“La guerra in Siria terminerà con la sconfitta della NATO”

Guerra in Siria, intervista ad Alessandro Lattanzio
Intervista a cura di Daniele De Quarto, Giano Bifronte

Alessandro, grazie per aver accettato questa intervista per Giano Bifronte che ci aiuterà a fare chiarezza su di un conflitto cruciale per le sorti del Medio Oriente e non solo.12650918Veniamo subito a noi. Ripercorriamo la storia della Siria degli ultimi sei anni. Perché è scoppiata la guerra civile nel 2011 e come si è arrivati al coinvolgimento diretto di attori esterni, su tutti la Russia?
Il coinvolgimento è esterno fin dall’inizio, poiché la rivolta in Siria era stata prevista e pianificata da anni dalle agenzie d’intelligence e dagli enti governativi d’influenza strategica (i think tank) degli USA, spesso con iniziatie finanziate dallo speculatore miliardario statunitense George Soros, patrocinatore delle rivoluzioni colorate in Europa orientale fin dagli anni ’90. Inoltre Francia, Gran Bretagna, Israele, Turchia, Qatar e Arabia Saudita attivarono i loro agenti in Siria, o in medio oriente in generale. Come i comitati di ‘dissidenti’ politici esiliati a Parigi, Londra e Berlino, o come al-Qaida, finanziata dall’Arabia Saudita, o ancora la Fratellanza mussulmana foraggiata da Turchia, Qatar e Regno Unito. Tali forze si coalizzarono, sotto l’ombrello del Dipartimento di Stato e della CIA degli USA, creando la cosiddetta ‘opposizione’ siriane, che non è null’altro che un comitato di referenti delle suddette potenze il cui braccio armato è costituito sostanzialmente dai jihadisti integralisti dei fratelli mussulmani e di al-Qaida. Mosca è intervenuta in Siria, sua alleata storica dal 1956, dopo oltre 4 anni d’ingerenza armata delle potenze della NATO e wahhabite.

Quali sono le coalizioni che si fronteggiano?
In sostanza si tratta del confronto indiretto tra blocco atlantista-islamista (ovvero NATO, USA, Turchia, Arabia Saudita e Stati del Consiglio del Golfo, come Quwayt, Emirati Arabi Uniti e Bahrayn, e organizzazioni estremiste islamiche come al-Qaida, Stato islamico, ecc.) e la nascente alleanza eurasiatica (Federazione russa, Cina popolare, Iran e i suoi alleati regionali, Iraq, Siria e Libano).

La guerra in Siria ha a che fare con le cosiddette “primavere arabe”?
E’ una delle tante conseguenze della rivolta islamista nel Medio Oriente e in Nord Africa, fatta passare per rivolta ‘dei giovani che vogliono la democrazie’. Nulla di più falso, gli organi della disinformazione strategica, ovvero i mass media occidentali e quelli delle petromonarchie (al-Jazeera e al-Arabiya, ad esempio), hanno deformato i fatti mediorientali, fornendo una veste ‘filo-occidentale, dirittumanitarista e democratica’ a forze che erano in piccola percentuale liberali, ma sostanzialmente integraliste islamiste, addirittura suprematiste e razziste in diversi casi. Inoltre, la propaganda occidentale, ovvero sempre i nostri mass media, ha occultato diversi fatti cruciali, ovvero che le manifestazioni della ‘primavera araba’ furono pianificate e finanziate per anni dalle organizzazioni d’intelligence e d’influenza occidentale, come le ONG, quasi tutte finanziate da enti governativi di USA, Francia, Gran Bretagna, ecc. Inoltre, i mass media occidentali hanno diffuso false notizie, attribuendo ai governi obiettivo del rovesciamento camuffato da ‘rivoluzione colorata’, crimini e atrocità inventate, o addirittura commessi dai ‘giovani rivoluzionari’, ma attribuiti ai governi dei Paesi aggrediti.

Chi sono i cosiddetti “ribelli moderati” siriani? Qual è il loro legame con i servizi segreti occidentali, in particolare con la CIA?
I ribelli, sostanzialmente, sono integralisti armati dalla CIA e dai servizi d’intelligence della NATO e dei Paesi wahhabiti; spesso criminali politici e comuni arruolati nelle prigioni saudite, o mercenari legati alla fratellanza mussulmana e ad al-Qaida, provenienti dai vari angoli dell’Ummah, il mondo mussulmano sunnita. Tali centinaia di migliaia di terroristi e mercenari in cinque anni sono stati arruolati, addestrati, armati e infiltrati in Siria dalle strutture coperte della NATO, note come Stay Behind o Gladio (Gladio-B in Medio oriente). Infatti, diversi ufficiali delle intelligence e delle forze speciali occidentali hanno partecipato alla formazione di tali orde di terroristi, da Jabhat al-Nusra (al-Qaida in Siria) allo Stato islamico (al-Qaida in Iraq), tra cui anche italiani.12651172Cos’è veramente l’Isis? Com’è nato? Chi è il “califfo” Al-Baghdadi?
Lo Stato islamico non è altro che al-Qaida in Iraq, creato nel 2006 da ex-funzionari iracheni dello stato di Sadam Husayn e da terroristi arrestati e poi arruolati dagli statunitensi che avevano occupato l’Iraq nel 2003. Al-Baghdadi, in qualunque modo si possa considerarlo, è passato attraverso i filtri statunitensi costituiti dai centri di detenzione creati dalle amministrazioni Bush e Obama in Iraq, utilizzati per selezionare coloro che poi sono divenuti i capi e i quadri dello Stato islamico.

Perché Israele (lo ha recentemente dichiarato il ministro della difesa) teme più l’Iran dell’Isis? Perché in questi anni l’Isis non ha mai attaccato Israele, né pare intenzionata a farlo? E perché Israele non ha mai intrapreso azioni militari contro l’Isis?
Lo Stato islamico, come ho detto, è un’operazione delle intelligence della NATO e dei Paesi wahhabiti, quindi degli alleati d’Israele. Perciò Tel Aviv non lo teme. Anche perché tali strutture terroristiche hanno per scopo distruggere i Paesi arabi nazionalisti e socialisti, aderenti all’Asse della Resistenza, gli unici che si siano mai opposti efficacemente alle ingerenze israeliane nella regione. Le altre organizzazioni, sopratutto islamiste (Hamas compresa), non hanno per obiettivo combattere contro il colonialismo sionista, ma distruggere i movimenti panarabi, progressisti o sciiti del Medio oriente, su direttive occidentali e con finanziamenti delle retrive petromonarchie wahhabite che vedono nell’Asse della Resistenza (Iran-Iraq-Siria-Libano) un nemico da distruggere, al contrario di Israele e NATO, con cui sono da sempre alleati.

L’influenza degli Stati Uniti in Medio Oriente si è accresciuta o è diminuita negli ultimi dieci anni? E quella di Russia e Cina?
L’influenza degli USA è crollata in Medio Oriente, per avere sabotato i governi amici (Mubaraq in Egitto, Ben Alì in Tunisia, Salah in Yemen) e aver tradito la fiducia di nuovi possibili partner (Gheddafi in Libia); inoltre il fallimento della primavera araba ha reso diffidenti vecchi alleati, come Israele e Arabia Saudita, e consolidato la diffidenza dei Paesi ostili come Algeria, Iran e Siria. Quindi gli USA si ritrovano con meno alleati nella regione, col rischio di perderli tutti, visto che tra Erdogan e i curdi, Washington al solito segue un doppiagiochismo che non inganna più nessuno. Rispetto a ciò, la posizione coerente e solida della Russia, e pragmatica della Cina, hanno permesso a Mosca e Beijing non solo di rassicurare i loro alleati regionali (Siria, Algeria e Iran), ma di conquistarne altri, traditi dagli USA e dal loro doppiogiochismo dozzinale (Egitto, Iraq, Libano, a cui vanno unendosi Giordania, curdi e perfino Qatar e Bahrayn). Non va trascurato che gli ultimi alleati degli USA si sentono minacciati dallo Stato islamico, di cui sanno originare dai piani statunitensi per frantumare e ridisegnare il ‘Grande Medio Oriente’, vecchi di vent’anni almeno.

Come pensi che finirà la guerra in Siria?
Con la sconfitta della NATO e dei loro alleati regionali, che subiranno un disastroso contraccolpo interno da tale debacle. Soprattutto Turchia e Arabia Saudita, i cui governi sono talmente miopi da non prevedere alcun piano politico-diplomatico con cui affrontare tale scenario futuro. Da qui le continue minacce verbali d’intervenire in Siria, minacce che non spaventano nessuno, non avendo l’Arabia Saudita nulla che possa esser chiamata Forze armate, e non avendo la Turchia un’omogenea visione della situazione strategica regionale tra governo islamista ed esercito ancora kemalista.skghb_0

Annunci

3 Responses to “La guerra in Siria terminerà con la sconfitta della NATO”

  1. Pingback: “La guerra in Siria terminerà con la sconfitta della NATO” - Vox Populi Blog

  2. Pingback: “La guerra in Siria terminerà con la sconfitta della NATO” - Adventus Club

  3. Pingback: “La guerra in Siria terminerà con la sconfitta della NATO” – Complottisti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...