La Russia e il tiro alla fune multipolare sulla ‘Jugoslavia araba’

Andrew Korybko (USA) 14 agosto 2014

bilde
L’Egitto è il maggiore Paese del mondo arabo e di conseguenza è sempre stato uno dei pesi massimi negli affari regionali. Per quasi mezzo secolo, nel 1974-2013, il Paese fu saldamente comandato dagli Stati Uniti, ostacolandone la possibilità di crearsi una politica estera indipendente. Dalla caduta di Mursi, tuttavia, al-Sisi ha guidato il Paese sulla via della diversificazione nella politica estera, anche coltivando legami con la Russia. E’ attraverso questa ristabilita amicizia russo-egiziana che esiste una delle finestre più significative per la positiva trasformazione regionale, e la Russia può sottrarre l’Egitto alla stretta degli Stati Uniti abbracciando il mondo multipolare, dove il Paese assumerebbe il ruolo di ‘Jugoslavia araba’.

I nuovi amici sono d’argento e i vecchi d’oro
Al-Jazeera riporta che l’Unione Sovietica era “alleata” dell’Egitto governato da Nasser, dal 1956 al 1970 questo rapporto fu incarnato da legami culturali, militari ed economici, e la diga di Assuan, che fornisce metà dell’energia elettrica all’Egitto, fu costruita con l’assistenza sovietica, creando un solido monumento fisico all’amicizia storica tra i due Paesi. Nonostante ciò, il corteggiamento degli Stati Uniti di Sadat, successore di Nasser, capovolse l’equazione geopolitica regionale, trasformando l’Egitto da alleato sovietico ad ansioso Stato cliente degli USA. Essendo basata sul denaro, non era un vera alleanza ed era destinata a essere rovesciata, in un modo o nell’altro. Ironia della sorte, fu proprio la folle politica estera degli Stati Uniti che respinse l’Egitto da tale relazione politica neo-coloniale verso il sistema multipolare.

Il maggiore tradimento
L’amicizia d’argento degli USA con l’Egitto apparve nel 2011, con gli eventi della primavera araba.  In realtà, fu una rivoluzione colorata a livello di teatro, progettata da Washington per mantenere l’egemonia sulla regione. La maggior parte dei leader invecchiava ed era al potere da secoli, il che significa che erano pronti a scomparire o essere rimossi. Ciò era vero soprattutto per Mubaraq, insultato da un forte segmento della popolazione che poteva essere facilmente rinchiusa in organizzazione pubblica a lui contraria, se l’infrastruttura sociale fosse stata correttamente schierata. Gli Stati Uniti decisero di prendere l’iniziativa e avviare la trasformazione regionale da soli, per controllare il processo di transizione della leadership. Cercarono di utilizzare la transnazionale dei Fratelli musulmani come l’Unione Sovietica utilizzò il partito comunista, per portare al potere una cricca sotto il loro dominio, e questa missione richiese molto tempo per affermarsi. Il tradimento degli Stati Uniti di Mubaraq, equivalse pertanto a uno dei più rischiosi azzardi della politica estera della Guerra Fredda, e non sorprende che non sia riuscito quando il popolo d’Egitto si ribellò e rovesciò Mursi nel luglio 2013.

Sogni jugoslavi
L’anno scorso, la politica estera dell’Egitto subì colpi di scena e cambiamenti interessanti. Anche se sembrava irregolare ad un occhio inesperto, se esaminato nel contesto multipolare, si poteva vedere che l’Egitto iniziava a recuperare un elemento della precedente politica indipendente, provando a darsi un posizionamento politico nel sistema globale. Se visto dalla conclusione prevista, tale tentativo indica che al-Sisi immagina il suo Paese come la Jugoslavia del 21° secolo in Medio Oriente.

Il riallineamento russo
Operare con la potenza regionale Arabia Saudita e anche cercare di mediare un cessate il fuoco tra Israele e Palestina è una cosa, ma una volta che l’Egitto ha iniziato a contattare la Russia, grande potenza in ascesa, i suoi piani di orientamento multipolare divennero seri ed extra-regionali. Dopo tutto, sauditi, israeliani e statunitensi operavano sottobanco in Medio Oriente, quindi non c’è molta differenza tra le loro manovre di patronaggio che cercano di sfruttare posizioni vantaggiose (che, però, non possono essere sottovalutate nel caso dell’Egitto). A novembre, il ministro degli Esteri egiziano visitò Mosca, dove affermò che il suo Paese voleva ritornare a legami “dello stesso alto livello esistenti con l’Unione Sovietica”. Che un tale riorientamento intenso si verifichi o meno nella misura dichiarata, il fatto che un tale obiettivo sia stato esplicitato è estremamente simbolico. L’Egitto, come è stato rilevato precedentemente, era relativamente caduto in disgrazia presso gli Stati Uniti, dal colpo di Stato contro Morsi, quindi ciò dimostrava che Cairo imparava a manovrare nel mondo multipolare per avere assistenza da Stati non-occidentali o filo-occidentali (del Golfo). Al-Sisi fece il suo primo viaggio all’estero in Russia, dimostrandosi serio nel giocare la sua mano in tale gioco jugoslavo.

Armi agli amici:
Uno degli sviluppi più interessanti ad apparire sono Russia ed Egitto che concludono un accordo da 3 miliardi di dollari in armamenti (per lo più per la potenza aerea) che sarà finanziato da sauditi ed emirati. Ciò mostra le profondità della complessa politica dell’Egitto alleatosi agli Stati del Golfo, e alcuni analisti sospettano che agisca da tramite diplomatico tra Mosca e il Golfo. Può essere visto in tal senso che Russia ed Egitto, indipendentemente da chi paga, vogliono elevare l’amicizia ad un livello tecnico-militare superiore. La Russia vede il commercio di armi con l’Egitto come primo passo ufficiale per ricostruire l’amicizia ostacolata durante la Guerra Fredda, e l’Egitto è d’accordo su ciò.

Il giubbotto di salvataggio turistico:
I seguaci casuali della diplomazia russa in Medio Oriente, in genere non sanno che i turisti russi contribuiscono in modo significativo all’economia egiziana, e in alcuni casi anche come giubbotto di salvataggio economico durante disordini civili. Perciò, i turisti russi sono un prezioso capitale diplomatico ed economico umano, che può essere sfruttata da Mosca per aumentare ulteriormente i legami con Cairo. È un dato di fatto, si prevede che 3 milioni di turisti russi potranno visitare l’Egitto entro la fine dell’anno, continuando a mostrare il valore di questo tipo di diplomazia umana, anche se i protagonisti non sono consapevoli del grande ruolo che svolgono negli affari politici. Questo legame economico è ciò che teneva vivi i rapporti tra Russia e Egitto negli anni 2000, funzionando anche da giubbotto di salvataggio diplomatico ed infine ponendo le basi per l’interesse inter-civiltà e la cooperazione culturale futura.

Il filtro delle sanzioni:
Con le relazioni tra Russia e occidente al minimo, l’Egitto ha ora la possibilità di giocare una parte tra i tanti sanzionati dagli occidentali che possono entrare nel mercato russo. Ciò testimonierebbe impegno nella politica multipolare ignorando gli Stati Uniti. Colloqui sono già in corso per aumentare del 30% le esportazioni agricole egiziane in Russia. Il grande quadro è che le contro-sanzioni russe all’occidente abbiano lo scopo di stimolare lo sviluppo macroeconomico del Paese, allontanandosi dall’occidente e puntando ai centri di potere multipolari emergenti, con Cina, Turchia e America Latina che corrono a riempire il vuoto prodotto dall’occidente, ad esempio. L’Egitto aderendo alla corsa, invia l’ennesimo forte segnale all’occidente sull’indipendenza della propria politica estera.

Verso un’unione perfetta:
Proseguendo nella visione economica non-occidentale della Russia, l’Egitto è in trattative con l’Unione eurasiatica per creare una zona di libero scambio. Sarebbe lo schiaffo simbolico allo Zio Sam, se mai ve ne sia stato uno, soprattutto considerando i miliardi di aiuti dati al Paese, ma è improbabile che i sauditi l’accettino gentilmente, dato che il loro obiettivo a lungo termine è portare il Paese nel GCC. Indipendentemente da ciò, solo il fatto che Egitto ed Unione Eurasiatica prendano in considerazione la cooperazione, e che al-Sisi e Putin ne parlino a Mosca e pubblicamente, dimostra che vi è più di quanto si veda. Può far parte del nuovo perno jugoslavo dell’Egitto, cercando di mettere i grandi benefattori gli uni contro gli altri per maggiori vantaggi, ma è dubbio che Putin, l’uomo più potente del mondo, sprechi tempo prezioso per qualcuno o qualcosa che non costituisca un vantaggio tangibile.

Pensieri conclusivi
L’ultima visita di al-Sisi a Mosca dimostra che il rapporto egiziano-russo si sviluppa nuovamente e che Cairo gioca le sue carte multipolari. Anche se ancora ha una posizione privilegiata con i militari degli Stati Uniti e ha ricevuto 20 miliardi di dollari di aiuti dai regni del Golfo, l’Egitto si volge rapidamente verso la Russia creando un equilibrio triangolare tra questi tre attori. Se si confronta l’attuale stato di cose al 2010 di Mubaraq, gli Stati Uniti hanno chiaramente perso il monopolio dell’influenza sull’Egitto. Così al-Sisi si sforza davvero di diventare il Tito del 21° scolo, muovendosi abilmente tra Washington, Riyadh e Mosca, mettendo il suo Paese nella migliore posizione possibile. Se l’Egitto continuerà la sua trasformazione nella ‘Jugoslavia araba’, le prospettive di un mondo veramente multipolare aumenteranno sorprendentemente, e la cooperazione russa è il combustibile per accelerare questa evoluzione.

RUSSIA-EGYPT-POLITICSAndrew Korybko è corrispondente politico statunitense di La Voce della Russia, attualmente vive e studia a Mosca, in esclusiva per Oriental Review.

Al-Sisi evita lo spazio aereo turco
Hurriyet 13/8/2014

n_70406_1L’aereo del presidente egiziano Abdelfatah al-Sisi ha seguito una rotta inusuale rientrando dalla Russia, evitando di sorvolare lo spazio aereo turco, segnalava il 13 agosto il sito airporthaber.com.
Dopo l’incontro con il suo omologo Vladimir Putin a Sochi, al-Sisi era salito a bordo dell’Airbus 340-200 del governo egiziano che avrebbe dovuto volare verso Cairo. Dopo la decisione di evitare lo spazio aereo turco, il pilota ha dovuto anche evitare lo spazio aereo ucraino, per via degli scontri in corso che videro il volo MH17 delle Malaysia Airlines abbattuto sull’Ucraina orientale. Di conseguenza, l’aereo ha sorvolato Bielorussia, Polonia, Slovacchia, Ungheria, Romania, Bulgaria e Grecia, rientrando in Egitto. Come  in Ucraina, gli spazi aerei iracheno e siriano non sono considerati sicuri per via dei conflitti in corso in entrambi i Paesi. Tuttavia, si è evitato lo spazio aereo turco probabilmente per la crisi diplomatica tra Cairo e Ankara.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Russia e Iran intensificano i legami economici

Le relazioni economiche aggravatesi tra Russia e occidente, spingono Mosca a considerare seriamente Teheran come potenziale grande partner commerciale
Jurij Barsukov e Kirill Melnikov, Kommersant, 7 agosto 2014 – RBTH
339416_Lavrov-ZarifRussia e Iran hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU) di 5 anni avviando un’ampia intensificazione della cooperazione economica. Il documento pone le basi per l’approccio a un accordo globale da miliardi di dollari nel commercio petrolifero tra i due Paesi. Ma tale attività verso l’Iran viene indicata non solo da società russe, ma anche dai concorrenti di altri Paesi, anche occidentali. “Il memorandum prevede l’espansione del commercio e della cooperazione economica nella costruzione e ricostruzione dell’elettroproduzione, sviluppo delle infrastrutture elettriche, petrolifere e gasifere, nonché fornitura di macchinari, attrezzature e beni di consumo“, dichiarava il Ministero dell’Energia russo. Il ministero ha chiarito che i contratti specifici in queste aree saranno discussi a Teheran il 9-10 Settembre, in occasione della riunione della Commissione intergovernativa di Federazione Russa e Iran (co-presieduta dai ministri dell’Economia dei due Paesi).

Petrolio in cambio di beni
La spina dorsale della maggiore cooperazione economica tra Mosca e Teheran è l’acquisto di petrolio iraniano dalla Russia. Inizialmente le parti hanno parlato di quantità molto grandi, 25 milioni di tonnellate l’anno, circa un quarto di tutta la produzione petrolifera iraniana. Ora, secondo Kommersant, le parti hanno deciso un volume più modesto di 2,5-3 milioni di tonnellate all’anno. L’Iran venderà il suo petrolio a un costo leggermente più conveniente rispetto al Brent. L’accordo annuale potrebbe raggiungere i 2,35 miliardi di dollari. Comunque i 3 milioni di tonnellate l’anno, l’1,5 per cento della produzione iraniana, è una quantità significativa secondo gli esperti. L’analista d’Investkafe Gregory Birge dice che questo importo è pari al 10 per cento dell’esportazione petrolifera della Russia nell’Asia-Pacifico e al 2 per cento delle esportazioni di petrolio verso l’Unione Europea. “Per il mercato del petrolio, si tratta di un importo significativo, soprattutto se le sanzioni alla Russia, in futuro, avranno ripercussioni negative sulla produzione nazionale di petrolio“, ha detto Birge. Secondo gli analisti, la Russia può riesportare il greggio iraniano oppure raffinarlo ed esportarlo come prodotti petroliferi, oppure utilizzarlo nel mercato interno. Il problema principale nella cooperazione petrolifera è trovare un acquirente che importi petrolio iraniano nonostante l’embargo. In precedenza la Russia considerava Bielorussia e Ucraina, dove le aziende russe hanno capacità di raffinazione. Ma per ragioni politiche, tale possibilità è stata abbandonata. Ora si presume che i mercati principali possano essere Cina e Africa (possibilmente il Sud Africa). Oltre al greggio, l’Iran può fornire alla Russia “prodotti petrolchimici, cemento, tappeti, frutta e verdura trasformati“, ha detto l’ambasciatore russo a Teheran Levan Dzhagarjan. Il processo indica che l’Iran intende acquistare prodotti e servizi dalla Russia. Secondo l’ambasciatore iraniano a Mosca, Mehdi Sanai, Teheran è interessata ad acquistare macchinari, rotaie, autocarri pesanti, metalli e cereali russi. L’accordo tra i due Paesi prevede anche la partecipazione delle aziende russe nei progetti iraniani per la costruzione e ricostruzione di impianti e reti elettriche. Pertanto, secondo l’ambasciatore, Teheran è interessata alla partecipazione della Russia nell’elettrificazione delle sue ferrovie. L’Iran valuta la possibilità di acquistare diverse centinaia di megawatt di elettricità dalla Russia. Inoltre, l’ambasciatore ha detto che Teheran sarebbe favorevole al lancio di progetti congiunti per creare mini-raffinerie in Iran e svilupparvi giacimenti di gas.

Le sanzioni hanno accelerato la cooperazione con l’Iran
Secondo gli analisti, la firma del protocollo d’intesa russo-iraniano è in gran parte dovuto al peggioramento delle relazioni tra Russia e occidente. “Mosca ha investito molto per trovare una soluzione diplomatica alla questione nucleare iraniana, ed era pronta ad astenersi da azioni che potessero causare una forte reazione dagli Stati Uniti. Ma la situazione è cambiata“, ha detto l’esperto del Centro PIR Andrej Baklitskij. “La Russia è ora molto meno interessata ad ascoltare le raccomandazioni degli Stati Uniti. Inoltre l’Iran, la cui importanza per l’occidente è notevolmente aumentata per gli eventi in Iraq e la ricerca di alternative agli idrocarburi russi, riceve maggiore libertà di manovra. Infine, già Mosca ha dovuto considerare la minaccia di sanzioni dagli Stati Uniti per aver violato l’embargo petrolifero contro l’Iran; ma ora, quando anche il settore petrolifero russo viene colpito dalle sanzioni, tale fattore ha meno importanza“. Un altro motivo per la rapida attuazione dei piani di Mosca verso Teheran, come affermano gli esperti, è la lotta che s’intensifica per conquistare il mercato iraniano. Dalla fine dello scorso anno, quando l’eliminazione delle sanzioni contro l’Iran è iniziata, delegazioni aziendali provenienti da Cina, Regno Unito, Germania, Francia, Italia, Austria, Svezia e altri Paesi avevano già visitato Teheran. Pochi giorni fa, Reuters e Wall Street Journal, citando fonti industriali tedesche, riferivano che per via della situazione in Ucraina e delle sanzioni di Stati Uniti e UE contro la Russia, le imprese tedesche potrebbero reindirizzare i loro investimenti dall’economia russa a quella iraniana. La Camera di Commercio tedesca prevede, dopo che le sanzioni contro Teheran saranno ulteriormente indebolite, che le esportazioni annuali tedesche verso l’Iran raggiungano i 10 miliardi di euro (nel 2013 furono pari a 1,85 miliardi).

iran_industry_mining78Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Per un’alleanza franco-russa

Questo testo, ancora in discussione, è stato scritto a nome del Comitato Editoriale per un’Europa solidale, firmato da Jean-Paul Baquiast e Jean-Claude Emperor
Dedefensa 30/07/2014

russie-mistral_97Introduzione
20111004klphisuni_3_Ies_SCOAbbiamo precedentemente dimostrato (vedi “Europa, epicentro di un conflitto distruttivo“) che, se l’Europa non si libera degli oltre sessant’anni di dominio imposto dagli Stati Uniti, rimarrà per sempre un semplice strumento attraverso cui perseguiranno il loro piano principale in questa parte del mondo: distruggere la Russia. Ma per sfuggire a tale dominio, l’Europa dovrebbe muoversi verso una entità geopolitica ancora in costituzione, i BRICS. Europa e BRICS rappresenterebbero una forza capace di controbilanciare la potenza statunitense, che rimarrà a lungo superiori nei mezzi a disposizione, se Europa e BRICS agiranno separatamente. Ciò ammesso, vanno fatte due constatazioni:
*L’Europa è troppo dispersa e imbevuta d’influenza statunitense perché sia ragionevole pensare che  possa muoversi velocemente e con l’intensità necessaria verso un’alleanza, o anche una semplice cooperazione strategica, con i BRICS. Sarebbe necessario che gli Stati europei agiscano individualmente, sbarazzandosi dei vincoli imposti dalla diplomazia dell’Unione europea, prendendo l’iniziativa di negoziare un riavvicinamento possibile.
*I BRICS sono troppo diversi e anche troppo lontani dall’Europa affinché negoziati globali con essi siano possibili a breve termine, salvo casi particolari. Ancora una volta, gli europei dovrebbero avere partner privilegiati con cui condividere il maggior numero di obiettivi. Per rispondere a queste due esigenze, ci proponiamo di considerare un’alleanza strategica tra Francia e Russia come primo passo essenziale per l’eventuale creazione di un’alleanza tra Europa e BRICS. Francia e Russia, anche se non hanno frontiere terrestri comuni, condividono dai tempi di Caterina la Grande alla Seconda Guerra Mondiale, visioni e interessi molto simili. Al tempo della dittatura stalinista stessa, le due nazioni non furono realmente contrapposte. De Gaulle fu tra i primi capi di Stato europei a promuovere il riavvicinamento con la Russia. Va notato subito che tale progetto di alleanza con la Russia, oggi potrebbe essere esteso ad altri Paesi europei, tra cui principalmente Germania, Spagna e Italia. Ma in ognuno di questi casi vanno sviluppate le ragioni d’interesse nel rafforzare i legami con la Russia oggi, e che potranno essere ancora più d’interesse domani. Ciò va oltre la portata di questo articolo.
Tornando alla Francia, ricordiamo che quando le truppe dello zar Alessandro occuparono momentaneamente Parigi dopo la caduta di Napoleone, furono quasi perfettamente educate. Ricordiamo anche che l’alleanza franco-russa negoziata nel contesto della prima guerra mondiale, era molto popolare in entrambi i Paesi. Il continuo successo in Francia del dolce dallo stesso nome, non è solo aneddotico. Ciò dimostra la profonda connessione tra le due società, sorta successivamente tale data negli aspetti più spettacolari: letteratura e arti, tecnologia e scienza… Ma su quali basi oggi progettare un’alleanza franco-russa che possa essere prototipo dell’alleanza euroBRICS?

Un progetto geopolitico
Si deve trattare anzitutto di un progetto geopolitico. Questo termine fa riferimento alla proposta di alleanza o riavvicinamento politico tra gli Stati che condividono una stessa area geografica e stessi obiettivi strategici. Questa condivisione, anche nell’età del commercio globalizzato, implica necessariamente interessi comuni. Per Francia e Russia, la condivisione dello spazio geografico non è ovvia osservando una mappa. Ma approfondendolo, questo concetto s’impone: i collegamenti ferroviari, marittimi e aerei sono già numerosi e potrebbero aumentare a costi inferiori. Le similitudini prevalgono in ciò che de Gaulle chiamò l’Europa dall’Atlantico agli Urali e oltre, certo. Oggi degli Stati s’interpongono geograficamente tra la Francia e la Russia, ma non vi è alcuna ragione di pensare che questi stati, o almeno i loro popoli, s’oppongano alla riconciliazione tra le due ali di questo insieme, da cui tutti possono trarre beneficio. Inoltre non sarebbe che la riattivazione di ciò fu l’Europa dell’Illuminismo, prima della Rivoluzione francese.

Un progetto basato sulla comunanza delle complementarità
La complementarità è soprattutto quella delle risorse ed opportunità da sviluppare congiuntamente.  Geograficamente la Russia potrebbe accedere attraverso la Francia alle zone marittime che ancora assai difficilmente raggiunge: arco atlantico, Mediterraneo occidentale, mari d’estensione considerevole (fatto unico) circostanti ciò che compone i cosiddetti territori d’oltremare francesi. Viceversa la Francia potrebbe accedere alle regioni polari e siberiane che, opportunamente gestite, saranno sempre più importanti nel contesto del cambiamento climatico. In termini economici, la Francia relativamente ben industrializzata potrebbe aiutare la Russia a sviluppare i settori interessati, pur beneficiando in cambio di competenze e risorse russe, tra cui tecnologia, energia e miniere (terre rare). Nel settore chiave della ricerca e sviluppo citiamo la possibilità di avviare importanti programmi comuni, quali l’energia verde, le tecnologie NBIC (nano, bio, info e cognitive), ma anche spaziali e della Difesa. Infine, a livello politico e diplomatico, la complementarità sarà più evidente. Come già, in gran parte, nel caso della lotta contro pericolosi  movimenti islamisti in Russia come in Europa e Medio Oriente. La loro estensione attualmente arriva nell’Africa sub-sahariana. Anche se la Francia affronta tale problema in modo diverso dalla Russia, la cooperazione sarà necessaria. In modo più costruttivo, se la Francia smetterà di continuare a seguire docilmente le complessità politiche statunitensi, Francia e Russia unite potrebbero pesare decisamente sui grandi negoziati o conflitti che si svolgono alle loro frontiere: Iran, Iraq, Siria, questione israelo-palestinese, questione curda, ecc. La questione delle differenze di approccio a democrazia politica, libertà civili e morale non dovrebbe essere un ostacolo alla cooperazione proposta. Con il tempo queste differenze diminuiranno e d’altra parte, ogni partner deve dimostrare la propria volontà di dare all’altro la responsabilità delle proprie scelte sociali, senza cercare di cambiarle.

Un processo graduale
Non si dovrebbe nascondere il fatto che differenze e motivazioni sono ancora vive, soprattutto in Francia, in relazione a ciò che potrebbe essere l’alleanza franco-russa. Anche movimenti e politici convinti del suo interesse proporrebbero un approccio graduale, optando per tempi lunghi. Ma chi ha detto che la progressività significhi non decidere su immediati punti emblematici. Si è quindi affermato che se la Francia, cedendo agli ordini degli Stati Uniti, decidesse di non consegnare alla Russia ciò che le appartiene, in questo caso le navi da proiezione e combattimento del tipo Mistral, ideate a Saint Nazaire, è grazie alle sottese speranze di una cooperazione tra i due Paesi. Al contrario, se Francia e Russia approfondissero la cooperazione, già molto fertile, nell’industria spaziale, potrebbero sviluppare più rapidamente vettori, moduli per equipaggi e stazioni terrestri comuni necessari a una maggiore cooperazione negli studi cosmologici, ma anche per l’esplorazione di Luna, Marte e satelliti. Nelle aree d’applicazione immediata, esigenze e opportunità della cooperazione sono numerose, come medicina, robotica, traduzione automatica, scienze sociali e politiche…

Conclusione
Come associazione crediamo nella necessità di un’alleanza franco-russa, e svilupperemo le nostre attività in questo campo sforzandoci di creare, con altre organizzazioni della medesima natura, sia in Francia che nei Paesi europei e in Russia, una rete virtuale utilizzando gli strumenti digitali per suscitare profondi cambiamenti nell’opinione pubblica.

rafale-decore-pour-les-70-ans-du-normandie-niemenTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Perché le sanzioni di Obama contro la Russia sono condannate

MK Bhadrakumar, 30 luglio 2014
1901277La nuova guerra fredda era l’ultima cosa nella mente del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama nel crepuscolo del 22 ottobre 2012 presso il campus Lynn University in Florida. La notte dei lunghi coltelli del famoso dibattito in politica estera per la campagna presidenziale, durante cui Obama umiliò il suo avversario repubblicano Mitt Romney ridicolizzando la tesi che la Russia costituisse la maggiore minaccia geopolitica degli Stati Uniti nel 21° secolo. Così Obama inflisse quel famoso affronto a Romney: “Governatore, sono contento riconosca al-Qaida quale minaccia, se pochi mesi fa, quando le fu chiesto quale fosse la maggiore minaccia geopolitica dell’America, lei disse la Russia e non al-Qaida. E dagli anni ’80 che non si chiede nulla di loro in politica estera perché, si sa, la guerra fredda è finita da più di 20 anni. Ma il governatore, quando si tratta della nostra politica estera, sembra voler riportarla agli anni ’80” (qui).  Nel corso della sua rielezione, Obama indicò il ‘reset’ degli USA nelle relazioni con la Russia come il più brillante successo della politica estera del suo primo mandato allo Studio Ovale. Orgoglioso dell’accordo START sul disarmo con la Russia; del prezioso aiuto della Russia nel creare la rete di transito nota come Rete di Dispiegamento del Nord e in altre aree relative alla guerra in Afghanistan; del taglio russo delle vendite militari all’Iran e della volontà di muoversi in tandem nelle sanzioni statunitensi contro l’Iran, ed altro, quali vantaggi sostanziali della sua politica estera. Non sappiamo esattamente quando Obama ha cambiato idea e deciso di diventare un seguace di Romney. Obama attribuisce la sua metamorfosi interamente agli sviluppi in Ucraina, a 4 mesi dall’annessione alla Russia della Crimea. Ma in questo breve periodo Obama ha oscillato da un estremo all’altro, e come nel suo intervento, qui, sulle ultime sanzioni contro la Russia, testimonia, gode nel “far indietreggiare di decenni l’autentico progresso” della Russia ed “indebolire ancor di più la debole economia russa“.
Obama esulta per “le proiezioni sulla crescita economica russa scese quasi a zero”. Tradendo  rancore e malvagità che macchiano l’immagine degli USA presso la comunità mondiale. Senza dubbio, c’è un mondo intero oltre il Nord America e l’Europa occidentale, che vede le bizzarrie di Obama con incredulità ed esasperazione. Quella grossa parte della comunità internazionale, la maggioranza silenziosa, avrebbe anche un paio di cose da chiedere a Obama. Primo, come può arrogarsi la prerogativa d’interpretare il diritto internazionale sempre nel modo che gli fa comodo su un dato punto? Come spiegare l’aggressione degli Stati Uniti a Iraq e Libia con la conseguente distruzione di questi Paesi e la palese interferenza in Siria? Chi è realmente responsabile dei disordini in Ucraina dell’anno scorso? Ahimè, Obama non si rende conto che segna un auto-goal svendendo la credibilità politica degli Stati Uniti, subendo un effetto strano. Prendiamo per esempio la seducente retorica del segretario di Stato John Kerry, qui, sperando di dare il tono giusto alla sua imminente visita a Delhi, due giorni dopo. Ma ignorato dalle orecchie indiane. Infatti, il portavoce del ministero degli Esteri a Delhi ha chiarito, confermando che il ministro indiano prevede di riprendere con Kerry la stupefacente notizia dell’ex-dipendente della CIA Edward Snowden sullo spionaggio della NSA in India. Ha detto: “Siete anche consapevoli del fatto che vi è notevole inquietudine in India sulle autorizzazioni alle agenzie statunitensi nel violare la privacy di persone, entità e governo indiani. Quindi, ovviamente se vi è notevole inquietudine, questi problemi dovrebbero essere comprensibili senza ulteriori dettagliate spiegazioni“. I giornali indiani hanno generalmente interpretato la missione di Kerry come grossolano istinto filisteo, volto a vendere altre armi all’India e rimuovere gli impedimenti all’esportazione dei reattori nucleari statunitensi sul mercato indiano. Kerry assomiglia ad un sudato venditore porta a porta del dramma di Arthur Miller.
Perché ciò accade? L’India era un Paese perdutamente innamorato del predecessore di Obama, George W. Bush. Ma in qualche modo e da qualche parte, s’è formata nella coscienza indiana l’impressione, ora difficile da cancellare, che Obama sia un cinico ed egocentrico opportunista  singolarmente privo di convinzioni radicate, e perciò altamente inaffidabile. Come nell’ultimo colpo di scena nella politica verso la Russia, che danneggerà gli interessi degli Stati Uniti. Basti dire che l’India non vorrà avere a che fare con la strategia degli Stati Uniti del riequilibrio in Asia. Obama non comprende che il mondo non è interessato ad isolare la Russia o a distruggerne l’economia quando l’economia mondiale ha un disperato bisogno di centri di crescita, soprattutto al di fuori del mondo occidentale. Quindi, se l’Europa vuole solo il gas russo e vieterà il petrolio russo, tanto meglio per le economie in rapida crescita di India, Cina e Vietnam. Se l’Europa non vuole acquistare più armi russe, tanto meglio per India, Iraq, Egitto, Venezuela, Brasile, ecc., che avranno ancora più armi dalla Russia. Certamente, BRICS e Shanghai Cooperation Organization non scompariranno. Obama non capisce che gli strumenti della guerra fredda non sono più utili. E’ chiaramente arrogante da parte sua illudersi di essere una sorta di pifferaio magico che il resto del mondo semplicemente seguirà. Perché il mondo dovrebbe combattere la guerra statunitense per salvare lo status incontaminato del dollaro conservando l’egemonia globale degli USA, pur essendo una potenza inesorabilmente in declino?
La banca dei BRICS, destinata a rivaleggiare con la Banca mondiale e il Fondo monetario internazionale, indica “la fine del predominio occidentale sul piano finanziario ed economico globale” per citare, qui, un esperto strategico di primo piano a capo del consiglio consultivo del Consiglio di Sicurezza Nazionale indiano, è già un fatto immutabile della vita. India, Brasile e Cina non si spaventano delle restrizioni occidentali alle banche russe.

10360610Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Presidente Vladimir Putin: “Scenari per destabilizzare l’attuale ordine mondiale” e minacciare la sovranità della Russia

Vladimir Putin ha presieduto una riunione del Consiglio di Sicurezza al Cremlino. La discussione era incentrata sul mantenimento della sovranità e dell’integrità territoriale della Russia.
Presidente Vladimir Putin Global Research, 23 luglio 2014

kaletsky-putinDiscorso di apertura in occasione della riunione del Consiglio di Sicurezza
Vladimir Putin: Buon pomeriggio, colleghi.
Oggi prenderemo in considerazione le questioni fondamentali del mantenimento dell’integrità territoriale e della sovranità di questo Paese. Vi annettiamo tutti gli aspetti politici, etnici, giuridiche, sociali, economici ed altri che l’argomento comprende. La sovranità e l’integrità territoriale sono valori fondamentali, come ho già detto. Ci riferiamo al mantenimento dell’indipendenza e dell’unità del nostro Stato, alla protezione efficace del nostro territorio, del nostro sistema costituzionale e della neutralizzazione tempestiva delle minacce interne ed esterne, di cui molte presenti nel mondo di oggi. Vorrei chiarire fin dall’inizio che, ovviamente, non vi è alcuna minaccia militare diretta all’integrità territoriale e alla sovranità di questo paese. In primo luogo, l’equilibrio strategico delle forze mondiali lo garantisce. Noi, da parte nostra, siamo rigorosamente conformi alle norme del diritto internazionale e agli impegni con i nostri partner, e ci aspettiamo che altri Paesi, unioni di Stati e alleanze politico-militari facciano lo stesso, mentre la Russia non è fortunatamente membro di una qualche alleanza. Ciò è anche garanzia della nostra sovranità.
Ogni nazione che faccia parte di un’alleanza cede parte della sovranità. Ciò non sempre soddisfa gli interessi nazionali di un dato Paese, ma è una decisione sovrana. Ci aspettiamo che i nostri legittimi interessi nazionali siano rispettati, mentre eventuali controversie, sempre presenti, siano risolte solo attraverso sforzi diplomatici, per mezzo dei negoziati. Nessuno dovrebbe interferire nei nostri affari interni. Tuttavia, sempre più spesso, oggi, sentiamo parlare di ultimatum e sanzioni. La stessa nozione di sovranità dello Stato viene cancellata. Regimi indesiderati, Paesi che hanno una politica indipendente o che semplicemente si frappongono degli interessi di qualcuno vengono destabilizzati. Gli strumenti utilizzati a tale scopo sono le cosiddette rivoluzioni colorate o, in termini semplici, rivolte istigate e finanziate dall’estero. L’obiettivo naturalmente sono i problemi interni. Ogni Paese ha sempre molti problemi, soprattutto gli Stati più instabili o con un regime complicato. I problemi esistono, ma ancora non è chiaro perché dovrebbero essere utilizzati per destabilizzare e abbattere un Paese, come vediamo piuttosto di frequente in varie parti del mondo. Spesso le forze utilizzate sono radicali, nazionaliste, spesso anche forze fondamentalmente neo-fasciste, com’è avvenuto, purtroppo, in molti Stati post-sovietici, come in Ucraina oggi. Ciò che vediamo è praticamente la stessa cosa. Gente va al potere attraverso l’uso della forza armata e con mezzi incostituzionali. È vero, hanno avuto le elezioni dopo l’avvento al potere, tuttavia, per qualche strana ragione, il potere finisce nuovamente nelle mani di coloro che o finanziano o dirigono tale presa del potere. Nel frattempo, senza alcun tentativo di negoziato, cercano di reprimere con la forza quella parte della popolazione che non è d’accordo con tale piega degli eventi. Allo stesso tempo, presentano alla Russia un ultimatum: o ci lasciate distruggere la parte di popolazione etnicamente, culturalmente e storicamente vicina alla Russia, o introduciamo sanzioni contro di voi. Questa è una logica strana, assolutamente inaccettabile, naturalmente.
Sulla terribile tragedia avvenuta nei cieli di Donetsk, vogliamo ancora una volta esprimere il nostro cordoglio alle famiglie delle vittime; è una terribile tragedia. La Russia farà tutto quanto in suo potere per garantire una corretta un’indagine completa e trasparente. Ci viene chiesto d’influenzare la milizia nel sud-est. Come ho detto, faremo tutto quanto in nostro potere, ma questo è assolutamente insufficiente. Ieri, quando le milizie consegnavano le cosiddette scatole nere, le forze armate ucraine hanno lanciato un attacco corazzato sulla città di Donetsk. I carri armati combatterono fino alla stazione ferroviaria aprendovi il fuoco. Gli esperti internazionali giuntivi per studiare il luogo del disastro, non hanno potuto recarvisi. Chiaramente non erano le milizie a sparare. Dovremmo infine chiedere alle autorità di Kiev di rispettare le norme elementari della decenza umana e introdurre un cessate il fuoco almeno per un breve periodo, per rendere possibile l’indagine. Faremo ovviamente tutto quanto in nostro potere per assicurarci che l’indagine sia approfondita. Questo è esattamente il motivo per cui la Russia ha appoggiato la risoluzione del Consiglio di sicurezza (delle Nazioni Unite) proposta dall’Australia. Continueremo a collaborare con tutti i nostri partner per garantire un’indagine completa ed esauriente. Tuttavia, se torniamo su tali scenari, in generale, come ho detto, sono assolutamente inaccettabili e controproducenti. Destabilizzano l’ordine mondiale esistente.
Indubbiamente, tali metodi non funzionano con la Russia. Le ricette utilizzate per indebolire gli Stati con i conflitti interni, non funzioneranno con noi. Il nostro popolo, i cittadini della Russia, non permetteranno che ciò accada e non potranno mai accettarlo. Tuttavia, tentativi vengono chiaramente fatti per destabilizzare la situazione sociale ed economica, per indebolire la Russia in un modo o nell’altro o per colpire i nostri punti deboli, e continueranno renderci soprattutto più gradevole risolvere le questioni internazionali. I cosiddetti meccanismi internazionali sulla concorrenza vengono utilizzati pure (questo vale per la politica e l’economia); a tale scopo vengono utilizzati i servizi speciali, insieme alle moderne tecnologie dell’informazione e della comunicazione e alle organizzazioni non governative dipendenti, marionette dei cosiddetti meccanismi del potere morbido. Ciò ovviamente è il modo con cui certi Paesi percepiscono la democrazia. Dobbiamo dare una risposta adeguata a tali sfide e, soprattutto, continuare a lavorare in modo sistematico nel risolvere i problemi che comportano un rischio potenziale all’unità del nostro Paese e della nostra società. Negli ultimi anni abbiamo rafforzato le nostre istituzioni statali e pubbliche, le basi del federalismo russo, e abbiamo fatto progressi nello sviluppo regionale, nella risoluzione di compiti economici e sociali. Le nostre forze di polizia e dei servizi speciali sono più efficienti nella lotta al terrorismo e all’estremismo; formiamo la base moderna della nostra politica etnica, regolando approcci all’istruzione; lottiamo costantemente contro la corruzione, tutto ciò ci  garantiscono sicurezza e sovranità. Allo stesso tempo, dobbiamo tenere a mente questi problemi. Se necessario, dobbiamo sviluppare rapidamente e attuare misure aggiuntive. Dobbiamo avere un piano a lungo termine per agire in questi settori, documenti e risoluzioni strategici. A questo proposito, vorrei richiamare l’attenzione su alcune sfide prioritarie.
La prima è lavorare costantemente per rafforzare l’armonia interetnica, garantire una politica d’immigrazione competente e reagire rigorosamente ad omissioni e crimini dei funzionari che possono attivare conflitti interetnici. Tali sfide riguardano ogni livello governativo, dal federale al comunale. E naturalmente è estremamente importante per la nostra società civile prendere una posizione attiva e reagire alle violazioni dei diritti umani e delle libertà, evitando radicalismo ed estremismo. Facciamo particolare affidamento all’aiuto efficace della società civile nel migliorare il sistema di governo statale in politica etnica e per educare i giovani allo spirito del patriottismo e della responsabilità per la sorte della Patria, cosa particolarmente importante. Ne abbiamo discusso dettagliatamente nell’ultima riunione del Consiglio per le relazioni interetniche. A proposito, voglio affermare con chiarezza che, anche con l’aiuto della società civile, non riusciremo mai a far pensare di migliorare il nostro lavoro in questi settori solo tramite dei giri di vite, per così dire. Non lo faremo in nessun caso; ci affideremo alla società civile, in primo luogo.
La nostra seconda importante sfida è proteggere l’ordine costituzionale. La supremazia costituzionale e l’unità economica e giuridica devono essere assicurate in tutta la Russia. Le norme federali definite dalla Costituzione sono inviolabili e nessuno ha il diritto di violare la legge e i diritti dei cittadini. E’ importante per tutti i russi, indipendentemente da dove vivano, avere pari diritti e pari opportunità. Questo è il fondamento di un sistema democratico. Dobbiamo rispettare rigorosamente tali principi costituzionali, e per farlo dobbiamo costruire un chiaro sistema di potere statale, cercando di assicurarci che tutti i suoi componenti operino in modo unitario, preciso e sistematico; ciò dovrebbe includere il crescente ruolo delle autorità locali nell’ambito del meccanismo complessivo governativo della Russia. Naturalmente, rafforzando l’efficacia del lavoro del sistema giudiziario, dei procuratori e delle autorità di regolamentazione e vigilanza, si rafforzerà la sovranità della Russia.
La terza sfida è un sostenibile sviluppo economico e sociale equilibrato. Allo stesso tempo, è di fondamentale importanza tener conto dei fattori territoriali e regionali. Voglio dire che dobbiamo garantire lo sviluppo prioritario delle regioni strategicamente importanti, come Estremo Oriente ed altre; dobbiamo ridurre drasticamente e contemporaneamente i divari tra le regioni in termini economici e di tenore di vita. Tutto questo deve essere preso in considerazione nello sviluppo dei programmi federali e industriali, nel miglioramento delle relazioni tra bilanci e piani per lo sviluppo delle infrastrutture, nella scelta dei siti per i nuovi impianti e la creazione di posti di lavoro moderni. Ritengo inoltre che dobbiamo pensare ad ulteriori misure per ridurre la dipendenza dell’economia nazionale e del sistema finanziario da fattori esterni negativi. Non mi riferisco solo all’instabilità dei mercati globali, ma anche a possibili rischi politici.
La quarta sfida, le nostre Forze Armate restano il garante supremo della sovranità e integrità territoriale della Russia. Reagiremo in modo adeguato e proporzionato all’espandersi delle infrastrutture militari della NATO verso i nostri confini, e non mancheremo di notare l’espansione dei sistemi di difesa missilistica globale e l’incremento delle riserve strategiche di armi di precisione non nucleari. Ci viene spesso detto che il sistema ABM è un sistema di difesa. Non è così. Si tratta di un sistema offensivo; fa parte del sistema offensivo periferico degli Stati Uniti. Indipendentemente da ciò che dicono i nostri colleghi stranieri, vediamo chiaramente ciò che accade realmente. Truppe della NATO chiaramente si rafforzano negli Stati dell’Europa orientale, anche nei mari Nero e Baltico. E scala ed intensità delle manovre operative e di combattimento crescono. A tale proposito, è indispensabile attuare tutte le misure previste per rafforzare la capacità della nostra difesa nazionale, pienamente e nei tempi previsti, tra cui ovviamente in Crimea e Sebastopoli, dove in sostanza abbiamo bisogno di ricreare una completa infrastruttura militare.

russia-s-president22 luglio 2014, 15:40 Cremlino, Mosca
Copyright © 2014 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 343 follower