US Navy e la sensazione di affondare

Finian Cunningham, Sputnik 21.08.2017Non ispirerà fiducia la Marina statunitense che fa speronare un’altra delle sue potenti navi da guerra nello stesso giorno in cui avvia le esercitazioni militari in Corea; che potrebbero scatenare una guerra nucleare accidentale. Se la Marina Militare statunitense non può controllare le proprie navi in normali operazioni marittime, che dire della competenza o meno in caso di guerra?
Nell’ultimo incidente, il cacciatorpediniere USS John S McCain speronava una petroliera vicino Singapore. Il quarto grave incidente della Marina statunitense quest’anno, tutti nell’Asia-Pacifico. Sono scomparsi dieci marinai e, a causa dei gravi danni, sono ritenuti morti. Un esperto statunitense dichiarava alla CNN: “Come fa un cacciatorpediniere di ultima generazione equipaggiato con diversi sistemi radar e dispositivi di comunicazione che occupano tutto il ponte, non individuare un’enorme nave di 30000 tonnellate in lento movimento (10 nodi)?” Il cacciatorpediniere in questione è dotato del sistema antimissile Aegis, che sarebbe l’apice della tecnologia bellica statunitense. Vi sono, secondo quanto riferito, 14 navi di questo tipo operative nella 7.ma Flotta nell’Asia-Pacifico, considerate parte fondamentale del sistema di difesa di Stati Uniti ed alleati contro le armi balistiche nordcoreane. Se queste navi da guerra avanzate non possono evitare di scontrasi con le petroliere, non va a favore della loro capacità di rilevare ed eliminare i missili balistici nemici che attraversano la stratosfera. L’incompetenza delle forze statunitensi aumenta l’instabilità che occupa la regione con il confronto nucleare tra Washington e Corea democratica.
La Corea democratica ha ripetuto l’avviso che le manovre degli Stati Uniti e del loro alleato sudcoreano nelle prossime due settimane sono una mossa sconsiderata che potrebbe scatenare “la fase incontrollabile della guerra nucleare“. Ancora Washington persegue le manovre annuali in Corea, coinvolgendo grandi esercitazioni di terra, mare e aria, nonostante le richieste di Cina e Russia di cancellarle per ridurre le tensioni con la Corea democratica. L’ultima collisione tra il cacciatorpediniere statunitense dotato dell’Aegis e una petroliera è il promemoria emblematico degli incidenti che possono avvenire anche con sistemi d’arma presumibilmente sofisticati. Considerata la tensione del confronto tra Stati Uniti e Corea democratica, la pretesa di Washington di tenere le esercitazioni è doppiamente rischiosa. Ogni anno le forze statunitensi conducono tali manovre presso la Corea, e i nordcoreani protestano indicandole come provocazione per preparare l’invasione statunitense. Le esercitazioni di quest’anno avvengono dopo che il presidente degli Stati Uniti Trump avvertiva, all’inizio del mese, che l’esercito statunitense avrebbe scatenato “fuoco e furia come il mondo non ha mai visto prima” sulla Corea democratica per il suo programma di armi nucleari. Le parole di Trump implicavano l’attacco preventivo dagli Stati Uniti con armi nucleari. La Corea democratica rispose con la minaccia di lanciare missili balistici nei pressi del territorio statunitense dell’isola di Guam, dove gli Stati Uniti schierano bombardieri B-1. La settimana scorsa, il leader della Corea democratica Kim Jong-un rinunciava al piano dicendo che avrebbe giudicato le prossime azioni “degli sciocchi yankee“.
Nelle prossime due settimane, le gigantesche manovre delle forze statunitensi in combinazione con i militari sudcoreani e giapponesi, potrebbero scatenare la guerra totale con la Corea democratica. Se dovesse scoppiare, vi sarebbe probabilmente l’uso di armi nucleari, con conseguenze catastrofiche umane ed ecologiche. La Marina statunitense intaccata dagli incidenti aggiunge solo ansia per una guerra accidentale. È proprio perciò che Cina e Russia invitavano le parti a ridurre le forze militari e dare priorità a diplomazia e dialogo. Tuttavia, con tipica arroganza, gli statunitensi inasprivano la situazione con l’assurda affermazione che le esercitazioni in Corea sono “solo difensive”. Il Washington Times riferiva illogicamente: “Le truppe statunitensi e sudcoreane iniziano le esercitazioni militari tra le minacce della Corea democratica“. I doppi standard sono visibili. Quando la Russia svolge manovre sul proprio territorio, Washington ed alleati della NATO le definiscono “offensive” per la sicurezza europea. Tuttavia, quando Washington conduce operazioni di terra, mare e aria con 70000 soldati ed “attacchi per decapitare” contro la Corea democratica, beh, le manovre si dicono “difensive”. L’ironia degli incidenti navali statunitensi è che Washington afferma che le sue navi sono presenti in Asia-Pacifico per garantire la “libertà di navigazione”, affermando che la Cina mostra i muscoli nella regione minacciando la libera circolazione internazionale delle navi mercantili. Prima dell’ultima collisione con una petroliera presso Singapore, all’inizio di giugno un altro cacciatorpediniere statunitense dotato di Aegis veniva speronato da una nave da carico al largo del Giappone. Quell’incidente causò la morte di sette membri dell’equipaggio statunitense. Proprio la scorsa settimana i comandanti dell’USS Fitzgerald furono dimessi per incompetenza a seguito di un’inchiesta. A maggio, un’altra nave da guerra degli Stati Uniti entrò in collisione con un peschereccio sudcoreano. Un quarto incidente si ebbe quando una nave da guerra statunitense s’incagliò in Giappone.
Tale incompetenza della Marina statunitense è dovuta in parte alla presenza senza precedenti di navi da guerra di Washington in una delle rotte più congestionate del mondo. Quasi il 25% delle merci globali attraversa lo Stretto di Malacca e il Mar Cinese Meridionale. Più di 200 navi cargo attraversano lo stretto di Malacca, largo 2,8 km, ogni giorno, vicino dove la nave statunitense veniva speronata da una petroliera, questa settimana. Data la frequenza delle incursioni oceaniche delle navi statunitensi, si pone la domanda: quale libertà di navigazione presumibilmente protegge Washington? Ma, in primo luogo, il pericolo peggiore dalle forze statunitensi è l’incompetenza nella gestione di sistemi d’armi presuntamente avanzati in una regione che è già sul bordo della guerra nucleare. L’insensatezza statunitense è criminale. Ecco perché, con la Marina statunitense che circola in giro, non c’è da meravigliarsi che si abbia la sensazione di affondare.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Sei anni dopo: Libia – campo di battaglia tra occidente ed Eurasia

Alessandro Lattanzio, 25/3/2011Il ruolo dell’islamismo radical-coloniale e della sinistra brezinskiana occidentale
Quella che si sta svolgendo nel mondo arabo, in questi mesi, è senza dubbio frutto di una lunga e ben pianificata campagna di disgregazione del processo di formazione del Continentalblock Eurasiatico. Il culmine, al momento, di questa operazione, è senza dubbio l’aggressione armata alla Libia da parte della NATO.
L’operazione sembra essere, e probabilmente è, un parto degli strateghi brzezinskiani. Non va dimenticato che Brzezinski è il mentore ideologico-culturale di Barack Hussein Obama. E probabilmente l’elezione di Obama stesso rientra in questa operazione; Obama forse non è neanche cittadino statunitense, su ciò aleggiano più che fondati sospetti, e forse è anche collegato a quell’ambito ideologico-religioso arabo mobilitato, in questi mesi, per avviare i cosiddetti processi di ‘democratizzazione’ nel Mondo Arabo. Ma tutto ciò non ha impedito la sua elezione alla presidenza USA. Una figura liberale, come lui appare, era necessaria per attirare i voti della popolazione statunitense delusa dalla politica criminale della fazione neocon-ultrasionista della banda Cheney-Rumsfeld-Perle. Il liberalismo di sinistra ed ecologico, propagandato da Obama, serviva anche a raccogliere intorno alla futura, e oggi attuata, nuova politica interventista armata statunitense, il consenso della ‘sinistra’ occidentale, pro-occidentale e occidentalizzante: socialdemocratici ed ecologisti europei, progressisti nordamericani, asiatici ed arabi, e financo folkloristici residui ‘comunistoidi’, sono la nuova base popolare, di massa, che Washington ha ammassato e sui cui ha posto l’artiglieria massmediatica guerrafondaia (ma camuffata dai soliti infingimenti umanitari) col cui rombo coprire quello dei cacciabombardieri e dei Tomahwak che straziano la Libia oggi. Già il golpe orchestrato contro l’Honduras, e quello fallito contro l’Ecuador, dimostrano che Obama e il suo entourage non hanno altro scopo che portare avanti, con accenti rinnovati, la stessa vecchia politica di dominio ed espansione imperialista degli USA.
Nel caso delle presunte ‘rivoluzioni arabe’ di questi mesi, in effetti, sia sostenitori che soprattutto i critici di esse, si sono soffermati fin troppo sulle operazioni di propaganda e infiltrazione delle agenzie di destabilizzazione strategica anglo-statunitensi, e occidentali in generale, ritenendo e pensando che la leva rivoluzionaria araba fosse rappresentata dalla esigua società civile occidentalizzante dell’Arabia. Il fatto è che soprattutto per i padroni e i manovratori dei ‘rivoluzionari democratici‘, questi elementi borghesi arabofoni, acquistati con donazioni e viaggi premio a Washington, non costituiscono alcuna garanzia per la vittoria e le presa del controllo dei poteri nei paesi obiettivi delle sovversioni. Serviva e serve ben altro per poter contare su un solido controllo sugli stati e le società ‘liberate’ e liberalizzate del mondo arabo, dell’Arabia. Questa forza è da sempre collegata strettamente con due realtà politiche, geopolitiche e geoeconomiche determinate: il colonialismo francese e soprattutto inglese, cioè Londra, e il servile complice dell’imperialismo e del colonialismo occidentale, l’entità statale basata sulla rendita petrolifera gestita dalla famiglia compradora dei Saud, e l’apparato poliziesco-propagandistico parassitario che sempre tale famiglia controlla. L’Arabia Saudita è un alleato fondamentale, grazie al controllo che esercita sulle varie filiazioni islamiste che Riyad finanzia abbondantemente ed addestra meticolosamente da decenni. Lo scontro inter-arabo e intra-arabo è un colossale regolamento di conti tra la parte feudale del mondo islamico, dei regimi islamici più arretrati, e l’eredità storico-politica del Nasserismo, del Baathismo, del Socialismo e del Marxismo che il Mondo Arabo ha avuto in lascito nel corso degli ultimi sessant’annni.
Ovviamente le realtà più oscurantiste e arretrate del mondo colonizzato, sono sempre state fedeli alleate dell’egemonismo politico-miliatre e tecnico-industriale dell’Occidente. Il wahhabismo, la fratellanza mussulmana e le altre realtà islamiste sunnite hanno sempre avuto la possibilità di pesare sulle società del mondo arabo, grazie ai loro pesanti legami con le centrali imperialiste metropolitane. Soprattutto con Londra, base operativa degli islamisti rimessi in sella a Tunisi e a Bengasi, per esempio. Oppure base operativa dei network tv come al-Arabiya e al-Jazeera, dei micidiali centri di disinformazione strategica e di propaganda islamoliberista e reazionaria. Stanno svolgendo a pieno le azioni operative ad esse assegnate, non svolgendo solo campagne mediatiche a favore delle ‘rivoluzioni colorate’, e non solo plasmando un ‘modus pensandi’ che favorisce e appoggia le azioni e le interferenze di Londra, Washington e Parigi nell’Arabia, ma operando effettivamente come vere e proprie agenzie d’intelligence e ricognizione integrate nelle operazioni belliche USA/NATO, come avviene in Libia in questi giorni. Lo Yemen ha compreso questo ruolo, e alla fine, dopo che Riyad ha deciso di abbandonare Sanaa, probabilmente in accordo con le potenze occidentali, il presidente yemenita decide di espellere dal paese al-Jazeera, agente attivo nelle rivolte antigovernative, dimostrando così, in modo indiretto, la connessione esistente tra la moderna e liberale agenzia televisiva panaraba e il regime oscurantista della famiglia dei Saud. Ad esempio, il ruolo del TG3 è emblematico, non è un caso che queste vera e propria dependance, se non dell’ambasciata USA a Roma, del NED e del partito democratico USA porta avanti, da almeno un paio di anni, una forsennata campagna di aggressione mediatica e di banditismo ideologico contro la Libia. Una campagna bellica vera e propria, che è riuscita ad arruolare in pratica tutta l’amorfa e moribonda sinistra fu marxista italiana. Dal partito della sinistra apertamente ultramericana, PD, che acclama acriticamente le guerre condotte dalle amministrazioni democratiche, da Clinton a Obama, alle sinistre cripto-brezinskiane. Che si tratti di Vendola o di Ferrero, della maggioranza dei trotskisti o dei maoisti, o perfino dell’armata folkloristica degli antimperialisti pro-alQaida, nulla cambia per i decisori e gli strateghi dell’assalto finale, e disperato, al mondo arabo, o quella parte del mondo arabo, che aveva iniziato la marcia di avvicinamento all’asse economico-strategico Mosca-Beijing.
Non è un caso che si aggrediscano, con tali sommosse teleguidate, realtà che si oppongono od ostacolano l’egemonia regionale anglostatunitense: Libia, Siria, Sudan, Yemen (alleato con l’Eritrea). Oltre al processo di frantumazione nazionale, che a quanto pare non è ritenuto sufficiente dalle centrali strategiche occidentali, viene avviato un immenso processo di revanscismo islamista, protesa a creare il tanto mitizzato emirato islamico, ideologia aggregante per le forze arabofone antinazionali più arretrate e oscurantiste, permettendone la mobilitazione anche in realtà statuali più consolidate, come la Siria. Tutto ciò amalgamato con il disegno dell’asse Washington-Londra-Parigi di affidare questo fantomatico emirato islamista alla decadente famiglia compradora dei Saud. Scopo ultimo, impedire lo sviluppo tecnico-sociale-economico regionale, grazie all’imposizione di un ordine parassitario e anti-sviluppista e anti-progressista (che tanto piace alle anime belle razziste d’occidente, afflitte da una sorta di orientalismo impegnato), che impedirebbe i piani strategici industriali ed economici di collaborazione con le potenze asiatiche ed eurasiatiche. Tale blocco e arretramento economico-industriale verrebbe volto a favore delle potenze occidentali, che potranno sottrarre le risorse energetiche e idriche regionali, che rimarrebbero inutilizzabili con l’inattuazione della modernizzazione tecnico-economcio-sociale degli stati arabi colpiti dalla sovversione islamo-colonialista camuffata da ‘rivolte democratiche civili’. Inoltre, non solo tale sabotaggio strategico regionale colpirebbe lo sviluppo regionale, ma attenterebbe pesantemente al progetto eurasiatico basato sull’aggregazione e il riavvicinamento tra potenze come Russia, Cina, Turchia, Pakistan e Iran. E inoltre il fantomatico emirato islamocolonialista che verrebbe creato, fattualmente o ideologicamente che sia, diverrebbe una potente piattaforma per avviare la destabilizzazione della Federazione Russa, della Repubblica Popolare di Cina e l’Unione Indiana, nonché uno strumento sia per colpire in modo devastante l’Iran e la Turchia, che per distruggere realtà statali come il Pakistan e le repubbliche caucasiche e centrasiatiche. La mano brezinskiana e il tocco tipicamente londinese del divide et impera colonialista, sono ben visibili per chiunque voglia guardare in faccia la realtà dei fatti internazionali che oggi si osservano.
Alla luce della mossa del cavallo all’ONU, attuata dall’asse atlantista e dalla cerchia brezinskiana-rhodesiana, Mosca e Beijing stanno iniziando a comprendere che non c’è più tempo da perdere, in danze diplomatiche e salamelecchi bipartizan, con entità che vogliono soltanto aggredirle e rovinarle.Le operazioni clandestine sul terreno
A fine marzo 2011 era oramai chiaro che la ‘rivolta popolare’ o meglio, la rivoluzione colorata con cui si è tentato di rivestire il golpe con cui abbattere la Jamahiriya, era fallita. Il piano era in preparazione almeno dal 20 ottobre 2010, quando il governo francese aveva invitato a Tunisi Nuri Mismari, capo del protocollo del governo Libico, e il giorno successivo giungeva a Parigi, dove in pratica restava ad organizzare il golpe. “Sicuramente ai primi di novembre (2010) sono visti entrare all’Hotel Concorde Lafayette di Parigi, dove Mismari soggiorna, alcuni stretti collaboratori del presidente francese Sarkozy. Il 16 novembre c’e’ una fila di auto blu fuori dall’hotel. Nella suite di Mismari si svolge una lunga e fitta riunione. Due giorni dopo parte per Bengasi una strana e fitta delegazione commerciale francese. Ci sono funzionari del ministero dell’Agricoltura, dirigenti della France Export Cereales e della France Agrimer e manager della Soufflet, della Louis Dreyfus, della Glencore, della Cani Cereales, della Cargill e della Conagra”. Una missione commerciale che servì a coprire un gruppo di militari e di agenti dell’intelligence che a Bengasi incontrarono il colonnello dell’aeronautica libica Abdallah Gahani, disposto a disertare e che aveva contatti con dei dissidenti tunisini. Il 28 novembre, a seguito delle indagini del controspionaggio libico, Tripoli emetteva un mandato di cattura internazionale nei confronti di Mismari, trasmesso anche alla Francia. Gli uomini di Sarkozy inscenarono un finto arresto, che si tramutò in una confortevole permanenza parigina per il complottatore bengasino. Mismari, dopo aver chiesto ufficialmente alla Francia asilo politico svelò i segreti della difesa militare e delle alleanze diplomatiche e finanziarie della Libia, descrivendo il quadro dei possibili dissidenti disposti a passare con le forze nemiche di Tripoli. Dopo aver respinto i successivi tentativi di contatto del governo libico, Mismari, il 23 dicembre 2010 incontrò i transfughi politici Farj Sharant, Fathi Buqris e Ali Yunis Mansouri, che diverranno i dirigenti della presunta rivolta popolare di Bengasi. I tre erano accompagnati da funzionari dell’Eliseo e da dirigenti del servizio segreto francese (DGSE).
Nel gennaio 2011 la Francia era pronta ad avviare il golpe contro il governo Libico. Il 22 gennaio il comandante del controspionaggio in Cirenaica, il Generale Aud Sayti, fece arrestare il colonnello Gahani, collegamento occulto dei servizi francesi con la rete dei prossimi rivoltosi. Rivolta che esplose egualmente il 15 febbraio a Bengasi. Da subito, furono gli israeliani ad indicare la presenza di elementi esterni e stranieri dietro la ‘rivolta popolare’. Decine, e poi centinaia, di ‘consiglieri’ militari ed agenti dei servizi segreti statunitensi, inglesi e francesi, sbarcavano a Bengasi, almeno fin dal 2 febbraio 2011, per creare e alimentare la rivolta. Lo scopo della loro missione era triplice: aiutare i comitati rivoluzionari a stabilire infrastrutture governative; organizzare i rivoltosi in unità paramilitari, addestrandoli all’uso delle armi; preparare l’arrivo di altre unità militari straniere, qatariote e turche, oltre a reparti di ex-guerriglieri in Afghanistan, gli ‘afgansy’, collegati con l’universo islamista egiziano e saudita. Di fatti erano giunti a Bengasi cannoni anticarro da 106 millimetri di provenienza NATO, con munizionamento inglese, e armi antiaeree, il tutto camuffato da aiuti umanitari alla popolazione civile; da ciò si può ben comprendere quale sia, in realtà, il vero scopo delle ONG umanitarie che reclamano fin dall’inizio delle ostilità, l’istituzione di ‘corridoi umanitari’ per la popolazione civile (nome in codice per indicare i mercenari e la guerriglia anti-Jamahiriya). Camuffate da aiuti umanitari le armi, camuffati da volontari umanitari gli istruttori militari occidentali che, appena sbarcati, iniziarono l’addestramento dei rivoltosi; mentre commandos di incursori iniziavano a compiere operazioni clandestine di sabotaggio e provocazione. Tutto ciò, secondo le fonti interne francesi, avvenne da ben prima della risoluzione 1973, adottata dal consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite il 17 marzo, che chiedeva “un immediato cessate il fuoco” e autorizzò la comunità internazionale ad istituire una no-fly zone in Libia e ad utilizzare tutti i mezzi necessari per “proteggere i civili”. Lo stesso ministro degli Interni francese, Claude Guéant, aveva parlato di “crociata” riferendosi all’operato di Sarkozy.
L’insieme delle operazioni clandestine anglo-francesi rientrava dell’ambito dell’operazione South Mistral. La cui versione ufficiale, ovvero le operazioni di bombardamento sotto mandato ONU; erano denominate Harmattan, in francese, o Ellamy, in inglese, che a loro volta rientrano nell’operazione Odissey Dawn, voluta dal salotto dirittumanitarista di sinistra di Washington, che aveva le sue massime espressioni nella segretaria di stato USA Hillary Rodham Clinton, nell’ambasciatrice USA all’ONU Susan Rice e nell’intellettuale-gangster Samantha Power, notoria cantrice dell’interventismo armato umanitario internazionale degli USA. Gli screzi non mancarono, comunque, all’interno del disomogeneo fronte anti-Jamahiriya, formato rappattumando svariati gruppi e clan spinti alla rivolta con motivazioni e per interessi differenti. Ai primi di marzo, due agenti dell’MI6 e sei incursori delle SAS inglesi, mentre stavano scortando un diplomatico inglese, appena scesi dall’elicottero che li aveva trasportati nella loro zona operativa, a Bengasi, furono catturati dai guardiani di una fattoria e consegnati alla fazione ribelle gestita dai francesi o dagli egiziani, e non dagli inglesi. Interrogati, non avevano svelato nulla ed erano stati poi esfiltrati e fatti rientrare con la fregata HMS Cumberland. Secondo The Times, la presenza inaspettata di questa unità “avrebbe irritato gli esponenti dell’opposizione libica, che trasferirono i soldati in una base militare“. In effetti, questi elementi erano aggregati ai circa 200 militari dello Scottish Royal Regiment, reparto inglese rientrato dall’Afghanistan nel 2009, che partecipò alle operazioni militari coperte da azioni umanitarie e sgombero. Il ministro della Difesa inglese aveva ammesso che questi militari operavano nel bengasino da almeno tre settimane: ufficialmente per assistere piloti abbattuti. Lo scopo di tale tipo di operazioni, di questo dispiegamento sul campo di reparti speciali, era anche approfittare del caos a Tunisi e Cairo per consentire l’ingresso dai due paesi confinanti con la Libia di mercenari, volontari islamisti e almeno un centinaio di membri dell’Unità 777, le forze speciali egiziane, tutti inviati per fornire sostegno tecnico, nuovi armamenti e appoggio tattico alla presunta spontanea ‘rivolta popolare libica’.

Gli uomini qui ripresi caricano una cassa di munizioni speciali, si tratta di proiettili da 106mm per dei cannoni senza rinculo M40A1 di fabbricazione statunitense. Tale arma non è in dotazione alle forze armate libiche; inoltre la scritta HESH-T, ovvero Proiettile ad Alto Esplosivo a Testata Dirompente – Tracciante, dimostra che i proiettili sono di fabbricazione inglese, poiché questo tipo di proiettili sono chiamati così solo nel Regno Unito, mentre nel resto del mondo vengono denominati HEP-T (Proiettile ad Alto Esplosivo al Plastico – Tracciante). Inoltre l’esplosivo HESH-T/HEP-T è impiegato solo dai paesi membri della NATO, Israele, India e Svezia. Non possono che avere origine esterna alla Libia, non sono stati prelevati dagli arsenali delle forze armate libiche.

Il ruolo fondamentale dell’Africa nell’attuazione della Nuova Via della Seta

Dmitrij Bokarev New Eastern Outlook 17.08.2017L’Africa è una delle regioni d’importanza fondamentale per l’implementazione del progetto ambizioso della Cina Fascia e Via (OBOR). Proprio come in Eurasia, la Cina intende coprire questo continente con una rete di ferrovie e autostrade che si estendono dai porti lungo le coste orientali dell’Africa fino a quelle occidentali. Di conseguenza, prenderà forma la fusione economica euroasiatico-africana, con conseguente creazione della più grande zona di libero scambio nella storia umana. Quindi, Pechino impone l’attuazione del suo piano per il 2016-2018, adottato al Forum di Cooperazione Cina-Africa alla fine del 2015. Nel frattempo, la Cina si impegnerà ad investire complessivamente 60 miliardi di dollari nel continente africano, sviluppando infrastrutture stradali e ferroviarie e porti africani. Si può dire che le opere nel continente sono in piena realizzazione, con autostrade ad alta velocità che si stendono in tutto il continente. Tali autostrade attraversano l’Algeria da est ad ovest. Si tenga presente che l’Algeria è il più grande Stato africano con un ampio litorale mediterraneo. Finora il Mar Mediterraneo è il limite della Via. All’inizio del 2016 le imprese cinesi e algerine firmarono un protocollo di intenti sulla costruzione del più grande porto del Paese, che dovrebbe diventare l’hub marittimo dell’Africa settentrionale, collegando numerosi Stati africani attraverso i progetti infrastrutturali dell’OBOR. Allo stesso tempo, gli specialisti cinesi costruiscono un’altra autostrada che si estenderà nel territorio algerino da nord a sud. Alla fine del 2016, media locali segnalarono il completamento di un tunnel di quindici miglia, che sarà parte importante di questa autostrada. Sul tratto est-ovest, va menzionato l’avvio della costruzione della ferrovia cinese in Kenya, avvenuto a maggio. Collegherà il porto di Mombasa (che costituisce un elemento importante dell’infrastruttura OBOR) con la capitale Nairobi. L’avvio ufficiale della costruzione fu presieduta dal presidente del Kenya Uhuru Kenyatta e dal consigliere di Stato cinese Wang Yong. Secondo loro, la ferrovia darà inizio allo sviluppo dell’integrazione regionale, poiché sarà la piattaforma per creare la rete ferroviaria unificata dell’Africa orientale. Allo stesso tempo, Pechino fa ogni sforzo per migliorare le relazioni diplomatiche con i Paesi della regione. All’inizio del 2017, il Ministro degli Esteri cinese Wang Yi compiva un tour in Africa visitando Madagascar, Zambia, Tanzania, Congo, Nigeria e Mauritius, incontrandone i leader per discutere i dettagli della partecipazione al progetto OBOR. Il successo complessivo del viaggio fu riferito da Wang Yi al Congresso Nazionale del Popolo di marzo. Tuttavia, è troppo presto per i diplomatici cinesi per celebrarne i risultati, dato che c’è ancora molto lavoro da fare.
Per esempio, v’è l’urgente necessità di migliorare i rapporti cinesi con la Repubblica d’Uganda. I due Stati hanno relazioni amichevoli da oltre mezzo secolo e Pechino rimane uno dei maggiori investitori nell’economia dell’Uganda. Ciò ha permesso a Pechino d’organizzare il primo forum su commercio, cooperazione economica ed investimenti Cina-Uganda, tenutosi nella capitale Kampala lo scorso maggio. Numerosi rappresentanti di imprese cinesi operanti in Uganda vi parteciparono. Al forum era presente il vicepresidente dell’Uganda Edward Ssekandi, insieme al rappresentante della Cina a Kampala, Zheng Zhuqiang e a molti altri rappresentanti del governo ugandese e della comunità imprenditoriale. Il forum discusse i temi generali della cooperazione Cina-Africa, in cui l’Uganda intende svolgere un ruolo attivo, insieme a diversi aspetti delle relazioni Cina-Uganda. Secondo il vicepresidente dell’Uganda, Kampala sviluppa attivamente le proprie infrastrutture e rimane interessata a creare condizioni favorevoli per gli investitori cinesi. Edward Ssekandi aveva anche espresso la speranza che Pechino continui ad aiutare l’Uganda a sviluppare l’economia. Nel giugno 2016, il consigliere di Stato della Cina Wang Yong visitò lo Zambia, dove incontrò il presidente Edgar Lung. Durante l’incontro, si affermò che lo Zambia percepisce Pechino come suo stretto amico e partner, che non esita a fornire supporto agli alleati. E certamente ovvio che lo Zambia preveda di aderire all’OBOR.
La Cina iniziò ad aver influenza in Africa molti decenni fa. Negli anni ’50, il leader cinese Mao Zedong aiutò i governi popolari di una manciata di Paesi africani nella lotta contro i colonizzatori europei. Una volta che gli europei furono cacciati dall’Africa, la Cina iniziò a sviluppare legami economici e politici con tutti gli Stati del continente, aumentando costantemente l’influenza e scacciando i potenziali concorrenti dalla regione. Finora la Cina è il principale partner commerciale del continente africano e ne mantiene anche la stabilità, inviando peacekeeper negli Stati africani in conflitto. Non è un caso che la prima base militare estera della Repubblica popolare cinese sia stata costruita in Africa, nella Repubblica di Gibuti, consentendo a Pechino di assicurare il traffico attraverso lo stretto di Bab al-Mandab, dove passa il grosso del traffico marittimo con Europa e Medio Oriente. Indubbiamente, il Forum di Cooperazione Cina-Africa nel 2015 e il discorso del leader cinese Xi Jinping per presentare il Piano di cooperazione Cina-Africa per gli anni 2016-2018, segnano l’inizio della fase finale del lungo viaggio per rendere la Cina il motore dello sviluppo dell’Africa. Se questo piano avrà successo, nessuno potrà contestare l’influenza della Cina in questo enorme continente, particolarmente ricco di risorse naturali. Ancora oggi quasi il 20% delle importazioni di petrolio greggio cinese proviene dall’Africa. Inoltre, Pechino importa numerosi minerali dall’Africa, insieme a una vasta gamma di prodotti agricoli. Al tempo stesso, l’Africa rappresenta un mercato in espansione per i prodotti della Cina. Ma non è tutto. L’Africa può diventare un collegamento commerciale fondamentale, permettendo un traffico commerciale massiccio sul suo territorio. Non appena l’Africa farà parte integrante dell’OBOR, permetterà ulteriore traffico di merci dall’Oceano Atlantico alle rive dell’America, collegando così l’intero mondo con la Nuova Via della Seta.

Dmitrij Bokarev, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Le istituzioni finanziarie dei BRICS sosterranno lo sviluppo africano e latinoamericano
Kimeng Hilton Ndukong, People Daily 21 agosto 2017I progetti di sviluppo in Africa e America Latina avranno maggiore attenzione da Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica, dalle istituzioni finanziarie del BRICS, come New Development Bank, NDB, e Banca d’investimento per l’infrastruttura asiatica, AIIB. Il Professor Chen Fengying, ex-Direttore dell’Istituto di Economia Mondiale, e degli istituti cinesi di relazioni internazionali cinesi, CICIR, commentava il 21 agosto a Pechino, in una conferenza stampa organizzata dall’Associazione dei giornalisti della Cina. Il Professor Chen, ricercatore del CICIR, affermava che “Ci sono molte banche di sviluppo nel mondo oggi, la più grande è la Banca Mondiale. Ma la nuova Banca di sviluppo dei BRICS è l’unica a puntare sui Paesi in via di sviluppo“, aggiungendo che il rafforzamento della cooperazione sud-sud e sud-nord sarà affrontato al summit dei leader BRICS nella città di Xiamen, il 3-5 settembre. “La questione dello sviluppo dei BRICS da allora è andata oltre gli Stati aderenti. La nuova Banca di Sviluppo è attiva, passando da questioni astratte a più concrete. Come piattaforma aperta, i BRICS guardano ad Africa e America Latina; quindi l’influenza dei BRICS sarà più completa“, dichiarava Chen Fengying, aggiungendo che per ampliare l’ambito delle attività e sostenerle a lungo termine, NDB e AIIB estenderanno i loro servizi in Africa e America Latina per finanziare i progetti di sviluppo. Nel frattempo, Kenya e Thailandia sono stati invitati al vertice BRICS del prossimo mese. Rispondendo a una domanda sui piani dei BRICS per creare un’agenzia di rating, il Prof. Chen dichiarava che le probabilità di successo sono esigue perché l’attuale macrofinanza è ancora dominata dal dollaro statunitense, e il sistema di rating attuale è monopolizzato da tre istituzioni statunitensi. Ricordava che Cina, Europa e Giappone in passato tentarono di creare agenzie di rating, senza molto successo. Alla domanda se il conflitto tra Cina e India sarà oggetto del vertice BRICS del mese prossimo, Chen Fengying l’escludeva dicendo che i leader non saranno distratti da “piccole questioni”. Inoltre, la Cina ha già affermato che i problemi relativi alla propria sovranità non possono essere oggetto di compromessi. Inoltre, dichiarava che la politica dei BRICS non è intervenire negli affari interni degli Stati aderenti. Aggiungeva che le sfide che i leader di Sudafrica e Brasile affrontano adesso sono transitorie. Attribuiva i loro problemi ai prezzi delle materie prime in declino e all’instabilità politica ed economica, dicendo che la soluzione è garantire un adeguato sviluppo. “Gli impegni che i leader di Sudafrica e Brasile prenderanno al vertice non saranno messi in discussione perché i leader vanno e vengono, ma le nazioni restano”. Il tema del vertice di quest’anno è “BRICS: partenariato più forte per un futuro più brillante“. Il focus sarà su commercio, finanza, economia, cooperazione sud-sud e sud-nord e iniziativa Via della Seta. Riunioni dei Ministri degli Esteri BRICS e scambi interpersonali e culturali saranno istituzionalizzati al vertice. È stato anche reso noto che i BRICS si difenderanno da ogni tentativo d’introdurre protezioni commerciali come le misure degli USA contro la Cina.

Kimeng Hilton Ndukong, collaboratore di People’s Daily Online, redattore del quotidiano Cameroon Tribune e del Centro Stampa Cina-Africa, CAPC.

L’ANC approva l’avvio della Banca BRICS
ANA Report, 18 agosto 2017

Per troppo tempo i Paesi in via di sviluppo del Sud Globale si sono ritrovati indebitati da istituzioni finanziarie internazionali come Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale (IMF), che impongono condizioni onerose con ricadute sociali e politiche gravi“. Molewa dichiarava che tali dure condizioni di prestito hanno storicamente ostacolato i Paesi in via di sviluppo nel perseguire politiche di sviluppo proficuo nell’interesse dei propri cittadini. BRICS è composto da Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica. La Nuova Banca di Sviluppo permetterà agli africani e ad altri Paesi di accedere alle strutture di prestito per intraprendere, tra l’altro, investimenti infrastrutturali in settori cruciali come energia, acqua e trasporti.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Russia: Crescita e minacce di una nuova guerra fredda

Jacques SapirRusseurope 20 agosto 2017La speranza di un miglioramento delle relazioni tra Russia e Stati Uniti è ormai evaporata dopo il voto del Congresso degli Stati Uniti su nuove sanzioni e le misure di ritorsione adottate dal governo russo. Il Congresso degli USA ha pertanto votato in modo deciso a favore di nuove sanzioni contro la Russia (419 voti su 435) e la Russia ha ordinato agli Stati Uniti di ridurre drasticamente il personale diplomatico di 455 persone entro il 1° settembre. Il tasso di cambio del rublo è tornato a 60 per 1 dollari, ma finora senza impedire la ripresa economica della Russia. Il tasso di cambio del rublo rimase indifferente alla contrazione del prezzo del petrolio di maggio e beneficiava della debolezza di altre valute fino alle nuove tensioni geopolitiche. Tuttavia, il mercato russo non ha ancora risposto al recupero dei prezzi del petrolio, che recentemente hanno superato i 50 dollari al barile. Il tasso di cambio del rublo rimarrà quindi sotto pressione. Dopo più di sei mesi di presidenza Trump, è chiaro che le sanzioni rimarranno più a lungo del previsto, mentre le possibilità di nuove sanzioni aumenteranno. La possibilità di ristabilire un dialogo tra Russia e Stati Uniti diminuisce rapidamente. Gli attriti sembrano crescere e il Venezuela ora rientra nel confronto che va dalla Siria all’Ucraina.

L’economia russa migliora
L’economia della Russia ha mostrato forti segni di miglioramento nella prima metà del 2017. In una certa misura, ovviamente, ciò è dovuto alla stabilizzazione dei prezzi del petrolio a circa 50 dollari al barile. Ma i prezzi del petrolio, per quanto importanti, non sono l’unico fattore della crescita economica della Russia. Il commercio al dettaglio è salito dell’1,2% rispetto all’anno precedente a giugno, leggermente superiore a quanto previsto dagli economisti (1,1%) e ha continuato a crescere a luglio (1,3%). I salari reali, invece, continuano a migliorare grazie alla rapida caduta dell’inflazione, scesa in pochi mesi dal 12% al 4-4,5%. La crescita della produzione industriale è stata imitata dalla crescita dell’edilizia, che potrebbe segnare la fine della crisi nel settore. La disoccupazione s’è ridotta al 5,1% della popolazione attiva alla fine del primo semestre.
Fonte: dati ROSSTAT

La forte crescita degli investimenti del 2,4% annuo, nel primo trimestre del 2017, proseguirà probabilmente nel secondo. Tuttavia, va osservato che le tre maggiori attività d’investimento osservate sono estrazione (pari al 31% degli investimenti), produzione (18%) e trasporti (17%). Quest’ultimo settore è cresciuto in modo impressionante del 21,7% nel primo trimestre del 2017. D’altra parte, il settore dell’estrazione ha registrato un più modesto 1,5% e la produzione è caduta del 6,7%. Tre regioni hanno prodotto la crescita complessiva degli investimenti: Mosca, Crimea ed Estremo Oriente. Nelle tre regioni ci sono grandi progetti, generalmente sostenuti dallo Stato e concentrati sulla costruzione di infrastrutture. Ciò corrisponde alla rapida crescita dei trasporti nella disaggregazione settoriale degli investimenti. Di conseguenza, uno dei principali fattori di crescita degli investimenti in Crimea è la costruzione del ponte di Kerch che collega la penisola al resto della Russia. Il completamento del ponte è previsto per la fine del 2018, al costo di 228 miliardi di rubli, di cui 113 spesi alla fine del 2016. Analogamente, l’incremento degli investimenti in Estremo Oriente è principalmente collegato alla costruzione dei gasdotti per la Cina. Il progetto “Power of Siberia” dovrebbe essere completato entro il 2019. Quasi la metà, 1300 km, della rete di 3000 km prevista è stata costruita dal giugno 2017. Il costo del progetto è di 1,5-2 trilioni di rubli o, al tasso di scambio di 70 rubli per 1 euro, 21-28 miliardi di euro. A differenza del ponte di Kerch e di “Power of Siberia”, da completare nel 2019, il programma di ristrutturazione di Mosca è appena iniziato. Secondo Sergej Sobjanin, sindaco di Mosca, il programma richiederà 15 anni per essere completato, ed interesserà 1-1,6 milioni di persone (10-15% della popolazione di Mosca) con un costo complessivo di circa 3 trilioni di rubli (43 miliardi di euro). Si prevede che 35-45 milioni di metri quadrati saranno costruiti durante questo periodo (circa 3,5 milioni di metri quadrati l’anno), traducendosi in un aumento sostanziale degli attuali edifici residenziali di Mosca, per circa 3-4 milioni di metri quadrati l’anno. C’è da aspettarsi la crescita delle costruzioni residenziali a Mosca dal 2018, dopo le elezioni presidenziali.La crescita economica più forte del previsto coincide purtroppo le partite sono più deboli del previsto nella prima metà del 2017. La crescita dell’importazione è stata del 27% nella prima metà del 2017, del 26% nel primo trimestre e del 29% nel secondo trimestre. Ciò indica un ampio recupero delle importazioni per il 2017, previsto dall’aumento dei consumi e degli investimenti. Inoltre, i pagamenti correnti delle aziende russe all’estero nel secondo trimestre del 2017 sono significativamente superiori al previsto e sono la ragione principale del conto corrente portato a un deficit di 0,3 miliardi di dollari nel secondo trimestre.

Verso la creazione di un’alleanza anti-USA?
In questo contesto va notata l’attività crescente della diplomazia russa. Ciò potrebbe essere attribuito ai miglioramenti delle relazioni economiche, ma anche al deterioramento dei rapporti diplomatici e militari con Washington. Al culmine di questa attività, naturalmente, vi è la crisi del Medio Oriente e l’evidente avanzata delle forze governative siriane sostenute dall’aviazione russa delle ultime settimane. Ma questa attività assume ora altre dimensioni. Mosca ha deciso di dare un segnale spettacolare sostenendo il governo venezuelano. Il principale produttore di petrolio della Russia, Rosneft, dichiarava di aver anticipato circa 6 miliardi di dollari alla compagnia petrolifera venezuelana PDVSA. Ciò avveniva al momento giusto. La scommessa dei vari attori finanziari e politici sul default venezuelano si diffuse a causa delle turbolenze in Venezuela, ulteriormente complicate dal calo dei prezzi e della produzione. Il pagamento anticipato della Rosneft a PDVSA potrebbe risolvere la crisi del debito che il governo venezuelano attualmente affronta. Rosneft prevede il rimborso finale con l’invio di petrolio e prodotti petroliferi. Questo punto è molto importante perché implica che la maggior parte della produzione venezuelana sarà diretta in Russia e non alle raffinerie statunitensi, che oggi rappresentano il principale mercato della produzione venezuelana. Questo supporto non sorprende. Prima di tutto, le relazioni con gli Stati Uniti peggiorano, e Mosca dovrebbe aumentare la presenza in Venezuela, anche solo per mettere in imbarazzo il governo degli Stati Uniti e creare ciò che si chiama strumento negoziale o puntata di contrattazione. Ma, e questo è probabilmente più importante, va considerato che questo supporto proviene da Rosneft, compagnia che occupa un posto speciale nella diplomazia petrolifera della Russia, ma che ha anche una propria diplomazia. Ciò mostra i forti legami che alcuni in Russia, e in particolare Sechin, hanno creato in America Latina e soprattutto con i leader chavisti. Non si tratta solo l’ideologia, anche se conta. La Russia, e in particolare Rosneft, trova anche propri interessi in questa politica. PDVSA, va ricordato, è la società statale venezuelana che ha ridotto le vendite di petrolio alle unità di raffinazione statunitensi della Citgo Petroleum, aumentandole alla Rosneft in Russia, secondo un piano firmato a maggio per recuperare gli invii accumulati; secondo documenti e fonti di PDVSA e della sua Joint Venture, Rosneft detiene una partecipazione del 49,9% della società statunitense Citgo della PDVSA. La partecipazione è stata offerta come garanzia quando PDVSA ebbe il prestito di 1,5 miliardi di dollari dalla società russa, lo scorso anno. Il Ministro del Petrolio venezuelano Nelson Martinez, al forum di San Pietroburgo lo scorso giugno dichiarò che Rosneft avrebbe ricevuto circa 70000 barili al giorno per il prestito da 1,5 miliardi di dollari alla PDVSA. Infatti, Rosneft ha investito molto nello Stato venezuelano e nella PDVSA. Ora Rosneft s’impegna a continuare a lavorare nel settore energetico del Paese, nonostante il peggioramento della crisi economica e delle sanzioni.
All’inizio di questo mese, l’Amministratore Delegato di Rosneft, Igor Sechin, dichiarava che l’azienda avrebbe aumentato la cooperazione con il Venezuela di fronte alle nuove sanzioni statunitensi e ne forniva un buon motivo: “Le riserve petrolifere del Paese sono le più importanti al mondo. In questa prospettiva, ogni società energetica deve cercarvi di lavorare” [1]. È vero che le riserve del Venezuela sono ancora più grandi di quelle dell’Arabia Saudita. Ma chiaramente non è l’unico motivo, né il principale. Il sostegno dato al Venezuela è ovviamente politico. Potrebbe essere una sorta di “ricambio” per il sostegno statunitense all’Ucraina. Ma più probabilmente va anche visto come il materializzarsi del rafforzamento del fronte anti-USA comprendente naturalmente Cina ed Iran, e che ora include i nuovi alleati dei russi, di cui gli ultimi sono Paesi come l’Indonesia (che ha recentemente deciso di acquistare aerei da combattimento russi [2]) e le Filippine, dove le navi da guerra russe fecero una visita a gennaio [3] e il cui presidente visitò Maggio nel 2017 per richiedere l’aiuto contro la minaccia dello SIIL a Mindanao [4] .
Note
[1] RussiaToday
[2] Sputnik
[3] Sputnik
[4] Sputnik

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Assad: Per una società sana e armoniosa

Dr. Muhamad Abdulibrahim, The Syria Times 20 agosto 2017 La guerra in atto contro la Siria mira a cambiare l’equilibrio internazionale ed è un’occasione d’oro per l’occidente per sottomettere gli Stati che non sono soggetti alla sua egemonia, osservava il Presidente Bashar al-Assad. Nel discorso televisivo alla Conferenza del Ministero degli Esteri e degli Espatriati a Damasco, il Presidente Assad aggiungeva che la conferenza era l’opportunità del dialogo diretto per formulare visioni e soluzioni unitarie. Il Presidente Assad aggiungeva che la posizione geopolitica della Siria è cruciale per controllare il Medio Oriente, e quindi la guerra doveva modificare l’equilibrio internazionale. Il Presidente Assad osservava che il mondo vede lo Stato profondo negli Stati Uniti dividersi dal suo presidente, e così nel mondo occidentale e tra i loro affiliati. “C’è una seconda potenza mondiale, il cui obiettivo è preservare l’equilibrio e il diritto internazionale“, aggiungeva il Presidente Assad, affermando che il peso degli arabi sull’arena internazionale è zero e assente. “In Siria abbiamo pagato un grosso prezzo per non piegarci ai piani occidentali che mirano a portare i fratelli musulmani al potere con il pretesto della religione e nell’interesse degli occidentali”, sottolineava il Presidente Bashar al-Assad. “Hanno fallito, ma la battaglia continua“, aggiungeva citando il dilemma della vittoria. Il Presidente Assad affermava che l’obiettivo è sottomettere la Siria e una volta fatto ciò sarebbe stata frammentata, ribadendo che il prezzo della resistenza è ben inferiore a quello della resa. “Abbiamo perso il meglio della nostra gioventù, le infrastrutture, ma abbiamo una società più sana e armoniosa, data la comune unità prevalente“, aggiungeva. ”La società siriana non ha una cultura settaria e abbiamo tratto lezione da tale guerra”.
Il Presidente Assad osservava che i cambiamenti occidentali sono dovuti alla nostra fermezza e al prezzo che abbiamo pagato, per via della fermezza dello Stato, delle Forze Armate e del sostegno dei nostri amici. “Le realtà sul terreno e i risultati del loro sciocco sostegno al terrorismo hanno imposto all’occidente un cambiamento parziale“, notava il Presidente Assad, rimproverando la politica occidentale nel mutare aspetto come un serpente. Il presidente citava il silenzio occidentale sui crimini perpetrati dai terroristi e l’aggressione occidentale ogni volta che l’esercito sconfigge i terroristi, aiutandoli e inviandone altri. “C’imbattiamo nel terrorismo sin dal primo giorno e perseguiremo a combatterlo“, sottolineava il Presidente Assad, ribadendo che ogni attività dovrà basarsi fondamentalmente sulla lotta al terrorismo. Il Presidente Assad aggiungeva che la Siria ha affrontato con flessibilità tutte le iniziative per la soluzione politica, anche se alcune erano malevoli, sostenendo che i risultati delle iniziative erano semplicistiche o inutili. “Una volta che si dialoga con un terrorista o un lacchè, il dialogo avviene coi padroni dei servi“, aggiungeva affermando che tutto ciò che hanno presentato andava contro gli interessi della Siria e dei Siriani, vacuo come polvere di carta inutile. Il Presidente Assad osservava che il dialogo era in realtà con i loro padroni, che li considerano schiavi insulsi, affermando che i veri siriani sono gli unici padroni che non prendono ordini da nessuno. Il Presidente Assad aggiungeva che il processo attivo in Siria è la rivoluzione dell’esercito contro i terroristi e la rivoluzione del popolo siriano contro il tradimento e il servilismo, e quindi le vere rivoluzioni sono dovute all’élite nazionale e morale. “Cogliamo ogni occasione per risparmiare gli inermi, di conseguenza abbiamo partecipato ai colloqui di Astana“, aggiungeva affermando “la nostra fiducia è grande verso Iran e Russia“, garanti di Astana.
Il Presidente Assad aggiungeva che la Turchia è solo garante dei terroristi e di diffidarne, sostenendo che il ruolo di Erdogan è proteggere i terroristi attraverso Astana e legalizzare l’occupazione di alcune parti della Siria. “Ogni presenza turca sul territorio siriano è un’occupazione“, sottolineava il Presidente Assad, affermando che Erdogan ancora sostiene il terrorismo nell’ambito del suo ruolo nel distruggere la Siria. Il Presidente Assad saluta le zone di de-escalation in Siria impedendo spargimenti di sangue, facendo rientrare la popolazione, permettendo la riconciliazione nazionale, restaurando l’autorità statale del governo e facendo cedere le armi agli armati, ribadendo che tali zone non saranno mai separate. “Vogliamo perseguire la nostra lotta al terrorismo”, denunciando gli Stati Uniti e la loro cosiddetta alleanza nel permettere ai terroristi di espandersi. Il Presidente Assad citava la formazione dei comitati del dialogo e la riconciliazione nazionale, la dipartita dei terroristi e il ritorno dell’autorità statale nell’ambito della de-escalation.
Le forze armate avanzano schiacciando i terroristi continuamente, osservava Assad apprezzando eroismo e sacrificio dell’Esercito, degli alleati e amici nella lotta al terrorismo, quale esempio ideale nella storia delle guerre. “I risultati sono fondamentali per la riconciliazione nazionale e per il ritorno in patria“, affermava il Presidente Assad citando anche il ruolo del popolo siriano, nel viaggio della vita, per la fermezza. “Siamo orgogliosi del ruolo dei nostri fratelli e amici di Hezbollah” i cui combattenti, martiri e feriti, sono nostri combattenti, aggiungeva il Presidente Assad citando il sostegno politico, finanziario e militare fornito dall’Iran, e il ruolo della Russia, insieme alla Cina, nel porre il veto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in difesa della Siria e del diritto internazionale. Il Presidente Assad indicava il sostegno della Russia, che ha avuto i propri martiri sostenendo l’esercito in tutto ciò di cui ha bisogno, inviando la sua Aeronautica a combattere il terrorismo.
Il Presidente Assad ribadiva la necessità di:
– Continuare a combattere e schiacciare il terrorismo.
– Continuare la riconciliazione nazionale.
– Aumentare le comunicazioni all’estero per illuminare l’opinione pubblica occidentale, ingannata da menzogne e fabbricazioni della realtà sul campo.
– Sostenere le opportunità economiche dell’economia siriana, in lento recupero.
– Concentrarsi sull’Oriente, andando ad est politicamente, economicamente e culturalmente, in quanto l’Oriente ha piena prospettiva di sviluppo.
Il Presidente Assad salutava i rapporti corretti con l’occidente, a condizione che questi Paesi si astengano dal sostenere il terrorismo e ne taglino le relazioni, citando gli errori continui dell’occidente. I nemici non entreranno in Siria per via politica dopo non esserci riusciti attraverso il terrorismo, affermava il Presidente Assad citando il timore dei nemici che la Siria esca più forte dalla guerra.
Il Presidente Assad ribadiva le basi della diplomazia siriana:
– Tutto ciò che riguarda la Siria è al cento per cento siriano.
– L’integrità territoriale della Siria.
– L’arabismo con la sua civiltà.
– Impedire agli altri di avere con la diplomazia ciò che non hanno avuto con la guerra.
– La guerra non ha cambiato i nostri principi.
– La causa palestinese è centrale.
– L’occupante israeliano è il nemico.
– Supportare la vera resistenza.
La Siria è forte, indipendente e libera, e non c’è posto per terrorismo, estremismo, lacchè e traditori“, chiudeva il Presidente Assad tra l’ovazione dell’Assemblea gremita.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora