democrazia, vuole giocare nel cortile dei grandi imponendo a tutto il mondo la sua interpretazione fondamentalista del Corano. Un lavoro rigoroso e appassionante sulla dittatura morbida, di cui ci parla Jacques-Marie Bourget. Scrittore ed ex giornalista nell’editoria francese, Jacques-Marie Bourget ha seguito molte guerre: Vietnam, Libano, El Salvador, la Guerra del Golfo, la Serbia e il Kosovo, Palestina… a Ramallah un proiettile israeliano lo ferì gravemente. Conoscitore del mondo arabo e di quello occulto, ha pubblicato lo scorso settembre, con il fotografo Marc Simon, Sabra e Shatila nel cuore (Erick Bonnier Publishing, vedasi Africa-Asia ottobre 2012). Nicolas Beau è stato a lungo giornalista investigativo di Libération, Le Monde e Canard Enchainé prima di fondare e dirigere il sito satirico francese Bakchich.info. Ha scritto libri d’inchiesta su Marocco, Tunisia e Bernard-Henri Lévy.

Cosa ti ha portato a scrivere un libro sul Qatar?
Il caso e la necessità. Ho visitato il Paese diverse volte e sono tornato impressionato dal vuoto che emerge a Doha. Si ha l’impressione di stare in un Paese virtuale, una sorta di video globale. Mi sono interessato a capire come un tale piccolo Stato artificiale possa avere, grazie ai dollari e alla religione, un posto del genere nella storia che viviamo. D’altra parte, all’altra estremità della catena, con l’indagine nelle periferie francesi fatta dal mio co-autore Nicolas Beau, ci siamo subito convinti che vi sia una strategia affinché il Qatar diventi finalmente il padrone dell’Islam anche in Francia e in tutto il Medio Oriente e l’Africa. Imponendo la propria interpretazione del Corano, il wahhabismo, quindi essenzialmente una interpretazione salafita, fondamentalista, degli scritti del Profeta. L’esternalizzazione dell’educazione religiosa in Francia agli imam musulmani nominati dal Qatar sembrava incompatibile con l’idea e i principi della Repubblica. Immaginate il Vaticano che diventa improvvisamente produttore di gas, usare i suoi miliardi per congelare il mondo cattolico nelle idee fondamentaliste di Mons. Lefebvre, questi gruppuscoli fondamentalisti che dimostrano violentemente contro il “matrimonio per tutti” in Francia. La nostra società diventerebbe insopportabile, l’oscurantismo e il fondamentalismo sono i peggiori nemici della libertà.
In questo piccolo Paese, abbiamo iniziato pubblicando un dossier per una rivista. Ma l’abbiamo subito trasformato in un libro. Il paradosso del Qatar, che predica la democrazia, senza applicarne un grammo a casa sua, ci ha colpiti. Il nostro libro verrà certamente definito animato da malafede, il pamphlet che colpisce il Qatar… ciò è sbagliato. In questo ambito non abbiamo né controllo, né incontrato amici e sponsor. Per svolgere questo lavoro, è stato sufficiente leggere e osservare. Osservando il Qatar per quel che è: un micro-impero controllato da un satrapo, una dittatura sorridente.

Negli ultimi anni, questo piccolo petro-emirato geopoliticamente insignificante è diventato, almeno mediaticamente, un attore politico che vuole giocare ai grandi e influenzare la storia del mondo musulmano. È megalomania? Il Qatar segue un progetto che lo trascende?
C’è un delirio di grandezza, che viene incoraggiato dai consiglieri e cortigiani che sono riusciti a convincere l’emiro che è sia uno zar che il comandante dei fedeli. Ma è marginale. L’altra verità è, secondo noi, che per paura del suo vicino e potente nemico Arabia Saudita, imita la rana. Senza avere centinaia di migliaia di chilometri quadrati nel Golfo, il Qatar occupa una superficie politico-mediatica, un impero di carta. Doha ritiene che questa espansione sia un mezzo di protezione e sopravvivenza. Infine, vi è la religione. Un profondo sogno messianico cresce a Doha, la conquista di anime e territori. Qui si può confrontarlo con il piccolo Vaticano, che nel XIX.mo secolo inviava missionari in ogni continente. L’emiro è convinto di poter nutrire e far crescere la rinascita dell’Umma, la comunità dei credenti. Questa strategia ha due facce, quella di un possibile incidente, e l’ambizione di portare i sogni del Qatar troppo lontano dalla realtà. Da non dimenticare, inoltre, che Doha occupa un posto vuoto, a suo tempo lasciato dall’Arabia Saudita coinvolta negli attentati dell’11 settembre e costretta ad essere più discreta verso jihad e wahhabismo. Lo scandaloso via libera di cui gode il Qatar nell’aderire alla Francofonia, contribuisce all’obiettivo della “wahhabizzazione” dell’Africa, dove le istituzioni che promuovono la lingua francese possono essere trasformate in scuole islamiche, e Voltaire e Hugo essere sostituiti dal Corano.

Questa megalomania può rivoltarsi contro l’attuale emiro? Soprattutto se guardiamo la breve storia di questo emirato, creato nel 1970 dagli inglesi, scandito da colpi di Stato e rivoluzioni di palazzo.
Megalomania e ambizione dell’emiro Al-Thani sono, è vero, tranquillamente criticati dai “vecchi amici” del Qatar. Alcuni sostengono che il sovrano è un re malato, spingendo l’ascesa al trono del figlio designato come erede, il principe Tamim. Una volta al potere, il nuovo padrone ridurrebbe le ambizioni, tra cui il sostegno di Doha ai jihadisti, come nel caso di Libia, Mali e la Siria. Questa opzione è assai ben considerata dai diplomatici statunitensi, preoccupati da questo nuovo radicalismo islamista nel mondo. Quindi, va ricordato, il Qatar è innanzitutto uno strumento della politica di Washington, con cui è legato da un patto d’acciaio. Detto questo, promuovere Tamim non è semplice in quanto l’emiro, che scacciò il padre con un colpo di Stato nel 1995, non ha annunciato il suo ritiro. Inoltre, il primo ministro Jassim, cugino dell’emiro, l’onnipotente e ricco “HBJ”, non ha intenzione di lasciare un centimetro del suo potere. Meglio: se necessario, gli Stati Uniti sono disposti a sacrificare l’emiro e il figlio per insediarvi “HBJ”, devoto anima e corpo a Washington e Israele. Nonostante l’opulenza che mostra, l’emirato non è così stabile come sembra. Sul fronte economico, il Qatar è indebitato a tassi “europei” e lo sfruttamento del gas di scisto è una dura concorrenza, a partire dagli Stati Uniti.

La presenza della più grande base statunitense al di fuori degli Stati Uniti, sul suolo del Qatar, può essere considerata come una polizza di assicurazione per la sopravvivenza del regime o piuttosto è una spada di Damocle che sarà fatale nel prossimo futuro?
La presenza della grande base al-Udai è un’immediata assicurazione sulla vita per Doha. Gli USA hanno qui un luogo ideale per monitorare, proteggere o attaccare a volontà la regione. Proteggere l’Arabia Saudita e Israele dagli attacchi dell’Iran. La Mecca ebbe le sue rivolte, l’ultima repressa dal capitano Barril e dalla logistica francese. Ma Doha potrebbe conoscere una rivolta guidata da pazzi di Allah scontenti della presenza del “Grande Satana” nella terra wahhabita.

Questo regime, dall’aspetto moderno, è fondamentalmente tribale e oscurantista nella realtà. Perché così poche informazioni sulla sua vera natura?
A rischio di essere noioso, finalmente il pubblico deve sapere che il Qatar è il campione del mondo della doppia morale: quella della menzogna e della dissimulazione come filosofia politica. Ad esempio, da Doha partono aerei per bombardare i taliban in Afghanistan, mentre questi guerriglieri religiosi hanno un ufficio di coordinamento a Doha, a pochi chilometri dalla base da cui decollano i caccia che li uccidono. Questo si applica in tutti i settori, anche nel caso della politica interna di questo piccolo Paese. Guardate quello che sta succedendo in questo angolo di deserto. Le libertà sono assenti, si praticano punizioni corporali, la lettre de cachet, ovvero l’incarcerazione senza accusa, è una pratica comune. Il voto non esiste che per eleggere alcuni consiglieri, così come associazioni e partiti politici sono vietati, come anche la stampa indipendente… Una costituzione redatta dall’emiro e dal suo clan, non viene nemmeno applicata in tutti i suoi articoli. Un milione e mezzo di lavoratori stranieri impiegati in Qatar, la sua colonna vertebrale, sono sottoposti a ciò che le associazioni dei diritti umani chiamano “schiavitù”. Questi sfortunati, privati dei loro passaporti e pagati con una miseria, sopravvivono in odiosi campi senza il diritto di lasciare il Paese. Molti di loro, aggrappandosi al cemento dei grattacieli che costruiscono, muoiono d’infarto o precipitando (diverse centinaia di morti ogni anno).
La “giustizia” a Doha viene amministrata direttamente dal palazzo dell’emiro, attraverso giudici che sono spesso dei mercenari provenienti dal Sudan. Sono coloro che hanno condannato il poeta al-Ajami all’ergastolo, perché ha pubblicato su internet una battuta su al-Thani. Osserviamo una doppia morale: poiché questo letterato non è Solzhenitsyn, nessuno pensa di marciare a Parigi per difendere il martire della libertà. Con un aneddoto, quest’anno, poiché il suo insegnamento non era “islamico”, una scuola francese a Doha è stata semplicemente tolta dalla lista delle istituzioni gestite da Parigi.

Fermiamoci qui, perché la situazione dei diritti in Qatar è un attentato permanente ai diritti.
Eppure si cade sul famoso paradosso, Doha non esita, fuori del suo territorio, a predicare la democrazia. Il miglior forum annuale su questo tema viene organizzato nella capitale. Il suo titolo, “Democrazia nuova o restaurata“, mentre in Qatar non c’è democrazia che sia “nuova” o “restaurata”… Secondo la classifica di The Economist, solo in termini di democrazia, il Qatar è il 136.mo su 157 Stati, classificatosi dietro la Bielorussia. Stranamente, mentre tutte le anime belle evitano il dittatore baffuto Lukashenko, non provano vergogna o rabbia a stringere la mano ad al-Thani. E l’inferno del Qatar non impedisce ai grandi difensori dei diritti umani, tra cui gli ospiti francesi, di venire a prendersi il sole di Doha: Segolene Royal, Najat Belkacem-Vallaud, Dominique de Villepin, Bertrand Delanoë.

Come può un Paese che è essenzialmente antidemocratico presentarsi quale promotore della primavera araba e della libertà di espressione?
Alla luce della “primavera araba” il Qatar ha un ruolo fondamentale, si osservano due fasi. In un primo momento, Doha urla assieme alla gente giustamente indignata. Questo si chiama “democrazia e libertà”. Abbattuti i dittatori, il potere viene preso dai Fratelli musulmani, che sono i veri alleati di Doha. E dimenticano le parole d’ordine di ieri. Come indicato nei supermercati, “libertà e democrazia” sono solo prodotti di grido, sono solo “com” (propaganda). Se il coinvolgimento del Qatar nella “primavera” è apparso sorprendente, è la strategia di Doha che resta discreta. Da anni l’emirato ha rapporti molto stretti con i militanti islamici perseguitati dai potentati arabi, ma anche con gruppi di giovani blogger e utenti di Internet cui offrono corsi sulla “rivolta nella rete.” La politica dell’emiro è duplice. In primo luogo, spediscono avanti la “facciata” dei giovani con i loro Facebook e blogger, ma a mani nude davanti ai fucili della polizia e dei militari. Sconfitti questi, sgomberato il campo, giunge il momento di spiattellare questi islamisti tenuti al caldo e in riserva, sacralizzati dalle saghe eroiche ingigantite da al-Jazeera.

Come si spiega il coinvolgimento diretto del Qatar prima in Tunisia e Libia, e ora in Egitto, nel Sahel e in Siria?
In Libia, come dimostriamo nel nostro libro, l’obiettivo era sia di ripristinare il regno islamico di Idriss che tentare di prendere il controllo di 165 miliardi, l’ammontare del risparmio nascosto da Gheddafi. Nel caso della Tunisia e dell’Egitto, vi è l’applicazione della strategia fredda per “ridisegnare il Medio Oriente”, degno dei “neocon” statunitensi. Ma, ancora una volta, non fu solo  il Qatar che ha rovesciato Ben Ali e Mubaraq, la loro caduta è stata inizialmente il risultato della loro corruzione e della loro politica tirannica e cieca. Nel Sahel, i missionari del Qatar sono presenti da cinque anni. Con le reti delle moschee, l’applicazione sapiente della zaqat, la beneficenza islamica, il Qatar si è ritagliato nel Niger e in Senegal un territorio dipendente dal seno dorato di Doha. Inoltre, in Niger, come in altri Paesi poveri nel mondo, il Qatar ha acquistato centinaia di migliaia di ettari trasformando dei poveri affamati in “contadini senza terra”. Alla fine del 2012, quando i jihadisti presero il controllo del nord del Mali, fu osservato che i membri della mezzaluna rossa del Qatar si recavano a Gao per aiutare i terribili killer del MUJAO…
La Siria è un’estensione del campo della lotta con, in aggiunta, una esagerazione: mostrare concorrenza perfino con il nemico saudita nel sostegno alla jihad. Ecco, è difficile leggere chiaramente lo scopo politico dei due migliori amici del Qatar, gli Stati Uniti e Israele, poiché Doha sembra giocare con il fuoco dell’Islam radicale…

Fatah accusa il Qatar di seminare discordia e divisione tra i palestinesi sostenendo pienamente Hamas, che fa parte della nebulosa della Fratellanza musulmana. Per molti osservatori, questa strategia avvantaggia solo Israele.  Sei d’accordo con questa analisi?
Quando si vuole discutere del volto politico del Qatar verso i palestinesi, dobbiamo attenerci alle immagini. Tzipi Livni, che con Ehud Barak fu il perno dell’Operazione Piombo Fuso a Gaza, nel 2009, che fece 1.500 morti, fa regolarmente shopping nei centri commerciali di Doha. Ne approfitta quando viaggia per salutare l’emiro. Un sovrano che, durante una visita segreta, si recò a Gerusalemme per visitare la signora Livni… Ricordiamoci del patto firmato da un lato da HBJ e dal sovrano al-Thani e dall’altro dagli Stati Stati: la priorità è aiutare la politica di Israele. Quando il “re” di Doha arrivò a Gaza, promise milioni, un modo di coinvolgere Hamas nel clan dei Fratelli musulmani, spezzando al meglio l’unità palestinese. Si tratta di una politica patetica. Ora, Mishaal, capo di Hamas, vive a Doha nel palmo della mano dell’emiro. Il suo sogno, avendo Hamas abbandonato ogni idea di lotta, è mettere Mishaal alla guida della Palestina annessa alla Giordania, una volta abbattuto re Abdullah. Israele potrebbe quindi estendersi in Cisgiordania. Interessante fantapolitica.

Il Qatar ha “comprato” l’organizzazione della Coppa del Mondo di calcio nel 2022?
Un grande e vecchio amico del Qatar ha detto: “Il loro dramma è che riescono sempre a farsi dire che “ancora una volta, hanno pagato””. Certo, vi sono dei sospetti. Si noti che le federazioni sportive sono così sensibili alla corruzione che con il denaro, l’acquisto di una gara è possibile. Lo abbiamo visto con le Olimpiadi stranamente attribuite a degli outsider…

Nella disputa di confine tra Qatar e Bahrain, si è scoperto che uno dei giudici della Corte internazionale di giustizia dell’Aja è stato comprato dal Qatar. Il caso può essere rivisto alla luce di queste rivelazioni?
Un libro, uno serio, recentemente pubblicato suggerisce una possibile manipolazione del Qatar durante il giudizio arbitrale che ha risolto la controversia di confine tra il Qatar e il Bahrain. La posta in gioco è alta, perché sotto il mare e le isole, c’è il gas. Un esperto mi ha detto che questa rivelazione potrebbe essere utilizzata per riaprire il caso davanti alla Corte dell’Aja…

I legami pericolosi tra il francese Sarkozy e il Qatar continuano con François Hollande. Come si spiega questa continuità?
Parlando del Qatar, si parla di Sarkozy e viceversa. Dal 2007 al 2012, diplomatici e spie francesi ne sono testimoni, è l’emiro che ha impostato la “politica araba” della Francia. E’ divertente sapere oggi che Bashar al-Assad è stato l’uomo che ha introdotto i “Sarkozi” presso l’allora suo migliore amico, l’emiro del Qatar. Non vi è alcuna buona commedia senza traditori. Gheddafi è stato un altro grande amico di al-Thani, è l’emiro che ha facilitato il divertente soggiorno del colonnello e della sua tenda a Parigi. Senza menzionare casi incidenti come l’epopea del rilascio delle infermiere bulgare. Il rapporto tra il Qatar e Sarkozy è sempre stato sostenuto da prospettive finanziarie. Doha oggi ha promesso d’investire 500 milioni di euro in un fondo d’investimento che dovrebbe essere lanciato dall’ex presidente francese a Londra. Lo scambio di buone pratiche avviene con la propaganda o la mediazione di avventure, come quelle sportive, in Qatar.
François Hollande, in rapporto al Qatar, è in bilico. Un giorno il Qatar è il “partner indispensabile” che ha salvato, nella sua roccaforte di Tulle, la fabbrica di borse Tanner, il giorno dopo, bisogna stare in guardia dai suoi amici jihadisti. Nessuna politica è saldamente disegnata, e i diplomatici del Quai d’Orsay nominati da Sarkozy, continuano a giocare la partita di una Doha che deve rimanere l’amica numero uno. In tempi di crisi, gli ambiti miliardi di al-Thani comportano, inoltre, una qualche forma di amicizia nel nome di uno slogan falso e ridicolo secondo cui il Qatar “può salvare l’economia francese”… La realtà è meno entusiasmante: tutti gli investimenti industriali di Doha in Francia sono fallimentari… resta solo l’investimento nel mattone, la vecchia calza di ogni ricchezza. Notiamo ancora un’altra patetica spaccatura: Hollande ha mandato il suo ministro della difesa a Doha per cercare di compensare i costi dell’operazione militare francese in Mali, condotta contro i jihadisti ben visti dall’emiro.

*Le Vilain Petit Qatar – Cet ami qui nous veut du mal, Jacques-Marie Bourget e Nicolas Beau, ed.  Fayard, 300 p., 19 euro

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Qatar1

Vedasi: Qatar – L’assolutismo del XXI.mo secolo

Guerra Valutaria: Quali sono i veri obiettivi dell’embargo petrolifero dell’UE contro l’Iran?

Mahdi Darius Nazemroaya Strategic Culture Foundation 31.01.2012

Contro chi è in realtà volto, il cosiddetto “embargo petrolifero contro l’Iran” dell’Unione europea? Si tratta di una importante questione geo-strategica. Oltre a rifiutare le nuove misure dell’UE contro l’Iran come controproducenti, Teheran ha messo in guardia gli Stati membri dell’Unione Europea che l’embargo petrolifero contro l’Iran danneggerà loro e le loro economie, molto più che l’Iran. Teheran ha così avvertito i leader dei paesi dell’Unione europea che le nuove sanzioni sono stolte e contrarie ai loro interessi nazionali e di blocco, ma ciò è corretto? Alla fine, chi beneficerà della catena di eventi che vengono messi in moto?

L’embargo petrolifero contro l’Iran è nuovo?
L’embargo del petrolio contro l’Iran non è una cosa nuova. Nel 1951, l’amministrazione del primo ministro iraniano Mohammed Mossadegh, con il sostegno del parlamento iraniano, nazionalizzò l’industria petrolifera iraniana. In risposta al programma di nazionalizzazione del Dr. Mossadegh, gli inglesi bloccarono militarmente  le acque territoriali e i porti nazionali dell’Iran con la Royal Navy inglese, e impedirono all’Iran di esportare il suo petrolio. Inoltre impedirono militarmente il commercio iraniano. Londra congelò anche beni iraniani e iniziò una campagna per isolare l’Iran con le sanzioni. Il governo del Dr. Mossadegh era democratico e non poteva essere facilmente diffamato internamente dagli inglesi, così cominciarono a ritrarre Mossadegh come una pedina dell’Unione Sovietica che avrebbe trasformato l’Iran in un paese comunista con i suoi alleati politici marxista.
L’embargo illegale navale internazionale britannico fu seguito da un cambio di regime a Teheran, attraverso un colpo di stato progettato dagli anglo-statunitensi nel 1953. Il colpo di stato del 1953 trasformò lo Scià di Persia da figura costituzionale a monarca assoluto e in un dittatore, come i sovrani di Giordania, Arabia Saudita, Bahrain e Qatar. L’Iran fu trasformato in una notte da monarchia costituzionale democratica in dittatura.
Oggi, un embargo petrolifero imposto militarmente contro l’Iran non è possibile, come lo fu nei primi anni ’50. Invece Londra e Washington usano il linguaggio della giustizia e si nascondono dietro i falsi pretesti sulle armi nucleari iraniane. Come negli anni ’50, l’embargo sul petrolio contro l’Iran è legato al cambio di regime. Eppure, ci sono anche più ampi obiettivi che vanno oltre i confini dell’Iran, legati al progetto di Washington d’imporre un embargo petrolifero contro gli iraniani.

L’Unione europea e la vendita del petrolio iraniano
Il principale cliente del petrolio iraniano è la Repubblica popolare cinese. Secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE) di Parigi, che fu creata dopo l’embargo petrolifero arabo del 1973 come ala strategica del Blocco occidentale dell’organizzazione per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo (OCSE), l’Iran esporta 543.000 barili di petrolio al giorno verso la Cina. Gli altri clienti di grandi dimensioni dell’Iran sono India, Turchia, Giappone e Corea del Sud. L’India importa 341.000 barili al giorno dall’Iran, la Turchia 370.000 barili al giorno, il Giappone 251.000 barili e la Corea del Sud 239.000 barili al giorno.
Secondo il ministero iraniano del Petrolio, l’Unione europea rappresenta solo il 18% delle esportazioni di petrolio iraniano, il che significa meno di un quinto delle vendite di petrolio iraniano. Solo “collettivamente” l’Unione europea è il secondo cliente più grande dell’Iran. In tutto i paesi dell’UE importano 510.000 barili al giorno dall’Iran. La posizione collettiva che tutti i paesi dell’UE importatori di petrolio iraniano hanno, è stato evidenziato da coloro che vogliono sottolineare l’efficacia dell’embargo petrolifero dell’Unione europea contro l’Iran.
L’Iran può sostituire le vendite di petrolio verso l’Unione europea attraverso nuovi acquirenti o incrementando le vendite ai clienti esistenti, come Cina e India. Un accordo iraniano per cooperare con la Cina per lo stoccaggio delle riserve strategiche cinesi, riempirebbe gran parte del vuoto lasciato dall’Unione europea. Così, l’embargo del petrolio contro l’Iran avrà minimi effetti diretti contro l’Iran. Piuttosto, è più probabile che uno qualsiasi degli effetti che l’economia iraniana subirà, sarà legato alle conseguenze globali dell’embargo petrolifero contro l’Iran.

L’Iran e la guerra globale delle valute
Secondo il Fondo monetario internazionale (FMI), sia il dollaro che l’euro costituiscono insieme l’84,4% delle riserve valutarie mondiali scambiate alla fine del 2011. Il dollaro statunitense da solo, compone il 61,7% di questo dato, costituendo la maggior parte delle riserve valutarie mondiali scambiate nel 2011. La vendita di energia è una parte importante di questa equazione, perché il dollaro statunitense è legato al commercio del petrolio. Così, il commercio di petrolio attraverso quello che viene chiamato petro-dollaro, aiuta a sostenere il prestigio internazionale del dollaro statunitense. I paesi di tutto il mondo sono stati praticamente costretti a utilizzare il dollaro statunitense per mantenere le loro esigenze commerciali e le loro transazioni energetiche.
Per evidenziare l’importanza del commercio internazionale del petrolio per gli Stati Uniti, tutti i membri del Gulf Cooperation Council (GCC) – Arabia Saudita, Bahrain, Qatar, Kuwait, Oman ed Emirati Arabi Uniti – hanno le loro valute nazionali ancorate al dollaro statunitense e sostengono il petro-dollaro col commercio petrolifero in dollari statunitensi. Inoltre, le valute di Libano, Giordania, Eritrea, Gibuti, Belize e di diverse isole tropicali nel Mar dei Caraibi, sono anch’esse tutte ancorato al dollaro statunitense. A parte i territori d’oltremare degli Stati Uniti, anche El Salvador, Ecuador e Panama ufficialmente utilizzano il dollaro statunitense come moneta nazionale.
L’euro invece è contemporaneamente sia un rivale del dollaro statunitense che una valuta alleati. Entrambe le valute lavorano insieme contro le altre valute, in molti casi, e sembrano essere sempre più controllati da centri di potere finanziario in fusione. A parte i diciassette membri dell’Unione europea, che utilizzano l’euro come moneta propria, il Principato di Monaco, San Marino e Città del Vaticano hanno la concessione di diritti e anche il Montenegro e la provincia serba a maggioranza albanese del Kosovo usano l’euro come valuta nazionale. Al di fuori dell’area dell’euro (zona euro), le valute di Bosnia, Bulgaria, Danimarca, Lettonia, Lituania, in Europa, e le valute di Capo Verde, Comore, Marocco, Repubblica democratica di São Tomé e Príncipe e le due zone CFA in Africa, e le valute di diverse colonie occidentali extraeuropee, come la Groenlandia, sono tutte ancorate all’euro.
Diverse zone monetarie sono direttamente legate all’euro. In Oceania, il franco Comptoirs Français du Pacifique (PCP), chiamato semplicemente Franco del Pacifico (franc pacifique), utilizzato in un’unione monetaria alle dipendenze francesi di Polinesia francese, Nuova Caledonia e Territorio delle Isole Wallis e Futuna è ancorato all’euro. Come accennato in precedenza, le zone CFA in Africa sono anch’esse ancorate all’euro. Così, sia il franco della Comunità Finanziaria dell’Africa (Communauté financière d’Afrique, CFA) o franco CFA dell’Africa occidentale, viene utilizzato da Benin, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Guinea-Bissau, Mali, Niger, Senegal e Togo – che il franco della Cooperazione Finanziaria dell’Africa centrale (Coopération financière en Afrique centrale, CFA) o franco CFA dell’Africa centrale – viene utilizzato da Camerun, Repubblica Centrafricana, Ciad, Repubblica del Congo (Congo-Brazzaville), Guinea Equatoriale e Gabon -, hanno il loro destino legato al valore monetario dell’euro.
L’Iran non è alla ricerca di un confronto militare tra le crescenti ostilità con gli Stati Uniti e l’Unione Europea. Nonostante la narrazione deformata che viene presentata, Teheran ha detto che chiuderebbe lo Stretto di Hormuz come ultima risorsa. Gli iraniani hanno anche detto che non lasceranno che le navi degli Stati Uniti o nemiche, attraversino le acque territoriali iraniane, loro diritto legale, e che invece le navi ostili possono attraverso le acque territoriali dell’Oman nello Stretto di Hormuz. Come nota a margine, tra l’altro, il problema per gli Stati Uniti e gli altri avversari dell’Iran, è che le acque dell’Oman nello Stretto di Hormuz sono troppo basse.
Invece di un confronto militare, Teheran sta reagendo  economicamente in diversi modi. Il primo passo, iniziato prima del 2012, sono stati la diversificazione della vendita e degli scambi internazionali del petrolio iraniano, riguardo le rispettive valute di transazione. Questo fa parte di una mossa calcolata dall’Iran per abbandonare l’utilizzo del dollaro statunitense, proprio come Saddam Hussein in Iraq fece nel 2000, come mezzo per combattere contro le sanzioni imposte all’Iraq. In questo contesto, l’Iran ha creato una borsa internazionale dell’energia in competizione con il New York Mercantile Exchange (NYMEX) e l’International Petroleum Exchange (IPE) di Londra, che operano entrambe con il dollaro statunitense per le transazioni. Questa borsa dell’energia, chiamata Kish Oil Bourse, è stata ufficialmente inaugurata nell’agosto del 2011 sull’isola di Kish nel Golfo Persico. Le sue prime operazioni sono state effettuate utilizzando l’euro e il dirhem degli Emirati.
Nel contesto delle rivalità tra di euro e dollaro statunitense, gli iraniani in origine volevano mettere l’euro in un sistema di petro-euro, con la speranza che la competizione tra il dollaro statunitense e l’euro potesse rendere l’Unione europea un alleato dell’Iran e scollegare l’Unione europea dagli Stati Uniti. Con le tensioni politiche crescenti con l’UE, il petro-euro è diventato sempre meno allettante per Teheran. L’Iran ha capito che l’Unione europea è sottomessa agli interessi degli Stati Uniti ed è guidata da capi corrotti. Così, in misura minore, l’Iran ha anche cercato di allontanarsi dall’euro.
Inoltre, l’Iran ha ampliato il proprio abbandono dell’uso del dollaro statunitense e dell’euro, come politica nelle relazioni commerciali bilaterali. Iran e India discutono di pagamenti in oro per il petrolio iraniano. Il commercio iraniano-russo viene condotto in rial iraniani e rubli russi, mentre il commercio iraniano con la Cina e altri paesi asiatici, viene effettuato utilizzando il renminbi cinese, Rial iraniano, yen giapponese e altre valute che non siano il dollaro e l’euro.
Mentre l’euro avrebbe potuto essere il grande vincitore in un sistema di petro-euro, le azioni dell’Unione europea hanno lavorato contro ciò. L’embargo petrolifero dell’Unione europea contro l’Iran ha solo piantato i chiodi nella bara. A livello globale, la matrice emergente del commercio e delle transazioni eurasiatici e internazionali al di fuori degli ombrelli del dollaro statunitense e dell’euro, sta indebolendo entrambe queste valute. Il Parlamento iraniano ha appena passato una legge che tagliare le esportazioni di petrolio ai membri dell’Unione europea che faranno parte del regime di sanzioni, fino alla revoca delle sanzioni petrolifere all’Iran. La mossa iraniana sarà un duro colpo per l’euro, soprattutto perché l’Unione europea non avrà il tempo di prepararsi per i tagli energetici iraniani.
Ci sono diverse possibilità che possono emergere. Uno di queste è che ciò potrebbe essere parte di quello che Washington vuole, e che potrebbe essere giocata contro l’Unione europea. Un altro è che gli Stati Uniti e specifici Stati membri dell’UE, stanno lavorando insieme contro i rivali strategici economici e altri mercati.

Chi se ne avvantaggia? Gli obiettivi economici non sono l’Iran…
La fine delle esportazioni di petrolio iraniano verso l’Unione europea e il declino dell’euro vanno direttamente a beneficio degli Stati Uniti e del loro dollaro. Ciò che l’Unione europea sta facendo è semplicemente indebolire se stessa e consentire al dollaro statunitense di avere il sopravvento nella sua rivalità nei confronti dell’euro. Inoltre, qualora vi fosse il crollo dell’euro, il dollaro statunitense riempirà rapidamente gran parte del vuoto. Nonostante il fatto che la Russia possa beneficiare dei prezzi del petrolio e di una maggiore leva sulla sicurezza energetica dell’Unione europea come fornitrice, il Cremlino ha anche messo in guardia l’Unione europea che sta lavorando contro i propri interessi, subordinandosi a Washington.
Molte importanti questioni sono in gioco, circa le conseguenze economiche dell’aumento dei prezzi del petrolio. L’Unione europea sarà in grado di resistere alla tempesta economica o al collasso della valuta? Ciò che l’embargo petrolifero dell’Unione europea contro l’Iran farà sarà destabilizzare l’euro e creare una valanga globale, danneggiando le economie extra-UE. A questo proposito, Teheran ha avvertito che gli Stati Uniti mirano a danneggiare le economie concorrenti mediante l’adozione delle sanzioni petrolifere dell’UE contro l’Iran. All’interno di questa linea di pensiero, questa è la ragione per cui gli Stati Uniti stanno cercando di costringere Cina, India, Corea del Sud e Giappone in Asia, a ridurre o tagliare le importazioni di petrolio iraniano.
Nell’Unione europea, saranno le economie dei membri più fragili e in lotta, come la Grecia e la Spagna, che saranno ferite dall’embargo  petrolifero dell’UE contro l’Iran. Le raffinerie di petrolio nei paesi dell’Unione europea che importano petrolio iraniano, dovranno trovare nuovi venditori come fonti e saranno costrette ad adeguare le loro operazioni. Piero De Simone, uno dei leader dell’Unione Petrolifera d’Italia, ha avvertito che circa settanta  raffinerie di petrolio dell’UE potrebbero essere chiuse e che i paesi asiatici potrebbero iniziare a vendere petrolio raffinato iraniano all’Unione europea a scapito delle raffinerie locali e della locale industria petrolifera. Nonostante le rivendicazioni politiche in sostegno all’embargo petrolifero contro l’Iran, l’Arabia Saudita non sarà in grado di colmare il vuoto delle esportazioni petrolifere iraniane verso l’Unione europea o altri mercati. Una carenza di forniture di petrolio e i cambiamenti della produzione potrebbero avere effetti a spirale nell’Unione europea e sui costi di produzione industriale, dei trasporti e sui prezzi di mercato. La previsione è che che l’UE effettivamente aggraverà la crisi nella zona euro o eurozona.
Inoltre, l’aumento continuo dei prezzi, che vanno dal cibo ai trasporti, non sarà limitato all’Unione europea, ma avrà ramificazioni globali. Coll’aumentare dei prezzi su scala globale, le economie in America Latina, Caraibi, Africa, Medio Oriente, Asia e Pacifico si troveranno ad affrontare nuove difficoltà, mentre il settore finanziario negli Stati Uniti e di molti dei suoi partner – tra cui i membri dell’Unione europea – potrebbe capitalizzare attraverso l’acquisizione di alcuni settori e mercati. Il FMI e la Banca Mondiale, in rappresentanza di Bretton Woods a Wall Street, potrebbero gettarsi nella mischie e imporre altri programmi di privatizzazione a vantaggio dei settori finanziari degli Stati Uniti e dei loro principali partner. Inoltre, come l’Iran decide di vendere il 18% del petrolio e di smettere di vendere ai membri dell’UE, sarà inoltre un fattore di mediazione.

I fantasmi della embargo petrolifero arabo del 1973: la Libia e l’Agenzia internazionale dell’energia
Mentre i paesi in Africa o del Pacifico non hanno riserve strategiche di petrolio e saranno alla mercé degli aumenti dei prezzi mondiali, gli Stati Uniti e l’Unione europea hanno lavorato strategicamente cercando di isolarsi da questi scenari. Questo è dove l’International Energy Agency (IEA) di  Parigi entra in scena. Le riserve di petrolio libico sono anch’esse un fattore delle ostilità e della petro-politica che coinvolgono l’Iran.
L’AIE è stata creata dopo l’embargo petrolifero arabo del 1973. Come accennato in precedenza, si tratta dell'”ala strategica Blocco occidentale dell’organizzazione di Cooperazione e Sviluppo Economico (OCSE).” L’OCSE è un club di paesi che comprende Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Germania, Spagna, Italia, Belgio, Danimarca, Giappone, Canada, Corea del Sud, Turchia, Australia, Israele e Nuova Zelanda. Si basa essenzialmente sui contorni del blocco occidentale, che è composto da alleati e satelliti degli USA. A parte Israele, Cile, Estonia, Islanda, Slovenia, e Messico, tutti i membri dell’OCSE, sono membri dell’AIE.
Dalla sua creazione nel 1974, uno dei compiti dell’IEA è quello di stoccare riserve strategiche di petrolio per i paesi OCSE. Durante la guerra della NATO contro la Libia, l’AIE in realtà ha aperto le sue riserve strategiche di petrolio per compensare il vuoto lasciato dalla mancanza di esportazioni di petrolio libico. Le uniche altre due volte cui questo è accaduto, fu nel 1991, quando Washington ha guidato la coalizione militare nella sua prima guerra contro l’Iraq, e nel 2005, quando l’uragano Katrina ha devastato gli Stati Uniti.
La guerra in Libia aveva molti scopi. I fini perseguiti sono stati i seguenti: (1) impedire l’unità africana, (2) scacciare la Cina fuori dall’Africa, (3) controllare le riserve strategiche energetiche più importanti, e (4) preservare le forniture di petrolio nello scenario di conflitti degli USA contro la Siria e l’Iran. Ciò che la guerra della NATO alla Libia aveva come scopo, era assicurarsi la produzione petrolifera dalla Libia, perché c’era la possibilità che la Libia del Colonnello Muammar Gheddafi potesse sospendere le vendite di petrolio all’Unione europea, a sostegno della Siria o dell’Iran in possibili conflitti con gli Stati Uniti, la NATO e Israele. E’ anche interessante notare che una delle figure libiche nelle Nazioni Unite, che hanno contribuito a permettere la guerra contro la Libia, vi è Sliman Bouchuiguir, il capo della Lega libica per i diritti umani (LLHR) e attuale ambasciatore libico in Svizzera, che ha lavorato a formulare una strategia per impedire che il petrolio venisse usato come arma strategica, per assicurarsi che la crisi petrolifera del 1973 si ripeta mai per gli Stati Uniti e i loro alleati.
A parte l’Iran, i siriani sono stati una fonte di importazioni di petrolio per l’Unione europea. Come l’Iran, l’UE ha anche bloccato il petrolio siriano attraverso un regime di sanzioni progettato dal governo statunitense. Con il petrolio iraniano e siriano escluso dall’UE, il valore strategico del petrolio libico aumenta. A questo proposito, le relazioni circa il dispiegamento di migliaia di soldati degli Stati Uniti nei giacimenti di petrolio libici, possono essere analizzate come coordinato o collegato alla crescente ostilità degli Stati Uniti e dell’Unione europea verso la Siria e l’Iran. Dirottare l’invio di petrolio libico verso l’UE prima destinato alla Cina, può anche essere parte di tale strategia.

La guerra psicologica
In realtà, il regime di sanzioni progettato dal governo statunitense contro l’Iran è andato fin dove può andare. Tutti gli interventi sull’isolamento iraniani sono bravate e sono lontane dalla realtà delle attuali relazioni e commercio internazionali. Brasile, Russia, Cina, India, Iraq, Kazakistan, Venezuela e altri paesi dello spazio post-sovietico, Asia, Africa e America Latina, hanno tutti rifiutato di aderire alle sanzioni contro l’economia iraniana.
L’embargo petrolifero dell’Unione europea, insieme alle più ampie sanzioni contro l’Iran, ha un aspetto più ampiamente psicologico. L’Iran e il suo alleato siriano, affrontano una guerra multi-dimensionale che ha scopi economici, occulti, diplomatici e psicologici. La guerra psicologica, che coinvolge i media mainstream come strumento di politica estera e di guerra, è un’opzione molto economica per gli Stati Uniti, a causa del suo costo molto basso. Maggiore enfasi viene inoltre data ad essa, nel contesto dell’attuale situazione economica del mondo.
Eppure, la guerra psicologica può essere combattuta su entrambi i lati. Gran parte del potere degli Stati Uniti è psicologico e legato alla paura. Come la geografia del Golfo Persico, il tempo è dalla parte dell’Iran e lavora contro gli Stati Uniti. Se l’Iran continua il suo corso attuale e resterà insensibile alle sanzioni, questo l’aiuterà a spezzare la soglia psicologica che scoraggia globalmente i paesi ad opporsi agli Stati Uniti. Nel caso in cui molti altri paesi continuino a rifiutarsi ad inchinarsi all’amministrazione Obamam, nell’imporre sanzioni contro l’Iran, questo sarà anche un duro colpo per il prestigio e il potere degli Stati Uniti, che si tradurrà nei campi economico e finanziario.
Inoltre, alla fine l’embargo petrolifero dell’UE colpirà l’UE invece dell’Iran. Nel lungo termine potrebbe anche danneggiare gli Stati Uniti. Strutturalmente, gli effetti dell’embargo dell’UE sul petrolio radicherà ulteriormente l’Unione europea nell’orbita di Washington, ma questi effetti catalizzeranno una crescente opposizione sociale a Washington, che alla fine si manifesteranno in ambito politico ed economico.

La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 383 follower