I militari salveranno l’Ucraina?

Dmitrij Minin Strategic Culture Foundation 21/07/2014
Subject is Porky PoroshenkoGli eventi in Ucraina si svolgono in modo tale che molti iniziano pensare che l’unico via per tenere unito il Paese sia un duro regime militare appena possibile. Molti credono che l’economia stia collassando creando disordini sociali. I flussi finanziari occidentali prolungano la crisi esistente. Ma i flussi di denaro estero sono sempre più sottili per via degli enormi sprechi e dell’appropriazione indebita. Secondo diverse stime, quest’anno il Paese avrà bisogno di altri 30-50 miliardi di dollari. Una somma che l’occidente non è pronto a consegnare. Il primo ministro Arsenij Jatsenjuk ha capito la situazione disperata e s’è dimesso, anche se ciò non è ancora stato accettato dal parlamento. Forse accettarlo sarebbe suicida, ma ogni cosa ha i suoi limiti. Il presidente Poroshenko sembra sicuro di sé, ma perde credito. Deve spendere tempo e fatica per respingere le pugnalate alla schiena politiche di Julija Timoshenko, capo dell’ancora abbastanza forte partito Batkivshina, e degli altri oligarchi, prima di tutto Igor Kolomojskij, governatore di Dnepropetrovsk. La crescente militarizzazione della vita economica e sociale, fa dei pistoleri figure di spicco. La pistola può essere puntata in molte direzioni. Ci sono tanti aspiranti al ruolo di capo. Ciascuno appartiene a un certo gruppo d’interessi. L’idea del pugno di ferro è supportata dagli abusi finanziari ampiamente diffusi nella spedizione punitiva nel Donbas. “Il problema di uno è l’occasione di un altro”. Come si dice in tempo di guerra “Per alcune persone la guerra è guerra, per altri, una manna”, il che significa che certuni soffrono in guerra; altri fanno fortuna. Aleksandr Kuzmuk, parlamentare ed ex-ministro della Difesa, ha detto al parlamento che 11,5 miliardi di Grivne sono state stanziate per la difesa. La somma è svanita. Premi in denaro vanno soprattutto a coloro che operano negli stati maggiori. Secondo Kuzmuk, la situazione è inusuale. Gli effettivi coinvolti nei combattimenti sono sostenuti soprattutto dai parenti che inviano denaro e derrate alimentari. I volontari hanno bisogno di molto aiuto, abbisognano di acqua come di visori agli infrarossi. Un’inchiesta presso lo stabilimento di Zhitomir ha illuminato sulla scomparsa dei componenti di 78 veicoli revisionati. Centraline elettriche, torrette ed altro di 225 veicoli corazzati sono scomparse in una fabbrica di Kiev; quattro carri armati da 6 milioni di Grivne mancano. L’ufficio del pubblico ministero è stordito dalla portata dei furti.
Aleksandr Zhilin, il capo del centro per lo studio dei problemi pubblici applicati, ha detto che durante l’operazione “anti-terrorismo” cinque generali ucraini sono diventati milionari, in dollari, in particolare quelli coinvolti nelle azioni punitive. Vi sono altri esempi di furti e appropriazione indebita. I soldati morti restano sul libro paga riempiendo le tasche dei superiori a Kiev. Secondo l’esperto, se tali enormi fondi continueranno ad essere sottratti, la guerra non finirà mai. Per evitare la coscrizione si deve pagare una tangente di 500 dollari nei centri di reclutamento. Non tanto, può sembrare a prima vista, ma il numero dei renitenti è di centinaia di migliaia, comportando un buon profitto. Una volta in prima linea, solo una tangente consente a un soldato di avere il permesso per andare a casa. L’euforia dopo la cattura di Slavjansk ed alcune altre zone delle repubbliche popolari, evapora. S’inizia a capire che non è una vera vittoria, ma piuttosto un serio fallimento della leadership responsabile dell’operazione. Un osservatore su hvylya.org ne parla criticamente. Secondo lui, Slavjansk non è stata presa in battaglia, è stata solo lasciata dagli insorti senza sparare un colpo. Le forze nemiche hanno lasciato la città senza perdite. E’ una cortina fumogena. E’ impossibile eliminare un gruppo di diverse migliaia con armi pesanti nella città di Donetsk, che ha una popolazione di oltre un milione di abitanti, anche se venissero utilizzate tattiche da guerra network-centrica. Ma le forze ucraine usano la tattica degli anni ’30, ancor più obsoleta dell’arte della guerra dei tempi della seconda guerra mondiale. Un altro autore ucraino ha scritto su Ukraine on Verge of Chaos che il peggio deve accadere ad autunno, quando il tenore di vita cadrà con il collasso economico, il freddo e l’impoverimento, e la gente sarà esasperata e stanca della guerra, le cui perdite incessanti faranno diffondere la sindrome di Donetsk (in stile afgano) tra i militari veterani delle operazioni di combattimento nella regione di Donetsk. I politici populisti sfrutteranno la situazione a proprio vantaggio; i media versano benzina sui sentimenti sciovinisti e militaristi. I tumulti esploderanno attaccando uffici statali e con pubblico linciaggio di parlamentari e funzionari di tutte le forze politiche. Già oggi i parenti dei soldati protestano di fronte alla residenza presidenziale. Vengono informati via cellulari delle cose scioccanti che accadono sul campo, dei comandanti che abbandonano i loro subordinati sul campo di battaglia. Una prima prova di colpo di Stato c’è stata a fine giugno. 300 soldati dei battaglioni organizzati e finanziati dal magnate Igor Kolomojskij, Donbass, Azov e Ajdar, mascherati e in tenuta da combattimento si riunivano a piazza Majdan, a Kiev. Volevano la fine del cessate il fuoco, l’instaurazione del regime militare, armi migliori per i volontari e il permesso di utilizzare ogni mezzo per eliminare le unità di autodifesa del Donbas. Sembrava essere un colpo di Stato militare. Nazionalisti estremisti ben armati della Guardia Nazionale lasciavano il fronte per riunirsi a Kiev con Pravij Sektor e le unità di autodifesa Majdan, chiedendo il cambio di potere dell’esistente regime corrotto. Secondo Sergej Juldashev, il capo dell’ufficio del procuratore di Kiev, 12 edifici amministrativi, tra cui il Palazzo di ottobre e la Casa ucraina, sono ancora occupati dai volontari. Ci potrebbero essere molte armi all’interno. Ad oggi, le unità di autodifesa non hanno alcun desiderio di lasciare gli edifici. Senza dubbio Igor Kolomojskij sarà il primo beneficiario nel caso in cui gli eventi procedano in questo modo.
I media nazionalisti avvertono Poroshenko. Dicono che l’esercito è l’unico attributo del potere legittimo dello Stato. Tutto il resto è degradato. Ma Petro Poroshenko respinge l’esercito. Cioè rifiuta il popolo. Allora chi è il suo alleato? Sembra che presto non avrà nessuno su cui contare. Perde la fiducia della gente. I militari iniziano ad odiarlo. Polizia e servizi di sicurezza sono demoralizzati e corrotti da tempo. Nel modo in cui procede la situazione, non durerà tre anni come Janukovich. C’è sempre il tramonto dopo l’alba. In generale, un possibile modello ucraino va emergendo. Secondo Jurij Romanenko, “il regime autoritario avrà caratteristiche da democrazia militare su base popolare. Senza base sociale solida, il regime semplicemente non resisterà a un nemico potente. Mosca ha fatto di tutto per convincere i russi che la giunta a Kiev governa. Questo è il momento per la giunta di resistere e mostrare quanto sia efficace”. Poroshenko comincia a rendersi conto di essere in pericolo e prende misure preventive. La fretta degli appuntamenti con i vertici militari e della sicurezza indica che si prepara ad affrontare un nemico interno piuttosto che esterno. Valerij Geletej è il neo-ministro della Difesa personalmente fedele al presidente. E’ stato a capo dell’Amministrazione della Sicurezza dello Stato (UDO) specializzata nella protezione dei funzionari governativi. La prima cosa che h fatto assumendo il nuovo ufficio, fu metter fine alla distribuzione di armi ai volontari (mercenari dei magnati) presso i depositi militari. Kolomojskij voleva queste armi per le sue formazioni, ma il ministro della Difesa gli ha detto di rivolgersi direttamente al Comandante Supremo, istigando i radicali disposti a prendere il potere. Poroshenko capisce che continuando la guerra nel Donbas, sprona sentimenti militaristi e ambizioni personali nel Paese, segnando la data del suo rovesciamento, che verrebbe accompagnato da spargimenti di sangue.
Le riforme economiche sono impossibili, date le circostanze. Il presidente ucraino è minacciato; vi sono forze che esigono la guerra fino a una fine vittoriosa. Ma è impossibile vincere una guerra contro il proprio popolo. Le divisioni non sono limitate ai campi di battaglia; esistono nelle menti e nei cuori della popolazione. Non importa quante azioni di combattimento si compiranno, le divisioni rimarranno. Ma chi chiede di continuare la guerra fino alla vittoria, guadagnerà forza diventando sempre più pericoloso. Il presidente Poroshenko ha l’istinto dell’autoconservazione e cercherà una tregua e un compromesso con i connazionali? Nel suo caso è l’unica possibilità di rimanere al potere. La gente lo sosterrebbe se scegliesse di agire di questo modo.

10458649La ripubblicazione è gradita in riferimento al giornale on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Novorossija: disfatta di Kiev e della NATO

Alessandro Lattanzio, 17/7/2014

Igor Strelkov: La liberazione di Kiev dalla banda occupante di pedofili, cultisti e altra feccia è uno dei compiti più importanti della nostra campagna.

_75196909_022413684-1I cinque distaccamenti della giunta di Kiev attivi nella regione di Donestk- Lugansk erano la 79.ma brigata aeroportata, i battaglioni Shakhtjorsk e Azov, la 24.ma brigata d’artiglieria e la 72.ma brigata meccanizzata. Dal 15 luglio, enormi convogli ucraini di blindati, artiglieria e autocarri alla rinfusa si ritiravano verso Kozhevnja (a sud di Dmitrevka) per sottrarsi all’accerchiamento delle truppe di Lugansk. Durante la ritirata da Izvarino, le forze speciali ucraine (SBU) di Kirovograd subivano ingenti perdite: 8 morti e 30 feriti. La milizia dell’autodifesa riprendeva le posizioni occupate dagli ucraini il 13 luglio. Nella zona dell’aeroporto di Lugansk rimanevano bloccati 45 tra carri armati e blindati majdanisti. La milizia dell’autodifesa aveva catturato alle forze ucraine 4 carri armati T-64, 3 cannoni semoventi 2S1 Gvozdika, 1 BTR e 2 autoveicoli. La giunta a Kiev, dopo aver subito notevoli perdite e problemi logistici nell’offensiva su Lugansk-Donestk, nel fallimentare tentativo di sbloccare l’aeroporto di Lugansk, si ritirava mentre la milizia della RPL  sventava la maggiore operazione strategica dei majdanisti, infliggendo alla giunta naziatlantista la peggiore sconfitta dall’inizio della guerra, costringendola a un’urgente pausa operativa. Dal 1 luglio al 14 luglio, i miliziani della Repubblica Popolare di Lugansk avevano eliminato oltre 800 miliziani majdanisti e 50 loro blindati.

Il 15 luglio, colonne di blindati e obici semoventi con bandiere russe e della Novorossija si muovevano diversi punti tra Donetsk e Lugansk raggiungendo Enakevo, 100 km ad ovest di Lugansk.
UkraineIl 16 luglio, la milizia dell’autodifesa delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk lanciava un’offensiva contro la Guardia Nazionale ucraina. L’offensiva iniziava “alle 5 del mattino del 16 luglio per liquidare la sacca di Stepanovka (Donetsk), con i bombardamenti dei carri armati e dei mortai sulle postazioni della Guardia Nazionale ucraina presso Marinovka (regione di Donetsk), che continuarono per un’ora“. La milizia combatteva anche nella zona del villaggio Tarani e di Savr-Mogila, utilizzando mortai e carro armati contro le posizioni ucraine. Nei pressi di Amvrosevka, il 3.zo battaglione della 72.ma brigata ucraina veniva bombardato dagli MLRS Grad della milizia, infliggendo 4 morti e oltre 10 feriti, mentre i miliziani della RPD facevano saltare in aria la torre delle comunicazioni dell’aeroporto di Donetsk, con cui i golpisti guidavano le operazioni di aviosbarco di armi, mercenari e munizioni nell’aeroporto di Lugansk. A Izvarino, la milizia eliminava 8 spetsnaz ucraini di Kirovograd e ne feriva atri 10. Un’altra unità majdanista veniva circondata sempre presso Izvarino, perdendo 1 sistema d’artiglieria semovente e 40 autocarri. Nella zona di Sverdlovsk, regione di Lugansk, la milizia devastava la 72.ma brigata con artiglieria e mortai. La raffineria di Lisichansk, LINIK, veniva liberata dalle forze armate di Novorossija. La raffineria rappresenta circa il 40% della capacità totale di raffinazione dell’Ucraina. Un distaccamento dell’esercito della RPD catturava 4 blindati abbandonati dalle forze majdaniste presso Tonenkoe, mentre a Mospino la milizia eliminava 2 BMP-2 e 50 naziguardie. Due aviogetti Sukhoj Su-25 venivano abbattuti su Gorlovka. 2 paracadutisti russi furono uccisi da un gruppo di naziguardie ucraine infiltratesi nel territorio della Federazione Russa. Durante la ritirata i miliziani dell’autodifesa intercettavano gli aggressori majdanisti, eliminandone la maggior parte. Veniva anche liberata Marinovka, dove le forze golpiste, i paracadutisti della 79.ma brigata, venivano accerchiate perdendo 1 BTR e 2 BMP-2, di cui 1 catturato intatto. Il fronte meridionale di Novorossija veniva così assicurato. Nelle altre zone del fronte meridionale, la Milizia continuava l’offensiva impiegando l’artiglieria contro le colonne majdaniste. In totale venivano accerchiati 2500 dei 5000 mercenari majdanisti impiegati direttamente contro la Novorossija. Diverse unità si disperdevano, come ad esempio la 24.ma brigata meccanizzata, mentre un centinaio di miliziani ucraini si rifugiava in Russia. La 72.ma brigata meccanizzata, isolata nella zona di Birukova-Gukovo, subiva gravi perdite e carenze di munizioni, carburante, cibo e acqua. Le forze ucrainiste abbandonavano in fretta le posizioni presso Provale, Krasnodon, Aleksandrovka, Izvarino e Shaste. In pratica, tutte le unità majdaniste impiegate sul fronte meridionale di Novorossija si ritiravano disordinatamente, abbandonando materiale e mezzi. Si trattava delle 5 unità da combattimento di Kiev già indicate: la 79.ma e la 24.ma brigate aeroportate, il battaglione territoriale Shakhtjorsk, il battaglione naziatlantista Azov e la 72.ma brigata meccanizzata. Tutte intenzionate a rompere l’accerchiamento cui erano sottoposte dalla Milizia dell’autodifesa. L’esercito ucraino avrebbe perso 258 soldati e altri 922 sarebbero stati feriti nell’operazione contro il sud-est dell’Ucraina, secondo il portavoce del Consiglio di Difesa e Sicurezza Nazionale ucraino Andrej Lisenko.
Il ‘ministro’ degli Interni golpista Arsen Avakov licenziava 585 agenti di polizia di stanza a Donetsk per ‘tradimento’, mentre arrivava un battaglione di volontari israeliani in supporto della giunta golpista a Kiev, per combattere contro i federalisti. Il comandante dell’unità incita tutti gli ebrei ucraini ad aderire al battaglione “Matilan“. Si tratta di un’unità speciale della polizia di frontiera israeliana, creata nel 1996. Matilan significa “intelligence, osservazione, intercettazione, operazioni speciali”. Nel porto di Odessa venivano sbarcati in segreto 12 semoventi da 152 mm Vz.77 Dana di produzione ceca ma provenienti dalla 1.ma brigata d’artiglieria polacca Masuria, assieme ad autocarri, militari e altri mezzi. Inoltre, Kiev ha ricevuto dagli Stati Uniti 2000 giubbotti antiproiettile Interceptor, sebbene in compenso “l’esercitazione Rapid Trident 2014, inizialmente prevista per luglio in Ucraina, verrà rinviata“, come dichiarava il tenente-colonnello dell’USAF David Westover Jr. “Le date esatte e i partecipanti devono essere determinati“. L’esercitazione era prevista presso Lvov, in Ucraina, e doveva coinvolgere unità di Stati Uniti, Ucraina, Armenia, Azerbaijan, Bulgaria, Canada, Georgia, Germania, Moldavia, Polonia, Romania e Regno Unito.

06e0jyuc4zc

23a3b0c9108d1239b86ceabfef6722d9

Fonti:
Alawata
Army Times
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
Cassad
ITAR-TASS
Global Research
Maidan Translations
Politikus
Sociologia Critica
Sputniki Pogrom
Vineyard Saker
Vineyard Saker
Voice of Russia

Novorossija: Lugansk, Berlino e Washington

Alessandro Lattanzio, 12/7/201460Secondo il ministero degli Interni ucraino, i miliziani majdanisti avrebbero subito 173 morti e 446 feriti nell’operazione contro l’Ucraina orientale. Il 7 luglio, le truppe golpiste bombardavano con l’artiglieria Lugansk, “Si ritiene che i militari ucraini puntassero sull’accademia dell’aeronautica, utilizzata dalla milizia popolare. Nel giro di un’ora la milizia rispondeva aprendo il fuoco con i  mortai“. Le forze di autodifesa della Repubblica Popolare del Donetsk inoltre si dotavano di artiglieria antiaerea. In Ucraina occidentale, nella regione di Volin, opera un campo di addestramento per i volontari del Partito nazionaldemocratico bielorusso, inviati nell’est del Paese a combattere contro le repubbliche popolari. Il distaccamento bielorusso si chiama “Caccia” e adotta la bandiera dei collaborazionisti nazisti, vietata nel 1996 da Aleksandr Lukashenko ed utilizzata dall’opposizione naziatlantista bielorussa. L’organizzazione giovanile ucraina Alleanza Nazionale da 10 anni collabora con le organizzazioni bielorusse Young Front e Gioventù BPF addestrandole nei campi ‘patriottici’. L’opposizione bielorussa ha partecipato attivamente ad euromajdan fin dall’inizio, ed almeno 200 ‘oppositori’ bielorussi hanno aderito ai gruppi armati di Pravyj Sektor, come i battaglioni Ajdar e Azov. Young Front è registrata nella Repubblica Ceca. Inoltre la Lituania, aderente alla NATO, dichiarava di fornire assistenza medica alle truppe majdaniste attive contro i federalisti ucraini. Vilnius aveva già fornito cure alla teppa golpista a Kiev.
Le truppe ucraine avrebbero subito gravi perdite presso le alture strategiche di Savr Mogila, nella regione del Donetsk, da cui si può controllare la strada Donetsk – Lugansk. Il battaglione di mercenari ucraini Azov, composto da 300 elementi, in tre giorni di combattimento avrebbe perso il 70 per cento del personale, tra morti e feriti, oltre a un carro armato T-64. Il quartier generale della milizia affermava “Gravi perdite inflitte al nemico dagli obici presso le alture di Savr Mogila“. I difensori del Donbas poterono respingere il nemico grazie a nuove armi, come corazzati ed artiglieria costituita da mortai, obici e sistemi lanciarazzi multipli Grad. Nel frattempo, un migliaio di volontari si univa all’esercito della Repubblica Popolare del Donetsk, “Non c’è una mobilitazione forzata, contiamo sui volontari“, aveva detto il capo del dipartimento mobilitazione del Ministero della Difesa della RPD. “Durante la scorsa settimana, oltre un migliaio di volontari s’è arruolato nel nostro esercito“. In una conferenza stampa congiunta, Igor Strelkov, Aleksandr Borodaj e Vladimir Antjufeev (rispettivamente responsabili delle forze militari, questioni politiche e sicurezza dello Stato) annunciavano la formazione del consiglio dei comandanti militari incaricato di tutte le unità militari della Novorossija.
Il 10 luglio, le milizie della Repubblica Popolare del Donetsk respingevano l’esercito ucraino a 10 km da Karlovka, presso il villaggio Galitsinovka. Le truppe majdaniste avevano cercato di occupare Karlovka per più di una settimana, utilizzando anche l’artiglieria pesante. Un altro battaglione di Pravyj Sektor, il ‘Donbas’, veniva distrutto.
L’11 luglio, la milizia della Repubblica Popolare di Lugansk abbatteva un aereo da attacco al suolo ucraino Su-25, presso la città di Perevalsk. Sempre presso Luganskj, a Zelenopolja, il 24.mo battaglione meccanizzato della 79.ma brigata ucraina veniva completamente distrutto, subendo 400 tra morti e feriti. L’unità era stata attaccata da MLRS e fanteria dell’esercito di Novorossija. A Slavjansk, una colonna di carri armati e BTR ucraini subiva un’imboscata, perdendo 2 T-64, 3 BTR e 18 soldati. Pesanti combattimenti nei pressi di Kramatorsk contro un battaglione corazzato majdanista, che perdeva 4 carri armati T-64: 3 distrutti e 1 catturato. A Krasna Zarija, a 25 km da Donetsk, 1 BTR-80 e 1 BMP-2 majdanisti saltavano su delle mine, causando la morte di 2 soldati e il ferimento di altri 11.
Le autorità statunitensi avviavano indagini sulle operazioni di Commerzbank e Deutsche Bank con Paesi sotto l’embargo degli Stati Uniti, un’offensiva che inaspriva le tensioni tra Berlino e Washington. Commerzbank, la seconda banca tedesca, è posseduta al 17% dallo Stato. Come la banca francese BNP Paribas, Commerzbank è accusata di aver effettuato operazioni in dollari USA per conto di gruppi che operano in Iran e Sudan. Il 1° luglio la filiale messicana di Deutsche Bank, Banamex Citigroup, e altre due grandi banche francesi, Societé Generale e Credit Agricole sono state sottoposte ad indagini dal dipartimento della Giustizia dagli Stati Uniti, e quindi multate per presunto riciclaggio di denaro o violazione delle sanzioni. La Germania infine espelleva il capo della stazione CIA di Berlino, reagendo così ai ricatti di Washington. “Al rappresentante dei servizi segreti degli Stati Uniti presso l’ambasciata degli Stati Uniti è stato chiesto di lasciare la Germania. La richiesta s’è avuta in conseguenza delle indagini dei procuratori federali come pure delle domande sulle attività delle agenzie d’intelligence degli Stati Uniti in Germania“. L’azione avviene dopo che la polizia di Berlino ha arrestato un agente dell’intelligence militare tedesco sospettato di aver spiato per conto degli Stati Uniti, a cui avrebbe venduto 218 documenti segreti tedeschi per 25000 dollari, e di aver raccolto informazioni su un’indagine parlamentare tedesca sulla sorveglianza dei leader della Germania da parte della NSA statunitense.

801021_original

10489936

10514909Fonti:
Alawata
Gazeta
ITAR-TASS
ITAR-TASS
ITAR-TASS
ITAR-TASS
ITAR-TASS
NTV
Reseau International
RussiaToday
Space Daily
Telegraph
Vineyard Saker
Vineyard Saker

BsQVlwGCUAABi6n

Novorossija: Kiev, Slavjansk e resto del mondo

Alessandro Lattanzio, 7/7/2014

ф9_jpg1 luglio 2014, i majdanisti bombardano Slavjansk, Semjonovka, Krasnij Liman, Nikolaevka e Kramatorsk. 10 civili uccisi.
2 luglio, a Gornjak, nel Donetsk, la naziguardia e Pravij Sektor uccidono una donna. Un cacciabombardiere Su-24 ucraino colpito su Semjonovka. Bombardamenti su Savr Mogila, Snezhnoe, Lisichansk, Karlovka, Seversk e Slavjansk. Nel corso degli scontri la Milizia ha danneggiato 2 aeromobili, distrutto 1 carro armato ed inflitto perdite per 70-100 uomini tra morti e feriti alle forze majdaniste. La Milizia ha subito 5 caduti e 6 feriti. 1 donna cecchino polacca eliminata a Savr Mogila.
3 luglio, bombardamenti su Nikolaevka, Zakotnoe, Jampol, Kramatorsk, Stanitsa Luganskaja e Slavjansk. Scontri a Ananevka, presso la frontiera russa, Krasnodon e nei valichi di frontiera di Izvarino e  Dolzhanskij, bombardato il valico di frontiera di Novoshakhtinsk, nella Federazione Russa. Attacchi aerei su Krasnij Liman e Nikolaevka, dove un hummer majanista viene distrutto. Pesanti combattimenti a Nikolaevka, dove i blindati ucraini entravano sostenuti dagli aerei. A Marjupol i naziguardiani uccidono due civili. A Donetsk, 2 poliziotti stradali vengono assassinati e altri 2 gravemente feriti da individui in mimetica e mascherati. 1 elicottero Mi-8 majdanista viene abbattuto nella zona di Seversk e presso Konstantinovka un altro aereo d’attacco ucraino Su-25 viene colpito. Distrutta la centrale elettrotermica di Nikolaevka. Bombardamenti su Lugansk e Kramatorsk, dove una persona viene uccisa. Tra il 2 e il 4 luglio almeno 125 miliziani ucraini sono stati eliminati nelle operazioni nel territorio della Repubblica Popolare di Lugansk. Kiev avrebbe acquistato 20 aerei, oltre a carri armati e blindati, da Romania e Ungheria. La NATO, secondo il Vicepremier russo Dmitrij Rogozin, invita i suoi membri dell’Europa orientale ad inviare equipaggiamento militare ex-sovietico in Ucraina. “Gli Stati Uniti sono pronti a compensare le “perdite” dei nuovi membri della NATO. Il complesso militare-industriale statunitense sarà felice” commenta Rogozin su twitter.A proposito, è un luogo comune che la NATO spenga il fuoco delle guerre civili con il cherosene per aerei“. Ciononostante, i soldati ucraini si lamentano degli equipaggiamenti di cui dispongono, “Questa è l’armatura che le nostre truppe utilizzano. Questa è la spazzatura che ci mandano“, dice un miliziano della Guardia Nazionale mostrando un giubbotto a prova di proiettile perforato da un proiettile… Altri miliziani si lamentano delle poche munizioni a disposizione, mentre maledicono il loro presidente, “Penso che l’abbia prodotto lui stesso da una lattina. Fottuto affarista“. Le guardie nazionali si lamentano anche del pane che ricevono, “Abbiamo dovuto eliminare la maggior parte del pane di questi otto sacchi. Solo una piccola parte è commestibile, ma c’è un sacco di gente qui“. Il ‘ministro’ degli Interni golpista Arsen Avakov non vuole sentir parlare di difficoltà, “Non importa quanto sarà dura, ma ognuno deve fare quello che deve fare. Se sarà così, vinceremo molto rapidamente“. Ma mentre le autorità parlano, i miliziani majdanisti restano confusi, letteralmente, “Ho bisogno di un navigatore GPS, non di queste mappe del 1985. Ci siamo andati e non abbiamo trovato nulla che fosse segnato sulla mappa. Ci dovevano essere due laghi, laggiù“. Poroshenko alimentava grandi aspettative presso i mercenari majdanisti, “Questa sarà la nostra priorità, i volontari dell’esercito avranno 85 dollari al giorno, e assicurazioni sulla vita solide“, aveva detto due giorni prima delle elezioni. Solo promesse, “Dicono che hanno pagato gli stipendi, ma non abbiamo avuto nulla“, dice una donna, “Mio marito non ha capito, continuano a promettere che sarà per domani. Mia figlia s’è svegliata questa mattina e ha detto che ha fame. Cosa dovrei dirle?
10445578 Inoltre, molte le proteste significative contro la guerra del regime golpista da parte dei soldati di leva dell’esercito ucraino e relative famiglie, amici e sostenitori. Il 10 giugno, un soldato parlava a una manifestazione a Kharkov, “Il mio primo dovere (come soldato) è salvare il popolo ucraino. Prima di tutto, devo proteggere il popolo, non l’integrità territoriale. (Uomo dalla folla: “proteggere dai fascisti, giusto!” Applausi). Sono stato arruolato nell’esercito. Vogliono che vada in guerra per uccidere i ragazzi del Donbas, che hanno fatto lo stesso mio giuramento. Ciò che voglio dire… è il comando dell’esercito che mi spinge a proteggere l’integrità territoriale dell’Ucraina. Poi ti consegnano a Unione europea e Stati Uniti. (Voci dalla folla: “Sì hai ragione!!”) Solo uno stupido non lo capirebbe. Voglio dire di più… ho servito nell’unità carri ‘Desna’. Ho giurato sotto la bandiera rossa dell’esercito, del reggimento ‘Aleksandr Nevskij’. Pensateci! In questo reggimento, ora, ci sono coloro che hanno sparato alle truppe della sicurezza interna in piazza Majdan, ai miei fratelli delle unità speciali, studiano come sparare missili anticarro. Imparano ad usare le armi della fanteria, come tutte le forze di terra. Ora si preparano ad uccidere coloro che non sono d’accordo con loro, che hanno posizioni diverse. Uccidono gli agenti di polizia che si rifiutano di obbedire ai loro ordini. E’ un dato di fatto. Questo è ciò che intendo dire. La gente, mi guarda, ho 22 anni, non fumo o bevo. Sono nato in questo Paese. E’ un dato di fatto. Grazie ai fascisti e ai neo-nazisti, il giorno dopo seppellirete ragazzi come me. Capite? È una grave responsabilità. Vi esorto, comunque a non spargere sangue. Mostrate prudenza, attenetevi alla pace. Naturalmente, se scoppia la guerra, vi esorto a fornire tutto il sostegno possibile alle proteste contro la giunta di Kiev. Siate delle brave persone! Abbasso la giunta! Esercito e popolo uniti!” (La folla applaude e canta “Abbasso la giunta” e “Esercito e popolo uniti!“)
Diverse le notizie sui soldati ucraini che si rifiutano di andare in guerra contro i concittadini. Il 24 giugno 400 soldati della 25.ma Brigata aeroportata di Dniepropetrovsk si sono dimessi piuttosto che servire nella guerra in oriente. I loro commenti smentiscono la propaganda dei governi e dei media occidentali che parlano dell’autodifesa dell’Ucraina orientale formata da “separatisti pro-Russia” o di milizie russe o cecene. “Hai visto là forse russi, ceceni?“, si domanda a un soldato ucraino che risponde Non uno. Magari ce ne sono alcuni, ma non posso affermarlo con fermezza, al 90 per cento i ribelli sono del Donetsk, sono in realtà nostri ex-commilitoni dell’esercito ucraino, in particolare ex-paracadutisti ucraini“.
Il 24 giugno familiari e amici dei soldati di Zhitomir, nord-ovest dell’Ucraina, bloccarono il traffico stradale, protestando contro i 110 giorni di richiamo dei riservisti dell’esercito ucraino.
Il 22 giugno a Kiev, i naziatlantisti attaccavano un raduno degli oppositori della guerra. La manifestazione era indetta per commemorare l’aggressione nazista all’Unione Sovietica. I nazitlantisti invocavano l’annullamento di qualsiasi commemorazione sovietica, “Vinceremo. Costringeremo tutti a portarci rispetto. E se le autorità non ci ascolteranno, agiremo ancor più radicalmente. Gloria all’Ucraina! (Saluto nazista), Morte ai nemici!” Poi assaltarono una filiale della banca russa Sberbank a Kiev e una Chiesa ortodossa russa, dove i fascisti minacciarono la funzione religiosa per commemorare l’aggressione del 22 giugno 1941.
Un parlamentare del partito Patria, Ivan Stojko, parla della necessità che Stati Uniti e UE forniscano aiuti militari all’Ucraina perché, “conduciamo una guerra contro la razza mongoloide della Russia fascista, delle cavallette striscianti verso l’Ucraina che cercano di distruggere”. Un altro criminale neonazista è il miliardario e governatore di Dnepropetrovsk Igor Kolomojskij, che organizza e finanzia le milizie naziste responsabili del massacro del 2 maggio di Odessa. Altra figura dominante dell’aggressione contro il movimento autonomista nel sud-est ucraino è un altro fascista, Andrej Parubij, segretario della Consiglio della sicurezza nazionale e difesa dell’Ucraina, cruciale nell’apparato repressivo golpista. Parubij comandava le milizie di Majdan ed è co-fondatore del Partito nazionalsocialista ucraino, che nel 2004 si fuse con altri elementi di destra creando Svoboda, un partito razzista. Il 26 giugno, a Kiev, la conferenza della Federazione dei Sindacati di Ucraina veniva attaccata dai naziatlantisti di Fazione destra, UNSO e movimento Majdan. Lo scopo reale dell’aggressione era usurpare gli edifici ed altri beni di proprietà dei sindacati ucraini. Infatti, diversi microsindacati fascisti sostengono la guerra nell’est, come il sindacato revisionista dei minatori e la confederazione dei sindacati liberi di Ucraina (KVPU). I loro capi sono membri del partito Patria, come Mikhail Volinets del KVPU. Mentre il 22 giugno una dimostrazione contro la guerra del Partito comunista ucraino e altre organizzazioni si svolgeva a Kharkov, il movimento Euromajdan chiedeva la messa al bando del Partito Comunista e dei “raduni separatisti a Kharkov“, dove centinaia di teppisti naziatlantisti tentarono di marciare contro la manifestazione antifascista e antigolpista. L’associazione di sinistra Borotba, costretta ad operare in clandestinità, ha avuto i suoi uffici perquisiti dai paramilitari fascisti della Guardia nazionale. Alcuni suoi esponenti furono salvati dai rapitori fascisti, a Kharkov, grazie all’intervenuto dei passanti. Infine, il 29 giugno un raduno dei fascisti golpisti si svolgeva nella capitale per chiedere la fine del cessate il fuoco e la ripresa degli assalti contro il Donbas.
OqFuedx-m2M Un memorandum del think tank statunitense RAND suggerisce ai golpisti ucraini di scatenare la guerra totale contro le regioni orientali, interrompendo tutte le comunicazioni, incarcerando tutti i cittadini nei campi di concentramento ed uccidere tutti i resistenti anti-golpisti. La RAND elenca i vantaggi dell’attacco militare totale contro le regioni dell’Ucraina orientale: il movimento politico federalista dovrebbe essere decimato e i suoi elettori disorganizzati; distruggere l’industria carbonifera e le industrie del Donbas, per sgravare la giunta golpista di Kiev degli oneri della loro sovvenzione e ridurre la domanda ucraina di gas russo; distruggere l’oligarca locale Rinat Akhmetov e il suo peso politico ed economico; per isolare le regioni orientali e perseguitare tutti i civili del Donbas  quali “complici dei disordini”, imporre la legge marziale e sciogliere tutti gli enti locali; accerchiamento militare delle regione, con particolare attenzione delle aree confinanti con la Russia; tutti i media locali dovrebbero essere chiusi e quelli internazionali “sottoposti a una procedura speciale“; attacchi aerei e di artiglieria contro le strutture strategiche “del nemico”, con l’uso di armi non convenzionali “al fine di garantire minori vittime tra il nostro personale“; assalto con forze corazzate su ogni città ed esecuzioni di chiunque venga trovato con le armi; pulizia etnica in cui tutti i maschi adulti siano internati nei campi di concentramento, ed eliminazione fisica di ogni resistenza; bambini ed anziani dovrebbero essere imprigionati nei campi d’internamento e le proprietà dei residenti di Donetsk e Lugansk espropriate; la zona delle operazioni resa off limits ai media.
5 luglio, un nucleo di sabotatori della RPD distrugge un posto di osservazione ucraino sul mare di Azov. Un gruppo di 15 assaltatori giunge a bordo di 2 imbarcazioni e con mortai e armi automatiche distrugge il locale punto d’osservazione majdanista, eliminando 1 guardia di frontiera e ferendone altre 8. Slavjansk veniva parzialmente occupata dai golpisti. L’intero esercito ucraino aveva impiegato oltre due mesi per occupare la cittadina, risultato della combinazione tra efficienza dei difensori della milizia ed incompetenza dei majdanisti. Il comandante dell’Autodifesa Strelkov decide di abbandonare la città lasciandovi una piccola retroguardia per proteggere la ritirata. Infatti, la colonna dei difensori composta di 2 carri armati, 1 cannone semovente 2S9 Nona-S, 1 BTR, 3 autocarri Kamaz e 15 autoveicoli leggeri sfonda le linee dei golpisti dirigendosi verso Gorlovka e Kramatorsk. Lo sfondamento aveva comportato lo scontro tra blindati presso un checkpoint dei golpisti, conclusosi con la distruzione di 2-3 BMP e 1-2 carri armati T-64 majdanisti e di 2 mezzi della milizia dell’autodifesa. Mentre il gruppo dei blindati della Milizia distruggeva il checkpoint dei majdanisti, il resto del convoglio si dirigeva su Kramatorsk, venendo rilevato dai droni dei golpisti e fatto oggetto del tiro dei loro lanciarazzi Grad. Lo scopo militare di Slavjansk era concentrare gli squadroni della morte naziatlantisti consentendo la preparazione della difesa lungo l’asse Donetsk-Gorlovka-Lugansk. “Le forze di autodifesa hanno dovuto lasciare Slavjansk per impedire la morte di numerosi civili, ma non significa assolutamente che la resistenza sia stata schiacciata”, dichiara Andrej Purgin, l’unico componente della dirigenza della RPD rimasto a Donetsk, mentre gli altri, come Pushilin e Borodaj, sono a Mosca. Secondo il giornalista Dmitrij Steshin, la caduta di Slavjansk fu decisa ad aprile-maggio, quando il colle Karachun fu occupato dai golpisti, rendendo impossibile una difesa piena e attiva della città sottoposta ai tiri dell’artiglieria nemica. Ma nonostante ciò la Milizia ha resistito contro un nemico superiore per numero e mezzi. “Slavjansk ha attratto le forze principali dell’esercito ucraino, permettendo la mobilitazione della Milizia di Lugansk e Donetsk, consentendo al resto della regione di creare una dozzina di capisaldi della resistenza. Infine, a Slavjansk è stata abbattuta la maggior parte dei velivoli persi dagli ucraini. Slavjansk quindi ha dato il tempo necessario ai centri politici del Donbas di consolidarsi e radunare migliaia di miliziani. L’esercito ucraino s’è infilato in una trappola per topi, invece di cogliere un trofeo. Infatti, risulta che l’esercito majdanista non sia ancora entrato in città, il 6 luglio”. Quel giorno, l’artiglieria ucraina continua a bombardare Slavjansk, soprattutto i quartieri Artjom, Lesnoj, Severnij e Tselinaja. Almeno un centinaio i colpi sparati dai golpisti sulla città da loro stessi appena ‘occupata’. Invece a Donestk, l’area dell’aeroporto viene quasi completamente bonificata dalla Milizia, mentre nell’aeroporto di Lugansk, la Milizia elimina 1 aereo da trasporto Il-76, 7 APC, 1 mortaio, 1 cannone binato antiaereo ZU-23, 5 autoveicoli e un centinaio di combattenti majdanisti. I golpisti assaltano gli insediamenti di Aleksandrovsk, Bolshaja Vergunka, Krasnij Jar e Metalist, ma sono respinti dall’esercito della RPL subendo la perdita di 30 mercenari e 2 mortai. Sverdlovsk viene bombardata. L’aeroporto di Donestk, oramai liberato dalla milizia, viene bombardato dai golpisti. Il responsabile della Repubblica popolare di Lugansk Valerij Bolotov scioglie il governo, nominando Marat Bashirov Primo Ministro ad interim, che dovrà presentare un nuovo organismo esecutivo. Mosca spicca un mandato di cattura contro il governatore e oligarca mafioso ucraino Igor Kolomojskij per omicidio e rapimento. Anche il ministro degli Interni golpista ucraino Arsen Avakov subirà lo stesso procedimento. Il governo russo esamina un disegno di legge che dia agli agenti delle forze dell’ordine russi il diritto di arrestare cittadini stranieri latitanti. SVR e FSB avranno poteri supplementari.
Il 7 luglio, il ministro della Difesa della Repubblica Popolare di Lugansk, Igor Plotichkij, afferma “Un velivolo ucraino Su-25 è stato costretto ad atterrare  ed è stato catturato. Dopo una veloce riparazione entrerà in servizio nelle forze militari della RPL, che avranno il primo aereo”. Tutti gli ingressi per Donetsk sono sorvegliati dai posti di blocco della Milizia. Slavjansk viene sottoposta a pulizia etnica: tutti gli uomini sotto i 35 anni rimasti vengono  sequestrati dai golpisti.
UKRAINE-RUSSIA-UNREST-POLITICS-CRIMEA Dal 4 luglio, 20 navi da guerra, 20 aerei ed elicotteri, Fanteria di marina ed artiglieria costiera della Federazione Russa partecipano alle esercitazioni della Flotta del Mar Nero, “Il piano delle esercitazioni prevede numerose manovre di addestramento al combattimento, tra cui la distruzione di forze navali nemiche e l’organizzare delle difese aeree navali e costiere“. Sotto il comando dell’Ammiraglio Aleksandr Vitko, l’esercitazione della Flotta russa del Mar Nero riguarderà anche ricerca, individuazione e distruzione di sottomarini nemici. Azioni coordinate tra forze navali, unità costiere e aviazione saranno condotte durante le manovre. “Le truppe costiere e la Fanteria di marina opereranno contro una forza d’assalto tattica, mentre gli aerei della flotta saranno impegnati in ricognizione e attacco antinave. Gli ufficiali comandanti miglioreranno le competenze decisionali in un ambiente in rapida evoluzione previsto dallo scenario dell’esercitazione“. Nell’ambito delle manovre, il 4 luglio sono stati lanciati 5 missili da crociera Moskit e Malakhit, e velivoli Su-24 hanno attaccato obiettivi navali. Contemporaneamente si svolgevano le esercitazioni Sea Breeze della NATO, sempre nel Mar Nero, con la partecipazione di navi da guerra di Turchia e Stati Uniti.
Secondo Moon of Alabama, “I sostenitori degli insorti sembrano accusare il Presidente Putin di mancanza di (visibile) sostegno. Ma questo è pensare in piccolo. E’ presto per avere idea di chi ha vinto o perso in Ucraina. Putin cerca, con crescente successo, di staccare gli europei dall’ingerenza degli Stati Uniti. Un nuovo accordo sul cessate il fuoco è stato negoziato e concordato da Russia, Francia, Germania e Ucraina. Quando la cancelliera tedesca Merkel ne ha informato il presidente Obama, gli Stati Uniti ancora una volta hanno minacciato la Russia ed esortato il Poroshenko a continuare l’”operazione antiterrorismo”. Tedeschi e francesi ne avranno preso atto e si avvicineranno sempre più alla Russia”. E a proposito di Germania, l’amministrazione statunitense minaccia la Germania di sospendere la cooperazione nell’intelligence dopo l’arresto di un ufficiale tedesco sospettato di spionaggio a favore degli USA. Tale arresto può “vanificare gli sforzi per ripristinare la fiducia” tra i due Paesi dopo lo scandalo delle intercettazioni del cellulare della Cancelliera Angela Merkel da parte della National Security Agency degli Stati Uniti (NSA). Il ministero degli Esteri tedesco ha convocato l’ambasciatore degli Stati Uniti a Berlino, John Emerson, per “avere i chiarimenti necessari“. L’ufficiale del BND aveva inviato alla National Security Agency informazioni sull’inchiesta di una commissione speciale del Bundestag sulle attività della NSA in Germania.
Nel frattempo, il Capo di Stato Maggiore Generale dell’Esercito Popolare di Liberazione cinese, Fang Fenghui, incontra il Direttore Generale dell’esercito indiano Bikram Singh, nella sua prima visita ufficiale in Cina per approfondire la cooperazione nella Difesa tra i due eserciti asiatici. “La vostra visita è la prima delegazione militare di alto livello dalla formazione del nuovo governo indiano. Riflette la grande importanza che l’India attribuisce alle relazioni bilaterali“, dichiara Fang. Singh incontrerà alti dirigenti militari cinesi e il vicepresidente cinese. “L’India attribuisce massima priorità alle relazioni con la Cina, ed è impegnata a sviluppare ulteriormente relazioni e cooperazione con il Paese“, afferma il Generale Bikram Singh. I due capi militari discutono di “mantenimento della pace ai confini, cooperazione marittima, interazioni tra le forze armate e questioni relative alla sicurezza globale“. Inoltre, Cina e Corea del Sud raggiungono un accordo per utilizzare le rispettive monete nazionali nel  commercio bilaterale. L’accordo è volto a ridurre la pressione del tasso di cambio del dollaro e il suo impatto sugli scambi finanziari e commerciali tra i due Paesi.

5-6-14Fonti:
Colonel Cassad
ITAR-TASS
ITAR-TASS
ITAR-TASS
Moon of Alabama
Rabble
Reseau International
Reseau International
Reseau International
RussiaToday
RussiaToday
RussiaToday
Sott
The BRICS Post
Vineyard Saker
Vineyard Saker
Vineyard Saker
Vineyard Saker
Vineyard Saker
Vineyard Saker

ф1_jpg

Ucraina: la bomba a tempo di Kiev

Tony Cartalucci New Oriental Outlook 07/05/2014
dessin-ukraine-9961-617x411Dopo una breve tregua, Kiev ha ripreso il bombardamento dei centri abitati nelle province separatiste orientali di Donetsk e Lugansk, entrambe al confine con la vicina Russia. Kiev e suoi sostenitori occidentali devono affrontare un dilemma: continuare le operazioni militari in Ucraina orientale e creare un’opposizione fortemente militarizzata, mentre raccolgono record preoccupanti sui diritti umani, o impegnarsi a un cessate il fuoco perdendo a tutti gli effetti Donetsk e Lugansk come accaduto con la Crimea.

Cessate il fuoco finito, Kiev devasta ancora
Mentre le Nazioni Unite nelle ultime settimane riportano i dati inquietanti sulle vittime civili nei combattimenti nell’est dell’Ucraina, hanno omesso di riferire o condannare l’uso di Kiev di aerei, artiglieria e mezzi pesanti contro città e cittadine nella regione. Immagini e video provenienti dall’Ucraina orientale indicano la devastazione di raid aerei e sbarramenti di artiglieria, ma l’occidente e le sue varie “istituzioni internazionali” hanno categoricamente omesso di emanare le stesse avvertenze e dichiarazioni fatte contro altri governi sull’uso della forza militare nei propri confini, come la Libia nel 2011 e la Siria dal 2011 in poi. Mentre RT viene accusata di “propaganda” dall’occidente, è l’unica agenzia d’informazione internazionale a coprire i combattimenti nella parte orientale dell’Ucraina. Nel suo articolo, “‘Grazie, aviazione ucraina’: gli abitanti dei villaggi bombardati accusano Kiev di uccidere civili“, la ferocia della rinnovata offensiva di Kiev è ritratta con dettagli terrificanti. La decisione dell’occidente d’gnorare del tutto i combattimenti, solo per incolpare  vagamente di ogni violenza la Russia, fa poco per contrastare o screditare i reportage di RT. In molti modi il silenzio dell’occidente conferma la copertura di RT. Mentre i combattimenti continuano, Kiev continuerà ad avere la reputazione di grottesco trasgressore dei diritti umani, in Ucraina e fuori.

Kiev combatte una battaglia che non vincerà mai
Ma anche mentre Kiev brutalizza il popolo dell’Ucraina orientale, in ultima analisi combatte una battaglia che non può vincere. I combattenti che si oppongono alle incursioni militari di Kiev sembrano aver difese durevoli. L’abbattimento di aerei militari e la sconfitta delle colonne corazzate di Kiev indicano una prodezza militare difficile da superare per le truppe ucraine, le truppe già soffrono di disorganizzazione e morale basso, ora dilaganti. Più a lungo combatte Kiev, più si esauriranno le sue truppe, e più la battaglia indurirà gli avversari. Inoltre, Kiev soffre di molteplici svantaggi strategici, tra cui mancanza di sostegno pubblico oltre l’ululato delle piccole schiere di  neo-nazisti. Tale assenza di sostegno sarà sempre più acuta quando le difficoltà economiche si approfondiranno, dopo le molteplici battute d’arresto sul gas russo e i progressi dell’Unione europea nel trascinarsi quel poco che è rimasto dell’Ucraina dopo la cosiddetta “Euromaidan”, avviandone l’implosione socio-politico-economica.

Separatismo in Oriente, malcontento in occidente
Mentre Kiev combatte gli ucraini orientali oggi, aumenta la prospettiva a occidente di una sollevazione contro un governo sempre più debole che sperpera le risorse statali nel perseguimento dei dettami occidentali. Il perseguimento del presidente ucraino Petro Poroshenko di una guerra impossibile da vincere, assieme al mero appoggio di facciata USA-UE all’economia ucraina è la ricetta per un crescente dissenso che potrebbe comparire per le strade di Kiev. Con Kiev che infarcisce i militari di irregolari mercenari dalla dubbia lealtà, coloro che lottano per Kiev a est, oggi, potrebbero finire per rovesciare il regime, tornando a Kiev domani. Ad est, resistere per la propria terra è una questione di sopravvivenza. Gli estremisti che compongo l’attuale regime a Kiev, renderanno la vita insostenibile al popolo ucraino orientale, se dovesse essere sottomesso al governo Poroshenko. Ciò assicurerà ostilità prolungate abbastanza a lungo da sovrapporsi al crescente malcontento a occidente per la cattiva gestione di Poroshenko in tutte le altre aree dell’Ucraina. In altre parole, Kiev affronta la bomba a orologeria creata della propria incompetenza, incoraggiata dagli occidentali che appoggiano l’attuale governo, in primo luogo. Il desiderio della NATO di un”Europa unita e libera “, o in altre parole, l’espansione egemonica oltre i confini della Russia, assicura che il suo regime cliente a Kiev continui a perseguire un ordine del giorno contro l’interesse del popolo ucraino, a nome degli interessi speciali definiti dall’agenda della NATO. Per la NATO, l’incapacità di integrare Georgia e Ucraina nel suo sovranazionale conglomerato militare ostacola l’espansione perpetua di cui ha bisogno per continuare a sopravvivere. Con la sua sopravvivenza in gioco, non c’è alcun rischio che non sia disposta ad affrontare a costo della vita degli ucraini e della stabilità della nazione. L’inevitabilità di tale ordine del giorno, perseguito a spese del popolo ucraino, provocherà un sicuro contraccolpo in Ucraina occidentale.

Il collasso di Kiev porrà fine all’espansione della NATO
L’eventuale caduta di Kiev segnerà la fine dell’espansione UE-NATO. L’incapacità della NATO nel  sostenere uno dei suoi Stati clienti, ne distruggerà la fiducia presso gli altri potenziali soci tentati dalle rassicurazioni della NATO. I suoi metodi nel rovesciare il governo ucraino con le proteste di “Euromaidan” e i tentativi di consolidare il proprio potere, sono ben documentati e giudicati da un pubblico globale sempre più acuto. La possibilità per la NATO di perpetuarsi attraverso questi metodi, guidata dall’attuale agenda egemonica, è sempre più tenue. Qualora lo slancio espansionistico della NATO, dalla caduta dell’Unione Sovietica, arrivi a un punto morto, il declino e la regressione saranno assicurati. Con l’espansione egemonica della NATO spazzata via, il mondo dovrà scrivere un nuovo ordine con cui sostituirla. Il mondo multipolare preferito da nazioni come  Russia, Cina e gli altri membri dei BRICS è già pronto. Con la devastazione del modello unipolare occidentale pienamente manifestato nella parte orientale dell’Ucraina, la causa della creazione di un mondo multipolare avrà ulteriore impulso da chi si oppone all’avanzata occidentale, in Ucraina e fuori.

trêveTony Cartalucci, ricercatore e scrittore di geopolitica di Bangkok, per la rivista online “New Oriental Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 327 follower