Scontro culturale: gli artisti si uniscono alle proteste contro il governo giapponese

Sempre più persone dello spettacolo esprime opposizione alla modifica da parte del governo della Costituzione pacifista del Paese
Masami Ito Japan Times 29 agosto 2015mhprotests30518A giudicare dai recenti commenti postati su twitter e siti web come Abe-no.net, il primo ministro Shinzo Abe non sembra essere caro a una serie di celebrità dall’ampia influenza sull’opinione pubblica, per i suoi passi per cambiare la Costituzione della nazione. Se la critica sia meritata o meno, sicuramente c’è una certa coerenza nelle dichiarate ostilità. Prendiamo degli esempi:
Tu fai molta paura. Non sai comunicare, e non capisci la democrazia, i diritti umani o la Costituzione“, Minori Kitahara, scrittrice
Sarà la fine di questo Paese se l’amministrazione Abe continua“, Peter Barakan, televisione
È possibile ascoltare la voce del popolo che scende per le strade, no? Sono tutti arrabbiato perché il vostro modo di pensare distrugge il nostro futuro“, Katsu Takagi, chitarrista dei Soul Flower Union
Non so se fa finta di non capire o se davvero non capisce, ma sembra che non possiamo comunicare, quindi perché non mette qualcun altro al suo posto?”, Kazumi Nikaido, cantante
Sono orgogliosa della generazione più giovane che prende posizione. Cosa succede in Giappone?“, Shelly, personaggio televisivo
La guerra d’aggressione è sbagliata e dobbiamo dire con forza che è sciocco sostenerla“, Shigeru Kishida, musicista dei Quruli
Queste celebrità sono sul piede di guerra contro il tentativo dell’amministrazione Abe di reinterpretare la rinuncia alla guerra della Costituzione del Paese, una carta intatta dalla sua adozione nel 1947. Finora, l’articolo 9 della Costituzione ha limitato l’uso della forza del Paese all’autodifesa. Tuttavia, la legge sulla protezione passata alla Camera bassa a luglio e in corso di delibera alla Camera alta consentirà al governo di adottare l’autodifesa collettiva. Abe insiste che la legge non trascinerà il Giappone nelle ostilità che altri Paesi, ma pochi sembrano credergli. Anziani salariati, madri e giovani del Paese hanno tutti espresso netta opposizione alla legge. Inoltre, l’opposizione alla legge non si ferma lì, musicisti, artisti, personaggi televisivi, scrittori, registi, attori e attrici hanno anche iniziato a criticarlo attraverso parole, musica, arte e social media. Le celebrità evitavano di fare dichiarazioni politiche, dice Ikuo Gonoi, professore associato di scienze politiche presso l’Università internazionale Takachiho della Suginami Ward di Tokyo. In questi giorni, tuttavia, sono molto più propense a parlare di questioni che ritengono appassionati. “E’ chiaro che un movimento di protesta culturale si svolge in questo momento“, dice Gonoi. “Con le impreviste elezioni generali nell’immediato futuro, le persone cercano di cambiare il mondo della politica dall’esterno, attraverso l’organizzazione di manifestazioni sociali e culturali“. A Hollywood, le celebrità in genere non rifuggono dalle dichiarazioni politiche, e di solito affermano pubblicamente chi appoggiano alle elezioni presidenziali. Gli artisti in Giappone, però, hanno storicamente taciuto su questioni controverse. Gonoi, esperto di manifestazioni nazionali e internazionali, dice che la minaccia di perdere il posto di lavoro garantito ha spinto la maggioranza dei commentatori a tenersi per sé le opinioni. Tuttavia, dal terremoto del marzo 2011 e dalla successiva catastrofe nucleare nella centrale nucleare di Fukushima,ciò è, almeno in una certa misura, cambiato. Sempre più persone prendono posizione contro le politiche del governo, in particolare artisti e musicisti, dice Gonoi. “Molte persone in Giappone avevano paura di fare dichiarazioni politiche perché ritenevano un tabù parlare contro le autorità o le discussioni politiche“, dice Gonoi. “Ora, però, vedono i loro artisti e musicisti preferiti parlare e si rendono conto che è un bene parlare di politica e criticare il governo“.

BN-JM401_Auslin_J_20150721121722Errori ripetuti
Il regista Isao Takahata, co-fondatore dello Studio Ghibli, non è certo timido nell’esprimere preoccupazione sulla proposta di legge della sicurezza. “Quello che Abe cerca di fare è cambiare direzione di 180 gradi“, dice a The Japan Times. “Dice ogni sorta di assurdità ma alla fine, credo che tutto si riduca al fatto che cerchi di cambiare il Giappone da Paese che non può impegnarsi in una guerra in uno che può farlo, e senza rivedere la Costituzione“. Takahata, artista che da bambino sopravvisse a un raid aereo degli USA sulla Prefettura di Okayama, è il creatore di “Hotaru no Haka” (“Una tomba per le lucciole”), che racconta la storia di due fratelli che lottano per sopravvivere alla Seconda guerra mondiale. Il regista, però, dice che semplicemente ricordare alla gente le atrocità della guerra non ne impedisce un’altra. “Nessuno crede la seconda guerra mondiale sia stata una buona cosa, ma poi le opinioni si dividono“, dice Takahata. “Persone come Abe sostengono che il Giappone deve poter andare in guerra in modo da non subire mai di nuovo qualcosa di simile. Io, dall’altra parte, sono completamente contrario“. Il pluripremiato regista dice che la legge sulla sicurezza non è necessaria e sottolinea l’importanza dell’articolo 9, impedendo al Giappone di farsi coinvolgere in un’altra guerra. Insieme ad altri registi e attori quali Yoji Yamada, Takahata avverte il pubblico sulla china cui Abe trascina il Giappone. Il collettivo, che si chiama Eigajin Kyujo no Kai (cineasti per l’articolo 9), ha rilasciato una dichiarazione e raccolto più di 700 sostenitori, tra cui l’attrice Sayuri Yoshinaga, d’accordo che la legge sulla sicurezza “ovviamente limiti i nostri diritti umani fondamentali, la libertà di parola e di stampa“. “La cosa importante è evitare i pericoli associati (a guerra e terrorismo) a tutti i costi, e il modo migliore per garantirlo è sostenere l’articolo 9 e la diplomazia“, dice Takahata.

‘Fare la differenza’
Seifuku Kojo Iinkai (Comitato per migliorare le uniformi), un gruppo di idol di 10 ragazze che indossano uniformi scolastiche, ha criticato il governo negli ultimi mesi. Affrontando temi controversi come energia nucleare, difesa e capitalismo, il gruppo di certo non ha paura di dire ciò che pensa. A giugno, il gruppo fu preso di mira dal governo municipale di Yamato nella prefettura di Kanagawa per aver cantato canzoni che criticano Abe e il Partito Liberal Democratico, ad una manifestazione approvata dal comune. “L’elezione del Senato manca d’eccitazione”, cantavano nella parodia della canzone dello statunitense Stephen Foster Oh Susanna. “Le emittenti televisive non le rendono eccitanti/Ci sono troppi politici che mentono/il Partito Democratico Liberale è la radice di ogni male“. Il governo locale ha retroattivamente ritirato il suo sostegno. La diciottenne Yuria Saito e la 17enne Kana Kinashi sono ancora scioccate dalla reazione del partito di governo. “Non potevo credere quanto siano meschini i membri del LDP“, spiega Saito. “Criticare l’LDP non significa supportare una specifica organizzazione politica o altro. Con le nostre canzoni sottolineiamo ciò che pensiamo sia sbagliato del governo. Abbiamo cantato anche contro il Partito Democratico del Giappone“. Dopo l’evento, l’ufficio del gruppo è stato inondato di messaggi di odio e anche da minacce di morte. La società che gestisce il Seifuku Kojo Iinkai ha rafforzato la sicurezza e consultato la polizia, che ha accettato di aggiungere la sede ai pattugliamenti quotidiani. Le ragazze, però, rifiutano di farsi intimidire. “E’ vero che riceviamo messaggi da gruppi di destra, che dicono che siamo brutte e altri commenti sprezzanti. Naturalmente, ci addolora e siamo un po’ preoccupate per la nostra sicurezza“, afferma Kinashi. “Ma abbiamo anche ricevuto un grande sostegno dagli altri, e così vogliamo continuare a cantare per loro, così come per coloro che non sono ancora nati, preservando questo Paese meraviglioso e tranquillo“, Kinashi e Saito si sono unite al Seifuku Kojo Iinkai dopo i disastri del marzo 2011, ma il gruppo pop è attivo da più di 20 anni. Anche se Seifuku Kojo Iinkai fu fondato nel 1992 per migliorare la progettazione delle uniformi studentesse, si è anche concentrato su altre attività sociali, dalla protezione degli animali, alla lotta al fumo e al bullismo. Hiroyuki Takahashi, produttore del gruppo, dice che il gruppo è molto più attivo politicamente dal 1997, dopo un incidente con uno stalker. La donna al centro della vicenda chiese l’intervento della polizia, ma ne ignorò le preoccupazioni e fece commenti sprezzanti sul suo aspetto. In risposta, il gruppo partecipò a una petizione per adottare la legge anti-stalking. La prima legge anti-pedinamento del Paese fu promulgata nel 2000. Da allora, il gruppo ha registrato, secondo le stime, 1300 canzoni, molte delle quali di protesta. “Vogliamo che la gente prenda coscienza dei problemi e penso che la musica sia un buon modo per farlo”, dice Takahashi. “Di conseguenza, penso che possiamo fare la differenza. A poco a poco“.

Seifuku Kojo Iinkai

Seifuku Kojo Iinkai

Agitare
Seifuku Kojo Iinkai è ben lungi dall’essere l’unico gruppo musicale politicamente attivo. Southern All Stars ha pubblicato una decisa canzone contro la guerra dal titolo “Peace and Hi-Lite” nel 2013, mentre il gruppo di idol pop AKB48 ha pubblicato una canzone intitolata “Bokutachi wa Tatakawanai” (“Non combatteremo”) a maggio. Keisuke Kuwata, cantante dei Southern All Stars, è stato anche costretto a scusarsi all’inizio dell’anno dopo aver partecipato ad una serie di acrobazie prendendosi gioco di Abe, come indossare un paio di baffetti alla Adolf Hitler mentre cantava “Peace and Hi- Lite” al concorso canoro di fine anno della NHK “Kohaku Uta Gassen”. In televisione, lo schietto cantautore Tsuyoshi Nagabuchi ha detto che crede che il Giappone vada verso la guerra. “Sono sempre i nostri figli, i ragazzi che saranno il nostro futuro, che dovranno prendere le armi e andare in guerra“, ha detto Nagabuchi a un programma della Fuji TV di luglio. “E la vita verrà sacrificata. Voglio trasformare le armi in chitarre“. Il controverso artista Makoto Aida ha anche agitato la comunità culturale con un’installazione del 2014 dal titolo “Registrazione video di un uomo che si fa chiamare primo ministro del Giappone, e che fa un discorso a un’assemblea internazionale”. Anche se Aida nega qualsiasi beffa di Abe, lui stesso appare nel video vestito come il primo ministro, con il seguente discorso in inglese: “Abbiamo iniziato ad imitare altri Paesi potenti, abbiamo colonizzato le nazioni più deboli che ci circondano e iniziato guerre di aggressione. Ci furono molte persone che insultammo, ferimmo e uccidemmo.… Mi dispiace!!!!” L’installazione è uno dei numerosi pezzi che Aida ha incluso in una mostra dal titolo “Mostra d’arte per bambini. Di chi è questo posto?” al Museo d’Arte Contemporanea di Tokyo, nel Koto Ward, in mostra fino al 12 ottobre. Il mese scorso, però, ha rivelato su Tumblr che il museo gli chiese di abbattere due display, tra cui l’installazione del video. L’artista non lo fece e il museo fece marcia indietro ai primi di agosto. L’installazione satirica con Aida che parla con esitante inglese di antiglobalismo e necessità di tagliare tutti i legami con altri Paesi, distruggendo gli aeroporti internazionali, i grandi aerei, nonché di scollegarsi da Internet. “L’uomo raffigurato nel video chiaramente sbaglia, tuttavia è difficile dire che lo sia completamente“, dice Aida. “L’installazione si concentra proprio su questo dilemma“. Mentre Aida dice che non è diretto ad Abe o al suo governo, osserva che vi sono alcune somiglianze. “Abe e questa persona (nel video) hanno punti di vista fondamentalmente diversi, ma credo che alcune convinzioni s’intreccino in modo contorto“, dice Aida. “Spero che questi aspetti del lavoro facciano pensare gli spettatori e riflettere il pubblico“. Le opere sono esposte al museo nel loro stato originale. Aida dice di aver spiegato il significato dell’esposizione ai dirigenti del museo e fu informato che i suoi pezzi sarebbero stati esposti come previsto. “Non conosco i dettagli della loro decisione“, ha detto, “ma sono sollevato“.
Gonoi dell’università di Takachiho dice che mentre l’LDP non è direttamente coinvolto nelle denunce contro gli artisti, le organizzazioni adottano un approccio prudente dopo aver visto il modo in cui il partito ha attaccato l’Asahi Shimbun lo scorso anno, dopo aver ripreso articoli pubblicati negli anni ’80 e ’90 sulla questione delle donne costrette a lavorare nei bordelli militari prima e durante la seconda guerra mondiale. “Penso che la libertà di espressione e di stampa stiano scomparendo“, dice Gonoi. “Tutto ciò che critica il governo o è doloroso per le orecchie del LDP, viene inquadrato come antigovernativo. Questa, tuttavia, non è democrazia“. Sarà difficile comunque per l’LDP ignorare le varie proteste nazionali contro la legge sulla sicurezza. Siti web come Abe-no.net sono saltate sul carro, aiutando celebrità, accademici, musicisti, giornalisti, legislatori e avvocati ad inviare messaggi per fermare il primo ministro una volta per tutte. Inoltre,ci sarà la grande della manifestazione che si terrà a Tokyo, domenica. Gli organizzatori chiedono a 100000 persone di circondare l’ufficio del primo ministro, mentre sono previste altre manifestazioni in 200 luoghi in tutta la nazione. “La gente teme che 70 anni dopo possa esserci la fine della pace e della prosperità del dopoguerra e di non potere vederne il 100° anniversario“, dice Gonoi. “I cittadini del Giappone si sono svegliati partecipando a un movimento democratico per farsi sentire da fuori le mura della dieta“.

people-hold-placards-andTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...