La menzogna libica

Dean Henderson 7 aprile 2014

G8: AL VIA ULTIMA GIORNATAIl golpe del 2011 in Libia sarà ricordato in due modi. In primo luogo, ha segnato l’usurpazione e l’infiltrazione della primavera araba da parte delle agenzie d’intelligence occidentali e del Consiglio di cooperazione del Golfo. In secondo luogo, e peggio, rappresenta la distruzione della nazione più moderna e riuscita dell’Africa, nota dal 1977 al suo popolo come Jamahiriya Araba Socialista del Popolo Libico. Mentre ancora la propaganda degli illuminati si crogiola tra notizie fasulle che fanno rivivere la caricatura del “pazzo Gheddafi”, i loro giornalisti rigurgitato le psyops della CIA, i noti falsi sui “massacri e bombardamenti”. L’elemento più significativo del loro misero repertorio erano le bandiere rosse, verdi e nere tirate fuori dai “ribelli” di Bengasi, la bandiera della monarchia di re Idris. Ben presto nacque anche una banca centrale privata. La Libia era una colonia italiana dal 1911 fino al 1951, quando re Idris fu messo sul trono dagli inglesi. Firmò trattati con Gran Bretagna (1953), Stati Uniti (1954) e Italia (1956) permettendo a questi Paesi di stabilire basi militari, come la base aerea Wheelus nei pressi di Tripoli. Subito Exxon Mobil, British Petroleum e Agip ebbero enormi concessioni petrolifere. Re Idris era assai impopolare tra i libici poiché vendeva il loro Paese alle compagnie petrolifere estere. Le proteste furono represse assai brutalmente e la rivolta sotterranea crescente incluse molti delle forze armate. Nel 1969 un incruento colpo di Stato fu effettuato da poche decine di ufficiali che si facevano chiamare “ufficiali liberi”, sull’esempio di Gamal Nasser in Egitto. Nasser aveva guidato la ribellione che depose il re egiziano Faruq nel 1952. L’architetto del colpo di Stato libico del 1969 che pose fine alla monarchia di re Idris era un capitano dell’esercito di nome Muammar Gheddafi.
La nuova Repubblica della Libia adottò la bandiera verde, che simboleggia il ‘Libro Verde’ di Gheddafi, che scrisse per spiegare il modello economico unico dell’anarco-sindacalismo libico. E’ un libro molto premuroso di cui raccomando la lettura. Nel 1970 Gheddafi costrinse le forze statunitensi ed inglesi ad evacuare le loro basi militari. L’anno seguente nazionalizzò le proprietà della British Petroleum e costrinse le altre compagnie a versare allo Stato libico una quota molto più alta dei loro profitti. Inoltre nazionalizzò la banca centrale della Libia. La Libia era uno dei soli cinque Paesi al mondo la cui banca centrale non era controllata dalle otto famiglie del sindacato bancario guidato dai Rothschild. A causa della drastica uscita dall’usura coloniale, la Libia ebbe uno dei più alti standard di vita di tutta l’Africa. Il reddito medio pro-capite era di 14000 dollari all’anno. I lavoratori non solo avevano le proprietà delle fabbriche in cui lavoravano, ma decidevano cosa produrre. Le donne godevano di pari diritti. Mentre i media degli illuminati ritraggono lo Stato libico come altamente centralizzato e onnipotente, niente era più lontano dalla verità. L’idea dell’anarco-sindacalismo è che lo Stato alla fine sparisce. E fu così. Quando Gheddafi diceva che non aveva molto a che fare con la gestione quotidiana degli affari della nazione, intendeva ciò. Il popolo gestiva quegli affari e il potere era assai disperso. Gheddafi accusò la rivolta libica di essere opera di al-Qaida e delle nazioni occidentali. Si riferiva al Fronte Nazionale per la Salvezza (NFS), affiliato ad al-Qaida, che a lungo operò dalle basi in Ciad tentando di rovesciare Gheddafi. Gli estremisti del NFS erano finanziati dall’Arabia Saudita ed erano guidati dai loro gestori di CIA/MI6/Mossad. I giornalisti occidentali ricevevano notizie fresche dai capi del NFS. Il Ciad fu a lungo il Paese nordafricano più importante nel sistema di produzione petrolifero della Exxon. Nel 1990, a seguito di un contro-colpo di Stato filo-libico contro il governo del Ciad che dava rifugio al NFS, gli Stati Uniti evacuarono in Kenya 350 elementi del NFS con il finanziamento saudita. Negli anni ’80 il pazzo Reagan bombardò la casa di Gheddafi uccidendo molti suoi parenti dopo che l’intelligence occidentale falsamente gli attribuì un attentato ad una discoteca tedesca.

La menzogna di Lockerbie
lockerbieIl volo Pan Am 103 del 21 dicembre 1988 fu fatto esplodere su Lockerbie, in Scozia. Quando il presidente Bush prestò giuramento il mese dopo, accusò dell’attentato terroristico due libici, Abdal Basat Ali al-Magrahi e Lamin Qalifa Fimah. Bush impose le sanzioni alla Libia. Il presidente Bill Clinton poi chiese il boicottaggio internazionale del petrolio libico. Nel 2000 i libici furono condannati da un tribunale scozzese istituito a L’Aia. Le prove erano inconsistenti. Numerose indagini indipendenti sull’incidente dipingono un quadro molto diverso. Interfor, una società d’intelligence aziendale di New York City, assunta dalla compagnia assicurativa della Pan Am, scoprì che una cellula della CIA a Francoforte, Germania, proteggeva un’operazione di contrabbando di eroina mediorientale, che usava il deposito di Francoforte della Pan Am come punto di trasbordo del suo traffico. Interfor individuò nel siriano Manzar al-Qasar il capo dell’operazione di contrabbando. Un’indagine della rivista Time giunse alla stessa identica conclusione. Andò oltre scoprendo che al-Qasar era anche parte di una cellula super-segreta della CIA dal nome in codice COREA. Un altro gruppo di agenti della CIA che lavorava per liberare i cinque ostaggi della CIA, detenuti dagli aguzzini dell’Hezbollah di William Buckley, scoprì che al-Qasar poté continuare il contrabbando di eroina, nonostante i vertici della CIA sapessero delle sue attività. Il team sugli ostaggi a Beirut aveva scritto e chiamato il quartier generale della CIA a Langley per denunciare la rete di al-Qasar. Non ebbe alcuna risposta. Così decisero di andare negli Stati Uniti e informare di persona i loro capi della CIA. Tutti e sei gli agenti erano sul Pan Am 103 quando fu fatto esplodere. Dopo un’ora dall’attentato, agenti della CIA indossanti le uniformi della Pan Am giunsero sul luogo dello schianto. Gli agenti rimossero una valigia che apparteneva a uno degli agenti morto insieme agli altri 269. La valigia molto probabilmente conteneva prove incriminanti sul coinvolgimento di al-Qasar e dell’unità COREA della CIA nella rete del narcotraffico siriana. Forse conteneva anche una videocassetta sulle confessioni del capo stazione della CIA a Beirut, William Buckley, ai suoi torturatori di Hezbollah, che avrebbe potuto ulteriormente svelare il coinvolgimento della CIA nel narcotraffico in Medio Oriente.
L’ex-investigatore dell’US Air Force Gene Wheaton pensò che il colonnello Charles McKee e gli altri cinque agenti della CIA fossero gli obiettivi primari dell’attentato. Wheaton dichiarò: “Un paio di miei vecchi compagni del Pentagono ritengono che gli attentatori del Pan Am mirassero alla squadra di soccorso degli ostaggi di McKee“. Wheaton sospetta il coinvolgimento della CIA in un altro incidente aereo verificatosi poco dopo l’attentato della Pan Am. In quell’incidente, 248 soldati statunitensi di ritorno dal servizio in Europa rimasero uccisi quando un aereo da trasporto militare Arrow Air si schiantò nei pressi di Gander, Terranova. Wheaton ritiene che l’Arrow Air fosse una compagnia aerea della CIA e che l’incidente fosse collegato a un “accordo su operazioni segrete andate male” tra la CIA e la BCCI. Il giorno in cui Arrow Air si schiantò, due uomini in borghese arrivarono sul posto portandosi via una sacca da viaggio di 70 chili. Wheaton pensa che la borsa fosse zeppa di denaro che la BCCI aveva fornito alla CIA per un’operazione segreta. Pensa che la CIA avesse causato l’incidente per far sembrare che il denaro della BCCI fosse bruciato per poi arrivare sul posto e rubarlo, dopo averlo avvolto con materiale ignifugo. La CIA poté quindi andare dalla BCCI e riscuoterne altro. Poco dopo, le relazioni BCCI/CIA s’inasprirono. La CIA si preparò ad abbandonare la nave della BCCI che affondava e ad attaccare i poveri del Terzo Mondo con la chiusura della Bank of England dei Rothschild.
La Polizia Federale Tedesca (BKA) fece irruzione nella casa di un sospetto terrorista, due mesi prima l’attentato di Lockerbie. Trovò una bomba identica a quella utilizzata sul Volo 103. Tutti, tranne uno degli arrestati nel raid, furono misteriosamente rilasciati. Il giorno dell’attentato un agente di sorveglianza della BKA assegnato al controllo del bagaglio, notò un diverso tipo di valigia per la droga utilizzata dalla gente di al-Qasar. Informò i suoi superiori che trasmise le informazioni a un’unità della CIA di Francoforte. Al-Qasar contattò la stessa unità della CIA per farle sapere che McKee e gli altri cinque agenti stavano rientrando negli USA quel giorno. La risposta del gruppo della CIA di Francoforte al rapporto della BKA fu: “Non vi preoccupare. Non fermatelo. Lasciatelo perdere”. L’ambasciata degli Stati Uniti in Finlandia ricevette l’avvertimento di un possibile attentato aereo quel giorno. Si strinse nelle spalle, nonostante un altro avvertimento della FAA. Un’indagine di PBS Frontline scoprì la prova che la bomba era stata effettivamente piazzata sul Volo 103 quando si fermò a Heathrow, Londra. Una valigia appartenente all’agente della CIA Matthew Gannon, uno degli altri cinque della squadra del colonnello McKee, fu scambiata con una valigia a Heathrow. Frontline ritiene che la valigia di Gannon contenesse informazioni che collegavano la cellula COREA della CIA di Damasco con la narcorete di al-Qasar, così la valigia fu rubata e sostituita da una contenente la bomba. Secondo il settimanale tedesco Stern, un funzionario della sicurezza Pan Am a Francoforte fu sorpreso a retrodatare l’allerta che la FAA aveva emesso. La Pan Am fu multata per 600000 dollari dalla FAA dopo l’attentato. L’agenzia accusò il lassismo della sicurezza nelle operazioni di movimentazione dei bagagli della Pan Am. Secondo l’indagine d’Interfor queste operazioni con i bagagli furono più che inette. Furono seguite da al-Qasar. Nel giugno 2007 la polizia spagnola arrestò al-Qasar per traffico di armi. Pan Am ha vecchie relazioni con la CIA. Il suo consiglio consultivo internazionale è il “chi è” dei trafficanti di droga e armi dei Caraibi. Tra costoro Ronald Joseph Stark, il piduista collegato agli spacciatori di LSD della Brotherhood of Eternal Love; Sol Linowitz della Carl Lindner United Brands; il segretario di Stato di Carter Cyrus Vance della Gulf & Western Corporation, controllata dalla Lindner, e Walter Sterling Surrey, agente dell’OSS in Cina che contribuì a lanciare la Cartaya World Finance Corporation di Guillermo Hernandez.
Stati Uniti e Gran Bretagna si impegnarono ad insabbiare i fatti. L’editorialista Jack Anderson registrò una conversazione telefonica tra il presidente Bush Sr. e il primo ministro inglese Margaret Thatcher, dopo l’attentato entrambi decisero che l’indagine doveva essere limitata, per non danneggiare l’intelligence delle due nazioni. Paul Hudson, avvocato di Albany, NY, che dirige il gruppo “Famiglie di Pan Am 103/Lockerbie“, perse la figlia 16enne nello schianto. “Sembra che il governo sappia i fatti e li copra, o non conosce tutti i fatti e non vuole sapere“, spiega Hudson.  Nell’aprile 1990, l’omologo inglese del gruppo “familiari inglesi del Volo 103″ inviò lettere aspre a Bush e Thatcher, citando “resoconti pubblici interamente credibili…avete deciso di minimizzare deliberatamente le prove e ridurre le indagini fino a liquidare il caso come storia vecchia“. Abdel Basat Ali al-Magrahi, uno dei libici capro espiatorio dell’attentato, fece appello nel febbraio 2002. L’argomento centrale dell’avvocato era la nuova prova secondo cui il reparto bagagli di Heathrow, a Londra, era stato violato la notte prima dell’attentato. Nel 2010 i libici furono improvvisamente liberati. Alcune voci insistettero che il loro rilascio fosse parte di un accordo petrolifero della BP con la Libia. Gheddafi fece altre aperture verso l’occidente, ma fu tutto inutile. Quando hai a che fare con i dei pazzi veri, come lo sono senza dubbio i banchieri illuminati, le concessioni sono raramente efficaci. Il popolo libico ha perso la bandiera verde che simboleggiava la fuga rivoluzionaria dalla trappola dei bankster, tornando a vivere sotto colonialismo, feudalesimo e monarchia.

Dean Henderson è autore di: Big Oil & Their Bankers in the Persian Gulf: Four Horsemen, Eight Families & Their Global Intelligence, Narcotics & Terror Network, The Grateful Unrich: Revolution in 50 Countries, Das Kartell der Federal Reserve, Stickin’ it to the Matrix & The Federal Reserve Cartel. Potete seguirlo gratuitamente su Left Hook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Rockefeller, Cocaina e schiavitù ad Haiti

Dean Henderson 25 marzo 2014

haitiIeri l’alto inviato delle Nazioni Unite ad Haiti Sandra Honorè ha riferito al Consiglio di Sicurezza dell’ONU che l’epidemia di colera ad Haiti è la peggiore del mondo. Oltre 8000 persone sono morte di colera dal devastante terremoto di Haiti nel gennaio 2010 e altre 680000 hanno contratto la malattia, che studi scientifici hanno dimostrato introdotto nel Paese da nepalesi infetti delle forze di pace delle Nazioni Unite. Gli Haitiani hanno presentato una raffica di azioni legali collettive contro le Nazioni Unite per la loro condotta illecita, ma l’ONU ha invocato l’immunità diplomatica. Gli haitiani non potranno avere alcun aiuto dal loro presidente Michel Martelly, un ex-musicista e proprietario del club “Sweet Micky“. Martelly ha trascorso la maggior parte dei suoi anni a Miami e sviluppato legami con la dittatura di Duvalier. Il ruolo di Haiti nell’emisfero occidentale di minimo salariale per le multinazionali, combinata con la sua importanza geografica nel traffico di cocaina colombiana, orchestrato dalla CIA, ha indotto la frode elettorale del 28 novembre 2010 che ha messo al potere Martelly in modo fin troppo prevedibile, provocando le proteste. La rotta più breve dall’isola di San Andres della Colombia a Miami passa per Haiti, dove la filiale della Bank of Nova Scotia, Scotiabank, domina la finanza. La banca Nova Scotia controllata dalla famiglia sionista Bronfman è il rivenditore dell’oro nel Triangolo d’Argento nei Caraibi infestato dalla cocaina. Possedeva le 200 tonnellate di oro recuperato dalle macerie del World Trade Center nel 2001. L’oro è la moneta scelta dal narcotraffico mondiale controllato della Corona inglese.
Dal 1970 al 1986 Haiti è stata governata da Jean-Claude (Papa Doc) e dal figlio Baby Doc Duvalier.  I dittatori furono appoggiati dagli Stati Uniti, che inviarono oltre 400 milioni di dollari. Quello che non finiva nelle tasche di Duvalier fu utilizzato dalle società statunitensi per creare impianti per approfittare della super-economica manodopera haitiana. Haiti fu il fulcro della Caribbean Basin Initiative dell’International Basic Economy Corporation di David Rockefeller, che mirava a creare una piattaforma di produzione a basso salario nei Caraibi per i suoi tentacoli multinazionali. I salari reali ad Haiti diminuirono del 56% nel 1983-1991, spingendo la Caribbean Basin Initiative. Le esportazioni haitiane esplosero con aziende come la Rawlings che spediva negli Stati Uniti pezzi da baseball fabbricati a poco prezzo. Il petroliere di Dallas e proprietario degli Intercontinental Hotels Clint Murchison gestiva gli impianti d’inscatolamento della carne di Haiti, che affidò all’occhio vigile dell’agente CIA, poi assassinato, e gestore di Lee Harvey Oswald, George de Mohrenschildt. La devastata industria tessile statunitense in gran parte occupò Haiti. In nessuna parte del mondo il lavoro era più conveniente. Baby Doc Duvalier cadde dopo una rivolta popolare nel 1986 e si ritirò nella Costa Azzurra, insieme ad altri dittatori di latta degli Stati Uniti. Quell’anno la CIA creò il National Intelligence Service (SIN) haitiano. L’acronimo, che condivide con l’intelligence peruviana, è probabilmente un’idea dei massoni dell’M16. Il SIN fu creato con il pretesto della lotta contro il traffico di droga, ma i suoi funzionari semplicemente rilevarono il traffico commerciale di coca colombiana dai compari di Duvalier, i Tonton Macoutes. Le bande haitiane controllavano il traffico di droga in molte città degli Stati Uniti. Nonostante il divieto del Congresso degli Stati Uniti di aiuti ad Haiti, il SIN ricevette un milione di dollari all’anno dalla CIA, mentre la Società addestrava ed equipaggiava il nuovo esercito haitiano. La CIA cercava di mettere un coperchio sulla rivoluzione di sinistra che spazzò Baby Doc via dal potere, il movimento della famiglia Lavalas. Il SIN impose il terrore contro la sinistra haitiana, prendendo il posto lasciato dai Tonton Macoutes di Duvalier.
Nel 1989 il capo del SIN, colonnello Ernesto Prudhomme, guidò un brutale interrogatorio del sindaco progressista di Port-au-Prince Evans Paul. L’ex capo del SIN, colonnello Leopoldo Clerjeune, era presente. Il sindaco Paul ebbe cinque costole rotte e gravi lesioni interne. Un funzionario dell’ambasciata degli Stati Uniti disse del SIN, “Era un’organizzazione militare che distribuiva droga ad Haiti. Il SIN non condusse mai intelligence sulla droga. L’Agenzia gli diede i soldi per l’antidroga e usò il loro addestramento per fare altro in politica“. Una di quelle “altre cose” fu architettare il colpo di Stato che rovesciò il presidente populista Jean Bertrand Aristide, il prete cattolico che vinse le prime elezioni democratiche di Haiti nel 1991. Aristide era un leader del movimento della famiglia Lavalas. Predicava la teologia della liberazione, una tendenza di sinistra cattolica nata nel 1968 a Medellin dopo il concilio Vaticano II, su ispirazione della rivoluzione in America Latina. Aristide era già sfuggito a tre tentativi di assassinio da parte dei Tonton Macoutes di Duvalier. All’atto dell’insediamento, Aristide iniziò ad arrestare i funzionari del SIN coinvolti nel traffico di droga e alzò il salario minimo haitiano da 0,22 dollari a 0,37 all’ora. Le società statunitensi brontolarono e iniziarono una campagna diffamatoria contro Aristide. L’USAID le aiutò, lanciando, con 26,7 milioni di dollari forniti dai contribuenti USA, l’assalto alla proposta del salario minimo di Aristide e alle altre iniziative progressiste che aveva attuato. André Apaid, ricco uomo d’affari di Haiti, fu scelto dall’USAID per guidare la campagna anti-Aristide tramite la sua società d’export Prominex, affiliata alla Permindex, centro del commercio mondiale del traffico di stupefacenti e rete internazionale dei killer nazisti. La Permindex era dietro l’assassinio di JFK e il tentato assassinio del Presidente francese Charles de Gaulle. Era gestita da M16 e Mossad israeliano. I finanziamenti provenivano da ricchi aristocratici europei. La società di Apaid riforniva numerose multinazionali statunitensi, tra cui Honeywell, IBM, Remington e Unisys. Intanto, gli agenti della CIA Brian Latell e James Woolsey, poi con Clinton direttore della CIA, stilarono un rapporto citando “problemi di salute mentale” di Aristide. Il capo della DEA di Miami, Thomas Cash, cercò, senza successo, di collegare Aristide al business della cocaina colombiana.
Nel 1991, pochi mesi dopo che Aristide si era insediato, i gruppi finanziati dall’USAID eseguirono un colpo di Stato che insediò la giunta militare guidata dal capo dell’esercito Raoul Cedras. Cedras era un informatore della CIA incaricato dei militari di Haiti. Il SIN fu rinominato FRAPH e intraprese ancora il terrorismo politico contro Lavalas, contadini e sindacati. I salari furono diminuiti ulteriormente, con una ditta di abbigliamento che riforniva i contractor statunitensi che pagava 0,14 dollari all’ora. L’uomo di punta dell’USAID, André Apaid, venne sicuramente ricompensato divenendo un lobbista a Washington del regime di Cedras. Disse a una folla di Miami che se Aristide tornava ad Haiti, “Mi sarebbe piaciuto strangolarlo“. Ma era il FRAPH che faceva il grosso dello strangolamento. Amnesty International denunciò  2000 civili assassinati ad Haiti a diciotto mesi dal colpo di Stato di Cedras. L’agente della CIA Brian Latell, la cui relazione fasulla contribuì a rovesciare Aristide, visitò Haiti nel 1992 elogiando Cedras e dicendo di non aver visto “nessuna prova dell’oppressione o delle stragi del governo“. Amnesty International definì la sua valutazione “assurda”.
Aristide andò in esilio negli Stati Uniti. Infine si accordò con la Banca mondiale che gli permise di tornare ad Haiti. L’operazione comportò il rilascio dei membri del governo FRAPH, la privatizzazione di 300 aziende statali, riduzione delle tariffe e dei dazi all’importazione di Haiti, e la riscrittura delle leggi fiscali d’impresa e d’investimento di Haiti. Il movimento della famiglia Lavalas di Aristide venne bandito e gli stipendi congelati a 0,11-0,18 dollari all’ora, inferiori a quelli della dittatura Duvalier. Haiti su ordine della Banca Mondiale stabilì il salario più basso nell’emisfero occidentale. Una volta siglato l’accordo, il presidente Clinton intervenne ad Haiti per riportare Aristide. Nel 1993 l’USS Harlan County entrò a Port-au-Prince per gettare le basi del ritorno di Aristide. La nave fu accolta da manifestanti violenti guidati da Emmanuel (Toto) Constant, che era sul libro paga della CIA come fondatore e capo dei killer del FRAPH. Toto partecipò al ballo inaugurale di Clinton. Suo padre era il generale Gerard Constant, capo dell’esercito di Papa Doc e “consulente interno” dell’ambasciatore statunitense Alvin Adams. Constant formò il FRAPH dai resti del SIN per volere del colonnello Patrick Collins, addetto militare presso l’ambasciata degli Stati Uniti a Port-au-Prince. Constant afferma che Collins e il capo della stazione CIA di Haiti erano nel quartier generale militare di Haiti nel 1991, durante il golpe di Cedras. Ora a Toto fu detto di fare il bravo cane e dare il benvenuto al Aristide, riformato dalla Banca Mondiale, di ritorno ad Haiti. In una riunione con il generale dell’US Army Hugh Shelton, a Constant fu detto “Ecco la tua occasione. O lo fai o ti cacciamo come un cane“. Il giorno prima che Constant convocasse una conferenza stampa annunciando che gli haitiani salutavano Aristide, s’incontrò con il capo della stazione della CIA ad Haiti John Kambourian. Gli fu detto che mentre Aristide sarebbe tornato, il FRAPH sarebbe rimasto al potere ad Haiti. La prima missione di Toto fu indottrinare le truppe dell’esercito haitiano sui mali della teologia della liberazione. L’amministrazione Clinton rinnegò le sue promesse ad Aristide. Anthony Lake dell’NSA di Clinton si vantò al Congresso che CIA e USAID si scelsero il nuovo parlamento haitiano per “bilanciare Aristide”. Molti assassini del FRAPH rimasero al potere tra cui il generale Jean-Claude Duperval,  l’uomo della CIA che guidò il colpo di Stato del 1991 accanto all’ex-capo dei Tonton-Macoute. Il  FRAPH continuò il narcotraffico. Nel 1997 il colonnello haitiano Michel Francois, che fu il capo della polizia di Port-au-Prince durante la giunta Cedras, venne estradato dall’Honduras per essere processato per traffico di cocaina ed eroina. Francois fuggì nella Repubblica Dominicana dopo che Aristide scoprì che era anche dietro un complotto per destabilizzare Haiti. Francois lavorò con il prediletto della CIA Pablo Escobar ed utilizzò un aeroporto privato controllato dal colonnello haitiano Jean Claude Paul come punto di trasbordo per Miami della cocaina di Escobar.
La Permindex rapidamente si stancò dell’interferenza di Aristide nel business della droga. Nel 2000, dopo che Aristide vinse di nuovo le elezioni haitiane, gli Stati Uniti decisero che il voto era un broglio e tagliarono tutti gli aiuti, sottoponendo in modo efficace l’isola a una morte lenta. Pochi anni dopo, come un bizzarro fantasma dell’opera, Aristide fu rapito dalla CIA ed esiliato in Africa. Il burattino dell’FMI Rene Preval fu nominato presidente. James Woolsey, che coautore delle menzogne che contribuirono a rovesciare Aristide fu premiato con l’incarico di direttore della CIA, ma ben presto trovò un lavoro più redditizio. La sua Dyn Corporation di Reston, VA, stipulò un contratto con la CIA per addestrare e schierare la nuova polizia nazionale haitiana, che sostituì i militari haitiani nell’ambito della transazione della Banca Mondiale. Quando le truppe delle Nazioni Unite si ritirarono da Haiti, i consiglieri della DynCorp rimasero. Human Rights Watch dice che la polizia nazionale haitiana che la DynCorp ha addestrato era coinvolta in “esecuzioni extragiudiziali, uso inappropriato della forza letale e percosse“. Le barricate tornarono nella nazione di schiavi moderni di Haiti, mentre il popolo da tempo sofferente ancora una volta si ribellava per combattere i monopoli di Rockefeller, della Corona inglese e dei signori della droga e loro finanziatori, i banchieri Illuminati. Forse questa volta gli haitiani scacceranno i bastardi una volta per tutte.
Viva la Revolucion! Viva Haiti!

Jean-Bertrand-AristideTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’agente della CIA Stoltenberg guida la NATO

Aangirfan 28 marzo 2014

1283418114615_743Il 28 marzo 2014, l’ex-primo ministro norvegese Jens Stoltenberg è stato nominato nuovo capo della NATO. Cosa fa pensare che Stoltenberg sia una risorsa della CIA?
1. E’ il figlio di un ex-ministro degli Esteri e della Difesa.
2. All’inizio, proprio come Tony Blair, si presentava da uomo di sinistra.
3. Aderì al partito Laburista della Norvegia e spinse per farla aderire alla NATO. La Norvegia aiutò la NATO nel sopprimere i rapporti sui civili afgani uccisi.
4. Ha sostenuto le campagne militari della NATO in Afghanistan e in Libia.
5. E’ un forte sostenitore del programma della Lockheed Martin Corp. Joint Strike Fighter, nonostante i ritardi e i costi elevati.
6. Sembra partecipe dell’operazione false flag e del cover-up ‘Anders Breivik’.
Quando un Paese subisce il terrorismo, il suo leader diventa sempre più popolare? Jens Stoltenberg ha avuto un indice di gradimento del 94% dai norvegesi dopo gli attentati del luglio 2011. “Fuori dalla Norvegia alcuni pensavano che Stoltenberg si meriti il Premio Nobel per la Pace”. Da eroe a fante

article-2019138-0D1F49C900000578-244_468x302C’è una serie di stranezze nel caso Breivik.
1. Gli edifici governativi nel centro di Oslo furono bombardati. Una soffiata indicò le targhe del ‘bombardiere’. ‘L’attentatore’ ha potuto evitare due auto della polizia mentre era diretto all’isola Utoya senza essere fermato.
2. La polizia salì su una barca sovraccarica che affondò. La polizia si recò sull’isola sbagliata. Ci vollero 35 minuti alla polizia per attraversare il canale di 500 metri che separa Utoya dalla terraferma.
3. L’attentato di Oslo avrebbe potuto essere evitato se le misure di sicurezza precedentemente approvate fossero state messe in atto. Sembra che gli elementi della polizia possano essere stati coinvolti negli attentati in Norvegia, che sembrano un’operazione interna che coinvolge, tra gli altri, elementi fascisti delle forze di polizia, militari e di sicurezza norvegesi.

queen-sonjaNel 2008, la regina norvegese ha onorato lo scrittore Knut Hamsun, un famoso fascista norvegese.

Il 1° agosto 2011, James Petras scrisse della Norvegia (Terrorismo politico organizzato):
1. L’autobomba è un’arma estremamente complessa. Sono necessari competenza e coordinamento, del tipo a disposizione dei servizi di sicurezza come il Mossad, specializzato in autobombe. Dilettanti come Breivik di solito si fanno esplodere o mancano dell’abilità necessaria nel collegare i dispositivi di cronometraggio elettronici o i detonatori a distanza.
2. Un fanatico solitario non poteva fare tutte le seguenti operazioni:
A) Trasportare la bomba
B) Rubare un autoveicolo
C) Posizionare la bomba nel sito strategico
D) Farla detonare con successo
E) Vestire una speciale uniforme della polizia. Fuggire con un arsenale di centinaia di munizioni su un altro autoveicolo verso l’isola di Utoya
F) Attendere con pazienza, armato fino ai denti, il traghetto
G) Incrociare gli altri passeggeri nella sua uniforme della polizia
H) Sparare ai giovani attivisti laburisti massacrandone a decine
I) Terminata la caccia ferire coloro che si nascondevano o nuotavano via.
3. Secondo dei testimoni sull’isola di Utoya, furono sentiti i colpi di due armi distinte e da diverse direzioni durante il massacro.
4. Notare ‘la complicità’ degli ufficiali di polizia. La polizia arrivò 90 minuti dopo a Utoya, situata a meno di 20 km da Oslo, 12 minuti in elicottero e 25-30 minuti in auto e in barca. Il capo della polizia, Sveinung Sponheim, diede la scusa più debole, adducendo problemi di trasporto. Un elicottero era disponibile, riuscì a volare su Utoeya e a filmare il massacro. Oltre metà dei norvegesi possiede o ha accesso ad una barca.
5. L’ovvia domanda si pone sul ‘neo-fascismo’ infiltrato nelle forze di polizia e di sicurezza. Sembra che il pensiero neo-fascista ‘influenzi’ il governo.
6. La polizia non ha salvato una sola vita. Quando finalmente arrivò, Breivik si consegnò alla polizia. La polizia non ha dovuto inseguire o catturare l’assassino. Uno scenario quasi coreografato.
7. I militari norvegesi non hanno alcun problema ad inviare ruppe in Afghanistan, dall’altra parte del mondo, e a fornire jet e piloti dell’aeronautica per bombardare e terrorizzare la Libia. E tuttavia non riuscivano a trovare un elicottero o una barca a remi per trasportare i poliziotti per fermare un attacco interno.
8. La destra neofascista ‘invia un messaggio’ al partito Laburista: o accettare l’agenda pro-israeliana e neo-fascista o aspettarsi altri massacri, altri fascisti eletti, altri seguaci di Anders Behring Breivik.

article-2018974-0D21005F00000578-301_634x323La fattoria di Breivik a Rena sarebbe stata usata da una banda di narcotrafficanti. Anders Breivik ha affittato una fattoria a Rena, 90 km da Oslo. L’azienda era legata a narcotrafficanti. Due anni prima, l’azienda fu utilizzata da una banda criminale come una delle maggiori fattorie di marijuana della Norvegia. L’agriturismo affittato da Anders Behring Breivik

Breivik 3Il ‘solitario e fondamentalista cristiano’ Anders Breivik. Ha un doppio? (Daily Mail)
L’agriturismo è anche vicino alla maggior base militare della Norvegia in cui vengono addestrate le forze speciali della Norvegia. La base militare è legata all’Afghanistan da cui la NATO trasporterebbe eroina. (Basi militari ed eroina/I militari inglesi inviano eroina afgana nel Regno Unito su aerei militari?)

1455351962f9741ccf887899086La spettrale famiglia reale norvegese. Notare il rosso e nero.

Il corvo di Odino ci ricorda (High Crimes) che lo Stato può operare come un’impresa criminale… I governi di gran parte del mondo sono quasi sempre coinvolti in crimini come il traffico di droga. Secondo quanto riferito, il Mossad ha suggerito che la CIA, con l’aiuto di Monzar al-Qasar, contrabbandasse eroina dal Libano negli Stati Uniti. (BBC World News Lockerbie: Le teorie del complotto) Secondo quanto riferito, Monzar al-Qasar, era un siriano agente della CIA. Secondo quanto riferito, i profitti dell’eroina libanese furono utilizzati dalla CIA per finanziare l’11 settembre. Secondo quanto riferito, Muhammad Atta (o il suo doppio ebraico) trasportarono eroina per la CIA in Florida. (Aangirfan: Lockerbie e il finanziamento dell’11 settembre)

0000 4Nini Stoltenberg. Notare il rosso e nero e la stella di David.

Nini Stoltenberg è un personaggio televisivo norvegese e sorella di Jens Stoltenberg, attuale primo ministro della Norvegia. (Nini Stoltenberg). E’, tuttavia, meglio nota come tossicodipendente. Nini Stoltenberg ha avuto una relazione di lunga data con Karl John Sivertzen di Odda, un ex-tossicodipendente condannato per una rapina in banca negli anni ’70. Nini era una tossicodipendente per via endovenosa. Alla fine degli anni ’90 fu sul punto di morire. In un’intervista, Nini Stoltenberg racconta di un ragazzo che la sottopose a punizioni, terrore psicologico e molta paura.
In Norvegia vi sono molti satanisti che amano i colori rosso e nero. Musicisti e appassionati del black metal norvegese incendiarono oltre 50 chiese in Norvegia dal 1992 al 1996.

9150113542_418f1d1d4a_bMette-Marit in rosso e nero

“Il principe Haakon ha sposato Mette-Marit Tjessem Hoeiby. Mette-Marit è (presumibilmente) una drogata che frequentava diversi narcotrafficanti e criminali, dormendo con alcuni e girando un video porno con un altro, ed ha avuto un figlio con un altro uomo...” (Informazioni di un anonimo)  (Haakon, principe ereditario di Norvegia)
L’addetto alla sicurezza Trond Berntsen fu ucciso negli attacchi in Norvegia. Trond Bernsten era il fratellastro di Mette-Marit. Il padre di Trond Berntsen, Rolf, divenne il patrigno di Mette-Marit quando sposò la madre divorziata Marit Tjessem. Mette-Marit incontrò il principe Haakon ad un festival rock qualche anno dopo.

faaozm
1156250793169_764
article-2018974-0D28E4CA00000578-37_634x505Rosso e nero

Anonimo scrive: “Chiaramente un’operazione falsa bandiera della NATO probabilmente pianificata non appena il governo norvegese cominciò a vacillare sul suo ruolo in Libia. Spiegherebbe perché i profili online di Breivik erano così recenti. Interessante che abbiano scelto come storia di copertura un cristiano fondamentalista per tale lavoro, piuttosto che il solito capro espiatorio musulmano. Ho il sospetto che l’élite globale presenti “cristiani e nazionalisti come alter ego minacciosi” per far avanzare ulteriormente la repressione in occidente. Le élite globali sono chiaramente prive di fantasia e usano lo stesso stanco copione della “strategia della tensione della NATO”.

KronprinsHaakon2011Il principe ereditario Haakon di Norvegia discende dall’illuminato di Baviera duca Ernesto II di Sassonia-Gotha-Altenburg (1745-1804) (Discendenti degli Illuminati)

TheUSembassyinOslo-largeA. Dal 2000, gli ex-capi della polizia di Oslo, del servizio di sicurezza della polizia norvegese e della Kripos furono impiegati dagli Stati Uniti per operazioni segreteUbisurv
B. Un gruppo che avrebbe potuto essere armato era la Surveillance Detection Unit (SDU) dell’ambasciata statunitense di Oslo, istituita dopo l’11 settembre per spiare i norvegesi. TheForeigner/Defence.pk/VeteransToday

85253455-ambassadr-barryL’ambasciatore statunitense Barry White e il cicerone della giornata, il deputato Trygve Slagsvold Vedum (Partito di Centro) in visita a Rena. L’ambasciatore White visita Rena
Rena è il sito della fattoria di Anders Breivik, dove la polizia crede abbia pianificato gli attentati del  2011. La valle di Oesterdalen, dove Rena si trova, viene utilizzata dai militari per l’addestramento delle forze speciali; la base militare di Rena dell’esercito norvegese si trova nelle vicinanze. (Rena, Norvegia)
Secondo la Reuters, la fattoria di Breivik è vicino a una base militare che ospita il battaglione di  2000 uomini TelemarkBreivik in tribunale: Le autorità possono avere qualcosa da nascondere

OmG8A84AO6vdNHmTfLJOGAA4fwy5IyV2aQ8TXmlRoVYQL’ambasciatore White ha visitato la base dell’esercito norvegese di Rena nel maggio 2011. L’ambasciatore White visita Rena
L’ambasciatore degli Stati Uniti in Norvegia ha visitato Rena nel maggio 2011. “Il 20 maggio 2011, l’ambasciatore White s’è recato in visita nella contea di Hedmark, ospite del parlamentare del partito di Centro di Hedmark Trygve Slagsvold Vedum“. White ha visitato alcune aziende agricole e nel  pomeriggio è stato nella base di Rena a visitare il battaglione Telemark e le Forze Speciali norvegesi.

Telemark_battalion_insignia
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La cospirazione in Venezuela, o Maidan latinoamericana

Nil Nikandrov Strategic Culture Foundation 21/02/2014

10778I tentativi di destabilizzare il Venezuela non sono cessati, nonostante gli sforzi del governo Nicolas Maduro di avviare un dialogo con l’opposizione. L’ultimo tentativo per testare il coraggio del regime è stata la manifestazione dell’opposizione il 12 febbraio, davanti l’ufficio del procuratore generale nel centro di Caracas. Tra le richieste dei manifestanti vi erano l’immediata liberazione degli arrestati per la partecipazione agli scontri di piazza delle città di Tachira e Merida ed elezioni anticipate. Nel corso di questi scontri, pietre e bottiglie molotov piovevano sulla polizia. Diverse auto della polizia sono state inghiottite dalle fiamme. Gruppi di giovani hanno assaltato l’ufficio del Procuratore generale e saccheggiato l’ingresso della stazione della metropolitana di Parque Carabobo e un vicino parco per bambini. Molti degli aggressori avevano maschere, giubbotti antiproiettile e spranghe. Alcuni anche armi da fuoco. Ci sono stati feriti, e due o tre persone sono state uccise, ma anche al culmine dello scontro la polizia ha utilizzato solo proiettili di gomma e gas lacrimogeni. La manifestazione violenta è stata organizzata via Internet dal gruppo d’opposizione radicale Volontà Popolare (Voluntad Popular). Il suo leader, Leopoldo Lopez, è da tempo  impegnato a rovesciare il regime con la forza. Il Procuratore Generale ne ha ordinato l’arresto. Con ogni evidenza, Lopez s’è nascosto negli Stati Uniti (è ben noto che collabori con la CIA ). Un altro mandato è stato emesso per l’arresto dell’ex-viceammiraglio Fernando Gerbasi, ex-ambasciatore del Venezuela a Bogotà. Ha guidato l’organizzazione dei tumulti nel territorio confinante con la Colombia. I partecipanti agli attacchi alla polizia e all’incendio di istituzioni statali sono sulla lista dei ricercati. I paralleli tra gli eventi del febbraio 2014 e il tentativo di rovesciare il Presidente Chavez nell’aprile del 2002 sono evidenti. A quel tempo le dimostrazioni di massa popolari e l’intervento tempestivo  delle unità militari fedeli al presidente assicurarono la rapida neutralizzazione dei ribelli. I media venezuelani scrivono molto sulle somiglianze tra le “proteste spontanee” nel loro Paese e Maidan a Kiev. In Venezuela, l’intelligence statunitensi utilizza studenti e paramilitari colombiani dei gruppi che partecipano come carne da cannone nelle pulizie nei territori controllati dai guerriglieri di FARC e ELN… Ora i paramilitari sconfinano gradualmente negli Stati venezuelani di Zulia, Barinas e Mérida, fondendosi con le comunità colombiane in attesa di ordini. Nel novembre 2013 Jose Vicente Rangel descrisse i preparativi delle operazioni sovversive in Venezuela nel suo show televisivo “Confidenziale” (Confidenciales). Durante un recente viaggio a Miami, Leopoldo Lopez ha visitato un centro d’addestramento di Los Cayos, gestito da immigrati cubani. Un gruppo di “cadetti” venezuelani ha dato dimostrazioni di tiro a Lopez; le immagini del Presidente Maduro venivano utilizzate come bersagli. Lopez ha promesso di finanziare l’addestramento di altri cecchini per garantire “il ripristino della democrazia e della libertà” in Venezuela. Un centro di comunicazione tra i congiurati venezuelani e l’intelligence degli Stati Uniti è anche attivo a Miami. Dal lato venezuelano del complotto vi sono l’ex-ministro della Difesa Narvaez Churion e l’ex-capo dell’agenzia penale DISIP nella Quarta Repubblica.
La situazione in Venezuela è complicata dall’estenuante guerra finanziaria ed economica progettata dagli Stati Uniti. Le affermazioni su cibo derubato dalla catena di drogherie statali Mercal per essere venduto sul mercato nero a prezzi artificialmente elevati, sono sempre più frequenti. Il contrabbando provoca enormi danni alla sicurezza alimentare del Paese. Centinaia di organizzazioni mafiose operano al confine con la Colombia, trasportando  in territorio colombiano merci sovvenzionate dal governo venezuelano. Quantità colossali di benzina, gasolio, lubrificanti, pneumatici e ricambi per auto vengono esportate. In molti casi la benzina semplicemente non arriva alle stazioni di rifornimento venezuelane. I paramilitari controllano la sicurezza del contrabbando, fino al punto di eliminare di solito il personale militare venezuelano inviato a guardia del confine. I venezuelani sono abituati al generoso paternalismo dello Stato: assistenza medica gratuita, costruzione in serie di “case del popolo”, un sistema d’istruzione gratuita e migliaia di borse di studio statali per coloro che studiano nelle università straniere. Tuttavia, negli ultimi mesi l’euforia dei consumatori è stata spesso segnata dall’interruzione di luce e acqua, carenza di cibo ed altri beni. Tutto ciò è il risultato del sabotaggio intenzionale organizzato nel classico stile della CIA. Non per niente Walter Martinez, il popolare conduttore del programma televisivo Dossier, ha detto ai suoi telespettatori di come fu progettato il rovesciamento del governo di Salvador Allende in Cile nel 1973, con la partecipazione della società americana ITT. I cospiratori in particolare approfondirono la pianificazione del sabotaggio commerciale e della speculazione dei beni. I metodi utilizzati per destabilizzare il Venezuela di oggi sono una ripetizione precisa dello scenario cileno, che portò a un massacro sanguinoso e alla dittatura di Pinochet. Tanto è l’odio accumulato verso il Venezuela. La minaccia di una guerra civile viene costantemente evocata sui media. In questo contesto, il Presidente Maduro continua a sostenere pazientemente il dialogo, la ricerca della comprensione reciproca e la distensione interna. Non si può non menzionare l’influenza distruttiva sulla situazione di elementi dei circoli sionisti di Stati Uniti ed Israele. Controllano il sistema bancario e commerciale e hanno completamente infiltrato i media venezuelani, incitando la “protesta civile” e creando un clima di terrore psicologico verso le figure di spicco del governo. Praticamente tutti i luoghi comuni ostili della propaganda sionista-statunitense contro Chavez sono ora utilizzati contro Maduro…
I venezuelani hanno i soldi, ma la spesa diventa sempre più difficile. Anche l’acquisto di biglietti per trascorrere le vacanze da qualche parte all’estero è diventato un problema. I media venezuelani, l’80% dei quali è sotto il controllo dell’opposizione, accusano il Presidente Maduro e i suoi sostenitori del “disagio universale”. Secondo loro avrebbero eliminato l’economia con gli “esperimenti socialisti”. In realtà, né Chavez né Maduro hanno toccato i principi dell’economia capitalistica. Non perché non osassero, ma perché hanno capito che l’adozione di misure radicali sarebbe prematura, soprattutto dopo il tentativo di modificare la costituzione del Paese per le riforme socialiste. Nel referendum su questo tema, emerse che circa metà degli elettori era contraria. Non c’era consenso neanche nel Partito Socialista Unito al governo. La decisione di Chavez di realizzare il programma di riforme socialiste gradualmente, ad un ritmo moderato, non è mai stato attuato a causa della morte prematura. La propaganda antigovernativa, coordinata dai centri sovversivi degli Stati Uniti, sfrutta appieno la teoria della crescita della corruzione nel Paese e della complicità della “borghesia bolivariana rossa”. Ciò è diretto in primo luogo contro gli ex-alleati di Chavez strettisi intorno Maduro, rimanendo fedeli all’ideologia bolivariana e alla sua triade “popolo – esercito – leader”. La CIA e gli spin doctors dell’opposizione cercano di trascinare la parte di giovani ipnotizzata dalla propaganda della “guerra alla corruzione” sulle barricate venezuelane. Il coordinamento di tale attività avviene attraverso diversi canali, ma tutti riconducono all’ambasciata degli Stati Uniti a Caracas. Rispetto al suo predecessore Kelly Keiderling, denunciata dal controspionaggio venezuelano come coordinatrice delle attività sovversive nel Paese, l’attuale incaricato d’affari degli Stati Uniti Phil Laidlaw, anche lui agente della CIA, mostra più fantasia nel  tentativo di suscitare una rivoluzione colorata in Venezuela, che poi diverrebbe guerra civile. Su iniziativa di Laidlaw, lettere di solidarietà agli attivisti “Maidan” degli studenti venezuelani sono state pubblicate su Internet: “Ammiriamo il vostro coraggio! La libertà e la democrazia prima di tutto!” Non sarei sorpreso se in un prossimo futuro Laidlaw organizzi il dispiegamento di numerosi distaccamenti di combattenti provenienti da Maidan di Kiev in qualche base aerea segreta della CIA in Venezuela, per lottare contro la “dittatura di Maduro”.

La ripubblicazione è gradita in riferimento al giornale on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

The International: petrolio, droga, armi e Kissinger Associates

Dean Henderson 19 febbraio 2014

La recente epidemia di suicidi tra i banchieri internazionali ricorda l’intimità tra dell’intesa tra la finanza controllata dalle otto famiglie e la comunità d’intelligence.

JPMorganAl nadir del regime di riciclaggio armi-petrodollari-droga del Consiglio di Cooperazione del Golfo/CIA sedevano tranquillamente i bankster internazionali dei quattro cavalieri. Attraverso ogni grande scandalo e dietro ogni regime dispotico si trova l’oligarchia finanziaria globale che si avvantaggia della dipendenza del mondo da petrolio, armi e droga. La ricchezza petrolifera generata nella regione del Golfo Persico è la principale fonte di capitali di tali banchieri. Vendono agli sceicchi del GCC buoni del tesoro 30ennali all’interesse del 5%, quindi prestano i petrodollari degli sceicchi ai governi del Terzo Mondo e dei consumatori occidentali con interessi del 15-20%. Nel processo questi signori della finanza che non producono nulla, usano il debito economico importato come leva per consolidare il controllo sull’economia globale.

I padroni dei petrodollari e dei narcodollari
jpmorgan-chase-bank-1I banchieri internazionali sorvegliano la ricchezza petrolifera del Golfo Persico generata dai  tentacoli di Big Oil. La Chase Manhattan colpì la Banca centrale Markazi dell’Iran, poi saccheggiò il Tesoro iraniano con gli insiders di Rockefeller, Kissinger e McCloy quando lo Shah loro fantoccio fu cacciato. Chase aveva stretti legami con la banca centrale saudita SAMA e la banca centrale del Venezuela, dove la Exxon-Mobil di Rockefeller “è la CIA”. Chase lanciò il Fondo per lo sviluppo industriale saudita, che diede alle multinazionali di proprietà della Chase i contratti per la modernizzazione saudita, poi acquistò la Saudi Investment Banking Corporation, che fece esattamente la stessa cosa. [1] I presidenti della Banca Mondiale Eugene Black e John McCloy provenivano dalla Chase. Morgan Guaranty Trust presiedeva il petrolio dei Saud. SAMA, divenuta Banca Centrale del regno quando si stava ancora asciugando l’inchiostro dell’accordo sulla sicurezza USA/Arabia Saudita, era guidata da Goon Anwar Ali del FMI, e gestita dai “tre saggi” o “padri bianchi”, il più potente dei quali era John Meyer, presidente della divisione internazionale di Morgan Guaranty Trust e successivamente presidente della Morgan Guaranty. Meyer trasferì le royalties in petrodollari della SAMA alla Morgan, essendo consigliere per gli investimenti della SAMA. [2] Morgan era il banchiere di Bechtel e Aramco. Stephen Bechtel sedette nel CdA della Morgan Guaranty, come fecero alla Chevron-Texaco gli insider del CFR George Schultz e Sulayman Olayan, l’uomo di paglia della Bechtel, cruciale nel riciclaggio dei petrodollari del Golfo Persico nelle banche internazionali. Olayan possedeva metà Saudi Bechtel e molte azioni di Chase Manhattan, Occidental Petroleum e CS First Boston, dove fu direttore fino al 1995. Olayan fondò la Saudi-British Bank, un grande attore occulto nel mercato degli eurodollari. Aveva un’oscura partnership caraibica con Barclays e Jardine Matheson, che controllano la finanza israeliana ed HSBC rispettivamente. Fu membro della direzione di American Express insieme a Henry Kissinger e Edmund Safra, la cui fallimentare Republic Bank finì nel pozzo nero della HSBC. Il gruppo bancario di Olayan comprende CS First Boston, Saudi-British Bank, Saudi Holland Bank (controllata dalla ABN Amro, ora Royal Bank of Scotland) e Chase. [3] Attraverso queste relazioni Olayan fu il collante tra i Saud e i loro padroni delle famiglie dei Quattro Cavalieri statunitensi, inglesi e olandesi.
Nel 1975 Morgan Guaranty ebbe una partecipazione del 20% nella Saudi International Bank di Londra, il cui direttore esecutivo era il direttore di Morgan Guaranty Trust Peter de Roos. SAMA possedeva una quota del 50%, mentre Bank of Tokyo, Deutsche Bank, Banque de Nationale de Paris, National Westminster Bank e Union Bank of Switzerland avevano ognuna una proprietà del 5%. [4] Citibank acquistò il 33% della Saudi American Bank. SAMA era assistita da Merrill Lynch e Baring Brothers (ora della Royal Bank of Scotland), garantendo a New York e a Londra il controllo sui proventi del petrolio. I Padri Bianchi avevano saldamente le redini dei proventi petroliferi dell’Aramco dei Saud. Di Morgan Guaranty era il consigliere per gli investimenti dell’Abu Dhabi Investment Authority, la banca centrale degli Emirati Arabi Uniti, dove il monarca e principale azionista della BCCI, shayq Zayad detiene i cordoni della borsa. Morgan Grenfell, il braccio londinese della Morgan, è consulente dei governi della GCC del Qatar e degli Emirati Arabi Uniti, e del mercato dell’oro dell’emirato di Dubai. Grenfell ora della Deutsche Bank, controllava  una larga fetta della Banca Centrale della Giordania e finanziava la vendita di armi a Oman, Giordania e Arabia Saudita. Quando il trafficante d’armi saudita della Lockheed Adnan Khasshoggi comprò l’Arizona-Colorado Land & Cattle Company, nel 1974, il ramo degli investimenti statunitense Morgan Stanley fece un affare. Quando Khasshoggi comprò un caseificio di 17000 ettari e un ranch da un milione di acri per il bestiame in Sudan, Morgan Stanley l’aiutò di nuovo.
Nel 1984 Morgan Grenfell spinse per l’esplorazione petrolifera nel Mare del Nord. Sir John Stevens della Grenfell consigliava la Banca Markazi dell’Iran. Stevens era un insider della Banca d’Inghilterra, dove il presidente della Royal Dutch/Shell Sir Robert Clark era membro del consiglio. Morgan Stanley occupava i primi 16 piani dell’edificio della Exxon a New York. Gestì nel 1977 la vendita delle azioni della BP da parte del governo inglese al clan al-Sabah del Quwayt. [5]
Il presidente della Jardine Matheson David Newbigging siede nel consiglio consultivo internazionale di Morgan Guaranty ed è probabilmente l’uomo più potente di Hong Kong. Il presidente di Morgan et Cie, divisione internazionale della banca, era Lord Cairncatto, che sedeva nel Comitato di Londra della HSBC, era presidente della Morgan Grenfell e membro del Consiglio interno del Royal Institute of International Affairs. [6] HSBC e Kleinwort Benson hanno il controllo del monopolio dell’oro Sharps Pixley Ward di Hong Kong. HSBC Bank possiede la British Bank of the Middle East, che monopolizza il fiorente mercato dell’oro di Dubai, la Republic Bank of New York di Edmund Safra, che dominava i vecchi mercati dell’oro libanesi e Midland Bank, agente di compensazione del narco-governo panamense. Fino a poco prima Sharps Pixley e Samuel Montagu, filiali della HSBC, si fusero con la Mocatta Metals della Standard Chartered, fondata da Cecil Rhodes, Johnson Matthey e NM Rothschild & Sons di Londra per fissare ogni giorno unilateralmente il prezzo dell’oro. Gli ultimi due monopoli hanno CdA che s’intrecciano sia con la HSBC che con il conglomerato Anglo-American controllato da Oppenheimer, la cui controllata Engelhardt monopolizza la raffinazione mondiale dell’oro. [7] Gli Oppenheimer controllano anche Rio Tinto e DeBeers, fondata da Cecil Rhodes, che monopolizza il commercio mondiale dei diamanti. La controllata Anglo-American delle Bermuda, Minorco, gioca un ruolo importante nel ciclo oro/diamanti/droga della Silver Triangle. Il taglio dei diamanti è finanziato dalla famiglia belga Lambert, cugini dei Rothschild, e dalla Barclays Bank, nel cui CdA siedono Sir Harry Oppenheimer e altri quattro membri dei Cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme della Regina Elisabetta, più che in qualsiasi azienda nel mondo. [8] I giganti bancari canadesi Bank of Nova Scotia, Bank of Montreal, Royal Bank of Canada, Toronto Dominion Bank e Canadian Imperial Bank of Commerce, si sono uniti ai giganti inglesi National Westminster, Barclays, Lloyds e HSBC, nel presiedere la Silver Triangle dei Caraibi che ricicla narcodollari. Bank of Nova Scotia è il rivenditore d’oro più grande dei Caraibi e possiede 200 tonnellate di oro recuperate dai depositi sotto le macerie del World Trade Center nel 2001. La banca d’investimento più grande dei Caraibi è nota come ITCO, una joint venture tra Anglo-american, Barclays, NM Rothschild e Royal Bank of Canada. Il direttore della Lloyds, ADF Lloyd, è cognato del 10° conte di Airlie, presidente della Banca Schroeder della Warburg, che finanziò Hitler. La moglie di Earl è nipote di Otto Kahn, partner di primo piano di Kuhn Loeb. La suocera di Winston Churchill era una Airlie. Il cugino di Churchill, il visconte Cowdray, ha una grande partecipazione nella Lazard, usata dalla famiglia Kennedy. [9] Lazard controlla Financial Times, The Economist e Penguin Books.
La Citigroup dei sauditi e la Texas Commerce della Baker, ora JP Morgan Chase, aiutaron Raul Salinas a derubare il Tesoro messicano. Bank of America dei Rothschild fondò la Banca d’Italia sotto il paravento della Transamerica di Amadeo Giannini, con una joint venture da 3 miliardi di dollari con il Banco Ambrosiano, che acquistò la saccheggiata Continental Bank, finanziando la BCCI ed ripulendo gli affari della BNL. All’epoca Bank of America era la maggiore banca del mondo. [776] Secondo il ricercatore di Chicago Sherman Skolnick, Bank of America incanalava il denaro sporco generato dal finanziere latitante svizzero-israeliano del Mossad Marc Rich, e il cui denaro facile scomparve nel pozzo nero della Enron. Skolnick aggiunge che la Nugan Hand Bank divenne Household International, un prestatore di sub-prime di Chicago, il cui avvocato, fino al suo misterioso incidente in canoa, era l’ex-direttore della CIA Bill Colby. [10] Household è ora una controllata di HSBC. La Banque de Credit Internationale di Ginevra di Tibor Rosenbaum (BCI) predette la BCCI, ricevendo i profitti dei casinò di Meyer Lansky e i proventi della droga per finanziare gli imbrogli di MI6 e Mossad, tra cui la Permindex. [11] Lansky avviò i suo crimine organizzato con l’aiuto finanziario della famiglia Rothschild. Robert Vesco decollò con la Mary Carter Paint Company finanziata dai Rockefeller. Santos Trafficante è il loro successore. La CS First Boston fu fondata dalla famiglia Perkins di Boston con i proventi dell’oppio e finanziò sia l’omicidio di JFK che il tentativo di assassinio del presidente francese Charles de Gaulle. Richard Holbrooke, l’inviato di Obama in Afghanistan e capo architetto degli accordi di Dayton, e Dick Thornburgh, procuratore generale di Bush durante il cover-up della BNL, lavorarono per la CS First Boston al fianco di Sulayman Olayan. La banca collaborò con BP Amoco per arraffare il 20% della russa Lukoil.

KissAss
2239374_300Tra i clienti di Kissinger Associates vi erano la Banca nazionale della Georgia della BCCI di proprietà della BNL, che collaborò con la Banca centrale irachena armando l’Iraq attraverso i conti cifrati presso Bank of America, Bank of New York, Chase Manhattan e Manufacturers Hanover Trust. Agente di compensazione della BNL in tali operazioni era Morgan Guaranty Trust. Il Consiglio di Amministrazione della Chase Manhattan Bank rifletteva il Consiglio di Amministrazione Consultivo internazionale della BNL. Henry Kissinger era legato a Chase Manhattan e a Goldman Sachs, aiutando le narco-banche Bank of New York e CS First Boston a saccheggiare il Tesoro della Russia. Quando la banda della CIA saccheggiò le S&L (cassa depositi e prestiti. NdT), Goldman Sachs spazzolò via miliardi di attività in un colpo. Il Comitato consultivo internazionale della Chase Manhattan comprendeva Y. K. Pao della Hong Kong Worldwide Shipping, Ian Sinclair della narcotrafficante Canadian Pacific e GA Wagner della Royal Dutch/Shell. [12] Pao fu vicepresidente di HSBC.
Il CdA della Kissinger Associates è ancora più oscuro e potente, il lapsus freudiano massonico della KissAss è espresso dal vecchio denaro. Il co-fondatore Lord Carrington, membro del consiglio di Barclays e Hambros, presiede il Gruppo Bilderberg e l’Istituto Reale per gli Affari Internazionali. Il membro del CdA della KissAss è Mario d’Urso della dinastia dei banchieri Kuhn Loeb, è a capo della Jefferson Insurance, la joint venture tra Assicurazioni Generali (AG) e Riunione Adriatica di Sicurtà (RAS) negli Stati Uniti. L’AG di Venezia custodisce le immense fortune delle antiche famiglie di banchieri veneziani che finanziarono le crociate e il Sacro Romano Impero. Il suo CdA includeva Elie de Rothschild, il barone August von Finck, l’uomo più ricco della Germania, il barone Pierre Lambert, cugino dei Rothschild e finanziatore della Drexel Burnham Lambert, Jocelyn Hambro, la cui famiglia possiede Hambros Bank, che possedeva la metà della Banca Privata di Michele Sindona; Pierpaolo Luzzato Fegiz della potente famiglia italiana dei Luzzato che aveva legami con il Banco Ambrosiano di Sindona e Franco Orsini Bonacossi della potente famiglia Orsini, i cui membri sedevano nell’antico senato dell’impero romano. I maggiori azionisti di AG sono Lazard Freres e Banque Paribas. [13] Paribas, ora la maggiore banca del mondo, è controllata dalla famiglia Warburg, mentre Lazard è dominata dalle famiglie Lazard e David-Weill. I Lazard inglesi fanno ora parte del conglomerato Pearson, che possiede Financial Times, Economist, Penguin e Viking Books, Madame Tussaud e ampi interessi negli Stati Uniti. La francese Lazard Freres è occultata nell’holding denominata Eurafrance. Lazard gestisce il denaro dell’élite globale come gli Agnelli italiani, i Boels belgi, gli inglesi Pearson e gli statunitensi Kennedy. Membri del consiglio della RAS sono i membri della famiglia Giustiniani, discendenti dall’imperatore romano Giustiniano, della famiglia Doria, finanzieri genovesi dei sovrani asburgici spagnoli, e il duca d’Alba, che discende dalla monarchia asburgica spagnola.
Un altro potente elemento del CdA della KissAss era Nathaniel Samuels, altro vecchio sgherro della Kuhn Loeb del clan di Samuel, che controlla gran parte di Royal Dutch/Shell e Rio Tinto. Samuel fu presidente della Banque Louis-Dreyfus Holding Company di Parigi, derivante dalla dinastia di commercianti in granaglie Louis Dreyfus, uno dei Quattro Cavalieri del Grano. Lord Eric Roll è un altro membro della KissAss. Roll è presidente della banca d’investimento della famiglia Warburg, la SG Warburg. Il potente membro asiatico del consiglio della KissAss è Sir Y. K. Kan di Hong Kong, che rappresenta quattro vecchie famiglie bancarie cinesi che controllano la Bank of East Asia. Le radici massoniche del cliente piduista BNL della KissAss risalgono alla Banca Commerciale d’Italia, dove fu fondata la P-2. La filiale svizzera della banca, la Banca della Svizzera, acquistò il 7% di Lehman Brothers nel 1970. La famiglia Lehman fece fortuna vendendo armi alle forze confederate mentre contrabbandava l’oppio inglese nell’Unione dalle piantagioni di cotone di famiglia. Quando il cliente della Lehman Brothers, Enron, crollò, l’UBS Warburg piombò per comprarsi Enron OnLine per 0 dollari. Quando Lehman fallì nel 2008, Barclays banchettò con la sua carcassa.

Note
[767] The Chase: The Chase Manhattan Bank N. A.: 1945-1985. Harvard Business School Press. Boston. 1986. p.231
[768] The House of Morgan. Ron Chernow. Atlantic Monthly Press. New York. 1990. p.606
[769] “The Olayan Group: Fifty Years of Forging Business Partnership”. Advertisement. Forbes. 7-7-97
[770] “Now the Desert Kingdom’s are Thirsty for Cash”. John Rossant. Business Week. 3-18-91. p.32
[771] Chernow. p.612
[772] Dope Inc.: The Book that Drove Kissinger Crazy. The Editors of Executive Intelligence Review. Washington, DC. 1992. p.125
[773] Ibid. p.194
[774] Ibid. p.200
[775] Ibid. p.445
[776] “A System out of Control, Not Just One Bank”. George Winslow. In These Times. October 23-29, 1991. p.8
[777] “The Enron Black Magic: Part III”. Sherman Skolnick. 1999.
[778] Hot Money and the Politics of Debt. R.T. Naylor. The Linden Press/Simon & Schuster. New York. 1987. p.22
[779] The Editors of Executive Intelligence Review. p.339
[780] Ibid. p.98

hsbc--621x414Dean Henderson è autore di: Big Oil & Their Bankers in the Persian Gulf: Four Horsemen, Eight Families & Their Global Intelligence, Narcotics & Terror Network, The Grateful Unrich: Revolution in 50 Countries, Das Kartell der Federal Reserve, Stickin’ it to the Matrix e The Federal Reserve Cartel. Il suo settimanale è Left Hook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 280 follower