Mosca: i grandi progetti per la Crimea

Valentin Vasilescu, Reseau International 24 giugno 2014
crimea-map-sPochi giorni dopo l’adesione della Crimea alla Russia, Vladimir Putin ha annunciato di aver approvato un investimento di 3 miliardi di dollari per la ripresa economica della Crimea che ha un potenziale enorme. Questo annuncio è stato fatto durante la riunione della Commissione presidenziale sul monitoraggio dello sviluppo socio-economico della Federazione russa, dove s’è deciso di raddoppiare il numero di posti di lavoro in Crimea, compresi nei cantieri navali di Kerch e Theodosia, specializzati nelle costruzioni navali artiche e di navi di guerra per la Flotta russa del Mar Nero. Putin ha ordinato alla società statale Sovcomflot il trasferimento tecnologico dai Cantieri Baltiskij della società Zaliv a Kerch per la costruzione di 30 nuove petroliere (in aggiunta alle 101 oggi attive), di 14 navi-cisterne GPL (oltre alle 6 attualmente operanti) e di navi portacontainer a propulsione nucleare, tutte destinate per il Mar Glaciale Artico. Il beneficiario del progetto, la Gazprom, le finanzia. Le navi saranno utilizzate per rifornire di petrolio la Cina dal Mare della Siberia orientale e dallo Stretto di Bering, nell’ambito del recente megacontratto da 400 miliardi di dollari. La catastrofe della centrale nucleare di Fukushima e il contratto con la Cina hanno convinto il parlamento giapponese a rifornire il proprio Paese di 20 miliardi di metri cubi annuali di gas russo, tratti dalla quota precedentemente destinata all’Europa. Il governo giapponese ha approvato il finanziamento di un gasdotto sottomarino di 1350 km che colleghi l’isola giapponese di Hokkaido all’isola di Sakhalin, per un investimento di 6 miliardi di dollari. Fino a quando l’oleodotto non sarà  pronto, Gazprom s’impegna a rifornire via mare il Giappone di gas liquefatto. Attualmente, la Russia è l’unico Paese ad avere una flotta di rompighiaccio nucleari nella regione artica (costruiti dal 1985), che mantengono le rotte di navigazione permanentemente aperte al trasporto di petrolio.  Putin risponde così alle pretese dei media occidentali sugli scaffali vuoti nei negozi della Crimea e sulla Russia senza i soldi per pagare pensioni e stipendi degli abitanti di Crimea.
15_sevmorpyt_big__1_La città di Kerch si trova nell’omonimo stretto largo 4,5 km che separa due mari: il Mar Nero e il Mar d’Azov. Il Cantiere No. 532 di Kerch è meglio conosciuto per la costruzione, nel 1984-1991, di 8 fregate classe Krivak da 3300 tonnellate, tra cui la nave ammiraglia della Marina ucraina, Hetman Sagajdachnij. Inoltre, in questo sito fu costruita nel 1975 la prima di 8 navi-cisterna classe Crimea, lunghe 295 m e con una stazza di 150000 t. La prima fu consegnata al Vietnam con il nome Chi Linh. Ma pochi sanno che nel 1988 il cantiere Zaliv completò la costruzione di uno dei quattro rompighiaccio portacontainer a propulsione nucleare sovietici, appositamente costruiti per operare nella regione artica. La nave di 61880 t, la Sevmorput, è dotata di un reattore nucleare da 135 MW. Secondo il programma presentato dal Presidente Putin, il cantiere Kerch dovrà iniziare la costruzione di due navi a propulsione nucleare classe Sevmorput. In seguito, il Viceprimo Ministro Rogozin, responsabile dell’industria della Difesa della Russia, ha detto che il cantiere Mare di Teodosia è in cima alla lista di 23 aziende della Crimea destinate ad armare la Flotta nel Mar Nero. Il governo federale russo ha stabilito che lo sviluppo del progetto sarà completato entro il 1° luglio 2014. Teodosia è un comune di 80000 abitanti situato nella parte orientale della penisola di Crimea. È noto ai turisti per la sua famosa spiaggia dorata lunga 15 km, e anche per i quadri marini del famoso Ivan Ajvazovskij che visse e lavorò in questa città. Nell’epoca sovietica, tutti sentirono parlare di Teodosia per via del suo Cantiere Mare, che dal 1959 è specializzata nella produzione di hovercraft passeggeri ad alta velocità. Furono costruiti più di 1000 navi di questo tipo, principalmente per l’esportazione, come le Raketa, Kometa e Voskhod-2 che possono trasportare 58-118 passeggeri ad una velocità di 60-80 km/h. Nel 1983-1989, il cantiere Mare di Teodosia ricevette l’ordine per la costruzione di 16 motosiluranti veloci (70-80 km/h) classe Muravej per il Mar Nero. Le realizzazioni più importanti furono gli hovercraft classe Zubr (Progetto 1232.2). In origine  progettati e costruiti nel cantiere dai sovietici. Le navi Zubr sono dotate di cinque turboelica Kuznetsov NK-12, le più potenti del mondo, del bombardiere Tu-95. Le Zubr possono trasportare 150 tonnellate di materiale (3 carri armati T-90 o 8 blindati cingolati o 10 APC, o ancora 360 soldati della fanteria di marina equipaggiati). La Flotta del Mar Nero avrà bisogno di 4-6 nuovi Zubr quando riceverà le prime portaelicotteri Mistral, che possono trasportare 16 elicotteri d’assalto Mi-8 Amtsh Terminator e un battaglione di carri armati T-90 o due battaglioni di fanteria dotati di APC.
Dopo 23 anni, la Russia ha ripreso ad ordinare hovercraft ad alta velocità per usi militari e commerciali presso il cantiere Mare di Teodosia. Le prime quattro navi passeggeri ad alta velocità ordinate a Teodosia navigheranno sul Volga, sulla tratta Kujbishev-Uljanov-Kazan-Gorkij. Vengono invitati ad aderire al programma russo in Crimea gli esperti ucraini nella progettazione navale dei tre cantieri Nikolaev (Oceanico, 445 e 444) che costruirono durante l’era sovietica 2 portaelicotteri e 7 portaerei per l’URSS (Kiev, Minsk, Novorossijsk, Baku, Admiral Kuznetsov, Varjag e Uljanovsk).  Una delegazione guidata dal Viceprimo Ministro russo Dmitrij Rogozin ha visitato Nikolaev per fare proposte in questa direzione. L’offerta è ancora più interessante per il fatto che dal 1° giugno il rublo è diventata la moneta ufficiale della Crimea, e stipendi e pensioni, conformati alle norme della Federazione Russa, sono quattro volte superiori a quelli ucraini.

Zubr_model_MW3mistral-klasse-logo
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Aleksandr Pokryshkin: L’asso dell’aria che terrorizzò la Luftwaffe

Rakesh Krishnan Simha RBTH 7 giugno 2014

Le tattiche di combattimento aereo sviluppate dal pilota da caccia russo Aleksandr Pokryshkin si dimostrarono il fattore decisivo per la poderosa sconfitta della Luftwaffe, infine abbattendo la guerra lampo nazista.

pokryshkin-2La vittoria dell’Armata Rossa contro la Wehrmacht fu resa possibile quando l’aviazione russa  sconfisse l’onnipotente Luftwaffe in uno scontro titanico che sminuiva la Battaglia d’Inghilterra. Il merito del successo nei cieli della Russia va a Aleksandr Pokryshkin che con un colpo solo cambiò le obsolete tattiche sovietiche in vigore quando i tedeschi lanciarono la blitzkrieg nel 1941. Ci sono piloti audaci e piloti anziani, ma non piloti anziani audaci. Questo detto popolare era più o meno vero, perché i piloti da caccia avevano un tasso di abbandono elevato durante la Seconda Guerra Mondiale. Ma Pokryshkin andò contro tale tendenza. Non solo era un grande tattico, ma anche un pilota impavido che giunto al fronte vi rimase a combattere fino agli ultimi giorni della guerra.  Durante la guerra, il pilota da caccia russo compì 650 sortite, partecipò a 139 battaglie aeree e fu il secondo asso dell’aria nelle forze sovietiche e alleate, con un conteggio ufficiale di 59 aerei nemici abbattuti. Si ritirò da Maresciallo dell’Aeronautica Sovietica. Tuttavia, la spettacolare carriera di Pokryshkin quasi mai prese il volo sotto la dittatura distopica di Joseph Stalin. La sua critica all’inefficace dottrina della guerra aerea ufficiale, che causò enormi perdite nella Voenno-Vozdushnie Silij (VVS, Aeronautica Militare) contro la Luftwaffe nel 1941, ne fecero un bersaglio della dirigenza. Fu messo a terra quando i superiori scoprirono che insegnava ai suoi colleghi piloti le nuove tattiche che aveva sviluppato. Una lunga permanenza nel gulag sembrava inevitabile. Tuttavia, le prime battute d’arresto contro i tedeschi, in gran parte dovute alle politiche di Stalin, diedero all’alto comando sovietico una certa indipendenza. Quando i vertici di Mosca visionarono le sue tattiche, Pokryshkin fu promosso comandante di squadrone del 55° Reggimento Aerei da Caccia della 4° Armata Aerea. Fu una delle decisioni decisive della guerra.

Contrattacco
__________________ 1_001Nel 1943 l’industria aeronautica russa realizzava aeromobili sempre migliori, come Jak-7B, La-5, Jak-9 e il leggendario Il-2 Shturmovik superiori per potenza e manovrabilità agli aerei tedeschi. Il problema erano le obsolete tattiche sovietiche. Le cose cambiarono con l’arrivo di Pokryshkin. L’asso dell’aria perfezionò le sue tattiche durante i pesanti combattimenti sul Kuban, presso la Crimea, all’inizio del 1943. L’area vide alcuni dei combattimenti aerei più intensi della seconda guerra mondiale, con l’impegno quotidiano di 200 aerei in volo. In confronto, la Battaglia d’Inghilterra era un circo reso popolare dalla propaganda inglese che gonfiò le perdite tedesche ben oltre la realtà. La VVS divenne una nuova macchina. In Russian Aviation and Air Power in the Twentieth Century John Greenwood, Von Hardesty, Robin Higham dicono: “Le innovazioni di Pokryshkin ebbero un ruolo importante nello spezzare il monopolio dell’obsoleta manovra orizzontale e nell’introduzione di tattiche verticali che meglio sfruttavano le qualità dei nuovi aeromobili sovietici“. Pokryshkin comprese il vantaggio della quota. Ideò una nuova formazione di volo chiamata Kuban Stepladder, una formazione a tre livelli che permetteva ai caccia di pattugliamento di sostenersi reciprocamente a bassa, media e alta quota. Oltre a ciò, i comandanti russi cambiarono le priorità d’attacco dei loro piloti. Invece di impegnare i caccia di scorta tedeschi, attaccarono i più lenti bombardieri. Ciò influenzò drammaticamente la battaglia. Poiché i bombardieri più lenti erano più facili da attaccare e i caccia russi li eliminarono. La vista dei loro preziosi bombardieri precipitare in fiamme sul territorio nemico demoralizzò i caccia di scorta tedeschi. I tedeschi furono quindi più propensi a fare mosse avventate, che portarono rapidamente alla disfatta tedesca. I gruppi a bassa e media quota impegnavano i bombardieri nemici e fornivano la copertura aerea alle forze di terra, mentre il gruppo ad alta quota impegnava i caccia nemici e  copriva gli agli altri due gruppi. “I gruppi a bassa e media quota poterono concentrarsi attaccando il nemico, perché il gruppo in alta quota li copriva da attacchi a sorpresa dall’alto“, dice Russian Aviation and Air Power in the Twentieth Century.

Pokryshkin_P39NDisperdersi, c’è la Sotka
Sergej Dolgushin, un altro asso dell’aeronautica russa della seconda guerra mondiale, con 24 vittorie, definì ciò che serviva per essere un pilota di caccia di successo: “Amore per la caccia,  grande desiderio di essere il capobranco“. Nelle battaglie per la morte sul Kuban, Pokryshkin apprese che improvvisi attacchi rapidi erano la chiave del successo e della sopravvivenza in volo. Dopo l’avvistamento dei caccia tedeschi, Pokryshkin era sempre il primo ad agganciarli, creando confusione nelle loro formazioni. La sua semplice e diretta tattica della “quota-velocità-manovra-fuco!” presto si diffuse nella VVS e divenne la formula dei piloti da caccia sovietici per la vittoria. Si trattava di una misura che i tedeschi temevano tanto che si rifiutarono d’impegnare i caccia russi, se sapevano della presenza di Pokryshkin. Infatti, quando la sua unità si trasferì in Ucraina preferì utilizzare il segnale di chiamata Sotka (centuria), perché sapeva che la Luftwaffe aveva ordinato ai suoi piloti di rimanere a terra se sapevano che era in volo.

La svolta
file68htmo07rlv1k9pplea1_800_480In concomitanza con le tattiche di Pokryshkin, un altro fattore svolse un ruolo definitivo nella sconfitta tedesca. Fu il marcato miglioramento delle difese aeree del teatro russo. Il miglioramento qualitativo e quantitativo della armi della difesa aerea resero difficile alle unità dei caccia e bombardieri tedeschi apparire sui cieli del campo di battaglia. Le forze di terra tedesche invocarono le sirene urlanti dei bombardieri in picchiata Stuka, assieme agli altri bombardieri, per creare panico tra i ranghi nemici. Lo fecero in Polonia, Paesi Bassi e contro l’esercito inglese in Francia. Ma contro i russi la Blitzkrieg perse il suo elemento più vitale, il supporto aereo. Per Pokryshkin, la lotta per la superiorità aerea contro la Luftwaffe era quasi un’ossessione. Ma ciò diede dei dividendi.  Così efficace fu la nuova tattica del combattimento aereo della VVS, che divenne il mezzo principale per la superiorità aerea raccogliendo il sorprendente 77 per cento di tutti gli aerei tedeschi distrutti durante la seconda guerra mondiale. I piloti della divisione aerea di Pokryshkin abbatterono ben 1147 aerei nemici. Nel 2003 ad un festival dedicato all’asso dell’aria a Mosca, il Maresciallo dell’Aeronautica Militare Ivan Pstigo gli diresse questo complimento: “Gli aerei d’assalto fecero la loro comparsa solo grazie a Pokryshkin“. Anche dopo la guerra Pokryshkin continuò a soffrire per mano del regime totalitario comunista. Fu ripetutamente scavalcato nella promozione. Solo dopo la morte di Stalin fu finalmente promosso Maresciallo dell’Aria. In seguito si rifiutò di sostenere un resoconto glorificato del ruolo del Premier Leonid Brezhnev nella battaglia del Kuban, dove Breznev aveva svolto un ruolo marginale, nella migliore delle ipotesi. Da vero eroe preferì la verità al disonore.

PIC_0017Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Firmato il trattato istitutivo dell’Unione economica eurasiatica

Viktoria Panfilova New Oriental Outlook 03/06/2014
4c6c789c2e48845259375e0779a0dc1aI Presidenti Vladimir Putin, Nursultan Nazarbaev e Aleksandr Lukashenko hanno firmato il trattato che istituisce la Comunità economica eurasiatica, ad Astana il 29 maggio. Tre Paesi sono al centro di questa alleanza economica: Russia, Kazakhstan e Bielorussia. Il documento storico segna una nuova fase dell’integrazione economica. Il nuovo accordo entrerà in vigore il 1° gennaio 2015, riunendo un territorio con una popolazione di 170 milioni di abitanti e un’economia da 1 trilione di dollari. Russia, Bielorussia e Kazakhstan gradualmente aprono le frontiere per consentire la libera circolazione di merci, capitali, lavoro e servizi, oltre a dare ai cittadini la parità di accesso a trasporti e infrastrutture energetiche, ognuno dei quali sarà regolato da dogane e disposizioni tariffarie comuni. Questa nuova unione dovrebbe essere integrata in futuro dall’adesione di Armenia e Kirghizistan. I politici occidentali percepiscono il progetto dell’Eurasec come ostile, creando seri ostacoli all’egemonia occidentale sia nell’ex-sfera d’influenza sovietica che nel mondo. La cerimonia ufficiale della firma ad Astana, in Kazakhstan, s’è svolta sullo sfondo delle accresciute tensioni nella regione, aggravate dalla crisi politica in Ucraina. Ciò non è affatto accidentale. Come la ricercatrice del MSU Natalija Kharitonova ha recentemente affermato: “La Russia cerca di mobilitare il sostegno all’integrazione eurasiatica e di utilizzarne i benefici, esistenti e previsti, per  fini propagandistici anche verso i Paesi ai suoi confini occidentali“.
Il presidente russo Vladimir Putin ha ammesso che “grazie allo spirito costruttivo generale e alla volontà e capacità di ognuno di raggiungere dei compromessi, abbiamo superato molte difficoltà lungo la strada e riuscito a firmare il documento entro il termine che avevamo stabilito (il 1 giugno). Il leader kazako Nursultan Nazarbaev è fiducioso sui risultati: “L’accordo è completo, competente e tiene conto degli interessi di tutti gli Stati coinvolti”. Ha sottolineato che le decisioni prese nell’Unione saranno consensuali: “ciascuna parte avrà un ruolo determinante“. Nazarbaev ha ancora una volta sottolineato che l’unione economica “in nessun modo mette in dubbio l’indipendenza o la sovranità politica degli Stati che partecipano al processo di integrazione“. Il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko ha cercato di “tranquillizzare” gli oppositori dell’integrazione economica di Russia, Bielorussia e Kazakhstan, osservando che nell’EurAsec tutte le voci saranno equamente ascoltate. “Insieme a Russia e Kazakhstan partecipiamo a un equo processo comune. E se dovremo far carico qualcuno di qualsiasi cosa, sarà anch’esso equo. Questa è la nostra alleanza amichevole“, ha detto Lukashenko. Il presidente della Bielorussia s’è indignato per le critiche infondate sentite mentre si preparava il trattato che istituisce l’EurAsec. “Abbiamo sentito accuse e rivendicazioni secondo cui l’integrazione è il ritorno dell’impero sovietico, una perdita di sovranità e che metterà a dura prova non Russia o Kazakistan, ma Bielorussia. Ma la Bielorussia  potrà anche ottenere di più di chiunque altro. Anche ora la stampa solleva un polverone su Lukashenko che chiede concessioni, negoziando dei bonus per Minsk, cito“, ha detto Lukashenko. Tuttavia Lukashenko ha stipulato un utile accordo per il suo Paese, sempre contestato dal giornalismo “irresponsabile”. Dopo le minacce del presidente bielorusso di bloccare la firma, una serie di domande di Minsk è stata risolta positivamente. Quindi, Mosca ha promesso di trasferire 2 miliardi di dollari in prestiti, per ricostituire rapidamente le riserve bielorusse in calo entro maggio 2014. La questione delle forniture petrolifere è stata risolta. Come notato da Lukashenko, “possiamo aumentarne la quantità richiesta, in caso di necessità”. Il leader bielorusso è anche riuscito a negoziare una promessa sulla questione chiave dell’abolizione dei dazi doganali sui prodotti petroliferi russi esportati dalla Bielorussia. Ciò equivale a circa 3-4 miliardi di dollari all’anno. La Bielorussia cesserà anche completamente tutti i pagamenti sui trasferimenti di petrolio dalla Russia nel 2016.
Astana, per non restare indietro, ha chiesto parità di accesso ai gasdotti e oleodotti russi. Il nuovo regime commerciale richiede che Mosca fornisca ad Astana e Minsk sovvenzioni pari a 30 miliardi di dollari l’anno, cinque volte superiore a quelle attuali. L’industria del petrolio e del gas russo  compenserà questi costi. Ma a parte Bielorussia e Kazakhstan, principali partecipanti dell’Unione, il Kirghizistan, candidato all’adesione, riceverà 1,2 miliardi di dollari da Mosca per il privilegio di un’entrata indolore nell’Euresac. Di questi, 1 miliardo sarà per il Fondo di sviluppo della Repubblica, e altri 200 milioni per la creazione della “tabella di marcia” per l’adesione della Repubblica all’Unione doganale. I relativi accordi sono già stati firmati dai due governi. Il presidente del Kirghizistan Almazbek Atambaev che, a quanto pare non si aspettava tanta generosità da Mosca, ha detto che il Kirghizistan è disposto ad aderire all’EurAsec nel 2015. Ciò sembra  sorprendere Vladimir Putin. Il processo di adesione del Kirghizistan all’Unione sarà abbastanza lungo. Il Kirghizistan deve prima diventare membro dell’Unione doganale e dello spazio economico comune, e solo allora potrà entrare nell’EurAsec. Putin, riferendosi al suo omologo del Kirghizistan, ha dichiarato: “Sono lieto del vostro impegno personale nel progetto. Sappiamo che il percorso sarà difficile, che richiederà un duro lavoro degli esperti della Commissione eurasiatica e del governo.  Ma in ogni caso siamo pronti ad aiutarvi, a dare una mano e vedere quali ulteriori passi poter intraprendere per aiutare l’economia del Kirghizistan a prepararsi al nostro lavoro comune. Sul piano bilaterale, a mio parere, tutto va come ci aspettavamo. Mi auguro che tutti i nostri programmi saranno adempiuti“.
L’Armenia è pronta ad entrare nella nuova alleanza. Il Presidente Serzh Sargsjan s’è offerto di firmare il trattato di adesione dell’Armenia all’Unione economica eurasiatica entro il 15 giugno di quest’anno. Tuttavia, in risposta, il Presidente Nazarbaev ha proposto di prendere in considerazione questo problema il 1° luglio, sottolineando che l’Armenia dovrebbe rispettare tutti i requisiti di adesione all’Unione, cioè aderire all’Unione con i confini riconosciuti dalle Nazioni Unite. “Come nell’adesione al WTO”, ha detto Nazarbaev. (Nel 2003, l’Armenia ha aderito all’OMC con i confini internazionalmente riconosciuti, cioè senza il Nagorno-Karabakh e le sette regioni occupate). Tuttavia, dobbiamo considerare il fatto che l’EurAsac è un’unione per l’integrazione economica, e la questione del Nagorno-Karabakh è politica e che dovrebbe essere risolta nel quadro del Gruppo di Minsk dell’OSCE. “In cima all’ordine del giorno per l’Armenia restano i problemi militari e di sicurezza energetica, il principale e forse l’unico garante dei quali è la Russia. Difficilmente si può dubitare che Mosca tiri le fila per la velocità inaudita dell’integrazione, di cui Erevan cerca di beneficiare soprattutto con l’unione doganale e quindi con la piena adesione all’Unione Eurasiatica. Alcuni dicono che l’EurAsec sia esclusivamente economica. Beh, sì e no. Anche se questo è vero per il Kazakhstan, chiaramente non lo è per Armenia e Russia, dice Arkadij Dubnov, esperto diplomatico. Il trattato istitutivo dell’EurAsec dovrebbe essere ratificato dai parlamenti di Russia, Bielorussia e Kazakhstan entro la fine dell’anno, e l’Unione eurasiatica inizierà ad operare efficacemente dal 1° gennaio 2015. Ma gli esperti già dicono che l’Unione ha molti più vantaggi che svantaggi. Non dobbiamo escludere la prospettiva di un allargamento della cerchia dei Paesi che desiderano aderire all’unione. Secondo Putin, “le potenze economiche globali chiave” già mostrano interesse per la nuova alleanza. “Non è un caso che i principali attori economici del mondo già mostrano interesse per l’unione, vista come la più diretta ed immediata. Dovunque vado, con chiunque parlo, tutti vogliono sapere come avviare rapporti con la futura Unione eurasiatica“, ha detto il leader russo.
Ma vi sono anche pareri negativi. Certe élite politiche occidentali hanno un atteggiamento ostile verso l’EurAsec, vedendola come possibile serio ostacolo all’egemonia occidentale, sia nell’ex-sfera di influenza sovietica che nel mondo. Abbiamo visto quanto è stato fatto per impedire l’adesione dell’Ucraina al progetto eurasiatico. “Nonostante la situazione in Ucraina, l’istituzione dell’EurAsec e il rafforzamento della cooperazione tra Russia, Kazakhstan e Cina hanno inferto un duro colpo alle ambizioni occidentali di conservare un sistema mondiale unipolare. Possiamo quindi aspettarci tentativi nel prossimo futuro di destabilizzare la situazione, in particolare nella regione dell’Asia centrale. La situazione in Tagikistan e gli attentati terroristici ad Urumqi, mostrano i primi segni di di tale scenario in formazione. Mentre il business occidentale “da tempo segue il progetto eurasiatico con interesse ed è alla ricerca di nuovi quadri per la cooperazione e la comunicazione aziendale con i partner eurasiatici“, dice Julija Jakusheva, Direttore Esecutivo del Sever-Iug Political Science Centre. L’esperto in Asia centrale e Medio Oriente Aleksandr Knjazev ritiene inoltre che la firma dell’Unione economica eurasiatica pone anche domande sulle contromisure all’integrazione eurasiatica che potrebbero essere rilevate in futuro. Ciò è dimostrato da una serie di dichiarazioni dei politici e delle azioni del governo degli Stati Uniti. “Penso che l’Ucraina, come mezzo per contrastare l’integrazione sia solo il primo passo. L’elenco delle possibili misure future è piuttosto lungo, dato il numero di recenti eventi spiacevoli per gli Stati Uniti, oltre alla firma dell’accordo di oggi ad Astana, vi è il recentemente notevole riavvicinamento delle relazioni tra Russia e Cina. A ciò dobbiamo aggiungere il netto passo geopolitico del Kazakhstan verso l’Eurasia“, ha detto Knjazev.

Viktoria Panfilova, della redazione de “the Independent Newspaper“, per la rivista online “New Oriental Outlook“.

CU-Eurasec_map_logo
Gazprom inizia la produzione nel giacimento Badrah dell’Iraq
ITAR-TASS 2 giugno 2014

gazpromneftGazprom Neft, il braccio petrolifero del colosso energetico russo Gazprom, ha detto di aver avviato la produzione del giacimento Badrah, nell’Iraq orientale. La quantità di petrolio necessaria per l’avvio della produzione commerciale sarà accumulata in tre mesi e “il campo Badrah sarà quindi pronto a raggiungere i livelli di produzione previsti di 15000 barili al giorno“, ha dichiarato Gazprom Neft. La produzione del giacimento Badrah, nella provincia orientale di Wasit, raggiungerà il suo picco di 170000 barili al giorno (circa 8,5 milioni di tonnellate all’anno) nel 2017 e quindi vi rimarrà per un periodo di 7 anni, secondo Gazprom Neft. Le riserve geologiche del campo Badrah sono stimate in 3 miliardi di barili di petrolio. Il contratto con il governo iracheno per lo sviluppo del giacimento Badrah è stato firmato nel gennaio 2010, dopo una gara d’appalto in cui un consorzio di imprese costituito da Gazprom Neft, Kogas della Corea del Sud, Petronas della Malesia e TPAO della Turchia è stato dichiarato vincitore. La quota di Gazprom Neft nel progetto è del 30%, mentre il 22,5% va a Kogas, 15% a Petronas e 7,5% a TPAO. La quota del governo iracheno rappresentata nel progetto iracheno dall’Oil Exploration Company (OEC), è del 25%. Il progetto di sviluppo di Badrah ha una durata prevista di 20 anni con una possibile proroga di cinque anni, secondo Gazprom Neft. Gli investimenti di capitale nel progetto sono stimati a 2 miliardi di dollari.
Alla fine di marzo 2014, il maggiore produttore indipendente di greggio russo LUKoil ha avviato la produzione del giacimento petrolifero West Qurna-2 nel sud dell’Iraq. LUKoil, che ha investito 4 miliardi di dollari nel progetto, produce 120000 barili al giorno a West Qurna-2 e progetta di passare a 400000 barili al giorno entro la fine anno. Il contratto ha una durata di 25 anni. West Qurna-2 è il secondo campo non sviluppato del mondo, con riserve recuperabili di circa 14 miliardi di barili. LUKoil detiene il 75% del progetto, mentre la North Oil Company statale dell’Iraq ha il 25%.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il nazionalismo del Donbas

Leonid Savin  Open Revolt 30 maggio 2014
189340484Gli eventi nel sud-est dell’Ucraina indicano un fenomeno molto importante. Non si tratta solo di un indicatore del fronte della lotta geopolitica tra l’occidente e il club del mondo multipolare, è anche la frattura dello Stato ucraino, che negli ultimi tempi è un satellite e cliente di Washington e Bruxelles; la crescita della coscienza politica dei cittadini (nel senso dei cittadini che difendono i propri diritti e libertà con le armi, e non dei soggetti deboli dello Stato weberiano che non li difende dall’arbitrio degli avversari politici e non adempie agli obblighi sociali); e anche l’emergere di un nuovo nazionalismo, unico per caratteristiche e obiettivi. Il nazionalismo di molti popoli si caratterizza principalmente per la cultura, compresa la lingua (nella versione tedesca), o per la politica (nella versione francese). Tuttavia, il nazionalismo ha un’ampia gamma di attributi, che può includere etnia, solidarietà di gruppo, auto-rappresentazione e identificazione. Proprio in tal senso, si considerano i continui processi di disgregazione dello Stato ucraino segnati dal nazionalismo del Donbas. Il carattere politico del processo, abbastanza evidente a Lugansk, Donetsk, Slavjansk e altre città, da una chiara dimostrazione della soggettività politica. Questa soggettività è entrata nella fase attiva della formazione in periodo conflittuale, come in Abkhazia e Ossezia del Sud, dove il netto rifiuto della politica sciovinista del presidente georgiano Gamsakhurdia creò sacche di resistenza e indipendenza dalla Georgia. Aspirazioni simili, nel conseguire soggettività politica, possono essere osservate in altre regioni del mondo connesse al fattore etnico e ai diversi metodi di risoluzione. In Gran Bretagna ci sono il nazionalismo irlandese e scozzese, in Spagna quello basco e catalano. I sostenitori dell’unione e della creazione di una nazione ucraina unita, spesso volutamente lo dimenticano, anche se l’appello all’idea nazionale viene appunto citato quale esempio del movimento nazionalista europeo. E’ ovvio che l’Ucraina sia condannata dai diversi tipi di etno-nazionalismo, anche sul piano della geografia politica; in relazione agli altri Paesi europei, la repubblica ex-sovietica è troppo grande per essere omogenea, nel senso dell’omogeneizzazione massiccia di cultura nazionale, storia e pratiche socio-politiche. E’ chiaro che oltre all’artificiale, e in larga misura teorico, nazionalismo dei banderisti tracimante in Ucraina, ci sono altre forme d’identità, da quella rutena ad occidente a quella imperiale russa in Oriente.
Per tipologia, possiamo determinare che il nazionalismo del Donbas è di tipo misto, situazionale, cioè ha una specifica costruttivista indotta dall’azione della giunta Kiev. Insieme a questo è primordiale, cioè ha profonde radici storiche propriamente chiamate conoscenza tacita. L’inferiorità della politica liberal-galiziana ufficiale di Kiev, negli ultimi 10 anni, ha contribuito a far crescere e rafforzare l’embrionale nazionalismo del Donbass, ma in diversi aspetti affonda le radici in una piattaforma completa. Se la federalizzazione dell’Ucraina fosse stata attuta all’epoca, l’Ucraina avrebbe evitato la situazione attuale nel quadro di un nazionalismo di Stato nei vari livelli di lingue e culture; avremmo visto qualcosa di simile ai lander federali della Germania o ai cantoni svizzeri (consideriamo tali opzioni, date le frequenti dichiarazioni sulla scelta europea dell’Ucraina e la direzione delle diverse forze politiche negli ultimi 10-15 anni), ma questo non è accaduto. Sugli aspetti primordiali più comunemente posizionati a supporto dei vari movimenti nazionalisti (e di liberazione), è necessario considerare in dettaglio tutte le fasi storiche associate ad esso e il singolo strato di continuità compreso nelle nostra mitologia e memoria storica. La prima fase è associata alla proto-regione, senza una specifica condizione contemporanea chiaramente espressa ed associata al concetto di sovranità. Tuttavia, possiamo trovare tali elementi interessanti come gli alani (sarmati, sciti) giunti sul Don inferiore (Tanai nelle fonti greche e latine) e la riva superiore sinistra del Dnepr e nella riva settentrionale del Mare d’Azov. Proprio come la Crimea, questo contesto rientra nella zona del mondo ellenico, il Donbas diventa parte del circolo culturale alano-sarmato. La seconda fase, che risale all’epoca della grande migrazione, dimostra che molti popoli passarono e vissero nel territorio in esame. Oltre a slavi e turchi, vi furono peceneghi, torchi, kumani e berendi, spesso noti collettivamente come cappucci neri (Karakalpacchi). Il loro territorio era parte del khanato khazaro e più tardi entrò a far parte dell’Orda d’Oro. La terza fase si ebbe quando la regione era contigua alle periferie di diverse potenze, una sorta di terra nullius, campo selvatico senza uno Stato ma dove gli interessi degli Stati in conflitto e competizione (impero russo, regno di Polonia, khanato di Crimea e impero ottomano) erano in grado di scontrarsi militarmente. E’ sufficiente ricordare la lettera di Ivan il Terribile al khan di Crimea, dove dice che i cosacchi, che vivevano nel territorio turbando i tartari, non avevano rapporti con la Moscovia perché erano un popolo libero. Ma tali limes non possono esistere autonomamente a lungo, perché i grandi attori sono costretti a controllare terre, fiumi, mari e comunicazioni, e anche a creare una zona cuscinetto che protegga la metropoli da qualsiasi evento imprevisto. Fu cosi creata Novorossija, quando durante la guerra con l’impero ottomano, l’area del Mar Nero e regioni viciniori furono annesse. Si deve sottolineare che la regione del Donbas aveva suoi fattori culturali, anche se correlati alla generale identità cristiana ortodossa. Nelle attuali  regioni di Lugansk e Donetsk, alla metà del XVIII secolo, ci fu un’unità militare denominata Serbia slava, chiamata così per via dei serbi, montenegrini e valacchi trasferitisi durante l’avanzata dei turchi nei Balcani (un altra unità simile comparve nella regione di Kirovograd e si chiamava Nuova Serbia). Per inciso, un distaccamento di soldati montenegrini già apparve nel territorio slavo, collocandosi nella fortezza di Tor (sito creato nel 1637). Qui vediamo una connotazione molto interessante. Il famoso scienziato, viaggiatore ed esploratore norvegese Thor Heyerdahl, nel tentativo di trovare le origini della mitologia scandinava, arrivò alla conclusione che la divinità che dominava il pantheon pagano, Odino, fosse una persona storica, il capo di una tribù che giunse nel nord Europa proprio dal Don inferiore. Nel gruppo di Odino, come sappiamo, c’era Thor,  direttamente correlato alla guerra e alle pratiche militari. Thor sacrificò la propria mano in modo che gli Dei potessero ingannare il lupo Fenrir, l’incarnazione del male nella mitologia scandinava.  La fase successiva è l’unità politico-territoriale dell’impero russo conosciuta come terra delle forze del Don. Il fattore cosacco qui si mescola con quello religioso, dato che la maggior parte dei cosacchi non accettò le riforme del patriarca Nikon e aderì alla vecchia credenza. Seguì il periodo della Rivoluzione d’Ottobre e il tentativo di creare l’Esercito del Grande Don e la Repubblica di Donetsk-Krivoj Rog. Tuttavia, il territorio del Donbas fu annesso all’Ucraina. Poi venne l’epoca della modernizzazione di Stalin, dove nuovi flussi di popolazione vennero attratti ancora una volta, creando l’industria regionale. E’ evidente che il carattere del lavoro, le gesta eroiche dei minatori e metallurgici, le figure dell’opposizione, dei lavoratori, commercianti e politici (cripto-borghesia) ebbero importanza nel processo di comprensione della profondità dell’identità del Donbas. Questa fase si esplica organicamente nel tardo periodo sovietico, quando si può già sentire la frase “Noi siamo del Donbas” dalla bocca della gente, non vincolatasi all’Ucraina. Per inciso, il fattore minerario ha anche un significato definito nella formazione della concezione del mondo dei residenti del Donbas. Si tratta di una professione pericolosa che spesso porta alla morte, individuale o di gruppo, formando corrispondenti percezione ed atteggiamento verso la morte, assente nei residenti della Polesia o di Lvov. I nazionalisti di Lvov preferiscono sfuggire alla morte recandosi nell'”Europa illuminata” o cercando una nuova casa in Nord America, in Canada o a Chicago, come fecero i loro predecessori poi inclusi nella strategia generale della CIA per combattere l’Unione Sovietica. L’attuale resistenza del Donbass testimonia lo spirito fortemente appassionato degli abitanti di questa regione. Su appello del primo presidente ucraino Leonid Kravchuk, nel 1991, l’intellighenzia (compresa la diaspora) fu coinvolta nella formazione del nuovo edificio statale, della nazione ucraina dall’apparenza eccezionale e corrispondente alla mitopoiesi che parla dei grandi antenati degli ucraini, gli Ariani (Oryans nella versione di questi creatori di miti), puntando a gettare le basi primordiali dell’ideologia ucraina, più che altro dei grevi deliri e allucinazioni da malati di mente, e non una ricerca scientifica o un programma teorico per preparare l’élite del nuovo Stato e istruire allo spirito del patriottismo. Il nazionalismo banderista per sua natura ha un carattere esclusivo, e le contraddizioni nel nazionalismo ucraino, anche tra gli ideologi del XX secolo, hanno un carattere più ripugnante che interessante (contraddizioni simili sono di solito ben nascoste dai numerosi intellettuali nazionalisti, anche se la massa principale è lungi dal conoscere teoricamente le idee di Dontsov, Lipa, Stetsko, Mikhnovskij e altri apologeti del nazionalismo ucraino). Inoltre, deve essere ricordato che la regione del Donbas non ha subito l’espansione greco-cattolica di cui l’Ucraina occidentale ha sofferto e di conseguenza è la Chiesa ortodossa russa del Patriarcato di Mosca ad occupare una posizione dominante. Piccoli gruppi di eretici, che si definiscono seguaci del patriarca di Kiev (Filarete), successivamente passati alla chiesa uniate, insieme a varie denominazioni protestanti, non svolgono un ruolo significativo nella formazione della mentalità delle regioni di Lugansk e Donetsk, e i loro sostenitori e predicatori di solito sono respinti. Quindi, abbiamo la comparsa di un nuovo, unico e interessante evento, il nazionalismo del Donbas. Allo stesso tempo, è parte integrante del più ampio nazionalismo russo, poiché la sua struttura ha la stessa base del nazionalismo russo, agendo come fattore ombrello ed elemento di collegamento con la Russia, soprattutto nelle regioni meridionali storicamente associate al Donbass. Non dipende dall’esito dell’attuale battaglia geopolitica tra il Don e il Dnepr, perché è ovvio che il nazionalismo del Donbas rientra organicamente nel mondo russo dell’Eurasia.

100015751. Il Donbass è il nome del Sud-Est dell’Ucraina contemporaneo (formata da parti delle regioni di Dneptropetrovsk, Lugansk e Donetsk) e parte della regione russa di Rostov.

Ukraine-Map-1728x800_cTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Gli Illuminati contro la Russia

I piani degli imperialisti della City di Londra per la Russia
Dean Henderson 29 aprile 2014 map_ktk_enIeri l’UE e gli USA hanno imposto ulteriori sanzioni alla Russia, mentre 150 truppe statunitensi sbarcano nella vicina Estonia per le esercitazioni militari. Due mesi dopo che il presidente democraticamente eletto dell’Ucraina Viktor Janukovich è fuggito dal Paese per il putsch orchestrato da MI6/CIA/Mossad a Kiev, l’occidente continua l’aggressione alla Russia, nonostante i ripetuti tentativi diplomatici del presidente russo Vladimir Putin. Quindi cosa c’è di nuovo? La City dei banchieri di Londra guidata dai Rothschild da due secoli ha grandi piani imperialisti per le ricche risorse naturali della Russia, sempre ostacolati dagli zar o dallo stalinismo nazionalista. Putin ha sventato i loro ultimi tentativi, quando ha incarcerato l’israeliano dalla doppia cittadinanza Mikhail Khodorkovskij e ri-nazionalizzato gran parte dell’industria energetica russa. Non è un caso che uno dei funzionari russi sanzionati ieri sia Igor Sechin, presidente del colosso petrolifero russo Rosneft, di cui BP detiene ancora una quota del 20%.

Alleanza blasfema
hersh_malta_2 Mentre i sindacati bancari internazionali avevano sempre trattato con l’Unione Sovietica, l’accesso alle sue vaste risorse petrolifere rimase limitata fino a quando Ronald Reagan entrò alla Casa Bianca nel 1980, determinato a frantumare l’Unione Sovietica e aprirne i giacimenti petroliferi ai Quattro Cavalieri. Il suo uomo di punta fu il direttore della CIA Bill Casey, le cui connessioni con i cattolici Cavalieri di Malta furono sfruttate a fondo. La “santa mafia” segreta dell’Opus Dei del Vaticano era dietro l’ascesa al Papato del cardinale polacco Karol Wojtyla. Wojtyla divenne Papa Giovanni Paolo II e lanciò l’offensiva dell’Opus Dei/Vaticano per eliminare i movimenti della teologia della liberazione dall’America Latina e il comunismo dall’Europa orientale. Il fascismo aiutò naturalmente Karol Wojtyla. Durante gli anni ’40 era un commesso dell’industria chimica nazista IG Farben. Wojtyla vendeva ai nazisti il cianuro usato nei loro campi di sterminio di Auschwitz. Uno dei suoi migliori amici era il dr. Wolf Szmuness, ideatore nel 1978 dello studio sull’epatite B del Center for Disease Control degli Stati Uniti, attraverso cui il virus dell’AIDS fu inoculato nella popolazione gay. [722] Nel 1982 Reagan incontrò Papa Giovanni Paolo II. Prima della riunione, Reagan firmò l’NSD-32 che autorizzava una vasta gamma di attività economiche, diplomatiche e segrete per “neutralizzare la presa dell’Unione Sovietica sull’Europa orientale“. Nel corso della riunione i due decisero di lanciare un programma clandestino per strappare l’Europa dell’Est ai sovietici. La Polonia, Paese di origine del Papa, era la chiave. Sacerdoti cattolici, AFL-CIO, National Endowment for Democracy, Banca del Vaticano e CIA si schierarono tutti.
Il Vaticano è il maggiore proprietario al mondo di titoli azionari, utilizzando la filiale svizzera del Banco di Roma per svolgerne le  attività in modo discreto. Il fascista italiano Benito Mussolini fornì generose esenzioni fiscali al Vaticano, di cui gode ancora. La riconciliazione del Grande Oriente massone con il Vaticano fu sostenuta dal Banco Ambrosiano del capo della P-2 Roberto Calvi. Le relazioni tra il Vaticano e la massoneria erano tese dall’11° secolo, quando i greci ortodossi si divisero dai cattolici romani. Emersero le fazioni dei Cavalieri Templari e dei Cavalieri Ospedalieri di S. Giovanni. Quest’ultima fu la fazione cattolica. Cambiò nome in Cavalieri di Malta, dall’isola dove trovò rifugio dopo la sconfitta delle Crociate con l’aiuto del Vaticano. Malta è una base degli intrighi di CIA/MI6/Mossad. Nel 13° secolo papa Clemente V, sostenuto dal re di Francia Filippo, accusò i Cavalieri Templari di eresia protestante, citando la loro passione per il traffico di droga, armi, gioco d’azzardo e prostituzione. Queste attività sono ciò che resero i Templari “ricchi sfondati”. Papa Clemente diede una lezione bruciando sul rogo, un venerdì 13, il capo dei Templari Jacques de Molay. [723] I templari presero il loro bottino e fuggirono in Scozia per fondare la Massoneria di Rito Scozzese. Finanziarono la Casa di Windsor che controlla la Gran Bretagna e presiede il vertice della massoneria mondiale. I membri loggia massonica iscrivono i figli alla De Molay Society, in onore del pirata templare bruciato. Il tentativo di Calvi di conciliare società segrete protestanti e cattoliche fu un successo. Divenne il finanziatore del movimento polacco Solidarnosc, mentre l’inquinata Continental Illinois Bank del segretario al Tesoro di Nixon David Kennedy inviava i fondi della CIA dalla Banca di Cicero del vescovo Paul Marcinkus per finanziare Solidarnosc. [724]
Il Vaticano collaborò con la nobiltà nera europea, i Bilderberger e la CIA per lanciare la società ultrasegreta JASON e armare i dittatori sudamericani per reprimere la teologia della liberazione. Nel 1978, quando Papa Giovanni Paolo II prese il potere, il Vaticano emise un francobollo commemorativo con una piramide egizia e il Roshaniya, l’occhio che tutto vede. [725] Il Vaticano e gli Illuminati si ricongiunsero. Gli incontri di Reagan con Papa Giovanni Paolo II furono l’affermazione di tale nuova potente alleanza che si concentrò sulla rovina dell’Unione Sovietica. Anche prima che Reagan incontrasse il Papa, la CIA aveva un agente presso il ministero della Difesa polacco, il colonnello Ryszard Kuklinski. Kuklinski faceva capo al Vaticano e contribuì ad organizzare Solidarnosc guidata dalla ricca famiglia Radziwill, che aveva finanziato gli assassini di JFK via Permindex. La maggior parte dei capi di Solidarnosc erano vecchi ricchi aristocratici. Il precursore di Solidarnosc fu l’Alleanza Nazionale dei solidaristi, una squadra fascista russo/est-europea finanziata dalla RD/Shell di Sir Henry Deterding e dal presidente della Vickers Arms Corporation Sir Basil Zacharoff. Sir Auckland Geddes della Rio Tinto Zinc, che finanziò golpe fascista di Francisco Franco in Spagna, finanziò anche i solidaristi. Il nipote di Geddes, Ford Irvine Geddes, fu presidente della Inchcape Peninsular & Orient Navigation Company nel 1971-1972. [726] Il quartier generale dei solidaristi degli Stati Uniti era la Fondazione Tolstoj, nello stesso edificio della Julius Klein Associates che armò i famigerati squadroni della morte sionisti Haganah e banda Stern che usurparono le terre palestinesi per fondare Israele. Klein era un insider dell’MI6 alla Permindex contribuendo ad organizzare l’assassinio di JFK. Il figliastro dei solidaristi, il movimento Solidarnosc, fu spacciato dai media occidentali come grande forza liberatrice polacca. Con gli aiuti della CIA, Solidarnosc rovesciò il governo comunista di Varsavia. Il loro uomo di paglia Lech Walesa divenne presidente della Polonia. Nel 1995 Walesa fu sconfitto dall’ex-leader comunista Aleksander Kwasniewski. Walesa fu premiato per aver leccato stivali lavorando alla Pepsi.
Il direttore della CIA Casey richiese costante attenzione sull’Europa orientale dalla CIA. Casey s’incontrò spesso con il cardinale di Philadelphia John Krol per discutere di Solidarnosc. Utilizzò i suoi collegamenti con i Cavalieri di Malta, appoggiandosi pesantemente su fratello Vernon Walters, il cui curriculum spettarle si legge come un romanzo di James Bond. L’ultima incarnazione di Walter fu da ambasciatore itinerante di Reagan presso il segretario di Stato del Vaticano cardinale Agostino Casaroli. [727] Nel 1991 Walters era ambasciatore USA alle Nazioni Unite, dove rullò con successo i tamburi di guerra contro l’Iraq. Era nelle Fiji quello stesso anno, poco prima della caduta di quel governo di sinistra. Altri Cavalieri di Malta coinvolti nel tentativo di destabilizzazione dell’Europa orientale furono Richard Allen, dell’NSA di Reagan e vice di Robert Vesco, il giudice William Clark dell’NSA di Reagan, l’ambasciatore di Reagan in Vaticano William Wilson e Zbigniew Brzezinski. Altri cavalieri di spicco dei Cavalieri di Malta erano Prescott Bush, il segretario al Tesoro di Nixon William Simon, il golpista nixoniano Alexander Haig, il sostenitore dei Contra J. Peter Grace e l’agente venezuelano dei Rockefeller Gustavo Cisneros.
La squadra di Reagan seguiva una strategia in cinque parti nel tentativo di distruggere l’Unione Sovietica. In primo luogo, perseguì il concetto di Star Wars della JASON Society, nel tentativo di coinvolgere i sovietici in una corsa alle armi spaziali sapendo che Mosca non poteva permettersi. In secondo luogo, la CIA avrebbe lanciato operazioni segrete in Polonia, Cecoslovacchia e Ungheria nel tentativo di rovesciare quei governi filo-sovietici. Mentre Walesa spuntò in Polonia, il poeta Vaclev Havel divenne il cavaliere bianco della CIA in Cecoslovacchia. Come Walesa, Havel divenne impopolare e subito cacciato dalla presidenza di burattino. Un componente del programma di destabilizzazione della CIA era comprare armi da queste nazioni dell’Est europeo per armare i ribelli sponsorizzati dalla CIA in Nicaragua, Afghanistan, Angola e Mozambico, usando la BCCI e successivamente la BNL. Gli Stati Uniti volevano anche mettere le mani sull’avanzato arsenale sovietico. La Polonia vendette segretamente agli Stati Uniti una serie di avanzate armi sovietiche per 200 milioni di dollari. La Romania fece lo stesso. Entrambi i Paesi videro i loro debiti esteri ridotti significativamente. [728] Il terzo componente della strategia di Reagan fu finanziare la privatizzazione economica del contingente del Patto di Varsavia. In quarto luogo, gli Stati Uniti avrebbero coperto le onde radio est-europee e sovietiche di propaganda filo-occidentale da fronti come Radio Liberty, Radio Free Europe e Voice of America. La CIA finanziò giornali e riviste locali.
La Compagnia fu aiutata nell’Unione Sovietica dai suoi compari del Mossad con il tentativo del magnate dei media e ufficiale pagatore del Mossad Robert Maxwell. Quando Maxwell minacciò di svelare l’incontro tra il capo del KGB Vladimir Krjuchkov e un capo del Mossad a bordo del suo yacht privato, in cui il colpo di Stato contro Mikhail Gorbachev venne discusso, il Mossad ordinò l’eliminazione di Maxwell. Il 4 novembre 1991, quando navigava presso le isole Canarie, Maxwell fu assassinato da un commando israeliano. L’esodo di massa degli ebrei russi negli insediamenti occupati da Israele in Palestina faceva parte del patto segreto tra Mossad e Krjuchkov, ancora in una prigione di Mosca per il suo ruolo nel tradimento del colpo di Stato contro Gorbaciov. [729] Ma fu il quinto e ultimo componente della strategia di Reagan che attrasse i Quattro Cavalieri. Gli spettri di Reagan avviarono una guerra economica contro l’Unione Sovietica, comprendente il congelamento dei trasferimenti tecnologici, contraffazione del rublo russo e sponsorizzazione di gruppi islamici separatisti nell’Asia centrale e nel Caucaso sovietici. I jihadisti furono incaricati di sabotare un importante metanodotto transcontinentale che i sovietici stavano costruendo. I sovietici avevano più gas naturale di qualsiasi altro Paese sulla terra e videro nel completamento di questo gasdotto una vacca da mungere per il 21° secolo. [730] Big Oil voleva il latte della mucca.

E’ il petrolio, stupido!
pipelinemapQuando l’ultimo presidente dell’Unione Sovietica Mikhail Gorbaciov annunciò la perestrojka e la glasnost per privatizzare l’economia del Paese, aiutò gli Illuminati a distruggerlo. Gorbaciov fu ingannato, complice inconsapevole, un agente della CIA o vittima dell’operazione Presidio di controllo mentale del Tempio di Set? Comunque sia, svolse un ruolo chiave nello smantellamento dell’Unione Sovietica. I sovietici controllavano non solo le vaste risorse della propria nazione, ma le risorse dei Paesi del Terzo Mondo e del Comecon, alleati dei sovietici. Nell’ambito della perestrojka dovevano cessare gli aiuti sovietici a queste nazioni in via di sviluppo, per alleviare il peso del crescente debito sovietico che, come il debito degli Stati Uniti, s’era accumulato con decenni di spesa militare della Guerra Fredda. Il debito delle due superpotenze era detenuto dalle stesse banche internazionali che ora utilizzavano la leva del debito per scegliere un vincitore e aprire le risorse russe e del Terzo Mondo ai loro tentacoli aziendali. [731]
Quando il Muro di Berlino cadde e Gorbaciov fu rovesciato in favore del sicario del FMI Boris Eltsin, i Quattro Cavalieri si precipitarono a Mosca per concludere accordi petroliferi. Petrolio e gas naturale sono sempre stati la principale esportazione sovietica e così rimase per la nuova Russia. Nel 1991 il Paese guadagnò 13 miliardi dollari in valuta forte dalle esportazioni di petrolio. Nel 1992 Eltsin annunciò al mondo che l’industria petrolifera della Russia da 9,2 miliardi di barili al giorno sarebbe stata privatizzata. Il sessanta per cento delle riserve siberiane della Russia non è mai stato sfruttato. [732] Nel 1993 la Banca Mondiale annunciò un prestito di 610 miliardi dollari per modernizzare l’industria petrolifera della Russia, di gran lunga il più grande prestito nella storia della banca. L’International Finance Corporation controllata dalla Banca Mondiale, acquistò le azioni di diverse società petrolifere russe e fece un ulteriore prestito alla Conoco di Bronfman per l’acquisto della Siberian Polar Lights Company. [733] Il principale mezzo di controllo dei banchieri internazionali sul petrolio russo era Lukoil, inizialmente per il 20% di BP Amoco e Credit Suisse First Boston, dove l’inviato in Jugoslavia di Clinton e architetto degli accordi di pace di Dayton Richard Holbrooke aveva lavorato. Il procuratore generale di Bush padre, Dick Thornburgh, che orchestrò il cover-up della BNL, ora era Chief Financial Officer della CS First Boston. Una manciata di oligarchi sionisti russi, noti collettivamente come mafia russa, possedeva il resto di Lukoil, che operò da Saudi Aramco della Russia dei Quattro Cavalieri, un partner di Big Oil per i progetti nel Paese che richiedevano quantità veramente impressionanti di capitale. Questi progetti riguardavano l’isola Sakhalin, noti come Sakhalin I, una venture da 15 miliardi di dollari della Exxon Mobil; e Sakhalin II, un accordo da 10 miliardi di dollari della Royal Dutch/Shell che includeva Mitsubishi, Mitsui e Marathon Oil come partner. i piani siberiani erano ancor più grandiosi. RD/Shell è un partner al 24,5% di Uganskneftegasin, che controlla un enorme giacimento di gas naturale siberiano. A Prjobskoe, BP Amoco gestisce un progetto da 53 miliardi di dollari. A Timan Pechora sul Mar Glaciale Artico, un consorzio composto da Exxon Mobil, Chevron Texaco, BP Amoco e Norsk HYDRO gestisce una joint venture da 48 miliardi di dollari. Nel novembre 2001 la Exxon Mobil annunciò l’intenzione d’investire altri 12 miliardi di dollari in un progetto su petrolio e gas nell’Estremo Oriente russo. RD/Shell annunciò un investimento di 8,5 miliardi di dollari per le concessioni nell’isola Sakhalin. BP Amoco fece annunci simili. [734] Nel 1994 Lukoil produsse 416 milioni di barili di petrolio, diventando così il quarto maggiore produttore al mondo dopo RD/Shell, Exxon Mobil e la co-proprietaria BP Amoco. I suoi quindici miliardi di barili di riserve di greggio erano secondi al mondo dopo Royal Dutch/Shell. [735]
Il Caucaso sovietico, con l’incoraggiamento di Langley, presto si separò dalla Russia. La mappa dell’Asia centrale fu riscritta con Kazakhstan, Uzbekistan, Tagikistan, Turkmenistan, Kirghizistan, Armenia, Azerbaigian, Ucraina e Georgia che dichiaravano l’indipendenza. Il gasdotto sovietico contro cui Reagan ordinò gli attacchi, trasportava gas naturale ad est, al porto sul Nord Pacifico di Vladivostok, e ad ovest al porto sul Mar Nero di Novorossijsk, dai più ricchi noti giacimenti di gas naturale del mondo, sotto ed a ridosso del litorale del Mar Caspio, nel cuore del Caucaso. I Quattro Cavalieri ambivano a queste risorse più che in ogni altra parte del mondo. Volevano costruire i propri gasdotti privati, una volta messe le mani sui giacimenti di gas del Mar Caspio che contengono, secondo una stima, 200 miliardi di barili di greggio. Le privatizzazioni dell’industria petrolifera furono rapidamente annunciate nelle nuove repubbliche dell’Asia centrale che ebbero, in virtù della loro indipendenza, il controllo delle vaste riserve di petrolio e di gas del Mar Caspio. Nel 1991 Chevron ebbe colloqui con il Kazakistan. [736] Le repubbliche dell’Asia centrale divennero i più grandi beneficiari degli aiuti dell’USAID, così come dei prestiti di Exim Bank, OPIC e CCC. Azerbaigian, Turkmenistan e Kazakistan ne furono particolarmente favoriti. Questi Paesi controllano il litorale del Mar Caspio, insieme a Russia e Iran. Nel 1994 il Kazakistan ricevette 311 milioni di dollari in aiuti statunitensi e altri 85 milioni di dollari per smantellare le armi nucleari sovietiche. Il presidente Clinton incontrò il presidente del Kazakistan Nursultan Nazarbaev. Firmarono una serie di accordi, dal disarmo alla cooperazione nella ricerca spaziale. Il Kazakistan, con una stima di 17,6 miliardi di barili di riserve petrolifere, era una parte  strategica del sistema di armi nucleari sovietiche ed ospitava il programma spaziale sovietico. I due leader firmarono un accordo che prevedeva la protezione degli investimenti delle multinazionali statunitensi. L’Istituto di libero scambio e della Camera di Commercio degli Stati Uniti invitò i funzionari kazaki a studiare le arti più sottili del capitalismo globale. I Quattro Cavalieri si mossero in fretta. Chevron Texaco rivendicò il primo premio da 20 miliardi di dollari, il giacimento Tenghiz, poi arraffò un altro giacimento petrolifero a Koroljov. Exxon Mobil firmò un accordo per sviluppare una concessione offshore sul Mar Caspio. [737] Tengizchevroil è per il 45% di Chevron Texaco e per il 25% di Exxon Mobil. [738] Il presidente della NSA di George W. Bush e poi segretaria di Stato Condaleeza Rice, esperta di Asia centrale, era nel CdA di Chevron assieme a George Schultz nel 1989-1992. Anche una petroliera prese il suo nome.
Grazie al Mar Caspio, l’Azerbaigian riceveva centinaia di milioni di dollari in aiuti statunitensi. BP Amoco guidava un consorzio di sette giganti del petrolio che versarono inizialmente 8 miliardi di dollari per sviluppare tre concessioni al largo della capitale Baku, storico campo base di Big Oil nella regione. [739] BP Amoco e Pennzoil, recentemente acquisita da Royal Dutch/Shell, presero il controllo della compagnia petrolifera dell’Azerbaigian il cui consiglio di amministrazione includeva l’ex-segretario di Stato di Bush Sr. James Baker. Nel 1991 il super-fantasma di Air America Richard Secord si presentò a Baku sotto la copertura dell’Oil MEGA. [740] Secord & Company fornirono addestramento militare, vendevano armi israeliane, passavano “sacchetti marroni pieni di contanti” e spedirono oltre 2000 combattenti islamici dell’Afghanistan con l’aiuto di Gulbuddin Hekmatyar. L’eroina afgana inondò Baku. L’economista russo Aleksandr Daskevich disse che 184 laboratori di eroina furono scoperti della polizia di Mosca nel 1991, “Ognuno era gestito da azeri che utilizzavano il ricavato per comprare armi per la guerra dell’Azerbaigian contro l’Armenia nel Nagorno-Karabakh“. [741] Una fonte d’intelligence turca afferma che Exxon e Mobil erano dietro il colpo di stato del 1993 contro il presidente azero Abulfaz Elchibey. Gli islamisti aiutarono Secord. Usama bin Ladin istituì un’ONG a Baku da cui attaccare i russi in Cecenia e Daghestan. Venne insediato il più flessibile presidente Haydar Aliev. Nel 1996, per volere del presidente dell’Amoco, fu invitato alla Casa Bianca ad incontrare il presidente Clinton, il cui NSA era Sandy Berger che aveva 90000 dollari di azioni dell’Amoco. [742] I separatisti armeni sostenuti dalla CIA occuparono le regioni strategiche del Nagorno-Karabakh e Nakhnichevan confinante con Turchia e Iran. Quando il presidente turco Turgut Ozal menzionò l’intervento in Nakhnichevan in sostegno degli azeri, il premier turco Sulayman Demirel subito lo smentì dall’alleato chiave degli Stati Uniti. Queste due regioni sono fondamentali per Big Oil che progettava di costruire un gasdotto dal Mar Caspio attraverso la Turchia fino al porto russo sul Mar Nero di Novorrossijsk. La stessa rotta era utilizzata dai mafiosi turchi Lupi grigi nel loro traffico di eroina dall’Asia centrale all’Europa. Quando il lupo grigio Mehmet Ali Agca cercò di assassinare papa Giovanni Paolo II nel 1981, la CIA usò la sua Gladio cercando di accusarne il governo comunista della Bulgaria. Lukoil possiede il 26% del porto russo sul Mar Nero di Novorossijsk. Il suo presidente Vait Alekperov voleva costruire l’oleodotto del Caspio attraverso Groznij, in Cecenia, mentre i Quattro Cavalieri preferivano passare per la Turchia. Il supporto della CIA a separatisti armeni e ribelli islamici ceceni assicurò il caos a Groznij. Alekperov finalmente accettò la rotta turca. Nel 2003 il dipartimento della Difesa propose una borsa per l’addestramento militare da 3,8 milioni dollari all’Azerbaigian. Più tardi, ammise che ciò era volto a proteggere l’accesso al petrolio degli Stati Uniti. Come Michael Klare ha detto, “Lentamente ma inesorabilmente, l’esercito statunitense si converte nel servizio globale di protezione del petrolio“. [743]
Il Turkmenistan, che confina con il Mar Caspio a sud-est, è una virtuale repubblica del gas, con massicci giacimenti di gas naturale. Ha anche vasti giacimenti di petrolio, rame, carbone, tungsteno, zinco, uranio e oro. Il giacimento di gas più grande è presso Dauletabad, nel sud-est del paese, vicino al confine afghano. Centgas di Unocal avviò la costruzione di un oleodotto che collegava i giacimenti petroliferi di Chardzhan ai giacimenti petroliferi siberiani più a nord. Cruciale per Centgas era il gasdotto da Dauletabad, attraverso Afghanistan e Pakistan, all’Oceano Indiano. [744] Tra i consulenti del progetto vi era Henry Kissinger. Unocal ora fa parte di Chevron. Con i Quattro Cavalieri che avevano un saldo controllo delle riserve del Mar Caspio, nacque il Caspian Pipeline Consortium. Chevron Texaco ebbe una quota del 15% e gli altri tre Cavalieri e Lukoil si divisero il resto. La sicurezza delle pipeline fu fornita dalla società israeliana Magal Security Systems, collegata al Mossad. Azerbaigian e Turkmenistan hanno rapporti particolarmente affettuosi con Israele grazie all’ambasciatore speciale Yusef Maiman, presidente del gruppo israeliano Mehrav. Mehrav è coinvolto nel progetto turco per deviare l’acqua del Tigri e dell’Eufrate nel sud-est della Turchia a scapito dell’Iraq. [745] Il gasdotto del Caspio fu ostruito da Bechtel in partnership con GE e Wilbros Group. Il gasdotto divenne operativo nel novembre 2001, appena due mesi dopo l’11 settembre. Bechtel costruì anche le infrastrutture del giacimento di Tengiz della Chevron Texaco. Nel 1995 Bechtel guidò un consorzio finanziato da USAID per ristrutturare le industrie energetiche di undici nazioni dell’Europa orientale, in linea con i mandati del FMI. Bechtel ricevette un contratto enorme per aggiornare molte fonderie di alluminio russe in difficoltà, in tandem con Pechiney. Lukoil contrattò con la ABB Lummus Crest del New Jersey (formatosi quando i giganti metalmeccanici Asea Brown Boveri e Lummis Crest si fusero) per costruire una raffineria da 1,3 miliardi dollari nel porto di Novorossijsk e aggiornare per 700 milioni di dollari la raffineria di Perm. L’amministrazione Bush programmava un’ulteriore serie di oleodotti sul Mar Caspio per collegare Tenghiz al Mar Nero. Un oleodotto Baku-Tblisi-Ceyhan fu costruito da un consorzio dei Quattro Cavalieri guidato da BP Amoco. Lo studio legale che rappresenta il consorzio della BP è la Baker Botts della famiglia di James Baker. Il gasdotto BP Amoco attraversa la Georgia passando per la capitale Tblisi.
Nel febbraio 2002 gli Stati Uniti annunciarono l’intenzione di inviare 200 consiglieri militari ed elicotteri d’attacco in Georgia per “radicarvi il nostro terrorismo”. [746] L’implementazione fu una cortina fumogena per proteggere la pipeline. Nel settembre 2002 il ministro degli Esteri russo Igor Ivanov accusò la Georgia di ospitare i ribelli ceceni. Nell’ottobre del 2003 il presidente georgiano Eduard Shevardnadze fu costretto a dimettersi con una rivoluzione incruenta. Secondo un articolo dell’11 dicembre 2003 sul sito del Partito Socialista Mondiale, la CIA sponsorizzò il colpo di Stato. Nel settembre 2004 centinaia di bambini russi furono uccisi quando i separatisti ceceni presero il loro edificio scolastico. Il presidente russo Vladimir Putin disse dell’incidente, “Certi ambienti politici in occidente vogliono indebolire la Russia, proprio come i romani volevano indebolire Cartagine“. Ha accusato “i servizi segreti stranieri” di complicità negli attacchi. Il suo consigliere Aslanbek Aslakhanov andò oltre affermando sul Canale 2 russo “Costoro non parlavano con la  Russia, ma con altri Paesi. Erano controllati. I nostri sedicenti amici hanno lavorato per decenni a smembrare la Russia… (sono i burattinai) e finanziatori del terrorismo”. La russa KM News titolò “Il sequestro della scuola fu pianificato a Washington e Londra“. [747] Lukoil incarna la corruzione dilagante in Russia dal crollo sovietico. La corruzione è la norma. Lukoil regalò un jet di lusso al sindaco di Mosca, al capo della Gazprom (il monopolio del gas naturale statale) e al presidente del Kazakistan Nazarbaev. Alla metà degli anni ’90 Lukoil annunciò che avrebbe venduto una quota del 15% agli azionisti stranieri attraverso il suo primo proprietario e consulente finanziario CS First Boston e la Bank of New York. [748] Nel 2002 annunciò l’intenzione di svendere un altro grande asset. Secondo Kurt Wulff dell’impresa d’investimento petrolifera McDep Associates, i Quattro Cavalieri scatenatisi nei loro nuovi pascoli dell’Estremo Oriente, videro tale aumento delle attività finanziarie, nel 1988-1994: Exxon Mobil – 54%, Chevron Texaco – 74%, Royal Dutch/Shell – 52% e BP Amoco - 54%. I Cavalieri avevano più che raddoppiato il loro patrimonio in sei anni. Questo salto di qualità della potenza mondiale anglo-statunitense aveva a che fare con l’acquisizione dell’industria petrolifera ex-sovietica e il conseguente impoverimento dei suoi legittimi proprietari.

Caspian-pipelines-mapNote
[722] Behold a Pale Horse. William Cooper. Light Technology Publishing. Sedona, AZ. 1991.
[723] The Robot’s Rebellion: The Story of the Spiritual Renaissance. David Icke. Gateway Books. Bath, UK. 1994. p.94
[724] Hot Money and the Politics of Debt. R.T. Naylor. The Linden Press/Simon & Schuster. New York. 1987. p.78
[725] Ibid. p.165
[726] Dope Inc.: The Book that Drove Kissinger Crazy. The Editors of Executive Intelligence Review. Washington, DC. 1992
[727] “The Unholy Alliance”. Carl Bernstein. Time. 2-24-92. p.28
[728] “US Obtained Soviet Arsenal from Poland”. Eugene Register-Guard. 2-13-94
[729] The Other Side Of Deception. Victor Ostravsky. HarperCollins Publishers. New York. 1994.
[730] Bernstein. p.28
[731] “The Dismantling of the Soviet Union”. Peter Symon. Philippine Currents. November/December 1991.
[732] “Drilling for a Miracle”. Fred Coleman. US News & World Report. 12-7-92. p.54
[733] Evening Edition. National Public Radio. 6-18-93
[734] “Exxon’s Russian Oil Deal Makes Other Firms Feel Lucky”. Wall Street Journal. 12-13-01
[735] “The Seven Sisters Have a Baby Brother”. Paul Klebnikov. Forbes. 1-22-96. p.70
[736] Taliban: Militant Islam, Oil and Fundamentalism in Central Asia. Ahmed Rashid. Yale University Publishing. New Haven, CT. 2001. p.145
[737] “Christopher Promises Aid to Oil-Rich Kazakhstan”. AP. Northwest Arkansas Morning News. 10-24-93
[738] 10K Filings to SEC. Exxon Mobil and Chevron Corporations. 3-28-01
[739] “The Quietly Determined American”. Paul Klebnikov. Forbes. 10-24-94. p.48
[740] Azerbaijan Diary: A Rogue Reporter’s Adventures in a Oil-Rich, War-Torn, Post-Soviet Republic. Thomas Goltz. M.E. Sharpe. Armonk, NY. 1999. p.272
[741] “al-Qaeda, US Oil Companies and Central Asia”. Peter Dale Scott. Nexus. May-June, 2006. p.11-15
[742] See No Evil: The True Story of a Ground Soldier in the CIA’s War on Terrorism. Robert Baer. Crown. New York. 2002. p.243-244
[743] Blood and Oil: The Dangers and Consequences of America’s Growing Dependency on Imported Petroleum. Michael T. Klare. Metropolitan/Henry Holt. 2004. p.6-7
[744] Escobar. Part I
[745] “The Roving Eye: Pipelineistan, Part II: The Games Nations Play”. Pepe Escobar. Asia Times Online. 1-26-02
[746] “Wolf Blitzer Reports”. CNN. 2-27-02
[747] “Paranotes: Russian School Seige Conspiracy”. Al Hidell. Paranoia. Issue 37. Winter 2005.
[748] Klebnikov. 1-22-96. p.72

Dean Henderson è autore di: Big Oil & Their Bankers in the Persian Gulf: Four Horsemen, Eight Families & Their Global Intelligence, Narcotics & Terror Network, The Grateful Unrich: Revolution in 50 Countries, Das Kartell der Federal Reserve, Stickin’ it to the Matrix & The Federal Reserve Cartel. Potete seguirlo su Left Hook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 333 follower