Putin e la Russia sono dannatamente seri

Dedefensa 22 ottobre 2012

Il presidente russo Putin ha personalmente diretto, il 19 ottobre, la simulazione di una guerra nucleare strategica, con esercitazioni “reali”, tra cui il lancio di un missile balistico intercontinentale (ICBM), di un missile nucleare strategico lanciato da un sottomarino (SLBM) e di missili aria-terra lanciati da bombardieri nucleari. Sono stati utilizzati in pratica i tre elementi della “triade nucleare”: i missili nucleari strategici terrestri e su sottomarini, e i bombardieri strategici nucleari (con missili a testate nucleari, tra cui dei missili da crociera). Reuters ha riferito sullo svolgimento delle esercitazioni e su alcune circostanze che hanno segnato il 19 ottobre 2012. Affermava che l’esercitazione strategica nucleare era la più grande dalla fine dell’Unione Sovietica (1991), e certamente la prima del suo genere nella Russia post-sovietica. Le nuove procedure per il comando, controllo e comunicazioni (C3, C3I se si aggiunge l’intelligence) sono state testate e collaudate.
I test che coinvolgevano i sistemi di comando di tutte le tre componenti della “triade nucleare”, missili nucleari a lungo raggio lanciati da terra, mare e dai bombardieri strategici, sono stati condotti ‘sotto la guida personale di Vladimir Putin’, riferiva il Cremlino. Un missile balistico intercontinentale RS-12M Topol è stato lanciato da Plesetsk, un sito nel nord della Russia, e un test di un missile balistico intercontinentale lanciato da sottomarini ha avuto luogo dal Mare di Okhotsk, ha detto il Ministero della Difesa. I bombardieri a lungo raggio Tu-95 e Tu-160 hanno lanciato missili contro degli obiettivi, che sono stati colpiti, nel poligono della regione nord-occidentale di Komi. Le esercitazioni delle forze nucleari strategiche sono state condotte su grande scala, per la prima volta nella storia moderna della Russia“, affermava la dichiarazione del Cremlino. “Vladimir Putin ha dato un’alta valutazione del lavoro delle unità di combattimento, degli equipaggi e dello Stato Maggiore Generale delle Forze Armate, che hanno svolto con affidabilità ed efficacia i compiti assegnati alle forze nucleari russe.” Le esercitazioni comprendevano anche il test dei sistemi di comunicazione e dei ‘nuovi algoritmi’ per il comando e controllo. La Russia modernizza l’arsenale nucleare, in gran parte creato nell’era della guerra fredda, e continuerà ad usare le armi nucleari come deterrente chiave…
Ammettiamo subito che sarebbe incompleto non rispettare l’aspetto tecnico dell’esercitazione, pur riconoscendo l’importanza di questo aspetto, soprattutto riguardo le nuove procedure C3 usate, fornendo un apprezzamento particolarmente importante di questo settore tecnico. Ma proprio questo aspetto introduce un’altra dimensione, che è politica, legata a Putin in questo caso, dal momento che le procedure C3 sono dei mezzi tecnici dal ruolo assolutamente fondamentale per il potere politico in una guerra nucleare strategica. In questo caso, la visibile presenza di Putin, oggetto di una notevole pubblicità, è di particolare importanza. Gli argomenti dell’opposizione e della propaganda schematica del BAO nella notizia data sulla presenza di Putin (Putin vuole darsi la statura di comandante in capo, vuole distogliere l’attenzione dall’opposizione interna concentrandosi sulle minacce esterne) sono d’interesse marginale e della solita povertà; in questo caso, facendo riferimento alle solite turbolenze delle “rivoluzioni colorate” e dell”aggressione morbida’ rispetto al significato più profondo dell’evento; e nei fatti, dei vari significati profondi dell’evento.
Le condizioni dell’esercitazione e delle politiche che sono state descritte direttamente, hanno a che fare con la campagna di ‘comunicazione’, si potrebbe dire, con cui la Russia continua a ‘educare’ i suoi ‘partner’ (del blocco BAO) sui pericoli e i rischi sulla situazione attuale e sulle catene di crisi e di alta crisi prevalenti ovunque. Pertanto, l’esercitazione è in relazione con la crisi siriana, la ‘primavera araba’ e tutto quel genere di cose. Questo è un modo concreto per ricordare a tutte le potenze coinvolte nel disordine generale che colpisce le aree strategiche, che il rischio di guerra generale esiste e che implica il massimo livello di rischio di una guerra nucleare strategica. Riconosciamo, in questo caso, che la modalità di presentazione dell’esercitazione nucleare, con il ruolo di Putin, è un modo per insistere, ad esempio, nell’avviso di Medvedev dello scorso maggio (vedi 18 maggio 2012) sul rischio che uno di questi conflitti regionali, gestiti dal blocco BAO come  esercitazioni di comunicazione, demagogiche ed elettoralistiche, ma anche molto emotive nelle loro descrizioni in generale sul tema dell’umanitarismo, della superiorità dei ‘valori’ e dell’impunità strategica occidentale, non degenerino in un conflitto vero e proprio, fino alla dimensione nucleare. Ma si capisce che si tratta meno di una minaccia che di un tentativo di riportare i leader politici del blocco BAO alla realtà dei veri rapporti di forza e sulla necessità per tutti di creare e potenziare una situazione di stabilità, come se, in un certo senso, ci si potesse aspettare da questo tipo di esercitazione abbia la virtù di far uscire i leader del blocco BAO dall’ipnosi paralizzante in cui si trovano oggi, riguardo le loro politiche, azioni, posizioni, ecc., con la psicologia terrorizzata e il  comportamento ipomaniacale per cui sono conosciuti, particolarmente ben illustrati dalle crisi libica e siriana.
Su un punto particolare e specifico, vi è anche uno sforzo di comunicazione dei russi dello stesso modo: nei confronti dei due candidati presidenziali negli Stati Uniti, per convincerli che i rapporti tra le potenze nucleari (le due maggiori potenze nucleari strategiche) non sono solo un gioco elettorale o uno strumento per esercitare le diverse influenze su di loro, ma anche un’equazione e un potere di bilanciamento che devono essere considerati seriamente e con la massima cautela. (Certo,  non è un caso che l’esercitazione abbia avuto luogo nel bel mezzo della campagna elettorale degli Stati Uniti.) Comprendiamo gli sforzi russi in questo senso, ma dubitiamo molto che abbiano una certa efficacia. La situazione psicologica della leadership politica del blocco BAO sembra irrimediabilmente e assolutamente impantanata nella paralisi, nell’impotenza, e nel caos che sappiamo. Inoltre… forse i russi la pensano così, alla fine loro stessi compiono questi sforzi nel senso  descritto, nella disperazione, cioè senza molte speranze di essere ascoltati. Pertanto, l’esercitazione ha una seconda funzione profonda, molto più unilaterale, molto più rigorosamente “russa”. Per esempio, conferma e rafforza le decisioni russe sull’acutizzarsi della crisi, illustrata in particolare dall’annuncio del dispiegamento di missili antiaerei S-400 in direzione della Turchia. (Vedasi il nostro testo del 20 ottobre 2012). Il carattere strategico di queste due misure complementari (gli S-400 e l’esercitazione nucleare) indica che la Russia intende far pesare la sua importanza strategica, sia riguardo alla situazione siriana, sia riguardo i progetti di destabilizzazione del blocco BAO, come ad esempio la rete missilistica BMDE (compresi i radar installati in Turchia).
Qui, si tratta meno di comunicazione che di sistemi d’arma specifici, e anche del potere strategico pratico. Il blocco BAO, e gli altri paesi coinvolti nella crisi siriana, intendano l’avviso o meno, non importa perché questa funzione di avvertimento è del tutto secondaria… Vi è semplicemente l’evoluzione del potere russo, una Russia che continua a ragionare sulla base dei dati concreti del potere, e da questo punto di vista, per garantirsi la sicurezza nazionale. Il fatto è che, in questo modo, i russi continuano a indurire la loro posizione, rendendola più comprensibile sbarazzandosi di qualsiasi ambiguità. Pertanto, confermano con questa esercitazione che stanno perdendo, se non l’hanno già fatto, tutte le illusioni, le speranze e le debolezze che avevano dalla fine della guerra fredda e anche fino a poco tempo fa (perfino dopo la guerra contro la Georgia, il desiderio di cooperazione con alcuni paesi del blocco BAO era molto forte), su una politica di leale e proficua collaborazione con il blocco BAO. Da questo punto di vista, la Russia è totalmente in guardia, ci dice Putin mentre assiste ai test di lancio delle componenti della ‘triade’ nucleare strategica russa. Che i paesi del blocco BAO sentano o meno questa interpretazione della cosa, è un mezzo molto importante per la leadership russa; la “cosa” (il potere strategico russo) esiste, ed è essenziale a tal proposito.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La NATO esalta il suo declino

Il vertice di Chicago
Thierry Meyssan Réseau Voltaire Damasco (Siria) 22 maggio 2012

Il 25.mo vertice della NATO non è riuscito a rispondere alla domanda assillante che ossessiona l’Organizzazione dal crollo dell’Unione Sovietica: come può essere utile ai suoi membri, oltre a  Regno Unito e USA? Esclusa ogni domanda sul massacro di 160000 libici o sulla cancellazione dell’attacco alla Siria, i capi di Stato e di governo hanno appena ricevuto l’ordine di finanziare il complesso militare-industriale degli Stati Uniti.

Ufficialmente doveva rispondere a tre domande principali:
Come controllare l’Asia centrale?
Come essere più efficiente con dei budget limitati dalla crisi finanziaria?
Come schierare un sistema offensivo missilistico contro la Russia e la Cina?
La scelta di Chicago per il vertice si spiega con il fatto che è la città di origine del presidente Barack Obama, e perché è ora amministrata dal falco Emanuel Rahm, ufficiale dell’esercito israeliano.
Un comitato ospitante è stato formato dal Gruppo Bilderberg [1] intorno alla presidente del NDI / NED [2] Madeleine Albright e a John H. Bryan, amministratore delegato di Goldman Sachs.
All’esterno della sala conferenze, non mancavano i gruppi militanti manifestare contro l’Alleanza [3]. Questa turbolenza ha causato problemi di ordine pubblico al comune, e ha danneggiato l’immagine del vertice. Tuttavia, la NATO ha utilizzato l’inconveniente per occupare la stampa, mentre i giornalisti si sono concentrati sugli eccessi della polizia all’esterno della sala conferenze [4], i capi di Stato e di governo potevano discutere in segreto dei loro accordi.

Controllare l’Asia centrale
L’intervento alleato in Afghanistan era stato pianificato dagli Anglo-Sassoni prima degli attacchi dell’11 settembre 2011, anche se gli attacchi furono utilizzati per giustificare il coinvolgimento degli alleati [5]. Rispondeva agli interessi di una coalizione particolare: accerchiare l’Iran (dopo che l’Iraq è stato invaso), interferire nella sfera di influenza russa nell’ex-URSS musulmana; aprire un corridoio per sfruttare il petrolio dalla regione del Caspio, controllare il mercato globale delle droghe derivate dall’oppio e saccheggiare le riserve di minerali preziosi.
Dieci anni dopo, l’attacco contro l’Iran è stato rinviato a tempo indeterminato mentre il rapporto degli Stati Uniti con la Russia e la Cina continua a tendersi. Poco prima del summit, Washington ha stretto rapidamente un Patto strategico con Kabul. Il ritiro delle truppe da combattimento non deve trarre in inganno; il Pentagono vi rimarrà a lungo. Paradossalmente, l’Occidente ha bisogno di truppe in Afghanistan per minacciare gli interessi russi in Asia Centrale, ma ha bisogno di passare attraverso il territorio russo per rifornire le sue truppe in Afghanistan.
Nel corso degli anni, Mosca ha creato un patto militare con i suoi partner dell’ex Unione Sovietica, l’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO). Armenia, Kazakistan, Kirghizistan, Uzbekistan e Tagikistan, ne fanno parte (ma non Azerbaigian). Poi, Mosca e Pechino hanno fondato l’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO). Il suo scopo originale era soltanto evitare le interferenze degli anglosassoni in Asia centrale, ma tende a diventare un patto militare. La SCO comprende, come osservatori o partner, la Mongolia e gli stati del subcontinente indiano (ma non ancora l’Azerbaigian).
La questione principale del vertice di Chicago non era se le truppe alleate siano necessarie per stabilizzare l’Afghanistan, o se la loro missione sia terminata [6], ma se gli alleati siano disposti a calpestare il cortile russo (e anche cinese) in modo permanente. Pertanto, la decisione del presidente Francois Hollande di ritirare urgentemente le truppe francesi, dovrebbe essere intesa per quella che è: non si tratta semplicemente di porre fine a una spedizione coloniale aberrante, ma anche di rifiutarsi di partecipare alla strategia imperiale Anglo-Sassone contro la Russia e la Cina in Asia centrale.
Di fronte al complotto anglo-sassone, Mosca ha impostato la sua risposta attraverso l’ordine del giorno del suo presidente.
7 maggio: nomina del presidente Vladimir Putin
8 maggio: nomina di Dmitrij Medvedev a primo ministro
9 maggio: celebrazione della vittoria contro la Germania nazista
10 maggio: visita al complesso militare-industriale russo
11 maggio: ricevimento del Presidente dell’Abkhazija
12 maggio: ricevimento del Presidente dell’Ossezia del Sud
14-15 maggio: riunione informale con i capi di stato della CSTO.
Non poteva essere più chiaro. Il nuovo mandato sarà dedicato da Vladimir Putin a fornire i mezzi per proteggere gli obiettivi della Russia e a difendere i propri alleati.
Per appianare le tensioni, la NATO ha invitato al vertice di Chicago i presidenti degli Stati membri della CSTO, che tutti hanno accettato tranne Vladimir Putin. In ogni caso, il summit ha confermato che la NATO sarebbe rimasta in Afghanistan, non come una potenza occupante, ma in supporto al fantomatico esercito afghano [7].

Ridurre le spese
Mentre il Pentagono stesso ha chiesto di moderare le spese, l’ex Segretario alla Difesa Robert Gates, aveva chiesto agli alleati di fare uno sforzo notevole per aumentare il loro budget militare, per compensare il declino degli Stati Uniti [8]. Ma il Pentagono ha dovuto disilludersi, gli alleati sono stati a loro volta colpiti dalla crisi finanziaria statunitense. Pertanto, ogni considerazione si è volta verso la possibilità di spendere meno (che i comunicatori chiamano “difesa intelligente“, fermo restando che finora hanno stupidamente gettato i soldi fuori dalla finestra) [9].
Per gli armamenti, spendere di meno significa comprare armi prodotte in serie molto grandi. In pratica questo significa che gli alleati dovrebbero abbandonare la fabbricazione in proprio delle loro armi e invece dover comprare dal produttore più grande, vale a dire gli Stati Uniti. Il problema è che per gli alleati ciò significa una perdita di sovranità, la perdita di posti di lavoro e l’obbligo di continuare a sostenere il dollaro, e quindi il deficit degli Stati Uniti. In sintesi, per essere difesi, gli alleati devono sacrificare la loro industria della difesa, se ne hanno ancora una, e offrire il loro denaro al Grande Fratello statunitense.
Il presidente Obama stava aspettando i suoi ospiti con il suo catalogo. Quest’anno, c’erano promozioni sugli UAV. Il vertice ha approvato il programma di acquisizione di sorveglianza aerea, che era in discussione da un decennio [10]. L’idea di miscelare droni e grandi jet da trasporto prodotti dai consorzi euro-USA è stata abbandonata in favore del semplice acquisto di droni degli USA. Questo è un disastro annunciato per EADS (Germania), Thales (Francia), Indra (Spagna), Galileo Avionica (Italia), Dutch Space (Paesi Bassi), General Dynamics (Canada). Ma si tratta di  almeno 3 miliardi di euro di ordini per Northrop Grumman e Raytheon (USA), i grandi vincitori del vertice. La fattura sarà divisa tra i 13 Stati membri. Francia e Regno Unito sono riuscite a ritirarsi da questo pasticcio e contribuiranno al programma con il proprio materiale.
Inoltre, il Pentagono ha imposto modifiche alle norme sul funzionamento interno dell’Alleanza, in modo da garantire la possibilità di utilizzare la NATO su richiesta. Originariamente, l’organizzazione aveva lo scopo di mobilitarsi nel complesso quando uno dei suoi membri veniva  attaccato. Oggi, Washington definisce i suoi obiettivi coloniali e vi crea una coalizione ad hoc. Per esempio, ha stretto un’alleanza intorno a Francia e Regno Unito per distruggere la Libia. I tedeschi non vi hanno partecipato. Tuttavia, gestivano la flotta di aerei di sorveglianza AWACS. Ne seguì un momento di disorganizzazione, prima che la coalizione potesse utilizzare questo materiale.  Pertanto, il Pentagono esige di avere il diritto di requisire materiali degli alleati, quando si rifiutano di partecipare a una coalizione. Da questa prospettiva, la “difesa intelligente” equivale a prendere i propri alleati per degli imbecilli.

Minacciare la Russia e la Cina 
Per por termine al deterrente nucleare di Russia e Cina, gli Stati Uniti hanno immaginato di proteggersi dai missili nemici, per sparare su di essi senza timore di rappresaglie. Questo è il principio dello “scudo antimissile”. Tuttavia, gli intercettori attuali non sono in grado di distruggere in volo i missili balistici ultra-sofisticati russi e cinesi. Pertanto, sotto la falsa etichetta di “scudo antimissile“, il Pentagono intende implementare una serie di radar in grado di monitorare lo spazio aereo globale, e installare il più vicino possibile alla Russia e alla Cina i missili che le minacciano.
Il Dipartimento della Difesa statunitense ha già negoziato con molti paesi degli accordi per installare tali apparecchiature. Incoraggia i patti militari fra gli Stati che lo accettano. Per esempio, ha invitato la Giordania e il Marocco ad aderire al Gulf Cooperation Council e di trasformarlo in una sorta di nuovo Patto di Baghdad [11]. Inoltre, sviluppa una retorica rassicurante per mascherare le sue intenzioni. Parlando a degli ignoranti che non hanno mai visto un mappamondo, spiega con faccia tosta che gli impianti sviluppati in Europa centrale non minacciano la Russia, ma sono progettati per intercettare i missili diretti dall’Iran agli Stati Uniti, prendendo la strada più lunga.
Il vertice di Chicago ha approvato il trasferimento della competenza sullo “scudo antimissile” dal Pentagono alla NATO [12]. Ancora una volta, la questione non era come proteggersi da un immaginario attacco nucleare suicida dell’Iran o della Corea del Nord, ma se si vuole o meno partecipare a un progetto diretto contro la Russia e la Cina. Cautamente, gli Stati Uniti hanno evitato le domande che irritano, lasciate da alcuni partecipanti che si lamentano di non sapere più a che cosa servirà l’Alleanza nei prossimi anni.

Non tenerne conto
Il vertice di Chicago è stato importante per gli argomenti che ha affrontato. Ed anche per quelli che ha evitato: la distruzione della Libia e l’assalto alla Siria. In ogni organizzazione, i dirigenti sono tenuti a presentare una relazione annuale sulle loro attività. Non nella NATO. Buon per loro, perché il loro bilancio non è lusinghiero.
Dopo l’ultimo vertice, l’Alleanza ha vinto una guerra contro un nemico che non ha combattuto.  Persuaso fino all’ultimo momento a negoziare, Muammar el-Gheddafi aveva proibito al suo esercito di reagire contro aerei e navi dell’Alleanza. La guerra, quella vera, si era limitata alla presa di Tripoli. Tutti sapevano che la popolazione era armata e che entrare in città sarebbe costato un bagno di sangue. Certo che gli alleati si sarebbero opposti, l’ammiraglio James Stavridis, comandante supremo della NATO, non aveva portato la questione davanti al Consiglio Atlantico. Ha organizzato un incontro segreto a Napoli dove solo gli Stati più determinati erano stati invitati. Secondo quanto riferito, la Francia era stata rappresentata da Alain Juppé [13]. Quindi, all’insaputa di alcuni alleati, è stata adottata la decisione. In definitiva, la NATO ha conquistato Tripoli in una settimana, dopo che il comandante militare della capitale, generale Albarrani Shkal, aveva smobilitato gli uomini e offerto la città all’invasore per qualche milione di dollari. Droni e elicotteri hanno potuto facilmente massacrare decine di migliaia di persone che pensavano di poter difendere la loro patria armati di Kalashnikov. La NATO, che era  presuntamente venuta a proteggere i civili, ha ucciso 160000 persone in totale, senza aver subito ufficialmente alcuna perdita.
A Chicago, i capi di Stato e di governo hanno potuto discutere dei problemi delle capacità in quella guerra, ma non il colpo di forza del Comandante Supremo, né le conseguenze politiche che seguirono la distruzione dello Stato libico e l’installazione al potere dei Fratelli musulmani e di al-Qaida.
Hanno inoltre limitato le discussioni sulla Siria. I comunicatori che avevano usato lo stesso pretesto per colpire Damasco e Tripoli (la “primavera araba“), hanno una spiegazione pronta per spiegare l’assalto: un intervento militare internazionale promuoverebbe una guerra civile. Questo è ovviamente più sofisticato che riconoscere il rovesciamento dell’equilibrio di potenza. La Russia ha implementato in Siria il migliore sistema di difesa aerea del mondo. Non è in grado di impedire un attacco al paese, ma può infliggere gravi perdite ai velivoli della NATO. Il problema non vale la candela. Così si può leggere nella dichiarazione finale del vertice una banalità per cui non valeva la pena di far riunire 60 capi di Stato e di governo: “Seguiamo l’evoluzione della crisi siriana con crescente preoccupazione e sosteniamo gli sforzi delle Nazioni Unite e della Lega degli Stati arabi, tra cui la piena attuazione del Piano Annan in sei punti” [14].

Note
[1] “Ciò che ignorate del Gruppo Bilderberg“, Thierry Meyssan, Réseau Voltaire/Komsomolskaja Pravda, 9 aprile 2011.
[2] “La NED, vetrina legale della CIA“, Thierry Meyssan, Réseau Voltaire/Odnako, 6 ottobre 2010.
[3] “Massive anti-NATO protests in Chicago”, Voltaire Network, 21 maggio 2012.
[ 4 ] “The Empire Holds Its War Council in Chicago”, Glen Ford, Voltaire Network, 18 maggio 2012.
[5] L’Incredibile menzogna, Thierry Meyssan, 2002.
[6] “Déclaration du Sommet de l’OTAN à Chicago concernant l’Afghanistan”, Réseau Voltaire, 21 maggio 2012.
[7] “Alba rosso sangue a Kabul”, Manlio Dinucci, Réseau Voltaire, 9 maggio 2012.
[8] “Les gros bras Gates et Rasmussen tentent un nouvelle extorsion de fonds”, Lucille Baume, Réseau Voltaire, 16 giugno 2011.
[9] “Quanto ci costa la “difesa intelligente” della NATO?” Manlio Dinucci e Tommaso di Francesco, Réseau Voltaire, 21 maggio 2012.
[10] “Déclaration du sommet sur les capacités de défense pour les forces de l’OTAN à l’horizon 2020”, Réseau Voltaire, 20 maggio 2012.
[11] Firmato nel 1955, il Patto di Baghdad era un complemento della NATO, riuniva l’Iraq di re Faisal II, la Turchia di Adnan Menderes, il Pakistan del governatore generale del Malik Ghulam e l’Iran di Muhammad Shah, sotto la leadership degli Anglo-Sassoni.
[12] “Revue de la posture de dissuasion et de défense de l’OTAN”, Réseau Voltaire, 20 maggio 2012.
[13] Questo è stato categoricamente smentito dal suo segretariato, secondo cui il ministro era in vacanza in quella data.
[14] “Déclaration du Sommet de l’OTAN à Chicago”, Réseau Voltaire, 20 maggio 2012.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Gli Stati Uniti hanno utilizzato armi nucleari tattiche in Afghanistan e in Iraq

Leonid Savin, Strategic Culture Foundation, 09.04.2012

E’ diventato chiaro, dopo il vertice sul nucleare di Seul, che gli Stati Uniti aderiscono alla vecchia politica, risalente al 1945, di monopolizzare il diritto di usare le armi nucleari, combinando la loro parte nella non proliferazione del diritto internazionale con nuove misure restrittive contro gli altri, compresa la Russia. Tutto ciò dovrebbe riportare alla superiorità nucleare globale degli Stati Uniti.
Nel suo libro Towards a World War III Scenario: The Dangers of Nuclear War, Michel Chossudovsky ci narra dell’interconnessione tra il Pentagono e le grandi aziende statunitensi. Il libro dice che il Congresso statunitense approvò l’uso di armi nucleari tattiche nelle guerre non convenzionali, nel 2003. Secondo i congressisti, ciò era abbastanza “sicuro per i civili” (1).
Infatti, la tecnologia militare è avanzata di parecchio rispetto alle due bombe nucleari usate contro il Giappone, specialmente nel campo dello sviluppo di munizioni nucleari di bassa e bassissima potenza. Già nel 1950 il “cannone nucleareDavy Crocket, il sistema d’arma più piccolo con una gittata di a 4,5 km, faceva parte dell’arsenale delle forze armate (2). Era destinato ad essere distribuito in gran numero in Europa occidentale per combattere un improvviso attacco da parte dell’Unione Sovietica.
Le forze armate statunitensi sono in possesso di 3400 munizioni nucleari dalla potenza variabile (circa 2000 schierate). Un operatore decide la potenza richiesta a seconda della situazione (ad esempio riducendola per colpire nemici nelle immediate vicinanze dell’esercito o della marina statunitense, o nel territorio o nelle acque di uno stato amico/alleato).
Veicoli aerei senza equipaggio possono essere utilizzati come vettori. L’MQ-9 Reaper, oggi presente nell’arsenale delle forze armate, può essere armato con fino 14 missili aria-superficie AGM-114 Hellfire, ognuno del peso di 50 kg. E’ possibile usarlo come vettore di piccole armi nucleari.
In condizioni di guerra ad alta intensità, le armi nucleari tattiche aggiornate possono creare l’illusione della loro assenza sul campo di battaglia nel caso in cui vengano utilizzate insieme a quelle convenzionali. Ad esempio, secondo esperti militari russi, le munizioni nucleari di nuova generazione sono state utilizzate in Libano nel 2006, durante l’operazione contro l’Hezbollah. Allora l’esercito israeliano ha utilizzato le cosiddette bunker busters. I campioni del suolo prelevati dai crateri avevano tracce di uranio arricchito. Allo stesso tempo venne precisato che non c’erano radiazioni gamma e isotopi cesio 137, derivanti da decadimento radioattivo. Il livello di radiazioni era alto all’interno dei crateri, ma scendeva di circa la metà a distanza di soli pochi metri. Non è escluso che le armi siano state inviate in Israele dagli Stati Uniti, per essere testate in battaglia.
Vi è un aspetto del diritto molto importante. Le munizioni termonucleari “pure” non sono controllate da nessun accordo internazionale e formalmente rientrano nei sistemi convenzionali ad alta precisione, anche se la loro potenza distruttiva è di gran lunga superiore. Gli esperti non hanno una visione comune di quanto gli Stati Uniti e altri stati siano avanzati nel campo dello sviluppo di armi a fusione termonucleare ‘pura’. Gli specialisti di uno degli istituti di ricerca militare russi, dicono che le nuove armi nucleari sono al di là delle restrizioni legali di un qualsiasi accordo internazionale su sviluppo, test, proliferazione o uso di armi nucleari (3).
Qualcosa di simile a ciò è stato detto dopo l’11 settembre 2001. Mentre indagavano sull’attentato alle torri gemelle di New York, alcuni esperti di diversi paesi giunsero alla conclusione che le torri furono demolite (insieme alla terza, che viene raramente menzionata nelle relazioni sull’attacco al Trade Center) a seguito di esplosioni di piccole cariche termonucleari (4). Lo scenario si basa sulle scosse sismiche del giorno dell’attacco e sul fatto che alcuni vigili del fuoco e poliziotti, che si trovavano nel luogo della distruzione, morirono anni dopo di cancro.
Nel bel mezzo del dibattito sul START-3 e sullo schieramento dello scudo missilistico europeo, gli Stati Uniti hanno riorganizzato in silenzio il Comando d’attacco globale dell’aviazione. Formalmente, la riorganizzazione è terminata nel dicembre 2011. Ora il nuovo comando avrà sotto il suo controllo la forza aerea strategica (5).
Andrew C. Weber, Assistente del Segretario alla Difesa per i programmi di difesa nucleare, chimici e biologici, ha dichiarato: “Alcuni dicono che non abbiamo mai usato le armi nucleari. La verità è che usiamo armi nucleari ogni giorno per mantenere il mondo sicuro…” Naturalmente il verbo da usare potrebbe significare affrontare. Ma Peter Eyre, un consulente sul Medio Oriente, ha detto che gli USA hanno usato armi nucleari tattiche almeno una volta in Iraq e un paio di volte in Afghanistan, nelle montagne di Tora Bora (questa violazione flagrante della Convenzione di Ginevra è stata sancita dai presidenti degli Stati Uniti, che ne fa dei criminali militari (6)). In questo contesto, il ragionamento espresso da Weber diventa inquietante.
C’è il presupposto che la riorganizzazione del Comando d’attacco globale dell’aviazione abbia per missione assegnare maggiore “flessibilità” all’uso globale delle armi nucleari nel mondo. Una volta che le armi sono state usate in Libano, Iraq e in Afghanistan, cosa impedisce che siano usate in qualche altro posto?

Note:
(1) Chossudovsky M. Towards a World War III Scenario: The Dangers of Nuclear War. Global Research, 2012
(2) S. Yuferev. Ultracompact nuclear weapon – recoilless gun Davy Crocket, Voennoe obozrenie (Military Review), 28 Ottobre 2011.
(3) V. Kretinin, A. Kotomin, A. Shushkov Pure fusion thermonuclear weapon: a myth or reality? Armeisky Vestnik (Army News) 06.06.2011 
(4) Ad esempio, vedasi: Thermonuclear destruction of the World Trade center in New York, The Pandora’s box, 21 settembre 2011
(6) Stein V., CSAF signs munitions realignment program action directive.

La ripubblicazione è gradita con riferimento alla rivista on-line Strategic Culture Foundation .

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 333 follower