La risposta russa sconfiggerà la NATO in Siria

Tony Cartalucci NEO 12/03/201511215167L’analista geopolitico Christoph Germann inviava un assai sottile collegamento, quasi inosservato, su Twitter immediatamente dopo l’agguato degli F-16 turchi al Su-24 russo al confine siriano-turco, rimandando a un articolo pubblicato poco prima dell’incidente, dal titolo “Il Generale Selva dell’US Air Force visita Ankara per discutere di terrorismo e Siria”, che riportava espressamente: “Il Vicepresidente dell’US Joint Chiefs of Staff, Generale Paul J. Selva, inizia la visita ad Ankara per discutere con la Turchia di lotta allo SIIL e sicurezza delle frontiere nella regione. Selva, generale dell’aeronautica e secondo più alto ufficiale della nazione, dovrebbe cominciare i colloqui con ufficiali turchi oggi e compiere la prima visita dal Vicecapo di Stato Maggiore Generale Yasar Guler. Durante gli incontri, gli ufficiali discuteranno dei bombardamenti russi sulle aree popolate dai turcomanni in Siria, ed altre questioni relative alla regione”. Sembrerebbe che il generale degli Stati Uniti sapesse o avesse concluso l0attività con gli omologhi turchi quando la Turchia effettuava ciò che sicuramente fu la pianificata imboscata all’aereo da guerra russo presso il confine siriano-turco e, in particolare, sulle “zone in Siria popolate da turcomanni”. Non solo l’agguato turco all’aereo da guerra, che al massimo volò per soli 17 secondi nello spazio aereo della Turchia e nel peggiore dei casi, non c’entrò mai, ma inoltre i terroristi filo-NATO operanti in Siria vi parteciparono tentando di uccidere entrambi i piloti sparandogli mentre si paracadutavano, uccidendone uno, un crimine di guerra secondo la Convenzione di Ginevra, e attaccavano gli elicotteri di soccorso che tentavano di recuperare i piloti, uccidendo un marine russo. Diciassette secondi, se ciò fosse vero, non bastavano proprio a far decollare i caccia, acquisire i bersagli e abbatterne uno presso il confine. Per gli F-16 fu una coincidenza che i terroristi a terra attendessero i piloti sapendo che la Turchia li avrebbe abbattuti sul territorio siriano, richiedendo un’attenta pianificazione, giorni o settimane prima dell’agguato. Il risultato finale del “colpo da maestro” della NATO, sognato da quando le operazioni della Russia in Siria iniziarono, e ripetutamente richiesto soprattutto dal Senato degli Stati Uniti, ne dimostra l’infida depravazione sulla scena mondiale, un atto di slealtà che rivela ulteriormente il ruolo della NATO nell’alimentare, e non combattere, il terrorismo, spingendo la Russia a por fine a ciò che ha iniziato in Siria. E’ anche chiaro che, mentre gli Stati Uniti cercano di mantenere una negazione plausibile, l’atto di guerra della Turchia avviene non solo a nome della NATO anche, e forse soprattutto, degli Stati Uniti.

La Turchia è il ‘jolly’ della NATO
Turchia e Israele giocano il ruolo di “jolly” di NATO e Stati Uniti, in particolare, tentando di fingere l’incapacità di controllarli. Ciò permette agli Stati Uniti di compiere atti di aggressione per procura attraverso l’uso di forze militari convenzionali che da sé non sarebbero mai giustificabili. Turchia e Israele sono usati dagli Stati Uniti in questo modo, come rivelato già nel 2012 dal “Memo #21 sul Medio Oriente” del Brookings Institution, “Valutare le opzioni del cambio di regime”, che dichiarava: “Inoltre, i servizi d’intelligence israeliani hanno un’ampia conoscenza della Siria, così come delle risorse nel regime siriano che potrebbero essere utilizzate per sovvertire la base del regime e spingere per la rimozione di Assad. Israele potrebbe disporre forze sulle alture del Golan e, così facendo, distogliere le forze del regime dal sopprimere l’opposizione. Tale posizione può evocare il timore del regime di Assad di una guerra su più fronti, in particolare se la Turchia è disposta a fare lo stesso sul suo confine e se l’opposizione siriana è rifornita costantemente di armi e addestramento. Tale mobilitazione potrebbe forse convincere la leadership militare della Siria a cacciare Assad per preservarsi. Sostenendo che tale pressione ulteriore potrebbe far pendere la bilancia contro Assad in Siria, se altre forze vi si allineano correttamente”. Sembra una banale riscrittura del piano attuato ora, nonostante la presenza delle forze russe nella regione. Forse gli Stati Uniti ritengono che la Russia cercherà di evitare una guerra su due fronti con Turchia e Israele come combattenti al fronte e gli Stati Uniti a svolgere un ruolo in sordina per la negazione plausibile. Anche se la guerra non è l’esito finale previsto, forse gli Stati Uniti ritengono che tale pressione supplementare gli concedano una leva tanto necessaria nel conflitto che già chiaramente gli sfugge. A tal fine, dopo le azioni della Turchia, Ankara appare intenzionalmente provocatrice. Anche se sostiene di avere registrazioni degli “avvertimenti” trasmessi al Su-24 russo, i lettori dovrebbero ricordarsi di un’altra registrazione del gruppo dirigente della Turchia resa pubblica. Nel tentativo fallito di stabilire una “zona cuscinetto” nel nord della Siria, la Turchia fu colta a cospirare per effettuare un attentato sotto bandiera falsa sul proprio territorio per incolparne la Siria, giustificando così l’invasione del confine settentrionale della Siria. L’International Business Times nell’articolo “la Turchia vieta YouTube: trascrizione completa della conversazione sulla ‘guerra’ in Siria tra funzionari di Erdogan”, indicava che: “Il divieto del primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan di YouTube avviene dopo che una conversazione era trapelata tra il capo dell’intelligence turca Hakan Fidan e il ministro degli Esteri turco Ahmet Davutoglu che voleva rimuovere dal sito video-sharing. I dettagli della conversazione trapelata indicano l’idea di Erdogan che un attacco alla Siria “va vista come opportunità (della Turchia)”. Nella conversazione, il capo dell’intelligence Fidan dice che inviava quattro uomini dalla Siria ad attaccare la Turchia e “costruire il casus belli”. Il Vicecapo di Stato Maggiore tenente-generale Yasar Guler rispondeva che le azioni previste da Fidan sono “causa diretta della guerra … ciò che fai con un casus belli diretto“. E’ chiaro che per un certo tempo, la Turchia ha svolto il ruolo di provocatore intenzionale, cercando di “smuovere” una situazione altrimenti irrimediabilmente perduta, attraverso il terrorismo e ora, a quanto pare, atti di guerra.

Traguardo in vista, perdenti al seguito
Siria e alleati sembrano rendersi conto che nonostante la mole dei compiti, lo slancio è finalmente ed irreversibilmente a loro favore. Togliendo territorio ai terroristi della NATO e tagliandogli le linee di rifornimento dal territorio della Turchia, e dalla NATO, essenzialmente porranno fine alla guerra a favore di Damasco, Teheran e Mosca. I tentativi di provocare la Russia, per quanto allettanti, vedranno opporsi Mosca. Qualsiasi ritorsione della Russia alla Turchia di fatto negherà qualsiasi influenza sulla missione primaria in Siria, vincere la guerra. Con i migliori sistemi di difesa aerea russi nella regione, la posta in gioco si alza, assieme al costo di ulteriori provocazioni, non solo per la Turchia ma per la NATO. Gli F-16 che dovessero tentare l’agguato a un altro aereo militare russo verranno abbattuti smontando l’invincibilità della potenza aerea di cui la NATO ha goduto per anni, evaporando nella battaglia che l’alleanza militare egemone già perde. Le nazioni corteggiate per accedere nella NATO e gli alleati geostrategici del blocco antiquato, inizieranno a ripensarci nell’accettare un ruolo subalterno in un’alleanza chiaramente incapace di vincere le guerre o persino singoli scontri. Già si mormora nei corridoi del potere nel mondo che “la vittoria” della NATO su un solo Su-24 russo già sia costata settimane di programmazione, tradimento assoluto, enormi spese in capitale politici e palesi crimini di guerra uccidendo un pilota e un marine. E’ improbabile che la NATO possa orchestrare un altro agguato del genere, ma anche potesse confermerebbe ulteriormente al mondo i vuoti che dovrebbe colmare per pareggiare superficialmente la Russia in un conflitto che altrimenti ha chiaramente perso. Obiettivo di Siria e Russia sarebbe aumentare in modo esponenziale il costo per la NATO d’essere entrata nel conflitto siriano. Il presidente degli USA Barack Obama sul “diritto di difendersi della Turchia” non è solo estremamente ipocrita, ma anche auto-incriminante, presentando a Siria e alleati la possibilità di cancellare finalmente dai suoi cieli l’intrusione di aerei da guerra occidentali. Se la Turchia è giustificata ad abbattere un aereo da guerra nei pressi dei confini sapendo che non aveva alcuna intenzione di attaccare il territorio turco, allora sicuramente la Siria ha tutto il diritto di abbattere gli aerei occidentali che certamente ne attaccano il territorio. In alternativa, ampliando la presenza della Russia in Siria e accelerando l’eradicazione dei terroristi della NATO, la NATO avrà scarsi motivi per giustificare ulteriori interventi aerei sulla Siria, per non pensare via terra. Con ogni probabilità, l’atto di guerra inaudito della Turchia era in parte motivato dalla comprensione di tale realtà in rapida affermazione.CUwpnAdUAAA3TQhTony Cartalucci, ricercatore geopolitico e scrittore di Bangkok.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

One Response to La risposta russa sconfiggerà la NATO in Siria

  1. Pingback: Perché la Russia può sconfiggere l’occidente | Una Lira per l'Italia

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...