Il piano saudita-sionista contro Hezbollah: intimidazione o realtà?

Amin Hutayt, al-Thawra, 07/03/2016
Articolo tradotto dall’arabo da Mouna Alno-Nakhal per Mondialisation.ca

plan-saoudo-sionisteImmediatamente dopo la sconfitta in Libano nel 2000, Israele cercò la risposta per compensare la sconfitta da Hezbollah. Perciò organizzò la prima “Conferenza di Herzliya” poi seguita da varie azioni ostili nella regione, prima di arrivare alla guerra contro il Libano nel 2006; l’aggressione su cui puntarono i sostenitori del piano statunitense-sionista per avviare la creazione di un Medio Oriente controllato dagli Stati Uniti, dove non ci sarebbe stato spazio per la Resistenza e chi ci pensava [1]. Ma l’eroica lotta di Hezbollah dissipò tali sogni ostili. Uscì vittoriosa dalla guerra, imponendo le basi per la “deterrenza attiva” assai dolorosa per Israele. Conseguenza di questa vittoria nel 2006 fu il passaggio dei pianificatori dell’occupazione coloniale alla cosiddetta strategia del “soft power” adottata dalla NATO nel 2010 con conseguente incendio catastrofico spacciato dall’occidente come “primavera araba”, in realtà l’innesco statunitense-sionista per annientare l'”Asse della Resistenza” nel caposaldo centrale della Siria. Ma nonostante la proliferazione di piani e strategie Siria, Asse della Resistenza e di recente Russia hanno creato un nuovo ordine basato su tre osservazioni:
– L’aggressione non può raggiungere i suoi obiettivi, la Siria è riconosciuta una ed indivisibile.
– Il peso militare e strategico dell’Asse della Resistenza è ora più importante di quanto lo fosse cinque anni fa.
– Il tempo gioca a favore della Resistenza, il campo degli aggressori alla Siria non può ottenere oggi più di quello che avrà domani.
Da qui la terribile delusione e frustrazione degli orribili aggressori e dei loro alleati, condannati a scegliere la via per contenere le perdite e infine reagire al momento giusto. Ciò spiega la dispersione delle posizioni e la discordia dominante nel loro campo, divisa tra realisti e chi rifiuta il fatto compiuto. In quest’ultima categoria rientrano Arabia Saudita e Israele, coperti dagli Stati Uniti, dove il presidente rientra nella categoria dei realisti che puntano a una soluzione politica. L’Arabia Saudita sa che il fallimento in Siria si aggiunge a tutti gli altri nella regione, distruggendone lo spazio strategico vitale e portando inevitabilmente alla perdita della capacità di controllare le decisioni del mondo arabo e musulmano. Quanto ad Israele, questo fallimento significa la fine del sogno su cui ha lavorato per quindici anni, distruggere Hezbollah e smantellare l’Asse della Resistenza. Questo fallimento in particolare coincide con il rafforzamento militare di Hezbollah, al punto di avere una nuova deterrenza strategica verso Israele, impedendogli di attuare da solo una guerra vittoriosa contro di esso. Completando il quadro ed esacerbando l’amarezza di ognuno, la questione siriana prende la via della soluzione politica che potrebbe, se applicata da tutte le parti, consacrare ai vincitori i profitti e ai perdenti alcuni doni per compensarne l’amaro fallimento. Un contesto che ha spinto sauditi ed israeliani a cercare d’invertire la situazione e rientrare in campo per compensare le perdite e raggiungere gli obiettivi, in pieno o in parte; da qui l’alleanza israelo-saudita dichiarata pubblicamente, dopo un lungo segreto, senza alcun riguardo per palestinesi, arabi e musulmani; un’alleanza il cui piano potrebbe essere riassunto in quattro punti:
Il primo punto: demonizzazione di Hezbollah e della resistenza per far credere ovunque che siano un pericolo per il mondo e quindi riuscire a creare le condizioni per una coalizione internazionale contro di essi, come quella formata contro lo SIIL. Pertanto, Israele farà parte di tale coalizione, quindi senza sopportare da solo il peso della lotta, sfuggendo alla recente deterrenza strategica impostagli. A tal fine i due alleati di suddividerebbero i compiti. L’Arabia Saudita lo farà passare per un’organizzazione terroristica con il pretesto che rappresenta “una minaccia alla sicurezza nazionale araba”, iniziando a lavorarci a livello locale, prima di andare al Consiglio di cooperazione del Golfo [GCC] [2] e al Consiglio dei Ministri degli Interni arabi [3]. Dovrebbe continuare il tentativo al vertice arabo ad aprile e poi alle Nazioni Unite. Quanto a Israele, il suo compito è per lo più a concentrarsi sulla minaccia che Hezbollah pone “alla popolazione civile israeliana e alla stabilità del Medio Oriente” [4], dove le dichiarazioni sulle sue capacità offensive con 41000 combattenti veterani e 100000 razzi con gittate da 10 a 350 chilometri.
Il secondo punto: Esplosione della situazione della sicurezza libanese e l’apertura di più fronti contro Hezbollah, assieme al taglio di risorse e rinforzi, crescendo così il tono del discorso politico contro di esso e inviando armi in Libano. Era parte di tale operazione la nave da carico sequestrata in Grecia, inviata dalla Turchia a Tripoli (Libano) con a bordo 6000 armi da fuoco tra cui sofisticati fucili di precisione e 45 tonnellate di munizioni ed esplosivi [5]. E in qualche modo, la cancellazione del “dono” saudita ad esercito e forze di sicurezza libanesi (3 + 1 miliardi di dollari), fa parte dell’operazione, al fine di privarli dei mezzi necessari per ripristinare la sicurezza dopo una riuscita destabilizzazione. [6]
Il terzo punto: Attivazione della guerra contro Hezbollah dopo la creazione di un’ampia coalizione internazionale simile a quelle degli ultimi tre decenni, da quella creata per liberare il Quwayt da Sadam Husayn alla presunta coalizione, sempre guidata dagli Stati Uniti, contro lo SIIL; l’idea dei pianificatori israelo-sauditi è che tale coalizione affronterebbe Hezbollah con una lunga guerra per esaurirlo fino a sterminarlo.
Il quarto punto: Sabotaggio della soluzione politica in Siria riferendo e presentando condizioni inaccettabili fino alla fine della presidenza di Obama, con la speranza del ritorno dei repubblicani prima dell’applicazione degli accordi. Pertanto, quando sarebbe molto più facile discutere il caso siriano e degli altri, tra cui Hezbollah. Da qui l’ostinazione del ministro degli Esteri saudita nel bloccare la soluzione proposta aggrappandosi alla rimozione del presidente siriano. La fase iniziale del piano, sviluppato dal regime sionista in Israele, è attualmente implementata dall’Arabia Saudita, che utilizza tutta la sua capacità mediatica, finanziaria e politica. Nonostante ciò, escludiamo la possibilità che il piano saudita-sionista abbia successo e vada oltre questa fase, mentre gli sviluppi sul territorio siriano e regionali, così come le carte delle relazioni internazionali e regionali, non ne predicono il successo. Infatti, basti ricordare i fallimenti successivi del piano saudita in Iraq, Siria, Yemen e Libano, così come il fallimento della coalizione araba, della coalizione islamica e del recente rifiuto di obbedire dei ministri degli Interni dei principali Stati arabi, [7] che dicono come la follia saudita non avrà successo. Quanto a Israele, può essere considerarlo un vincitore qualunque sia il risultato, dato che avrà solo i benefici dalla “normalizzazione con il mondo arabo” ritrovandosi nella stessa trincea contro Hezbollah, visto come il nemico che lo costringe a spendere l’80% del reddito nazionale per la difesa e la sicurezza. Ancor più pericoloso è che tale alleanza “saudita-israeliana” può far voltare pagina sulla questione palestinese e portare all’abbandono della Palestina da parte degli arabi, mentre è possibile che Hezbollah prepari per ogni situazione la risposta adatta ad offrire ai propri sostenitori la vittoria meritata.salman-bin-abdulaziz-al-saud-saudi-prince-bandar-bin-sultan-benjamin-netanyahu-from-r-to-lNote
[1] La settima Conferenza annuale di Herzliya – 2007
[2] Le monarchie del Golfo dichiarano Hezbollah terrorista
[3] Il Libano rifiuta di sostenere la decisione della Lega araba contro l’Iran
[4] Nel cuore della minaccia Hezbollah
[5] La nave carica di armi inviata in Libano dalla Turchia
[6] L’Arabia Saudita ferma il sostegno finanziario all’esercito libanese
[7] Algeria e Tunisia si rifiutano di classificare Hezbollah organizzazione terroristica

Dr. Amin Hutayt è analista politico, esperto di strategia militare e Generale di brigata in pensione libanese.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Advertisements

One Response to Il piano saudita-sionista contro Hezbollah: intimidazione o realtà?

  1. Pingback: Il piano saudita-sionista contro Hezbollah: intimidazione o realtà? - Vox Populi Blog

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...