Battaglia di Aleppo: l’inizio della fine…

Daraya: svolta nella guerra alla Siria?
Nasser Kandil, Top News Nasser-Kandil, 28 agosto 2016 – Reseau International

13010633Un analista militare che segue gli eventi da vicino ha detto che a Daraya, fino a ieri occupata dal quarto gruppo armato che dopo quattro anni annunciava la resa totale in cambio del passaggio ad Idlib, è una città cruciale nella guerra per procura contro la Siria. Aggiungeva che gli scontri sul fronte di Hasaqah, all’altra estremità del Paese, ordinati dagli Stati Uniti, erano l’ultima cartuccia per proteggere le milizie armate antigovernative trincerate in questa città, presupponendo che le unità d’élite della 4.ta Divisione dell’Esercito arabo siriano, cessata la lotta a Daraya, si sarebbero dirette su Hasaqah. Sempre secondo l’analista, l’importanza strategica Daraya è dovuta all’adiacenza all’aeroporto militare di Mazah, all’ingresso occidentale di Damasco, e l’area occupata dalle milizie antigovernative era all’ingresso del quartiere di al-Baramiqa, vicino al centro di Damasco e agli edifici statali, tra cui Presidenza e Governo centrale. Pertanto, se l’alto comando dell’Esercito arabo siriano fosse caduto nella trappola inviando la 4.ta Divisione sul fronte settentrionale, avrebbe influenzato più fronti critici, come ad esempio Jubar, Qan al-Shayq, Muadamyah, campo Yarmuq, con effetto domino fino nel Ghuta, Duma, Qunaytra, Dara e altre aree ai confini con Giordania ed Iraq. In effetti, era da circa quattro anni che Daraya era la roccaforte dei gruppi armati che minacciavano e attaccavano più volte la capitale siriana e, allo stesso tempo, il soggetto centrale delle preoccupazioni altruistiche dell’inviato delle Nazioni Unite Stafan Mistura, e barometro della guerra di logoramento combattuta contro la Siria da tutti gli ambasciatori responsabili del monitoraggio delle questioni politiche e militari della Siria, nella speranza di rilevare qualsiasi segno di debolezza nello Stato siriano.
Tutti gli osservatori sanno che la dissoluzione delle sacche dei gruppi armati sparsi a Damasco e dintorni, va a vantaggio dell’Esercito arabo siriano, liberando decine di migliaia di soldati da una ventina di fronti, ma con Daraya nelle mani dei gruppi armati antigovernativi, le vittorie dell’Esercito arabo siriano rimanevano limitate. Da qui l’afflusso incessante di armi alle milizie armate, insieme a una campagna mediatica fuorviante fino ad oggi. Ma oggi Daraya torna allo Stato. È da Daraya che partivano armi e finti rivoluzionari armati per attaccare Damasco (Dara fu all’origine della grande menzogna della presunta rivoluzione siriana). È da Daraya che scaturirà la scintilla della liberazione nel nord della Siria, ad Aleppo. Le forze siriane che hanno liberato Daraya possono esserne orgogliose, essendo solo l’inizio del conto alla rovescia per tutti coloro che hanno inflitto tanta sofferenza alla Siria. Vedendo i loro “rivoluzionari armati moderati” cadere uno dopo l’altro, i media ci dicono che Daraya non aveva nulla a che fare con al-Nusra, ma con l'”esercito libero siriano”, facendo finta d’ignorare che l’invasione turca di Jarablus ha silurato definitivamente tale menzogna* condivisa da sauditi, turchi, al-Qaida e USA. Fingono d’ignorare che è piuttosto la loro capitale che è caduta, ieri, a Daraya.

Congratulazioni alla Siria
Complimenti all’Esercito Arabo Siriano.

[*] In base alle fonti locali, i gruppi armati che hanno sostituito lo SIIL a Jarablus sotto la bandiera turca, senza combattere, fanno parte della nebulosa dell’ELS. In particolare le tre fazioni asservite ai Fratelli musulmani: Faylaq al-Rahman, liwa Nuradin al-Zinqi e liwa Sultan Murad. Tre fazioni che costituiscono la spina dorsale del Jaysh al-Fatah

Cq9KyfuWcAAGOAA

Cq9Kz70WIAAgpdE

Battaglia di Aleppo: l’inizio della fine…
Georges Stanechy 29 agosto 2016

Un Paese le cui forze armate sopravvivono solo combattendo con la forza della disperazione è “fatale” per gli invasori“.
Sun Tzu – XI-10-225 (1)

20082016E’ l’inizio della fine? …
Almeno della battaglia di Aleppo. Il controllo totale di questa città, per i loro mercenari, era uno dei principali obiettivi della NATO; la sua perdita è impensabile.

Attaccare una nazione che non attacca nessuno
Spinte dalla Turchia ed inquadrate dalle forze speciali della NATO, le milizie filo-occidentali ne occuparono dopo un attacco massiccio e a sorpresa tutti i “quartieri orientali”, all’inizio della “guerra civile”. Ma da sei anni i “quartieri occidentali” resistono agli assalti ripetuti degli “assassini” (2) che ricevono rifornimenti regolari in forze e materiale dal confine turco, nonostante il bombardamento indiscriminato effettuato coi loro mortai, per sottomettere la popolazione e i difensori. Scuole, ospedali, mercati, impianti di depurazione, trasformatori elettrici, caserme dei pompieri, erano loro bersagli principali. Ancora: la città di Aleppo, sede della provincia dallo stesso nome, era il fiore all’occhiello della Siria. Per secoli fu mecca storica, culturale, spirituale, turistica ed anche economica. Prima del caos organizzato dalla NATO, Aleppo era popolata da 2 milioni di abitanti ed era uno splendido successo del Paese e oltre, per dinamiche di sviluppo e le numerose fabbriche dalle moderne attrezzature. Quasi tutte queste fabbriche sono state smantellate. Tutto è stato trasportato da camion in Turchia: macchinari, apparecchiature elettriche, apparecchiature per ufficio, ecc. Ciò spiega il motivo per cui distruzione e saccheggio di Aleppo furono programmati soprattutto nei distretti industriali, per lo più situati nella parte orientale della città. Si guardino i video dei combattimenti nella zona industriale, che mostrano l’intensità dei raid: le industrie sono tutte vuote… (3)! Da metà luglio 2016, poco più di un mese ormai, le forze governative hanno circondato i “quartieri orientali” per interrompere i rifornimenti ai mercenari, già interrotti dai bombardamenti, facilitando la liberazione di questi quartieri, edificio per edificio. La NATO non ha potuto rispondere: rompere l’accerchiamento è una priorità. Ecco quindi la sconfitta della CPO (Coalizione dei Predoni Occidentali) da parte del governo siriano e degli alleati. Lo svolgersi degli ultimi eventi al confine turco è interessante da seguire…13950520000458_Test_PhotoIScacco matto per gli assassini della NATO
Riassumiamo le sequenze, concomitanti o successive, dello scontro dantesco:
1. La CPO deve negoziare una tregua per ricostituire le scorte di armi, munizioni e rinforzi per i mercenari. Su tutti i fronti, anche del sud, dalla Giordania a Tadmur e Dayr al-Zur. In preparazione del potente contrattacco su Aleppo, rifornendo e rafforzando i terroristi, per liberare le forze speciali della NATO che li supervisionavano, ora intrappolate.
2. Contrariamente ad analisi superficiali che ammirano “ingenuità” o “passività” dei russi in particolare, il governo siriano ed alleati avevano tutto l’interesse ad una tregua e a farla durare! … Sapendo che sarebbe stata utilizzata in tal senso dagli strateghi della coorte degli invasori …
Per due ovvi motivi:
i) mostrare tra grida e sporchi trucchi della propaganda occidentale, buona fede e volontà di pacificazione del conflitto; rifornire i civili in ostaggio di tale situazione drammatica.
ii) la buona tattica di “far uscire il lupo dal bosco”, ovvero attrarre sul territorio siriano, svuotandole il più possibile, le “riserve” della CPO in risorse umane e materiali; in transito o addestramento nei campi e centri logistici in Giordania e Turchia. Per schiacciarle meglio…
3. “Tregua accettata” non significa “inazione” del governo siriano ed alleati. Piuttosto, è l’occasione per raddoppiare gli sforzi. Come per la parte avversa: ricostituire forze e mezzi. Soprattutto, stabilire una precisa e meticolosa mappatura, con i potenti strumenti d’intelligence dell’esercito russo, dei depositi di munizioni, posti di comando, nuovi blindati ed equipaggiamenti, altri effettivi raccolti durante la tregua dalla CPO da tutto il territorio della Siria. Oltre a satelliti di osservazione e droni, interveniva l’avanzato aereo da ricognizione radiotecnico e optoelettronico russo, impressionante dimostrazione tecnologica: il Tu-214R. In grado, tra le altre prestazioni, d’individuare bunker sotterranei, per dimensioni e profondità; e bersagli terrestri situati lateralmente rispetto alla rotta fino a 400 km di distanza… (4)
4. Identificare l’asse dell’attacco della CPO per rompere l’accerchiamento dei suoi mercenari ad Aleppo. Ascolto e decifrazione erano fondamentali per individuare i centri di comando e coordinamento e per conoscere gli assi di attacco e diversione. Strategia classica: la CPO aveva previsto di disperdere o spezzare le Forze Armate siriane con il loro supporto aereo e da bombardamento costringendole a rispondere a due pesanti attacchi diversivi, a sud e ad est. Uno a Tadmur (recentemente liberata dall’occupazione terroristica); l’altra a Dayr al-Zur (eroicamente difesa dalle truppe governative circondate da diversi mesi dai mercenari). Personale, rifornimenti e munizioni provenivano dalla Giordania. Era imperativo agire il più rapidamente possibile, prima degli attacchi diversivi, concentrando la maggior parte delle risorse su Aleppo e dintorni. Russia e Iran optavano per un’operazione “offensiva”, inviando bombardieri pesanti a neutralizzare le risorse umane e materiali per tali attacchi diversivi. L’uso della base aerea di Hamadan, in Iran, ha permesso di moltiplicare le rotazioni per via della vicinanza alla Siria (700 km invece di oltre 2000 km…), aumentando il carico di bombe (alleggerendo il carburante), da 4-5 tonnellate per aereo a 15-20 tonnellate, a seconda del tipo di bombe. Furono utilizzate ami con più potenti capacità di penetrazione ed esplosione, per distruggere le infrastrutture sotterranee. Fu un successo: in una settimana, per via dei colossali “colpi di martello”, gli attacchi diversivi furono schiacciati sul nascere…!
5. Preparare “la difesa dall’attacco” su Aleppo pianificato dalle “forze fresche” mercenarie che dovevano salvare i loro camerati circondati… Più di 10000. Le migliori tattiche e gli ostacoli sull’asse principale furono opposte all’invasore… Per incanalare “l’orda degli assassini”, siriani ed alleati tendevano una trappola in cui la CPO s’infilava a testa bassa: abbandonavano l’immenso terreno dell’Accademia dell’Aeronautica, della Scuola d’Artiglieria, ecc), simulandone una debole difesa. L’obiettivo era, attraverso tale “effetto vuoto”, mettere sotto tiro i terroristi nelle aree prive di civili. La forza governativa siriana aveva il privilegio di affrontare mercenari mediocri:
i) scarsa supervisione, molti capi dei mercenari furono uccisi o feriti in combattimento, tra cui i migliori, ex-ufficiali dei reggimenti d’élite della Guardia repubblicana di Sadam Husayn liberati dalle carceri statunitensi in Iraq, in cambio del loro coinvolgimento nelle milizie del “Califfato atlantista”. (5) La “guerra di logoramento” vale su entrambi i lati…
ii) scarso addestramento delle nuove reclute, troppo breve per elementi dall’intelligenza, potenziale ed esperienza insignificanti, oltre a giocare a Rambo sparando ovunque e comunque (enorme spreco di munizioni…). Ciò non toglie la loro nocività e volontà mortifera…
iii) scarsa motivazione: estranee in Siria, tali reclute combatterebbero per alcuna causa se non, come ogni mercenario, per una manciata di dollari. Se ne escono vive… Sapendo oggi, a differenza dei predecessori nell’invasione della Siria, dell’ingaggio incessante e devastante delle forze aeree russe a sostegno delle Forze Armate del governo legittimo. Basti dire che il loro livello di entusiasmo e spirito battagliero è proporzionale alla dose giornaliera di “Captagon“. (6)

Video, venato di umorismo nonostante la tragedia, che circola in rete, che ne illustra lo stile da ‘cowboy al saloon’:

Mercenari della NATO sotto l’effetto del “Captagon” (nome commerciale per le anfetamine “fenethyllina”)

13950426000614_PhotoI6. La trappola ha funzionato perfettamente. I nuovi materiali (blindati leggeri o veicoli con armi a tiro rapido), munizioni e scorte (per nutrire 10000 mercenari tutti i giorni…) depositati durante la tregua nei centri di raggruppamento e nei depositi nella provincia di Aleppo, furono distrutti dai bombardamenti aerei siriani e russi. Compresi anche i centri di comando e comunicazione. Tutti i convogli per Aleppo finivano schiacciati sotto le bombe, o ridotti a spazzatura (con alcune azioni coraggiose dei commando siriani nelle retrovie del nemico). Tutti gli accessi per Aleppo venivano bloccati dall’Esercito arabo siriano. La spina dorsale della milizia della CPO è stata spezzata: materialmente e psicologicamente. L’operazione di “derattizzazione” dei quartieri infestati dai terroristi cominciava inesorabilmente. Anche di notte, la milizia non riusciva a dormire. L’Esercito arabo siriano dispiega cecchini (che dormono nelle retrovie di giorno) con attrezzature sofisticate e dispositivi per la visione notturna, dandosi il cambio 24×7… Gli assassini della NATO sono sotto “scacco”.
7. A Ginevra, di fronte alla Russia, la CPO è nel panico. Il suo rappresentante, Kerry, cammina sulla punta dei piedi… Preoccupato meno del destino della carne da cannone che degli ufficiali delle forze speciali della NATO intrappolati ad Aleppo. Non avendo una “riserva immediata”, si getta in battaglia la milizia meglio attrezzata, inquadrata ed addestrata nei pressi di Aleppo, posizionata al confine con la Turchia, a Jarablus e dintorni. Da tale disposizione, con una mossa tattica chiamata “arrocco”, per rimanere nella metafora degli scacchi, i turchi cacciano senza combattere le milizie dello SIIL da Jarablus e dintorni, sostituendole con le reclute addestrate in Turchia sotto l’etichetta ELS (esercito libero siriano…). I turchi ne approfittano per limitare le ambizioni territoriali curde in Siria, per non farle dilagare nel proprio territorio.
Tre cose da ricordare nell’evolversi della situazione:
i) le forze dello SIIL si usurano avvicinandosi ad Aleppo. È uno spreco della CPO che non può mutare la bilancia del potere: “game over” …
ii) come in ogni buona trattativa, russi ed iraniani, attualmente i migliori diplomatici, conoscono ed applicano il principio di far “salvare la faccia” all’avversario per lenirlo meglio. Lasciando specificamente che i consiglieri della NATO (tra cui francesi) siano salvati con discrezione.
Iii) i turchi non usciranno dalla zona di confine e, inevitabilmente, torneranno nelle loro caserme. Il minimo movimento in direzione di Aleppo aprirebbe un prolungamento su notevole scala del conflitto: in 48 ore affronterebbero i reggimenti d’élite delle forze iraniane. L’Iran sa che se la Siria crolla, sarà il prossimo ad essere attaccato…
8. Seguito e fine …
Il processo di risoluzione del caos imposto dall’occidente in Siria è avviato. Probabilmente vi saranno altri sconvolgimenti, ma è irreversibile. Vi sono tre direzioni:
i) Accelerare l’emergere del mondo multipolare
Una certezza: il mondo multipolare voluto da tutti i Paesi del mondo emerge gradualmente, forse troppo, ma con forza. L’occupazione occidentale del Medio Oriente, il saccheggio delle risorse energetiche della regione, le violenze impressionanti che infliggono con coscienza ipocrita per introdurre “democrazia e diritti dell’uomo”, non sono più tollerabili. Ciò è inaccettabile. E tutto sarà fatto per fermarlo. È vero, l’occidente si adopererà e si sforzerà di prolungare il caos in Siria, anche se sa di non avere più il controllo della situazione, come fa ancora in Libia, Afghanistan e Somalia. A quanto pare, l’oligarchia militar-industriale degli Stati Uniti non ricorda il Vietnam e la fuga patetica delle forze di occupazione degli Stati Uniti e dei loro collaborazionisti durante la caduta di Saigon, il 30 aprile 1975… Se Hillary Clinton diventa presidente degli USA, è prevedibile l’aumento parossistico delle tensioni. La Siria e i suoi alleati vi si preparano. “Il fischio del vento non fa tremare la montagna“, come dicono gli amici cinesi. Un segnale forte: la Cina ha firmato accordi di cooperazione con le Forze Armate siriane. In primo luogo, per contribuire ad addestrarlo ed equipaggiarlo, data urgenza e necessità schiacciante in campo medico e nelle cure specialistiche per decine di migliaia di feriti, disabili e traumatizzati. La nostra propaganda mediatica lo nega fino al ridicolo (“…l’esercito pro-Assad...”) (7)
ii) Fine del fanatismo neocoloniale
Al di fuori dei loro Paesi, gli occidentali si credono esenti dalle norme del diritto internazionale (anche embrionali), della giustizia e dell’etica. Tale culto dell’irresponsabilità e della ferocia ben intenzionata trova inesorabilmente i suoi limiti. Anche se attualmente la nomenklatura occidentale, costretta dall'”habitus” razzista, non accetta l’ovvio. Il Medio Oriente ha visto che Paesi come la Cina hanno sofferto per decenni: un clima di guerra civile mantenuta artificialmente dalle “grandi potenze” del momento, con i loro “signori della guerra”, le loro milizie e i loro trafficanti di armi corrotti ed assetati di sangue. Ognuno strumentalizzava il suo burattino, inseguendo alleanze vacue forgiate tra inganni opportunistici. Ma prima o poi i predatori occidentali lasceranno la regione. E ritorneranno solo a un “rapporto tra pari”.
iii) Rinascimento annunciato
Oltre alle lerce satrapie del Golfo Persico, seguendo l’esempio degli altri Paesi del Medio Oriente, più di altri certamente la Siria è rovinata. Come la Cina lo era nel 1949, dopo un secolo di caos gestito dall’occidente, quando finalmente realizzò l’unione e divenne una repubblica indipendente. Come lo fu il Vietnam dopo 30 anni di lotte anticoloniali. Magnifico esempio di resistenza, la Siria si pone nella regione, al di là della battaglia di Aleppo, a Stalingrado che spezza la voracità predatoria occidentale. Dalle ceneri risorgerà ancora più forte e più bella di prima. Il suo popolo, in tutte le componenti etniche e religiose, si è unito intorno al presidente e alla moglie, più popolari che mai incarnando il coraggio incrollabile e la sicura dignità della nazione siriana.251038-asma-al-assad-rose-in-the-desert1. Cfr Sun Tzu, “L’arte della guerra“, prefazione e introduzione a cura di Samuel Griffith, Flammarion, Collection Champs-essais, Il numero romano si applica al capitolo, al paragrafo le cifre, e fine il numero di pagina.
2. Georges Stanechy, Siria: panico tra gli assassini della NATO, 12 ottobre 2015
3. Esempio: Siria: l’EAS assalta due fabbriche nella zona industriale Aleppo, 12 luglio 2016 YouTube
4. Gli Stati Uniti temono il nuovo aereo russo Tu-214R in Siria, 18 febbraio 2016
5. Georges Stanechy, Califfo?… Io, l’arcivescovo!, 30 settembre 2014
6. Lise Loume, Cos’è il Captagon, farmaco jihadista?, Scienza e Futuro – Salute 17 novembre 2015
7. Siria: la Cina addestrerà l’Esercito pro-Assad, Le Figaro, 25 agosto 2016WO-AT861_SYRIA_P_20140925181359

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Visegrad deve unirsi contro le ambizioni della Merkel

Sawako Uchida e Lee Jay Walker, Modern Tokyo Times, 27 agosto 2016Visegrad Group (V4) member nations' prime ministers cut a cake during an extraordinary Visegrad Group summit in PragueIl Gruppo di Visegrad (V4) che consiste nelle Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia e Slovacchia, deve opporsi alla diluizione dell’Europa tramite le politiche di immigrazione di massa della cancelliera Merkel. In effetti, la Germania della Merkel è intenta a cercare di costringere le nazioni ad accettare le fallimentari politiche di grande immigrazione. Ironia della sorte, la stessa leader, finché la Francia non intervenne, si era ugualmente ostinava a punire la Grecia per sottometterla, ma le élite politiche di Parigi si opposero. Pertanto, il V4 non deve piegarsi alle trame politiche dei leader della Germania. Dopo tutto, le questioni relative alla sovranità nell’Unione europea (UE) non vanno schiacciate, in caso contrario, le altre nazioni potrebbero seguire l’esempio del Regno Unito. E’ anche essenziale per il V4 rafforzasi facendo aderire Austria, Bulgaria, Croazia, Romania, Slovenia, e altre nazioni nello spazio geopolitico di questo importante raggruppamento. In altre parole, il modo migliore per preservare l’Unione europea e l’identità di questo continente è opporsi ai capricci di leader come Merkel. In caso contrario, le conseguenze saranno estremamente gravi, perché attualmente nazioni come Belgio, Francia e Germania hanno gravi questioni interne. Ciò vale in particolare per crimini, crescenti divisioni sociali, avanzata del sunnismo, terrorismo, immigrazione di massa (spesso trascurando i più vulnerabili, per esempio alawiti, cristiani del Medio Oriente, rifugiati provenienti da Repubblica Democratica del Congo e Sud Sudan, e minoranze come gli yazidi), e altre aspetti importanti. Merkel avrà un incontro informale con il V4 a Bratislava il prossimo mese, quindi spetta ai leader di queste nazioni dare una risposta unitaria ai diktat della leader della Germania. In altre parole, come Viktor Orban dice: “L’UE ha perso la capacità di adattarsi e non abbiamo una risposta giusta a migrazione e terrorismo“. L’enorme divario tra Merkel, che considera i diritti dei non-tedeschi al di sopra di quelli dei tedeschi, preoccupati dal corso degli eventi, è in netto contrasto con le nazioni dell’Europa centrale. Bohuslav Sobotka, Primo Ministro della Repubblica Ceca, ha detto in modo inequivocabile che lo Stato-nazione “non può approvare un sistema che prevede quote obbligatorie di profughi da distribuire“. Sorprendentemente, anche quando il terrorismo e altre realtà negative hanno colpito la Germania, è apparso chiaro che Merkel cerchi ancora la diluizione dell’Europa. Naturalmente, nel suo mondo, i diktat delle quote che violano la sovranità e l’immigrazione di massa sembrano non riguardarla. In altre parole, si rifiuta ancora di riconoscere i motivi per cui il Regno Unito ha deciso di lasciare l’UE. Allo stesso modo, se le quote economiche, politiche e d’immigrazione appaiono dei diktat al V4, ed altri Paesi come l’Austria, che si allontanano dalla politica di Merkel, altre nazioni cercheranno di lasciare l’UE.
Modern Tokyo Times, in un altro articolo aveva detto, “I recenti attentati sunniti a Bruxelles, Monaco, Nizza e Parigi, insieme ai tanti assalti sessuali di massa contro le donne durante le feste, evidenziano che qualcosa è seriamente sbagliato. Tali convulsioni in ultima analisi hanno spinto il Regno Unito ad uscire dall’Unione europea, perché decenni d’immigrazione infinita alienano molti. Altrettanto importanti, diktat e perdita di sovranità dall’Unione europea hanno diviso i cittadini inglesi, perché sembrava che l’esperimento sociale non badasse alle comunità indigene. Naturalmente, altri fattori eraono importanti, ma se le dichiarazioni politiche di Visegrad e nel Regno Unito venivano considerate, e se Merkel veniva contenuta, era più che probabile che gli inglesi sarebbero rimasti. Pertanto, il V4 è necessario più che mai e ciò vale per l’espansione verso altre nazioni regionali, tra cui l’Austria è prioritaria“. Witold Wszczykowski, ministro degli Esteri della Polonia, ha detto, “Credo che accoglimento di rifugiati e migranti dovrebbe essere decisa da sicurezza, mercato del lavoro e politica sociale del Paese specifico”. Il V4 ha rilasciato una dichiarazione in relazione alle convulsioni interne attuali che colpiscono l’Europa. Sorprendentemente, la dichiarazione del V4 ricorda il motivo per cui l’UE fu creata. Tale gruppo importante, ha detto, “Invece di infiniti dibattiti teorici su “più Europa” o “meno Europa”, dobbiamo concentrarci sull'”Europa migliore”. L’Unione dovrebbe concentrarsi sul riavvio pratico delle convergenze. Dobbiamo quindi assicurarci che l’Unione utilizzi gli strumenti chiave a tal fine: coesione, stimolare gli investimenti, sostenere l’innovazione, completare il mercato unico del digitale e dell’energia, promuovere il libero scambio e la libera circolazione, e rafforzare il mercato del lavoro creando maggiori posti di lavoro permanenti“.
E’ tempo di contenere la Merkel nell’UE, e lo stesso vale per le sue politiche in Germania, che ne alterano le dinamiche, perché troppe gravi incertezze vengono introdotte dalle sue politiche stravaganti e dittatoriali. In particolare, quando gli attentati terroristici hanno colpito la Germania Merkel adottava ha un profilo molto basso sfruttando le vacanze. Nel complesso, si spera che iò V4 resti forte e si rafforzi con l’adesione di altre nazioni della regione. In caso contrario, l’UE sarà messa in pericolo da élite come la Merkel, che credono di essere al di sopra dei cittadini comuni.

Il primo ministro slovacco Robert Fico e la cancelliera Angela Merkel

Il primo ministro slovacco Robert Fico e la cancelliera Angela Merkel

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Sulle tracce di Trebitsch-Lincoln, triplo agente

Bernard Wasserstein, NY Times 8 maggio 1988
Bernard Wasserstein insegna storia alla Brandeis University, è l’autore di The Secret Lives of Trebitsch Lincoln.

Trebitsch-Lincoln, il 10 ottobre 1919

Trebitsch-Lincoln, il 10 ottobre 1919

Non posso dire quando ho sentito parlare di Trebitsch-Lincoln. Era uno di quei tipi, noti ai loro tempi, che affondarono rapidamente nel dimenticatoio dopo la loro morte, e a volte appaiono brevemente nelle note storiche. Credo che il profilo della bizzarra storia di Trebitsch-Lincoln mi fu raccontato alcuni anni prima a Gerusalemme dal direttore dell’Encyclopedia Judaica, Geoffrey Wigoder, la cui conoscenza enciclopedica di tali sentieri storici è senza pari. Da lui sentì, con incredulità, della nascita nel 1879 di Ignácz Timoteo Trebitsch in una piccola città di provincia dell’Ungheria, delle sue conversioni dal giudaismo a varie sette del cristianesimo e poi al buddismo, dei suoi vagabondaggi dall’Ungheria alla Cina, dell’adozione del nome Lincoln (il primo di più di una dozzina di nomi di battaglia), della sua elezione alla Camera dei Comuni inglese e della sua attività di spia tedesca in entrambe le guerre mondiali. Ma, nonostante la natura fantastica del racconto, poco ne rimase nella mia memoria se non il vago ricordo di un uomo in qualche modo coinvolto in qualcosa di scandaloso (…)
MPUn tardo pomeriggio dell’agosto 1984 rimasi imprigionato nella Bodleian Library dell’Università di Oxford per le forti piogge, un evento non insolito a Oxford ad agosto. Non avendo nulla da fare, ed essendo troppo tardi per ordinare altri libri, navigai tra i testi estremamente noiosi che il bibliotecario della Bodley metteva a disposizione sullo scaffale aperto. L’occhio mi cadde sui circa cento volumi rossi e verdi dell”’Indice della corrispondenza generale del Ministero degli Esteri”, letteratura, in ogni caso, adatta per uno storico in un pomeriggio piovoso. Per dei meccanismi psicologici che non mi sono ancora chiari, decisi di cercare il nome Trebitsch-Lincoln. Iniziai a leggere in attesa che la tempesta passasse. Questo più di tre anni fa, e la tempesta non è ancora passata. Cercando a caso m’imbattei nelle voci su Trebitsch quasi ogni anno, tra il 1921 e il 1938. Queste erano spesso di natura piccante, ed allettanti per la loro brevità. Così la voce 1923: “LINCOLN, Trebitsch (alias Patrick Keelan) attività connesse con la deputazione cinese del generale Ludendorff nelle relazioni sino-tedesche”, o del 1924 ‘‘LINCOLN, Trebitsch (alias Trautwein) vende presunti falsi piani militari tedeschi alle autorità francesi”. Quando passai ai volumi sugli anni ’30, l’arena delle attività sembrò cambiare. 1931: “divenuto prete buddista“. 1937 “attività di propaganda giapponese”. 1938 “attività in Tibet”. Alle 19:00 la biblioteca chiudeva e fui cacciato sotto la pioggia. In bicicletta riflettei sul significato dei frequenti cambiamenti di nome, spostandosi apparentemente dall’Europa all’Estremo Oriente e sull’appariscente combinazione di intrighi religiosi e politici. Mentre ci pensavo in quel fine settimana, mi sembrò opportuno ritenere l’uomo un colorito ma secondario truffatore e avventuriero. Ma la settimana dopo, trovandomi nel Public Record Office (l’archivio nazionale inglese) di Kew, decisi di controllare i dossier del Foreign Office per scoprire se le voci sensazionali dell’indice fossero riflesse nei documenti del governo. La lunga esperienza con tali materiali (molti dei quali triturati dalle “mondine” del governo, la cui capacità distruttiva avrebbe fatto vergognare anche il Tenente-Colonnello Oliver North) mi insegnò ad essere molto scettico sul trovare qualcosa. Con mio grande stupore scoprì che le voci dell’Indice erano la punta dell’iceberg enorme della documentazione governativa inglese su Trebitsch-Lincoln, risalente al 1906. Il contenuto, tuttavia, non placò la mia curiosità. Se non altro, aumentò la mia perplessità, aprendo una finestra in un mondo su attività cospirative esotiche e contorte, tanto che sembrava impossibile distinguere la verità da voci, propaganda o guerra psicologica.
Tornai ad Oxford più perplesso che mai, perplesso sul motivo per cui molti governi s’interessarono a costui per più di tre decenni, chiedendomi se davvero valesse la pena perdere tempo per scoprirne qualcosa. Decisi di bandire Trebitsch-Lincoln dalla mia mente fin quando una seconda scoperta casuale mi sprofondò nei suoi affari. Ancora una volta accadde alla Bodleian Library, dove ero tornato con l’intenzione di dedicarmi alle miei vocazioni scientifiche più convenzionali. Passando un giorno nella sala di lettura del Duca Humphrey, il cuore della biblioteca, mi capitò di ricordare di aver letto da qualche parte che la Bodleian aveva appena acquisito l’archivio di qualche società missionaria; Trebitsch, mi ricordai, fu brevemente missionario in Canada al volgere del secolo. Feci delle indagini e finì dritto verso l’orribilmente brutto edificio della Nuova Bodleian, dove erano conservate moderne carte storiche. Fu un gran colpo lungo. Dopo tutto, centinaia di società missionarie erano esistite e sembrava improbabile, per non dire altro, che qualsiasi documentazione su un missionario oscuro che operò per breve tempo a Montreal, nel 1900, dovesse spuntare ad Oxford otto decenni più tardi. Trovai che i documenti della Società di Londra per la promozione del cristianesimo tra gli ebrei erano da poco stati depositati nella Nuova Bodleian ed erano disponibili ai lettori. La società aveva mantenuto una sezione canadese, di cui alcuni fasci di carte erano ancora esistenti. Con mio grande stupore scoprì che includevano un resoconto dettagliato ed estremamente circostanziato della breve carriera nella società del “reverendo IT Trebitsch”. Questi documenti contemporanei davano un quadro vivido dei suoi wrestling spirituali, nonché di alcune prime irregolarità finanziarie della sua vita. Per la prima volta capì che avevo cominciato a penetrare la cortina rocciosa e magniloquente dietro cui Trebitsch, nella sua successiva carriera di spia, nascose il suo vero sé. È vero, tali carte da sole non sono davano la chiave del mistero della sua personalità. Ma mi convinsero che vi era un problema di psicologia storica utile da dipanare. Ciò che in un primo momento era curiosità divenne vero e proprio interesse; e alla fine, devo confessare, ebbi un’ossessione virtuale nel strappare via il velo che avvolgeva la verità su Trebitsch.
md19115127774Nel successivo anno passai da storico a detective, spulciando archivi, affliggendo bibliotecari e facendo domande in più di una dozzina di Paesi. Potei convincere le recalcitranti autorità ungheresi a mettermi a disposizione i dati della polizia di Budapest che rivelarono la precoce carriera di Trebitsch quale criminale minorile. Utilizzando le misere disposizioni del Freedom of Information Act, ottenni centinaia di fotocopie dei fascicoli di FBI, CIA e altre agenzie di intelligence statunitensi. Una scappatoia alle leggi inglesi molto più severe che disciplinano l’accesso ai documenti ufficiali, mi permise di vedere i dossier chiusi del Ministero degli Interni (tra cui certe carte di Scotland Yard e MI5) riguardanti Trebitsch. Così potei costruire un quadro autentico e verificabile della sua vita, sicuramente la più straordinaria vita nella storia dello spionaggio moderno. Ma un aspetto fondamentale continuava a sfuggirmi. A parte un paio di frammenti raccolti dagli archivi dell’Accademia drammatica di Budapest, possedevo poche informazioni attendibili sulla giovinezza di Trebitsch. Come potevo spiegare il suo successivo sviluppo senza un qualche esame delle influenze formative sul personaggio, dalla famiglia e dall’ambiente primitivo? Per un certo periodo ignorai tali problemi, confortandomi con l’ariosa licenza di Evelyn Waugh (nella sua autobiografia, ”A Little Learning”) sulla nozione comune che gli eventi della prima infanzia determinano la vita adulta. Sarebbe davvero utile, dopo tutto, sapere se Freud sapesse andare in bagno a un anno, se Einstein fosse lunatico a 2 anni, o che il piccolo Niccolò Machiavelli manipolasse senza scrupoli i suoi compagni di gioco a 3 anni? Anche se tali informazioni fossero disponibili, sarebbe un rischioso approccio che cadrebbe nella trappola del senno del poi, dando un falso significato ad eventi banali solo per via di una connessione superficiale coi caratteri da adulto? Tuttavia, tale lacuna mi dava fastidio e persi tempo a colmarla. Accadde che corrispondessi per qualche tempo con John Greppin, un esperto di linguistica armeno che insegna alla Cleveland State University in Ohio. Il tema della nostra corrispondenza era l’etnografia degli zingari palestinesi. Nell’ottobre 1984, quando ebbi un’assegnazione temporanea a Gerusalemme, scrissi a Greppin per fornirgli qualche informazione banale sugli zingari locali. Nel frattempo, scoprì che un fratello di Trebitsch-Lincoln era emigrato intorno al 1910 dall’Ungheria negli Stati Uniti e si era stabilito a Cleveland, dove fondò un giornale socialista ungherese. Altro non sapevo, ma pensai che valesse la pena chiedere a Greppin se non fosse possibile rintracciare eventuali discendenti di quest’uomo che potessero ancora vivere a Cleveland. Cosa Greppin (che non ho mai incontrato) fece con tale strana richiesta non lo so. Ma evidentemente era una persona tollerante dalle rare risorse. Per giro di posta seppi che a Cleveland infatti viveva una donna, di 80 anni, nipote di Trebitsch-Lincoln. Non solo rispose alle mie tante domande, ma anche molto generosamente mi diede la copia di un manoscritto su suo padre, suo zio e la famiglia Trebitsch che scrisse quando era studentessa al college negli anni ’20. Un po’ più tardi una coincidenza non meno miracolosa mi aiutò ulteriormente. Una sera, in un concerto al Teatro di Gerusalemme, incontrai la mia vecchia amica Elizabeth Eppler, un’autorità sulla storia degli ebrei d’Ungheria, da poco stabilitasi a Gerusalemme. Quando le dissi che stavo scrivendo un libro su Trebitsch-Lincoln, rispose pescando dalla borsetta l’indirizzo di un altro suo nipote, di ’90 anni, la cui figlia, mi disse, era stata una delle sue più grandi amiche. Disse anche che viveva a Londra un’altrettanto venerabile nipote di Trebitsch. Quando tornai nel Regno Unito poco dopo, ebbi il piacere d’incontrare queste persone. Entrambe ricordavano lo zio con notevole precisione e chiarezza. Dato che l’avevano conosciuto bene (e nel caso della nipote aveva anche lavorato con lui durante la breve carriera di promotore di una compagnia petrolifera rumena), la loro testimonianza fu preziosa. Inoltre, grazie a loro fui presentato alla nipote di Trebitsch che, durante il pranzo nel suggestivo ristorante che lei e suo marito dirigono a Greenwich, mi diedero le informazioni più cruciali.
BuddhistCombinando le nuove prove datemi dai parenti di Trebitsch con quello che già sapevo da altre fonti, potei tentare di tracciare almeno i contorni di un resoconto dell’infanzia e dell’adolescenza, e delle sue prime esperienze nell’odissea ribelle da adulto. La mia ricerca su Trebitsch Lincoln mi portò ancora più lontano dalla mia solita strada. Non mi aspettavo, quando vedi per la prima volta il nome di Trebitsch nella Bodleian Library, che un anno dopo sarei finito sommerso dai registri della Special Branch della Polizia Municipale di Shanghai, per non parlare che tali documenti avrebbero completato l’insieme fondamentale degli indizi che mi permisero finalmente di svelare il mistero di Trebitsch-Lincoln. Scoprii esattamente come passò da una vita di studente bohemien a Budapest a una missione presbiteriana a Montreal; come fu eletto deputato liberale nel Parlamento inglese a Darlington; come le sue speculazioni sul petrolio rumeno furono un disastro; come defraudò i suoi benefattori inglesi e divenne un agente doppio (o meglio triplo) durante la prima guerra mondiale; come fuggì negli Stati Uniti, dove fu arrestato e come evase dal carcere di Brooklyn, sconcertando ed esasperando la polizia eludendo la cattura, come sfacciatamente insultò e sfidò i suoi aspiranti carcerieri dalla stampa di New York; come tornò in Europa, dove apparve quale membro del governo golpista di destra del tedesco Wolfgang Kapp, nel 1920; come incontrò il giovane Hitler, che si era precipitato da Monaco di Baviera per partecipare al putsch; come, dopo il crollo del colpo di Stato, riunì reazionari tedeschi, ungheresi e russi per formare l”’internazionale bianca”, un equivalente di destra della Terza Internazionale di Lenin dedita alla causa rivoluzionaria nel mondo; come poi tradì i suoi complici cospiratori fuggendo in Cina, dove fu nominato abate di un monastero buddista, sprofondando tra gli intrighi politici in Tibet e Cina del nord; e come, infine, nell’ultima e più straordinaria fase della sua vita, riemerse dalla penombra inquietante della guerra, questa volta nella Shanghai occupata dai Giapponesi, nel vecchio ruolo di agente segreto dei nazisti e dei giapponesi. Al di là della storia picaresca di un uomo che poteva confondere David Lloyd George, J. Edgar Hoover e Heinrich Himmler, cercai di raggiungerne una piena comprensione. Il nucleo del mistero mi sembrava l’enigma della vita interiore di Trebitsch. A chi, se c’era, andava la sua lealtà? Chi fu davvero? Con quale coscienza continuò a lavorare per l’Asse mentre il figlio veniva torturato dai giapponesi a Java e il fratello assassinato ad Auschwitz? Sulla base delle mie tante fonti ho potuto ricostruire questa dimensione nascosta della personalità per spiegarne l’illusione messianica che alla fine l’inghiottì.
La parte finale della vita di Trebitsch-Lincoln fu dominata da un grave psicosi maniaco-depressiva che produsse fasi di tristezza, pessimismo e paranoia che si alternarono da una parte con onnipotenza, superiorità, euforia, esaltazione gregaria dall’altra. Il ciclo di stati d’animo si tradusse in periodi di ritiro monacale e di disperazione, seguiti da fasi maniacali di iperattività, pretese profetiche e follie compulsive da grandeur politica. La sindrome maniaco-depressiva messianica è la chiave per spiegare la vita di Trebitsch-Lincoln, ed in particolare del legame tra la sua visione interna del mondo e la realtà. Ma non può essere semplicemente liquidato come un pazzo. Al contrario, la cosa notevole di lui, e commento più eloquente sul mondo in cui viveva, è che poté operare su un piano di razionalità apparente durante la carriera di truffatore. In caso contrario, come poté essere eletto al Parlamento inglese? Come poté essere nominato membro del governo tedesco? Come poterono i vertici della gerarchia buddista della Cina accettarlo tra loro con affetto e orgoglio? Durante la seconda guerra mondiale, anche il massimo agente della Gestapo in Estremo Oriente, il Colonnello delle SS Joseph Meisinger (un nazista convinto che fu giustiziato nel 1947 per crimini di guerra e che si vantava di non fidarsi di nessuno, ”A volte ho anche dubbi su di me!”), accettò le pretese fantastiche di Trebitsch con una credulità ingenua. Meisinger raccomandò l’assunzione di Trebitsch nella sua rete di agenti e fu coinvolto in una polemica sulla questione coi vertici dell’apparato della sicurezza nazista a Berlino. Lungi dall’essere uno svantaggio, la specifica forma di follia di Trebitsch lo fece andare avanti nel mondo dei grandi dittatori, un mondo in cui la follia aveva un ascendente su grandi porzioni di umanità. Trebitsch-Lincoln morì a Shanghai nell’ottobre 1943. Tuttavia, anche nella morte, conservò la capacità di stupire, e suppongo sia possibile possa ancora uscire dalla tomba nel cimitero municipale di Shanghai, sotto forma di cassetta con carte postume, che contraddicano tutto ciò che ho scoperto su di lui. Fermo restando una vaga possibilità, capì, alla fine delle mie ricerche, che le mie indagini d’archivio e la mia caccia spietata ai testimoni, insieme ad alcuni eccezionali colpi di fortuna, avevano reso accessibile l’approccio alla vera storia di un falso messia.

Trebitsch-Lincoln a Belrino nel 1932

Trebitsch-Lincoln a Berlino nel 1932

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Come il mitragliere Hitler eliminò cento nazisti

Il soldato dell’Armata Rossa Semjon Kostantinovic Hitler fu premiato con la medaglia “Per il coraggio”
Alessandro Lattanzio, 28/8/2016

Semjon Konstantinovich Hitler

Semjon Konstantinovich Hitler

Il 9 settembre 1941 il comandante dell’Armata Costiera Tenente-Generale Safronov firmò il foglio per l’assegnazione della medaglia “per il coraggio” dell’Armata Rossa, a nome di Hitler. Nell’elenco fu presentata la ragione della gratifica: “Da mitragliare, forniva tiro di supporto al suo plotone. Una volta nella zona, dopo essere stato ferito, il compagno Hitler ha sparato fin quando hanno ha consumato le munizioni, dopo di che rientrava con l’arma, dopo aver distrutto più di un centinaio di soldati della Wehrmacht“.medaliSemjon Kostantinovich Hitler era nato nel 1922 nella città di Orinin nella regione di Kamenetz-Podolsk (ora Khmelnjtskij). Orinin era a 18 km di distanza dal noto centro della comunità ebraica di Kamenetz-Podolsk, dove gli ebrei costituivano la metà della popolazione. Gli ebrei furono accusati di spionaggio ed espulsi dalla regione durante la Prima Guerra Mondiale. L’8 novembre 1917 fu proclamato il potere sovietico a Kamenetz-Podolsk, ma il 27 dicembre arrivò la 12.ma Divisione fucilieri ucraina imponendo l’autorità di Kiev. Gli ebrei tornarono nei primi mesi del 1919 con i bolscevichi. Nel giugno 1919, la 3.za divisione della Repubblica popolare ucraina (UPR) assaltò Kamenetz-Podolsk e per tre giorni la città fu teatro di esecuzioni di bolscevichi e pogrom di ebrei. Nel novembre 1920, Kamenetz infine fu liberata dall’Armata Rossa, tra cui vi era l’unità di autodifesa di Orinin. Nel 1925 vi fu creata l’azienda agricola collettiva ebraica “Nuova Via”, prototipo dei kibbutz israeliani, e Orinin divenne il centro del Consiglio ebraico nazionale. Kolmen Hitler, ex-sarto, era presidente dell’associazione e delle cooperative di sartoria, calzolai e del mulino. Ed era anche il padre di Semjon. Alla fine del 1920, la sinagoga di Orinin fu chiusa e le attività delle organizzazioni sioniste cessarono nel villaggio. Nel 1935 gli ebrei costituivano la maggior parte della cooperativa agricola “Bandiera del Comunismo”. Dopo l’occupazione della Wehrmacht, ad Orinin fu creato il ghetto dove il 21 giugno 1942 furono uccisi 1700 ebrei, e altri 300, professionisti, deportati a Kamenetz-Podolsk, dove furono massacrati entro la fine dell’anno. A Kamenetz-Podolsk, dal 27 al 29 agosto 1941, furono uccisi 23000 ebrei. Il pogrom peggiore dopo quello del settembre 1941 a Kiev, quando 34000 ebrei furono uccisi in due giorni. Nella regione di Kamenetz-Podolsk furono assassinati 85000 ebrei in totale. La famiglia ebraica Hitler viveva nella cittadina da tempo immemorabile, e solo dopo la liberazione della regione dai tedeschi, miracolosamente sopravvissuti, i superstiti cambiarono immediatamente nome da Hitler a Gitlevij. Ora tutti i Gitlevij di Orinin vivono in Israele, ma nella loro famiglia vive la leggenda che, durante l’occupazione, il gauleiter locale non ebbe il coraggio di uccidere gli ebrei che portavano il nome del Führer.
1417501089_image009Dopo essere stato arruolato dall’ufficio militare dell’Armata Rossa di Orinin, nel novembre 1940, Hitler frequentò la scuola mitraglieri del Distretto Militare di Odessa, concludendola solo un mese prima dell’inizio della guerra, e fu inviato nell’area fortificata di Tiraspol. Il servizio era molto complesso, la squadra standard includeva mitragliatrici pesanti e mitragliatrici leggere, un graduato e sei soldati: l’osservatore-telemetrista, mitragliere tiratore, assistente mitragliere, due addetti alla slitta e alle munizioni. Ogni mitragliere doveva saper svolgere i compiti di qualsiasi soldato della squadra, nel caso dovesse sostituirlo nei combattimenti, compreso il caposquadra. Hitler era di stanza sul fianco sinistro della regione fortificata sul confine occidentale sovietico, lunga 150 km per 4-6 km di profondità. Per la maggior parte si basava su barriere naturali come la valle paludosa dei fiumi Dnestr e Turunchuk. In queste aree la profondità della zona fortificata era di 1-3 km. Nella zona fortificata, nel giugno 1941, vi erano 284 edifici, 22 postazioni di artiglieria e 262 postazioni mitragliatrici, e allo scoppio della guerra, vi erano 664 mitragliatrici. In una delle 262 postazioni per mitragliatrici, situata a quota 176,5, la difesa era compito del soldato dell’Armata Rossa Semjon Kostantinovic Hitler. Successivamente, il soldato dell’Armata Rossa Hitler partecipò alla difesa di Odessa. Infatti dopo l’aggressione nazista e dopo pesanti combattimenti, le forze sovietiche si ritirarono verso Odessa. Il 5 agosto 1941 fu ordinato di difendere la città fino alla fine, respingendo i tentativi della 4.ta Armata dell’esercito rumeno verso Odessa e il 21 settembre le truppe sovietiche fermarono il nemico a 8-15 km dalla città. Ma a causa della minaccia di una manovra avvolgente del Gruppo “Sud” dell’esercito tedesco verso Donbas e la Crimea, fu deciso di evacuare via mare le truppe da Odessa verso la Crimea, compito completato dalla Flotta del Mar Nero il 16 ottobre 1941.hitler2Il 9 settembre 1941, il comandante dell’Armata Costiera dell’Armata Rossa, Tenente-Generale Georgij Pavlovich Safronov, firmò l’assegnazione della medaglia “per il coraggio” al soldato dell’Armata Rossa Hitler. Safronov, uno dei migliori generali sovietici della guerra, guidò l’evacuazione da Odessa. Dopo un infarto, non svolse più compiti di comando.

Tenente-Generale Georgij Pavlovich Sofronov

Tenente-Generale Georgij Pavlovich Safronov

Scheda della premiazione
Cognome, nome e patronimico: Hitler Semjon Kostantinovich.
Grado: soldato dell’Armata Rossa
Posizione: tiratore mitragliere del 73.mo OPB Tiraspol SD
Dati e servizio del destinatario dell’assegnazione:
1. Anno di nascita: 1922
2. Nazionalità: Ebraica
3. Servizio nell’Armata Rossa dal: 1940
4. Militanza: Komsomol
5. Partecipazione nei combattimenti (dove e quando): fortificazione di Tiraspol, giugno
6. Ferite e contusioni:
7. Precedente assegnazione:
I. Sintesi specifica, eroismo al combattimento o merito personale:
Con la sua arma, il compagno mitragliere Hitler in 8 giorni ha continuamente e con tiro preciso distrutto un centinaio di nemici. Nella postazione di quota 174,5 il compagno Hitler aveva aperto il fuoco con la mitragliatrice in supporto all’offensiva del plotone, ma il nemico essendo venuto da tergo circondò e disperse il plotone, il compagno Hitler, con la sua arma già ferito rimase solo tra i i nemici, ma mantenne il controllo e sparò fin quando non esaurì tutte le munizioni, e quindi per 10 km passò carponi tra il nemico…

II. Decisione
Il compagno mitragliere Hitler SK ha mostrato eccezionali doti di compostezza, resistenza e coraggio in battaglia, distruggendo il nemico. Il compagno Hitler è un ben preparato, serio e ostico combattente. Il compagno Hitler è degno dell’assegnazione della medaglia “Per il coraggio”.

Il comandante (in capo)
19 agosto 1941

III. Decisione del Consiglio militare dell’Esercito
Degno dell’assegnazione della medaglia “per il coraggio”

Il comandante dell’Armata Costiera Tenente-Generale Safronov
Commissario del consiglio militare, Commissario di Brigata Kuznetsov
9 settembre 1941hitler9Nei giorni successivi, in città giunsero decine di migliaia di soldati sovietici che difendevano la penisola di Khersoneso. Senza cibo, acqua e munizioni non poterono opporre una resistenza organizzata, mentre il comando dell’esercito e il comando della Difesa della zona di Sebastopoli (498 effettivi) lasciarono la penisola il 30 giugno. Il Viceammiraglio Filip Sergeevich Oktjabrskij inviò un telegramma: “Il nemico si precipita da nord verso il porto. I combattimenti sono divenuti scontri urbani. Le truppe rimanenti sono stanche e si ritirano, anche se la maggior parte continua a combattere eroicamente. Il nemico ha nettamente aumentato la pressione con aerei e carri armati. Data la forte riduzione della potenza di fuoco, è necessario considerare che in tale situazione si possa resistere per massimo 2-3 giorni. Sulla base di tale particolare situazione, vi chiedo d’inviare la notte del 30 giugno – 1 luglio 200-250 aerei per recuperare ufficiali responsabili e comandanti verso il Caucaso così, se possibile, lasciare Sebastopoli lasciandovi il Generale Petrov“. Il comando di Sebastopoli, il Generale Petrov e l’Ammiraglio Oktjabrskij, incaricarono invece della difesa il comandante della 109.ma Divisione di fanteria, Generale P. G. Novikov, scelto perché di nazionalità tartara crimeana. Il Generale Novikov ebbe l’ordine di “combattere fino all’ultimo, e poi… raggiungere in montagna i partigiani!” Il Viceammiraglio Oktjabrskij spiegò: “Compagni, la situazione era difficile allora. Sebastopoli fu bloccata via terra, aria e mare. Alla fine di giugno, con l’aiuto dell’aeronautica, il blocco era al culmine. Neanche i sommergibili riuscivano a raggiungere Sebastopoli, e per le navi di superficie non era neanche il caso di parlarne. In tali circostanze, la questione fu sollevata. Con l’evacuazione dell’esercito, sarebbero andati persi Esercito e Marina, contava di più minimizzare le perdite nei combattimenti. In ultima analisi, l’esercito fu perso, ma la flotta fu salvata”.

Viceammiraglio Filip Sergeevich Oktjabrskij

Viceammiraglio Filip Sergeevich Oktjabrskij

Il 1° luglio Sebastopoli cadde. Ma il bombardamento del Khersoneso continuò per tre giorni. Semjon Kostantinovich Hitler morì il 3 luglio 1942. Il giorno dopo, tutti i soldati sovietici nel resto della penisola, si arresero. Solo dell’Armata Costiera erano 30 mila.

hitler7

Fonti:
Foto History
VA-SK
Voennoe Delo

L’Invasione turca della Siria dimostra che Erdogan non è amico della Russia

Russia e Turchia: fine del riavvicinamento?
Alexander Mercouris, The Duran 26/8/2016

L’incursione turca in Siria non rovina il recente riavvicinamento russo-turco perché era solo un riavvicinamento limitato, non un riallineamento. Nel frattempo la Russia lavora sodo per conciliare il governo siriano coi curdi.

putin-erdogan-meeting-in-st-petersburg-1470746183-5833L’incursione turca in Siria e la cattura di Jarablus sono state interpretate da alcuni per definere il riavvicinamento russo – turco una farsa. Secondo questo punto di vista, Erdogan, dopo aver ottenuto concessioni da Putin al vertice di San Pietroburgo, non ha perso tempo a far cadere la maschera, ancora una volta, tradendo l'”amico” russo invadendo la Siria. A mio parere ciò è il prodotto delle alte aspettative di molti sul riavvicinamento russo-turco. Come ho detto in molte occasioni, era un riavvicinamento non un riallineamento. La Turchia sarebbe stata arrabbiata con gli Stati Uniti per il colpo di Stato, fatto reso chiaro dalla decisione di Erdogan d’inviare solo il vicesindaco di Ankara ad accogliere il vicepresidente Biden all’arrivo ad Ankara, ma non ha cessato di essere alleata di Stati Uniti e NATO. Né vi è alcun motivo di pensare che i russi ritengano l’incursione turca in Siria un “tradimento”. Affinché ci fosse un “tradimento”, Erdogan avrebbe dovuto ingannare i russi sulle sue intenzioni in Siria. Al contrario Erdogan non ha mai, in alcun momento, detto che le sue politiche o intenzioni in Siria erano cambiate. Invece ha sempre detto, e ha continuato a dirlo fino alla vigilia del vertice di San Pietroburgo, che la sua politica in Siria è invariata. Esige ancora che il presidente Assad se ne vada e vuole ancora il cambio di regime in Siria. Ha anche detto che non considera Jabhat al-Nusra, affiliata ad al-Qaida, un’organizzazione terroristica. Vedasi la mia discussione dettagliata qui.
Ripeto: ciò che è successo a San Pietroburgo è stato rattoppare le relazioni tra Russia e Turchia, portandole più o meno a dove erano prima dell’abbattimento del Su-24 nel novembre dello scorso anno (Mercouris qui è ottimista, fin troppo NdT). Un certo numero di accordi economici furono concordati a grandi linee, ma niente mutamenti geostrategici, nulla è stato promesso o richiesto o previsto (dai russi), ed era irragionevole aspettarselo. Come spesso accade, i turchi dicono di aver informato i russi dell’intenzione di occupare Jarablus, e che i russi gli hanno dato il via libera. È plausibile. I russi sanno che per la Turchia l’istituzione di una zona autonoma controllata delle YPG curde al confine con la Siria è inaccettabile, e che agiranno con decisione per impedirlo. A meno di andare in guerra con la Turchia, la Russia non può impedirlo e non ha alcun motivo di offendere i turchi, cercando di farlo. Il punto chiave da capire dell’incursione turca è che non si tratta di aree della Siria controllate dal governo siriano. Tutta la zona è controllata da YPG o SIIL. Né questa area è fondamentale per la sopravvivenza del governo siriano. Il governo siriano dipende dalla presa su Damasco e Aleppo, sulle città centrali di Hama e Homs, sulla regione chiave di Lataqia e, infine, dalla riconquista delle città e provincia di Idlib. Se il governo siriano realizza tutto questo, allora avrà assicurata l’esistenza, obiettivo deciso dai russi quando intervennero in Siria lo scorso anno. Nel frattempo i russi senza dubbio calcolano, come fanno i siriani, che il nord-est della Siria può essere lasciato a se stesso, e che ciò che i turchi vi combineranno, lontano dai campi di battaglia chiave nelle province di Damasco, Aleppo ed Idlib, alla fine in termini militari e strategici semplicemente non importa. Anche se può sembrare spietato, è il tipo di calcolo spietato che a volte va fatto in guerra. Ciò non significa che i russi si disinteressano completamente di ciò che accade nel nord-est della Siria. Tuttavia il centro della loro preoccupazione non sarà l’incursione turca. Piuttosto è la recente rottura delle relazioni tra il governo siriano e la milizia curda YPG.
Mentre le YPG non hanno un ruolo decisivo nei combattimenti in Siria occidentale, erano un utile alleato dell’Esercito arabo siriano nei combattimenti ad Aleppo e ad est, contro lo SIIL. L’Esercito arabo siriano già gravemente sovraesteso non ha bisogno di altri nemici, e i russi vorranno evitare che le attuali tensioni tra Esercito arabo siriano e YPG degenerino in combattimenti aperti. Che ciò sia per i russi la questione chiave nel nord-est della Siria, oggi, è stato appena confermato dalla conferenza al Ministero degli Esteri russo di Maria Zakharova, l’efficace portavoce del ministero degli Esteri della Russia, “Per quanto riguarda la situazione ad Hasaqah in Siria, siamo estremamente preoccupati per l’escalation nella città tra truppe governative e milizie curde. La Russia ha adottato misure attive su diversi canali con l’obiettivo d’impedire scontri fratricidi. Sollecitiamo le parti a mostrare moderazione, saggezza, coscienza politica, responsabilità e a sviluppare la consapevolezza che tutti i patrioti hanno un solo nemico comune, i terroristi. E’ ovvio che il terrorismo sia una minaccia per tutti i siriani che condividono un unico obiettivo, salvare la Siria, in cui tutti i cittadini indipendentemente da etnia o religione vivano tranquilli“. I russi hanno agito su tali motivi (come dice Zakharova) adottando azioni positive sul terreno, cercando di mediare tregue tra governo siriano e YPG ad al-Hasaqah e ad Aleppo, finora va detto solo con risultati alterni. I russi hanno leve su entrambe le parti. Il governo siriano è ora completamente dipendente dalla Russia, mentre la Russia è l’unica potenza che continua a mostrare una certa simpatia per le richieste di autonomia delle YPG. Non più tardi di aprile, in un momento in cui i rapporti tra Russia e Turchia erano ancora pessimi, i russi chiedevano che i curdi fossero rappresentati separatamente ai colloqui di pace di Ginevra. I russi non hanno ceduto su questa posizione. Senza dubbio ricorderanno alle YPG che se vogliono un ruolo nei negoziati, e quindi un ruolo nel decidere il futuro della Siria, in una regione ostile, avranno bisogno del sostegno russo. In una situazione così gravida non è irragionevole che i russi accettino tranquillamente un’incursione turca che (come potrebbero vedere) concentra l’attenzione delle YPG, mostrando chi sono i loro veri amici e veri nemici, e perché gli Stati Uniti non possono essere invocati come alleato serio.
Il mio collega Alex Christoforou ha recentemente sottolineato come in questa regione i russi sono sempre più gli operatori per la pace, anche se gli Stati Uniti agiscono costantemente per diffondere la guerra. La mediazione russa tra governo siriano e YPG, a prescindere se abbia successo, avviene subito dopo l’incitamento degli Stati Uniti alle YPG di aggredire il governo siriano, ne è solo un altro esempio.Turkey's President Tayyip Erdogan inspects honour guard during visit to Northern Cyprus

L’Invasione turca della Siria dimostra che Erdogan non è amico della Russia
L’avanzata turca in Siria svela il riavvicinamento turco-russo quale farsa
Adam Garrie, The Duran 26/8/2016

Barack+Obama+Recep+Tayyip+Erdogan+Pesident+o8vajy4YkYLlUltimamente avvertivo che la Russia e chi supporta la giusta causa della Russia aiutando la Siria a liberarsi da fanatici assassini e terroristi, che sotto il presidente Erdogan, la Turchia non è un alleato affidabile, né coerente. Naturalmente è giusto che Russia e Turchia riducano le tensioni, ma c’è una grande differenza tra rimarginare una ferita e stipulare un’alleanza. Sembra che poche settimane dopo l’avvicinamento, la Turchia abbia tradito la Russia, violato il diritto internazionale e contribuito a destabilizzare ulteriormente la Siria. Carri armati turchi, col supporto degli aerei della forza aerea degli Stati Uniti, invadevano il territorio siriano, in particolare Jarabulus. Turchi e statunitensi giustificano tale incursione affermando che combattono lo SIIL che controllava Jarablus. La vera ragione è che i combattenti curdi erano sul punto di prendere Jarablus e la Turchia temeva l’istituzione di una roccaforte curda al confine. È interessante notare che, mentre gli Stati coinvolti in Siria non sono a favore della creazione di uno Stato curdo, gli USA erano tra i sostenitori più tenaci dei curdi, supponendo che la fedeltà agli Stati Uniti dei combattenti curdi fosse pari quella della Turchia verso la Russia. Eppure l’invasione turca è molto più di uno schiaffo alla Russia. La Turchia è ai ferri corti strategici con la Russia, combattendo per una causa contraria a quella per cui Russia e Siria combattono, svelando l’unica coerenza del regime turco: l’ipocrisia continua. Dal 24 agosto Jarabulus era rivendicata dal cosiddetto esercito libero siriano con una dichiarazione che va controllata bene. L”esercito libero siriano’ è un nome che raggruppa vari combattenti dalle molteplici e mutevoli alleanze che lottano per un unico obiettivo comune, il rovesciamento del governo legittimo della Siria. Infatti, i combattenti etichettati ‘ELS’ nel 2011 iniziarono le azioni che destabilizzarono il Paese, permettendo a SIIL, al-Qaida e gruppi simili d’infiltrarsi dalle roccaforti nel nord dell’Iraq. Una volta che lo SIIL cominciò ad occupare gran parte della Siria, l’esercito libero siriano scomparve con i suoi ex-membri che aderivano allo SIIL, a cloni come al-Nursa o semplicemente scappando. Il nome esercito libero siriano fu resuscitato quest’anno, soprattutto dai commentatori stranieri che citavano un miscuglio di combattenti disposti a prendere ordini dalla NATO in un dato momento e in un dato luogo.
Se i terroristi dello SIIL di tanto in tanto cambiano nome per adeguarsi al concetto di ‘estremisti islamici moderati’, l’ELS fa il contrario, è un non-gruppo il cui nome inoffensivo appare di tanto in tanto sulla stampa per far sembrare che le forze antigovernative estere abbiano legittimazione in Siria. In sintesi, la Turchia ha sostituito un gruppo che si fa chiamare SIIL con uno sconosciuto di occupanti che comprende ex-membri e membri dello SIIL che operano temporaneamente sotto una bandiera diversa. In alcun modo ciò è nell’interesse del popolo siriano né della stabilità politica nella regione. L’interesse della Russia è chiaro, farà ciò che è richiesto dal governo siriano lottando contro ogni forma di terrorismo. Solo i Paesi invitati dal governo ad intervenire in Siria sono conformi al diritto internazionale. Le Nazioni Unite non hanno approvato l’invasione turco-statunitense, né del resto hanno approvato gli attacchi di qualsiasi altro Paese della NATO sulla Siria. La Siria rimane uno Stato sovrano e mentre lo SIIL si pretende uno ‘Stato islamico’, nessuno al mondo lo riconosce come tale. Ironia della sorte, invadendo le parti occupate dallo SIIL di ciò che è legalmente territorio siriano, si riconosce indirettamente lo Stato islamico. Dicendo che si dichiara guerra allo ‘Stato islamico’, s’indica che si tratta di uno Stato. In realtà, l’unico Stato legittimo nella zona in questione è la Siria e, pertanto, è stata invasa. In un mondo governato da logica o giustizia, tutti i Paesi dovrebbero aderire alla lotta della Siria contro i terroristi. L’imposizione di una no-fly-zone su Jarablus è un affronto totale alla nazionalità siriana ed è una provocazione verso la Russia, che ha la sola forza aerea straniera legalmente presente sul territorio siriano. In tutto ciò, l’ipocrisia è stupefacente. L’anno scorso la Turchia abbatté un aviogetto russo con l’accusa di entrare nello spazio aereo turco per pochi istanti (una bugia dato che l’aereo rimase nello spazio aereo siriano sempre). Ora carri armati ed aerei turchi entrano in Siria con totale impunità. Si tratta dello stesso Erdogan che rimproverò la Siria nel 2012, quando un aereo turco in realtà entrò nello spazio aereo siriano e venne abbattuto dalle forze siriane.
L’incoerenza di Erdogan l’avrebbe reso inaffidabile, ed abbastanza sicuramente, entro poche settimane, avrebbe pugnalato la Russia alla schiena dopo esser strisciato da Putin e criticato gli USA per aver rifiutato di consegnargli il dissidente turco Fethullah Gülen. Ora Erdogan è di nuovo al centro della NATO, minacciando di abbattere aerei russi che volano nelle regioni della Siria che la Turchia ha invaso. Chiunque in Russia pensi che Erdogan sia un amico deve ripensarci ed essere realista.erdogan_biden

L’accordo Stati Uniti-Turchia mira a creare de facto una ‘zona di sicurezza’ nel nord-ovest della Siria
Karen DeYoung e Liz Sly, Washington Post 26 luglio 2015

488a868bf717430b81699432bd161703_18Turchia e Stati Uniti hanno concordato i contorni di una “zona di sicurezza” di fatto, lungo il confine Turchia-Siria, secondo i termini di un accordo che prevede di aumentare in modo significativo portata e ritmo della guerra aerea degli Stati Uniti contro lo Stato islamico nel nord della Siria, secondo i funzionari turchi e statunitensi. L’accordo prevede un piano per cacciare lo Stato islamico da una zona di 68 miglia ad ovest del fiume Eufrate, fino alla provincia di Aleppo, che finirebbe sotto il controllo dell’opposizione siriana. Se pienamente attuato, porterebbe gli aerei statunitensi ad operare in prossimità delle basi aeree e delle difese aeree del governo siriano, aiutando direttamente i ribelli dell’opposizione che combattono il regime del Presidente Bashar al-Assad. Le operazioni nell’area non soddisfano le vecchie richieste turche per una no-fly zone pienamente dichiarata, ma la zona potrebbe diventare un santuario per parte dei circa 2 milioni di civili siriani fuggiti in Turchia. Dell’accordo se n’è saputo la scorsa settimana, quando la Turchia dichiarava di aver accettato di consentire ad aerei armati degli Stati Uniti di decollare dalla base di Incirlik. Aviogetti turchi iniziavano le missioni sulla Siria settentrionale. Ulteriori dettagli, tra cui la composizione delle forze dell’opposizione siriana da inviare ad occupare l’area protetta, sono ancora in fase di elaborazione secondo i funzionari, che sotto anonimato hanno parlato delle operazioni in evoluzione. “Quando le zone nel nord della Siria vengono liberate dalla minaccia (dello Stato islamico), zone di sicurezza verranno ovviamente formate“, aveva detto il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu. “Gli sfollati possono essere collocati in quelle zone sicure“. I funzionari degli Stati Uniti non hanno contestato la descrizione turca e hanno detto che la copertura aerea della coalizione degli Stati Uniti avrebbe operato tutto il giorno designando gli obiettivi dello Stato islamico. Ma hanno detto che gli Stati Uniti non designano ufficialmente la zona, circa 40 miglia di profondità per 68 miglia lungo il confine, come protetta. Un alto funzionario dell’amministrazione ha detto in un comunicato che “tutti gli sforzi militari congiunti” con la Turchia “non includono l’imposizione di una no-fly zone“. “Quello di cui parliamo con la Turchia è cooperare per supportare i partner sul terreno nel nord della Siria che contrastano lo SIIL“, dice la nota. “L’obiettivo è creare una zona liberata dallo ISIL e garantire maggiore sicurezza e stabilità al confine della Turchia con la Siria“. SIIL è un altro termine per Stato islamico.
Il segretario generale della NATO ha detto che l’Alleanza terrà consultazioni a Bruxelles in risposta alla richiesta turca dopo un attentato suicida in Turchia nella settimana precedente. Le consultazioni sono a norma dell’articolo 4 della NATO, consentendo ad ogni membro di convocare una riunione quando ritiene che la propria integrità territoriale o sicurezza è minacciata. La NATO ha schierato batterie antimissile Patriot in Turchia all’inizio del 2013, dopo che la Turchia ricorse all’articolo 4 quando suoi cittadini furono uccisi da razzi sparati dal governo siriano oltre confine ed aerei siriani avevano violato il suo spazio aereo. L’amministrazione Obama ha resistito a lungo alla creazione di zone di sicurezza in Siria protette dalle forze aeree della coalizione degli Stati Uniti, affermando che le operazioni aeree dovrebbero essere volte solo contro lo Stato islamico. Il Pentagono ha sostenuto che se colpisse le regioni della Siria occidentale, vicino a dove il governo combatte i numerosi gruppi di ribelli e militanti, potrebbe provocare uno scontro con le difese aeree siriane concentrate nella zona. La Turchia in precedenza aveva rifiutato l’uso di Incirlik per gli attacchi aerei degli Stati Uniti, a meno che non decidevano d’istituire una zona protetta lungo il confine. Ma diversi aspetti del conflitto sono cambiati da quando i governi ne discussero la prima volta alla fine del 2014. Le forze di Assad hanno perso molto terreno nel nord-ovest, anche presso Aleppo, seconda città della Siria, verso la coalizione di forze militanti moderate negli ultimi mesi. Allo stesso tempo, lo Stato islamico ha scacciato le forze curde da molte roccaforti, da nord ed est dell’Eufrate al confine iracheno, avanzando poi verso ovest. I militanti ora controllano il confine della Siria dal fiume ad Azaz, a nord di Aleppo. Il cambiamento di posizione della Turchia iniziò sei settimane prima, dopo l’avanzata dello Stato islamico di maggio per catturare Azaz, il valico più vitale per i ribelli moderati sostenuti dagli Stati Uniti. L’offensiva fu bloccata con l’aiuto tardivo di limitati attacchi aerei degli Stati Uniti. I ribelli siriani, che chiesero con urgenza il supporto aereo, si lamentarono che i convogli dello Stato islamico erano confluiti verso le loro posizioni senza alcun intervento degli aerei da guerra della coalizione. I funzionari degli Stati Uniti in seguito notarono che gli attacchi richiesti dai turchi sarebbero stati più efficaci se gli aerei volavano da Incirlik, a 250 miglia di distanza, piuttosto che da una base nel Bahrayn. La zona ora aperta agli Stati Uniti va da Azaz a Jarablus sull’Eufrate. Secondo i resoconti dei media turchi, si estenderà verso sud fino ad al-Bab, alla periferia di Aleppo, ma non includerà Aleppo. Non è chiaro se l’amministrazione abbia informato il governo siriano delle nuove operazioni nel nord-ovest. Il governo degli Stati Uniti aveva indirettamente avvertito Assad di non interferire negli attacchi aerei degli Stati Uniti contro lo Stato islamico iniziati nel settembre 2014 in Siria settentrionale, centrale e orientale. Ma tali attacchi non furono visti come un problema, dato che il governo siriano aveva praticamente ceduto quelle zone ai militanti, conducendovi operazioni minime. Una volta che l’area viene liberata, il piano è concederne il controllo a ribelli moderati non ancora identificati. Stati Uniti e Turchia hanno interpretazioni differenti su quali gruppi possano essere definiti “moderati”. Sarà quindi possibile per i civili sfollati trovare rifugio nella zona, cosa che porterebbe alla realizzazione delle ambizioni turche per alleviare il problema dei profughi in Turchia.
Eliminare lo Stato islamico dalla zona sotto controllo sarebbe un duro colpo strategico per il gruppo, privandolo degli ultimi accessi al mondo. Dopo aver perso il controllo dell’importante valico di frontiera di Tal Abyad verso le forze curde, a giugno, lo Stato Islamico controlla solo due piccoli valichi, a Jarablus e al-Rai, attraverso cui passa il contrabbando di combattenti stranieri. Tali città di confine sono la prossima priorità nella lotta contro lo Stato Islamico, secondo funzionari turchi e statunitensi. La velocità con cui i militanti si sono sbriciolati a Tal Abyad, sotto fulminanti attacchi aerei degli Stati Uniti e qualche combattimento a terra, ha dimostrato che la forza aerea può operare contro il gruppo, secondo funzionari curdi e statunitensi. Tal Abyad si trova ad est dell’Eufrate e di Kobane, dove le forze curde scacciarono, con l’aiuto degli attacchi aerei degli Stati Uniti e dei rifornimenti turchi, lo Stato Islamico, all’inizio del 2015. L’accordo, inoltre, muta le dinamiche in altre regioni del nord della Siria a vantaggio della Turchia, che vede con allarme come i curdi siriani si avvantaggino degli attacchi degli Stati Uniti ad est dell’Eufrate. “Dopo la cattura di Tal Abyad con la significativa assistenza degli Stati Uniti, il passo successivo sarebbe l’avanzata dei curdi ad ovest dell’Eufrate occupando molti territori“, aveva detto Soner Cagaptay dell’Istituto di Washington per la Politica del Vicino Oriente. “Ciò ha contribuito ad accelerare l’accordo. Ora si vedranno massicci bombardamenti aerei nella regione, che non finirà solo nelle mani dei curdi.
Il capo del gruppo curdo avvantaggiatosi dagli attacchi degli Stati Uniti esprimeva la preoccupazione che il piano per la zona porti all’ingresso di truppe turche. Salah Muslim leader del Partito dell’Unione Democratica della Siria (PYD), ha spesso accusato la Turchia di sostenere lo Stato islamico per contrastare l’influenza curda e ha detto che tutte le forze turche che entrassero in Siria saranno considerate “invasori”. Il PYD e la sua ala militare, le YPG, sono alleati del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), le cui basi in Iraq furono colpite da attacchi aerei turchi poco prima. Il PKK vuole stabilire uno Stato curdo nella regione che comprende parti di Turchia, Iraq, Siria ed Iran. Stati Uniti e Turchia l’hanno etichettato organizzazione terroristica.TURKEY-SYRIA-ISTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.294 follower