La Corea democratica conferma il test riuscito della bomba all’idrogeno

Il test della “bomba all’idrogeno” della Corea democratica ha successo
Moon of Alabama1032253950Poche ore fa la Corea democratica detonava un altro ordigno nucleare. E’ il quarto test di una bomba nucleare e la 2055.ma detonazione nucleare nel mondo. Le prime stime dai dati sismici rilevati in Cina e altrove, indicano che la bomba aveva una potenza di circa 10 kilotoni. La fiera presentatrice nordcoreana annunciava alla TV che gli scienziati hanno fatto esplodere una “bomba H miniaturizzata“. L’annuncio dice che “si è scientificamente testata la potenza della bomba H più piccola del mondo“. La bomba all’idrogeno si compone di due stadi. Un dispositivo primario a fissione nucleare che esplode innescando un secondo dispositivo a fusione nucleare a isotopi dell’idrogeno. Tali bombe sono molto potenti e la piuttosto bassa potenza da 10kt rende dubbio che si tratti di una effettiva bomba H che di solito sono assai più potenti. I test precedenti di bombe a fissione nordcoreane ebbero potenze di 1, 4 e 9 kt. Il primo è considerato un fallimento parziale. Il quarto test, di oggi, potrebbe essere stato un disastro parziale per una bomba H, o un semplice ordigno a fissione basato sul trizio, probabilmente per raggiungere una reazione potenziata. Solo la misurazione dei radionuclidi derivanti dal test renderà possibile determinarne la configurazione reale. C’erano stati recenti segnali su un altro imminente test nucleare della Corea democratica. Le immagini satellitari mostravano un nuovo tunnel dei test scavato in una montagna. C’erano voci dal 2013 secondo cui la Corea democratica lavorasse a un ordigno ad idrogeno. Ai primi di dicembre, il leader nordcoreano annunciava che il Paese era pronto a testare una bomba H, ma fu definita dagli Stati Uniti una spacconata. Gli annunci della Corea democratica sono di solito esagerati ma fondamentalmente veri. Ritengo, pertanto, che ci sia stato il test di una bomba H, come annunciato, ma dal successo solo parziale.
Dopo la guerra, la Corea democratica fu completamente rasa al suolo. Quasi alcuna struttura era stata lasciata in piedi. Fabbriche, rete elettrica e dighe furono distrutte: “Gli aerei statunitensi sganciarono 635000 tonnellate di bombe sulla Corea, in sostanza la Corea democratica, comprese 32557 tonnellate di napalm, rispetto alle 503000 tonnellate di bombe sganciate su tutto il teatro del Pacifico nella Seconda Guerra Mondiale”. Da allora una quantità enorme del Prodotto interno lordo della Corea democratica è stata spesa per l’esercito. Quando iniziò a testare ordigni nucleari, la Corea democratica annunciò che avrebbe utilizzato nuovi metodi per sostituire o ridurre le forze convenzionali. I risparmi sarebbero stati utilizzati per aumentare il tenore di vita del popolo. Valutazioni strategiche dicono che il suo sviluppo nucleare e missilistico non mira a creare una prima forza d’urto, ma una capacità di deterrenza. La Corea democratica considera gli Stati Uniti e il governo sudcoreano influenzato dagli Stati Uniti, quali suoi primi nemici e aggressori e il Giappone quale minaccia secondaria. Cina e Russia sono viste come Paesi amichevoli, ma tenute a distanza. Mentre gli Stati Uniti sviluppano il loro ‘perno in Asia’ anti-cinese, spingendo per politiche più dure in Corea del Sud e Giappone e per un’alleanza tra questi nemici storici. Nonostante i governi di destra e dalla linea dura in entrambi i Paesi, tale strategia avanza lentamente. Il test della Corea democratica probabilmente consentirà ulteriori passi verso una struttura tipo NATO anti-Cina e anti-Corea democratica.

La Corea democratica conferma il test riuscito della bomba all’idrogeno
Sputnik 06/01/2016

koreaLa Corea democratica ha annunciato il test riuscito di una bomba all’idrogeno nella dichiarazione speciale trasmessa dalla TV Centrale del Paese e dalle TV della Corea del Sud. Secondo la dichiarazione, Pyongyang ha sostenuto che il test è un diritto del Paese all'”auto-difesa” e ha promesso di non usare armi nucleari se la comunità internazionale ne rispetta la sovranità. Pyongyang ha anche detto che è pronta a continuare lo sviluppo attivo dell’industria militare e delle armi nucleari in caso di possibili minacce. In precedenza, la Corea del Sud aveva affermato che la Corea democratica avrebbe condotto il test nucleare che ha causato un terremoto nel Paese. I servizio meteo della Corea del Sud avevano riferito che il terremoto è di “natura artificiale”. L’USGS dice che il sisma era di magnitudo 5.1 con epicentro nella contea di Pekam, provincia di Yangkang. L’intelligence della Corea del Sud sostiene che la Corea democratica non ha notificato a Stati Uniti e Cina i piani per condurre il test nucleare, secondo l’agenzia Yonhap che citava un rappresentante dell’intelligence sudcoreana. Nel 2003 Pyongyang si ritirò dal Trattato Internazionale di Non Proliferazione Nucleare (TNP), l’accordo che dovrebbe impedire la diffusione della produzione di armi nucleari e possibile utilizzo. Nel 2005, la Corea democratica si dichiarava potenza nucleare e conduceva diversi test nucleari, scatenando le preoccupazioni della comunità internazionale, in particolare nella vicina Corea del Sud. Quattro anni dopo, Pyongyang ha testato altre armi nucleari. I dati ufficiali sul programma nucleare del Paese non sono stati emanati, e la ricerca sul tema si basa su osservazioni estere e segnalazioni delle autorità nordcoreane. A dicembre, il leader nordcoreano Kim Jong Un aveva detto che il Paese ha la bomba all’idrogeno ed è pronto a usarla per “proteggere sovranità e dignità nazionale“.

La Corea democratica spende un quarto del PIL per le Forze Armate
Sputnik 05/01/2016

f668acdf42294ce988a2b8cfdfc034eeNessun altro Paese al mondo può essere paragonato alla Corea democratica, dove la popolazione sopporta un’incredibile onere militare in 60 anni di braccio di ferro con l’avversario del sud. La spesa militare è misurata confrontando spese militari e prodotto interno lordo (PIL) di una nazione. La media annuale è circa 2% nel mondo, secondo l’ultimo rapporto World Military Expenditures and Arms Transfers 2015 del dipartimento di Stato degli Stati Uniti. La Corea democratica è unica in questo senso, esercito, marina ed aeronautica raccolgono quasi un quarto del PIL, il 23,8% per la precisione, secondo il rapporto. Nel frattempo, il principale rivale del Paese, la Corea del Sud, ha una spesa militare del 2,5%, mentre gli Stati Uniti, principali alleati di quest’ultima, dedicano il 4,3% a tali spese. Le confinanti Cina e Russia hanno dati vicino a 2,1% e 3,7% rispettivamente. L’incomparabile spesa militare dalla Repubblica Popolare Democratica di Corea deriva dall’estremamente basso prodotto interno lordo, 101.mo nel mondo, stimato dal 2002 al 2012 a soli 17 miliardi di dollari l’anno. Nello stesso periodo, la Corea del Sud era 14.ma a livello globale, con 1010 miliardi di dollari di PIL, e gli Stati Uniti primi con un PIL medio di 15400 miliardi di dollari. Inoltre, la Corea democratica è al 4° posto mondiale per effettivi nelle forze armate, 1170000 nel 2002-2012, e solo 679000 militari nella Corea del Sud, 7.ma nel mondo. Per numero di personale militare Cina, Stati Uniti e Russia sono 1°, 2° e 5° rispettivamente, stimando 2,21 milioni nella Repubblica popolare cinese, 1,41 negli Stati Uniti d’America e 1 milione nella Federazione russa.

Sukant Chandan – Sons of Malcolm

trtworld-nid-7086-fid-31452Nel 1945 il popolo coreano rovesciò l’imperialismo giapponese e occidentale con la rivoluzione radicale dei socialisti e comunisti guidati dal defunto presidente della Corea democratica “socialista” (Repubblica Democratica Popolare di Corea) Kim Il Sung. Dal 1945 fino alla guerra di aggressione imperialista e al genocidio della “Guerra di Corea” nel 1950, gli imperialisti uccisero quasi mezzo milione di persone e distrussero gran parte del territorio. Nella guerra di aggressione del 1950-1953 circa 4 milioni di coreani furono uccisi dall’imperialismo, Pyongyang venne rasa al suolo e Stati Uniti e Regno Unito imperialisti imposero la divisione del Paese, colonizzando il sud ancora occupato da decine di migliaia di truppe statunitensi, dove oltre 1000 nucleari sono puntate su Pyongyang, capitale della Repubblica Popolare Democratica di Corea. La Repubblica Popolare Democratica di Corea da sempre sostiene l’eliminazione delle interferenze imperialiste in Corea e la riunificazione pacifica della Corea con la strategia “un Paese, due sistemi”. Oggi Pyongyang si erge a bellissima città e il Paese continua a far progredire diritti e liberazione del popolo. La lotta del popolo coreano e della RPDC hanno fortemente ispirato molti nel mondo, anche Guevara che considerava i Paesi socialisti Corea, Cina e Vietnam esempi più importanti del socialismo e della rivoluzione ai popoli del mondo. I movimenti di liberazione africani e neri s’ispirarono soprattutto dalla Repubblica Popolare Democratica di Corea, con le pantere nere che inviarono delegazioni di solidarietà e avevano Kim Il Sung sulla prima pagina del loro giornale, incoraggiando la gente a studiare la Repubblica Popolare Democratica di Corea e il suo concetto di indipendenza e socialismo. La Nation of Islam, i partiti rivoluzionari e socialisti di tutti i popoli africani, Tanzania, Libia, Zimbabwe, Algeria, Siria e Cuba sono tra i pochi Paesi che hanno avuto e continuano ad avere strette relazioni con la Repubblica Popolare Democratica di Corea.
Mumia Abu Jamal, prigioniero politico negli Stati Uniti, ex-leader dei giovani delle Pantere Nere, racconta nel suo libro autobiografico “Vogliamo la libertà” come pantere e Nation of Islam vedessero Kim Il Sung e Corea democratica quali grandi esempi:
Grida di “aiutateci a liberare Huey!” si mescolavano a “Salam alayqum, fratello!” lottando per vendere il proprio prodotto. “Yo, fratello! Scopri cosa cazzo succede laddove la struttura di potere bianco non parla! Compra The Black Panther, solo un quarto di dollaro!” “Salam Alayqum, sorella! Ritorna con i tuoi! Leggi Muhammad Speaks! Venticinque centesimi!” Per quasi un’ora la vendita continuò, nutrita ed affamata dal flusso di passanti che costeggiavano i treni fermi sovrastati da un sibilo. Dopo un po’ abbiamo avuto una conversazione:
“Fratello, devi andare con l’onorevole Elijah Muhammad, e smetterla di seguire quei demoni di Marx e Lenin, e quegli altri.”
“Beh, fratello, dovresti conoscere il ministro della Difesa Huey P. Newton, e il Black Panther Party”.
“Dovresti seguire un nero, fratello, non degli ebrei come Marx e Lenin!”
“Siamo rivoluzionari, fratello, e noi studiamo i rivoluzionari di tutto il mondo. Non c’importa di quale razza siano”.
“Posso vedere, fratello”, guardando una copia di The Black Panther indicando la foto di un asiatico sulla copertina, un uomo capelluto.
“Chi è questo, fratello?”
E’ “Kim Il Sung, il leader della Corea democratica, un rivoluzionario”.
“Vedi quello che dico, fratello? Ecco qui si parla di un altro uomo! Non ha niente da dire alla gente di colore, fratello!”
“Beh, se è così, fratello, perché compare sul tuo Muhammad Speaks?”
“Cosa dici, che mi dici, fratello?” rispose, apparentemente scioccato dalla domanda.
Leggevo e studiavo il suo giornale abbastanza regolarmente, linea, notizie e commenti, ma dubitavo che avesse mai letto qualcuno dei nostri. Sembrava logico per qualcuno assegnato alla Costa Est dal ministero dell’Ufficio Informazioni, e mi ricordai la lettura di quella settimana del numero di Muhammad Speaks.
“Guarda, fratello, nella sezione delle vostre notizie internazionali”.
Incredulo sfogliava le pagine finché, alla fine, apparve l’articolo con la foto di Kim Il Sung. Lo guardò, e poi si voltò verso di me, sorridendo. “Sissignore, fratello. Sissignore. Um-humm…”
“Ciò che abbiamo imparato da lui era l’idea del Juché, parola coreana che significa autosufficienza!
Negli anni ’90 e 2000 c’era una situazione molto precaria nella Repubblica Popolare Democratica di Corea, essendo crollato il blocco orientale socialista antimperialista, comportando problemi economici alla Repubblica Popolare Democratica di Corea, e gli USA guidarono la carica che minacciava una guerra distruttiva contro la RPDC col loro ridicolo “Asse del male”. Mentre Regno Unito e Stati Uniti distrussero Iraq e Afghanistan, con la scuse delle menzogne, minacciarono anche la Repubblica Popolare Democratica di Corea. La RPDC dimostrò la sua potenza coi test delle armi, dimostrando agli imperialisti che la Corea democratica è pronta alla guerra totale di popolo ed è disposta a difendersi con tutti i mezzi a disposizione. La Repubblica Popolare Democratica di Corea di oggi dimostra come un piccolo Paese del sud globale può opporsi al più potente sistema imperialista e genocida del mondo avendo rapporti stretto con Russia e Cina e soprattutto un popolo unito a un esercito militante e a una leadership che utilizza tutti i mezzi di autodifesa per consolidare la massima sicurezza nel garantirsi l’indipendenza. Basta solo guardare la Libia, Paese ex-socialista e alfiere dell’indipendenza pan-africana e pan-araba, distrutto soprattutto perché non aveva la capacità militare di proteggersi dalla NATO.
La RPDC è uno dei principali fari della lotta antimperialista e socialista, conquistando successi con le grandi vittorie contro l’imperialismo, a cui assistono i popoli del mondo che lottano per l’indipendenza e il socialismo.north-korea-issues-new-threat-to-u-s-bases12Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...