Brigatisti, islamo-sionistri e spioni italiani in Siria e altrove

Il terrorista e criminale Haisam 'abu Omar', arrestato per l'assalto all'ambasciata siriana del 10 febbraio 2012, assieme all'inviata speciale del TG-3 della RAI Lucia Goracci, velina della NATO, propagandista islamista e supporter del terrorismo in Libia e Siria.

Il terrorista e criminale Haisam Saqan ‘Abu Omar’, arrestato per l’assalto all’ambasciata siriana del 10 febbraio 2012, assieme all’inviata speciale del TG-3 della RAI Lucia Goracci, notissima velina della NATO, propagandista islamista e supporter del terrorismo in Libia e Siria. Il tizio con gli occhiali scuri che fa il gesto della V è un agente della CIA. Il TG-3 non si fa mancare nulla.

Un militante islamista italo-siriano Haisam Saqan (Abu Omar), arrestato dalla polizia italiana dopo che il 10 febbraio 2012, assieme ad Amar Basha, elemento legato a Nur Dachan, presidente dell’Unione italiana delle comunità islamiche, e altri 10 attivisti islamisti del “coordinamento libero siriano di Milano“, aveva assaltato l’ambasciata siriana a Roma con l’evidente supporto dei servizi segreti italiani.
Gli islamisti furono incriminati, e sottoposi all’obbligo della firma, per danni aggravati, furto con scasso e violenze aggravata nei confronti delle due guardie dell’ambasciata. Il ‘dissidente’ siriano Faisal al-Muhammad, a capo dell’UICI, assicurava la difesa legale dei terroristi. A sua volta, la figlia del presidente emerito dell’Unione italiana delle comunità islamiche, Asmae Dachan, dichiarava, “Il prossimo 15 marzo a Roma sarà giudicato il gruppo di attivisti per i diritti umani in Siria, che lo scorso 10 febbraio aveva assalito l’ambasciata siriana nella capitale italiana. Questo gesto dall’alto valore simbolico è stato fatto per il bene della popolazione siriana ed è dedicata alle donne e bambini, ai giovani e tutte le persone che pagano con la loro vita la scelta di libertà e democrazia. L’ambasciata siriana rappresenta il governo siriano, che uccide la nostra gente non rappresentando coloro che credono nel diritto sacro della vita umana. Al contrario, la bandiera dell’indipendenza ci rappresenta, mi rappresenta e rappresenta il futuro di pace e libertà della Siria“.

Al contrario, la bandiera dell'indipendenza ci rappresenta, mi rappresenta e rappresenta il futuro di pace e libertà della Siria

Al contrario, la bandiera dell’indipendenza ci rappresenta, mi rappresenta e rappresenta il futuro di pace e libertà della Siria“. Asmae Dachan

Con il permesso delle autorità italiane, i terroristi islamisti in Italia fluiscono in Siria per compiere  crimini contro l’umanità.
Dopo essere stato rilasciato il 12 febbraio 2012, Haisam Saqan raggiungeva le file dei terroristi attivi in Siria, partecipando agli ordini di Abdul Samad Isa a diversi crimini di guerra, come l’assassinio di sette prigionieri nella provincia di Idlib, nell’aprile 2012, esecuzione videoripresa che fu poi diffusa dal New York Times. Nel filmato Haisam impugna un Kalashnikov mentre ascolta il comandante spiegare “perché sia giusto e doveroso ammazzare i prigionieri”, per poi subito sparare alla nuca del prigioniero disteso ai suoi piedi. Nel giugno 2013, un altro terrorista islamista, Giuliano Ibrahim Del Nevo un genovese convertitosi all’Islam, venne liquidato dopo aver frequentato un campo di addestramento in Turchia gestito da taqfiriti ceceni e così raggiunto le file del terrorismo attivo in Siria. Un altro terrorista islamista italiano era Anas al-Abubi, che dalla  provincia di Brescia partiva per la Siria, perché “Il martirio mi seduce, voglio morire a mano armata, tengo il bersaglio sulla Crociata…”. Anche costui era stato in precedenza arrestato perché diffondeva documenti su come maneggiare la nitroglicerina e testi dell’imam jihadista Anwar al-Awlaqi, riferimento ideologico di molti terroristi in Europa, per poi essere rimesso in libertà affinché potesse recarsi ad Aleppo, per condurre la jihad taqfirita con lo pseudonimo Anas al-Italy. In effetti, in Siria è attiva una “brigata islamista italiana”.

im1Il sito Fortress Europe, del ripugnante Gabriele Del Grande, italico supporter del terrorismo islamista in Siria e altrove, si vanta delle prodezze dei suoi fidanzatini, quale un’odalisca nell’harem di Doha non potrebbe fare: “Per anni quella bandiera nera è stata usata da una miriade di sigle del terrorismo islamico. Nella Siria di oggi però è diventata il simbolo dell’internazionalismo islamista. Sì perché nella scuola di Sukkari fanno base combattenti di mezzo mondo. Libici, sauditi, ceceni, tunisini, afghani, ma anche francesi e australiani. Hanno le barbe lunghe, il turbante nero, pantaloni mimetici militari, e un kalashnikov in spalla. Tra di loro ci sono alcuni veterani della guerra, come i ceceni, i libici e gli afghani. Altri invece sono ventenni alla prima esperienza. Non tutti hanno una formazione islamista radicale. Tanti sono venuti semplicemente per seguire un grande ideale di solidarietà con la comunità musulmana sunnita siriana, a cui sentono di appartenere al di là delle frontiere. Né più né meno come i comunisti italiani che nel 1936 andarono in Spagna a combattere contro il fascismo. … Sporca come il sacco sulle spalle del vecchio appena uscito dalla sede della brigata islamista. Gronda sangue. Dentro ci sono i vestiti degli shabbiha catturati nei giorni scorsi. Si tratta dei criminali assoldati dal regime per perseguitare gli oppositori. A tagliare loro la gola è stato l’afgano, con una specie di spada. I corpi li hanno sepolti nella piazzola sotto il cavalcavia, dove hanno già sotterrato un’altra ventina di sgherri del regime giustiziati alla stessa maniera. Il vecchio ora sta andando a bruciare i loro panni.” Solidarietà è l’apostrofo rosa tra t’ammazzo. Questo spregevole scritto pornografico “in Italia è stato esressamente rifiutato“, piagnucola in nota il piccolo bin ladin del quartierino, “viste le vergognose condizioni di sfruttamento lavorativo che praticano.” Direi che di vergognoso in tutto ciò ci sia ben altro che la mancata paghetta da ruffiano dei terroristi. Non tutti sono egualmente utili al Pentagono come una Lucia Goracci o un Cristiano Tinazzi.
Un peana al macello taqfirista, per la democrazia e la libertà c’è da scommetterci. Dal ché si comprende che il tizio, questa sposina della Jihad, è un nipotino di Rossana Rossanda, vecchia e rancida cheerleader del terrorismo atlantista che sia delle brigate rosse, dei bombardamenti umanitari o del jihadismo taqfirita. Inoltre questo Delgrande, come certi altri ‘giornalisti’ italiani e della NATO, ha potuto tranquillamente infiltrarsi in territorio Siriano assieme alle bande terroristiche islamiste, partecipare ai loro crimini e celebrarli tranquillamente in Italia, grazie all’appoggio benevolente, se non attivo, e tutt’altro che occulto, dell’intelligence e dei servizi segreti italiani che, contemporaneamente, sebbene abbiano davanti tali figuri a sostenere il terrorismo islamista “internazionale”, fedeli al loro ruolo di barboncini atlantisti, redigono documenti in cui dipingono come ‘terroristi’ i sostenitori della restaurazione della Russia e della costituzione del blocco eurasiatista.
1Analisi boldrinianamente degna della psico-sbirraglia militante a sinistra in Italia, che a quanto pare, nonostante il suo abbaiare contro la ‘repressione poliziesca’, sembra aver fatto breccia, con tali analisi pecoreccio-hollywoodiane, nei cuori del così miserramente atlantista apparato poliziesco-spionistico italiano.

Riferimenti:
Ilgiornale
Brescia Corriere.it

Alessandro Lattanzio, 22/1/2014

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...