Il pollo di Kiev: Obama fa marcia indietro sulla Crimea

Mike Whitney Counterpunch 18 marzo 2014

Non ho mai pensato che avrei visto il giorno in cui il dipartimento di Stato degli Stati Uniti rivaluta i neo-nazisti e l’eredità di una banda di teppisti che ha preso il potere con un cruento colpo di Stato. In Iraq, Libia e Siria i politici statunitensi mettono al potere islamisti radicali di un tipo o dell’altro. Già questo è stato abbastanza brutto. Oggi, però, in Ucraina sostengono gli eredi di Adolf Hitler. Non è scandaloso?
Justin Raimondo, Dall’Iraq all’Ucraina: il modello del disastro

1972269

Rispettare la volontà popolare è contrario ai nostri principi

L’amministrazione Obama ha subito la peggiore sconfitta politica estera in 5 anni, quando il popolo della Crimea ha votato in modo netto contro il governo della giunta nazista pro-Washington a Kiev e per aderire alla Federazione russa. Il ballottaggio, in cui oltre il 93 per cento degli elettori “ha approvato la scissione e l’unione alla Russia” riflette i forti legami etnici, culturali e storici del popolo con Mosca, come pure la comprensibile paura che essere “liberati” dagli Stati Uniti comporti povertà da terzo mondo e caos dilagante stile Iraq, Afghanistan, Libia e Siria. L’amministrazione Obama ha respinto il referendum quasi unanime affermando che non avrebbe accettato i risultati e avrebbe sostenuto sanzioni economiche contro la Russia già il giorno dopo. In risposta, il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che il referendum è “conforme al diritto internazionale” e che avrebbe onorato la volontà del popolo. Putin, che frequentava i giochi paraolimpici di Sochi, saggiamente è rimasto al di sopra della mischia per tutta la crisi, spazzando via accuse isteriche e minacce lanciate quasi quotidianamente dal presidente Obama o dalla sua spalla del vaudeville John Kerry, il buffone più incompetente di sempre nel ruolo di segretario di Stato. Tra Obama, Kerry e l’irascibile John McCain, che saltella da un media all’altro gettando strali da guerra fredda, come un vecchio che scaccia dei bambini dal prato di fronte, gli Stati Uniti hanno compiuto uno spettacolare schianto mettendo nei casini la politica estera degli Stati Uniti. Il fiasco della Crimea mostra che, mentre il team di Obama sarà zeppa di fantasisti, spin-doctors e aruspici, è decisamente carente di pragmatisti geopolitici dalla solida comprensione del modo in cui il mondo gira. Obama ogni volta che ha incontrato Putin veniva stracciato. Ecco l’estratto da un articolo di Associated Press: “Mosca… ha invitato l’Ucraina a divenire uno Stato federale per risolvere la polarizzazione tra regioni dell’Ucraina occidentale, favorevoli a legami più stretti con l’UE, e quelle orientali, che hanno solidi legami con la Russia. Una dichiarazione del ministero degli Esteri russo, esorta il parlamento dell’Ucraina ad indire un’assemblea costituzionale che possa redigere una nuova costituzione per la federazione del Paese, consegnando maggior potere alle regioni. Ha anche detto che il Paese dovrebbe adottare uno “status politico e militare neutrale”, una domanda che riflette la preoccupazione di Mosca sulla prospettiva dell”Ucraina nella NATO.” (La Crimea dichiara l’indipendenza, e si prende gli immobili, AP)
Quindi, è così che Putin intende giocare, eh, utilizzando le istituzioni democratiche per impedire a Washington d’attuare il suo piano per installare le basi missilistiche della NATO e USA in Ucraina? Mi sembra una mossa intelligente. Ancora una volta, Putin ha fatto di tutto per minimizzare il suo ruolo nelle decisioni politiche, in modo da non mettere in imbarazzo la claque di pasticcioni di Obama, determinati ad apparire sciocchi e impotenti ad ogni occasione. Ecco come l’analista Michael Scheuer riassume il comportamento di Putin in un articolo sul sito di Ron Paul: “La differenza dell’intervento in Ucraina rispetto alle altre, è che l’occidente è guidato da capi politici bimbiminkia che hanno fatto cozzare l’occidente contro un adulto deciso, realista e nazionalista, Vladimir Putin, e si sentono persi. Apprendono che l’Ucraina non è la Libia o l’Egitto e che Putin non lascerà che l’occidente crei in Ucraina, o almeno in Crimea, la stessa demoniaca confusione che gli ingiustificati interventi precedenti hanno creato in Egitto e Libia. Putin ha una visione molto chiara e genuina degli interessi nazionali della Russia, e l’accesso sicuro alla base di Crimea della Flotta del Mar Nero ne è uno: lo è stato per secoli, e rimarrà tale in futuro… i capi statunitensi ed occidentali dovrebbero fare la fila per ringraziare Vladimir Putin della lezione dolorosa ma profonda su come i leader adulti di una nazione proteggono i veri interessi nazionali del Paese“, (L’annessione della Crimea alla Russia è il costo dell’intervento USA/UE in Ucraina, Michael Scheuer, Ron Paul Institute)
Putin si rende conto che sabotando la strategia di Washington per controllare la Crimea, subirà gravi conseguenze. Ora deve prepararsi alla tipica litania degli attacchi asimmetrici, tra cui operazioni segrete, operazioni speciali, armamento dei jihadisti tartari per istigare le violenze in Crimea, appoggiare le ONG per fomentare disordini a Mosca, ecc., nonché intensificare supporto logistico e militare degli Stati Uniti al fiorente fascismo a Kiev, che s’è già mutato nell’apparato di sicurezza del governo impostore, un pauroso remake della Gestapo di Hitler. Ecco la carrellata di World Socialist Web Site: “Il parlamento ucraino ha votato per creare una guardia nazionale di 60000 elementi reclutati tra gli “attivisti” delle proteste anti-russe e dalle accademie militari. La forza sarà supervisionata dal nuovo capo della sicurezza, Andrej Parubij, fondatore nei primi anni ’90 del Partito Social-Nazionale ucraino neo-nazista. Il suo vice, Dmtrij Jarosh, è il capo dei paramilitari di Fazione Destra, l’equivalente ucraino delle truppe d’assalto di Hitler. Oltre ad aiutare l’occidente nelle sue provocazioni contro Mosca, la responsabilità principale di tali elementi sarà condurre a termine l’attacco sociale contro la classe operaia ucraina per volere del capitale internazionale…” (Quello che il regime filo-occidentale pianifica per i lavoratori ucraini, World Socialist Web Site)
Ed ecco sullo stesso articolo il programma di austerità radicale del FMI, che prevede d’imporre all’Ucraina, tramite il governo, riduzione delle pensioni e taglio dei servizi sociali, lasciando il Paese in uno stato di depressione permanente: “Dietro le incessanti invocazioni retoriche sulla “rivoluzione democratica”, il neogoverno ucraino di ex-banchieri, fascisti e oligarchi predispone misure di austerità draconiane. I piani in corso sono apertamente descritti come “modello greco”, cioè il programma di tagli selvaggi imposto alla Grecia da Fondo monetario internazionale (FMI) e Unione Europea (UE) che ha fatto crollare l’economia della Grecia di quasi il 25 per cento in cinque anni, producendo un’ondata di disoccupazione e povertà...” (Quello che il regime filo-occidentale pianifica per i lavoratori ucraini, World Socialist Web Site)
Certo, Putin ha sicuramente il suo bel da fare, ma fortunatamente sembra essere ben consigliato dai suoi assistenti politici e militari che evitano le inutili spacconate o le sparate incendiarie eruttate ogni giorno da Casa Bianca e dipartimento di Stato. Nonostante il fatto che il Cremlino non vuole che Washington “perda la faccia”, a volte gli eventi lo rendono impossibile, come l’acuto analista politico Moon of Alabama ha sottolineato. Ecco un trafiletto da un post di MoA che mostra come Washington abbia sostanzialmente capitolato verso Mosca accettando il suo piano per risolvere la crisi, tentando d’ingannare il pubblico facendogli credere che sia una sua idea. Ecco l’estratto: “C’è stata un’altra telefonata oggi tra il segretario di Stato Kerry e il ministro degli Esteri russo Lavrov. La chiamata s’è avuta dopo una riunione strategica sull’Ucraina alla Casa Bianca. Durante la chiamata Kerry ha accettato le richieste russe per una federalizzazione dell’Ucraina in cui gli Stati federati avranno una forte autonomia nei confronti del governo centrale e la finlandizzazione dell’Ucraina. Putin aveva offerto questa “via d’uscita” dall’escalation e Obama l’ha presa. L’annuncio russo: (Reuters) – “Lavrov, Kerry è d’accordo a lavorare sulla riforma costituzionale in Ucraina: il ministero russo… Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov e il segretario di Stato USA John Kerry hanno concordato nel cercare una soluzione alla crisi in Ucraina spingendo per le riforme costituzionali, ha detto il ministero degli Esteri russo. Non hanno dettagliato il tipo di riforme necessarie, se non per dire che dovrebbe seguire “una forma generalmente accettabile, tenendo conto degli interessi di tutte le regioni d’Ucraina”. “Sergej Viktorovich Lavrov e John Kerry hanno deciso di continuare a lavorare per trovare una risoluzione sull’Ucraina attraverso la rapida introduzione della riforma costituzionale, con il sostegno della comunità internazionale”, ha detto il ministero in un comunicato.” (Ucraina: gli USA prendono la via d’uscita concordata con la Russia, Moon of Alabama)
Riuscite a crederci? La squadra di fessi di Obama vuole che il pubblico creda che la “riforma costituzionale” sia una sua idea, come se la gente non si accorga che un’amministrazione scalcagnata e un presidente imbelle hanno alzato bandiera bianca battendo in ritirata. È il classico Barack “guardati le spalle” Obama che cerca di fare apparire una sconfitta come una vittoria. Patetico!

8440Mike Whitney vive nello Stato di Washington. Coautore di Senza Speranza: Barack Obama e la politica dell’illusione (AK Press). Hopeless è disponibile anche in versione Kindle.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Colpo di Stato in Ucraina occidentale: la primavera araba scatenata in Europa

Andrew Korybko (USA) Oriental Review 24 gennaio 2014

1601596I rivoltosi hanno occupato il municipio di Lvov e costretto il governatore a dimettersi. Non si sa chi sia attualmente al potere in questa regione, ma un governo fantoccio formato dalle “forze di opposizione” potrebbe presto esservi istituito. Richieste di ‘autonomia’, o molto probabilmente, espliciti flirt separatisti possono dare a Klischko e ai suoi scagnozzi ulteriore potere contrattuale da usare contro il governo democraticamente eletto nel corso dei “negoziati”. E’ probabile che ulteriori attività estremiste si avranno, guidate da Klischko, come ha proclamato il 22 gennaio, “se devo andare (per strada) sotto i proiettili, andrò sotto i proiettili“. Il leader del partito Batkivshchyna Arsenij Jatsenjuk ha espresso la minaccia provocatoria di sprofondare l’Ucraina nella guerra civile de facto, come ha parimenti affermato il 22 gennaio, “domani (23 gennaio) andremo avanti insieme. E se avrò una pallottola in fronte, allora sia una pallottola in fronte ma in modo onesto, equo e coraggioso.” E’ evidente ormai che costoro minacciano d’incoraggiare le rispettive milizie nel scatenare una carneficina nel Paese. Come negli eventi della primavera araba, questi provocatori vogliono che ‘alcuni di loro’ siano uccisi dalle forze governative che cercano di ristabilire il controllo sull’anarchia. Una risposta militare o dei Berkut da parte di Janukovich è esattamente ciò  che Klischko e Jatsenjuk vogliono. Per loro, più “manifestanti” morti ci sono, meglio è. Va tenuto presente che nel 1980 la Polonia fu sottoposta alla legge marziale per torbidi molto meno violenti di quelli cui assistiamo oggi in Ucraina.
Le autorità devono ora prendere una decisione difficile, oltre che cercare di ristabilire l’ordine nella regione irrequieta o tentare di riprendere il controllo della capitale. La situazione è estremamente grave ed è ormai evidente che questo ibrido frankenstein rivoluzione colorata/primavera araba schizofrenicamente assume sempre più le caratteristiche di quest’ultima (nulla di buono, per questo). Il metodo libico è stato apparentemente ‘perfezionato’ al punto in cui attori esterni si sentono a proprio agio nel piazzarsi in tale vaso di Pandora nella stessa Europa. E’ chiaro che fin dalla rivoluzione dei Bulldozer in Serbia, oltre un decennio fa, il modello della rivoluzione colorata s’è evoluto nella primavera araba, e ora i due si sono trasformati in EuroMaidan, un nuovo tipo di guerra del nostro secolo. A causa della facilità con cui le ONG s’infiltrano nelle nazioni prese di mira nel mondo globalizzato di oggi, così come gli anelli del terrorismo e del traffico di armi, vengono sincronizzati dalla forte influenza di varie organizzazioni d’intelligence, la minaccia di questa arma/virus ‘sociale’, diffusa in diversi Paesi, non è mai stata così alta. Non dovrebbe essere un caso che 3000 terroristi mediorientali dovrebbero essere trasferiti in Romania, forse per usarli per addestrare militarmente gli elementi dell”opposizione’ ucraina. Ciò dimostra che potenze estere sono intente adoperarsi da tempo per scatenare il più possibile la destabilizzazione. Gene Sharp è la mente delle apparentemente innocue strategie che sono preludio e ‘fischietto per cani’ di tale epidemia virale, e George Soros n’è il finanziere. Le nazioni devono collaborare per respingere tale lebbra e proteggere se stesse, i loro cittadini e la stabilità globale. Il movimento della primavera araba, come la guerra in Europa, dimostra la fiducia che i coordinatori hanno nell’usare tale arma ovunque a loro piacimento. Oggi, l’Ucraina, domani, qualsiasi altro stato soggettivamente definito ‘non-occidentale e non-liberal-democratico’.
L’Ucraina è stata a lungo al centro dell’ingerenza occidentale nell’ambito di un grande gioco  geostrategico volto a contrastare la Russia. Zbigniew Brzezinski scrisse nel 1994 che “non può essere sottolineato abbastanza fortemente che senza l’Ucraina, la Russia cessa di essere un impero, ma con l’Ucraina resa subalterna e quindi subordinata, la Russia diventa automaticamente un impero.” Poco più di un anno fa, gli Stati Uniti rilasciarono implicitamente una dichiarazione tramite l’allora segretaria di Stato Hillary Clinton, secondo cui avrebbero fatto tutto ciò che è in suo potere per respingere gli sforzi integrazionisti economici della Russia. Dopo aver descritto i piani per l’Unione Eurasiatica della Russia come “movimento per ri-sovietizzare la regione“, ha  minacciato “sappiamo qual è l’obiettivo e cerchiamo di capire i modi efficaci per rallentarlo o impedirlo.” Senza dubbio, il mondo assiste a ciò che gli USA avevano in mente quando minacciavano di “rallentare” e “impedire” la cooperazione economica tra Ucraina e Russia. Con la stabilità ucraina che s’incrina sotto la pressione del caos continuo e dell’economia sull’orlo del collasso quasi totale, la menzogna degli obiettivi “integrazionisti pro-UE” di EuroMaidan si svela. L’UE non accetterà mai che un futuro Stato fallito ucraino, che si lecca le ferite di una guerra civile prolungata, entri nell’organizzazione o, in coordinamento con i suoi padroni della NATO, pianifica assieme al collasso del Paese una lucrosa ricostruzione sotto l’egida dell’occidente. In entrambi i casi, il leggendario ‘percorso verso l’Europa’ si dimostra la farsa che è, e assolutamente nulla di positivo potrà venirne al cittadino medio da ciò che i militanti fanno al loro Paese in nome dell”euro-integrazione’.
I molto pubblicizzati colloqui di un ‘cessate il fuoco’ non sono altro che un tentativo dei sabotatori di guadagnare tempo e continuare a rovesciare più governi regionali (in Ucraina occidentale) possibile. Sono, purtroppo, null’altro che una farsa, come i colloqui di Ginevra II, in quanto i gruppi d’opposizione non desiderano altro che un cambio di regime e non si fermeranno davanti a nulla per raggiungere tale obiettivo. Ogni azione, ogni parola, non è altro che un trucco per ingannare, disarmare e pacificare ogni resistenza in modo che possano avvicinarsi sempre più al loro golpe nazionale eterodiretto.

Andrew Korybko è studente del Master presso l’Università Statale di Relazioni Internazionali di Mosca (MGIMO).

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Le Olimpiadi di Sochi: gli occidentali iniziano con gli Stati Uniti che puntano all’Oro della propaganda

Finian Cunningham Strategic Culture Foundation 01/10/2014

TO GO WITH AFP STORY BY BENOIT FINCK (FIDopo l’orribile doppio attentato nella città meridionale russa di Volgograd che ha ucciso 34 persone e ferito decine di altre, gli Stati Uniti e gli altri Paesi occidentali hanno condannato solennemente gli attentati. “Gli Stati Uniti sono solidali con il popolo russo contro il terrorismo”, ha prontamente dichiarato la Casa Bianca, aggiungendo: “Il governo statunitense offre il pieno sostegno al governo russo nei preparativi per la sicurezza dei Giochi Olimpici di Sochi”. C’erano anche condanne dall’Unione Europea e dalla NATO degli attentati terroristici suicidi del 29-30 dicembre, che hanno causato orribili carneficine nel centro di Volgograd, uccidendo diverse donne e bambini. Eppure, nonostante queste espressioni d’indignazione e solidarietà internazionale, sembra strano che gli Stati Uniti e gli altri governi occidentali ancora persistano nel loro affronto politico sui Giochi Olimpici Invernali che dovrebbero iniziare a Sochi il 7 febbraio. Il presidente Barack Obama e altri leader occidentali, tra cui il primo ministro canadese Stephen Harper ed i presidenti francese e tedesco Francois Hollande e Joachim Gauck, non hanno cambiato i loro piani, in effetti, di boicottaggio dei Giochi…
I leader occidentali hanno detto che non avrebbero partecipato all’evento quadriennale, e la loro assenza viene ampiamente vista come protesta ufficiale sulle presunte preoccupazioni sui diritti umani russi, in particolare per la legge contro la “propaganda omosessuale” che Mosca ha emanato lo scorso anno. L’affronto dei leader occidentali verso i Giochi di Sochi è senza precedenti. Certo, vi furono i boicottaggi di Paesi nelle Olimpiadi passate. Nel 1980, gli Stati Uniti boicottarono le Olimpiadi estive di Mosca, durante l’intervento dell’Unione Sovietica in Afghanistan, e nel 1984 l’Unione Sovietica si vendicò boicottando le Olimpiadi di Los Angeles. Ma il mezzo boicottaggio occidentale del prossimo evento di Sochi è una novità. Stati Uniti, Canada e Unione europea si uniranno ad 88 altre nazioni partecipanti agli eventi sportivi, ma i loro capi di Stato se ne staranno lontano. Ciò suggerisce che l’occidente usa i giochi politici contro la nazione russa ospitante. Sembrando grossolani e in malafede, i governi occidentali innalzano la bandiera dei “diritti di gay e lesbiche”, soprattutto alla luce dell’orrore perpetrato a Volgograd. Sembra che ci sia una netta mancanza di priorità morale e politica. Se dovessimo seguire la strada dei diritti umani privilegiati, allora la Russia poteva facilmente scegliere d’impedire alla delegazione ufficiale di recarsi alle Olimpiadi invernali canadesi del 2010, preoccupandosi per la repressione e il maltrattamento dei popoli della Nazione Ottawa. In qualche modo il disdegno occidentale verso Sochi non convince. Ma la prova delle preoccupazioni occidentali, o meglio mancanza di preoccupazioni, per le loro obiezioni dichiarate sui diritti umani in Russia sono di un’incongruenza lampante rispetto alla recente atrocità a Volgograd. Gli attentati ovviamente erano destinati ad infliggere un colpo devastante ai Giochi di Sochi. La dichiarazione della Casa Bianca lo riconosce. Nessun gruppo ne ha rivendicato la responsabilità, ma è inconfutabile che gli aggressori appartengano al cosiddetto califfato Caucaso, nelle vicine regioni del Caucaso del Nord di Cecenia e Daghestan. Il gruppo jihadista fondamentalista guidato da Doku Umarov aveva già avvertito l’intenzione di usare “tutti i mezzi necessari per sabotare” l’evento olimpico. Tali minacce terroristiche non sono vane minacce. Prima dell’ultima doppia esplosione, Volgograd fu colpita ad un attentatore suicida ad ottobre, quando sei persone furono uccise su un autobus. Tale massacro fu attribuito ai jihadisti di Umarov. Anche se Volgograd è a circa 700 chilometri a nordest della località del Mar Nero di Sochi, è uno snodo chiave dei trasporti tra Mosca e la regione meridionale. Rappresenta quindi un obiettivo primario dei seguaci di Umarov per colpire da vicino la sede olimpica. In precedenza, la stessa rete jihadista effettuò attentati suicidi mortali al sistema dei trasporti di Mosca, nel 2010 e 2011, uccidendo decine di persone.
Il dirompente evento di Sochi viene visto come un’opportunità per infliggere un potente colpo politico all’immagine internazionale della Russia. Il Presidente Vladimir Putin ha investito molto sul prestigio dei Giochi, e il terrorismo sarà un modo per sminuire l’autorità di Mosca. Innegabilmente poi, gli attentati terroristici di Volgograd sono un attacco alla sovranità della Russia e alla sua capacità di ospitare le Olimpiadi invernali. Qualsiasi sia la definizione lessicale ufficiale occidentale, le Olimpiadi invernali sono nel mirino della Guerra al Terrore. Eppure i leader occidentali, che sostengono di combattere una Guerra al Terrore, dimostrano una disdicevole mancanza di solidarietà verso la Russia scegliendo di usare “i diritti dei gay” per decidere di non presenziare ai Giochi del mese prossimo. Tale abbandono del sostegno politico di fronte a un terrorismo sfrenato contro un altro Stato è, nella migliore delle ipotesi, fuori luogo, e nella peggiore, tradisce un ulteriore inconcepibile motivo. Infatti, settimane prima dell’ultimo attentato terroristico di Volgograd, la Casa Bianca annunciò che la sua delegazione secondaria a Sochi sarà preceduta dall’ex-giocatore di tennis ed icona gay Billie Jean King. Un altro membro della delegazione ufficiale degli Stati Uniti è il giocatore di hockey Caitlin Cahow, sostenitore dei diritti dei gay. Mentre l’inglese Guardian osservava che con la scelta della Casa Bianca: “Barack Obama invia alla Russia un messaggio chiaro circa il trattamento di gay e lesbiche, con la sua scelta dei rappresentanti degli Stati Uniti alle Olimpiadi invernali di Sochi”. Così, contrariamente all’adagio di non mescolare sport e politica, Washington e i suoi alleati sembrano intenzionati ad usare i Giochi di Sochi per fare propaganda politica volta a minare Mosca. Ciò s’inserisce nell’ampia agenda politica occidentale di aggressione a bassa intensità della Russia. Nonostante le vantate affermazioni di ricercare il “Reset” nei rapporti tra Stati Uniti e Russia con Obama, Washington dimostra di voler fare di tutto per aumentare le tensioni con Mosca. La legge Magnitsky sanziona i funzionari russi per presunte violazioni dei diritti umani, il rinnegamento degli obblighi sul disarmo nucleare, la palese interferenza negli affari Russia-Ucraina sul partenariato con l’UE e il trionfalismo per il rilascio dell’oligarca Mikhail Khodorkovskij, sono solo alcune delle questioni che Washington e i suoi alleati europei rinfacciano a Mosca negli ultimi mesi.
Nelle prossime settimane, ci si può aspettare altro dal gioco politico dagli Stati Uniti con l’avvicinarsi delle Olimpiadi di Sochi, data la dichiarata agenda di cercare vantaggi propagandistici contro la Russia. C’è più del vago sentimento che Washington stia annaspando per battere il  Presidente Putin su una serie di altre questioni, tra cui la vicenda di Edward Snowden e il fallimento occidentale nel cambio di regime in Siria. Come segno di ciò che ci aspetta, vi sono le affermazioni dei media statunitensi secondo cui Putin avrebbe ordinato il divieto di proteste pubbliche a Sochi durante i Giochi Olimpici e dopo gli attentati di Volgograd. La mossa per limitare le manifestazioni è del tutto comprensibile dato il grave rischio di attentati terroristici e l’orrore che ha colpito Volgograd. Ma gli articoli negli Stati Uniti hanno scelto di evidenziare tali misure di sicurezza russe come “un giro di vite sui diritti degli omosessuali”. Tale crassa insensibilità dimostra che se ci fosse lo sport dello slalom della “propaganda” a Sochi, gli Stati Uniti sicuramente prenderebbero l’oro. Si potrebbe anche ricordare che se Washington dovesse essere veramente sincera nella sua solidarietà verso la Russia e nella sua disponibilità a fornire “pieno appoggio al governo russo nei preparativi per la sicurezza dei Giochi Olimpici di Sochi”, allora potrebbe dare questo contributo pratico: consegnare tutti i dossier segreti militari sulle reti jihahiste coperte che gli Stati Uniti e il suo alleato saudita finanziano e armano nel Caucaso del Nord dagli ultimi 20 anni.

OLY2014-RUS-TORCHLa ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

In Italia la stampa di sinistra è merda

José Sant Roz Aporrea 25.07.2013

altan_scalfari_espressoChe guerra bestiale oramai conduce la stampa prostituta italiana contro il Venezuela. Attacchi isterici ripresi dai fogliacci spagnoli “El Pais” e del suo Grupo Prisa. Il gruppo editoriale più grande d’Italia, “La Repubblica” e “L’Espresso” (in teoria di sinistra), non lesinano argomenti di ogni genere per cercare di infangare il Venezuela. Basta prendere due esempi: dopo la vittoria elettorale in Venezuela di Maduro, “La Repubblica” ha parlato apertamente di frode (senza prove) e di “volontà popolare violentata e manipolata“. Inoltre, quando vi è stata la violenza provocata dall’opposizione del Majunche (lo squallido, cioè Capriles Radonski. NdT), ha intitolato semplicemente: “scoppia un’ondata di violenza scatenata dal furto elettorale e dalla forte repressione della polizia“… Evitando di parlare dei morti causati dalle bande impazzite dell’opposizione, istigate dall’appello del dannato Majunche. Questi media, come quelli spagnoli, difendono i propri interessi in America Latina, legati alle transnazionali, insieme a molti gringos. Sono potenti mafie. Tutta l’Europa vive di mafie (che naturalmente fanno le guerre). In quella merda la democrazia è solo uno scherzo  buono a nulla. Ma di solito si tratta della versione delle notizie sul Venezuela di media come The Miami Herald, confezionate dalla SIP.
In 14 anni di governo bolivariano non hanno mai detto niente di buono sul Venezuela. Questa è la strategia. Per loro Chavez era un mostro, un dittatore, un ladro e stupratore di diritti umani. Invece l’Italia, la Grecia, la Francia, la Germania e gli Stati Uniti sono le meraviglie che dovrebbero dettare i modelli del progresso e del benessere sociale a tutto il mondo, ma ogni giorno che passa affondano ulteriormente nella merda. Ogni italiano dovrebbe sottoporsi a un esame copro-rettale per vedere se riesce a cantare come Caruso o a giocare come Mesi, è il meglio che riescono a fare e l’unica cosa che conta per loro in questo mondo: poi li elevano a celebrità, finché non si schiantano contro la verità. Babbioni. Poiché non hanno le palle di vedere la fogna in cui si trovano, nel frattempo vivono ingoiando tutto il miasma che creano i loro media verso il nostro Paese.
Ecco un esempio: ‘L’America contro l’Nsa: da che pulpito viene la predica’

Commento:
8869 L’articolo linkato è un ennesimo articolo-spazzatura, anti-latinoamericano e anti-bolivariano, scribacchiato da tale Maurizio Stefanini, ‘esperto di processi di transizione alla democrazia’ (una qualifica che è un marchio distintivo), per conto della nota rivista di disinformazione Limes (oggi imitata nel suo piattume analitico e nel suo squallore ideologico, anche da certi ex-eurasiatisti scopertisi cheerleader del Pentagono). Inoltre, come ben nota il professor José Sant Roz, questo è il compito degli scribacchini e dei relativi mandanti, cui bisogna includere anche il Fattoquotidiano, parzialmente di proprietà di un ex-dirigente della Lazard Banque, banca specializzata in ‘consulenze internazionali’; ovvero privatizzazione dell’economia e svendita delle risorse dei Paesi del Terzo Mondo per conto del FMI e delle grandi istituzioni finanziarie internazionali. Repubblica, il Foglio, Fattoquotidiano mimano una farsa di dibattito sul teatrino della politichetta italidiota, ma come si sarà ben notato, quando si tratta di Medio Oriente, Eurasia e America Latina, cioè degli interessi dei loro veri finanziatori, allora adottano stranamente tutti la stessa posizione: filo-atlantismo sfegatato e pieno supporto agli interessi delle multinazionali e delle grandi banche internazionali anglosassoni e francesi. Ovviamente tutto ciò non è un caso, poiché a dettare la linea degli ‘organi di informazione’ italiana sono le veline dei Consigli di Amministrazione di queste grandi imprese, naturalmente dopo quelle delle ambasciate di USA e Israele.

José Sant Roz, direttore di Ensartaos.com.ve e Professore di matematica presso l’Università de Los Andes (ULA). Autore di oltre venti libri sulla politica e la storia.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Del Kazakhstan, ovvero Grillo, Chiesa e adoratori di mummie

Il fronte anti-eurasiatico italiano si allarga

nazarbayevLa vicenda del truffatore bancarottiere più amato dalla sinistra italiana, dal PD ai rottami dell’hoxhismo, passando per SEL e M5S, il kazaco Mukhtar Abljazov, si trasforma in una sempre più ampia operazione invasiva ai danni della residua politica economica e diplomatica dell’Italia. L’assalto ai robusti rapporti economici tra Roma e Astana sembra sempre più manipolata e organizzata dall’estero; un auto-sabotaggio prono agli interessi estranei a quelli italiani. Ad esempio è rivelatore ciò che dice sulla sua pagina FB, il deputato di M5S Alessandro Dibattista in relazione alla vicenda della moglie del dissidente-bancarottiere Abljazov, “Ho presieduto la Commissione Affari Esteri, ero emozionato. Attaccare questo Parlamento che non funziona ed è la tomba della nostra democrazia non significa non rispettare le istituzioni, significa l’esatto opposto, significa amarle a tal punto da provare rabbia immensa a vederle ridotte in questo stato. … Ho avuto negli ultimi giorni diversi incontri privati con numerosi Ambasciatori … Se non ci fossimo noi chi avrebbe il coraggio di … mettere in relazione (magari ci sbagliamo ma indaghiamo) l’affare kazako con gli interessi del Satrapo di Arcore? Chi avrebbe il coraggio di dire la verità, di dire che da Paese a sovranità limitata nei confronti degli USA ci stiamo trasformando, contemporaneamente, a Paese a sovranità limitata nei confronti della Russia?
Bella dichiarazione, dopo aver confessato incontri segreti con ambasciatori ‘europei’ (vedasi USA, Regno Unito e Francia) ed ‘asiatici’ (vedasi Israele) ed aver risposto a una mia domanda su chi fossero questi ‘ambasciatori’ così: “con ambasciatori di paesi europei e asiatici. la diplomazia (e questo faccio, in parte) presuppone anche riservatezza”, si fornisce una dimostrazione di scarsa coerenza con la vantata ventata di novità nelle stanze della politica, ma anche di scarsissima coerenza con le indignate declamazioni sulla subalternità italiana agli USA e altre belle parole su ‘democrazia’, ‘sovranità’ ecc. Ma la frase sull’Italia che non deve essere una ‘colonia della Russia’, svela soltanto la solita vile modalità di far politchetta in Italia. Pur di non disubbidire agli ordini e alle direttive degli USA, e del suo attuale ambasciatore in Italia John Phillips (Filippi), si tira fuori la panzana di non voler essere subalterni alla Russia (ma non si parla del Kazakhstan? Un lapsus freudiano). Tutto ciò inizia a svelarsi sgradevolmente quale indirizzo generale e di fondo dei cosiddetti ‘cittadini in Parlamento’ rispetto le cose serie, e non più verso la polemica-cabaret sul teatrino politico italidiota.
Sostanzialmente si assiste all’assalto concentrico ed eterodiretto contro gli ultimi legami non-atlantisti dell’Italia. Un elemento rivelatore è fornito dall’atteggiamento assunto dalla bella manica di guru della sinistra cimiteriale italiana. Ad esempio, il malthusiano che si traveste da ‘marxiano’ Giulietto Chiesa scrive sulla sua pagina FB: ‘Credevamo di essere una colonia americana, invece siamo anche una colonia kazakhstana‘. Ci tiene che si resti colonia di una sola potenza. Il fatto che usi l’acca al posto della i nella parola ‘Kazakhstan’, non lo rende di certo un amico dell’ex-URSS, anzi, Chiesa è sempre stato orgoglioso del suo ruolo nell’avvento al potere di Eltsin, in Russia, come di essere amico del pupazzo delle oligarchie Gorbaciov, autore di un libro che svelava la necessità di distruggere l’URSS e che, ancora non pago, oggi si propone di portare a termine l’opera con la disintegrazione di Russia e Cina: ‘Le uniche due potenze che si oppongono al Nuovo Ordine Mondiale‘, spiega Gorbaciov accompagnato dal suo messia apocalittico Giulietto Chiesa. Ma cos’altro aspettarsi da chi, negli anni ’90, partecipò come conferenziere a dieci riunioni al Dipartimento di Stato USA, più una al quartier generale della CIA, dove sicuramente avrà spiegato come cercare di distruggere la Federazione Russa (cos’altro poteva mai spiegargli questo esperto genovese di cose russe citato nei manuali dell‘US Army? (pag. 10)).
A costoro si affiancano i relitti piccisti di ogni sfumatura, come il teorico del socialismo in un solo quartiere di Roma, Sergio Cararo, che afferma: “Sarà una coincidenza ma il famigerato impianto del giacimento gigante di Kashagan… ha inaugurato la sua entrata in funzione proprio il 30 giugno scorso, dopo cinque anni di ritardi, traversie, problemi insorti con le autorità kazache e con la magistratura italiana per via di alcune tangenti. Un avvio di operatività a un mese esatto di distanza dalla cattura della moglie e della figlioletta di Ablyazov. Un coincidenza o una cambiale dal e con il governo kazaco?” Qui, il nemico in nome del ‘marxismo’ delle ‘teorie del complotto’ sull’11 settembre e al-Qaida, invece gradisce adottare il complottismo pecoreccio di Repubblica. Tale presunto nemico proletario del sistema capitalista ama sempre adottare totalitaristicamente modalità, analisi, pensieri e scopi del suo apparente nemico. Se l’obiettivo è prendersela con chi contrasta o sfugge al controllo della NATO e degli USA, Cararo, Contropiano e annessi arnesi si trovano sempre in prima fila. Su Libia, Siria e oggi Kazakhstan; sempre in agguato, assieme al sodale berlingueriano Chiesa, nell’attesa di una bella resa dei conti contro il ‘fascista rosso-bruno’ Putin.
Scendendo nella scala della rivoluzione, ci s’imbatte nell’auto-smascheramento democretinista dei tanti piccolo-borghesucci italiani che vanno in giro travestiti da zorro del ‘marxismo-leninismo’, come il partito-individuale Piattaforma Comunista che, scopiazzando Repubblica e altri organi del ‘bolscevismo mondiale’, riesce ad affermare: “la polizia italiana ha operato in modo oscuro e semigolpista, di propria iniziativa e/o in combutta con alcuni agenti dei servizi, nel prelevare e trasferire dall’Italia in Kazakistan la moglie e la figlia del principale dissidente politico del presidente Nazarbaev (notoriamente amico di Berlusconi)…” Eccola qui, in tutto il suo fulgore, l’analisi scientifica-materialistica di questo adoratore di mummie. Il solito concentrato di luogocomunismo più democretino che si possa trovare nell’ambiente analfabeta e allucinato della  sinistra italiana.
Tutta questa brodaglia sinistra, dall’opusdeista Renzi all’ultimo farabutto settario, sa benissimo chi sia il ‘dissidente’ Abljazov e da chi sia protetto. Si ricordi che la Shalabaeva, la moglie del ‘dissidente’ kazaco, aveva un passaporto della Repubblica Centrafricana, Stato africano occupato con un golpe-invasione dalle truppe francesi all’inizio di quest’anno. Saranno stati loro a consegnare il passaporto fasullo a Shalabaeva? E perchè? Nessuno se lo chiede, poiché così gli è stato ordinato dai loro veri referenti atlantisti, così come gli è stato anche ordinato di sabotare i rapporti economici tra Italia e Kazakhstan, dove un terzo delle aziende estere che vi operano è italiano, e di certo non tutte sono di Berlusconi. Inoltre, alcuni pur di abbattere questo ignobile governo Letta-Alfano sono disposti ad affossare l’Italia. Ad esempio, dipingendo come un satrapo Nazarbaev, l’M5S ha già preso una pessima china, già vista su Libia, Siria e Iran. Lo scopo? Comprare lo shale-gas dagli USA quale piano energetico alternativo del M5S, e non solo del M5S?
In conclusione, la disintegrazione del sistema Italia ha portato al controllo delle leve del potere politico, economico e diplomatico, una serie di guitti oltraggiosi, esiziali, micidiali. Non si tratta dell’inane nano di Arcore e del suo fido scudiero senza attributi, o degli altrettanto futili e dannosi Letta, Bonino, Kyenge, Lorenzin, Boldrini e circo al seguito. No, anche le presunte alternative, genovesi o meno, sono bacate, guaste e prone ai ben noti interessi estranei. L’Italia è nata grazie a una classe politica infida, truce ed infame, e oggi sta morendo per mano di un ceto politico-culturale ancor più infame, vile e infido. Un ciclo storico sta per concludersi.

Alessandro Lattanzio, 18/7/2013

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 281 follower