Siria, cimitero della NATO

Siria ed intrighi terroristici della NATO in Turchia
Nuray Lydia Oglu, Hiroshi Saito e Lee Jay Walker, Modern Tokyo Times, 18 dicembre 2015

Aiutateci a combattere lo SIIL... Siamo pronti ad aiutarvi!

Aiutateci a combattere lo SIIL… Siamo pronti ad aiutarvi!

Il governo laico della Siria continua a tenere testa ai tanti intrighi di Golfo e occidente che cercano di spodestarne a tutti i costi l’attuale leadership. Prima delle ingerenza estere, non un media o leader politico può indicare un qualsiasi momento della storia della Siria del Presidente Bashar al-Assad, in cui persone fuggivano dalle forze armate della nazione. Al contrario, la Siria era solidamente indipendente e le minoranze religiose come i cristiani potevano fuggire dall’Iraq trovandovi rifugio. Tuttavia, dopo la scomparsa del Colonnello Gheddafi in Libia le potenze di Golfo e NATO credevano di poter dettare il futuro di Medio Oriente e Nord Africa con la destabilizzazione e l’ingerenza. Vergognosamente, i media internazionali occidentali e dei regni feudali del Golfo, spacciarono un’enorme disinformazione. Dopo tutto, fin dal primo giorno le cosiddette forze della democrazia linciarono soldati siriani e uccisero persone ritenute fedeli al governo. In un tempo così breve, l’esercito libero siriano (FSA), proprio come l’Esercito di liberazione del Kosovo e le numerose milizie in Libia, apparve velocemente. Ovviamente, le ragioni di tutto ciò sono gli intrighi internazionali emanati nei corridoi del potere ad Ankara, Doha, Londra, Parigi, Riyadh e Washington. Il primo ministro Erdogan, oggi presidente, continua a tirare le fila della NATO in Turchia. In altre parole, SIIL (Stato islamico), al-Nusra, FSA e una serie di gruppi terroristici e settari assieme ai singoli terroristi entrati in Siria da una moltitudine di nazioni, continuano ad avere un santuario al confine tra Siria e Turchia. Non solo, l’equipaggiamento militare e logistico dei terroristi, agenti segreti, mercenari, terroristi, settari e così via, trovano un amico ad Ankara. Nonostante ciò, in alcun momento la Turchia viene minacciata di espulsione dalla NATO e allo stesso modo sa che il presidente Obama non ostracizza le élite politiche di Ankara, nonostante le evidenti collusioni con i terroristi. In effetti, sembra che Obama nemmeno prenda nota di ciò che Jobe Biden (vicepresidente degli USA) dice. Dopo tutto, il vicepresidente dichiarò: “I turchi sono grandi amici, ho un ottimo rapporto con Erdogan e passo molto tempo con sauditi, emirati, ecc., ma cosa fanno? Erano così decisi ad abbattere (il presidente siriano Bashar) Assad creando essenzialmente una guerra tra sunniti e sciiti”. Biden proseguì: “Cosa hanno fatto? Hanno versato centinaia di milioni di dollari e migliaia di tonnellate di armi a tutti coloro che lottano contro Assad, tranne che chi veniva rifornito erano estremisti jihadisti provenienti da altre parti del mondo, al-Nusra e al-Qaida“. Il portavoce delle YPG, Polat Can, citato da Newsweek indicava: “Vi è più di una prova sufficiente a dimostrare che l’esercito turco fornisce ai terroristi dello SIIL armi, munizioni e gli permette di attraversare i valichi di frontiera ufficiali turchi, consentendo ai terroristi dello SIIL di compiere attentati disumani contro il popolo curdo nel Rojava (nord-est della Siria)“.
In un articolo scorso di Modern Tokyo Times si diceva: “è evidente che i gruppi di al-Qaida come al-Nusra trovano rifugio naturale nei pressi della NATO, in Turchia e Israele. Allo stesso modo, SIIL e il mondo segreto del MIT della Turchia sono coinvolti in molte realtà subdole. Infatti, foto dimostrano l’invio di armi a vari gruppi terroristici e settari. Inoltre, settari militanti di FSA, Nusra, SIIL e altri gruppi terroristici e settari, sono apertamente curati dalla NATO in Turchia dopo essere stati feriti in Siria. Tuttavia, Obama e le altre élites politiche diffondono un falso mantra, perché la minaccia al mosaico del Levante e dell’Iraq deriva dai crimini commessi dalle potenze occidentali e del Golfo, assieme all’agenda geopolitica della Turchia“. Obama conosce bene la verità dichiarata dal vicepresidente degli USA sul ruolo della Turchia nell’aiutare i jihadisti internazionali come lo SIIL. Infatti, il ruolo della CIA è ugualmente torbido in relazione alle varie ratlines terroristiche. Tuttavia, anche elementi a Washington prendono le distanze dallo SIIL che minaccia l’Iraq. Nonostante ciò, è chiaro che l’attuale bombardamento statunitense dello SIIL appaia una strana guerra, dopo tutto la base del potere dello SIIL permane. Inoltre, Kobane ha evidenziato il carattere limitato dei bombardamenti statunitensi e come la logistica dello SIIL continuasse ad alimentare l’attacco su Kobane per diversi mesi. Tornando alla NATO in Turchia, con l’assenza di una pressione su Ankara dal blocco militare, ovviamente, qualcosa non funziona. Dopo tutto, se la NATO sarebbe in lotta contro il terrorismo, allora come è possibile che la Turchia ospiti diversi gruppi terroristici e settari? Naturalmente, la debacle libica evidenziò chiaramente la realtà della NATO che bombardava dal cielo mentre agenti segreti agivano sul terreno. Più importante, era chiaro che le forze di al-Qaida e altri gruppi terroristici collaborassero con essa in Libia. In altre parole, le potenze della NATO sono diventate i bombardieri in appoggio delle varie milizie affiliate o meno ad al-Qaida. Tuttavia, òa Turchia, secondo importanti élite politiche degli USA, ormai appare una potenza della NATO utilizzata e manipolata per sconfiggere il governo laico della Siria. Il senatore Rand Paul (R-Ky) sottolinea la politica alienata dell’amministrazione Obama, dicendo: “Credo che uno dei motivi per cui lo SIIL viene incoraggiato è perché armiamo i suoi alleati. Siamo alleati dello SIIL in Siria”. Rand Paul prosegue: “Abbiamo combattuto al fianco di al-Qaida, che combatte al fianco dello SIIL… lo SIIL viene ora incoraggiato in due Paesi. Ma ecco l’anomalia. Siamo con lo SIIL in Siria. Siamo dalla stessa parte. Quindi, coloro che vogliono fermare lo SIIL in Iraq, ne sono alleati in Siria. È la vera contraddizione di tale politica”.
Nel caso della Turchia, a differenza delle politiche alienate di Washington, è chiaro che Ankara si concentra solo sulla sconfitta del governo della Siria e ad evitare che i curdi si rafforzino. Ciò significa che SIIL e jihadisti internazionali hanno un gradito amico ad Ankara e questo dovrebbe far vergognare le NATO e l’alienata amministrazione Obama. A livello internazionale, la Libia fu estremamente dubbia, perché ovviamente gli affiliati di al-Qaida e altre forze terroristiche ebbero un obiettivo simile cacciando Gheddafi. Pertanto, le forze aeree di certe potenze della NATO ne furono alleate disponibili, ed oggi la Libia è uno Stato fallito dove gli affiliati di al-Qaida, varie milizie e SIIL l’hanno mutata in un incubo totale. Nonostante ciò, le potenze della NATO sostennero di aiutare le forze democratiche in Libia ma, naturalmente, oggi è chiaro che non era così. Tuttavia, per la Turchia della NATO, appare chiaro che i jihadisti internazionali provenienti da tutto il mondo possono utilizzarla ricevendo notevoli equipaggiamenti militari. In altre parole, la Siria è il cimitero della NATO, perché in alcun momento la Turchia viene minacciata di espulsione dall’organizzazione, pur essendo apertamente condannata dal vicepresidente degli USA e da molti altri.turkaturkar-e1412623867483Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

One Response to Siria, cimitero della NATO

  1. Pingback: Siria, cimitero della NATO | Misteri e Controinformazione - Newsbella

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...