Uno sguardo alla Grande Sala Operativa di Putin

Tyler Rogoway NWO Report 21 novembre 2015 – Russia Insider1030538032Apparentemente tratto da un film di James Bond, abbiamo dato un sguardo al nuovo super-centro nervoso militare russo in azione, chiamato Centro Comando della Difesa Nazionale (NDCC), mentre i bombardieri pesanti russi facevano il loro debutto nel conflitto siriano. Questa è stata anche la prima volta che i venerabili Tu-95 e i Tu-160 vedvano il combattimento. I video qui sono stati pubblicati dal governo e dai media russi, mostrando il centro presumibilmente al lavoro, con una missione in corso dei bombardieri pesanti visualizzata su uno schermo enorme. Il video può anche avere involontariamente mostrato che la Russia ha avanzato unità di artiglieria ben oltre l’avamposto operativo nella città portuake siriano di Latakia, qualcosa che il Ministero della Difesa russo nega ancora. Questo immenso centro di comando e controllo militare è stato costruito in modo incredibilmente veloce, in meno di due anni, dall’esistente della Ministero della Difesa lungo la Moscova, a solo un miglio e mezzo a sud del Cremlino. Secondo la stampa russa è “più potente del Pentagono”, e la struttura ospita molte nuovi centri di comando e controllo, tutti presumibilmente induriti contro attacchi esterni. Inoltre, un labirinto tentacolare di tunnel sotterranei, vie e strutture di trasporto sarebbe presente sotto il centroo. Tre piazzole per elicotteri, di cui una mobile, sono utilizzate per i movimenti della dirigenza militare e politica della Russia tra i vari edifici. Il fulcro di questo complesso aggiornato è un veramente impressionante e gigantesco atrio centrale costruito in vetro e acciaio. La decisione di r-costruire l’impianto del Centro Comando della Difesa Nazionale fu presa da Vladimir Putin nel maggio del 2013 per la necessità di modernizzare, consolidare ed espandere il centro comando, controllo e informazioni di Russia e riuniendoli nel nuovo “governo in periodo bellico”. Tre grandi aree di controllo, simile ad un auditorium, del complesso comprendono il Centro di Controllo delle Forze Nucleari Strategiche, il Centro di Controllo operativo che analizza le minacce, e il Centro di Controllo delle attività che seguirebbe contratti e attività militari generali. Il Ministro della Difesa russo Sergej Shojgu descrisse l’impianto all’inaugurazione: “La creazione del centro è un passo importante verso la formazione di uno spazio unico per la soluzione dei compiti nell’interesse della Difesa del Paese, che permetterà lo svolgimento continuo di qualasi analisi della situazione e sviluppare i mezzi per rispondere ai cambiamenti e coordinare rapidamente l’attività degli organi federali del potere esecutivo nella Difesa“. Una delle sale comando e controllo si presenta in una versione futuristico e più luminoso di quanto descritto nel classico film da guerra fredda Dr. Stranamore. È dotato di una zona soggiorno centrale ad anelli e unos chermo di 180 per proiettare video continuamente. C’è anche una zona salotto e teatro per gli spettatori. Tablet PC appaiono in ogni postazione. La sala comando e controllo che abbiamo visto presieduta da Putin questa settimana è gigantesca con file e file di ufficiali seduti nelle postazioni dai computer identici, e tre anelli con postazioni. Sul secondo livello, in pieno centro, seduti dietro una balaustra in vetro smerigliato con una stella a cinque punte blasonata sopra, vi erano Putin ei suoi generali.
Durante il video, sembra che la sala sia utilizzata più che altro per dei briefing giganteschi, domandandosi cosa diavolo facciano tutti questi ufficiali davanti ai terminali di computer e su scrivanie molto pulite? Forse nel corso di un potenziale scambio nucleare, questi ufficiali avrebbero tutti un ruolo, ma sembrava che per le finalità di quel giorno e per le telecamere, l’impianto sia stato utilizzato come un gigantesco cinema. Nel caso dei computer, il nuovo centro utilizzerebbe solo componenti russe in modo da limitare le possibilità di spionaggio e cyber-intrusione. Questi terminali sono tutti collegati a un super-computer, il cuore del centro che sarebbe l’aggiornamento totale di ciò che Russia aveva utilizzato in passato. In realtà, i leader militari russi sostengono che il NDCC ha molto più potenza di calcolo del Pentagono, tre volte di più, secondo loro, e 15 volte la capacità di memoria. Questa potenza di elaborazione estrema sarà utilizzato per elaborare avanazati modelli matematici dei giochi di guerra col supporto dei più comiuni centri comandi, controllo e comunicazioni e attività di collegamento dati. Il terzo centro è una cavernosa sala rivestita in legno che non sembra avere scopi strategici rispetto alle altre due sale di controllo. Questo sarebbe il “centro di controllo delle attività quotidiane“, per lo volto a riunioni su appalti, informazioni e pianificazione militare meno urgente. Ancora una volta, tablet PC, avvolgenti schermi edelaborati lampadari sembrano essere di gran moda. Secondo notizie frammentate, altre strutture di comando e controllo nel Centro di Comando della Difesa Nazionale sembrano esistere oltre ai tre principali. Tra essi, ciò che sembra un Centro Comando operativo aereo, simile al Combined Air Operations Center statunitense, da cui si dirige la campagna aerea della Russia in Siria. Inoltre, la sala riunioni e controllo dell’esercito russo è stato appena aperto, decorata da legno dalle ricche tonalità più probabile da trovare in un vecchio tribunale che in un bunker militare. Sulla base di queste due note, si potrebbe pensare che ci sia qualcosa in opera per la Marina russa.
La Russia cercan di modernizzare le proprie forze dopo decenni di abbandono, anche se la strada è difficiltosa con il Paese in crisi economica per il crollo dei prezzi del petrolio e le sanzioni internazionali a causa dell’adesione della Crimea e il coinvolgimento nel conflitto in Ucraina. Il Centro Comando della Difesa Nazionale è chiaramente uno di questi progetti di modernizzazione, che da alla Russia una propria versione sfavillante del Pentagono. Non abbiamo modo di sapere quanto di ciò sia spettacolo e quanto funzionale. Né sappiamo per certo che altri usi potenziali questa struttura gigantesca possa avere. Indipendentemente delle reali capacità, è impressionante e alla fine, forse, è tutto ciò che conta.1019722230-1728x800_c

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

One Response to Uno sguardo alla Grande Sala Operativa di Putin

  1. Pingback: Uno sguardo alla Grande Sala Operativa di Putin | reparto27

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...