Le operazioni della Russia spazzano via al-Qaida della CIA

Moon of Alabama, 2 ottobre 20151018546365Con 125 attacchi in tre giorni la campagna dei bombardamenti russi continua a montare. I media statunitensi sono ora ossessionati dall’idea che la Russia utilizzi “bombe stupide” invece delle “bombe a barili” siriane. Ciò è il nuovo tormentone propagandisitico. Ma i video della base aerea russa mostrano alcuni aerei armati con bombe guidate via satellite KAB-500S-E (GLONAST) che sono bombe “intelligenti”. (Altre foto e video della base aerea russa mostrano una vita molto piacevole, tra cui tende climatizzate, una tenda mensa, Gulaschkanonen, panificio, lavanderia ecc. Questa base non è un’installazione provvisoria). Oltre che non è più umano uccidere con una bomba intelligente che con una “bomba stupida” o “bomba barile”. Gaza è stata bombardata dagli israeliani con bombe intelligenti (prodotte dagli Stati Uniti), che non creavano meno distruzione o uccisioni. Il recente bombardamento saudita (con bombe prodotte negli Stati Uniti) dello Yemen, che ha ucciso 130 persone, è stato anche “intelligente” colpendo dritto su dove era stata puntata. I russi hanno bombardato, come ho già detto, per lo più il corridoio fino al confine turco, nelle mani dei mercenari al-Qaida e Ahrar al-Sham della CIA. Ha inoltre bombardato Raqqa, la capitale siriana dello Stato Islamico eliminando una dozzina di combattenti. In risposta a ciò lo Stato Islamico ha annullato la preghiera del venerdì a Raqqa, apparentemente per il timore che qualsiasi concentramento di combattenti dello SI verrebbe ora bombardato. Divertente. Gli Stati Uniti hanno rivendicato per un anno di aver seriamente bombardato lo Stato islamico. Ma la preghiera del venerdì non fu mai cancellata prima. Potrebbe essere che lo Stato Islamico non credesse alle affermazioni degli Stati Uniti, ma ora teme che i russi facciano sul serio?
L’Aeronautica siriana aveva evitato i bombardamenti nei pressi del confine con la Turchia, giustamente temendo che la Turchia potesse abbattere gli aerei siriani. Ma i russi possono farlo. Il bombardamento avviene con gli aerei da attacco al suolo costruiti appositamente, Su-24, Su-25 e Su-34, mentre sopra di essi vola la copertura dei superveloci caccia Su-30M armati di missili aria-aria a medio e lungo raggio R-27. Abbatterebbero qualsiasi aereo turco che cercasse di attaccare i bombardieri russi. Questo è il solo modo per impedire che Erdogan segua le sue idee stupide. La campagna aerea è anche ben coordinata con le forze governative siriane sul terreno. Da un pezzo del WSJ: “Migliaia di ribelli sono raggruppati in diverse enclave a nord di Homs, in città come al-Rastan e Talbisah. Jet russi hanno colpito obiettivi civili e militari in queste due città e cinque villaggi circostanti, ha detto Rashid al-Hurani, un ufficiale dell’esercito siriano dalla zona disertore presso i ribelli nel 2012. Ha detto che gli attacchi aerei sono stati seguiti da una raffica di tiri di artiglieria da diverse posizioni vicine, dove le milizie pro-regime alawita e sciite, tra cui un gruppo sostenuto dall’Iran noto come Liwa Ridha, si ammassano negli ultimi giorni”.
les-frappes-russes-du-30-septembre-2015L’esercito siriano presto attaccherà in coordinamento con l’Aeronautica russa e cercherà di riconquistare il territorio a nord lungo le autostrade M4 ed M5. Ciò ancora una volta consentirebbe un attacco più ampio fino al confine turco. I rinforzi di truppe a terra da Iran, Iraq e Hezbollah sono in viaggio o sono già arrivate. Assistiamo ai preparativi di una grande battaglia. The Guardian fa credere che gli Stati del Golfo contrasteranno la mossa russa, fornendo più armi: “La mossa della Russia rischia chiaramente la reazione dai Paesi che sostengono i ribelli. Secondo un analista indipendente, potrebbe essere già iniziata con il Qatar, agendo con il consenso dell’Arabia Saudita, che invia aerei carichi di armi nelle basi aeree turche. “Mi sarei aspettato un enorme flusso di armi verso nord per cercare di smorzare qualsiasi attacco di terra del regime”, ha detto l’analista. “La posta in gioco è molto alta”.” E gli aerei russi volano molto alto. Attualmente volano oltre i 5000 metri e nessun missile antiaereo portatile (MANPAD) può raggiungerli. Coloro che vengono bombardati nemmeno vedono o sentono gli aerei che arrivano. Ciò cambierà quando gli attacchi dell’esercito siriano e maggiore supporto diretto a terra saranno necessari, ma gli aerei da utilizzare saranno Su-25 e Su-34 costruiti a tale scopo e dalle cabine blindate.
La base aerea russa è protetta da una moderna difesa aerea a terra e sulle navi russe al largo. E’ protetta a terra da circa 1250 Marines russi, che avrebbero munizioni e altre forniture per almeno tre mesi. Nessuno vuole pasticciare con quella base e la campagna della Russia. Non può essere fatto senza grandi forze e farlo praticamente garantirebbe la guerra con la Russia, una superpotenza nucleare. La Siria è la sorella della Russia e verrà difesa. L’amministrazione Obama ha quindi deciso che non interferirà con gli attacchi russi ai mercenari della CIA e ai loro camerati di al-Qaida. Alcuni rilasciano dichiarazioni preoccupate, ma è solo spettacolo. Ma le candidate alle prossime elezioni presidenziali non sono così intelligenti. Hillary Clinton e Carly Fiorina hanno chiesto una no-fly zone degli USA sulla Siria settentrionale che naturalmente significherebbe iniziare la guerra con la Russia e i suoi alleati. Queste donne vogliono attaccare le forze russe per difendere al-Qaida! Nota: Il Paese che decide chi sorvola o meno la Siria è la Russia. Cari elettori statunitensi, siete pregati di non permettere mai più a questi maniaci di avvicinarsi al potere.
I mercenari della CIA in Siria, 10000 uomini addestrati, armati e pagati nell’ambito di un programma segreto, cooperano direttamente con i terroristi di al-Qaida e Ahrar al-Sham. Il NYT finalmente lo riconosce in due pezzi oggi. Il primo dice: “I combattenti che avanzavano qui (a settentrione) non erano dello Stato Islamico, ma dell’esercito della conquista, un gruppo che include una filiazione di al-Qaida nota come Fronte Nusra e altri gruppi islamisti, tra cui diversi gruppi secolari segretamente armati e addestrati dagli Stati Uniti”. Un secondo pezzo sull’esercito della conquista: “L’alleanza si compone di una serie di fazioni islamiste per lo più, tra cui il Fronte Nusra, affiliata siriana di al-Qaida; Ahrar al-Sham, un altro grande gruppo; e fazioni ribelli più moderate che hanno ricevuto segretamente armi dai servizi d’intelligence di Stati Uniti ed alleati”. I gruppi che combattono insieme nell’esercito di conquista, naturalmente, condividono armi, munizioni e altre forniture. Assai probabilmente hanno anche ideologie simili. La CIA di Obama, Petraeus e Brennan ha consapevolmente armato al-Qaida in Siria e l’ha fatto per un bel po’. Il NYT aveva sottolineato un anno fa che i mercenari della CIA collaborano con gli islamisti, ma il pezzo annacquava la cosa raffigurandola come problema minore. E’ anche abbastanza sorprendente che tra il pezzo del 2014 e i due pezzi di oggi, nessun pezzo del NYT sulla Siria ne parli, mentre invece si concentra sulla buffonata del Pentagono sui “cinque ribelli moderati“, un semplice diversivo. Il Pentagono fa lo gnorri sulle persone colpite dai bombardamenti russi delle posizioni di al-Qaida:
D: McCain dice che ha colpito i ribelli appoggiati dalla CIA. Voglio dire, presumibilmente, i vostri ragazzi guardano le stesse informazioni. È vero, o siete incerti? Qui dove siamo?
Col. Warren: Giusto, bene, ancora una volta, quello che dirò, Tom, è che non pensiamo che erano del SIIL. Sai chi sostiene chi, lo sai chi è, non ho intenzione di parlarne. Non lo faccio, soprattutto quando ne parli, si sa che non è nemmeno un’agenzia del DoD cui ti riferisci”. La prendo per una conferma.
Gli israeliani ora ammettono di collaborare con al-Qaida: “Insieme ad alcuni milizie locali, Nusra è responsabile della maggior parte della frontiera di 100 chilometri di Israele con la Siria sulle Alture del Golan. Negli ultimi anni, Nusra ha leggermente attenuato l’ideologia militante grazie all’influenza di Qatar e Arabia Saudita, che la finanziano…. Nusra ha il controllo della maggior parte del confine ma finora ha un tacito accordo a non puntare le armi contro lo Stato ebraico”. Nusra controlla il confine perché Israele sparava sull’esercito siriano quando Nusra ne aveva bisogno. Il pezzo del Jerusalem Post interessa anche riguardo al famoso piano di Odet Yinon, confermando che la distruzione delle nazioni del Medio Oriente in staterelli dei signori della guerra è supervisionata dai servizi segreti militari israeliani: “Alcuni anni fa, la comunità d’intelligence cominciò a rivalutare la realtà caotica emergente nel Medio Oriente. Mappe elaborate dal Servizio Studi e Ricerche dell’intelligence militare mostrano gli Stati sostituiti da organizzazioni…” Questo è il piano anche per la Siria. Ma con il supporto deciso che ora si forma per restituire i territori alla Siria, il piano potrebbe anche vacillare.1018546244

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Advertisements

One Response to Le operazioni della Russia spazzano via al-Qaida della CIA

  1. Pingback: Le operazioni della Russia contrastano al-Qaida e Ahrar al-Sham della CIA - Una Lira per l'Italia

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...