Vaticano, P2 e Gladio

Aangirfan 29 giugno 2013

pretipedofili-770x537Don Patrizio Poggi, che ha accusato dei sacerdoti di Roma di abusi sessuali verso dei bambini, è stato arrestato dalla polizia per calunnia. Pedofilia: arrestato l’ex sacerdote Poggi per calunnia/I procuratori italiani respingono le accuse sull’anello clericale-pedofilo romano
Poggi ha fatto i nomi.
Prostituzione gay in Vaticano. I nomi: dal vescovo di Tivoli…

cardinale Agostino Vallini

cardinale Agostino Vallini

Dal canale televisivo La7: Giovani rumeni reclutati per i preti pedofili. Ragazzi e ragazze rumeni sono stati attirati in feste con preti pedofili… adolescenti rumeni soli e disperati sono stati attirati da un ex-poliziotto in discoteche, saune, centri benessere e nella stazione Termini, per divertire un gruppo di sacerdoti. I bambini sono stati vittime di abusi sessuali nella chiesa di San Lauro, non lontano dal Vaticano… Al fianco di don Patrizio Poggi, quando ha contattato la polizia, vi era il vescovo Luca Lorusso, che ha controfirmato 5 pagine della dichiarazione di Poggi. Mons. Luca Lorusso è il vice di Adriano Bernardini, nunzio apostolico in Italia, un intimo del Papa.
Ha rivelato una lunga lista di sacerdoti – tra i quali Mons. Camaldo, Mons. Filippi… L’ex poliziotto Buonviso, fornitore principale di ragazzi, di solito li reclutava presso la stazione Termini…
La denuncia di don Patrizio Poggi, Don Marco Valentini e Mons. Luca Lorusso, tratto da LA7:
Mons. Francesco Camaldo Vicecapocerimoniere del Papa
Altri sacerdoti appaiono nella denuncia:
padre Gianfranco Ferrigno, parroco di San Bruno a Pisa
don Renzo Chiesa, parroco di San Gregorio Magno alla Magliana
don Nunzio Currao, parroco di San Filippo Neri alla Pineta Sacchetti
mons. Nicola Filippi, segretario del cardinale Agostino Vallini
mons. Nicholas Sharp, cappellano della Polizia di Stato
Poi c’è un’altra immagine di una parte della denuncia, che recita: Faldone denominato “sacerdoti”, in cui vi sono 4 cartelle contenenti foto relative a sacerdoti e a un vescovo.
don Aleardo di Giacomo
don Ugo Quinzi
(….)
don Nicholas Sharp, cappellano della PS e del comando generale della polizia di Roma
don Domenico Repice, arrestato nel 2006 nell’operazione “Fiori nel fango 2
don Giuseppe Grazioli, parroco del San Giuseppe B. Cottolengo di Roma.
Don Patrizio Poggi, 46 anni, ha subito una condanna a cinque anni per ‘abuso di adolescenti’ quando era parroco della chiesa di San Filippo Neri di Roma. Poggi ha già detto alle autorità italiane che un ex-poliziotto gestiva un giro di prostituzione infantile fornendo ragazzi ai sacerdoti a cui piaceva fare sesso nelle chiese. Poggi ha indicato i preti pedofili, tra cui due alti funzionari della chiesa, di cui un monsignore. Poggi ha presentato prove documentali e fotografiche alla polizia assieme a due alti prelati del Vaticano che ne hanno garantito la credibilità. Tra cui, importante per la sua credibilità, vi è monsignor Luca Lorusso, consigliere del Nunzio Apostolico in Italia, egli stesso un confidente di Papa Francesco.
Secondo Poggi, sul quotidiano Il Messaggero: “L’ex poliziotto reclutava i ragazzi, per lo più poveri immigrati dall’Est Europa, vicino a un bar gay nei pressi della stazione ferroviaria di Roma Termini. I ragazzi furono  reclutati anche presso discoteche gay, saune e palestre. L’ex poliziotto è stato aiutato da un commercialista e da un amico che gestiva un’agenzia di modelle. Ai ragazzi hanno  fatto “false offerte di lavori da modelli e da attori”. L’ex poliziotto vendeva ostie consacrate per riti satanici. Secondo il cardinale Agostino Vallini, capo del Vicariato cattolico di Roma, Poggi mente.

Emanuela Orlandi

Emanuela Orlandi

Padre Gabriele Amorth, che ha lavorato per il Vaticano per molti anni, ha detto a La Stampa che la studentessa scomparsa Emanuela Orlandi fu costretta a partecipare a feste a base di sesso. Secondo Amorth: “Questo è stato un delitto dal movente sessuale. Fu precedentemente dichiarato dal (defunto) monsignor Simeone Duca, archivista del Vaticano, che gli venne chiesto di reclutare ragazze per delle feste con l’aiuto dei gendarmi vaticani. Furono organizzate feste, e un gendarme del Vaticano agiva in qualità di ‘reclutatore’ di ragazze. La rete coinvolgeva personale diplomatico di un’ambasciata straniera presso la Santa Sede. Credo che Emanuela finì vittima di questo circolo.

ht_kabul_embassy_6_04_090902_sshAmbasciata degli Stati Uniti

Il mafioso e ‘amico del Vaticano e della CIA’, Enrico De Pedis, fu collegato al rapimento di Emanuela. De Pedis è stato sepolto nella chiesa di Sant’Apollinare, dopo essere stato ucciso nel 1990 a Roma, in Campo De Fiori. De Pedis controllava il traffico di droga a Roma e sarebbe stato protetto dai servizi di sicurezza e dalla polizia.

Paul Marcinkus

Paul Marcinkus

Nel 2008 Sabrina Minardi, la ragazza di De Pedis, affermò che il defunto arcivescovo statunitense Paul Marcinkus, capo della banca vaticana, era dietro il rapimento di Emanuela. Nel 1980, Marcinkus riuscì ad evitare di essere interrogato dalla polizia quando il Banco Ambrosiano del Vaticano andò in bancarotta, in collegamento alla morte di Roberto Calvi a Londra.
La 15enne Emanuela Orlandi scomparve a Roma. Qual è sinistro segreto del Vaticano dietro adolescente Emanuela
Secondo una telefonata a un programma televisivo: “Per scoprire la soluzione del caso, andate a vedere chi è sepolto nella cripta della basilica di Sant’Apollinare”. Il telefonista implicava che Emanuela fosse stata rapita per fare un favore al Cardinale Ugo Poletti. Il motivo sarebbe stato di carattere sessuale. De Pedis presumibilmente forniva adolescenti ai cardinali per fare sesso.

Enrico De Pedis

Enrico De Pedis

Il boss Enrico De Pedis è stato sepolto in una tomba tempestata di diamanti nella basilica romana di Sant’Apollinare centrale, accanto all’Università della Santa Croce dell’Opus Dei. Il 14 maggio 2012, la polizia scientifica esumò la tomba, trovando centinaia di ossa in un ossario nei pressi della cripta. Alcuni credono che il boss De Pedis fosse figlio del cardinale Poletti, Vicario di Roma, molto vicino all’ex-Primo ministro italiano Giulio Andreotti. De Pedis secondo quanto riferito era coinvolto nell’operazione Gladio della CIA, che attuò il terrorismo in Italia. Quel “benefattore” di Enrico De Pedis detto “Renatino”
In Italia, la loggia massonica P2 collegava tutti i delinquenti dello Stato profondo. Lo Stato profondo “è un governo segreto parallelo, organizzato dall’intelligence e dagli apparati di sicurezza, finanziato dalla droga e dedito a violenze illegali per proteggere lo Stato e gli interessi dei militari...” (Il legame tra guerra e grande finanza) Nel marzo 1981, la polizia italiana scoprì un elenco di 962 membri della P2, che contenevano i nomi di: 3 ministri del governo e 43 parlamentari, 43 generali e ammiragli, 8 capi dei servizio segreti e comandanti di polizia, alti burocrati e diplomatici, industriali, finanzieri, giornalisti e personaggi televisivi.

Licio Gelli

Licio Gelli

L’ex-agente del Mossad Victor Ostrovsky ha scritto che Licio Gelli, Gran Maestro della P2, era alleato del Mossad e coinvolto in Gladio. Down with murder inc./Israel, Mossad, Iran and a Nuclear False Flag Attack. L’operazione Gladio della CIA-NATO effettuò atti di terrorismo, come l’attentato di Bologna del 1980. Tra i personaggi che presumibilmente hanno avuto contatti con la P2 vi erano: Henry Kissinger, Edmond de Rothschild, e David Rockefeller.

Marrazzo-l-affare-trans-due-anni-dopo_h_partbNatalie: “Marrazzo aveva bisogno di affetto

Nell’ottobre 2009, i media ricevettero un video che mostrava il politico italiano Piero Marrazzo in mutande. Nel video, Marrazzo era con Natalie, un transessuale brasiliano. Apparivano ‘strisce di cocaina’.  Natalie ha vissuto e lavorato al civico 96 di Via Gradoli. Secondo quanto riferito, il servizio segreto italiano possiede appartamenti al numero 96 di Via Gradoli. Sergio Flamigni, ex senatore e membro della commissione d’inchiesta parlamentare su Moro, ha scritto che i servizi segreti possedevano appartamenti nel numero 96. (Sul bordo: Sesso, cocaina, omicidi e io)

aldo_moro3Nel 1978, l’ex primo ministro italiano Aldo Moro fu assassinato in Via Gradoli 96 da un gruppo legato ai servizi di sicurezza. Steve Pieczenik, inviato speciale del presidente Jimmy Carter, sostiene di aver manipolato i rapitori uccidendo Moro e che era fondamentale che Moro venisse sacrificato. (Un omicidio ancora fresco)
La P2 era un gruppo fascista che voleva tenere i suoi amici al potere in Italia. “La P2 aveva stretti legami con la CIA… S’infiltrarono nelle Brigate Rosse e assassinarono Aldo Moro nel 1978. Il colonnello Oswald LeWinter della CIA, che era l’ufficiale di collegamento degli USA con Gladio, ha dichiarato che i gruppo direttivo delle Brigate Rosse era composto da agenti segreti della CIA.” (Aangirfan: Terrore in Europa – Licio Gelli – Fascismo – Gladio)
Il primo ministro Romano Prodi disse che in una seduta spiritica, cui aveva partecipato, uno “spirito rivelò ai presenti che Moro era imprigionato a Gradoli.” (Un omicidio ancora fresco)
Via Gradoli è “un circolo indefinito di blocchi di appartamenti nei tristi sobborghi di Roma.” (Sul bordo: Sesso, cocaina, omicidio e io)

Festa dei Valori - IDV LazioPiero Marrazzo era governatore della regione del centro-sinistra ed ex anchorman televisivo. Secondo quanto riferito fu ricattato da quattro poliziotti. Dopo che il video venne inviato ai giornali di Berlusconi, Marrazzo si dimise. I quattro poliziotti furono arrestati. Natalie conosceva Brenda, un altro transessuale brasiliano, e amico del governatore. Un mese dopo Brenda fu trovato morto. Fu trovato nudo nel suo appartamento in via Due Ponti. Gianguarino Cafasso che riforniva di cocaina le prostitute avrebbe fatto trapelare il video. Fu trovato morto. Natalie, a dispetto di un ordine di espulsione, “è tornato in via Gradoli“. Uno dei poliziotti arrestati sarebbe stato visto lì. (Sul bordo: Sesso, cocaina, omicidi e io)

1415958777
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...