Russia, Europa e geopolitica dell’energia

Eric Draitser New Oriental Outlook 25/02/2014

Dalla Siria a Sochi, dalla Polonia alle Pussy Riot, i conflitti diplomatici e geopolitici tra la Russia e l’occidente dominano i titoli dei giornali. Tuttavia, dietro questi problemi c’è la competizione economica fondamentale in cui inquadrare qualsiasi analisi delle politiche e dell’interazione tra i due.

20140220_ukr7Rifornire l’Europa
La posizione dominante della Russia nel mercato europeo dell’energia consolida la posizione di Mosca nel futuro dell’occidente, costringendo Washington e i suoi alleati ad affrontare il rivale orientale. Inoltre, è proprio la presenza di tale obbligo che accresce l’influenza della Russia in Europa e nel mondo, influenza che suscita la continua propaganda russofoba sui media e la cultura popolare occidentali. Fin dai primi anni del periodo post-sovietico, la Russia ha accresciuto costantemente le esportazioni di energia, passando alla posizione attuale di maggiore fornitore di petrolio e gas dell’Europa. Con circa un terzo delle importazioni europee di petrolio e di gas dalla Russia, il loro rapporto economico è diventato di primaria importanza per entrambe le parti. L’Europa è fortemente dipendente dalla Russia nel rifornire produzione e consumatori, mentre la Russia impiega le entrate di petrolio e gas per l’Europa per finanziare sviluppo e diversificazione dell’economia. Da quando questo rapporto è sbocciato negli ultimi dieci anni, le due parti hanno lavorato per cementare ulteriormente questa relazione, nonostante la resistenza politica di Stati Uniti e di molti in Europa. Lo sviluppo del gasdotto russo Nord Stream, ufficialmente inaugurato nel 2011, ha ulteriormente radicato la Russia a principale fornitore di energia per il Nord Europa, in particolare per la potenza industriale della Germania. Il gasdotto Nord Stream trasporta circa 55 miliardi di metri cubi di gas all’anno sotto il Mar Baltico, in Germania e nel resto d’Europa. Il Nord Stream, visto da molti come mossa necessaria della Russia per diversificare la propria infrastruttura di distribuzione energetica per evitare la dipendenza totale dall’Ucraina, ha aumentato la leva della Russia nelle relazioni con l’Europa. Inoltre crea un flusso di entrate affidabile per Mosca, che dal 2000 ha promesso di usare i proventi delle esportazioni energetiche per diversificare l’economia da una puramente “petro-economica”. Tuttavia, non c’è solo il Nord Stream. La Russia costruisce un gasdotto complementare, il South Stream, che farà per l’Europa meridionale ciò che il Nord Stream ha fatto per il Nord. Il South Stream, che ufficialmente sarà attivato il prossimo anno, farà della Russia l’attore dominante nelle esportazioni verso Mediterraneo ed Europa centrale. Il South Stream dovrebbe trasportare 63 miliardi di metri cubi di gas all’anno, divenendo uno dei maggiori gasdotti del mondo. Visto sullo sfondo della perdurante crisi economica continentale, la Russia è un partner commerciale ancora più attraente per i Paesi spinti dalla necessità di riconquistare una parvenza di crescita economica. Naturalmente, questi due gasdotti non sono l’unica infrastruttura energetica critica europea controllata dalla Russia. Attualmente la Russia vende ancora una grande quantità di gas nel continente attraverso il suo partner recalcitrante, l’Ucraina, la cui rete di gasdotti risale all’epoca sovietica. La tela di gasdotti ucraini, in con-proprietà con l’operatore russo della pipeline bielorussa Beltransgaz, permette a Mosca di consolidare una posizione dominante nel mercato europeo, terrestre e sottomarino. Naturalmente l’occidente, gli Stati Uniti in particolare, vede tale rapporto reciprocamente vantaggioso tra UE e Russia come una minaccia all’egemonia geopolitica di Washington sull’Europa. Per questo motivo, una serie di misure sono state adottate dai governi e dalle multinazionali occidentali per minare il predominio energetico della Russia.

Il controllo dell’influenza russa
La crescita della posizione dominante energetica della Russia è una grave preoccupazione per l’establishment politico degli Stati Uniti e dell’Unione europea che riconoscono che, lasciata incontrollata, la forza politica ed economica di Mosca indebolirebbe seriamente la posizione strategica dell’occidente. Quindi, alla luce di questo fatto inequivocabile, gli Stati Uniti e i loro alleati europei hanno intrapreso numerosi progetti di gasdotti volti a compensare la crescita della Russia. Forse il più ambizioso di tali progetti occidentali è il gasdotto Nabucco, destinato a portare energia in Europa dall’Iraq, così come dalla regione del Caspio, attraverso la Turchia. Il Nabucco è stato incluso nel gasdotto trans-anatolico (TANAP), assieme a numerosi altri progetti più piccoli, tutti complessivamente considerati un progetto coerente. Inoltre, il gasdotto trans-adriatico, che dovrebbe portare gas in Europa attraverso la Grecia, viene considerato nell’equazione per una maggiore diversificazione. I recenti sviluppi politici, economici e diplomatici hanno reso il progetto  Nabucco irrealizzabile. Ciò ha spinto le società energetiche e i governi occidentali a promuovere invece una versione ridotta del progetto, denominato Nabucco West, che porterebbe il gas dalla Turchia all’Europa, fermandosi in Austria. Inoltre, la compagnia petrolifera di Stato dell’Azerbaigian (Socar) ha completato 1200 km di nuovi gasdotti attraverso la repubblica ex-sovietica (e attuale alleata NATO) Georgia, portando a speculare sull’ulteriore diversificazione delle infrastrutture. In particolare, gli esperti considerano l’espansione del gasdotto georgiano come segno che il sospeso progetto trans-Caspio, che trasporterebbe gas del Caspio dall’Azerbaijan alla Turchia attraverso la Georgia, potrebbe eventualmente essere riavviato. In sostanza, tutti questi progetti vengono interpretati come il tentativo più serio dell’Europa per diversificare le forniture di gas riducendone la dipendenza dalle importazioni russe. In particolare, Nabucco e gli altri erano intesi a sovvertire l’influenza del gasdotto South Stream. Naturalmente, non si tratta solo di ridurre la dipendenza dalla Russia, ma piuttosto di fare leva su Mosca su una serie di conflitti geopolitici.

Concorrenza energetica e “Grande Scacchiere”
Ogni conflitto geopolitico tra Russia e occidente ha una dimensione energetica. Il conflitto attuale in Ucraina può essere compreso, almeno in parte, come lotta per il controllo delle importanti  infrastrutture gasifere. All’apice, nell’ultimo decennio, i gasdotti ucraini rappresentavano quasi l’80% dei rifornimenti di gas dalla Russia all’Europa. La controversia sul gas tra Russia e Ucraina del 2009, mise in netto rilievo quanto sia importante il gas nelle relazioni bilaterali tra i due Paesi e, forse ancor più quanto l’Ucraina sia fondamentale per i proventi delle esportazioni della Russia. Questo conflitto, e altri che lo precedettero, fu una delle principali motivazioni per la costruzione di Nord Stream e South Stream. L’attuale crisi politica in Ucraina dovrebbe essere parzialmente dettata dalla concorrenza economica tra Europa e Russia sull’Ucraina. L’accordo di partenariato UE che il presidente ucraino Janukovich ha respinto, era specificamente progettato per essere “esclusivo”, costringendo l’Ucraina a schierarsi o con la Russia o con l’Europa, mettendo il governo in una posizione insostenibile. La crisi in questo Paese è il risultato diretto di tali misure economiche provocatorie.
La guerra in Siria, e la conseguente situazione di stallo diplomatico tra Russia ed occidente, è anche in parte dovuta a questioni energetiche. I primi giorni del conflitto in Siria coincisero con la firma per la cosiddetta “Pipeline islamica”, un gasdotto che avrebbe trasportato gas iraniano e iracheno nel Mediterraneo, e successivamente all’Europa attraverso la Siria. Naturalmente, un tale sviluppo sarebbe stato un assalto diretto all’egemonia del gas del Qatar e delle monarchie del Golfo. Visto in questo modo, il finanziamento e l’armamento continui da Qatar e Arabia Saudita dei gruppi terroristici in Siria sono il tentativo di tali monarchie d’impedire qualsiasi violazione ai loro proventi europei del gas. Naturalmente la Russia, il cui accesso al mercato europeo è sicuro grazie a Nord Stream e South Stream, aiuta Damasco, suo ultimo alleato in Medio Oriente, nel tentativo di bloccare ciò che può essere visto solo come il tentativo di distruggere la Siria stessa. Altri sviluppi nel settore dell’energia complicano ulteriormente tali problemi. La recente scoperta di giacimenti di gas al largo delle coste israeliane nel Mediterraneo orientale, fornisce ulteriori motivazioni alle potenze USA-NATO per destabilizzare gli interessi russi e strappare il controllo dei principali alleati russi da Mosca. La voce di un possibile gasdotto Israele-Turchia sarebbe intesa come ennesimo tentativo di minare il predominio del gas russo. Naturalmente, le tanto propagandate “Shale Revolution” e fratturazione idraulica (conosciuta come “fracking“), ha portato tutti gli attori, anche la Russia, a rivalutare i loro piani energetici strategici e ad esaminare tutte le opzioni possibili per il futuro prossimo e a medio termine.
L’uscita della Russia dai giorni bui dei primi anni ’90 è dovuta ampiamente alle sue esportazioni energetiche. Il continuo sviluppo economico e il conseguente sviluppo politico e militare, rappresentano una minaccia all’egemonia USA-NATO in Europa e nel mondo. E’ questa minaccia che le potenze occidentali cercano di affrontare con varie forme di hard e soft power. Il famigerato “scudo antimissile” in Europa orientale, la guerra in Siria, la crisi in Ucraina e molte altre questioni, sono tutti fattori di tale grande contrasto. Inoltre, i media occidentali continuano a condurre una guerra di propaganda incessante per demonizzare la Russia. Apparentemente, il carattere russofobo di tali attacchi viene decorato dalla retorica dei diritti umani e della libertà. Tuttavia, queste premesse sono mera copertura del tentativo ben orchestrato di manipolare l’opinione pubblica per farle credere che, come durante la Guerra Fredda, la Russia è il nemico, e USA-NATO rappresentano le forze del bene. Come al solito, i servili media aziendali obbediscono alla politica estera USA-NATO. Per tutti questi motivi, appare chiaro che la battaglia per l’influenza continua più furiosa che mai. La scacchiera geopolitica è ancora una volta al centro della scena, e sotto di essa, l’energia e gli oleogasdotti sono la forza trainante.

Eric Draitser è un analista geopolitico indipendente di New York City e fondatore di StopImperialism.org, opinionista di RT, in esclusiva per la rivista online “New Oriental Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Criminali arruolati come “combattenti per la libertà” in Siria: detenuti sauditi, pakistani e iracheni riempiono i ranghi di al-Qaida

Prof. Michel Chossudovsky, Global Research, 16 febbraio 2014

1662128Diverse centinaia di prigionieri fuggiti dalle carceri, accuratamente custodite, in Iraq hanno recentemente aderito allo Stato Islamico d’Iraq e Siria (SIIS), così come alla forza ribelle di al-Qaida, Jabhat al-Nusra. Secondo il NYT: “l’evasione dal carcere riflette anche la crescente richiesta di combattenti esperti (da parte degli Stati Uniti e dei loro alleati), portando al tentativo concertato dei gruppi militanti, in particolare dello Stato islamico dell’Iraq e della Siria, o SIIS, cercandoli nell’unico luogo dove erano trattenuti in massa, nelle prigioni irachene“. (Tim Arango e Eric Schmitt, I detenuti fuggiti dall’Iraq alimentano l’insurrezione siriana, NYT, 12 febbraio 2014).
I funzionari statunitensi stimano che alcune centinaia di evasi abbiano aderito allo Stato Islamico dell’Iraq e della Siria, diversi in ruoli di comando.” Il NYT riconosce che l’evasione rientra nel reclutamento dei jihadisti per la rivolta siriana. Ciò che non menziona, tuttavia, è che il reclutamento di mercenari è coordinato da NATO, Turchia, Arabia Saudita e Qatar, con il sostegno dell’amministrazione Obama. Inoltre, è noto e documentato che la maggior parte delle forze legate ad al-Qaida sono segretamente sostenute dai servizi segreti occidentali, come CIA, Mossad e MI6 inglese. Le evasioni in Iraq rientrano nell’azione coordinata “Operation Breaking the Walls“, ideata nel luglio 2012 dal SIIS. Come riconosciuto da un funzionario antiterrorismo statunitense citato dal New York Times, “L’afflusso di tali terroristi, che hanno decenni di esperienza in battaglia, probabilmente rafforza il gruppo e la sua leadership“.
Le forze di occupazione USA e i militari nelle carceri hanno chiuso un occhio sulle evasioni. Abu Aisha fu arrestato dagli statunitensi e poi liberato da Camp Bucca, l’infame prigione statunitense  nel sud dell’Iraq, nel 2008. Fu nuovamente arrestato dagli iracheni nel 2010. “Infine, mi portarono  ad Abu Ghraib, e ancora una volta incontrai alcuni leader e combattenti che conoscevo, compresi i principi di al-Qaida, iracheni, arabi e di altre nazionalità”. “La maggior parte di loro era stata a Bucca“. Una notte della scorsa estate, mentre Abu Aisha era nella sua cella in attesa, come faceva ogni giorno, del suo appuntamento con il boia, esplosioni e spari scoppiarono e una guardia carceraria amica aprì le porte della cella e gli disse di andarsene immediatamente. Con centinaia di altri, Abu Aisha attraversò i corridoi del carcere fuggendo da una breccia attraverso le mura. Saltò in su autocarro Kia in attesa, portandolo verso la libertà e di nuovo il campo di battaglia. Abu Aisha disse che i capi dello Stato Islamico d’Iraq e Siria gli diedero una scelta: andarsene e lottare con loro in Siria, o rimanere e combattere in Iraq (NYT, op. cit.)

Programma coordinato: Arabia Saudita
Le recenti evasioni hanno le caratteristiche di un’operazione segreta accuratamente pianificata con la complicità del personale carcerario militare iracheno e statunitense. Tali evasioni non sono limitate all’Iraq. Evasioni per aderire all’insurrezione jihadista si sono verificate contemporaneamente in diversi Paesi, indicando l’esistenza di un programma di reclutamento coordinato. L’Arabia Saudita, che ha svolto un ruolo centrale nel convogliare armi (tra cui missili antiaerei) ai jihadisti per conto di Washington, è attivamente coinvolta nel reclutamento di mercenari nelle prigioni del regno. In Arabia Saudita, invece, non ci sono state evasioni: i criminali che scontano pene detentive vengono liberati dalle prigioni del regno, a condizione di unirsi alla jihad in Siria. Un memorandum top secret inviato dal ministero degli Interni dell’Arabia Saudita, “rivela che il regno saudita ha inviato in Siria  dei condannati alla decapitazione, a combattere la Jihad contro il governo siriano, in cambio dell’assoluzione.” Secondo l’appunto del 17 aprile 2012, l’Arabia Saudita ha reclutato circa 1200 detenuti, offrendogli perdono completo e uno stipendio mensile alle famiglie rimaste nel Regno, in cambio “…dell’addestramento per il bene della Jihad in Siria“. Tra gli scarcerati e reclutati in Arabia Saudita vi sono detenuti di Yemen, Palestina, Arabia Saudita, Sudan, Siria, Giordania, Somalia, Afghanistan, Egitto, Pakistan, Iraq e Kuwait.

Da “criminale” a “Freedom Fighter”
L’alleanza militare occidentale non solo sostiene e finanzia la guerriglia terroristica, fornendole  sistemi d’arma avanzati, ma è anche complice nel reclutamento di criminali. Ciò che è attivo è il coordinamento delle varie successive fasi evasione, reclutamento e addestramento di mercenari “combattenti per la libertà”, e rifornimento delle armi all’insurrezione:
1. Evasione/rilascio di criminali e combattenti dalle prigioni;
2. Reclutamento dei detenuti rilasciati/evasi nelle formazioni ribelli in Siria;
3. Addestramento paramilitare degli ex-detenuti, ad esempio con programmi di addestramento e indottrinamento religioso da sauditi e qatarioti;
4. Invio dei jihadisti appena addestrati nel teatro bellico. Gli ex-detenuti vengono inviati in Siria per unirsi alla rivolta. Vengono integrati come mercenari nelle forze di al-Qaida.
5. L’equipaggiamento militare dei mercenari addestrati (in Arabia Saudita, Turchia, Qatar) e l’invio di armamenti per l’insurrezione dal governo statunitense che finanzia l’afflusso di armi.

Reclutamento di criminali per l’insurrezione: un processo continuo
Le evasioni verificatesi nell’estate 2013 in Libia, Pakistan e Iraq sembravano un programma coordinato con cura. Ciò che riporta il New York Times è la continuazione di un precedente programma di evasioni. Il 23 luglio 2013, le carceri di Abu Ghraib e Taji furono colpite da un’operazione condotta con cura, comportando la fuga di 500-1000 detenuti, molti dei quali reclutati dal SIIS. Gli attacchi furono effettuati dopo mesi di preparativi dallo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante, formato da affiliati di al-Qaida in Siria e in Iraq. Dei 500-1000 detenuti evasi a seguito dell’attacco, “la maggior parte erano membri di al-Qaida condannati a morte“, ha detto Haqim Zamili, membro del Comitato sicurezza e difesa del parlamento. Un kamikaze guidò un’autobomba contro i cancelli del carcere alla periferia di Baghdad, mentre uomini armati attaccarono le guardie con mortai e lanciarazzi. (Russia Today, luglio 2013)
Il 26 luglio, presso il carcere di massima sicurezza a Bengasi, in Libia, si ebbe un’evasione identica a quella in Iraq: vi furono scontri all’interno del carcere, con degli incendi. Improvvisamente uomini armati accorsero verso il carcere aprendo il fuoco. Circa 1200 dei peggiori criminali della Libia fuggirono. (Peregrino Brimah,.. Obama’s Syria Endgame: New Al Qaeda “Recruits” Dispatched to Syria, Global Research, 4 Settembre 2013)
E a mezzanotte del 29-30 luglio: taliban armati con lanciarazzi e kamikaze che indossavano divise della polizia, attaccarono la maggiore prigione di Dera Ismail Khan, nella provincia del nord del Pakistan, liberando oltre 300 detenuti. Erano ben coordinati, armati di lanciagranate e liberarono i migliori militanti, alcuni degli uomini più letali dei taliban. Usarono gli altoparlanti per fare l’appello di coloro di cui avevano bisogno. Secondo un funzionario (Reuters), solo 70 delle 200 guardie in servizio erano al lavoro quella fatidica sera, suggerendo il coinvolgimento dei vertici della sicurezza governativa. (Ibid)

Copyright © 2014 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

I tredici anni del piano imperialista per la Siria

Slobodan Eric Rete Voltaire 15 febbraio 2014

Solo gradualmente tutti i pezzi del puzzle si combinano. In questa intervista con la rivista serba Geopolitika, Thierry Meyssan spiega cosa ora preveda il piano imperialista di Washington per il Medio Oriente, elaborato nel 2001. Ne osserva l’incapacità di affrontare la resistenza popolare e nota che pagheremo tutti le conseguenze, sia i popoli oppressi che coloro che pensavano di dominarle.

tumblr_m7fa7tntbz1qap9gno1_1280Geopolitika: Caro signor Meyssan, potrebbe brevemente spiegare ai lettori di Geopolitika ciò che  accade oggi in Siria, dato che secondo le informazioni delle principali reti televisive e le affermazioni dell’Osservatorio siriano dei diritti umani di Londra, non si capisce la situazione reale nel Paese in guerra. Ci sembra che un vento positivo soffi per il Presidente Assad, l’Esercito siriano e le forze patriottiche che difendono la Siria, dopo l’iniziativa russa per l’eliminazione delle armi chimiche che ha sventato il piano d’intervento di Stati Uniti e NATO.
Thierry Meyssan: Secondo gli Stati membri della NATO e del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC), i siriani si ribellarono al loro governo, tre anni fa, imitando i nordafricani. Questo è ciò che viene chiamata “primavera araba”. Il governo, o “il regime” più sprezzantemente, ha risposto con forza e brutalità. Dal 2011, la repressione avrebbe causato più di 130000 morti. Questa versione è supportata dall’Osservatorio siriano dei diritti dell’uomo che pubblica il numero delle vittime. La realtà è molto diversa. Al momento degli attentati dell’11 settembre, gli Stati Uniti decisero di distruggere un certo numero di Paesi, tra cui la Libia e la Siria. Questa decisione fu rivelata dall’ex Comandante Supremo della NATO, generale Wesley Clark, che si oppose. Si trattava di creare un’unità politica, dal Marocco alla Turchia, intorno a Fratellanza musulmana, Israele e  globalizzazione economica. Nel 2003, dopo la caduta dell’Iraq, il Congresso approvò il Syria Accountability Act, che autorizza il presidente degli Stati Uniti ad entrare in guerra contro la Siria senza l’autorizzazione del Parlamento. Nel 2005, gli Stati Uniti utilizzarono l’assassinio di Rafiq Hariri per accusare il Presidente Bashar al-Assad, promuovendo e creando il Tribunale speciale per il Libano, al fine di condannarlo e di dichiarare guerra al suo Paese. Tale accusa crollò per lo scandalo dei falsi testimoni. Nel 2006, Washington subappaltò una guerra contro Hezbollah ad Israele, sperando di coinvolgervi la Siria. Nel 2007, gli Stati Uniti organizzarono e finanziarono gruppi di opposizione esiliati intorno alla Fratellanza musulmana. Nel 2010, decisero di esternalizzare la guerra contro la Libia a Francia e Regno Unito che, perciò, conclusero il Trattato di Lancaster House. Nel 2011, un commando della NATO fu inviato segretamente in Siria per creare panico e desolazione. Dopo la caduta della Libia, spostarono il centro di comando dei loro eserciti a Izmir, in Turchia, e i combattenti libici di al-Qaida nel nord della Siria. Tale guerra di aggressione ha ucciso 130000 siriani e numerosi combattenti stranieri. Dopo la crisi delle armi chimiche dell’agosto-settembre 2013, gli Stati Uniti ammisero di non poter rovesciare il governo siriano. Interruppero le forniture di armi e i jihadisti stranieri non possono più contare su Israele, Francia e Arabia Saudita. Ovunque, l’esercito lealista avanza e le bande armate sbandano ovunque tranne che nel nord. Tuttavia, Washington impedisce la pace in Siria fin quando non riuscirà ad imporre la sua soluzione alla questione palestinese.

Geopolitika: Quali sono le conseguenze della sconfitta dell’Esercito libero siriano, sostenuto dall’occidente? Qual è la situazione ad Aleppo e sugli altri fronti? Quali fondi e sostegni hanno al-Nusra, al-Qaida e gli altri gruppi estremisti islamici? Gli islamisti radicali, anche se non sono così popolari, sono guerrieri scadenti che attaccano la Siria per conto dell’occidente?
Thierry Meyssan: In principio la NATO ha scelto di combattere una guerra di quarta generazione. Il popolo siriano venne inondato da una marea di informazioni false per fargli credere che il Paese fosse in rivolta e che la rivoluzione avesse trionfato, in modo che tutti inevitabilmente accettassero il cambio di regime. Il ruolo dei gruppi armati era condurre azioni simboliche contro lo Stato, per esempio contro le statue di Hafiz al-Assad, il fondatore della moderna Siria e atti di terrorismo per intimidire le persone e costringerle a non intervenire. Ognuno di tali gruppi armati era diretto da ufficiali della NATO, ma non c’era un comando centrale, per dare l’impressione di un’insurrezione diffusa e non di una guerra vera e propria. Tutti questi gruppi, disgiunti gli uni dagli altri, avevano la singola etichetta dell’Esercito Siriano Libero (FSA). Riconobbero la stessa bandiera verde, bianca, nera, storicamente del mandato francese, nel periodo tra le due guerre, cioè dell’occupazione coloniale. Quando gli occidentali decisero di cambiare strategia, nel luglio 2012, cercarono di mettere questi gruppi armati sotto un unico comando. Non ci riuscirono mai per via della competizione tra i loro mandanti, Turchia, Qatar e Arabia Saudita. Fin dall’inizio, le uniche forze militari efficaci sul terreno erano i jihadisti che affermarono fedeltà ad al-Qaida. Erano la punta di diamante dell’ELS nella prima parte della guerra, poi si separarono quando gli Stati Uniti li definirono “terroristi”. Oggi, sono divisi principalmente tra il Fronte Islamico, finanziato dall’Arabia Saudita, Fronte al-Nusra finanziato dal Qatar ed Emirato islamico dell’Iraq e Levante (EIIL, “Daish” in arabo ), finanziato dalla NATO attraverso la Turchia, anche se controllato dall’Arabia Saudita. La  concorrenza è tale che questi tre gruppi si massacrano più di quanto combattano il governo siriano.

Geopolitika: Sulle due informazioni dannose e parziali dei media globali, potrebbe dirci chi ha attaccato civili e bambini con il gas sarin? Qui in Serbia, dove abbiamo avuto l’esperienza della strage di Racak e degli abitanti di Markale a Sarajevo, dove i serbi furono accusati senza alcuna prova, il tutto sembra un copione già visto della “manipolazione del massacro”. Tali sceneggiate sanguinarie utilizzate per manipolare l’opinione pubblica e avviare interventi militari nell’ex- Jugoslavia e in altre aree critiche del mondo, perdono efficacia, o in altre parole: ora è più difficile ingannare la gente?
Thierry Meyssan: L’attacco con il gas sarin a Ghuta, Damasco, (cioè nella cintura agricola della capitale) non fu il primo attacco con il gas. Ve ne furono molti altri in precedenza, per i quali la Siria fece invano appello al Consiglio di Sicurezza. Secondo l’opposizione in esilio, il governo avrebbe bombardato la zona di Ghuta per diversi giorni uccidendone infine la popolazione con il gas. Il presidente Obama, che ritenne che questo attacco superasse la “linea rossa”, minacciò di distruggere Damasco. Fu seguito, in un crescendo, dal presidente Hollande. Ma infine, la Siria, su proposta russa, aderì alla Convenzione contro le armi chimiche e tutte le scorte furono consegnate all’OPAC. Così non si verificò l’attacco a Damasco. Oggi il Massachusetts Institute of Technology (MIT) ha pubblicato un rapporto che dimostra che i razzi osservati a Ghuta avevano una gittata inferiore ai 2 km. Tuttavia, secondo le cartine diffuse dalla Casa Bianca, le forze lealiste erano a 9 km dalla “zona ribelle.” In altre parole, è impossibile che questi tiri provenissero dalle forze governative. Questo studio conferma i rapporti dei satelliti russi secondo cui i due razzi furono  sparati dai Contras dalla loro area, convalidando la confessione trasmessa tre giorni dopo dalla TV siriana, dove un individuo ammise di avere trasportato questi razzi chimici da un deposito  dell’esercito turco a Damasco. Sono convalidate le accuse delle famiglie alawiti di Lataqia che sostengono di aver riconosciuto il loro figli rapiti dai Contras, il mese precedente, nelle immagini delle vittime. Infine, convalida l’inchiesta di Seymour Hersh che sostiene, contrariamente a Barack Obama, che la sorveglianza del Pentagono non mostrava alcuna attività del servizio chimico nei giorni precedenti. Questo caso non può sorprendervi, avendo sperimentato lo stesso tipo di aggressione dalle stesse potenze. Funziona bene tanto oggi quanto ieri. Tuttavia, l’intossicazione ha ancora una durata limitata. Si scopre che ha funzionato, ma non ha avuto successo. Il pubblico occidentale ci crede, ma Damasco non è stata bombardata perché la Russia l’ha impedito inviando la sua flotta presso le coste siriane. Improvvisamente, il Pentagono non poté distruggere la città sparano dal Mar Rosso, attraverso la Giordania e Arabia Saudita, poiché avrebbe scatenato una grande guerra regionale. La verità la sappiamo con certezza ora, cioè sei mesi dopo.

Geopolitika: Dobbiamo anche domandarci della situazione dei cristiani in Siria. Vi sono informazioni sull’occupazione e il saccheggio a Malula, da parte degli islamisti di al-Nusra, di una ex-chiesa cristiana, delle suore sarebbero state rapite?
Thierry Meyssan: Per esaurire la Siria, la NATO ha fatto ricorso a collaborazionisti siriani e combattenti stranieri. Durante la seconda parte della guerra, cioè dalla prima conferenza di Ginevra nel giugno 2012, c’è stato un afflusso di Contras senza precedenti. Si tratta di una guerra di tipo nicaraguense, ma con un inaudito ricorso ai mercenari. Ora sono almeno 120000 i combattenti stranieri provenienti da 83 Paesi per combattere in Siria contro il governo. Tutti si richiamano al wahhabismo, setta fondamentalista al potere in Arabia Saudita, Qatar e Emirato di Sharjah. La maggior parte si dice taqfirista, cioè “pura”. Condannano a morte “apostati” e “infedeli”. Quindi, urlano nelle loro manifestazioni: “Gli alawiti sottoterra! I cristiani in Libano!“. Per tre anni hanno massacrato decine di migliaia di alawiti (una corrente sciita per cui la fede è interiore e non può essere espressa con dei riti) e di cristiani. Soprattutto, hanno costretto centinaia di migliaia di cristiani a fuggire, abbandonando le loro proprietà. Oggi li costringono a pagare una tassa speciale, in quanto infedeli. Mentre sopraggiunge la fine della guerra, i gruppi armati cercano di vendicare la loro sconfitta con operazioni spettacolari. Hanno attaccato Malula, città cristiana in cui si parla ancora la lingua di Cristo, l’aramaico. Si sono dedicati ad atrocità sconvolgenti. I cristiani sono stati torturati in pubblico e martirizzati perché rifiutavano di rinunciare alla loro fede.

Geopolitika: Seguendo con molta attenzione e precisione la situazione in Medio Oriente. Come descriverebbe la situazione in Egitto? Pensa che la situazione si sia consolidata dopo le azioni decise dal comando militare? È la prima grave sconfitta di coloro che pianificarono le rivoluzioni arabe? Come si spiega che gli Stati Uniti supportino un gruppo islamico radicale come i Fratelli musulmani?
Thierry Meyssan: Il termine “primavera araba” è un cavillo da giornalista per parlare di eventi che non comprende che accadono nello stesso momento in Paesi assai diversi che parlano la stessa lingua, l’arabo. E’ anche un mezzo della propaganda per spacciare guerre aggressive per rivoluzioni. Preoccupato dalla successione di Mubaraq, il dipartimento di Stato aveva deciso di rovesciarlo per scegliere il governo successivo. Così organizzò la carestia del 2008 speculando sul cibo. Creò una squadra che si occupò della Fratellanza musulmana. E aspettò che la pentola bollisse. Quando la rivolta iniziò, il dipartimento di Stato inviò l’ambasciatore Frank Wisner, che aveva organizzato il riconoscimento internazionale dell’indipendenza del Kosovo, per ordinare ad Hosni Mubaraq di dimettersi. Cosa che fece. Poi, il dipartimento di Stato contribuì ad organizzare le elezioni che permisero alla Fratellanza musulmana di mettere il cittadino egiziano-statunitense Muhammad Mursi alla presidenza con meno del 20% dei voti. Una volta al potere, Mursi aprì l’economia alle transnazionali statunitensi e annunciò l’imminente privatizzazione del Canale di Suez. Impose una costituzione islamica, ecc. Il popolo si ribellò di nuovo. Ma non solo in alcuni quartieri di Cairo, come la prima volta. Tutto il popolo in tutto il Paese, tranne il quinto della popolazione che l’aveva eletto. In definitiva, i militari presero il potere e incarcerarono i capi della Fratellanza musulmana.  Ora sembra che stessero negoziando il trasferimento della popolazione palestinese di Gaza in Egitto. Lì, come in tutto il mondo arabo, Hillary Clinton si appoggiò alla Fratellanza musulmana. Tale organizzazione segreta, costituita in Egitto per combattere contro il colonialismo inglese, fu effettivamente manipolata dall’MI6 e ora ha la sua sede internazionale a Londra. Nel 2001, Washington previde l’ascesa in Turchia, facilitandone le elezioni, di un politico imprigionato in quanto appartenente alla fratellanza musulmana, pur pretendendo di averla abbandonata, Recep Tayyip Erdogan. Dopo aver tentato numerosi colpi di Stato in diversi Paesi per 80 anni, la Fratellanza andò al potere grazie alla NATO in Libia, e alle urne in Tunisia e in Egitto. Partecipa ai governi di Marocco e Palestina. Dona un aspetto politico ai Contras in Siria. S’è illustrata in Turchia. Ovunque dispone della consulenza in pubbliche relazioni della Turchia e del finanziamento del Qatar, cioè dell’Exxon-Mobil di Rockefeller. Ha la sua televisione e il predicatore principale al-Qaradawi è il “consigliere spirituale” (sic) della rete del Qatar al-Jazeera. La Fratellanza impone un Islam settario, che perseguita le donne e assassina gli omosessuali. In cambio, sostiene che il nemico degli arabi non sia Israele, ma l’Iran, e apre i mercati alle multinazionali statunitensi. Se per due anni e mezzo abbiamo creduto che i Fratelli dovessero governare l’intero mondo arabo, oggi sono stati abbandonati dall’occidente. Infatti, da nessuna parte sono riusciti a ottenere un massiccio sostegno popolare. Non hanno mai avuto più del 20% della popolazione dalla loro parte.

Geopolitika: Dalla vostra “torre di guardia” in Medio Oriente, potrebbe spiegare la sorprendente amicizia tra il governo serbo e gli Emirati Arabi Uniti? Il principe Muhammad bin Zayad al-Nahyan è venuto più volte in Serbia dove ha annunciato diversi investimenti nel settore agricolo e nel turismo serbo. Etihad ha acquistato, quasi assorbito, la compagnia serba JAT Airways. Tali contatti politici ed economici tra Abu Dhabi e Belgrado possono non avere il consenso di Washington? Quale sarebbe la ragione della Casa Bianca per incoraggiare la collaborazione tra gli Emirati Arabi Uniti e la Serbia?
Thierry Meyssan: Gli Emirati Arabi Uniti sono in una situazione molto difficile. In primo luogo, è una federazione di sette Stati molto diversi, tra cui l’emirato wahhabita di Sharjah. Poi sono troppo piccoli per resistere al loro potente vicino, l’Arabia Saudita, e al loro cliente, gli Stati Uniti. In primo luogo hanno cercato di diversificare i propri clienti, offrendo una base militare alla Francia, ma questa rientrò nel comando integrato della NATO. Nel 2010 hanno abbandonato l’idea di avere un ruolo diplomatico sulla scena internazionale, dopo che la CIA assassinò in Marocco il principe Ahmad, perché segretamente finanziava la resistenza palestinese. La revoca delle sanzioni statunitensi contro l’Iran indeboliranno i loro porti, diventati il fulcro del traffico che aggira l’embargo. Ora cercano nuovi partner commerciali della loro taglia. Negoziano con la Serbia, equilibrando l’influenza wahhabita del Qatar, che ha creato al-Jazeera in Bosnia.

Geopolitika: Cosa pensate dello stato attuale delle relazioni internazionali? La presenza militare russa nel Mediterraneo e le sue azioni diplomatiche rendono impossibile l’intervento in Siria, incoraggiano l’Ucraina a non firmare l’accordo con l’UE e la forte posizione della Cina sulle isole contese nel Pacifico, ciò dimostra la costruzione di un mondo multipolare? Che risposta possiamo aspettarci dal governo degli Stati Uniti e dall’élite globale per le sconfitte subite dalle rivoluzioni arabe ed arancioni, e riguardo la tendenza evidente all’indebolimento del potere occidentale?
Thierry Meyssan: La debolezza degli Stati Uniti è certa. Avevano programmato una dimostrazione di forza attaccando sia la Libia che la Siria. In definitiva, non poterono farlo. Oggi, i loro eserciti sono inefficaci e non riescono a riorganizzarli. Tuttavia, sono ancora di gran lunga la prima potenza militare al mondo, e quindi riescono a imporre il dollaro, nonostante il debito estero senza precedenti. Negli ultimi anni Cina e Russia hanno fatto notevoli progressi, evitando lo scontro diretto. Pechino è diventata la prima potenza economica del mondo, mentre Mosca è ancora la seconda potenza militare. Questo processo continuerà mentre i leader cinesi e russi dimostrano le loro capacità mentre i leader statunitensi hanno dimostrato la loro incapacità ad adattarsi. Sono scettico verso lo sviluppo di Sud Africa, Brasile e India. Crescono economicamente in questo momento, ma non vedo le loro ambizioni politiche. Le élite globali sono divise. Ci sono coloro che credono che il denaro non abbia patria e che Washington sarà sostituita, e coloro che credono nella  forza minacciosa della potenza militare del Pentagono.

Geopolitika: Date le informazioni che avete e la credibilità della vostra analisi, saremmo interessati a conoscere la vostra opinione sulla politica del governo della Serbia, che insiste a portare il Paese nell’Unione europea, senza alcun entusiasmo dal popolo, e che ha accettato di raggiungere questo obiettivo partecipando con Bruxelles e Washington alla distruzione della resistenza serba alla secessione albanese in Kosovo e Metohija.
Thierry Meyssan: Il governo serbo attuale non capisce il nostro tempo. Agisce sempre come se la Russia sia ancora governata da Boris Eltsin e non possa aiutarla. Avendo chiuso da sé la porta del Cremlino, non ha altra scelta se non volgersi verso l’Unione europea e pagarla. Ora porta il peso della vergogna di aver abbandonato la resistenza serba. Infatti, non è l’unico Stato balcanico in tale posizione. Grecia e Montenegro dovrebbero anch’essi volgersi alla Russia ma non lo fanno. Senza dubbio, possiamo dire che la maggiore vittoria dell’imperialismo è aver saputo dividere e isolare  popoli che non credono di aver più una scelta politica.

Geopolitika: Nella sua ultima intervista a Geopolitika, ha detto che l’UCK in Kosovo aveva addestrato al terrorismo un gruppo di combattenti in Siria. L’UCK e il Kosovo sono ancora attivi nella lotta contro il Presidente Assad e il legittimo governo della Siria? Avete qualche informazione sulla partecipazione di islamisti di Bosnia, Kosovo e Metohija e della regione della Serbia dalla maggioranza musulmana (Novi Pazar)?
Thierry Meyssan: I jihadisti che combattono in Siria sostengono sui loro siti web di esser stati addestrati dall’UCK e ne hanno postato le foto. Tutto ciò è stato evidentemente organizzato dai servizi segreti turchi, MIT, il cui attuale capo Hakan Fidan fu il collegamento tra l’esercito turco e il quartier generale della NATO durante la guerra del Kosovo. Inoltre, sappiamo che molti jihadisti in Siria provengono dai Balcani. Ma non sembrano più riforniti dalla Turchia. Attualmente la polizia e la giustizia turche conducono un’operazione contro il governo Erdogan. Sono riusciti a evidenziare i rapporti personali del premier con il banchiere di al-Qaida, ricevuto segretamente a Istanbul mentre era sulla lista dei ricercati dalle Nazioni Unite. Così, la Turchia ha finanziato le attività di al-Qaida in Siria. Erdogan sostiene di essere vittima di un complotto del suo ex-compare, il predicatore musulmano Fethullah Gulen. E’ probabile che, in realtà, collabori con l’esercito kemalista contro Erdogan, che s’è rivelato, nonostante ciò che afferma, di essere sempre un membro dei Fratelli musulmani. Inizialmente, gli Stati membri o vicini alla NATO hanno inviato i musulmani per la jihad in Siria. Oggi, si preoccupano che queste persone rientrino. Persone che hanno violentato, torturato, smembrato ed appeso altre persone non possono ritornare a una normale vita civile. Quando la CIA ha creato il movimento della jihad contro l’Unione Sovietica in Afghanistan, il mondo non era globalizzato. Su viaggiava assai di meno e più controllati. Non c’era Internet. La CIA poteva manipolare i musulmani in Afghanistan senza timore che si diffondessero altrove. Ora ciò che la NATO ha iniziato in Siria, cresce da solo. Non c’è bisogno di organizzare filiere affinché i giovani si uniscano ai Contras in Siria. Si è ripetuto così spesso che la Siria era una dittatura che tutti ci credono. Ed è romantico combattere una dittatura. Molti governi europei ora chiedono alla Siria di aiutarli ad identificare i propri cittadini tra i jihadisti. Ma come la Siria potrebbe farlo e perché rendere tale servizio a coloro che hanno cercato di distruggerla? La guerra finirà progressivamente in Siria, e i jihadisti torneranno a casa, anche in Europa, per continuare la guerra per la quale gli europei li hanno addestrati. Inoltre, tale situazione non avrà una soluzione pacifica, perché se la NATO avesse vinto in Siria rovesciando l’amministrazione di al-Assad, sarebbe stato peggio. Sarebbe stato un segnale per tutti i jihadisti apprendisti in occidente, a tentare a casa ciò che era riuscito in Medio Oriente. L’occidente e il GCC hanno allevato dei mostri con crimini che sconteremo.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La guerra in Iraq s’intensifica

Pjotr Lvov New Oriental Outlook. 10/02/2014

580163Il 5 febbraio la protetta “zona verde” di Baghdad è stata scossa da quattro esplosioni. Almeno 33 persone sono state uccise e diverse decine ferite. Due autobombe sono esplose nei pressi del ministero degli Esteri iracheno. Un’altra esplosione, eseguita da un kamikaze, avveniva all’ingresso della “zona verde”, la quarta esplosione si ebbe in un ristorante nella zona urbana popolare. Negli ultimi mesi la sicurezza in Iraq s’è deteriorata rapidamente. Secondo il ministero della Sanità iracheno, più di mille persone sono state uccise negli attentati di gennaio di quest’anno. Tra cui 795 civili, 122 soldati e 96 poliziotti, inoltre più di 2 mila persone sono rimaste ferite. Se questi numeri vengono confrontati con quelli del gennaio dello scorso anno, il numero delle vittime è triplicato. Il primo ministro iracheno Nuri al-Maliqi, nel suo ultimo discorso televisivo, ha detto che “la lotta contro il terrorismo continuerà.” “Tutti coloro che sostengono il terrorismo saranno un obiettivo delle forze di sicurezza”, ha detto il capo del governo iracheno. “La comunità internazionale deve adottare una chiara posizione nei confronti di Paesi ed organizzazioni che sostengono gli estremisti, e costringerli a sospenderne il sostegno finanziario e politico”, ha detto alludendo ad Arabia Saudita e agli Stati del Consiglio di cooperazione del Golfo.
Il 30 gennaio un gruppo di militanti, durante il tentativo di occupare il ministero dei Trasporti, ha preso diverse decine di ostaggi, alcuni di loro furono uccisi durante l’operazione di salvataggio. Il giorno successivo, 31 gennaio, i terroristi eseguivano un attacco missilistico contro l’aeroporto internazionale di Baghdad. Secondo le forze dell’ordine locali, 3 razzi furono lanciati nell’attacco. Uno esplose sulla pista, il secondo colpì un aereo, il terzo esplose oltre il perimetro dell’aeroporto. E tutto ciò accade durante la grande operazione militare nella provincia di Anbar, roccaforte delle organizzazioni estremiste sunnite. L’operazione che coinvolge blindati, aerei e artiglieria pesante, è iniziata il 23 dicembre. Tuttavia, i militanti sono riusciti a combattere uccidendo il maggior-generale Muhammad al-Qarawi, insieme ad altri 17 ufficiali della 7° Divisione, spina dorsale delle truppe irachene coinvolte nell’eliminazione dei focolai di terrorismo. Questa serie di omicidi ha innescato un’altra grande operazione contro le basi e le linee di rifornimento dei terroristi nella valle di Horan. Gli scontri sono in corso tra Ramadi e il confine siriano, dato che questo spazio è infiltrato da centinaia di estremisti provenienti dalla Siria, dello Stato Islamico dell’Iraq e Levante e di al-Qaida. Per mutare la situazione il tenente-generale Rashid Falih è stato nominato comandante dell’operazione nella provincia di Anbar, il 20 gennaio, sostituendo il generale Abdul Aziz, che ha dovuto dimettersi per problemi di salute. Il generale Falih dovrebbe essere uno dei comandanti militari più risoluti dell’Iraq. La sua nomina è legata all’intenzione delle autorità irachene di porre la situazione sotto controllo il più rapidamente possibile. Ma i risultati non sono stati troppo convincenti, dato che i militanti delle organizzazioni hanno riconquistato le città di Ramadi e Falluja. In tale situazione, gli Stati Uniti hanno subito inviato dei droni all’aeronautica irachena, per poter lanciare attacchi aerei contro le basi degli islamisti. Tuttavia, segnali di un miglioramento ancora non si vedono. Secondo alcune fonti, l’Iran potrebbe assegnare operatori dall’Islamic Revolutionary Guard Corps per spezzare lo stallo a favore di Baghdad. Finora, gli iracheni hanno cercato di combattere da soli, senza l’assistenza militare diretta di Teheran. Tuttavia, mentre la data delle elezioni parlamentari si avvicina, le autorità irachene possono così ricorrere all’assistenza estera, dato che i gruppi terroristici sunniti sono finanziati e armati dall’estero, soprattutto dalle monarchie conservatrici del Golfo.
La situazione in Iraq appare il tentativo dell’asse wahhabita-sunnita guidato da Riyadh di approfittare della situazione difficile in questo Paese arabo, per fomentarvi lo scontro regionale sunnita-sciita. Ciò metterà a rischio le iniziative di pace siriane permettendogli d’interrompere il riavvicinamento USA-Teheran. Il clan regnante dell’Arabia Saudita non vuole perdere la posizione di principale partner strategico regionale di Washington, ricorrendo a qualsiasi mezzo, anche alle provocazioni, pur di salvaguardarsi il posto privilegiato nei giochi regionali degli Stati Uniti.  Soprattutto, dobbiamo considerare il fatto che necessiteranno all’Iraq 5-7 anni per riportare le esportazioni di petrolio a 8-9 Mbg, al livello delle esportazioni dell’Arabia Saudita, mentre l’Iran potrà aumentarle a 3-3,5 Mbg. Così potranno sostituire il regno wahhabita quale primo esportatore di petrolio del Medio Oriente, riducendone notevolmente l’attrattiva presso il mondo occidentale. Ora, molto dipende da ciò che la Casa Bianca farà: potrà comprendere l’inevitabilità del prossimo passaggio verso l’Iran, l’Iraq e la “mezzaluna sciita” in generale, o sosterrà ancora ostinatamente i decrepiti governanti dell’Arabia Saudita.

Pjotr Lvov, PhD in Scienze Politiche, in esclusiva per la rivista online New Oriental Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il perno mediorientale di Mosca: opportunità e rischi

Rakesh Krishnan Simha RIR 9 febbraio 2014

L’era dell’egemonia occidentale in Medio Oriente svanisce e la Russia avanza nel vuoto. Tuttavia, riandando alla sua passata esperienza nel trattare con leader la cui lealtà è nota spostarsi con la sabbia del deserto, la parola d’ordine di Mosca dovrebbe essere cautela.
putinCairo26.7.13Quarantadue anni fa il presidente egiziano Anwar Sadat diede il benservito a più di 20000 consiglieri militari sovietici, e costrinse il suo Paese a un’alleanza impopolare con gli Stati Uniti. Grosso errore. Il matrimonio US-Egitto, organizzato e celebrato a Camp David, con Israele come testimone, fu considerato un tradimento dalla maggior parte degli egiziani e portò all’assassinio dello sfortunato Sadat. Il matrimonio ora mostra tutti i segni di un rapporto teso. Guardandole come un filmato accelerato, le rivoluzioni arabe spazzano via l’egemonia occidentale in Medio Oriente, in un arco di tempo notevolmente compresso. Dopo gli armeggi diplomatici in Egitto, la sconfitta politica in Siria e la confusione in Iraq, sembra che gli Stati Uniti non abbiano lo stomaco per restarsene. Tali fattori, combinati con il boom del gas shale in Nord America diminuiscono l’interesse strategico degli Stati Uniti per il Medio Oriente. Inoltre, una sempre più potente Cina  preoccupa i militari statunitensi in Asia-Pacifico. Nella porta girevole geopolitica, se una superpotenza va via ne appare un’altra. Nel novembre 2013, dimostrando sostegno alla Siria, la Russia ha inviato le sue più potenti navi da guerra, Varjag e Pjotr Velikj, note come killer di portaerei, nel Mediterraneo. Una settimana dopo gli Stati Uniti ritiravano la portaerei USS Nimitz dal Golfo Persico, insieme al cacciatorpediniere USS Graveley dal Mar Mediterraneo. Dopo aver dato agli Stati Uniti un assaggio della diplomazia delle cannoniere, i pezzi grossi del corpo diplomatico russo si facevano avanti. Il ministro degli Esteri Sergej Lavrov e il ministro della Difesa Sergej Shojgu si proiettavano in Egitto, offrendo armi  avanzate e cyber-tecnologia.

L’appello della piazza
La Russia avanzava ancora una volta in Medio Oriente. Dopo aver assistito alla difesa intransigente di Mosca della Siria, il brusio della piazza araba indica che l’equilibrio di potere svantaggia gli Stati Uniti. Il quotidiano egiziano al-Watan ha descritto la Russia come una “grande potenza militare”, aggiungendo in modo piuttosto bizzarro che le armi russe sono “più ecologiche”. Al contrario, c’è il  senso di tradimento dell’abbandono statunitense del dittatore egiziano Hosni Mubaraq, un cliente fedele agli Stati Uniti da decenni. Ciò è aggravato dal sostegno statunitense ai fondamentalisti  Fratelli musulmani. Mentre gli stretti alleati Arabia Saudita e Qatar sono atterriti dal ritiro statunitense sulla Siria, il membro della NATO Turchia è irritata perché bloccata con centinaia di terroristi ceceni che addestrava ma che, ora, non può infiltrare in Siria. La destra statunitense nota, con una punta di invidia indubbia, che il gioco di potere di Putin in Siria “ha trasformato Mosca nel nuovo centro d’influenza geopolitica regionale, la capitale mondiale in cui il Capo di Stato Maggiore generale egiziano, il capo dell’intelligence saudita, il Primo ministro israeliano e adesso l’opposizione siriana filo-USA sentono di dover visitare per concludere qualcosa“.

Perché il Medio Oriente
Il Medio Oriente esercita una forte influenza nel cortile di Mosca. La prima preoccupazione della Russia è che gli Stati Uniti utilizzino la regione come un trampolino di lancio per estendere la loro presenza in Asia Centrale. In secondo luogo, gli sceicchi carichi di petrodollari del Golfo esportano mullah ottusi in luoghi un tempo pacifici come Kirghizistan e Uzbekistan, al fine di piantare il ceppo virulento saudita del fondamentalismo wahabita. Dal punto di vista di Mosca, qualsiasi ricaduta dal Medio Oriente deve essere contenuta a livello locale. Parlando di fallout, la regione è  sull’orlo di una grande corsa agli armamenti e dell’escalation nucleare. In questo momento i sauditi gonfiano la prospettiva della bomba nucleare iraniana. Se i colloqui non riescono a convincere Teheran, possono chiedere la “bomba islamica” dal Pakistan. Non dimentichiamo che l’Arabia Saudita pagava il conto del programma nucleare clandestino del Pakistan. Poi c’è l’”Asse della Resistenza”, il termine usato da Siria e Iran, Hamas e Hezbollah per descrivere la loro alleanza. I quattro credono che solo loro hanno i ‘cojones’ per affrontare Israele. L’Asse probabilmente avrà un quinto membro presto. Con la partenza dell’ultimo soldato statunitense dall’Iraq, gli iraniani sono tenuti a intensificare l’armamento delle milizie sciite irachene, che non attendono che unirsi alla lotta. Ciò, insieme alla paura della bomba nucleare iraniana, potrebbe far schizzare l’Arabia Saudita e le altre monarchie sunnite del Golfo. La Russia sembra essere l’unico Paese con una certa influenza sul programma di armi nucleari dell’Iran. Se l’Iran ottiene il nucleare, tutte le scommesse sono chiuse in Medio Oriente.

Non è il solito affare
Si è sicuri che la regione non sia un caso chiuso. Con una popolazione giovane e in crescita, secondo il World Energy Outlook 2013, il Medio Oriente si afferma come importante centro di consumo. Dovrebbe essere il secondo maggiore consumatore di gas entro il 2020 e il terzo maggiore consumatore di petrolio entro il 2030. Ma sebbene si tratti di un mercato lucrativo, il problema è che sia anche volubile. Ad esempio, in Egitto. Gli egiziani mostrano vivo interesse per le avanzate armi russe, ma c’è la possibilità assai reale che gli egiziani usino Mosca come merce di scambio con gli Stati Uniti. Il legame tra i corrotti produttori di armi statunitensi e i generali egiziani altrettanto corrotti non è molto noto, ma è un elemento integrante del rapporto USA-Egitto. Una grossa fetta dei 1,3 miliardi di dollari di aiuti militari finiva direttamente nelle tasche dei generali. Ecco come Mubaraq e i suoi compari rimasero saldamente nel campo statunitense. Mentre l’Egitto è pronto ad assumere la leadership del mondo arabo, il Paese è ancora dominato dai militari. Se gli statunitensi aprono di nuovo il rubinetto degli aiuti, i generali potrebbero trovare gli Stati Uniti di nuovo gradevoli e trovarne le battute ancora divertenti.

La Russia non sarà faziosa
Agli occhi sovietici gli Stati arabi erano amici e il loro nemico, Israele, era per impostazione predefinita il nemico di Mosca. Per fortuna, il Cremlino non usa più quell’equazione a somma zero. La ragione di ciò non è solo che è mutata la visione del mondo della Russia, ma anche l’Aliyah, l’emigrazione ebraica. Tra il 1990 e il 2004 circa 1,4 milioni di ebrei si trasferirono da Russia e  repubbliche ex-sovietiche in Israele. Il russo è ora la terza lingua più parlata in Israele, dopo l’ebraico e l’arabo. Ciò complica il ruolo della Russia in Medio Oriente. Ad esempio, la diaspora ha un impegno attivo nel Paese di nascita, viaggiando tra la Russia e Israele. Le aziende fondate da questi ex-cittadini in Israele sono un’importante fonte di tecnologia avanzata per la Russia.

Vantaggi al limite per gli altri
Prima che l’occidente rovesciasse i regimi in Medio Oriente, le società non occidentali erano i principali operatori della regione. In Iraq, per esempio, prima della caduta del presidente Saddam Hussein, Baghdad era un posto pregiato per i dirigenti indiani. A causa del loro approccio sensato e della competenza in progetti di qualità e a basso costo, aziende come le ferrovie indiane e l’ONGC stipularono una serie di progetti ferroviari, stradali e ponti, petroliferi in Medio Oriente. L’invasione occidentale dell’Iraq e della Libia sabotò molti di questi progetti. ONGC, per esempio, fu costretta ad abbandonare le proprie concessioni in Libia, quando Muammar Gheddafi fu estromesso. Attualmente le aziende statunitensi e inglesi arraffano la maggior parte dei progetti più redditizi grazie ai governi fantoccio che hanno installato. Una spinta russa nella regione estrometterà  l’occidente, e ancora una volta ciò permetterà gare d’appalto favorevoli a Paesi come India e Cina.

Navigando nel nuovo Medio Oriente
Gli statunitensi in combutta con la Gran Bretagna hanno cercato di cambiare la mappa del Medio Oriente, fallendo in modo spettacolare. Il 23 ottobre 1983, la maggiore esplosione non nucleare mai avutasi uccise 243 marines e soldati statunitensi nelle loro baracche alla periferia di Beirut. Giorni dopo il presidente Ronald Reagan, che s’era vantato che gli Stati Uniti non si sarebbero mai ritirati dal Libano, si ritirò. Iraq e Libia sono la prova vivente che Washington e il suo compare non hanno imparato la lezione. D’altra parte, il vantaggio della Russia è che la piazza araba sa che non cerca di arraffargli le risorse e la terra come l’occidente. Le amichevoli relazioni di Mosca con i membri dell’Asse della Resistenza e la presenza di numerosi ex-cittadini russi in Israele, fanno leva su entrambi i lati della faglia arabo-israeliana. Putin ha svolto alcune mosse abili nella regione, ma ora affronta un nuovo Medio Oriente rinvigorito dal ritorno dell’Egitto. Se il presidente russo gestirà il compito apparentemente impossibile di far fare concessioni reciproche ad arabi ed israeliani, più di chiunque altro potrà cambiare il volto del Medio Oriente.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 282 follower