Primavera araba: fine di una favola orientale?

Vitalij Bilan, New Oriental Outlook 20/21/2014
cronyism-the_reason_for_the_arab_springDopo l’inizio trionfale nel 2011-2012, recentemente il “fiore all’occhiello” delle rivolte arabe, il movimento islamico dei Fratelli musulmani sponsorizzato dal Qatar, ha perso terreno praticamente in tutta la regione, di fatto primo segnale della decadenza della promettente favola orientale chiamata Primavera Araba. Innanzitutto,  in Libia il blocco dei partiti islamici ha perso con l’unione delle forze politiche laiche del Paese nelle elezioni parlamentari del 2012. Dopo di che, vi fu il fallimento in Mali, dove la Francia riuscì ad impedire la formazione dello Stato islamico indipendente dell’Azawad guidato dall’odioso gruppo pro-Qatar Ansar al-Din, nella parte settentrionale del Paese. Poi con il fallimento in Siria e il colpo di Stato militare in Egitto, seguito dalla messa al bando dei Fratelli musulmani nel Paese, sembrano essere stati abbattuti i principali “capofila” del piano d’integrazione islamista regionale. Di conseguenza, lo scorso autunno, l’ex-”inconciliabile” emiro del Qatar shaiq Tamim bin Qalifa al-Thani inviava al presidente della Repubblica araba siriana Bashar al-Assad la sensazionale proposta di ripristinare le relazioni diplomatiche tra Doha e Damasco, rotte su iniziativa del Qatar dopo gli scontri scoppiati in Siria. Il regime del Qatar è sempre stato caratterizzato da un istinto politico appassionato. A quanto pare, Doha era pronto a continuare a sostenere le “rivoluzioni”, nonostante la sua lotta fallimentare  contro le eccessive ambizioni regionali della Francia nel vicinato meridionale degli europei e i i problemi politici in Qatar. Tuttavia, il cambiamento nelle priorità della politica statunitense in Medio Oriente, in primo luogo il riavvicinamento tra Washington e Teheran, è pari a una ritirata.
Naturalmente, la Casa Bianca può essere compresa. Il miglioramento delle relazioni con Teheran permetterà a Barack Obama di utilizzare l’Iran come contrappeso alla potenziale crescita d’influenza dei taliban dopo il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan. Inoltre, consentirà all’attuale leader degli Stati Uniti di sbarazzarsi finalmente della politica dei neoconservatori che invoca la “democratizzazione del Grande Medio Oriente”, che Obama ha ereditato dalla precedente amministrazione, e concentrarsi sulla soluzione dei problemi interni. Tuttavia, mentre il più flessibile Qatar ha “capito” la situazione, un altro sponsor della Primavera araba, il lento regime “gerontocratico” saudita sembra non riuscire a cogliere le nuove tendenze geopolitiche. Pertanto, deve ora fare una scelta difficile: o continuare ad attaccarsi ostinatamente alla sua linea, esprimendo la propria insoddisfazione per la recente “politica traditrice” dell’alleato chiave d’oltre-atlantico ad ogni occasione o, come Doha, accettare il ruolo “extra” degli Stati Uniti nel nuovo scenario mediorientale. Per il momento, è evidente che la testardaggine prevale. In particolare, ciò è testimoniato dal rifiuto di Riyadh nel divenire membro non permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Inoltre, la dichiarazione del capo dell’intelligence saudita, principe Bandar bin Sultan, durante un incontro con diplomatici occidentali, è eloquente in tal senso. Ha detto che il suo Paese avrebbe presto “cambiato significativamente politica estera”, riconsiderando le relazioni con gli Stati Uniti. Una delle persone più influenti del regno ha spiegato che tale decisione è dovuta alle differenze sugli approcci verso le principali questioni mediorientali. Prima di tutto, la questione siriana, dove la Casa Bianca ha deciso di astenersi dall’utilizzare metodi radicali, dopo aver finalmente capito che il regime siriano attuale potrebbe essere sostituito da gruppi islamisti folli. Inoltre, in particolare, i sauditi sono irritati dal processo di normalizzazione delle relazioni tra Stati Uniti e Iran, principale rivale del regno saudita nella regione. Tale processo è iniziato nella seconda metà dello scorso anno.
Naturalmente, Riyadh spera che l’amicizia tra Washington e Teheran sia temporanea, e che presto tutto torni alla normalità. Tuttavia, iniziano a capire sempre più che l’attuale leadership degli Stati Uniti ha davvero perso interesse nel piano della primavera araba, e che gli statunitensi sembrano aver deciso di andare nella direzione opposta, concentrandosi sul “grande gioco anti-cinese”. Ciò significa che il piano wahhabita, avviatosi con la “guerra lampo” tunisino-egiziana tra fine 2010 e inizio 2011, sia ora in decadenza. Il piano era volto ad integrare l’”ecumene arabo” sotto l’egida delle monarchie arabe del Golfo (principalmente Qatar e Arabia Saudita) soggiogando i moderatamente severi regimi autoritari paramilitari laici, soprattutto in Egitto, Siria, Libia e Tunisia. Dopo aver effettivamente trasformato la Lega Araba nel “potere esecutivo” del Consiglio di cooperazione degli Stati arabi del Golfo, in pieno entusiasmo “rivoluzionario”, Doha e Riyadh riuscirono a trarre il pilastro della futura integrazione “di un’UE araba” da tutto ciò.
Lo scontro di interessi geopolitici con la Francia in Nord Africa, i cambiamenti degli appetiti regionali nella politica estera statunitense, e infine il “tradimento” del Qatar seguito dal rapido raffreddamento dei rapporti tra Doha e Riyadh, hanno fatto sì che ora l’Arabia Saudita sia l’unico Paese che ancora ostinatamente promuove l’idea della primavera araba. Ovviamente, Riyadh spera ancora che l’attuale sentimento filo-iraniano presto sparisca a Washington. In caso contrario, dovrebbe sperare che la Primavera araba diventi interesse del prossimo inquilino della Casa Bianca.

saudi-states-of-america-911Vitalij Bilan, dottorato in storia, esperto di Medio Oriente, in esclusiva per la rivista online “New Oriental Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Le NATO ha intenzione d’invadere la Tunisia per ‘proteggere’ i tunisini!

Karim Zmerli, Tunisie-Secret 13 gennaio 2014

Ansar al-Sharia è un alleato oggettivo degli Stati Uniti, come la capofila al-Qaida è la figlia incestuosa di CIA, Pakistan e Arabia Saudita, prima di rompere il cordone ombelicale l’11 settembre 2001! Grazie al Qatar, e grazie alla “primavera araba”, le relazioni “diplomatiche” tra al-Qaida e la CIA sono state restaurate per realizzare il progetto sionista e neoconservatore del Grande Medio Oriente. L’arresto del criminale e mercenario Abu Iyadh annuncia un nuovo passo della strategia degli Stati Uniti: l’accelerazione e la moltiplicazione di azioni terroristiche in Tunisia, che giustificherebbero l’intervento militare della NATO, ovviamente con l’approvazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, il cui “dovere” è garantire la giovane “democrazia” in Tunisia.

1450262Molti tunisini, rappresentanti di partiti al potere o all’opposizione, sindacati, media, ONG o dell’ANC che hanno perso ogni dignità, non si offendono per i militari occidentali che vengono in loro soccorso nella prova di forza che presto sarà giocata tra le loro truppe regolari e le loro truppe irregolari, o meglio gregge, cioè Ansar al-Sharia, filiale regionale di al-Qaida. Non si offendono perché tutti devono la loro esistenza a tali forze straniere che destabilizzarono la Tunisia nel gennaio 2011 con il sostegno attivo di una miriade di traditori, in primo luogo i cyber-collaborazionisti. Due nuovi fattori annunciano l’invasione e l’occupazione diretta della Tunisia da parte della NATO. In primo luogo l’arresto a Misurata di Sayfallah bin Hasin, alias Abu Iyadh. In secondo luogo, il ritiro tattico di al-Nahda dalla troika del governo. Insieme, questi due eventi suggeriscono che l’intervento della NATO è prevedibile e anche abbastanza probabile. Perché? Perché l’arresto perfettamente cronometrato di Abu Iyadh non lascia indifferenti i suoi discepoli e seguaci mercenari. Reagiranno  per riflesso condizionato con una dimostrazione di forza. Risponderanno per odio ai loro nemici e alleati oggettivi, gli statunitensi, e per vendetta contro i loro fratelli della setta islamista al-Nahda, il cui governo Larayadh li ha denunciati, nell’agosto 2013, come “gruppo terrorista” dopo l’assassinio di Shuqri Belaid e Muhammad Brahmi. Seguendo le direttive statunitensi ed evitando ad al-Nahda il destino dei Fratelli musulmani in Egitto, dopo il risveglio dei patrioti egiziani, Rashid Ghannuchi ha abbandonato coloro che in precedenza vedeva come suoi “figli”. Rinunciando, ma non completamente, poiché Abu Iyadh non fu mai preoccupato, né tanto meno arrestato. A stretto contatto con Abdelhaqkim Belhadj, l’ex-braccio destro di bin Ladin in Afghanistan, Abu Iyadh, così come il suo capo, potrebbe effettivamente rifugiarsi in Libia, tra le braccia dell’intelligence degli Stati Uniti. Ritornato dai suoi mandanti libici, a loro volta agli ordini del Qatar, che a loro volta sono schiavi degli statunitensi, Abu Iyadh ha continuato a corrispondere con i suoi luogotenenti locali Adil Saida, Muhammad Ayadi, Muhammad Aqari, Qamil al-Qadhqadi e Bubaqir Haqim, il francese che, come il terrorista Tariq Marufi tornato da Bruxelles, si stabilì in Tunisia subito dopo il colpo di Stato del 14 gennaio 2011, ancor prima del rilascio di Abu Iyadh nel marzo 2011 su pressione di Siham bin Sadrin, Radhia Nasrawi, Naziha Rjiba, Muhammad Abu, Muqtar Yahyawi e altri pezzi della Quinta Colonna. Bisogna sempre ricordare che questo criminale di Abu Iyadh scontava una pena di 68 anni di carcere per terrorismo, cospirazione contro la sicurezza dello Stato e appartenenza ad al-Qaida.
Il ritiro tattico dal governo di al-Nahda è il secondo motivo per il probabile intervento militare della  NATO in Tunisia. Essendo ora esonerati da ogni responsabilità, i locali Fratelli musulmani di fatto faranno di tutto per dimostrare ai tunisini e all’opinione internazionale che sotto il loro dominio e nonostante alcune scaramucce dei terroristi con l’esercito e la polizia, la Tunisia è più sicura e stabile. Sostenendo le azioni terroristiche future, gli permetterebbe anche di conciliarsi con i fratelli di Ansar al-Sharia e altre frazioni jihadiste che hanno eletto a domicilio la Tunisia, tra cui i terroristi di Hamas. Se il dipartimento di Stato degli Stati Uniti rileva di aver inserito Ansar al-Sharia nella lista delle organizzazioni terroristiche straniere (FTO) ai sensi delle leggi statunitensi sul terrorismo, c’è uno scopo ben preciso: stabilirsi permanentemente in Tunisia, ufficialmente per combattere il terrorismo, ma effettivamente per imporre un nuovo ordine, anche in Algeria che finora ha resistito alla congiura della “primavera araba”. Dopo aver messo nella lista nera “I firmatari con il sangue” e “al-Murabitun”, gruppi terroristici diretti da Muqtar Belmuqtar, il dipartimento di Stato degli Stati Uniti ora indica i tre rami di Ansar al-Sharia a Bengasi, Derna (Libia) e Tunisia come “organizzazione terroristica straniera”, e i loro rispettivi leader Ahmad Abu Qatalah, Sufyan bin Qumu e Sayfallah bin Hasin comunemente noto come “Abu Iyadh.” Il dipartimento di Stato USA ha osservato che i gruppi di Ansar al-Sharia di Bengasi e Derna, creati separatamente dopo la crociata contro la Libia, furono coinvolti negli attacchi terroristici contro obiettivi civili e in molti altri omicidi e tentati omicidi di funzionari della sicurezza e di politici nella Libia orientale, così come nell’attacco dell’11 settembre 2012 contro il consolato statunitense di Bengasi in cui l’ambasciatore Chris Stevenson e tre altri funzionari statunitensi morirono. Per il dipartimento di Stato, i membri di questi due gruppi terroristici libici “continuano a rappresentare una minaccia per gli interessi degli Stati Uniti“, affermando che Ahmad Abu Qatalah e Sufyan bin Qumu sono i leader di Ansar al-Sharia, rispettivamente a Bengasi e a Derna. Su tale scia, il dipartimento di Stato promette una ricompensa di 10 milioni di dollari per informazioni che portino all’arresto o alla condanna dei responsabili di quell’attacco. Le autorità statunitensi sostengono anche che Ansar al-Sharia in Tunisia, fondata da Sayfallah bin Hasin nei primi mesi del 2011, è coinvolta nell’attacco del 14 settembre 2012 contro l’ambasciata statunitense e la Scuola Americana di Tunisi “che mise in pericolo le vite di oltre un centinaio di dipendenti dell’ambasciata degli Stati Uniti.” A tal proposito, sottolineiamo che il governo tunisino aveva dichiarato che il gruppo dell’organizzazione terroristica fu coinvolto in attacchi contro le forze di sicurezza tunisine, nell’assassinio di politici tunisini e in attentati suicidio in luoghi frequentati dai turisti. Per Washington, “Ansar al-Sharia in Tunisia, ideologicamente, economicamente e logisticamente affiliata ad al-Qaida, è la maggiore minaccia agli interessi degli Stati Uniti in Tunisia.”
Tutti i mezzi sono buoni per neutralizzarla, compreso l’intervento diretto in Tunisia, fulcro del terrorismo internazionale e delle future battaglie tra le differenti frazioni del jihadismo, dipendenti dalle intelligence straniere di Stati Uniti, Israele, Qatar, Arabia Saudita e Iran.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Hamas opera in Tunisia dall’aprile 2011

Lilia Ben Rejeb TunisieSecret 5 gennaio 2014

Diversi terroristi palestinesi sono presenti in Tunisia dal 2011. Appartengono tutti al gruppo terroristico Hamas, controllato dall’oligarchia islamo-mafiosa del Qatar. Sono discreti, ma le loro azioni non sono meno pericolose di quelle dei loro fratelli jihadisti di Ansar al-Sharia, la sezione nel Maghreb di al-Qaida. Ecco l’elenco non esaustivo dei terroristi in letargo in Tunisia, in attesa di attivarsi.

29kz1baMentre si sollazza il pubblico con la “lotta al terrorismo” contro i criminali di Abu Iyadh, mercenari di al-Qaida nel Maghreb, altri terroristi, altrettanto determinati e pericolosi, sono in sonno in questa oasi di pace che era la Tunisia. Tali palestinesi appartengono al gruppo terroristico Hamas, il movimento che gli strateghi israeliani lasciarono proliferare per distruggere l’OLP ed emarginare Yasir Arafat. Dall’aprile 2011, alcuni attivisti di Hamas si stabilirono in Tunisia, precisamente a Biserta, Tunisi e Susa. La stessa “migrazione” si ebbe in Egitto, dove gli estremisti palestinesi furono un valido supporto dei Fratelli musulmani, all’inizio della destabilizzazione del Paese nel 2011, che il ministero degli Interni egiziano accusò del coinvolgimento negli attentati a Mansura e Sharqiya (delta del Nilo). Secondo le autorità egiziane, gli attentati attribuiti ai Fratelli musulmani non potevano avvenire senza l’assistenza dei terroristi di Hamas. Non è un caso se il loro leader, il rinnegato Ismail Haniyah, abbia recentemente dichiarato, “Abbiamo 25000 soldati a Gaza e 5000 kamikaze pronti a colonizzare l’Egitto e a distruggere in poche ore esercito e polizia egiziani rimettendo Muhammad Mursi al potere“! Un giornalista egiziano ha risposto ironicamente: “Se hai tutto questo potere, perché non liberi la tua terra dal colonialismo israeliano!” Questo compare del Qatar, dal 4 al 9 gennaio 2012, avrebbe compiuto una visita “ufficiale” nella Tunisia piegata da Qatar, Stati Uniti e dalla loro quinta colonna locale. All’aeroporto di Tunisi-Cartagine, 2000 teppisti accolsero tale farabutto gridando “Uccidere gli ebrei è un dovere”. Con le Qafyah al collo e bandiere palestinesi in mano, questi cani scatenarono un odio fanatico contro gli ebrei che i tunisini non hanno; impulsi antisemiti generati dalla “rivoluzione dei gelsomini”.
Secondo le nostre informazioni, tratte dalla rete patriottica presso il ministero degli Interni, il numero di terroristi di Hamas stabilitisi in Tunisia varia tra i 100 e i 150 elementi, entrati regolarmente Tunisia con passaporti giordani, egiziani e siriani, tra aprile 2011 e settembre 2012. Secondo i nostri informatori, Rashid Ghannuchi e i servizi segreti del Qatar decisero il trasferimento di tale “tecnologia” jihadista, nel caso ci fosse stata qualche brutta sorpresa dall’esercito o dalla polizia. Il traditore generale Rashid Amar lo sapeva, così come l’attuale ministro degli Interni Ben Jedu. Anche qui, come ha riferito il sito Mosaique FM il 7 agosto 2013: “Secondo il giornale al-Sahafa, fonti palestinesi hanno assicurato che il partito Hamas ha addestrato alcuni membri di un partito politico tunisino nell’uso delle armi armi da fuoco e alle arti marziali a Gaza. Il leader del partito Fatah Jibril Rajub ha assicurato che alcuni istruttori di Hamas si recarono in Tunisia per addestrare i membri dello stesso partito, pur precisando che si tratta di un partito politico e non di un gruppo di salafiti.” Abbiamo capito che il partito politico in questione è al-Nahda e il suo braccio armato Ansar al-Sharia, che secondo alcuni, all’epoca, prima degli eventi di Shambi, era libero di praticare lo sport! Tra tali elementi di Hamas, molti si iscrissero all’università tunisina, e altri aprirono uffici di studio e d’import-export, copertura ideale per nascondere le vere ragioni della loro presenza in Tunisia. Ecco l’elenco di alcuni dei nomi che abbiamo avuto. Ai nostri colleghi condurre le indagini su di loro, cosa facilitata dal fatto che alcuni membri di Hamas hanno il permesso di soggiorno di lunga durata in perfetta regola, e altri lo sono con il pretesto di un tirocinio presso il ministero degli Interni: Yusif Mahmud Hassan, Imad Yahia Abdul Rahman, Saib Said Badr, Mahmud Aqram, Hassan al-Zin, Abdallah Nuaym Said Abid, Qalud Salah Ali Hassuna, Ahmad Muhammad al-Baltiqi, Muhammad Ashraf Muhammad Muslim (pseudonimo), Ibrahim Yahya Mujahid (pseudonimo), Ahmad Ramadan, Wail Muhammad, Ibrahim Ahmad al-Qar, Wisam Qalid Abu Zid (pseudonimo), Muhammad Ahmad, Abdaljawid Abu Taha, Suhayl Hassan al-Balta, Ahmad Muhammad Nuaym, Mustafa Abdallah Aqqad (pseudonimo), Abdul Rahman Abdalqadir (pseudonimo), Muhammad Abdalqarim Baraqit, Muhammad Qalil Sulayman Hammam, Nuh Ayash Mahmud Ismail, Hazim Adil al-Muqriz, Muqbal Anwar al-Sadiq, Jihad al-Din Majdi al-Qatib, Hassan Abu Ahmad Nida (pseudonimo), Ons Abdallah Abdalmuman, Ahmad Abu Dabala, Muhammad Ali Salahdin al-Zaytin, Salahdin Ibrahim Atabi, Imad Amjad Mahmud Abu Saqr (pseudonimo), Walid Ali Qasim Douayji, Iqbal Dafus.
Non c’è bisogno di schemi e lunghe analisi per indovinare il motivo per cui il capo dei Fratelli musulmani tunisini, Rashid Ghannuchi, faccia appello a tali jihadisti di Hamas. Questi fanatici senza scrupoli e onore, ovviamente, hanno risposto alla chiamata “patriottica” del tirapiedi del Qatar, mettendo da parte la causa palestinese. Lasciare in pace Israele per attaccare Siria, Egitto e Tunisia, è infatti uno degli obiettivi geostrategici della “primavera araba”!

Il coinvolgimento di Hamas a Yarmuq trascina la Palestina nella guerra alla Siria
Nsnbc, 5 gennaio 2014

emir-al-thani-haniyeh-1Il capo dell’Ufficio Politico del Fronte palestinese per la liberazione della Palestina – Comando Generale (PFLP-GC), Hissam Arafat, s’è rivolto ai giornalisti durante la conferenza stampa a Ramallah del 5 gennaio 2014, sottolineando che Qatar, Turchia e Arabia Saudita sono responsabili della crisi umanitaria nel campo profughi palestinese di Yarmuq, nella periferia della capitale siriana Damasco. Il ruolo di Hamas a Yarmuq e le sue recenti aperture indicano che Hamas recluta mercenari contro la Siria, trascinando la Palestina nella guerra contro la Siria.
Il campo profughi di Yarmuq è stato attaccato dalle brigate mercenarie di al-Qaida e dei Fratelli musulmani, sponsorizzate da Arabia Saudita, Qatar e Turchia fin dal 2012. Negli ultimi mesi, un assedio prolungato ha provocato una grave crisi umanitaria presso i rifugiati palestinesi di Yarmuq, comportando malnutrizione e fame. Almeno tre sono morti per malnutrizione nell’ultimo mese. Il capo del PolitBureau del PFLP-GC ha sottolineato che Qatar, Turchia e Arabia Saudita sostengono i gruppi terroristici che hanno causato la crisi ed ha chiesto la fine immediata della sponsorizzazione dei mercenari. Hissam Arafat ha sottolineato che i piani del cessate il fuoco tra gruppi palestinesi e militanti siriani nel campo profughi di Yarmuq sono falliti perché i mercenari qatarioti e sauditi, insieme ai combattenti del movimento palestinese Hamas, hanno deciso di rimanere a Yarmuq e di continuare la guerra. Hissam Arafat ha sottolineato che  già il mese scorso il PFLP-GC aveva chiesto un’azione militare immediata del governo siriano per salvare la popolazione civile intrappolata e affamata nel campo profughi: “Ora, nonostante tutti gli sforzi compiuti per calmare la situazione nel campo e per avviare un cessate il fuoco, l’unica soluzione rimasta è un’azione militare immediata e rapida“.
Sottolineando il ruolo di Qatar, Turchia e Arabia Saudita nella crisi, il PFLP-GC ha più volte indicato il coinvolgimento d’Israele nelle operazioni contro i profughi palestinesi in Siria. Riguardo il sostegno d’Israele agli attacchi contro i campi in cui il PFLP-GC è rappresentato, il partito ha più volte sottolineato il proprio ruolo nella resistenza contro l’occupazione illegale così come contro l’assedio di Gaza. Il movimento Hamas di nascosto si era allineato al Qatar e ai Fratelli musulmani cooptati dall’occidente nel 2007, quando i mutamenti geopolitici dovuti alla scoperta dei grandi giacimenti di gas nel Golfo Persico, condivisi tra Qatar e Iran, indussero Hamas e la libanese Jama al-Islamiya a riallinearsi in vista della guerra contro la Siria, poi avviata nel 2011.
L’analisi pubblicata da Nsnbc International il 4 gennaio 2014, suggerisce fortemente che Hamas abbia iniziato a creare una rete di reclutamento dei palestinesi per combattere a fianco dell’esercito dei mujahidin (AoM) sostenuto dal Qatar, l’ultima organizzazione mercenaria del Qatar coinvolta nella guerra contro la Siria. L’analisi indica che Hamas tenta di spacciare l’AoM quale “vera rivoluzione siriana” che combatte contro al-Qaida, mentre in realtà le brigate di al-Qaida, sostenute dall’Arabia Saudita, e le brigate della Fratellanza musulmana, compresa Hamas, sostenute dal Qatar, sono strumenti fondamentali delle ambizioni geopolitiche d’Israele e della NATO in Medio Oriente.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Gli Stati Uniti hanno davvero svolto un ruolo nella rivoluzione tunisina?

Abdelaziz Belkhodja, Tunisie Secret 26 dicembre 2013

Tre anni dopo la calamità che ha colpito la Tunisia e parte del mondo arabo, Abdelaziz Belkhodja torna sulla questione tunisina. Conoscendo ora la risposta, non c’è bisogno di essere un esperto per sapere che in geopolitica non solo gli statunitensi hanno svolto un ruolo di primo piano nella destabilizzazione della Tunisia, ma hanno scelto l’anello debole per realizzare il loro piano sionista del Grande Medio Oriente, iniziato con l’invasione e la partizione dell’Iraq nel 2003. Questa cospirazione contro la Tunisia non sarebbe stata possibile senza l’aiuto dei cyber-collaborazionisti. di cui l’autore di questo articolo non indica che il movimento Taqriz. E tuttavia, non menziona i nomi dei fondatori di Taqriz, “due giovani anonimi tunisini”. L’opinione pubblica tunisina ha il diritto di sapere chi sono: Riadh Didan (Foetus), di Ben Arus e che vive a New York, e Qasim Marzuqi (Waterman), commercialista che vive nella regione di Lione. Presto pubblicheremo i nomi e le foto di tutti i cyber-collaborazionisti di cui abbiamo potuto ricostruire l’elenco completo.

april_6_youth_movementOggi, mentre i fatti cominciano a datarsi, le teorie di un complotto estero abbondano. E’ chiaro che la dittatura di Ben Ali aveva critici all’interno e all’estero. Questi critici stranieri avrebbero svolto un ruolo nella rivolta? Quale? Molto fu fatto dai blogger. Che fossero solitari od organizzati in gruppi, come Taqriz, effettivamente agirono. Ma quale fu il peso reale di tale azione? Tornando all’inizio: creato nel 1998 da due giovani anonimi tunisini, Taqriz [1] (ma anche e-MAG) fu un tenace oppositore del regime. Un terzo membro chiave, soprannominato Ettounsi, entrò nel gruppo nel 2000. Quest’ultimo, responsabile di Publinet [2], fu identificato e arrestato nel 2002. Il suo nome era Zuhayr Yahyawi [3]. Torturato per mesi, secondo Amnesty e Human Rights Watch, fu condannato ad una pena detentiva. Nel 2005, a seguito del rapido deterioramento della salute, morì. Taqriz subito si silenziò. Tre anni dopo, nel 2008, il gruppo risorse usando metodi simili a quelli del potente movimento nato nel 1998 in Serbia [4]: Otpor (Resistenza). Tale movimento fu rapidamente recuperato dalle ONG [5] legate a potenti lobby che indirizzavano i blogger verso la resistenza “non violenta”. Dopo il successo delle rivoluzioni [6], dei “corsi” furono organizzati apertamente nelle ambasciate USA in Tunisia, Egitto e Siria, dopo dei soggiorni negli Stati Uniti e in Marocco. Durante queste visite, corsi di formazione furono preparati per i dissidenti. Dal 14 gennaio, diversi blogger tunisini dichiararono di avervi partecipato.
Fino al 2008, le autorità tunisine, che controllavano perfettamente internet, non credevano ad una minaccia specifica dalle reti sociali [7], ma era troppo tardi: qualche dissidente e oppositore finanziato dal NED ottenne un po’ di reputazione sul web. Alcuni adottarono gli intelligenti metodi della “non-violenza” [8] studiati nei corsi seguiti. Tra questi metodi, la destabilizzazione delle forze dell’ordine tramite la provocazione non violenta [9] o la disinformazione. Ad esempio realizzando foto o video fasulli, pubblicando notizie false o documenti ufficiali falsificati, ecc. Sui video, i tunisini furono particolarmente scioccati nel vedere le dolorose sequenze della repressione e di civili uccisi, alcuni di questi video, anche se pochi, furono fabbricati [10] per scioccare. Inoltre, dopo la redazione della lista ufficiale [11] delle vittime, sappiamo che tra il 25 dicembre 2010 e il 7 gennaio 2011 non vi fu alcuna vittima da arma da fuoco. Eppure i video mostrano morti e testimonianze di molti omicidi, in quei giorni. Tali metodi furono notati anche in Siria, Egitto e Libia. L’addestramento pubblico a tali metodi è ormai parte integrante di un avanzato programma specializzato in scienza politica presso l’Università di Belgrado. [12] Secondo un libro di testo, troviamo tra l’altro queste tattiche non violente:
- l’organizzazione di un finto funerale. [13]
- l’uso di veri funerali di massa per protestare [14]
- la gestione di campagne politiche riflesse
- l’organizzazione di scioperi strategici, per bloccare un sistema economico.
Tutto ciò riguarda le azioni non violente. Restano le azioni violente. Qui è molto più difficile agire.  Si tratta di trovare un altro tipo di militante, capace di rischiare la vita in scontri molto pericolosi. Qui, forse, serve cercare dei collegamenti con le tifoserie. Tali gruppi, ben organizzati, cresciuti nell’anonimato imparando ad affrontare la polizia in modo organizzato (battaglie) e lanciando campagne diffamatorie, contribuiscono a creare e rafforzare tra i giovanissimi uno spirito di resistenza alla polizia. In Tunisia, tali gruppi furono a lungo potenziati, fino ad attrarre dal 2006 l’attenzione della polizia che li ha perseguiti impedendogli di organizzare manifestazioni [15] negli stadi e poi reprimendoli direttamente. Gli stadi e il web [17]: in tal modo le strutture dell’intelligence tunisine [16] furono costrette, nell’emergenza, ad adattarsi ai due nuovi campi di battaglia correlati. Tali gruppi di tifosi, che mantenevano da anni l’odio per l’”Haqim” [18], giocarono un ruolo nelle manifestazioni organizzate pubblicamente su facebook? Giocarono un ruolo negli attacchi contro la polizia? Diversi testimoni oculari confermarono che organizzarono degli assalti con le molotov, ma ciò non costituisce una prova. Il numero di attacchi fu così grande (il 14 gennaio si registrò la distruzione di 126 commissariati e di 260 edifici pubblici), spesso firmate dalle tifoserie, tanto da far pensare a gruppi organizzati che partecipavano o istigavano al saccheggio di edifici pubblici. Va notato, andando in questa direzione, che il gruppo Taqriz era il più vicino a determinate tifoserie, e gli internauti videro foto e video delle loro imprese pubblicati dagli  amministratori di Taqriz: irruzioni nelle serate organizzate dal RCD, la firma ACAB (“tutti i poliziotti sono bastardi”), e varie provocazioni e attacchi organizzati negli stadi, nel 2010. Oltre all’appello alla violenza, il gruppo [19] pubblicava anche manuali d’istruzione per fabbricare maschere anti-lacrimogeni e bombe molotov. Casi simili furono osservati durante la rivoluzione egiziana. A piazza Tahrir, gli “ultras” del famoso club al-Ahly organizzarono la resistenza per contrastare alcuni attacchi, come quello dei cammellieri inviati a disperdere la folla. Si noti inoltre che uno dei blogger egiziani disse di aver frequentato dei corsi in Serbia. [20]
In breve, sindacalisti, associazioni, insegnanti, giornalisti, partiti politici, Taqriz, blogger, gruppi di tifosi e semplici cittadini poterono, ciascuno a suo modo, attivarsi per far cadere il regime di Ben Ali, con l’ardente desiderio di finirlo. Si noti che altri blogger e migliaia di internauti normali, che non ricevettero un addestramento, contribuirono enormemente a divulgare informazioni “sensibili”,  correndo rischi e subendo minacce, clandestinità o il carcere del ministero degli Interni. Se il ruolo degli Stati Uniti passò attraverso le ONG [21], si trattò del supporto classico agli oppositori e del finanziamento dei cyber-dissidenti, poi lasciati liberi di agire. Tale tipo di sostegno è esistito per anni in decine di Paesi, è per questo motivo che non fu per nulla decisivo.

Note
[1] – “Collera” in tunisino.
[2] – All’epoca Publinet, libero ritrovo per i giovani, vero incubo della DSE (comunemente nota come polizia politica), erano assai controllato.
[3] – Parente del giudice Zuhayr Yahyawi e della blogger Amira Yahyawi (Mira404).
[4] – Movimento creato da Srdja Popovic e da diversi studenti nel 1998. Questo gruppo operò per la caduta di Milosevic nel 2000 e di altri regimi ex-sovietici in seguito.
[5] – National Endowment for Democracy (NED): associazione il cui obiettivo ufficiale è l’istruzione e la formazione per la democrazia in tutto il mondo. Freedom House organizzazione che indaga ufficialmente sull’estensione della democrazia nel mondo. “Braccio armato” dell’associazione americana contro il comunismo. La loro principale fonte di finanziamento proviene dal dipartimento di Stato USA. Queste ONG sono virulente verso certi regimi “non democratici”, ma sono molto più morbide verso le petromonarchie.
[6] – In Georgia, Eduard Shevardnadze fu rovesciato nel novembre 2003 dalla Rivoluzione delle Rose. In Ucraina: l’elezione che vide vincitore l’autocrate Victor Janukovich, nel novembre 2004, fu cancellata sotto la pressione della rivoluzione arancione. In Kirghizistan: Askar Akaev fu rovesciato nel marzo 2005 dalla Rivoluzione dei Tulipani.
[7] – I cinesi furono più attivi ed immediatamente bloccarono l’accesso a Facebook, Twitter, Dailymotion, YouTube, certi blog, ecc.
[8] – La nonviolenza è una tecnica di azione politica e di disobbedienza civile intelligente nella guerra non convenzionale adottata dalla CIA nel rovesciare governi inflessibili, senza provocare un’indignazione internazionale.
[9] – Proprio come accade negli stadi o nel giorno di “Nhar 3ala Ammar“.
[10] – In alcuni video non si vedeva nulla, ma si sentivano commenti o altro, e si mostravano finti morti o feriti con il mercurio cromo. Salim Amamu stesso disse che agenzie straniere fornirono apparecchiature video ai giovani tunisini, incoraggiandoli ad utilizzare tali metodi.
[11] – Lista compilata dopo l’indagine approfondita della Commissione per l’accertamento dei fatti.
[12] – Centre for Applied Nonviolent Action and Strategies [CANVAS]. Fondatori e docenti provengono da Otpor, come Srdja Propovic.
[13] – “La lotta non-violenta in 50 punti”, Popovic, p. 159, Centre for Applied Nonviolent Action and Strategies (CANVAS), Belgrado, 2007. Fonte affidabile, l’incendio dell’ipermercato Géant fu causato dopo un finto funerale, non essendoci alcun cimitero nelle vicinanze. La polizia tunisina sequestrò varie bare vuote durante queste sceneggiate.
[14] – Il funerale di “al-Hansha”, giovane ucciso il 14 gennaio, alle 15:00, su Avenue Bourguiba, suscitò un panico indescrivibile seguito dal lancio di gas lacrimogeni e cariche della polizia.
[15] – “Daqla”, letteralmente “l’entrata”, una manifestazione 5-10 minuti prima delle partite che coinvolgeva migliaia di tifosi. La scenografia, a volte molto elaborata, si basava su fiamme, fumo, canzoni e cartelloni colorati.
[16] – Nel 2008, la Direzione Generale Speciale e la Direzione Generale dei Servizi Tecnici crearono delle strutture comuni per l’infiltrazione e l’intelligence. Centinaia di giovani informatici, giornalisti, cameraman, blogger e tifosi furono reclutati per l’infiltrazione.
[17] – Il 30% della popolazione tunisina fu contattata su facebook (2012).
[18] – Si chiama “Haqim” in Tunisia qualsiasi autorità.
[19] – Diversificato in diversi sottogruppi regionali.
[20] – Muhammad Adil, giovane blogger egiziano di 22 anni, ad al-Jazeera: “Ero in Serbia e mi sono addestrato nell’organizzazione di manifestazioni pacifiche, il mezzo migliore per contrastare la brutalità della polizia”.
[21] – Nel 2009, la NED finanziò programmi per l’addestramento di attivisti, associazioni e media in tutta la regione MENA, per fare “conoscere le regole fondamentali dei diritti umani e del dialogo sull’Islam moderato“. I fondi stanziati per la Tunisia ammontavano a meno di 200.000 dollari. I  funzionari della sicurezza tunisini ai tempi di Ben Ali, confermano che tali attività erano note e legali, anche se incompatibili con il regime.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Buazizi, il “barbone” divenuto icona nazionale

Karim Zmerli Tunisie-Secret 15 dicembre 2013

Dallo schiaffo che non ha mai ricevuto alla laurea che non ha mai avuto, tutta sbagliata la storia di questo “barbone”, come dice Farhat Rajhi, divenuto icona nazionale e celebrità mondiale. Come quella che prese di mira l’Iraq, la disinformazione non fu mai così fuorviante, potente e distruttiva per gli Stati-Nazione. Tale disinformazione era un’arma dei servizi statunitensi e fu usata da un gruppo di cyber-collaboratori tunisini, dentro e fuori il Paese. Tre anni dopo la distruzione della Tunisia, si svela l’icona “nazionale” che distrusse la nazione.

alliance-for-youth-movements-logo

Tra un paio di giorni, ci potrebbe essere ancora qualche tunisino che celebra il terzo anniversario dell’immolazione di Tariq Buazizi  (s’è la sua vera identità), che incendiò la Tunisia e il cui devastante incendio si diffuse in Libia, Egitto, Yemen e Siria. Questa è l’occasione per tornare su tale manipolazione di massa che distrusse la Tunisia, di cui i nostri connazionali non hanno finito di pagare, perché il peggio deve ancora venire.
Come abbiamo scritto più volte nel 2011, Bouazizi non si chiamava Muhammad ma Tariq. Non  ebbe una laurea, ma un diploma. Non era di una famiglia povera di Sidi Buzid, ma di una famiglia media, come il 50% dei tunisini, i poveri, i veri poveri, rappresentano il 17% della popolazione tunisina. Non era un venditore ambulante che sfamava la famiglia, ma un ubriacone che ogni notte frequentava feccia come lui. Dopo ogni sbornia, picchiava la madre Manubia per null’altro che  denaro e con cui aveva un conto in sospeso: dopo la morte del marito Taib, dal quale ebbe tre figli, tra cui Tariq, ne sposò il fratello, cioè lo zio paterno di Tariq, dal quale ebbe altri quattro figli.
Il 17 dicembre 2010, Fayda Hamdi (47 anni), agente comunale ed ex segretaria del governatorato di Sidi Bouzid, retrocessa per far posto ad un candidato raccomandato, controllò Tariq Buazizi, fruttivendolo ambulante e senza licenza. “Devi fare come tutti i commercianti, avere una licenza per vendere legalmente“, disse. Volgare e violento, quest’ultimo rispose: “Vai ai farti...!” Lei finse di confiscargli la bilancia, replicando: “Come pensi di pesare ora?” Sempre violento e minaccioso,  rispose: “Con le tue tette da pu...”. Fayda Hamdi dichiarò: “Gli dissi di andarsene, ma cominciò ad urlare, mi spinse. Volevo confiscargli bilancia e merce. Ha resistito ferendomi a una mano. Mi insultò con pesanti parolacce. Cercò di strapparmi la spallina dell’uniforme. Dei rinforzi arrivarono…” solo allora la merce dell’ubriacone fu confiscata da altri agenti comunali giunti in soccorso. Dopo una bevuta di tre ore, Tariq Buazizi si recò al governatorato dove nessuno voleva riceverlo. Meno di un’ora dopo si diede fuoco davanti alla sede del governatorato di Sidi Buzid. Da quel momento si avviò la macchina della disinformazione e propaganda. In diretta connessione con agenzie straniere (statunitensi ed europee), un gruppo di cyber-collaborazionisti creò la tragica finzione che non lasciò indifferenti i giovani tunisini: la storia di “Muhammad” Buazizi, un giovane laureato disoccupato, umiliato e schiaffeggiato dalla polizia di Ben Ali. La sera stessa, la rete TV  islamo-sionista al-Jazeera diffuse questa tragica finzione. In questa manica di cyber-collaborazionisti istruiti ai metodi dell’organizzazione serba Otpor, agenzia della CIA finanziata da Freedom House, vi erano persone pienamente consapevoli di lavorare per delle potenze straniere e vi erano coloro che li seguivano come pecore. Questi cyber-collaborazionisti sono noti a tutti e non è necessario ricordarne i nomi.
Sei mesi dopo la morte di Tariq Buazizi, il mito iniziò ad incrinarsi. In un articolo di Christophe Ayad, “La rivoluzione dello schiaffo” su Libération dell’11 giugno 2011, Lamin Buazizi,  sindacalista da Sidi Bouzid, ammise che “In realtà, tutto fu inventato a meno di un’ora dalla sua morte. Disse di essere un laureato disoccupato per colpire il pubblico, quando era solo diplomato, e che era un fruttivendolo. Per istigare gli analfabeti s’inventò lo schiaffo di Fayda Hamdi. Questa è una zona rurale tradizionale, e ciò scioccò la gente.” Il sindacalista si dimenticò di dire che questa disinformazione non fu un prodotto locale, ma proveniva da oltre Atlantico! Questo sindacalista venduto all’ambasciata degli Stati Uniti di Tunisi, e in costante contatto con la cellula nera di al-Jazeera, non aveva altra scelta che ammettere una parte della verità. Il 19 aprile 2011, dopo quattro mesi di detenzione nel carcere di Gafsa, il giudice di Sidi Bouzid ordinò un non-luogo a procedere, essendo Fayda Hamdi totalmente innocente. Il primo a scrivere che “Lo schiaffo non ci fu mai” fu il professor Abdelhamid Largash del giornale on-line Leaders, il 25 maggio 2011. Poi ci fu l’articolo di Christophe Ayad, come detto sopra. Il colpo di grazia arrivò da Muhammad Amin Manqai con il suo articolo “Tunisia, ascesa e caduta di Muhammad Buazizi“, Kapitalis, 23 giugno 2011, in cui  cita Farhat Rajhi, l’effimero ministro degli Interno dopo la caduta del regime: “Muhammad Buazizi era un barbone, null’altro che un tizio da evitare quando cammini con tua moglie o tua sorella per strada!” Così, in pochi mesi, un Hela Beji fu elevato alla dignità di “San Buazizi” (Le Nouvel Observateur del 10 gennaio 2011), Farhat Rajhi lo sminuì all’indegnità di “barbone e null’altro.” Il ribasso di Tariq Buazizi nella borsa della “primavera araba” non impediva a Bertrand Delanoë, sotto la pressione di comunisti ed ambientalisti, di assegnarne il nome a una piazza di Parigi, proprio quando la targa che ne onorava la memoria nella città natale, Sidi Bouzid, veniva distrutta da ragazzini, laureati disoccupati, umili del Paese, persone oneste ed affidabili nonostante la povertà e l’ingiustizia sociale.
Tariq Buazizi non partecipò alla distruzione della Tunisia. Questo giovane ubriacone, come migliaia in Tunisia, non pianificò il suo suicidio, né tanto meno la destabilizzazione, occupazione e islamizzazione della Tunisia. Coloro che ne furono responsabili, davanti alla storia, fu il branco di cyber-collaborazionisti della CIA, che sotto l’ombrello di Alec Ross, consigliere speciale di Hillary Clinton, e di Jared Cohen, l’organizzatore dell’Alliance for Youth Mouvement (AYM) che si tenne a Washington nel dicembre 2008 riunendo i vari piccoli ratti tunisini, egiziani, libici, yemeniti, siriani e algerini della futura “primavera araba“. Tra i responsabili di fronte alla storia vi è anche l’esercito virtuale (facebook e tweeter) dei rinnegati involontari, ingannati dai cyber-collaborazionisti e istigati dalla TV islamo-sionista al-Jazeera.

howtostartTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 282 follower