Nazipiddini, Paccoquotidiano e Ucraina

Alessandro Lattanzio, 17/4/2015

Mentre in Ucraina il governo golpista fa assassinare decine di oppositori e si prepara ad aggredire la Novorossija, ancora una volta, il partito nazihollywoodiano della CIA, il Partito Democratico, e il suo braccio partigianesco di Gladio, l’ANPI, accolgono a braccia aperte uno dei massimi responsabili degli attuali crimini ed assassini politici in Ucraina.

Il nazista Avakov ospite del PD e dell'ANPI, enti nazikollabos agli ordini di CIA e Mossad

Il nazista Avakov ospite del PD e dell’ANPI, enti nazikollabos agli ordini di CIA e Mossad

“Quando Elena Bondarenko sale sulla tribuna parlamentare, vorrei la mia pistola”
Arsen Avakov minacciando Elena Bondarenko, deputata del Partito delle Regioni e oppositrice del golpe a Kiev

Mentre il Ministro della Difesa greco Panos Kammenos, esponente di destra, definisce fascista il governo ucraino, dicendo che “La popolazione greca in Crimea è stata molestata dal governo fascista ucraino, la protezione alle famiglie greche è stata data dalla presenza delle forze russe. Ieri ho discusso la questione con il patriarca Kirill: condividiamo la Chiesa, crediamo negli stessi valori ed era impossibile non difendere i Greci dal governo fascista ucraino“, il ministro degli Interni Angelino Alfano s’incontrava con il ministro golpista degli Interni ucraino Arsen Avakov. Un criminale che guida la persecuzione e l’omicidio degli oppositori al governo nazigolpista di Gladio, nonché presiedere l’aggressione alla popolazione novorussa. Il “ministro” ucraino e quello italiano hanno deciso di collaborare per riformare le strutture territoriali e creare prefetture in Ucraina. Il nazigolpista Arsen Avakov, nel 2012, fu arrestato a Frosinone su mandato di cattura dell’Interpol per abuso d’ufficio e appropriazione indebita quando era governatore della regione di Kharkov, in Ucraina. Avakov era un tirapiedi della corrotta prima ministra Julija Timoshenko. Matteo cazzulani ne Ukraine1 protesta6La Corte d’appello di Roma respinse l’estradizione di Avakov denunciando “il rischio di atti discriminatori per motivi politici”. A su difesa si era mosso l’apparato di propaganda e disinformazione del Partito Democratico, soprattutto nella figura del sicario nazi-atlantista Matteo Cazzulani, agente d’influenza degli statunitensi e convinto sostenitore della repressione e dello sterminio della popolazione novorussa. Avakov fu eletto nel parlamento ucraino per garantirgli l’immunità e una volta nominato ministro degli Interni, ha proceduto ad integrare i paramilitari neonazisti di piazza Maidan nelle forze di sicurezza, dopo aver dissolto il corpo speciale Berkut. Tutto ciò non scandalizza il PD, summa di ogni putrefazione: morale, ideologica, culturale, politica, umana, sempre pronto a menare il ditino su democrazia, diritti umani, lotta all’illegalità e altra merda. Ne è emblematico il succitato nazipiddino Matteo Cazzulani, che vive a Filadelfia, negli USA, e che si spaccia per analista di questioni energetiche ed internazionale del fantomatico centro di studi globali “Strategia XXI”, di cui non si trova traccia se non nel suo blog di propaganda neobanderista; e che collabora con il settimanale neo-banderista ucraino “Dzerkalo Tyzhnya” (Specchio settimanale), un foglio di disinformazione e propaganda russofoba finanziato da “anonime” ONG tedesche e statunitensi (Interternational Charity Promotion Foundation con conti bancari a New York e Francoforte) e che sostiene l’assassinio degli oppositori al golpe di Gladio, oltre alla guerra di sterminio contro la Novorossija.

I nazipiddini Gianni Pittelli e Matteo Cazzulani con Tatjana Chornovol, giornalista banderista legata al nazibattaglione Azov.

I nazipiddini Gianni Pittella e Matteo Cazzulani con Tatjana Chornovol, giornalista banderista legata al nazibattaglione Azov.

Il nazipiddino Matteo Cazzulani e il banderista russofobo (http://www.romagnanoi.it/news/rimini/1214221/Urla-al-convegno---Siete.html) Massimiliano di Pasquale. mentre disquisiscono di Ucraina.

Il nazipiddino Matteo Cazzulani e il neo-italo-banderista russofobo Massimiliano Di Pasquale. mentre disquisiscono di Ucraina. No, non è rosso-brunismo perchè, come insegnano gli squallidissimi burocrati dell’ANPI, i rosso-bruni combattono e sostengono gli operai  e i contadini del Donbas, al contrario di questi due eroi nazi-hollywoodiani.

Il 'saggista' Di Pasquale, o meglio, agiografo del nazismo banderista galiziano, dedica un suo libretto a un giovane fan della democrazia ucraina.

Il ‘saggista’ Di Pasquale, o meglio, agiografo del nazismo banderista galiziano, dedica un suo libretto a un giovane fan della democrazia ucraina.

Francesco Saverio Fontana, il neonazista che ha partecipato ai massacri di Odessa e nel Donbas, nei ranghi del battaglione neonazista Azov.

Francesco Saverio Fontana, il neonazista che ha partecipato ai massacri di Odessa e nel Donbas, nei ranghi del battaglione neonazista Azov, era a pochi metri di distanza da Di Pasquale, e a poche ‘idee’ di distanza da Cazzulani.

Francesco Saverio Fontana, Stan per gli amici Voerzio e Biloslavo, in vacanza a Londra.

Francesco Saverio Fontana, Stan per gli amici Voerzio e Biloslavo, in vacanza a Londra.


Il nazibattaglione Azov difende i valori rappresentati dai nazipiddini Pittella e Cazzulani e dai neonazisti DiPasquale, Voerzio e Fontana.

I nazisti di Kiev e ilpaccoquotidiano

Roberta Zunini, reporter de Ilfattoquotidiano, entusiata sostenitcie del golpe di Gladio a Kiev e della guerra contro la Noovrossija. Qui fotografata con un suo fidanzatino di Pravij Sektor.

Roberta Zunini, reporter de Ilfattoquotidiano, entusiasta sostenitrice del golpe di Gladio a Kiev e della guerra contro la Novorossija. Qui fotografata con un suo fidanzatino di Pravij Sektor.

A Kiev, il ministro dell’Economia Ivaras Abromavicius (“di origine lituana e naturalizzato a dicembre 2014”) confermava che: “Il governo ucraino ha scelto la banca Lazard come consulente per ristrutturare il proprio debito, attualmente scambiato a 50 centesimi per 1 dollaro” (TASS). Ora, perché il Fatto quotidiano sostiene entusiasticamente il golpe di Gladio a Kiev? Un nome, Guido Roberto Vitale, costui è tra gli azionisti di ChiareLettere e de ilfattoquotidiano, ma nel 1997-2001 è stato presidente della banca Lazard per l’Italia. 2+2=5 no?

Guido Roberto Vitale si prepara per l'Ucraina

Guido Roberto Vitale si prepara per l’Ucraina

Per illustrare l’animo delicato e la sensibilità democratica e dirittumanitaria di tali sostenitori del golpe majdanista di Kiev, si consideri un esempio tra i tanti, quello del leader del Partito dei Lavoratori d’Ucraina, caporedattore del quotidiano Classe Operaia e deputato alla Rada Aleksandr Bondarchuk, arrestato il 18 marzo per aver diffuso informazioni “antigovernative” e “propaganda indiretta del separatismo”. Il sensibile animo democratico del nazista Di Pasquale, l’intraprendenza informativa della fidanzatina padellaro-pravosektorista Zunini e lo spirito garantista del putto di Julija Timoshenko, appunto il nazipiddino Cazzulani, non s’é risentito per nulla per tale repressione della libertà di espressione. L’importante è che ciò sia condannato solo laddove l’indicano la CIA e le ONG che foraggia e per cui lavorano i nazisti Di Pasquale e Cazzulani. Non essendo un mafioso corrotto come Timoshenko, né una spia della CIA come Avakov, Bondarchuk può essere processato e condannato per il reato di libertà di espressione, secondo tali aedi della democrazia colorata. PD, Di Pasquale, Cazzulani e sopratutto i miserabili burocratelli dell’ANPI in effetti avranno di che felicitarsi con il freedom fighter Arsen Avakov, ministro degli Interni della junta banderista-atlantista di Kiev.

Aleksandr Bondarchuk

Aleksandr Bondarchuk

cartolina-282x400I sicari dell’ANPI e affini (PRC, PCL, centri sociali e altre carabattole), dietro la mascherata partigianista, restano partigiani degli USA, o meglio della NATO sul piano militare, di Ronald McDonald sul piano cul-turale, di Hollywood sul piano storico-ideologico, con la CiaNN sul piano geopolitico. I loro presidenti si chiamano Kennedy (uno qualsiasi) e Obama/Clinton. Possono agitare le loro fasulle bandierine picciste, ma resteranno sempre al fianco del soldato John Wayne (il Ryan di Spielberg è già politically ambiguo). A difendere la burocrazia nazipiddina che forma l”associazione dei partigiani’ (e che ci mangia) e le migliaia di suoi militonti collusi, e non ‘confusi’ come si tenta d’ingannare, sono coloro che vogliono spacciare tale trucco infame. L’ANPI ha invocato il bombardamento in pratica di tutto, dall’Iraq alla Jugoslavia, dall’Afghanistan all’Iraq, alla Libia. Sostiene le ‘rivoluzioni’ colorate in Europa orientale e in Medio oriente, invoca la distruzione di Siria e Iran, il rovesciamento dei governi bolivariani in America Latina, demonizza la Federazione russa e la Bielorussia, si prostituisce con la pornostoriella della brigata ebraica (formata per 2/3 da palestinesi, arabi per gli ottusi), solo per ricevere la giusta mancia dall’ambasciata del Mossad. Vieta le bandiere palestinesi per solidarietà ai coloni anglo-sionisti. E dopo tutto questo, qualche babbeo osa pure dire che sono ‘confusi’. Saranno confusi i quattro partigiani novantenni ancora vivi, che all’epoca al massimo facevano le staffette, e che oggi sono così rimbambiti da voler abbattere statue, a imitazione dei loro camerati ucraini. All’epoca erano l’ultima ruota del carretto, oggi ragliano con Laura Boldrini. Ma gli altri, quelli che hanno vent’anni oggi, non possono aver fatto alcuna Resistenza, non sono confusi; sono solo infami venduti e collusi, come ordinato dal partito della CIA (PD) e dall’associazione delle più o meno giovani marmotte di Gladio (ANPI e annessi). Tali individui si sono inventati la categoria del ‘rosso-bruno’ solo per giustificare la persecuzione di coloro che sono al fianco di Libia Jamahiriyana, Siria Baathista, Iran, Jugoslavia, Novorossija, Bielorussia, Russia, Cina, Venezuela bolivariano, Argentina kirchnerista, Brasile, Ecuador, Bolivia, Cuba, Nicaragua. Insomma degli antimperialisti, mentre contemporaneamente mantegono un silenzio eloquente con il governo del PD, il partito che ha creato, gestisce e controlla l’ANPI e che paga lo stipendio dei suoi miserabili burocrati, al servizio perenne delle campagne di disinformazione e propaganda in supporto all’interventismo della NATO e del golpismo di Gladio. Quando il PD ha accolto a braccia aperte il ministro degli Interni neonazista ucraino Avakov, uno dei maggiori responsabili della guerra alla Novorosssija e dell’assassinio e repressione di centinia di oppositori alla junta di Kiev, comunisti e operai, non un solo moscerino partigianista, non un solo squadrista dell’ANPI ha fiatato, ha avuto qualcosa da dire. La ‘Resistenza’, oggi, è una mascherata degna del Gay Pride.1907439

In Ucraina arriva la democrazia dell'ANPI e del PD

In Ucraina arriva la democrazia dell’ANPI e del PD

logogladio

3 Responses to Nazipiddini, Paccoquotidiano e Ucraina

  1. Pingback: Nazippiddini, Paccoquotidiano e Ucraina

  2. SaSentenzia scrive:

    ci sono immagini che sono più efficaci di pagine e pagine di argomentazioni.
    pd-anpi-casapound-pravij sektor-nazibattaglione Azov-ilfattoquotidiano
    sono uniti a sostegno di un genocidio: ucraini di etnia russa.
    gli stessi che due giorni fa ci parlavano del “genocidio armeno che mai si dovrà ripetere”, gli stessi che il 25 di questo mese ci ricorderanno delle “stragi nazifasciste che mai dovranno essere dimenticate e ripetute”…
    e invece il genocidio di innocenti è a due passi da noi, finanziato da noi, sostenuto da noi, mistificato da noi nelle narrazioni ufficiali.

  3. Ottimo articolo. Da leggere e condividere ora più che mai in quanto il 25 aprile a casa Cervi sarà presente il trio delle meraviglie dei sinisitrati: Boldrini, Pittella e Schultz vale a dire la crema italiana degli amichetti dei nazisti di Kiev.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...