La missione russa in Siria e la crisi ucraina

Dmitrij Sedov Strategic Culture Foundation 18/03/20162Il buon esito della missione militare russa in Siria ha causato, oltre a una straordinaria quantità di commenti positivi, alcune speculazioni sulla possibile esistenza di un accordo tra Russia e Stati Uniti, probabilmente qualcosa del genere: ritiro dalla Siria e imposizione a Kiev dell’accordo Minsk II. Sembrerebbe che l’esistenza di tale disposizione sia possibile. Tuttavia, non è affatto così. Ed ecco perché: agli occhi degli interessati l’attuazione dell’accordo Minsk II da parte di Kiev cesserebbe di svolgere un ruolo fondamentale. Il regime di Kiev sta crollando e neanche Minsk II lo salverà. Oggi la preoccupazione principale dei protettori esteri di Kiev è trovare i modi per preservare il regime anti-russo in Ucraina. E’ da tale punto di vista va considerato il ritorno delle Forze di Difesa Aerospaziale russe in Patria. Il riuscito test nei combattimenti dei militari russi significa portare un nuovo dato nel gioco politico internazionale. E Vladimir Putin l’ha introdotto tenendo conto dell’analisi di breve e medio termine degli sviluppi sulla scena globale. Prima di tutto, l’arrivo del “nuovo dato” è legato alla crisi ucraina. Che tipo di rapporti di forza in questa crisi s’erano visti fino ad oggi? Le azioni del regime Poroshenko e dei suoi burattinai statunitensi potrebbero essere spiegate interamente citando Carl von Clausewitz, “la guerra è la continuazione della politica con altri mezzi”. Nelle loro menti, una nuova guerra è l’unico modo per salvare il regime. Con l’inizio della fase acuta della crisi socio-economica in Ucraina, le autorità non avrebbero altra scelta che entrare in guerra con il Donbas, chiedendo la coscrizione obbligatoria totale e l’instaurazione dello stato di polizia. L’obiettivo di ciò, però, non è sconfiggere le repubbliche ribelli. Le nuove ostilità verrebbero avviate per scopi diversi, cioè accusare la Russia di aggressione e sollevare la questione d’inviare i “caschi blu” nel Paese. La logica di tale l’idea è che l’accordo di Minsk II sarà gettato nella pattumiera, e quindi sarà necessario un nuovo approccio per la soluzione della crisi. Il nucleo di tale “nuovo approccio” è l’internazionalizzazione del conflitto che, secondo gli strateghi di Washington, dovrebbe finalmente eliminare l’influenza russa in Ucraina. Naturalmente, nella NATO gli accordi sull’“internazionalizzazione” saranno raggiunti senza una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e senza l’approvazione russa, similmente al caso dei bombardamenti della Jugoslavia. I partner possono essere in disaccordo, ma ricordando le competenze statunitensi sul “braccio di ferro”, gli Stati Uniti inevitabilmente raggiungeranno il loro obiettivo. Inoltre, i calcoli si basano sul fatto che l’immagine russa è già tanto “demonizzata” che alcun argomento particolare seguirà e le “forze di pace” entrerebbero in Ucraina “su richiesta del governo legittimo”. Dopo di che, le Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk potrebbero essere attaccate, la dittatura militar-fascista insediata e il regime esistente a Kiev permanenrre. Non ci sono altre opzioni per Kiev e Washington. O finire di sostenere il regime o avviare una provocazione militare, con la prima opzione che porta a conseguenze incerte per i responsabili della crisi. E a giudicare dai preparativi militari di Kiev, fino ad oggi la seconda opzione è stata presa seriamente in considerazione. È significativo che tutti parlino di guerra con la Russia, non col Donbas. Le richieste per riprendersi la Crimea con la forza si sentono. Il tutto può sembrare un mucchio di sciocchezze militariste, ma Pentagono e NATO favoriscono sempre la guerra, che gli porta soldi. Tutto il resto sono “effetti e danni collaterali”. Ma, ripetiamo, sembrava così prima che Vladimir Putin presentasse la sua “nuova carta” nel gioco. Dopo di che, le cose sono cambiate drasticamente.
Mosca sa che, anche se la Russia avesse un volto angelico verrebbe sempre demonizzata. All’improvviso, la Russia affronta il compito d’impedire lo scenario bellico occidentale in Ucraina. Ed è possibile solo impedendo all’esercito ucraino di passare dall’offensiva a una vasta operazione sul fronte. I piloti russi dall’esperienza siriana possono agire nel più breve tempo possibile. La loro esperienza su attacchi mirati, ricognizione e attacchi chirurgici è inestimabile. La “Grande Guerra” farebbe crollare il regime. Il diritto internazionale supporterebbe tale azione? La risposta è chiara se si considerano le seguenti circostanze:
– Il 16 marzo, la Repubblica Popolare di Donetsk iniziava a rilasciare passaporti ai propri cittadini,
– Un attacco alla Crimea sarà considerato aggressione militare non provocata e necessitante una risposta adeguata,
– L’aggressione al Donbas richiederebbe un’operazione di mantenimento della pace di emergenza.
Dopo che le Forze Aerospaziale russe avranno adempiuto al compito di fermare l’aggressione al Donbas, gli ulteriori sviluppi varierebbero. In particolare, vi è la possibilità di un’offensiva strategica del Donbas su Kiev, comportando l’ascesa al potere di nuove forze politiche pronte a cooperare con Mosca. Altri scenari sono possibili, ma alcuno a vantaggio di Kiev. La Russia, naturalmente, sarà dichiarata ancora come aggressore, ma Mosca conosce bene il vero valore dell’informazione oggi. Garantire la sicurezza del Paese è molto più importante. In breve, le Forze Aerospaziali russe dall’esperienza siriana sono il dato che cambia di molto i rapporti di forza nella crisi ucraina. Le menti dietro la crisi dovranno pensarci due volte prima d’istigare un nuovo bagno di sangue. Possiamo solo sperare che ci pensino bene.CdmuCwmXEAADvuxLa ripubblicazione è gradita un riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

One Response to La missione russa in Siria e la crisi ucraina

  1. Eh sì,la Russia ha certamente la priorità di valutare come reagire in Ucraina qualora Kiev ,istigata dalla Nato/USA entrasse di sorpresa ed in forze nel Donbass e da lì verso la Crimea che è il monte premi per l’Occidente e provocherebbe il conflitto aperto con la Russia.
    Questo fatto,che mi auguro sarà evitato od ostacolato da qualche testa pensante al Dipartimento di Stato ,potrebbe realizzarsi visto che i generali USA parlano ai media come se fossero loro a condizionare la politica del presidente dimezzato americano.
    L’Europa ,al traino degli USA sarà annientata e ritornerà all’età della pietra e i sopravvissuti,zie ce ne saranno, si porranno il problema di ricercare i responsabili finanziari -politici e militari che favorirono gli USA a distruggere la civilizzazione degli Stati europei di più antica formazione.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...