Il ritorno del principe Bandar

Wayne Madsen Strategic Culture Foundation 12/07/2014

ISIScaliphateIl principe Bandar bin Sultan bin Saud bin Abdulaziz è il padrino della Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (SIIL), ora chiamato “Stato islamico” o “Califfato islamico”. Senza il sostegno saudita alle forze più radicali dell’opposizione islamica che combattono il presidente siriano Bashar al-Assad, è dubbio che il SIIL sarebbe stato altro che una frangia in Siria. Anche se Bandar è stato cacciato dalla politica saudita prima, ora sembra che le speranze dell’eliminazione del vecchio ex-ambasciatore saudita negli Stati Uniti e amico personale della famiglia Bush fossero semplicemente un “wishful thinking” di coloro che l’hanno incrociato in passato. Bandar è tornato nell’influente posizione di consulente di re Abdullah dopo essere stato licenziato da capo dell’intelligence saudita lo scorso aprile. Il nuovo titolo di Bandar è “consigliere del re e suo inviato speciale”. Bandar in realtà non ha mai lasciato la cerchia interna saudita. Dopo essere stato dimesso dalla guida dei servizi segreti ad aprile, ha mantenuto la posizione di segretario generale del Consiglio di sicurezza nazionale saudita, una posizione analoga a quella di Susan Rice alla Casa Bianca, di consigliera per la sicurezza nazionale e direttrice del Consiglio di Sicurezza Nazionale. Il ritorno di Bandar nella Casa dei Saud avviene mentre re Abdullah nomina il viceministro della Difesa, appena licenziato, principe Qalid bin Bandar bin Abdul Aziz a nuovo capo dell’intelligence saudita. Il principe Qalid ora occupa quella posizione di collegamento con i ribelli siriani che il principe Bandar aveva quando i sauditi organizzarono l’invio di milioni di dollari in contanti e armi ai salafiti radicali e ai taqfiri che combattono Assad in Siria. Anche se sembra che Bandar sia coinvolto in una sorta di scisma interno alla Casa dei Saud, ci sono voluti appena due giorni a Qalid per perdere la carica di viceministro della Difesa, tenuta per soli 45 giorni, ed essere nominato capo dell’intelligence saudita. Anche se condividono lo stesso nome, il capo dell’intelligence saudita Qalid bin Bandar non deve essere confuso con l’imprenditore saudita Qalid bin Bandar bin Abdulaziz al-Saud, figlio del principe Bandar.
1131L’importante posizione di viceministro della Difesa resta vacante, costringendo il ministro della Difesa Salman bin Abdulaziz, il principe ereditario, a gestire le operazioni quotidiane del ministero della Difesa. Il riordino del governo saudita è volto a garantire che i funzionari della Difesa e dell’intelligence saudite siano allineati nel riaffermare il controllo sul SIIL che avanza su Baghdad avvicinandosi al confine iracheno-saudita, dove alcune scaramucce di confine tra guerriglieri del SIIL e truppe di frontiera saudite si sono già svolte. Senza dubbio, la Casa dei Saud è un importante finanziatore del SIIL dall’inizio della guerra civile in Siria. Il fronte al-Nusra (Jabhat al-Nusra), finanziato principalmente dal Qatar, ha promesso sostegno alle forze del SIIL sparse nel settentrione e occidente dell’Iraq, estendendone la portata nel nord-est della Siria. L’obiettivo dell’Arabia Saudita è sempre destabilizzare l’Iraq e la Siria, nella speranza che i governi Nuri al-Maliqi e Bashar al-Assad, siano rovesciati e sostituiti con i regimi sunniti radicali grati ai sauditi. Bandar vuole anche limitare l’influenza del Qatar, che ritiene sostenere la fratellanza musulmana, acerrimo nemico della Casa dei Saud. Il ritorno al potere di Bandar segnala il congelamento della distensione tra l’Arabia Saudita e l’emiro del Qatar, Tamim bin Hamad al-Thani. Bandar fu originariamente dimesso da capo dell’intelligence saudita dopo che il presidente Barack Obama incontrò re Abdullah a Riyadh il 28 marzo. I compiti di Bandar quale interlocutore dei sauditi con i ribelli siriani, furono passati al ministro degli Interni saudita principe Muhammad bin Nayaf. Tali oneri sono ora assunti dal principe Qalid. Il principe Muhammad ha contribuito nel sostegno saudita all’esercito libero siriano (ELS) filo-USA, ora attore secondario e debole nella guerra civile siriana. I funzionari dell’ELS, molti ex-funzionari governativi in esilio, vivono più nei comodi alberghi e ristoranti d’Istanbul che in prima linea in Siria. Tuttavia, dopo il successo del SIIL in Siria orientale e Iraq, i sauditi hanno deciso di richiamare l’interlocutore principale del SIIL, il principe Bandar, mettendo la leadership del gruppo sotto un più sodo controllo saudita.
Bandar ha forti legami con il terrorismo jihadista. Bandar, in un viaggio a Mosca prima delle Olimpiadi di Sochi, offrì alla Russia un lucroso affare sulle armi se la Russia cessava il sostegno ad Assad. Bandar disse anche a Putin che se la Russia respingeva l’offerta dell’Arabia Saudita, i terroristi islamici filo-sauditi nel Caucaso sarebbero stati liberi di compiere attacchi terroristici contro le Olimpiadi invernali di Sochi. Putin cacciò Bandar dal suo ufficio al Cremlino. Vi sono  rapporti secondo cui i terroristi islamici finanziati dai sauditi in Cecenia e Daghestan siano attivi in Ucraina contro i separatisti russofoni dell’Ucraina orientale. In alcuni casi, i terroristi islamici si sono uniti alle unità paramilitari israeliane in Ucraina a sostegno delle azioni militari del governo di Kiev contro l’Ucraina orientale. In Siria vi sono state segnalazioni del coordinamento del Mossad con le unità del SIIL negli attacchi contro le forze governative siriane, anche nella regione nord delle alture del Golan. Il direttore della CIA John O. Brennan, saudofilo ex-capo della stazione della CIA a Riyadh, avrebbe dato una mano al ritorno di Bandar a una posizione chiave nel governo saudita. 1000 tra truppe e consiglieri statunitensi sono stati inviati in Iraq non per evitare che il governo Maliqi cada, ma per contribuire alla transizione verso un governo post-Maliqi dalla forte rappresentanza sunnita pro-saudita. I militari statunitensi in Iraq proteggono anche i beni degli Stati Uniti, tra cui l’imponente complesso dell’ambasciata a Baghdad, nonché gli interessi dell’industria petrolifera statunitense. Vi furono diversi rapporti infondati, al momento del licenziamento di Bandar ad aprile, secondo cui era stato assassinato o ferito durante una visita alle posizioni ribelli in Siria. Altri rapporti hanno dichiarato che Bandar, affettuosamente noto dalla famiglia Bush come “Bandar Bush” per via dei suoi stretti legami con la dinastia politica statunitense, sia stato avvelenato in una faida interna saudita volta ad eliminarne l’influenza quale capo del clan Sudayri nella Casa dei Saud. Il clan comprende anche il principe Turqi, ex-capo dell’intelligence saudita, e il principe ereditario Salman, ministro della Difesa e erede al trono.
mccainhopelessIl SIIL dà ad Israele il potente argomento di essere responsabile della Cisgiordania e imporre un più stretto controllo militare su Gaza. L’obiettivo di Bandar è eliminare gli attuali governi di Siria e Iraq, privando così l’Iran dei suoi due alleati regionali… Con un califfato sunnita radicale a Baghdad, il SIIL sarà pronto a varcare il confine iraniano e iniziare la ribellione presso la minoranza araba nella provincia iraniana del Khuzestan, il centro dell’industria petrolifera iraniana. Con il SIIL che controlla i giacimenti petroliferi del sud dell’Iraq, nonché parte dei campi che confinano con il Kurdistan iracheno, l’acquisizione da parte del fantoccio saudita della provincia petrolifera iraniana darebbe all’Arabia Saudita l’effettivo controllo su gran parte delle riserve di petrolio del Medio Oriente. A febbraio, il senatore dell’Arizona John McCain disse alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera, “Grazie a Dio per i sauditi e il principe Bandar”. McCain fece eco a commenti analoghi fatti in precedenza sulla CNN. Nel 2012, McCain s’infiltrò segretamente in Siria dalla Turchia facendosi fotografare con gli islamisti radicali, alcuni dei quali ora combattono con il SIIL in Iraq. McCain sostiene fermamente fascisti e neo-nazisti ucraini. In McCain, “Bandar Bush” trova un compagno d’armi fervido fan del terrorismo.

La ripubblicazione è gradita in riferimento al giornale on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

One Response to Il ritorno del principe Bandar

  1. Pingback: Il ritorno del principe Bandar | realtà o fantasia ?!

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...