Come opera il Centro di Controllo della Difesa Nazionale della Russia?

South Front 10/12/2015Брифинг минобороны РФ в связи с катастрофой Boeing 777 в Донецкой областиIl Centro di Controllo della Difesa Nazionale della Federazione russa segna il 1° anniversario di prontezza operativa. Il 1° dicembre 2014 iniziava l’operatività del Centro di Controllo della Difesa Nazionale della Federazione Russa, nel complesso del Ministero della Difesa sul molo Frunze. Attivata un anno fa, la struttura succede al Centro di comando centrale dello Stato Maggiore Generale delle Forze Armate della Federazione Russa. L’ordine dell’istituzione del centro fu emesso dal Presidente Vladimir Putin il 10 dicembre 2013, adottando la decisione di creare il Centro per la Difesa migliorando il sistema di comando e controllo e l’economia del Paese. Era necessaria una struttura per il coordinamento operativo delle 52 autorità esecutive federali e dei tre enti statali coinvolti nella Difesa. Il centro non duplica le funzioni dello Stato Maggiore, responsabile della pianificazione strategica.

“Questo è il nostro cervello”
Sulla base dei dati disponibili, il Centro per la Difesa Nazionale è la struttura info-analitica utilizzata da Comando Supremo, Stato Maggiore e altre unità del Ministero della Difesa. Le risorse del centro possono essere utilizzate per una varietà di scopi, dall’organizzazione di eventi alle operazioni militari su larga scala. Il Centro della Difesa è simile al meccanismo di un orologio impegnato principalmente nella raccolta ed elaborazione delle informazioni dalla Russia e dal mondo. L’anno scorso il Ministro della Difesa Sergej Shojgu disse quanto segue: “Questo sistema di controllo profondamente integrato delle Forze Armate è un moderno quartier generale. E’ il nostro cervello“. Valerij Gerasimov, Capo di Stato Maggiore, riflettendo sulla natura operativa del centro, sollevava un poco il coperchio del segreto militare. Il comandante rivelava parte dell’organizzazione del Centro. Secondo Gerasimov, il personale in servizio riferisce 20 – 25 volte al giorno. I rapporti, redatti dagli analisti del centro, delineano specifiche azioni immediate da prendere in risposta a diverse situazioni. Gerasimov prende le decisioni su come procedere, se necessario con il contributo del Ministro della Difesa. “La presenza di un tale quadro minimizza il tempo del processo decisionale per una risposta adeguata alla situazione, se si tratta di processi in corso o azioni ostili alla sovranità dei territori russi… Abbiamo ridistribuito i compiti del centro che richiedono una continua prestazione, impostando le regole per lo scambio di informazioni e l’interazione“, ha detto Gerasimov. Il Centro per la Difesa Nazionale opera tutto il giorno grazie agli ufficiali in servizio a tutti i livelli tattici e strategici. I dipendenti sono operativi nei locali appositamente attrezzati, secondo lo Stato Maggiore, dei più moderni sistemi di comunicazione e di automazione. “E’ importante che la struttura dei turni di servizio operativi e manutenzione delle attività del centro non cambi nella transizione dal tempo di pace al tempo di guerra. Il volume delle informazioni cambia, l’intensità delle analisi e la preparazione delle relazioni aumentano. Gli affidabili sistemi del centro continuano ad operare in qualsiasi circostanza o situazione“, aggiungeva Gerasimov. Viene riportato sui mass media che il personale in servizio è di stanza in varie località del Paese, da Kaliningrad alla Kamchatka. La loro funzione è raccogliere dati sulla situazione politico-militare e inviarli a Mosca. Le informazioni che arrivano al centro includono informazioni su eventi e aggiornamenti sull’esecuzione degli ordini.

Supercomputer
La struttura del Centro non è nota. Lo Stato Maggiore ha rivelato alcuni dettagli su Centro di controllo delle Forze nucleari, Comando strategico e Centro di controllo delle attività quotidiane, le restanti divisioni sono classificate “segrete”. Il lavoro tecnico del centro è svolto da un supercomputer, o meglio da diversi supercomputer in rete situati nei vari centri di calcolo della Russia. La macchina analizza dati da mass media e social network, in 6 lingue. Il supercomputer è anche usato per simulare guerre e operazioni di combattimento. Il Ministero della Difesa ha riferito che il loro ‘Miracolo del calcolo’ ha prestazioni di gran lunga superiori a qualsiasi analogo estero, compresi quelli del Pentagono. Il sistema dei supercomputer nazionale ha una capacità di 236 petabyte di memoria, le prestazioni della macchina sono pari a 16 petaflop, e la velocità di elaborazione delle informazioni sufficienti ad elaborare 50 Biblioteche Lenin in un secondo. In confronto, il volume della memoria dei computer degli USA è di 12 petabyte, e le prestazioni pari a 5 petaflop. I risultati sono evidenti. Nel 2013, quando l’informazione sull’apertura imminente del Centro per la Difesa fu diffusa, gli esperti militari cominciarono accese discussioni sulla necessità di tale organismo. Gli esperti sottolineavano che la struttura dello Stato Maggiore delle Forze Armate aveva già il Centro di Comando Centrale e il Centro Situazione del Ministero della Difesa. L’analista militare Dmitrij Litovkin disse che la discussione delle nuove iniziative militari era una pratica utile: “Se non fosse per i critici e gli scettici, il Centro nazionale non avrebbe raggiunto tali risultati. Il Ministero della Difesa ha recentemente iniziato a prestare attenzione all’opinione pubblica e alle valutazioni delle proprie attività. Oggi possiamo dire che i risultati del Centro e la necessità della sua creazione sono indubbi. Quando tutto è cominciato, era difficile immaginare la portata del cambiamento tecnico e organizzativo del Centro per la Difesa“, ha detto Litovkin, secondo cui il vantaggio principale del Centro è aver riunito in un solo edificio sul molo Frunze esperti di alto livello dalle diverse specializzazioni. “Shojgu siede accanto a molti leader dalle diverse generazioni e prospettive e a militari che possono fare le loro proposte sulla situazione“, ha detto l’analista. “Grazie a questo Centro, i passaggi nel processo di emissione degli ordini sono diminuiti in modo significativo, con un significativo aumento dell’efficienza. Le informazioni vengono ricevute da media e da navi e aeromobili che operano lontano dalla Russia, il tutto in un unico posto. Questo sistema permette di prendere decisioni immediatamente“, sottolineava Litovkin.
L’istituzione del Centro per la Difesa Nazionale è stata sicuramente la decisione giusta di Vladimir Putin. Il Ministero della Difesa è riuscito a risolvere il problema della creazione di un supercomputer nazionale e di un sistema di comando e controllo automatizzato. Il processo di realizzazione del Centro per la Difesa fu lanciato in un momento relativamente tranquillo, ma l’attuale situazione militare-politica ha pienamente dimostrato la necessità di tale struttura.fz3NKtBcgAzOz0oZaDEINtwDa61xOOIETraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Advertisements

One Response to Come opera il Centro di Controllo della Difesa Nazionale della Russia?

  1. Pingback: Come opera il Centro di Controllo della Difesa Nazionale della Russia? | Misteri e Controinformazione - Newsbella

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...