Borisoglebsk-2, la nuova arma segreta della Russia

Valentin Vasilescu, ZiaruldegardaReseau International 30 ottobre 2015Borisoglebsk3Abbiamo già presentato in un precedente articolo il sistema Krasukha-4 che disturba in continuazione la sorveglianza radar dei satelliti militari Lacrosse/Onyx degli Stati Uniti e dei radar montati sui droni RQ-4 Global Hawk, General Atomics MQ-1 Predator e MQ-9 Reaper. Nel frattempo, la NATO ha scoperto un’altra arma segreta della Russia, utilizzata per la prima volta in Siria, il Borisoglebsk-2. Il complesso multifunzionale Borisoglebsk-2 è un’unità tattica appositamente progettata per l’automazione integrata del C4I (comando, controllo, comunicazioni, computer, intelligence ed interoperabilità), assicurandone la supremazia nella guerra radio-elettronica (Electronic Warfare). Il Borisoglebsk-2 è stato creato dagli specialisti della Rostec per eseguire la scansione ad ampio spettro e raccogliere informazioni con cui attuare le misure da guerra elettronica per sopprimere le comunicazioni. Un’altra caratteristica del complesso Borisoglebsk-2 è la protezione dei sistemi di navigazione aerea dell’Aeronautica russa e la protezione contro la sorveglianza satellitare del nemico. I suoi obiettivi sono principalmente i radar a terra o aerei (AWACS), e le reti radio e di telefonia mobile. Nel campo della protezione, il complesso Borisoglebsk-2 (raggio stimato in 100-150 km) può neutralizzare le bombe intelligenti a guida GPS sganciate dagli aerei nemici. Inoltre, il Borisoglebsk 2 controlla automaticamente gli oggetti in movimento sul campo con il sottosistema Treker (che opera con la rete GLONASS/GPS). Questo sottosistema riceve informazioni in tempo reale dagli aerei senza pilota russi e tramite una linea dati. L’apparecchiatura Borisoglebsk 2 consente un elevato grado di precisione nel rilevare la posizione di qualsiasi trasmettitore, mentre aumenta la frequenza di rilevazione e ottimizza il monitoraggio di tutto lo spettro delle frequenze. La caratteristica principale del sistema Borisoglebsk-2 è che può funzionare senza alcun problema in un ambiente estremamente ostile, ad esempio in condizioni di forte interferenza creata dai più sofisticati mezzi della guerra radioelettronica. Il complesso Borisoglebsk-2 è composto da un posto di comando R-330KMV dove si svolge la gestione delle missioni e si coordinano le varie attrezzature di monitoraggio, protezione e scrambling (R-378BMV, R-330BMV, 934BMV-R, R-325UMV, ecc). I suoi componenti sono montati su 9 blindati ruotati o cingolati.85409-1-fIl giornale svedese “Svenska Dagbladet” pensa che la NATO si preoccupi che gli aerei “invisibili” F-35 e F-22 siano inutili verso i nuovi sistemi di guerra elettronica russi, perché i loro radar sarebbero disturbati come i loro sistemi di puntamento delle armi di bordo. Dall’agosto 2015, 10 sistemi Borisoglebsk 2 sono stati consegnati alle forze armate russe. Tra i beneficiari, c’è l’enclave di Kaliningrad sul Mar Baltico e il Comando Strategico meridionale (comprendente la Flotta del Mar Nero e le difese della Crimea). 14 altri sistemi saranno consegnati all’esercito russo nel 2016.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...