La rete Gladio-Elettra contro il Donbas

Alessandro Lattanzio, 03/06/2014
IM000873.JPGLa nave-spia della Marina militare italiana Elettra sostituirà la nave-spia francese Dupuy de Lome nel Mar Nero. Attualmente nel Mar Nero vi sono due navi della NATO, l’incrociatore dell’US Navy Vella Gulf e la fregata francese Surcouf. La nave-spia Elettra, comandata dal Capitano di Vascello Alberto Maffeis, sarà nel Mar Nero dal 15 giugno sostituendo la nave-spia francese Dupuy de Lome, che ha lasciato quelle acque il 29 maggio. A bordo della nave vi sono le più moderne attrezzature da spionaggio, come i più di 30 sistemi di raccolta informazioni elettroniche, tra cui un sonar autonomo capace di arrivare a 1000 metri di profondità. Compito della nave sarà spiare le difese della Federazione Russa e delle forze federaliste di Donetsk e Lugansk; coordinare le operazioni dell’aggressione nazi-atlantista guidate dalla giunta-fantoccio di Kiev contro la popolazione russofona dell’Ucraina orientale e sabotare le difese e le comunicazioni delle forze di autodifesa della popolazione russofona del Donbas. (Come è accaduto in Siria, quando le navi-spia della NATO, tra cui la nave-spia tedesca Oker, disturbavano le comunicazioni della difesa siriana e coordinavano gli attacchi delle legioni dei terroristi islamo-atlantisti infiltrati in Siria.)
Secondo la Convenzione di Montreux, le navi da guerra degli Stati non rivieraschi possono restare nel Mar Nero non più di 21 giorni e il tonnellaggio totale delle navi da guerra estere non deve superare le 30000 tonnellate. All’inizio dell’anno, la convenzione è stata violata dalla fregata statunitense USS Taylor, che aveva superato di 11 giorni il limite di permanenza nel Mar Nero. Il presidente del Movimento di sostegno alla Flotta nazionale russa Mikhail Nenashev, in un’intervista ha suggerito che la presenza delle navi della NATO nel Mar Nero sia la continuazione dell’aggressione alla Russia.
A fianco dei mercenari e degli squadristi nazi-atlantisti, l’intelligence militare italiana non si accontenta più di utilizzare i teppisti di CasaPound o spie travestite da ‘giornalisti’, ma ora schiera direttamente la Marina militare, su ordine del Pentagono, a supporto dell’aggressione alla popolazione dell’Ucraina orientale da parte della giunta mafiosa dei fantocci nazi-atlantisti dei banderisti Poroshenko, Turchinov, Timoshenko, Tjagnibok e Jarosh, figuri idolatrati dal rossobrunismo coagulatosi intorno alle emanazioni italiane di Amnesty International/Greenpeace, Gladio (CasaPound e affini), NED/USAID (SEL-Boldrini), Mossad (ANPI) e DIGOS/PD (Centri Sociali et similia), tutti attivamente presenti e intimamente partecipi all’aggressione contro la popolazione russofona ucraina.
Una rete spionistico-terroristica che congiunge CasaPound, Gladio, AISE e forze armate italiane nell’aggressione alla popolazione del Donbas.

iagi-5340elettra1Fonti:
Elettra
Novorossia
RIAN
DW
Augengeradeaus

In Italia la stampa di sinistra è merda

José Sant Roz Aporrea 25.07.2013

altan_scalfari_espressoChe guerra bestiale oramai conduce la stampa prostituta italiana contro il Venezuela. Attacchi isterici ripresi dai fogliacci spagnoli “El Pais” e del suo Grupo Prisa. Il gruppo editoriale più grande d’Italia, “La Repubblica” e “L’Espresso” (in teoria di sinistra), non lesinano argomenti di ogni genere per cercare di infangare il Venezuela. Basta prendere due esempi: dopo la vittoria elettorale in Venezuela di Maduro, “La Repubblica” ha parlato apertamente di frode (senza prove) e di “volontà popolare violentata e manipolata“. Inoltre, quando vi è stata la violenza provocata dall’opposizione del Majunche (lo squallido, cioè Capriles Radonski. NdT), ha intitolato semplicemente: “scoppia un’ondata di violenza scatenata dal furto elettorale e dalla forte repressione della polizia“… Evitando di parlare dei morti causati dalle bande impazzite dell’opposizione, istigate dall’appello del dannato Majunche. Questi media, come quelli spagnoli, difendono i propri interessi in America Latina, legati alle transnazionali, insieme a molti gringos. Sono potenti mafie. Tutta l’Europa vive di mafie (che naturalmente fanno le guerre). In quella merda la democrazia è solo uno scherzo  buono a nulla. Ma di solito si tratta della versione delle notizie sul Venezuela di media come The Miami Herald, confezionate dalla SIP.
In 14 anni di governo bolivariano non hanno mai detto niente di buono sul Venezuela. Questa è la strategia. Per loro Chavez era un mostro, un dittatore, un ladro e stupratore di diritti umani. Invece l’Italia, la Grecia, la Francia, la Germania e gli Stati Uniti sono le meraviglie che dovrebbero dettare i modelli del progresso e del benessere sociale a tutto il mondo, ma ogni giorno che passa affondano ulteriormente nella merda. Ogni italiano dovrebbe sottoporsi a un esame copro-rettale per vedere se riesce a cantare come Caruso o a giocare come Mesi, è il meglio che riescono a fare e l’unica cosa che conta per loro in questo mondo: poi li elevano a celebrità, finché non si schiantano contro la verità. Babbioni. Poiché non hanno le palle di vedere la fogna in cui si trovano, nel frattempo vivono ingoiando tutto il miasma che creano i loro media verso il nostro Paese.
Ecco un esempio: ‘L’America contro l’Nsa: da che pulpito viene la predica’

Commento:
8869 L’articolo linkato è un ennesimo articolo-spazzatura, anti-latinoamericano e anti-bolivariano, scribacchiato da tale Maurizio Stefanini, ‘esperto di processi di transizione alla democrazia’ (una qualifica che è un marchio distintivo), per conto della nota rivista di disinformazione Limes (oggi imitata nel suo piattume analitico e nel suo squallore ideologico, anche da certi ex-eurasiatisti scopertisi cheerleader del Pentagono). Inoltre, come ben nota il professor José Sant Roz, questo è il compito degli scribacchini e dei relativi mandanti, cui bisogna includere anche il Fattoquotidiano, parzialmente di proprietà di un ex-dirigente della Lazard Banque, banca specializzata in ‘consulenze internazionali'; ovvero privatizzazione dell’economia e svendita delle risorse dei Paesi del Terzo Mondo per conto del FMI e delle grandi istituzioni finanziarie internazionali. Repubblica, il Foglio, Fattoquotidiano mimano una farsa di dibattito sul teatrino della politichetta italidiota, ma come si sarà ben notato, quando si tratta di Medio Oriente, Eurasia e America Latina, cioè degli interessi dei loro veri finanziatori, allora adottano stranamente tutti la stessa posizione: filo-atlantismo sfegatato e pieno supporto agli interessi delle multinazionali e delle grandi banche internazionali anglosassoni e francesi. Ovviamente tutto ciò non è un caso, poiché a dettare la linea degli ‘organi di informazione’ italiana sono le veline dei Consigli di Amministrazione di queste grandi imprese, naturalmente dopo quelle delle ambasciate di USA e Israele.

José Sant Roz, direttore di Ensartaos.com.ve e Professore di matematica presso l’Università de Los Andes (ULA). Autore di oltre venti libri sulla politica e la storia.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

La ‘Primavera araba’ e la seduzione della sinistra occidentale

Fodla32 Mathaba 11/12/2012

304352L’analisi sul fallimento della sinistra occidentale nel riconoscere il nemico e i suoi metodi, da cui volentieri viene sedotta al fine di distruggere il socialismo, la democrazia e la resistenza popolare nel mondo non-bianco. Testo per il primo anniversario della morte del colonnello Muammar al-Gheddafi, presso la sede di Dublino del Partito Repubblicano Socialista irlandese, Dublino,  20 ottobre 2012.

La “primavera araba” e la seduzione della sinistra occidentale
Desidero affermare, in questo testo, che l’invasione della Libia è un precedente della cooptazione della sinistra occidentale nell’avventurismo imperialista. Sulla base dei lavori di Jean Baudrillard, direi che il metodo utilizzato è il vecchio trucco delle seduzione. Il fallimento dei movimenti contro la guerra nel fermarla, non è una novità. Non c’è mai stato un caso in cui i movimenti di protesta abbiano fermato una guerra. Anche la Guerra del Vietnam, che alla fine ha generato proteste di massa negli Stati Uniti, non è stata fermata dalle proteste, ma solo da una vera sconfitta sul campo della macchina bellica statunitense.
Nel 1912, i partiti socialisti riunitisi a Basilea, Svizzera,  promisero che non avrebbero sostenuto i loro governi se una guerra stesse per iniziare. Ma una volta che i tamburi patriottici della Prima Guerra Mondiale cominciarono a rullare, queste promesse furono dimenticate e la maggior parte dei leader socialisti, o pseudo-tali, spinsero vergognosamente i giovani della classe operaia d’Europa al macello. In tutto questo elenco di fallimenti, si è registrato un consistente e attivo movimento contro la guerra, creato dalla sinistra, in Europa e negli Stati Uniti, per decenni.
Nel 2003, mezzo milione di persone marciò a Washington contro la guerra in Iraq. Quasi un milione di persone marciò a Londra. In molti modi, fu un grande successo. Naturalmente, la guerra non fu fermata, ma si può affermare che la macchina della propaganda imperialista venne gravemente indebolita da tale dimostrazione massiccia di rifiuto pubblico. La prossima volta, gli imperialisti sarebbero stati molto più intelligenti, molto più seducenti, e lo furono.
Naturalmente, una volta che l’attacco alla Libia era cominciato, i media occidentali fecero ciò che da sempre è previsto, diffusero tutta la peggiore propaganda contro il governo della Libia, e il suo leader, che poterono inventarsi. Abbiamo avuto le storie risibili su al-Gheddafi che dava il viagra all’esercito libico, in modo che i soldati libici potessero violentare i pacifici manifestanti, un racconto preso e ripetuto da Amnesty International. Questa storia era come la favola dei soldati tedeschi che mangiavano bambini belgi, o dei soldati iracheni che strappavano 500 bambini dalle incubatrici in Kuwait, anche se c’erano solo circa 50 incubatrici in tutto il Kuwait all’epoca (ancora una volta, una storia presa e ripetuta da Amnesty International.) Queste storie apparvero ridicole col senno di poi, ma durante la frenesia dei media per il sangue nemico, vennero prese sul serio da gran parte della popolazione, e servirono a indebolire ogni tentativo di criticare o opporsi alla guerra.
Dai primi giorni della cosiddetta rivolta di Bengasi, delle storie iniziarono a filtrare nei “migliori” giornali occidentali, come il Guardian, su arresti, tortura, linciaggio e morte per fuoco dei neri. Tuttavia, Susan Rice, ambasciatrice degli USA alle Nazioni Unite iniziò a indicare nelle persone di colore massacrate, dei mercenari sub-sahariani. E che quindi era tutto a posto. I media ebbero la loro foglia di fico nel supportare il genocidio razzista. In tutto questo, ci furono segnalazioni costanti nei migliori giornali (nessuno di loro irlandese) del fatto inquietante che la maggior parte di coloro che venivano uccisi non fossero militari. Erano infatti civili neri, molti dei quali lavoratori migranti.
Allora, qual è stata la reazione della sinistra occidentale a tutto questo? La reazione fu ancora più vergognosa di quella del 1914, quando la classe operaia venne tradita da chi le aveva promesso di seguire i principi. Almeno le varie direzioni socialiste, nel 1914, poterono affermare che le loro nazioni erano sotto attacco. La sinistra occidentale non aveva scuse del genere nel 2011, quando la Libia fu attaccata. Qui c’era una piccola nazione, di soli sei milioni di persone, aggredita dall’alleanza con la più devastante potenza militare mai creata nella storia dell’umanità.
Il potere di uccidere a distanza contro la Libia, nel 2011, era più grande di tutto ciò che era stato messo in campo nelle guerre mondiali o nella guerra del Vietnam. 120 missili cruise lanciati nei primi giorni, e poi più di 25.000 sortite degli aerei militari della NATO, per nove mesi. E tutta la sinistra occidentale applaudiva la distruzione delle infrastrutture dello stato socialista e incitava i linciaggi delle folle razziste. Anche il noto pensatore Noam Chomsky, è diventato una cheerleader dei linciaggi razzisti, sminuendo il ruolo delle bande salafite e sostenendo che la ribellione fosse essenzialmente pacifica. Il movimento contro la guerra irlandese chiese il congelamento dei beni dello Stato libico, utilizzati per pagare scuole, ospedali, ecc., e di utilizzare questi vitali fondi sociali per armare il cosiddetto Consiglio nazionale di transizione (CNT), un piccolo gruppo di sconosciuti che avevano passato il precedente ventennio negli Stati Uniti, portati dalla CIA a prendere il potere in Libia e a trasformarla in uno stato fantoccio degli Stati Uniti, con un programma di privatizzazione. Come può accadere una cosa simile?
Come può la bussola morale della sinistra occidentale collassare in modo così disastroso, dalle manifestazioni di massa organizzate nel 2003 per opporsi alla guerra contro l’Iraq, uno Stato  infinitamente peggiore sui diritti umani della Libia (che stava per ricevere un premio per Diritti Umani delle Nazioni Unite, solo pochi mesi prima dell’invasione.) Nel caso della guerra in Iraq, tutte le solite manovre della propaganda dei media vennero utilizzate. Saddam era un dittatore brutale. Certamente vero. Saddam era un pericolo per il suo stesso popolo. Molto spesso era vero. E poi, per dirla tutta, Saddam stava per attaccare l’Occidente con armi di distruzione di massa. Stronzate totali, ma abbastanza efficaci sulle menti di coloro che guardano Fox News o CNN che, tragicamente, sono la maggioranza delle persone. Ma in tutto ciò, la sinistra ha mantenuto la calma e ha organizzato proteste di massa contro la guerra.
Quindi, come si può immaginare che nel 2011, questa stessa sinistra sarebbe diventata la cheerleader di una campagna genocida e razzista contro uno Stato socialista, con uno dei più alti standard di vita tra i paesi in via di sviluppo, e con una situazione dei diritti umani elogiata dalle Nazioni Unite? Per non parlare di un avanzato sistema di Democrazia Diretta.

Seduzione
A questo punto, dobbiamo parlare dell’arte della seduzione. Come sottolinea Baudrillard, nel suo libro intitolato La seduzione, la seduzione è un gioco di fantasia. E’ una promessa, una promessa falsa, per dare al sedotto il suo più profondo desiderio, per farne diventare realtà le fantasie. Di solito, come Freud precisa, abbiamo a che fare con fantasmi originari, cioè la fantasia di vedere e di essere parte di quella scena da cui, da bambini, si è stati  crudelmente esclusi, per esempio l’amore dei nostri genitori. E qual’è la scena primaria della sinistra occidentale? Qual’è la scena di gioia e di liberazione da cui è sempre stata esclusa. Niente meno che la presa del Palazzo d’Inverno nel 1917.
Noi siamo sempre sotto l’incantesimo del film sovietico del grande Sergej Eisenstein, Ottobre 1917. I lavoratori che marciano a decine di migliaia, la polizia e i soldati che disobbediscono agli ordini e che si uniscono ai lavoratori, marciando valorosamente sul palazzo del potere dello Zar. Non importa che ben poco di tutto questo sia realmente accaduto, e che Eisenstein abbia creato una visione della presa del Palazzo d’Inverno che è un omaggio al suo genio, piuttosto che ai fatti di quella notte. Niente di ciò conta. Negli ultimi 90 anni abbiamo cercato di ricreare quella scena primaria con i nostri patetici picchetti e cortei, in cui gli organizzatori non hanno nemmeno il coraggio di parlare di rovesciamento dello stato borghese, ed effettivamente non pensano a farlo. Ma poi, tutto ad un tratto, alla sinistra occidentale è stato dato tutto ciò che aveva sempre sognato. Centinaia di migliaia di persone in Tunisia ed Egitto che scendono in piazza, proprio come nel film, che sembrano rovesciare dei dittatori. Che gioia! Per anni ci era stato detto che questo genere di cose era morto con Lenin. Ma qui c’era, e sotto i nostri occhi. E se i paesi arabi potevano farlo, anche noi possiamo. Occupy Wall Street. Certo, non ha funzionato in piazza Tahrir?
E poi arrivò Bengasi sui nostri schermi televisivi. Il popolo insorge contro un dittatore. Era tutto troppo bello per essere vero, ma perché guardare in bocca a un meraviglioso caval donato? Abbiamo bisogno di lavorarci, in modo da poter mostrare alla nostra gente, qui in Europa, che in realtà si può fare. La seduzione non è uno stupro. Ha bisogno della complicità della sua vittima. Ha bisogno di una vittima che vuole essere sedotta. In effetti, è la vittima che detta le condizioni con le quali la seduzione avrà luogo. La primavera araba è un successo, perché è da questo che la sinistra occidentale vuole essere sedotta. Si è spesso notato che i notiziari TV sono diventati popolari solo dopo l’avvento della TV a colori.
La guerra del Vietnam fu una guerra in bianco e nero. La gente non poteva sopportare nel vedere quelle cose. Il bianco e nero seduce. Il bianco e nero è sempre qualcosa di non reale. La seduzione è sempre qualcosa di non reale. Si lascia un po’ desiderare. Non è possibile visualizzare l’immagine, a meno che non colmi le lacune, a meno che non si diventi complici nella creazione dell’immagine. Il bianco e nero vi trascina nell’orrore. Il bianco e nero è sempre orribile, sempre seducente. Il colore non lo è. E’ troppo reale. E’ più della realtà. Non lascia nulla all’immaginazione. Non lascia nulla al desiderio. Ci si può sedere tranquillamente davanti a una TV a colori, guardando corpi mutilati di bambini, mentre si mangia a cena. Poiché non siete coinvolti, non ne siete sedotti, siete esclusi dall’orrore, allontanati  dall’eccesso di informazione.
Baudrillard ha scritto un libro intitolato La guerra del Golfo non ha avuto luogo. Analizzava il modo in cui l’overdose estrema da media lasci il telespettatore con un totale senso di irrealtà. Questa è la guerra ridotta a videogioco. Per lo spettatore occidentale, nessuna persona reale viene uccisa o ferita. Tutto ciò che accade sono immagini ricreate. Anche il sodati degli USA in Iraq raramente vedevano il risultato omicida delle sue azioni. Anche loro hanno visto la guerra attraverso le loro apparecchiature video.

In bianco e nero
Se la guerra del Golfo è stata una guerra a colori, si potrebbe dire che la primavera araba sia stata in un seducente bianco e nero. Quando le violenze scoppiarono a Bengasi, nel febbraio 2011, il governo libico invitò osservatori e media internazionali a recarsi a Bengasi per vedere cosa stesse succedendo. Pochissimi accettarono l’offerta. Non era questo il piano. Tunisia ed Egitto prepararono per ben la scena, e le potenze imperialiste non avevano alcuna intenzione di turbare quella scena, con la verità sulle bande di violenti e razzisti salafiti collaborazionisti della CIA e delle dittature del Golfo, l’assassinio di poliziotti e soldati, e di qualsiasi persona nera su cui hanno potuto mettere le mani. Come sottolineato da Baudrillard, la seduzione si prende sempre qualcosa dalla scena, la scena del piacere.
La “primavera araba” è un lavoro magistrale, degna di un Don Giovanni. Senza avere alcuna idea reale di chi o cosa questi “ribelli” siano, la sinistra occidentale ne è diventata complice. Ne è stata risucchiata, risucchiata con gioia. Ha riempito gli spazi mancanti con le sue fantasie sui manifestanti democratici, coraggiosamente opposti ai soldati drogati di viagra dell’odiato dittatore. Che un milione di libici scendesse a riempire la Piazza Verde, sotto la minaccia dei bombardamenti della NATO, a dimostrare il loro sostegno a Muammar al-Gheddafi, venne facilmente trascurato. Una persona sedotta, una persona che ama il brivido di essere sedotta, non ha più alcun interesse alla verità o ai fatti. E così, anche dopo il brutale assassinio di Muammar al-Gheddafi, con droni e jet da combattimento all’attacco, e poi da una folla impazzita, la follia della sinistra occidentale è continuata. Ha continuato a sognare piazze Tahrir che spontaneamente scoppiano in tutta Europa e negli Stati Uniti, anche se i fascisti Fratelli musulmani mettono i loro artigli sulle leve del potere in Egitto, per servire gli interessi degli Stati Uniti in misura ancora più servile di Mubaraq.
Ancora oggi, dopo il fallimento totale del Movimento Occupy nel raggiungere qualsiasi cosa, ci sono ancora alcuni illusi, sempre sedotti, idioti della sinistra occidentale, che sostengono le bande settarie della CIA/Mossad in Siria.

La rinnovata conquista dell’Africa
Allora, che cosa ci resta ora? Nel 1873, il sistema capitalista occidentale era schiacciato da un massiccio crollo finanziario. Nulla all’interno di tale sistema poteva fornire la grande quantità di ricchezza reale necessaria per ripristinare quel sistema. La risposta fu molto semplice. Nel 1873, pochissimo di Africa, Asia e Nord America era sotto il dominio imperialista. Nei successivi dieci anni si vide l’espansione dell’imperialismo più genocida mai conosciuto. Tutto il Nord America fu conquistato e l’ingenua popolazione sterminata. La corsa per l’Africa comprese l’orrore indicibile dello stupro belga del Congo, con almeno 13 milioni di persone uccise, e anche la conquista genocida del Sud Africa per mano di Cecil Rhodes, finanziato dalla famiglia criminale dei Rothschild, in nome del sanguinario impero britannico.
Nel 1890, il crollo del capitalismo occidentale si era stato trasformato in un boom senza precedenti, e la scena era pronta per la Prima Guerra Mondiale, con gli imperi in ascesa che avidamente volevano conquistare gli altri. Nel 1930, la Germania e il Giappone cercarono di tirarsi fuori dalla paralizzante depressione economica intraprendendo conquiste coloniali. La Seconda Guerra Mondiale ne fu il risultato. E ricordiamoci che la Grande Depressione negli Stati Uniti non finì che con l’entrata nella Seconda Guerra Mondiale, e il trasferimento di tutta la riserva aurea dell’impero britannico negli Stati Uniti, come pagamento delle armi, ecc.
Oggi, il capitalismo occidentale affronta un crollo ancora più catastrofico che nel 1873. Ancora una volta, ha intrapreso la conquista dell’Africa e la sottomissione della Cina, come risposta alla sua crisi. Il primo passo è stato l’omicidio di un uomo, che più di tutti gli altri, era per l’unità africana di fronte al dominio imperialista: il colonnello Muammar al-Gheddafi. La Siria è sotto attacco, un passo verso l’invasione dell’Iran, un passo che la Russia e la Cina non possono permettere senza accettare la propria distruzione imminente. In effetti, ci troviamo di fronte all’inizio della Terza Guerra Mondiale, che sarà combattuta esattamente per la stessa ragione per cui le prime due guerre mondiali sono state combattute, vale a dire, per sfuggire al collasso finanziario del sistema capitalista.
Possiamo guardare ai leader della sinistra occidentale con fiducia? In cosa consisterebbe una leadership? Sembra ovvio che abbiamo bisogno di dirigenti che siano in grado di superare la loro catastrofica seduzione del 2011. Dobbiamo ammettere apertamente che la sinistra ha completamente sbagliato la sua analisi, ed è stata raggirata da un nemico con competenze enormemente superiori alle sue quella che essa oggi possiede, in generale. Dobbiamo cominciare a estirpare il marcio dal buono. Abbiamo bisogno di persone che capiscano che questa è una lotta all’ultimo sangue contro un nemico che non si fermerà mai, fino a quando non sarà fermato per sempre. Abbiamo bisogno di persone che non siano spinte dall’isteria della maggioranza. Che affermino apertamente che la maggioranza, spesso se non di solito, sbaglia completamente.
La superstiziosa riverenza verso la democrazia rappresentativa deve finire, e una guerra totale contro i media borghesi deve iniziare. La chiesa è finita come potere politico, ma i media borghesi ne hanno preso il posto. E’ questo ambito che deve essere distrutto, non solo l’ultimo detentore di esso. Soprattutto, dobbiamo collegarci con i rivoluzionari autentici in India, Nepal, Sud America e Africa. La loro lotta è la nostra lotta. Le marionette che la seconda “primavera araba” ha portato al potere (la prima primavera araba fu usata per distruggere l’impero ottomano dopo la Prima Guerra Mondiale, e installare i burattini degli inglesi e degli Stati Uniti nel mondo arabo), queste ultime marionette devono essere distrutte. Dobbiamo continuare il grande lavoro iniziato dal colonnello Muammar al-Gheddafi.
La Bandiera Verde deve sventolare a fianco della Bandiera Rossa.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il ritorno del barboncino feroce

I feroci barboncini rossi trovano i padroncini: Sarkò e Sorkà

Nella battaglia di Libia crepa, una volta per tutte, la sinistra mestatrice, furbetta e piagnona d’Italietta. L’espressione geografica non poteva che produrre una ‘sinistra’ espressione dell’accidenti. Uno spettacolino osceno viene impancato da rivoluzionari duri & puri, da antimperialisti in fregole e sornioni professoroni in ‘spioncinismo’ e sionismo acuto.
Il rivoluzionario duro&puro è il notorio scribacchino mantenuto dalla famiglia Berlusconi, Evangelisti Valerio, un rivoluzionario che ha sempre combattuto per il ‘popolo’, che guardacaso, per fortuna fottuta, coincideva con la sua figura (il barboncino Valeriuccio ha fatto la guardia rossa al ministero delle finanze, il professore di marxismo-leninismo all’università di Bologna, il teorico della rivoluzione alla Mondadori). Ancora eccitato e gasato per la sua prode linea di azione contro il complotto dei complottisti ‘rosso-bruni’, i redivivi orchi onirici nazimaoisti, l’indefettibile combattente delle rivoluzioni altrui, e a spese della Maison Berluska, Valerio Evangelisti ha ritrovato modo di ritornare in orgasmo vedendo negli islamo-monarchici di sua maestà britannica, e nei mercenari della CIA, i nuovi baluardi della rivoluzione proletaria mondiale. Così, sprezzante di tutte le informazioni propalate dai ‘complottisti’ rosso-bruni, americani, europei, bianco-celesti, destri-sinistri, rosso-gialli, rosso-neri, a puà o a strisce, e perfino del manifesto o del giornale, che affermano che la sollevazione contro la Jamahiriya è un operazione armata dalle potenze occidentali, in vena di scherzi neocoloniali, il barboncino annoiato dall’ovattato salotto berlusconide, si getta a capofitto (ben inteso, metaforicamente, essendo ben accucciato nella villetta messicana pagata da Papi Silvio), nella lotta rivoluzionario-proletaria dei bolscevichi bengasini che rispondono ai nomi di Jibril, Hiftar, Younus, al-Hasidi, ecc. Tutti campioni dell’applicazione dei principi politico-militari di Zio Ho e del Generale Giap. Questi, si sa, avevano chiesto alla NATO, durante le guerre di liberazione contro Francia e USA, l’intervento dei bombardieri. Quale combattente rivoluzionario e nazionalista, socialista e comunista, non ha preteso che lo SHAPE venisse a toglier loro le castagne dal fuoco? E un’ardua domanda che va posta al truce e trucido cowboy rosso, oggi travestito da ascaro rosso, come insegnano le festicciole serali del suo mentore finanziario, Papi Silviolo. Sappiamo che risposte non arriveranno, almeno che qualcuno gli tradurrà qualcosa di somigliante pescato dal sito mega-rivoluzionario ‘En Route‘; un sito che ha la modesta pretesa di guidare le fantasmatiche e sconvolgenti ‘Rivoluzzzioni’ in Nord Africa e Medi Oriente, tipo come evitare un qualsiasi fastidio all’emiro del Qatar (la sua ‘al-Jazeera‘, in fondo, non è la ‘Pravda’ in sedicesimo dei pasquinelli-evangelisti-giannuli, ‘comunisti’ in altrettanto sedicesimo?) e regalargli il petrolio del popolo libico. E altre  simili amenità rivoluzionarie.
Ci sarebbe da sollazzarsi del sollazzo autoerotico di questi fulgidi figuri nel loro ruolo di volontarie fidanzatine delle maitresses Sarkò e Sorkà. Siamo al bondage con l’ideologia del padrone, alla maso-maso di Giannuli, che rispondendo alla domanda preoccupata di molti: i francesi, gli inglesi e gli statunitensi armano la rivolta contro la Jamhiryia Libica, colpendo gli interessi strategici italiani? Il beffardo ‘Algido Lunnai’ risponde con un cattedratico ‘Embeh!’, “L’appoggio dato da anglo-franco-americani. Va bene: questo appoggio c’è e, con ogni ragionevolezza, va oltre i raid aerei e quello che si vede. E allora?” “Quello che conta è la rivoluzione apertasi nel mondo arabo, tutto il resto (raid aerei inclusi) passa in seconda linea.” Leggasi ciò con quanto riferito sopra: sono i rivoluzionari che chiedono l’intervento straniero di potenze note nella regione, per il loro passato coloniale? O sono gli ascari, i traditori e i nemici del popolo, che chiedono l’intervento estero? Perchè, ricordiamoci, visto che siamo in vena di barzellette sconce (tipo ‘Lenin fece la stessa cosa‘) che se si chiede l’intervento della NATO, lo sarà forse perché il Popolo Libico reale  e concreto, e non quello immaginato nei loro sogni chimici dalla banda pasquinelli-evangelisti-giannuli, questa ‘rivoluzzzione’ proprio non la vuole.
2+2 fa 4 e la verità è rivoluzionaria e fa male, soprattutto ai rivoluzionati in sussiegose ciabatte da para-‘marxismo’ da cattedra. Se i gloriosi ribelli, che fino a ieri erano civili pacifici e disarmati, poi, scoperto il meschino trucco mediatico, ci vengono presentati, ancora oltraggiosamente, come avanguardie della rivoluzione proletaria mondiale, allora è chiaro che non si ha a che fare con gente onesta e sincera, ma con squallidi ruffiani in perfetta malafede. Come già accennato, questi piccoli delinquenti, perfetti intellettuali-gangster, ma da marciapiede di periferia, propongono pavlovianamente sempre lo stesso sconcio paragone col Lenin sul ‘treno piombato‘ lanciato dal Kaiser contro lo Zar. I cacciatori di orchi rosso-bruni, questi tristi barboncini padronali, nel loro tentativo di tingersi di rosso proletario, in realtà ripescano vecchi ritornelli della destra ultrareazionaria: come le accuse contro Lenin di essere un agente dell’imperialismo o contro Trotskij di essere un agente di Wall Street, ecc. Che i rivoluzionari da scrivania nostrani, con apparente non-chalance riprendano bellamente tali fanfaluche per giustificare il loro giochetti masochistici alla corte di Versailles, non va bene. Qui la cosa diventa irritante, poichè questi inopportuni frequentatori di mistress londinesi e maitresses parigine, tentano di trascinare Marx, Engels, Lenin, Trotzkij, Mao e Guevara nei postriboli di Solenzara, Aviano e Sigonella. A questo punto è necessario bloccare tali figuri e dirgli in faccia che i loro animi e le loro idee possono benissimo trascinarli nei gorghi del cesso, ma che non devono osare infangare, sporcare e prostituire un secolo e mezzo di Storia e di Idee appartenenti ai movimenti di emancipazione dei lavoratori e dei popoli, al solo scopo di sollazzare la loro spregevole e pervertita clientela. Tra l’altro, questi rottami, capintesta la megera Rossanda del manifesto, hanno osato paragonarsi alle Brigate Internazionali; ma a ben guardare, semmai assomigliano agli ascari del Tercio di Francisco Franco. Infatti appoggiano un pronunicamento reazionario-monarchico contro un governo repubblicano e socialista. Andassero a studiare la Storia, o almeno, abbiano la decenza di evitare di manifestare pubblicamente simili oscenità.
In fondo, da quello che succede in questi mesi, si comprende la reale natura e origine degli astiosi attacchi di certa sinistra à la page, verso i cosiddetti geopolitici, rosso-bruni ecc. Una serie di aggressioni studiata con premeditazione che, oggi, è lecito presumere rientrare in un piano dai contorni che vanno definendosi vieppiù.

Alessandro Lattanzio, 4/4/2011

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 351 follower